IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M."

Transcript

1 IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli

2 RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications trial (DCCT) condotto in pazienti con diabete di tipo 1 e UK prospective diabetes study (UKPDS) condotto in pazienti di tipo 2 hanno confermato l importanza del raggiungimento di un buon controllo glicemico nel ridurre il rischio di complicanze croniche in tutti i diabetici.

3 QUALI STRUMENTI PER VALUTARE E MIGLIORARE IL COMPENSO GLICEMICO? Clinica: E.O. (lipoipertrofia), dati antropometrici Esami lab.(hba1c, es. urine, profilo lipidico) Background del paziente (stile di vita, malattie intercorrenti, n ipoglicemie, difficoltà incontrate, aspetto psicologico) Automonitoraggio glicemico

4 SMBG E CONTROLLO GLICEMICO NEL DIABETE DI TIPO 1 Haller MJ et al Predictors of control of diabetes: monitoring may be the key. J Pediatr 2004; 144: Levine BS et al. Predictors of glycemic control and short term adverse outcomes in youth with type 1 diabetes. J pediatr 2001; 139: Nathan DM et al. Glycemic control in diabetes mellitus: have changes in therapy made a difference? Am J Med 1996; 100: Shalitin S et al. Diabetic Medicine 2010, 27: Predictors of glycemic control in patients with type 1 diabetes commencing continuous subcutaneous insulin infusion therapy. Helgeson VS et al. A focus on blood glucose monitoring: relation to glycemic control and determinants of frequency. Pediatr Diabetes. 2010, 26:A. ETC.

5

6 AUTOMONITORAGGIO DELLA GLICEMIA

7 DATA COLLECTION ANALISI DEI DATI NEL TEMPO - PATTERN DATA MANAGEMENT PATTERN MANAGEMENT ANALIZZARE I PATTERN DEI VALORI GLICEMICI PER POTER PREVENIRE IPO-IPERGLICEMIE. Obiettivi glicemici CONSIGLI EDUCAZIONE TERAPEUTICA

8 DIFFICOLTA NELLA VALUTAZIONE DELL AUTOMONITORAGGIO GLICEMCIO? PAPER DIARIES INSULINA?CHO? ACCURATEZZA DEL DIARIO FALSIFICAZIONE DEI DATI OMISSIONE DEI DATI A. Stone, Patient compliance with paper and electronic diaries. BMJ 2002

9 COME ANALIZZARE I DATI? 1. MEDIA 2. N CONTROLLI (verifica autocontrollo) 3. VARIABILITA GLICEMICA (DS, MAGE, HBGI e LBGI) DATI GLICEMICI 4.TREND SETTIMANALE/GIORNALIERO 5. VERIFICA BOLI (quando, quanto)/ CALCOLO CHO 6. VERIFICA BASALE 7. VERIFICA FUNZIONI MICRO 8. VERIFICA COMPLIANCE CSII/INSULINA CONSIGLI TERAPEUTICI

10 1. MEDIA 2. N CONTROLLI (verifica autocontrollo) 3. VARIABILITA GLICEMICA (DS, MAGE, HBGI e LBGI) 4.TREND SETTIMANALE/GIORNALIERO 5. VERIFICA BOLI (quando, quanto)/ CALCOLO CHO 6. VERIFICA BASALE 7. VERIFICA FUNZIONI MICRO 8. VERIFICA COMPLIANCE

11 TEMPO MEDIO STIMATO PER CALCOLARE MEDIA PER 28 controlli glicemici: 3 minuti Facile da rilevare sul glucometro con media a gg MA SCARSE INFORMAZIONI SU VARIABILITA GLICEMICA

12 VARIABILITA GLICEMICA Variabilità glicemica in 2 pazienti affetti da diabete di tipo 1:il paziente A ha un controllo glicemico più instabile rispetto al paziente B nonostante il valore di HbA1c sia sovrapponibile (8%)

13

14 CGMS (continuous glucose monitoring system) VARIABILITA GLICEMICA

15 VARIABILITA GLICEMICA: CGMS

16 Misure della variabilità glicemica Numero delle ipo-iperglicemie registrate Deviazione standard della glicemia Coefficiente di variazione della glicemia Range medio della glicemia circadiana Valore M di Schlichtkrull (Schlichtkrull J, 1965) Ampiezza media delle escursioni glicemiche (MAGE - Service FJ, 1970) Indice di labilità glicemica (Rayan EA, 2004) LBGI (low blood glucose index) (Kovatchev BP, 1998) HBGI (high blood glucose index) (Kovatchev BP, 2002) ADRR (average daily risk range) (Kovatchev BP, 2006) G It Diabetol Metab 2007;27:

17 INDICI DI KOVATCHEV Stratificazione delle categorie di rischio relative ai tre indici predittivi Categorie di rischio minimo LBGI 1.1 HBGI 5 ADRR 10 basso moderato alto >5 >15 >40 G It Diabetol Metab 2007;27:

18 1. MEDIA 2. N CONTROLLI (verifica autocontrollo) 3. VARIABILITA GLICEMICA (DS, MAGE, HBGI e LBGI) 4.TREND SETTIMANALE/GIORNALIERO 5. VERIFICA BOLI (quando, quanto)/ CALCOLO CHO 6. VERIFICA BASALE 7. VERIFICA FUNZIONI MICRO 8. VERIFICA COMPLIANCE

19 SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI DATI GLICEMICI DOWLOAD DATI IN POCHI SECONDI

20

21 d

22 d

23 1. MEDIA 2. N CONTROLLI (verifica autocontrollo) 3. VARIABILITA GLICEMICA (DS, MAGE, HBGI e LBGI) 4.TREND SETTIMANALE/GIORNALIERO 5. VERIFICA BOLI (quando, quanto)/ CALCOLO CHO 6. VERIFICA BASALE 7. VERIFICA FUNZIONI MICRO 8. VERIFICA COMPLIANCE

24 L GL, D1 43 anni Operaio in cantiere navalegiorno di riposo domenica

25 d

26 d NI, 54 anni

27 1. MEDIA 2. N CONTROLLI (verifica autocontrollo) 3. VARIABILITA GLICEMICA (DS, MAGE, HBGI e LBGI) 4.TREND SETTIMANALE/GIORNALIERO 5. VERIFICA BOLI (quando, quanto)/ CALCOLO CHO 6. VERIFICA BASALE 7. VERIFICA FUNZIONI MICRO 8. VERIFICA COMPLIANCE

28 d

29 d

30 INTEGRAZIONE INFORMAZIONI INSULINA, CHO E GLICEMIA d

31 d

32 d

33 d UI 4.8 UI No calc. bolo 50 gr

34 d ore UI, ore mg/dl

35 d

36 d

37 d

38 d 1.2 UI Fattore di correzione 1 UI: 70 mg/dl 298 mg/dl 84 mg/dl

39 d

40 d NON BOLO CORRETTO

41 VALUTARE RAPIDAMENTE EFFICACIA DEGLI INTERVENTI d Misura efficacia intervento

42 d

43 d

44 TECNOLOGIA E MIGLIORAMENTO CLINICO

45 AVIVA EXPERT GLICOMETRO CON CALCOLATORE DEL BOLO calcolo del consiglio bolo periodi temporali giornalieri che possono essere regolati secondo lo stile di vita individuale gestione dati trasferimento dati promemoria appuntamenti promemoria test della glicemia promemoria sveglia intervalli obiettivo della glicemia eventi salute diario elettronico per aggiungere ai risultati del test della glicemia dati su orari dei pasti, carboidrati, stato di salute e bolo.

46 MIGLIORAMENTO DEL COMPENSO GLICEMICO DOPO 3 MESI DALL UTILIZZO DI EXPERT HbA1c (%) n paziente * HbA1c PRE HbA1c POST 10 D1 età media 17±1 HbA1c media pre 8.6 % HbA1c media post 7.9% *p 0.03

47 MAGGIORI INFORMAZIONI CLINICHE MIGLIOR LETTURA DEI DATI MINOR TEMPO MAGGIOR COMUNICAZIONE E INTERAZIONE CON IL PAZIENTE MAGGIOR SODDISFAZIONE PER IL PAZIENTE MISURA EFFICACIA INTERVENTO (STUDI CLINICI) ABILITA CON TECNOLOGIE

48 GRAZIE PER L ATTENZIONE

EDUCAZIONE DEI PAZIENTI IN TERAPIA CON MICROINFUSORE CON L USO DI SOFTWARE DEDICATI

EDUCAZIONE DEI PAZIENTI IN TERAPIA CON MICROINFUSORE CON L USO DI SOFTWARE DEDICATI EDUCAZIONE DEI PAZIENTI IN TERAPIA CON MICROINFUSORE CON L USO DI SOFTWARE DEDICATI Paola Ponzani U.O. Diabetologia - ASL 3 Genovese Bocca di Magra 4 giugno 2010 Abilità tecniche nella gestione del microinfusore

Dettagli

Sistema di monitoraggio in continuo della glicemia

Sistema di monitoraggio in continuo della glicemia Sistema di monitoraggio in continuo della glicemia Dal test sull urina all autocontrollo domiciliare fino al monitoraggio nei fluidi interstiziali Nell urina 1940-50: Clinitest, Clinistix strip, Acetest,

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Agus S, Tonutti L, Pellegrini MA, Venturini G, Cannella S, Toffoletti V, Vidotti F, Sartori C, Boscariol C, Pellarini L, Rutigliano

Dettagli

Innovazione tecnologica: Valutazione e riconoscimento tariffario

Innovazione tecnologica: Valutazione e riconoscimento tariffario Innovazione tecnologica: Valutazione e riconoscimento tariffario Salvatore Caputo Istituto di Medicina Interna e Geriatria Servizio di Diabetologia Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico A. Gemelli

Dettagli

PROFADIA ASL di MILANO

PROFADIA ASL di MILANO PROFADIA ASL di MILANO Background La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza. L accresciuta prevalenza nel

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Sonia Toni Centro Regionale Diabetologia Pediatrica AOU Meyer - Firenze

Sonia Toni Centro Regionale Diabetologia Pediatrica AOU Meyer - Firenze NUOVE TECNOLOGIE NELLA CURA DEL DIABETE TIPO 1 UTILITA DEL MONITORAGGIO GLICEMICO Sonia Toni Centro Regionale Diabetologia Pediatrica AOU Meyer - Firenze BOCCA DI MAGRA 4-6 GIUGNO 2010 NUOVE TECNOLOGIE

Dettagli

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria Antonio Nicolucci Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia Consorzio Mario Negri Sud Santa Maria Imbaro (CH)

Dettagli

Autocontrollo e tecnologie nell esercizio fisico stru1urato: Calcolo del consumo calorico. Vincenzo Paciotti

Autocontrollo e tecnologie nell esercizio fisico stru1urato: Calcolo del consumo calorico. Vincenzo Paciotti Autocontrollo e tecnologie nell esercizio fisico stru1urato: Calcolo del consumo calorico Vincenzo Paciotti L autocontrollo può perme1ere alla persona con DM2 di : a. affrontare modificazioni dell'alimentazione

Dettagli

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni)

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) PAGINA 1 DI 28 Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) Glicemia PERIODO DI REFERTAZIONE SELEZIONATO Test 44% Sopra valore stabilito 41% Nel target 15% Sotto valore stabilito Deviazione standard

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

Smart Pix SOFTWARE. Manuale per l uso

Smart Pix SOFTWARE. Manuale per l uso Smart Pix SOFTWARE Manuale per l uso Manuale per l uso del software Accu-Chek Smart Pix Edizione: dicembre 2011 Roche Diagnostics GmbH 2011 Tutti i diritti riservati ACCU-CHEK, ACCU-CHEK AVIVA, ACCU-CHEK

Dettagli

Sistema Integrato MiniMed 640G

Sistema Integrato MiniMed 640G Sistema Integrato MiniMed 640G Intelligent for Better Control Il Sistema Intelligente PER UNA PROTEZIONE AVANZATA PER GRANDE SEMPLICITÀ D USO E PERSONALIZZABILITÀ L ipoglicemia è una delle maggiori criticità

Dettagli

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia Dr.ssa P.Stefanoni Definizione Si parla di ipoglicemia quando la concentrazione ematica di glucosio è inferiore a 70 mg/dl AMD-SID, 2009-2010 L ipoglicemia è..

Dettagli

L importanza della Comunicazione Efficace nella cura del paziente diabetico: un progetto di educazione sanitaria

L importanza della Comunicazione Efficace nella cura del paziente diabetico: un progetto di educazione sanitaria Contributi professionali L importanza della Comunicazione Efficace nella cura del paziente diabetico: un progetto di educazione sanitaria Pasquale Cioffi*, Rosalba Di Tommaso*, Giuseppe Guaglianone** *Scuola

Dettagli

Corsi di Formazione per Diabetico Guida

Corsi di Formazione per Diabetico Guida Corsi di Formazione per Diabetico Guida Hotel Mercure Siena Degli Ulivi - Via A. Lombardi n. 41 - SIENA 24-25 maggio Area Vasta Sud Est Responsabile Scientifico Dott. Francesco Dotta Direttore Unità Operativa

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

Lavoro originale. G It Diabetol Metab 2008;28:200-204

Lavoro originale. G It Diabetol Metab 2008;28:200-204 G It Diabetol Metab 2008;28:200-204 Lavoro originale Il diario interattivo per il diabete (DID): un nuovo sistema di telemedicina e supporto decisionale per l autogestione terapeutica nel diabete di tipo

Dettagli

la gestione del rischio

la gestione del rischio L AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO (SMBG) COME VALUTAZIONE E APPLICAZIONE DI UNA TECNOLOGIA SANITARIA Un opportunità di miglioramento della clinical competence per il diabetologo, attraverso la valorizzazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

Report Eventi Formativi AMD

Report Eventi Formativi AMD Report Eventi Formativi AMD Titolo Evento Formativo Nuove tecnologie nella cura del diabete di tipo 1 Corso di aggiornamento per medici diabetologi delle Sezioni Regionali AMD Liguria e Toscana Data e

Dettagli

Dott.ssa Iolanda Coletta

Dott.ssa Iolanda Coletta La Telemedicina: Esperienza nella ASL Roma B Dott.ssa Iolanda Coletta ASL RMB: UOC DIETOLOGIA, DIABETOLOGIA E MALATTIE METABOLICHE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA Responsabile Dott. Sergio Leotta Le Linee

Dettagli

SINOSSI. Gruppo di lavoro AMD-SID- SIEDP-OSDI- SIBioC SIMeL

SINOSSI. Gruppo di lavoro AMD-SID- SIEDP-OSDI- SIBioC SIMeL RACCOMANDAZIONI PER L AUTOCONTROLLO DELLA GLICEMIA NEL PAZIENTE DIABETICO Gruppo di lavoro AMD-SID- SIEDP-OSDI- SIBioC SIMeL PREMESSA Queste raccomandazioni sono il risultato di un consenso intersocietario

Dettagli

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza.

Dettagli

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE Classificazione dell Iperglicemia in Ospedale 1) Diabete mellito noto diabete diagnosticato e trattato prima del ricovero 2) Diabete mellito

Dettagli

Corso di Formazione per Diabetico Guida

Corso di Formazione per Diabetico Guida Corso di Formazione per Diabetico Guida Wall Art Hotel - Viale della Repubblica 4/6/8 - Prato 12-13 Aprile Area Vasta Centro Responsabile Scientifico Dott.ssa Maria Calabrese Direttrice dell U.O. di Diabetologia

Dettagli

L autocontrollo strutturato e la Pattern Analysis

L autocontrollo strutturato e la Pattern Analysis L autocontrollo strutturato e la Pattern Analysis Giorgio Grassi Endocrinologia, Diabetologia e Metabolismo AOU S. Giovanni Battista, Torino Gruppo di Studio Tecnologie e Diabete AMD Comunicazione L autocontrollo

Dettagli

Che cos è l indice glicemico?

Che cos è l indice glicemico? Per valutare le caratteristiche degli alimenti contenenti carboidrati per ciò che riguarda la risposta glicemica, negli anni 90 è stato introdotto il concetto di INDICE GLICEMICO Che cos è l indice glicemico?

Dettagli

Emoglobina glicata: stato dell arte

Emoglobina glicata: stato dell arte Emoglobina glicata: stato dell arte Linee guida e ruolo dell HbA1c nella diagnosi di diabete Salvatore Caputo Istituto di Medicina Interna e Geriatria Servizio di Diabetologia Università Cattolica del

Dettagli

in diabetologia Costruzione della evidence-based medicine 11 Aprile 2013 Fondazione IRCCS Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico, Milano

in diabetologia Costruzione della evidence-based medicine 11 Aprile 2013 Fondazione IRCCS Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico, Milano Regione Lombardia Costruzione della evidence-based medicine in diabetologia 11 Aprile 2013 Fondazione IRCCS Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico, Milano Razionale La cura del diabete di tipo 2 si

Dettagli

Accuratezza dei glucometri portatili per l autocontrollo

Accuratezza dei glucometri portatili per l autocontrollo G It Diabetol Metab 2014;34:72-78 Rassegna Accuratezza dei glucometri portatili per l autocontrollo RIASSUNTO L affidabilità dei risultati forniti dai glucometri portatili è sicuramente un requisito fondamentale

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati Aumentata degradazione del insulina Biosintesi di ormoni dotati di azione contro-insulinica Aumentata produzione di Leptina e

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

Management metabolico del Diabete in gravidanza

Management metabolico del Diabete in gravidanza UPDATE Diabete in Gravidanza Cesena 10 aprile 2010 Management metabolico del Diabete in gravidanza Matteo Bonomo Centro Interdisciplinare Diabete e Gravidanza Azienda Ospedaliera Osp. Niguarda Ca Granda

Dettagli

Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo

Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo SALVATORE ITALIA U.O.S. Endocrinologia e Mal. Metaboliche Azienda Ospedaliera Umberto I Siracusa Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo OBIETTIVI DI UN MODELLO ASSISTENZIALE

Dettagli

PROGETTO LEONARDO Aggiornamento

PROGETTO LEONARDO Aggiornamento PROGETTO LEONARDO Aggiornamento Gennaio 2007 2 Risultati conseguiti Esiti iniziali e andamenti Riscontri Questionario rilevazione soddisfazione paziente 3 Modello attuativo Personale attualmente 30 Care

Dettagli

Il diabetico e lo sport

Il diabetico e lo sport Il diabetico e lo sport S.S.D. Endocrinologia, Diabetologia e Malattie dl Metabolismo Dott.S.E.Oleandri Dott.ssa G. Comba Savigliano 23 ottobre 2012 La terapia del diabete Stile di vita alimentazione attività

Dettagli

Autocontrollo negoziato, partecipato, strutturato nel paziente Ramadan

Autocontrollo negoziato, partecipato, strutturato nel paziente Ramadan Autocontrollo negoziato, partecipato, strutturato nel paziente Ramadan Monitoraggio E una procedura attraverso la quale si osserva e registra un determinato comportamento. Già il fatto di seguire giornalmente

Dettagli

Diagnosi multimarker della patologia diabetica: nuove linee guida SID AMD 2014

Diagnosi multimarker della patologia diabetica: nuove linee guida SID AMD 2014 Diagnosi multimarker della patologia diabetica: nuove linee guida SID AMD 2014 Annunziata Lapolla, Nino Cristiano Chilelli Dipartimento di Medicina Università degli Studi di Padova FOCUS ISTAT: il diabete

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica La gestione dell iperglicemia nel DEU Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica Studio retrospettivo su 1886 pz. ricoverati in Medicina o Chirurgia (Umpierrez GE, J Clin Endocrinol

Dettagli

Cristina Della Rosa Dipartimento Cure Primarie ASL Como ASSISTENZA PROTESICA ED INTEGRATIVA Nell ambito dell assistenza al paziente cronico l assistenza protesica ed integrativa rappresentano un aspetto

Dettagli

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona L assistenza integrata alla persona con diabete tra Ospedale e Territorio: il punto di vista del diabetologo Valeria Manicardi UIMD

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 Premessa Eterogeneità della popolazione anziana diabetica Scarsi gli studi focalizzati sugli anziani fragili

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 613 del 29 aprile 2014 pag. 1/15

ALLEGATOA alla Dgr n. 613 del 29 aprile 2014 pag. 1/15 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 613 del 29 aprile 2014 pag. 1/15 PROTOCOLLO REGIONALE PER LA TERAPIA INSULINICA CON MICROINFUSORE NEI PAZIENTI ADULTI (ETÀ>18 ANNI) AFFETTI DA DIABETE

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON DIABETE MELLITO TIPO II Versione III Maggio 2013 1 FASE

Dettagli

MANUALE UTENTE. Informazioni relative all installazione e all uso di EuroTouch. EuroTouch Home

MANUALE UTENTE. Informazioni relative all installazione e all uso di EuroTouch. EuroTouch Home MANUALE UTENTE Informazioni relative all installazione e all uso di EuroTouch EuroTouch Home M A N U A L E U T E N T E EuroTouch Home Versione 3.0 Aprile 2007 Testo : Dr.ssa Marianna Galetta Dr.ssa Fausta

Dettagli

Caso clinico. Diabete gestazionale Screening-diagnosi-followup. Annunziata Lapolla. DPT di Medicina Università di Padova

Caso clinico. Diabete gestazionale Screening-diagnosi-followup. Annunziata Lapolla. DPT di Medicina Università di Padova Caso clinico Diabete gestazionale Screening-diagnosi-followup Annunziata Lapolla DPT di Medicina Università di Padova Caso clinico Donna di 27 aa, impiegata,coniugata, obesa (BMI pregravidico 31kg/m 2

Dettagli

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE Michela Petrizzo, Giuseppe Bellastella, Maurizio Gicchino, Rosanna Orlando, Carmela Mosca,

Dettagli

Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica

Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica In Pediatria: DMT1 90% DMT2 10% (femmine in peri-pubertà, obese) rari MODY(Maturity Onset

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

nutrizione enterale specifica per il diabete

nutrizione enterale specifica per il diabete Una formula per la nutrizione enterale specifica per il diabete () migliora la Variabilità Glicemica nei pazienti con diabete di tipo 2 Considerazioni su: Alish CJ et al. A Diabetes-Specific Enteral Formula

Dettagli

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!!

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!! Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Il concetto che una caloria è una caloria sta alla base di molte delle strategie proposte per perdere peso In accordo al principio: si mangia troppo ci si muove

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE NELLA REGIONE PIEMONTE: i team diabetologici integrati

LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE NELLA REGIONE PIEMONTE: i team diabetologici integrati Allegato A al Piano operativo Azione 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE NELLA REGIONE PIEMONTE: i team diabetologici integrati PREMESSA Una delle sfide principali dei Servizi Sanitari moderni è quella

Dettagli

Nuove tecnologie nella cura del diabete:

Nuove tecnologie nella cura del diabete: Collana Editoriale AMD Aggiornamenti 2010 Direttore Scientifico: Carlo B. Giorda Nuove tecnologie nella cura del diabete: recenti sviluppi e prospettive future Paolo Di Bartolo, Sandro Gentile, Giorgio

Dettagli

DIABETE E AUTOCONTROLLO

DIABETE E AUTOCONTROLLO DIABETE E AUTOCONTROLLO Sì, gestire il diabete è possibile. Il monitoraggio della glicemia fa parte della terapia generale del diabete. Grazie all autocontrollo, potete misurare il livello di glicemia

Dettagli

Gruppo di studio Diabete e Tumori

Gruppo di studio Diabete e Tumori Gruppo di studio Diabete e Tumori Coordinatore: Gennaro Clemente Componenti: Luigi Gentile, Stefano Parini, Geremia Romano Consulenti esterni: Nadia Cerutti, Katherine Esposito, Marco Gallo, Giuseppina

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici Gruppo di studio regionale intersocietario ADI- AMD- SID Terapia medico nutrizionale per team diabetologici 25 marzo 2014 Villa Eur Parco dei Pini Roma Daniela Bracaglia UOC di Diabetologia PTV-ASL RMB

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE Servizio assistenza sanitaria PROGRAMMA DI EDUCAZIONE TERAPEUTICA RIVOLTO AL SOGGETTO DIABETICO

DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE Servizio assistenza sanitaria PROGRAMMA DI EDUCAZIONE TERAPEUTICA RIVOLTO AL SOGGETTO DIABETICO DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE Servizio assistenza sanitaria PROGRAMMA DI EDUCAZIONE TERAPEUTICA RIVOLTO AL SOGGETTO DIABETICO 1. Premessa 2. Offerta formativa regionale 3. Personale 4.

Dettagli

L educazione terapeutica, attraverso percorsi strutturati, permette al soggettocon diabete di acquisire e mantenere le capacitàe le competenzeche lo

L educazione terapeutica, attraverso percorsi strutturati, permette al soggettocon diabete di acquisire e mantenere le capacitàe le competenzeche lo L educazione terapeutica, attraverso percorsi strutturati, permette al soggettocon diabete di acquisire e mantenere le capacitàe le competenzeche lo aiutano a vivere in maniera ottimalecon la sua malattia:

Dettagli

ATTIVITA FISICA e DIABETE TIPO 1!

ATTIVITA FISICA e DIABETE TIPO 1! Azienda Sanitaria Locale di Potenza Gruppo di lavoro per le endocrinopatie dell età evolutiva Medicina dello sport I pagina DI COPERTINA logo RIPED RIPed - Rete Interaziendale di Pediatria di Basilicata!!

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE

APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE Dr. Gaiti Dario Reggio Emilia 08.05.2013 Sintomi+ PG >200 mg/dl oppure

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

I dispositivi per la persona con diabete: terapia insulinica con microinfusore e monitoraggio continuo della glicemia La posizione di Assobiomedica

I dispositivi per la persona con diabete: terapia insulinica con microinfusore e monitoraggio continuo della glicemia La posizione di Assobiomedica Associazione nazionale per le tecnologie biomediche, diagnostiche, apparecchiature medicali, servizi e telemedicina I dispositivi per la persona con diabete: terapia insulinica con microinfusore e monitoraggio

Dettagli

LA NUTRIZIONE CLINICA NEL DIABETE MELLITO. Enrica Manicardi

LA NUTRIZIONE CLINICA NEL DIABETE MELLITO. Enrica Manicardi LA NUTRIZIONE CLINICA NEL DIABETE MELLITO Enrica Manicardi S.S. Diabetologia e Disturbi del Comportamento Alimentare Azienda Ospedaliera Santa Maria Nuova - Reggio Emilia Una corretta alimentazione è una

Dettagli

Aggiornamento dei criteri diagnostici per il diabete: l emoglobina glicata

Aggiornamento dei criteri diagnostici per il diabete: l emoglobina glicata Focus on Aggiornamento dei criteri diagnostici per il diabete: l emoglobina glicata Marco Passamonti, Gerardo Medea, Umberto Alecci Medici di Medicina Generale, SIMG, Area Metabolica Introduzione La determinazione

Dettagli

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance)

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Messina SIMG Società Italiana di Medicina Generale Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) La formazione di qualità per migliorare

Dettagli

Educhiamo il caregiver per migliorare il controllo metabolico della persona anziana con diabete in assistenza domiciliare

Educhiamo il caregiver per migliorare il controllo metabolico della persona anziana con diabete in assistenza domiciliare Educhiamo il caregiver per migliorare il controllo metabolico della persona anziana con diabete in assistenza domiciliare Salomone E.*, Belluscio F.**, Fiori S.**, Righini C.*, Cignetti A.*, Pannozzo O.*,

Dettagli

Si è svolto a Ravenna, a fine gennaio di quest anno,

Si è svolto a Ravenna, a fine gennaio di quest anno, Primo Meeting Gruppo di Studio Italiano Tecnologie e Diabete Ravenna 29 31 gennaio 2009 Si è svolto a Ravenna, a fine gennaio di quest anno, il primo meeting nazionale sull applicazione delle tecnologie

Dettagli

Metabolismo GLUCIDICO

Metabolismo GLUCIDICO Metabolismo GLUCIDICO COMPOSIZIONE DI UN ORGANISMO ADULTO Altro 3% Acqua 60% Carboidrati 1% Proteine 16% Lipidi 20% CALORIE TEORICHE PRODOTTE DALL OSSIDAZIONE COMPLETA DEI VARI SUBSTRATI (uomo adulto 70

Dettagli

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG)

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG) CORSO ACTIVE DOCTORS ACTIVE PEOPLE: ATTIVITÀ/ESERCIZIO FISICO COME PRESCRIZIONE MEDICA? Milano, 3 dicembre 2011 L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio

Dettagli

LA CONTA DEI CARBOIDRATI

LA CONTA DEI CARBOIDRATI LA CONTA DEI CARBOIDRATI ALIMENTAZIONE E DIABETE L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di dieta è opportuno parlare di terapia nutrizionale

Dettagli

OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI

OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI Razionale Il diabete mellito è uno dei maggiori problemi sanitari dei paesi economicamente evoluti e la cui prevalenza è in

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014 ESERCIZIO FISICO E DIABETE Prof. Nicola Candeloro Campobasso 9 Aprile 2014 Steve Redgrave 5 volte oro olimpico (1984,1988,1992,1996,2000) Diabete tipo 1 Effetti del training sul metabolismo energetico

Dettagli

GIDM Rassegna 25, 213-220, 2005 L AUTOCONTROLLO DOMICILIARE DELLA GLICEMIA NEI SOGGETTI CON DIABETE MELLITO TIPO 2

GIDM Rassegna 25, 213-220, 2005 L AUTOCONTROLLO DOMICILIARE DELLA GLICEMIA NEI SOGGETTI CON DIABETE MELLITO TIPO 2 *DIAB. N. 4/2005 7-12-2005 9:54 Pagina 213 L AUTOCONTROLLO DOMICILIARE DELLA GLICEMIA NEI SOGGETTI CON DIABETE MELLITO TIPO 2 A. GALLO, A. TIENGO Malattie del Metabolismo, Università degli Studi di Padova,

Dettagli

I ricoveri OSPEDALIErI PEr COmPLICANzE ACuTE DEL DIAbETE IN ITALIA: STuDIO SuLL ANDAmENTO TEmPOrALE NEL PErIODO 2001-2010.

I ricoveri OSPEDALIErI PEr COmPLICANzE ACuTE DEL DIAbETE IN ITALIA: STuDIO SuLL ANDAmENTO TEmPOrALE NEL PErIODO 2001-2010. ANNO III - N 9 SPECIALE 2013 I ricoveri OSPEDALIErI PEr COmPLICANzE ACuTE DEL DIAbETE IN ITALIA: STuDIO SuLL ANDAmENTO TEmPOrALE NEL PErIODO 2001-2010. Premessa Nel corso della storia naturale del diabete

Dettagli

VIAGGI SICURI * CON VALORI SICURI. Diabete e guida

VIAGGI SICURI * CON VALORI SICURI. Diabete e guida VIAGGI SICURI * CON VALORI SICURI Diabete e guida Diabete e guida: qual è il problema? Se è vero che le persone con diabete non causano più incidenti del normale automobilista medio, il diabete è per loro

Dettagli

L alimentazione nel bambino e nell adolescente con diabete: la conta dei carboidrati

L alimentazione nel bambino e nell adolescente con diabete: la conta dei carboidrati L alimentazione nel bambino e nell adolescente con diabete: la conta dei carboidrati Stefano Zucchini Policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna Centro Regionale per la Diabetologia Pediatrica Regione Emilia

Dettagli

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi L esercitazione è stata volta ad evidenziare vantaggi e criticità collegati al trasferimento nella pratica di quanto raccomandato dalla linea guida,

Dettagli

PAZIENTE DIABETICO: IMPORTANZA DELL ACCURATO MONITORAGGIO PER UNA EFFICACE PERSONALIZZAZIONE TERAPEUTICA. Grazie a un contributo educazionale

PAZIENTE DIABETICO: IMPORTANZA DELL ACCURATO MONITORAGGIO PER UNA EFFICACE PERSONALIZZAZIONE TERAPEUTICA. Grazie a un contributo educazionale edizione di 4 CREDITI ECM PAZIENTE DIABETICO: CORSI ECM a distanza Grazie a un contributo educazionale Paziente diabetico: importanza dell accurato monitoraggio per una efficace personalizzazione terapeutica

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

Dott.ssa Ilaria Barchetta

Dott.ssa Ilaria Barchetta Dott.ssa Ilaria Barchetta Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Sapienza Università di Roma Diverse evidenze sperimentali hanno dimostrato una influenza diretta della vitamina D non solo

Dettagli

Diabete gestazionale

Diabete gestazionale Diabete gestazionale Obiettivi terapeutici Raffaele Volpe U.O.Endocrinologia A.O.R.N. A.Cardarelli Napoli International Association of Diabetes and Pregnancy Study Groups Recommendations on the Diagnosis

Dettagli

Algoritmo AIFA AMD SID per la terapia del diabete

Algoritmo AIFA AMD SID per la terapia del diabete Algoritmo AIFA AMD SID per la terapia del diabete Target di glicata e rischi di sovratrattamento A. Donzelli, Direttore Servizio Educazione all Appropriatezza ed EBM ASL Milano A. Battaggia, MMG Verona

Dettagli

Maranello 22 Novembre 2010 Hotel Maranello Village

Maranello 22 Novembre 2010 Hotel Maranello Village Tecnologia e Terapia con Microinfusore per un efficace gestione del diabete Il ruolo dell Ingegneria Clinica nella Innovazione Tecnologica Giampiero Pirini Maranello 22 Novembre Hotel Maranello Village

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

INFERMIERE ESPERTO TEAM DIABETOLOGICO. L infermiere opera in due dimensioni : collaborativa con gli altri operatori del team

INFERMIERE ESPERTO TEAM DIABETOLOGICO. L infermiere opera in due dimensioni : collaborativa con gli altri operatori del team INFERMIERE ESPERTO E TEAM DIABETOLOGICO Diabetologo L infermiere opera in due dimensioni : collaborativa con gli altri operatori del team autonoma nel processo assistenziale infermieristico di presain

Dettagli

Linee guida. Automonitoraggio. glicemico nel diabete di tipo 2 non trattato con insulina

Linee guida. Automonitoraggio. glicemico nel diabete di tipo 2 non trattato con insulina Linee guida Automonitoraggio glicemico nel diabete di tipo 2 non trattato con insulina La missione della International Diabetes Federation è quella di promuovere la cura, prevenzione e guarigione del diabete

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI

ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI CORSO DI AGGIORNAMENTO LA SINDROME METABOLICA: ASPETTI NUTRIZIONALI, CLINICI, DIAGNOSTICI e STILI DI VITA Riferimento evento RES n. 15425 Crediti formativi 43,5 dal 14 ottobre

Dettagli

UOC MEDICINA DELLO SPORT E DELL ESERCIZIO

UOC MEDICINA DELLO SPORT E DELL ESERCIZIO UOC MEDICINA DELLO SPORT E DELL ESERCIZIO Direttore: Prof. Marco Zaccaria Via Giustiniani, 1 Padova Tel. 049 8215650 Fax. 049 8215810 E-mail: med.sport@sanita.padova.it Presentazione Gentile Signora/e

Dettagli