I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte"

Transcript

1 IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013

2 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, Bologna Tel. 051/ Fax 051/ Sito web Camera di Commercio: Sito web Ufficio Statistica (Rete Starnet): - Area Territoriale Bologna Ottobre 2013 I dati relativi ai periodi più recenti sono in parte provvisori e potranno essere suscettibili di rettifiche nelle successive edizioni. I dati contenuti in precedenti pubblicazioni che non concordano con quelli del presente volume s intendono rettificati. I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

3 Import & export della provincia di Bologna nel 1 semestre

4 .

5 CAPITOLO 1 - IMPORT ED EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Nei primi sei mesi del 2013 l andamento del commercio mondiale ha mostrato segnali di rallentamento, tanto che, in settembre, l Organizzazione per il Commercio Mondiale (WTO) ha ritoccato le stime relative alle previsioni di crescita per l anno in corso: dal +3,3% ipotizzato in aprile, si è passati al +2,5%. Viene, inoltre, previsto un +4,5% per il Per quanto riguarda i dati italiani, tra gennaio e giugno si registra una lieve diminuzione delle esportazioni (-0,4%), a livello tendenziale, e una flessione più consistente delle importazioni (-7%). In tale contesto vanno collocati i flussi di import-export della provincia di Bologna. Decelera la flessione delle importazioni, dal -9,2% del primo semestre 2012 si passa infatti al -4,9% dei primi sei mesi dell anno in corso, mentre annota un rallentamento il percorso di crescita delle esportazioni, che si attestano sul -0,5%. CONSISTENZE E VARIAZIONI % 1 semestre var. % rispetto stesso sem. anno prec / /12 Importazioni ,2-4,9 Esportazioni ,4-0,5 Saldo ,0 5,1 Complessivamente le esportazioni bolognesi oltrepassano i 5,6 miliardi di euro, la lieve flessione annotata tra gennaio e giugno, rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, è correlabile ai dati del secondo estre: tra aprile e giugno 2012 si era infatti registrato un incremento tendenziale del 3,4%, che non si è confermato nel secondo estre 2013 (-1,2%). 120 Commercio internazionale in provincia di Bologna dati estrali (Numeri indice 2007=100) 110 Export Import

6 Contemporaneamente le importazioni si attestano sui tre miliardi di euro, dando origine ad un saldo commerciale ampiamente positivo che, seppure in frenata rispetto agli incrementi a due cifre riportati nei due anni precedenti, registra un aumento del 5,1% su base annua e supera i 2,6 miliardi di euro. Se si considera il primo semestre 2008 come ultimo periodo di espansione delle esportazioni, prima del conclamarsi della crisi, i dati attuali, relativamente alle vendite estere, risultano essere inferiori di oltre 150 milioni di euro, in flessione, rispetto ai livelli pre crisi, del 2,6%. Nello stesso periodo il saldo commerciale è migliorato del 14,6%, nonostante la forte diminuzione tendenziale annotata nel 2009 (-28,8%). L interscambio commerciale della provincia di Bologna sembra, dunque, riflettere le dinamiche in atto a livello nazionale sia per quanto riguarda l andamento dei flussi in entrata e in uscita, sia per quanto concerne il miglioramento del saldo tra vendite e acquisti. 6

7 CAPITOLO 2 - LE DINAMICHE PER SETTORE DI ATTIVITÀ L importanza del manifatturiero per il tessuto economico bolognese è evidenziata anche dalla consistente quota di esportazioni prodotte da tale settore. Nonostante la flessione delle vendite estere (-0,3%), annotata nei primi sei mesi dell anno, la quota di export del manifatturiero si è mantenuta pressoché costante, quasi il 99% sul totale dei settori, riportando, inoltre, un saldo positivo di oltre 2,7 miliardi di euro: risultato legato essenzialmente al rallentamento delle importazioni (-5,6%). Esportazioni: confronto settoriale 1 semestre (Variazioni tendenziali) -1,1 Metalmeccanico -2,7-0,3 0,5 Bologna Emilia Romagna Italia Manifatturiero 1,6-0,6-0,5 Totale 1,4-0,4 A differenza di quanto accaduto nel primo semestre dello scorso anno, i primi sei mesi del 2013 vedono una crescita del saldo del manifatturiero lievemente superiore a quella complessiva dei settori, sebbene l ammontare della variazione sia di tutt altro tenore. Se nei primi due estri del 2012 il saldo del manifatturiero aveva registrato una crescita tendenziale a due cifre (+19,6%), nell anno in corso l aumento del saldo è stato molto più contenuto (+6%). Va comunque sottolineato come il rallentamento delle vendite estere del settore manifatturiero bolognese mantenga un passo più contenuto rispetto a quanto accaduto a livello nazionale. La notevole rilevanza del comparto metalmeccanico per l economia bolognese, le cui vendite estere costituiscono quasi il 71% dell export bolognese, rende particolarmente significativa la flessione annotata in questo primo scorcio di anno (-1,1%), che ha influenzato in modo importante la variazione complessiva delle esportazioni del manifatturiero. A livello regionale, le esportazioni del settore manifatturiero, poiché comprendono quelle di province nelle quali la diversificazione settoriale è più accentuata rispetto a quanto accada in provincia di Bologna, annotano mediamente una variazione tendenziale positiva (+1,6%). Va comunque sottolineato come il comparto metalmeccanico bolognese abbia mostrato miglior tenuta sui mercati extra-comunitari, annotando infatti, nel primo semestre 2013, un +5,5%, mentre nei Paesi dell Unione Europea si è registrata una flessione dell 8,8%. In particolar modo la divisione dei macchinari ed apparecchi, con oltre il 40% di esportazioni sul totale complessivo, si è distinta sui mercati extra-ue, con oltre il 25% delle vendite globali, registrando, nel periodo in analisi, un +8,9%, mentre sui mercati comunitari la variazione è 7

8 stata del -10,4%, per giungere a segnare, complessivamente, un modesto +0,8%, che comunque rettifica una flessione del 2,3%, annotata nello stesso periodo del I mezzi di trasporto, a fronte di una flessione delle vendite comunitarie del 12,5%, hanno annotato una diminuzione più contenuta sul resto delle vendite (-1,7%), registrando complessivamente una diminuzione del 6,3% e mantendo positivo il saldo. Esportazioni settore manifatturiero 1 semestre (Valori in migliaia di euro) CK-Macchinari ed apparecchi n.c.a. CL-Mezzi di trasporto CB-Prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori CH-Metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti CJ-Apparecchi elettrici CG-Articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi CE-Sostanze e prodotti chimici CA-Prodotti alimentari, bevande e tabacco CM-Prodotti delle altre attività manifatturiere CI-Computer, apparecchi elettronici e ottici CC-Legno e prodotti in legno; carta e stampa CF-Articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici CD-Coke e prodotti petroliferi raffinati UE-28 Extra UE In frenata anche il tessile abbigliamento, che a fronte di un -0,3% di esportazioni, costituito dal -1% per le vendite comunitarie e dal +0,6% per le vendite extra-ue, vede consolidarsi un saldo positivo (+28,6%). Positivo l andamento delle vendite estere delle industrie alimentari e delle bevande (+16%) che, nello stesso periodo del 2012, avevano annotato un più modesto +4,5%. Migliora, per questo comparto, anche il saldo negativo: diminuisce infatti di quasi il 30% rispetto allo stesso periodo del Per gli altri settori di attività economiche si rileva sempre il segno meno nelle vendite estere dell agricoltura (-8,5%), peraltro con un saldo negativo in consistente aumento. Dati positivi per quanto riguarda i saldi dei prodotti delle attività di trattamento dei rifiuti e risanamento (sebbene in forte calo rispetto ai saldi del primo semestre dello scorso anno) e dei prodotti delle attività dei servizi di informazione e comunicazione. 8

9 CONSISTENZE E VARIAZIONI % PER SETTORE DI ATTIVITÀ 1 SEMESTRE 2013 Settore A - prodotti dell'agricoltura, della silvicoltura e della pesca B - prodotti dell'estrazione di minerali da cave e miniere stock Import Export Saldo var. % risp. stesso sem. anno prec. stock var. % risp. stesso sem. anno prec. stock ,9% ,5% ,3% ,9% C - prodotti delle attività ,6% ,3% manifatturiere D - energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata E - prodotti delle attività di trattamento dei rifiuti e risanamento 0 0,0% 0 0,0% ,8% ,5% J - prodotti delle attività dei servizi di informazione e comunicazione ,5% ,5% M - prodotti delle attività professionali, scientifiche e tecniche R - prodotti delle attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento S - prodotti delle altre attività di servizi V - merci dichiarate come provviste di bordo, merci nazionali di ritorno e respinte, merci varie ,1% ,1% ,7% ,4% ,0% 0 0,0% ,4% ,3% Totale ,9% ,5% N.B.: Per il codice D non è possibile rilevare la quantità in kg dei flussi movimentati; il dato relativo ai kg è puramente convenzionale, necessario per scopi interni. Dal 2007 i dati relativi al codice D potrebbero inoltre subire una revisione a seguito degli effetti dovuti ai cambiamenti della normativa europea sugli scambi di energia. IL SETTORE V è un settore residuale che comprende convenzionalmente le merci consegnate a navi ed aerei come provviste e dotazioni di bordo, oltre alle merci nazionali di ritorno oppure respinte, e alle merci varie destinate ad impianti industriali o non classificate altrove. 9

10 CAPITOLO 3 - LE DINAMICHE PER PAESE Procede, anche nella prima parte del 2013, il percorso di differenziazione tra i mercati di sbocco e quelli di provenienza per quanto riguarda l interscambio commerciale della provincia di Bologna. Se oltre il 68% delle importazioni proviene dai Paesi dell Unione Europea, quota pressochè costante rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, diminuisce la percentuale delle vendite rivolte alla stessa area geografica: meno della metà delle esportazioni bolognesi si è infatti indirizzata verso l UE-28. Le variazioni tendenziali confermano tale evoluzione, infatti le vendite verso i Paesi comunitari, nei primi sei mesi dell anno, vedono una flessione del 7,3%, mentre quelle rivolte verso il resto del mondo annotano un incremento del 6,5%. Nel primo semestre dell anno in corso, le esportazioni del settore manifatturiero bolognese, nei Paesi dell Unione Europea-28, hanno costituito circa il 47% delle esportazioni complessive del settore. Oltre il 65% delle vendite nei paesi comunitari è indirizzato verso cinque di essi: Germania (24,6%), Francia (18%), Regno Unito (9%), Spagna (7,3%) e Polonia (6,9%). Complessivamente aumenta di oltre un punto percentuale la quota delle esportazioni verso i Paesi europei non comunitari, con un incremento tendenziale delle vendite a due cifre (+12,1%), contemporaneamente diminuiscono le importazioni, tanto che il saldo commerciale, già positivo, migliora di oltre il 16%. Viceversa, il saldo verso l UE-28, pur positivo, diminuisce di quasi il 14%. IMPORT ED EXPORT PER PRINCIPALI AREE DI PROVENIENZA/DESTINAZIONE Area geografica 1 semestre 2013 stock e peso % var. % rispetto stesso. anno prec. import export import export Unione europea a ,6% ,4% -5,2% -7,3% Altri Paesi europei ,0% ,4% -8,5% 12,1% Africa ,2% ,4% -25,3% 19,6% America ,9% ,6% 12,8% -5,8% America Settentrionale ,3% ,0% 24,6% -6,0% America centro meridionale ,6% ,5% 0,8% -5,5% Asia ,3% ,8% -5,9% 11,0% Medio oriente ,2% ,0% 23,4% 2,9% Asia centrale ,8% ,9% -2,8% 5,4% Asia orientale ,3% ,0% -7,7% 15,0% Oceania ,1% ,4% -1,2% 6,5% Altre Destinazioni ,0% ,1% 281,6% 19,1% Le vendite verso i Paesi europei non comunitari sono sostenute dalla ripresa delle esportazioni verso la Turchia e la Russia. Per la prima nazione, dopo la forte frenata registrata nel primo semestre 2012 (-30,1%), nei primi sei mesi dell anno in corso si annota un +18,1%. Per l ex Repubblica sovietica si raggiunge un +19,5%, a fronte di un più contenuto +6,2% del 10

11 primo semestre dello scorso anno. Segno negativo a due cifre riportano le vendite verso la Svizzera (-10,6%), flessione diffusa in quasi tutti i settori, seppure con diverse intensità, con due eccezioni, rappresentate dalle vendite delle industrie alimentari e delle bevande (+18,9%) e da quelle di computer, apparecchi elettronici ed ottici (+2,7%). Vista la complessità della situazione economica italiana, acuita dalla persistente incertezza politica, la capacità delle imprese, di intensificare le proprie attività commerciali sui mercati esteri, mostra quanto l unico volano per l economia del territorio venga rintracciato e valorizzato dagli operatori del tessuto economico bolognese. L attenzione che è stata rivolta verso aree geografiche diverse, rispetto ai partner commerciali tradizionali, ovvero i Paesi dell Unione Europea e gli Stati Uniti, richiede comunque un impegno sempre crescente, poiché le dinamiche economiche dei cosiddetti Paesi Emergenti mostrano segnali molto diversificati. Anche l Organizzazione Mondiale del Commercio, nell ultimo rapporto (Settembre 2013), auspica che il rallentamento economico globale abbia toccato il punto di minimo e che una ripresa, seppure esitante, possa essere in fase di avvio. Nella medesima analisi si sottolinea la decelerazione registrata dalle economie emergenti negli ultimi mesi, sebbene i dati più recenti riguardanti la produzione industriale cinese lascino intravvedere segnali di ripresa della dinamica economica. L India, invece, sembra ancora trovarsi in una situazione di forte contrazione. A fronte di tali considerazioni si illustra l andamento delle esportazioni della provincia di Bologna su alcuni mercati esteri che rivestono senza dubbio ruoli interessanti. Nei primi sei mesi dell anno, riprendono a crescere le esportazioni verso l Asia (+11%) che, nello stesso periodo del 2012, avevano annotato un forte rallentamento, giungendo in area negativa (-2,2%). Diminuiscono le importazioni (-5,9%), consentendo così al saldo commerciale, già ampiamente positivo, di migliorare di oltre quaranta punti percentuali. La dinamica positiva riscontrata nel continente asiatico, che acquista quasi il 21% dei prodotti bolognesi esportati, è trainata principalmente dai Paesi dell Asia Orientale, che riportano un aumento tendenziale di quasi il 15%. Tra i principali partner commerciali delle imprese bolognesi in tale area geografica, vanno sottolineate le buone performance di Cina e Indonesia, verso le quali le vendite annotano incrementi a due cifre, mentre con Hong Kong ci si attesta su una variazione pressoché nulla. Diminuiscono dell 1,6% le esportazioni verso il Giappone. Con i Paesi dell Asia centrale i rapporti commerciali sono molto variegati, complessivamente, nei primi sei mesi dell anno, le esportazioni sono aumentate del 5,4%, a fronte di una frenata a due cifre annotata nel primo semestre Diminuiscono le importazioni (-2,8%) e il saldo di oltre 50 milioni di euro è aumentato di quasi sedici punti percentuali. Il Kazakistan, verso il quale si esportano macchinari e prodotti tessili, e il Bangladesh, che acquista principalmente macchinari, contribuiscono ai risultati positivi del semestre, mentre l India (con un -2,6%) e lo Sri Lanka (-41,9%) si muovono in direzione opposta. Rallentano le vendite verso i mercati del Medio Oriente. Se l incremento dell anno passato si attestava sul 22,3%, nei primi sei mesi di quest anno si sfiora appena il 3%, il saldo rimane comunque positivo, con una crescita attorno allo zero. Tra i Paesi dell area le dinamiche sono molto differenti, si va, infatti da un +23,3% di vendite verso l Arabia Saudita (con un saldo positivo in crescita del 21%), alla flessione del 4,3% con gli Emirati Arabi Uniti. I dati del commercio internazionale relativamente al continente americano segnano un rallentamento consistente, le esportazioni annotano un -5,8%, nel semestre in analisi, mentre lo scorso anno, nello stesso periodo si era annotato un +30,5%, rallentamento che sembra 11

