P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO"

Transcript

1 La Vener abile Ar ciconf r at er nit a di Miser icor dia di SARTEANO a cur a del Coor dinament o delle Cent r ali Oper at ive della Regione Toscana pr opone il manuale di: P.B.L.S. 1

2 3%/6 Pediat r ic Basic Lif e Suppor t SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZI ONI VI TALI I N ETA PEDI ATRI CA I nt r oduzione I l PBLS deve esser e pr at icat o nei sogget t i in cui r isult ano compr omesse una o piu f unzioni vit ali- pazient e in ar r est o r espir at or io ( non r espir a ) o con ar r est o car dior espir at or io ( non r espir a, non c è polso ). I l BLS pediat r ico inizia con la valut azione e il suppor t o : 9 Della per viet à delle vie aer ee A 9 Del r espir o B 9 Del cir colo C 2ELHWWLYR L obiet t ivo del PBLS è la pr evenzione del danno anossico celebr ale, per cui è necessar io f or nir e al cor po e specialment e al cer vello ed al cuor e ossigeno at t r aver so le vent ilazioni di soccor so e le compr essioni t or aciche est er ne. I nizialment e non si deve spr ecar e t empo pr ezioso per ot t ener e not izie sull event o. La r ianimazione deve iniziar e immediat ament e Se le cir cost anze lo per met t ono puo esser e ut ile ot t ener e le seguent i inf or mazioni : 1. t empo st imat o dall inizio dell event o 2. cir cost anze dell event o- vomit o (inalazione),dif f icolt à r espir at or ia, sof f ocament o (possibile ingest ione di un cor po est r aneo ), ingest ione di t ossici,t r auma et c. 3. br eve st or ia clinica 4. t er apia f ar macologica in at t o 5. la CPR è st at a iniziat a pr ima dell ar r ivo dell equipaggio BLS? 2

3 I l PBLS compr ende: 9 il r iconosciment o pr ecoce dell ar r est o r espir at or io e/ o car diaco 9 il t empest ivo ed ef f icace allar me 9 il suppor t o del r espir o e del cir colo 9 il r iconosciment o e t r at t ament o dell ost r uzione delle vie aer ee da cor po est r aneo 9 la pr evenzione degli incident i 3

4 (SLGHPLRORJLDGHOO DUUHVWRFDUGLRSROPRQDUHLQHWD SHGLDWULFD La pat ogenesi e l eziologia dell ar r est o car diaco sono molt o diver se nel lat t ant e e nel bambino r ispet t o all adut o. Adult i La causa piu f r equent e di ar r est o car dior espir at or io nell adult o è una ar it mia impr ovvisa: Fibr illazione vent r icolar e Tachicar dia vent r icolar e Br adicar die sever e Le maggior i pr obabilit a di sopr avvivenza sono r appr esent at e dalla def ibr illazione pr ecoce - DP Bambini Nel lat t ant e e nel bambino l impr ovviso ar r est o car diocir colat or io è una evenienza piut t ost o r ar a, r appr esent a invece l event o t er minale in un quadr o di pr ogr essiva ipossia nel cor so di una pat ologia acut a r espir at or ia,neur ologica,inf et t iva, t r aumat ica non t r at t at a pr ecocement e e pr ogr edit a nello scompenso r espir at or io e/ o nella f ase di scompenso dello shock.( t ab.3 ) 4

5 ',))(5(1=($1$720,&+((),6,2/2*,&+(75$%$0%,1,($'8/7, Test a La t est a è gr ande in r appor t o alle dimensioni del cor po. Un neonat o pr esent a delle zone molli ( f ont anelle ) sul capo: STATE ATTENTI A NON COMPRI MERLE DURANTE RCP Vie Aer ee Le vie aer ee super ior i ed inf er ior i del lat t ant e e del bambino hanno un calibr o minor e r ispet t o all dult o Sono piu alt e e piu ant er ior i nel collo La lingua è molt o gr ossa in r appor t o all or of ar ige La t r achea è molt o cor t a e con uno scar so sost egno car t ilagineo. Un modest o edema o un ost r uzione limit at a possono r idur r e il diamet r o delle vie aer ee e det er minar e un isuf f icenza r espir at or ia La cadut a della lingua puo causar e un ost r uzione complet a delle vie aer ee. Consumo di ossigeno,edpelqlkdqqrxq LQWHQVDDWWLYLWD PHWDEROLFDLOFRQVXPRGLRVVLJHQRQHLODWWDQWL q GRSSLR ULVSHWWR DOO DGXOWR GL FRQVHJXHQ]D LQ SUHVHQ]D GL XQ LQVXIILFLHQ]D UHVSLUDWRULDO LSRVVLDVLVYLOXSSDSLX UDSLGDPHQWH 5

6 PARAMETRI VI TALI Nel bambino è necessar io monit or ar e i par amet r i vit ali,f r equenza r espir at or ia e car diaca devono esser e adeguat e all et a. Una f r equenza r espir at or ia e r espir at or ia nor male o bassa in un bambino con compr omissione car dior espir at or ia è un segno est r emament e gr ave e indica un imminent e ar r est o car diocir colat or io. Nel lat t ant e una f r equenza car diaca di 60 bat t it i al minut o con t endenza al peggior ament o è indice di ACR. Fr equenza r espir at or ia La f r equenza r espir at or ia nel lat t ant e e nel bambino è piu alt a di quella dell adult o. FREQUENZA RESPI RATORI A NORMALE I N ETA PEDI ATRI CA Tab.1 Et a Respir i al minut o Lat t ant e Bambino f ino a 2 anni Bambino f ino a 6 anni Bambino in et a scolar e Adolescent e La r espir azione deve esser e silenziosa e non af f at icat a, il t or ace deve espander si in modo simmet r ico. Segni di gr ave compr omissione r espir at or ia sono: La r et r azione della par et e t or acica L uso dei mm. I nt er cost ali L allar gament o delle pinne nasali I l piant o debole e r umor i simili a gr ugnit i Fr equenza car diaca La f r equenza car diaca nel bambino deve esser e alt a )5(48(1=$&$5',$&$1250$/(,1(7$ 3(',$75,&$ 7DE Et a Bat t it i al minut o Lat t ant e Bambino f ino a 2 anni Bambino f ino a 6 anni Bambino in et a scolar e Adolescent e

7 Color it o I l bambino con insuf f icienza r espir at or ia o st at o di shock puo aver e un color it o pallido con mar ezzat ur e del t r onco e degli ar t i. Gr igiast r o, la cianosi è un segno di ipossia t ar divo. St at o di coscienza: I l bambino in st at o di shock o con insuf f icienza r espir at or ia è inizialment e molt o agit at o poi divent a sapor oso. Valut a lo st at o di coscienza con: A (AWAKE) il bambino è sveglio B (VOI CE) r isponde se lo chiami P (PAI N) r isponde allo st imolalo dolor oso U (UNRESPONSI VE) il bambino non r isponde Pr ot ezione t er mica I l r appor t o super f icie cor por ea e volume è piu alt o alla nascit a e decr esce con l et a, ne consegue che la per dit a di ener gia t er mica è un f at t or e di r ischio maggior e per il bambino. L ipot er mia puo sviluppar si pr ecocement e e complicar e il t r at t ament o del bambino. EVI TA L I POTERMI A COPRI E RI SCALDA I L BAMBI NO 7

8 / $%& 9 $DLUZD\YLHDHUHH 9 %EUHDWKLQJUHVSLUR 9 &FLUFXODWLRQFLUFROR Le t ecniche si dif f er enziano in base all et à 9 Lat t ant e ( inf ant ) : al di sot t o di 1 anno di et a (f ino a 10 kg- cir ca 75 cm di alt ezza ) 9 Bambino Piccolo (young child) :da 1 a 8 anni (f ino a 25 kg cir ca 125 cm) 9 Bambino gr ande (older child) olt r e gli 8 anni ( t ecniche BLS adult o) 8

9 SUPPORTI RESPI RATORI E OSSI GENOTERAPI A I l soccor r it or e deve esser e in gr ado di: Det er minar e la necessit a di una cannula or of ar ingea, inser ir e il disposit ivo di dimensioni adeguat e al bambino. I mpiegar e cor r et t ament e l aspir at or e e conoscer e il mat er iale per l aspir azione Vent ilar e cor r et t ament e con pallone di Ambu collegat o o non collegat o ad una f ont e di er ogazione di ossigeno Conoscer e il mat er iale necessar io per l int ubazione or o-t r acheale e suppor t ar e il medico dur ant e l esecuzione della manovr a A valut azione dello st at o di coscienza ( st imolo ver bale e dolor oso, evit ar e scuot iment i). Se il bambino è incoscient e: 1. at t ivar e l equipaggio als 2. posizionar e la vit t ima 3. inst aur ar e la per viet à delle vie aer ee Per ot t ener e la per viet à delle vie aer ee: sollevar e il ment o con una o due dit a di una mano spinger e indiet r o la t est a appoggiando l alt r a mano sulla f r ont e f acendo per no sulla nuca Nel sollevament o del ment o le dit a devono esser e posizionat e sulla mandibola evit ando di compr imer e le par t i molli del collo. 9

10 Nel lat t ant e è impor t ant e eseguir e un' HVWHQVLRQHPRGHUDWDGHLFDSR; un' iper est ensione, inf at t i, può det er minar e un collasso della t r achea a causa dello scar so suppor t o car t ilagineo di quest ' or gano nelle pr ime f asi della vit a. Nell' inst aur ar e la per viet à delle vie aer ee è ut ile ispezionar e il cavo or ale per evidenziar e event uali cor pi est r anei. I n t al caso, ma solo se si è cer t i di pot er est r ar r e il mat er iale visibile, è necessar io eseguir e lo svuot ament o digit ale mediant e un dit o posizionat o ad uncino. 0DQRYUDDOWHUQDWLYD Sollevar e e dislocar e in avant i il ment o. af f er r ando la mandibola e l' ar cat a dent ale inf er ior e con il pollice e due dit a di una mano Quest a manovr a si applica quando il semplice sollevament o della mandibola con uno o due dit a non r isult a ef f icace e quando l' est ensione della t est a e del collo è da evit ar e (t r aumi). I n caso di t r auma è possibile anche eseguir e la manovr a di sublussazione della mandibola: por si diet r o la t est a del pazient e agganciar e gli angoli della mandibola con le due mani spinger e ver so l' alt o la mandibola st essa 10

11 CANNULE OROFARI NGEE 1. ut ilizzar e una cannula con t ut t i i pazient i pediat r ici in st at o di incoscienza che non most r ino r if lessi f ar ingei. 2. liber ar e le vie r espir at or ie del bambino pr ima di inser ir la 3. non spinger e in gola la lingua dur ant e la manovr a 4. cont r ollar e il pazient e in modo r ilevar e la r ipr esa della r espir azione o l insor genza di r if lessi f ar ingei. 5. r imuover e immediat ament e la cannula se il bambino ha r if lessi o vomit a Le dimensioni della cannula per il singolo pazient e si st imano pr endendo la dist anza t r a il lobo dell'or ecchio e l'angolo della bocca. E' comunque consigliabile aver e sempr e a por t at a di mano una dimensione inf er ior e ed una super ior e r ispet t o a quella che si pensa di ut ilizzar e Scelt a delle dimensioni appr opr iat e per la cannula or of ar ingea ETA PESO (kg) CANNULA N MI SURA Pr emat ur o mm Neonat o mm 6 mesi mm 1-2 anni mm 4-6 anni mm 8-10 anni / 5 90 mm 12 anni mm > 12anni > mm 11

12 7HFQLFD La cannula si inser isce int r oducendo la par t e concava dei disposit ivo ver so il palat o r uot andola, dopo l' inser iment o di cir ca la met à della lunghezza t ot ale, di 180' in modo da collocar e la par t e concava a cont at t o della base della lingua. Si complet a quindi l' inser iment o. Mat er iali e t ecniche di aspir azione Per pr at icar e un aspir azione cor r et t a il soccor r it or e si deve: 1. posizionar e alla t est a e gir ar e il bambino su di un f ianco 2. misur ar e il sondino di aspir azione: deve cor r isponder e alla dist anza t r a il lobo dell or ecchio e l angolo della bocca 3. apr ir e la bocca del pazient e e int r odur r e il sondino ma non azionar e l aspir at or e eseguir e l aspir azione VRORdopo che l est r emit a del sondino è in posizione Peso (kg) Misur a sondino (f r ench) Lat t ant e 3-7 kg 8 Bambino piccolo 8-11 kg 8 Bambino kg 8-10 Bambino kg 10 Bambino kg 10 Giovane adult o kg 10 Adult o > 32 kg 12 12

13 %5(63,5$=,21( 9DOXWD]LRQH La valut azione del r espir o si esegue at t r aver so la manovr a del *XDUGR$VFROWR6HQWR(GAS) che deve dur ar e VHFRQGL I l GAS si esegue mant enendo la per viet à delle vie aer ee : JXDUGDQGR se il t or ace e/ o l' epigast r io si sollevano ar it micament e DVFROWDQGR event uali r umor i r espir at or i VHQWHQGR se vi è f lusso d' ar ia che colpisce il volt o dei soccor r it or e. I l lat t ant e ha una r espir azione pr evalent ement e diaf r ammat ica e per t ant o, dur ant e la r espir azione nor male, si osser va più f acilment e il sollevar si r it mico della par et e addominale. La pr esenza di r espir o agonico ("gasping") cioè delle cont r azioni dei muscoli r espir at or i accessor i che non si accompagnano all' espansione dei t or ace e ad un f lusso aer eo, equivale all' assenza dei r espir o. $]LRQH Se il pazient e r espir a: mant ener e la per viet à delle vie aer ee. Solt ant o nel bambino e in assenza di t r auma si può ut ilizzar e la SRVL]LRQHODWHUDOHGLVLFXUH]]D 13

14 6HLOSD]LHQWHQRQUHVSLUDeseguir e 5 vent ilazioni lent e e pr ogr essive della dur at a di I 1,5 secondi ciascuna, con t empo d inspir azione ed espir azione uguali. E necessar io ver if icar e che il t or ace e l addome si espandano dur ant e le insuf f iazioni e si abbassino t r a un insuf f lazione e l alt r a. /RELHWWLYRqTXHOORGLHVHJXLUHDOPHQRYHQWLWD]LLRQL HIILFDFL I n caso di insuccesso bisogna r iposizionar e il capo e r ipet er e 5 insuf f lazioni; se ancor a non si ot t engono almeno 2 vent ilazioni ef f icaci si passa alla sequenza del cor po est r aneo Vent ilazione con pallone - mascher a Mat er iale per la vent ilazione pallone-mascher a Cannule or of ar ingee Palloni di ambu lat t ant e/ pediat r ico o URM pediat r ico Mascher e di dimensioni dal neonat o all adolescent e (misur e 00, 0, 1,2,3,) Bombola ossigeno I l pallone di Ambu per met t e di vent ilar e molt o ef f icacement e il pazient e. Posizionar si diet r o la t est a del bambino, appoggiar e la mascher a at t or no al naso e alla bocca dei pazient e pr emendola con il pollice e l'indice. Mant ener e cont empor aneament e l'est ensione della t est a con le alt r e dit a della st essa mano e compr imer e il pallone con l'alt r a mano. L' insuf f lazione può inolt r e esser e ar r icchit a di ossigeno, sopr at t ut t o se si usa un "r eser voir " connesso con la par t e post er ior e e collegat o con una sor gent e di ossigeno. I l pallone aut oespansibile esist e in t r e dimensioni: lat t ant e (sot t o a 7 Kg), bambino (7-30 Kg) e adult o (sopr a i 30 Kg Evit ar e di insuf f lar e eccessivament e quando si usano quest i disposit ivi;l'eccesso d'insuf f lazione o di pr essione può f acilment e dist ender e lo st omaco, la dist ensione gast r ica peggior a gli scambi r espir at or i e f acilit a il r igur git o gast r ico e la conseguent e inalazione. 14

15 Assist enza al medico dur ant e l int ubazione Mat er iale per int ubazione aspir at or e e sondini pallone o URM e mascher e cannule or of ar ingee lar ingoscopio lame lar ingoscopio(miller 0, 1, 2; MacI nt osh 1, 2, 3.) t ubi endot r acheali (cuf f iat i e non) mandr ini (piccoli e gr andi) pinze di Magill (piccole e gr andi) t ubet t o di Luan cer ot t o o f et t uccia Sequenza: Mont ar e la lama r ichiest a sul manico del lar ingoscopio e ver if icar ne il f unzionament o pr epar ar e il t ubo o.t. della misur a r ichiest a dal medico mandr inar lo e lubr if icar e la punt a con Luan por ger e al medico il lar ingoscopio e il mat er iale per aspir azione por ger e il t.o.t connet t er e il t ubo al pallone ambu o all URM pediat r ico cuf f iar e il t ubo se bambino > di 8anni f issar e il t ubo. Lat t ant e 3-7 kg Bambino Piccolo 8-11 kg Bambino kg Bambino kg Bambino 18-22kg Giovane Adult o kg Giovane Adult o > di 32 kg Lama lar ingoscopio 0-1 dr it t a 1 dr it t a 2 dr it t a o cur va 2 dr it t a o cur va 2 dr it t a o cur va 2-3GULWWD 3 cur va o cur va Tubi endot r acheali 3UHPDWXUL 4 non cuf f iat o 4.5 non cuf f iat o 5 non cuf f iat o 5,5 non cuf f iat o 6 cuf f iat o 6,5 cuf f iat o $ WHUPLQH /DWWDQWH QRQ FXIILDWR t.o.t lungezza cm al labbr o Mandr ino (Fr ench)

16 &&,5&2/$=,21( 9DOXWD]LRQH Dopo le 5 insuf f lazioni di soccor so è necessar io valut ar e se è pr esent e at t ivit à car diocir colat or ia at t r aver so la palpazione di un vaso ar t er ioso cent r ale. Olt r e alla palpazione del polso è r accomandat a l' osser vazione del bambino al f ine di r ilevar e event uali alt r i "segni vit ali" (moviment i r espir at or i o di deglut izione, color it o). I l polso va valut at o per VHFRQGL in sede diver sa secondo l' et à dei pazient e. LATTANTE: polso br achiale o f emor ale BAMBI NO: polso car ot ideo /DWWDQWH 5LFHUFDGHLSROVREUDFKLDOH Abdur r e il br accio e r uot ar e ver so l ' est er no l' avambr accio del pazient e. I l polso br achiale si appr ezza all' int er no del br accio (f accia mediale) t r a il gomit o e la spalla. 5LFHUFDGHOSROVRIHPRUDOH Tecnica alt er nat iva Abdur r e le cosce del lat t ant e. Cer car e il polso subit o sot t o la piega inguinale, al cent r o del legament o inguinale. %DPELQR 5LFHUFDGHLSROVRFDURWLGHR I ndividuar e con l' indice ed il medio il pomo d' Adamo e f ar scivolar e le dit a lat er alment e ver so il soccor r it or e f ino a collocar le nel solco t r a la t r achea e il muscolo st er nocleidomast oideo 16

17 $]LRQH Se il SROVRqSUHVHQWH sost ener e solo il r espir o con 20 insuf f lazioni al minut o (i ogni 3 secondi) r ivalut ando il polso ogni 60 secondi Se il SROVRqDVVHQWH e non vi sono alt r i "segni vit ali", iniziar e le Compr essioni Tor aciche Est er ne (CTE) associandole alle vent ilazioni (Rat io 5: 1). $WWHQ]LRQH nel lat t ant e è necessar io eseguir e le CTE anche se la f r equenza car diaca è molt o bassa < 60 bat t it i al minut o), sopr at t ut t o in caso di pazient e inst abile e con t endenza all' aggr avament o della br adicar dia 7HFQLFD Ricer ca del punt o di r eper e /DWWDQWH con un dit o individuar e la linea int er mamillar e, poggiar e le due dit a sot t ost ant i sullo st er no nella posizione per il massaggio (met à inf er ior e dello st er no) e sollevar e il dit o con il quale si è individuat a la linea int er mamiliar e %DPELQR è consigliabile la t ecnica a due t empi che consist e nel f ar scor r er e lungo l' ar cat a cost ale due dit a f ino ad individuar e la punt a dell' apof isi xif oide; le st esse dit a devono salir e sull' apof isi, poggiar e l' eminenza dell' alt r a mano subit o a mont e delle due dit a. I n quest o modo si r aggiunge la met à inf er ior e dello st er no. 17

18 (6(&8=,21('(//(&2035(66,21,725$&,&+((67(51( /DWWDQWH 7HFQLFDDGXHGLWD compr imer e mant enendo le dit a per pendicolar i allo st er no %DPELQR 7HFQLFD DG XQD PDQR poggiar e l' eminenza della mano sulla met à inf er ior e dello st er no sollevar e le dit a per evit ar e compr essioni sulle cost e; posizionar si con le spalle per pendicolar i allo st er no della vit t ima e con il br accio r igido eseguir e delle compr essioni in gr ado di depr imer e il t or ace di un t er zo dei suo diamet r o ant er o-post er ior e; dopo 5 compr essioni iper est ender e il capo ed eseguir e una vent ilazione r imet t er e la mano immediat ament e nella posizione cor r et t a e f ar e alt r e 5 compr essioni. Se il soccor r it or e non r iesce, con una mano, a compr imer e il t or ace di 1 / 3 del diamet r o A-P è ut ile eseguir e le compr essioni con due mani (come nell' adult o). 3DUDPHWULGHOOHFRPSUHVVLRQL 'HSULPHUH LO WRUDFH GL GHL VXR GLDPHWUR DQWHURSRVWHULRUH 0DQWHQHUH XQD IUHTXHQ]D GL FRPSUHVVLRQL DL PLQXWR 5LODVFLDUH WRWDOPHQWH OD SUHVVLRQH VXO WRUDFH 7HPSRGLFRPSUHVVLRQHULODVFLDPHQW5$7,FRPSUHVVLRQLYHQWLOD]LRQL 7UDXPD (YLWDUH PRYLPHQWL EUXVFKL LQ WXWWH OH IDVL GHO 3%/6,QVWDXUDUH OD SHUYLHWj GHOOH YLH DHUHH FRQ OD PDQRYUD GHOOD VXEOXVVD]LRQH GHOOD PDQGLEROD R FRQ LO VHPSOLFH VROOHYDPHQWRGHOODPDQGLERODVWHVVD 6HGLVSRQLELOHSRVL]LRQDUHLOFROODUHFHUYLFDOH 1RQXWLOL]]DUHODSRVL]LRQHODWHUDOHGLVLFXUH]]D 18

19 26758=,21('(//(9,($(5(('$&2532(675$1(2 BAMBI NO / LATTANTE Un cor po est r aneo può pr ocur ar e un ost r uzione par ziale o complet a delle vie aer ee; in caso di ost r uzione par ziale ci può esser e un suf f icient e o un' insuf f icient e passaggio d' ar ia. Se l' ost r uzione è par ziale con suf f icient e passaggio d' ar ia il lat t ant e/ bambino è i n gr ado di t ossir e vigor osament e, di pianger e e di par lar e; è quest a una sit uazione i n cui GREELDPRDVWHQHUFLGDOOHVHJXLUHGHOOHPDQRYUHGLGLVRVWUX]LRQHPDELVRJQD incor aggiar e il pazient e a t ossir e e possibile somminist r ar e ossigeno se l' ost r uzione par ziale per sist e at t ivar e il o t r aspor t ar e il pazient e in Pr ont o Soccor so Se l' ost r uzione è complet a o incomplet a con insuf f icient e passaggio di ar ia il lat t ant e/ bombino QRQ SLDQJH QRQ WRVVLVFHQRQ ULHVFHD SDUODUHSUHVHQWDFLDQRVL UDSLGDPHQWHLQJUDYHVFHQWH ( TXHVWD XQD VLWXD]LRQH GUDPPDWLFD FKH ULFKLHGH XQ UDSLGR LQWHUYHQWR GHO VRFFRUULWRUH (LPSRUWDQWHDSSHQDVLYDOXWDOLQVXIILFLHQ]DUHVSLUDWRULD PDQGDUH TXDOFXQR D FKLDPDUH LO 6H LO VRFFRUULWRUH q VROR HVHJXH FLUFD XQ PLQXWR GL LQWHUYHQWRHSRLDWWLYDLOVLVWHPDGHPHUJHQ]D /$77$17( Le t ecniche necessar ie per disost r uir e un lat t ant e sono due: le "pacche int er scapolar i" e i (compr essioni t or aciche est er ne. Pacche int er scapolar i o dor sali: 1. posizionar e il pazient e sull' avambr accio in modo da cr ear e un piano r igido 2. la t est a dei pazient e va t enut a in legger a est ensione e più in basso r ispet t o al t r onco 3. appoggiar e l' avambr accio sulla coscia applicar e 5 vigor osi colpi in sede int er scapolar e con via di f uga lat er ale. 19

20 &RPSUHVVLRQLWRUDFLFKHHVWHUQH met t er e il pazient e su un piano r igido (con la st essa met odica ut ilizzat a per le pacche dor sali) eseguir e 5 compr essioni t or aciche con la st essa t ecnica ut ilizzat a per il massaggio car diaco; le compr essioni devono esser e vigor ose e applicat e con f r equenza di cir ca 1 ogni 3 secondi. Quest e due t ecniche vengono applicat e in sequenze diver se a seconda dello scenar io: Se il ODWWDQWHqFRVFLHQWH eseguir e: SDFFKHGRUVDOLFRPSUHVVLRQLWRUDFLFKH cont inuar e f ino a quando non si è r isolt o il pr oblema o f ino a quando il pazient e divent a incoscient e. Non appena il SD]LHQWH GLYHQWD LQFRVFLHQWH posizionar e il pazient e su un piano r igido sollevar e la mandibola per ispezionar e il cavo or ale e r imuover e, se possibile, l' event uale cor po est r aneo 4. inst aur ar e la per viet à delle vie aer ee eseguir e il GAS per 10 secondi 5. se il pazient e non r espir a eseguir e 5 vent ilazioni di soccor so 6. se non si r iesce a vent ilar e eseguir e 5 pacche dor sali + 5 compr essioni t or aciche r it or nar e al punt o 1 Cont inuar e la sequenza f ino a quando ar r ivano i soccor si avanzat i o f ino a quando non si r isolve il pr oblema, cioè il pazient e r espir a aut onomament e o può esser e vent ilat o. Nel ODWWDQWH LQFRVFLHQWH FRQ DQDPQHVL FHUWDsi eseguono immediat ament e 5 pacche dor sali + 5 compr essioni t or aciche successivament e si esegue la sequenza descr it t a pr ecedent ement e. 1HOODWWDQWHLQFRVFLHQWHFRQDQDPQHVLVFRQRVFLXWD eseguir e la sequenza nor male del PBLS (ABC). Quando si ar r iva all' azione di B se non si r iesce ad eseguir e neanche 2 vent ilazioni ef f icaci r iposizionar e il capo ed eseguir e alt r e 5 vent ilazioni, se ancor a non si r iesce ad ot t ener e almeno 2 vent ilazioni ef f icaci concluder e che il pazient e ha un' ost r uzione complet a da cor po est r aneo. Eseguir e, dunque, 5 pacche dor sali + 5 compr essioni t or aciche e poi la sequenza pr ecedent ement e descr it t a. 20

21 %$0%,12 Le t ecniche necessar ie per disost r uir e un bambino sono quat t r o: la manovr a di Heimlich, le pacche int er scapolar i, le compr essioni t or aciche est er ne e le compr essioni subdiaf r ammat iche o addominali. 0DQRYUD GL +HLPOLFK Si ut ilizza solo nel bambino coscient e e si può eseguir e con pazient e in piedi o sedut o. Por si alle spalle dei pazient e e abbr acciar lo dal di diet r o int or no alla vit a con il pollice e l' indice di una mano compor r e una C che colleghi l' apof isi xif oide all' ombelico all' int er no della C por r e il pugno dell' alt r a mano con il pollice all' int er no st accar e la mano che ha compost o la C e af f er r ar e il pugno eseguir e delle compr essioni vigor ose con dir ezione ant er o-post er ior i e caudo-cr aniali (moviment o a cucchiaio). L e successive t ecniche si applicano solo nel bambino incoscient e 3DFFKH LWHUVFDSRODUL R GRUVDOL inginocchiar si al lat o del pazient e por r e il bambino sulle cosce t enendo una mano sot t o la sua t est a eseguir e 5 vigor osi colpi in sede int er scapolar e con via di f uga lat er ale. &RSUHVVLRQL WRUDFLFKH HVWHUQH met t er e il pazient e supino e su un piano r igido eseguir e 5 compr essioni t or aciche con la st essa t ecnica ut ilizzat a per il massaggio car diaco (le compr essioni devono esser e vigor ose e applicat e con f r equenza di cir ca 1 ogni 3 secondi). 21

22 &RPSUHVVLRQLVXEGLDIUDPPDWLFKH met t er e il pazient e supino e su un piano r igido posizionar si in ginocchio a cavalcioni sulle cosce del bambino con il pollice e l indice di una mano compor r e una C che colleghi l apof isi xif oide all ombelico all int er no della C por r e l eminenza dell alt r a mano st accar e la mano che ha compost o la C e por la al di sopr a della pr ima eseguir e delle compr essioni vigor ose con dir ezione ant er o-post er ior e e caudo-cr aniale. 22

23 7XWWHTXHVWHWHFQLFKHYHQJRQRDSSOLFDWHLQVHTXHQ]HGLYHUVHDVHFRQGDGHOORVFHQDULR VHLOEDPELQRqFRVFLHQWHHVHJXLUHODPDQRYUDGL+HLPOLFKILQRDTXDQGRQRQVLqULVROWR LOSUREOHPDRILQRDTXDQGRLOSD]LHQWHGLYHQWDLQFRVFLHQWH 1RQDSSHQDLOSD]LHQWHGLYHQWDLQFRVFLHQWHELVRJQD SRVL]LRQDUHLOSD]LHQWHVXXQSLDQRULJLGR VROOHYDUHODPDQGLERODSHULVSH]LRQDUHLOFDYRRUDOHHULPXRYHUHVHSRVVLELOH OHYHQWXDOHFRUSRHVWUDQHR LQVWDXUDUHODSHUYLHWjGHOOHYLHDHUHH HVHJXLUHLO*$6SHUVHFRQGL VHLOSD]LHQWHQRQUHVSLUDHVHJXLUHYHQWLOD]LRQLGLVRFFRUVR VHQRQVLULHVFHDYHQWLODUHHVHJXLUHSDFFKHGRUVDOLFRPSUHVVLRQLWRUDFLFKH ULWRUQDUHDOSXQWR&RQWLQXDUHODVHTXHQ]DILQRDTXDQGRDUULYDQRLVRFFRUVL DYDQ]DWLRILQRDTXDQGRQRQVLULVROYHLOSUREOHPDFLRqLOSD]LHQWHUHVSLUD DXWRQRPDPHQWHRSXzHVVHUHYHQWLODWR 1HOEDPELQRLQFRVFLHQWHFRQDQDPQHVLFHUWDVLHVHJXRQRLPPHGLDWDPHQWHSDFFKHGRUVDOL FRPSUHVVLRQLWRUDFLFKHVXFFHVVLYDPHQWHVLHVHJXHODVHTXHQ]DGHVFULWWD SUHFHGHQWHPHQWH 1HOEDPELQRLQFRVFLHQWHFRQDQDPQHVLVFRQRVFLXWD HVHJXLUHODVHTXHQ]DQRUPDOHGHO3%/6$%& 4XDQGRVLDUULYDDOOD]LRQHGL%VHQRQVLULHVFHDGHVHJXLUHQHDQFKHYHQWLOD]LRQL HIILFDFLULSRVL]LRQDUHLOFDSRHGHVHJXLUHDOWUHYHQWLOD]LRQLVHDQFRUDQRQVLULHVFHDG RWWHQHUHDOPHQRYHQWLOD]LRQLHIILFDFLFRQFOXGHUHFKHLOSD]LHQWHKDXQRVWUX]LRQH FRPSOHWDGDFRUSRHVWUDQHR (VHJXLUHGXQTXHSDFFKHGRUVDOLFRPSUHVVLRQLWRUDFLFKHHSRLODVHTXHQ]D SUHFHGHQWHPHQWHGHVFULWWD ULFRUGDQGRGLDOWHUQDUHVXELWROHFRPSUHVVLRQLWRUDFLFKHFRQTXHOOHDGGRPLQDOL 7XWWHOHPDQRYUHGLGLVRVWUX]LRQHSDFFKHGRUVDOLFRPSUHVVLRQLWRUDFLFKH FRPSUHVVLRQLDGGRPLQDOLPDQRYUDGL+HLPOLFKKDQQRORVFRSRGLSURYRFDUHXQ EUXVFRDXPHQWRGHOODSUHVVLRQHLQWUDWRUDFLFDFLRqXQD7266($57,),&,$/( 23

B.L.S.D. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO

B.L.S.D. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO La Vener abile Ar ciconf r at er nit a di Miser icor dia di SARTEANO a cur a del Coor dinament o delle Cent r ali Oper at ive della Regione Toscana pr opone il manuale di: B.L.S.D. 0$18$/(',683325729,7$/(',%$6(('()5,%5,//$=,21(35(&2&(%/6'

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE)

IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE) IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE) I l met odo PERT (PROGRAM EVALUATI ON AND REVI EW TECHNI QUE) ed alt r e t ecniche come il CPM hanno por t at o all analisi e alla soluzione di

Dettagli

compr ese quelle r elat ive al f unzionament o del sist ema bibliot ecar io;

compr ese quelle r elat ive al f unzionament o del sist ema bibliot ecar io; &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD 5(*2/$0(172 %,%/,27(&$&2081$/( $UW²&RPSLWLHVHUYL]LGHOOD%LEOLRWHFD La Bibliot eca di Mede è un ist it uzione cult ur ale che, ispir andosi ai pr incipi det t at i dal Manif

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione. Linee Guida Regione Toscana. Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione. Linee Guida Regione Toscana. Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S 1 PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA

Dettagli

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004 Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord 5LOHYD]LRQHHFRQIURQWRVXOOHSUDVVLGHJOL8IILFLJLXGL]LDULLQUHOD]LRQH DGDOFXQLQRGLFULWLFLGHOGLULWWRHGHOODSURFHGXUDFLYLOHPLQRULOH Castiglione delle Stiviere,

Dettagli

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti:

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti: REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Finanze e Credito Servizio Informatica Servizio Agevolazioni nelle Operazioni creditizie di garanzia Manuale per la compilazione

Dettagli

P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT. Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata

P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT. Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata 1 OBIETTIVO L obiettivo del PBLS è la prevenzione del danno anossico celebrale, per cui è necessario

Dettagli

*(67,21( ( 60$/7,0(172 '(, 5,),87, 63(&,$/,

*(67,21( ( 60$/7,0(172 '(, 5,),87, 63(&,$/, *(67,21( ( 60$/7,0(172 '(, 5,),87, 63(&,$/, 35(662/$)$&2/7$ ',0(',&,1$9(7(5,1$5,$ I l pr esent e document o def inisce le pr ocedur e per la gest ione, lo st occaggio e lo smalt iment o dei r if iut i

Dettagli

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION IL PBLS-D Deve essere praticato nei soggetti con una o più funzioni vitali compromesse Pz. in arresto respiratorio o in arresto cardio-respiratorio IL PBLS-D

Dettagli

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana Quando si pratica il PBLS Il PBLS deve essere praticato

Dettagli

23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD

23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD C O M U N E *5((138%/,&352&85(0(17² $&48,67,9(5', 23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD Saler no 15 giugno 2007 VALERI A NARDO VALERIA NARDO 1 C O

Dettagli

P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico

P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico DEFINIZIONI Il P-BLS deve essere praticato nei soggetti in cui risultino compromesse una o più funzioni vitali (coscienza, respiro

Dettagli

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Pag. 0 P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support (Supporto Vitale di Base

Dettagli

Epidemiologia dell arresto cardio-polmonare in eta pediatrica

Epidemiologia dell arresto cardio-polmonare in eta pediatrica Epidemiologia dell arresto cardio-polmonare in eta pediatrica La patogenesi e l eziologia dell arresto cardiaco sono molto diverse nel lattante e nel bambino rispetto all aduto. Adulti La causa piu frequente

Dettagli

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11. 67$7872 '(/&2081(', &86$120,/$1,12 3URYLQFLDGL0LODQR (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.1999 Modif icat o con deliber azioni di

Dettagli

SICUREZZA NEL SOCCORSO

SICUREZZA NEL SOCCORSO B.L.S. SUPPORTO VITALE DI BASE (LIVELLO DI BASE) 1 I decessi causati da malattie cardiovascolari costituiscono la prima causa di morte della popolazione e, in buona parte, sono da attribuire a morte improvvisa

Dettagli

SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR

SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR CORSO PER SOCCORRITORI P.B.L.S. (Paediatric Basic Life Support) pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso

Dettagli

B L S LIVELLO AVANZATO

B L S LIVELLO AVANZATO Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. B L S LIVELLO AVANZATO SUPPORTO VITALE DI BASE (BLS) I decessi causati da malattie cardiovascolari

Dettagli

MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD

MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD A cura del Coordinamento delle Centrali Operative della Regione Toscana Centrale Operativa 118 Empoli Soccorso 1 SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFRIBRILLAZIONE PRECOCE

Dettagli

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it 1 Matematica classe quinta Incontro del 15 ottobre 2010 Annarita Monaco annarita.monaco@tin.it,qglfh,qwurgx]lrqh/dfodvvhtxlqwd«txdolfdudwwhulvwlfkh3ulpdsduwh,vlvwhplglqxphud]lrqh/hsursulhwjghoohrshud]lrql

Dettagli

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLS Rianimazione cardiopolmonare di base corso esecutori per personale laico (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Obiettivi del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco

Dettagli

Il Trattamento Primario

Il Trattamento Primario Retraining 2009 Il Trattamento Primario Protocollo locale A.A.T. Brescia Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

La dif f er enza dipende dal f at t o che nella classif icazione it aliana sono consider at i come gr uppi a sé st ant i i legumi e i gr assi da

La dif f er enza dipende dal f at t o che nella classif icazione it aliana sono consider at i come gr uppi a sé st ant i i legumi e i gr assi da *OLDOLPHQWL Per aliment o si int ende ogni sost anza che cont enga nut r ient i ut ilizzabili per il nost r o or ganismo. Gli aliment i possono esser e classif icat i in base a var i cr it er i: a seconda

Dettagli

I nt r oduzione alle r et i di calcolat or i

I nt r oduzione alle r et i di calcolat or i I nt r oduzione alle r et i di calcolat or i Maur izio Masset i, Gianluca Vannuccini Cor so di Labor at or io di Telemat ica AA. 2003-2004 Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support

CROCE ROSSA ITALIANA. Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare per soccorritori (corsi OTI - OSES) OSES Obiettivi della lezione 1. Conoscenze

Dettagli

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO) B.L.S.D. SUPPORTO VITALE DI BASE e DEFIBRILLAZIONE (LIVELLO AVANZATO) 1 CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

Dettagli

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i "Candlest icks"

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i Candlest icks 1/8 Vi pr esent iamo un br eve lavor o int r odut t ivo alla conoscenza della t ecnica dei char t s con le candele giapponesi ed una veloce car r ellat a di f igur e e f or mazioni più comuni e signif

Dettagli

Nozioni di Primo Soccorso

Nozioni di Primo Soccorso Corso RLS Nozioni di Primo Soccorso Roberto Volpe CNR-SPP, Roma Roma, 10 Aprile 2008 Regolamento sul pronto soccorso aziendale Ogni azienda, a prescindere dal numero di dipendenti che vi sono impiegati,

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico»

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» IL Primo Soccorso La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» Cavaion, 15 dicembre 2012 La catena della sopravvivenza Allarme Precoce B.L.S. Precoce Defibrillazione Precoce A.C.L.S. Precoce Il BLS

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Dott. Nicola Gasparetto

Dott. Nicola Gasparetto PAEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT Supporto di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida AHA 2010 Croce Verde Montebelluna 28/04/2011 Dott. Nicola Gasparetto MEDICO CHIRURGO Terapia

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

BLS - Basic Life Support

BLS - Basic Life Support BLS - Basic Life Support Giommaria Bazzoni giommy Croce Rossa Italiana Monitore di Primo Soccorso Istru

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

ark progetti + PROGETTO ESECUTIVO NUOVA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DEI COMUNI DI PADERNO D. G. E DI CRESPANO D. G.

ark progetti + PROGETTO ESECUTIVO NUOVA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DEI COMUNI DI PADERNO D. G. E DI CRESPANO D. G. ark progetti + mandatario a r c h i t e t t o c u n i a l g i a m p r i m o mandante a r c h i t e t t o f a b b i a n g i a m p a o l o mandante a r c h i t e t t o p a n d o l f o a n d r e a mandante

Dettagli

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia I l segmento degli istituti superiori deve neces s ar iamente tener conto delle

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione Ufficio Formazione B L S Basic Life Support La corsa contro il tempo 1 La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3

Dettagli

sensi dell art. 3, comma 2, della L.R. 18/96 e successive modifiche ed integrazioni. Il Dirigente Maria Giuseppina Cabras IL DIRIGENTE Omissis

sensi dell art. 3, comma 2, della L.R. 18/96 e successive modifiche ed integrazioni. Il Dirigente Maria Giuseppina Cabras IL DIRIGENTE Omissis 110 29.8.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 35 L.R. 8/99: accertamento funzionalità rispetto agli indirizzi della programmazione regionale del Presidio San Raffaele srl di Foiano della

Dettagli

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione 3 2 1 disostruiamoci A cura del Gruppo Formazione Prima di tutto valutare la sicurezza della scena dove dobbiamo intervenire PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente

Dettagli

I nit ial Public Of f ering")

I nit ial Public Of f ering) L' I PO (dall' inglese "I" I nit ial Public Of f ering") è l' of f ert a pubblica iniziale di sot t oscrizione e/ o di vendit a (OPS, OPV o OPVS) di t it oli di una societ à che per la prima volt a viene

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO UNA CORSA CONTRO IL TEMPO Partnership Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare di base (linee-guida scientifiche ILCOR 2010) Scopo del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco Le manifestazioni

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

&DUSL 95 100 127 117 155 175 190 190 168 0LUDQGROD 81 90 109 129 129 144 139 122 113 0RGHQD 375 491 537 472 546 524 520 537 546

&DUSL 95 100 127 117 155 175 190 190 168 0LUDQGROD 81 90 109 129 129 144 139 122 113 0RGHQD 375 491 537 472 546 524 520 537 546 / 87(1=$'(,6(57$=,(1'$/,1(/ 35(0(66$0(72'2/2*,&$*(1(5$/( All int er no della sede delle Relazioni di Ser vizio annuali dei Ser T modenesi, l Osser vat or io pr esent a una br eve e snella analisi dell

Dettagli

PBLS Pediatric Basic Life Support

PBLS Pediatric Basic Life Support PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA Secondo le Linee Guida Internazionali ILCOR 2010 Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI PBLS- PBLS OBIETTIVI

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce corso esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione

Dettagli

BLS. Basic Life Support

BLS. Basic Life Support BLS Basic Life Support Che cos è il BLS? BLS sta per Basic Life Support, ed è un protocollo da seguire ogni qual volta ci si trovi davanti ad un paziente non cosciente. Si compone di una serie di valutazioni

Dettagli

3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDOLHUH

3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDOLHUH / DXGLW HLOFRQWUROORGHOULVFKLRLQIHWWLYR QHOOHVWUXWWXUHDVVLVWHQ]LDOL 25 NOVEMBRE 2005 3HFXOLDULWjSHGLDWULFKH QHOODGLIIXVLRQHGHOOH LQIH]LRQLRVSHGDO Per legger e le not e r elat ive alle singole slide, cliccar

Dettagli

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation)

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation) PERCHE IL BLS? Lo scopo del BLS (Basic Life Support - Supporto Vitale di Base) è quello di garantire il pronto riconoscimento della compromissione delle funzioni vitali (valutazione) e di supportare ventilazione

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà OBIETTIVO DEL P-BLS Prevenire

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council)

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) CORSO BLS Basic Life Support = Sostegno di base delle funzioni vitali Categoria A Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) OBIETTIVI DEL CORSO CONOSCENZE TEORICHE ABILITA PRATICHE SCHEMI

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support PARTE I. Modulo 1 Lezione E Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

B.L.S. Basic Life Support PARTE I. Modulo 1 Lezione E Croce Rossa Italiana Emilia Romagna Basic Life Support PARTE I Modulo 1 Lezione E Croce Rossa Italiana Emilia Romagna Controllo dell ambiente B.L.S. Controlla che l ambiente circostante sia sicuro per te, per la vittima e per il resto dell

Dettagli

Rianimazione Cardio Polmonare

Rianimazione Cardio Polmonare Rianimazione Cardio Polmonare Arresto cardiaco Arresto respiratorio Arresto respiratorio DARE INIZIO ALLA R.C.P.! TECNICA DELLA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE Metodo: - Bocca-Bocca - Bocca-Naso - Bocca-Bocca

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation SIMEUP SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA D EMERGENZA E D URGENZA PEDIATRICA SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce Corso Esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2010) A cura del Gruppo Formatori..

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO Nel novembre 2005 l European Resuscitation Council (ERC) ha reso pubbliche

Dettagli

BLS ADULTO 09/03/2011

BLS ADULTO 09/03/2011 Capitolo 3 Il Trattamento Primario RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario CRI BUCCINASCO 1 Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

TECNICHE DI B.L.S. B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici

TECNICHE DI B.L.S. B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici Il B.L.S. ha lo scopo di mantenere le funzioni vitali in caso di Arresto Cardio Respiratorio (ACR) in attesa di un supporto medico

Dettagli

VALUTAZIONE DI UN METODO PER LA VALUTAZIONE EFFICACIA DEGLI INTERVENTI NELLA PRATICA. Dott Fiorino Mirabella Reparto Salute Mentale

VALUTAZIONE DI UN METODO PER LA VALUTAZIONE EFFICACIA DEGLI INTERVENTI NELLA PRATICA. Dott Fiorino Mirabella Reparto Salute Mentale VALUTAZIONE DI UN METODO PER LA VALUTAZIONE EFFICACIA DEGLI INTERVENTI NELLA PRATICA Dott Fiorino Mirabella Reparto Salute Mentale Istituto Superiore di Sanità 1 Come valutare l esito l di un intervento?

Dettagli

Lezione 02. Apparato Respiratorio

Lezione 02. Apparato Respiratorio Lezione 02 Apparato Respiratorio 1 La Respirazione Perché respiriamo? Perché le nostre cellule hanno bisogno di ossigeno per poter funzionare e produrre l energia che serve per compiere il loro lavoro

Dettagli

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza BLS BASIC LIFE SUPPORT Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza Secondo le linee guida European Resuscitation Council (ERC) del 18 ottobre 2010 recepite da Italian Resuscitation Council

Dettagli

Found what you searched for? LA STORI A DI

Found what you searched for? LA STORI A DI Found what you searched for? LA STORI A DI Maria Verde Google è un mot or e di r icer ca per I nt er net che non si limit a a cat alogar e il Wor ld Wide Web (WWW), ma si occupa anche di immagini, newsgr

Dettagli

Determinazione della s alinità dell acqua potabile attraverso la mis ur a della conducibilità elettr ica.

Determinazione della s alinità dell acqua potabile attraverso la mis ur a della conducibilità elettr ica. Determinazione della s alinità dell acqua potabile attraverso la mis ur a della conducibilità elettr ica. La s ituaz ione dell acqua potabile nel distretto di Batticaloa in S ri Lanka è molto pr ecar ia

Dettagli

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO Ven. Arciconfraternita della Misericordia di Firenze BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO A cura di Nora Elisa Ronchi Gruppo Formazione Sanitaria AVVERTENZA!!! LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO OPUSCOLO

Dettagli

EVOLUZIONE DEI MECCANISMI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATICI. Corso di: Storia dell informatica e del calcolo automatico.

EVOLUZIONE DEI MECCANISMI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATICI. Corso di: Storia dell informatica e del calcolo automatico. SICSI VIII CICLO EVOLUZIONE DEI MECCANISMI PER LA SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATICI Corso di: Storia dell informatica e del calcolo automatico Esposito Vincenzo 1 Sommario Introduzione Hacker Sistemi multiutente

Dettagli

PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA. Rianimazione cardiorespiratoria

PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA. Rianimazione cardiorespiratoria PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA Rianimazione cardiorespiratoria (RCP) Arresto cardiaco Arresto respiratorio Anossia cerebrale Lesioni cerebrali irreversibili In 5 minu6 sopravviene la morte

Dettagli

LEZIONE PRONTO SOCCORSO

LEZIONE PRONTO SOCCORSO LEZIONE DI PRONTO SOCCORSO 1 Arresto CARDIOCIRCOLATORIO SICUREZZA A Coscienza Sequenza a 2 soccorritori B-C VALUTA Respiro e Mo.To.Re. MAX. PER 10 sec Guarda l espansione del torace + movimenti Ascolta

Dettagli

A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i

A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i Fase A: Primo Soccorritore Valuta Coscienza: Chiama e Scuote la vittima (Pizzica se Trauma) Accertato lo stato di Incoscienza Paziente Cosciente

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO. Dott.ssa Maura Mastrocola

IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO. Dott.ssa Maura Mastrocola IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO Dott.ssa Maura Mastrocola SCOPO DEL PBLS Prevenzione del danno anossico cerebrale attraverso il sostegno delle funzioni vitali, con le procedure standard di rianimazione cardiopolmonare

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT. Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va?

BASIC LIFE SUPPORT. Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va? B. D Elia BASIC LIFE SUPPORT Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va? Il paziente non risponde: 1. chiamare aiuto (effettuare la richiesta di soccorso al numero

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE La catena della sopravvivenza Il Maestro di Salvamento e l Assistente Bagnanti così come qualsiasi altro operatore

Dettagli

IL PROGETTO MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE IN ETA PEDIATRICA (MDPED)

IL PROGETTO MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE IN ETA PEDIATRICA (MDPED) IL PROGETTO MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE IN ETA PEDIATRICA (MDPED) Questo progetto nasce dalla sentita esigenza di diffondere le linee guida sulla disostruzione delle vie aeree pediatriche

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLS-D Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione con

Dettagli

MATERIALE DI SUPPORTO FOTOGRAFICO

MATERIALE DI SUPPORTO FOTOGRAFICO MATERIALE DI SUPPORTO FOTOGRAFICO TRATTO DAL CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA CORSO INTEGRATO DI EMERGENZE MEDICO - CHIRURGICHE B. D'Elia, S. Pittino, P. Lorenzi, M. Marsili, S. Boncinelli Il materiale

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support 1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla 2

Dettagli

CORSO PBLSD OBIETTIVO

CORSO PBLSD OBIETTIVO CORSO PBLSD OBIETTIVO Acquisire Conoscenze teoriche Abilità pratiche Schemi di comportamento OBIETTIVO DEL PBLSD PREVENIRE IL DANNO ANOSSICO CEREBRALE Nel soggetto in cui risultano compromesse una o più

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

La rianimazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI

La rianimazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI La rianimazione Cultura della sicurezza patrimonio comune del mondo del lavoro: impresa, lavoratori e parti sociali. Il testo unico sulla

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato di arresto cardiocircolatorio

Dettagli

Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica

Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica Gare gas A marzo 2014 si parte siamo pronti? Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica delle infrastrutture Cesena, 10 febbraio 2014 Marco Delpero Vice Direttore Direzione Infrastrutture Unbundling

Dettagli

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso.

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso. Cir colar e 11-6 -2 0 0 2 n.109 - Convenz ione I NP S - S I AE P r eambolo, Convenzione, P r eambolo Dir ezione Centr ale Vigilanza s ulle Entr ate ed Economia S ommer s a R oma, 11 Giugno 2002 OGGETTO:

Dettagli

Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo. Dott.ssa Brunella RAVERA

Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo. Dott.ssa Brunella RAVERA Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo Dott.ssa Brunella RAVERA Un corpo estraneo (c.e.) può determinare ostruzione parziale o completa delle vie aeree c.e. = parte di giocattolo, materiale alimentare,

Dettagli

Le istanze sono predisposte e presentate da singola im presa o da un VRJJHWWR

Le istanze sono predisposte e presentate da singola im presa o da un VRJJHWWR Legge 388/ 00 art.103 I ncentivi a favore del Commercio Elettronico 2**(772 Norme per lo sviluppo di attività di commercio elettronico %(1(),&,$5, Possono accedere alle agevolazioni i seguent i VRJJHWWL:

Dettagli