Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14"

Transcript

1 FSC Italia TOUR # 6 Matera, 25 giugno 2014 Contenuti della presentazione Introduzione al Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR) EUTR e certificazione forestale EUTR e certificazione FSC Alcune premesse Il Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR) e la certificazione FSC Mauro Masiero Raccolta informazioni Prodotti non conformi e Componenti minori Online Claim Platform (OCP) Considerazioni conclusive Import EU di legno illegale 16-19% del legno importato in EU è illegale = Mm 3 Introduzione al Regolamento EUTR Origine: 50% Est-Europa 33% SE asiatico Fonte: Hirschberger,

2 EUTR: aspetti generali Regolamento 995/2010 del 20 ottobre 2010 Obblighi degli operatori che commercializzano legno e prodotti da esso derivati (G.U. 12 dicembre 2010) Proibisce la commercializzazione sul mercato EU di legno o prodotti derivati di provenienza illegale EUTR: quali prodotti? Allegato a Reg. 995/2010 (Reg. (EU) 1006/2011) C. 47 C. 94 C. 48 C. 44 Schema generale EUTR Tracciabilità Commerciante Sistema di Dovuta Diligenza (DDS) Extra EU Proprietari forestali, produttori, commercianti Flusso prodotti Controlli Operatore Dovuta Diligenza Dovuta Diligenza Organismi di Controllo Operatore Commerciante Tracciabilità Autorità Nazionali Competenti Consumatore Commerciante Tracciabilità 1. Raccolta informazioni tipo di prodotto specie legnosa/e quantità regione d origine fornitore/cliente evidenza rispetto leggi (autorizzazione al taglio, piano di taglio, piano di gestione, fatture, DdT ) Fonte: modificato da Proforest, Valutazione del rischio completezza informazioni/ documenti garanzie di legalità (es. certificazione forestale) complessità filiera di approvvigionamento ( ) RISCHIO TRASCURABILE Immissione mercato 3. Attenuazione del rischio Misure adeguate/ proporzionate per la mitigazione del rischio, es. informazioni aggiuntive certificazione terza parte cambio fornitori/prodotti/ provenienze ( ) RISCHIO TRASCURABILE Immissione mercato 2

3 Organismi di controllo Funzioni e responsabilità degli OC: mantenere e valutare SDD e conferirne il diritto d uso agli operatori verificare l uso corretto dei SDD da parte degli operatori intervenire in caso di usi non corretti dei SDD Organismi di Controllo riconosciuti a oggi dalla CE : NepCon, Control Union, Bureau Veritas (operano a livello internazionale) Conlegno (opera a livello italiano) Autorità Competenti Ciascun Stato Membro designa 1 o più Autorità Competenti (AC) In Italia: Mipaaf à CFS D.Lgs. Ministeriale del 16/05/2014 à attuazione EUTR in Italia Sanzioni amministrative fino a , arresto fino a 3 anni Sanzioni e controlli in campo? Esempio 1 Esempio 2 Proprietario forestale Tondo da sega Segheria (Commerciante legname, centrale biomasse, pizzeria, singolo consumatore ) Proprietario forestale Ditta boschiva Segheria 4401 Legna da ardere Taglia direttamente OPERATORE Immissione sul mercato COMMERCIANTE Vende il bosco in piedi NON SOGETTO ALLA EUTR OPERATORE Immissione sul mercato COMMERCIANTE 3

4 EUTR e certificazione forestale (1/3) EUTR e certificazione forestale Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR) Art. 4 [ ] qualsiasi meccanismo volontario di catena di custodia rispondent[e] ai requisiti del presente regolamento [può] fungere da base per il sistema di dovuta diligenza Art. 6.1b [ ] garanzia del rispetto della legislazione applicabile, che può comprendere la certificazione o altri schemi verificati da parti terze che contemplano il rispetto della legislazione applicabile Art. 6.1c procedure di attenuazione [ ] comprendono [ ] verifica da parte di terzi EUTR e certificazione forestale (2/3) EUTR e certificazione forestale (3/3) Regolamento (UE) 607/2012 Art. 4 La certificazione o gli altri schemi verificati da parti terze di cui all'articolo 6, paragrafo 1, lettera b), secondo comma, primo trattino, e all'articolo 6, paragrafo 1, lettera c), del regolamento (UE) n. 995/2010, possono essere presi in considerazione nelle procedure di valutazione e attenuazione del rischio se soddisfano i criteri seguenti: [ ] Analisi dei principali sistemi di certificazione e di verifica della legalità nel settore forestale per conto della European timber Trade Federation (ETTF) (Proforest, UK, Dicembre 2012) 4

5 Non solo EUTR US Lacey Act (2008) EUTR (2013) (EU27 + Svizzera + Norvegia) EUTR e certificazione FSC Australian Illegal Logging Prohibition Act (2012) EUTR e certificazione FSC 4 aspetti considerati: Raccolta informazioni Valutazione e attenuazione del rischio Componenti minori Altri strumenti e iniziative EUTR e certificazione FSC Premessa (1/2) à FSC riconosce come assoluta priorità l esclusione dal mercato internazionale di tutto il legname (e i suoi derivati) ottenuto in maniera illegale nelle diverse parti del mondo Legname illegale Prezzi più bassi prodotti forestali Competizione irregolare e minaccia alla gestione forestale 5

