Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali"

Transcript

1 Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali CeTIF 16 aprile Il focus: la consulenza nella distribuzione di prodotti finanziari La disciplina dei servizi di investimento (collocamento di strumenti finanziari) come modello per La distribuzione di prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione La distribuzione da parte della stessa banca emittente di proprie obbligazioni Livellamento del campo di gioco 2

2 La MiFID: le linee del cambiamento Dalla disciplina del prodotto alla disciplina del servizio: il compiersi di un percorso Dalla logica del venditore a quella del prestatore di un servizio Il collocamento: la formalizzazione del rapporto e gli inducements 3 L ampiezza della nozione di consulenza e la regola di adeguatezza: La consulenza come strumento per la distribuibilità di prodotti complessi La valutazione di adeguatezza nella distribuzione di prodotti finanziari a rischio di liquidità La distribuzione con consulenza e gli inducements 4

3 La consulenza in materia di investimenti Raccomandazione personalizzata presentata come adatta per quel cliente o basata sulle sue caratteristiche Avente ad oggetto un determinato strumento finanziario 5 Raffronto col sistema precedente Situazione ante MIFID MIFID Singolo consiglio Consulenza generale Insito nella definizione e nella disciplina di ogni servizi di investimento Autonomo servizio accessorio Autonomo servizio di investimento se avente ad oggetto specifico strumento Insita nella definizione, e nella disciplina di ogni servizi di investimento 6

4 La consulenza in materia di investimenti Continuità: art. 19, comma 8, D.lgs. 164/07 7 Abbinamento della consulenza con altri servizi Situazione pre MiFID Situazione post MiFID Collocamento e singolo consiglio Esecuzione/Raccolta ordine e singolo consiglio Collocamento Esec./Racc. ordini Singolo consiglio Singolo consiglio Adeguatezza Limiti concreti all offerta dei servizi di collocamento/esecuzione/ricezione e trasmissione ordini senza consulenza 8

5 NON abbinamento della consulenza con altri servizi Impossibilità di prestare raccomandazioni personalizzate su specifici strumenti finanziari Necessità di approntare efficaci misure organizzative, procedurali anche di controllo per contenere il rischio di sconfinamento Gli sportelli bancari e i promotori finanziari 9 La modularità dei servizi di investimento La gestione di portafogli La consulenza in materia di investimenti L esecuzione degli ordini dei clienti La ricezione e trasmissione degli ordini Il collocamento La modalità di mera esecuzione (execution only) La valutazione delle operazioni dei clienti 10

6 Valutazione Know your dell adeguatezza/appropriatezza customer e in relazione alla tipologia dei servizi prestati Servizio interessato Gestione Consulenza Negoziazione; ricezione e trasmissione ordini; collocamento Negoziazione; ricezione e trasmissione ordini in execution only Conoscenza del cliente da parte dell impresa di investimento Esperienza e conoscenze finanziarie; Situazione finanziaria; Obiettivi di investimento Esperienza e conoscenze finanziarie; nessuna 11 Adeguatezza Appropriatezza nessuna Valutazione Impossibilità di prestare gestione o consulenza in caso di rifiuto del cliente di fornire informazioni La distribuzione di prodotti da parte delle reti (ad es.) SGR/emittente di OICR Consulente Distributore Collocatore Racc.ordini Execut. only Consigli personalizzati Appropriatezza Appropriatezza Solo info adeguatezza Investitore 12

7 La distribuzione di prodotti concorrenti Rete distribuzione Emittente OICR Consulente Adeguatezza Collocatore Racc.ordini Appropriatezza Ex. only nn Appr./ade guatezza Prod. Ass. Prod. Banc. Adeguatezza Appropriatezza Non MiFID Adeguatezza Appropriatezza nn Appropriatezza oppure adeguatezza se con raccomandazione personalizzata; no execution only 13 Appr./ade guatezza Appr./ade guatezza La consulenza come strumento per la distribuibilità di prodotti complessi Conoscenza del cliente Esperienza e conoscenza Situazione finanziaria Obiettivi di investimento Principio di relatività e proporzionalità Superamento dello status quo del cliente Analogie con la gestione Tracciabilità del processo 14

8 La valutazione di adeguatezza nella distribuzione di prodotti finanziari a rischio di liquidità Il livello 3 della CONSOB LA VALORIZZAZIONE DEI DOVERI DI ADEGUATEZZA E il diverso orizzonte temporale sotteso a diversi prodotti OICR OBBLIGAZIONI BANCARIE POLIZZE ASSICURATIVE VITA Articolazione del processo di valutazione 15 La valutazione di adeguatezza nella distribuzione di prodotti finanziari a rischio di liquidità Articolazione del processo di valutazione PROFILO CLIENTE PROFILO PRODOTTO Necessità di superare il processo di relazione unitaria e biunivoca Autonoma rilevanza degli obiettivi di investimento del cliente/holding period Rischio di liquidità del prodotto (obbligazioni bancarie/polizze assicurative vita) 16

9 La distribuzione con consulenza e gli inducements Condizioni per la percepibilità degli inducements (da terzi) 1. l esistenza, la natura e l importo siano comunicati chiaramente al cliente, prima della prestazione del servizio di investimento o accessorio ; 2. il pagamento di competenze o commissioni o la concessione di prestazioni non monetarie deve essere volta ad accrescere la qualità del servizio fornito al cliente e non deve ostacolare l adempimento da parte dell impresa dell obbligo di servire al meglio gli interessi del cliente. 17 Alcuni esempi pratici: La distribuzione Emittente/offerente (ad es. SGR) Consulente Emittente/offerente (ad es. SGR) Distributore Investitore 39 considerando direttiva di L2 ; aumento della qualità del servizio presunto, purchè non sia ostacolato il dovere di correttezza Investitore Verifica condizioni di ammissibilità dell inducement 18

10 La distribuzione di strumenti finanziari Centralità dell interesse del cliente: dalla vendita di prodotti alla prestazione di un servizio La disciplina degli incentivi (inducements) - Trasparenza Limiti di ammissibilità: - Aumento della qualità del servizio - Non ostacolo all obbligo di servire al meglio gli interessi dei clienti Consulenza/adeguatezza; Assistenza post vendita ampio range di prodotti 19 Gli inducements e gli assetti distributivi Enfasi sulla disciplina della relazione banca/cliente Più che sulla disciplina del prodotto Il contratto di collocamento come sede di rappresentazione delle obbligazioni del distributore in sede di vendita del prodotto e nel continuo Parziale avvicinamento fra collocamento e ricezione e trasmissione di ordini Favore per un sistema distributivo maggiormente aperto e meno integrato verticalmente 20

11 Conclusioni Libertà delle scelte imprenditoriali e delle politiche commerciali Diversità dei conseguenti oneri di compliance L investimento nella consulenza: fra dovere ed opportunità Ampiezza della nozione; Dovere di adeguatezza Articolazione del dovere di adeguatezza Valore aggiunto al cliente Distribuibilità di prodotti complessi Percepibilità degli inducements 21 Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali CeTIF 16 aprile

La consulenza in materia di investimenti: modelli di servizio e MiFID review

La consulenza in materia di investimenti: modelli di servizio e MiFID review ASCOSIM 2 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia di investimenti: modelli di servizio e MiFID review Milano, 19 marzo 2012 Tiziana Togna CONSOB Responsabile Divisione Intermediari

Dettagli

CONSOB: INCONTRO CON GLI OPERATORI

CONSOB: INCONTRO CON GLI OPERATORI Centro Congressi CARIPLO Via Romagnosi, 6 Milano, 18 Dicembre 2007 CONSOB: INCONTRO CON GLI OPERATORI PRESENTAZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI Organizzato da ABI, ANASF, ANIA, ASSOGESTIONI, ASSORETI,

Dettagli

CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017

CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017 CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017 LA CONSULENZA FINANZIARIA ALLA LUCE DELLA MiFID II: PROFILI GIURIDICI Francesco Di Ciommo Ordinario di Diritto Privato, Università Luiss Guido Carli

Dettagli

La vendita di prodotti finanziari illiquidi e complessi. Antonio Proto

La vendita di prodotti finanziari illiquidi e complessi. Antonio Proto La vendita di prodotti finanziari illiquidi e complessi Antonio Proto Agenda Comportamento degli intermediari Prodotti illiquidi Prodotti complessi Regole di comportamento Servizi di investimento (art.

Dettagli

MiFID 2: tutte le risposte Avv. Luca Frumento

MiFID 2: tutte le risposte Avv. Luca Frumento MiFID 2: tutte le risposte Avv. Luca Frumento Governo degli strumenti finanziari Viene introdotto l obbligo, in capo agli emittenti intermediari, di PREDETERMINARE IL MERCATO TARGET DEI CLIENTI per i quali

Dettagli

La valutazione dell adeguatezza secondo le Linee guida dell ESMA

La valutazione dell adeguatezza secondo le Linee guida dell ESMA Conoscere l investitore: la rilevazione della tolleranza al rischio finanziario La valutazione dell adeguatezza secondo le Linee guida dell ESMA Tiziana TOGNA Responsabile della Roma, 23 novembre 2012

Dettagli

Il quadro di riferimento a un anno di distanza: Criticità e questioni aperte

Il quadro di riferimento a un anno di distanza: Criticità e questioni aperte MiFID - i rapporti tra intermediari e clientela Il quadro di riferimento a un anno di distanza: Criticità e questioni aperte Milano, 11 dicembre 2008 Avv. Andrea Galante Alcuni spunti di riflessione in

Dettagli

POLICY. MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A.

POLICY. MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. 25 Giugno 2010 POLICY di MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. Gestione, disclosure e monitoraggio degli incentivi ( Inducements ) versati e/o percepiti dalla Banca nella prestazione dei servizi

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO. I MERCATI FINANZIARI E IL SISTEMA DI VIGILANZA Raffaele Lener CAPITOLO SECONDO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO. I MERCATI FINANZIARI E IL SISTEMA DI VIGILANZA Raffaele Lener CAPITOLO SECONDO INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I MERCATI FINANZIARI E IL SISTEMA DI VIGILANZA Raffaele Lener 1. Premessa... p. 1 2. Le società di gestione...» 6 3. Il ruolo delle autorità pubbliche nella gestione dei

Dettagli

La compliance con la MiFID

La compliance con la MiFID La compliance con la MiFID Andrea Perrone Università Cattolica del Sacro Cuore Milano, 5 maggio 2010 CeTIF - Università Cattolica del Sacro Cuore Una nota di metodo Le regole di comportamento introdotte

Dettagli

La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti

La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti CONVEGNO ABI COMPLIANCE IN BANKS 2009 DALLE REGOLE ALLE STRATEGIE DI BUSINESS La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti Giuseppe D AGOSTINO CONSOB Responsabile Divisione

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE 1. I temi trattati................................... 1 2. La complessità del sistema normativo..................... 2 3. Cenni a strumenti finanziari, valori mobiliari,

Dettagli

POLICY PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE

POLICY PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE BANCA LEONARDO S.P.A. POLICY PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI MILANO, 27 APRILE 2016 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 RELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI... 3 3 DEFINIZIONI... 3 4 NORMATIVA... 5 5 MODELLO

Dettagli

SINTESI DELLE POLITICHE DI GRUPPO SUL GRADO DI LIQUIDITÀ DEGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELLA NORMATIVA MIFID

SINTESI DELLE POLITICHE DI GRUPPO SUL GRADO DI LIQUIDITÀ DEGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELLA NORMATIVA MIFID SINTESI DELLE POLITICHE DI GRUPPO SUL GRADO DI LIQUIDITÀ DEGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELLA NORMATIVA MIFID ULTIMA MODIFICA: CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 22 SETTEMBRE 2016 1 PREMESSA La presente

Dettagli

I DOVERI DI INFORMAZIONE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE EUROPEE

I DOVERI DI INFORMAZIONE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE EUROPEE I DOVERI DI INFORMAZIONE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE EUROPEE Convegno Scuola Superiore della Magistratura Milano, 19 settembre 2016 prof. avv. Filippo Sartori 1 SERVIZI

Dettagli

La Normativa Mifid in Circoscrizione

La Normativa Mifid in Circoscrizione La Normativa Mifid in Circoscrizione 20 Ottobre 2016 Relatore: Dr. Davide Rivero AGENDA Il Premessa Contesto e finalità normativa Aree impattate dalla normativa Funzionamento e trasparenza dei mercati

Dettagli

Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo

Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo Milano, 16 aprile 2008 Paolo Scotti 1 Agenda Conflitti di interesse Inquadramento normativo: sintesi e ambito di applicazione Tipologie

Dettagli

1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA!

1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA! 1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA! 2 Milano, 27 marzo 2014 MIFID II: ALCUNI DEI PRESIDI A TUTELA DELL INVESTITORE 1. I requisiti in materia di governance dei prodotti

Dettagli

Policy di gestione dei conflitti di interesse

Policy di gestione dei conflitti di interesse Policy di gestione dei conflitti di interesse approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 01 marzo 2017 Policy gestione conflitti di interesse 2 / 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. SOGGETTI RILEVANTI...

Dettagli

ASSOSIM GUIDA PRATICA AL SERVIZIO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI

ASSOSIM GUIDA PRATICA AL SERVIZIO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI ASSOSIM GUIDA PRATICA AL SERVIZIO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI INDICE Premessa p. 2 1. Introduzione p. 3 2. La consulenza nella disciplina pre-mifid p. 3 3. La consulenza in materia di investimenti

Dettagli

MiFID2 E D.LGS. 129/2017 DI RECEPIMENTO: LE PRINCIPALI NOVITÀ IN MATERIA DI CONSULENZA FINANZIARIA Francesco Di Ciommo*

MiFID2 E D.LGS. 129/2017 DI RECEPIMENTO: LE PRINCIPALI NOVITÀ IN MATERIA DI CONSULENZA FINANZIARIA Francesco Di Ciommo* MiFID2 E D.LGS. 129/2017 DI RECEPIMENTO: LE PRINCIPALI NOVITÀ IN MATERIA DI CONSULENZA FINANZIARIA Francesco Di Ciommo* LA NUOVA DISCIPLINA DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Principali riferimenti normativi

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI 1. Premessa... 2 2. Definizione di conflitto di interesse... 2 3. Individuazione delle fattispecie generatrici di conflitto di interesse... 3 3.1 Servizi

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO LE FONTI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO LE FONTI IX Elenco delle principali abbreviazioni... xv CAPITOLO PRIMO LE FONTI Guida bibliografica... 3 1.1. Dald.l.n.95del1974aglianni 80... 5 1.2. Glianni 90:dallaleggeSIMalTestoUnico... 8 1.3. La potestà normativa

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

STRATEGIA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI

STRATEGIA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI BANCA POPOLARE VESUVIANA SOCIETA COOPERATIVA STRATEGIA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI Delibera Conso n. 16190 Titolo V Incentivi Art. 52 del Regolamento Intermediari Direttiva comunitaria MiFID 2004/39 CE

Dettagli

Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari

Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari Verso l Albo Unico dei Consulenti Finanziari Come cambia la struttura del settore della consulenza e della distribuzione dei prodotti finanziari 6 Forum Nazionale sulla consulenza finanziaria Milano, 20

Dettagli

I servizi di investimento

I servizi di investimento Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari I servizi di investimento 4 Novembre 2016 Anno Accademico 2016-2017 I temi della lezione La raccolta indiretta. I servizi di negoziazione. I servizi di

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 Premessa Iccrea Banca S.p.A. (la Banca

Dettagli

STRATEGIA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

STRATEGIA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA STRATEGIA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvato con delibera del N 4 Consiglio di Amministrazione del 24/02/2010 Data di efficacia: 01/04/2010 2 INDICE 1 PREMESSA...4 2 DEFINIZIONE DELLE CATEGORIE

Dettagli

Il funding delle banche e le regole di condotta nella prestazione dei servizi di investimento

Il funding delle banche e le regole di condotta nella prestazione dei servizi di investimento ABI EVENTI MIB 2011 Il funding delle banche e le regole di condotta nella prestazione dei servizi di investimento Luigi Spada Milano, 11 maggio 2011 1 Indice 1. Attività bancaria e servizi di investimento

Dettagli

DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Definizione delle categorie di clientela e tutele accordate La classificazione del cliente è un aspetto centrale e preliminare alla prestazione di qualsiasi

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 Compliance in Banks 2010 L evoluzione del ruolo della Funzione Compliance nei servizi di investimento David Sabatini Responsabile Settore Finanza ABI L'evoluzione del ruolo della Funzione

Dettagli

BANCA LEONARDO S.P.A.

BANCA LEONARDO S.P.A. BANCA LEONARDO S.P.A. POLICY SINTETICA PER L INDIVIDUAZIONE, LA PREVENZIONE, IL CONTENI- MENTO E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NEL- LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E/O ACCESSORI MILANO,

Dettagli

Rendiconto attività di gestione dei reclami. Veneto Banca. Anno 2016

Rendiconto attività di gestione dei reclami. Veneto Banca. Anno 2016 Rendiconto attività di gestione dei reclami Veneto Banca Anno 2016 APRILE 2017 1 TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI (Provvedimento

Dettagli

Business Compliance HUB Stream II POG, IDD E MiFID II - Giornata I CeTIF-Università Cattolica 9 Maggio 2017

Business Compliance HUB Stream II POG, IDD E MiFID II - Giornata I CeTIF-Università Cattolica 9 Maggio 2017 Business Compliance HUB 2017 Stream II POG, IDD E MiFID II - Giornata I CeTIF-Università Cattolica 9 Maggio 2017 1 Documento riservato e confidenziale Avv. Andrea Polizzi - POG in ambito assicurativo:

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi nella prestazione di servizi di investimento e accessori SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI

Dettagli

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse Servizi di 1 Ricezione e trasmissione di ordini La Banca è esposta a situazioni di ogniqualvolta: - lo strumento o oggetto del servizio risulti emesso da

Dettagli

01 DICEMBRE IL RUOLO DELLA CONSULENZA Vittorio GENNARO

01 DICEMBRE IL RUOLO DELLA CONSULENZA Vittorio GENNARO 01 DICEMBRE - 2015 IL RUOLO DELLA CONSULENZA Vittorio GENNARO Chi è l investitore comune È una persona che risparmia o ha risparmiato È una persona che programma il suo futuro È una persona che desidera

Dettagli

MAPPA DELLA DISTRIBUZIONE RETAIL DEI FONDI COMUNI

MAPPA DELLA DISTRIBUZIONE RETAIL DEI FONDI COMUNI MAPPA DELLA DISTRIBUZIONE RETAIL DEI FONDI COMUNI Alessandro Rota Riccardo Morassut Quaderno di ricerca 4 / 2016 INDICE Introduzione 3 1. Fondi comuni 10 1.1 Gestori e distributori 10 1.2 Il modello distributivo

Dettagli

1 Sezione III per la parte consolidata.

1 Sezione III per la parte consolidata. Comunicazione del 30 giugno 2016 Quesiti in materia di segnalazioni statistiche di vigilanza sui servizi di investimento. Da parte di banche e SIM sono pervenute talune richieste di chiarimento in merito

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Classificazione della Clientela 2 di 8 03.0.13142-03/2011 1. Definizione delle categorie di clientela e tutele accordate La classificazione del

Dettagli

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti Alessandro Pagani Head of Compliance & Operational Risks Milano,

Dettagli

È impegno di tutti lavorare per ricreare condizioni di fiducia stabili.

È impegno di tutti lavorare per ricreare condizioni di fiducia stabili. LA CRISI E LA TUTELA DEI RISPARMIATORI Gli effetti della crisi mondiale sull economia italiana sono severi e colpiscono l occupazione, l imprenditorialità, i redditi e i risparmi degli italiani. Ai segnali

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 24.11.2009 ai sensi dell art. 26 del Regolamento Banca d Italia Consob del 29/10/07

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni Compliance in Banks 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni IL REGIME DEI CONFLITTI DI INTERESSE E DEGLI INDUCEMENT DAL PUNTO

Dettagli

Dall Asset Management e dall Asset Allocation alla Consulenza Globale: evoluzione dell approccio e dei sistemi per la Clientela Private

Dall Asset Management e dall Asset Allocation alla Consulenza Globale: evoluzione dell approccio e dei sistemi per la Clientela Private Dall Asset Management e dall Asset Allocation alla Consulenza Globale: evoluzione dell approccio e dei sistemi per la Clientela Private Giovanni Fermi Responsabile Direzione Organizzazione e Sistemi Banca

Dettagli

POLITICA IN TEMA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A.

POLITICA IN TEMA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. POLITICA IN TEMA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Approvata dal consiglio d'amministrazione in data 30 gennaio 2017 Versione 2.0 Innovazione Finanziaria SIM S.p.A. Sede Legale:

Dettagli

SUPPLEMENTO PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO PROSPETTO DI BASE VENETO BANCA Società cooperativa per azioni Sede legale in Montebelluna (TV) - Piazza G.B. Dall Armi, 1, Cod. ABI 5035.1 C.C.I.A.A.:TV N. 88163 C.F./P.IVA/ Registro Imprese Treviso N. 00208740266 Patrimonio

Dettagli

MiFID. Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2)

MiFID. Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2) Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2) v. del 20/12/2012 confermata il 11/12/2014 PREMESSA In conformità alle disposizioni previste dalla Direttiva

Dettagli

POLICY INTERNA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Cassa di Risparmio di San Miniato

POLICY INTERNA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Cassa di Risparmio di San Miniato POLICY INTERNA PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Cassa di Risparmio di San Miniato 1 1. Premessa... 3 2. Obiettivo del documento... 4 3. Criteri per la classificazione della clientela... 4 3.1 Controparti

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DOCUMENTO DI PUBBLICA TESTO UNICO DELLA FINANZA MODIFICHE ARTICOLI PARTI I II IV V VI maggio 2016 Relazione illustrativa Il Ministero dell Economia ha avviato la

Dettagli

MERCATI ED INVESTIMENTI MOBILIARI

MERCATI ED INVESTIMENTI MOBILIARI MERCATI ED INVESTIMENTI MOBILIARI BanfiA. Cap. 3 e 11 Emanuela Giacomini a.a. 2016/2017 Servizi e attività di investimento TUF art. 1 punto 5: 1) esecuzione di ordini per conto dei clienti; 2) ricezione

Dettagli

EMISSIONE OBBLIGAZIONE BANCA FINNAT EURAMERICA S.P.A. T.V. APRILE APRILE 2016 SCHEDA PRODOTTO

EMISSIONE OBBLIGAZIONE BANCA FINNAT EURAMERICA S.P.A. T.V. APRILE APRILE 2016 SCHEDA PRODOTTO EMISSIONE OBBLIGAZIONE BANCA FINNAT EURAMERICA S.P.A. T.V. APRILE 2011- APRILE 2016 SCHEDA PRODOTTO SCHEDA PRODOTTO Prestito obbligazionario Banca Finnat Euramerica S.p.A. T.V. APR. 2011 APR. 2016 Codice

Dettagli

Indice. Introduzione. xiii. Parte prima Il sistema finanziario 1

Indice. Introduzione. xiii. Parte prima Il sistema finanziario 1 Indice Introduzione xiii Parte prima Il sistema finanziario 1 1 Il sistema finanziario 3 1.1 La struttura del sistema finanziario 4 1.2 Gli intermediari finanziari 6 1.3 I mercati finanziari 8 1.4 Le autorità

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA BANCA POPOLARE DI MILANO S.c.r.l. OBBLIGAZIONI PLAIN VANILLA Banca Popolare di Milano 31 Marzo 2016/2019 Tasso Fisso 1,00%, ISIN IT0005163123 Obbligazioni

Dettagli

Indice generale. A Le questioni in corso e le linee di indirizzo. Il contesto istituzionale ed economico. L attività di vigilanza e l enforcement

Indice generale. A Le questioni in corso e le linee di indirizzo. Il contesto istituzionale ed economico. L attività di vigilanza e l enforcement A Le questioni in corso e le linee di indirizzo l contesto istituzionale ed economico 1 La crisi dell Area euro, la risposta delle istituzioni e le prospettive 5 1.1 L evoluzione della crisi e i riflessi

Dettagli

Il consulente finanziario indipendente

Il consulente finanziario indipendente I consulenti finanziari indipendenti possono essere definiti come soggetti che, a titolo oneroso e su base continuativa, svolgono attività di consulenza verso terzi in materia di strumenti finanziari.

Dettagli

Indice. 2 La struttura finanziaria dell economia 15. xiii. Presentazione

Indice. 2 La struttura finanziaria dell economia 15. xiii. Presentazione Indice Presentazione xiii 1 Le funzioni del sistema finanziario 1 1.1 Che cos è il sistema finanziario 2 1.2 La natura e le caratteristiche degli strumenti finanziari 2 1.3 Quali funzioni svolge il sistema

Dettagli

Tipologia di conflitto di interesse

Tipologia di conflitto di interesse Politica di gestione dei conflitti di Allegato 1 Mappatura dei conflitti di di 1 Ricezione e trasmissione di ordini La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni

Dettagli

Suitability rule : linee guida EMSA e recepimento in ambito nazionale

Suitability rule : linee guida EMSA e recepimento in ambito nazionale Gli orientamenti dell ESMA in materia di valutazione di adeguatezza - Suitability rule : linee guida EMSA e recepimento in ambito nazionale Giovanni MUSELLA Divisione Intermediari Ufficio Vigilanza e Albo

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I DALLA MATERIA ECONOMICA DELL ASSICURAZIONE ALLA FORMA GIURIDICA

INDICE SOMMARIO. Capitolo I DALLA MATERIA ECONOMICA DELL ASSICURAZIONE ALLA FORMA GIURIDICA INDICE SOMMARIO Prefazione.... Abbreviazioni.... xiii xviii Capitolo I DALLA MATERIA ECONOMICA DELL ASSICURAZIONE ALLA FORMA GIURIDICA 1. Ladistribuzionedeiprodottiassicurativi... 1 2. Alle radici del

Dettagli

FORMAZIONE PER LA CONSULENZA Patrimonio: PATRIMONIALE:

FORMAZIONE PER LA CONSULENZA Patrimonio: PATRIMONIALE: Tutela LA e FORMAZIONE Trasmissione del PER LA CONSULENZA Patrimonio: PATRIMONIALE: servire il cliente Aida nella Maisano UN CASO CONCRETO Ageing Society Direttore ABIFormazione Convegno ASCOSIM Roma,

Dettagli

STRATEGIA DI COLLOCAMENTO E NEGOZIAZIONE OBBLIGAZIONI BANCA

STRATEGIA DI COLLOCAMENTO E NEGOZIAZIONE OBBLIGAZIONI BANCA STRATEGIA DI COLLOCAMENTO E NEGOZIAZIONE OBBLIGAZIONI BANCA Regolamento 017/2017 V1 Versione Data Redatto da Approvato da 1 28/09/2017 Sandro Vandoni, Funzione Finanza Consiglio d Amministrazione Documento

Dettagli

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1 di 5 Politica di Trasmissione degli Ordini Vegagest Immobiliare Sgr S.p.A. 07/04/2009 INDICE POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 3 1. INTRODUZIONE... 3 2. OGGETTO

Dettagli

STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE N B.2 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 24/02/2016 Data di efficacia: 24/02/2016 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 MAPPATURA DEI CONFLITTI

Dettagli

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse di Tipologia di di 1 Ricezione e trasmissione di ordini La Banca è esposta a situazioni di di ogniqualvolta: lo strumento o oggetto del servizio risulti di propria emissione il servizio venga prestato

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A ZERO COUPON BPSA ZERO COUPON

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A ZERO COUPON BPSA ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A ZERO COUPON BPSA ZERO COUPON 15/05/2007 15/11/2009 Codice ISIN IT0004231889 Le presenti Condizioni

Dettagli

dal punto A ti permettono di arrivare a B

dal punto A ti permettono di arrivare a B Sono tante le strade che dal punto A ti permettono di arrivare a B Se ad esempio devi attraversare un fiume puoi farlo a nuoto, Fidarti di una zattera o decidere di costruire un ponte Piene e rapide non

Dettagli

Ricevuta Pagata (R/P)

Ricevuta Pagata (R/P) (art. 52 eg. Descrizione icevuta (/) Accrescimento della qualità del Considerazioni CES lett. a 1.1 icezione e trasmissione di ordini di ricezione e trasmissione ordini di compravendita di strumenti finanziari

Dettagli

La normativa regolamentare della consulenza finanziaria

La normativa regolamentare della consulenza finanziaria LA CONSULENZA FINANZIARIA La normativa regolamentare della consulenza finanziaria Edoardo Guffanti - Nunzia Melaccio Commissione Banche e Intermediari Finanziari ODEC Milano 22 marzo 2012 - Milano S.A.F.

Dettagli

LA DISCIPLINA SUGLI INCENTIVI PER LE SGR E LE SICAV LINEE GUIDA

LA DISCIPLINA SUGLI INCENTIVI PER LE SGR E LE SICAV LINEE GUIDA LA DISCIPLINA SUGLI INCENTIVI PER LE SGR E LE SICAV LINEE GUIDA Versione inviata alla CONSOB in data 5 maggio 2008 per un primo confronto. INDICE INTRODUZIONE... 3 PARTE I - Ambito di applicazione della

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL ORDINAMENTO MOBILIARE. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

L EVOLUZIONE DEL ORDINAMENTO MOBILIARE. Lucidi a cura di Marco Di Antonio L EVOLUZIONE DEL ORDINAMENTO MOBILIARE Lucidi a cura di Marco Di Antonio LE AREE DI INTERVENTO DELLE BANCHE E possibile distinguere 2 grandi aree di intervento delle banche nell attività di intermediazione

Dettagli

AIM INVESTOR DAY. 4AIM SICAF La prima società di investimento focalizzata sul mercato Aim Italia

AIM INVESTOR DAY. 4AIM SICAF La prima società di investimento focalizzata sul mercato Aim Italia AIM INVESTOR DAY 4AIM SICAF La prima società di investimento focalizzata sul mercato Aim Italia L opportunità per il mercato Capitalizzazione indotta per Aim Italia 4AIM SICAF (Società di Investimento

Dettagli

Prestito Obbligazionario Banca di Imola S.p.A 03/06/08 03/06/11 3,85% 206^ Emissione (Codice ISIN IT )

Prestito Obbligazionario Banca di Imola S.p.A 03/06/08 03/06/11 3,85% 206^ Emissione (Codice ISIN IT ) MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Banca di Imola SPA a Tasso Fisso Il seguente modello riporta

Dettagli

Le funzioni del sistema finanziario

Le funzioni del sistema finanziario Le funzioni del sistema finanziario 1 1.1 Che cos è il sistema finanziario 1.2 La natura e le caratteristiche degli strumenti finanziari 1.3 Quali funzioni svolge il sistema finanziario 1.3.1 L offerta

Dettagli

"MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012

MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012 "MIFID EMIFID REVIEW: LA POSIZIONE DELL'AUTORITÀ DI VIGILANZA ITALIANA" Flavio Bongiovanni CONSOB Divisione Intermediari Sorrento, 14-15 giugno 2012 LaMIFID1: Indice degli argomenti Evoluzione del quadro

Dettagli

RACCOLTA BANCARIA RACCOLTA, RISPARMIO GESTITO E SERVIZI DI INVESTIMENTO 04/05/2017. Capitale proprio

RACCOLTA BANCARIA RACCOLTA, RISPARMIO GESTITO E SERVIZI DI INVESTIMENTO 04/05/2017. Capitale proprio RACCOLTA, RISPARMIO GESTITO E SERVIZI DI INVESTIMENTO A.A. 2016/2017 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste RACCOLTA BANCARIA Risorse finanziarie Capitale proprio Strumenti

Dettagli

DALL INTERMEDIAZIONE ALLA DISTRIBUZIONE ASSICURATIVA

DALL INTERMEDIAZIONE ALLA DISTRIBUZIONE ASSICURATIVA SEMINARIO GIURIDICO Quale futuro per la distribuzione assicurativa? DALL INTERMEDIAZIONE ALLA DISTRIBUZIONE ASSICURATIVA 17 ottobre 2016 Avv. Nicola Gentile IVASS 1/28 Entra in vigore il 23 febbraio 2016;

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE E LA RILEVAZIONE DEGLI INCENTIVI

POLICY PER LA GESTIONE E LA RILEVAZIONE DEGLI INCENTIVI POLICY PER LA GESTIONE E LA RILEVAZIONE DEGLI INCENTIVI PROCESSO FINANZA BANCA DELL ALTA MURGIA CREDITO COOPERATIVO Documento adottato con delibera del C.d.A. n. 278 del 13/06/2013 Ultimo aggiornamento

Dettagli

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza. CONVEGNO ASCOSIM Palazzo delle Stelline 1 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

Dettagli

Policy per la valutazione degli incentivi

Policy per la valutazione degli incentivi Policy per la valutazione degli incentivi 15 Maggio 2012 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. DEFINIZIONI E RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2.1. INCENTIVI LEGITTIMI IN SÉ... 3 2.2. INCENTIVI LEGITTIMI SOLO A DETERMINATE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di

CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di Cassa di Risparmio di Cesena S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di "CASSA DI RISPARMIO DI CESENA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" Cassa di Risparmio di Cesena S.p.A. 24/01/2007-24/07/2010

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA BANCA POPOLARE DI MILANO S.c.r.l. OBBLIGAZIONI PLAIN VANILLA Banca Popolare di Milano 29 Aprile 2016/2021 Step Up Callable, ISIN IT0005175374 Obbligazioni

Dettagli

IL MEDIATORE CREDITIZIO INDIPENDENTE. (RECTE) IL CONSULENTE BANCARIO INDIPENDENTE!

IL MEDIATORE CREDITIZIO INDIPENDENTE. (RECTE) IL CONSULENTE BANCARIO INDIPENDENTE! IL MEDIATORE CREDITIZIO INDIPENDENTE. (RECTE) IL CONSULENTE BANCARIO INDIPENDENTE! Maddalena Marchesi * L introduzione della figura del consulente (bancario) indipendente è tra le modifiche apportate dall

Dettagli

LE NUOVE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO PER LE IMPRESE. 19 Marzo 2014

LE NUOVE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO PER LE IMPRESE. 19 Marzo 2014 LE NUOVE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO PER LE IMPRESE 19 Marzo 2014 ADB SpA Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how consolidato in oltre 25 anni

Dettagli

Chi siamo. In quanto SIM, Consob e Banca d'italia riconoscono ad A.M.U. Investments i requisiti professionali per operare nel settore della consulenza

Chi siamo. In quanto SIM, Consob e Banca d'italia riconoscono ad A.M.U. Investments i requisiti professionali per operare nel settore della consulenza Independent Advisor Chi siamo A.M.U. Investments SIM è una Società di Intermediazione Mobiliare di consulenza patrimoniale indipendente. Questo significa essere abilitati alla sola attività di consulenza

Dettagli

Un approccio integrato nell offerta di servizi d investimento alla clientela retail della banca commerciale.

Un approccio integrato nell offerta di servizi d investimento alla clientela retail della banca commerciale. Un approccio integrato nell offerta di servizi d investimento alla clientela retail della banca commerciale. Francesca Nieddu - Banca IMI Workshop MiFID: un'opportunità per l'innovazione dei processi e

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI o INDUCEMENTS POLICY

POLITICA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI o INDUCEMENTS POLICY POLITICA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI o INDUCEMENTS POLICY BCC di Spello e Bettona soc coop Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 08/09/2010 ai sensi dell art. 15 c. 2 del

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

Sintesi della politica di gestione dei conflitti di interesse

Sintesi della politica di gestione dei conflitti di interesse Sintesi della politica di gestione dei conflitti di interesse 1. Premessa Come tutti gli intermediari finanziari, EUROMOBILIARE ASSET MANAGEMENT SGR SPA (di seguito, anche la SGR ), che fa parte del Gruppo

Dettagli

Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n.

Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n. DOCUMENTO INFORMATIVO DI FIDEURAM INVESTIMENTI Società di Gestione del Risparmio Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n. 1 PRIMO

Dettagli

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4 Indice Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro

Dettagli

MiFID Policy per la rilevazione e la gestione degli incentivi. Policy per la rilevazione e la gestione degli incentivi

MiFID Policy per la rilevazione e la gestione degli incentivi. Policy per la rilevazione e la gestione degli incentivi MiFID Policy per la rilevazione e la gestione degli incentivi Policy per la rilevazione e la gestione degli incentivi CdA 27/10/2014 INDICE PREMESSA... 3 LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE 2 Credito Cooperativo Reggiano Società Cooperativa Sede Legale: Via Prediera, 2/a - 42030 San Giovanni di Querciola- Viano- (RE) Capitale Sociale e riserve al 31/12/2009 Euro 27.949.889 Iscritto al Registro

Dettagli

MIFID(o) o non MIFID(o)?

MIFID(o) o non MIFID(o)? Segreterie di Coordinamento e Segreterie di Gruppo E-mail segreteria@fabintesasanpaolo.it www.fabintesasanpaolo.it c/o FABI Milano Via Torino 21 tel. 02.89012885 fax. 02.89012948 c/o FABI Torino Via Guarini

Dettagli

Regolamentazione, vigilanza e politiche di controllo sul sistema finanziario

Regolamentazione, vigilanza e politiche di controllo sul sistema finanziario Regolamentazione, vigilanza e politiche di controllo sul sistema finanziario Sommario 1. Il sistema dei controlli 2. Le autorità di controllo 3. La regolamentazione e la vigilanza 1. Il sistema dei controlli:

Dettagli

Scheda Sintetica - Informazioni Specifiche

Scheda Sintetica - Informazioni Specifiche Scheda Sintetica - Informazioni Specifiche La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all Investitore-Contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche

Dettagli

Area Tutele e Ricambio Generazionale Ferruccio Riva

Area Tutele e Ricambio Generazionale Ferruccio Riva Area Tutele e Ricambio Generazionale Ferruccio Riva Contratto europeo di Consulenza Finanziaria La proposta di Anasf è: - un contenitore ordinato di idee - un benchmark Gli obiettivi della proposta: 1.

Dettagli