Editoriale. lpsos Retail Solutions. di Carlo Oldrini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Editoriale. lpsos Retail Solutions. di Carlo Oldrini"

Transcript

1 lpsos Retail Solutions The Retail mix Research Specialists Newsletter Marzo 2014 Editoriale In questo secondo numero Ipsos Retail Solutions approfondisce un tema ampiamente dibattuto ma sul quale vi sono sempre state idee e tendenze poco convergenti: l assortimento. Per molti retailer la diversificazione dell offerta è stata il principale motivo di «uniqueness» con cui affrontare il mercato, per altri gli elementi del marketing mix su cui puntare sono stati la leva prezzo o altri fattori. La progressiva disintegrazione delle abitudini dei consumatori provoca inevitabilmente un ripensamento profondo sul ruolo che ha l assortimento nella costruzione dell identità del retailer. La definizione di assortimento su Wikipedia è «L insieme dei beni o servizi che vengono posti in vendita da un operatore commerciale per soddisfare le esigenze dei suoi clienti». Oggi per soddisfare le esigenze dei clienti si parla per lo più di «customer experience» nella quale l assortimento ha naturalmente un ruolo fondamentale ma non esaustivo. Nei canali distributivi moderni dove la fedeltà è diventata il fattore di successo - è quindi sempre più importante comprendere come (e quanto) l assortimento gioca un ruolo nelle decisioni dei clienti di ritornare nel nostro punto vendita. Per la GDO si tratta di fare un passo ulteriore rispetto alle strategie di categoria sulle quali si è lavorato sinora: se il rendere efficienti gli spazi commerciali basandosi sui dati di rotazione e profitto rimane sempre una priorità indiscutibile, l integrare il punto di vista dei consumatori sull assortimento può aggiungere una parte fondamentale di valore alle decisioni dopo un category assessment. Ogni categoria è diversa e non si può generalizzare nessuna tendenza; questo è il motivo per cui Ipsos Retail Solutions ha sviluppato delle metodologie per comprendere il punto di vista dei consumatori sugli assortimenti ; Filippo Genzini e Nikos Kotoulas, in questo numero, illustrano come e perché si può lavorare su questo elemento fondamentale del mix. Buona lettura, di Carlo Oldrini

2 Il dilemma della profondità assortimentale a cura di Filippo Genzini Da tempo assistiamo a un dibattito acceso tra chi è propenso a una drastica riduzione degli assortimenti sugli scaffali dei punti di vendita della distribuzione moderna e chi invece propugna le ragioni di una maggior possibilità di scelta per la clientela, in grado di soddisfare i bisogni, suggerirne di nuovi, far propendere all indulgenza dell acquisto d impulso. Come spesso in questi casi non esistono un torto e una ragione. E, se qualcuno mi chiedesse cosa ne penso, risponderei: dipende! Esistono formati di punto vendita che fanno di una certa frugalità nel numero di referenze trattate la ragione stessa del proprio posizionamento. Il discount, per esempio, che propone alla clientela l immagine di grande convenienza e alcune forme di every day low price, negozi no frills che dovrebbero garantire costantemente prezzi bassi senza fare promozioni, evitare forme di loyalty e altre meccaniche simili e avere un assortimento facile da leggere per un cliente razionale che non vuole sprecare tempo e denaro nel fare la spesa. L ipermercato, al contrario, con le proprie dimensioni e la quantità di metri lineari di scaffali sembra promettere assortimenti profondi in ogni categoria, declinando al meglio anche la variabile della dimensione delle confezioni, con una maggior presenza di quelle risparmio o famiglia. Per tutti i formati, ma in particolare per i supermercati generici, il cui posizionamento rischia di essere meno connotato, la leva assortimentale dovrebbe rappresentare lo strumento principe per differenziarsi dalla concorrenza, con un offerta distintiva, realizzata anche attraverso la proposta di linee di prodotti propri o in esclusiva, soprattutto nelle categorie di destinazione. E siccome l inserimento di nuove referenze non può essere bilanciato dall eliminazione dei blockbuster, che muovono i grandi volumi, il retailer si trova di fronte all alternativa tra l offerta di un assortimento profondo o l eliminazione di una serie di sku dei follower meno connotati. Con risultati in termini di volumi venduti e marginalità da verificare caso per caso. Passando da condizionamenti di tipo strategico, legati al posizionamento dell insegna, ad aspetti più micro, ecco che esistono poi delle differenze piuttosto significative nei desiderata dei clienti in funzione della categoria che si trovano