12 equamente ripartito tra America settentrionale e America centrale. Gli Stati Uniti, verso i quali è indirizzato oltre l 8% delle esportazioni bolognesi, nel semestre vedono erodere la propria quota di quasi un punto percentuale, con una flessione tendenziale delle vendite del 9,5%. INTERSCAMBIO BOLOGNA-USA - CONSISTENZE E VARIAZIONI % 1 semestre peso % su totale provinciale var. % rispetto stesso sem. anno prec /12 Import ,0% 29,8% Export ,8% -9,5% Saldo ,5% -15,2% Andamento sostenuto, invece, per le importazioni da tale Paese (+29,8%), tanto che il saldo commerciale, positivo per oltre 400 milioni di euro, è diminuito di oltre il 15%. A differenza di quanto accaduto nel primo semestre dello scorso anno, i comparti che hanno mostrato maggior sofferenza nelle esportazioni verso gli Stati Uniti sono stati quelli che annoverano le più consistenti quote di mercato: macchinari ed apparecchi (-12,8%), con una quota di export del 36,9%, mezzi di trasporto (-14,3%), con un peso del 33,2%, e tessile abbigliamento (-14,5%), per un 11,3% di quota. In controtendenza, invece, i prodotti delle imprese alimentari che, dopo un calo a due cifre annotato nel primo semestre 2012, nello stesso periodo dell anno in corso riportano un +5,2%. In ripresa anche le vendite di computer, apparecchi elettronici ed ottici (+44,9%) che, nel periodo, guadagnano più due punti percentuali di quota. Secondo quanto pubblicato dall Organizzazione Mondiale del Commercio, nel secondo estre del 2013, gli Stati Uniti sembrano aver mostrato una rinnovata dinamicità nei flussi mercantili, ma l aggancio dell attività commerciale dell Italia e della provincia di Bologna a tale auspicato cambiamento di tendenza sembra essere ancora difficoltoso, nonostante la persistente debolezza del dollaro. I flussi commerciali con la Germania, principale partner degli imprenditori nazionali e locali che operano sui mercati esteri, nel primo semestre 2013, in provincia di Bologna, hanno annotato flessioni sia per quanto riguarda le vendite sia per gli acquisti, portando il saldo, pur positivo, a diminuire di oltre 82 punti percentuali. INTERSCAMBIO BOLOGNA-GERMANIA - CONSISTENZE E VARIAZIONI % 1 semestre peso % su totale Unione Europea var. % rispetto stesso sem. anno prec /12 Import ,6% -4,4% Export ,7% -8,5% Saldo ,1% -82,1% 12

13 Negli ultimi tre anni e mezzo, la dinamica delle esportazioni locali verso il mercato tedesco ha visto andamenti altalenanti, se dal primo semestre 2010 al corrispondente periodo 2011 la crescita è stata robusta e costante, negli ultimi sei mesi del 2011 si è annotato un rallentamento consistente, seguito da una buona ripresa all inizio del 2012 e da una successiva flessione nella seconda parte dello stesso anno. Nel 2013, tra gennaio e giugno, le esportazioni bolognesi verso la Germania riportano un calo tendenziale dell 8,5%, che ha eroso la quota di mercato delle vendite presso tale Paese di oltre un punto percentuale. Le importazioni, pur in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell anno precedente (-4,4%), riportano un incremento rispetto alla seconda parte del 2012, quando si era avuta una flessione tendenziale a due cifre. Le vendite del comparto metalmeccanico, che costituiscono oltre il 65% delle esportazioni bolognesi in Germania, hanno registrato un notevole rallentamento (-11,8%), principalmente dovuto alla flessione delle vendite di macchinari ed apparecchi (-22,2%). Meno pesante il calo per i mezzi di trasporto (-6,6%), gli apparecchi elettrici (-10,7%) e i computer, apparecchi elettronici e ottici (-9,3%), mentre per i metalli di base e prodotti in metallo la variazione risulta positiva (+18,2%). Tra i comparti del manifatturiero, le vendite del tessile abbigliamento aumentano dell 8,2% e giungono a sfiorare il 10% di quota sul totale delle vendite bolognesi verso la Germania. Le importazioni annotano una diminuzione tendenziale del 4,4%, comunque in ripresa rispetto alla seconda parte del 2012, quando la flessione, sullo stesso periodo dell anno precedente, era stata del 19,5%. Le flessioni dei flussi commerciali verso la Germania hanno fortemente intaccato il saldo commerciale positivo che, nella prima parte di quest anno, si attesta sui 6,8 milioni di euro. I Paesi accomunati dall acronimo BRIC, ovvero Brasile, Russia, India e Cina, hanno rappresentato negli ultimi anni un interessante possibilità di diversificazione dei mercati di sbocco, rispetto a quelli ritenuti consueti per i prodotti italiani. Le imprese della provincia di Bologna hanno orientato le proprie vendite anche verso tali Paesi, ottenendo risultati senz altro positivi. INTERSCAMBIO BOLOGNA-BRIC - CONSISTENZE E VARIAZIONI % 1 semestre peso % su totale provinciale var. % rispetto stesso sem. anno prec /12 Import ,4% -13,3% Export ,4% 8,5% Saldo ,1% 88,9% Nel primo semestre 2013 sono nettamente in ripresa le esportazioni bolognesi verso i BRIC, se nello stesso periodo dello scorso anno si era registrata una flessione a due cifre, ora la crescita è di tutto rispetto (+8,5%), mentre continuano a diminuire le importazioni (-13,3%). La dinamica positiva delle vendite verso tali Paesi ha fatto si che la quota dei BRIC sul totale dell export bolognese aumentasse di quasi un punto percentuale (ha infatti oltrepassato l 11%), portando il saldo, già positivo, ad un incremento importante e a costituire oltre il 9% del saldo complessivo del commercio internazionale di Bologna. 13

14 La Cina, tra i Paesi che costituiscono i BRIC, mantiene senz altro un ruolo di notevole importanza, sia per quanto riguarda le vendite, oltre il 40% sulle esportazioni totali nei quattro Paesi, sia per gli acquisti, quasi l 85%. Entrambe le quote sono in aumento, rispetto a quanto annotato nei primi sei mesi dell anno scorso, nonostante le importazioni abbiano visto una flessione a due cifre (-11,4%). Le esportazioni verso il mercato cinese sono, invece, in netta ripresa (+13%) e il saldo, seppure negativo, migliora di oltre il 46%. Dopo tre semestri in diminuzione, le esportazioni bolognesi verso la Cina riprendono forza nella prima parte dell anno in corso, principalmente grazie alla buona performance del comparto metalmeccanico (+23,1%) ed in particolare alla ripresa delle vendite di macchinari ed apparecchi che, nel semestre, annotano un +39%, guadagnando oltre 10 punti percentuali di quota rispetto allo stesso periodo del 2012 e giungendo, in tal modo, a influire per oltre il 61% sul totale delle vendite di prodotti bolognesi sul mercato cinese. Inoltre, la crescita del saldo positivo del metalmeccanico contribuisce alla diminuzione del saldo negativo complessivo nei confronti della Cina. Rimane, invece, consistente il saldo negativo del tessile abbigliamento, seppure in diminuzione di quasi il 12%, miglioramento correlato alla diminuzione delle importazioni (-11,6%). Per quanto riguarda la Russia, diminuiscono fortemente le importazioni (-48,1%), principalmente a causa di una forte flessione degli acquisti di prodotti in legno, sughero, paglia e materiali da intreccio, mentre aumentano i flussi in uscita (+19,5%), grazie ai comparti del tessile abbigliamento e del metalmeccanico, che fanno così aumentare anche il peso di questo Paese all interno dei BRIC: si oltrepassa infatti la soglia del 35% per quanto concerne l export. In lieve flessione i flussi commerciali da e verso l India, nei confronti della quale il saldo diminuisce di quasi il 4%, restando però su valori positivi (oltre 32 milioni di euro); la diminuzione delle esportazioni risente in particolar modo del -5,1% segnato dal comparto metalmeccanico. BRIC 1 semestre ,5 export import var. % export var. % import ,0 30,0 20,0 10, , ,6-1,6-11,4 0,0-10,0-20, , , , , Brasile Russia India Cina -50,0-60,0 14

15 Diminuzioni più consistenti si riportano nei confronti del Brasile: -36,4% le importazioni e -13,5% le esportazioni, in diminuzione anche il saldo (-4,7%), che si mantiene comunque in area positiva (quasi 73 milioni di euro). La flessione delle importazioni di prodotti brasiliani è legata principalmente ai prodotti dell agricoltura (-34,7%), nel dettaglio ai prodotti di colture permanenti, che costituiscono il 65% degli acquisti bolognesi in Brasile. In diminuzione anche i flussi in entrata del metalmeccanico (-13,6%), che hanno una quota che sfiora il 23% dell import complessivo dal Brasile. Meno intensa la diminuzione delle vendite verso tale Paese, legata al -17,1% del metalmeccanico, che ha un peso settoriale di più del 90%. 15

16

17 Note metodologiche 17

18 .

19 NOTE METODOLOGICHE Dal 1998 i valori riportati nelle tabelle per i dati territoriali sono rilevati, cioè dichiarati agli uffici doganali dai singoli operatori commerciali (FOB - franco frontiera nazionale - per le esportazioni e CIF - comprendente le spese di trasporto e assicurazione fino alla frontiera nazionale - per le importazioni). Classificazioni merceologiche In seguito all applicazione della nuova classificazione Ateco2007 le serie storiche degli indici del commercio con l estero sono state ricostruite a partire dal Esse risultano solo parzialmente confrontabili con le serie precedenti calcolate secondo l Ateco2002, per due ragioni strettamente connesse. Da un lato, la struttura della nuova tassonomia si mostra considerevolmente diversa rispetto alla precedente, sia nei criteri con cui sono state individuate le attività economiche, sia nella configurazione delle voci di dettaglio; dall altro lato, la metodologia di calcolo degli indici aggregati di settore a partire dagli indici elementari di prodotto risulta sensibile alla mutata composizione merceologica interna dei settori di attività definiti dalla classificazione Ateco, nel passaggio dalla versione 2002 alla versione Classificazioni geografiche L'UNIONE EUROPEA (UE) comprende: Austria (dal 1995), Belgio, Danimarca, Finlandia (dal 1995), Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia (dal 1995). Al fine di garantire la comparabilità nel tempo dei dati, la serie storica è stata ricostruita in base alla composizione attuale dell'area a partire dal La serie storica include, dal 1991, i dati relativi ai paesi entrati nell'unione Europea nel 1995 (Austria, Finlandia e Svezia), alle Isole Canarie (dal 1997 nella Spagna) ed ai dipartimenti francesi d'oltremare (Guadalupa, Guyana francese, Martinica e Riunione dal 1997 nella Francia). Dal 1 maggio 2004 l UE è costituita da 25 Paesi, c on l ingresso di Repubblica Ceca, Cipro, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Slovacchia e Slovenia. Dal 1 giugno 2005 Serbia e Montenegro si divide in 3 nuovi Paesi: Serbia, Montenegro e Kosovo. Dal 1 gennaio 2007, con l ingresso di Bulgaria e R omania, l UE è costituita da 27 Paesi. Coeweb ha pertanto ricostruito a partire dal gennaio 1993 (primo anno per il quale vi è la disponibilità dei dati relativi alla Slovenia) la serie storica relativa alla attuale composizione dell Unione Europea. Dal 1 luglio 2013 l UE è costituita da 28 Paesi, a seguito dell ingresso della Croazia. I dati relativi al 2013 sono provvisori, quelli relativi al 2012 sono stati rettificati sulla base delle ultime revisioni disponibili. 19

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Nel 2014, in un contesto mondiale in cui gli scambi di beni sono in crescita contenuta rispetto al 2013 (+0,6 per cento), l Italia registra un

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Ranking dei Paesi: dall 11mo al 40mo posto quelli che vanno monitorati con più attenzione

Ranking dei Paesi: dall 11mo al 40mo posto quelli che vanno monitorati con più attenzione Presentata la seconda edizione al Circolo del Commercio della Confcommercio milanese. Progetto svilluppato in collaborazione con l Università Cattolica di Milano I Paesi dove le imprese italiane possono

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a)

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a) Quote di mercato Nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una graduale erosione delle quote di mercato sulle esportazioni mondiali dell Unione europea, principalmente a vantaggio dei paesi dell Asia

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 15 dicembre 2014 Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel 2012, la presenza delle multinazionali italiane all estero

Dettagli

Elaborazione flash. Interscambio Italia e Lombardia con Stati Uniti d America Anno 2014-valori in milioni di euro Saldo commercio estero

Elaborazione flash. Interscambio Italia e Lombardia con Stati Uniti d America Anno 2014-valori in milioni di euro Saldo commercio estero Elaborazione flash Osservatorio MPI Confartigianato Lombardia 26/05/2015 Verso il TTIP. L export lombardo negli Stati Uniti d America Il Made in Lombardia verso gli Usa nei settori di Micro e Piccola Impresa

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Ripresa dell export della provincia di Lecce

Ripresa dell export della provincia di Lecce Ripresa dell export della provincia di Lecce Segnali positivi dall export salentino: nel secondo trimestre 2011 si è registrata una crescita congiunturale delle esportazioni del 37% che si aggiunge al

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Export a RE. Rapporto sulle esportazioni reggiane sulla base dei dati ISTAT. 19 aprile 2011

Export a RE. Rapporto sulle esportazioni reggiane sulla base dei dati ISTAT. 19 aprile 2011 Export a RE Rapporto sulle esportazioni reggiane sulla base dei dati ISTAT 19 aprile 2011 A cura di Francesca Mattioli e Matteo Rinaldini Università di Modena e Reggio Emilia Indice 1 Il contesto internazionale

Dettagli

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005 25 settembre 2006 Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e all esportazione Anni 2000-2005 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Andamento delle attività economiche Sedi di imprese e localizzazioni

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 il caffè Direzione Dipartimento Promozione NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno strumento per

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio

Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio UNIONCAMERE LAZIO LUISS GUIDO CARLI Osservatorio sull internazionalizzazione del Lazio RAPPORTO 2007-2008 Competenze d impresa e sviluppo locale: un approccio sistemico per l analisi delle imprese multinazionali

Dettagli

ESPORTAZIONI ED IMPORTAZIONI DELLE MARCHE 2013-2014 ANNO 2015 VOLUME DICIANNOVESIMO

ESPORTAZIONI ED IMPORTAZIONI DELLE MARCHE 2013-2014 ANNO 2015 VOLUME DICIANNOVESIMO ESPORTAZIONI ED IMPORTAZIONI DELLE MARCHE 2013-2014 ANNO 2015 VOLUME DICIANNOVESIMO Redazione, elaborazioni grafiche e statistiche RICCARDO GIULIETTI Nota Bene: le informazioni statistiche sull Import

Dettagli

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero (in gestione transitoria - ex Legge 214 del ) Gli imballaggi nel commercio estero Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento

Dettagli

Italia - Iran ایران - ایتالیا

Italia - Iran ایران - ایتالیا Italia - Iran ایران - ایتالیا Elaborato dall Ufficio di supporto per la pianificazione strategica, studi e rete estera pianificazione.strategica@ice.it 14 luglio 215 Sanzioni in vigore A partire dal 26

Dettagli

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale movimenti della popolazione GAMBETTOLA IN CIFRE Per amministrare un territorio è necessario scegliere fra diverse soluzioni possibili quelle che meglio si adattano alle situazioni reali, così come emergono

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

L interscambio commerciale del FVG nel 2013 e nel primo trimestre 2014

L interscambio commerciale del FVG nel 2013 e nel primo trimestre 2014 L interscambio commerciale del FVG nel 2013 e nel primo trimestre 2014 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione Generale Piazza Unità d Italia, 1 34121 Trieste telefono: 040 3772228 e-mail: pianificazionestrategica@regione.fvg.it

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Le esportazioni di Vicenza e la dinamica del cambio nei mercati del made in Vicenza Tra i primi 20 mercati di destinazione dei prodotti

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 l olio di oliva marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 13 dicembre 2013 Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO La presenza delle imprese italiane all estero si conferma rilevante

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Guida all export Novembre 2006 a cura di Angelo Negri Indice

Dettagli

La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA. A cura di:

La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA. A cura di: La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA A cura di: per: Unioncamere Lombardia Informazione economica per lo sviluppo locale Ottobre 2009 ii INDICE Introduzione... 5 1. La

Dettagli

Le opportunità di un mondo che cresce

Le opportunità di un mondo che cresce UNIONCAMERE EMILIA-ROMAGNA TEMPORARY EXPORT MANAGER 2014 Le opportunità di un mondo che cresce Camera di Commercio di Ravenna 26 marzo 2014 Dentro il tunnel Partire dai numeri nonostante quanto si dice

Dettagli

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari I dati dell export piemontese di prodotti alimentari Novara, 29 Ottobre 2015 Corso L export prodotti alimentari di origine animale e vegetale 1 L industria alimentare piemontese in cifre (industria alimentare

Dettagli

2013 RAPPORTO SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL PIEMONTE

2013 RAPPORTO SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL PIEMONTE 2013 RAPPORTO SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL PIEMONTE 2013 RAPPORTO SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL PIEMONTE RAPPORTO SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL PIEMONTE (2013) Pubblicazione a cura di Unioncamere

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 06/12/2010

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 06/12/2010 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 06/12/2010 L origine del prodotto è essenziale per gli acquisti di 129 milioni di cittadini europei Il 'made in' influisce sugli acquisti del 31,7% dei

Dettagli

Gruppo di lavoro: Riccardo Achilli - Ricercatore Francesca Loi Ricercatore Fabio Ulgiati Ricercatore

Gruppo di lavoro: Riccardo Achilli - Ricercatore Francesca Loi Ricercatore Fabio Ulgiati Ricercatore FABBISOGNI E STRATEGIE FINANZIARIE DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRENDITORIA ITALIANA Focus PMI è un osservatorio sulle Piccole e Medie Imprese italiane, che annualmente affronta un tema specifico di stringente

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 31 maggio 2010 Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 L Istat rende disponibili per la prima volta i principali risultati dell indagine sulla struttura e le attività delle affiliate

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 2014 II Trimestre 2014 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 2014, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri risultano in aumento per

Dettagli

I nuovi indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali in base 2005

I nuovi indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali in base 2005 3 aprile 2009 I nuovi indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali in Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro di informazione

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

confetra - nota congiunturale sul trasporto merci

confetra - nota congiunturale sul trasporto merci confetra - nota congiunturale sul trasporto merci a cura del Centro Studi Confetra Periodo di osservazione gennaio-dicembre 2003 Anno VII - n 1 febbraio 2004 La nota congiunturale Confetra sul trasporto

Dettagli

Il settore metalmeccanico in provincia di Padova Al 30 giugno 2011

Il settore metalmeccanico in provincia di Padova Al 30 giugno 2011 Il settore metalmeccanico in provincia di Padova Al 30 giugno 2011 Collana Rapporti N. 631 INDICE 3 - Presentazione e sintesi 4 Parte 1^ Insediamenti produttivi a pag. 1.1- Totale provincia di Padova

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

UFFICIO STATISTICA E STUDI. I Numeri dell Economia

UFFICIO STATISTICA E STUDI. I Numeri dell Economia UFFICIO STATISTICA E STUDI I Numeri dell Economia n. 1/2013 Edito dalla Camera di Commercio di Ancona Autorizzazione Tribunale di Ancona n. 5/03 in data 3 aprile 2003 Supplemento del periodico Qui Economia

Dettagli

Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005

Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Novembre 2006 Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Presentazione del lavoro...

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

L EXPORT ITALIANO VOLA ANCHE NEL 2007

L EXPORT ITALIANO VOLA ANCHE NEL 2007 L EXPORT ITALIANO VOLA ANCHE NEL 27 Nel 27 la bilancia commerciale italiana ha chiuso un passivo di oltre 9,4 miliardi di euro, valore relativamente tenuto se raffrontato quello di altri paesi europei

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 3 Il posizionamento dei prodotti italiani nei paesi nordeuropei A cura di Roberta Mosca

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper

Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper 2013 1 Dati rilevanti 1 Questo settore vale il 34% dell intero export italiano; Il Nord genera l 8 del valore

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 - VENDITE PER PRODOTTO GENN- SETT 14 VS 13 2013 2014 var. var % Asti docg 38.220.269 37.358.438-861.831-2,3% Moscato d'asti docg 14.082.178

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Esportazioni per sistema locale del lavoro Anni 2007-2009

Esportazioni per sistema locale del lavoro Anni 2007-2009 Esportazioni per sistema locale del lavoro Anni 2007-2009 14 maggio 2010 L Istat rende disponibili i risultati dell applicazione di una metodologia per la territorializzazione delle esportazioni nazionali

Dettagli

APERTURA INTERNAZIONALE

APERTURA INTERNAZIONALE 3CAPITOLO 3 APERTURA INTERNAZIONALE E POTENZIALITÀ DI CRESCITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO ITALIANO Nel 2011 la domanda estera netta ha ripreso, dopo molti anni, il ruolo di principale motore della crescita.

Dettagli

SERIE STORICHE. Tabella 9 - Esportazioni, importazioni e saldi della bilancia commerciale (milioni di euro) (a)

SERIE STORICHE. Tabella 9 - Esportazioni, importazioni e saldi della bilancia commerciale (milioni di euro) (a) SERIE STORICHE Tabella 9 - Esportazioni, importazioni e saldi della bilancia commerciale (milioni di euro) (a) Dati grezzi Dati mensili destagionalizzati Esportazioni Variazioni Importazioni Variazioni

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 il caffè marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare Tel.:

Dettagli

COMMERCIO ESTERO DELLA REGIONE MARCHE - DATI 2013

COMMERCIO ESTERO DELLA REGIONE MARCHE - DATI 2013 COMMERCIO ESTERO DELLA REGIONE MARCHE - DATI 2013 Dati 2013 estratti e elaborati a Marzo 2014 Fonte dei dati import export : ISTAT COEWEB REGIONE MARCHE Sistema Informativo Statistico e-mail: Funzione.SIStatistico@regione.marche.it

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

Il commercio estero della Toscana. III trimestre 2013

Il commercio estero della Toscana. III trimestre 2013 Il commercio estero della Toscana III trimestre 2013 Firenze, Dicembre 2013 Indice CAPITOLO 1: QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: MERCATI E AREE DI SBOCCO CAPITOLO 3:ANDAMENTI SETTORIALI CAPITOLO 4: DINAMICHE

Dettagli

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale Il commercio con l estero dell Italia: I vini Doc-Docg e PREVISIONI Igt nel 2014 di PRODUZIONE Il commercio con l estero dell Italia 14 aprile 2015 L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro:

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli