Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding"

Transcript

1 Training su LIRP Col presente documento si vuol cercare di aiutare i piloti virtuali alle prime armi che si cimentano a volare Online su IVAO ad effettuare correttamente procedure IFR pubblicate, holding, circuiti d attesa, circle to land, mancati avvicinamenti. Cercheremo di racchiudere in questo documento una sessione di addestramento completo di tutte le procedure di cui sopra partendo dal decollo fino a conclusione dell allenamento che prevediamo possa durare 1h40 circa nella versione proposta. Ovviamente la durata dipende da tipo di aeromobile scelto e dal traffico presente sul campo.. Requisiti necessari per un training producente sono: - Scegliere un velivolo che si conosce bene, che si adatta alle vostre abilità di pilotaggio (possibilmente semplice per iniziare anche gli aerei di default di FS per poi passare a velivoli più complessi). - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding - Essere in possesso di carte strumentali e VFR del campo. (noi eseguiremo un training su LIRP. Le carte sono disponibili sul sito degli aeroporti virtuali di Pisa e Firenze sezione Download). Detto questo possiamo iniziare la sessione. Per prima cosa conviene leggersi il tutto (senza volare) con carte alla mano e capire quello che si sta facendo. Si presuppone che il pilota sia gia a conoscenza almeno delle basi della fonia standard aeronautica. Il training inizia al suolo al parcheggio dell aeroporto di Pisa S.Giusto, con aereo pronto alla messa in moto e con informazioni correnti di meteo e pista in uso. Si contatta la torre di controllo sulla se disponibile oppure il radar , per essere autorizzati alla messa in moto ed al pushback se necessario,( per le operazioni reali di Pushback consultare il documento Procedure operative Pisa Radar Sezione pushback ). Ricevuta l autorizzazione alla messa in moto l atc in seguito vi assegnerà la clearence per il volo IFR che sarà per questo training un uscita SPEZI 6A/6C modificata con inversione di rotta sul FIX MARLY ( il punto MARLY si trova a 20NM dal VOR PIS sulla radiale 279. Lo SPEZI sulla stessa radiale a 35NM): -SPEZI 6C se la pista in uso è la 22L -SPEZI 6A se la pista in uso è la 04R Training su LIRP versione 1.2 Gennaio

2 Controllate quindi l ATIS in vigore. Si fa notare che Pisa avendo piste opposte per decolli (22L) e per gli atterraggi (04R) in condizioni normali, spesso per esigenze di traffico si eseguono decolli da 04R anche se nell ATIS è indicata 22L. Assegnata la clearence di partenza che sarà del tipo: xxxxx lei è autorizzato per volo locale via SPEZI 6 A/C salga e mantenga 5000ft sul QNH zzzz squawk YYYY Il pilota riporterà pronto alla partenza sulla pista assegnata. Una volta autorizzato alla partenza il pilota eseguirà la SID assegnata sotto controllo dell ATC corrente che interverrà magari per correggere eventuali prue e per rispondere ad eventuali domande. L atc inoltre vi informerà di richiamare raggiungendo il punto MARLY pronti ad invertire. Raggiungendo il MARLY il pilota avvertirà di esser pronto ad invertire la rotta, ed autorizzato eseguirà un 180 sulla sx per intercettare la radiale 279 inbound al VOR di PISA , facendo quindi ritorno sul campo. Quando prossimi alla verticale del VOR (cioè sorvolandolo) sarete autorizzati ad eseguire due giri di HOLDING come pubblicato sulle carte strumentali con prua outbound di 049 e prua inbound di 230 (cioè sulla radiale 050 inbound al vor) sempre mantenendo 5000ft. Training su LIRP versione 1.2 Gennaio

3 Un volta eseguiti due giri di holding, compatibilmente con il traffico, l atc vi autorizzerà ad eseguire un procedura ILS-P 04R che ha proprio come IAF (initial approach fix) il vor di PISA e vi informerà di riportare quando stabili LOC 04R. Una volta stabili non completerete l atterraggio, ma eseguirete un mancato avvicinamento raggiungendo le minime pubblicate sulla procedura medesima. In presenza della torre il radar vi passerà al controllore di aerodromo e vi dirà ci risentiamo in zona mancato 2000ft Training su LIRP versione 1.2 Gennaio