3 Il dilemma della profondità assortimentale a cura di Filippo Genzini davanti sullo scaffale. Essendo difficile stabilire delle regole a priori, è il pubblico ad avere l ultima parola su quelle per le quali considera indispensabile un assortimento ampio e quelle dove invece l eccesso d offerta rende più complicato e faticoso il fare la spesa. E penso in questo caso soprattutto ai prodotti definiti commodity. Tuttavia, prescindendo dalle catene specializzate, che fanno della conoscenza e declinazione di una o più categorie la propria unique selling proposition, possiamo formulare qualche ipotesi in funzione dell evoluzione della società in cui viviamo: La cura della persona è un area in forte espansione che, con adeguate ambientazioni, può trovare maggior spazio in super e iper. Lo sviluppo aggressivo del segmento delle catene casa-toiletry, delle profumerie e degli specializzati trucco, così come la crescita di canali alternativi di vendita, tanto tradizionali che digitali, dimostrano infatti l esistenza di una domanda non soddisfatta nelle superfici non specializzate. I cui assortimenti, oltre a essere profondi, dovranno tener sempre più conto dei segmenti di clientela emergenti, come gli uomini, gli anziani e gli immigrati, le cui esigenze specifiche richiedono risposte adeguate nell organizzazione delle categorie. I formati delle confezioni sono destinati ad assumere un ruolo sempre più determinante. Perché da una parte aumenta il numero di famiglie composte da single che per molti prodotti, quelli freschi soprattutto, prediligono confezioni monodose, meno soggette a forme di spreco. Sempre per motivi economici, tuttavia, le famiglie con bambini, con uno o due genitori, tenderanno a preferire i grandi formati che offrono un immagine di risparmio. Anche nell alimentare assistiamo allo svilupparsi di due tendenze opposte. Da una parte le famiglie con i genitori che lavorano entrambi, o dove di genitore ce n è uno solo, con poco tempo per la gestione dei pasti e una richiesta crescente di prodotti a contenuto di servizio, tanto nell area della gastronomia, dei freschi confezionati e dei surgelati. Dall altra baby boomer in pensione, persone senza lavoro e provetti cuochi che per passione - o perché hanno più tempo a disposizione di

4 Il dilemma della profondità assortimentale a cura di Filippo Genzini prima e cercano di risparmiare - ricorrono più che in passato ai semilavorati per farsi in casa i piatti elaborati ma anche la pasta o il pane, per esempio. L abbigliamento, dall intimo in su, rappresenta una sfida per i formati di dimensioni maggiori, vista l offerta con elevate potenzialità di miglioramento se confrontata con quanto proposto a prezzi convenienti e qualità percepita adeguata dalle insegne della moda giovane, come Zara e H&M, così come da catene di casa nostra come Intimissimi, Calzedonia, Yamamay. Si tratta di un punto cruciale, questo, soprattutto per gli ipermercati e per i supermercati integrati, o i superstore. Se l offerta di prodotti alimentari, per la cura della persona e della casa è indirizzata a clienti sensibili al richiamo della marca di un economia matura, quella nelle categorie definite bazar sembra spesso pensata per il pubblico di un paese in via di sviluppo, con elevati margini di miglioramento tanto in termini di categorie e marche referenziate, che di ambientazioni. A tale proposito esistono categorie spesso ignorate, o gestite da molte insegne con apparente trascuratezza, come per esempio quella degli accessori per la casa, la cartoleria, i casalinghi. A fronte della progressiva chiusura dei negozi tradizionali di quartiere, e della progressiva canalizzazione di tali articoli in grandi superfici spesso periferiche, le opportunità per punti di vendita frequentati regolarmente di soddisfare meglio la domanda sono elevate. Come dicevo nella premessa, non esistono regole universali perché le scelte in tema di ampiezza e profondità assortimentale dipendono dal posizionamento strategico di ciascuna insegna e dal ruolo assegnato a ciascuna categoria. Un esercizio in teoria più facile per le catene specializzate, più complesso per i generalisti. I quali, tuttavia, possono avere proprio qui interessanti opportunità di sviluppo del fatturato, in un periodo in cui l inerzia non può invertire la tendenza a una lenta ma costante erosione. Ma non esistono regole universali anche e soprattutto perché, facendo uno sforzo di posizionamento, ciascuna insegna dovrebbe rivolgersi a un proprio pubblico specifico, formulando la propria offerta sulla base di una migliore conoscenza dei suoi bisogni, dei sui gusti e delle sue aspirazioni.

5 Fresh data: melius est deficere a cura di Nikos Kotoulas Immaginiamo di fare la spesa e di imbatterci in uno scaffale estremamente ben fornito, in cui siano presenti moltissime referenze. Una possibile reazione potrebbe essere quella di stupore, curiosità e soddisfazione: quanta scelta! Lo sguardo passa velocemente da un prodotto premium a uno di nicchia, da una promozione a un pack convenienza, da una variante di gusto a una più salutistica, alla ricerca di quei prodotti che soddisfino i bisogni del momento o la semplice curiosità. Ma in altri casi, la reazione è opposta e di puro sconforto. Tanta abbondanza non è richiesta né necessaria: armati di pazienza andiamo alla ricerca del prodotto che avevamo in mente o del quale abbiamo bisogno senza tanti fronzoli, sperando di trovarlo in fretta tra la moltitudine di confezioni colorate. E quindi un fattore non secondario l ascoltare i clienti e i loro desiderata, così da assicurare un efficiente incontro tra domanda e (profondità) dell offerta, evitando che la spesa diventi un esperienza stressante. Un sondaggio condotto questo Febbraio da Ipsos conferma che le aspettative degli shopper in merito all offerta a scaffale possono essere molto diverse, in base alla categoria considerata. Inoltre, all interno di una categoria merceologica, il tipo di spesa è ininfluente rispetto alle aspettative: che si tratti di spesa di necessità, complementare, di rifornimento o abituale, non cambia la rilevanza di un assortimento più o meno profondo. La rilevanza, lo ripetiamo, dipende dalla categoria. Per esempio, per la serie più ce n è meglio è, per oltre il 70% degli intervistati è fondamentale avere un ampia scelta di prodotti per la cura della persona, di prodotti da forno (biscotti, merendine) e di idee per risolvere una cena (surgelati). Seguono altre categorie, come prodotti per la pulizia della casa, formaggi, pasta, birra, sughi e scatolame, per i quali è comunque importante avere un buon ventaglio di scelte specialmente da parte degli shopper dei Supermercati riguardo a birra, pasta e prodotti confezionati. Vi sono quindi margini per ottimizzare l offerta sulla categoria pasta negli Iper e nei Discount, visto che quasi il 40% dei clienti dichiara di non voler più di tanto perdere tempo a scaffale su questa categoria (rispetto a un 29% dei Supermercati). Nei Discount sono il 42% quelli che invece Fonte: Ipsos Retail Solutions, 1000 casi, Feb. 2014

6 Fresh data: melius est deficere a cura di Nikos Kotoulas dichiarano lo stesso rispetto all offerta di referenze nella categoria birra (vs. il 33% dei Super): anche qui, quindi, si possono rivedere le priorità di assortimento. E poi un dato che fa riflettere che per circa il 40% degli shopper ci sia un offerta eccessiva per categorie quali il caffè, le bibite e i prodotti non alimentari per i bambini, con punte di quasi il 50% per le categorie latti e cibo per animali. Fa riflettere ancora di più la mancanza di differenze significative tra i vari formati di punto vendita, dove ci si aspetterebbe che agli Ipermercati venisse riconosciuta una maggior importanza per la profondità di offerta su queste categorie. a causa delle ristrettezze finanziarie, spererebbero di trovare più varietà e al giusto prezzo. Se nel precedente numero della nostra newsletter abbiamo già affrontato quanto sia importante la navigabilità del punto vendita, intervenendo su zone fredde e ottimizzando quelle troppo trafficate, non si può quindi negare che, nel suo piccolo, lo scaffale può presentare le medesime problematiche e necessiterebbe la stessa attenzione, partendo dai bisogni reali delle persone. Proprio in merito all offerta negli Iper, ci sono categorie non alimentari che invece potrebbero svilupparsi maggiormente: mentre si riconosce un offerta ricca o comunque adeguata sui casalinghi e sui prodotti di elettronica, un terzo degli shopper lamenta una scarsa offerta nel fai da te area che, complice la crisi economica, attira sempre più persone. Anche l area dedicata all abbigliamento è scarna per un quarto degli intervistati, soprattutto per le donne (30%) che, sempre Fonte: Ipsos Retail Solutions, 1000 casi, Feb. 2014

7 Soluzioni per un assortimento efficiente a cura di Massimo De Benedittis, Nikos Kotoulas Negli articoli precedenti si è discusso di come l assortimento debba essere più o meno profondo a seconda del canale di distribuzione e, soprattutto, della categoria di prodotto. Definire l offerta ideale è un processo delicato, perché se da un lato, come si è visto per certe categorie, si può avere un eccesso non richiesto, dall altro, ogni assenza può impattare più o meno pesantemente sulla soddisfazione e di conseguenza sulle vendite e sulla fedeltà. Per questo, secondo noi, la strategia assortimentale, se basata sulla sola analisi delle vendite, risultata limitata. Per aiutare i Retailer nella definizione dell assortimento ottimale, Ipsos ha sviluppato il tool Ipsos Efficient Assortment. L approccio metodologico si basa su un integrazione dei dati in possesso del Retailer con quelli di una survey sulla clientela, arricchendo così l analisi con gli atteggiamenti, cioè con le reazioni del consumatore/shopper nel caso in cui a scaffale non trovasse il prodotto desiderato. La conoscenza del grado di unicità per il consumatore di ciascuna SKU è il punto cardine del nostro approccio, permettendoci di rispondere a domande chiave del Retailer. Si possono infatti identificare quali referenze de-listare senza impattare sulle vendite della categoria, minimizzando inoltre il rischio per l insegna di perdere acquirenti. Oppure, individuare quali prodotti rappresentano dei must-have e quali invece sono assenti dalla propria offerta, dando così spazio per l innovazione (private label) o per un arricchimento dell assortimento, riducendo il rischio di «scappatelle» verso altre Insegne. Misurare il grado di sostituibilità di ogni referenza a livello di singolo shopper, permette inoltre di identificare l impatto sulle vendite e raccomandare quale tipo di planogramma potrebbe facilitare il processo di acquisto. Infine, attraverso l utilizzo di un simulatore, Ipsos Efficient Assortment è in grado di verificare diversi scenari di offerta e costruire quello ottimale. Certo, l ottimizzazione del portfolio porta poi a riflessioni sullo sfruttamento dei nuovi spazi creati: un nuovo «problema» che, ne siamo sicuri, i Retailer saranno lieti di poter affrontare.

8 Ipsos opera nel segmento delle ricerche di mercato "survey based", ovvero ricerche condotte raccogliendo informazioni direttamente dagli individui. Raccogliamo, elaboriamo e analizziamo informazioni riguardo i valori, le attitudini e i comportamenti. La nostra missione è aiutare i nostri Clienti a capire meglio i loro mercati, i loro clienti e i cambiamenti del mondo. Ipsos nasce in Francia nel 1975 ed è oggi presente in 85 paesi, tra i quali l Italia, con uffici a Milano, Roma e Bari dove 250 professionisti gestiscono più di progetti all anno. Ipsos Retail Solutions nasce dall esperienza del Gruppo Ipsos nella collaborazione con i Retailers e dalla profonda conoscenza della realtà socio-culturale del Paese, delle tendenze e prospettive future. Ci proponiamo di supportare gli attori del settore nel: Anticipare e interpretare le tendenze del mercato Prendere decisioni strategiche coerenti Definire le modalità ottimali di implementazione sul punto vendita Il nostro obiettivo ultimo è contribuire alla crescita dell Insegna agendo su tutte le leve del retail mix che determinano la customer experience: format, assortimento, percezione posizionamento di prezzo, servizio, personale, iniziative marketing, loyalty, comunicazione. Contatti: Carlo Oldrini, Direttore Ipsos Marketing Nikos Kotoulas, Ipsos Retail Solutions, Dir. commerciale Filippo Genzini, Ipsos Retail Solutions, Senior consultant Zaira Licciardello, Ipsos Retail Solutions, Dir. commerciale

Editoriale. lpsos Retail Solutions. di Carlo Oldrini

Editoriale. lpsos Retail Solutions. di Carlo Oldrini lpsos Retail Solutions The Retail mix Research Specialists Newsletter Giugno 2014 Editoriale di Carlo Oldrini In questo numero della nostra newsletter approfondiamo il tema della comunicazione in store

Dettagli

Editoriale. di Carlo Oldrini

Editoriale. di Carlo Oldrini lpsos Retail Solutions The Retail mix Research Specialists Newsletter Febbraio 2014 Editoriale di Carlo Oldrini Chi si occupa di Retail non sarà sorpreso nel leggere di questa nostra nuova iniziativa chiamata

Dettagli

Editoriale. lpsos Retail Solutions. di Carlo Oldrini

Editoriale. lpsos Retail Solutions. di Carlo Oldrini lpsos Retail Solutions The Retail mix Research Specialists Newsletter Settembre 2014 Editoriale Come argomento centrale del primo numero post-ferie della nostra newsletter abbiamo scelto la «fedeltà».

Dettagli

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati La nuova qualità nel settore delle carni Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati Roberta Moruzzo Dipartimento di Produzioni Animali, Università di Pisa robemoru@vet.unipi.it

Dettagli

Editoriale. lpsos Retail Solutions. di Carlo Oldrini

Editoriale. lpsos Retail Solutions. di Carlo Oldrini lpsos Retail Solutions The Retail mix Research Specialists Newsletter Maggio 2014 Editoriale di Carlo Oldrini Ed eccoci arrivati alla fine di Maggio, epoca in cui abbastanza tempo è passato per misurarsi

Dettagli

Programmazione o impulso? Come cambia il comportamento d acquisto in tempo di crisi

Programmazione o impulso? Come cambia il comportamento d acquisto in tempo di crisi Programmazione o impulso? Come cambia il comportamento d acquisto in tempo di crisi Maria Grazia Cardinali Crescere con la Fedeltà in Tempo di Crisi 25 ottobre 2013 COME CAMBIA IL COMPORTAMENTO D ACQUISTO

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

WHITE PAPER. Un canale in evoluzione. Le nuove strategie del Discount

WHITE PAPER. Un canale in evoluzione. Le nuove strategie del Discount Un canale in evoluzione Luglio 2015 L ingresso in Italia e l evoluzione negli anni In Italia, i discount sono apparsi negli anni 80 ma il primo ingresso significativo nel paese fu quello di Lidl che il

Dettagli

Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1

Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1 TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE COMMERCIALI Powerpoint Templates Page 1 MATERIALE CONSULTATO Daniele Fornari Trade marketing-relazioni di filiera e strategie commerciali Egea 2009. Consultazioni

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21(

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( /(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( Abbiamo visto, nel paragrafo precedente, quali sono le figure e le strutture che possono costituire i canali di vendita per l impresa produttrice di olio di oliva,

Dettagli

#volantino13 + 39 339 5288754

#volantino13 + 39 339 5288754 PROMOZIONI EFFICACI? LE NUOVE FRONTIERE DEL VOLANTINO #volantino13 + 39 339 5288754 PROMOZIONI OFFERTA DI CONVENIENZA E NUOVE TENDENZE DI CONSUMO Romolo de Camillis Promozioni Efficaci, Parma 19 Aprile

Dettagli

IL CHECK UP DEL PUNTO VENDITA

IL CHECK UP DEL PUNTO VENDITA Attilio Rossi, Emanuele Schmidt IL CHECK UP DEL PUNTO VENDITA Incrementare la redditività di grandi e medie superfici MANUALI/FrancoAngeli GUIDA OPERATIVA PER LO STORE MANAGER Attilio Rossi, Emanuele

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

La passione degli italiani per gli animali da compagnia

La passione degli italiani per gli animali da compagnia Paolo Garro Business Insights Director 1 Introduzione Nelle case degli italiani gli animali da compagnia non sono una presenza rara: in circa una su tre è presente almeno un cane o un gatto, senza contare

Dettagli

Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Come sta cambiando il consumatore

Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Come sta cambiando il consumatore Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Come sta cambiando il consumatore Montelupo Fiorentino, 20 marzo 2014 Una nuova prospettiva di marketing: dai segmenti di consumo ai meeting - points

Dettagli

Luciedombreneltrend di crescitadellamarca commerciale Obiettivo 22% nel 2015. Gianmaria Marzoli Retail Solutions

Luciedombreneltrend di crescitadellamarca commerciale Obiettivo 22% nel 2015. Gianmaria Marzoli Retail Solutions Luciedombreneltrend di crescitadellamarca commerciale Obiettivo 22% nel 2015 Gianmaria Marzoli Retail Solutions 16 gennaio 2014 10 anni di MARCA Per VALORE DELLE VENDITE 3,6 miliardi di 9,7 miliardi di

Dettagli

In-Store Communication: come aumentare la visibilità sul punto vendita! www.aladino-net.com. pag.

In-Store Communication: come aumentare la visibilità sul punto vendita! www.aladino-net.com. pag. 1 Le marche cercano quotidianamente visibilità, per poter essere immediatamente riconoscibili dal proprio consumatore nel momento in cui sta per compiere l atto d acquisto. Le leve su cui agire per raggiungere

Dettagli

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 Le nuove tendenze del largo consumo Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 La fiducia dei consumatori Più risparmio Italiani preoccupati 25% ha paura di perdere il lavoro

Dettagli

Oltre al Price Optimization, la digitalizzazione del processo di formulazione prezzi

Oltre al Price Optimization, la digitalizzazione del processo di formulazione prezzi Oltre al Price Optimization, la digitalizzazione del processo di formulazione prezzi Indice Chi è SAIT Il processo di pricing da analogico verso il digitale Progetto Price Optimization in SAIT: Obiettivi

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

TROPPA SCELTA?! Attrazione e repulsione delle alternative di acquisto. Gianpiero Lugli Giorgio Santambrogio. Università di Parma Facoltà di Economia

TROPPA SCELTA?! Attrazione e repulsione delle alternative di acquisto. Gianpiero Lugli Giorgio Santambrogio. Università di Parma Facoltà di Economia TROPPA SCELTA?! Attrazione e repulsione delle alternative di acquisto Gianpiero Lugli Giorgio Santambrogio Università di Parma Facoltà di Economia IL VALORE DI POTER SCEGLIERE La possibilità di scegliere

Dettagli

Andamento dei mercati di Largo Consumo alla luce deil attuale contesto economico

Andamento dei mercati di Largo Consumo alla luce deil attuale contesto economico 1 Largo Consumo: le aspettative e i risultati Il Largo Consumo subisce i contraccolpi di una situazione recessiva: le nostre previsioni sono orientate verso una negatività dei volumi acquistati, in media

Dettagli

Il rilancio del discount

Il rilancio del discount Il rilancio del discount Cristina Farina Parma, 7 maggio 2012 cristina.farina@nielsen.com Agenda Fotografia del canale e contesto di riferimento Andamenti del Discount Il Discount e le famiglie italiane

Dettagli

I negozi Specializzati attraggono più consumatori

I negozi Specializzati attraggono più consumatori Autori: Ambra Bellia e Marco Raimondi- SymphonyIRI 1 Introduzione e macro analisi del comparto Nonostante il contesto economico difficoltoso, secondo una indagine congiunturale proposta dal Centro Studi

Dettagli

FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006

FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006 FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006 Il PRODOTTO arriva al CONSUMATORE attraverso la DISTRIBUZIONE La DISTRIBUZIONE è il più potente selettore di offerte e il parametro di questa selezione è la

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

Conclusioni della diciottesima edizione dello studio NetObserver Europa: I navigatori europei e i brand

Conclusioni della diciottesima edizione dello studio NetObserver Europa: I navigatori europei e i brand NetObserver Europa PER SAPERE TUTTO SUI NAVIGATORI Comunicato stampa Parigi, Marzo 2009 Conclusioni della diciottesima edizione dello studio NetObserver Europa: I navigatori europei e i brand A conclusione

Dettagli

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia MARKETING La gestione dei canali distributivi Che cosa è un canale distributivo? E un insieme di imprese il cui compito è trasferire un bene fisico o un servizio dal produttore al consumatore, generando

Dettagli

[ ] L ALLINEAMENTO DI STRATEGIE DI PREZZO E BRAND BUILDING PER LA CRESCITA DELLE AZIENDE

[ ] L ALLINEAMENTO DI STRATEGIE DI PREZZO E BRAND BUILDING PER LA CRESCITA DELLE AZIENDE WHITE PAPER [ Con la moderata ripresa economica emergono nuove necessità di bilanciamento delle leve di marketing Pierluigi Carlini ASK Vice President IRI Con la moderata ripresa economica emergono nuove

Dettagli

Il nostro spreco quotidiano

Il nostro spreco quotidiano Il nostro spreco quotidiano Torino, 23 ottobre 2014 Franca Braga Responsabile Centro studi alimentazione e salute Chi siamo? La prima e più diffusa organizzazione di consumatori italiana ALTROCONSUMO è

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Indagine trade sulla organizzazione e gestione del reparto pane

Indagine trade sulla organizzazione e gestione del reparto pane Indagine trade sulla organizzazione e gestione del reparto pane PAN&CO ha commissionato all istituto di ricerca Metron un indagine di mercato su più comprendere e interpretare i bisogni, le dinamiche e

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

LA NOSTRA CATEGORIA FOOD

LA NOSTRA CATEGORIA FOOD MELTIN BOX GDOWeek THINKTANK Contest 2014 Progetto di Trade Marketing e Category Management Gruppo Foodastic Martina Ascoli, Anna Frassanito, Lara Mazzoleni, Giulia Moretto, Silvia Travaglini LA NOSTRA

Dettagli

Seminario Distribuzione Moderna. Urbino 15 dicembre 2014

Seminario Distribuzione Moderna. Urbino 15 dicembre 2014 Seminario Distribuzione Moderna Urbino 15 dicembre 2014 agenda La Distribuzione Moderna Il sistema Conad Lo scenario generale e le evoluzioni in corso Le ultime tendenze La Distribuzione Moderna La Distribuzione

Dettagli

Domanda interna e strategie di filiera

Domanda interna e strategie di filiera Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Domanda interna e strategie di filiera Assemblea 2013 Scelte di mercato Contesto economico e decisioni d'impresa per il rilancio della domanda Milano,

Dettagli

ALLEGATO 1_Focus Group Milano, 22/03/2013

ALLEGATO 1_Focus Group Milano, 22/03/2013 ALLEGATO 1_Focus Group Milano, 22/03/2013 Al fine di valutare il concept e individuare possibili aree di miglioramento, è stato effettuato un focus group. L'incontro ha visto la partecipazione di 6 persone,

Dettagli

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi Evento organizzato da: In collaborazione con: LE FINALITÀ CONOSCITIVE DEL CONTRIBUTO DI NOMISMA PER L OSSERVATORIO

Dettagli

Fidelizzare il Cliente La nostra esperienza

Fidelizzare il Cliente La nostra esperienza Fidelizzare il Cliente La nostra esperienza CONVEGNO SUL MICROMARKETING UNIVERSITA DI PARMA - 21 OTTOBRE 2011 Finiper: la storia 1974 Marco Brunelli apre il primo ipermercato italiano a Montebello della

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

WHITE PAPER. Fattori critici per un successo sostenibile. Il Largo Consumo nell attuale contesto economico

WHITE PAPER. Fattori critici per un successo sostenibile. Il Largo Consumo nell attuale contesto economico Fattori critici per un successo sostenibile Giugno 2014 Lo scenario macroeconomico Gli indicatori economici recenti segnalano che l economia italiana è ancora in difficoltà. Il trend tendenziale del PIL

Dettagli

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2015 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2015 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA an event by RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2015 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA Pet: cittadini di serie A Con la collaborazione di INDICE RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2015 MERCATO ITALIA Indice Infografica

Dettagli

Strategia di marketing

Strategia di marketing Strategia di marketing La strategia di marketing è il complesso di azioni coordinate che un impresa realizza per raggiungere i propri obiettivi di marketing Elementi fondamentali della strategia di marketing

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA ADEM LAB- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA Silvia Bellini Università degli Studi di

Dettagli

OPTIMAL SHELF AVAILABILITY

OPTIMAL SHELF AVAILABILITY OPTIMAL SHELF AVAILABILITY OSA Shopper Survey Milano, Novembre 2014 Optimal Shelf Availability 1 Agenda 1 Premessa, Aree d analisi, Progetto di Ricerca 2 OOS per lo Shopper: definizione dei parametri di

Dettagli

Analisi strategica di Esselunga s.p.a. Angela Laura Ficili, Federica Biondi, Sara Galli, Ivan Ialonardi

Analisi strategica di Esselunga s.p.a. Angela Laura Ficili, Federica Biondi, Sara Galli, Ivan Ialonardi Analisi strategica di Esselunga s.p.a. Angela Laura Ficili, Federica Biondi, Sara Galli, Ivan Ialonardi STORIA 1957: nasce a Milano, da un idea di Bernardo Caprotti e Nelson Rockfeller, il primo negozio

Dettagli

Sostenibilità e servizi in farmacia

Sostenibilità e servizi in farmacia Milano, 22 Aprile 2013 Università Commerciale L. Bocconi Stefano Casati Andrea Misticoni Michele Popolo Angelica Vallarino Gancia Agenda 1 2 3 4 Introduzione Analisi e Market Overview Linee di sviluppo

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it CRM & micromarketing per la creazione di fedeltà e valore I Mktg-L12 CRM "Il CRM

Dettagli

Brochure per fornitori e partner

Brochure per fornitori e partner La grande catena di negozi per tutta la famiglia Brochure per fornitori e partner SOMMARIO Sommario... 3 Il Gruppo CIA Diffusione Abbigliamento... 4 La Rete dei Punti Vendita... 4 I motivi di un successo...

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business- Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna. Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012

LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna. Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012 LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012 Il Contesto Europeienordamericanisprecanoatestaall incircatrai95ei115kgdiciboall

Dettagli

IL MARKETING IN FARMACIA

IL MARKETING IN FARMACIA IL MARKETING IN FARMACIA 1 IL MARKETING IN FARMACIA Tutte le farmacie erano imprese commerciali: che non dovevano attirare clientela in quanto la loro area di competenza era (ed è) già definita per legge;

Dettagli

La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech

La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech Claudio Lattanzi La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech Bologna, 23 giugno 2015 Perché siamo qui oggi a parlare di couponing? Per due principali motivi! 1. Innanzi

Dettagli

SCELTA DEI CANALI DISTRIBUTIVI NEI MERCATI ESTERI

SCELTA DEI CANALI DISTRIBUTIVI NEI MERCATI ESTERI SCELTA DEI CANALI DISTRIBUTIVI NEI MERCATI ESTERI Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it L IMPORTANZA DELLA VARIABILE DISTRIBUTIVA È CRESCENTE, SOPRATTUTTO

Dettagli

Mondo Pharma gcs Software

Mondo Pharma gcs Software Strumenti & Servizi Mondo Pharma gcs Software Prima di Iniziare Alcuni Riposanti Istanti tratti da Come eravamo Ieri La Cara Vecchia Farmacia Oggi Oggi in Farmacia lo spazio attribuito ad una categoria/reparto

Dettagli

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale ECR Italia, nel 2002, ha sviluppato una prima iniziativa sul tema della Responsabilità Sociale ed Ambientale (RS&A). Obiettivo principale dell iniziativa

Dettagli

ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO

ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO ANALISI A CASCATA DELL AMBIENTE COMPETITIVO ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO Cap. 5: Analisi della domanda/ segmentazione

Dettagli

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda Il Marketing strategico (il Piano di Marketing) scelte di lungo periodo

Dettagli

CEREF Soc. Coop. a r.l. Viale Monza, 12 20127 Milano www.ceref.net - Catalogo corsi di Formazione per la Distribuzione Commerciale -

CEREF Soc. Coop. a r.l. Viale Monza, 12 20127 Milano www.ceref.net - Catalogo corsi di Formazione per la Distribuzione Commerciale - 3333 CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE PER LA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE INDICE AREA COMMERCIALE E GESTIONALE Lo scenario e gli sviluppi della GD in Italia e in Europa pag. 2 Le leve commerciali della distribuzione

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Osservatorio Non Food VIII Ediz. Anno 2010 (dati anno solare 2009) Abstract A cura di Marco Cuppini, Direttore Studi e Ricerche Indicod-Ecr

Osservatorio Non Food VIII Ediz. Anno 2010 (dati anno solare 2009) Abstract A cura di Marco Cuppini, Direttore Studi e Ricerche Indicod-Ecr Osservatorio Non Food VIII Ediz. Anno 2010 (dati anno solare 2009) Abstract A cura di Marco Cuppini, Direttore Studi e Ricerche Indicod-Ecr In collaborazione con TRADELAB Prefazione Siamo all ottava edizione

Dettagli

Il consumo di latticini e formaggi: i cambiamenti nel tempo e l identikit del consumatore

Il consumo di latticini e formaggi: i cambiamenti nel tempo e l identikit del consumatore Il consumo di latticini e formaggi: i cambiamenti nel tempo e l identikit del consumatore 11 Febbraio 2014 Isabella Cecchini Direttore Dipartimento Ricerche sulla Salute - GfK Eurisko GfK Eurisko Milano,

Dettagli

Come iniziare: quali sono primi fondamentali passi per realizzare un punto vendita di successo

Come iniziare: quali sono primi fondamentali passi per realizzare un punto vendita di successo Come iniziare: quali sono primi fondamentali passi per realizzare un punto vendita di successo La domanda preliminare: dove aprire un punto vendita? Le scelte di posizionamento geografico di nuove aperture

Dettagli

Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo. Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona

Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo. Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona Quali particolarità per il Distributore? Il ciclo economico Produzione

Dettagli

Fare clic per modificare lo stile del. titolo dello schema

Fare clic per modificare lo stile del. titolo dello schema Parte 4 INDICE OBIETTIVI METODOLOGIA E CAMPIONE GLI ACQUIRENTI DI GIORNALI E RIVISTE IN GDO La multicanalità I fattori di scelta del canale e customer satisfaction Il processo di acquisto Il livello di

Dettagli

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2013 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2013 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2013 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA INDICE Introduzione 5 Abstract 6 Metodologia - Fonti e raccolta dati 8 PARTE 1 - IL MERCATO 9 In crescita il mercato italiano

Dettagli

LA MISSION ESSERE RICONOSCIUTI, NEL NOSTRO TERRITORIO, COME I MIGLIORI NELLA CONOSCENZA E NELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

LA MISSION ESSERE RICONOSCIUTI, NEL NOSTRO TERRITORIO, COME I MIGLIORI NELLA CONOSCENZA E NELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 2 LA MISSION ESSERE RICONOSCIUTI, NEL NOSTRO TERRITORIO, COME I MIGLIORI NELLA CONOSCENZA E NELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1 2 LA STORIA Il Gruppo Gabrielli nasce dall intuito di Pietro Gabrielli e di

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

IL CONTESTO - Il 2014 era atteso come l anno dell inversione di tendenza, dopo i timidi segnali di ripresa registrati nel primo trimestre.

IL CONTESTO - Il 2014 era atteso come l anno dell inversione di tendenza, dopo i timidi segnali di ripresa registrati nel primo trimestre. Silvia Zucconi, Coordinatore Area Agroalimentare silvia.zucconi@nomisma.it IL CONTESTO - Il 2014 era atteso come l anno dell inversione di tendenza, dopo i timidi segnali di ripresa registrati nel primo

Dettagli

Retailing e innovazione: il settore ottico

Retailing e innovazione: il settore ottico Retailing e innovazione: il settore ottico Autore Roberta De Sanctis Docente universitaria per le materie di marketing e distribuzione Responsabile scientifico Ottico optometrista. Docente di ottica e

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio.

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio. Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio Seconda edizione Note metodologiche Ufficio Sistema Statistico Direzione Risorse Umane

Dettagli

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA 2 BIO-RETAIL: INDAGINE ISMEA SUL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA - 2014 IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA I n base alle stime

Dettagli

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

Il marketing nelle PMI agroalimentari piemontesi

Il marketing nelle PMI agroalimentari piemontesi 1 Il marketing nelle PMI agroalimentari piemontesi Un indagine sui comportamenti e sulle attese, per attuare soluzioni vincenti Torino, 9 novembre 2004 3 OBIETTIVI DELLA RICERCA Rilevare: 1 la sensibilità

Dettagli

Marketing Management

Marketing Management Marketing Management Modulo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Modulo 1 - slide 1 Obiettivi di apprendimento Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere

Dettagli

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali *

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Vincenzo Tassinari ** Abstract Un retailer moderno ed evoluto deve saper innovare ed arricchire il valore dell offerta nella propria

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Il consulente è e rimarrà il fattore critico

Il consulente è e rimarrà il fattore critico COVERSTORY Il consulente è e rimarrà il fattore critico di successo del business della distribuzione del settore finanziario - assicurativo - previdenziale. Ciò a dispetto della comparsa di diversi canali

