COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA"

Transcript

1 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta del mese di settembre alle ore 19:00, nella Sede Comunale, in seguito a convocazione disposta con invito scritto e relativo ordine del giorno notificato ai singoli Consiglieri si è riunito il Consiglio Comunale in sessione straordinaria. Seduta pubblica, di prima convocazione Fatto l appello nominale risultano presenti: N. Cognome e Nome P N. Cognome e Nome P 1 PASSERA FABIO X 7 CATENAZZI MATTEO X 2 PIAZZA AMEDEO X 8 ANTONINETTI INES X 3 MORANDI ANDREA 9 COMPAGNONI DAVIDE X 4 FAZIO ALESSANDRO X 10 SARTORIO ALESSIA X 5 BALZARI AMLETO X 11 BOTTINELLI ILARIA X 6 CAMPANA MICHELE X Presenti : 10 Assenti: 1 Assiste IL SEGRETARIO COMUNALE Dott. Francesco Tramontana. Constato il numero legale degli intervenuti, assume la presidenza IL SINDACO Sig. Fabio Passera ed espone gli oggetti iscritti all ordine del giorno e su questi il Consiglio Comunale adotta la seguente deliberazione:

2 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 PREMESSO che: - l art. 1 della Legge del 27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di Stabilità 2014), ha previsto, al comma 639, l istituzione, a decorrere dal , dell Imposta Unica Comunale (I.U.C.), che si basa su due presupposti impositivi: uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore e l altro collegato all erogazione e alla fruizione di servizi comunali; - l imposta unica comunale si compone dell imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore sia dell utilizzatore dell immobile, ivi comprese le abitazioni principali, e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell utilizzatore; VISTO che il comma 703 della predetta Legge lascia salva la disciplina per l'applicazione dell'imu come normata dal Decreto Legge n. 201 del 2011 convertito con modificazioni dalla legge n. 214 del 2011; DATO ATTO che il predetto decreto legge 201/2011 è parzialmente modificato dall'art. 1 commi 707 e 708 della Legge 147/2014 e che tali modifiche sono state recepite nel regolamento per l'applicazione dell'imposta Unica Comunale (I.U.C.) - Parte II - IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU), la cui deliberazione è inserita nell'odierno ordine del giorno al punto n. 2; VISTO che, ai sensi del comma 677, il Comune può determinare le aliquote delle due componenti della IUC, IMU e TASI, rispettando in ogni caso il vincolo in base al quale la somma delle aliquote della TASI e dell'imu per ciascuna tipologia di immobile non sia superiore all'aliquota massima consentita dalla legge statale per l'imu al 31 dicembre 2013, fissata al 10,6 per mille, in relazione alle diverse tipologie di immobile diverse dalle abitazioni principali, le quali dal 2014 sono esenti da IMU in base al sopraccitato art 1 comma 707 della Legge 147/2013; DATO ATTO che il medesimo comma dispone che per il 2014, nella determinazione delle aliquote TASI possono essere superati i limiti di cui al precedente paragrafo, per un ammontare complessivamente non superiore allo 0,8 per mille a condizione che siano finanziate, relativamente alle abitazioni principali e alle unita' immobiliari ad esse equiparate, di cui all'articolo 13, comma 2, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, detrazioni d'imposta o altre misure, tali da generare effetti sul carico di imposta TASI equivalenti o inferiori a quelli determinatisi con riferimento all'imu relativamente alla stessa tipologia di immobili, anche tenendo conto di quanto previsto dall'articolo 13 del citato decreto-legge n. 201, del 2011; CONSIDERATO che con propria deliberazione n. 19 in data 09/09/2014, in ossequio a quanto stabilito dall'art 1, comma 677, della Legge 147/2013, sono state fissate le aliquote e le detrazioni per il tributo per i servizi indivisibili (TASI) nelle seguenti misure: - 0,00 per mille per l'abitazione principale e assimilate e relative pertinenze con esclusione di quelle classate nelle categorie catastali A1, A8 e A9 che rimangono soggette alla disciplina dell'imu; - 0,00 per mille per tutte le altre fattispecie imponibili ai fini TASI come disciplinate dalla Legge 147/2013 e dal regolamento comunale per l'applicazione del medesimo tributo o già assoggettati ad IMU; RITENUTO necessario, a seguito della consistente riduzione dei trasferimenti erariali, e delle esenzioni IMU, introdotte a partire dal 2014 dall'articolo 1 commi 707 e 708, di fissare le seguenti aliquote 1) abitazioni principali classate nelle categoria catastali A1, A8 e A9, 4,6 per mille, fissando per le medesime una detrazione pari a euro 1.100,00 2) Immobili in categoria A/1-A/2-A/3-A/4-A/5-A/6-A/7-A/8-C/1-C/2-C/3-C/4-C/6-C/7-D/2-D10 aliquota ridotta pari al 7,6 per mille 3) Per tutti gli immobili imponibili ai fini IMU non rientranti nelle precedenti fattispecie elevare l'aliquota IMU ordinaria, al 10,6 per mille, al fine di raggiungere gli equilibri di bilancio; VISTO l'art. 53, comma 16, della Legge 23/12/2000, n. 388, come modificato dall art. 27, comma 8, della Legge 28/12/2001, n. 448, il quale prevede che: il termine per deliberare le aliquote e le tariffe dei tributi locali, compresa l'aliquota dell'addizionale comunale all'irpef di cui all'articolo 1, comma 3, del decreto legislativo 28 settembre 1998, n. 360, recante istituzione di una addizionale comunale all'irpef, e successive modificazioni, e le tariffe dei servizi pubblici locali, nonché per approvare i regolamenti relativi alle entrate degli enti locali, e' stabilito entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del bilancio di previsione. I regolamenti sulle entrate, anche se approvati successivamente all'inizio dell'esercizio purché entro il termine di cui sopra, hanno effetto dal 1 gennaio dell'anno di riferimento ;

3 VISTO il Decreto del Ministero dell'interno del 18 luglio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n.169 del , concernente la proroga al 30 settembre 2014 del termine per l'approvazione del bilancio di previsione degli enti locali per l'anno 2014; VISTO l art. 13 comma 15 del D.L. n. 201/2011 convertito con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011 n. 214, ai sensi del quale, a decorrere dall anno d imposta 2012, tutte le deliberazioni regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie degli enti locali devono essere inviate al Ministero dell economia e delle finanze, Dipartimento delle finanze, entro il termine di cui all articolo 52, comma 2, del decreto legislativo n. 446 del 1997, secondo le modalità specificate alla nota del Ministero dell'economia e delle Finanze - Dipartimento delle Finanze - Direzione federalismo fiscale - del 6 aprile 2012, prot. n. 5343; VISTO in particolare l'art. 1 comma 688 della Legge 147/2013, settimo periodo che prevede che il comune è tenuto ad effettuare l'invio delle deliberazioni di approvazione delle aliquote e delle detrazioni, nonché dei regolamenti della TASI, esclusivamente in via telematica, entro il 21 ottobre dell'anno cui si riferiscono le disposizioni mediante inserimento del testo degli stessi nell'apposita sezione del Portale del federalismo fiscale, per la pubblicazione nel sito informatico di cui al citato decreto legislativo n. 360 del 1998 e che in caso di mancata pubblicazione entro il termine del 28 ottobre, si applicano gli atti adottati per l'anno precedente; PRESO ATTO che il mancato invio delle predette deliberazioni nei termini, oltre alle conseguenze di cui al precedente paragrafo, è sanzionato, previa diffida da parte del Ministero dell interno, con il blocco, sino all adempimento dell obbligo dell invio, delle risorse a qualsiasi titolo dovute agli enti inadempienti; DATO ATTO che il sistema di aliquote IMU/TASI proposto è in linea con quanto indicato dal Mef nella circolare 2/DF, del , avente a oggetto: Art. 1, comma 677, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di stabilità per l anno 2014) - D. L. 6 marzo 2014, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 maggio 2014, n Tributo per i servizi indivisibili (TASI) - Chiarimenti in materia di applicazione della maggiorazione dello 0,8 per mille ; RICHIAMATA la propria deliberazione n. 25 assunta in data odierna e avente ad oggetto Approvazione del regolamento per l'applicazione dell'imposta Unica Comunale (I.U.C.) - Parte II Imposta municipale propria (IMU) ; RILEVATO che: - ai sensi dei commi nn. 707 e 708 dell art. 1 della L. n. 147/2013 la componente IMU della I.U.C a decorrere dall anno 2014 non si applica: all'abitazione principale e delle pertinenze della stessa, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; alle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari; ai fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dalle vigenti disposizioni; alla casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio; a un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica»; ai fabbricati rurali ad uso strumentale di cui al comma 8 dell articolo 13 del decreto-legge n. 201 del 2011; ai fabbricati costruiti e destinati dall impresa costruttrice alla vendita fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati; DATO ATTO che le aliquote IMU, come sopra indicate, rispettano il disposto dell articolo 1, comma 677, della legge 147 del 2013 con le aliquote deliberate in data 09/09/2014 con atto del Consiglio Comunale n. 19, in materia di TASI; VERIFICATO che le medesime aliquote IMU consentono all'ente di raggiungere un gettito complessivo pari a Euro ,00= al netto della contribuzione del Comune di Maccagno con Pino e Veddasca al fondo di solidarietà comunale pari a euro ,36= come comunicato dal Ministero dell'interno al fine della redazione della bozza di bilancio, adottata dalla Giunta comunale con deliberazione n. 77 in data 24/09/2014 e presentata al Consiglio comunale in data 30/09/2014; ACQUISITI i pareri favorevoli ai sensi dell articolo 49 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, espressi dal Responsabile del Servizio della Ragioneria e dei Servizi Finanziari in ordine alla regolarità tecnica e contabile; DATO ATTO della propria competenza in materia ai sensi dell articolo 42 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267; CON voti favorevoli unanimi, espressi nelle forme di legge,

4 D E L I B E R A 1. DI DETERMINARE, per le motivazioni esposte in premessa e qui integralmente richiamate, per l esercizio 2014 le seguenti aliquote dell'imposta municipale propria (IMU): - 4,60 per mille per le unità immobiliari adibite ad abitazione principale del soggetto passivo e classificata nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 nonché per le relative pertinenze; - 7,60 per mille Immobili in categoria A/1-A/2-A/3-A/4-A/5-A/6-A/7-A/8-C/1-C/2-C/3-C/4-C/6-C/7- D/2-D10-10,60 per mille aliquota ordinaria per tutti gli immobili imponibili ai fini IMU e non rientranti nelle precedenti fattispecie dando atto che l'abitazione principale e assimilate nonchè le relative pertinenze sono esenti da IMU; 2. DI STABILIRE, per le motivazioni esposte in premessa e qui integralmente richiamate, per l esercizio 2014 una detrazione d'imposta pari a euro 1.100,00= fino a concorrenza dell imposta dovuta e nel rispetto dell equilibrio di bilancio a favore delle unità immobiliari adibite ad abitazione principale dal soggetto passivo e classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 nonché per le relative pertinenze; 3. DI DARE ATTO che il gettito complessivo IMU per l'anno 2014 è pari a Euro ,00 dal quale, ai fini dell'inserimento dello stanziamento in bilancio, deve essere detratta la contribuzione del Comune di Maccagno con Pino e Veddasca al fondo di solidarietà comunale pari a euro ,36 come comunicato dal Ministero dell'interno al fine della redazione della bozza di bilancio, adottata dalla Giunta comunale con deliberazione n. 77 in data 24/09/2014 e presentata al Consiglio comunale in data 30/09/2014; 4. DI TRASMETTERE, a norma dell'art. 1 comma 688 della Legge 147/2013 e dell art. 52 del D. Lgs. 446/97, la presente deliberazione e copia del regolamento approvato in materia di IMU, al Ministero dell Economia e delle Finanze, Dipartimento delle finanze, entro il termine del 21 ottobre 2014 perché sia pubblicato sul sito informatico di cui al citato decreto legislativo n. 360 del 1998, consultabile online dai contribuenti. 5. DI PUBBLICARE altresì i medesimi atti sul proprio sito Internet istituzionale per dare adeguata pubblicità delle nuove disposizioni in tema di tributi locali. Successivamente, I L C O N S I G L I O C O M U N A L E CONSIDERATA l urgenza di provvedere in merito, al fine di permettere all'ufficio competente di trasmettere la presente deliberazione al Ministero entro il 21 ottobre come previsto dall'art. 1 comma 688 della Legge 147/2013 e successive modificazioni, con voti favorevoli unanimi, espressi nelle forme di legge, D E L I B E R A DI RENDERE immediatamente eseguibile la presente deliberazione ai sensi dell articolo 134, comma 4, del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267.

5 Letto, confermato e sottoscritto digitalmente IL SINDACO Fabio Passera IL SEGRETARIO COMUNALE Dott. Francesco Tramontana Documento informatico firmato digitalmente ai sensi del Testo Unico D.P.R 28 dicembre 2000 n. 445 ed del D.Lgs 7 marzo 2005 n. 82 e norme collegate, il quale sostituisce il testo cartaceo e la firma autografa.

6 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Oggetto: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 PARERE DI REGOLARITA' TECNICA Il sottoscritto, in qualità di responsabile del Settore Area Amministrativa Contabile e Servizi Sociali, esaminata la proposta di Deliberazione del Consiglio Comunale, avente l oggetto sopra riportato esprime parere FAVOREVOLE per quanto di competenza ed in linea tecnica all adozione dell atto di cui sopra. Maccagno con Pino e Veddasca, li 26/09/2014 Il Funzionario Responsabile Vincenzo Liardo / INFOCERT SPA

7 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Oggetto: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 PARERE DI REGOLARITÀ CONTABILE Il sottoscritto Funzionario Responsabile, esprime parere FAVOREVOLE in ordine alla regolarità contabile relativa alla Deliberazione di cui all oggetto sopra riportato, ai sensi dell'art. 49, comma 1-D.Lgs 18/08/2000 n Maccagno con Pino e Veddasca, li 26/09/2014 Vincenzo Liardo / INFOCERT SPA

8 Allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale N 26 del 30/09/2014 Il Sottoscritto certifica che la sopra descritta deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile, ai sensi dell'art. 134, comma 4 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n.267. Il Segretario Comunale Atto sottoscritto digitalmente Documento informatico firmato digitalmente ai sensi del Testo Unico D.P.R 28 dicembre 2000 n. 445 ed del D.Lgs 7 marzo 2005 n. 82 e norme collegate, il quale sostituisce il testo cartaceo e la firma autografa.

9 Allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale N 26 del 30/09/2014 RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE La deliberazione sopra indicata viene pubblicata in data odierna affinché vi resti per 15 giorni consecutivi, all'albo del Comune accessibile dal sito web istituzionale di questo Comune ai sensi dell'art.124 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n.267 e dell'art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009 n.69. Maccagno con Pino e Veddasca, 08/10/2014 Il Segretario Comunale Atto sottoscritto digitalmente Documento informatico firmato digitalmente ai sensi del Testo Unico D.P.R 28 dicembre 2000 n. 445 ed del D.Lgs 7 marzo 2005 n. 82 e norme collegate, il quale sostituisce il testo cartaceo e la firma autografa.

Deliberazione n. 38. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO.

Deliberazione n. 38. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO. Protocollo RC n. 7994/14 Deliberazione n. 38 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Anno 2014 VERBALE N. 50 Seduta Pubblica del 23 luglio 2014 Presidenza: CORATTI - MARINO L

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI PRADAMANO (Provincia di UDINE) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 47 Del 27/11/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) 1 CAPO I L IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI GRANDOLA ED UNITI

COMUNE DI GRANDOLA ED UNITI COMUNE DI GRANDOLA ED UNITI (Provincia di COMO) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 28.05.2014 SOMMARIO CAPO I L IMPOSTA

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 53 del 22/7/2014 1 Sommario Sommario... 2 CAPO I - IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

C O M U N E D I GRAVEDONA ED UNITI

C O M U N E D I GRAVEDONA ED UNITI C O M U N E D I GRAVEDONA ED UNITI Provincia di COMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. Approvato con Deliberazione Consiliare n. 11 del 07.08.2014 1 INDICE GENERALE - CAPITOLO

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC)

Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC) Allegato B) alla deliberazione C.C. n. 39 del 11/07/2014 COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Provincia di Venezia Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC) Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (11G0066)

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (11G0066) DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (11G0066) IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 76, 87, quinto comma, 117 e 119 della Costituzione;

Dettagli

DALL IMU ALLA IUC LA NUOVA TASSAZIONE SUGLI IMMOBILI DAL 2014

DALL IMU ALLA IUC LA NUOVA TASSAZIONE SUGLI IMMOBILI DAL 2014 Salvatore Albanese - Rosita Donzì DALL IMU ALLA IUC LA NUOVA TASSAZIONE SUGLI IMMOBILI DAL 2014 IMU E MINI IMU IUC (TARI E TASI) REGOLAMENTO COMUNALE ADEMPIMENTI DEL CONTRIBUENTE: DICHIARAZIONE E VERSAMENTO

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32

COMUNE DI AVELLINO. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32 COMUNE DI AVELLINO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32 ANNO 2014 DELIBERAZIONE N. 274 OGGETTO: Approvazione tariffe TARI e piano economico

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

COMUNE DI MONTORIO NEI FRENTANI

COMUNE DI MONTORIO NEI FRENTANI Approvato con delibera consiliare n. 11 del 03.09.2014 COMUNE DI MONTORIO NEI FRENTANI Provincia di Campobasso Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC) 1 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

COMUNE DI VILLANUOVA SUL CLISI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

COMUNE DI VILLANUOVA SUL CLISI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI VILLANUOVA SUL CLISI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 2 del 15 marzo 2014) TITOLO I DISCIPLINA

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli