ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO Via dei villini 19, Mascalucia (CT) 095/ Cod. Fis Cod. Mecc.CT N liceomascalucia.it ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL CORSO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ANNO SCOLASTICO LICEO CLASSICO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE III A 1

2 INDICE Presentazione dell'istituto...pag. 3 Presentazione della Classe... pag. 4 Profilo della classe e Percorso formativo...pag. 5 Italiano: Relazione e Programma...pag. 9 Latino e Greco: Relazione e Programmi...pag. 14 Filosofia e Storia : Relazione e Programmi...pag. 21 Matematica e Fisica: Relazione e Programmi...pag. 29 Scienze: Relazione e Programma...pag. 33 Inglese: Relazione e Programma...pag. 35 Storia dell'arte: Relazione e Programma...pag. 37 Scienze Motorie: Relazione e Programma... pag. 40 Religione: Relazione e Programma...pag. 42 Allegati...pag. 45 Firme Docenti...pag. 51 2

3 PRESENTAZIONE DELL' ISTITUTO L'Istituto di Istruzione Secondaria di Mascalucia prevede due corsi di scuola secondaria superiore: Liceo Classico e Liceo Scientifico. Dall'anno l'istituto ha un'organizzazione amministrativa e didattica autonoma. I due Licei rispondono alle crescenti richieste formative di qualità di tutto il territorio di Mascalucia e dei comuni vicini e in relazione a tali esigenze la Provincia regionale di Catania ha già avviato la struttura che accoglierà i due licei con aule e laboratori adeguati alle attività didattiche curriculari ed extracurriculari. Tutto l'istituto, nel suo complesso, ospita attualmente 35 classi, per un totale di circa 800 alunni e accoglie ragazzi provenienti da una vasta area dell'hinterland catanese e dei paesi pedemontani. L'impianto strutturale del piano di studi del Liceo Classico si propone di far accedere gli studenti ad un patrimonio di civiltà e di tradizioni in cui si riscoprono le radici culturali europee in un rapporto di continuità e di alterità e di far acquisire il rigore metodologico anche attraverso il potenziamento di conoscenze, abilità e competenze proprie delle discipline matematiche e scientifico-sperimentali. Il Liceo Classico si caratterizza per una globalità formativa tale da permettere un ampio orizzonte di scelte e da preparare ai vari studi universitari, rivolti alla ricerca o alla formazione di professioni che richiedano una forte base teorica. Oltre all'accesso all'università, esso consente l'acquisizione di prerequisiti per forme di professionalità attinenti all'ambito dei beni culturali e delle tecniche della comunicazione. Una peculiarità è la sperimentazione linguistica con lo studio quinquennale della lingua inglese, che risponde all'esigenza di adeguare le strutture formative esistenti ai contesti europei e internazionali, nell'ottica di arricchire e aggiornare la formazione.viene offerta anche la possibilità di acquisire certificazioni internazionali, come quella della Cambridge University, ampiamente riconosciute a livello universitario e professionale e spendibili in ambito internazionale. STRUTTURE La scuola attualmente offre strutture e laboratori sufficienti per supportare le attività sperimentali dei percorsi formativi e rappresentano un valido ed insostituibile contributo all'azione didattica dei docenti. L'Istituto dispone infatti di: aule multimediali che svolgono la funzione di laboratorio di informatica e di laboratorio linguistico biblioteche laboratori di scienze e fisica laboratori multimediali mobili 3

4 L'attività di Educazione fisica si svolge presso il Palazzetto dello Sport e il Centro polisportivo "Falcone e Borsellino", raggiungibili dalle tre sedi grazie ai mezzi di trasporto messi a disposizione dal Comune di Mascalucia. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Discipline Docenti Stabilità dei docenti Italiano: Cristina Impellizzeri 2 e 3 liceo Latino e Greco: Marcella Manetti 2 e 3 liceo Filosofia e Storia: Mimma Furneri 3 liceo Matematica e Fisica: Giusy Micale Triennio Scienze: Rosalba Sorbello 2 e 3 liceo Inglese: Mary Ann Brincat Triennio Storia dell'arte: Ornella Adamo 3 lic. Scienze motorie: Maria Pia Diolosà Triennio Religione: Sonia Chiavaroli Triennio Composizione: Percorso Sospensioni del giudizio Crediti precedenti 1. Bianca Gabriele regolare Borrata Giorgia...si Buccheri Martina...si Caruso Lucia Cristina regolare Distefano Miriam regolare Elmi Corinna...si Frasconà Valentina...si Frattallone Giulia...si Guglielmino Alfio regolare Laudani Fabrizio regolare Leone Agata Lucia regolare Marchese Giulia...si Mazzaglia Stefania regolare Santoro Giacomo regolare Scuderi Antonio regolare Sortino Rachele Maria...si / ha ripetuto 2 liceo Spinella Gabriele regolare Tomaselli Maria Teresa regolare Torrisi Giovanna regolare

5 20. Trovato Anna Agata...si Vinciguerra Cinzia regolare...si...10 Gli alunni (6 maschi, 14 femmine) hanno frequentato questo Istituto quasi tutti dal IV ginnasio. QUADRO ORARIO Discipline Ore settimanali Lingua e letteratura italiana...4 Lingua e letteratura latina...4 Lingua e letteratura greca...3 Lingua e letteratura inglese...3 Filosofia...3 Storia...3 Matematica...2 Fisica...2 Scienze...2 Storia dell'arte...2 Scienze motorie...2 Religione...1 PROFILO DELLA CLASSE E PERCORSO FORMATIVO Nel corso del Triennio la composizione della classe non ha subito sostanziali variazioni. Gli studenti hanno svolto il loro percorso nell'ambito della sperimentazione linguistica con l'insegnamento quinquennale della lingua inglese. I docenti hanno tenuto ben presenti gli obiettivi generali propri dell'indirizzo di studi, comuni a tutte le discipline e rivolti a sostenere la crescita dei ragazzi secondo le seguenti prospettive: acquisizione di consapevolezza della propria identità nell'ambito relazionale sviluppo delle capacità di integrazione intra e intergruppale sviluppo delle capacità di scelte autonome e responsabili promozione del dell'educazione alla volontà, al senso del dovere, al senso di responsabiltà sviluppo di una coscienza sociale, civile e democratica sviluppo del rispetto dell'ambiente Gli alunni hanno maturato stili relazionali e sociali adeguati. L'attività curriculare, attraverso lo studio delle discipline classiche, storiche e scientifiche, ha avuto lo scopo di fare acquisire ai giovani "categorie mentali", competenze, abilità e capacità diversificate, nonché gli strumenti culturali e metodologici per la lettura e l'interpretazione di una realtà umana, sociale e politico-economica in continua trasformazione. La III A si può complessivamente definire una classe composta, impegnata, culturalmente disponibile, che ha seguito con vivo interesse il dialogo educativo-didattico. La classe, nel corso dell'anno scolastico, è cresciuta rispetto ai livelli di partenza, per quanto riguarda la maturazione e lo sviluppo di capacità e competenze, nonché l'acquisizione di conoscenze, generali e 5

6 specifiche. Anche se a volte ha rivelato una certa lentezza nei ritmi di studio e di apprendimento, i programmi sono stati svolti in maniera generalmente completa e le verifiche sono state effettuate su tutte le parti. I risultati finali sono ovviamente commisurati alle capacità, all'impegno e alla buona volontà dimostrati dai singoli alunni nel corso dell'anno scolatico. Non mancano gli elementi di spicco: alcuni ragazzi con una solida preparazione di base, molto motivati e impegnati, hanno raggiunto in pieno gli obiettivi con risultati assai soddisfacenti o ottimi. Altri, pur se motivati e impegnati, hanno avvertito il peso del recupero di difficoltà pregresse, ma hanno cercato di sopperire con lo studio e le buone prestazioni nelle prove orali. Solo alcuni hanno seguito il dialogo educativo-didattico in maniera discontinua, per le numerose assenze e per uno studio saltuario. Il Consiglio di classe, lungo il percorso liceale, si è impegnato per approfondire e sviluppare negli allievi conoscenze e abilità, maturare competenze e acquisire strumenti nelle aree metodologica, logico-argomentativa, linguistica e comunicativa, storico-umanistica, scientifica, matematica e tecnologica con i seguenti obiettivi e risultati: Obiettivi generali e Risultati conseguiti in termini di capacità, competenze, conoscenze: Area metodologica acquisizione di un metodo di studio autonomo e flessibile consapevolezza della diversità dei metodi utilizzati nei vari ambiti disciplinari capacità di compiere le necessarie interconnessioni tra i metodi e i contenuti delle singole discipline Area logico-argomentativa: capacità di ascolto e di valutazione critica capacità espositiva e argomentativa abitudine al ragionamento logico capacità di lettura e interpretazione dei contenuti delle diverse forme di comunicazione Area linguistica e comunicativa: padronanza della lingua italiana; capacità di scrittura (in tutti i suoi aspetti, da quelli elementari a quelli più avanzati); capacità di lettura e comprensione ( nei vari livelli) dei testi complessi di varia natura; capacità di esposizione orale, adeguata ai diversi contesti; conoscenza delle lingue classiche necessaria per la comprensione dei testi greci e latini, attraverso lo studio organico delle loro strutture linguistiche ( morfo-sintattiche e lessicalisemantiche ) e degli strumenti necessari alla loro analisi stilistica e retorica, anche al fine di raggiungere una più piena padronanza della lingua italiana in relazione al suo sviluppo storico; acquisizione strutture, modalità e competenze comunicative della lingua inglese; capacità di riconoscere i molteplici rapporti e di stabilire raffronti tra la lingua italiana e altre lingue moderne e antiche; capacità di utilizzare le tecnologie dell'informazione e della comunicazione per studiare, fare ricerca, comunicare. 6

7 Area storico- umanistica: conoscenza dei presupposti culturali e della natura delle istituzioni politiche, giuridiche, sociali ed economiche, con riferimento particolare all'italia e all'europa, e comprensione dei diritti e dei doveri che caratterizzano l'essere "cittadini"; conoscenza della storia d'italia inserita nel contesto europeo e internazionale; capacità di utilizzare metodi, concetti e strumenti per la lettura dei processi storici e per l'analisi della società contemporanea; conoscenza degli aspetti fondamentali della cultura e della tradizione letteraria greca e latina attraverso lo studio delle opere, degi autori e delle correnti di pensiero più significativi, acquisizione degli strumenti necessari per il confronto con altre tradizioni e culture; conoscenza degli aspetti fondamentali della cultura e della tradizione letteraria, artistica, filosofica, religiosa italiana ed europea attraverso lo studio delle opere, degi autori e delle correnti di pensiero più significativi, acquisizione degli strumenti necessari per il confronto con altre tradizioni e culture; consapevolezza del significato culturale del patrimonio archeologico, architettonico e artististico italiano, e della necessità della sua tutela e conservazione; Area scientifica, matematica e tecnologica: comprensione del linguaggio formale specifico della matematica, capacità di utilizzare le procedure tipiche del pensiero matematico, conoscenza dei contenuti fondamentali delle teorie che sono alla base della descrizione matematica della realtà; conoscenza dei contenuti fondamentali delle scienze fisiche e delle scienze naturali, padronanza delle procedure e dei metodi d'indagine propri; capacità di utilizzare strumenti informatici e telematici nelle attività di studio e di approfondimento. Metodi organizzazione didattica per lo più tradizionale lezione frontale, volta comunque a suscitare interventi lezione interattiva, discussione guidata lavori di gruppo esercitazioni e ricerche guidate attività di traduzione attività di recupero, potenziamento e approfondimento attività di preparazione alla Terza Prova Mezzi e spazi libri di testo vocabolari materiali didattici forniti in fotocopie sussidi audiovisivi PC aule 7

8 laboratori biblioteca Auditorium di Mascalucia Palazzetto dello sport di Mascalucia Veriche e Valutazione Le verifiche, consistenti in prove scritte tradizionali, test / quesiti, interrogazioni orali, colloqui, prove pluridisciplinari, lavori individuali, sono state effettuate sia in itinere sia alla fine delle singole unità didattiche. La valutazione ha tenuto conto del livello di partenza, delle conoscenze e delle abilità acquisite, delle capacità espositive, di analisi e di sintesi, di rielaborazione personale, della partecipazione, dell'assiduità, dell'impegno dimostrati. Per i criteri di valutazione generali si rimanda all' allegato 1, per gli indicatori delle singole discipline alle Relazioni dei docenti; per i criteri di attribuzione dei crediti formativi e scolastici si rimanda all' allegato 2; per la simulazione della Terza Prova e relativa griglia di valutazione agli allegati 3 e 4. Progetti e attività esterne Progetto "Namasté", sui temi della pace, della fraternità tra i popoli, e dela solidarietà. Incontri di orientamento: "Gli imprenditori protagonisti dello sviluppo" "La facoltà di giurisprudenza" "L'accademia militare" Convegno: "L'etica e l'economia secondo il pensiero di Don Luigi Sturzo" Incontro su Kant: " Ragione e pace perpetua in Kant" Conferenza del prof. L. Arcidiacono della Facoltà di Legge "Dignità umana" Spettacolo teatrale: G. Verga"Le tre capinere" Viaggio d'istruzione a Berlino Visite guidate : Palazzolo Acreide e Valle dell'anapo, Catania barocca, Mostra di Burri e Fontana a Palazzo Valle Sulla base degli obiettivi generali, formativi, curriculari e trasversli, i Docenti hanno selezionato contenuti, procedure metodologiche, elementi strutturali, per i quali si rimanda alle singole Relazioni, specifiche per ciascuna disciplina, e ai Programmi acclusi, che contengono anche le indicazioni sui testi utilizzati. 8

9 ITALIANO RELAZIONE DISCIPLINARE Prof.ssa Cristina Impellizzeri ore settimanali... 4 ore annue previste ore effettuate al 15/05/ Competenze acquisite La classe, nel suo complesso, pur nella normale differenziazione riguardo alle capacità, ai livelli di partenza, alla disponibilità al dialogo e al conseguente impegno, ha raggiunto un livello culturale piuttosto soddisfacente conquistando nella crescita individuale e collettiva una tappa più avanzata rispetto all inizio. La partecipazione è stata favorita dalla positiva dinamica che si è instaurata tra i suoi componenti, le relazioni sono state improntate sulla fiducia e la cooperazione. Sempre più spesso gli studenti, dopo un autovalutazione delle proprie competenze, hanno chiesto autonomamente di usufruire di interventi didattici individualizzati per superare difficoltà pregresse o legate alla tematica in attuazione. In particolare, si segnala la presenza di un gruppo che si è distinto per una buona qualità di studio esternando padronanza dei contenuti culturali, logicità dei processi mentali, linguaggio scorrevole, ricco e corretto. Quasi tutti hanno affinato il metodo di studio, sono aumentati gradatamente i tempi di attenzione anche per i discenti meno motivati che sono riusciti a raggiungere livelli accettabili in termini di conoscenze, capacità e competenze. Obiettivi Conoscere i testi più rappresentativi del patrimonio letterario italiano, considerato nella sua articolata varietà interna, nel suo storico costituirsi e,ove occorra, nelle sue relazioni con altre letterature europee e manifestazioni artistiche di altro tipo. Leggere e comprendere il testo letterario sia come espressione di una determinata personalità poetica, sia come modello culturale caratterizzante di un epoca. Sviluppare l accesso, attraverso i testi, ad un patrimonio di civiltà e pensiero che è parte fondamentale della nostra cultura. Riconoscere aspetti di attualità nelle tematiche culturali del passato. Elaborare un sistema autonomo di riferimenti culturali e di valori che contribuisca alla maturazione umana, civile e culturale. Consolidare la capacità di esprimersi con coerenza logico-discorsiva, padronanza lessicale e proprietà sintattico-grammaticale, sia nella lingua parlata che in quella scritta. Conoscere e utilizzare le categorie fondamentali di analisi del testo, sul piano strutturale semantico e stilistico. 9

10 Metodologia Flessibilità nella conduzione del programma che, pur se rispettato nelle linee generali, ha potuto subire adeguamenti e modifiche in relazione alle circostanze oggettive in cui si è operato, alle specifiche predilezioni degli alunni ed ai loro ritmi di apprendimento. Informazione dell itinerario didattico, degli scopi, dei tempi, del tipo di prova che i ragazzi avrebbero dovuto affrontare, dei criteri in base ai quali il compito veniva valutato così da essere consapevoli delle operazioni mentali da mettere in atto, dell impegno da calibrare. Lettura diretta dei testi, per individuare le tematiche fondamentali della poetica dell autore, gli aspetti della lingua e dello stile, le fonti e i legami intertestuali.. Adozione del metodo operativo, partecipazione attiva e dinamica, per consentire, attraverso costruzioni mentali, di inglobare nuove conoscenze nel sistema cognitivo preesistente. Uso dell interrogazione continua come efficace sollecitazione allo studio domestico quotidiano e come palestra per il perfezionamento delle capacità espositive. Momenti di sosta, nella normale attività didattica,dedicati all appianamento di difficoltà e al superamento di lacune create in itinere. Verifica e valutazione Le prove di verifica sono state ricorrenti e diversificate poiché hanno accompagnato costantemente il processo di apprendimento. Esse,in itinere,hanno avuto la funzione di monitorare le modalità della mediazione didattica così da poterla riorientare approntando correttivi e scelta dei rinforzi da realizzare, alla fine di un attività e nei momenti istituzionali, hanno consentito la formulazione del giudizio sui risultati raggiunti dagli allievi. Sono state illustrate in modo chiaro nelle loro finalità, nelle richieste specifiche, così da costituire, insieme alle osservazioni sistematiche, utili supporti per la valutazione, e per l alunno occasioni proficue di autovalutazione. Le verifiche scritte si sono svolte tenendo sempre presente la tipologia delle prove del nuovo esame di stato. Accanto alla funzione di misurazione ( valutazione sommativa ), le verifiche hanno assunto quella di valutazione della qualità dell apprendimento degli studenti, cioè della loro sicurezza, durata e spendibilità in situazioni diverse ( valutazione formativa ). La valutazione è stata sempre effettuata sulla base del grado di raggiungimento degli obiettivi previsti ed ha tenuto conto dei livelli di partenza, dell impegno, della partecipazione al dialogo educativo, del grado di maturità raggiunto. Contenuti Il discorso contenutistico è stato affrontato puntando su percorsi modulari, elaborati nell ambito del dipartimento di lettere del triennio, che hanno permesso di operare una selezione nel panorama letterario, pur cercando di fornire un quadro storico-culturale completo. 10

11 PROGRAMMA DI ITALIANO Testo adottato: La scrittura e l interpretazione Ed.Gialla. Luperini Castaldi. Palumbo editore 0 ) Modulo di raccordo e sintesi Ugo Foscolo Le idee : letteratura e società Le Ultime lettere di Jacopo Ortis: L inizio del romanzo - L amore per Teresa (pg ) I sonetti e le odi: Alla sera - A Zacinto - In morte del fratello Giovanni (pg.628,630,632) Il carme Dei Sepolcri (v.1-61, v , pg.655) Giacomo Leopardi Il sistema filosofico: le varie fasi del pessimismo leopardiano Le Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese (pg.126) I Canti: L Infinito (pg.163) - Canto notturno di un pastore dell Asia ( pg.181) A se stesso (pg.204) - La ginestra o fiore del deserto (v.1-50, v , pg.208) 1 ) Modulo storico-culturale: Positivismo, Naturalismo, Verismo L età dell imperialismo e del naturalismo: la situazione economica e politica, gli intellettuali e l organizzazione della cultura. I generi letterari e il pubblico: centralità del romanzo e il rilancio della novella in Italia. Il Naturalismo francese e il Verismo italiano. Giovanni Verga La rivoluzione stilistica e tematica della poetica del Verismo Verga novelliere L amore fra Nedda e Janu e la morte della figlioletta (pg.103) Rosso Malpelo (pg.114) La Lupa (pg.125) La roba (pg.135) Verga romanziere Mastro don Gesualdo: la genesi, la struttura e la trama La morte di Gesualdo (parte quarta, cap.v, , , pg.168) I Malavoglia : la genesi, la struttura e la vicenda L inizio del romanzo (cap. I, pg.209) 11

12 Mena, compare Alfio e le stelle che ammiccavano più forte (cap. II, pg. 202) L addio di Ntoni (cap.xv, pg.217) 2 ) Modulo storico - culturale: simbolismo e decadentismo Il genere lirico dopo il 1848: la nascita della poesia moderna in Europa; il ritardo e l anomalia della situazione italiana La poesia in Francia. Perdita d aureola (C.Baudelaire pg.275) I fiori del male di Charles Baudelaire: L'albatro (pg.311) Giovanni Pascoli La poetica del fanciullino Lo stile e le novità formali della poesia pascoliana La poetica di Myricae: il simbolismo naturale e il mito della famiglia Lavandare (pg.388) - X Agosto (pg.391) - Temporale (pg.395) - Novembre (pg.396) - Il lampo e la morte del padre (pg.402) Gabriele D Annunzio L ideologia e la poetica. Il panismo estetizzante del superuomo Canto novo : O falce di luna calante (pg.415) Il linguaggio poetico di Alcyone: La sera fiesolana (pg.452) - La pioggia nel pineto (pg.456) Nella belletta (pg.468) 3 ) Modulo tematico: la crisi dell io e la disgregazione del reale I luoghi, i tempi e le parole- chiave: l imperialismo, il disagio della civiltà e la nuova narrativa La nuova condizione sociale degli intellettuali e l organizzazione della cultura Le tendenze culturali e politiche: il manifesto di Gentile e il contromanifesto di Croce Luigi Pirandello La formazione, le varie fasi dell attività artistica La poetica dell umorismo La forma e la vita (L umorismo, cap.v, pg.603) La differenza fra umorismo e comicità: la vecchia imbellettata (pg.604) La vita non conclude (Uno, nessuno e centomila, capiv, pg.618) Le novelle per un anno:dall umorismo al surrealismo Il treno ha fischiato (pg.622) Il fu Mattia Pascal: l originalità strutturale del romanzo L ultima pagina del romanzo: Pascal porta i fiori alla propria tomba (pg.653) Mi vidi, in quell istante,attore d una tragedia (pg.663) Italo Svevo Svevo e la nascita del romanzo d avanguardia in Italia La letteraturizzazione della vita (Le confessioni del vegliardo, pg.668) La coscienza di Zeno: la struttura narrativa e l organizzazione dell opera Lo schiaffo del padre (pg.708) 12

13 4 ) Modulo sul genere: la lirica del 900 dalle avanguardie a Montale La poesia del novecento: movimenti, poetiche, tendenze L avanguardia futurista: i manifesti di Marinetti e la storia del movimento Il primo manifesto del Futurismo La lirica pura, l ermetismo Giuseppe Ungaretti La poetica e la religione della parola nella poesia di Ungaretti San Martino del Carso (pg.126) Natale (pg.128) Veglia (pg.129) Mattina (pg.130) Soldati (pg.pg.130) Non gridate più (pg.138) Umberto Saba La formazione e la poetica: il programma di una poesia onesta Il Canzoniere:composizione,titolo e struttura Città vecchia (pg.152) Eros (pg.160) Preghiera alla madre (pg.162) Salvatore Quasimodo La poesia in Italia: l Ermetismo e Salvatore Quasimodo Milano, agosto1943 (pg.197) Eugenio Montale Centralità di Montale nella poesia del Novecento Meriggiare pallido e assorto (pg.215) Non chiederci la parola (pg.217) Spesso il male di vivere ho incontrato ( pg.219) Non recidere, forbice, quel volto (pg.230) Dante Alighieri: La Divina Commedia Paradiso: Canto I Canto III- Canto VI - Canto XI - Canto XV Gli studenti

14 LATINO E GRECO RELAZIONE DISCIPLINARE Prof.ssa Marcella Manetti Latino: ore settimanali...4 Greco: ore settimanali...3 ore annue previste...32 ore annue previste...99 ore effetive al 15/05/ ore effettive al 15/05/ Nel suo complesso la classe ha seguito lo studio delle discipline classiche con vivo interesse, ha partecipato al dialogo educativo-didattico con impegno e assiduità, è cresciuta rispetto ai livelli di partenza per quanto riguarda la maturazione e lo sviluppo di capacità e competenze, nonché l'acquisizione delle conoscenze specifiche. Nel corso dell'anno scolastico ha a volte manifestato una certa lentezza nei ritmi di studio e di apprendimento, tuttavia i programmi sono stati svolti in maniera generalmente completa e le verifiche sono state effettuate su tutte le parti. Non mancano gli elementi di spicco: alcuni alunni con una solida preparazione di base, molto motivati e impegnati hanno raggiunto in pieno gli obiettivi con risultati assai soddisfacenti o ottimi. Altri, pur se motivati e impegnati, hanno avvertito il peso del recupero di difficoltà pregresse, tuttavia hanno cercato di sopperire con lo studio e le buone prestazioni nelle prove orali. Alcuni infine hanno seguito il dialogo educativo-didattico in maniera discontinua, per le numerose assenze e per uno studio saltuario. I ragazzi hanno per lo più lavorato in maniera responsabile e raggiunto, in varia misura, quasi tutti gli obiettivi programmati... e diciamo "quasi", riferendoci a quello che è il più difficile da recuperare, ossia la capacità di traduzione, che non tutti nella classe possiedono. I risultati finali sono ovviamente commisurati alle capacità, all'impegno e alla buona volontà dimostrati dai singoli alunni nel corso dell'anno scolatico. Metodologia Lo studio della Letteratura Latina e Greca è stato condotto, oltre che nel senso della sua specificità, secondo una chiave storicistica, nel convincimento che l'attività letteraria, in ogni tempo e latidudine, e come ogni attività spirituale, artistica, culturale, sia motivata e comprensibile solo in relazione con i fenomeni storico-sociali. L'impegno è stato quello di far comprendere di ciascun momento, di ciascun ambiente, di ciascuna "cultura", gli eventi, i problemi, i comportamenti nella globalità della presenza etica e politica dell'uomo. Di ogni età abbiamo individuato tutte le caratteristiche e, all'interno di esse, abbiamo considerato la funzione degli autori e delle opere. Abbiamo studiato i tratti distintivi dei generi letterari, storicizzandone l'evoluzione e l'organicità: essi infatti non sono creazioni atemporali, ma realizzazioni codificate in concreti contesti storico-politici. Di ogni età abbiamo tracciato dunque, un quadro storico, dedicato ai fatti esenziali, alle questioni e alle tensioni più significative, e un quadro culturale, in cui sono stati delineati i nessi tra situazione politica e condizione della cultura, i rapporti della cultura con il potere, i tratti distintivi e la collocazione dei generi letterari. Lo studio della letteratura è stato affiancato da letture antologiche e condotto operando gli opportuni riferimenti culturali e pluridisciplinari. Si fa presente che, per quanto riguarda la trattazione della Letteratura Greca, non è stato seguito il 14

15 libro di testo in adozione ( il quale non poteva essere sostituito per la vigente normativa), ma ai ragazzi sono state di volta in volta fornite in fotocopie le lezioni tenute in classe, preparate a cura dell'insegnante secondo le esigenze e i criteri didattici sopra esposti; per la Letteratura latina, il libro di testo è stato integrato dalle lezioni tenute in classe (sempre improntate alle esigenze e ai criteri didattici sopra esposti), che i ragazzi hanno seguito prendendo accurati appunti. Degli autori e delle opere sono stati affrontati e sviluppati tutti i temi, con approfondimenti per quelli di maggiore complessità, interesse, importanza. Sono state approfondite le seguenti tematiche: Il rapporto intellettuali-potere. Amore e morte: l'amore e la donna in Orazio e nella Medea di Euripide. Lo studio dei Classici (Orazio, Seneca, Tacito, Euripide, Isocrate) è stato condotto nella prospettiva sopra esposta. La lettura dei testi in lingua è stata affrontata secondo i vari ambiti o livelli di analisi, e secondo le principali chiavi interpretative, in modo da fornire un quadro, il più esauriente possibile, delle problematiche ad essi connesse. Infine si è cercato anche di curare lo studio strettamente linguistico e il prograssivo consolidamento e approfondimento delle conoscenze morfo-sintattiche e lessicali-semantiche, atraverso l'attività di traduzione sia a casa sia in classe. Anche i brani assegnati nei Compiti in classe sono sempre stati tradotti, spiegati e discussi con i ragazzi, perchè potessero rendersi conto degli eventuali errori commessi. Le verifiche sono state effettuate su tutte le parti dei programmi. Sono state svolte esercitazioni per la preparazione alla Terza Prova e una simulazione ufficiale (Tipologia A, con il Latino fra le cinque discipline coinvolte). Nell'ultimo mese di scuola si presume di potere svolgere attività di potenziamento e di recupero in vista degli esami. Le ore settimanali di insegnamento previste sono state usate con una certa elasticità, a seconda delle esigenze didattiche della classe. Si rileva che una quota delle ore annue previste è stata assorbita da assemblee di classe e d' istituto, iniziative varie, come orientamento, incontri culturali, conferenze, seminari, visite guidate, viaggio d'istruzione. Per tale motivo qualche nucleo tematico è stato trattato nelle caratteristiche generali ma con un minor numero di approfondimenti rispetto a quelli previsti; per quanto riguarda la Letteratura latina ci siamo fermati ad Apuleio. Obiettivi e Risultati: Sono stati tenuti presenti le finalità e gli obiettivi generali comuni ( formativi, curriculari, trasversali, didattici), previsti dal POF e dalla progettazione del Consiglio di classe. Per quel che riguarda l'ambito specifico delle nostre discipline, si illustrano i seguenti obiettivi e risultati: Conoscenza della letteratura, greca e latina, articolata in chiave problematica e critica, sviluppata nell'ambito dei quadri storico-culturali di ogni età, attraverso lo studio degli autori più rappresentativi e dei generi letterari da essi utilizzati. Capacità di individuare i caratteri salienti della letteratura e di collocare i testi e gli autori nella trama generale della storia letteraria. Capacità e competenze nell'analisi testuale, nei vari ambiti o livelli, ossia in ordine alla lettura metrica - ove richiesto - all'indagine delle strutture linguistiche, alla corretta traduzione e interpretazione del testo in lingua, alla contestualizzazione, alla collocazione storica, al significato e al valore delle testimonianze proposte. Capacità di analisi e di sintesi. Capacità critica ( che non significa formulazione di nuovi giudizi critici su un'opera o su un autore, ma capacità di porsi criticamente di fronte ad essi). Conoscenza delle strutture fondamentali della lingua, greca e latina, sul piano morfosintattico e lessicale-semantico, tale da consentire competenze interpretative e di resa in buona forma italiana. 15

16 Capacità e competenze nella decodificazione e transcodificazione dei testi. Capacità di attuare collegamenti interdiscilinari e pluridisciplinari. Metodi lezione frontale, volta comunque a suscitare interventi lezione interattiva, discussione guidata esercitazioni attività di traduzione attività di recupero, potenziamento e approfondimento attività di preparazione alla Terza Prova Mezzi libri di testo materiali didattici forniti in fotocopie lezioni in fotocopia preparate dall'insegnante appunti vocabolari Valutazione Due sono state le verifiche scritte ( sotto forma di versioni dal latino e dal greco in italiano) nel primo Trimestre e tre nel Pentamestre, rispettivamente per il Latino e per il Greco; almeno due le verifiche orali "formali", sia nel primo trimestre sia nel Pentamestre, sempre rispettivamente per il Latino e per il Greco. Tutte le verifiche, scritte e orali, hanno mirato a cogliere tutti gli elementi di conscenza linguistica, competenze, abilità, comprensione testuale, capacità di interpretazione e rielaborazione dei testi, capacità logico-espressive (coerenza, organicità, coesione, correttezza, chiarezza, precisione, uso del registro linguistico appropriato, nei codici e sottocodici),completezza, ricchezza dei contenuti, capacità di analisi e di sintesi, capacità critiche e di rielaborazione personale. Indicatori prove scritte Comprensione generale del brano Correttezza morfo-sintattica nella transcodificazione Correttezza lessicale-semantica nella transcodificazione ( buona resa in lingua italiana) Indicatori prove orali Conoscenza e padronanza degli argomenti Capacità logico-espressive e argomentative, chiarezza e completezza espositiva Capacità analitiche, sintetiche, critiche Capacità di attuare collegamenti interdisciplinari e pluridisciplinari Capacità di lettura ( metrica per i testi in poesia), di traduzione e di analisi dei Testi Classici nei vari ambiti o livelli Il possesso "minimo" delle conoscenze, competenze, capacità e abilità ha determinato il livello di sufficienza. Nella valutazione finale si è tenuto conto del ragiungimento degli obiettivi programmati (generali e specifici, disciplinari e pluridisciplinari) in relazione ai livelli di partenza, nonchè della partecipazione al dialogo educativo-didattico, dell'impegno, dell'assiduità, della buona volontà, dell'interesse dimostrati nel corso dell'anno scolastico. 16

17 PROGRAMMA DI LATINO Libri di testo: Malaspina Pagliani Alosi, "Antico Presente", vol 3, Petrini A. Roncoroni, "L'attimo che fugge. Amore e morte in Orazio", C. Signorelli A. Roncoroni, "Le ali della libertà. Uomini schiavi e uomini liberi in Seneca, Tacito eagostino", C. Signorelli R. Pompili, "Il test di Latino" Cappelli L'età giulio-claudia LETTERATURA Quadro storico e culturale: L'affermazione dei prìncipi sull'aristocrazia e sul senato. La crisi del classicismo. Il rapporto intellettuali-potere, tra consenso e dissenso. Lo stoicismo come ideologia del dissenso. L'età dell'oro e la poesia bucolica. I caratteri della cultura. Le arti figurative. I generi letterari. La storiografia: cenni su Velleio Patercolo, Valerio Massimo e Curzio Rufo. La favola: Fedro e la protesta degli umili. Seneca: vita e opere. Le opere filosofiche. Le tragedie. Il teatro senecano. La filosofia come scienza del vivere. Eclettismo e asistematicità nella filosofia di Seneca. I temi fondamentali della sua indagine filosofica: la noia, il tempo, la morte. Il pensiero politico nel De ira, nell' Apokolocyntosis, nel De clementia. Necessità e ruolo del filosofo. Lo stile nelle opere filosofiche e nelle tragedie. Persio Lucano Petronio e il Satyricon. L'età dei Flavi Quadro storico e culturale: L' assolutismo imperiale. L'organizzazione della cultura.il rapporto intellettuali-potere. Conformismo e anticonformismo. La letteratura. Le arti figurative. Plinio il vecchio Quintiliano: vita e opere. L' Institutio oratoria. Il concetto di imitazione. La pedagogia. Lo stile. L'epigramma: Marziale L'età di Nerva e Traiano Quadro storico e culturale: La conciliazione fra principato e libertà. La felicitas temporum: la vita politica e la cultura. Il rapporto intellettuali-potere. Le arti figurative. 17

18 La letteratura: la formazione degli intellettuali. I generi letterari. Tacito: vita e opere. Il metodo storiografico. Il pensiero politico.lo stile. La satira: Giovenale Plinio il giovane L'età di Adriano e degli Antonini. Quadro storico e culturale: Il secolo d'oro dell'impero.gli elementi di crisi. I Cristiani e lo Stato. L'universalismo culturale: l'umanesimo universalistico. Le altre culture: i culti orientali; il Cristianesimo: gli Acta e le Passiones. Le arti figurative. La letteratura. Il rapporto intellettuali-potere. La storiografia. La produzione in versi. La narrativa. Il mondo dei sogni e della magia. Biografia ed erudizione: Svetonio Apuleio: vita e opere. L' Apologia. I Florida. Le opere filosofiche. Le Metamorfosi: la struttura e la fonte. Il significato allegorico. Il pubblico e lo stile. Unità delle Metamorfosi. La damnato memoriae. CLASSICI Orazio: Epistulae, I, 4, "Albi, nostrorum sermonum..." Satire, I, 9, " Ibam forte via sacra..." Odi, I, 5, "Quis multa gracilis..." I, 9, " Vides ut alta stet..." I, 11, "Tu ne qaesieris..." I, 14, "O navis, referent..." I, 37, " Nunc est bibendum..." I, 38, " Persicos odi..." II, 8, "Ulla si iuris..." II, 14, "Eheu fugaces..." III,30, ""Exegi monumentum..." Seneca: De ira, III, 40, 1-2 De brev. Vitae, 14,1-2 Ep.ad Lucilium, 47, , , , 4-10 Tacito: Dialogus de oratoribus: 36, 1-6 Annales IV, 27 XIV, XV, 57 Gli studenti

19 PROGRAMMA DI GRECO Libri di testo: Rossi Nicolai, Letteratura Greca, vol. 3, Le Monnier Isocrate, "Contro i Sofisti", a cura di E. Vita, C. Signorelli Euripide, "Medea", a cura di A. Grilli, C. Signorelli R. Pompili, "Il Test di greco", Cappelli L'età ellenistica LETTERATURA L'Ellenismo Società e cultura. Nascita e tramonto dei regni ellenistici.l'ideologia monarchica. Il rapporto intellettuali-potere. Centralizzazione burocratica, urbanesimo e vita "borghese" Gli studi del Droysen e i grandi centri della cultura ellenistica. Eclissi della religione tradizionale ed esplosione dei culti misterici. Forme e modelli di un'arte nuova. La Commedia nuova. Menandro La riflessione filosofica: il primato dell'etica e il problema della felicità. Scetticismo. Cinismo. Stoicismo. Epicureismo La nuova poesia: Callimaco Tradizione e innovazione nell'epos di Apollonio Rodio Epigramma ed Elegia Teocrito: la poesia bucolica e i mimi urbani Dai mimi di Eroda alla poesia di Arato La storiografia ellenistica. Polibio L'età ellenistico-romana Roma imperiale e la nuova cultura ellenistica Polemiche retoriche e il trattato Sul Sublime L'Ebraismo e la Traduzione dei Settanta. Il Cristianesimo e il Nuovo testamento Plutarco e la Biografia La Seconda Sofistica Luciano di Samosata Genesi e struttura del Romanzo greco 19

20 CLASSICI Isocrate, Contro i Sofisti, traduzione, analisi e commento. Struttura e contenuti dell'orazione Isocrate e il suo tempo Il messaggio etico-politico L'ideale etico-pedagogico I principi fondamentali dell'educazione retorica Euripide, Medea : Lettura metrica, traduzione e commento delle seguenti parti: Prologo vv Primo episodio vv vv Secondo episodio vv Quinto episodio vv Esodo vv Tematica: Amore e morte in Medea Euripide e la tragedia, Euripide e il suo tempo. La presunta misoginia di Euripide. Trama e struttura narrativa della tragedia Caratteri generali della figura di Medea La condizione femminile nella rhésis monologica dei vv Medea e Giasone nell'agòn lògon del Secondo Episodio, vv Complessità delle dinamiche interiori del personaggio di Medea, in particolare nei vv Il contrasto fra bùleuma e thymòs Gli studenti

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli