IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPORT-EXPORT PAESI BASSI"

Transcript

1 QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta attraversando una fase positiva che ha fatto registrare una considerevole crescita del PIL (+ 2,9% per il 2007 secondo il FMI e l OCSE). Il Commercio estero si conferma essere una delle componenti piú solide dell economia olandese. Nell ultimo triennio hanno contribuito in maniera determinante a tale andamento le esportazioni, favorite anche da una forte domanda estera e da un progressivo aumento della competitività del mercato. Le esportazioni continuano a svolgere un ruolo fondamentale nella ripresa economica dei Paesi Bassi, sostenute soprattutto da una forte domanda nella zona euro, principale mercato olandese. Secondo i dati pubblicati, nel 2007 l aumento è valutato dall Ufficio Centrale di Pianificazione olandese al 7,% (mentre per il FMI sarebbe leggermente superiore: 7,5% e per l OSCE stimato intorno al 6,1%). Un simile andamento viene riscontrato anche nelle importazioni, la cui crescita per il 2007 viene stimata al 7,5% dal FMI (6,6% OCSE e 7% secondo il CPB). FMI OCSE CPB Variazioni % Variazioni 4,5 7,8 7,5 5,5 7,4 6,1 6,8 7,9 7 esportazioni (1) Variazioni 7,4 7,9 7,5 5,1 7,98,3 6,6 6 8,4 7 importazioni (1) (1)esclusi prodotti energetici EXPORT - IMPORT PAESI BASSI (Valori in milioni di euro) 350, , , , , ,000 50,000 0, Export 232, , , , ,041 Import 204, ,010 97, , ,680 Fonte: Istituto Nazionale per il Commercio Estero 1

2 GRADO DI APERTURA AL COMMERCIO INTERNAZIONALE E AGLI INVESTIMENTI ESTERI I Paesi Bassi vantano un elevato tasso di apertura del sistema economico. Il commercio internazionale è il principale motore dell economia del Paese. Le esportazioni rappresentano una quota superiore al 60% del PIL, mentre le importazioni toccano il 54%. Secondo le prime stime sul commercio estero dei Paesi Bassi relative al primo semestre 2007, rese note dall'ufficio Statistico nazionale (CBS), l interscambio commerciale dei Paesi Bassi con il resto del mondo ha mantenuto un andamento positivo, seppur di entità inferiore rispetto ai dati relativi al primo semestre del Il valore delle esportazioni, inclusi i prodotti energetici, ha raggiunto la cifra di 169 miliardi di euro segnando una crescita dell 8% rispetto al primo semestre 2006, mentre il valore dei beni importati é stato di 149,7 miliardi di euro, con una crescita del 7,3%. Ciò si traduce in un avanzo parziale della bilancia commerciale di 19,3 miliardi di euro. I dati più recenti registrano una crescita delle esportazioni più sostenuta verso i Paesi Extra-UE che non verso l'europa, mentre le importazioni mostrano un andamento opposto. A giugno 2007 è cresciuto in particolare il commercio nel settore manifatturiero, nel settore chimico-farmaceutico e nel settore della meccanica e dei mezzi di trasporto. Un andamento analogo si é registrato negli scambi commerciali dell Olanda con i Paesi dell'unione Europea verso cui, nel periodo gennaio-giugno 2007, le esportazioni (127,8 miliardi di euro) sono aumentate del 6,8% e le importazioni (85,2 miliardi di euro) 9,8%. Tali dati confermano il rilievo preponderante dei rapporti commerciali con l Unione Europea. Nel periodo considerato il 57% delle importazioni dei Paesi Bassi é pervenuto da Paesi U.E. (registrando un incremento di 2 punti percentuali rispetto all intero 2006), mentre verso tali mercati si é indirizzato il 75,6% delle esportazioni olandesi (-0,8%), con il risultato di una bilancia commerciale che continua a essere estremamente positiva per l Olanda (saldo positivo pari a 42,3 miliardi di euro). PRODOTTI ESPORTATI DAI PAESI BASSI NEL MONDO 2007 Altri 3% Prodotti energetici 15% Agricoltura e industria alimentare 17% Industria meccanica e mezzi di trasporto 42% Chimica 23% PRODOTTI IMPORTATI DAI PAESI BASSI NEL MONDO 2007 Altri 12% Prodotti energetici 18% Industria meccanica e mezzi di trasporto 42% Agricoltura e industria alimentare 11% Chimica 17% Fonte: Dati CBS settembre

3 PRINCIPALI PRODOTTI ESPORTATI DAI PAESI BASSI Gennaio-giugno 2007 VALORE EXPORT (mln di Euro) VARIAZIONE ( ) EXPORT TOTALE % INDUSTRIA MECCANICA E MEZZI DI TRASPORTO ,9% Macchine per l ufficio(inclusa l informatica) ,4% Telecomunicazioni ,8% Macchine elettriche ,0% Mezzi di trasporto e le loro componenti ,3% Macchinari speciali ,4% CHIMICA ,8% Chimica organica % Prodotti farmaceutici % Materie plastiche % AGRICOLTURA E NDUSTRIA ALIMENTARE ,3% Carni e derivati ,4% Prodotti avicoli ,2% Prodotti ortofrutticoli ,8 PRODOTTI ENERGETICI ,2% Prodotti petroliferi ,2% Gas naturale ,9% ALTRI Apparecchiature scientifiche ,9% Materiali fotografici ,8% PRINCIPALI PRODOTTI IMPORTATI DAI PAESI BASSI Gennaio-giugno 2007 VALORE IMPORT (mln di Euro) VARIAZIONE ( ) IMPORT TOTALE ,3% INDUSTRIA MECCANICA E MEZZI DI TRASPORTO ,5% Macchine per l ufficio(inclusa l informatica) ,3% Telecomunicazioni ,6% Macchine elettriche ,3% Mezzi di trasporto e le loro componenti ,2% Macchinari speciali ,1% Meccanica generale ,1% CHIMICA ,5% Chimica organica ,2% Prodotti farmaceutici ,2% AGRICOLTURA E INDUSTRIA ALIMENTARE ,3% Bevande ,6% Prodotti ortofrutticoli ,5% PRODOTTI ENERGETICI ,6% Prodotti petroliferi ,4% ALTRI Apparecchiature scientifiche ,1% calzature 997-2,5% abbigliamento ,7% tessili ,1% prodotti in metallo ,8% carta, articoli in carta ,8% 3

4 PRINCIPALI PARTNER COMMERCIALI OLANDESI La Germania, nel periodo gennaio-maggio 2007, si é confermata il primo partner commerciale dei Paesi Bassi in quanto destinataria di esportazioni olandesi pari a oltre 33 miliardi di euro (+2,4% rispetto allo stesso periodo del 2006) e origine di importazioni olandesi pari a 25 miliardi di euro (+9,8%). Quanto alle altre aree geo-economiche, si é avuto un trend positivo per l interscambio commerciale, sia per le esportazioni olandesi, seppur con dati in flessione rispetto ai flussi complessivi del 2006 (America Settentrionale +6,7%; America Latina +19,6; Asia +10,9), sia per le importazioni (America Settentrionale +5,9%; America Latina +11,6%; Asia +1%). Gli Stati Uniti si confermano mercato importante per lo sbocco delle esportazioni olandesi (6,9 miliardi di euro nei primi 5 mesi del 2007) e soprattutto come Paese fornitore (10,2 miliardi di euro). Nel periodo di riferimento il Canada mostra estrema vitalità nell interscambio con i Paesi Bassi, con una crescita del 71% dei flussi commerciali verso l Olanda e del 40% in senso inverso. Persiste il deficit commerciale con i Paesi asiatici, sebbene nei primi 5 mesi del 2007 si sia leggermente ridotto (-15,65 miliardi di euro, con un tasso di copertura del 40%). I dati relativi, in particolare, al commercio con la Cina (export 1,45 miliardi di euro; import 9,95 miliardi; tasso di copertura del 14,6%) va analizzato tenendo conto dell incidenza delle riesportazioni, ossia delle merci importate da Paesi extraeuropei e riesportate verso altre destinazioni europee. Tale fenomeno e strettamente connesso all attività commerciale del Porto di Rotterdam, uno dei punti principali di ingresso in territorio comunitario di merci in provenienza da Paesi terzi. Tali prodotti, all'arrivo in territorio olandese, vengono importati e sdoganati e, senza effettuare una distinzione tra "origine" e "provenienza", il loro successivo inoltro in altri Stati europei viene conteggiato come "export olandese" nelle analisi del locale Ufficio Centrale di Statistica (pur in assenza di qualsiasi intervento modificativo da parte di aziende del Paese). Quindi, una quota rilevante delle esportazioni olandesi sono prodotti importati nei Paesi Bassi, successivamente riesportati senza alcuna ulteriore lavorazione. Le stime effettuate dalle stesse Autorità olandesi in merito alle riesportazioni di prodotti che transitano in Olanda, indicano per il 2005 un ammontare di 125,5 miliardi di euro con un incidenza del 44,6% dell'export complessivo dei Paesi Bassi (43,9% nel 2004 e 43% nel 2003). Nel 2006 le riesportazioni dovrebbero pesare circa per il 45% sul totale del valore dell export. I prodotti riesportati sono soprattutto macchinari (apparecchiature elettriche ed elettroniche, elettrodomestici e computer) e mezzi di trasporto. PRIMI 10 PARTNER COMMERCIALI - % EXPORT OLANDESE GERMANIA BELGIO REGNO UNITO FRANCIA ITALIA STATI UNITI SPAGNA SVEZIA RUSSIA DANIMARCA

5 PRIMI 10 PARTNER COMMERCIALI - % IMPORT OLANDESE GERMANIA BELGIO STATI UNITI CINA REGNO UNITO FRANCIA RUSSIA ITALIA GIAPPONE SPAGNA Dati ufficio centrale di statistica olandese - periodo: gennaio-dicembre 2006 ANDAMENTO DELL INTERSCAMBIO COMMERCIALE CON L ITALIA I Paesi Bassi sono tra i Paesi fondatori dell Unione Europea e il mercato olandese è da tempo parte integrante del mercato unico europeo, non vi sono quindi barriere di tipo legale alla presenza in loco del sistema produttivo italiano. La dinamica positiva di crescita degli scambi internazionali dei Paesi Bassi nel 2006 è proseguita nel primo semestre 2007 e ha interessato anche gli scambi con l Italia, la quale, nel 2006, nella graduatoria dei principali Paesi esportatori occupa l ottava posizione (con una quota pari al 2,48% sull import totale olandese). L Italia nel 2006 si e confermata inoltre quinto Paese acquirente con una quota sul totale dell export olandese pari al 5,01%. I dati relativi ai primi 6 mesi del 2007 (fonte CBS) indicano un valore dell import olandese dall Italia pari a milioni di euro (+8,2% rispetto allo stesso periodo del 2006) e delle esportazioni olandesi verso l Italia pari a milioni di euro (+7,8%). In conseguenza di ciò, nel primo semestre 2007 persiste il forte deficit a nostro sfavore (4.981 milioni di euro), che segna peraltro un lieve miglioramento del tasso di copertura delle nostre importazioni, che passa dal 40,4% al 43%. EXPORT IMPORT ITALIA-OLANDA (Valori in milioni di euro) 12,000 10,000 8,000 6,000 4,000 2,000 0, Export 1,755 1,752 2,130 2,502 3,811 Import 7,098 8,178 9,058 10,221 8,792 Fonte ISTAT Annuario

6 Nel periodo gennaio-giugno 2007 tra i principali prodotti italiani importati dai Paesi Bassi figurano i prodotti dell industria meccanica (1,19 miliardi di euro); del settore manifatturiero (910 milioni di euro); del settore chimico-farmaceutico (596 milioni di euro); dell industria alimentare e delle bevande (270 milioni di euro). Nello stesso periodo gennaio-giugno 2007, tra i principali prodotti esportati dai Paesi Bassi verso l Italia figurano i prodotti dell industria elettronica e meccanica (macchine per ufficio, apparecchiature informatiche e loro componenti e autoveicoli), per un valore di 2,93 mld di euro. Segue, in termini di valore esportato verso l Italia, il comparto dei prodotti chimici, che genera un saldo commerciale a sfavore dell Italia di 1,37 miliardi di euro. L export verso l Italia di prodotti agroalimentari (977 milioni di euro) e di bevande (632 milioni di euro) origina un surplus olandese di 1,34 miliardi di euro, le cui voci più consistenti sono i prodotti ortofrutticoli, carni e derivati, i prodotti caseari e il tabacco. In merito all interscambio bilaterale, pertanto, si conferma il tradizionale differenziale sfavorevole al nostro Paese, in buona parte conseguenza della rilevante attività di distribuzione che caratterizza l economia olandese, come dimostrano le numerose aziende extraeuropee (e tra queste numerose multinazionali), che hanno aperto nei Paesi Bassi i loro uffici per i mercati europei. PRODOTTI ESPORTATI DAI PAESI BASSI VERSO L'ITALIA 2007 Prodotti agroalimentari e bevande 27% Industria elettronica e meccanica 50% Chimica 23% PRODOTTI ITALIANI IMPORTATI DAI PAESI BASSI 2007 Settore chimicofarmaceutico 20% Industria alimentare e delle bevande 9% Settore manifatturiero 31% Industria meccanica 40% 6

7 VALUTAZIONE DELLA PENETRAZIONE COMMERCIALE DEI PRODOTTI ITALIANI SUL MERCATO OLANDESE Sussiste, principalmente per i prodotti del settore agroalimentare, un problema di prezzo : il prodotto italiano da esportazione é spesso un prodotto di qualità, indubbiamente competitivo rispetto a beni di analoga fascia, ma inevitabilmente più costoso rispetto a beni di fascia inferiore. Tale connotazione rappresenta una rilevante difficoltà in un mercato come quello olandese ove la domanda (soprattutto nel settore GDO), generalmente, considera l economicità del prodotto il criterio più significativo su cui basare gli acquisti. Al riguardo, pur constatandosi una tendenza migliorativa (grazie ad un accresciuta disponibilità economica media e ad una migliore conoscenza della qualità del prodotto italiano) i tempi necessari per superare tale problematica non saranno rapidi. Un secondo ordine di problemi, in parte connesso a quello precedente, riguarda l accesso alla grande distribuzione: essa é caratterizzata in questo Paese da un sistema sostanzialmente oligopolistico che, da un lato, tende a comprimere i margini di guadagno dei fornitori e, dall altro, pretende certezza, celerità e continuità nelle forniture, oltre che notevoli capacità produttive. Tali aspetti rappresentano potenziali ostacoli per imprese di dimensioni medio piccole che, come noto, costituiscono il tessuto di base del sistema produttivo italiano. Premesso ciò, i settori nel cui ambito le aziende italiane potrebbero trovare interessanti opportunità d inserimento sono principalmente l industria alimentare e il comparto vinicolo, l abbigliamento, la calzatura e pelletteria, la chimica-farmaceutica, la subfornitura, la cantieristica e la logistica. - Industria alimentare ed enologica In tale settore, la GDO tratta un crescente assortimento di prodotti italiani (paste alimentari, formaggi, insaccati, vini, olio extravergine, conserve sottolio, altre conserve alimentari). Parallelamente, cresce la presenza dei prodotti tipici italiani nei negozi specializzati. La rinnovata attenzione del consumatore locale per la cucina italiana offre ulteriori promettenti prospettive nel comparto dei vini italiani e dell olio d oliva. La distribuzione nei Paesi Bassi resta tuttavia ancora carente dal punto di vista della copertura territoriale. Se infatti l olio extravergine é presente sugli scaffali di tutte le catene di GDO, la diffusione di dettaglianti specializzati (prodotti tipici agroalimentari) é soprattutto limitata alle grandi città. - Abbigliamento Il settore della moda e dell abbigliamento beneficia della ripresa economica che ha conosciuto una accelerazione nel corso del 2005 e soprattutto nel 2006 e che perdura nel La crescente domanda olandese di articoli di lusso dovrebbe offrire rinnovate opportunità ai prodotti italiani. Al riguardo, oltre ai consueti segmenti dell abbigliamento per uomo e donna (che rappresentano rispettivamente il 18 e il 30% dei consumi interni olandesi), dovrebbe essere prestata particolare attenzione all abbigliamento per bambini e neonati (12%) e alla lingerie (18%), oggetto già da qualche anno di una domanda crescente. I Paesi Bassi importano principalmente da Paesi a basso costo del lavoro (Asia, Africa settentrionale, Turchia, Europa dell Est) e dalla Germania. La produzione nazionale resta debole e in costante calo. Secondo l Istituto di Statistica olandese (CBS) nei primi 5 mesi del 2007 i Paesi Bassi hanno importato prodotti di abbigliamento per un valore di 2,8 miliardi di euro, di cui quasi un quarto proveniente dalla Cina. Una parte consistente viene riesportata verso i Paesi dell UE: infatti, circa tre quarti delle esportazioni olandesi di prodotti tessili, di abbigliamento e pelli sono riesportazioni di prodotti importati. 7

8 - Chimica L industria chimica è il secondo settore industriale in Olanda, superato solamente dall industria alimentare. Il comparto dei prodotti chimici e petrolchimici si pone al primo posto tra le merci esportate dall Italia ai Paesi Bassi. Tale comparto vede una presenza sempre più marcata di aziende straniere di struttura multinazionale. - Subfornitura Il comparto della subfornitura risulta nel Paese abbastanza sviluppato con riferimento alla produzioni di parti in metallo e plastica, come pure di componenti elettrotecniche ed elettroniche. Considerato che i Paesi Bassi sono sostanzialmente privi di un industria nazionale automobilistica, il settore automobilistico, dedito soprattutto alla costruzione ed assemblaggio di alcuni veicoli commerciali ed autobus, risulta comunque di estremo interesse per i subfornitori olandesi. A quest ultimo proposito diviene interessante la subfornitura elettronica, considerato che nell ambito della componentistica auto si sviluppa sempre più il segmento delle soluzioni ICT. - Logistica Il settore logistico in Olanda rivendica una posizione di leadership a livello mondiale, forte soprattutto della presenza di strutture portuali ed aeroportuali internazionali di importanza primaria come il Porto di Rotterdam e l aeroporto di Schiphol. Oltre ad usufruire dell efficiente struttura distributiva esistente, pertanto, le imprese italiane del settore potrebbero offrire i propri servizi all interno di un mercato in continua espansione ed evoluzione. CORSO DI ECONOMIA POLITICA (LIV. AV.) CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA PUBBLICITÀ E COMUNICAZIONE D IMPRESA Brandi Elisabetta Conte Luciano Nicola Del Gallo Letizia Iannacci Federica Taddeo Annalisa

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 3 Il posizionamento dei prodotti italiani nei paesi nordeuropei A cura di Roberta Mosca

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari I dati dell export piemontese di prodotti alimentari Novara, 29 Ottobre 2015 Corso L export prodotti alimentari di origine animale e vegetale 1 L industria alimentare piemontese in cifre (industria alimentare

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015

LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015 LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015 Nota a cura di SMI SISTEMA MODA ITALIA Il commercio con l estero nei primi dieci mesi del 2014 Secondo i dati ISTAT ad oggi disponibili, relativi al periodo gennaio-ottobre

Dettagli

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 luglio 2008 1 IL SETTORE DELLA ROBOTICA NEL 2007 1.1 L andamento del settore nel 2007 Il 2007 è stato un anno positivo per

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

L EXPORT ITALIANO VOLA ANCHE NEL 2007

L EXPORT ITALIANO VOLA ANCHE NEL 2007 L EXPORT ITALIANO VOLA ANCHE NEL 27 Nel 27 la bilancia commerciale italiana ha chiuso un passivo di oltre 9,4 miliardi di euro, valore relativamente tenuto se raffrontato quello di altri paesi europei

Dettagli

AGGIORNAMENTO AL 1^ SEMESTRE 2010 PAESI BASSI 1. QUADRO MACROECONOMICO

AGGIORNAMENTO AL 1^ SEMESTRE 2010 PAESI BASSI 1. QUADRO MACROECONOMICO Paesi Bassi AGGIORNAMENTO AL 1^ SEMESTRE PAESI BASSI 1. QUADRO MACROECONOMICO a) Andamento congiunturale e rischio Paese Nonostante l incertezza politica sulla composizione del nuovo Governo (le elezioni

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete Il modello di internazionalizzazione del Veneto Gli argomenti trattati Il commercio estero le esportazioni e le importazioni Gli investimenti diretti esteri le partecipazioni delle imprese venete all estero

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA

ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA GIUGNO 2014 CONTENUTI E NOTE METODOLOGICHE Lo studio che segue, curato dall Agenzia ICE di Mosca, e di tipo congiunturale e analizza in dettaglio, per tavole

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy

I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy Fondazione Edison - Symbola I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy Intervento di Marco Fortis (vice presidente Fondazione Edison) Assolombarda, 7 ottobre 2009 Bilancia commerciale di alcuni Paesi

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Il commercio estero della Toscana. III trimestre 2013

Il commercio estero della Toscana. III trimestre 2013 Il commercio estero della Toscana III trimestre 2013 Firenze, Dicembre 2013 Indice CAPITOLO 1: QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: MERCATI E AREE DI SBOCCO CAPITOLO 3:ANDAMENTI SETTORIALI CAPITOLO 4: DINAMICHE

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il settore alimentare cinese sta progressivamente cambiando grazie all aumento del potere d acquisto e all evoluzione

Dettagli

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005 25 settembre 2006 Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e all esportazione Anni 2000-2005 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244

Dettagli

Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005

Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Novembre 2006 Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Presentazione del lavoro...

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera Elisabetta Tondini Procede anche in Umbria il processo di terziarizzazione. Dai dati strutturali alcuni segnali di cambiamento Il percorso Sul rapporto

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio

Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio UNIONCAMERE LAZIO LUISS GUIDO CARLI Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio RAPPORTO 2007-2008 Competenze d impresa e sviluppo locale: un approccio sistemico per l analisi delle imprese multinazionali

Dettagli

confetra - nota congiunturale sul trasporto merci

confetra - nota congiunturale sul trasporto merci confetra - nota congiunturale sul trasporto merci a cura del Centro Studi Confetra Periodo di osservazione gennaio-dicembre 2002 Anno VI - n 1 febbraio 2003 La nota congiunturale Confetra sul trasporto

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali «Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 8 settembre 2015 Agenda 1 Importanza e specificità

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

LIBANO PARCO VETTURE NEL

LIBANO PARCO VETTURE NEL LIBANO PARCO VETTURE NEL 29 Febbraio 211 Dati aggiornati il 1 febbraio 211: - le nuove auto vendute nel 21 (pag. 5) - l interscambio Libano/Mondo 21 (pag. 5-6) Nel 29, il numero delle auto private circolante

Dettagli

6. I SETTORI * Capitolo 6 319. Quadro d insieme

6. I SETTORI * Capitolo 6 319. Quadro d insieme Capitolo 6 319 6. I SETTORI * Quadro d insieme Quasi tutti i settori industriali hanno contribuito al recupero fatto registrare nel 2007 dalla bilancia mercantile italiana, il cui disavanzo è sceso da

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Commercio Estero Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 4 COMMERCIO ESTERO La Russia svolge un ruolo importantissimo nel commercio mondiale. Da un lato, esporta materie

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania 11

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero (in gestione transitoria - ex Legge 214 del ) Gli imballaggi nel commercio estero Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari L agroalimentare italiano nel commercio mondiale: Specializzazione, competitività e dinamiche Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari Roberto Henke (Inea) Gruppo di lavoro:

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Roma, 21 maggio 2015 il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Alessandra Lanza - Prometeia commercio mondiale (finalmente) in accelerazione e più dinamico della crescita del

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria Milano, 16 Gennaio 2015 Per informazioni:

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007

TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007 TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007 (fonte: Camera di Commercio di Torino) 1 ANDAMENTO PRODUZIONE INDUSTRIALE La produzione industriale torinese nel 2 trimestre del 2007 ha avuto un tasso di crescita del

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Un leader nella CRESCITA SOSTENIBILE UN RUOLO INTERNAZIONALE Seoul ha ospitato a novembre 2010 il Summit G20 dei Capi di

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

COMMERCIO ESTERO DELLA REGIONE MARCHE - DATI 2013

COMMERCIO ESTERO DELLA REGIONE MARCHE - DATI 2013 COMMERCIO ESTERO DELLA REGIONE MARCHE - DATI 2013 Dati 2013 estratti e elaborati a Marzo 2014 Fonte dei dati import export : ISTAT COEWEB REGIONE MARCHE Sistema Informativo Statistico e-mail: Funzione.SIStatistico@regione.marche.it

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE 6 novembre 2015 LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma Responsabile Wine Monitor Outline Evoluzione dei

Dettagli

Il mercato degli Stati Uniti

Il mercato degli Stati Uniti Il mercato degli Stati Uniti Introduzione Gli Stati Uniti rappresentano il principale partner commerciale dell Italia al di fuori dei paesi dell Ue e il terzo paese di destinazione delle esportazioni italiane,

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania Percepire responsabilità per l Europa Il consiglio di esperti economici, che ha pubblicato nell autunno 2011 il suo parere sull andamento economico nel

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO. 2013 Primi 9 mesi

SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO. 2013 Primi 9 mesi SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO Primi IL MERCATO A livello mondiale il mercato dell abbigliamento intimo vale circa 50 miliardi di euro e i principali Paesi consumatori sono l Europa e gli Stati

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli