DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (art. 5, DPR 323/98)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (art. 5, DPR 323/98)"

Transcript

1 LICEO GINNASIO STATALE ARISTOSSENO Con Sezioni Sperimentali ad Indirizzo Classico, Linguistico e Scientifico e Sezioni Internazionali ad Indirizzo Linguistico e Scientifico ad opzione Francese Viale Virgilio, Taranto Presidenza: tel. E fax 099/ Segreteria: tel. E fax 099/ Prot. N. 4617/C29 del 15 maggio 2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (art. 5, DPR 323/98) CLASSE V SEZ. G INDIRIZZO LINGUISTICO INTERNAZIONALE A.S. 2012/2013 Docente Coordinatrice: Prof. ssa Antonietta NISI F.to Il Dirigente Scolastico Prof. Salvatore MARZO 1

2 PRESENTAZIONE DEL LICEO ARISTOSSENO Il Liceo Aristosseno è nato nel 1987 come sdoppiamento del liceo classico Quinto Ennio ereditandone il corpus della maxisperimentazione classica, scientifica e linguistica. Dall anno scolastico 1992/93 sono stati avviati gli indirizzi internazionali linguistico e scientifico ad opzione francese, a seguito di intese con il Bureau Linguistique dell Ambasciata di Francia e la Direzione Generale Classica. Sino allo scorso anno scolastico agli studenti veniva rilasciata, dopo il superamento dell esame di stato, una certificazione riconosciuta dall Ambasciata francese in Italia, che ne attestava il livello di competenza linguistico-comunicativa. Attualmente, a partire dall anno scolastico 2010/2011, l offerta del Liceo propone i seguenti percorsi: -Liceo Classico con sezioni classiche, linguistiche e scientifiche le cui prime classi seguono i programmi varati dalla Riforma dei Licei mentre, per le classi a scorrimento, andranno ad esaurirsi i corsi della sperimentazione Brocca. -Liceo Internazionale con sezioni linguistiche e scientifiche Esabac che parteciperanno alla prima sessione di esami Esabac (giugno 2011) con il rilascio del doppio diploma italiano e baccalauréat francese che richiede una competenza linguistica di livello B2 del QCER (quadro comune europeo di riferimento per le lingue) e consentirà l iscrizione diretta a facoltà universitarie francesi. La promozione delle lingue comunitarie è stata ed è tuttora una delle attività didattiche che meglio caratterizzano l offerta formativa del Liceo. La qualità dell insegnamento linguistico è peraltro accresciuta dall apporto didattico di conversatori di lingua madre francese, inglese, spagnola e tedesca. Un contributo significativo alla diffusione delle lingue comunitarie è stato inoltre fornito dai numerosi progetti europei ai quali la scuola ha partecipato istituendo una fitta rete di relazioni con vari paesi con i quali mantiene rapporti orientati alla realizzazione di scambi culturali senza tuttavia trascurare i collegamenti con il territorio attraverso convenzioni con enti con i quali la scuola opera in maniera partecipativa a livello comunale, provinciale e regionale. 2

3 INDIRIZZO DI STUDI LINGUISTICO INTERNAZIONALE ESABAC MATERIE I II III IV V Educazione fisica Religione Italiano Latino Storia C 2C 2C 2C 2C Filosofia Geografia C 2C 1^ Lingua S traniera (inglese) 1C 1C 1C 1C 1C 2^Lingua Straniera (francese) 5C 5C 5C 5C 5C 3^Lingua straniera (spagnolo/tedesco) C 1C 1C Storia dell arte Diritto Scienze Matematica Fisica Totale ore settimanali C = compresenza con insegnante di madrelingua 3

4 CONSIGLIO DI CLASSE COGNOME E NOME DISCIPLINE Continuità didattica 3 anno 4 anno 5 anno NISI Antonietta Italiano e Latino SI SI SI MARZIA Anna Lisa Storia e Filosofia no no no AMBROSIO Fabienne Histoire (Conversatrice) si SI SI DI PONZIO Francesca Lingua e Letteratura Inglese (prima lingua) SI SI SI CATTELL Adriana Conversatrice di Lingua inglese SI SI SI SCURO Anna AMBROSIO Fabienne Lingua e Letteratura francese (seconda lingua) Conversatrice lingua francese SI SI SI SI SI SI CABELLO Ana MOLINA Lingua e Letteratura spagnola (terza lingua) SI SI SI ROMERO Ana RODRIGUEZ Conversatrice di lingua spagnola SI SI SI CATAPANO Letizia Matematica si si SI ARZENI Patrizia Scienze SI SI no SANTORO Francesco Storia dell Arte SI SI SI RICCI Sergio Educazione fisica SI SI SI PACE Anna Religione SI SI SI 4

5 CLASSE 5^ Sez G INDIRIZZO LINGUISTICO INTERNAZIONALE ESABAC ELENCO DEI CANDIDATI Cognome Nome Data e luogo di nascita ALBANO Laura 01/10/1994 Taranto BAILARDI Sara Alessandra 25/10/1994 Grottaglie CALO Alessia 26/05/1994 Taranto D IGNAZIO Carla 04/09/1993 Martina Franca DE FLORIO Luisa Antonella 19/12/1994 Taranto DE FLORIO Valentina 15/11/1994 Taranto DE PADOVA Desirèe 18/06/1994 Taranto GALEONE Lidia 17/06/1994 Castellaneta LEZZI Sonia 20/07/1994 Taranto LOMAGISTRO Maristella 09/09/1994 Castellaneta LOMARTIRE Gloria 22/11/1994 Taranto LOMBARDI SATRIANI Bianca 10/02/1994 Taranto MANCONE Valeria 05/09/1994 Taranto MANDURINO Vitamaria 16/12/1994 Taranto MARGARITA Maria Chiara 02/11/1994 Taranto MASTROMARINO Giorgia 24/10/1994 Massafra MERO Stefania 12/07/1994 Acquaviva Delle Fonti NISI Nausicaa Agata 25/01/1995 Taranto NOTARISTEFANO Giovanna 01/03/1994 Mottola PAGGIARO Valentina 20/01/1994 Taranto PALMISANO Noemi 11/11/1994 Trieste SAMMARTANO Erica 22/02/1994 Taranto SANTARCANGELO Simona 04/04/1994 Taranto SASSO Martina 20/02/1995 Taranto SCHINAIA Federica 25/04/1995 Taranto SURIANO Carmen 18/08/1994 Taranto VENDITTI Claudia 18/01/1995 Taranto VIGGIANI Diletta 07/10/1994 Martina Franca VINCI Marianna 22/07/1994 Mottola VOZZA Elena 27/11/1994 Taranto 5

6 PROFILO DELLA CLASSE La classe V^G si compone di 30 alunne. Nel corso del triennio, nella composizione del gruppo classe, non è intervenuta alcuna variazione; per quanto riguarda i docenti, la classe ha beneficiato di continuità didattica nella maggior parte delle discipline, in particolare i cambiamenti riguardano l insegnante di storia e filosofia nel terzo, quarto e quinto anno, e l insegnante di scienze nel quinto anno. La classe, di diverso livello culturale e con una diversa propensione all impegno scolastico, a giudizio dei suoi docenti presentava, all inizio del triennio, buone potenzialità nella maggior parte dei discenti, ma evidenziava ancora una certa eterogeneità nella motivazione, impegno e assiduità allo studio. Una buona parte si mostrava infatti pienamente disponibile e preparata ad accogliere con interesse ogni proposta didattica, consapevole dell impegno necessario, altri, invece, stentavano ad assumere uno stile di lavoro proficuo. L azione del Consiglio di classe, nel triennio, è stata orientata a cercare di risvegliare la motivazione negli studenti meno interessati oltre a richiamare la necessità di un impegno individuale più qualificato ed assiduo. Si è registrata infine una migliore partecipazione, seppur tardiva da parte di un gruppo esiguo la cui preparazione risente, anche se parzialmente, di questo ritardo. Appare pertanto alquanto sensibile la disparità tra quanti hanno consolidato, con discreti, buoni e ottimi risultati, le loro competenze, conoscenze e capacità analitiche, espositive ed argomentative e quanti, pur sostenuti da uno studio prevalentemente mnemonico, tuttavia sono riusciti ad operare opportuni collegamenti concettuali, attivando le abilità comunque conseguite. Nel complesso si può affermare che quasi tutti gli alunni hanno raggiunto esiti adeguati agli obiettivi, e solo pochi elementi hanno dimostrato discontinuità di impegno e superficiale interesse per alcune discipline. 6

7 Il Consiglio ha ritenuto opportuno effettuare la seguente suddivisione in fasce riguardo alla stratifica- zione culturale di merito della classe: Un gruppo di allievi ha meritato valutazioni ottimali, per un lavoro costruito con vivo interesse, impegno e costanza di studio. Un altro gruppo si è attestato tra il discreto e il buono, lavorando assiduamente e in modo equilibrato in tutte le discipline. Un terzo gruppo ha raggiunto risultati medi di sufficienza, pur con esiti disomogenei tra le varie discipline. Tuttavia, come già detto, in relazione agli obiettivi fissati in sede di programmazione iniziale e alla luce dell esperienza trascorsa, il Consiglio di Classe ritiene che gli obiettivi minimi siano stati raggiunti da tutta la classe, pur con le differenze dovute alle singole individualità. 7

8 FINALITA PERCORSO FORMATIVO DELLA CLASSE - Acquisizione di una formazione umana, sociale e culturale; - sviluppo delle qualità personali, quali senso di responsabilità, dignità e senso del dovere; - consapevolezza dei propri processi di apprendimento che permetta la progressiva acquisizione di autonomia nella trattazione e nell organizzazione delle proprie attività di studio; - comprensione interculturale non solo nelle sue manifestazioni quotidiane, ma estesa ad espressioni più complesse di altre civiltà ed agli aspetti più significativi della loro cultura. OBIETTIVI TRASVERSALI FORMATIVI - Sviluppare un corretto sentimento di appartenenza alla comunità o al gruppo; - elaborare e rafforzare a livello di possesso personale i concetti di democrazia e libertà; - imparare ad apprezzare la diversità e a viverla come elemento di crescita e di arricchimento; - rispettare le norme che regolano la vita in comune ; - osservare le norme che tutelano l integrità e la sicurezza dell ambiente in cui si vive. OBIETTIVI TRASVERSALI COGNITIVI - Potenziare e rafforzare le abilità e competenze linguistiche; - Capacità di produrre testi scritti diversificati per temi, finalità e ambiti culturali; - Capacità di confrontare sistemi linguistici e culturali diversi; - Riconoscere gli aspetti caratterizzanti dei testi proposti in ciascun ambito disciplinare; - Analizzare e ricomporre in sintesi ragionata i dati di un qualsiasi problema; - Istituire collegamenti e relazioni logiche tra argomenti di diversi ambiti disciplinari; - Sviluppare capacità di riflessione autonoma e critica; - Sviluppare attitudini ad una corretta iniziativa autonoma; - Sviluppare capacità in ordine al problemsolving. AREA DELLE CONOSCENZE - Conoscenza delle strutture in cui si articolano le singole discipline; - conoscenza dei nuclei concettuali fondanti di ciascuna disciplina; - apprendimento dei linguaggi settoriali di ciascuna disciplina. Individuati nell ambito dei programmi ministeriali e concordati fra docenti delle stesse discipline, sono stati trattati quei contenuti che meglio promuovono il conseguimento degli obiettivi prefissati. PERCORSI PLURIDISCIPLINARI Il Consiglio di classe ha attuato tre percorsi pluridisciplinari sulle seguenti tematiche: 1) Società e cultura nel primo cinquantennio del Novecento di fronte alla catastrofe della guerra. 2) La crisi del personaggio. 3) Il ruolo dell intellettuale nel tempo: scrittori del consenso e del dissenso. Materie coinvolte: italiano, latino, lingua inglese, lingua francese, lingua spagnola, storia, filosofia, storia dell Arte. Il percorso didattico è stato inoltre supportato ed integrato attraverso attività extra-curriculari, viaggi d istruzione, esperienze culturali ed altre iniziative che sono risultati utili a favorire il raggiungimento degli obiettivi prefissati. 8

9 . METODI E STRATEGIE ADOTTATE PER IL CONSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI Lezioni frontali e dialogate, dibattiti in classe per promuovere la partecipazione al dialogo didattico-educativo; lavori di ricerca e di approfondimento; analisi di testi e di pagine di critica; reperimento e corretta utilizzazione di documenti; attività di laboratorio e strategie di indagine scientifica. Stimolazione degli alunni attraverso gli interessi e il metodo globale. Lavorare non solo con i contenuti e la didattica, ma anche con le relazioni, i significati,le motivazioni, da cui dipendono il successo o l insuccesso scolastico. Metodo dell interdisciplinarità nello studio degli argomenti che lo consentono, con la collaborazione tra docenti di materie diverse. Sviluppo di una cultura della legalità. Visite guidate e viaggi d istruzione per favorire l approccio degli alunni al mondo esterno come gruppo classe e per promuovere la conoscenza della realtà fisico-socio-economica del territorio provinciale, nazionale ed internazionale, nonché, trattandosi di una classe di indirizzo linguistico internazionale, per favorire lo studio delle lingue. Disciplinare gli interventi degli alunni per rendere il dialogo didattico un percorso costruttivo che stimoli adeguatamente tutti gli alunni della classe, spingendoli a partecipare attivamente alle lezioni e, nello stesso tempo, ad ascoltare e rispettare il parere degli altri. Dimostrare capacità di ascolto per le istanze degli alunni. Infine, si è dato spazio alla riflessione per il consolidamento delle conoscenze e delle capacità di fare al fine di predisporre il terreno utile allo sviluppo dell autonomia dell apprendimento e della gestione personale delle conoscenze che si sono esplicitate in relazioni orali e scritte ove potesse apparire il loro spirito critico. STRUMENTI DIDATTICI Libri di testo; classici; materiali cartacei di approfondimento, materiali audio-visivi, laboratorio linguistico, laboratorio informatico, laboratorio scientifico, film e documentari in lingua, ricerche online, biblioteca. TEMPI Pur se con regolazioni continue, dettate dalla necessità di raccordare il lavoro programmato con le conoscenze precedentemente acquisite, spesso rivisitate, i contenuti risultano in linea con la programmazione didattica delle singole discipline, prodotta all avvio dell anno scolastico, calibrati alle finalità, aperti alla visione pluridisciplinare delle tematiche affrontate. VERIFICA E VALUTAZIONE Le verifiche sono state svolte in itinere e alla fine dello svolgimento delle unità didattiche attraverso prove orali e scritte (esercizi, questionari, analisi del testo, temi, saggi brevi, problemi, ecc.) relative alle attività svolte. La loro valutazione è avvenuta tenendo conto dei livelli di partenza degli alunni. Nell ambito dell area cognitiva si sono misurate rafforzate le seguenti capacità: capacità di comprensione; capacità di esposizione e di uso dei linguaggi specifici; capacità di rielaborazione in ambito analitico e sintetico. Il livello di sufficienza è stato fatto corrispondere al raggiungimento delle seguenti abilità acquisite dal discente: esposizione in forma corretta; capacità di autonoma comprensione; applicazione guidata delle regole, delle tecniche, delle procedure; capacità di rielaborazione delle informazioni con contributi critici personali. La valutazione sommativa tiene conto 9

10 anche del raggiungimento dei seguenti obiettivi nell area comportamentale: assiduità della frequenza, grado d interesse e partecipazione alle attività didattico-educative; continuità dell impegno; puntualità delle consegne; autonomia nell organizzazione del lavoro scolastico; rapporto con gli altri ai vari livelli; rispetto dell ambiente scolastico. Per la valutazione si rimanda anche alle programmazioni individuali dei docenti. La valutazione viene effettuata in base ad un giudizio motivato, secondo una scheda di corrispondenza giudizio-voti-indicatori, che viene illustrata e motivata agli alunni, in ossequio alle norme sulla trasparenza e per garantire, attraverso la condivisione dei parametri, forme di autovalutazione e di analisi dei risultati. PROSPETTO DI EVOLUZIONE DELLA CLASSE NEL TRIENNIO A.S. CLASSE ISCRITTI PROVENIENTI PROMOSSI PROMOSSI PROMOSSI RESPINTI TRASFERITI DA ALTRE CON ALLO CLASSI DEBITO SCRUTINIO DI SETTEMBRE 2010/ 2011 III / 2012 IV / 2013 V

11 ATTIVITÁ INTEGRATIVE SVOLTE NEL CORSO DI STUDI (le varie attività sono state svolte da allievi diversi della classe) La classe ha partecipato attivamente a tutte le attività integrative proposte, quali scambi culturali con Paesi europei, progetti, stage linguistici, attività teatrali, convegni. Molti allievi hanno frequentato dei corsi integrativi di lingua straniera, sostenuto gli esami previsti, conseguendo certificazioni e attestati significativi. Anno scolastico 2008/2009 Conseguimento della certificazione Cambridge per la Lingua inglese : l alunna GALEONE Lidia ha conseguito la certificazione di livello K.E.T; le alunne NISI Nausicaa Agata e SURIANO Carmen hanno conseguito la certificazione di livello P.E.T Partecipazione al progetto Cambridge per la lingua inglese livello K.E.T: DE FLORIO Valentina Viaggio d istruzione a Vienna Partecipazione della classe ad una rappresentazione teatrale in lingua francese Partecipazione della classe al Progetto Tutoring ; obiettivo/azione F/2 (interventi per promuovere il successo scolastico per le scuole del secondo ciclo); data inizio corso 13/03/2009, data fine corso 31/08/2009; totale ore 50. Docente referente: prof.ssa Ornella CARRINO. Anno scolastico 2009/2010 Conseguimento della certificazione Cambridge per la Lingua inglese : le alunne BAILARDI Sara Alessandra, CALO Alessia, LOMBARDI SATRIANI Bianca, MANDURINO Vitamaria, PAGGIARO Valentina, SCHINAIA Federica, VENDITTI Claudia, VOZZA Elena hanno conseguito la certificazione di livello P.E.T Partecipazione progetto Cambridge per la lingua inglese : DE FLORIO Valentina per il livello P.E.T; NISI Nausicaa Agata per il livello FIRST Viaggio d istruzione a Parigi Partecipazione della classe ad una rappresentazione teatrale in lingua francese Scambio culturale con la Russia ( 21 aprile 27 aprile 2010). Alunna partecipante: VENDITTI Claudia Partecipazione al Pon I nodi della comunicazione (Pon-FSE-Obiettivo C Azione 1 Cod Annualità 2009) : LOMAGISTRO Maristella, MASTROMARINO Giorgia, NOTARISTEFANO Giovanna, SASSO Martina Anno scolastico 2010/2011 Conseguimento della certificazione Cambridge per la lingua inglese livello FIRST: ha conseguito la certificazione di livello FIRST l alunna ALBANO Laura Partecipazione progetto Cambridge per la lingua inglese livello FIRST: BAILARDI Sara Alessandra, CALO Alessia, LOMBARDI SATRIANI Bianca, MANDURINO Vitamaria, NISI Nausicaa Agata, PAGGIARO Valentina, VENDITTI Claudia, VOZZA Elena Partecipazione della classe ad una rappresentazione teatrale in lingua francese 11

12 Partecipazione al corso ECDL per il conseguimento della patente europea del computer tenutosi presso il Liceo Aristosseno: DE FLORIO Valentina Partecipazione al Pon Preparazione alle Olimpiadi del Patrimonio : DE FLORIO Luisa Antonella, DE PADOVA Desirèe, LOMARTIRE Gloria, MERO Stefania Partecipazione al Pon Attualità scientifica in inglese 2 modulo: D IGNAZIO Carla, LEZZI Sonia, LOMAGISTRO Maristella, MANCONE Valeria, MARGARITA Maria Chiara, MASTROMARINO Giorgia, NOTARISTFANO Giovanna, PALMISANO Noemi, SAMMARTANO Erica, SURIANO Carmen, VINCI Marianna Progetto Madrid con soggiorno studio nella capitale spagnola ( febbraio 2011): MANDURINO Vitamaria, VENDITTI Claudia Partecipazione al Progetto Corso di alfabetizzazione in lingua araba : alunne partecipanti MASTROMARINO Giorgia, VOZZA Elena Partecipazione al Pon L inglese per la comunicazione umanistica ( Pon- FSE-2010-Obiettivo C azione 1 cod. 752 ). Alunna partecipante: LOMBARDI SATRIANI Bianca Anno scolastico 2011/2012 Partecipazione al progetto Cambridge per la lingua inglese livello FIRST: BAILARDI Sara Alessandra, CALO Alessia, DE FLORIO Luisa Antonella, LOMBARDI SATRIANI Bianca, MANCONE Valeria, MANDURINO Vitamaria, PAGGIARO Valentina, PALMISANO Noemi, SANTARCANGELO Simona, SURIANO Carmen, VENDITTI Claudia, VOZZA Elena Progetto Certificazione per la Lingua spagnola di livello B1. Hanno conseguito la certificazione le alunne: CALO Alessia, DE FLORIO Luisa Antonella, DE FLORIO Valentina, GALEONE Lidia, LOMAGISTRO Maristella, MANCONE Valeria, MANDURINO Vitamaria, NOTARISTEFANO Giovanna, SASSO Martina, VENDITTI Claudia, VOZZA Elena Partecipazione al Progetto Corso extracurricolare di alfabetizzazione al linguaggio informatico per la preparazione agli esami ECDL. Il corso per il conseguimento della patente europea del computer si è tenuto presso il Liceo Aristosseno. Alunne partecipanti: DE FLORIO Valentina, MANCONE Valeria, MARGARITA Maria Chiara, SAMMARTANO Erica. Durata del corso: 60 ore. Conseguimento della patente europea del computer: hanno conseguito la certificazione ECDL le alunne DE FLORIO Valentina, MANCONE Valeria, MARGARITA Maria Chiara, SAMMARTANO Erica Cineforum en langue française (durata del progetto: 22 ore). Hanno partecipato le alunne: ALBANO Laura, DE PADOVA Desirèe, GALEONE Lidia, LEZZI Sonia, LOMAGISTRO Maristella, LOMARTIRE Gloria, MANCONE Valeria, MANDURINO Vitamaria, MARGARITA Maria Chiara, MASTROMARINO Giorgia, MERO Stefania Anna, NISi Nausicaa Agata, NOTARISTEFANO Giovanna, PAGGIARO Valentina, PALMISANO Noemi, SCHINAIA Federica, VENDITTI Claudia, VIGGIANI Diletta, VINCI Marianna, VOZZA Elena. Partecipazione ad attività sportive studentesche Progetto Conoscendo lo sci. Alunne partecipanti: D IGNAZIO Carla, NISI Nausicaa Agata, VENDITTI Claudia. Scambio culturale con la Francia, dal 3 al 10 ottobre a Bourg en Bresse, per un potenziamento delle abilità linguistiche e per un dialogo e confronto tra due esperienze formative. Alunne 12

13 coinvolte : ALBANO Laura, MANDURINO Vitamaria, NISI Nausicaa Agata, SCHINAIA Federica, VENDITTI Claudia, VOZZA Elena. Partecipazione della classe alla rappresentazione teatrale in lingua spagnola Los locos de Valencia. Partecipazione della classe ad una rappresentazione teatrale in lingua francese Partecipazione dell alunna D IGNAZIO Carla al corso di rianimazione con l uso del defibrillatore e conseguimento del patentino di soccorritore laico (Abilitazione BLSD ). Viaggio d istruzione a Londra Stage a Londra ( 17 aprile 23 aprile 2012 ). Alunna partecipante: LOMBARDI SATRIANI Bianca Anno scolastico 2012/2013 Partecipazione al progetto Cambridge per la Lingua inglese : le alunne DE FLORIO Luisa Antonella e MANCONE Valeria hanno partecipato al corso di livello FIRST Partecipazione della classe ad una rappresentazione teatrale in lingua francese Viaggio d istruzione a Praga Stage a Parigi PON C1 FSE02 VISA POUR LA FRANCE La formazione a Parigi di livello B2 del quadro comune europeo di riferimento si è svolta presso la sede dell Alliance française dal 9 al 30 settembre Durata del corso: 60 ore. Al corso ha partecipato l alunna VOZZA Elena, conseguendo la certificazione Delf ( Diplome d étude langue française) di livello B2 per la lingua francese. Stage in Spagna Malaga - PON C1 FSE02 - POR PUGLIA Comunicazione nelle lingue straniere (Progetti azione C1 Interventi formativi per lo sviluppo delle competenze chiave ). Le alunne ALBANO Laura, DE FLORIO Luisa Antonella, DE FLORIO Valentina, D IGNAZIO Carla, LOMAGISTRO Maristella, MANDURINO Vitamaria, MARGARITA Maria Chiara, SCHINAIA Federica, VENDITTI Claudia sono state coinvolte in un percorso formativo per l apprendimento/approfondimento della lingua spagnola realizzato presso l istituto linguistico Malaga- isì!, riconosciuto dall Ente Certificatore governativo spagnolo, Instituto Cervantes, e con la presenza di docenti esperti di madre lingua, specializzati nell insegnamento della lingua agli stranieri. Durata dello stage: 60 ore. Conseguimento della certificazione DELE (Diploma de Espanol Lengua Extranjere ) per la lingua spagnola, livello B2: hanno conseguito la certificazione le alunne ALBANO Laura, DE FLORIO Luisa Antonella, D IGNAZIO Carla, MANDURINO Vitamaria, MARGARITA Maria Chiara, SCHINAIA Federica, VENDITTI Claudia. Orientamento alle varie facoltà universitarie (partecipazione di tutta la classe). Scambio culturale con la Francia. Questo tipo di scambio offre agli studenti la possibilità di mettere in atto le competenze comunicative raggiunte, per servirsi della lingua studiata a scuola in una occasione di comunicazione autentica. Alunne coinvolte: MANDURINO Vitamaria, NISI Nausicaa Agata, SCHINAIA Federica, VENDITTI Claudia, VOZZA Elena. Partecipazione al Progetto Preparazione alle Olimpiadi della Chimica (Obiettivo C - Azione 4 cod FSE 2011). Alunna partecipante : SANTARCANGELO Simona. 13

14 Stage di Animazione Turistica a Rimini ( 6-11 aprile 2013 ). Alle alunne partecipanti Mero Stefania e Mancone Valeria è stato rilasciato un Attestato di Animatore Turistico. 14

15 CREDITO SCOLASTICO ALUNNO ANNO SCOLASTICO 2010/2011 ANNO SCOLASTICO 2011/2012 ALBANO Laura 6 6 BAILARDI Sara Alessandra 5 5 CALO Alessia 5 6 D IGNAZIO Carla 6 6 DE FLORIO Luisa Antonella 6 7 DE FLORIO Valentina 5 5 DE PADOVA Desiree 5 5 GALEONE Lidia 6 7 LEZZI Sonia 5 6 LOMAGISTRO Maristella 6 7 LOMARTIRE Gloria 6 6 LOMBARDI Satriani Bianca 5 4 MANCONE Valeria 6 7 MANDURINO Vitamaria 7 7 MARGARITA Maria Chiara 6 7 MASTROMARINO Giorgia 5 5 MERO Stefania 6 6 NISI Nausicaa Agata 5 5 NOTARISTEFANO Giovanna 6 6 PAGGIARO Valentina 5 5 PALMISANO Noemi 6 6 SAMMARTANO Erica 6 7 SANTARCANGELO Simona 5 5 SASSO Martina 6 6 SCHINAIA Federica 5 5 SURIANO Carmen 6 5 VENDITTI Claudia 7 7 VIGGIANI Diletta 4 5 VINCI Marianna 5 6 VOZZA Elena

16 LICEO GINNASIO STATALE ARISTOSSENO TARANTO Esame di Stato a.s. 2012/2013 PRIMA PROVA SCRITTA DESCRITTORI E CRITERI DI VALUTAZIONE Classe V G Indirizzo Linguistico Internazionale Candidato/a: Indicatori Descrittori Punteggio Pertinenza Aderenza alle convenzioni della tipologia scelta (tip. A, tip. B) Nulla/minima Marginale Sufficiente Piena (suff.) 3 Conoscenza dei contenuti (A comprensione e interpretazione testo letterario; B efficace utilizzo materiali; C e D significatività elementi informativi e capacità di contestualizzazione) Nulla Minima Frammentaria Sufficiente Completa, approfondita (suff.) 4 Correttezza formale Proprietà lessicale Efficacia della comunicazione Costruzione del testo Capacità argomentativa Capacità critica Originalità e autonomia di pensiero Creatività Confusa e poco corretta nel lessico, nell ortografia, nella sintassi Sostanzialmente corretta Appropriata e corretta dal punto di vista morfosintattico, ortografico e lessicale Disorganica e approssimativa Coerente, sia pure semplice ed essenziale Logica, organica, ricca Sufficienti Spiccate 1 2 (suff.) (suff.) 3 1 (suff.) 2 TOT / 15 16

17 Liceo Ginnasio Statale ARISTOSSENO TARANTO Esame di stato a.s. 2012/2013 Classe V G Indirizzo Linguistico Internazionale SECONDA PROVA SCRITTA SCHEDA DI CORREZIONE E VALUTAZIONE (LINGUA STRANIERA: INGLESE / SPAGNOLO) CANDIDATO/A Punteggio attribuito /15 Sulla base della seguente GRIGLIA DI VALUTAZIONE INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGIO Proposta // Attribuzione Capacità di analisi e di sintesi Frammentaria Sufficiente Completa e approfondita 1 2 (suff) 3 Coerenza e coesione testuale Aderenza alla traccia e Pertinenza dei temi trattati Rielaborazione personale Competenza linguistica Minima Sufficiente Ottima Mediocre Sufficiente Soddisfacente Minimi Sufficienti Spiccati Mediocre Sufficiente Buona 1 2 (suff) (suff) (suff) (suff) 3 Punteggio totale 17

18 LICEO GINNASIO STATALE ARISTOSSENO TARANTO A.S. 2012/13 Classe 5^ SEZ. G LICEO LINGUISTICO INTERNAZIONALE ESABAC SIMULAZIONE TERZA PROVA SCRITTA DATA: 05/04/2013 TIPOLOGIA B: QUESITI A RISPOSTA SINGOLA (8-10 righe per quesito) MATERIE COINVOLTE: Latino, Filosofia, Storia, Inglese, Spagnolo, Scienze della Terra TEMPO A DISPOSIZIONE: 3 ore STRUMENTI CONSENTITI: dizionario di Latino, dizionario di Inglese o di Spagnolo 18

19 CRITERI ADOTTATI PER LA TERZA PROVA SCRITTA D ESAME La terza prova coinvolge potenzialmente tutte le discipline dell ultimo anno. Tuttavia, dai risultati delle prove eseguite, si è constatato che non tutte le tipologie di prova consentono di pervenire ad una oggettiva valutazione del livello di competenze conseguito dagli alunni nelle varie discipline. Nel corso dell anno gli alunni sono stati sottoposti nelle singole materie alle tipologie di prova previste dalla normativa vigente, nell ambito dei compiti in classe o di esercitazioni mirate. Dai risultati ottenuti, il Consiglio di Classe ha unanimemente inteso proporre una simulazione della Terza Prova secondo le indicazioni ministeriali, individuando nella Tipologia B quesiti a risposta singola quella più confacente alle capacità, competenze e conoscenze della classe. Nella prova svolta il 05/04/2013 sono state coinvolte le discipline qualificanti l indirizzo della classe, ossia: Latino, Storia, Filosofia, due lingue Spagnolo e Inglese, Scienze della Terra. La simulazione e le relative risultanze sono depositate agli atti della Scuola. Il Consiglio di classe ha concordato i criteri e gli indicatori relativi alle discipline oggetto di esame della terza prova, che qui di seguito si riportano per opportuna guida e conoscenza: 19

20 GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA SCRITTA TIPOLOGIAB - QUESITI A RISPOSTA SINGOLA CLASSE 5 G IND. LINGUISTICO INTERNAZ. AS.2012/13 DATA 05/04/2013 ALUNNO Materia: LATINO O TOTALE in quindicesimi INDICATORI gravemente insufficiente Quasi suff. discreto ottimo (somma dei punteggi Comprensione del quesito Conoscenza dei contenuti Organizzazione sintetica delle risposte Competenza linguistica Rielaborazione personale dei contenuti Comprensione del quesito Conoscenza dei contenuti Organizzazione sintetica delle risposte Competenza linguistica Rielaborazione personale dei contenuti Comprensione del quesito Conoscenza dei contenuti Organizzazione sintetica delle risposte Competenza linguistica Rielaborazione personale dei contenuti Comprensione del quesito Conoscenza dei contenuti Organizzazione sintetica delle risposte Competenza linguistica Rielaborazione personale dei contenuti Comprensione del quesito Conoscenza dei contenuti Organizzazione sintetica delle risposte Uso del linguaggio specifico della disciplina Rielaborazione personale dei contenuti TOTALE TERZA PROVA in quindicesimi (Media delle cinque materie) Firme dei docenti Latino Storia e Filosofia Lingua straniera (Inglese/Spagnolo) Materia: LINGUA STRANIERA nullo insufficiente mediocre sufficiente buono eccellente diviso 5) Materia: FILOSOFIA Materia: STORIA Materia: SCIENZE Scrivere Inglese o Spagnolo... :5 =..../15... :5=..../15... :5 =..../15... :5 =..../15... :5=..../15..../15 20

21 PARAMETRI DELLA GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA LIVELLI ELEMENTI DI GIUDIZIO TOTALE COMPRENSIONE DEL QUESITO 0 nulla 1-4 errata 5-8 parziale 9-10 generica adeguata completa CONOSCENZA DEI CONTENUTI 0 nulla 1-4 frammentaria 5-8 Imprecisa e approssimativa 9-10 limitata agli elementi fondamentali adeguata approfondita ORGANIZZAZIONE SINTETICA DELLE RISPOSTE 0 assente 1-4 disorganica 5-8 casuale 9-10 sequenziale anche se essenziale convincenti capacità di sintesi struttura ben equilibrata COMPETENZA LINGUISTICA 0 forma scorretta e impropria 1-4 gravi e diffusi errori 5-8 imprecisa con qualche errore 9-10 semplice e sostanzialmente corretta corretta e varia corretta, articolata, stilisticamente efficace RIELABORAZIONE PERSONALE DEI CONTENUTI 0 assente 1-4 limitata 5-8 imprecisa 9-10 generica completa completa, originale e critica 21

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR Compréhension de l oral CONSIGNES Début de l épreuve : Appuyez sur la touche

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo 1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo costretti a dire no... chi vi sente capisce subito che per

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ORDINANZA MINISTERIALE n. 11 Prot. n. 320 del 29 maggio 2015 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Prot. n. 2737 F/PON Francavilla Fontana, 18 settembre 2014

Prot. n. 2737 F/PON Francavilla Fontana, 18 settembre 2014 LICEO CLASSICO SCIENTIFICO SCIENTIFICO TECNOLOGICO E DELLE SCIENZE APPLICATE 7202 - FRANCAVILLA FONTANA (BR) Viale V. Lilla, 25 Tel.: 083.84727 Fax: 083.83744 72024 - ORIA (BR) Via A. Negri, Tel.: 083.87097

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli