1 Organizzazione dell unità in virgola mobile (FPU)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 Organizzazione dell unità in virgola mobile (FPU)"

Transcript

1 1 Organizzazione dell unità in virgola mobile (FPU) Il processore può maneggiare anche numeri reali, attraverso un modulo detto Floating-Point Unit (FPU). Storicamente, tale circuiteria è stata inizialmente realizzata su un chip a sé stante, detto coprocessore matematico (o numerico), che poteva essere presente o meno in un sistema. A partire dai processori 486 dell architettura Intel x86 è stato integrato dentro un unico chip insieme alla ALU. La FPU ha un proprio set di registri ed un set di istruzioni che la riguardano, essenzialmente riservati a fare i conti con i numeri reali. La sua organizzazione è molto diversa rispetto a quella della ALU, ed è specializzata per gli scopi (più limitati) ai quali la FPU serve. 1.1 Aritmetica dei numeri reali Dato un numero in base β, la sequenza di cifre ( a, a,..., a, a. a, a,..., a ) n 1 n m punto chiamato separatore decimale corrisponde al numero razionale In particolare, in base 10: = Ed in base 2: = = 3.25 intervallate da un n 1 n 1 m i i i i β i β i β i= m i= 0 i= 1 A = a = a + a Alcuni numeri razionali e/o reali richiedono un numero infinito di cifre per essere rappresentati in una data base, ad esempio le rappresentazioni del numero razionale 1 3 e del numero reale 3 richiedono un numero infinito di cifre in base 10. Usando un numero finito di cifre si può rappresentare soltanto un sottoinsieme dei numeri razionali. Benché nel calcolatore si utilizzi un numero finito di cifre, per uniformità di lessico con tutti i testi sull argomento, parleremo di rappresentazione dei numeri reali all interno del calcolatore. La conversione di un numero con parte frazionaria non nulla da una base ad un altra si fa convertendo separatamente la parte intera e quella frazionaria. La parte intera viene convertita come abbiamo già visto. Quella frazionaria viene convertita come segue: - da base 2 a base 10: in modo ovvio, moltiplicando ciascuna cifra per la potenza (negativa) di due che le compete, come nell esempio - da base 10 a base 2: usando un algoritmo duale di quello delle divisioni successive: Supponiamo di disporre di due funzioni int ( ),frac ( ) un numero. Possiamo quindi scrivere l algoritmo come segue, che calcolano la parte intera e frazionaria di

2 F1 = frac( A) ( ) ( ) I = int 2 F, F = frac 2 F i i i+ 1 i E la sequenza delle cifre binarie Ii, i 1, costituisce il risultato che cerco, cioè Ii = a i. Vediamo un esempio: = = = = = = 0.4 Moltiplichiamo ogni volta per due la parte frazionaria. La parte intera ottenuta (che vale 0 o 1) rappresenta la prossima cifra in base due della parte frazionaria. La nuova parte frazionaria viene usata per la successiva moltiplicazione. L algoritmo termina quando si ottiene una parte frazionaria nulla, o quando la precisione richiesta viene raggiunta. Dall esempio si nota che ci sono numeri che sebbene in base 10 si rappresentino con un numero finito di cifre decimali, in base 2 richiedono un numero infinito di cifre decimali. Infatti, nel caso soprastante, si ottiene una parte frazionaria periodica di periodo 4. Quindi, la rappresentazione in base 2 dovrebbe essere In particolare, visto che 2 è un sottomultiplo di 10, tutti i numeri che hanno una parte frazionaria finita in base 2 avranno una parte frazionaria finita in base 10, ma non viceversa. Dato che i numeri reali sono rappresentati in base 2 nel calcolatore, si avranno spesso delle approssimazioni, che devono essere tenute in conto dal programmatore Standard di rappresentazione IEEE 754 Guardiamo come prima cosa come sono rappresentati i numeri reali nel PC. Lo standard si chiama IEEE 754, e descrive due tipi di numeri: precisione singola (32 bit, float), precisione doppia (64 bit, double). Lo stile di rappresentazione è identico nei due casi, cambia solo il numero di bit dei campi. Un numero in virgola mobile, secondo lo standard IEEE è rappresentato su 32 o 64 bit, divisi in tre parti: - un bit di segno s; - un numero intero e, detto esponente; - un numero frazionario M, detto mantissa, nell ordine sopra riportato. I bit di una parola di n bit sono indicizzati in modo decrescente con numeri interi da 0 a n-1. In un numero in questo standard, l'importanza del bit decresce col suo indice. Di seguito è rappresentato un numero reale su 32 bit: lunghezza in bit S E Mantissa indice dei bit

3 s Il valore del numero reale rappresentato è: ( ) e 1 2 M Il campo s specifica il segno del numero: 0 per i numeri positivi, 1 per i numeri negativi. La mantissa è un numero frazionario normalizzato, la cui parte intera è cioè pari a 1. Pertanto, la parte intera non viene rappresentata. L esponente viene aggiustato di conseguenza in modo da riportare il numero ad una mantissa con parte intera unitaria. Il campo E contiene la rappresentazione dell esponente. Essendo costituito da 8 bit, permette di rappresentare 256 valori. Due combinazioni di bit della rappresentazione E (0 e 255) sono riservate per funzioni speciali (descritte in seguito); sono quindi possibili 254 combinazioni per rappresentare gli esponenti. L esponente è un numero intero: ciononostante non è rappresentato in complemento a 2. Infatti, quando si ha a che fare con numeri reali, fa comodo che la rappresentazione degli esponenti sia monotona (in modo da poter vedere facilmente se un numero è più grande o più piccolo di un altro). Pertanto l esponente è rappresentato in traslazione. La sua rappresentazione è il numero naturale E = e + pol, con pol = 127. In tal modo, gli esponenti da -126 a +127 hanno come rappresentazione le stringhe di bit corrispondenti ai naturali da 1 a 254. L intervallo di rappresentabilità con questo standard di rappresentazione va da ± a ± Per ogni potenza di due abbiamo la stessa quantità di numeri (2 23 ), tutti con lo stesso numero di cifre significative (23). Il fattore di polarizzazione dell esponente è stato scelto in modo tale che il numero più piccolo possibile abbia un inverso entro l intervallo di rappresentabilità. La rappresentazione in virgola mobile consente di a- vere sempre la stessa precisione relativa, sia che si rappresentino numeri grandi (esponente positivo elevato), che numeri piccoli (esponente negativo grande in modulo). Esempio: Rappresentiamo il numero su 32 bit nello standard IEEE 754. Dobbiamo determinarne il segno, l'esponente e la mantissa. Poiché è un numero negativo, il segno (primo bit) è "1". Poi scriviamo il valore assoluto del numero in forma binaria, convertendolo con gli algoritmi già visti: Successivamente normalizziamo il numero: spostiamo la virgola verso sinistra, lasciando solo un 1 alla sua sinistra: = La mantissa è la parte a destra della virgola, completata con zeri a destra fino a riempire i 23 bit: L'esponente è pari a 6, ma va convertito in binario e traslato di 127. Quindi = 133. In forma binaria: Assemblando il tutto:

4 S E Fraction Il numero zero non può essere rappresentato in modo normalizzato: ciò richiederebbe infatti un e- sponente pari a. Per convenzione, viene rappresentato con esponente e mantissa nulli. Esistono quindi due zeri, uno con segno positivo, uno con segno negativo. Osserviamo che il numero più piccolo (in modulo) rappresentabile in modo normalizzato è: ± Che succede quando un operazione produce un risultato x più piccolo (in modulo) del minimo numero rappresentabile in forma normalizzata? Si ha un underflow, che è una condizione anomala. Dovrei approssimare x con il più vicino numero rappresentabile, che è lo zero. Fare questo comporterebbe una perdita di precisione notevole (infatti, sparirebbero d un colpo solo tutte le cifre significative della mantissa di x ), e potrebbe creare problemi nei conti successivi. Ad esempio, una successiva moltiplicazione x y, con y 1, darebbe in questo caso un risultato nullo, anche se in teoria perfettamente rappresentabile. Per gestire questa situazione limitando i danni, la FPU gestisce anche numeri denormalizzati. Un numero denormalizzato è un numero la cui mantissa ha una parte intera nulla. Vediamo con un esempio come si rappresentano i numeri denormalizzati: Supponiamo che il risultato di un operazione, rappresentato in modo normalizzato, sia: s = 1, e = 129, m = Ovviamente, l esponente -129 non può essere rappresentato sul numero di bit assegnato all esponente nel formato dei reali a 32 bit. Per poter rappresentare questo numero, dovrei scalare la mantissa all indietro di tre posizioni, rappresentando quindi: s = 1, e = 126, m = Il problema è che adesso la rappresentazione non sarebbe corretta. Infatti, visto che non rappresento il bit intero della mantissa, non sarei in grado di distinguerla da quella del numero: s = 1, e = 126, m = Per evitare ambiguità, i numeri denormalizzati sono rappresentati usando il valore minimo per l esponente E polarizzato (cioè zero). La convenzione è che quando la rappresentazione dell esponente è zero, allora il numero si intende come denormalizzato, e quindi la sua mantissa ha parte intera nulla. 1

5 Come già visto, per rappresentare un numero denormalizzato le cifre della mantissa vengono fatte scorrere verso destra. Dato che la mantissa ha un numero finito di cifre, questo comporta la perdita di cifre significative, tanto maggiore quanto più il numero da rappresentare si avvicina allo zero. Ad ogni buon conto, perdere qualche cifra significativa gradualmente comporta meno problemi che perderle tutte insieme. Si noti che, nel caso di numero denormalizzato, l esponente di due per cui la mantissa si intende scalata è comunque -126, e non -127 (anche se la rappresentazione in traslazione dell esponente corrisponderebbe al numero -127). La rappresentazione con i bit di E pari a zero è un caso particolare. Ce ne sono altri, elencati nella tabella seguente: Categoria E Mantissa Zeri 0 0 Numeri denormalizzati 0 non zero Numeri normalizzati qualunque Infiniti 255 (massimo) 0 Quiet NaN (Not a Number) 255 (massimo) non zero, MSB=1 Signaling NaN 255 non zero, MSB=0 Una configurazione con tutti i bit a 0 (mantissa e rappresentazione dell esponente) indica il numero zero. Ne esistono due, a seconda del segno. È infatti comodo poter rappresentare in modo semplice gli intervalli che comprendono lo zero. Inoltre, quando un operazione dà risultato zero, il segno può rivelare alcune informazioni importanti, ad esempio se si è arrivati a zero come limite sinistro o destro. Esistono anche rappresentazioni di infinito (positivo e negativo), e di risultati indefiniti (NaN). Un risultato infinito si ha quando, ad esempio, si divide un numero molto grande per uno molto piccolo in modulo. Un risultato indefinito si ha, ad esempio, effettuando operazioni come +, oppure 0 0, o 1. I NaN quiet non generano eccezioni, mentre i NaN signaling generano eccezioni se si trovano come operandi in una istruzione. La rappresentazione dei reali a doppia precisione è molto simile alla precedente, ma usa un numero di bit maggiore per codificare i campi: S E mantissa

6 Valgono gli stessi ragionamenti fatti per quella singola (si veda la tabella), considerando che l esponente è rappresentato su più bit. L intervallo di rappresentazione va da a 10 circa. L esponente ha un fattore di polarizzazione pari a 1023 (quindi e = E 1023). Il valore massimo di E è pari a 2047, e tale valore è riservato ai NaN e agli infiniti. Nella FPU dell architettura x86 si possono rappresentare numeri a precisione estesa (80 bit) S E mantissa Nei reali a precisione estesa, la mantissa contiene anche il bit intero (che negli altri formati è invece omesso). Per il resto, valgono le stesse proprietà viste per gli altri due formati (si veda anche la tabella per i casi particolari), considerando che l esponente è rappresentato su più bit. L intervallo di rappresentazione va da a circa. L esponente ha un fattore di polarizzazione pari a (quindi e = E 16383). Il valore massimo di E è pari a 32767, e tale valore è riservato ai NaN e agli infiniti. L unica differenza sostanziale rispetto alle altre due rappresentazioni sta nel fatto che nella mantissa viene rappresentata anche la parte intera (un bit, pari a 1 per i numeri normalizzati e zero per i numeri de normalizzati). 1.2 Descrizione della FPU La FPU è dotata di 8 registri a 80 bit (atti, quindi, a contenere numeri reali in precisione estesa), organizzati a stack (pila FPU), più un registro di stato (che contiene anche flag specifici alla FPU) ed un registro di controllo che contiene informazioni di configurazione per l unità. La FPU (come del resto la ALU) ha anche altri registri, invisibili al programmatore, che non verranno descritti. I registri della pila FPU contengono gli operandi e i risultati. Tutti gli operandi reali che vengono portati nella pila vengono automaticamente estesi a 80 bit, qualunque sia la loro lunghezza (a meno di configurare la FPU in modi particolari, cosa che non faremo). In maniera duale, quando un risultato reale viene scritto in qualche locazione di memoria (di 32, 64, o 80 bit) viene approssimato nel formato corretto. Dentro la FPU, tutti gli operandi sono su 80 bit. Il motivo è che conviene fare i conti a precisione maggiore. I registri sono otto. La pila FPU si estende da R7 fino a R0. Il registro che si trova, ad un dato istante, ad essere in cima alla pila FPU, viene riferito nel codice come ST o ST(0). Allo stesso modo, il registro immediatamente sottostante (il penultimo riempito) sarà ST(1), e via discorrendo. I registri possono essere indirizzati in modo relativo al top della pila usando questa sintassi.

7 La pila FPU viene riempito da R7 a R0, ed è considerata circolare (R0 è adiacente a R7). Se si immette un nuovo valore quando R0 è già pieno, si ha wraparound (il valore in R7 viene sovrascritto), e questa cosa può dar luogo ad un eccezione e può essere rilevata dal programmatore controllando opportuni bit nel registro di stato. Figura 1 schema logico della FPU Figura 2 registro di stato della FPU Il registro di stato (Status Register) è a 16 bit. Il bit 15 contiene un valore non significativo. Il resto del registro contiene tre tipi di informazione: - bit 11-13: indicazione del top dello stack. Contiene (su 3 bit) l indice dell ultimo registro riempito nella pila FPU. Inizialmente vale 000, ad indicare che il primo registro riempito sarà R7. bit 7-0: flag delle eccezioni. Quando qualcuno di questi bit è a 1, si è verificata una condizione a- nomala durante l esecuzione di un istruzione. A seconda di come è impostato il registro di controllo,

8 ciò può richiedere l esecuzione una routine di eccezione, che gestisce la condizione anomala. Il bit 7 (exception flag) riassume se si è verificata una condizione che ha richiesto l esecuzione di una routine di eccezione. Il bit 7 vale 1 se e solo se almeno uno dei bit 5-0 vale 1, ed il corrispondente bit nel registro di controllo vale 0.Le condizioni sono le seguenti: - stack fault (#IS, bit 6): viene messo a 1 se si cerca di inserire un valore dentro la pila FPU quando è pieno o di togliere un valore dalla pila FPU vuota. Nel caso il bit C1 delle condizioni discrimina i due casi (C1=1 -> pila FPU piena, C1=0 -> pila FPU vuota). Quando questo succede, viene messo a 1 anche il bit 0 (invalid arithmetic operation). - precision (#P, bit 5): il risultato non è rappresentabile con il numero di cifre pari alla precisione corrente. Non è un gran problema (sono molti i numeri che richiederebbero, ad esempio un numero infinito di cifre) - underflow/overflow (#U, bit 4): si è verificata una condizione di underflow. Il risultato è troppo piccolo in valore assoluto per essere rappresentato in modo normalizzato. - overflow (#O, bit 3): si è verificata una condizione di overflow. Il risultato è troppo piccolo (grande) in valore assoluto per essere rappresentato in modo normalizzato. - zero divide (#Z, bit 2): si è tentato di dividere un operando non nullo per zero. Si noti che la divisione 0/0 è un operazione non valida, che viene gestita da un altro bit. - denormalized operand (#D bit 1): un operando dell operazione è un numero denormalizzato. - invalid arithmetic operation (#IA, bit 0): può essere settato in due casi: quando ci sono problemi con la pila FPU (in congiunzione con il bit 6, #IS), oppure quando si vogliono fare operazioni numericamente inconsistenti, come, 0, /, 0 / 0, x, log ( x) + ± ± ± ± ± ±, oppure operazioni in cui uno degli operandi è NaN, oppure trasferimenti in cui il destinatario è troppo piccolo per contenere il risultato. I flag delle eccezioni sono appiccicosi (sticky). Una volta settati rimangono settati finché qualcuno non li cancella. Esistono istruzioni che fanno esattamente questo. Ci sono poi i bit C3-C0 (14, 10-8): flag delle condizioni. Servono a contenere il risultato di un confronto tra numeri reali (o tra un numero reale ed intero). Sulla base di questi bit si possono poi impostare salti condizionati. Sono l equivalente dei flag nella FPU. Il registro di stato può essere copiato in AX o in memoria per essere analizzato. In particolare, si possono copiare i flag delle condizioni direttamente nel registro EF della ALU. Ciò consente di usare le istruzioni di salto condizionato della ALU dopo aver eseguito il confronto tra operandi della FPU, come vedremo in seguito.

9 Figura 3 registro di controllo della FPU Il registro di controllo può essere scritto dal programmatore per configurare la FPU. In particolare, ci sono tre cose che un programmatore può voler fare: - intervenire sulla precisione dei conti (bit 9-8): per default, i conti dentro la FPU si fanno su 80 bit (mantissa a 64 bit). Troncamenti/estensioni di operandi avvengono durante il trasferimento da/verso la memoria, ma dentro la FPU i conti avvengono alla massima precisione. Per compatibilità all indietro si può cambiare questo default, in modo che le istruzioni della FPU lavorino su operandi a 32 o 64 bit (cioè con mantissa a 24 o 53 bit). Questo campo non deve essere mai modificato. - Intervenire sul tipo di arrotondamento (bit 11-10): sono possibili le seguenti opzioni: o Troncamento (11): si arrotonda sempre verso lo 0 o Verso l alto (10): sempre verso + o Verso il basso (01) sempre verso o Al più vicino numero rappresentabile (default, 00). A futura memoria (servirà per l esame di Calcolatori Elettronici) conviene ricordare che i linguaggi ad alto livello (ad esempio il C++) impostano la FPU in modo che arrotondi per troncamento, cioè in modo diverso dal suo default. È necessario tenerne conto quando si scrivono programmi misti C++/Assembler che usano la FPU. - Mascherare delle eccezioni (bit 5-0): non necessariamente voglio che venga generata un eccezione quando si produce un risultato denormalizzato, né che produrre un risultato approssimato generi un eccezione (è perfettamente normale che ciò accada: il numero 0.1 non è

10 rappresentabile con un numero finito di cifre in base 2, ad esempio). In altri casi, invece, è più ragionevole che un eccezione venga sollevata (ad esempio, se moltiplico per NaN). Impostando ad 1 alcuni dei bit di questa parte del registro di controllo, si possono mascherare le eccezioni corrispondenti, cioè fare in modo che non venga eseguito codice quando si verificano. Quando la FPU viene inizializzata, tutte le eccezioni sono mascherate. È bene non toccare il registro di controllo, lasciandolo impostato al suo valore di default. Il comando del debugger GDB: info float mostra i registri della FPU in una maniera facilmente comprensibile. In particolare, estrae dal contenuto dei registri di stato e controllo le informazioni significative e le stampa su video in modo comprensibile.

11 1.3 Crediti e fonti Alcune immagini sono state copiate dai seguenti link: [1] Wikipedia: [2] Art of Assembly, Alcuni esempi sono stati tratti dai seguenti testi: [3] Intel Architecture Software Developer's Manual, Volume 1: Basic Architecture, chapter 7, [4] G. Frosini Architettura dei Calcolatori Volume I Assembler e Corrispondenza fra C++ e Assembler, Aracne. [5] P. A. Carter, Il linguaggio PC Assembly, cap. 6, 2005,

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Informatica Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Sistemi di numerazione Non posizionali: numerazione romana Posizionali: viene associato un peso a ciascuna posizione all interno della rappresentazione

Dettagli

2.12 Esercizi risolti

2.12 Esercizi risolti Codifica dell'informazione 55 Lo standard IEEE prevede cinque cause di eccezione aritmetica: underflow, overflow, divisione per zero, eccezione per inesattezza, e eccezione di invalidità. Le eccezioni

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Alessandro Pellegrini

Alessandro Pellegrini Esercitazione sulle Rappresentazioni Numeriche Esistono 1 tipi di persone al mondo: quelli che conoscono il codice binario e quelli che non lo conoscono Alessandro Pellegrini Cosa studiare prima Conversione

Dettagli

Sistemi di Numerazione Binaria NB.1

Sistemi di Numerazione Binaria NB.1 Sistemi di Numerazione Binaria NB.1 Numeri e numerali Numero: entità astratta Numerale : stringa di caratteri che rappresenta un numero in un dato sistema di numerazione Lo stesso numero è rappresentato

Dettagli

Informatica Generale 02 - Rappresentazione numeri razionali

Informatica Generale 02 - Rappresentazione numeri razionali Informatica Generale 02 - Rappresentazione numeri razionali Cosa vedremo: Rappresentazione binaria dei numeri razionali Rappresentazione in virgola fissa Rappresentazione in virgola mobile La rappresentazione

Dettagli

Architettura degli Elaboratori I Esercitazione 1 - Rappresentazione dei numeri

Architettura degli Elaboratori I Esercitazione 1 - Rappresentazione dei numeri Architettura degli Elaboratori I Esercitazione 1 - Rappresentazione dei numeri 1 Da base 2 a base 10 I seguenti esercizi richiedono di convertire in base 10 la medesima stringa binaria codificata rispettivamente

Dettagli

Codifica binaria dei numeri

Codifica binaria dei numeri Codifica binaria dei numeri Caso più semplice: in modo posizionale (spesso detto codifica binaria tout court) Esempio con numero naturale: con 8 bit 39 = Codifica in virgola fissa dei numeri float: si

Dettagli

Rappresentazione numeri in virgola mobile

Rappresentazione numeri in virgola mobile Rappresentazione numeri in virgola mobile Un numero non intero può essere rappresentato in infiniti modi quando utilizziamo la notazione esponenziale: Es. 34.5 = 0.345 10 2 = 0.0345 10 3 = 345 10-1 Questo

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Sistemi di numerazione: generalità

Sistemi di numerazione: generalità Sistemi di numerazione: generalità Nel corso della storia sono stati introdotti diversi sistemi di numerazione, dettati di volta in volta dalle specifiche esigenze dei vari popoli. Poiché ogni numero maggiore

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 2 Rappresentazione delle informazioni: numeri e caratteri 1 Codice La relazione che associa ad ogni successione ben formata di simboli di

Dettagli

4. Operazioni aritmetiche con i numeri binari

4. Operazioni aritmetiche con i numeri binari I Numeri Binari 4. Operazioni aritmetiche con i numeri binari Contare con i numeri binari Prima di vedere quali operazioni possiamo effettuare con i numeri binari, iniziamo ad imparare a contare in binario:

Dettagli

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME I

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME I Graziano Frosini ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME I ASSEMBLER E CORRISPONDENZA FRA C++ E ASSEMBLER CON RIFERIMENTO AL PERSONAL COMPUTER E ALL AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE DJGPP Copyright MMIX ARACNE editrice

Dettagli

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1. Floating Point Notazione in virgola mobile N = M BE mantissa base esponente esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.6273 102 forma normalizzata: la mantissa ha una sola cifra

Dettagli

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti Esercitazione Informatica I AA 2012-2013 Nicola Paoletti 4 Gigno 2013 2 Conversioni Effettuare le seguenti conversioni, tenendo conto del numero di bit con cui si rappresenta il numero da convertire/convertito.

Dettagli

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009. Prof. Raffaele Nicolussi

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009. Prof. Raffaele Nicolussi Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009 Prof. Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via B. Castiglione 59-00142 Roma Docente Raffaele Nicolussi rnicolussi@fub.it Lezioni

Dettagli

Logica e codifica binaria dell informazione

Logica e codifica binaria dell informazione Politecnico di Milano Corsi di Laurea in Ingegneria Matematica e Ingegneria Fisica Dipartimento di Elettronica ed Informazione Logica e codifica binaria dell informazione Anno Accademico 2002 2003 L. Muttoni

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

I sistemi di elaborazione

I sistemi di elaborazione 2 I sistemi di elaborazione 2.0 I sistemi di elaborazione c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2001/2002 2.0 0 2 I sistemi di elaborazione Architettura

Dettagli

LA NUMERAZIONE BINARIA

LA NUMERAZIONE BINARIA LA NUMERAZIONE BINARIA 5 I SISTEMI DI NUMERAZIONE Fin dalla preistoria l uomo ha avuto la necessità di fare calcoli, utilizzando svariati tipi di dispositivi: manuali (mani, bastoncini, sassi, abaco),

Dettagli

Linguaggio macchina. 73.1 Organizzazione della memoria. 73.1.1 Pila per salvare i dati. 73.1 Organizzazione della memoria... 37

Linguaggio macchina. 73.1 Organizzazione della memoria. 73.1.1 Pila per salvare i dati. 73.1 Organizzazione della memoria... 37 37 Linguaggio macchina Capitolo 73 73.1 Organizzazione della memoria.............................................. 37 73.1.1 Pila per salvare i dati............................................... 37 73.1.2

Dettagli

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 90.1 Sistemi di numerazione.................................................... 605 90.1.1 Sistema decimale..................................................

Dettagli

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896 2 Esercizio 2.2 La rappresentazione esadecimale prevede 16 configurazioni corrispondenti a 4 bit. Il contenuto di una parola di 16 bit può essere rappresentato direttamente con 4 digit esadecimali, sostituendo

Dettagli

Modulo plug&play MKMB-3-e-3. Interfaccia Modbus/RTU - Modbus/TCP per contatori Iskraemeco MT831 / MT860

Modulo plug&play MKMB-3-e-3. Interfaccia Modbus/RTU - Modbus/TCP per contatori Iskraemeco MT831 / MT860 Modulo plug&play MKMB-3-e-3 Interfaccia Modbus/RTU - Modbus/TCP per contatori Iskraemeco MT831 / MT860 NEW: registri totalizzatori in formato 3 bit Telematica Sistemi s.r.l. Via Vigentina, 71-7010 Zeccone

Dettagli

Rappresentazione dati nell elaboratore

Rappresentazione dati nell elaboratore Rappresentazione dati nell elaboratore dei Fulvio Ferroni fulvioferroni#teletu.it 2010.08.31 Indice generale 1 Introduzione..................................................................... 1 1.1 Dati

Dettagli

Esercizi. Esercizi sulla codifica (Parte 1) Elementi di Informatica e Programmazione. Soluzioni degli esercizi Esercizio 2

Esercizi. Esercizi sulla codifica (Parte 1) Elementi di Informatica e Programmazione. Soluzioni degli esercizi Esercizio 2 Esercizi sulla codifica (Parte 1) Elementi di Informatica e Programmazione Docente: Dr. Daniela Fogli Esercizi 1. Convertire in formato decimale i seguenti numeri binari: 11, 101011, 1100, 111111, 10101010

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

Rappresentazione binaria

Rappresentazione binaria Fondamenti di Informatica per la Sicurezza a.a. 2008/09 Rappresentazione binaria Stefano Ferrari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Stefano Ferrari Università

Dettagli

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3

Indice. 1 Rappresentazione dei dati... 3 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA DI BASE LEZIONE II CODIFICA DELL'INFORMAZIONE PROF. GIOVANNI ACAMPORA Indice 1 Rappresentazione dei dati... 3 1.1. Rappresentazione dei numeri... 3 1.1.1 Rappresentazione del

Dettagli

Introduzione. Rappresentazione di numeri in macchina, condizion

Introduzione. Rappresentazione di numeri in macchina, condizion Introduzione. Rappresentazione di numeri in macchina, condizionamento e stabilità Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Informatica. Esplicazione del manuale e delle slide. Informatica Appunti Luiss Marco D Epifanio. Marco

Informatica. Esplicazione del manuale e delle slide. Informatica Appunti Luiss Marco D Epifanio. Marco Informatica Appunti Luiss Marco D Epifanio Informatica Esplicazione del manuale e delle slide Marco Liberamente tratto da Introduzione alle tecnologie informatiche e ai sistemi informativi aziendali, McGraw.

Dettagli

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 introduzione a ISA ISA - Instruction Set Architecture insieme delle istruzioni (instruction set) che possono

Dettagli

ESERCIZI di FONDAMENTI DI INFORMATICA RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI

ESERCIZI di FONDAMENTI DI INFORMATICA RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI ESERCIZI di FONDAMENTI DI INFORMATICA RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI Esercizio 1 Indicare come un elaboratore effettua la seguente operazione, supponendo di operare con numeri interi rappresentati in complemento

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Corso basilare di programmazione

Corso basilare di programmazione Parte vi Corso basilare di programmazione Introduzione............................................ 947 Programma didattico.................................. 947 Strumenti per la compilazione..........................

Dettagli

Sistemi di Numerazione

Sistemi di Numerazione Fondamenti di Informatica per Meccanici Energetici - Biomedici 1 Sistemi di Numerazione Sistemi di Numerazione I sistemi di numerazione sono abitualmente posizionali. Gli elementi costitutivi di un sistema

Dettagli

Obiettivi dell Analisi Numerica. Avviso. Risoluzione numerica di un modello. Analisi Numerica e Calcolo Scientifico

Obiettivi dell Analisi Numerica. Avviso. Risoluzione numerica di un modello. Analisi Numerica e Calcolo Scientifico M. Annunziato, DIPMAT Università di Salerno - Queste note non sono esaustive ai fini del corso p. 3/43 M. Annunziato, DIPMAT Università di Salerno - Queste note non sono esaustive ai fini del corso p.

Dettagli

E solo questione di metodo:

E solo questione di metodo: E solo questione di metodo: problemi e algoritmi di matematica elementare Progetto Lauree Scientifiche Scuola Estiva di Matematica (4092015) Stefano Finzi Vita Dipartimento di Matematica - Sapienza Università

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni

Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni Abbiamo informazioni (numeri, caratteri, immagini, suoni, video... ) che vogliamo rappresentare (e poter elaborare) in un calcolatore. Per motivi tecnologici un calcolatore

Dettagli

2. Codifica dell informazione

2. Codifica dell informazione 2. Codifica dell informazione Codifica Una codifica è una regola per associare in modo univoco i valori di un dato da codificare con sequenze di simboli. La corrispondenza definita dalla codifica è arbitraria,

Dettagli

Corso di Programmazione I dati nei linguaggi di programmazione Tipi Semplici. I dati nei linguaggi di programmazione. Dati. Dott.

Corso di Programmazione I dati nei linguaggi di programmazione Tipi Semplici. I dati nei linguaggi di programmazione. Dati. Dott. Materiale didattico preparato dal dott. Stefano Ferilli Corso di Programmazione I dati nei linguaggi di programmazione Tipi Semplici Dott. Pasquale Lops lops@di.uniba.it Corso di Programmazione - DIB 1/49

Dettagli

Architettura (10/9/2003) Pag. 1/6. Cognome e Nome (in stampatello):

Architettura (10/9/2003) Pag. 1/6. Cognome e Nome (in stampatello): Architettura (10/9003) Pag. 1/6 Esame di Architettura (matr.0-1) del 10/9003 Per Fondamenti di Architettura NON rispondere Per le domande a risposta multipla cerchiare la risposta scelta. Non alle domande

Dettagli

Lezione 16: L architettura LC-3

Lezione 16: L architettura LC-3 Lezione 16: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 15 Maggio 2013 Ricorda... Il ciclo di esecuzione di un istruzione è composto da sei fasi: FETCH DECODE ADDRESS

Dettagli

Introduzione all Informatica

Introduzione all Informatica Introduzione all Informatica Lezione 4 Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi dell Aquila diruscio@di.univaq.it Nota Questi lucidi sono tratti dal materiale distribuito dalla

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica, Chimica, Elettrica e Meccanica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011 Docente: Gian

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Lezione 3. Sommario. Le operazioni aritmetiche binarie. L aritmetica binaria. La somma La sottrazione La moltiplicazione

Lezione 3. Sommario. Le operazioni aritmetiche binarie. L aritmetica binaria. La somma La sottrazione La moltiplicazione Lezione 3 Le operazioni aritmetiche binarie Sommario L aritmetica binaria La somma La sottrazione La moltiplicazione 1 Definizione Si indica con il termine bit più significativo il bit più a sinistra,

Dettagli

L'informazione e la sua codifica

L'informazione e la sua codifica L'informazione e la sua codifica Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Informatica e telecomunicazione Cos è l informatica informatica? lo studio sistematico degli

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione (TIC) Modulo 2: Informazione, dati e codifica

Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione (TIC) Modulo 2: Informazione, dati e codifica Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione (TIC) Modulo 2: Informazione, dati e codifica Informazione: è lo scambio di conoscenza tra due o più persone nonché il significato che le persone coinvolte

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO Il sistema di numerazione decimale (o base dieci) possiede dieci possibili valori (0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 o 9) utili a rappresentare i numeri. Le cifre possiedono

Dettagli

Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione

Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione Esempi ed esercizi Aritmetica degli elaboratori e algebra di commutazione Fondamenti di Informatica Michele Ceccarelli Università del Sannio ceccarelli@unisannio.it Angelo Ciaramella DMI-Università degli

Dettagli

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione Sistema binario Sommario informatica rappresentare informazioni la differenza Analogico/Digitale i sistemi di numerazione posizionali il sistema binario Informatica Definizione la scienza della rappresentazione

Dettagli

Informatica. Rappresentazione binaria Per esempio +101010000 diventa +0.10101 10 18/10/2007. Introduzione ai sistemi informatici 1

Informatica. Rappresentazione binaria Per esempio +101010000 diventa +0.10101 10 18/10/2007. Introduzione ai sistemi informatici 1 Informatica Pietro Storniolo storniolo@csai.unipa.it http://www.pa.icar.cnr.it/storniolo/info200708 Numeri razionali Cifre più significative: : sono le cifre associate ai pesi maggiori per i numeri maggiori

Dettagli

Appunti di Informatica 1. Gianluca Rossi

Appunti di Informatica 1. Gianluca Rossi Appunti di Informatica 1 Gianluca Rossi Versione maggio 2011 Indice 1 Algoritmi, macchine e linguaggi di programmazione 3 1.1 La macchina di Von Neumann........................ 5 1.2 Dal linguaggio macchina

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

Parte II Indice. Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro. Rappresentazione di numeri con segno

Parte II Indice. Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro. Rappresentazione di numeri con segno Parte II Indice Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro somma sottrazione Rappresentazione di numeri con segno modulo e segno complemento a 2 esercizi Operazioni aritmetiche tra

Dettagli

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani LEMS- Laboratorio Elettronico per la Musica Sperimentale Conservatorio di Musica G. Rossini- Pesaro,QWURGX]LRQH Tutti i FDOFRODWRUL HOHWWURQLFL

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Info Sito del corso: http://home.dei.polimi.it/amigoni/informaticab.html Nicola Basilico, nicola.basilico@gmail.com Problema Abbiamo informazioni

Dettagli

Nel seguito verranno esaminati i diversi tipi di dato e il modo in cui essi sono rappresentati all interno del calcolatore.

Nel seguito verranno esaminati i diversi tipi di dato e il modo in cui essi sono rappresentati all interno del calcolatore. In una delle molteplici possibili definizioni di informazione, questa viene fatta corrispondere a qualunque elemento, in grado di essere rappresentato e comunicato, che consenta di fornire o aumentare

Dettagli

Dispense di Informatica per l ITG Valadier

Dispense di Informatica per l ITG Valadier La notazione binaria Dispense di Informatica per l ITG Valadier Le informazioni dentro il computer All interno di un calcolatore tutte le informazioni sono memorizzate sottoforma di lunghe sequenze di

Dettagli

CLASSE III A I.T.I. (ABACUS) SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DEI DATI VERIFICA DI RECUPERO

CLASSE III A I.T.I. (ABACUS) SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DEI DATI VERIFICA DI RECUPERO CLASSE III A I.T.I. (ABACUS) SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DEI DATI VERIFICA DI RECUPERO 1 Domanda [1 punto] Dato il formato in virgola mobile su 32 bit così definito (precisione singola): o 1

Dettagli

La codifica delle informazioni

La codifica delle informazioni La codifica delle informazioni Bit e byte Come già visto l elaboratore è in grado di rappresentare informazioni al proprio interno solo utilizzando cifre binarie (bit) che solitamente vengono manipolate

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) PhD. Ing. Michele Folgheraiter

Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) PhD. Ing. Michele Folgheraiter Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) Scaglione: da PO a ZZZZ PhD. Ing. Michele Folgheraiter Architettura del Calcolatore Macchina di von Neumann Il calcolatore moderno è basato su un architettura

Dettagli

Fondamenti di Informatica 2. Le operazioni binarie

Fondamenti di Informatica 2. Le operazioni binarie Corso di per il corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Le operazioni binarie Università degli Studi di Udine - A.A. 2010-2011 Docente Ing. Sandro Di Giusto Ph.D. 1 L'algebra binaria Il fatto di aver

Dettagli

Numeri interi posi-vi e nega-vi

Numeri interi posi-vi e nega-vi NUMERI NEGATIVI Numeri interi posi-vi e nega-vi Rappresentazione numeri nega-vi a m bit Segno e valore. Primo bit: il segno (0 +; 1 - ) Rappresento i numeri da - (2 m- 1-1) a (2 m- 1-1). Problema: doppia

Dettagli

Architettura del calcolatore e rappresentazione dell informazione

Architettura del calcolatore e rappresentazione dell informazione Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Complementi al corso di Fondamenti di Informatica Architettura del calcolatore e rappresentazione dell informazione Daniela D Aloisi Anno Accademico 2001-2002

Dettagli

Variabili e tipi di dato

Variabili e tipi di dato Variabili e tipi di dato Tutte le variabili devono essere dichiarate, specificandone il tipo La dichiarazione deve precedere l uso Il tipo è un concetto astratto che esprime: L allocazione di spazio per

Dettagli

Aritmetica dei Calcolatori 1

Aritmetica dei Calcolatori 1 Architettura degli Elaboratori e Laboratorio 1 Marzo 2013 1 Sistema di numerazione sistema posizionale 2 rappresentazione binaria cambio di base basi potenze di 2 3 Rappresentazione binaria con segno Sistema

Dettagli

Appunti sulla rappresentazione dell informazione

Appunti sulla rappresentazione dell informazione Appunti sulla rappresentazione dell informazione Roberto Beraldi DISPENSA PER IL CORSO DI FONDAMENTI DI INFORMATICA CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA CHIMICA, DEI MATERIALI,NUCLEARE (vecchi ordinamenti) Anno

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata Lezione n.6 Unità di controllo microprogrammata 1 Sommario Unità di controllo microprogrammata Ottimizzazione, per ottimizzare lo spazio di memoria occupato Il moltiplicatore binario Esempio di architettura

Dettagli

Parte 1. Vettori di bit - AA. 2012/13 1.1

Parte 1. Vettori di bit - AA. 2012/13 1.1 1.1 Parte 1 Vettori di bit 1.2 Notazione posizionale Ogni cifra assume un significato diverso a seconda della posizione in cui si trova Rappresentazione di un numero su n cifre in base b: Posizioni a n

Dettagli

Le componenti fisiche di un computer: l hardware

Le componenti fisiche di un computer: l hardware Le componenti fisiche di un computer: l hardware In questa sezione ci occuperemo di come è strutturato e come funziona l hardware di un computer. In particolare, nella Sezione ci occuperemo del punto di

Dettagli

Esempio. Esempio. Linguaggio di Programmazione. Linguaggi di programmazione. Linguaggio di computazione. Linguaggi di programmazione

Esempio. Esempio. Linguaggio di Programmazione. Linguaggi di programmazione. Linguaggio di computazione. Linguaggi di programmazione Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Problema e metodologie di progetto Linguaggio C: Introduzione Monica Mordonini Problema e Algoritmo

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 5.1 Operazioni aritmetiche nel sistema binario

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 5.1 Operazioni aritmetiche nel sistema binario Operazioni aritmetiche nel sistema binario Operazioni aritmetiche basilari Le regole da imparare nel caso di una base b sono relative alle b 2 possibili combinazioni delle cifre da 0 a b- 1. Ad esempio,

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009 Lab 02 Tipi semplici in C Obiettivo dell esercitazione Acquistare familiarità con i tipi di dato semplici supportati

Dettagli

E una notazione per descrivere gli algoritmi.

E una notazione per descrivere gli algoritmi. Linguaggio di Programmazione E una notazione per descrivere gli algoritmi. Programma:: e la rappresentazione di un algoritmo in un particolare linguaggio di programmazione. In generale, ogni linguaggio

Dettagli

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione Sistema binario Sommario informatica rappresentare informazioni la differenza Analogico/Digitale i sistemi di numerazione posizionali il sistema binario Informatica Definizione la scienza della rappresentazione

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

IL DSP - Digital Signal Processor

IL DSP - Digital Signal Processor IL DSP - Digital Signal Processor Processore dei segnali digitali 1. Generalità Il Digital Signal Processor (DSP, processore di segnali digitali) è un particolare tipo di microprocessore, ottimizzato per

Dettagli

Operazioni binarie fondamentali

Operazioni binarie fondamentali Operazioni binarie fondamentali Operazioni fondamentali: operazioni elementari sui bit. Sono definite le operazioni aritmetiche più le operazioni logiche (AND, OR, NOT). Le operazioni possono essere descritte

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Algoritmo = Dati e Azioni Sistema numerico binario Rappresentazioni di numeri binari Rappresentazione in modulo e segno

Algoritmo = Dati e Azioni Sistema numerico binario Rappresentazioni di numeri binari Rappresentazione in modulo e segno Algoritmo = Dati e Azioni Dati: Numeri (naturali, interi, reali, ) Caratteri alfanumerici (a, b, c, ) Dati logici (vero, falso) Vettori di elementi, matrici, ([1,2,3], [[1,1],[1,2], ]) Azioni o istruzioni:

Dettagli

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB)

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB) Unità di misura per l informatica Un bit (b) rappresenta una cifra binaria. E l unità minima di informazione. Un Byte (B) è costituito da 8 bit. Permette di codificare 256 entità di informazione distinte

Dettagli

Programmazione dello Z80

Programmazione dello Z80 Il microprocessore si incarica di: gestire il programma e i suoi dati di eseguire i calcoli richiesti. Le azioni appena elencate rendono necessario che il microprocessore abbia da qualche parte, al suo

Dettagli

Base generica: B A = {... }, con A = B, sequenze di n simboli (cifre) c n

Base generica: B A = {... }, con A = B, sequenze di n simboli (cifre) c n Rappresentare le informazioni con un insieme limitato di simboli (detto alfabeto A) in modo non ambiguo (algoritmi di traduzione tra codifiche) Esempio: numeri interi assoluti Codifica decimale (in base

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni

Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni Rappresentazione delle informazioni L informatica si occupa di rappresentare ed elaborare informazioni diverse: numeri caratteri audio immagini video I caratteri: ASCII

Dettagli

Codifica binaria dei numeri relativi

Codifica binaria dei numeri relativi Codifica binaria dei numeri relativi Introduzione All interno di un calcolatore, è possibile utilizzare solo 0 e 1 per codificare qualsiasi informazione. Nel caso dei numeri, non solo il modulo ma anche

Dettagli

Architettura degli elaboratori (A)

Architettura degli elaboratori (A) Laurea in Informatica a.a. 2010-2011 Laboratorio del corso di Architettura degli elaboratori (A) Modulo 1: l Architettura dell 8086 Valeria Carofiglio Linguaggi a vari livelli e loro relazioni Programma

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI. Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011

RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI. Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011 RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011 Prof. Franco Zambonelli Numeri interi positivi Numeri interi senza segno Caratteristiche generali numeri naturali (1,2,3,...)

Dettagli

Lezione2 Ricerca di zeri. http://idefix.mi.infn.it/~palombo/didattica/lab-tnds/corsolab/lezionifrontali. Fernando Palombo

Lezione2 Ricerca di zeri. http://idefix.mi.infn.it/~palombo/didattica/lab-tnds/corsolab/lezionifrontali. Fernando Palombo Lezione2 Ricerca di zeri http://idefix.mi.infn.it/~palombo/didattica/lab-tnds/corsolab/lezionifrontali Fernando Palombo Aritmetica Finita nel Computer Nel computer l aritmetica è a precisione finita cioè

Dettagli