Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa."

Transcript

1 Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

2

3 Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è mutato profondamente nel corso degli ultimi anni ed i cambiamenti strutturali in atto stanno delineando un contesto competitivo in cui risulta sempre più difficile conservare margini reddituali soddisfacenti. Per preservare la propria capacità di creazione di Valore, le imprese si sono concentrate principalmente su due leve manageriali: da un lato si è cercato di ottimizzare l utilizzo delle risorse aziendali, riducendo i costi e incrementando l efficienza di processi e strutture organizzative; dall altro, sono stati implementati nuovi approcci di Client Intelligence per progettare Value Proposition sempre più sofisticate e customer-oriented. Tuttavia, questi approcci presentano alcune criticità e non sempre garantiscono una creazione di Valore sostenibile. Infatti, le politiche di ottimizzazione dei costi sono fortemente orientate a conseguire miglioramenti economici nel breve termine, ma spesso trascurano le leve fondamentali per la crescita, mettendo a rischio la redditività di lungo periodo. Inoltre il taglio dei costi, in molte imprese, ha ormai già esaurito tutto il suo potenziale. D altro canto, le informazioni raccolte dai nuovi sistemi di CRM quasi sempre rimangono confinate all interno dell area IT e non trovano applicazione in azioni mirate alla creazione di Valore, per cui sono spesso poco utilizzate dalle funzioni Marketing e Sales e non contribuiscono ad estrarre maggior Valore dal mercato. Uno strumento efficace per superare le criticità poste da queste politiche di creazione di Valore è rappresentato da una gestione proattiva della leva prezzo. Un approccio strutturato all utilizzo del fattore prezzo permette di ottimizzare l offerta aziendale senza influire negativamente sulle potenzialità di crescita futura. Allo stesso tempo, l applicazione strategica e differenziata del prezzo permette di utilizzare adeguatamente le informazioni provenienti dai sistemi di ascolto della clientela attraverso la creazione di sistemi di offerta capaci di estrarre il massimo valore dal mercato. Quando parliamo di un approccio strutturato intendiamo un insieme di strumenti e meccanismi che mettono a fattor comune informazioni ed analisi per favorire scelte e trade-off, che spesso travalicano le singole responsabilità funzionali, ma riguardano l azienda nel suo complesso. Prerequisito necessario perchè questo possa accadere è la presenza di specifici presidi organizzativi (Value Pricing Officer), che possano governare tali strumenti e meccanismi e mettano l organizzazione in grado di fare delle scelte sul Pricing in termini di ottimizzazione complessiva e non limitate al solo ambito della funzione Marketing e Sales. La leva prezzo rientra sicuramente tra i driver principali che incidono sui risultati e sulle performance dell impresa avendo un effetto moltiplicativo sulla redditività ben superiore a quello di qualsiasi riduzione di costo o aumento di efficienza (nella Fig.1 si può osservare come un aumento di 1% dei prezzi incrementi del 12% il valore del profitto). Considerando che il Valore attuale della struttura dei prezzi, in molte aziende, oscilla tra il 20% ed il 40% in meno rispetto a quello ottimale e che meno del 30% dei CMO e CFO dichiara di utilizzare il prezzo come fattore di crescita, è evidente come un attenta gestione della leva prezzo possa rappresentare un fattore di enorme impatto potenziale sull incremento di redditività e creazione di Valore d impresa. +1 % PREZZO % PROFITTO 9 8 La leva prezzo è il driver principale per migliorare i risultati e le perfomance dell impresa. 66 Fatturato Costi Fissi Costi Variabili EBIT Fig.1 Impatto del cambiamento di prezzo sulla redditività. 1

4 Due approcci al Value Pricing Che cosa si intende per Value Pricing? L utilizzo del prezzo come leva di creazione di Valore condivide due accezioni distinte, la cui distonia e conflittualità ha spesso limitato le capacità delle imprese di costruire ed implementare approcci di governo strutturati ed efficaci nella gestione della leva prezzo. Value Pricing - Financial Side Nell ottica finanziaria, la creazione di un sistema di prezzi ottimale viene definita partendo dalla massimizzazione dello Shareholder Value. In questo caso, i prezzi vengono stabiliti considerando non solo la stima di tutti i costi di produzione (fissi e variabili), dove è fondamentale risolvere i complessi trade-off legati all allocazione dei costi fissi, ma anche il costo del capitale investito (circolante e fisso) nel caso di imprese industriali o del capitale impiegato (allocato/assorbito) nel caso di financial institutions. Si definisce così non solo un prezzo minimo necessario a garantire la creazione di Valore Economico, ma anche un modello di gestione che considera tutti i possibili trade-off tra condizioni di conto economico (es. scontistiche) e di capitale impiegato (es. dilazioni), utilizzando metriche direttamente collegabili all Enterprise Value (Fig. 2). Questa visione del Value Pricing viene comunemente utilizzata all interno delle imprese e delle istituzioni finanziarie, soprattutto in coerenza con un approccio di Value Based Management. Tuttavia, da sola, permette esclusivamente di definire un prezzo che garantisca la remunerazione degli investitori e presenta poche leve operative per agire proattivamente sulla dinamica dei prezzi. Infatti, essendo basata su una logica Inside-Out, non è in grado di individuare le inefficienze nella struttura dei prezzi in relazione al Valore Percepito dal mercato. VALUE PRICING - FINANCIAL SIDE Di cosa si tratta? Sistema di definizione del prezzo Inside-Out che considera tutte le componenti di costo (anche il costo del capitale impiegato). Quali vantaggi comporta? Permette di valutare l impatto di tutte le politiche commerciali e produttive nella definizione di un prezzo congruo per la creazione di Valore economico. Costi Fissi Costi Variabili Prezzo minimo tradizionale Costo Capitale Impiegato Prezzo minimo Value-Based Quali limiti possiede? Non consente di adeguare il prezzo applicato al Valore effettivamente estraibile dal mercato. Fig.2 Definizione del prezzo minimo attraverso il Value Pricing - Financial Side. Value Pricing - Marketing Side In un ambito Marketing, invece, il concetto di Value Pricing si orienta verso una logica di Customer Value. Infatti, attraverso l elaborazione delle informazioni ricavate dagli strumenti di Customer Intelligence, permette la valutazione della willingness to pay dei diversi segmenti di clientela ed il confronto tra il prezzo applicato ed il Valore Percepito. A differenza del Value Pricing - Financial Side, questo approccio consente di attuare politiche di differenziazione e ottimizzazione dei prezzi in grado di massimizzare le performance reddituali dell azienda attraverso una maggiore estrazione di Valore dal mercato di riferimento (Fig. 3). Nonostante la rilevanza dell impatto potenziale del Value Pricing - Marketing Side sulla redditività, la sua applicazione risulta ancora frammentata e spesso confinata all interno della sola funzione Sales. In effetti, i risultati raggiunti dai processi di Price Management vengono quasi sempre trascurati dagli strumenti di misura delle performance e risultano spesso assenti all interno dei meccanismi di incentivazione. Per cui, non essendo collegata in modo chiaro e diretto all approcio ed alle metriche finanziarie e poichè il dispiegamento di un suo utilizzo integrato comporta scelte che travalicano il contesto della sola funzione Marketing e Sales, la prospettiva Marketing del Value Pricing rimane solitamente distante dall attenzione del vertice strategico aziendale. 2

5 Volumi VALUE PRICING - MARKETING SIDE V B V A V C Potenziale di creazione di valore con prezzi differenziati Di cosa si tratta? Sistema di definizione del prezzo Outside-In basato sul Valore percepito dai clienti. Quali vantaggi comporta? Permette di estrarre maggior Valore dal mercato definendo i prezzi in funzione della willingness to pay dei diversi segmenti di clientela. P A P U P B Prezzo Unitario Quali limiti possiede? L assenza di metriche dedicate limita la sua valutazione ed implementazione da parte del vertice, soprattutto nella definizione di nuovi sistemi d offerta. Fig.3 Incremento delle vendite con l applicazione del Value Pricing - Marketing Side. Active Value Pricing Active Value Advisors ha sviluppato un approccio strutturato che permette di integrare le due logiche in un sistema di governo volto a massimizzare la redditività d impresa, attraverso una maggiore attenzione all applicazione di strategie e processi di Value Pricing efficaci. Perche utilizzare questo approccio? Perchè solo attraverso la gestione bilanciata delle due prospettive è possibile supportare il processo decisionale nella definizione di Value Proposition che garantiscano contemporaneamente la soddisfazione dei clienti e la massimizazione dei risultati in termini di reddittività e creazione di Valore. In sintesi: FINANCIAL SIDE: includendo tutti i costi necessari per offrire una specifica Value Proposition, consente di confrontare le diverse strutture di prezzo ed ottimizzare l offerta aziendale in termini di risultati economici. MARKETING SIDE: permette di valutare la willingness to pay dei clienti e stimare i benefici, in termini di creazione di Valore, estraibili dai mercati in cui l impresa opera. Come implementare una gestione efficace del Value Pricing? PRICE SETTING PRICE MANAGEMENT PRICE IMPLEMENTATION PRICE EVALUATION Definizione ed ottimizzazione di Riduzione della dispersione di Supporto alla forza vendita Valutazione delle performance un Prezzo Target coerente con il Valore nelle politiche commer- nell applicazione di prezzi otti- e dei miglioramenti delle politi- posizionamento di Valore. ciali. mali. che di Pricing aziendali. 3

6 PRICE SETTING PRICE MANAGEMENT AZIONI Mappatura dei Driver di Valore e definizione del peso dei singoli attributi sul processo di decisione/acquisto. Definizione del posizionamento di Valore rispetto ai competitor e determinazione del Fair Value nel mercato di riferimento. Stima di bisogni, preferenze e willingness to pay delle diverse tipologie di clientela. AZIONI Analisi della perdita di Valore nella Price Waterfall. Implementazione di modelli strutturati per la definizione differenziata dei prezzi in funzione della willingness to pay. Creazione di politiche commerciali (Sconti, Resi, etc.) ottimizzate e standardizzate a livello di organizzazione. Analisi dell elasticità della domanda al variare del prezzo (Win- Loss e Churn Rate analysis). Analisi full-cost dell offerta aziendale. OBIETTIVI OBIETTIVI Creazione di nuove Value Proposition intelligenti ed attrattive che permettano di incrementare il Valore offerto ai clienti. Ottimizzazione delle strutture di prezzo per raggiungere un equilibrio tra il Valore offerto ed il Valore estraibile dai diversi mercati di riferimento. Ottimizzazione delle condizioni commerciali in funzione della reale willingness to pay dei diversi segmenti di clientela. Trasformazione delle eccezioni in proposte di Valore strutturate ed uniformi a livello aziendale. PRICE IMPLEMENTATION PRICE EVALUATION AZIONI Sviluppo delle competenze di Pricing. Predisposizione di strumenti di supporto alla vendita basati sul Valore e non sul prezzo. Integrazione delle metriche di valutazione della gestione del prezzo all interno dei meccanismi di incentivazione. Creazione di un presidio organizzativo dedicato (Value Pricing Officer). AZIONI Predisposizione di metriche adeguate alla valutazione dell andamento delle performance di Price Management nel tempo. Integrazione dei KPI relativi alle politiche di Pricing all interno dei sistemi di misura delle performance reddituali dell impresa. Realizzazione di strumenti di valutazione degli effetti di Pricing sul Valore azionario. OBIETTIVI OBIETTIVI Supporto alla forza vendita nella creazione di proposte basate sul Valore e nella difesa dei prezzi applicati. Incentivazione alla creazione e all uilizzo di modelli di Price Optimization. Analisi delle performance ottenute e valutazione dell evoluzione delle competenze di Pricing nel tempo. Conversione delle azioni di Price Management in risultati economici a livello di organizzazione e comprensione, da parte del vertice aziendale, delle Pricing Proposition che permettono di massimizzare il Valore dell impresa. 4

7 6 Active Value Advisors è una società di consulenza direzionale indipendente che si propone come partner per quelle imprese che necessitano di rafforzare il proprio Sistema di Governo e per quelle aziende che vogliono intraprendere percorsi di crescita, attraverso soluzioni coerenti con l obiettivo di creazione di Valore sostenibile. I professionisti di Active Value Advisors hanno un esperienza pluriennale nell assistere i principali gruppi quotati europei nello sviluppo di Piani Industriali, nella definizione di azioni tese a migliorare la performance di creazione di Valore e nell attività di assistenza al processo di cambiamento che le dinamiche competitive e le opportunità di mercato richiedono. Nello svolgimento dei mandati assegnati viene utilizzato un unico linguaggio professionale che si declina in servizi afferenti a tematiche di gestione diverse: lo Shareholder Value, il Customer Value, il People Value, il Corporate Value. Ciascun centro di competenza risponde ad una dimensione gestionale fondamentale: l Azionista, il Cliente, le Risorse Interne, il Valore degli Asset. CORPORATE VALUE Valutazioni Complesse Transaction Services Allocazione del Capitale Mix Fonti di Finanziamento Impairment del Goodwill SHAREHOLDER VALUE Family Constitution Target Setting Outside In Alternative Strategies Strategie delle Business Unit Performance Improvement Value Benchmarking VALUE PRICING PEOPLE VALUE Organizational Culture Survey Action Learning per il Change Management People Audit Ruoli e Responsabilità Sistemi di Rewarding Meccanismi d incentivazione CUSTOMER VALUE Sistemi di Ascolto dei Clienti Social Media Intelligence Analisi e Segmentazione della domanda Sviluppo di sistemi innovativi di CRM Orientamento Politiche Commerciali Modelli e Strategie di Value Pricing

8 Active Value Advisors. T F E I

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa

Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa Indice LE SOCIETÀ ITALIANE CREANO ANCORA VALORE? L indagine 2013 sulle principali

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani

Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani Simona Maggi Direzione Scientifica AIPB Milano, 10 aprile 2014 Il contributo di AIPB alla sfida della diffusione del servizio di consulenza

Dettagli

Customer Satisfaction: verso una rilevazione analitica dell Esperienza dei Clienti. Settembre. All Industries

Customer Satisfaction: verso una rilevazione analitica dell Esperienza dei Clienti. Settembre. All Industries Customer Satisfaction: verso una rilevazione analitica dell Esperienza dei Clienti Settembre 2011 All Industries Executive Summary Il principale obiettivo di ogni azienda è massimizzare il Valore per gli

Dettagli

Si sente spesso parlare di Performance per identificare

Si sente spesso parlare di Performance per identificare Il Performance Management a supporto del miglioramento organizzativo di Roberto Bugatti e Marco Tottoli 1 Si sente spesso parlare di Performance per identificare concetti simili ma di fatto diversi tra

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE CORSO DI MARKETING E GESTIONE AZIENDALE MATERIALE DIDATTICO Professore di Economia Aziendale, Organizzazione

Dettagli

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Nuovi approcci e nuovi strumenti Marco Di Dio Roccazzella Director marco.didio@valuelab.it www.valuelab.it

Dettagli

GRUPPO POSTE ITALIANE- STRUTTURA ORGANIZZATIVA

GRUPPO POSTE ITALIANE- STRUTTURA ORGANIZZATIVA GRUPPO POSTE ITALIANE- STRUTTURA ORGANIZZATIVA Nel contesto di un mercato in rapida trasformazione, Poste Italiane è determinata a continuare a giocare un ruolo centrale per lo sviluppo e la crescita del

Dettagli

Smart Profit Growth SM : Strategie di crescita in tempi difficili

Smart Profit Growth SM : Strategie di crescita in tempi difficili IV Strategy Forum Financial Services Smart Profit Growth SM : Strategie di crescita in tempi difficili Sintesi dell evento 17 Ottobre 2012 The Westin Palace Hotel Piazza della Repubblica, 20 Milano Abstract

Dettagli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli Francesco Calì Value Purchasing Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto MANAGEMENT FrancoAngeli MANAGEMENT Visioni, esperienze, metodologie per potenziare competenze e capacità: proprie

Dettagli

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Il Marketing Interno per valorizzare la Funzione Acquisti Milano, 6 Novembre 2014 PROCUREMENT HOUR La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Indice

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

Revenue Management: accrescere il valore del cliente

Revenue Management: accrescere il valore del cliente Revenue Management: accrescere il valore del cliente Al crescere della competizione e con lo sviluppo della vendita on line, la capacità di gestire flessibilmente i ricavi mediante rimodulazioni frequenti

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

I piani strategici delle banche in periodi di crisi. Tommaso Gozzetti Salvatore Granata

I piani strategici delle banche in periodi di crisi. Tommaso Gozzetti Salvatore Granata I piani strategici delle banche in periodi di crisi Tommaso Gozzetti Salvatore Granata La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo di un azienda è da sempre un esigenza connaturata a ogni realtà

Dettagli

Elio Cutino. Business Analytics and Optimization Dai Dati alle Decisioni. Milano,13 ottobre 2010

Elio Cutino. Business Analytics and Optimization Dai Dati alle Decisioni. Milano,13 ottobre 2010 Elio Cutino Business Analytics and Optimization Dai Dati alle Decisioni Milano,13 ottobre 2010 Immaginate di poter analizzare le relazioni e i contatti dei vostri clienti per prevenire defezioni e abbandoni

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO

REVENUE MANAGEMENT REVENUE MANAGEMENT 08/05/2014 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PER LE IMPRESE TURISTICHE Revenue Management Miriam Berretta Programmazione miriam.berretta@gmail.com e controllo

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli

Come realizzare un progetto CRM eccellente

Come realizzare un progetto CRM eccellente Come realizzare un progetto CRM eccellente Andrea Farinet World Marketing & Sales Forum 2008 Milano, 18 giugno Come valorizzare strategia di marketing e strategia CRM? Di quale CRM hanno realmente bisogno

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER di Riccardo Pio Campana* Come si configurava il dirigente privato nel passato e come lo si configura oggi, l obiettivo di questo lavoro è proprio quello di inquadrare giuridicamente

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Maurizio Perego Responsabile Comunicazione e Marketing Relazionale

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

Milano, 18 novembre 2010. A cura di Massimo Solbiati

Milano, 18 novembre 2010. A cura di Massimo Solbiati Il ruolo strategico del credit management Milano, 18 novembre 2010 A cura di Massimo Solbiati 1. IL CREDIT MANAGEMENT LEVA STRATEGICA PER IL CONTROLLO FINANZIARIO 2. CREDIT MANAGER: IL RUOLO DELL EQUILIBRISTA?

Dettagli

Lo yield management. Revenue & yield management. Come si inserisce nel sistema di P&C?

Lo yield management. Revenue & yield management. Come si inserisce nel sistema di P&C? Lo yield management Lo yield management può essere definito un metodo per vendere l opportuna quantità di prodotto disponibile al cliente, al momento e al prezzo giusto. Costituisce una guida per allocare

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 COMUNICATO STAMPA PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 Qualità coniugata a redditività alla base del nuovo Piano Industriale di UBI UBI si pone come obiettivo un utile netto (escluso l effetto della PPA) pari

Dettagli

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget»

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Authorized and regulated by the Financial Services Authority L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Il processo di investimento

Dettagli

1st Class Teleselling

1st Class Teleselling Ridurre i costi e incrementare i risultati delle reti indirette L orientamento verso una rete di vendita indiretta rappresenta per l azienda una scelta di flessibilità organizzativa che garantisce rapidità

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa OSSERVATORIO CRM Milano, Circolo della Stampa E la parola di pietra è caduta Sul mio petto ancora vivo. Non è nulla, ecco, ero preparata. In qualche modo la supererò. Ho molto lavoro oggi: occorre uccidere

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Banking Experience & Enterprise Feedback management. Oltre la Customer Satisfaction

Banking Experience & Enterprise Feedback management. Oltre la Customer Satisfaction 1 Banking Experience & Enterprise Feedback management Oltre la Customer Satisfaction nell esperienza BNL-BNP Paribas Cecilia D Amico Fabrizio Borrelli Una 2 collaborazione che (r)esiste da più di 10 anni

Dettagli

mysap ERP: IL VOSTRO SETTORE. IL VOSTRO BUSINESS. IL VOSTRO FUTURO.

mysap ERP: IL VOSTRO SETTORE. IL VOSTRO BUSINESS. IL VOSTRO FUTURO. mysap ERP mysap ERP mysap ERP: IL VOSTRO SETTORE. IL VOSTRO BUSINESS. IL VOSTRO FUTURO. mysap ERP è la soluzione più completa esistente sul mercato internazionale, progettata in modo specifico per soddisfare

Dettagli

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9 UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2002/2003 Parma, 27 novembre 2002 Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo

Dettagli

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Nuovi approcci e nuovi strumenti Marco Di Dio Roccazzella Partner marco.didio@valuelab.it www.valuelab.it

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

Corporate profile. Controllo di Gestione e Organizzazione Aziendale

Corporate profile. Controllo di Gestione e Organizzazione Aziendale Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di MESA s.r.l. e del destinatario del documento. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate,

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni Il nuovo Consiglio di amministrazione della Banca Popolare delle Province Calabre, eletto nell assemblea degli azionisti del 14 ottobre p.v., sarà impegnato nell immediato futuro a redigere il nuovo piano

Dettagli

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011 Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria Milano, 23.03.2011 Presentazione Banca Finnat Dinamica operativa Principali grandezze economiche 2010 Scenario, opportunità e sfide da affrontare

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe Premessa Analisi dei progetti di Customer Il Customer Il data base per il marketing e per le : Come organizzare le informazioni Più di un terzo delle istituzioni non inserisce ancora in un unico data base

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Angelo DEIANA Responsabile Mercato Private Gruppo Monte dei Paschi di Siena Scenario

Dettagli

Il Master Plan: programmazione, controllo strategico e operativo. Paolo Corvini

Il Master Plan: programmazione, controllo strategico e operativo. Paolo Corvini Il Master Plan: programmazione, controllo strategico e operativo Paolo Corvini i Definizione e obiettivi del Master Plan Definizione e obiettivi del Master Plan STRATEGIA REALIZZATA INTENZIONI STRATEGICHE

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM STRATEGIE DI CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM INTRODUZIONE L acronimo CRM sta per Customer Relationship Management, ossia gestione delle relazioni con i clienti,

Dettagli

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti.

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. IL VALORE DELL AUTOFINANZIAMENTO. Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. L ultimo Bollettino Economico della Banca

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

ACQUISIRE NUOVI CLIENTI

ACQUISIRE NUOVI CLIENTI ACQUISIRE NUOVI CLIENTI INTRODUZIONE L acquisiszione di nuovi clienti e il processo di ricerca di nuove relazioni di business, di valutazione delle esigenze dei clienti e delle relative offerte dei fornitori,

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali I Sistemi Informativi Direzionali I reporting direzionali Concezioni del controllo Concezione tradizionale valutare l efficienza, l onestà e la diligenza dei dipendenti Concezione moderna (p.e. Anthony)

Dettagli

Digital Marketing Master 14 gg

Digital Marketing Master 14 gg Digital Marketing Master 14 gg Master specialistico in Marketing Digitale, progettato per coloro che desiderano approfondire i fondamentali della strategia, del e del business online. Chi dovrebbe partecipare

Dettagli

Excellence Consulting. Company Profile

Excellence Consulting. Company Profile Excellence Consulting Company Profile Chi siamo L ECCELLENZA, l elemento principale della nostra value proposition non è solo il nostro brand ma fa parte anche del nostro DNA. Noi proponiamo eccellenza

Dettagli

Impostare strategie di marketing vincenti in logica multicanale: quali le tecnologie a supporto?

Impostare strategie di marketing vincenti in logica multicanale: quali le tecnologie a supporto? Impostare strategie di marketing vincenti in logica multicanale: quali le tecnologie a supporto? Angela Perego Unit Sistemi Informativi Verso il marketing 3.0 MODELLO 4C Customer value Customer cost Customer

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

La redazione del Piano Industriale. Indice e contenuti

La redazione del Piano Industriale. Indice e contenuti La redazione del Piano Industriale Indice e contenuti Ai lavori hanno partecipato (Marzo 2013): Borsa Italiana S.p.A. - Nunzio Visciano (Head Equity Market Listing) - Andrea Scremin (Manager Equity Market

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Cinti Luciani Andrea. Esperienza professionale. Cognome Nome. a.cintiluciani@scsconsulting.

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Cinti Luciani Andrea. Esperienza professionale. Cognome Nome. a.cintiluciani@scsconsulting. Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome E-mail Cittadinanza a.cintiluciani@scsconsulting.it Italiana Data di nascita 30 gennaio 1975 Esperienza professionale Nome e indirizzo del datore di

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

WORKSHOP Riorganizzazione aziendale: ri-partenza per lo sviluppo 30/11/2012

WORKSHOP Riorganizzazione aziendale: ri-partenza per lo sviluppo 30/11/2012 WORKSHOP Riorganizzazione aziendale: ri-partenza per lo sviluppo 30/11/2012 KPMG nel mondo 2 KPMG Advisory in Italia 3 I servizi che offriamo KPMG ITALIA AUDIT ADVISORY TAX CORPORATE FINANCE TRANSACTION

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Pricing: il prezzo di successo! Alessandro SILVA

Pricing: il prezzo di successo! Alessandro SILVA Pricing: il prezzo di successo! Alessandro SILVA Le visioni di parte Dobbiamo tagliare i costi! Dobbiamo aumentare le vendite! Per vendere di più devo avere dei prezzi migliori! 1) Gli interventi virtuosi

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO

LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO Divisione Ricerche Claudio Dematté LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO Paolo Guenzi, Gabriele Troilo Convegno Multiconsult E nata prima la gallina Kilometro Rosso 4 dicembre

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

L intervento pubblico nell economia locale per lo sviluppo dei territori: le imprese pubbliche locali. giovanni.valotti@sdabocconi.

L intervento pubblico nell economia locale per lo sviluppo dei territori: le imprese pubbliche locali. giovanni.valotti@sdabocconi. L intervento pubblico nell economia locale per lo sviluppo dei territori: le imprese pubbliche locali giovanni.valotti@sdabocconi.it 1. Il rilievo del tema Lo sviluppo delle imprese pubbliche locali Crescente

Dettagli

La tua Software House in Canton Ticino. La piattaforma per garantire l efficienza energetica

La tua Software House in Canton Ticino. La piattaforma per garantire l efficienza energetica La tua Software House in Canton Ticino La piattaforma per garantire l efficienza energetica Il CRM: controllo e performance Il CRM, customer relationship management, è una strategia competitiva basata

Dettagli

Il Reporting Direzionale

Il Reporting Direzionale L offerta di consulenza di Professionisti per l Impresa www.piconsulenza.it A cosa serve il controllo individuare i fattori che determinano le performance misurare le performance informare i responsabili

Dettagli