Dettagli

PROMOMERCHANDISING COMPLEMENTARE IPOTESI DI PROFICUA METODOLOGIA AL SERVIZIO DEL RETAILING

PROMOMERCHANDISING COMPLEMENTARE IPOTESI DI PROFICUA METODOLOGIA AL SERVIZIO DEL RETAILING PROMOMERCHANDISING COMPLEMENTARE IPOTESI DI PROFICUA METODOLOGIA AL SERVIZIO DEL RETAILING Definizione di PMC (Promo Merchandising Complementare) Disciplina su cui convergono operazioni finalizzate a valorizzare

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO DEI PRODOTTI A D.O. NELLA GDO quali leve per valorizzare al meglio «la qualità» Parma, 9 maggio 2012

IL POSIZIONAMENTO DEI PRODOTTI A D.O. NELLA GDO quali leve per valorizzare al meglio «la qualità» Parma, 9 maggio 2012 IL POSIZIONAMENTO DEI PRODOTTI A D.O. NELLA GDO quali leve per valorizzare al meglio «la qualità» Parma, 9 maggio 2012 1 IL FATTURATO ALLA PRODUZIONE Cresce la produzione certificata, cresce il fatturato

Dettagli

POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE

POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE Per prodotto s intende tutto ciò che può essere offerto ai consumatori per soddisfare un loro bisogno IN BASE ALLE ABITUDINI DEL CONSUMATORE I PRODOTTI

Dettagli

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Perché alcuni personaggi di film per ragazzi crescono? Perché nel 2009 Disney decide di realizzare un nuovo

Dettagli

Caratteristiche del canale, strategie dei gestori, posizionamento delle imprese di produzione e comportamento d acquisto dei clienti

Caratteristiche del canale, strategie dei gestori, posizionamento delle imprese di produzione e comportamento d acquisto dei clienti Caratteristiche del canale, strategie dei gestori, posizionamento delle imprese di produzione e comportamento d acquisto dei clienti 5 a edizione - 2015 PREMESSA Dall analisi Bar 2012 è emerso che: cresce

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

WHITE PAPER. E necessario seguire i trend emergenti. Il reparto del Cura Persona nel canale moderno.

WHITE PAPER. E necessario seguire i trend emergenti. Il reparto del Cura Persona nel canale moderno. E necessario seguire i trend emergenti. Marzo 2015 Macroanalisi del comparto Il mercato italiano del cura persona risente di quei freni che già da tempo incidono sulla propensione al consumo di larghe

Dettagli

La formazione degli assortimenti commerciali. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

La formazione degli assortimenti commerciali. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La formazione degli assortimenti commerciali Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La funzione degli acquisti nelle aziende commerciali L efficiente svolgimento della funzione acquisti

Dettagli

44541 - GESTIONE DELLA RISTORAZIONE CDL: Scienze dei consumi alimentari e della ristorazione- A.A. 2009/2010 Prof. D. Viaggi

44541 - GESTIONE DELLA RISTORAZIONE CDL: Scienze dei consumi alimentari e della ristorazione- A.A. 2009/2010 Prof. D. Viaggi 44541 - GESTIONE DELLA RISTORAZIONE CDL: Scienze dei consumi alimentari e della ristorazione- A.A. 2009/2010 Prof. D. Viaggi N.B. Da compilare su file e restituire al docente via e-mail entro venerdì 23

Dettagli

Evoluzione della distribuzione nel sistema agroalimentare

Evoluzione della distribuzione nel sistema agroalimentare Evoluzione della distribuzione nel sistema agroalimentare dia n.1 dia n.2 Funzione e ruolo della distribuzione La distribuzione produce un servizio commerciale, inteso come il risultato delle attività

Dettagli

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Dicembre 2007 Introduzione La presente indagine monografica è stata condotta

Dettagli

Il profilo degli intervistati

Il profilo degli intervistati Il profilo degli intervistati In quale classe di fatturato rientra la sua azienda? n. % Fino a 50 milioni di euro 17 20.7 Da 50 milioni di euro a 300 milioni di euro 23 28.0 Da 300 milioni di euro a 1.000

Dettagli

TRAFFIC BAR 2013. Caratteristiche del canale, strategie dei gestori e comportamento d acquisto dei clienti. 2 a Edizione 2013 TRAFFIC BAR 2013

TRAFFIC BAR 2013. Caratteristiche del canale, strategie dei gestori e comportamento d acquisto dei clienti. 2 a Edizione 2013 TRAFFIC BAR 2013 Caratteristiche del canale, strategie dei gestori e comportamento d acquisto dei clienti 2 a Edizione 2013 L analisi Traffic Bar 2013 ha l obiettivo di fornire alle aziende che gestiscono e si relazionano

Dettagli

La rivoluzione digitale Una sfida per la distribuzione italiana?

La rivoluzione digitale Una sfida per la distribuzione italiana? La rivoluzione digitale Una sfida per la distribuzione italiana? Consumer & Retail Summit 2014 Milano, 9 ottobre 2014 Alberto Zunino Il Digital è oramai una realtà negli Stati Uniti anche per il Grocery

Dettagli

fidelizzare, l arma vincente per il pranzo

fidelizzare, l arma vincente per il pranzo food&drink / occasioni di consumo 20% IL fatturato bevande del pranzo AL BAR -6% IL fatturato 2013 VS 2012 92 fidelizzare, l arma vincente per il pranzo occasioni di consumo / food&drink L identikit del

Dettagli