6. I numeri reali e complessi ( R e C ). x2 = I numeri reali R.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6. I numeri reali e complessi ( R e C ). x2 = 2. 6.1 I numeri reali R."

Transcript

1 6. I numeri reali e complessi ( R e C ). 6.1 I numeri reali R. Non tratteremo in modo molto approfondito gli ulteriori ampliamenti che dai numeri razionali ci portano a quelli reali, all insieme, e R d infine ai complessi, C. Farlo in modo rigoroso richiede costruzioni piuttosto tecniche, ma vogliamo comunque dare un'idea di come sono fatti questi insiemi numerici e delle loro proprietà. Nel costruire i razionali, abbiamo visto che nella struttura ( Q, +, ), tutte le equazioni polinomiali di primo grado (cioè ove la x appare con esponente 1, come 3x+4=0 ) sono risolubili. Che dire di questa equazione? x2 = 2 Cioè, esiste un numero razionale che moltiplicato per se stesso dia 2? No, non esiste. La dimostrazione è piuttosto semplice. Supponiamo per assurdo che tale numero razionale esista; allora lo si può scrivere come una frazione ridotta ai minimi termini a/b, tale che (a/b) 2 = 2; ciò equivale a dire che a 2 / b 2 = 2 e cioè che a 2 = 2b 2. Notiamo che non possiamo avere che a e b siano entrambi pari perché altrimenti avrebbero un fattore comune, il 2, e la frazione a/b non sarebbe ridotta ai minimi termini. Dall uguaglianza a 2 = 2b 2 si vede anche che a non può essere dispari, in quanto in quel caso anche a 2 lo sarebbe, mentre deve essere uguale a 2b 2, che chiaramente è pari. Quindi a è pari e allora b deve essere dispari, per quanto notato sopra. Se b è dispari anche b 2 è dispari, cosicché 2b 2 contiene il fattore 2 solo una volta. Ma a è pari, quindi contiene il fattore 2 (almeno una volta), ed allora a 2 contiene il fattore 2 almeno due volte! Quindi non si può avere a 2 = 2b 2 e siamo arrivati ad un assurdo perciò l uguaglianza (a/b) 2 = 2 è impossibile. Più in dettaglio: se a è pari si può scriverlo a = 2.a', allora a 2 = 2 2.(a' ) 2, così a 2 contiene il fattore 2 2 e perciò risulta assurdo che a 2 = 2b 2 perché da una parte abbiamo il fattore 2 2 e dall altra solo 2 1. Geometricamente ciò si traduce nel dire che un quadrato (vedi Fig. 6.1) il cui lato AB misura 1, ha una diagonale la cui misura non è esprimibile con un numero razionale, in quanto per il teorema di Pitagora, abbiamo AB 2 + BC 2 = AC 2, e cioè 2 = AC 2 e quindi AC = 2. Fig

2 Questo fatto ci dice anche che quando riportiamo i numeri razionali su una retta (come in Fig. 6.2), essi non "la ricoprono", e cioè rimangono dei punti della retta a cui non corrisponde nessun numero razionale, benché essi siano densi sulla retta (nel senso visto in 5.3). Fig 6.2 Riportando sulla retta la lunghezza della diagonale del quadrato di lato 1, essa dovrebbe corrispondere ad un numero razionale il cui quadrato è 2, ma, come abbiamo visto, un tale numero razionale non esiste. Questa volta l'ampliamento di Q,, che vogliamo è quello che ci permetta di "ricoprire la retta": di assegnare ad ogni suo punto un numero. Questa costruzione è piuttosto complessa: si pensi che è stata effettuata solo nella seconda metà dell'800, da vari matematici come Weierstrass, Cantor, Dedekind, anche se l uso dei numeri reali è molto precedente (vedi 1). Per avere un'idea di come sono fatti questi numeri, riprendiamo il problema di trovare un numero che al quadrato faccia 2, e cerchiamo di approssimarlo con dei numeri decimali finiti: se approssimiamo per difetto, avremo numeri come: 1 ; 1,4 ; 1,41 ; 1,414 ; 1,4142 ;... (cioè tutti numeri che al quadrato sono < 2 ); approssimando per eccesso avremo invece: 2 ; 1,5 ; 1,42 ; 1,415 ; 1,4143 ;... (cioè tutti numeri che al quadrato sono >2) Per "riempire il buco" che abbiamo sulla retta in corrispondenza del "numero che al quadrato fa 2", aggiungiamo a Q tutti i decimali infiniti non periodici. Il numero: 1, che sta fra tutti i decimali finiti che al quadrato sono < 2 e tutti quelli che al quadrato sono maggiori di due sarà il numero che stiamo cercando (naturalmente questo decimale non può essere periodico, altrimenti sarebbe un numero razionale): non è troppo difficile mostrare che elevato al quadrato esso non può essere né maggiore né minore di due, quindi deve dare 2! Tali decimali non periodici (quindi non in Q ) si dicono numeri irrazionali. Chiamiamo R, insieme dei numeri reali, l'insieme ottenuto, cioè quello ove abbiamo tutti i possibili decimali finiti ed infiniti, periodici (razionali) o meno (irrazionali). Rappresentano ad esempio dei numeri reali (irrazionali) espressioni come: 3, ; 0, ; 0, , dove la "legge" con si succedono le cifre è chiara, ma non c'è periodicità. Si possono definire operazioni di somma e prodotto in R che ci danno una struttura ( R, +, ) che estende Q,,, conservando tutte le proprietà che abbiamo visto, cioè in R,, per ogni numero diverso da zero esiste l'inverso rispetto al prodotto (e quindi si può sempre eseguire la 76

3 divisione per elementi diversi da 0) oltre ovviamente ad avere tutte le solite condizioni sulle operazioni: associatività, commutatività, esistenza degli elementi neutri, distributività. Inoltre si dà anche un ordinamento di R, che estende quello di Q, e tale ordine è denso (come in Q ) e completo (cosa che non avviene in Q ), cioè "non ci sono buchi": comunque faccia una successione crescente e limitata di numeri reali, come per la successione 1 ; 1,4 ; 1,41 ; 1,414 ; 1,4142 ;... che abbiamo visto prima, esiste un numero reale che viene approssimato da questa (per difetto: se prendo un analoga successione decrescente l'approssimazione avverrà per eccesso). In R si ha poi la seguente proprietà, che non si aveva in Q : Ogni equazione del tipo x2 = r, con r R, r 0, ha soluzione in R. Cioè in R è sempre eseguibile l'operazione di radice quadrata dei numeri positivi, dove per "radice quadrata di r ", si intende un numero positivo che moltiplicato per se stesso dia r. Tale numero si indica con r. Anzi, per ogni r > 0, esistono due numeri che elevati al quadrato danno r: e cioè ± r. Esempi: x 2 = 25 x = ±5 ; 3x 2-16 = 0 x 2 = 16/3 x = ± 4 3 x = ± ; Notiamo nell'ultima scrittura che in presenza di frazioni ove appaia un denominatore irrazionale, si cerca (ove possibile) di scriverle con numeratore irrazionale e denominatore razionale (intero). Questo soprattutto perché nel trovarne il valore approssimato, sarà più semplice avere un decimale al numeratore da dividere per un intero. Nell'esempio in questione, si ha: = = Più in generale, per ogni numero naturale n > 0, si definisce l'operazione di radice n-esima di un numero reale r > 0, come quel numero positivo, se esiste, che elevato alla n dà r. In simboli: n r. Se r è un numero positivo, allora n r esiste sempre in R ; inoltre se r è intero, allora o il numero n r è anch'esso intero (ad esempio 3 27 = 3), oppure è irrazionale (si dimostra in modo analogo al caso di 2 ). Non è invece eseguibile in R la radice quadrata dei numeri negativi; infatti ogni numero reale elevato al quadrato risulta sempre positivo: un'espressione come 1 non ha alcun senso in R ; nello stesso modo non esistono le radici pari (quarte, seste, ecc.) dei numeri negativi. 6.2 Cenni sui numeri complessi C. L'ultima "estensione dell insieme dei numeri", a cui accenniamo soltanto, è proprio quella con la quale introduciamo il numero 1, di solito denotato con i e detto "unità immaginaria". I numeri complessi sono formati da espressioni del tipo a+ib, ove a,b R ed i è quella che abbiamo denotato come unità immaginaria. Le operazioni di somma e prodotto si svolgono secondo le regole usuali del calcolo letterale, tenendo conto che i 2 = -1; ad esempio (12+i) + (1+4i) = i ; (2+3i)(1-i) = 2-2i +3i -3i2 = 2+i + 3 = 5 + i ; (2+i)(2-i) = 4 - i2 = 4 - (-1) =5 ; [(1+i)/ 2 ]2 = (1+i)2/2 = (1-1+2i)/2 = i. 77

4 Nei numeri complessi si ha che ogni equazione polinomiale (di qualsiasi grado) è risolubile. Per rappresentare geometricamente i numeri complessi una retta non basta più; avremo invece bisogno di un piano (vedi Fig. 6.3): Fig. 6.3 I numeri reali si vedono "dentro" i complessi sull'asse orizzontale di Fig. 6.3 (asse reale), mentre sull'asse verticale appariranno i numeri immaginari puri (come i, 2i, 5i, e cioè tutti quelli che sono della forma ai, dove a R ). Naturalmente anche nella struttura C,,, varranno le proprietà delle operazioni che avevamo in R ; quello che però stavolta perdiamo è la struttura di ordine: in C non abbiamo un ordine compatibile con le operazioni. di grado n, come I numeri complessi hanno tante belle proprietà, ad esempio il fatto che ogni equazione polinomiale a n x n +a n-1 x n-1 + +a 1 x+a 0 = 0 ha sempre n soluzioni complesse (magari alcune coincidenti). Per esempio l equazione x 4-1 = 0 ha quattro soluzioni: 1, -1, i, -i., mentre se consideriamo x 3 1 3i 1 3i - 1 = 0, avremo tre soluzioni: 1,,. In generale, si ha che ogni numero 2 2 complesso ha 2 radici quadrate, tre radici terze, quattro radici quarte e così via. 78

5 7. Calcolo delle Probabilità La logica dell incerto. Il Calcolo delle probabilità si configura come un tentativo di dominare l incerto, cioè di dare delle leggi per regolare le nostre azioni dinanzi a fenomeni il cui andamento non è interamente prevedibile ad esempio, le leggi (espresse con formule matematiche) della fisica ci dicono come si muove la Luna attorno alla Terra, e ci permettono di prevedere le eclissi, ma non ci permettono di prevedere quale sarà il risultato di un lancio di dadi, o di una moneta: il movimento del sistema Terra Luna, pensate come due sfere soggette solo all attrazione di gravità reciproca, è meno complesso di quello di due dadi che ruzzolano su di un tavolo. Il calcolo delle probabilità ci consente di avere delle leggi che ci possono essere da guida in questi casi: non ci darà previsioni esatte, ma ci fornirà degli orientamenti su che cosa aspettarci. Ecco un esempio del tipo di domande a cui vogliamo fornire risposta: Qual è il risultato più probabile da ottenere se lanciamo due dadi? L esperienza mostra che non sempre le risposte ai quesiti che riguardano le probabilità sono quelle intuitivamente immediate, anzi che sono molto diffuse aspettative e considerazioni inesatte o infondate; vediamo alcuni esempi che analizzeremo in seguito: 1) Supponete di andare a giocare al lotto e che vi venga detto che sulla ruota della vostra città i numeri 27 e 45 non escono da più di sei mesi invece la settimana scorsa sono usciti i numeri 2, 23, 43, 65 e 84. Dovendo scegliere fra il giocare l ambo 27; 45 e quello 23; 43, ritenete preferibile il primo ambo rispetto al secondo? 2) Venite a sapere che in media 5 persone su mille sono malate di epatite e molti non lo sanno. Esiste un test per l epatite che offre il 98% di sicurezza (cioè il 98% delle risposte è esatto ed il 2% sbagliato), ed è quindi molto affidabile, tanto che in media ne vengano effettuati 2000 al giorno. Voi vi sottoponete al test e vi viene tristemente comunicato che siete risultati positivi La vostra probabilità di avere l epatite è allora del 98%? 3) Considerate il seguente gioco: da un mazzo di 40 carte il banco ne estrae una. Voi puntate 1 euro e vincete 1 euro sia che venga estratta una carta di coppe sia se viene estratta una figura (di qualsiasi seme), se la carta estrattà non è né coppe, né una figura perdete la vostra puntata. Vi conviene giocare? E se la vincita invece che alla pari fosse di 1,15 euro? 79

6 7.2 La probabilità: definizione ingenua. Ciò che considereremo adesso è una teoria ingenua della probabilità: daremo una definizione di probabilità definita tramite il linguaggio della teoria degli insiemi e verificheremo che tale definizione soddisfa certe aspettative minime che richiediamo da una tale teoria. Definiamo questa teoria ingenua perché non prenderemo in considerazione tutti i numerosi problemi di fondazione per realizzare una teoria della probabilità per esempio non ci addentreremo in cosa voglia dire che certi eventi hanno la stessa possibilità di verificarsi (ad esempio i possibili risultati del lancio di un dado o di una moneta non truccati); tali concetti sono infatti piuttosto problematici (come si verifica che testa o croce hanno le stesse possibilità di verificarsi?) e diverse scuole danno risposte diverse a questi problemi (per una discussione di ciò, vedi ad esempio [SA] ). Supponiamo di avere un insieme di eventi U, che considereremo come aventi tutti la stessa possibilità di accadere (come i sei risultati del lancio di un dado non truccato, o i risultati Testa e Croce nel lancio di una moneta). Sia A U un sottoinsieme (quindi una particolare classe di eventi), che in genere si indica come l insieme degli eventi favorevoli (pensando per esempio a quelli vincenti in un gioco) mentre U è detto l insieme di tutti gli eventi possibili. Definizione: Si dice probabilità di A, e si indica p(a), il numero razionale n A /n U ove n A è il numero di elementi di A ed n U è il numero di elementi di U. Quindi p(a) è il rapporto fra il numero di eventi favorevoli e il numero di tutti gli eventi possibili. Osserviamo che se il tipo di eventi indicato da A è impossibile, allora A =, e quindi n A = 0 e p(a) = 0; ad esempio se U è dato dai possibili esiti nel lancio di un dado, e considerassimo A = {esito maggiore di 8}, allora avremmo p(a) = 0. Se invece l evento di tipo A è certo, cioè se A = U, allora si ha ovviamente p(a) = 1, poiché n A = n U, e quindi p(a) = n U /n U = 1. Esempi: 1) Qual è la probabilità di ottenere un numero pari lanciando un dado? Se U è dato dai possibili esiti nel lancio di un dado avremo U = {1,2,3,4,5,6}, e se A = {esiti pari}, avremo A ={2,4,6}, cosicché p(a) = 3/6 = 1/2. 2) Qual è la probabilità di ottenere almeno una croce lanciando due monete? Se U è dato dagli esiti del lancio di due monete, avremo U = {TT, TC, CT, CC}, n U = 6, e se A = {esiti in cui esce almeno una croce}, allora p(a)= 3/4, infatti A ={TC, CT, CC}, quindi n A = 3. 3) Qual è la probabilità di vincere alla roulette puntando sul rosso? Se giochiamo in Europa, la roulette ha 37 numeri: dall uno al 36 (i numeri rossi o neri) più lo zero che è verde (negli USA ci sono anche delle roulette con 38 numeri perché hanno anche il doppio zero). Abbiamo quindi n U = 37, mentre se ad esempio A = {numeri rossi}, si ha n A = 18. Quindi la probabilità di vincere è p(a)= 18/37= 0,486 (un po meno di ½). Poiché se vinciamo la puntata viene pagata alla pari, il gioco è a favore del banco per quella piccola differenza fra 0,5 e 18/37. In assenza dello zero il gioco sarebbe perfettamente equo ( equo = ogni giocatore ha la stessa probabilità di vincere). 80

7 4) Qual è la probabilità di vincere alla roulette puntando sul numero 28? Se puntiamo sul numero 28 (come su ogni altro numero) per quanto visto prima abbiamo un unico evento per noi vincente (l uscita del 28) sui 37 possibili. La probabilità di vincere è quindi di 1/37. Poiché la vincita viene pagata 35 volte la posta giocata, anche in questo caso il gioco sarebbe equo se non ci fosse lo zero: in media giocando 36 volte si vincerebbe una volta, perdendo quindi 35 puntate che però riguadagneremmo con la vincita ma la presenza dello zero fa sì che si vinca in media una volta su 37, e quindi ogni 37 giocate ci si può aspettare di vincere una volta, incassando 35 puntate, ma di perdere 36 volte. Se ad esempio si puntasse un euro ogni volta, in media si perderebbe un euro ogni 37 giocate. Tutti i tipi di puntate che si possono fare alla roulette hanno la stessa caratteristica: sarebbero eque se non ci fosse lo zero che introduce quel trentasettesimo di differenza. Notiamo che comunque la roulette è molto più equa per i giocatori che non i più comuni giochi gestiti dal monopolio di stato quali il lotto, il Superenalotto, i gratta e vinci o la lotteria di capodanno. Spesso nel risolvere un quesito che riguarda la probabilità il primo problema è proprio quello di determinare n U, cioè di capire qual è il numero degli eventi possibili per il fenomeno che stiamo studiando. Ad esempio se ci chiediamo se sia più facile, lanciando due volte una moneta, ottenere due risultati uguali o due risultati diversi potremmo (sbagliando) ragionare così: "si possono avere in tutto 3 casi: o otteniamo 2 teste, oppure 2 croci, oppure una testa ed una croce." Quindi in tutto si avrà n U = 3. Poiché i casi in cui si ottengono due risultati uguali sono due (TT o CC), la probabilità dell evento A = avere due risultati uguali risulterebbe: p(a) = 2/3. Ma il ragionamento è errato, perché gli eventi possibili sono quattro e non tre! Infatti gli eventi sono dati dai risultati dei due lanci, e si ha quindi U = {TT, TC, CT, CC} (vedi Esempio 2), quindi si ha n U = 4 e p(a) = 2/4 = 1/2, e non 2/3! ESEMPIO: Consideriamo il seguente gioco, effettuato con un mazzo di 52 carte: Risposta: Pesca due carte qualsiasi dal mazzo Vinci se peschi due carte di uguale valore. Quante probabilità di vincere hai??? I "casi possibili", n U, sono dati da tutte le possibili coppie di carte in un mazzo di 52 carte; essi sono: 81

8 52 51 = e questo rappresenta il numero degli eventi possibili (le possibili pescate di due carte). Come otteniamo questo numero? Vediamo: Abbiamo 52 possibilità per la prima carta, e poi 51 per la seconda; questo dà coppie possibili, ma dobbiamo dividere per due questo numero perché abbiamo contato 2 volte ogni coppia; ad esempio la coppia (3, K ) è stata contata anche come (K, 3 ), mentre non ci interessa distinguere l ordine in cui le due carte sono state pescate. Quante sono invece le coppie di carte dello stesso valore? Consideriamo, ad esempio, gli assi: ci sono quattro assi nel mazzo: A, A, A, A, e con essi si possono formare 6 diverse coppie: (A, A ), (A, A ), (A, A ), (A, A ), (A, A ), (A, A ). Quindi le coppie di carte di uguale valore (e cioè gli eventi favorevoli) sono 6 per ognuno dei 13 possibili valori di una carta {A, 2, 3,,10, J, Q, K}, infatti ci sono 4 carte di ogni valore e quindi 4 3 = 2 6 diverse coppie formate con quelle 4 carte, come abbiamo visto per gli assi; in tutto quindi avremo 6 13 = 78 diverse coppie di carte di uguale valore. 78 La probabilità di vittoria a questo gioco è quindi = 0,058, cioè un po maggiore del 5,8% Proprietà delle probabilità Vediamo adesso quali sono le proprietà fondamentali della probabilità così come l abbiamo definita; premettiamo una ulteriore definizione che useremo nella proprietà 4): siano A,B sottoinsiemi di U (il nostro insieme di tutti gli eventi che consideriamo); indichiamo con p(b A ) la probabilità che si verifichi B una volta che si sia verificato A, cioè quando l universo degli eventi si è ristretto da U ad A. Il valore di tale na B probabilità è quindi dato dalla quantità: n. A Le proprietà fondamentali della funzione di probabilità, p: U, che abbiamo definito, sono: 1) p(u) = 1 ; p( ) = 0 ; 2) A U, se A e A U, allora 0 < p(a) < 1 ; 3) A, B U, p(a B) = p(a) + p(b) - p(a B) ; 4) A, B U, p(a B) = p(a) p(b A ) ; Dimostrazione: Le prime due proprietà sono ovvie dalla definizione di probabilità. Per la terza, si ha: p(a B) = La quarta proprietà è quasi immediata: na B na + nb na B n = U n = p(a) + p(b) - p(a B). U p(a B) = na B n = U na n na B U A n = p(a) p(b A ). 82

9 Notiamo in particolare che: 5) se A e B si escludono a vicenda (cioè se A B = ), allora in 3) si ha p(a B) = p(a) + p(b) (infatti p(a B)=0). 6) Se A e B sono statisticamente indipendenti (cioè il verificarsi di A è indipendente dal verificarsi di B) allora: p(a B) = p(a) p(b) 7) sia A l insieme complementare di A (cioè l insieme degli elementi di U che non stanno in A). Allora: p(a ) = p(u) - p(a) = 1 - p(a). Cioè, se p(a) è la probabilità che si verifichi l evento A, la probabilità che esso non si verifichi è 1- p(a). Esempi: Consideriamo il seguente gioco: tiriamo un dado e vinciamo se il risultato è dispari oppure un numero primo. Avremo allora: U = {1,2,3,4,5,6}, e se A = {esiti dispari} = {1,3,5}, mentre B = {esiti primi} = {2,3,5}, allora la probabilità di vincita è (dalla 5): 1 p(a B) = p(a) + p(b) - p(a B) = = 2 3. Infatti A B = {3, 5}, quindi p(a B) = 1 3. Vediamo ancora di vedere la probabilità di A B usando la 4); si ha che p(b A ) è la probabilità che sia uscito un numero primo dato che si è avverato A, cioè è uscito un dispari. I dispari sono {1,3,5} = A, e di essi solo 2 sono primi, cosicché p(b A ) = 2 3 e p(a B) = p(a) p(b A) = = Elementi di calcolo combinatorio. Abbiamo visto, nell esempio del gioco in cui si pescano due carte, che talvolta il problema è saper valutare il numero degli eventi in considerazione; vediamo adesso alcune considerazioni che ci forniranno degli strumenti a questo scopo. Permutazioni Se abbiamo un insieme con n elementi: A = {a 1, a 2, a 3,, a n}, in quanti modi diversi possiamo ordinarli? Ogni diverso ordine in cui consideriamo gli elementi si dice una permutazione di A. Ad esempio se n=3 si hanno 6 possibili permutazioni: {a 1, a 2, a 3}, {a 1, a 3, a 2}, {a 2, a 1, a 3}, {a 2, a 3, a 1}, {a 3, a 2, a 1}, {a 3, a 1, a 2}. In generale, è facile vedere che si possono avere: n! = n(n-1)(n-2) permutazioni distinte, infatti abbiamo n scelte per il primo elemento, poi (n-1) scelte per il secondo, (n-2) per il terzo e così via, fino all n-esimo, per cui abbiamo una sola scelta. Usiamo il simbolo n! per indicare questo prodotto di tutti i numeri da n ad 1; avremo 2! = 2, 3! = 6, 4! = 24, 5! = 120, Disposizioni Se adesso consideriamo di nuovo l insieme A = {a 1, a 2, a 3,, a n}, ed un numero k n, possiamo chiederci quante diverse k-uple (cioè sottoinsiemi di k elementi) ordinate possiamo estrarre da A. Chiameremo queste le disposizioni di k oggetti fra gli n dati. Ad esempio, se A = {a 1, a 2, a 3}, le disposizioni di 2 elementi fra i tre dati sono sei: (a 1, a 2), (a 1, a 3), (a 2, a 1), (a 3, a 1), (a 2, a 3), (a 3, a 2). In generale il numero delle disposizioni sarà: n(n-1)(n-2) (n-k+1) 83

10 infatti abbiamo n scelte per il primo elemento, poi (n-1) scelte per il secondo, (n-2) per il terzo e così via, fino al k-esimo, per cui abbiamo (n-k+1) scelte. Nel caso ora visto avevamo infatti 3.2=6 scelte. Osserviamo che il numero delle disposizioni si può anche scrivere: n! n(n-1)(n-2) (n-k+1) = ( n k )!. Esempio: Se in una corsa corrono 17 atleti, quanti diversi ordini di arrivo per il podio si possono avere? Poiché sul podio ci sono 3 posti, dobbiamo calcolare il numero di disposizioni di 3 oggetti su 17, che sarà: = Combinazioni Invece una combinazione di k elementi fra n dati è un sottoinsieme di A = {a 1, a 2, a 3,, a n}, ove non si tiene conto dell ordine degli elementi (come ad esempio nel gioco con l estrazione di due carte che abbiamo visto prima). Se ad esempio consideriamo di nuovo A = {a 1, a 2, a 3}, le combinazioni di 2 elementi di A sono solo 3: {a 1, a 2}, {a 1, a 3}, {a 2, a 3}. In generale il numero delle combinazioni è: n k = n( n 1)...( n k 1) + n! k! = ( n k)! k! n Per cui si usa il simbolo k che si legge n su k. La formula si dimostra osservando che possiamo prima considerare le disposizioni, che sono n(n-1)(n-2) (n-k+1), e poi dividerle per k! che è il numero di volte che compare la stessa disposizione con l ordine permutato. Esempio: Quante sono le possibili estrazione dei 5 numeri del lotto su una ruota? I numeri sono 90, quindi dobbiamo calcolare 90 = = Quindi la probabilità di azzeccare una cinquina giocando 5 numeri su una ruota è 1/ Vediamo invece le probabilità per un ambo. Supponiamo di giocare l ambo 2 43 sulla ruota di Napoli. Il numero degli eventi possibili è dato da tutte le possibili cinquine estraibili, ed è stato calcolato nell esempio precedente: n U = Quante sono invece le cinquine che contengono il nostro ambo? L insieme A degli eventi favorevoli è composto dalle cinquine del tipo: {2,43,a,b,c} (l ordine non conta). Quindi il numero di queste cinquine sarà dato da tutte le possibilità per la terna {a,b,c}, che può variare fra gli 88 numeri diversi da 2 e 43; quindi avremo in tutto: n A = = 3.2 = cinquine vincenti, e quindi la nostra probabilità di vittoria sarà: p(a) = / = 0,00249 Pari (con una leggera approssimazione) allo 0,25%, cioè a 25/10000 = 1/400. Proviamo adesso a risolvere lo stesso problema per un altra strada: vediamo quante sono le probabilità di non vincere. Non vinciamo se nessuno dei due numeri esce, oppure se ne esce solo uno. Gli eventi in cui non esce nessuno dei due numeri giocati sono dati da tutte le cinquine dove non appaiono né il 2 né il 43. Quanti sono? Saranno tutte le composizioni di 5 elementi su 88 (90-2), e quindi : 84

11 88 = = L altro caso in cui non vinciamo è quello in cui esca il 2 ma non il 43 o viceversa. Quante sono le cinquine che contengono il 2 ma non il 43? Tenendo conto che il 2 è fissato, e che il 43 non ci deve essere, esse sono del tipo: {2,a,b,c,d}, ove a,b,c,d possono variare fra gli 88 numeri diversi da 2 e da 43; avremo quindi in tutto: 88 = = cinquine che contengono il 2 e non il 43. Naturalmente un calcolo analogo ci darà anche cinquine che contengono il 43 e non il 2. Quindi in tutto il numero dei casi sfavorevoli, cioè quelli ove non vinciamo, è: = Quindi la probabilità di non vincere è: / = 0,99750 Allora la probabilità di vincere risulterà, dalla proprietà 7) e con una leggera approssimazione, pari a: 1-0,9975 = 0,0025 in completo accordo con quanto visto prima. 7.5 Risposte ai quesiti iniziali Tutto quanto abbiamo visto ci dà la possibilità di dare una risposta ai quesiti che ci eravamo posti all inizio; vediamoli uno ad uno. - Qual è il risultato più probabile da ottenere se lanciamo due dadi? I risultati possibili del lancio di due dadi sono: 2,3,4,5,6,7,8,9,10,11,12. Ma non sono equiprobabili! Essi sono i risultati possibili, ma non gli eventi possibili! Gli eventi in questo caso sono i possibili risultati di un lancio dei due dadi, e cioè le coppie di valori risultanti sulla faccia del primo e su quella del secondo dado sono quindi tutte le possibili coppie ordinate (a,b), con a,b {1,2,3,4,5,6}. Per ognuna delle possibili 6 scelte per a abbiamo 6 possibili scelte per b, e quindi abbiamo in tutto 36 eventi possibili. La seguente tabella mostra tali eventi, riportando direttamente il risultato a + b : Possiamo così notare, ad esempio, che il risultato 8, appare 5 volte su 36, corrispondendo agli eventi: (6,2), (5,3), (4,4), (3,5), (2,6). Il risultato più probabile risulta essere il 7, che può uscire in 6 modi diversi, e quindi la sua probabilità è: 6/36 = 1/6. Invece il 2 ed il 12 sono i risultati meno probabili, avendo entrambi la probabilità 1/36. 85

12 - Supponete di andare a giocare al lotto e che vi venga detto che sulla ruota della vostra città i numeri 27 e 45 non escono da più di sei mesi invece la settimana scorsa sono usciti i numeri 2, 23, 43, 65 e 84. Dovendo scegliere fra il giocare l ambo 27; 45 e quello 23; 43, ritenete preferibile il primo ambo rispetto al secondo? Per quanto abbiamo visto, per tutti gli ambi la probabilità si calcola allo stesso modo, e non è naturalmente influenzata da cosa sia accaduto nell estrazione precedente! Le palline contenenti i numeri da estrarre non sono più facili da estrarre se il loro numero non esce da un anno Quindi nella domanda sopra si ha che i due ambi sono del tutto equiprobabili, ed è quindi indifferente giocare l uno o l altro. Nonostante queste elementari osservazioni, continuano a prosperare rubriche sui giornali, nelle trasmissioni televisive od altro che tengono nota e consigliano i numeri in ritardo per le giocate del lotto! - Venite a sapere che in media 5 persone su mille sono malate di epatite e molti non lo sanno. Esiste un test per l epatite che offre il 98% di sicurezza (cioè il 98% delle risposte è esatto ed il 2% sbagliato), ed è quindi molto affidabile, tanto che in media ne vengano effettuati 2000 al giorno. Voi vi sottoponete al test e vi viene tristemente comunicato che siete risultati positivi La vostra probabilità di avere l epatite è allora del 98%? No, non è così alta. Come mai? Consideriamo quali sono gli eventi possibili: nel giorno in cui avete fatto il test, ne sono stati fatti 2000; poiché 5 persone su mille hanno l epatite, ci saranno 10 persone fra quelle 2000 che ne sono affetti, e 1990 che non lo sono. Il 98% di queste 1990 persone avrà un risultato negativo dal test, e cioè circa 1950, ma altre 40 persone (il 2%) risulterà positivo per un errore del test. Quindi in tutto si avranno 50 test positivi, ma solo 10 riguarderanno persone effettivamente malate, gli altri saranno errori. Allora se avete avuto un test positivo, la probabilità di essere malato è 10/50 = 1/5, pari al 20% e non al 98%!! La risposta può sembrare strana, per esempio può sembrare che dipenda da quante persone hanno effettuato il test quel giorno, cosa che pare indifferente rispetto al vostro risultato positivo In effetti la risposta non dipende da quanti erano i test quel giorno; il seguente grafico vi mostra la situazione per un qualsiasi numero x di test effettuati: 249 Avrete sempre x test positivi (tra veri e falsi), fra i quali solo x 1 corrispondono a persone effettivamente malate, e cioè circa, qualsiasi sia x. 5 86

13 - Considerate il seguente gioco: da un mazzo di 40 carte il banco ne estrae una. Voi puntate 1 euro e vincete 1 euro sia se la carta estratta è una carta di coppe che se è una figura (di qualsiasi seme), altrimenti perdete la vostra puntata. Vi conviene giocare? E se la vincita invece che alla pari fosse di 1,15 euro? Vediamo quante sono le probabilità di vincita. Se A = esce una coppe, e B = esce una figura, allora gli eventi vincenti sono dati da A B. Nel mazzo ci sono 10 carte di coppe, quindi p(a)=10/40; mentre le figure sono 12, quindi p(b) = 12/40. Per la proprietà 3), si ha che p(a B) = p(a) + p(b) - p(a B) ; qui la probabilità di p(a B) è data dalla probabilità che esca una figura di coppe; tale probabilità è 3/40; quindi la probabilità di vincere è: p(a B) = 10/ /40 3/40 = 19/40. Poiché la probabilità di vincere è minore di ½, il gioco non è equo nella prima ipotesi (vincita e perdita entrambe di un euro): in media ogni 40 giocate vinceremo 19 volte e perderemo 21 volte, rimettendoci 2 euro. Nell ipotesi che la vincita sia pagata invece 1,15 euro, vediamo ancora cosa accade su 40 giocate: in media perderemo 21 volte, perdendo 21 euro, e vinceremo 19 volte, vincendo 19 1,15 = 21,85 euro. Quindi in questa ipotesi il gioco ci risulta vantaggioso, anche se di poco. 87

Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni

Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Si tratta di problemi elementari, formulati nel linguaggio ordinario Quindi, per ogni problema la suluzione proposta è sempre

Dettagli

(concetto classico di probabilità)

(concetto classico di probabilità) Probabilità matematica (concetto classico di probabilità) Teoria ed esempi Introduzione Il calcolo delle probabilità è la parte della matematica che si occupa di prevedere, sulla base di regole e leggi

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

Laboratorio di dinamiche socio-economiche

Laboratorio di dinamiche socio-economiche Dipartimento di Matematica Università di Ferrara giacomo.albi@unife.it www.giacomoalbi.com 21 febbraio 2012 Seconda parte: Econofisica La probabilità e la statistica come strumento di analisi. Apparenti

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

STATISTICA MEDICA Prof. Tarcisio Niglio http://www.tarcisio.net tarcisio@mclink.it oppure su Facebook Anno Accademico 2011-2012

STATISTICA MEDICA Prof. Tarcisio Niglio http://www.tarcisio.net tarcisio@mclink.it oppure su Facebook Anno Accademico 2011-2012 STATISTICA MEDICA Prof. Tarcisio Niglio http://www.tarcisio.net tarcisio@mclink.it oppure su Facebook Anno Accademico 2011-2012 Calcolo delle Probabilità Teoria & Pratica La probabilità di un evento è

Dettagli

Test sul calcolo della probabilità

Test sul calcolo della probabilità Test sul calcolo della probabilità 2 Test sul calcolo della probabilità Test sul calcolo della probabilità. La probabilità p di un evento E, quando si indica con E il suo complementare, è : a) 0 se E è

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Università di Torino QUADERNI DIDATTICI del Dipartimento di Matematica MARIA GARETTO STATISTICA Lezioni ed esercizi Corso di Laurea in Biotecnologie A.A. 00/00 Quaderno # Novembre 00 M. Garetto - Statistica

Dettagli

Esercizi di Probabilità e Statistica

Esercizi di Probabilità e Statistica Esercizi di Probabilità e Statistica Samuel Rota Bulò 9 giugno 006 Spazi di probabilità finiti e uniformi Esercizio Un urna contiene 6 palline rosse, 4 nere, 8 bianche. Si estrae una pallina; calcolare

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Una sperimentazione. Probabilità. Una previsione. Calcolo delle probabilità. Nonostante ciò, è possibile dire qualcosa.

Una sperimentazione. Probabilità. Una previsione. Calcolo delle probabilità. Nonostante ciò, è possibile dire qualcosa. Una sperimentazione Probabilità Si sta sperimentando l efficacia di un nuovo farmaco per il morbo di Parkinson. Duemila pazienti partecipano alla sperimentazione: metà di essi vengono trattati con il nuovo

Dettagli

Corso di Calcolo delle Probabilità e Statistica. Esercizi su variabili aleatorie discrete

Corso di Calcolo delle Probabilità e Statistica. Esercizi su variabili aleatorie discrete Corso di Calcolo delle Probabilità e Statistica Esercizi su variabili aleatorie discrete Es.1 Da un urna con 10 pallina bianche e 15 palline nere, si eseguono estrazioni con reimbussolamento fino all estrazione

Dettagli

Calcolo delle probabilità

Calcolo delle probabilità Calcolo delle probabilità Laboratorio di Bioinformatica Corso A aa 2005-2006 Statistica Dai risultati di un esperimento si determinano alcune caratteristiche della popolazione Calcolo delle probabilità

Dettagli

Caso e probabilità. Il caso. Il caso. Scommesse e probabilità Fenomeni aleatori Probabilità Variabili aleatorie

Caso e probabilità. Il caso. Il caso. Scommesse e probabilità Fenomeni aleatori Probabilità Variabili aleatorie Introduzione Il caso Il caso commesse e probabilità Il caso i chiama evento casuale quello che si verifica in una situazione in cui gli eventi possibili sono più d uno, ma non si sa a priori quale si verificherà.

Dettagli

1 Probabilità. 1.1 Primi esercizi di probabilità con l uso del calcolo combinatorio

1 Probabilità. 1.1 Primi esercizi di probabilità con l uso del calcolo combinatorio Indice 1 Probabilità 1 1.1 Primi esercizi di probabilità con l uso del calcolo combinatorio.. 1 1.2 Probabilità condizionata, indipendenza e teorema di Bayes.... 2 1 Probabilità 1.1 Primi esercizi di probabilità

Dettagli

Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche «Mario Serio»

Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche «Mario Serio» PRECORSO 2014 Problemi di Matematica Giovanni Romano Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche «Mario Serio» PRECORSO 2014: ciclo formativo di orientamento alle prove di ammissione ai

Dettagli

Calcolo Combinatorio

Calcolo Combinatorio Capitolo S-09 Calcolo Combinatorio Autore: Mirto Moressa Contatto: mirtomo@tiscali.it Sito: www.mirtomoressa.altervista.org Data inizio: 16/10/2010 Data fine: 21/10/2010 Ultima modifica: 21/10/2010 Versione:

Dettagli

Probabilità e Statistica Esercitazioni. a.a. 2009/2010. C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico.

Probabilità e Statistica Esercitazioni. a.a. 2009/2010. C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico. Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Probabilità Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica - Esercitazioni

Dettagli

Esercizi di Calcolo delle Probabilità (calcolo combinatorio)

Esercizi di Calcolo delle Probabilità (calcolo combinatorio) Esercizi di Calcolo delle Probabilità (calcolo combinatorio 1. Lanciamo due dadi regolari. Qual è la probabilità che la somma delle facce rivolte verso l alto sia pari a 7? 1/6 2. Due palline vengono estratte

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Probabilità e Statistica Esercitazioni. a.a. 2006/2007

Probabilità e Statistica Esercitazioni. a.a. 2006/2007 Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2006/2007 C.d.L.: Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio, Ingegneria Civile, Ingegneria Gestionale, Ingegneria dell Informazione C.d.L.S.: Ingegneria Civile

Dettagli

Viene lanciata una moneta. Se esce testa vinco 100 euro, se esce croce non vinco niente. Quale è il valore della mia vincita?

Viene lanciata una moneta. Se esce testa vinco 100 euro, se esce croce non vinco niente. Quale è il valore della mia vincita? Viene lanciata una moneta. Se esce testa vinco 00 euro, se esce croce non vinco niente. Quale è il valore della mia vincita? Osserviamo che il valore della vincita dipende dal risultato dell esperimento

Dettagli

Calcolo delle probabilità

Calcolo delle probabilità Calcolo delle probabilità Il calcolo delle probabilità ha avuto origine nel Seicento in riferimento a questioni legate al gioco d azzardo e alle scommesse. Oggi trova tante applicazioni in ambiti anche

Dettagli

Introduzione alla probabilità

Introduzione alla probabilità Introduzione alla probabilità CAPITOLO TEORIA Il dilemma di Monty Hall In un popolare show televisivo americano il presentatore mostra al concorrente tre porte chiuse. Dietro a una di esse si cela il premio

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

in numeri decimali e in frazioni.

in numeri decimali e in frazioni. H1 Probabilità Questo capitolo è organizzato soprattutto per esempi Non ci sarà teoria né procedimenti se non il minimo indispensabile L obiettivo è imparare a risolvere i problemi che si presenteranno

Dettagli

Corso Integrato di Statistica Informatica e Analisi dei Dati Sperimentali Note A.A. 2009-10 C. Meneghini

Corso Integrato di Statistica Informatica e Analisi dei Dati Sperimentali Note A.A. 2009-10 C. Meneghini Corso Integrato di Statistica Informatica e Analisi dei Dati Sperimentali Note A.A. 2009-10 C. Meneghini 1 Elementi di calcolo delle probabilitá, teorema di Bayes e applicazioni 1.1 Definizione di probabilitá

Dettagli

TEORIA DELLA PROBABILITÀ I

TEORIA DELLA PROBABILITÀ I TEORIA DELLA PROBABILITÀ I Dipartimento di Matematica ITIS V.Volterra San Donà di Piave Versione [2015-16] Indice 1 Probabilità 1 1.1 Introduzione............................................ 1 1.2 Eventi...............................................

Dettagli

Elementi di calcolo delle probabilità

Elementi di calcolo delle probabilità Elementi di calcolo delle probabilità Definizione di probabilità A) Qui davanti a me ho un urna contenente 2 palline bianche e 998 nere. Mi metto una benda sugli occhi, scuoto ripetutamente l urna ed estraggo

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

IL CALCOLO DELLE PROBABILITA

IL CALCOLO DELLE PROBABILITA IL CALCOLO DELLE PROBABILITA 0. Origini Il concetto di probabilità sembra che fosse del tutto ignoto agli antichi malgrado si sia voluto trovare qualche cenno di ragionamento in cui esso è implicitamente

Dettagli

Vincere a testa o croce

Vincere a testa o croce Vincere a testa o croce Liceo B. Russell - Cles (TN) Classe 3D Insegnante di riferimento: Claretta Carrara Ricercatrice: Ester Dalvit Partecipanti: Alessio, Christian, Carlo, Daniele, Elena, Filippo, Ilaria,

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

GIOCO DEL LOTTO E CREDENZE POPOLARI: COSA È VERO? LA PAROLA AI MATEMATICI

GIOCO DEL LOTTO E CREDENZE POPOLARI: COSA È VERO? LA PAROLA AI MATEMATICI GIOCO DEL LOTTO E CREDENZE POPOLARI: COSA È VERO? LA PAROLA AI MATEMATICI LUCA LUSSARDI Sommario. Lo scopo di questo articolo è quello di illustrare il concetto di probabilità e di equità di un gioco a

Dettagli

Esercizi di Probabilità e statistica. Francesco Caravenna Paolo Dai Pra

Esercizi di Probabilità e statistica. Francesco Caravenna Paolo Dai Pra Esercizi di Probabilità e statistica Francesco Caravenna Paolo Dai Pra Capitolo 1 Spazi di probabilità discreti 1.1 Proprietà fondamentali Esercizio 1 Esprimere ciascuno dei seguenti eventi in termini

Dettagli

Esercizi di Matematica Discreta e Geometria. Parte II

Esercizi di Matematica Discreta e Geometria. Parte II Esercizi di Matematica Discreta e Geometria Parte II 14 gennaio 2010 AVVISO: Sia i testi che gli svolgimenti proposti possono contenere errori e/o ripetizioni Essi sono infatti opera di vari collage e,

Dettagli

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche Ancora sull indipendenza Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche A e B Ā e B Ā e B Sfruttiamo le leggi di De Morgan Leggi di De Morgan A B = Ā B A B = Ā B P (Ā B) = P (A B) = 1 P (A B) = 1 (P (A)

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

E LE M E N T I D I P R O B A B I L I T A

E LE M E N T I D I P R O B A B I L I T A L M T I D I P R O B A B I L I T A CI STORICI Il calcolo delle probabilità si è andato sviluppando piuttosto di recente, intorno al 500 e per lungo tempo solo come una branca della matematica Solo dal secolo

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

PROBABILITA. Sono esempi di fenomeni la cui realizzazione non è certa a priori e vengono per questo detti eventi aleatori (dal latino alea, dado)

PROBABILITA. Sono esempi di fenomeni la cui realizzazione non è certa a priori e vengono per questo detti eventi aleatori (dal latino alea, dado) L esito della prossima estrazione del lotto L esito del lancio di una moneta o di un dado Il sesso di un nascituro, così come il suo peso alla nascita o la sua altezza.. Il tempo di attesa ad uno sportello

Dettagli

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability

Dettagli

La distribuzione binomiale

La distribuzione binomiale La distribuzione binomiale 1. Che cos'è un numero casuale Stiamo per lanciare un dado. Fermiamo la situazione un attimo prima che il dado cada e mostri la faccia superiore. Finché è in aria esso costituisce

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

Caso e probabilità. Il caso. Il caso. Scommesse e probabilità Fenomeni aleatori Probabilità

Caso e probabilità. Il caso. Il caso. Scommesse e probabilità Fenomeni aleatori Probabilità Introduzione Il caso Il caso commesse e probabilità Il caso i chiama evento casuale quello che si verifica in una situazione in cui gli eventi possibili sono più d uno, ma non si sa a priori quale si verificherà.

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità à 1. Introduzione Calcolo delle Probabilità Il Calcolo delle Probabilità nasce dagli studi matematici sui giochi d azzardo. Il Calcolo delle Probabilità è lo strumento che permette all uomo di assumere

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Giochiamo a dadi Nel XVII secolo il cavaliere De Meré, forte giocatore, come spesso accadeva fra la nobiltà di quel tempo, si pose questo quesito: Che cosa è più conveniente, scommettere

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Pre Test 2008... Matematica

Pre Test 2008... Matematica Pre Test 2008... Matematica INSIEMI NUMERICI Gli insiemi numerici (di numeri) sono: numeri naturali N: insieme dei numeri interi e positivi {1; 2; 3; 4;...} numeri interi relativi Z: insieme dei numeri

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3 livello A1 modulo A1.1 modulo A1.2 matematica livello A2 modulo A2.1 modulo A2.2 livello A insiemi e appartenenza interpretazione grafica nel piano traslazioni proprietà commutatività associatività elemento

Dettagli

COEFFICIENTI BINOMIALI

COEFFICIENTI BINOMIALI COEFFICIENTI BINOMIALI Michele Impedovo micheleimpedovo@uni-bocconiit Una definizione insiemistica Se n è un numero naturale e è un numero naturale compreso tra e n, si indica con il simbolo il coefficiente

Dettagli

Università di Milano Bicocca. Esercitazione 6 di Matematica per la Finanza. 14 Maggio 2015

Università di Milano Bicocca. Esercitazione 6 di Matematica per la Finanza. 14 Maggio 2015 Università di Milano Bicocca Esercitazione 6 di Matematica per la Finanza 14 Maggio 2015 Esercizio 1 Un agente presenta una funzione di utilitá u(x) = ln(1 + 6x). Egli dispone di un progetto incerto che

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Prove e sottoprove. Perché il calcolo combinatorio. La moltiplicazione combinatorica. Scelta con e senza ripetizione { } ( )

Prove e sottoprove. Perché il calcolo combinatorio. La moltiplicazione combinatorica. Scelta con e senza ripetizione { } ( ) Perché il calcolo combinatorio Basato sulle idee primitive di distinzione e di classificazione, stabilisce in quanti modi diversi si possono combinare degli oggetti E molto utile nell enumerazione dei

Dettagli

Esercizi sul calcolo delle probabilità

Esercizi sul calcolo delle probabilità Esercizi sul calcolo delle probabilità Svolti e da svolgere (per MAR 13 marzo) Dati due eventi A e B dello spazio campionario Ω. Si sappia che P(A c )=0,3 P(B)=0,4 e P(A B c )=0,5 si determinino le probabilità

Dettagli

= variazione diviso valore iniziale, il tutto moltiplicato per 100. \ Esempio: PIL del 2000 = 500; PIL del 2001 = 520:

= variazione diviso valore iniziale, il tutto moltiplicato per 100. \ Esempio: PIL del 2000 = 500; PIL del 2001 = 520: Fig. 10.bis.1 Variazioni percentuali Variazione percentuale di x dalla data zero alla data uno: x1 x 0 %x = 100% x 0 = variazione diviso valore iniziale, il tutto moltiplicato per 100. \ Esempio: PIL del

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado. Risposta A). Il triangolo ABC ha la stessa altezza del triangolo AOB ma base di lunghezza doppia (il diametro

Dettagli

BetOnMath. Sintesi del corso. 1 Modulo 1. A cura di C. Andrà, N. Parolini, M. Verani Dipartimento di Matematica, Politecnico di Milano

BetOnMath. Sintesi del corso. 1 Modulo 1. A cura di C. Andrà, N. Parolini, M. Verani Dipartimento di Matematica, Politecnico di Milano BetOnMath Sintesi del corso A cura di C. Andrà, N. Parolini, M. Verani Dipartimento di Matematica, Politecnico di Milano 1 Modulo 1 1.1 Iniziamo... giocando Iniziamo con un gioco molto semplice: il testa

Dettagli

Appunti di Probabilità

Appunti di Probabilità Appunti di Probabilità Bruno Betrò CNR-IMATI, Sezione di Milano bruno.betro@mi.imati.cnr.it www.mi.imati.cnr.it/ bruno Testi di riferimento: Dall Aglio G., Calcolo delle Probabilità, Zanichelli Scozzafava

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

B. Vogliamo determinare l equazione della retta

B. Vogliamo determinare l equazione della retta Risoluzione quesiti ordinamento Quesito N.1 Indicata con α la misura dell angolo CAB, si ha che: 1 Area ( ABC ) = AC AB sinα = 3 sinα π 3 sinα = 3 sinα = 1 α = Il triangolo è quindi retto in A. La misura

Dettagli

Patologia dei limiti

Patologia dei limiti G.Gorni 993/94. Il seno di uno su ics. Patologia dei limiti La funzione f(x) := sen x per x>0 èlapiù classica funzione patologica nel suo comportamento per x 0 +. Vediamo di studiarla brevemente. 0 Una

Dettagli

matematica probabilmente

matematica probabilmente IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Altezze e

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

Calcolo delle Probabilita, INGEGNERIA INFORMATICA, semestre II, laurea (ord. Leonardo.

Calcolo delle Probabilita, INGEGNERIA INFORMATICA, semestre II, laurea (ord. Leonardo. Capitolo 1 9 Ottobre 00 Calcolo delle Probabilita, INGEGNERIA INFORMATICA, semestre II, laurea (ord. Leonardo. 000, Milano Esercizio 1.0.1 (svolto in classe [II recupero Ing. Matematica aa.00-0-rivisitato]nel

Dettagli

E solo questione di metodo:

E solo questione di metodo: E solo questione di metodo: problemi e algoritmi di matematica elementare Progetto Lauree Scientifiche Scuola Estiva di Matematica (4092015) Stefano Finzi Vita Dipartimento di Matematica - Sapienza Università

Dettagli

CAPITOLO 12. Calcolo delle Probabilità. 12.1 Introduzione al Calcolo delle Probabilità

CAPITOLO 12. Calcolo delle Probabilità. 12.1 Introduzione al Calcolo delle Probabilità CAPITOLO 12 Calcolo delle Probabilità 12.1 Introduzione al Calcolo delle Probabilità Una storia d amore Luca abita a Lecco, Bianca a Brindisi. Lui è innamorato perso. Anche lei ama lui, ma, ultimamente,

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

Esercizi di probabilità discreta

Esercizi di probabilità discreta Di seguito, potete trovare i testi (con risposta) degli esercizi svolti (o proposti) nel corso di esercitazioni dell insegnamento di Matematica applicata. 1 Esercizi di probabilità discreta Algebra degli

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

N = numero di uscite del valore puntato N B(3, 1/6) X guadagno

N = numero di uscite del valore puntato N B(3, 1/6) X guadagno Probabilità e giochi v.a. X guadagno del giocatore - positivo, negativo o nullo gioco equo: E(X) = 0 gioco favorevole: E(X) > 0 gioco sfavorevole: E(X) < 0 lancio di tre dadi, puntata di 1 (Euro) su un

Dettagli

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura?

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura? www.matematicamente.it Probabilità 1 Calcolo delle probabilità Cognome e nome: Classe Data 1. Quali affermazioni sono vere? A. Un evento impossibile ha probabilità 1 B. Un vento certo ha probabilità 0

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

PROBABILITA CONDIZIONALE

PROBABILITA CONDIZIONALE Riferendoci al lancio di un dado, indichiamo con A l evento esce un punteggio inferiore a 4 A ={1, 2, 3} B l evento esce un punteggio dispari B = {1, 3, 5} Non avendo motivo per ritenere il dado truccato,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 004 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un piano

Dettagli

matematica per le terze

matematica per le terze istituto professionale versari-macrelli, cesena lorenzo pantieri matematica per le terze Dipartimento di Matematica Anno scolastico 2015-2016 Questo lavoro spiega il programma di matematica agli alun-

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione Le funzioni elementari La struttura di R La struttura di R è definita dalle operazioni Addizione e moltiplicazione. Proprietà: Commutativa Associativa Distributiva dell addizione rispetto alla moltiplicazione

Dettagli

Per poter affrontare il problema abbiamo bisogno di parlare di probabilità (almeno in maniera intuitiva). Analizziamo alcune situazioni concrete.

Per poter affrontare il problema abbiamo bisogno di parlare di probabilità (almeno in maniera intuitiva). Analizziamo alcune situazioni concrete. Parliamo di probabilità. Supponiamo di avere un sacchetto con dentro una pallina rossa; posso aggiungere tante palline bianche quante voglio, per ogni pallina bianca che aggiungo devo pagare però un prezzo

Dettagli

Lezione 15: Un po di cose in generale

Lezione 15: Un po di cose in generale Lezione 15: Un po di cose in generale Abbiamo visto come possiamo associare ad alcune forme del piano o dello spazio delle espressioni analitiche che le rappresentano. Come un equazione sia una relazione

Dettagli

Dagli insiemi al calcolo combinatorio

Dagli insiemi al calcolo combinatorio Dagli insiemi al calcolo combinatorio Il calcolo combinatorio è una parte della matematica che si occupa di contare gli elementi di un insieme finito, ottenuto a partire da altri insiemi, dei quali si

Dettagli

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 1. Si lancia una moneta 2 volte: qual è la probabilità che esca TESTA 0 volte? 1 volta? 2 volte? 2. Si lancia una moneta 3 volte:

Dettagli

ESERCIZI DI CALCOLO COMBINATORIO

ESERCIZI DI CALCOLO COMBINATORIO ESERCIZI DI CALCOLO COMBINATORIO 1. Calcolare il numero degli anagrammi che possono essere formati con le lettere della parola Amore. [120] 2. Quante partite di poker diverse possono essere giocate da

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Cos è una funzione? (x,y) Є f o y=f(x)

Cos è una funzione? (x,y) Є f o y=f(x) Cos è una funzione? Dati gli insiemi X e Y non vuoti, si chiama funzione da in una relazione f tale che per ogni x Є X esiste uno ed un solo elemento y Є Y tale che (x,y) Є f. Data la funzione f:x->r,

Dettagli

Un po di giochi. Prof. Giorgio Bolondi Università degli Studi di Bologna ForMATH project. Giorgio Bolondi

Un po di giochi. Prof. Giorgio Bolondi Università degli Studi di Bologna ForMATH project. Giorgio Bolondi Un po di giochi Prof. Università degli Studi di Bologna ForMATH project Palline, pallette e pallone (per le classi III, IV e V). Gabriele è molto orgoglioso della sua collezione di palle rimbalzine; ne

Dettagli

Traccia della soluzione degli esercizi del Capitolo 1

Traccia della soluzione degli esercizi del Capitolo 1 Traccia della soluzione degli esercizi del Capitolo 1 Esercizio 1 Esprimere ciascuno dei seguenti eventi in termini degli eventi A, B, C. 1. Almeno un evento si verifica. 2. Al più un evento si verifica..

Dettagli