4 Usciti dall ATZ della torre e diretti al mancato avvicinamento salendo a 2000ft sul QNH locale, la torre vi ripasserà al radar. A questo punto il controllore radar vi dirà riportate entrando in holding mancato 2000 come da procedura pubblicata. L holding del mancato si trova a 12 Nm dal vor di pisa sulla radiale 309 con prua inbound 309 (radiale 309 Pis Vor 12 Nm) e prua outbound 129. Si eseguono due giri di holding. Completando il secondo giro di holding quindi sulla prua 129 il controllore vi fornirà un VETTORAMENTO RADAR, che vi permetterà di raggiungere il punto JESSY a 3000ft in modo da eseguire la procedura ILS-T 04R e vi chiederà di riportare stabile a conclusione del vettoramento. Training su LIRP versione 1.2 Gennaio

5 Una volta stabili sarete passati alla torre se disponibile (altrimenti si rimane con il radar), ed eseguirete un touch and go sulla 04R e ridecollando vi inserirete in sottovento destro (quindi dopo il decollo si vira a dx) 04 R per eseguire un circuito standard a 1500ft. Sempre in contatto con la torre eseguirete di nuovo un touch and go sulla 04R. Ridecollando vi riporterete nella zona del mancato avvicinamento (sarete passati quindi di nuovo al radar) quindi si vira a sx e si intercetta la radiale 309 del Vor di Pisa a 2000ft, riportando quando entrate in holding. Si eseguono giri di holding salendo a 5000 ft e raggiunti i 5000ft quando su prua 129 si fa rotta di nuovo per il VOR di Pisa. Quando sul vor di Pisa eseguirete un giro di holding per poi essere autorizzati ad una procedura ILS- S 04R che ha come IAF l outer marker PIS 379. Si lascia il vor di PISA a 5000ft sulla prua 216 e raggiunto l OM si esegue la procedura pubblicata riportando all ATC quando stabili sul LOC. Una volta stabili sul LOC eseguirete un Circle to Land per la pista 22L (condizioni del vento permettendo). Per l esecuzione del circle to land pista 22L si rimanda al documento apposito sempre sul sito sezione download. Completate l atterraggio. Training su LIRP versione 1.2 Gennaio

6 Le procedure esposte sono solo un esempio perché sono le più comuni in uso su LIRP. Potete sostituire alle procedure suddette delle procedure non di precisione avendo cura che gli IAF delle procedure siano coincidenti. Per esempio si può sostituire la ILS-P 04R con una procedura VOR- DME 04R o 04L. Si può sostituire la procedura ILS-S 04R con una LOCATOR 04R o 04L. Si fa notare che la zona del mancato avvicinamento PER PISA è sempre la stessa (tranne che per la procedura Locator) per cui i percorsi intermedi di holding tra una procedura e l altra rimangono invariati. Il tipo di Training proposto è il medesimo che i piloti della 46 Aerobrigata eseguono sul campo durante la giornata. La 46 vola con velivoli C130J e G222, la durata di 1h40 per l allenamento è riferita all aeromobile A319. E consigliabile avere anche a disposizione le carte VFR della zona presenti nel pacchetto di carte presenti sul sito. Questo perché in caso di traffico in finale e voi in circuito con la torre è opportuno conoscere la zona di Collesalvetti zona situata tra il campo e la zona Lorenzana sulla VFR standard. Infatti nel caso in cui non possiate atterrare chiudendo il circuito si viene autorizzati dalla torre a mantenere dei 360 sul Colle. Training su LIRP versione 1.2 Gennaio

7 Il presente documento non può essere pubblicato, ne riprodotto in parte, su qualsiasi sito se non sul sito senza l autorizzazione dell autore. Francesco Mugnai. Training su LIRP versione 1.2 Gennaio

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME In questo documento verranno affrontate tre manovre molto ricorrenti nell ambito del volo IFR, le holding, le virate di procedura e gli archi di DME,

Dettagli

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI 1. LE CARTE AEROPORTUALI. le carte aeroportuali individuano le aeree e gli spazi entro i quali i velivoli di varie categorie possono manovrare, decollare

Dettagli

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti Flight Utilities http://www.flightutilities.com Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti 1 Similmente alla necessità di installare semafori nelle aree di maggior traffico automobilistico,

Dettagli

EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. DURANTE LA DISCESA A circa 70-80NM il controllo di centro potrebbe farci cambiare frequenza sull avvicinamento, se on-line.

Dettagli

FONIA DI BASE PER UN VOLO IFR

FONIA DI BASE PER UN VOLO IFR FONIA DI BASE PER UN VOLO IFR BOLOGNA GROUND BUONGIORNO, ALITALIA 1234 CON VOI PER PROVA RADIO BOLOGNA GROUND GOOD MORNING, ALITALIA 1234 WITH YOU FOR RADIO CHECK ALITALIA 1234, BOLOGNA GROUND BUONGIORNO

Dettagli

Copyright 2007 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR. FIR di Roma

Copyright 2007 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR. FIR di Roma Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR FIR di Roma Alghero Fertilia (LIEA) Procedure operative: Unità APP Alghero avvicinamento: Compiti operativi. Alghero avvicinamento

Dettagli

La lettura delle SID

La lettura delle SID La lettura delle SID In questo tutorial proviamo a introdurre alla lettura delle SID semplificando la trattazione a quanto necessario per un utilizzo pratico nel mondo della simulazione di volo. Come prima

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE

INTRODUZIONE INTRODUZIONE Navigazione La Pianificazione del Volo La preparazione del piano di volo. Utilizzo delle procedure standard per la partenza e l avvicinamento. INTRODUZIONE Con il presente inserto, intendiamo introdurre

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI 1 1 AUTORIZZAZIONI DEL CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO... 3 1.1 Autorizzazioni a volare provvedendo alla propria separazione in condizioni meteorologiche a vista... 6 1.2 Informazioni

Dettagli

25 TROFEO CITTA DI LUGO

25 TROFEO CITTA DI LUGO 25 TROFEO CITTA DI LUGO Aeroporto Lugo di Romagna (LIDG) 08-09-10-11 Luglio 2010 Gara di acrobazia aerea Per i giudici di gara Per i partecipanti 1 NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO 2 PARTE PRIMA NORME PER

Dettagli

ILS APPROACH CHARTS INTRODUZIONE AVVICINAMENTI STRUMENTALI

ILS APPROACH CHARTS INTRODUZIONE AVVICINAMENTI STRUMENTALI ILS APPROACH CHARTS In questo documento cercheremo di spiegare come deve essere interpretata una carta di avvicinamento strumentale ILS, aggiungendo anche qualche elemento per le procedure non precision

Dettagli

Esempio di procedura di comunicazione da messa in moto fino ad arresto totale

Esempio di procedura di comunicazione da messa in moto fino ad arresto totale Esempio di procedura di comunicazione da messa in moto fino ad arresto totale Enti in causa delle comunicazioni radio Pilota = Pil1.(..Pil2.Pil3.) Torre = ATC Avvicinamento (Approch) / Radar = Avv. AWACS

Dettagli

EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. CONTATTO RADIO SU UNICOM A circa 130NM/100NM di distanza dall aeroporto di destinazione dovremmo iniziare la nostra discesa (dipende

Dettagli

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. PRE-START (VERIFICA DEI COMANDI). 1. Freni di Parcheggio: Attivati; 2. Manette: Impostate al minimo (IDLE); 3. Interruttore

Dettagli

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali a) Il piano di volo può essere presentato senza preavviso per le seguenti categorie di voli: 1) antincendio;

Dettagli

SKI CANADA Evento Radio Range Istruzioni per lʼevento. Vedo di scrivere le operazioni nel dettaglio.

SKI CANADA Evento Radio Range Istruzioni per lʼevento. Vedo di scrivere le operazioni nel dettaglio. SKI CANADA Evento Radio Range Istruzioni per lʼevento Vedo di scrivere le operazioni nel dettaglio. Da Ottawa si segue la RED1 (Canada) passando per la stazione di Stirling quindi ad incrociare la Amber

Dettagli

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU In questo tutorial ci limiteremo ad una descrizione generale ed alla pianificazione di un volo in IFR internazionale (Genova Valencia) indicando le varie fasi e procedure

Dettagli

Procedure base per il volo con l MB339 OVT

Procedure base per il volo con l MB339 OVT Procedure base per il volo con l MB339 OVT Introduzione Le procedure qui descritte si applicano all Aermacchi MB339 OVT con Patch installata. E consigliato lo studio preliminare del manuale dell MB339

Dettagli

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna (LIPE) su un aereo da addestramento Cessna C172SP Skyhawk,

Dettagli

Comunicazioni aeronautiche

Comunicazioni aeronautiche Comunicazioni aeronautiche Uso della radio Propagazione in linea ottica Uso dello squelch per ascoltare transmissione debole. Parlare nel microfono Premere il pulsante PTT (Push To Talk) poi aspettare

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 Tipo dell aeromobile e volo Boeing 737-800, volo THY 1874. Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna 2012. Treviso APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna 2012. Treviso APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC Letter Of Agreement Treviso APP - Padova ACC Aprile 2012 Marco Milesi - LIPP-CH Massimo Soffientini - LIPP-ACH Simone Amerini - IT-AOAC INDICE: 1. Generalità 1.1 - Scopo 2. Area di responsabilità e delega

