5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO...3

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO...3"

Transcript

1

2 Indice: 5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO FUNZIONI DI SUPPORTO FUNZIONE TECNICA E DI PIANIFICAZIONE ENTI LOCALI: FUNZIONE SANITARIA, DI ASSISTENZA SOCIALE E VETERINARIA:..6 3 MASS - MEDIA ED INFORMAZIONE: VOLONTARIATO: MATERIALI, MEZZI TRASPORTO, CIRCOLAZIONE E VIABILITA : TELECOMUNICAZIONI CENSIMENTO DEI DANNI A PERSONE E COSE: STRUTTURE OPERATIVE E DI COORDINAMENTO ENTI LOCALI - funzione accorpata a F1 (tecnica e di pianificazione) ASSISTENZA ALLA POPOLAZIONE PROCEDURE OPERATIVE ATTIVAZIONE/INTERVENTO FASI DI ATTIVAZIONE FASE DI ATTENZIONE FASE DI PREALLARME FASE DI ALLARME FASE DI SPEGNIMENTO E BONIFICA DURATA E MODIFICHE DEL PROTOCOLLO D'INTESA...20

3 Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 3

4 5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO Il perseguimento degli obiettivi del Piano di Emergenza, che riguardano la salvaguardia dei cittadini e dei beni da qualsiasi situazione di crisi o di emergenza conseguente al rischio di incendi boschivi, è correlato all organizzazione ed al coordinamento delle azioni di tutti i soggetti coinvolti nella gestione delle emergenze. Il piano oltre che dal presente Modello d'intervento, quale Protocollo operativo di intervento, è corredato di una CARTA DEL MODELLO DI INTERVENTO, che è stata predisposta secondo le Linee guida regionali per quanto riguarda l ambiente GIS, utilizzando la simbologia nazionale opportunamente integrata per il livello regionale, ed il sistema di coordinate di riferimento (UTM32*). Tale carta, rappresentativa del territorio provinciale interessato dal rischio incendi boschivi, conterrà temi puntuali predisposti ai fini di Protezione Civile - quali ad esempio centri di coordinamento, strutture operative, strutture di Protezione Civile, aree di emergenza - unitamente a tematismi derivati da una sintesi delle sopracitate carte del Programma Provinciale di Previsione e Prevenzione. Per Modello di intervento si deve intendere la definizione dei protocolli operativi da attivare in situazioni di crisi per evento imminente o per evento già iniziato, finalizzati al soccorso ed al superamento dell'emergenza. I protocolli individuano le fasi nelle quali si articola l'intervento di protezione civile, le componenti istituzionali e le strutture operative (d'ora in avanti Organismi di protezione civile) che devono essere gradualmente attivate rispettivamente nei centri decisionali della catena di coordinamento (DI.COMA.C - C.O.R. - C.C.S. - C.O.P. per A.I.B. - C.O.M. - C.O.C) e nello scenario d'evento, stabilendone composizione, responsabilità e compiti. Tali fasi, consistono nei seguenti livelli: attenzione - preallarme - allarme - spegnimento e bonifica Con riferimento al Rischio in oggetto, gli interventi di lotta diretta contro gli incendi boschivi comprendono: Attività di vigilanza e avvistamento avente lo scopo di una tempestiva segnalazione dell'insorgere dell'incendio; Spegnimento per azione diretta a terra; Controllo della propagazione del fuoco; Intervento con mezzi aerei; Bonifica Ognuna di queste attività è assicurata, rispettivamente secondo le specifiche competenze, dal Corpo Forestale dello Stato, dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e dai Volontari di Protezione Civile appositamente formati ed equipaggiati, anche in base a specifiche convenzioni, stipulate tra la Regione Emilia Romagna - Agenzia Regionale di Protezione Civile, il Corpo Forestale dello Stato, il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ed i Coordinamenti Provinciali di Volontariato di Protezione Civile, che garantiscono il coordinamento interforze, d'intesa con Prefettura - UTG e Provincia. L'intervento è articolato in fasi successive, che servono a scandire temporalmente il crescere del livello di attenzione e di impiego degli strumenti e delle risorse umane e finanziarie che vengono messi in campo. Si distinguono: Un periodo ordinario (durante il quale la pericolosità di incendi è limitata o inesistente); Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 4

5 Un periodo di intervento (durante il quale la pericolosità di incendi boschivi è alta), individuato con apposita dichiarazione della Regione Emilia-Romagna. Nel periodo ordinario vengono effettuate, nell'ambito dei compiti istituzionali dei vari Enti e delle strutture tecniche, prevalentemente dal personale del CFS, le normali attività di studio e sorveglianza del territorio nonché l'osservazione e la previsione delle condizioni metereologiche. Durante il periodo ordinario, il Corpo Forestale dello Stato svolge, attraverso la propria COR- CFS, le funzioni attribuite alla SOUP in stretto raccordo con l'agenzia Regionale di Protezione Civile e la Direzione Regionale dei VVF. Nel periodo di intervento si attivano livelli di operatività crescente e proporzionati agli aspetti previsionali, articolati nell'ambito delle seguenti fasi: Fase di attenzione (indicativamente da dicembre a febbraio e da giugno a settembre); Fase di preallarme (dichiarazione di stato di grave pericolosità); Fase di allarme (segnalazione di avvistamento incendio); Fase di spegnimento e bonifica (estinzione dell'incendio). Le fasi vengono attivate indicativamente in riferimento a soglie di criticità, definite con le modalità indicate dalla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 59 del 11 marzo 2004 ed in relazione a situazioni contingenti di rischio. E' necessario ribadire che le strutture operative, considerata la natura del Rischio incendi boschivi e le tipologie di innesco più frequenti, devono essere pronte ad attivare la fase di allarme per interventi di spegnimento in qualsiasi periodo dell anno, anche durante il periodo ordinario. Inoltre si concorda con tutti gli enti e le strutture coinvolti, che il Modello di Intervento vuole essere la base per una prima fase sperimentale della Pianificazione di Emergenza provinciale, ed è composto da procedure da verificare sulla base delle esperienze di eventuali emergenze sul territorio. Esso potrà comunque essere aggiornato/integrato nel caso si verifichi la necessità di rivedere parte delle procedure operative. Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 5

6 5.1 FUNZIONI DI SUPPORTO Il modello organizzativo proposto dal presente Piano di Emergenza prevede l utilizzo di alcune Funzioni di Supporto allo scopo di dare al medesimo piano una procedura operativa snella ed in grado di attivare in cascata i piani di ogni singola organizzazione di supporto mediante strutture di comando e di controllo. I soggetti responsabili delle funzioni stesse sono i Dirigenti o i Funzionari delegati per le funzioni di Protezione Civile degli Enti coinvolti. Ogni funzione di supporto farà riferimento alla propria, se esistente, Procedura Operativa interna. Si ricorda che le funzioni individuate dal metodo Augustus per la Centro operativo provinciale (COP) e per il CCS sono, a livello provinciale: 1. TECNICO SCIENTIFICA E PIANIFICAZIONE 2. SANITÀ, ASSISTENZA SOCIALE E VETERINARIA 3. MASS MEDIA E INFORMAZIONE 4. VOLONTARIATO 5. MATERIALI E MEZZI 6. TRASPORTI, CIRCOLAZIONE E VIABILITÀ 7. TELECOMUNICAZIONI 8. SERVIZI ESSENZIALI 9. CENSIMENTO DANNI A PERSONE E COSE 10.STRUTTURE OPERATIVE E S.A.R. 11. ENTI LOCALI 12. MATERIALI PERICOLOSI 13.ASSISTENZA ALLA POPOLAZIONE 14. COORDINAMENTO CENTRI OPERATIVI 15. TUTELA BENI CULTURALI Le funzioni da attivare nei CS, COM e nei COC sono un sottoinsieme di quelle del CCS, che possono essere esercitate mediante opportuni accorpamenti, in funzione della tipologia del fenomeno da fronteggiare della sua estensione territoriale e delle dimensioni e risorse del comune interessato. Nell elenco sono evidenziate in grassetto le funzioni principali da attivare nei COM e nei COC. Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 6

7 1 FUNZIONE TECNICA E DI PIANIFICAZIONE ENTI LOCALI: Responsabile/Referente Composizione Funzione CFS - Provincia CFS - Provincia - VVF - ARPA SIM - RER - Comune mantiene e coordina tutti i rapporti tra le varie componenti scientifiche e tecniche per l interpretazione dell evento e dei dati relativi al monitoraggio nonché per le azioni da compiere finalizzate al ripristino immediato dei servizi essenziali (riattivazione di discariche, acquedotto, scuole, servizi vari, ecc.) 2 FUNZIONE SANITARIA, DI ASSISTENZA SOCIALE E VETERINARIA: Responsabile/Referente 118 Reggio Soccorso AUSL - Serv. Veterinario AUSL A.N.P.A.S. (componente sanitaria) C.R.I. Composizione (componente sanitaria). coordina le attività delle strutture preposte alla salvaguardia e al soccorso della popolazione; predispone la preparazione e la gestione dell emergenza in modo mirato dal punto di vista delle cure ad eventuali intossicati, ustionati o Funzione quant altro, sulla base delle informazioni fornite preventivamente circa i possibili scenari incidentali ed evoluzione dell'incendio; verifica le condizioni igienico-ambientali; tutela Il patrimonio zootecnico. 3 MASS - MEDIA ED INFORMAZIONE: Prefettura/Provincia - Il Responsabile sarà l addetto stampa indicato dal Responsabile/Referente Prefetto Prefettura - Provincia - Comuni - Unione Montana dei Comuni Composizione dell'appennino Reggiano procede alla divulgazione delle notizie riguardanti l'evento per mezzo dei mass-media allo scopo di informare e sensibilizzare la popolazione e far conoscere le attività in atto; Funzione trasmette una costante diffusione dei diversi aspetti che il rischio assume, nonchè le disposizioni e le informazioni alla popolazione in fase di emergenza attraverso gli organi di informazione dei mass-media (stampa, radio, televisione). 4 VOLONTARIATO: Responsabile/Referente Composizione Funzione Coordinamento Provinciale delle Associazioni di Volontariato di Protezione Civile Associazioni di Volontariato di Protezione Civile - C.R.I. - A.N.P.A.S. - Gruppi Comunali il Coordinamento Provinciale delle Associazioni di volontariato di Protezione Civile, se richiesto dalla Provincia, coadiuva tutte le associazioni di volontariato impegnate nell'assistenza alla popolazione compatibilmente con il personale disponibile, della sua preparazione; organizza squadre per l'avvistamento degli incendi durante il periodo di intervento; durante la fase di allarme, se richiesto dal CFS, partecipa alle operazioni di spegnimento e bonifica degli incendi. Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 7

8 5 MATERIALI, MEZZI Responsabile/Referente Composizione Funzione CFS CFS - Provincia - VVF - Coordinamento Provinciale delle Associazioni di Volontariato di Protezione Civile - Comune censimento dei materiali e dei mezzi in dotazione presso le varie amministrazioni, anche con l ausilio del sistema Azimut; reperimento di materiali e mezzi idonei per fronteggiare l'evento in atto, anche tramite l'attivazione del Coordinamento Provinciale del Volontariato. 6 TRASPORTO, CIRCOLAZIONE E VIABILITA : Responsabile/Referente Prefettura o ente delegato dal Prefetto Composizione Polizia Stradale - Carabinieri Polizia Municipale Vigili Provinciali coordinamento delle misure relative alla viabilità, ottimizzazione dei flussi di traffico lungo le vie di fuga e lungo le vie preferenziali di Funzione accesso per il trasporto di materiali e mezzi; gestione dei cancelli di accesso per la regolarizzazione del flusso dei soccorsi. 7 TELECOMUNICAZIONI Responsabile/Referente Composizione Funzione Responsabile nominato alle telecomunicazioni Vari organi delle telecomunicazioni 9 CENSIMENTO DEI DANNI A PERSONE E COSE: Responsabile/Referente Provincia Provincia - Comuni - AUSL ARPA - Unione Montana dei Comuni Composizione dell'appennino Reggiano provvede al censimento dei danni riferito a: persone, edifici pubblici e privati, impianti industriali, servizi essenziali, attività produttive, infrastrutture pubbliche, agricoltura e zootecnica; Funzione si evidenzia la necessità di individuare anche eventuali danni a carattere ambientale intesi come inquinamento o degrado delle differenti matrici ambientali. 10 STRUTTURE OPERATIVE E DI COORDINAMENTO Responsabile/Referente CFS e/o VVF Composizione CFS - VVF - Coordinamento Provinciale delle Associazioni di Volontariato di Protezione Civile - Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano Funzione coordina tutte le varie strutture operative presenti sul territorio per l applicazione del Piano di Emergenza Provinciale - stralcio Incendi Boschivi -, nelle attività di soccorso; Nel caso in cui l'incendio boschivo non presenti requisiti di pericolosità per la vita delle persone, il Corpo Forestale dello Stato assume la direzione delle operazioni di spegnimento incendi boschivi; Nel caso in cui l'incendio mostri pericolosità per l'incolumità di persone e edifici la direzione delle operazioni A.I.B. è assunta dai Vigili del Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 8

9 Fuoco. 11 ENTI LOCALI - funzione accorpata a F1 (tecnica e di pianificazione) Responsabile/Referente Provincia Composizione Vedi F1 + Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano - Parco Nazionale - Parco Regionale Funzione individua gli enti pubblici e le amministrazioni ai quali sono conferiti i compiti in materia di Protezione Civile e relativo censimento dei dati concernenti l ubicazione delle sedi, i referenti e i responsabili di ciascun ente e amministrazione. 13 ASSISTENZA ALLA POPOLAZIONE Responsabile/Referente Comuni Composizione Provincia AUSL - C.R.I. - Coordinamento Volontariato garantisce le misure di assistenza per la popolazione coinvolta nell evento, individuando idonee aree di attesa e/o di ricovero per la popolazione e garantendo, ove occorre, un costante flusso di derrate alimentari, il loro stoccaggio e la distribuzione; funzione finalizzata alla gestione delle situazioni di panico, di caos o Funzione disagi in genere della popolazione colpita dall evento; provvede a far adottare alla popolazione le misure di autoprotezione per garantire una riduzione delle conseguenze, tenendo conto delle caratteristiche dell'incendio e delle condizioni meteo-climatiche del momento. 14 COORDINAMENTO CENTRO OPERATIVI Responsabile/Referente Coordinatore del COP Composizione Coordinatore del COP - Collaboratori di supporto Funzione mantiene il raccordo dei centri operativi istituiti sul territorio: Centro Operativo Regionale, Centri Operativi Misti, Centri Operativi Comunali. La medesima organizzazione è presente nel Sistema di raccolta dati a supporto della Pianificazione comunale e provinciale di Emergenza (denominato Azimut), dove ad ogni funzione di supporto, corrisponde una serie di schede, a valenza comunale e/o provinciale contenenti tutti i dati utili per il relativo censimento. La banca dati complessiva derivante da tale censimento delle risorse e degli elementi esposti al rischio permette una rapida gestione dell emergenza da parte dei responsabili delle funzioni del metodo Augustus. Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 9

10 5.2 PROCEDURE OPERATIVE ATTIVAZIONE/INTERVENTO CHIUNQUE (popolazione, personale comunale, volontari, ecc.) avvista personalmente o riceve segnalazione di un incendio boschivo ne dà immediata comunicazione al Corpo Forestale dello Stato, chiamando il 1515 oppure ai Vigili del Fuoco chiamando il 115. Se il Corpo Forestale dello Stato, "struttura operativa" di protezione civile ai sensi della L.100/2012 (ex L. 225/1992), è allertato o avvista direttamente un incendio di bosco, ne dà immediata comunicazione ai Vigili del Fuoco (115). Se i Vigili del Fuoco, "struttura operativa" di protezione civile ai sensi della L.100/2012 (ex L. 225/1992), vengono allertati o avvistano direttamente un incendio di bosco, ne danno immediata comunicazione al Corpo Forestale dello Stato (1515 o o ai numeri di reperibilità). Delle segnalazioni pervenute, il COP darà immediata informazione, come preallarme al 118 ed al Sindaco sul cui territorio si è verificato l'incendio, nei casi in cui la proporzione dell'incendio lo richieda, informa la Prefettura, e per tramite di quest ultima, il Coordinamento delle Organizzazioni del Volontariato per la Protezione Civile (nelle figure del Presidente e del Coordinatore delle squadre AIB). Il COP avvisa il Centro Operativo Regionale (COR), responsabile dell attivazione del concorso aereo, se necessario. AMBITI DI COMPETENZA DI CFS E VVF: nel caso in cui l'incendio boschivo non presenti requisiti di pericolosità per la vita delle persone, il Corpo Forestale dello Stato assume la direzione delle operazioni di spegnimento incendi boschivi concordando le procedure e il tipo di intervento più appropriato con il responsabile dei Vigili del Fuoco, coinvolgendo nelle operazioni AIB il proprio personale, il personale dei Vigili del Fuoco e coordinando l intervento del personale volontario e/o altro personale che si rendesse necessario per il mantenimento dell'ordine pubblico; nel caso in cui l'incendio mostri pericolosità per l'incolumità di persone e edifici la direzione delle operazioni AIB è assunta dai Vigili del Fuoco concordando le modalità e le procedure di intervento con il responsabile del Corpo Forestale dello Stato, coinvolgendo nelle operazioni AIB il proprio personale, il personale del Corpo Forestale dello Stato e coordinando l intervento del personale volontario e/o altro personale che si rendesse necessario per il mantenimento dell ordine pubblico o per l incolumità delle persone. In caso di pericolosità per l incolumità dei soccorritori, si dovrà contattare Reggio Soccorso 118, per concordare gli adempimenti operativi di ordine sanitario. 5.3 FASI DI ATTIVAZIONE Il comando Provinciale del Corpo Forestale dello Stato è attualmente sede del Centro Operativo Provinciale (COP). Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 10

11 Al momento della attivazione della struttura provinciale denominata Centro Unificato Provinciale (CUP) di Protezione Civile, sito in via della Croce Rossa,3 saranno definite le modalità di raccordo tra sale operative. Le fasi di attivazioni, consistono, come detto sopra, dei seguenti livelli: attenzione preallarme allarme spegnimento e bonifica FASE DI ATTENZIONE AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE e CENTRO OPERATIVO REGIONALE (C.O.R.) - Esplica le funzioni di coordinamento ai sensi della L.R. 1/2005; F A S E D I A T T E N Z I O N E - Sulla base delle segnalazioni del Corpo Forestale dello Stato e dell'arpa SIM Centro funzionale comunica l'avvenuta attivazione della fase di attenzione ed i relativi aggiornamenti ai soggetti sotto indicati e ne informa l'assessore delegato: Dipartimento Protezione Civile - Ufficio Rischio Incendi Boschivi Coordinatore regionale CFS Direzione regionale VVF e Comando Provinciale di Reggio Emilia Coordinamento provinciale volontariato di protezione civile Prefettura di Reggio Emilia Uffici Territoriali del Governo Provincia di Reggio Emilia Sindaci dei Comuni territorialmente interessati Presidente della Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano dell'appennino Reggiano ARPA SIM Centro funzionale; - Dispone l'attivazione in servizio h 12 (con reperibilità h 24) della Sala Operativa Unificata Permanente (SOUP) con la presenza di funzionari all'agenzia Regionale di Protezione Civile, del CFS, VVF e di volontari di protezione civile. CORPO FORESTALE DELLO STATO - Comunica all'agenzia Regionale di Protezione Civile i dati sulle condizioni del territorio utili, insieme con quelli meteorologici dell'arpa SIM Centro funzionale, ai fini dell'attivazione della fase di attenzione; - Intensifica l'attività di sorveglianza e di avvistamento antincendio, avvalendosi anche del concorso dei VVF e del volontariato; - Verifica l'efficienza dei mezzi, delle strutture, dei sistemi di comunicazione e la disponibilità del personale; - Assicura la presenza di proprio personale nella Sala Operativa Unificata Permanente (SOUP/C.O.R.); Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 11

12 F A S E F D A I S E A T D I T E A N T Z T I E O N N Z E I O N E Provincia di Reggio Emilia - Svolge, attraverso la propria COR-CFS, le funzioni attribuite alla SOUP in stretto raccordo con l'agenzia Regionale di Protezione Civile e la Direzione Regionale dei VVF; - Richiede, se del caso, l'attivazione della fase di preallarme (stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi). VIGILI DEL FUOCO - Assicura la presenza del proprio personale nella SOUP/C.O.R.; - Assicura la costante comunicazione alla COR-CFS e, se attivi, alla SOUP e ai COP, delle segnalazioni di incendio boschivo pervenute alla Sale Operative dei propri Comandi Provinciali; - In aggiunta all'attività ordinaria espletata dai distaccamenti sul territorio, attiva in ogni provincia apposite squadre AIB in servizio h 12 sulla base delle convenzione con la Regione Emilia-Romagna-Agenzia di Protezione Civile. PROVINCIA DI REGGIO EMILIA - Attiva il Servizio di vigilanza ed avvistamento antincendio, in coordinamento con i Comuni e la Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano in accordo con il CFS, mediante l'impiego del volontariato opportunamente formato ed equipaggiato. COMUNE - Concorre all'attività di vigilanza e di avvistamento antincendio, in raccordo con il CFS e la Provincia, mediante l'impiego del volontariato comunale; - provvede ad informare la popolazione invitandola ad evitare comportamenti che possono provocare incendi; - il Sindaco ricevuta la comunicazione dell attivazione della fase di attenzione, dispone opportune misure di prevenzione e salvaguardia di competenza informandone la Provincia. - il Sindaco fornisce, inoltre, il numero di reperibilità al COP, affinché possa essere allertato nel caso in cui si verifichi un incendio nel proprio territorio. Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano - Qualora svolga la gestione associata delle funzioni di Protezione Civile, concorre all'attività di vigilanza e di avvistamento antincendio, in raccordo con il CFS, la Provincia e i Comuni, mediante l'impiego del volontariato comunale; - Provvede ad informare la popolazione invitandola ad evitare comportamenti che possono provocare incendi; - Fornisce ogni possibile assistenza tecnica ai Comuni di competenza. Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 12

13 COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE - Sulla base di quanto previsto dai Piani comunali e provinciali coadiuva le attività di sorveglianza, avvistamento e presidio del territorio svolte dal CFS; F A S E D I P R E A L L A R M E F A S E D I A T T E N Z I O N E - Fornisce inoltre al COP ed alla Prefettura un numero telefonico di reperibilità h24 del referente del Coordinamento delle Organizzazioni del Volontariato di Protezione Civile l'elenco delle attrezzature in buono stato di manutenzione disponibili per le operazioni AIB - Collabora alla promozione con Provincia, Prefettura, Corpo Forestale dello Stato, Vigili del Fuoco e 118, di corsi di aggiornamento e formazione nel settore dell'aib che si concludono con il rilascio di una certificazione di idoneità da parte della Provincia; - Collabora alla redazione del Piano di emergenza relativo agli incendi boschivi. ARPA SIM CENTRO FUNZIONALE - Fornisce con continuità all'agenzia Regionale di Protezione Civile informazioni climatologiche e meteorologiche (previsionali ed osservate) sullo stato dei parametri che concorrono alla definizione dell'indice di pericolo meteorologico incendi boschivi come definito nel Piano Regionale di Previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi approvato con D.G.R. 917/ FASE DI PREALLARME AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONALE (COR) (APC) e CENTRO OPERATIVO - Sulla base delle segnalazioni del Corpo Forestale dello Stato e dell'arpa SIM Centro funzionale comunica l'avvenuta attivazione della fase di preallarme, che per gli incendi boschivi coincide con la dichiarazione dello stato di grave pericolosità, ed i relativi aggiornamenti ai soggetti sotto indicati e ne informa l'assessore delegato: Dipartimento Protezione Civile - Ufficio Rischio Incendi Boschivi Coordinatore regionale CFS Direzione regionale VVF e Comando Provinciale di Reggio Emilia Coordinamento provinciale volontariato di protezione civile Prefettura di Reggio Emilia Uffici Territoriali del Governo Provincia di Reggio Emilia Sindaci dei Comuni territorialmente interessati Presidente della Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano ARPA SIM Centro funzionale Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 13

14 F A S E D I P R E A L L A R M E Provincia di Reggio Emilia - Mantiene l'attivazione in servizio h 12 (con reperibilità h 24) della Sala Operativa Unificata Permanente (SOUP/C.O.R.) con la presenza di funzionari all'agenzia Regionale di Protezione Civile, del CFS, VVF e di volontari di protezione civile; - Emana direttive sulla Campagna AIB che dirama ai Comitati di Coordinamento provinciali e agli Enti competenti in materia di incendi boschivi. CORPO FORESTALE DELLO STATO - Comunica all'agenzia Regionale di Protezione Civile i dati sulle condizioni del territorio utili, insieme con quelli meteorologici dell'arpa SIM Centro funzionale, ai fini dell'attivazione della fase di preallarme; - Richiede l'attivazione della fase di preallarme (stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi); - Intensifica l'attività di sorveglianza e di avvistamento antincendio, avvalendosi anche del concorso dei VVF e del volontariato; - Verifica l'efficienza dei mezzi, delle strutture, dei sistemi di comunicazione e la disponibilità del personale; - Assicura la presenza di proprio personale nella SOUP/C.O.R.; - Svolge, durante i periodi di non attività della SOUP/C.O.R. nella fase di preallarme, attraverso la propria COR-CFS, le funzioni attribuite alla SOUP in stretto raccordo con l'agenzia Regionale di Protezione Civile e la Direzione Regionale dei VVF. VIGILI DEL FUOCO - Assicura la presenza del proprio personale nella SOUP/C.O.R.; - Assicura la costante comunicazione alla COR-CFS e, se attivi, alla SOUP/C.O.R. e ai COP, delle segnalazioni di incendio boschivo pervenute alla Sale Operative dei propri Comandi Provinciali; - In aggiunta all'attività ordinaria espletata dai distaccamenti sul territorio, attiva in ogni provincia apposite squadre A.I.B. in servizio h 12 sulla base delle convenzione con la Regione Emilia-Romagna; PROVINCIA DI REGGIO EMILIA - Attiva il Centro Operativo Provinciale (COP), in particolare fornendo il supporto tramite i propri servizi tecnici, rafforza il servizio avvistamento incendi e si assicura della pronta disponibilità di squadre di volontari per interventi AIB; - Provvede ad informare la popolazione invitandola ad evitare comportamenti che possono provocare incendi. Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 14

15 - Qualora svolga la gestione associata delle funzioni di Protezione Civile, concorre all'attività di vigilanza e di avvistamento antincendio, in raccordo con il CFS, la Provincia e i Comuni, mediante l'impiego del volontariato comunale; - Provvede ad informare la popolazione invitandola ad evitare comportamenti che possono provocare incendi; - Fornisce ogni possibile assistenza tecnica ai Comuni di competenza. COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE F A S E D I A L L A R M E F A S E D I P R E A L L A R M E - Sulla base di quanto previsto dai Piani comunali e provinciali coadiuva le attività di sorveglianza, avvistamento e presidio del territorio svolte dal CFS. COMUNE - Concorre all'attività di vigilanza e di avvistamento antincendio, in raccordo con il CFS, la Provincia e la Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano, mediante l'impiego del volontariato comunale; - Provvede ad informare la popolazione invitandola ad evitare comportamenti che possono provocare incendi; - il Sindaco ricevuta la comunicazione dell attivazione della fase di preallarme, dispone opportune misure di prevenzione e salvaguardia di competenza informandone la Provincia. ARPA SIM CENTRO FUNZIONALE - Fornisce con continuità all'agenzia Regionale di Protezione Civile informazioni climatologiche e meteorologiche (previsionali ed osservate) sullo stato dei parametri che concorrono alla definizione dell'indice di pericolo meteorologico incendi boschivi come definito nel Piano Regionale di Previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi approvato con D.G.R. 917/ FASE DI ALLARME CHIUNQUE (popolazione, personale comunale, volontari, ecc.) avvista personalmente o riceve segnalazione di un incendio boschivo ne dà immediata comunicazione al Corpo Forestale dello Stato, chiamando il 1515 oppure ai Vigili del Fuoco chiamando il 115. PREFETTURA UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO - Riceve informazione dal COP della segnalazione dell incendio, nel caso in cui la proporzione del fenomeno lo richieda; Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 15

16 F A S E D I A L L A R M E Provincia di Reggio Emilia - A seguito della richiesta del Corpo Forestale dello Stato o dei Vigili del Fuoco cura la pronta attivazione (quando l'incendio assume proporzioni riconducibili ad un evento di tipo b) e c) art. 2 della L. 100/2012, secondo la modalità prevista dal D.P.R. 194/2001 dei volontari del Coordinamento delle Organizzazioni del Volontariato di Protezione Civile al numero di reperibilità fornitogli, se richiesto dal Corpo Forestale dello Stato o dai Vigili del Fuoco; - Coinvolge, se necessario, le altre componenti di protezione civile; - La Prefettura UTG è mantenuta costantemente informata dalla sala operativa unificata sull eventuale insorgenza e propagazione di incendi boschivi; - Su richiesta della APC e in caso di incendi, per durata ed estensione, che potrebbero rappresentare un pericolo per i centri abitati attiva le opportune strutture di coordinamento dei soccorsi; - Attiva gli interventi delle Forze dell'ordine per l assistenza alla popolazione e la tutela della pubblica incolumità. AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE (APC) e CENTRO OPERATIVO REGIONALE (COR) - Ricevuta la segnalazione di avvistamento incendio da C.F.S. o V.V.F., comunica l'attivazione della fase di allarme ai seguenti soggetti: Dipartimento Protezione Civile - Ufficio Rischio Incendi Boschivi Coordinatore regionale CFS Direzione regionale VVF e Comando Provinciale di Reggio Emilia Coordinamento provinciale volontariato di protezione civile Prefettura di Reggio Emilia Uffici Territoriali del Governo Provincia di Reggio Emilia Sindaci dei Comuni territorialmente interessati Presidente della Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano, se l'incendio si sviluppa nel territorio comunitario ARPA SIM Centro funzionale - Assicura, attraverso la sala operativa unificata, il coordinamento delle attività di spegnimento degli incendi, valutando le segnalazioni provenienti dal territorio, anche alla luce delle condizioni meteo; controlla che vi sia adeguata risposta da parte delle strutture operative, anche garantendo, ove necessario, il concorso di squadre da altre province; - Provvede, su proposta del CFS, a richiedere il concorso di mezzi aerei al DPC-COAU; - Nel caso di incendio duraturo e di vasta estensione che minacci zone abitate chiede al Prefetto l'attivazione delle opportune strutture di coordinamento dei soccorsi. CORPO FORESTALE DELLO STATO - Ricevuta la segnalazione di incendio, oltre a darne immediata informazione ai Vigili del Fuoco, preallerta il 118, il Sindaco del Comune sul cui territorio è avvenuto l'incendio e, nei casi in cui Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 16

17 la proporzione dell'incendio lo richieda, informa e concorda con la Prefettura, l impiego del volontariato; - Assicura la costante informazione al Prefetto e al Sindaco interessato; - Assicura i contatti con la sala operativa unificata, richiedendo, se del caso, il concorso di forze operative da altre province e l'invio di mezzi aerei per lo spegnimento, al Dipartimento della Protezione Civile; - Valuta l incendio, anche nella sua potenziale evoluzione, e informa costantemente durante la fase di allarme e di spegnimento, ai sensi del Piano Regionale di Previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi approvato con D.G.R. 917/2012, sull andamento dello stesso; - Raccoglie ogni elemento utile per il contrasto del fenomeno in corso oltre che per le indagini necessarie all individuazione delle cause e delle eventuali responsabilità; - Attiva, in caso di necessità di intervento aereo, le procedure previste dalla Direttiva Protezione Civile AIB. VIGILI DEL FUOCO F A S E D I A L L A R M E - Ricevuta la segnalazione di avvistamento di incendio o presunto tale, informa tempestivamente attraverso le Sale Operative dei propri Comandi Provinciali, il Corpo Forestale dello Stato e se attivi, la SOUP/C.O.R. e il COP. PROVINCIA DI REGGIO EMILIA - Assicura, nell'ambito del COP, il concorso delle proprie strutture tecniche e del Coordinamento provinciale delle organizzazioni di volontariato di Protezione Civile, in coordinamento con i Comuni, la Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano, il CFS e VVF, e vigila sull'efficacia operativa degli interventi; - In caso di non attivazione del COP, le funzioni sopra descritte vengono svolte dalla SOUP/C.O.R.; - Supporta le componenti operative nella corretta applicazione del Piano di Emergenza provinciale - Rischio AIB. Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano - Fornisce ogni possibile assistenza tecnica ai Comuni di competenza; - Vigila circa la corretta applicazione del proprio Piano di Emergenza intercomunale di Protezione Civile; - Mette a disposizione, se richiesto dal CFS e dalla Provincia, mezzi e personale tecnico della propria struttura e/o del volontariato comunale. Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 17

18 FASE DI A L L A R M E Provincia di Reggio Emilia COMUNE - Mette a disposizione del CFS il volontariato comunale specializzato e, se richiesto dal CFS e dalla Provincia, mezzi e personale tecnico del Comune; - Organizza, con le strutture comunali o altro volontariato locale, ogni attività che si rendesse necessaria per coadiuvare le operazioni AIB e assistere quanti coinvolti dall'evento; - Vigila circa la corretta applicazione del proprio Piano di Emergenza comunale di Protezione Civile. COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE - Se ritenuto necessario dal Coordinatore delle operazioni (CFS o VVF), partecipa alle operazioni AIB sotto il coordinamento del Corpo Forestale dello Stato o dei Vigili del Fuoco, che verrà mantenuto sino al termine delle attività. ARPA SIM CENTRO FUNZIONALE - Fornisce con continuità all'agenzia Regionale di Protezione Civile informazioni climatologiche e meteorologiche (previsionali ed osservate) sullo stato dei parametri che concorrono alla definizione dell'indice di pericolo meteorologico incendi boschivi come definito nel Piano Regionale di Previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi approvato con D.G.R. 917/2012. F A S E D I S P E G N I M E N T O E B O N I F I C A FASE DI SPEGNIMENTO E BONIFICA CORPO FORESTALE DELLO STATO Al Corpo Forestale dello Stato compete il comando delle operazioni AIB quando l'incendio non presenti pericolosità per l'incolumità delle persone. - Assicura, attraverso il COP il coordinamento a livello provinciale degli interventi di spegnimento, avvalendosi del proprio personale, di quello dei VVF e del volontariato e ne assume la direzione sino al termine delle operazioni, coinvolgendo altresì altro personale che si rendesse necessario per il mantenimento dell'ordine pubblico o per la messa in sicurezza di cose o persone; - Dispone l invio di personale sul posto avvisando e/o chiedendo il concorso dei Vigili del Fuoco; - Assicura i contatti con la sala operativa unificata, richiedendo, se del caso, il concorso di forze operative da altre province e l'invio di mezzi aerei per lo spegnimento, al Dipartimento della Protezione Civile; Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 18

19 - Assicura gli interventi di bonifica delle aree percorse dal fuoco e comunica la cessazione dello stato di allarme alla Sala Operativa Unificata (SOUP/C.O.R.), Prefettura - UTG e Sindaci dei Comuni interessati; - Valuta l incendio, anche nella sua potenziale evoluzione, e informa costantemente durante la fase di allarme e di spegnimento, ai sensi del Piano Regionale di Previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi approvato con D.G.R. 917/2012, sull andamento dello stesso; - Raccoglie ogni elemento utile per il contrasto del fenomeno in corso oltre che per le indagini necessarie all individuazione delle cause e delle eventuali responsabilità. VIGILI DEL FUOCO F A S E D I S P E G N I M E N T O E B O N I F I C A Dirige e coordina fino al termine lavori le operazioni AIB quando l'incendio si manifesta con pericolosità per l'incolumità delle persone e dei fabbricati concordando l'intervento col Corpo Forestale dello Stato. - Coinvolge nelle operazioni di spegnimento il proprio personale, il personale del CFS, il volontariato, se necessario, e coinvolge altro personale che si rendesse utile per il mantenimento dell'ordine pubblico o per la messa in sicurezza di cose e persone. PROVINCIA DI REGGIO EMILIA - Assicura, nell'ambito del COP, il concorso delle proprie strutture tecniche e del Coordinamento provinciale del Volontariato di protezione civile, in coordinamento con i Comuni, la Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano, il CFS e VVF, e vigila sull'efficacia operativa degli interventi; - In caso di non attivazione del COP, le funzioni sopra descritte vengono svolte dalla SOUP/C.O.R.; - Supporta le componenti operative nella corretta applicazione del Piano di Emergenza provinciale - Rischio AIB. COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE - Su richiesta del Coordinatore delle operazioni (CFS o VVF) di spegnimento, previa autorizzazione della SOUP/C.O.R. (o della Prefettura) anche ai fini dei benefici dell art. 9 se richiesti, mette a disposizione le squadre di volontari opportunamente formati ed equipaggiati per supportare le forze impegnate nelle operazioni di spegnimento e di bonifica, con la supervisione del Coordinatore (CFS o VVF) sino al termine dei lavori. COMUNE Fornisce alle forze impegnate nello spegnimento e successiva bonifica ogni possibile supporto; Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 19

20 Mettono a disposizione del CFS il Volontariato comunale specializzato e, se richiesto dal CFS e dalla Provincia, mezzi e personale tecnico del Comune, organizzando ogni attività che si rendesse necessaria per coadiuvare le operazioni AIB e assistere quanti coinvolti dall'evento; Sulla base delle indicazioni del Coordinatore delle operazioni di spegnimento (CFS o VVF), se necessario, ordinano e coordinano le operazioni di evacuazione della popolazione e dispone le misure di prima assistenza; Vigilano circa la corretta applicazione del proprio Piano di Emergenza comunale di Protezione Civile. Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano - Fornisce ogni possibile supporto e assistenza tecnica ai Comuni di competenza; - Vigila circa la corretta applicazione del proprio Piano di Emergenza intercomunale di Protezione Civile; F A S E D I S P E G N I M E N T O E B O N I F I C A - Mette a disposizione, se richiesto dal CFS e dalla Provincia, mezzi e personale tecnico della propria struttura e/o del volontariato comunale Reggio Soccorso - Viene informato tempestivamente dal COP del pericolo incombente legato a un incendio boschivo in corso ed interviene in caso di necessità comunicando le modalità e i tempi di intervento al COP Concorda con il COP gli adempimenti operativi di ordine sanitario in caso di pericolosità per i soccorritori e/o altri cittadini; - Attiva il coordinamento delle risorse sanitarie di competenza, coinvolgendo anche la funzione veterinaria (AUSL). ARPA SIM CENTRO FUNZIONALE - Fornisce con continuità all'agenzia Regionale di Protezione Civile informazioni climatologiche e meteorologiche (previsionali ed osservate) sullo stato dei parametri che concorrono alla definizione dell'indice di pericolo meteorologico incendi boschivi come definito nel Piano Regionale di Previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi approvato con D.G.R. 917/2012 Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 20

21 5.4 DURATA E MODIFICHE DEL PROTOCOLLO D'INTESA Il Protocollo d'intesa si intende valido fino alla scadenza del Piano Provinciale di Emergenza di Protezione Civile - Rischio Incendi Boschivi. Tale Piano si intende in vigore fino a diversa indicazione da parte della Legislazione in materia e/o degli Enti competenti sovraordinati. Gli Enti contraenti riuniti nel Comitato provinciale di coordinamento della Protezione Civile potranno effettuare di comune accordo variazioni al presente Protocollo, quando si dimostri necessario ai fini di una migliore interpretazione delle leggi vigenti o si verifichino condizioni che giustificano tali variazioni. Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 21

22 PREFETTURA DI REGGIO EMILIA IL PREFETTO Antonella De Miro (o suo delegato) PROVINCIA DI REGGIO EMILIA IL PRESIDENTE Sonia Masini (o suo delegato) REGIONE EMILIA ROMAGNA IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DI PROTEZIONE CIVILE Maurizio Mainetti (o suo delegato) PARCO NAZIONALE APPENNINO TOSCO-EMILIANO IL PRESIDENTE Fasto Giovanelli (o suo delegato) COMANDO PROV.LE VIGILI DEL FUOCO IL COMANDANTE Ugo D'Anna (o suo delegato) COMANDO PROV.LE CORPO FORESTALE DELLO STATO IL COMANDANTE Attilio Menia Cacciator (o suo delegato) REGGIO SOCCORSO IL RESPONSABILE Sergio Alboni (o suo delegato) COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DEL VOLONTARIATO PER LA PROTEZIONE CIVILE IL PRESIDENTE Volmer Bonini (o suo delegato) Unione Montana dei Comuni dell'appennino Reggiano IL PRESIDENTE Sara Garofali (o suo delegato) COMUNE DI ALBINEA IL SINDACO Nico Giberti (o suo delegato) Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 22

23 COMUNE DI CASALGRANDE IL SINDACO Alberto Vaccari (o suo delegato) COMUNE DI CASTELLARANO IL SINDACO Gianluca Rivi (o suo delegato) COMUNE DI QUATTRO CASTELLA IL SINDACO Andrea Tagliavini (o suo delegato) COMUNE DI SAN POLO D'ENZA IL SINDACO Mirca Carletti (o suo delegato) COMUNE DI SCANDIANO IL SINDACO Alessio Mammi(o suo delegato) COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO IL SINDACO Mauro Bigi (o suo delegato) Reggio Emilia, Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 23

24 Protocollo d'intesa - Modello d'intervento 24

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

ANTINCENDIO BOSCHIVO. Corso I Livello di Antincendio Boschivo. Relatrice: Maria Claudia Burlotti

ANTINCENDIO BOSCHIVO. Corso I Livello di Antincendio Boschivo. Relatrice: Maria Claudia Burlotti Corso I Livello di Antincendio Boschivo Relatrice: Maria Claudia Burlotti Organizza e coordina il servizio AIB attraverso la collaborazione con il CFS, VVF e gli Enti DIP. P.C. COAU ENTI (PROVINCE, COMUNITA

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 3 : RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA TOMO 4 : RISCHIO SISMICO TOMO 5 : RISCHIO NIVOLOGICO MARZO 2014 1 Indice TOMO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Piano

Dettagli

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti 203 Consulta i capitoli, la cartografia e le tavole degli Scenari predefiniti e dei Piani di emergenza per rischio specifico e attua le procedure degli

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE

PROTEZIONE CIVILE A.N.A. PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE A.N.A. 3 RGPT SOTTOCOMMISSIONE INFORMATICA PROGETTO FORMAZIONE PERMANENTE 2011 SUPPORTO ALLE ATTIVITA DI COORDINAMENTO CORSO PER ADDETTI ALLA SEGRETERIA ED ALLA SALA OPERATIVA IL SISTEMA

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore ANCILLI STEFANO. Responsabile del procedimento ANCILLI STEFANO. Responsabile dell' Area L. CASTO

DETERMINAZIONE. Estensore ANCILLI STEFANO. Responsabile del procedimento ANCILLI STEFANO. Responsabile dell' Area L. CASTO REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE FORMAZIONE DETERMINAZIONE N. G07062 del 09/06/2015 Proposta n. 8269 del 25/05/2015 Oggetto: Individuazione dei criteri e

Dettagli

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE 1 LEGENDA ABBREVIAZIONI Le dizioni per esteso saranno sintetizzate secondo le seguenti sigle: - Servizio Comunale

Dettagli

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011 Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali elvezio.galanti@protezionecivile.it prima del terremoto del 1980 DPR n 66 1981

Dettagli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli NORMATIVA e PIANIFICAZIONE in Protezione Civile - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli Obiettivi della Lezione: - Definire gli attori del Sistema Nazionale di Protezione Civile

Dettagli

Prefettura di Rimini Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Rimini Ufficio Territoriale del Governo PIANO DI INTERVENTO COORDINATO PER LA RICERCA DELLE PERSONE DISPERSE ----------------------- PREFETTURA DI RIMINI - PIANO PER LA RICERCA DI PERSONE DISPERSE EDIZIONE 2011 Pagina 1 INDICE 1. Premessa pag.3

Dettagli

ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO IL SISTEMA ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA REGIONE BASILICATA

ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO IL SISTEMA ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA REGIONE BASILICATA ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO IL SISTEMA ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA REGIONE BASILICATA INCENDI BOSCHIVI Legge n.353 del 21.11.2000 Definizione: un fuoco con suscettività ad

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO

REGOLAMENTO DEI VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO REGOLAMENTO DEI VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO Approvato con deliberazione del Consiglio di Gestione n. 49 del 06.12.2012 Pubblicato all albo pretorio del Parco dal 13.12.2012 al 28.12.2012 1. FINALITÀ

Dettagli

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO Descrizione I rischi sono noti e quantificabili quando ci sono dei sistemi di monitoraggio presenti nel territorio che consentano di attivare la risposta locale

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C)

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Commissario delegato per l emergenza sismica nella provincia de L Aquila e in altri comuni della regione Abruzzo

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA

ACCORDO DI PROGRAMMA CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME COMMISSIONE PROTEZIONE CIVILE SOTTO-COMMISSIONE: CONCORSO DELLE REGIONI ALLE EMERGENZE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI Approvato dalla Commissione Interregionale

Dettagli

Linee Guida per la Formazione dei Volontari di Protezione Civile sul Rischio incendi

Linee Guida per la Formazione dei Volontari di Protezione Civile sul Rischio incendi Linee Guida per la Formazione dei Volontari di Protezione Civile sul Rischio incendi LA FORMAZIONE DEL VOLONTARIATO SPECIALIZZATO AIB Tra coloro che operano nella protezione civile, il Volontariato riveste

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7. Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7. Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO 9290 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 7 Sistema regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

Dettagli

Laboratori per la gestione associata di funzioni e servizi

Laboratori per la gestione associata di funzioni e servizi Laboratori per la gestione associata di funzioni e servizi Organizzazione e funzionamento della gestione associata di una funzione/servizio La funzione di pianificazione di protezione civile e di coordinamento

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO Elaborata a cura del U.N.U.C.I. Gruppo Provinciale Protezione Civile Ten. F. MESSINA Non dobbiamo mai dare per scontato che a risolvere i nostri problemi siano sempre

Dettagli

PARCO REGIONALE OGLIO NORD

PARCO REGIONALE OGLIO NORD REGOLAMENTO DELLA SQUADRA ANTINCENDIO BOSCHIVO DEL PARCO REGIONALE OGLIO NORD 1. FINALITÀ E AMBITO DI COMPETENZA 1.1 Istituzione e finalità Il Parco Regionale Oglio Nord istituisce la squadra antincendio

Dettagli

Comune di Nembro Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE. Pagina 1 di 6

Comune di Nembro Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE. Pagina 1 di 6 Comune di Nembro Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Pagina 1 di 6 ART. 1 È costituito presso la sede municipale il GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO C.A.P 90030 Piazza Falcone e Borsellino Altofonte Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo Art.1 (Oggetto) Oggetto

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO Protezione civile

PROVINCIA DI LIVORNO Protezione civile PROVINCIA DI LIVORNO COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DISCIPLINARE Premessa Le attività di protezione civile, così come definite dall art. 1 della Legge 24 febbraio 1992,

Dettagli

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 85 in data 29 novembre 2007) INDICE

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PIACENZA Protezione Civile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PIACENZA Protezione Civile AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PIACENZA Protezione Civile Vademecum contenente le indicazioni per l iscrizione, la cancellazione e la revisione delle Associazioni di volontariato, alla sezione provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 17.11.2010 Indice REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI

Dettagli

DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LIVORNO DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 241/19.12.2008 In vigore

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI PROTEZIONE CIVILE La normativa nazionale sulla protezione civile Legge n. 225 del 24 febbraio 1992 (Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale

Comune di ROCCAFRANCA (BS) Piano di Emergenza Comunale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO La protezione civile interviene nel caso di incidenti di vaste proporzioni che possono avere ricadute sulla popolazione o sull'ambiente.

Dettagli

Regolamento per la gestione associata delle funzioni di Protezione Civile tra i Comuni dell Unione Coros

Regolamento per la gestione associata delle funzioni di Protezione Civile tra i Comuni dell Unione Coros Unione dei Comuni del Coros Cargeghe, Codrongianos, Florinas, Ittiri, Muros, Olmedo, Ossi, Putifigari Tissi, Uri, Usini Sede legale Via Marconi 14 07045 - Ossi (SS) CF 92108320901 P.Iva: 02308440904 Tel.

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente e Territorio Servizio di Protezione Civile

Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente e Territorio Servizio di Protezione Civile Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente e Territorio Servizio di Protezione Civile DRAFT 1 1 WORKSHOP ESPA Emergency Stress Psycological Assistance LE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE INDICE Scopo...2 Generalità...2 Mansionario Reperibile...3 Principi generali...3 Mansioni...3 Procedura Attivazione...3 Procedura reperibile... 12 Schede Segnalazione Criticità... 17 Schede Danni Ente

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE

Dettagli

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza.

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Modena - 11 ottobre 2012 Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Il punto sugli obblighi e le scadenze Dott.Ing. Michele

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA MINISTERO DELL INTERNO Prefettura di Vibo Valentia MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei vigili del fuoco del soccorso pubblico e

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PUBBLICA ASSISTENZA A.R.M. 2) Codice di accreditamento: NZO1852 3) Albo e classe

Dettagli

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Direzione regionale di Protezione Civile Lucrezia Casto Nella Regione Lazio il Volontariato di Protezione Civile è disciplinato da due Leggi regionali:

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O COMUNE DI VENZONE UDINE PROVINCIA DI ************************************************************************************************ R E G O L A M E N T O PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.31 del 14 Maggio 2008 Articolo 1 È costituito, ai sensi della lettera c, punto,

Dettagli

Regolamento nazionale protezione civile A.N.P.AS.

Regolamento nazionale protezione civile A.N.P.AS. Regolamento nazionale protezione civile A.N.P.AS. Approvato dal Consiglio Nazionale il 10 settembre 2005 Art.1 - L A.N.P.AS. svolge attività di Protezione Civile direttamente o attraverso i Comitati Regionali

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO 9 maggio 2015 - Teatro Martinetti Castellamonte (TO) LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO Le misure di PROTEZIONE CIVILE: La Protezione Civile

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE UNIONE DEI COMUNI DI Provincia di Pavia PIANO COMUNALE DI EMERGENZA per le attività di previsione, prevenzione ed interventi in materia di Protezione Civile Parte Sesta LE RISORSE E LA LORO GESTIONE PROCEDURE

Dettagli

Comune di Guiglia Provincia di Modena

Comune di Guiglia Provincia di Modena Comune di Guiglia Provincia di Modena Regolamento Comunale di volontari di Protezione Civile Art.1 (Oggetto e Finalità) Oggetto del presente Regolamento è la costituzione e l organizzazione di una struttura

Dettagli

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Paolo Covelli www.regione.toscana.it/protezionecivile paolo.covelli@regione.toscana.it 055 4385511 Inquadramento generale PREVISIONE Valutazione

Dettagli

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L.

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4.1 - CRITERI GENERALI Una volta definiti gli scenari di rischio e aver valutato in modo quantitativo o qualitativo il rischio (R) presente, si ritiene possibile passare

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

L anno Duemilaundici (2011), il giorno ( ) del mese di ( ), nella Sede di Castello di Serravalle. TRA

L anno Duemilaundici (2011), il giorno ( ) del mese di ( ), nella Sede di Castello di Serravalle. TRA REP. /2010 CONVENZIONE TRA L'UNIONE DI COMUNI VALLE DEL SAMOGGIA ED I COMUNI DI BAZZANO, CASTELLO DI SERRAVALLE, CRESPELLANO, MONTE SAN PIETRO, MONTEVEGLIO E SAVIGNO PER LA GESTIONE ASSOCIATA DI UN SERVIZIO

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA.

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE N. 25 del 1 settembre 2006 IL

Dettagli

CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE.

CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE. CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Premesso che: - la Legge 24/02/1992, n. 225, istitutiva del servizio nazionale

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti.

Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti. Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti. A seguito della Convenzione Intercomunale dell 11 Giugno 2009,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE Piazza Castello 35-35012 Camposampiero - (PD) Servizio di Protezione Civile REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE

MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE CONTATTI E NUMERI UTILI DI PROTEZIONE CIVILE NUMERI UTILI DENOMINAZIONE INDIRIZZO DELLA SEDE TEL. REPERIBILE PREFETTURA Piazza del Papa

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER BLACK OUT Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 153 in data 29.05.2012, modificato con deliberazione G.P.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO (di seguito denominato U.S.R. Lazio) E ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE (di seguito denominato Protezione Civile)

Dettagli

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione UTG-Prefettura Bari Il Metodo AUGUSTUS La Funzione 2 Nella Sala Operativa - CCS Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione Le funzioni di supporto: SALA OPERATIVA CENTRO COORDINAMENTO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2488 Prot. n. 28/04/D327 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Approvazione del Sistema di Allerta Provinciale per fini di protezione

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli