Le trasformazioni strutturali dei distretti industriali della Provincia di Arezzo ( )

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le trasformazioni strutturali dei distretti industriali della Provincia di Arezzo ( )"

Transcript

1 Le trasformazioni strutturali dei distretti industriali della Provincia di Arezzo ( ) Arezzo, 11 febbraio 2010 Riccardo Perugi Unioncamere Toscana - Ufficio Studi

2 Premessa metodologica Fra il 2003 e il 2004, IDI ha realizzato i primi due rapporti strutturali sulla sistema moda e sul settore orafo-argentiero della provincia di Arezzo A distanza di alcuni anni, con una nuova indagine si è cercato di aggiornare il quadro delle caratteristiche strutturali e della situazione attraversata dalle imprese aretine manifatturiere operanti nei settori di specializzazione locale La rilevazione è stata condotta tramite interviste telefoniche nei mesi di settembre-ottobre 2009 presso un campione di circa 400 imprese, attraverso un questionario che è stato progettato per fornire informazioni su: caratteristiche strutturali delle imprese relazioni di filiera esistenti modalità organizzative del processo produttivo caratteristiche dei prodotti realizzati e dei mercati di destinazione performance realizzate

3 Valore aggiunto a prezzi costanti Arezzo Variazioni % (valori concatenati, anno di riferimento 2000) Industria Totale * 2009* * 2008 = stime; 2009 = previsioni Fonte: elaborazioni su dati Prometeia, Scenari per le economie locali (ottobre 2009)

4 Le due crisi Le difficoltà attraversate nella prima metà del decennio erano tutte interne al sistema di offerta, nella misura in cui i sistemi territoriali di piccola impresa hanno evidenziato crescenti carenze sotto il profilo organizzativo e strategico ed un progressivo indebolimento del proprio posizionamento competitivo Ne è conseguita una fase di transizione alla ricerca di nuovi equilibri ed identità che al momento della nuova crisi, esplosa alla fine del 2008 e tuttora pienamente in corso, non può certamente dirsi conclusa Alle pre-esistenti (e persistenti) difficoltà sul fronte strutturale si sono sovrapposti gli effetti di una fase recessiva senza precedenti, e ad una crisi da offerta si è aggiunta una crisi da domanda la cui origine si colloca questa volta, in larga misura, al di fuori del contesto locale La situazione corrente è più grave di quella attraversata allorché furono realizzate le precedenti indagini strutturali, nella misura in cui alla selettività della stagnazione attraversata nella prima metà del decennio è seguito, a distanza di tempo relativamente breve, un ciclo recessivo che sta colpendo in maniera trasversale settori, territori e imprese

5 ed una preoccupante situazione di staticità La fisionomia delle imprese dei tre distretti non mostra, per lo meno in termini aggregati, significativi segni di trasformazione, o quanto meno una chiara tendenza che delinei sostanziali cambiamenti in atto rispetto alla fotografia scattata alcuni anni fa 1. struttura e competenze organizzative 2. relazioni con il mercato 3. processi di investimento e di innovazione

6 Distribuzione dell occupazione per classe dimensionale d impresa Composizione (valori %) Anno 2005 Anno ,2 31,8 26,5 22,9 22,6 21,3 19,3 20,4 fino a 9 addetti addetti addetti almeno 50 addetti

7 Dimensione media delle imprese per settore e classe di addetti Numero di addetti per impresa (valori medi) Settore di attività fino a 9 addetti Classe di addetti addetti addetti almeno 50 add. Totale TESSILE-ABBIGLIAMENTO Anno ,7 13,7 28,7 178,9 18,9 Settembre ,7 14,1 29,2 153,5 16,9 PELLETTERIA-CALZATURE Anno ,0 13,1 30,6 98,3 13,8 Settembre ,1 13,9 32,6 95,3 13,8 OREFICERIA Anno ,9 13,0 28,6 165,8 10,1 Settembre ,4 13,4 27,6 173,1 9,0 TOTALE Anno ,7 13,2 29,2 159,1 13,0 Settembre ,4 13,7 29,6 146,7 11,8

8 Distribuzione degli addetti per funzione aziendale Composizione % Funzione aziendale Addetti indipendenti Addetti T/A P/C OR TOT dip. Amministrazione 41,3 42,7 40,4 41,0 1,9 Acquisti 4,3 1,9 4,6 4,1 1,9 Progettazione-ingegnerizz. 4,5 3,0 1,4 2,5 1,2 Ricerca e sviluppo 3,7 2,7 1,3 2,1 1,1 Produzione 37,0 43,2 45,5 43,0 87,0 Magazzino e logistica 1,2 3,6 0,5 1,2 2,9 Marketing e vendite 8,0 2,8 6,2 6,1 4,1 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0

9 1) Struttura e competenze organizzative a) i processi di strutturazione organizzativa appaiono di debole intensità (quando non inesistenti) b) stentano a diffondersi processi di crescita per linee esterne attraverso meccanismi di aggregazione in grado di attivare sinergie di gruppo c) lo sviluppo di funzioni e competenze esterne all area della produzione resta ancora di modesta portata

10 Orientamenti strategici prevalenti Valori % sul totale delle imprese (possibilità di risposta multipla) Prodotto 51,0 Servizio al cliente 43,7 Prezzo 31,8 Comunicazione 13,3 Solidità ec.-fin. 11,8 Distribuzione 11,4

11 Numero di canali distributivi utilizzati Composizione % 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Tessile-abbigliamento Pelletteria-calzature Oreficeria 6 o più c. d. 5 canali d. 4 canali d. 3 canali d. 2 canali d. 1 canale d. 0 canali d. N.B. Oreficeria: il 14,8% delle imprese utilizza una rete distributiva propria Tessile-Abbigliamento: il 9,1% delle imprese ricorre a negozi di proprietà Pelletteria-Calzature: il 4,5% delle imprese ricorre a negozi di proprietà

12 Distribuzione del fatturato per area di mercato servito Composizione % media 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% all'estero In Italia in Toscana in provincia Ar 30% 20% 10% 0% Tessileabbigliamento Pelletteriacalzature Oreficeria Totale

13 2) Relazioni con il mercato a) per molte aziende, il presidio dei mercati finali è una questione delegata in buona misura ad altri soggetti o, se gestita in proprio, che non compare normalmente fra gli orientamenti strategici ritenuti maggiormente rilevanti b) alla funzione commerciale-distributiva, di conseguenza, vengono destinate risorse relativamente scarse sia sotto il profilo delle risorse umane e delle competenze che degli investimenti a supporto c) l estensione e la differenziazione dei mercati serviti e dei canali distributivi utilizzati resta tuttora limitata per molti operatori

14 Innovazioni introdotte nell ultimo triennio Valori % (possibilità di risposta multipla) T/A P/C OR TOT Nuovi tipi di prodotto Nuovi materiali Nuove modalità produttive Nuove modalità organizzative Nessuna innovazione

15 Tipologie di investimento effettuate nell ultimo triennio (1) Composizione % 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 5 o più tipol. 4 tipologie 3 tipologie 2 tipologie 1 tipologia 20% nessuna 10% 0% Tessileabbigliamento Pelletteriacalzature Oreficeria Totale

16 Tipologie di investimento effettuate nell ultimo triennio (2) Valori % (possibilità di risposta multipla) Adeguamento alla normativa ambientale Nuovi macchinari di produzione 45,6 44,7 Nuove linee di prodotti 30,7 Organizzazione e formazione Design e progettazione 20,3 19,0 Qualità e certificazione Nuove tecnologie ICT 10,4 13,5 Acquisto di nuovi locali Commercializzazione (negozi e punti vendita) 6,6 6,5 Licenze e brevetti 3,5

17 3) Processi di investimento e di innovazione a) un largo numero di imprese resta ai margini dei processi di investimento e di innovazione b) con ciò, si replicano modelli di business che rischiano di perdere rapidamente capacità competitiva rispetto alle repentine trasformazioni dei mercati c) alla luce degli indicatori rilevati, la risposta offerta dalle imprese del territorio, se valutata in termini sistemici, sembra ancora inadeguata a fronteggiare le sfide di un ambiente in cui il livello della competizione si è ulteriormente elevato

18 Andamento delle esportazioni a valori correnti per settore - Arezzo Numeri indice (2000=100) CB 13 - Prodotti tessili CB 14 - Articoli di abbigliamento CB 15 - Articoli in pelle CM321 - Gioielleria e bigiotteria Fonte: elaborazioni su dati Istat-CoeWeb

19 Andamento del fatturato delle imprese manifatturiere della provincia di Arezzo Numeri indice 2004=100 (1) Oreficeria Tessile e abbigliamento Pelle, cuoio, calzature Totale Manifatturiero sem. I (1) N.B.: unità locali manifatturiere con almeno dieci addetti Fonte: elaborazioni su dati Unioncamere Toscana-Confindustria Toscana Fatturato 2008 (rispetto al 2003) Pelle, cuoio, calzature +19,9% Tessile e abbigliamento -3,6% Oreficeria -20,9%

20 Andamento dell occupazione per settore Variazioni % (al netto delle nuove imprese) 2,5-1,4-4,2-1,7-7,0-5,5-3,3-7,4-11,0-12,3-12,1-10, su 2005 TA 2009 su su su 2005 PC OR TOT 2009 su su su su su su su su 2005

21 Andamento delle imprese manifatturiere registrate in provincia di Arezzo Variazioni % fra il 2000 e il Imprese artigiane Imprese non artigiane Totale imprese -50 Gioielleria e oreficeria Tessileabbigliamento Pelle, cuoio, calzature Altri settori manifatt. AREZZO manifatturiero TOSCANA manifatturiero Fonte: elaborazioni su dati Infocamere-StockView

22 Performance realizzate per tipologia d impresa negli ultimi due anni ( ) Punteggio medio per settore [min -2 del tutto insoddisfacente; max +2 molto soddisfacente] 0,02 0,15-0,11-0,28-0,54-0,13-0,51-0,52-0,38-0,46-0,53-0,72 T/A cp T/A cm T/A ct P/C cp P/C cm P/C ct OR cp OR cm OR ct TOT cp TOT cm TOT ct Sigle: cp = imprese in conto proprio cm = imprese in conto "misto" ct = imprese in conto terzi

23 Innovazioni introdotte nell ultimo triennio: alcuni dettagli per tipologia d impresa Valori % (possibilità di risposta multipla) Nuovi tipi di Nuovi prodotto materiali Nuove modalità produttive Nuove modalità organizzative Nessuna innovazione T/A mp 40,7 32,8 26,6 16,0 50,3 T/A cpm 16,7 16,7 8,4 8,4 79,5 T/A ct 19,2 15,9 22,1 1,3 61,4 P/C mp 19,1 27,7 10,5 10,5 38,2 P/C cpm 26,2 57,8 45,1 18,9 31,6 P/C ct 17,0 25,1 25,7 8,5 67,5 OR mp 50,1 31,6 34,5 17,9 39,0 OR cpm 41,4 23,4 34,8 14,2 35,6 OR ct 28,0 9,3 16,3 4,7 71,3 TOT mp 47,0 31,6 31,9 17,2 40,9 TOT cpm 34,7 26,4 30,9 13,6 43,7 TOT ct 21,3 16,5 21,3 4,4 66,2 Sigle: mp = imprese con marchio proprio cpm = imprese senza marchio proprio conto proprio e conto "misto" ct = imprese senza marchio proprio conto terzi

24 Investimenti realizzati nell ultimo triennio: alcuni dettagli per tipologia d impresa Valori % (possibilità di risposta multipla) mp nomp cp cm ct tot Adeguamento alla normativa ambientale 47,3 44,2 47,3 52,2 41,8 45,6 Nuovi macchinari di produzione 49,8 40,6 46,3 48,1 42,4 44,7 Nuove linee di prodotti 43,4 20,5 48,7 41,9 14,7 30,7 Organizzazione e formazione 27,6 14,5 24,9 18,4 18,0 20,3 Design e progettazione 29,4 10,7 35,0 26,1 6,0 19,0 Qualità e certificazione 19,9 8,4 20,6 15,7 8,2 13,5 Nuove tecnologie ICT 13,8 7,7 16,4 16,8 4,0 10,4 Acquisto di nuovi locali 6,4 6,6 7,8 6,9 5,6 6,6 Commercializzazione (negozi e punti vendita) 10,4 3,4 13,3 6,3 2,3 6,5 Licenze e brevetti 6,2 1,4 5,1 2,9 2,8 3,5 Sigle: mp = imprese con marchio proprio nomp = imprese senza marchio proprio cp = imprese in conto proprio cm = imprese in conto "misto" ct = imprese in conto terzi

25 Orientamenti strategici prevalenti: alcuni dettagli per tipologia d impresa Valori % sul relativo totale (possibilità di risposta multipla) Prodotto Prezzo Servizio al cliente Distribuz. Comunicaz. Solidità ec./fin. IMPRESE CON MARCHIO vs. IMPRESE SENZA MARCHIO T/A mp 54,7 33,9 39,0 21,2 22,5 20,9 T/A nomp 59,9 28,4 28,2 5,8 12,5 6,3 P/C mp 29,6 31,4 65,8 29,6 29,6 21,0 P/C nomp 32,2 39,9 37,7 5,9 18,7 10,6 OR mp 60,6 32,6 47,4 13,5 10,7 12,2 OR nomp 41,3 28,3 53,5 11,1 10,4 12,5 IMPRESE IN CONTO PROPRIO-"MISTO" vs. IMPRESE IN CONTO TERZI T/A cpcm 46,9 39,8 34,8 17,1 24,2 14,0 T/A ct 65,3 24,1 29,2 6,1 10,2 8,4 P/C cpcm 16,6 29,7 56,9 16,6 31,4 17,6 P/C ct 37,0 41,7 36,6 6,7 16,5 10,2 OR cpcm 60,4 26,5 48,6 12,7 13,1 10,6 OR ct 39,1 38,5 52,2 12,2 6,1 15,3 Sigle: mp = imprese con marchio proprio nomp = imprese senza marchio proprio cpcm = imprese in conto proprio e in conto "misto" ct = imprese in conto terzi

26 Tendenze nel ricorso alla produzione interna/esterna negli ultimi tre anni Saldo % fra imprese che hanno aumentato o diminuito il ricorso alle diverse modalità produttive Prod. interna Esterna Arezzo Esterna Italia Esterna estero Prod. interna Esterna Arezzo Esterna Italia Esterna estero Prod. interna Esterna Arezzo Esterna Italia Esterna estero Prod. interna Esterna Arezzo Esterna Italia Esterna estero Tessile Abbigliamento Pelletteria Calzature Oreficeria Totale MINOR RICORSO MAGGIOR RICORSO

27 Distribuzione del fatturato per fascia di mercato Composizione % media 100% 80% 60% 40% Bassa Media Alta 20% 0% Tessile-abbigliamento Pelletteria-calzature Oreficeria

28 Prospettive di sviluppo del fatturato nei prossimi tre anni ( ): alcuni dettagli Indice a saldo (1) 7,5 22,5-26,4-30,2-43,1-23,0-18,6-39,9-22,6-19,8-37,3-56,2 T/A mp T/A cpm T/A ct P/C mp P/C cpm P/C ct OR mp OR cpm OR ct TOT mp TOT cpm TOT ct (1) Indice a saldo = (espansione - flessione - chiusura) / (totale - non so) % Sigle: mp = imprese con marchio proprio cpm = imprese senza marchio proprio conto proprio e conto "misto" ct = imprese senza marchio proprio conto terzi

29 Performance delle imprese negli ultimi due anni di attività ( ) Punteggio medio per settore [-2 del tutto insoddisfacente; +2 molto soddisfacente] T/A P/C OR TOT redditività dell'impresa -0,4-0,1-0,6-0,5 riduzione delle inefficienze della produzione -0,1-0,1 0,0 0,0 rmargine operativo dei nuovi prodotti -0,3-0,4-0,2-0,3 redditività dei nuovi prodotti -0,4-0,7-0,3-0,3 quota di mercato del nuovo prodotto -0,5-0,5-0,2-0,3 livello di indebitamento a breve termine -0,2 0,1-0,1-0,1 livello di indebitamento a lungo termine -0,2-0,4-0,1-0,1 livello di capitale circolante -0,3-0,2-0,3-0,3 livello di insolvenza del portafoglio clienti -0,3-0,1-0,3-0,3 innovazione del processo di produzione -0,3-0,3-0,1-0,2

30 Andamento delle esportazioni a valori correnti di Arezzo e della Toscana Numeri indice (2000=100) Arezzo Toscana Fonte: elaborazioni su dati Istat-CoeWeb

IDENTIKIT DELLE IMPRESE E DELLE FILIERE DEL BELLO E BEN FATTO

IDENTIKIT DELLE IMPRESE E DELLE FILIERE DEL BELLO E BEN FATTO IDENTIKIT DELLE IMPRESE E DELLE FILIERE DEL BELLO E BEN FATTO Giovanni Barbieri Direttore statistiche strutturali su imprese ed istituzioni, commercio estero e prezzi al consumo Stefano Menghinello Dirigente

Dettagli

Il sistema moda in Veneto: dati di contesto e trend produttivi

Il sistema moda in Veneto: dati di contesto e trend produttivi Il sistema moda in Veneto: dati di contesto e trend produttivi Serafino Pitingaro Centro Studi Unioncamere Veneto 1/14 Il sistema moda: un eccellenza del Made in Italy Per sistema moda si intende qui l

Dettagli

Congiuntura economica Parmense

Congiuntura economica Parmense Congiuntura economica Parmense i n d a g i n e s u l l e p i c c o l e e m e d i e i m p r e s e Il tasso di variazione del Prodotto Interno Lordo nell area Euro è più basso rispetto a quello medio mondiale,

Dettagli

LA FILIERA DELLA MODA IN EMILIA-ROMAGNA Alcuni dati di sintesi. 6 aprile 2017

LA FILIERA DELLA MODA IN EMILIA-ROMAGNA Alcuni dati di sintesi. 6 aprile 2017 LA FILIERA DELLA MODA IN EMILIA-ROMAGNA Alcuni dati di sintesi 6 aprile 2017 La filiera della Moda La Moda dell Emilia-Romagna comprende un ampia gamma di produzioni che coprono l intera filiera di prodotto,

Dettagli

Calzature e pelletterie Sintesi di dati e informazioni economiche sul settore produttivo nelle Marche

Calzature e pelletterie Sintesi di dati e informazioni economiche sul settore produttivo nelle Marche Calzature e pelletterie Sintesi di dati e informazioni economiche sul settore produttivo nelle Marche Marzo 2017 Dati dimensionali: Imprese, Produzione, Unità di lavoro, Produttività del lavoro... pag.

Dettagli

Indagine congiunturale sull industria manifatturiera della provincia di Biella 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA INDUSTRIA 4 TRIMESTRE 2015

Indagine congiunturale sull industria manifatturiera della provincia di Biella 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA INDUSTRIA 4 TRIMESTRE 2015 Indagine sull industria manifatturiera della provincia di Biella 4 trimestre 2015 A cura dell Ufficio Studi CONGIUNTURA INDUSTRIA 4 TRIMESTRE 2015 NEL BIELLESE LA PRODUZIONE INDUSTRIALE REGISTRA UNA FLESSIONE

Dettagli

CONGIUNTURA DELL ARTIGIANATO MANIFATTURIERO AL 2 TRIMESTRE

CONGIUNTURA DELL ARTIGIANATO MANIFATTURIERO AL 2 TRIMESTRE CONGIUNTURA DELL ARTIGIANATO MANIFATTURIERO AL 2 TRIMESTRE 2017 Fonte: indagine congiunturale Unioncamere Lombardia. Elaborazioni a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Brescia.

Dettagli

L economia della Lombardia

L economia della Lombardia Presentazione Rapporto Mantova 21 giugno 211 L economia della Lombardia MAMU Centro Congressi Mantova Multicentre Indice della presentazione La congiuntura La reazione delle imprese manifatturiere alla

Dettagli

Calzature e pelletterie Sintesi di dati e informazioni economiche sul settore produttivo nelle Marche

Calzature e pelletterie Sintesi di dati e informazioni economiche sul settore produttivo nelle Marche Calzature e pelletterie Sintesi di dati e informazioni economiche sul settore produttivo nelle Marche Aprile 2015 Dati dimensionali: Imprese, Produzione, Unità di lavoro, Produttività del lavoro... pag.

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SUI SERVIZI (Consuntivo anno 2012 Previsioni anno 2013)

INDAGINE CONGIUNTURALE SUI SERVIZI (Consuntivo anno 2012 Previsioni anno 2013) INDAGINE CONGIUNTURALE SUI SERVIZI (Consuntivo anno 2012 Previsioni anno 2013) Premessa La prima indagine congiunturale sui servizi in Toscana è stata condotta nel mese di giugno 2013 con l obiettivo di

Dettagli

Imprese e settori dell economia toscana

Imprese e settori dell economia toscana IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana La situazione economica della Toscana nel 2014 Imprese e settori dell economia toscana Firenze, 7 luglio 2015 Riccardo Perugi Unioncamere Toscana

Dettagli

Grandi e medie imprese toscane e gruppi d impresa

Grandi e medie imprese toscane e gruppi d impresa Grandi e medie imprese toscane e gruppi d impresa Firenze, 16 maggio 2012 Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Riccardo Perugi Massimo Pazzarelli (elaborazioni) 1) I gruppi d impresa in Toscana: una visione

Dettagli

Grande o piccola impresa: chi esce meglio dalla crisi. Fulvio Coltorti, Area Studi Mediobanca Irpet, Firenze 21 gennaio 2011

Grande o piccola impresa: chi esce meglio dalla crisi. Fulvio Coltorti, Area Studi Mediobanca Irpet, Firenze 21 gennaio 2011 Grande o piccola impresa: chi esce meglio dalla crisi Fulvio Coltorti, Area Studi Mediobanca Irpet, Firenze 21 gennaio 2011 Ma la crisi è finita? 2 Ma la crisi è finita? Il PIL 125 120 115 110 105 100

Dettagli

Area Centro Studi e Ricerche

Area Centro Studi e Ricerche Unione delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura dell Emilia-Romagna Area Centro Studi e Ricerche L export dell Emilia-Romagna mette la freccia Si va riducendo la distanza che separa

Dettagli

Il commercio al dettaglio in provincia di Brescia

Il commercio al dettaglio in provincia di Brescia Il commercio al dettaglio in provincia di Brescia In collaborazione con Ascom Confcommercio Brescia e Confesercenti della Lombardia orientale. Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica

Dettagli

LE MEDIE IMPRESE VINCENTI: L IDENTIKIT DI 140 NUOVE LOCOMOTIVE DEL MADE IN ITALY

LE MEDIE IMPRESE VINCENTI: L IDENTIKIT DI 140 NUOVE LOCOMOTIVE DEL MADE IN ITALY LE MEDIE IMPRESE VINCENTI: L IDENTIKIT DI 140 NUOVE LOCOMOTIVE DEL MADE IN ITALY Sintesi della ricerca a cura della Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo che verrà presentata in apertura del Festival

Dettagli

Festival CittàImpresa Le medie imprese vincenti: l identikit di 140 nuove «locomotive» del made in Italy

Festival CittàImpresa Le medie imprese vincenti: l identikit di 140 nuove «locomotive» del made in Italy Festival CittàImpresa Le medie imprese vincenti: l identikit di 140 nuove «locomotive» del made in Italy Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Vicenza, 1 aprile 2016 PIL italiano in ripresa per

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PESCA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore della pesca; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione GOMMA E MATERIE PLASTICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore della gomma e della plastica; come misura dell

Dettagli

La congiuntura dell artigianato in Toscana nel 2010

La congiuntura dell artigianato in Toscana nel 2010 Toscana Toscana Un.Reg. Toscana La congiuntura dell artigianato in Toscana nel 2010 Conferenza Stampa 28 marzo 2011 Consuntivo anno 2010 Previsioni 1 semestre 2011 Variazione del fatturato nel 2010 rispetto

Dettagli

La formazione professionale che cambia

La formazione professionale che cambia La formazione professionale che cambia Firenze, 5 febbraio 2016 La formazione professionale in Toscana fra fabbisogni produttivi e opportunità occupazionali Nicola Sciclone IRPET - Istituto Regionale per

Dettagli

03/05/2012. Economia biellese 2011: Numeri e tendenze. Roberto Strocco. Unioncamere Piemonte

03/05/2012. Economia biellese 2011: Numeri e tendenze. Roberto Strocco. Unioncamere Piemonte Economia biellese 2011: Numeri e tendenze Roberto Strocco Coordinatore Area Studi e Sviluppo del Territorio Unioncamere Piemonte 1 L epicentro della crisi 800.000 La dinamica del Pil italiano Andamento

Dettagli

Industria e Artigianato. Prof. Davide Castellani Coordinatore del Forum su Industria e Artigianato

Industria e Artigianato. Prof. Davide Castellani Coordinatore del Forum su Industria e Artigianato Industria e Artigianato Prof. Davide Castellani Coordinatore del Forum su Industria e Artigianato 1 Premessa Le osservazioni riportate costituiscono una interpretazione dei principali risultati emersi

Dettagli

IL SISTEMA PRODUTTIVO PIEMONTESE: COMPETITIVITÀ E PERFORMANCE. 04 aprile 2016

IL SISTEMA PRODUTTIVO PIEMONTESE: COMPETITIVITÀ E PERFORMANCE. 04 aprile 2016 IL SISTEMA PRODUTTIVO PIEMONTESE: COMPETITIVITÀ E PERFORMANCE 04 aprile 2016 Il sistema produttivo piemontese 1. Sono tante o poche? 2. Sono di più o di meno rispetto al passato? 442.862 imprese registrate

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione GOMMA E MATERIE PLASTICHE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dalla fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche rappresenta lo 0.6

Dettagli

FARE INDUSTRIA A TORINO: opportunità e rischi nella competizione internazionale

FARE INDUSTRIA A TORINO: opportunità e rischi nella competizione internazionale FARE INDUSTRIA A TORINO: opportunità e rischi nella competizione internazionale Torino, 20 Marzo 2006 Presentazione a cura di Luca Pignatelli e Mauro Zangola dell Ufficio Studi Economici dell Unione Industriale

Dettagli

LE FILIERE DELLA MODA IN CAMPANIA: quando l artigianato di qualità diventa impresa di successo

LE FILIERE DELLA MODA IN CAMPANIA: quando l artigianato di qualità diventa impresa di successo LE FILIERE DELLA MODA IN CAMPANIA: quando l artigianato di qualità diventa impresa di successo 6 dicembre 2011 Massimo Deandreis, Direttore Generale SRM AGENDA La MODA nel Made in Italy Il settore della

Dettagli

La congiuntura dell Artigianato in Toscana Consuntivo I semestre 2012 Previsioni II semestre 2012

La congiuntura dell Artigianato in Toscana Consuntivo I semestre 2012 Previsioni II semestre 2012 La congiuntura dell Artigianato in Toscana Consuntivo I semestre 2012 Previsioni II semestre 2012 Osservatorio Regionale Toscano sull Artigianato Firenze, 30 novembre 2012 Lauretta Ermini Unioncamere Toscana

Dettagli

Flash Industria

Flash Industria 1 agosto 2014 Flash Industria 2.2014 Nel secondo trimestre 2014, sulla base dell indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato un incremento del +1,2 per cento rispetto al corrispondente

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALBERGHI E RISTORANTI Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore del commercio; come misura dell attività si utilizza

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione TESSILE- ABBIGLIAMENTO E CALZATURE 1 Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il tessile-abbigliamento e il calzaturiero rappresenta un settore di specializzazione dell economia

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione TRASPORTI E COMUNICAZIONI Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il comparto dei servizi di trasporto e comunicazioni, producendo circa l 8.4 per cento del Pil italiano, rappresenta

Dettagli

Il settore dei servizi in provincia di Pisa

Il settore dei servizi in provincia di Pisa Il settore dei servizi in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 previsioni 2014 Pisa, 28 novembre 2014. A fine 2013, oltre la metà dell imprenditoria pisana (24.992 su 43.299 imprese) risulta operare

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione AGRICOLTURA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell agricoltura; come misura dell attività si utilizza il

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione AGRICOLTURA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il peso del settore dell agricoltura si è ridotto rispetto a qualche decennio fa, ma in alcuni territori rappresenta ancora

Dettagli

La cooperazione in provincia di Pisa

La cooperazione in provincia di Pisa La cooperazione in provincia di Pisa Anno 2015 Pisa, 18 aprile 2016. Le cooperative attive in Toscana alla fine del 2015 erano 3.835: a livello merceologico, il settore più consistente è quello delle costruzioni

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI Come già nella precedente indagine, gli imprenditori hanno giudicato moderatamente favorevole l andamento dell Industria di Roma e Provincia. Con

Dettagli

I distretti della moda in Toscana. Centro Studi Confindustria Toscana

I distretti della moda in Toscana. Centro Studi Confindustria Toscana I distretti della moda in Toscana Centro Studi Confindustria Toscana I distretti e le loro caratteristiche Le principali caratteristiche Il distretto industriale è un agglomerazione di imprese, di piccola

Dettagli

La situazione economica della Toscana nel 2009

La situazione economica della Toscana nel 2009 IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana La situazione economica della Toscana nel 2009 Imprese e settori dell economia toscana Firenze, 22 giugno 2010 Riccardo Perugi Unioncamere Toscana

Dettagli

Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione Sarah Bovini Responsabile Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte

Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione Sarah Bovini Responsabile Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione 2013 Sarah Bovini Responsabile Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte La dinamica del Pil italiano variazioni % tendenziali, valori

Dettagli

La centralità delle filiere produttive in Italia e in Piemonte

La centralità delle filiere produttive in Italia e in Piemonte La centralità delle filiere produttive in Italia e in Giovanni Foresti Direzione Studi e Ricerche Torino, 9 maggio 2017 al 3 posto in Italia per avanzo commerciale 1 Avanzo commerciale nel settore manifatturiero

Dettagli

Le medie imprese industriali italiane Edizione Fulvio Coltorti, Ufficio Studi Mediobanca Milano, 11 marzo 2010

Le medie imprese industriali italiane Edizione Fulvio Coltorti, Ufficio Studi Mediobanca Milano, 11 marzo 2010 Le medie imprese industriali italiane Edizione 2010 Fulvio Coltorti, Ufficio Studi Mediobanca Milano, 11 marzo 2010 Indice I. Il territorio II. Le dinamiche III. La finanza IV. Indagine sulle medie imprese

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 24 Febbraio 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2015 STESSO INSIEME DI BILANCI NEI 3 ANNI Elaborazioni a: Settembre 2016 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale di

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione INDUSTRIA DEL LEGNO Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria del legno rappresenta lo 0.3 per cento del Pil italiano. Il settore è

Dettagli

23 gennaio 2017, h. 4:16

23 gennaio 2017, h. 4:16 www.confartigianato.it 23 gennaio 2017, h. 4:16 STUDI Congiuntura dell artigianato ancora debole, con 2 indicatori su 10 positivi: made in Italy e fatturato Servizi. Si alza il rischio di crescita zero

Dettagli

Il checkup dell impresa attraverso l adattamento degli indicatori ISTAT sulla competitività. Anna Sannino Riccardo Dal Mas Rocco Giovanni Sebastiani

Il checkup dell impresa attraverso l adattamento degli indicatori ISTAT sulla competitività. Anna Sannino Riccardo Dal Mas Rocco Giovanni Sebastiani Il checkup dell impresa attraverso l adattamento degli indicatori ISTAT sulla competitività Anna Sannino Riccardo Dal Mas Rocco Giovanni Sebastiani Introduzione Quali indicatori ISTAT sono stati presi

Dettagli

L innovazione nel sistema produttivo

L innovazione nel sistema produttivo Perugia, 6 ottobre 28 L innovazione nel sistema produttivo Mauro Casavecchia L innovazione è una costruzione sociale Globale Locale Aziendale Innovazioni incrementali Grado di formalizzazione dell innovazione

Dettagli

Lombardia Statistiche Report

Lombardia Statistiche Report Lombardia Statistiche Report N 6 / 2017 5 luglio 2017 Congiuntura economica in Lombardia. I trimestre 2017 Il 2016 è stato un anno positivo per l economia lombarda. Questo dato sembra trovare conferma

Dettagli

CONGIUNTURA ECONOMICA INDUSTRIA MANIFATTURIERA I TRIMESTRE 2011

CONGIUNTURA ECONOMICA INDUSTRIA MANIFATTURIERA I TRIMESTRE 2011 1 CONGIUNTURA ECONOMICA INDUSTRIA MANIFATTURIERA I TRIMESTRE 2011 Premessa In questo rapporto viene esaminato l'andamento della congiuntura economica delle industrie manifatturiere del Verbano Cusio Ossola

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione SERVIZI ALLE IMPRESE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dei servizi alle imprese; come misura dell attività

Dettagli

Le aziende IT in Emilia Romagna Il contributo per l innovazione in Regione

Le aziende IT in Emilia Romagna Il contributo per l innovazione in Regione Modena, 24 Gennaio 2012 Le aziende IT in Emilia Romagna Il contributo per l innovazione in Regione Giancarlo Capitani Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Lo scenario regionale: un confronto

Dettagli

Le nuove imprese vincenti: le leve strategiche per tornare a crescere. Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche

Le nuove imprese vincenti: le leve strategiche per tornare a crescere. Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Le nuove imprese vincenti: le leve strategiche per tornare a crescere Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Casale Monferrato, 8 giugno 2016 1 Premessa 2 I nuovi protagonisti della crescita 3 Focus

Dettagli

Lombardia Statistiche Report

Lombardia Statistiche Report Lombardia Statistiche Report N 8 / 2017 4 ottobre 2017 Congiuntura economica in Lombardia. II trimestre Il secondo trimestre 2017 si conferma come un periodo positivo per l economia lombarda, consolidando

Dettagli

Gli effetti della crisi nelle filiere meccaniche dell Emilia Romagna

Gli effetti della crisi nelle filiere meccaniche dell Emilia Romagna Università di Modena R&I srl e Reggio Emilia Ricerche e Interventi Dipartimento di Economia Politica di politica industriale e del lavoro Gli effetti della crisi nelle filiere meccaniche dell Emilia Romagna

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 STESSO INSIEME DI BILANCI NEI 3 ANNI Elaborazioni a: Marzo 2016 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale di imprese

Dettagli

Flash Industria

Flash Industria 30 luglio 2015 Flash Industria 2.2015 Nel secondo trimestre 2015, sulla base dell indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato un incremento del +1,8 per cento rispetto al corrispondente

Dettagli

notecongiunturali congiuntura industriale Unioncamere Veneto Flash IV trimestre 2004

notecongiunturali congiuntura industriale Unioncamere Veneto Flash IV trimestre 2004 Unioncamere Flash notecongiunturali Unioncamere Flash Anno XVIII n. 08 febbraio 2005 Pubblicazione periodica settimanale dell Unione Regionale delle Camere di Commercio del Autorizzazione del Tribunale

Dettagli

8. TESSILE ABBIGLIAMENTO

8. TESSILE ABBIGLIAMENTO 8. TESSILE ABBIGLIAMENTO I NUMERI DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO AL 31/12/2016 Imprese 2.373 di cui artigiane 1.506 Localizzazioni 2.733 dati Registro Imprese Il settore tessileabbigliamento della provincia

Dettagli

Dinamiche dell ultimo trimestre 2001 e previsioni per la prima parte del 2002

Dinamiche dell ultimo trimestre 2001 e previsioni per la prima parte del 2002 OSSERVATORIO REGIONALE MARCHE ENTE BILATERALE ARTIGIANATO MARCHE Quarto trimestre 2001 Dinamiche dell ultimo trimestre 2001 e previsioni per la prima parte del 2002 Le imprese artigiane delle Marche L

Dettagli

Le imprese di subfornitura in 6 distretti industriali dell Emilia Romagna: c è chi ce la fa

Le imprese di subfornitura in 6 distretti industriali dell Emilia Romagna: c è chi ce la fa Le imprese di subfornitura in 6 distretti industriali dell Emilia Romagna: c è chi ce la fa Adriano Maestri Direttore Regionale Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise Bologna, 19 novembre 2012 0 Criticità

Dettagli

Valutazione sull andamento congiunturale delle imprese cooperative biellesi I semestre 2012

Valutazione sull andamento congiunturale delle imprese cooperative biellesi I semestre 2012 Valutazione sull andamento congiunturale delle imprese cooperative biellesi I semestre 2012 Roberto Strocco Coordinatore Area Studi e Sviluppo del Territorio Unioncamere Piemonte Lo scenario internazionale

Dettagli

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Forlì, 30 gennaio 2007 L INSERIMENTO DELLE MEDIE IMPRESE

Dettagli

L evoluzione del calzaturiero

L evoluzione del calzaturiero Emilia-Romagna Fashion Quale politica industriale per il sistema moda? Giovedì 4 febbraio 2016 L evoluzione del calzaturiero Serena Musolesi L evoluzione del calzaturiero Serena Musolesi L evoluzione del

Dettagli

CONGIUNTURA COOPERATIVE

CONGIUNTURA COOPERATIVE CONGIUNTURA COOPERATIVE INDAGINE SULLE IMPRESE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BIELLA 2 semestre 2010 A CURA DELL UFFICIO STUDI in collaborazione con 2 Semestre 2010 STRUTTURA: in continuo aumento le imprese

Dettagli

Quarto capitalismo. Fulvio Coltorti Roma, FULM 30 settembre 2010

Quarto capitalismo. Fulvio Coltorti Roma, FULM 30 settembre 2010 Quarto capitalismo Fulvio Coltorti Roma, FULM 30 settembre 2010 1 Classificazione per gruppo proprietario 117.000 società italiane (metodo Mediobanca) Manifattura Gruppi maggiori ital. No società di capitale

Dettagli

REPORT CONGIUNTURA FLASH ANDAMENTO SALDI ESTIVI Bologna, 17 luglio 2014

REPORT CONGIUNTURA FLASH ANDAMENTO SALDI ESTIVI Bologna, 17 luglio 2014 REPORT CONGIUNTURA FLASH ANDAMENTO SALDI ESTIVI 2014 Bologna, 17 luglio 2014 2 Scenario economico Italia: congiuntura degli ultimi 12 mesi 3 2 1 0-1 -2-3 -4-2,9% Indice delle vendite del commercio al dettaglio

Dettagli

Ordine del giorno: Il settore tessile abbigliamento settore trainante il manifatturiero in Emilia Romagna.

Ordine del giorno: Il settore tessile abbigliamento settore trainante il manifatturiero in Emilia Romagna. Al Sig. Sindaco di Carpi Al Presidente del Consiglio comunale Ordine del giorno: Il settore tessile abbigliamento settore trainante il manifatturiero in Emilia Romagna. Preso atto che: - Il settore tessile

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE

INDAGINE CONGIUNTURALE INDAGINE CONGIUNTURALE INDUSTRIA MANIFATTURIERA NOVARESE: LA PRODUZIONE INDUSTRIALE CALA DEL -3,2% NEL QUARTO TRIMESTRE,MA GLI ORDINATIVI TORNANO A CRESCERE Nel quarto trimestre dell anno l andamento della

Dettagli

IL SISTEMA TAC OLTRE LA CRISI

IL SISTEMA TAC OLTRE LA CRISI LOMBARDIA IL SISTEMA TAC OLTRE LA CRISI 1 Una fotografia statistica della filiera tessile, abbigliamento, pelle e calzature della LOMBARDIA in un quadro nazionale ed europeo U n focus sull occupazi one

Dettagli

CARATTERISTICHE AZIENDALI. Numero medio di tirocinanti impiegati nell ambito dell attività dell impresa nell arco di un anno:

CARATTERISTICHE AZIENDALI. Numero medio di tirocinanti impiegati nell ambito dell attività dell impresa nell arco di un anno: CARATTERISTICHE AZIENDALI Protocollo n. 104 Caratteristiche strutturali dell impresa Prodotto e/o servizio principale realizzato dall impresa Fatturato 2016 Totale titolari e soci Totale Addetti 2016 Certificazioni

Dettagli

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI Claudio Gagliardi Centro Studi Unioncamere Roma, 12 dicembre 2006 L INSERIMENTO DELLE MEDIE IMPRESE NELLE FILIERE E IL POSIZIONAMENTO

Dettagli

Incontri con gli studenti sulle principali funzioni della Banca d Italia

Incontri con gli studenti sulle principali funzioni della Banca d Italia Incontri con gli studenti sulle principali funzioni della Banca d Italia Università Kore Enna, aprile - maggio 2016 L economia siciliana e la lunga crisi Giuseppe Ciaccio Divisione Analisi e ricerca economica

Dettagli

Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione 2012

Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione 2012 Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione 2012 Roberto Strocco Coordinatore Area Studi e Sviluppo del Territorio Unioncamere Piemonte Introduzione: gli obiettivi e la metodologia utilizzata

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURA EDILE 2008 SUL SETTORE EDILE DELLA PROVINCIA DI BIELLA A CURA DELL UFFICIO STUDI. in collaborazione con

INDAGINE CONGIUNTURA EDILE 2008 SUL SETTORE EDILE DELLA PROVINCIA DI BIELLA A CURA DELL UFFICIO STUDI. in collaborazione con CONGIUNTURA EDILE 2008 INDAGINE SUL SETTORE EDILE DELLA PROVINCIA DI BIELLA A CURA DELL UFFICIO STUDI in collaborazione con Collegio Costruttori Edili della Provincia di Biella Giovani Imprenditori Edili

Dettagli

COMUNE DI CARPI. In collaborazione con PROVINCIA DI MODENA CAMERA DI COMMERCIO DI MODENA OSSERVATORIO DEL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO

COMUNE DI CARPI. In collaborazione con PROVINCIA DI MODENA CAMERA DI COMMERCIO DI MODENA OSSERVATORIO DEL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO COMUNE DI CARPI In collaborazione con PROVINCIA DI MODENA CAMERA DI COMMERCIO DI MODENA OSSERVATORIO DEL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO NEL DISTRETTO DI CARPI SETTIMO RAPPORTO GENNAIO 2004 R&I Ricerche

Dettagli

ANALISI - FORMAZIONE - STRATEGIE - NETWORKING

ANALISI - FORMAZIONE - STRATEGIE - NETWORKING ANALISI - FORMAZIONE - STRATEGIE - NETWORKING Rapporto annuale e congiuntura Struttura e performance Due leve per la crescita Rapporto annuale e congiuntura L economia mondiale nel 2015 e le previsioni

Dettagli

Centro Studi FederSalus

Centro Studi FederSalus Centro Studi FederSalus Indagine di settore 2016 La filiera italiana degli integratori alimentari Executive Summary Anticipazione dei risultati Fatturato, occupazione e struttura dell offerta Il comparto

Dettagli

Campobasso - 10 giugno Presentazione del Rapporto. L economia del Molise

Campobasso - 10 giugno Presentazione del Rapporto. L economia del Molise Campobasso - 10 giugno 2014 - Presentazione del Rapporto L economia del Molise Prodotto interno lordo Nel 2013 l economia molisana si è ancora contratta. Le stime di Prometeia indicano una riduzione del

Dettagli

BEAUTY TREND WATCH Agosto 2016 LA NEWSLETTER DEL CENTRO STUDI E CULTURA D IMPRESA

BEAUTY TREND WATCH Agosto 2016 LA NEWSLETTER DEL CENTRO STUDI E CULTURA D IMPRESA BEAUTY TREND WATCH Agosto 2016 LA NEWSLETTER DEL CENTRO STUDI E CULTURA D IMPRESA Biologico: keyword del consumatore e claim in Italia Il mercato biologico è in forte espansione. Secondo le stime Ismea,

Dettagli

Il settore tessile moda nell Alto Milanese e nell Area 236

Il settore tessile moda nell Alto Milanese e nell Area 236 PROGRAMMA DI SVILUPPO 236/93 Il settore tessile moda nell Alto Milanese e nell Area 236 Andrea Oldrini FONDO PER LO SVILUPPO Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Programma di sviluppo

Dettagli

LE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI IN LOMBARDIA

LE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI IN LOMBARDIA LE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI IN LOMBARDIA Strategie di mercato e organizzazione Claudio Gagliardi Centro Studi Unioncamere Milano, 21 aprile 2008 LE CARATTERISTICHE DISTINTIVE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO

Dettagli

Flash Costruzioni

Flash Costruzioni 30 Marzo 2014 Flash Costruzioni 4.2014 Nel quarto trimestre 2014, sulla base dell indagine VenetoCongiuntura, il fatturato delle imprese di costruzioni ha registrato una flessione del -0,3 per cento rispetto

Dettagli

L evoluzione del calzaturiero

L evoluzione del calzaturiero Emilia-Romagna Fashion Quale politica industriale per il sistema moda? Giovedì 4 febbraio 2016 L evoluzione del calzaturiero Serena Musolesi L evoluzione del calzaturiero Il distretto di San Mauro Pascoli

Dettagli

LE PREVISIONI DELLE AZIENDE PIEMONTESI PER IL III TRIMESTRE luglio 2017

LE PREVISIONI DELLE AZIENDE PIEMONTESI PER IL III TRIMESTRE luglio 2017 LE PREVISIONI DELLE AZIENDE PIEMONTESI PER IL III TRIMESTRE 2017 3 luglio 2017 SI STABILIZZA IL CLIMA DI FIDUCIA Piemonte INDUSTRIA Previsioni II trimestre 2017 III trimestre 2017 SALDO SALDO Occupazione

Dettagli

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Indicatori del mercato del lavoro della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Principali indicatori del mercato del lavoro provinciale Fonti disponibili Inps

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALBERGHI E RISTORANTI Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore degli alberghi e dei pubblici esercizi rappresenta una quota non trascurabile dell economia italiana:

Dettagli

8. TESSILE ABBIGLIAMENTO

8. TESSILE ABBIGLIAMENTO 8. TESSILE ABBIGLIAMENTO I NUMERI DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO AL 31/12/2015 Imprese 2.459 di cui artigiane 1.573 Localizzazioni 2.814 dati Registro Imprese Il settore tessileabbigliamento della provincia

Dettagli

OSSERVATORIO DEL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO NEL DISTRETTO DI CARPI

OSSERVATORIO DEL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO NEL DISTRETTO DI CARPI OSSERVATORIO DEL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO NEL DISTRETTO DI CARPI a cura di R&I srl Relatore Daniela Bigarelli Presentazione Bologna, 4 febbraio 2016 EMILIA-ROMAGNA Fashion Quale politica industriale

Dettagli

La congiuntura dell indotto Pharmintech

La congiuntura dell indotto Pharmintech Executive summary La congiuntura dell indotto Pharmintech (stima II semestre 2009 e previsioni I semestre 2010) 1. Introduzione L Ufficio Studi dell Osservatorio Pharmintech ha portato a termine la seconda

Dettagli

Presentazione dei dati congiunturali

Presentazione dei dati congiunturali TrendER Osservatorio sulla micro e piccola impresa in Emilia-Romagna Presentazione dei dati congiunturali SECONDO SEMESTRE 2012 Marco Ricci Istat responsabile sede per l Emilia-Romagna Bologna 23 maggio

Dettagli

SMI S.p.A. Traduzione della Lettera agli Azionisti KME pubblicata in data odierna in Germania

SMI S.p.A. Traduzione della Lettera agli Azionisti KME pubblicata in data odierna in Germania SMI S.p.A. Traduzione della Lettera agli Azionisti KME pubblicata in data odierna in Germania 7 settembre, 1999 Gentili Signore e Signori, nel primo semestre del 1999 le attività del Gruppo KME hanno risentito,

Dettagli

La congiuntura manifatturiera in provincia di Pisa

La congiuntura manifatturiera in provincia di Pisa La congiuntura manifatturiera in provincia di Pisa Consuntivo I trimestre 2014 aspettative II trimestre 2014 Pisa, 30 ottobre 2014. Nel primo trimestre 2014 la produzione industriale mondiale, secondo

Dettagli

Inflazione, produttività e salari

Inflazione, produttività e salari Ciclo di seminari Inflazione, produttività e salari. a cura di: Agostino Megale (Presidente Ires - CGIL) 10 luglio 2007 1 I numeri del DPEF (variazioni percentuali) 2006 2007 2008 2009 2010 PIL +1,9 +2,0

Dettagli

Territorio e reti d'impresa: il caso del Chianti

Territorio e reti d'impresa: il caso del Chianti «Terre di Toscana: come sta e dove va il Chianti?» Chianti Banca, San Casciano Val di Pesa 21 settembre 2016 Territorio e reti d'impresa: il caso del Chianti Riccardo Perugi Ufficio Studi Unioncamere Toscana

Dettagli

Territorio e reti d'impresa: il caso del Chianti

Territorio e reti d'impresa: il caso del Chianti «Terre di Toscana: come sta e dove va il Chianti?» Chianti Banca, San Casciano Val di Pesa 21 settembre 2016 Territorio e reti d'impresa: il caso del Chianti Riccardo Perugi Ufficio Studi Unioncamere Toscana

Dettagli

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Roma, 14 giugno 2016 LE MEDIE IMPRESE: OPPORTUNITÀ E VINCOLI PER ACCOMPAGNARE LE FILIERE ITALIANE NELL INDUSTRIA 4.0 2014 3.334 L evoluzione recente e le previsioni

Dettagli

Commercio estero e attività internazionali delle imprese 2014

Commercio estero e attività internazionali delle imprese 2014 Commercio estero e attività internazionali delle imprese 2014 L'edizione 2014 dell'annuario statistico realizzato dall'istat e l'ice fornisce un quadro aggiornato sulla struttura e la dinamica dell'interscambio

Dettagli

Il sistema della subfornitura artigiana per il settore dei mezzi di trasporto terrestre in Toscana

Il sistema della subfornitura artigiana per il settore dei mezzi di trasporto terrestre in Toscana Laboratorio di Economia dell Innovazione Keith Pavitt Il sistema della subfornitura artigiana per il settore dei mezzi di trasporto terrestre in Toscana Regione Toscana Sala Pegaso P.zza del Duomo, 10

Dettagli

IL SENTIMENT DELLE IMPRESE E DEI CONSUMATORI A ROMA SULLA SITUAZIONE ECONOMICA

IL SENTIMENT DELLE IMPRESE E DEI CONSUMATORI A ROMA SULLA SITUAZIONE ECONOMICA IL QUADRO CONGIUNTURALE DELL ECONOMIA ROMANA IV TRIMESTRE 2010 SINTESI IL SENTIMENT DELLE IMPRESE E DEI CONSUMATORI A ROMA SULLA SITUAZIONE ECONOMICA RISULTATI GENERALI Nel quarto trimestre 2010 l attività

Dettagli