Workshop sulle Misure di Livello 2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Workshop sulle Misure di Livello 2"

Transcript

1 Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati Martina Mosco Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 luglio 2014 * Le presenti slide rappresentano una sintesi delle principali tematiche contenute nei documenti ESMA di consultazione sulle misure di Livello 2 MiFID II/MiFIR. Errori e imprecisioni sono imputabili esclusivamente agli autori. 1

2 Agenda incontro 14 luglio Algo trading e High Frequency Algorithmic Trading Technique 2. Order to Trade Ratio (OTR) 3. Tick sizes 4. Sistemi e controlli per le trading venue e le imprese di investimento 5. Direct Electronic Access (DEA) 6. Transaction reporting 7. Market making strategies t & Market making schemes 2

3 6. Transaction reporting (Art. 26 MiFIR) 3

4 Agenda Ambito di applicazione Estensione del numero delle informazioni (campi) Formato dei dati Impatto del regime 4

5 Ambito di applicazione Sistema vigente prevede obblighi di transaction reporting su operazioni riguardanti strumenti finanziari ammessi a negoziazione in un mercato regolamentato dell Unione europea Il nuovo regime registra un ampliamento dell ambito di applicazione in termini di: nuove trading venues (MTF e OTF) nuove tipologie di strumenti finanziari La tempistica rimane invariata (entro t+1), come anche la circostanza che non rileva il luogo di esecuzione (sia trading venue che internalizzatori sistematici e OTC). Trading venue sono tenute a segnalare le operazioni concluse sui propri mercati da operatori diversi dalle imprese di investimento Iter formale di approvazione e verifica dei requisiti dei canali di trasmissione delle informazioni (ARM Approved Reporting Mechanism) I trade repositories (EMIR) se intendono segnalare le operazioni ai sensi della MiFIR devono richiedere l autorizzazione come ARM e inviare le informazioni richieste dalla MiFIR (che differiscono in parte da quelle dovute ai sensi dell EMIR) Particolare rilevanza viene data alfatto che lesegnalazioni devono esserecompletee accurate 5

6 Ambito di applicazione: strumenti finanziari Nuovi strumenti finanziari nello scope ammessi a negoziazione/scambiati anche negli MTF e nelle OTF (quindi non solo nei mercati regolamentati), ivi compresi quelli per i quali è stata presentata una richiesta di ammissione il cui sottostante è uno strumento finanziario scambiato nei mercati regolamentati, negli MTF e nelle OTF il cui sottostanteèunindiceounbasket composto da strumenti finanziarii i scambiati nei mercati regolamentati,negli ti li MTF enelle OTF ESMA interviene per qualificare il caso in cui sottostante è un indice o un basket composto da strumenti finanziari scambiati nei mercati regolamentati, negli MTF e nelle OTF: basket: almeno uno strumento finanziario è scambiato in una trading venue EU indice: ESMA individua 3 opzioni tutte le componenti dell indice sono scambiate in una trading venue EU almeno una % (ad es. 50%) delle componenti è scambiata in una trading venue EU l ultimo sottostante è un indice utilizzato come sottostante di derivati scambiati in una trading venue EU 6

7 Ambito di applicazione: tipologia operazioni (1) Estensione concetto di esecuzione di un operazione Definizione di operazione/transazione: ogni variazione nella posizione di un intermediario e/o dei suoi clienti (ad esclusione di quelli derivanti da eventi societari, quali fusioni, OPA, etc.) Alcuni esempi di estensione dello scope: esercizio di opzioni, pronti contro termine, assegnazioni, novazioni, terminazioni, compressioni Estensione concetto di esecuzione di un operazione Confermatoche gli organismi di investimento collettivi e i fondi pensione sono esclusi dagli obblighi di reporting 7

8 Ambito di applicazione: tipologia operazioni (2) Intermediario A che trasmette un ordine ad intermediario Bpuò alternativamente: Ricezione e trasmissione di ordini fornire a B tutte le informazioni necessarie affinché quest ultimo possa segnalare l operazione per suo conto (ivi inclusi il codice e i riferimenti del cliente) e quindi essere esonerato dagli obblighi di transaction reporting non fornire a B tutte le informazioni necessarie e, quindi, segnalare direttamente l operazione (con l aggiunta laggiunta di un flag per indicare che si tratta di una trasmissione di ordine) 8

9 Estensione del numero delle informazioni (campi) La nuova disciplina comunitaria incide significativamente sulla qualità e soprattutto sulla quantità delle informazioni che gli intermediari sono tenuti a segnalare alla propria Autorità competente relativamente a ciascuna transazione conclusa Sistema vigente in Italia: set minimo obbligatorio di informazioni definito dalla Tabella 1 dell Allegato I del Regolamento CE 1287/2006 => 23 informazioni (campi)* Nuovo regime: 93 informazioni i i (campi) anche se non tuttitti valorizzati contestualmente * A suo tempo la Consob ha optato per la scelta di imporre agli intermediari italiani soltanto quanto espressamente previsto su base obbligatoria dalla MiFID, senza quindi estendere nel 2007 l ambito di applicazione al codice cliente e nel 2010 agli strumenti finanziari derivati scambiati OTC (in linea con la maggior parte dei agli Statiti Membri). 9

10 Estensione del numero delle informazioni (campi) Codice cliente Fra le maggiori novità: obbligo di identificare il cliente per conto del quale è stata conclusa l operazione Attualmente, solo pochi Stati membri hanno in essere un sistema di identificazione dei clienti per conto dei quali l impresa di investimento ha effettuato l operazione, peraltro in forma embrionale e semplificata rispetto a quanto richiesto dalla MiFIR Due possibili situazioni: Caso A: Cliente legal person Caso B: Cliente persona fisica Analoghe disposizioni per il codice controparte 10

11 Codice cliente Cliente legal person Cliente legal person univocamente identificato con il codice LEI (Legal Entity Identifier), analogamente a quanto previsto da EMIR divietoi di operare in sua assenza in casi di indisponibilità del codice LEI per ragioni legittime ed inconfutabili,in via eccezionale il cliente potrà esser identificato con un codice BIC in via residuale e solo per soggetti extra UE ai quali non possa essere attribuito né un codice LEI né un codice BIC, il cliente potrà esser identificato con un codice nazionale dello Stato in cui è stabilita casa madre dell intermediario 11

12 Codice cliente Cliente persona fisica Cliente persona fisica univocamente identificato con un codice nazionale unico, consistente e persistente nel tempo secondo ilprincipio: i i i della nazionalità del cliente se cittadino EEA della residenza per i clienti non EEA residenti in EEA per tutti gli altri (clienti non EEA non residenti in EEA): numero del passaporto esenon disponibile codice univoco assegnato dall intermediario ogni Stato membro deve produrre una lista di codici che potranno essere utilizzati per l identificazione dei clienti nel proprio Stato (lista allegata ai RTS ESMA e quindi, vincolante) peri cittadiniitalianisièpensato alcodicefiscale (come unico codice) previsto che per ogni transazione vengano fornite anche le seguenti informazioni: nome, cognome, data di nascita, paese di residenza, codice postale, indirizzo completo 12

13 Estensione del numero delle informazioni Trader ID identificativo delle persone responsabili della decisione di investimento e della successiva esecuzione dell operazione (trader ID) all interno dell impresa di investimento (da nonconfondere con il cliente) colui che prende la decisione può differire da chi esegue l operazione: entrambe le info dovranno essere contenute indicazione se la decisione viene presa o meno dal cliente ( execution only vs discretionaryy mandate ) ) o in nome e per conto dell intermediario codice da utilizzare e informazioni da fornire sono le medesime utilizzate per identificare le persone fisiche i (per distinguere quando soggetto agisce sia come cliente di intermediario A sia come dipendente del medesimo o diverso intermediario) 13

14 Estensione del numero delle informazioni AlgoID identificativo degli algoritmi responsabili della decisione di investimento e della successiva esecuzione dell operazione (algo ID) utilizzati dall impresa di investimento algoritmo che prende la decisione può differire da quello che esegue l operazione: entrambe le info dovranno essere contenute imprese di investimento avranno discrezionalità e responsabilità di come identificare i propri algoritmi, i purché tl tale scelta comporti che l identificazione sia unica, consistente e persistente nel tempo specifica designazione per ogni algo + se medesimo algoritmo utilizzato su prodotti/mercati diversi, algo deve essere individuato sempre dallo stesso codice + divieto di attribuire a nuovo algo un codice già utilizzato 14

15 Estensione del numero delle informazioni Waiver flag tipologia di eventuale esenzione dall obbligo di trasparenza (waiver flag) flag per deroghe allatrasparenza pre negoziazione proposti 7 codici per identificare i diversi casi di deroga (quali i waiver reference price, large in scale, etc.) non ci sono flag per differimento della trasparenza post trade 15

16 Estensione del numero delle informazioni Short Selling flag identificativo delle vendite allo scoperto relativamente alle azioni e ai titoli di Stato (short selling flag) flag differisce nella sostanza da quello previsto dal Regolamento sulle vendite allo scoperto (quest ultimo ultimo afferisce alle posizioni nette corte e non alle singole operazioni concluse) proposto di un regime semplificato in cui ad ogni operazione conclusa viene attribuito un flag con due possibili valorizzazioni per distinguere i casi di vendita allo scoperto da tutti gli altri non vi è pertanto differenziazione fra i casi di vendita allo scoperto parziale (venditore possiede 50 azioni e ne vende 100) da quelli di vendita allo scoperto totale (venditore vende 100 azioni a fronte di nessuna azione posseduta) 16

17 Formato dei dati Standard e formato delle informazioni che devono inviare gli intermediari e le trading venue Obiettivo: allineare il più possibile agli standard dei trade repositories (EMIR) ESMA individua 4 opzioni: XML (attualmente utilizzato dalla Consob e per lo scambio di informazioni fra le Autorità competenti) lunghezza fissa CSV Excel Altro? 17

18 Impatto del nuovo regime La revisione della normativa comunitaria in materia di transaction reporting migliora le potenzialità del flusso informativo verso Autorità competenti Le nuove disposizioni avranno il conseguente effetto di incrementare notevolmente l onere amministrativo (già oggi significativo sia per gli intermediari che per le Autorità di vigilanza) Attualmente Consob riceve da circa 450 intermediari italiani e da 29 Autorità di altri Stati membri una media di oltre operazioni al giorno Numero peraltro decisamente destinato ad aumentare per effetto dell ampliamento della tipologia di strumenti finanziari e di trading venue Assumendo, in via prudenziale, un numero di operazioni segnalate al giorno pari a , 000 ciascuna delle quali con 70 attributi ti informativi ieffettivi i (su 93), si stima che la Consob riceverà dagli intermediari e dalle altre Autorità quotidianamente circa 21 milioni di informazioni ( x 70) rispetto agli attuali 4,6 milioni ( x 23). 18

19 La consultazione: questions to be answered definizione di transazioni concluse (Q546 Q548) codice cliente e sua identificazione (Q551) trader ID (Q552 Q554) Q554) algo ID (Q555) flag perle vendite allo scoperto (Q557 Q559) Q559) indici e basket (Q562 Q563) succursalidiintermediari(q ) formato delle segnalazioni (XML, lunghezza fissa, CSV, excel, etc.) (Q567) 19

Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB

Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina i dei imercati Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 Luglio 2014 * Le presenti slide

Dettagli

della MiFID II/MiFIR

della MiFID II/MiFIR Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 Luglio 2014 * Le presenti slide

Dettagli

La disciplina dei Mercati

La disciplina dei Mercati Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 luglio 2014 * Le presenti slide

Dettagli

Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB

Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina i dei imercati Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 luglio 2014 * Le presenti slide

Dettagli

MiFID II/MiFIR: le misure di Livello 2 sui

MiFID II/MiFIR: le misure di Livello 2 sui MiFID II/MiFIR: le misure di Livello 2 sui Microstructural Issues Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 luglio 2014 * Le presenti slide rappresentano una

Dettagli

Workshop sulle Misure di Livello

Workshop sulle Misure di Livello Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati: Internalizzatori Sistematici Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 22 luglio

Dettagli

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Settembre 2015 MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Francesca Scacchi e Giuseppe Zaghini, Vigilanza su mercati e Servizi di Investimento, Federcasse La Direttiva 2014/65/UE (di seguito

Dettagli

La disciplina dei Mercati

La disciplina dei Mercati Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 Luglio 2014 * Le presenti slide

Dettagli

La posizione dell Italia nel processo di revisione della MiFID

La posizione dell Italia nel processo di revisione della MiFID La posizione dell Italia nel processo di revisione della MiFID Milano, 20 marzo 2013 Avv. Roberto Ciciani La relazione è svolta a titolo personale e non impegna l Amministrazione di appartenenza Il processo

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Financial Services Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Crisi Finanziaria/ Impegni del G20 Impatti della tecnologia Integrazioni Comunitarie Nuovo schema di vigilanza EU www.pwc.com/it

Dettagli

Maria Antonietta Scopelliti Responsabile della Divisione Mercati

Maria Antonietta Scopelliti Responsabile della Divisione Mercati Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati Maria Antonietta Scopelliti Responsabile della Divisione Mercati CONSOB 14 luglio 2014 * Le presenti slide rappresentano

Dettagli

Oggetto: Osservazioni al documento di Consob in merito alla revisione della Direttiva 2004/39/CE (MiFID) - La disciplina dei mercati.

Oggetto: Osservazioni al documento di Consob in merito alla revisione della Direttiva 2004/39/CE (MiFID) - La disciplina dei mercati. Milano, 25 marzo 2010 Spettabile CONSOB Divisione Mercati Via G. B. Martini, 3 00198 Roma Prot. N. 213/10 Anticipata a mezzo posta elettronica Oggetto: Osservazioni al documento di Consob in merito alla

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Agenda di SIA-EAGLE Clients & Friends

Agenda di SIA-EAGLE Clients & Friends L offerta MiFID per la Compliance dei processi di negoziazione, gestione cliente, monitoraggio e controllo [D. Traversa, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets] Milano, 20/09/2007 sia ssb 2007

Dettagli

Servizi BIt SYSTEMS per MiFID #$ % &

Servizi BIt SYSTEMS per MiFID #$ % & Servizi BIt SYSTEMS per MiFID!" #$ % & &'$$ ( 14 giugno 2007 1. INTRODUZIONE Dal 1 novembre 2007, tutti gli intermediari finanziari dovranno applicare e rispettare la nuova direttiva 2004/39/CE sui mercati

Dettagli

Le riforme delle strutture delle sedi di negoziazione: profili evolutivi

Le riforme delle strutture delle sedi di negoziazione: profili evolutivi Scuola di Economia e Management DISAG- Dipartimento di Studi aziendali e Giuridici Corso di Diritto Europeo della Banca e della Finanza (EGIF) Prof.ssa Antonella Brozzetti a.a. 2015-2016 Le riforme delle

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa L articolo 1, commi da 491 a 500, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, ha introdotto un imposta sulle transazioni finanziarie che si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 luglio 2006 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 7 agosto 2006 al

Dettagli

MiFID. La direttiva che rivoluziona i mercati finanziari europei. Tutti pronti?

MiFID. La direttiva che rivoluziona i mercati finanziari europei. Tutti pronti? MiFID La direttiva che rivoluziona i mercati finanziari europei. Tutti pronti? MiFID: la direttiva Negli ultimi anni il panorama finanziario europeo ha vissuto un importante riorganizzazione strutturale

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A.

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail Milano, 27 marzo 2007 Alessandro Zignani 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. 1 Agenda 1. Il mercato obbligazionario

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Servizi BIt SYSTEMS per MiFID

Servizi BIt SYSTEMS per MiFID Descrizione dei Servizi di compliance alla nuova direttiva 2004/39/CE sui mercati degli strumenti finanziari denominata MiFID (Market in Financial Instruments Directive) di Transaction Reporting e Post

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

POSITION PAPER. 23 novembre 2007

POSITION PAPER. 23 novembre 2007 Risposta ABI alla consultazione della CONSOB sulla Comunicazione contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Mercati adottato in attuazione della MiFID 23 novembre 2007 POSITION

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI -

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI - Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID

La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID Simone D Ippolito Markets Regulation Borsa Italiana Milano, 15 aprile 2008 Contenuti Aspetti generali L obbligo di best execution La strategia

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti. Norton Rose Fulbright. Gianluigi Gugliotta

Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti. Norton Rose Fulbright. Gianluigi Gugliotta Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti Norton Rose Fulbright Gianluigi Gugliotta Milano, 11 giugno 2014 MiFID (2004/39/CE) PRINCIPALI OBIETTIVI Favorire ulteriormente l integrazione, la

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA... 2 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Cda del 26/08/2015 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 **********

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Il cantiere europeo della previdenza complementare

Il cantiere europeo della previdenza complementare Il cantiere europeo della previdenza complementare Antonello Motroni Roma, 20 novembre 2014 Agenda Ue Long term financing investments (LTFI) - Revisione direttiva Iorp Proposta di regolamento su indici

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 01/20 /2014 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

News Ambientale n. 13

News Ambientale n. 13 Studio Legale Perrelli & Associés member of News Ambientale n. 13 La Legge di stabilità italiana 2015 e l applicabilità del reverse charge allo scambio di quote di emissione di gas ad effetto serra, comparazioni

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Prospetto analitico delle operazioni di cui ai commi 491 e 492 dell articolo 1 della legge di stabilità

Prospetto analitico delle operazioni di cui ai commi 491 e 492 dell articolo 1 della legge di stabilità Prospetto analitico delle operazioni di cui ai commi 491 e 492 dell articolo 1 della legge di stabilità Allegato 8 descrizione 1 tipo imposta (491; 492) 2 identificativo impresa: codice fiscale 3 CF del

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure,

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 03/12/2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 03/12/2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 03/12/2014 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le

Dettagli

Indice. Prefazione, di Piergaetano Marchetti. Introduzione

Indice. Prefazione, di Piergaetano Marchetti. Introduzione Prefazione, di Piergaetano Marchetti Introduzione XI XV 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari Ànanziari, di Paolo Sfameni 1 1.1. Introduzione 1 1.1.1. Le fonti comunitarie 3 1.1.2. L

Dettagli

Best execution e struttura dei mercati finanziari. Guido Ferrarini, Università di Genova e European Corporate Governance Institute (ECGI)

Best execution e struttura dei mercati finanziari. Guido Ferrarini, Università di Genova e European Corporate Governance Institute (ECGI) Best execution e struttura dei mercati finanziari Guido Ferrarini, Università di Genova e European Corporate Governance Institute (ECGI) 1 Introduzione Perché una definizione flessibile? La definizione

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1. Premessa Ai sensi della Direttiva 2004/39/CE (MiFID Markets in Financial Instruments Directive), nonché delle relative disposizioni comunitarie di secondo livello e nazionali di attuazione, la Banca

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le misure e i meccanismi

Dettagli

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012 Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale Edizione Dicembre 2012 DETTAGLIO DELLE VENUES E DEGLI INTERMEDIARI PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA ORDINI E NEGOZIAZIONE

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

Comunicazione n. DME/RM/9085378 del 1 ottobre 2009

Comunicazione n. DME/RM/9085378 del 1 ottobre 2009 Comunicazione n. DME/RM/9085378 del 1 ottobre 2009 Premessa Il 21 gennaio 2008 la Consob ha emanato la Comunicazione DME/8005271 contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Consob

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

STRATEGIA DI BEST EXECUTION

STRATEGIA DI BEST EXECUTION STRATEGIA DI BEST EXECUTION Execution policy e best execution La normativa MiFID supera la facoltà lasciata agli Stati membri d imporre la concentrazione degli scambi nel mercato regolamentato, per cui

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID)

La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) (e relative norme di 2 livello: Direttiva 2006/73/CE e Regolamento 1287/2006) Regulation & Post Trading Division Fabrizio Plateroti Elena

Dettagli

ESITO DELLE CONSULTAZIONI

ESITO DELLE CONSULTAZIONI ESITO DELLE CONSULTAZIONI COMUNICAZIONE CONTENENTE CHIARIMENTI DI NATURA APPLICATIVA IN MERITO AL REGOLAMENTO MERCATI DELLA CONSOB ADOTTATO IN ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MiFID 21 gennaio 2008 Nel novembre

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno LA NORMATIVA MIFID DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno Delibera CdA del 29 Ottobre 2007 La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

SOMMARIO. Indice autori... 5. La nozione di mercato più pertinente. Criterio di collegamento

SOMMARIO. Indice autori... 5. La nozione di mercato più pertinente. Criterio di collegamento SOMMARIO Presentazione... Introduzione... Indice autori... VII XIII XV CAPITOLO 1 Introduzione al quadro normativo dopo la direttiva MiFID 1. Preambolo... 3 2. Il quadro normativo anteriore al novembre

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione ordini e strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione ordini e strumenti finanziari BCC BERGAMO E VALLI Strategia di esecuzione e trasmissione ordini e strumenti finanziari In vigore dal 01 luglio 2015 Release 1.0 Revisioni Data delibera CdA 2 INDICE INDICE... 3 PREMESSA... 4 1. Principi

Dettagli

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE...4 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 2.1 TITOLI AZIONARI E RELATIVI DIRITTI DI OPZIONE, COVERED WARRANTS,

Dettagli

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini Edizione Novembre 2013 1 Sommario 1. Obbligo di Best Execution: principi generali e contesto normativo di riferimento 2. Sedi

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA ********** CDA 09/11/2011 VALIDITA DAL 10/11/2011 Confermato cda 27/03/2012 DOCUMENTO SULLA STRATEGIA

Dettagli

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi Presentazione XI Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi 1.1. Articolazione del capitolo 1 1.2. Alcune definizioni preliminari 2 1.2.1. Premessa 2 1.2.2. Valori mobiliari, strumenti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX. Head of Market Supervision

Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX. Head of Market Supervision Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX Milano, 18 dicembre 2006 Stefano Cuccia Head of Market Supervision 1 I normali ambiti di attività dei mercati 1.Listing (ammissione alla negoziazione

Dettagli

Indice. 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari finanziari. 2. Regolamentazione e vigilanza. Prefazione, di Piergaetano Marchetti

Indice. 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari finanziari. 2. Regolamentazione e vigilanza. Prefazione, di Piergaetano Marchetti Indice Prefazione, di Piergaetano Marchetti Introduzione XI XV 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari finanziari di Paolo Sfameni 1 1.1. Introduzione. Le fonti 1 1.2. Le fonti comunitarie

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli

Trasmissione dell AIFMD reporting. Istruzioni operative.

Trasmissione dell AIFMD reporting. Istruzioni operative. Trasmissione dell AIFMD reporting. Istruzioni operative. 1. Soggetti sottoposti all obbligo di segnalazione Sono tenuti alla trasmissione della segnalazione dell AIFMD reporting le SGR per i FIA dalle

Dettagli

BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Adottata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 28 settembre 2009. Riconfermata dal Consiglio

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE Documento adottato con delibera del C.d.A. del 22/10/2007 Ultimo aggiornamento con delibera

Dettagli

intermediari Discussion

intermediari Discussion CONSOB Presentazione della Relazione per il 2013 Roma, 12 maggio 2014 La vigilanza sui mercati e sugli intermediari Discussion Giovanni Petrella Università Cattolica, Milano giovanni.petrella@unicatt.it

Dettagli

1 di 8 12/01/2012 10:04

1 di 8 12/01/2012 10:04 1 di 8 12/01/2012 10:04 English - Versione accessibile - Mappa - Contattaci - Privacy - Avvertenze - Link utili - Ricerca - RSS Soggetti vigilati - Per gli intermediari La Consob Emittenti Intermediari

Dettagli

2. le modalità per determinare l autorità competente ai fini dell esenzione, specie nel caso di istanti residenti in Paesi extra-ue;

2. le modalità per determinare l autorità competente ai fini dell esenzione, specie nel caso di istanti residenti in Paesi extra-ue; Comunicazione congiunta Banca d Italia/Consob in merito al recepimento degli Orientamenti emanati dall AESFEM (ESMA), concernenti l esenzione per attività di supporto agli scambi (market making) e operazioni

Dettagli