Documento di Piano Schede programmatiche Ambiti di Trasformazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento di Piano Schede programmatiche Ambiti di Trasformazione"

Transcript

1 Comune di Settala Provincia di Milano Variante al Piano di Governo del Territorio Documento di Piano Schede programmatiche Ambiti di Trasformazione Sindaco: E. Sozzi Assessore all'urbanistica T. Lupi Responsabile al procedimento: S. Comi Progettisti: P.L. Roccatagliata U. Targetti Gruppo di lavoro E. Solomatin, B. Vielmi Settembre

2 AT CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBITI DI TRASFORMAZIONE SP AMBITI RC AMBITI R AMBITI M AMBITI P AMBITI DI ORGANIZZAZIONE DI FUNZIONI PREVALENTEMENTE PUBBLICHE SP1 MUNICIPIO PAG. 5 DI RECUPERO PREVALENTEMENTE RESIDENZIALE RC1 CASCINA INVERNIZZI PAG. 6 RC2.1 CASCINA NEGRI PAG. 7 RC2.2 CASCINA NEGRI PAG. 8 RC3 CASCINA FANTINI PAG. 9 RC4 CENTRO STORICO DI CALEPPIO PAG. 10 DI NUOVA EDIFICAZIONE PREVALENTEMENTE RESIDENZIALE R1 RESIDENZA PREMENUGO PAG. 11 R2 RESIDENZA SOCIALE PAG. 12 R3 RESIDENZA CALEPPIO PAG. 13 PER FUNZIONI MISTE, PREVALENTEMENTE TERZIARIE M1 CENTRO SOCIO-ASSISTENZIALE PAG. 14 M2 NUOVO POLO RICETTIVO PAG. 15 M3 PARCO COMMERCIALE PAG. 16 M4 QUARTIERE PARCO PAG. 17 M5 NUOVO AMBITO COMMERCIALE DI VIA CERCA PAG. 18 PER FUNZIONI PREVALENTEMENTE PRODUTTIVE P1 VIALE DELLE INDUSTRIE-VIA BELLINI PAG. 19 P2 EX-ROMAGNOLI PAG. 20 P3 VIA DON MINZONI PAG. 21 2

3 IC INDIVIDUAZIONE CARTOGRAFICA 3 R1 RC1 RC2.1 RC2.2 SP1 R2 P1 M1 M2 M5 R3 LEGENDA AMBITI DI TRASFORMAZIONE CONFINE COUNALE P2 M4b RC3 M4a RC4 M3 P3

4 CI CALCOLO DELLA CAPACITA INSEDIATIVA Sigla Nome Frazione Sup. territoriale Ambiti di organizzazione di funzioni prevalentemente pubbliche AMBITO DI ORGANIZZAZIONE DI FUNZIONI PREVALENTEMENTE PUBBLICHE - SP1 SP1 0 Settala Subtotale Ambiti di recupero prevalentemente residenziale RC1 AMBITO DI RECUPERO PREVALENTEMENTE RESIDENZIALE - RC1 80 Settala RC2.1 AMBITO DI RECUPERO PREVALENTEMENTE RESIDENZIALE - RC Settala RC2.2 AMBITO DI RECUPERO PREVALENTEMENTE RESIDENZIALE - RC Settala RC3 AMBITO DI RECUPERO PREVALENTEMENTE RESIDENZIALE - RC3 33 Caleppio RC4 AMBITO DI RECUPERO PREVALENTEMENTE RESIDENZIALE - RC4 50 Caleppio Subtotale Ambiti di nuova edificazione prevalentemente residenziale R1 AMBITO DI NUOVA EDIFICAZIONE PREVALENEMENTE RESIDENZIALE - R1 203 Premenugo R2 AMBITO DI NUOVA EDIFICAZIONE PREVALENEMENTE RESIDENZIALE - R2 483 Settala R3 AMBITO DI NUOVA EDIFICAZIONE PREVALENEMENTE RESIDENZIALE - R3 169 Caleppio Subtotale Ambiti per funzioni miste M1 AMBITO DI TRASFORMAZIONE PER FUNZIONI MISTE - M1 0 Settala M2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE PER FUNZIONI MISTE - M2 0 Caleppio M3 AMBITO DI TRASFORMAZIONE PER FUNZIONI MISTE - M3 0 Caleppio M4 AMBITO DI TRASFORMAZIONE PER FUNZIONI MISTE - M4 46 Caleppio M5 AMBITO DI TRASFORMAZIONE PER FUNZIONI MISTE - M5 17 Caleppio Subtotale Ambiti per funzioni prevalentemente produttive P1 AMBITO PREVALENTEMENTE PRODUTTIVO - P1 0 Settala P2 AMBITO PREVALENTEMENTE PRODUTTIVO - P2 0 Caleppio P3 AMBITO PREVALENTEMENTE PRODUTTIVO - P3 0 Caleppio Subtotale Totale ambiti per frazione abitanti teorici Premenugo 203 Settala 667 Caleppio 315 Totale

5 SP AMBITI DI ORGANIZZAZIONE DI FUNZIONI PREVALENTEMENTE PUBBLICHE Ambito SP1 Municipio L ambito riguarda la riorganizzazione degli spazi pubblici di pertinenza del Municipio e della scuola media, finalizzata alla realizzazione di un corridoio che connette il nuovo centro urbano di Settala (ambito R2 - Residenza Sociale) con il paesaggio agrario e con Premenugo; l ambito prevede l eventuale ampliamento delle strutture pubbliche. L ambito si attua come opera pubblica. 5

6 RC AMBITI DI RECUPERO PREVALENTEMENTE RESIDENZIALE Ambito RC1 CASCINA INVERNIZZI Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L ambito prevede il recupero degli edifici rurali, la loro destinazione residenziale e la sistemazione delle aree a verde pubblico attrezzato. Lo specifico elaborato grafico allegato alla scheda programmatica indica le modalità di per ciascun edificio. La capacità insediativa dell ambito corrisponde alla volumetria recuperabile sulla base delle modalità di indicate nell apposito elaborato grafico. Fino all attuazione dell ambito sono consentite le sole opere di manutenzione ordinaria e straordinaria funzionali all attività agricola: sono escluse le opere funzionali all aumento della capacità ricettiva di animali da allevamento a causa della prossimità della zona residenziale. Superficie territoriale mq Slp esistente stimata mq residenza e funzioni compatibili 100% Volume virtuale Totale mc 80 ab Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. L comporta la cessione e sistemazione delle aree a parco pubblico attrezzato e la realizzazione dei percorsi indicati nello schema progettuale. 6

7 RC AMBITI DI RECUPERO PREVALENTEMENTE RESIDENZIALE Ambito RC2.1 CASCINA NEGRI Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L ambito prevede: il recupero degli edifici esistenti sulla base delle modalità di indicate nello specifico elaborato grafico; la realizzazione di edifici residenziali, con tipologia lineare a due piani, su corte aperta, tradizionale del borgo rurale; i percorsi pedonali alberati di contorno individuati nello schema progettuale la cessione delle aree necessarie alle urbanizzazioni; L ambito, data la complessità e delicatezza della struttura urbana, è soggetto ad un Piano di Inquadramento di Iniziativa Pubblica volto a definire urbanizzazioni, allineamenti e spazzi pubblici e a coordinare l con l AT RC2.2. La capacità insediativa dell ambito corrisponde alla somma della volumetria recuperabile sulla base delle modalità di e della volumetria che deriva dall applicazione dell indice 0,2 mq/mq alle aree dell ambito, escluse le pertinenze degli edifici rurali (vedi tabella). Fino all attuazione dell ambito sono consentite le sole opere di manutenzione ordinaria e straordinaria. Superficie territoriale mq Superficie fondiaria di nuova edificazione stimata 2.570* mq SLP residenza e funzioni compatibili 100% di nuova edificazione esistente stimata Totale 540 mq 1.800** mq mq Volume virtuale Totale mc 47 ab * L esatta Sf sarà definita dal PR ** La SLP di recupero risulterà in sede del PR dall applicazione delle modalità di agli edifici esistenti Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. La cessione delle aree pubbliche interne all ambito corrisponde all obbligo di attuazione delle opere aggiuntive. 7

8 RC AMBITI DI RECUPERO PREVALENTEMENTE RESIDENZIALE Ambito RC2.2 CASCINA NEGRI Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L ambito prevede: il recupero degli edifici esistenti sulla base delle modalità di indicate nello specifico elaborato grafico; la realizzazione di edifici residenziali, con tipologia lineare a due piani, su corte aperta, tradizionale del borgo rurale; la cessione dell area necessaria all ampliamento della scuola elementare; la realizzazione degli spazi pubblici: posteggi, piazza alberata e percorsi pedonali; il piano attuativo stabilisce la dimensione dei posteggi congrua alle attività previste. L ambito, data la complessità e delicatezza della struttura urbana, è soggetto ad un Piano di Inquadramento di Iniziativa Pubblica volto a definire urbanizzazioni, allineamenti e spazzi pubblici. L AT deve garantire l accesso carraio all AT 2.1 La capacità insediativa dell ambito corrisponde alla somma della volumetria recuperabile sulla base delle modalità di e della volumetria che deriva dall applicazione dell indice 0,2 mq/mq alle aree dell ambito, escluse le pertinenze degli edifici rurali (vedi tabella). Fino all attuazione dell ambito sono consentite le sole opere di manutenzione ordinaria e straordinaria. Superficie territoriale mq Superficie fondiaria di nuova edificazione stimata 4165* mq SLP residenza e funzioni compatibili 100% di nuova edificazione esistente stimata Totale 830 mq 2.040** mq mq Volume virtuale Totale mc 57 ab * L esatta Sf sarà definita dal PR ** La SLP di recupero risulterà in sede del PR dall applicazione delle modalità di agli edifici esistenti Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. La cessione delle aree pubbliche interne all ambito corrisponde all obbligo di attuazione delle opere aggiuntive. 8

9 RC AMBITI DI RECUPERO PREVALENTEMENTE RESIDENZIALE Ambito RC3 CASCINA FANTINI Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L ambito prevede il recupero degli edifici rurali secondo le modalità di indicate nello specifico elaborato grafico. Il Piano di recupero deve prevedere il percorso ciclopedonale indicato nello schema progettuale e la monetizzazione delle aree di cessione in ragione di 40 mq/abitante (150 mc/abitante) da destinare all acquisizione e sistemazione delle aree a verde pubblico indicate nello Schema strutturale del Documento di Piano, non comprese in altri ambiti di trasformazione. La capacità insediativa dell ambito corrisponde alla volumetria recuperabile sulla base delle modalità di. Fino all attuazione dell ambito sono consentite le sole opere di manutenzione ordinaria e straordinaria funzionali all attività agricola. Superficie territoriale mq Slp esistente stimata 1.660* mq Residenza e funzioni compatibili 100% Volume virtuale Totale mc 33 ab * La SLP di recupero risulterà in sede del PR dall applicazione delle modalità di agli edifici esistenti 9

10 RC AMBITI DI RECUPERO PREVALENTEMENTE RESIDENZIALE Ambito RC4 CENTRO STORICO DI CALEPPIO Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L ambito comprende la chiesa di Sant Agata con le sue pertinenze. il sagrato la strada e l adiacente cascina. Il complesso costituisce il nucleo storico originario di Caleppio e pertanto l ambito ne prevede la conservazione come elemento documentale e di testimonianza. Il recupero degli edifici esistenti deve essere attuato secondo le modalità di indicate nell apposito elaborato grafico. Oltre alla residenza sono ammesse tutte le destinazioni funzionali compatibili con la stessa e con la conservazione delle tipologie edilizie. L ambito si attua con Piano di Recupero che deve comprendere la sistemazione degli spazi pubblici: la riqualificazione di via Bettolino e del sagrato della chiesa di S. Agata; la sistemazione delle aree verdi di contorno alla chiesa e della vegetazione di ripa della roggia confinante. Il Piano di recupero deve prevedere la conservazione dell impianto a corte; tipologie edilizie consone ai caratteri stilistici ed ambientali del centro storico e dell edilizia rurale; non sono ammesse recinzioni o altre opere di suddivisione degli spazi a terra. L accesso carraio deve preferibilmente avvenire da via Salvemini; deve essere garantito il transito pedonale tra via Bettolino e via Salvemini. Deve essere realizzata la connessione della viabilità pubblica tra via Salvemini e via Saragat. La capacità insediativa dell ambito corrisponde alla volumetria recuperabile sulla base delle modalità di indicate nello specifico elaborato grafico. Superficie territoriale mq Slp esistente stimata 2.480* mq residenza 100% Volume virtuale totale mc 50 ab * La SLP di recupero risulterà in sede del PR dall applicazione delle modalità di agli edifici esistenti Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. Si considerano opere di compensazione quelle relative alla sistemazione delle aree pubbliche e di pertinenza della chiesa, interne all ambito. Il Piano di Recupero prevede speciali condizioni per la corresponsione degli oneri di urbanizzazione e del contributo sul costo di costruzione, nel caso di destinazione della corte della cascina a spazio d uso pubblico regolamentato. 10

11 R AMBITI DI NUOVA EDIFICAZIONE PREVALENEMENTE RESIDENZIALI Ambito R1 RESIDENZA PREMENUGO Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L ambito prevede la realizzazione di un quartiere residenziale a completamento del margine edificato a nord di Premenugo. Lo schema progettuale prevede una fascia di verde alberato di contorno al nuovo quartiere, con l obbiettivo di qualificare il margine urbano verso il paesaggio agrario e di proteggere la residenza dal traffico della SP 161. In sede di PA l area edificabile potrà essere collocata sul lato est in modo che gli edifici possano costituire elementi di definizione della piazza ed allontanarsi dalla Sp 161 Vedi tabella. Superficie territoriale mq Indice territoriale 0,4 mq/mq Slp edificabile mq residenza e funzioni compatibili 100% Volume virtuale Totale mc 203 ab Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. L ambito comporta, in aggiunta agli oneri di urbanizzazione e al contributo sul costo di costruzione, le seguenti opere di compensazione: la realizzazione di un parco pubblico in ampliamento al verde di lottizzazione esistente a est; la costruzione di un edificio per centro civico ( di circa 300 mq di Slp) nell area a parco o in alternativa la realizzazione di un centro civico anche con recupero di edifici esistenti esterni all AT, nella frazione di Premenugo; la scelta sarà stabilita dal PA. la riqualificazione del tratto finale di via Milano come spazio pubblico di accesso al parco ed al quartiere. 11

12 R AMBITI DI NUOVA EDIFICAZIONE PREVALENEMENTE RESIDENZIALI Ambito R2 RESIDENZA SOCIALE Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di Gli obbiettivi dell ambito sono: accrescere l offerta di residenza sociale; rafforzare i connotati di centralità di Settala; rafforzare la rete distributiva del commercio di vicinato; realizzare un parco pubblico di livello urbano; realizzare nuovi edifici pubblici (centro anziani e biblioteca); L ambito si attua con Piano Attuativo E confermato il progetto plani volumetrico approvato con il PEEP. L AT prevede l obbligo di realizzare almeno il 20% degli alloggi in affitto. La SLP commerciale è destinata per mq a medie strutture di vendita e per 500 mq a commercio di vicinato. Superficie territoriale mq SLP edificabile mq SLP edificabile residenza e funzioni compatibili commerciale Totale mq mq mq * 483 ab Calcolata in base a 120 mc/ab Vedi tabella Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. Le opere pubbliche previste costituiscono adeguamento fondamentale della struttura urbana. 12

13 R AMBITI DI NUOVA EDIFICAZIONE PREVALENEMENTE RESIDENZIALI Ambito R3 RESIDENZA CALEPPIO Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L ambito prevede la realizzazione di un di nuova residenza che completa il lato est dell insediamento urbano di Caleppio e il recupero della cascina Gaita. Lo schema progettuale prevede: la prosecuzione di via P. Nenni fino alla strada provinciale Cerca, di cui si prevede la trasformazione a viale urbano; il completamento della pista ciclabile di via P. Nenni; uno spazio pubblico composto da una piazza e da un parco delimitato da edifici di carattere rurale, recuperati o ricostruiti che per posizione e tipologia ricordino la preesistente cascina Gaita e che rafforzino il rapporto tra l urbano e il paesaggio agrario Superficie territoriale mq Indice territoriale 0,4 mq/mq Slp edificabile mq residenza/commercio 100% Volume virtuale Totale mc 169 ab Gli edifici da recuperare e destinare all uso pubblico non costituiscono capacità insediativa che è determinata dall applicazione dell indice all intera superficie territoriale. Vedi scheda Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. cessione al Comune dell area a parco e degli edifici rurali compresi nell Ambito, nello stato di conservazione attuale (in convenzione sarà prevista la realizzazione di opere di messa in sicurezza in attesa dell di recupero). 13

14 M AMBITI DI TRASFORMAZIONE PER FUNZIONI MISTE Ambito M1 CENTRO SOCIO-ASSISTENZIALE L ambito è suddiviso in due comparti di attuazione, autonomi Comparto 1 Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di Il Comparto è destinato a strutture socio sanitarie private strutture protette per anziani e servizi riabilitativi. L erogazione di tali servizi ai cittadini di Settala è regolata da convenzione con il Comune. Tali destinazioni e condizioni costituiscono presupposti essenziali per la trasformabilità delle aree. L si realizza sia con il recupero degli edifici esistenti, sia con nuovi edifici. Lo schema di progetto prevede la conservazione del viale alberato esistente come percorso pedonale, l edificabilità ad ovest dello stesso e la conservazione a verde a est, verso il paesaggio agrario. L attuazione del comparto prevede la cessione delle aree a verde pubblico e dell edificio esistente indicati nello schema progettuale e la loro sistemazione, in modo da realizzare la continuità dello spazio pubblico con gli ambiti confinanti R2 Residenza sociale e P1. La capacità insediativa del Comparto corrisponde alla somma della volumetria recuperabile sulla base delle modalità di e della volumetria che deriva dall applicazione dell indice 0,1 mq/mq alle aree incluse nello stesso ed escluse le pertinenze degli edifici rurali (vedi tabella). Fino all attuazione dell ambito sono consentite le sole opere di manutenzione ordinaria e straordinaria. Comparto 2 Si prevede il recupero e la ristrutturazione degli edifici esistenti con un progetto urbanistico ed architettonico coerente con il Comparto 1. Il piano attuativo definirà i contenuti di interesse pubblico. Superficie territoriale mq Indice territoriale 0,1 mq/mq Slp edificabile di nuova edificazione mq funzioni socio-sanitarie 100% Totale 100% SLP Totale mq 14

15 M AMBITI DI TRASFORMAZIONE PER FUNZIONI MISTE Ambito M2 NUOVO POLO RICETTIVO Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L ambito prevede la realizzazione di strutture ricettive e impianti sportivi e per il tempo libero, connessi; la realizzazione di un parco pubblico tra la SP Cerca e via Buozzi e la realizzazione di una struttura per sedi sociali. Lo schema progettuale assicura la continuità del verde ambientale (conservazione dei filari di pioppi esistenti) e dei percorsi ciclopedonali, previsti dallo Schema strutturale. Superficie territoriale mq Indice territoriale 0,13 mq/mq Slp edificabile mq ricettivo/servizi 100% Totale 100% Vedi tabella in fase di PA l indice di 0,13 mq/mq potrà essere aumentato fino a 0,16 mq/mq sulla base di un progetto di unitario, cioè non frazionabile in lotti, organico e polifunzionale. Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. L ambito comporta le seguenti opere di compensazione: cessione delle aree per la realizzazione dell intersezione tra la via Cerca SP 39 e via delle Industrie SP 161; la sistemazione paesistica dei margini dell ambito; la cessione e delle aree e la realizzazione di posteggi aggiuntivi a quelli indotti per sopperire a fabbisogni pregressi delle zone industriali in viale delle industrie; la contribuzione in quota parte alla riqualificazione del tratto urbano di Settala della SP 161; Il tracciato della Sp 161 e la soluzione dell intersezione saranno definite in accordo con la Provincia. 15

16 M AMBITI DI TRASFORMAZIONE PER FUNZIONI MISTE Ambito M3 PARCO COMMERCIALE Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L ambito è destinato ad attività commerciali e produttive. Lo schema progettuale prevede nuovi tratti di viabilità che connettono la rete urbana della zona produttiva al contro-viale previsto dal progetto di potenziamento della strada statale Pullese. Il potenziamento della viabilità sovracomunale e comunale prevista dal Documento di Piano e la connessione con la statale Paullese attraverso nuovi svincoli, garantiscono un livello di accessibilità tale da supportare nuove funzioni commerciali, anche di grande distribuzione, comunque subordinate alle previsioni dei piani di sviluppo commerciale della Provincia e della Regione e all ottenimento del relativo nulla osta regionale. La composizione delle diverse destinazioni commerciali e produttive sarà stabilita dal piano attuativo che definirà l assetto planivolumetrico e la dotazione di aree a parcheggi in relazione alle diverse funzioni. Lo schema progettuale prevede un area di verde naturale a protezione delle rogge che scorrono a margine del lotto, con funzione eminentemente ecologica. Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. Oltre agli spazi pubblici interni e oltre alla monetizzazione delle aree a standard non cedute, l ambito comporta, come opere di compensazione, l acquisizione delle aeree e l attuazione delle opere di mitigazione del nuovo tratto della SP 161 Variante Cerca, in quota parte. Le risorse derivanti dall applicazione dell art. 43 comma 2bis della Legge 12 del 2005 e dei successivi criteri applicativi definiti dalla Regione, sono prioritariamente indirizzati all attuazone della rete ecologica comunale e alle zone di qualificazione del paesaggio agrario indicati nella Tavola DP4. Gli inteventi sono attuati secondo le tecniche del Repertorio degli interventi di riqualificazione ambientale del PTCP vigente. Superficie territoriale mq Slp edificabile mq produttivo/direzionale commerciale 100% SLP produttivo/direzionale commerciale* mq Totale mq * superficie di vendita non superiore a mq Rapporto di copertura 40% Dotazione aree a servizi Parcheggi commerciale 200% Sv produttivo/direzionale 100%Slp Verde d arredo 20% St 16

17 M AMBITI DI TRASFORMAZIONE PER FUNZIONI MISTE Ambito M4 QUARTIERE PARCO Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L ambito conferma la funzione centrale di interesse pubblico costituita dal Parco lungo via Grandi prevista dal PRG e confermata dal PGT vigente; riorganizza il quartiere tra via della Ringraziata, via Cerca e via Grandi. Sul fronte di via Cerca è prevista una piazza commerciale (esercizi di vicinato e medie strutture di vendita); la piazza deve mantenere aperta la prospettiva tra via Cerca e parco. L edificabilità assegnata e le destinazioni d uso residenziali e commerciali sono quelle necessarie ad attuare il disegno urbano dello schema progettuale e a completare l insediamento del quartiere. Ne deriva un indice di edificabilità di circa 0,15 mq/mq coerente con il ruolo urbanistico dell area sancita dal previgente vincolo pubblico. Il rapporto preciso tra le diverse destinazioni d uso sarà definito in sede di piano attuativo. Gli edifici residenziali devono essere coerenti con la tipologia degli edifici rurali dell ambito di recupero RC4, in modo da completare organicamente l insediamento. L ambito, data la complessità e delicatezza della struttura urbana, è soggetto ad un Piano di Inquadramento da parte del Comune volto a definire urbanizzazioni, allineamenti e spazi pubblici e a garantire il coordinamento tra AT M4, il comparto pubblico attorno all asilo e l AT RC 3. Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. L ambito comporta le seguenti opere. a. La realizzazione del parco pubblico attrezzato lungo vi a Grandi e relativi spazi di sosta; il parco che dovrà essere caratterizzato dalla disposizione delle alberature lungo i corsi d acqua e i percorsi ciclopedonali, è una parte organica del sistema ambientale previsto dal Documento di Piano. b. La realizzazione della strada di collegamento tra via Grandi e via della Ringraziata. c. La sistemazione degli spazi pubblici o d uso pubblico della piazza su via Cerca. d. La cessione dell area a verde e degli edifici rurali su via della Ringraziata. La cessione di questi immobili consente la formazione di un comparto pubblico organico, insieme all edificio dell attuale scuola d infanzia. In caso di trasferimento della scuola d infanzia l area pubblica è destinata a funzioni miste (residenziali e di servizio). Superficie territoriale mq Indice territoriale 0,15 mq/mq Slp edificabile mq SLP residenza e funzioni compatibili massimo 80% direzionale/ commerciale*/ ricettivo minimo 20% Totale 100% residenza e funzioni compatibili max direzionale/ commerciale*/ ricettivo minimo Totale mq 576 mq mq 46 ab * massimo media struttura d vendita 17

18 M AMBITI DI TRASFORMAZIONE PER FUNZIONI MISTE Ambito M5 NUOVO AMBITO COMMERCIALE DI VIA CERCA Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L AT completa il fronte commerciale su via Cerca e il retrostante quartiere residenziale. La destinazione commerciale è la funzione prevalente. La composizione esatta delle funzioni sarà definita dal PA. Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. Nello sviluppo del PA la sistemazione del fronte commerciale e degli spazi pubblici ad esso connessi dovrà tener conto che l attuale strada provinciale Cerca è destinata dal PGT a divenire un viale urbano. L AT deve inoltre garantire la tutela del sistema di rogge che l attraversa, la continuità del corridoio verde indicato dallo Schema strutturale e la continuità dei percorsi pedonali e ciclabili con l antistante AT R3 di cascina Gaita. Superficie territoriale mq Indice territoriale 0,3 mq/mq Slp edificabile mq SLP residenza e funzioni compatibili massimo 40% direzionale/ commerciale*/ ricettivo minimo 60% Totale 100% residenza e funzioni compatibili massimo direzionale/ commerciale*/ ricettivo minimo Totale 857 mq mq mq 17 ab * massimo media struttura d vendita 18

19 P AMBITI PREVALENTEMENTE PRODUTTIVI Ambito P1 VIALE DELLE INDUSTRIE-VIA BELLINI Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L ambito è destinato al completamento della zona produttiva lungo la SP n Non sono ammessi interventi e strutture destinati alla logistica o alla sola funzione di deposito che graverebbero la strada provinciale già carica di accessi nel tratto urbano, di un rilevante nuovo flusso di traffico. Inoltre l impiego di suolo libero, per quanto urbanizzato deve essere finalizzato alla creazione di attività a impiego di lavoro intensivo per dare risposta occupazionale. Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. L AT prevede la realizzazione di consistenti corridoi di verde piantumato con funzioni di protezione ambientale rispetto agli insediamenti adiacenti, di compensazione per la perdita di suolo libero e di formazione di un paesaggio urbano di qualità. In particolare la fascia di verde lungo via Bellini ha una funzione paesaggistica in quanto affianca la strada e il percorso ciclopedonale che costituiscono l ingresso principale a Settala da quel fronte urbano. La fascia di verde a est è posta a protezione delle nuova zona residenziale dell AT R2 e del futuro insediamento di carattere socio sanitario del limitrofo AT M1. I posteggi prospicienti la Sp 161 devono essere pubblici o privati d uso pubblico e arredati in coerenza con l obbiettivo generale del PGT di riqualificare la SP 161 sotto il profilo funzionale ed ambientale. L attuazione dell Ambito comporta la realizzazione di un nuovo tratto di viabilità tra via Verdi e via Bellini, funzionale alla riorganizzazione complessiva della viabilità urbana della zona, con ampie fasce laterali di verde. Superficie territoriale mq Slp edificabile mq produttivo 100% 19

20 P AMBITI PREVALENTEMENTE PRODUTTIVI Ambito P2 EX ROMAGNOLI Funzioni, assetto planivolumetrico e modalità di L ambito prevede la rifunzionalizzazione dell area industriale dismessa con il mantenimento della funzione produttiva, accompagnata da nuove funzioni commerciali. Si prevede la demolizione degli edifici esistenti, il risanamento del suolo e sottosuolo, l edificazione di nuovi edifici e la realizzazione di una parte del parco pubblico lineare, previsto dallo schema strutturale tra Caleppio centro e il quartiere Paola, come elemento fondamentale della riqualificazione della struttura urbana. La sistemazione a parco dovrà valorizzare la presenza dei corsi d acqua della rete irrigua oggi compromessi dalla presenza industriale. La parte direzionale e commerciale prospetterà su uno spazio a piazza e parcheggio che diventerà parte integrante della Cerca riqualificata come viale urbano. Superficie territoriale mq Slp edificabile mq produttivo/ direzionale/ commerciale 100% Complessivamente la superficie di suolo impermeabilizzato viene ridotta rispetto alla situazione esistente e si riduce anche la capacità insediativa residenziale rispetto al PGT vigente. In sede di PA particolare attenzione dovrà essere posta alla soluzione dell innesto dell accesso carraio del nuovo complesso industriale sulla Cerca, tenendo tuttavia conto del fatto che con l attuazione del prolungamento della 161 la provinciale non sarà più un arteria di attraversamento ma un viale urbano a traffico limitato per i mezzi pesanti (accesso consentito alle attività produttive insediate, proibizione del transito di attraversamento). 20

21 P AMBITI PREVALENTEMENTE PRODUTTIVI Ambito P3 VIA DON MINZONI Assetto planivolumetrico e modalità di Valgono le disposizioni generali dell articolo 14 delle Nta del Documento di piano. E prevista la sistemazione ambientale delle aree che affiancano la linea metropolitana. Opere di adeguamento della struttura urbana e di riqualificazione dell ambiente e del paesaggio. L ambito partecipa agli oneri per le opere di mitigazione e inserimento paesistico del nuovo tratto di viabilità in variante alla Cerca. Superficie territoriale mq Slp edificabile mq produttivo 100% 21

Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano 1

Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano 1 Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano Indice Aree di trasformazione di interesse pubblico...3 TRP Area per la localizzazione di servizi per l istruzione...4 TRP - Nuova area a servizi tecnologici

Dettagli

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 La VARIANTE interessa i seguenti Comparti: - Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 Per questi comparti è prevista la modifica sia della parte di testo che della parte grafica. Si

Dettagli

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO Art. 1.03 DEROGHE ALLE PRESENTI NORME Deroghe alle presenti norme sono ammissibili nei limiti e nella forma stabiliti dall art. 41 quater, L. 17/8/1942 n. 1150,

Dettagli

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI funzioni attinenti la produzione di beni e di servizi, sia pubblici sia privati, purché le attività svolte o previste non siano tali da costituire fonte di inquinamento atmosferico, del suolo o sonoro,

Dettagli

VARIANTE AL P.I.I. SCATOLIFICIO TASSI RELAZIONE ILLUSTRATIVA. Il progettista Arch. Franco Oggioni. Imm. Onda S.R.L. Sig.

VARIANTE AL P.I.I. SCATOLIFICIO TASSI RELAZIONE ILLUSTRATIVA. Il progettista Arch. Franco Oggioni. Imm. Onda S.R.L. Sig. VARIANTE AL P.I.I. SCATOLIFICIO TASSI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il progettista Arch. Franco Oggioni Imm. Onda S.R.L. Sig. Roberto Speretta Luglio 2014 1 La proposta di variante è caratterizzata dai seguenti

Dettagli

Podere Grande Colturano

Podere Grande Colturano Inquadramento Territoriale A51 Tangenziale Est Milano A58 TEEM Milano Linate Rogoredo FS MM Rogoredo SP 415 Paullese A50 Tangenziale Ovest MM2 S. Donato M.se Lambrate SS 9 Via Emilia S. Giuliano M.se Podere

Dettagli

1 Studio tecnico arch. Marielena Sgroi

1 Studio tecnico arch. Marielena Sgroi DOCUMENTO DI PIANO 1 P. d. C n 10 VIA ALLA PISCINA c a b 144 a b c 145 P. d. C n 10 VIA ALLA PISCINA Descrizione dell area L ambito interessa un comparto ubicato tra la piscina di interesse sovraccomunale

Dettagli

- Funzioni principali H1 Funzioni ricettive Funzioni direzionali tutte

- Funzioni principali H1 Funzioni ricettive Funzioni direzionali tutte Art. 54 - Ambito di completamento 1 Via Milano Ambito di completamento Area di localizzazione dell edificazione Area verde in cessione Area verde privato a. Obiettivi di progetto Obiettivo generale d intervento

Dettagli

Ambito di Trasformazione Urbana. Se + Ve. Scva (verde pubblico, parcheggi) Scers. Nuova viabilità interna. Permeabilità e/o connessioni ciclo-pedonali

Ambito di Trasformazione Urbana. Se + Ve. Scva (verde pubblico, parcheggi) Scers. Nuova viabilità interna. Permeabilità e/o connessioni ciclo-pedonali Ambito di Trasformazione Urbana Se + Ve Scva (verde pubblico, parcheggi) Scers Nuova viabilità interna Permeabilità e/o connessioni ciclo-pedonali Connessioni verdi e percorsi ciclo-pedonali Verde esistente

Dettagli

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 PARTICOM UNO SPA OMISSIS ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 L ambito comprende le aree per la riqualificazione e la reindustrializzazione dell insediamento ex Alfa

Dettagli

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI PERUGIA Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Urbanistica NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE TESTO UNICO DELLE NORME DI ATTUAZIONE Parte operativa STRALCIO Gruppo di lavoro:

Dettagli

Piano dei servizi. Prima Variante al Piano di Governo del Territorio. Relazione. Comune di Settala Provincia di Milano

Piano dei servizi. Prima Variante al Piano di Governo del Territorio. Relazione. Comune di Settala Provincia di Milano Provincia di Milano Prima Variante al Piano di Governo del Territorio Piano dei servizi Relazione Sindaco: E. Sozzi Assessore all'urbanistica T. Lupi Responsabile al procedimento: S. Comi Progettisti:

Dettagli

VARIANTE URBANISTICA. Norme Tecniche di Attuazione. Zona di Decentramento n. 8

VARIANTE URBANISTICA. Norme Tecniche di Attuazione. Zona di Decentramento n. 8 DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO DEL TERRITORIO Settore Pianificazione Urbanistica Attuativa e Strategica ATTO INTEGRATIVO ALL ACCORDO DI PROGRAMMA, PROMOSSO DAL COMUNE DI MILANO, AI SENSI DELL ART. 34 D.LGS.

Dettagli

PROGETTO DI AREA ARTIGIANALE IN COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI (PV)

PROGETTO DI AREA ARTIGIANALE IN COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI (PV) Variante di PRG Redatta ai sensi del DPR 447/98 S.U.A.P. Sportello Unico Attività Produttive PROGETTO DI AREA ARTIGIANALE IN COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI (PV) Luglio 2009 VIA SCOPOLI, 12 27100 PAVIA

Dettagli

PRINCIPALI NOVITA DI PIANO DELLE REGOLE E PIANO DEI SERVIZI

PRINCIPALI NOVITA DI PIANO DELLE REGOLE E PIANO DEI SERVIZI LA VARIANTE AL PGT DI MONZA Innovazione nei processi di pianificazione integrata alla scala comunale PRINCIPALI NOVITA DI PIANO DELLE REGOLE E PIANO DEI SERVIZI Arch. Giuseppe Riva dirigente Settore Governo

Dettagli

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:... 1 SCHEDA AU_03_18175.pdf COMUNE DI VERRUA PO PROVINCIA DI PAVIA PGT TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE INDICE PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

Dettagli

COMPENSAZIONI & MITIGAZIONI. Adozione di soluzioni tecnlogiche a basse emissioni e a basso consumo energetico

COMPENSAZIONI & MITIGAZIONI. Adozione di soluzioni tecnlogiche a basse emissioni e a basso consumo energetico AMBITO DI TRASFORMAZIONE PRODUTTIVO DERIVATO DAL PGT 2007 A.T.I. 1 - via Abruzzi Generalità Area a seminativo semplice ai margini della zona industriale lungo la S.P. 179 7.138 Sup. Lorda di Pavimentazione

Dettagli

versione definitiva marzo 2003 a seguito approvazione

versione definitiva marzo 2003 a seguito approvazione 349 350 8.3.6. SS.106: COMPLETAMENTO RESIDENZIALE L intervento si localizza sul bordo meridionale del tessuto edilizio residenziale localizzato lungo il fronte meridionale della SS. 106 declassata, verso

Dettagli

Azzonamento del PRG CALCOLO DELLA CAPACITA INSEDIATIVA DEL PRG

Azzonamento del PRG CALCOLO DELLA CAPACITA INSEDIATIVA DEL PRG PTCP: Calcolo della superficie urbanizzabile Ciò si traduce in una facoltà massima di prevedere 6,09 HA di nuove aree di espansione (Superficie Ammissibile delle Espansioni). Azzonamento del PRG CALCOLO

Dettagli

- - - - - 1 - 2 - - - - 3 - - 4 - 5 - - 6 - - 7 - 8 PROGETTO SPECIALE n.6 - Caionvico Inquadramento dell area Localizzazione: Quadrante est della città Via S. Orsola Stato di fatto: L ambito interessa

Dettagli

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Pian Saccoccia

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Pian Saccoccia Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n. 19.11 Pian Saccoccia La manovra di recupero dei nuclei di edilizia ex abusiva L Amministrazione di Roma Capitale, fin dalla

Dettagli

PREMESSA. La modifica del Documento di Piano è soggetta a Valutazione Ambientale Strategica

PREMESSA. La modifica del Documento di Piano è soggetta a Valutazione Ambientale Strategica PREMESSA L Amministrazione Comunale con avviso pubblicato il 29.11.2010 ha dato avvio al procedimento di Variante al Piano di Governo del Territorio (P.G.T.), finalizzata a valorizzare tre aree di proprietà

Dettagli

Piano Attuativo di Iniziativa Privata

Piano Attuativo di Iniziativa Privata Comune di Pisa Piano Attuativo di Iniziativa Privata Variante al Regolamento Urbanistico- Scheda Norma n. 06.1 Cisanello - area filtro verde - area agricola S. Michele - comparto 3 N o r m e T e c n i

Dettagli

VARIANTE PARZIALE AL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE VIGENTE, AREA DI S. ANNA

VARIANTE PARZIALE AL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE VIGENTE, AREA DI S. ANNA VARIANTE PARZIALE AL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE VIGENTE, AREA DI S. ANNA INQUADRAMENTO LOCALIZZATIVO L area del PEEP è localizzata a nord est del centro storico lungo la strada vicinale di Sant Anna, in

Dettagli

COMUNE DI CESANO BOSCONE CITTA METROPOLITANA DI MILANO

COMUNE DI CESANO BOSCONE CITTA METROPOLITANA DI MILANO COMUNE DI CESANO BOSCONE CITTA METROPOLITANA DI MILANO VARIANTE GENERALE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Legge Regionale n.12 del 11/03/2005 AMBITI A VOLUMETRIA DEFINITA SERVIZI - REGOLE INSEDIATIVE luglio

Dettagli

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici TORINO Via Bistagno, 10 Palazzo uffici Aprile 2013 Localizzazione 2 Descrizione Il complesso immobiliare occupa un intero isolato, di forma romboidale, delimitato a nord-est da Via Monbasiglio, a est da

Dettagli

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013

Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 Norme Tecniche Operative Variante adeguata alla D.C.C. n. 12 del 02/05/2013 1 Maggio 2013 I N D I C E (in rosso gli articoli e gli allegati variati o aggiunti) ART. 1 - DEFINIZIONE ED AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

di pavimento residenziale (Slpr)

di pavimento residenziale (Slpr) Scheda n.4 «S. Andrea» SUB AMBITI 1. Descrizione L estensione complessiva dell ambito è di 51 ha, e interessa l area compresa tra le ultime abitazioni del quartiere Pescara, fin quasi al confine comunale

Dettagli

Centralità Urbana e Metropolitana Collatina

Centralità Urbana e Metropolitana Collatina Centralità Urbana e Metropolitana Collatina Trasformazione e riqualificazione del Complesso Centro Carni di Roma 28 Luglio 2009 1 LA RIQUALIFICAZIONE URBANA 2-33 LA CONSULTAZIONE PREVENTIVA L indagine

Dettagli

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE Scheda quantitativa dei dati urbani (art. 14, 1 comma, punto 2, l.r. 56/1977) COMUNE DI VIGNONE Localizzazione amministrativa Localizzazione geografica Provincia

Dettagli

ESTRATTI CARTOGRAFICI E ESTRATTO NORME TECNICHE E TABELLE TECNICHE PARAMETRICHE TAVOLA 02

ESTRATTI CARTOGRAFICI E ESTRATTO NORME TECNICHE E TABELLE TECNICHE PARAMETRICHE TAVOLA 02 Progettista via dell'autostrada n. 9 51019 Ponte Buggianese (PT) COMUNE DI ALTOPASCIO Provincia di Lucca VARIANTE PUNTUALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO ai sensi dell'art.8 del DPR n.160/2010 e dell'art.

Dettagli

Comune di Bollate. Piano dei Servizi

Comune di Bollate. Piano dei Servizi Comune di Bollate Provincia di Milano Piano di Governo del Territorio 2010 Piano dei Servizi SP03 Relazione Proposta Variante puntualevariante parziale n. 2 Settembre 2013 Maggio 2014 Adottato dal C.C.

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009. Piano delle Regole

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009. Piano delle Regole COMUNE di TAVERNOLE S/MELLA Provincia di Brescia PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DELIBERA C.C. N. 22 DEL 03/11/2009 VARIANTE 2011 Piano delle Regole Estratto Norme tecniche di attuazione modificate a seguito

Dettagli

Art.5 Standard urbanistici primari e secondari opere di urbanizzazione

Art.5 Standard urbanistici primari e secondari opere di urbanizzazione Art.1 Descrizione e obiettivi della trasformazione Art.2 Modalità di attuazione Art.3 Nuovi spazi, nuove volumetrie e destinazioni ammesse Art.4 Norme per la progettazione paesaggistica Art.5 Standard

Dettagli

Allegato B alle disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio

Allegato B alle disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Area Tecnica e Sviluppo del Territorio Via Dante 21, Robecco sul Naviglio (Mi) Allegato B alle disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Criteri d intervento relativi

Dettagli

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005)

VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art L.R. N. 12/2005) COMUNE DI TRIUGGIO (MILANO) VARIANTE PARZIALE P.R.G. RELATIVA P.I.I. CANONICA (art. 25 - L.R. N. 12/2005) DOC. N 1 - DELIBERAZIONE DI ADOZIONE E APPROVAZIONE DOC. N 2 - AZZONAMENTO VIGENTE - INDIVIDUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CAVEZZO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI CAVEZZO PROVINCIA DI MODENA CRITERI E VALUTAZIONE DELLE AREE FABBRICABILI, E DEI FABBRICATI IN RISTRUTTURAZIONE, AI FINI I.C.I. PER L ANNO 2009 La valutazione delle aree fabbricabili deve essere effettuata ai sensi dell art. 5 comma

Dettagli

Studio tecnico arch. Marielena Sgroi

Studio tecnico arch. Marielena Sgroi 0 NOTA : LE PARTI MODIFICATE SONO SCRITTE IN COLORE BLU LE PARTI MODIFICATE A SEGUITO ACCOGLIMENTO ERRORI MATERIALI VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE SONO SCRITTE IN COLORE BLU LE PARTI STRALCIO DEL P.T.R.

Dettagli

PIANO ATTUATIVO in variante: intervento di edilizia libera e E.R.P. in via Cantaluppo e via I. Nievo

PIANO ATTUATIVO in variante: intervento di edilizia libera e E.R.P. in via Cantaluppo e via I. Nievo Comune di Monza PIANO ATTUATIVO in variante: intervento di edilizia libera e E.R.P. in via Cantaluppo e via I. Nievo Lottizzanti: Sig. Arosio FRATREM S.n.c. ALLEGATO 12 RELAZIONE SUL SISTEMA DELLA VIABILITA'

Dettagli

PGT del Comune di Barbianello TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO PRODUTTIVO ESISTENTE

PGT del Comune di Barbianello TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO PRODUTTIVO ESISTENTE 1 SCHEDA AU_05_18008.PDF COMUNE DI BARBIANELLO PROVINCIA DI PAVIA PGT TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO PRODUTTIVO ESISTENTE INDICE PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

Dettagli

ROMA CAPITALE. Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio MUNICIPIO XVI

ROMA CAPITALE. Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio MUNICIPIO XVI ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Programmazione e Pianificazione del Territorio MUNICIPIO XVI PIANO DI RECUPERO DI UN COMPLESSO IMMOBILIARE SITO IN ROMA, VICOLO

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA Legge regionale 13 marzo 2012 - n. 4 Norme per la valorizzazione del patrimonio edilizio esistente e altre disposizioni in materia urbanistico edilizia

Dettagli

STUDIO TECNICO GEOM. CARLO GIOVANNI MARENZI

STUDIO TECNICO GEOM. CARLO GIOVANNI MARENZI STUDIO TECNICO GEOM. CARLO GIOVANNI MARENZI 1 ALLEGATO 2a) Tabella con indicati i parametri urbanistici ed edilizi riferiti all'area oggetto prima e dopo l'intervento, effettuando anche la verifica degli

Dettagli

Schede Ambiti di completamento Pagina 2

Schede Ambiti di completamento Pagina 2 AMBITI DI COMPLETAMENTO ACR 1 Completamento residenziale Via E.Ferrario pag. 4 ACR 2 Completamento residenziale Via Zara pag. 8 ACR 3 Completamento residenziale Via San Giovanni Bosco pag. 11 ACR 4 Completamento

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI CESANO BOSCONE Provincia di Milano EMENDATO DAL CONSIGLIO COMUNALE: DELIBERA N 18 DEL 05/07/2012 PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE RELAZIONE SINDACO Dott. Vincenzo D'Avanzo PROGETTISTI

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA COME SI PUO DEFINIRE L URBANISTICA? E una disciplina che si interessa dell uso e dello sviluppo del territorio

LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA COME SI PUO DEFINIRE L URBANISTICA? E una disciplina che si interessa dell uso e dello sviluppo del territorio LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA COME SI PUO DEFINIRE L URBANISTICA? E una disciplina che si interessa dell uso e dello sviluppo del territorio L URBANISTICA E UNA SCIENZA? E una scienza nelle misura in cui

Dettagli

Allegato I. Relazione sul sistema della viabilità e mobilità. 01 Aprile 2016. 22 Giugno 2015. Arch. Franco Oggioni

Allegato I. Relazione sul sistema della viabilità e mobilità. 01 Aprile 2016. 22 Giugno 2015. Arch. Franco Oggioni Allegato I Relazione sul sistema della viabilità e mobilità Arch. Franco Oggioni 01 Aprile 2016 22 Giugno 2015 Z:\monza\via_taccona_giambelli\IN CORSO\ Premessa L area oggetto del presente Piano Attuativo

Dettagli

di cui alla Convenzione con l Unione dei Comuni Valli e Delizie e con il Comune di Argenta del Rep., con la quale sono stati stabiliti

di cui alla Convenzione con l Unione dei Comuni Valli e Delizie e con il Comune di Argenta del Rep., con la quale sono stati stabiliti NORME TECNICHE EDIFICATORIE Art. 1 Ambito di applicazione Le presenti norme si applicano all interno di un ambito per nuovi insediamenti urbani (ANS1) destinato prevalentemente alla funzione residenziale

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA Provincia di Milano Settore gestione del territorio, lavori pubblici e sviluppo economico Oggetto RELAZIONE TECNICA Il Comune di Trezzo sull'adda dispone di un Piano di Governo

Dettagli

NUOVA BADIA U.M.I. N.1

NUOVA BADIA U.M.I. N.1 COMUNE DI BAGNOLO CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA Piano Attuativo di iniziativa privata residenziale-commerciale Ambito di Trasformazione Residenziale 2 ai sensi della l.r. 12/2005 e ai sensi dell art. 5

Dettagli

L'area d intervento dell intero piano è sita in Comune di Villa Estrense (PD) nella frazione, identificata catastalmente al:

L'area d intervento dell intero piano è sita in Comune di Villa Estrense (PD) nella frazione, identificata catastalmente al: PREMESSA: Gli elaborati che si accompagnano al presente progetto sono presentati dal Sig. Gallana Aniceto, via della Commenda, n 8, 39049 Vipiteno BZ, C.F. GLLNCT34H16L937H. Il tecnico incaricato è l architetto

Dettagli

Accordo Territoriale. Bologna, 18 Luglio Comune di Bologna. Comune di Bologna

Accordo Territoriale. Bologna, 18 Luglio Comune di Bologna. Comune di Bologna Accordo Territoriale relativo agli assetti territoriali, urbanistici, infrastrutturali della Nuova Stazione Ferroviaria di Bologna ai sensi dell art. 15. L.R. 20/2000 Bologna, 18 Luglio 2006 Obiettivi

Dettagli

DELIMITAZIONE DEL CENTRO URBANO E DELLE AREE DEGRADATE (art. 3, comma 1, lett. m), L.R. 50/2012) Schede aree degradate

DELIMITAZIONE DEL CENTRO URBANO E DELLE AREE DEGRADATE (art. 3, comma 1, lett. m), L.R. 50/2012) Schede aree degradate COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso Elaborato B DELIMITAZIONE DEL CENTRO URBANO E DELLE AREE DEGRADATE (art. 3, comma 1, lett. m), L.R. 50/2012) Schede aree degradate Il Sindaco Dott. Francesco Pietrobon

Dettagli

d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m.

d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m. studio SALMASO & ASSOCIATI d o t t. S a l m a s o i n g. L o r e n z o d o t t. S a l m a s o i n g. P i e r v i t t o r i o B o r t o l o t t o g e o m. G i a n p a o l o COMUNE DI FOSSÒ PROVINCIA DI

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regionale

Nuovo Piano Casa Regionale Nuovo Piano Casa Regionale Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Settembre 2011 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente

Dettagli

StudioED viale S. Gimignano, 8 Milano Comune di Rho Comparto 4 RELAZIONE TECNICA INTERVENTO RESIDENZIALE COMPARTO 4 PGT

StudioED viale S. Gimignano, 8 Milano Comune di Rho Comparto 4 RELAZIONE TECNICA INTERVENTO RESIDENZIALE COMPARTO 4 PGT StudioED viale S. Gimignano, 8 Milano Comune di Rho Comparto 4 RELAZIONE TECNICA INTERVENTO RESIDENZIALE COMPARTO 4 PGT Via Terrazzano - via dei Ronchi Arch. Eduardo di Marco (C.F. DMRDRD38S08E974Y) iscritto

Dettagli

COMUNE DI MODENA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

COMUNE DI MODENA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO COMUNE DI MODENA 2003DI INTERVENTO PROGRAMMA INTEGRATO Tav. N PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO VIA EMILIA EST PEEP N 9 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PREVISIONE DI SPESA Adottato con Del. di C.C. n. 71 del

Dettagli

LIVELLI DI PIANIFICAZIONE E TIPI DI PIANO

LIVELLI DI PIANIFICAZIONE E TIPI DI PIANO LIVELLI DI PIANIFICAZIONE E TIPI DI PIANO Legge n. 1150/1942 Legge urbanistica fondamentale D.P.R. n. 616/1977 In attuazione della Legge n. 382/1975 Legge di delega alle Regioni delle funzioni legislative

Dettagli

Estratto NTA del Piano dei Servizi. con riportate le variazioni. Previsioni di Piano. Comune di Nembro Provincia di Bergamo

Estratto NTA del Piano dei Servizi. con riportate le variazioni. Previsioni di Piano. Comune di Nembro Provincia di Bergamo Comune di Nembro Provincia di Bergamo Eugenio Cavagnis Vincenzo De Filippis Mariarosa Perico - sindaco - segretario comunale - assessore territorio e lavori pubblici - Piano di Governo del Territorio Piano

Dettagli

COMUNE DI TURATE. Documento di Piano Criteri d intervento relativi agli ambiti di trasformazione. N. Ambito

COMUNE DI TURATE. Documento di Piano Criteri d intervento relativi agli ambiti di trasformazione. N. Ambito 310 N. Ambito Localizzazione ecografica: confine con il Comune di Gerenzano (parte) prossimità a via Fermi Localizzazione catastale: mappali: 10282, 10300, 10297, 6167, 6168, 750 p Rappresentazione cartografica

Dettagli

P.R.U. RUBATTINO - PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA

P.R.U. RUBATTINO - PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA P.R.U. RUBATTINO - PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA Riqualificazione Area Ex Innocenti Maserati Il Programma di Riqualificazione Urbana - P.R.U., compreso tra via Pitteri, via Crespi e via Rubattino,

Dettagli

COMUNE DI CESENA Settore Programmazione Urbanistica QUALITA DEI SERVIZI ANALISI DEI TESSUTI QUARTIERE AL MARE

COMUNE DI CESENA Settore Programmazione Urbanistica QUALITA DEI SERVIZI ANALISI DEI TESSUTI QUARTIERE AL MARE COMUNE DI CESENA Settore Programmazione Urbanistica QUALITA DEI SERVIZI ANALISI DEI TESSUTI QUARTIERE AL MARE 10 luglio 2013 INQUADRAMENTO TERRITORIALE QUARTIERE AL MARE Scala 1:30.000 CAPANNAGUZZO CESENATICO

Dettagli

=== Relazione tecnico-descrittiva ===

=== Relazione tecnico-descrittiva === COMUNE DI PISA Nuovo insediamento residenziale in Pisa Via Puglia AREA DI TRASFORMAZIONE SOGGETTA A PIANO ATTUATIVO ( SCHEDA NORMA N. 7.7 ) Proprietà: Bracaloni Fabio Ubicazione: Pisa, Via Puglia *********************

Dettagli

S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I

S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I Regione Piemonte S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I Art. 14, 1 comma, lettera 2c, della Legge Regionale n.56/77 e s.m.i. COMUNE DI ALBA Localizzazione amministrativa Localizzazione

Dettagli

ALLEGATO D MATRICI DI SCOPING: ANALISI DI INTERFERENZA

ALLEGATO D MATRICI DI SCOPING: ANALISI DI INTERFERENZA ALLEGATO D MATRICI DI SCOPING: ANALISI DI INTERFERENZA Matrici di Scoping Interferenza potenzialmente negativa Interferenza potenzialmente positiva Interferenza incerta o potenzialmente non rilevante OG.

Dettagli

COMUNE di MAGREGLIO Provincia di Como - Regione Lombardia

COMUNE di MAGREGLIO Provincia di Como - Regione Lombardia COMUNE di MAGREGLIO Provincia di Como - Regione Lombardia PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R. 12/2005 Allegato 1 - PIANO DELLE REGOLE Aprile 2013 SCHEDE COMPARTI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA CRU Adozione

Dettagli

Allegato A alle Disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio

Allegato A alle Disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Allegato A alle Disposizioni attuative del del Piano di governo del territorio Criteri d intervento relativi agli ambiti di pianificazione convenzionata Elaborato adeguato rispetto alle osservazioni approvate

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA PIANO ATTUATIVO AREA DI COMPLETAMENTO CP18 QUARTIERE CAMPI ALTI RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1. Inquadramento generale. L area oggetto di intervento ha forma pressochè triangolare ed è posta nella zona residenziale

Dettagli

Dott. Arch. Marielena Sgroi- Lambrugo (Co) via C. Battisti, n 19 tel 031/ f ax 031/ Mail :

Dott. Arch. Marielena Sgroi- Lambrugo (Co) via C. Battisti, n 19 tel 031/ f ax 031/ Mail : 0 CAPACITA INSEDIATIVA DEL P.G.T. Il computo è riferito alla allegata Tav.13 PROGETTO Piano dei servizi, ove sono indicati con apposita numerazione le aree da conteggiare a tal fine. INSEDIAMENTI RESIDENZIALI

Dettagli

Tabella n. 3 - Computo dell incidenza degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione primarie per un insediamento teorico di 5.

Tabella n. 3 - Computo dell incidenza degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione primarie per un insediamento teorico di 5. Tabella n. 3 - Computo dell incidenza degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione primarie per un insediamento teorico di 5.000 abitanti opere di urbanizzazione primaria sistema viario pedonale e

Dettagli

PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES

PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES maggio 2011 PdZ 20 PONTE DI NONA OCTIES Indice 1 Oggetto della Variante 2 Descrizione delle aree oggetto di variante 3 Dimensionamento del piano 1 Oggetto della Variante La Variante octies al Piano di

Dettagli

Comune di Pradalunga. Variante n.2 al Piano di Governo del Territorio

Comune di Pradalunga. Variante n.2 al Piano di Governo del Territorio 1 Comune di Pradalunga Variante n.2 al Piano di Governo del Territorio 1 - OBIETTIVI DELLA La presente variante n.2 al PGT di Pradalunga ha come obiettivo principale la riorganizzazione infrastrutturale

Dettagli

PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES

PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES maggio 2011 PdZ C22 CASALE NEI QUINQUIES Indice 1 Oggetto della Variante 2 Descrizione delle aree oggetto di variante 3 Dimensionamento del piano 1 Oggetto della Variante La Variante quinquies al Piano

Dettagli

PdZ D5 ROMANINA QUATER

PdZ D5 ROMANINA QUATER maggio 2011 PdZ D5 ROMANINA QUATER Indice 1 Oggetto della Variante 2 Descrizione delle aree oggetto di variante 3 Dimensionamento del piano 1 Oggetto della Variante La Variante quater al Piano di Zona

Dettagli

Comune di Montemarciano Provincia di Ancona

Comune di Montemarciano Provincia di Ancona Comune di Montemarciano Provincia di Ancona VARIANTE PARZIALE AL P.R.G. PER L AREA DELLA PARROCCHIA DI SANTA MARIA DELLA NEVE E SAN ROCCO LOCALITA MARINA - P.02 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RAFFRONTO PRG

Dettagli

Comune di Strozza SCHEDE AMBITI DI TRASFORMAZIONE. Modificate a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni

Comune di Strozza SCHEDE AMBITI DI TRASFORMAZIONE. Modificate a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni Comune di Strozza SCHEDE AMBITI DI TRASFORMAZIONE Modificate a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005 1 IL PROGETTISTA Dott. Cosimo Caputo PIANIFICATORE TERRITORIALE

Dettagli

COMUNE DI FORESTO SPARSO BERGAMO

COMUNE DI FORESTO SPARSO BERGAMO COMUNE DI TELGATE Piazza V. Veneto, 42 24060 Telgate (BG) Tel. 035830121 Fax 0354421101 Codice Fiscale e P.IVA 00240940163 e-mail: tecnico@comune.telgate.bg.it COMUNE DI FORESTO SPARSO BERGAMO RELAZIONE

Dettagli

Art Gli assetti della grande distribuzione commerciale...1

Art Gli assetti della grande distribuzione commerciale...1 P T C P PROVINCIA DI FORLI'-CESENA VARIANTE SPECIFICA AL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE ai sensi dell'art27 bis LR20/2000 e ssmmii Approvato con delibera CP n68886/146 del 14/09/2006 Integrato

Dettagli

C o m u n e d i R o n c h i d e i L e g i o n a r i Provincia di Gorizia

C o m u n e d i R o n c h i d e i L e g i o n a r i Provincia di Gorizia C o m u n e d i R o n c h i d e i L e g i o n a r i Provincia di Gorizia SETTORE URBANISTICO O G G E T T O VARIANTE N 20 AL PRGC PROPOSTA DI MODIFICHE ALLE N.T.A. DEL P.R.G.C. CONNESSE ALL APPROVAZIONE

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) DEL DOCUMENTO DI PIANO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. NOTA al RAPPORTO AMBIENTALE COMUNE DI MUGGIÒ

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) DEL DOCUMENTO DI PIANO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. NOTA al RAPPORTO AMBIENTALE COMUNE DI MUGGIÒ VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) DEL DOCUMENTO DI PIANO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO NOTA al RAPPORTO AMBIENTALE COMUNE DI MUGGIÒ Luglio 2008 VAS del PGT Nota al Rapporto Ambientale Autorità

Dettagli

INCONTRI DI URBANISTICA. Dal Piano regolatore generale al nuovo Piano urbanistico comunale 1. Dal PRG al PSC

INCONTRI DI URBANISTICA. Dal Piano regolatore generale al nuovo Piano urbanistico comunale 1. Dal PRG al PSC INCONTRI DI URBANISTICA Dal Piano regolatore generale al nuovo Piano urbanistico comunale Comune di Sant Ilario d Enza 1. Dal PRG al PSC Percorso di partecipazione Ascoltare il territorio Assessorato all

Dettagli

COMUNE DI PARATICO Provincia di Brescia

COMUNE DI PARATICO Provincia di Brescia COMUNE DI PARATICO Provincia di Brescia Piano Governo del Territorio VARIANTE 3 PIANO DEI SERVIZI ALL. E1 - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE APPROVAZIONE Il Progettista arch. Agostino Baronchelli l u g l i

Dettagli

Estratto tavola G.9 Rete Ecologica Locale - NORD e sito di intervento (in rosso)

Estratto tavola G.9 Rete Ecologica Locale - NORD e sito di intervento (in rosso) APOT n 1 Borghetto, Loc. Badiaccia (ID 1) L'area individuata è contigua ad un comparto residenziali in corso di completamento, inoltre è adiacente alla S.R. Nº 71 e all'innesto con essa dalla Strada Comunale

Dettagli

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) RELAZIONE ILLUSTRATIVA

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) RELAZIONE ILLUSTRATIVA CAPO I - ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO DI VARIANTE I.1. - Inquadramento territoriale Il presente progetto è riferito ad una variante ad un progetto urbanistico approvato e relativo ad un area situata in località

Dettagli

Comune di Minerbe Piano di Assetto del Territorio (PAT) A.T.O. = 01 : C A P O L U O G O

Comune di Minerbe Piano di Assetto del Territorio (PAT) A.T.O. = 01 : C A P O L U O G O A.T.O. = 01 : C A P O L U O G O DATI ESISTENTI Rapporto Superficie territoriale = kmq. 4,51 Abitanti esistenti(al dicembre 2010) = n 3.472 Abitanti insediabili residuo PRG = n 341 Servizi per la residenza

Dettagli

2. VINCOLI E PIANI SOPRAORDINATI L area è compresa nella zona di tutela dei corpi idrici superficiali e sotterranei.(art. 23 del PTCP).

2. VINCOLI E PIANI SOPRAORDINATI L area è compresa nella zona di tutela dei corpi idrici superficiali e sotterranei.(art. 23 del PTCP). Var. 89 Scheda norma B 24 Rossi e Catelli ex As2 (Tav. P.R.G.29). PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA L'area di intervento è posta a sud ovest della città. A nord è

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1 - PREMESSA 2 - INQUADRAMENTO TERRITORIALE

RELAZIONE TECNICA 1 - PREMESSA 2 - INQUADRAMENTO TERRITORIALE 1 - PREMESSA La documentazione allegata è riferita alla proposta di attuazione di iniziativa privata del Piano Attuativo ricadente nel Campo della modificazione m2_1 ubicato a nord del territorio comunale

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Via Dosso Faiti 2 RELAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Via Dosso Faiti 2 RELAZIONE Comune di MARIANO COMENSE TAV: Provincia di Como Oggetto: PIANO DI LOTTIZZAZIONE Via Dosso Faiti 2 RELAZIONE ADOTTATO CON DELIBERA N. IN DATA PUBBLICATO DAL AL APPROVATO CON DELIBERA N. IN DATA IL TECNICO

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI PARTE PRIMA - ASPETTI GENERALI DEL PIANO art. 1.1. - applicazione ed arco temporale di validità del Piano art. 1.2. - elaborati

Dettagli

COMUNE DI CESANO BOSCONE CITTA METROPOLITANA DI MILANO

COMUNE DI CESANO BOSCONE CITTA METROPOLITANA DI MILANO COMUNE DI CESANO BOSCONE CITTA METROPOLITANA DI MILANO VARIANTE GENERALE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Legge Regionale n.12 del 11/03/2005 Allegato alle NTA del Piano delle Regole luglio 2017 agg. novembre

Dettagli

Programma Integrato di Intervento dell area Fili Legnami in Via Marconi 143 a Desenzano del Garda (redatto ai sensi della L.R. 12/05 e s.m.i.

Programma Integrato di Intervento dell area Fili Legnami in Via Marconi 143 a Desenzano del Garda (redatto ai sensi della L.R. 12/05 e s.m.i. Programma Integrato di Intervento dell area Fili Legnami in Via Marconi 143 a Desenzano del Garda (redatto ai sensi della L.R. 12/05 e s.m.i.) RELAZIONE TECNICA DATI TECNICI ESSENZIALI Il Programma Integrato

Dettagli

Programma di Riqualificazione Urbana. Tor Bella Monaca

Programma di Riqualificazione Urbana. Tor Bella Monaca Programma di Riqualificazione Urbana Tor Bella Monaca Le premesse Il quartiere Tor Bella Monaca L attuale stato del quartiere L attuale stato del quartiere Il PdZ 22 Tor Bella Monaca, costruito a partire

Dettagli

LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise

LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise settembre 2016 LOTTO EDIFICABILE - Padova Mortise Progetto Ubicazione: Padova, zona Mortise, via Polonio Lotto edificabile: Residenziale Perequazione Urbana. Volume urbanistico: 670 metri cubi. Progetto

Dettagli

PIANO D AREA DELL AEROPORTO G.D ANNUNZIO DI MONTICHIARI BS

PIANO D AREA DELL AEROPORTO G.D ANNUNZIO DI MONTICHIARI BS PIANO D AREA DELL AEROPORTO G.D ANNUNZIO DI MONTICHIARI BS La Provincia di Brescia si è dotata del proprio P.T.C.P. PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE approvato il 21/04/2004 con Delibera

Dettagli

Regione Emilia-Romagna R.U.E. ELABORATI DI PROGETTO REGOLAMENTO URBANISTICO ED EDILIZIO. Adozione C.C. n. 33 del

Regione Emilia-Romagna R.U.E. ELABORATI DI PROGETTO REGOLAMENTO URBANISTICO ED EDILIZIO. Adozione C.C. n. 33 del Regione Emilia-Romagna Provincia di Parma PSC-RUE-POC Comune di Varano de' Melegari R.U.E. ELABORATI DI PROGETTO REGOLAMENTO URBANISTICO ED EDILIZIO Adozione C.C. n. 33 del 20.06.2007 Controdeduzioni e

Dettagli

Le fasi di formazione della pianificazione comunale. Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità»

Le fasi di formazione della pianificazione comunale. Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità» Le fasi di formazione della pianificazione comunale Legge del 1865 «Sulle espropriazioni per pubblica utilità» Piano regolatore del nucleo urbano esistente; piano regolatore di ampliamento; norme per l

Dettagli

Piano di Governo del Territorio Variante Generale Abbiategrasso 2020: strategie e contenuti

Piano di Governo del Territorio Variante Generale Abbiategrasso 2020: strategie e contenuti Comune di Abbiategrasso Piano di Governo del Territorio Variante Generale 2015 Abbiategrasso 2020: strategie e contenuti arch. Laura Ferrari arch. Paolo Ferrante arch. Emilio Guastamacchia Abbiategrasso,

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (PROV. DI MODENA)

COMUNE DI SASSUOLO (PROV. DI MODENA) COMUNE DI SASSUOLO (PROV. DI MODENA) PIANO URBANISTICO ATTUATIVO IN ESECUZIONE A P.O.C. IN AMBITO APS.i2 FINCIBEC SCHEDA N 27 RELAZIONE TECNICA 1. PREMESSE Premesso che: - in data 14/03/2014 con protocollo

Dettagli

COMUNE di AROSIO. Provincia di Como

COMUNE di AROSIO. Provincia di Como COMUNE di AROSIO Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE A PARCHEGGIO E A VERDE PUBBLICO SIA NEGLI INTERVENTI EDILIZI DIRETTI CHE IN QUELLI SOGGETTI A PIANI ATTUATIVI Approvato con

Dettagli

Variante Generale al PGT di Brescia Illustrazione variante PGT alle parti sociali ed economiche (Art. 13 c. 3 l.r.

Variante Generale al PGT di Brescia Illustrazione variante PGT alle parti sociali ed economiche (Art. 13 c. 3 l.r. Variante Generale al PGT di Brescia 09.07.2015 Illustrazione variante PGT alle parti sociali ed economiche (Art. 13 c. 3 l.r. 12/2005) QUADRO STRATEGICO - SISTEMA AMBIENTALE MESSA A SISTEMA DELLE COMPONENTI

Dettagli