6 EUTR e certificazione FSC Premessa (2/2) Nessuno schema di certificazione forestale volontaria è accettato automaticamente come prova di conformità alla EUTR Certificazione FSC come base per un DDS (1/2) 1. Raccolta informazioni 2. Valutazione del rischio 3. Mitigazione del rischio Certificazione forestale come strumento di valutazione e riduzione del rischio di illegalità per i prodotti legnosi (Reg. Esec. (UE) 607/2012, art. 4) à FSC non intende sviluppare un proprio DDS, ma ha rafforzato il proprio sistema per permettere alle aziende di essere conformi alle diverse normative sulla legalità come la EUTR (L.A. in USA e Prohibition Bill in AUS,...) Saperle fornire è un requisito per la CoC (FSC-ADV e 11) Presto reperibili anche automaticamente (OCP) Per i prodotti certificati FSC il rischio è sempre trascurabile, per le componenti non certificate è prevista dalle procedure di analisi del rischio per il Legno Controllato (CW) Possibilità di scelta di fornitori alternativi, con prodotti certificati FSC o che offrono CW Certificazione FSC come base per un DDS (2/2) FSC soddisfa i criteri definiti dall art.4 del Regolamento d Esecuzione (UE) 607/ P&C di gestione forestale e meccanismi di consultazione 2. Verifiche di enti terzi accreditati da ASI 3. COC (a breve: piattaforma rintracciabilità, OCP) 4. Legno Controllato (Risk Assessment + Risk Register) FSC soddisfa anche le Linee Guida della CE pubblicate a Febbraio 2013 Alcune modifiche recenti degli standard FSC per agevolare il rispetto della EUTR Accesso alle informazioni Componenti minori Prodotti non conformi Rispetto norme sul commercio e doganali 6

7 Accesso alle informazioni FSC-DIR , ADV-10 Componenti minori (CM) FSC-DIR , ADV-09 Su richiesta, i fornitori certificati FSC devono fornire: Nome comune e/o scientifico delle specie legnose come richiesto Origine del legname (paese di taglio o regioni sub-nazionali) Conformità con le rilevanti leggi sul commercio e le dogane I fornitori certificati FSC devono collaborare Filiera risalita finché non si ottengono tutte le informazioni Dal 1 gennaio 2013: Divieto immissione sul mercato di prodotti contenenti CM in paesi con norme relative alla legalità del legname (es. EU, US) e per prodotti rientranti nello scopo delle stesse Se destinati ad altri paesi: obbligo di indicare CM in fattura/ddt Dal 1 gennaio 2014: CM non più ammesse nella produzione Dal 1 gennaio 2015: CM non più ammesse in commercio Prodotti non conformi FSC-DIR , ADV-08 = prodotti o materiali per i quali l organizzazione non sia in grado di dimostrare il rispetto dei requisiti per dichiarazioni e/o etichettatura FSC à Se prodotti non conformi sono identificati: cessazione vendite di tali prodotti avviso scritto ai clienti entro 3 giorni identificazione/analisi cause => adozione misure correttive e preventive comunicazione all ente di certificazione collaborazione alla verifica della chiusura della NC Norme sul commercio e dogane FSC-DIR , ADV-11 Aziende certificate FSC che esportano/importano legno e prodotti legnosi devono adottare procedure per assicurare la conformità alla normativa su commercio e dogane Ad esempio Divieti, quote e altre restrizioni all esportazione dei prodotti legnosi Requisiti per le licenze di esportazione di legname e dei prodotti legnosi Autorizzazioni ufficiali all export Tasse e dazi applicati all esportazione dei prodotti legnosi 7

8 Altri strumenti Online Claim Platform (OCP) Altri strumenti Online Claim Platform (OCP) Disponibile per aziende certificate dal 2014 (in futuro anche per retailer) Registrazione e controllo di tutte le dichiarazioni FSC in fattura d acquisto Disponibilità di informazioni aggiuntive facilmente recuperabili (specie legnose, provenienza, volumi ) à accesso dati per Autorità Competenti, solo se concesso dalle aziende à Manuale, Video, Webinar, FAQ, Condizioni d uso (in ITA) FSC: oltre la sola legalità FSC offre molto di più della sola legalità: + responsabilità sociale e ambientale + opportunità di mercato Considerazioni finali Per maggiori informazioni: Per approfondimenti EU- TR 8

9 Certificazione FSC: gestione responsabile 1. Rispetto leggi nazionali e accordi internazionali 2. Tutela diritti di proprietà e d uso delle risorse forestali 3. Riconoscimento e tutela diritti popolazione indigena Aspetti sociali 4. Rispetto diritti dei lavoratori, benessere comunità locali 5. Uso efficiente prodotti e servizi da foreste Aspetti economici 6. Impatti ambientali: conservazione biodiversità, paesaggio 7. Attuazione di un piano di gestione forestale 8. Monitoraggio/valutazione della foresta e della gestione Aspetti ambientali 9. Salvaguardia delle foreste di grande valore ambientale 10. Gestione delle piantagioni (impatti su ambiente naturale ) 9

Introduzione Iniziative europee per il contrasto al taglio e al commercio illegali di legname

Introduzione Iniziative europee per il contrasto al taglio e al commercio illegali di legname FSC ITALIA TOUR 2014#9 Torino, 26 settembre 2014 Introduzione al Regolamento (UE) 995/2010 EU Timber Regulation (EUTR) Mauro Masiero Contenuti presentazione Iniziative dell Unione Europea per il contrasto

Dettagli

Adattamento dello standard FSC di Catena di Custodia alle direttive della EU Timber Regulation

Adattamento dello standard FSC di Catena di Custodia alle direttive della EU Timber Regulation Adattamento dello standard FSC di Catena di Custodia alle direttive della EU Timber Regulation Versione italiana delle più recenti note informative introdotte nella Direttiva FSC-DIR-40-004 40-004-08:

Dettagli

Vireo Srl. Certifichiamo il tuo rispetto per l ambiente

Vireo Srl. Certifichiamo il tuo rispetto per l ambiente Vireo Srl Certifichiamo il tuo rispetto per l ambiente Chi siamo? Vireo in breve FSC PEFC Carbon Trust Standard MSC UE Timber Regulation Certificazioni Forest Stewardship Council (FSC ) e Programme for

Dettagli

La Due Diligence per il mercato del legno

La Due Diligence per il mercato del legno Antonio Brunori PEFC Italia Isabella Nobili Dottore Forestale La Due Diligence per il mercato del legno Aspetti normativi, tecnici e pratici a tre mesi dall entrata in vigore del Regolamento EU 995/2010

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE GUIDA ALL INTERPRETAZIONE DEL REG. 995/2010 Marco Di Bernardo Milano, 12 Marzo 2013 La Commissione Europea alla luce delle richieste di chiarimento giunte dai Paesi membri, dagli stakeholders e da tutti

Dettagli

Indicazioni agli Operatori forestali. per l applicazione del Regolamento (UE) n. 995/2010. Dovuta Diligenza nella filiera legno

Indicazioni agli Operatori forestali. per l applicazione del Regolamento (UE) n. 995/2010. Dovuta Diligenza nella filiera legno Indicazioni agli Operatori forestali per l applicazione del Regolamento (UE) n. 995/2010 European Timber Regulation (EUTR) Dovuta Diligenza nella filiera legno Autori Regione Piemonte - Direzione Opere

Dettagli

Imprese e operatori forestali: approfondimenti e prospettive

Imprese e operatori forestali: approfondimenti e prospettive Imprese e operatori forestali: approfondimenti e prospettive 30 gennaio 2013 - Torino Due Diligence per il mercato del legno: Regolamento EU 995/2010 Roberto Zanuttini DiSAFA Dipartimento di Scienze Agrarie,

Dettagli

Cos è l FSC. Obiettivo di FSC. Il sistema di certificazione FSC: uno strumento per la riduzione del commercio di legno da tagli illegali

Cos è l FSC. Obiettivo di FSC. Il sistema di certificazione FSC: uno strumento per la riduzione del commercio di legno da tagli illegali Il sistema di certificazione FSC: uno strumento per la riduzione del commercio di legno da tagli illegali Processi di deforestazione e commercio da tagli illegali di legname: la responsabilità delle imprese

Dettagli

http://www.assind.vi.it/notiziario/guideschede.nsf/p/guida_260

http://www.assind.vi.it/notiziario/guideschede.nsf/p/guida_260 Page 1 of 5 Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 03/10/2005. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea

Dettagli

FLEGT EUTR. I regolamenti comunitari sul commercio di legno e derivati. Angelo Mariano Corpo Forestale dello Stato

FLEGT EUTR. I regolamenti comunitari sul commercio di legno e derivati. Angelo Mariano Corpo Forestale dello Stato FLEGT EUTR I regolamenti comunitari sul commercio di legno e derivati Angelo Mariano Corpo Forestale dello Stato +,-./01+23"14.,-544-" 544-"6.73" 04023"14.,-544-" ) *" (%$!!!$!!!" (#$!!!$!!!" (!$!!!$!!!"

Dettagli

SEI IN REGOLA CON I NUOVI OBBLIGHI DI LEGGE SUL LEGNO?

SEI IN REGOLA CON I NUOVI OBBLIGHI DI LEGGE SUL LEGNO? SEI IN REGOLA CON I NUOVI OBBLIGHI DI LEGGE SUL LEGNO? IL SISTEMA DI DUE DILIGENCE LegnOK RICONOSCIUTO DALLA COMMISSIONE EUROPEA È LA RISPOSTA. 1 IN EUROPA CONSORZIO SERVIZI LEGNO - SUGHERO CONLEGNO RICONOSCIUTO

Dettagli

PEFC. La certificazione forestale in Italia

PEFC. La certificazione forestale in Italia PEFC Programme for the Endorsement of Forest Certification schemes La certificazione forestale in Italia Dott. For. Antonio Brunori Segretario Generale PEFC Italia Sommario Che cosa è la certificazione

Dettagli

02/03/2014. Contenuti della presentazione. EUTR: immissione sul mercato (2/2) EUTR: immissione sul mercato (1/2)

02/03/2014. Contenuti della presentazione. EUTR: immissione sul mercato (2/2) EUTR: immissione sul mercato (1/2) -3 alla Due Diligence Arezzo, 28 febbraio 20132014 Proprietari forestali e ditte boschive: come adeguarsi alla EUTR Mauro MASIERO Contenuti della presentazione Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR): immissione

Dettagli

ASPETTI RELATIVI AL QUADRO GIURIDICO DEL REGOLAMENTO SUL LEGNO IN VISTA DELL ELABORAZIONE DI ORIENTAMENTI INTRODUZIONE

ASPETTI RELATIVI AL QUADRO GIURIDICO DEL REGOLAMENTO SUL LEGNO IN VISTA DELL ELABORAZIONE DI ORIENTAMENTI INTRODUZIONE ASPETTI RELATIVI AL QUADRO GIURIDICO DEL REGOLAMENTO SUL LEGNO IN VISTA DELL ELABORAZIONE DI ORIENTAMENTI INTRODUZIONE Il regolamento (UE) n. 995/2010, che stabilisce gli obblighi degli operatori che commercializzano

Dettagli

Il Regolamento Legno e la due diligence

Il Regolamento Legno e la due diligence Il Regolamento Legno e la due diligence Angelo Mariano Corpo Forestale dello Stato Buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana INDUSTRIAL ROUNDWOOD

Dettagli

Le foreste nel mondo: un patrimonio insostituibile

Le foreste nel mondo: un patrimonio insostituibile Le foreste nel mondo: un patrimonio insostituibile Superficie forestale in% della superficie totale per paese, FAO 2010 Degrado, deforestazione e illegalità mettono a rischio la superficie boschiva mondiale.

Dettagli

CON IL PORTALE LEGNOKWEB LA DUE DILIGENCE DIVENTA FACILE. www.legnokweb.it

CON IL PORTALE LEGNOKWEB LA DUE DILIGENCE DIVENTA FACILE. www.legnokweb.it CON IL PORTALE LEGNOKWEB LA DUE DILIGENCE DIVENTA FACILE www.legnokweb.it DALL ISCRIZIONE ALL UTILIZZO ISCRIZONE A CONLEGNO AREA LEGNOK RICEZIONE USERNAME E CREAZIONE DELLA PASSWORD PERSONALE INGRESSO

Dettagli

Il ruolo della certificazione FSC per l industria del legno italiana, tra responsabilità e mercato

Il ruolo della certificazione FSC per l industria del legno italiana, tra responsabilità e mercato Forest Stewardship Council Il ruolo della certificazione FSC per l industria del legno italiana, tra responsabilità e mercato Tarvisio, 8 marzo 2013 Diego Florian Segretario Generale FSC, A.C. All rights

Dettagli

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno.

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. SOTTOMISURA 3.2 Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. La Sottomisura concede un sostegno, a copertura dei costi derivanti da attività

Dettagli

Iniziative di contrasto dell illegal logging da parte dell Europa: la EU Timber Regulation

Iniziative di contrasto dell illegal logging da parte dell Europa: la EU Timber Regulation Forest Stewardship Council Iniziative di contrasto dell illegal logging da parte dell Europa: la EU Timber Regulation Assemblea Roma, 06 th June 2011 Diego Florian Mauro Masiero Davide Pettenella FSC,

Dettagli

Avviso 1.2014 Fondimpresa. Proposte percorsi Formativi AMBIENTE

Avviso 1.2014 Fondimpresa. Proposte percorsi Formativi AMBIENTE Avviso 1.2014 Fondimpresa Proposte percorsi Formativi AMBIENTE Queste sono alcune delle proposte possibili; qualora siano individuate dalle aziende ulteriori necessità si prega di contattare l Ufficio

Dettagli

Gestione Forestale Sostenibile

Gestione Forestale Sostenibile Gestione Forestale Sostenibile Nel settore forestale si va sviluppando una serie di forme di partnership e di collaborazione pubblico-privato, allo scopo principale di favorire azioni di informazione/sensibilizzazione

Dettagli

STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST

STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST UN MONDO DOVE LE PERSONE GESTISCONO LE FORESTE IN MANIERA SOSTENIBILE PEFC/18-1-1 Standard PEFC Italia STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST 2001:2008 Requisiti per gli utilizzatori dello schema PEFC Regole d

Dettagli

Nota informativa sull implementazione di un Sistema di Due Diligence.

Nota informativa sull implementazione di un Sistema di Due Diligence. ConLegno Consorzio Servizi Legno Sughero Foro Buonaparte, 65 20121 Milano Italy Milano, 30 settembre 2011 Regolamento UE n.995/2010 del Parlamento e del Consiglio europeo, del 20 ottobre 2010, che stabilisce

Dettagli

LA FORESTA STORICA DOPPIAMENTE CERTIFICATA

LA FORESTA STORICA DOPPIAMENTE CERTIFICATA LA FORESTA STORICA DOPPIAMENTE CERTIFICATA La tutela dell ambiente naturale e la gestione responsabile del patrimonio forestale collettivo costituiscono da sempre l essenza stessa delle ragioni per le

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO (CE) N.

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO (CE) N. DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 2173/2005 RELATIVO ALL ISTITUZIONE DI UN SISTEMA DI LICENZE FLEGT PER LE IMPORTAZIONI DI LEGNAME NELLA COMUNITÀ EUROPEA E DEL REGOLAMENTO

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

Organizzazione della presentazione

Organizzazione della presentazione Seminario Imprese e operatori forestali: approfondimenti e prospettive Regione Piemonte Torino, 30 Gennaio 2013 Progetto SCORE: idee e buone pratiche per contrastare le attività illegali nella gestione

Dettagli

Standard PEFC Italia PEFC ITA 1002:2010. Schema di Certificazione della Catena di Custodia dei prodotti di origine forestale

Standard PEFC Italia PEFC ITA 1002:2010. Schema di Certificazione della Catena di Custodia dei prodotti di origine forestale UN MONDO DOVE LE PERSONE GESTISCONO LE FORESTE IN MANIERA SOSTENIBILE PEFC/18-1-1 Standard PEFC Italia PEFC Schema di Certificazione della Catena di Custodia dei prodotti di origine forestale Associazione

Dettagli

Manuale ENplus, Parte 4 Requisiti di sostenibilità. ENplus. Schema per la certificazione di qualità del pellet di legno.

Manuale ENplus, Parte 4 Requisiti di sostenibilità. ENplus. Schema per la certificazione di qualità del pellet di legno. ENplus Schema per la certificazione di qualità del pellet di legno Manuale ENplus Manuale di riferimento Versione Italiana Parte 4: Requisiti di sostenibilità Versione 3.0 - Agosto 2015 Editore European

Dettagli

Newsletter del MARZO 2013. In sintesi:

Newsletter del MARZO 2013. In sintesi: Newsletter del MARZO 2013 In sintesi: Entrata in vigore del regolamento CE 453/2010 CE E CLP _ Sostanze Chimiche_ Entrata in vigore regolamento CE 305/2011 CPR_ Prodotti da Costruzione_ Entrata in vigore

Dettagli

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale.

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. SOTTOMISURA 9.1 Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. La Sottomisura intende favorire la costituzione di Associazioni e Organizzazioni di Produttori

Dettagli

PREMESSA. 1 - Finalità

PREMESSA. 1 - Finalità PROGRAMMA D'AZIONE REGIONALE DI INVESTIMENTO PER PRODUZIONI AGROENERGETICHE E PER IL CONTENIMENTO DEL CARICO DI AZOTO NEL RISPETTO DELLA D.G.R. 21 NOVEMBRE 2007, N. 5868. PREMESSA La Regione Lombardia,

Dettagli

Standard PEFC Italia

Standard PEFC Italia UN MONDO DOVE LE PERSONE GESTISCONO LE FORESTE IN MANIERA SOSTENIBILE PEFC/18-1-1 Standard PEFC Italia PEFC Schema di Certificazione della Catena di Custodia dei prodotti di origine forestale Associazione

Dettagli

VADEMECUM OPERATIVO REGOLAMENTO UE N. 995/2010 CONLEGNO DOMANDE E RISPOSTE CHIAVE SULLA DUE DILIGENCE NELLA FILIERA BOSCO-LEGNO-CARTA-ARREDO

VADEMECUM OPERATIVO REGOLAMENTO UE N. 995/2010 CONLEGNO DOMANDE E RISPOSTE CHIAVE SULLA DUE DILIGENCE NELLA FILIERA BOSCO-LEGNO-CARTA-ARREDO VADEMECUM OPERATIVO REGOLAMENTO UE N. 995/2010 CONLEG DOMANDE E RISPOSTE CHIAVE SULLA DUE DILIGENCE NELLA FILIERA BOSCO-LEG-CARTA-ARREDO Applicazione del nuovo Regolamento Europeo n. 995/2010 (Regolamento

Dettagli

Biomasse da filiera corta: criteri e linee guida. Premessa. Filiera corta. Contenuti della presentazione 02/03/2014. ETIFOR Srl

Biomasse da filiera corta: criteri e linee guida. Premessa. Filiera corta. Contenuti della presentazione 02/03/2014. ETIFOR Srl Contenuti della presentazione Filiera corta: un concetto con diverse interpretazioni Biomasse da filiera corta: criteri e linee guida Mauro MASIERO ETIFOR Srl Legnaro (PD) Corso di formazione GPPB 28 gennaio

Dettagli

BIOMASSA: Produzione professionale di cippato: Stato dell arte e prospettive della certificazione. Massimo Negrin

BIOMASSA: Produzione professionale di cippato: Stato dell arte e prospettive della certificazione. Massimo Negrin BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Produzione professionale di cippato: Stato dell arte e prospettive della certificazione Massimo

Dettagli

Origine Preferenziale, regole per la corretta applicazione: aspetti generali

Origine Preferenziale, regole per la corretta applicazione: aspetti generali Origine Preferenziale, regole per la corretta applicazione: aspetti generali Gli accordi di libero scambio (commercio preferenziale) stanno assumendo sempre maggior rilevanza all interno del panorama del

Dettagli

Prodotti SCA con certificazione forestale

Prodotti SCA con certificazione forestale Prodotti SCA con certificazione forestale PE FC /05-33-132 Promoting Sustainable Forest Management www.pefc.org PERCHÈ È IMPORTANTE? La certificazione forestale rappresenta l anello di congiunzione tra

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

IL SISTEMA DUE DILIGENCE NELLA GESTIONE DELLE PROPRIETA DELLA REGIONE ASSEGNATE AL SERVIZIO GESTIONE FORESTALE E PRODUZIONE LEGNOSA Versione 1/2013

IL SISTEMA DUE DILIGENCE NELLA GESTIONE DELLE PROPRIETA DELLA REGIONE ASSEGNATE AL SERVIZIO GESTIONE FORESTALE E PRODUZIONE LEGNOSA Versione 1/2013 IL SISTEMA DUE DILIGENCE NELLA GESTIONE DELLE PROPRIETA DELLA REGIONE ASSEGNATE AL SERVIZIO GESTIONE FORESTALE E PRODUZIONE LEGNOSA Versione 1/2013 A) PREMESSA Dal 03/03/2013 entra il vigore il Regolamento

Dettagli

29/06/2014. FSC Online Claims Platform Scopriamolo assieme... Che cos è l Online Claims Platform? Come funziona il sistema attuale?

29/06/2014. FSC Online Claims Platform Scopriamolo assieme... Che cos è l Online Claims Platform? Come funziona il sistema attuale? Che cos è l Online Claims Platform? Abano T. (PD), 28 marzo 204 FSC Online Claims Platform Scopriamolo assieme... Diego Florian Direttore FSC Italia L Online Claims Platform: È una piattaforma web per

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione n. 27/2012 ADEMPIMENTI DI CUI AL REGOLAMENTO

Dettagli

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali CSI 9 febbraio 2012 La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali M R Milana Istituto Superiore di Sanità- Roma MOCA : Quali materiali e oggetti? Tutti i materiali

Dettagli

Forest Stewardship Council. FAQ sull uso del marchio da parte dei detentori di certificati FSC

Forest Stewardship Council. FAQ sull uso del marchio da parte dei detentori di certificati FSC Forest Stewardship Council FAQ sull uso del marchio da parte dei detentori di certificati FSC Ci auguriamo che troverete gli standard del marchio FSC-STD-50-001 (V1-2) chiari e di facile impiego. Per qualsiasi

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

Il problema (fonte: Interpol)

Il problema (fonte: Interpol) Cos è la Due Diligence e perché è stata introdotta nell Unione Europea Davide Pettenella DITESAF Università di Padova Conlegno; Compagnia delle Foreste -3 alla Due Diligence. Cosa fare per essere in regola

Dettagli

Bio-economy between Food and non Food: The Italian Way

Bio-economy between Food and non Food: The Italian Way Bio-economy between Food and non Food: The Italian Way Non Food 4 Non Food Massimo Medugno Assocarta L industria della carta italiana anno 2013 Produzione di 8,5 milioni di tonnellate (- 0,6% rispetto

Dettagli

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it POSITION PAPER Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE 1 La sostenibilità ambientale della carta prodotta da fibre vergini o riciclate è oggi uno dei fattori in grado di

Dettagli

Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato.

Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato. Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato. Nuoro 22/10/13 PEFC 18-23-01 Promuoviamo la gestione

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI DEI REGOLAMENTI EUROPEI 303/2008 E 304/2008 I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI DEI REGOLAMENTI EUROPEI 303/2008 E 304/2008 I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI... 2 3. GENERALITÀ... 4 4. PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE... 5 5. CONTENUTI DEL CERTIFICATO...

Dettagli

Ecotherm Wood PLUS Protocollo Tecnico Costruttivo

Ecotherm Wood PLUS Protocollo Tecnico Costruttivo Ecotherm Wood PLUS Protocollo Tecnico Costruttivo Rispetta l ambiente Confortevole Risparmio energetico Antisismica QC Costruttive QC1_Sicurezza Antisismica QC2_Resistenza e sicurezza al fuoco QC3_Efficenza

Dettagli

Arredi per ufficio 6 - Criteri di sostenibilità

Arredi per ufficio 6 - Criteri di sostenibilità Arredi per ufficio 6 - Criteri di 1. Oggetto dell iniziativa La presente iniziativa è finalizzata ad offrire alle ubbliche Amministrazioni sia la fornitura di arredi e complementi a ridotto impatto, sia

Dettagli

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI Maria, Grazia Cerulo Medico veterinario, Responsabile UO Veterinaria filiera lattiero casearia ASL Napoli 2 Nord EVOLUZIONE

Dettagli

I BENEFICI PER GLI OPERATORI CERTIFICATI AEO

I BENEFICI PER GLI OPERATORI CERTIFICATI AEO I BENEFICI PER GLI OPERATORI CERTIFICATI AEO Minori controlli allo sdoganamento Riduzione dei controlli doganali documentali (CD) scanner (CS) fisici (VM) fino ad un massimo del 90% Tale beneficio è accordato

Dettagli

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH B. Maresta Milano, 05 giugno 2013 1 Uno degli obiettivi di REACH e CLP è di uniformare e armonizzare il modo

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

PRESENTAZIONE PARDI&ASSOCIATI NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE ITALIANO & BIOMASSE

PRESENTAZIONE PARDI&ASSOCIATI NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE ITALIANO & BIOMASSE PRESENTAZIONE PARDI&ASSOCIATI NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE ITALIANO & BIOMASSE Indice PRESENTAZIONE pag. 2 PREMESSA pag. 2 Filiera Olivicola Italiana pag. 3 ATTIVITÀ PARDI&ASSOCIATI pag. 4 PROTOCOLLI GESTIONE

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli

La certificazione forestale FSC, stato dell arte e prospettive future

La certificazione forestale FSC, stato dell arte e prospettive future Gruppo FSC Italia La certificazione forestale FSC, stato dell arte e prospettive future Diego Florian Segreterio Nazionale info@fsc-italia.it FSC, A.C. All rights reserved FSC-SECR-0051 Il marchio della

Dettagli

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*)

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Procedure Premessa La disciplina del deposito IVA (di cui all art. 50-bis del D.L. n. 331/1993) è

Dettagli

ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA

ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA Settore del vino Gennaio 2013 Ufficio di Oslo Inkognitogata 7 N-0244 Oslo T + 47 23 13 16 30 F +47 23 13 16 31 oslo@ice.it http://www.ice.it/paesi/europa/norvegia/

Dettagli

Analisi economica della sicurezza degli alimenti

Analisi economica della sicurezza degli alimenti Analisi economica della sicurezza degli alimenti Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendali Facoltà di Economia Università di Pavia E-mail msassi@eco.unipv.it Definizione di sicurezza degli alimenti

Dettagli

1. Progetto PROFORBIOMED. Tracciabilità e gestione delle biomasse a uso energetico Progetto Proforbiomed

1. Progetto PROFORBIOMED. Tracciabilità e gestione delle biomasse a uso energetico Progetto Proforbiomed Bolzano (BZ), 19 Settembre 2013 Tracciabilità e gestione delle biomasse a uso energetico Progetto Proforbiomed 1. Progetto PROFORBIOMED Mauro MASIERO (TeSAF UNIPD/ETIFOR) 1 Date Progetto PROFORBIOMED (1/2)

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE 12.12.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 334/25 REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE dell 8 dicembre 2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio

Dettagli

Il ruolo degli enti di certificazione nel contesto della certificazione forestale

Il ruolo degli enti di certificazione nel contesto della certificazione forestale Il ruolo degli enti di certificazione nel contesto della certificazione forestale Filiere Legno Festa della foresta, Longarone, 21-23 giugno 2012 IDENTITÁ: CSQA è la società Leader nei servizi di controllo,

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERVENTI SELVICOLTURALI PER SUPERFICI INFERIORI AD HA 2

COMUNICAZIONE INTERVENTI SELVICOLTURALI PER SUPERFICI INFERIORI AD HA 2 Regione Calabria Dipartimento 2 Presidenza - Settore Foreste e Forestazione Vincolo Idrogeologico, Forestale e tagli boschivi Spazio riservato all ufficio SCIA (segnalazione certificata di inizio attività)

Dettagli

La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE

La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE Lezione 4 MISURA 3.1 Azioni collettive Progetto La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE TITOLO V: CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE Principi generali SM

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero per lo Sviluppo Economico Direzione Generale per l'energia e le risorse minerarie Gestore Servizi Energetici- GSE SpA Divisione Operativa AGEA Area coordinamento Organizzazioni di filiera LORO

Dettagli

CONFRONTO INCROCIATO DI CATENA DI CUSTODIA FSC

CONFRONTO INCROCIATO DI CATENA DI CUSTODIA FSC CONFRONTO INCROCIATO DI CATENA DI CUSTODIA FSC Data: 01 settembre 2015 Questo riferimento incrociato è stato creato per facilitare la consultazione pubblica sulla revision dello standard di Catena di Custodia

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

L'uso del legno nel comparto industriale regionale. Il legno da triturazione

L'uso del legno nel comparto industriale regionale. Il legno da triturazione L'uso del legno nel comparto industriale regionale Il legno da triturazione Fabbisogno di legname dell'industria Regionale Consumi regionali dell'industria della carta e del pannello Legname da triturazione:

Dettagli

Adeguamento dei Prodotti per i mercati del CIS

Adeguamento dei Prodotti per i mercati del CIS Adeguamento dei Prodotti per i mercati del CIS Milano 19 aprile 2011 1 Il mercato Il mercato della Federazione Russa e quelli dei paesi che costituiscono il CIS, da almeno 10 anni offrono ottime opportunità

Dettagli

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI -CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI Norma ISO 9001 e sue applicazioni Iter di certificazione e sistema di accreditamento Sistemi

Dettagli

La sorveglianza sui dispositivi medici

La sorveglianza sui dispositivi medici Corso Attività di Polizia Sanitaria ROMA, 21 giugno 2012 La sorveglianza sui dispositivi medici Dr. Franco Abbenda Ministero della Salute DGFDSC Ufficio 03 1 Origini regolatorie - Armamentario del medico

Dettagli

DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE. Daniela Cuzzani. UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1

DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE. Daniela Cuzzani. UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1 DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE Daniela Cuzzani UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1 DICHIARAZIONI DI CONFORMITA NELL AMBITO DEI CONTROLLI UFFICIALI

Dettagli

Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. (2)

Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. (2) Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali D.M. 2-3-2010 Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. Pubblicato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Il corso intede fornire le informazioni di base per la corretta. Aula 8 Base performance ambientali.

Il corso intede fornire le informazioni di base per la corretta. Aula 8 Base performance ambientali. MODALITA' AREA TEMATICA COD TITOLO CONTENUTI DURATA ORE TIPOLOGIA FORMATIVA N. LAVORATORI IN FORMAZIONE Il corso intede fornire le informazioni di base per la corretta 1 applicazione di un Sistema di Gestione

Dettagli

Alberto Lolini. Grosseto, 23 aprile 2015

Alberto Lolini. Grosseto, 23 aprile 2015 Alberto Lolini Grosseto, 23 aprile 2015 Piano nazionale di controllo ufficiale sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti 1 OGM : cosa sono? Definizione Il regolamento (CE) n.

Dettagli

OPERAZIONE 6.4.2. Produzione di energia da fonti alternative.

OPERAZIONE 6.4.2. Produzione di energia da fonti alternative. OPERAZIONE 6.4.2 Produzione di energia da fonti alternative. L Operazione sostiene investimenti volti alla realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti alternative destinata alla vendita.

Dettagli

bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 31 dicembre 2014 53 25

bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 31 dicembre 2014 53 25 bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 31 dicembre 2014 53 25 14_53_1_DPR_242_1_TESTO Decreto del Presidente della Regione 19 dicembre 2014, n. 0242/Pres. Regolamento recante

Dettagli

L accreditamento a garanzia della qualità e della sicurezza dei prodotti alimentari: il ruolo di ACCREDIA.

L accreditamento a garanzia della qualità e della sicurezza dei prodotti alimentari: il ruolo di ACCREDIA. ACCREDIA L ente italiano di accreditamento LE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CARTA DI MILANO LOTTA ALLE CONTRAFFAZIONI, DIAGNOSTICA PER CONTROLLO QUALITÀ, QUALITÀ DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI L accreditamento

Dettagli

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Misura 4 - Investimenti materiali (art. 17) La misura punta al miglioramento delle prestazioni economiche e ambientali delle aziende agricole e delle imprese rurali Finalità: rendere più efficiente il

Dettagli

prot. 14/MOT1 Roma, 15 gennaio 2004

prot. 14/MOT1 Roma, 15 gennaio 2004 Dipartimento dei Trasporti Terrestri e per i Sistemi Informativi e Statistici prot. 14/MOT1 Roma, 15 gennaio 2004 Oggetto : Circolare - decreto ministeriale 30 dicembre 2003, relativo alle caratteristiche

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

Commissione europea Imprese e industria. La marcatura CE vi apre le porte del mercato europeo!

Commissione europea Imprese e industria. La marcatura CE vi apre le porte del mercato europeo! Commissione europea Imprese e industria La marcatura CE vi apre le porte del mercato europeo! Sommario Che cosa rappresenta la marcatura CE? Che cosa rappresenta la marcatura CE? 3 Obblighi dei fabbricanti

Dettagli

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari L art. 62 del D.L 24 gennaio 2012 n.1, convertito nella L. n. 27 del 24 marzo 2012, ha introdotto una disciplina specifica in materia

Dettagli

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006 IL DEPOSITO DOGANALE Prato 23 novembre 2006 LA DISCIPLINA Articoli da 84 a 90 (disposizioni comuni ai regimi doganali economici) e da 98 a 113 del Reg.CEE 2913/92 Articoli da 496 a 523 (disposizioni di

Dettagli

La certificazione del cippato e del pellet

La certificazione del cippato e del pellet La certificazione del cippato e del pellet Matteo Righetto Ecomondo 2013, Rimini, 7 novembre 2013 Domanda di legname Crescita dagli anni 70 dei consumi di legname a fini energetici Sviluppo dei consumi

Dettagli

DECRETO 3 febbraio 2016: Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura. (16A01113) (Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016)

DECRETO 3 febbraio 2016: Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura. (16A01113) (Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016) DECRETO 3 febbraio 2016: Istituzione del sistema di consulenza aziendale in agricoltura. (16A01113) (Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016) IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/09/06 RQ LTM 1 di 9

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/09/06 RQ LTM 1 di 9 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER PRODOTTO OLIO 0 20/09/06 RQ LTM 1 di 9 1. INTRODUZIONE... 3 2. TERMINOLOGIA... 3 2.1 PRODUTTORE... 3 2.2 FAMIGLIA DI PRODOTTO... 3 2.3 CAMPIONATURA... 3 2.4 PIANO

Dettagli

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi Roma, 23 maggio 2011 Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali Protocollo: 59658/RU Rif.: Allegati: 2 Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi All Ufficio centrale antifrode Sede e, p.c. Al Ministero

Dettagli

100 milioni di euro per i nuovi bandi

100 milioni di euro per i nuovi bandi Seminario - Lamezia Terme - venerdì 28 gennaio 2011 100 milioni di euro per i nuovi bandi Misure 1.2.1 e 1.2.3 Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale BANDI 121-123 ISTRUZIONI

Dettagli

Toolkit per l autovalutazione del rischio illegalità nella filiera foresta-legno italiana.

Toolkit per l autovalutazione del rischio illegalità nella filiera foresta-legno italiana. Toolkit per l autovalutazione del rischio illegalità nella filiera foresta-legno italiana. Con accenno agli obblighi previsti per gli operatori a seguito dell imminente entrata in vigore del Reg. UE 995/2010

Dettagli

Vista la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante la disciplina della subfornitura nelle attività produttive;

Vista la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante la disciplina della subfornitura nelle attività produttive; Decreto 2 marzo 2010 (Gu 5 maggio 2010 n. 103) Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica Il Ministro delle politiche agricole

Dettagli

Aspetti ambientali della coltivazione del pioppo

Aspetti ambientali della coltivazione del pioppo IL PIOPPO: UNA RISORSA ECOSOSTENIBILE PER IL FUTURO la PAC e i PSR 2014/2020 Piacenza 11 novembre 2013 Aspetti ambientali della coltivazione del pioppo CRA-PLF Giuseppe Nervo, Domenico Coaloa, Pier Mario

Dettagli

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011 1. L obbligo della rintracciabilità è stato assunto dal Consiglio della Comunità Europea, quale principio attraverso il quale organizzare i mercati in tale settore, tenendo conto dell evoluzione del mercato,

Dettagli