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA Edizione 2 del 25 marzo 2015 Regole dell Aria Italia Ed. 2 pag. 2 di 22 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N Edizione 1 18/11/2014 Delibera 51/2014 Emendamento

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria Aeroporto di Lugo Modifiche alle regole dell aria Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito GDL SERA ENAV-ENAC-AM

Dettagli

Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2

Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2 Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2 Il volo VFR (Visual Flight Rules) differisce per molti aspetti da quello IFR. In questo documento, che non ha alcuna pretesa di rigore, si cercherà di

Dettagli

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h).

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h). LA PISTA Un pilota, nel pianificare il suo volo, deve scegliere un aerodromo di destinazione con caratteristiche fisiche che soddisfino le esigenze del suo aeromobile. E abbastanza facile intuire che un

Dettagli

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP LETTERA DI ACCORDO virtuale Tra ACC Brindisi e Pescara APP Lo scopo della seguente lettera di accordo è quello di stabilire le procedure operative che devono essere applicate tra Brindisi e Pescara nella

Dettagli

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014 ATC nell area di Milano Voghera 26 Gennaio 2014 AIP Italia Struttura AIP Italia: È composta da 3 parti ognuna delle quali a sua volta è suddivisa in paragrafi che scendono nei particolari degli argomenti

Dettagli

Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z)

Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z) Exam 245211 Data: Aeromobile: Callsign: Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z) Cessna 172 SP EXM5211 Aeroporto di partenza: Firenze Peretola (LIRQ) Elevazione: Magvar: 142ft 2 Est Spazio aereo

Dettagli

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a TRAFFICO AEREO S.A.T. Security air traffic E il traffico operativo militare svolto per la sicurezza nazionale ; comprende

Dettagli

DO NOT USE FOR REAL AVIATION PURPOSES - FOR FLIGHT SIMULATION ONLY

DO NOT USE FOR REAL AVIATION PURPOSES - FOR FLIGHT SIMULATION ONLY Radionavigazione Il VOR Che cosa è il VOR Funzionamento ed utilizzo in navigazione e nelle procedure di avvicinamento strumentali La Radionavigazione 1998-2003 All rights reserved La navigazione si dice

Dettagli

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Febbraio, 2006 PARTE 1: GLI SPAZI AEREI In questa sezione cercheremo di spiegare come è strutturato il cielo per chi lo percorre a bordo di un aeromobile. Non può e non

Dettagli

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP IBN EDITORE prof. Francesco Iaccarino 1 PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP Stabilire l aeroporto di partenza e di arrivo. Individuare le frequenze di comunicazione e di navigazione (DME, ADF, VOR, ILS). Effettuare

Dettagli

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Introduzione Rifacciamoci a quanto detto a proposito

Dettagli

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Edizione 4 approvata con delibera CdA n 38/06 del 19/06/2006 Elenco delle

Dettagli

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Capitolo 18 SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Elab. D. Colella INDICE Prefazione e Generalità 1. Generalitá 1.1 Responsabilità per la fornitura del Servizio di controllo di avvicinamento 2. DIVISIONE

Dettagli

VFR voliamo on-line!

VFR voliamo on-line! VFR voliamo on-line! di Gaetano Paolone Curiosamente in giro per la rete c è molta più documentazione sul volo on-line IFR che su quello VFR. Eppure il VFR è una simulazione che permette di vedere molto

Dettagli

L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato

L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato per guidare gli aeromobili nella fase finale di un

Dettagli

Tutorial PLAN-G CARATTERISTICHE

Tutorial PLAN-G CARATTERISTICHE Tutorial PLAN-G CARATTERISTICHE interfaccia di Google Maps per ricchi dettagli topografici e satellitari Mostra lo spazio aereo, aeroporti e navaids sulla mappa (da Flight Sim dati) Livelli di dettaglio

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo I-RF-083 Traino Aliante Page 2 di 16 INTENTIONALLY BLANK Page 3 di 16 Sommario 1 Parte generale... 4 1.1 Tipi di traino... 4 1.2 Aeromobili trainatori... 4 1.3 Piloti trainatori... 4 1.4 Condizioni minime

Dettagli

Leggere le Carte. In questa sezione cercheremo di spiegare come si leggono le carte aeronautiche.

Leggere le Carte. In questa sezione cercheremo di spiegare come si leggono le carte aeronautiche. In questa sezione cercheremo di spiegare come si leggono le carte aeronautiche. Non può e non vuole essere esaustiva sull'argomento, in quanto esula dalle intenzioni di questo tutorial. Si presume però

Dettagli

FlyWise contiene al suo interno il più completo database di aereoporti, campi di volo, aviosuperfici, punti di riporto, radioaiuti e spazi aerei.

FlyWise contiene al suo interno il più completo database di aereoporti, campi di volo, aviosuperfici, punti di riporto, radioaiuti e spazi aerei. FlyWise Navigare con saggezza. FlyWise è un sistema di navigazione completo dedicato ai piloti, che vi aiuta in ogni aspetto della vostra navigazione. Un sistema pensato per rispondere velocemente alle

Dettagli

VOLANDO IL TERRITORIO

VOLANDO IL TERRITORIO VOLANDO IL TERRITORIO I droni nella professione del Geometra e del Perito Agrario Acquisiamo le competenze e le abilità per utilizzare i droni. Brevetto da Pilota per l attività professionale PROGRAMMA

Dettagli

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA SERVIZIO SPAZIO AEREO C CAPO Sezione Add.to & Stand.ne UFF.LE SV/ATM CAP AAras CSA-TA Angelo STICCO 15 STORMO C/SAR 415 Gr.STO Servizio CSA STRUTTURA C ARO TWR GCA 1 PUNTI di CONTATTO CAPO SERVIZIO C.S.A.

Dettagli

di Gaetano Paolone Gaetano @ Gaetano. name V 0.6

di Gaetano Paolone Gaetano @ Gaetano. name V 0.6 di Gaetano Paolone Gaetano @ Gaetano. name V 0.6 Curiosamente in giro per la rete c è molta più documentazione sul volo on-line IFR che su quello VFR. Eppure il VFR è una simulazione che permette di vedere

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Ente Nazionale per l'aviazione Civile Regolamento Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Edizione 1-30/06/2003 REGOLAMENTO ENAC Operazioni ogni tempo nello spazio aereo nazionale Art. 1 Definizioni

Dettagli

Scuola di volo Vittoria Alata Pag. 1

Scuola di volo Vittoria Alata Pag. 1 Scuola di volo Vittoria Alata Pag. 1 La navigazione aerea è il procedimento tramite il quale si è in grado di determinare la propria posizione e di dirigere opportunamente l'aeromobile per spostarsi da

Dettagli

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ) ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS SEZIONE DI PALERMO Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Dettagli

Descrizione dei sistemi. Utilizzo nelle procedure di avvicinamento strumentali di precisione. FlightSimulation.it 1998-2004 All rights

Descrizione dei sistemi. Utilizzo nelle procedure di avvicinamento strumentali di precisione. FlightSimulation.it 1998-2004 All rights Navigazione Descrizione dei sistemi ILS Instrumental Landing System Utilizzo nelle procedure di avvicinamento strumentali di precisione. DESCRIZIONE GENERALE L ILS o Instrumental Landing System, è uno

Dettagli

23 GVv VELTRI VIAF come veltri ch uscisser di catena

23 GVv VELTRI VIAF come veltri ch uscisser di catena 23 GVv VELTRI VIAF come veltri ch uscisser di catena PICCOLO PROMEMORIA SULLE COMUNICAZIONI CON TORRE/AWACS UMANI (Umano) Pilota 10.5.1 Premessa E' abbastanza facile trovare in alcuni Gruppi di Volo all'interno

Dettagli

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili 748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) del 20 maggio 2015 (Stato 15 luglio 2015) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e

Dettagli

VOR DME APPROACH CHARTS INTRODUZIONE

VOR DME APPROACH CHARTS INTRODUZIONE VOR DMEAPPROACHCHARTS BasandocisuquantogiàdettosulleprocedurestrumentaliILS,inquestodocumentocercheremo di spiegare come interpretare una carta strumentale VOR DME, visto che quest ultime costituisconofontedidifficoltàpermoltipilotiduranteilvoloonline.prendiamocomeesempiola

Dettagli

Corso basico di radiofonia aeronautica per ULM

Corso basico di radiofonia aeronautica per ULM Corso basico di radiofonia aeronautica per ULM LE FREQUENZE Tutte le comunicazioni radio vengono effettuate con appositi apparati (trasmettitori e ricevitori). All interno di questi apparati ci sono diversi

Dettagli

AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale

AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale MANIFESTAZIONE AEREA AIR EXTREME 2010 Quando l energia prende il volo Venezia Lido 24, 25 e 26 settembre 2010 ORDINE DI MANIFESTAZIONE Tempi: tutti i tempi sono in ora locale Redatto dal Col Pil (ris)

Dettagli

Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA. Elab. F.Tinarelli

Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA. Elab. F.Tinarelli Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA Elab. F.Tinarelli 1. INTRODUZIONE Il complesso delle norme istituite allo scopo di garantire la sicurezza e la regolarità dei voli viene definito "Regole dell'aria". Queste

Dettagli

Air Traffic Control, regole di volo visuali e strumentali in Flight Simulator 2004

Air Traffic Control, regole di volo visuali e strumentali in Flight Simulator 2004 Air Traffic Control, regole di volo visuali e strumentali in Flight Simulator 2004 In questo documento si fornirà un completa descrizione di come funziona l ATC in Flight Simulator 9, di come differisce

Dettagli

Strumenti di navigazione radio-goniometrica (strumenti di bordo per la navigazione VFR; le Radiali VOR)

Strumenti di navigazione radio-goniometrica (strumenti di bordo per la navigazione VFR; le Radiali VOR) Strumenti di navigazione radio-goniometrica (strumenti di bordo per la navigazione VFR; le Radiali VOR) Il sistema di Radionavigazione richiede l installazione, sia a terra che a bordo, di dispositivi

Dettagli

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA Il presente regolamento è stato redatto per dare a tutti la possibilità di uniformarsi alle procedure che permettono il volo acrobatico in sicurezza. Tutti i piloti sono tenuti a seguire, divulgare e meditare

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 8 - ELEMENTI DI LEGISLAZIONE AERONAUTICA 1 È consentito pilotare un apparecchio VDS facendo uso, da parte del pilota, di medicinali,

Dettagli

I servizi del traffico aereo

I servizi del traffico aereo TURIN FLYING INSTITUTE I servizi del traffico aereo Circolazione aerea Carlo Molino A.S 2007/08 1.1 Il servizio del traffico aereo Gli stati membri dell ICAO sono tenuti ad indicare,in accordo con quanto

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA NI-2012-016 del 4 dicembre 2012 NOTA INFORMATIVA REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014 Le note informative contengono informazioni attinenti l area della

Dettagli

AIP Italia AD 2 LIMJ 6-3. Procedura di salita iniziale RWY 28 Initial climb procedure RWY 28 REMARKS IXITO. REMARKS

AIP Italia AD 2 LIMJ 6-3. Procedura di salita iniziale RWY 28 Initial climb procedure RWY 28 REMARKS IXITO. REMARKS AIP Italia AD 2 LIMJ 6-3 PROCEDURE DI SALITA INIZIALE INITIAL CLIMB PROCEDURES Procedura di salita iniziale RWY 28 Initial climb procedure RWY 28 Dopo il decollo continuare prua pista fino ad 1.5 NM SES

Dettagli

Controllo del traffico Aereo

Controllo del traffico Aereo All epoca del debutto dell aeronautica alla fine del diciannovesimo secolo, non ci si preoccupava di organizzare e controllare il traffico Aereo. L obiettivo era quello semplicemente di crearlo un Traffico

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM

INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM Tipo dell aeromobile e marche Beech 36 (BE36), marche N767CM. Data e ora 15 giugno 2005, ore 14.45 3. Località dell evento Descrizione dell evento Aeroporto

Dettagli

ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO

ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO 1. Introduzione Quota e livello sono termini generici riferiti alla posizione verticale di un aereo in volo che indicano, a seconda dei casi, un altezza, un altitudine

Dettagli

FIR di Roma. Procedure Operative Firenze Radar. Classificazione spazio aereo

FIR di Roma. Procedure Operative Firenze Radar. Classificazione spazio aereo FIR di Roma Procedure Operative Firenze Radar Classificazione spazio aereo Firenze Radar si occupa della gestione dei traffici all interno del proprio CTR, cura gli arrivi e le partenze IFR/VFR dall aeroporto

Dettagli

La radio navigazione in Falcon

La radio navigazione in Falcon Gli autori Merlin & Soul ringraziano Red Dog (Olivier Beaumont) per la concessione di utilizzo di testi e immagini di sua creazione per la realizzazione di questo lavoro. INTRODUZIONE La radio navigazione

Dettagli

EASY FSX ITALIA IMPOSTAZIONE DEL PIANO DI VOLO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA IMPOSTAZIONE DEL PIANO DI VOLO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA IMPOSTAZIONE DEL PIANO DI VOLO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. AVVIO DEL SIMULATORE 1. Selezionare Volo Libero dal menù FSX; 2. Selezionare Meteo reale mondiale ; 3. Selezionare

Dettagli

Navigazione con le radioassistenze VOR

Navigazione con le radioassistenze VOR PARABLINDA AIRLINES 2010 Navigazione con le radioassistenze VOR di Alberto Serra Alessio Angius PARABLINDA AIRLINES STAFF Pagina 1 di 27 INDICE DEGLI ARGOMENTI Introduzione pag. 5 1. Definizioni pag. 6

Dettagli

FIR di Roma. Procedure Operative Pisa Radar. Classificazione spazio aereo

FIR di Roma. Procedure Operative Pisa Radar. Classificazione spazio aereo FIR di Roma Procedure Operative Pisa Radar Classificazione spazio aereo Pisa Radar si occupa della gestione dei traffici all interno del CTR di Pisa; si occupa delle partenze e degli arrivi da Pisa Aeroporto,

Dettagli

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino TURIN FLYING INSTITUTE Il piano di volo Navigazione Aerea Carlo Molino 1.1 Il piano di volo: Il piano di volo è un modulo compilato dai piloti e spedito all autorità dell aviazione nazionale (in Italia

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

TRAFFICO AEREO MODULO 3 STRIP MARKING

TRAFFICO AEREO MODULO 3 STRIP MARKING TRAFFICO AEREO MODULO 3 STRIP MARKING 1 1 Strip Marking... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Compilazione strisce progresso volo... 3 1.3 Metodo Di Compilazione Strip Marking... 3 1.4 Modelli Di Strisce Progresso

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTI CLASSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA X LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO SCIENZE DELLA NAVIGAZIONE AEREA Buonincontri

Dettagli

Cockpit di un aereo da turismo (Cessna 172)

Cockpit di un aereo da turismo (Cessna 172) 1 di 7 12/06/2006 16.32 Cockpit di un aereo da turismo (Cessna 172) CTA Adriano GANDINI Click su uno strumento per leggerne la spiegazione Immagine tratta da "Flight Unlimited III" - Looking Glass Studios

Dettagli

Flight Plan & Self Briefing

Flight Plan & Self Briefing Flight Plan & Self Briefing Rieti, 5 Dicembre 2014 Introduzione Nell ambito della riorganizzazione dei Servizi ARO-AIS/MET, l ENAV ha interpretato al meglio il concetto dell ATS Reporting Office (ARO),

Dettagli

How to fly it Cessna 172 Skyhawk

How to fly it Cessna 172 Skyhawk How to fly it Cessna 172 Skyhawk Manuale di volo base per X-Plane 7.10 - Realizzazione febbraio 2004 - SBP Perchè questo manuale e a chi è destinato Ho conosciuto tante persone, appassionate di computer

Dettagli

Il volo in formazione

Il volo in formazione Il volo in formazione Questo tutorial si prefigge di fornire i rudimenti di base preliminari al volo in formazione ed è quindi necessaria la sua lettura prima di iniziare ad effettuare i primi voli. L

Dettagli

GLOSSARIO Operazioni al suolo ed in circuito Volo in rotta

GLOSSARIO Operazioni al suolo ed in circuito Volo in rotta GLOSSARIO Operazioni al suolo ed in circuito Adattare... To arrange Allinearsi... To line up Arrivare lungo sulla pista (con riattaccata)... To overshoot Attendere... To hold Attesa... Holding Atterraggio

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA

REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA Il seguente regolamento interno per l attività di allenamento alla acrobazia in aliante fa riferimento al Regolamento Tecnico Attività Acrobatica Aliante edizione

Dettagli

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 GARA AEREA TERRE VERDIANE 2015 REGOLAMENTO PARTICOLARE b1 1. L'Aeroclub 'Gaspare Bolla' di PARMA con sede in Via Adriano Mantelli 19A, 43126 Parma organizza sull

Dettagli

GIRO AEREO DEI SEI LAGHI 2015

GIRO AEREO DEI SEI LAGHI 2015 GIRO AEREO DEI SEI LAGHI 2015 REGOLAMENTO PARTICOLARE DI GARA L Aero Club Como, associazione sportiva dilettantistica federata al C.O.N.I e ad Aero Club d Italia, organizza per il giorno 19 Settembre 2015

Dettagli

Il-2 Sturmovik: 1946 v.4.10m

Il-2 Sturmovik: 1946 v.4.10m Il-2 Sturmovik: 1946 v.4.10m TUTORIAL SULL ATTERRAGGIO CON SISTEMA LORENZ Il sistema Lorenz, antesignano dell'attuale ILS, è in dotazione a numerosi caccia e bombardieri della Luftwaffe. Un sistema simile

Dettagli

Un po di Storia: l Idroscalo di Orbetello A Brunetta

Un po di Storia: l Idroscalo di Orbetello A Brunetta Un po di Storia: l Idroscalo di Orbetello A Brunetta L idroscalo di Orbetello era una base aerea per gli idrovolanti dalla Regia Marina che operavano del medio Tirreno. Negli anni trenta la sua fama aumentò

Dettagli

ANS Training Navigazione

ANS Training Navigazione CAPITOLO 7 LE CARTE AERONAUTICHE Cartografia: Arte e scienza della rappresentazione del territorio. La carta è una rappresentazione piana e ridotta della superficie terrestre. Quindi, per arrivare alla

Dettagli

STANDARD OPERATING PROCEDURES SUD VIRTUALWINGS

STANDARD OPERATING PROCEDURES SUD VIRTUALWINGS STANDARD OPERATING PROCEDURES SUD VIRTUALWINGS Introduzione In questo manuale sono contenute tutte le indicazioni e le raccomandazioni per consentire una sessione di simulazione proficua e per garantire

Dettagli

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 Approvato il 25.06.2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA

Dettagli

- EVENTI - UNA GUIDA RAPIDA PER I PILOTI

- EVENTI - UNA GUIDA RAPIDA PER I PILOTI - EVENTI - UNA GUIDA RAPIDA PER I PILOTI Benvenuti a questa piccola guida che ho preparato per illustarvi come ci si deve comportare collegandosi in rete su Vatsim durante un evento che coinvolgerà parecchie

Dettagli

VIRTUAL DYNO - presentazione. VIRTUAL DYNO - inserimento dati

VIRTUAL DYNO - presentazione. VIRTUAL DYNO - inserimento dati VIRTUAL DYNO - presentazione All'apertura il software VIRTUAL DYNO si presenta in questo modo. A seguire vi mostreremo come l'utilizzo sia estremamente semplice ed i risultati vi consentano di sfruttare

Dettagli

Recensione Tower Simulation Vers.1.1 by FsRunway.it

Recensione Tower Simulation Vers.1.1 by FsRunway.it Recensione Tower Simulation Vers.1.1 by FsRunway.it Dopo parecchie recensioni effettuate nel campo di Flight Simulator, ci giunge quasi a sorpresa la richiesta di recensire un programma che con la simulazione

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE INCIDENTI DI VOLO /INCONVENIENTI DI VOLO

OGGETTO: SEGNALAZIONE INCIDENTI DI VOLO /INCONVENIENTI DI VOLO AERO CLUB D'ITALIA Prot. nr.: TO - S.V./ 00031917-30.11.2011 Roma, 10 gennaio 2012 CIRCOLARE NR: 44 / 2011 Ai PRESIDENTI AERO CLUB FEDERATI PRESIDENTI ASSOCIAZIONI AGGREGATE DIRETTORI DELLE SCUOLE DI VOLO

Dettagli

AEROPORTO DI MALPENSA. D. Lgs. 194/05

AEROPORTO DI MALPENSA. D. Lgs. 194/05 AEROPORTO DI MALPENSA Mappatura acustica dell infrastruttura aeroportuale D. Lgs. 194/05 Mappatura acustica ex D.Lgs 194/05 a cura di SEA Aeroporti di Milano Data: 29 giugno 2012 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124

Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124 Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124 04:37:57 CIT Approach good morning, Charlie India Tango one two four, we are descending to flight level niner zero (Avvicinamento buongiorno, CIT 124, stiamo scendendo

Dettagli

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com Ottimizzato per Microsoft PowerPoint 2010 versione del 01 12/10/2013 PIANIFICAZIONE IFR IBN EDITORE www.ibneditore.it prof. Francesco Iaccarino iaccarinofr@gmail.com www.itismarconipadova.it Per eventuali

Dettagli

Cronaca di un volo IFR Di Massimo Basile

Cronaca di un volo IFR Di Massimo Basile Cronaca di un volo IFR Di Massimo Basile Il tutorial che segue prende a riferimento un volo IFR da LIMC (Milano Malpensa) a LIRN (Napoli Capodichino) eseguito on-line su IVAO con aeromobile Airbus 320.

Dettagli

ADF. PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre

ADF. PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre www.aeroportofrosinone.it AEROPORTO PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre Progetto Aeroporto Frosinone

Dettagli