2. PRATICHE URBANE E PROGETT-AZIONE [estratto da Cellamare C. (2011), Progettualità dell agire urbano. Processi e pratiche urbane, Carocci, Roma]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. PRATICHE URBANE E PROGETT-AZIONE [estratto da Cellamare C. (2011), Progettualità dell agire urbano. Processi e pratiche urbane, Carocci, Roma]"

Transcript

1 2. PRATICHE URBANE E PROGETT-AZIONE [estratto da Cellamare C. (2011), Progettualità dell agire urbano. Processi e pratiche urbane, Carocci, Roma] Pratiche quotidiane, divenire urbano e progetto La costruzione della città si sviluppa in tempi e modalità che, se non raramente e marginalmente, sono fuori della portata dell azione diretta dei suoi abitanti, quella che i sociologi chiamano l area manipolatoria (Jedlowski, 2003, 2005). Azione diretta che non riguarda soltanto la costruzione materiale della città, dei suoi edifici e delle sue infrastrutture, ma anche più semplicemente l organizzazione e la gestione del processo costruttivo del proprio edificio o del proprio contesto di vita, sia da parte del singolo che da parte di un gruppo di abitanti. Questa situazione è diventata evidente dallo sviluppo della città moderna ed ancor più con lo sviluppo dei processi edilizi industrializzati e specializzati o con la costruzione dei sistemi infrastrutturali e delle grandi opere. Oltre a questo, nella città moderna siamo andati incontro anche ad una espropriazione della capacità progettuale nei confronti degli abitanti, e alla separazione del progetto dall atto dell abitare (La Cecla, 1988). Eppure, le pratiche urbane svolgono un ruolo determinante nella costruzione della città. In primo luogo perché, in alcuni casi, la costruiscono effettivamente. E il caso dei processi informali che, nel nostro mondo occidentale, associamo più facilmente all abusivismo, ma che, in altre parti del pianeta, pur producendo situazioni altamente problematiche, costituiscono una delle modalità fondamentali e prevalenti di sviluppo urbano (Davis, 2006), interessando dimensioni che vanno anche oltre la semplice dimensione dell abitazione. In secondo luogo, perché la città non è data dal solo processo costruttivo degli spazi fisici, ma è data dal continuo adattamento, attrezzamento e appropriazione di tali spazi per renderli luogo abitabile, contesto di vita, sia esso una casa, un negozio, un campetto sportivo, un orto o uno spazio verde. Ma, infine, è il nostro stesso abitare che costruisce e disegna la città. Anche solo il nostro camminare e percorrere la città, come ci ricorda de Certeau (1990), la ridisegna continuamente. Se guardiamo la città dal punto di vista di chi la vive e la abita, se ci impegniamo in uno sguardo che non è (solo) dall alto, ma dall interno del corpo vivo della città, cogliamo quelle pratiche urbane che la disegnano 1. Questo vale, in primo luogo, per le azioni collettive più o meno organizzate ed intenzionali, ma vale anche per le pratiche ordinarie, quotidiane, di uso ed anche di consumo della città che apparentemente non sembrano determinare grandi cambiamenti nella conformazione fisica e strutturale della città, ma che in realtà incidono fortemente sulla caratterizzazione dei luoghi. Superando il riduzionismo delle categorie funzionali tradizionali dell urbanistica, ma anche andando oltre la semplice dimensione dei soli usi materiali 2, l interesse verso le pratiche urbane sta proprio nella capacità di mettere in connessione le dimensioni fisiche e materiali e quelle culturali, simboliche e più genericamente immateriali insite nei modi con cui viene concretamente vissuta e abitata la città (Cellamare, 2008) 3. Vi è quasi, nelle pratiche urbane, un accoppiamento strutturale tra materiale e simbolico, tra usi e significati implicati, tra forme di appropriazione e processi di significazione. Il simbolico si appoggia al materiale diceva Castoriadis (2001). L attenzione alle pratiche urbane che attraversano la città permette quindi di accedere anche al mondo del simbolico, agli immaginari, al magma dei significati sociali. Ma soprattutto permette di rapportarsi più chiaramente e più fortemente alla vita 1 Si rimanda per uno sviluppo più ampio di questi temi a Cellamare (2008). In questo paragrafo se ne riprendono sinteticamente alcune questioni principali. 2 Le funzioni rimandano a categorizzazioni, che sono poi astrazioni, degli usi o delle attività o ancora dei ruoli che alcune parti della città possono svolgere nei confronti dell organizzazione complessiva della città stessa; e generalmente poco hanno a che vedere con le condizioni reali e concrete di vita nei contesti urbani. Gli usi, altra categoria molto frequentata dall urbanistica e che ha portato anche ad alcune classificazioni, si fermano per lo più a guardare e ad analizzare gli aspetti fisici e materiali dell abitare la città, e le connesse attività, rinunciando a valutare le dimensioni immateriali che vi sono implicate. 3 Il linguaggio della corporeità svolge in questo senso un ruolo fondamentale, ma il tema ci porterebbe lontano e non sarà qui sviluppato. Un altro aspetto delle dimensioni immateriali, che viene coinvolto attraverso una riflessione sulle pratiche urbane, è quello dei saperi d uso, conoscenze e capacità non solamente razionali, ma che derivano dall esperienza (su questi aspetti si tornerà invece nel cap. 10).

2 quotidiana degli abitanti, aprendo l urbanistica ad un rapporto più significativo e profondo con questa dimensione che è quella più propria dell abitare, che è quella che spesso sta più a cuore agli abitanti e rende le città vivibili. Le forme del quotidiano sono il risultato di invenzioni costanti non meno che di pratiche di adattamento. Qualunque attività quotidiana comporta tanto gesti ripetuti quanto improvvisazioni, tanto condotte applicate distrattamente quanto momenti di attenzione, tanto soluzioni consolidate quanto problemi che chiedono di essere nuovamente risolti. Implica l esercizio di abilità, di accorgimenti dettati dall esperienza: insomma, un miscuglio articolato di abitudini, adattamenti alle circostanze e creatività. Ambito di ciò che è prossimo e ricorrente, la vita quotidiana potrebbe dunque essere definita come l insieme delle pratiche, degli ambienti, delle relazioni e degli orizzonti di senso in cui una persona è coinvolta ordinariamente, cioè più spesso e con la sensazione della maggiore familiarità, in una certa fase della sua biografia (Jedlowski, 2005). Le pratiche disegnano la città, intessono di relazioni (prima di tutto sociali) la fisicità della città, creano valori simbolici, danno senso ai luoghi, costituiscono tattiche di risposta alle dinamiche e alle politiche urbane (de Certeau, 1990). Le pratiche urbane esprimono e disegnano una geografia di valori e di significati oltre che di usi che si incarnano nei luoghi e nelle modalità di abitare la città. Ci raccontano come le persone vivono quotidianamente, ed oltre alle esigenze sociali emergenti ci mostrano allo stesso tempo sia le condizioni concrete (ed alle volte costrittive) che le idee dell abitare che pratichiamo. Noi abitiamo la nostra idea di abitare. Di conseguenza le pratiche urbane esprimono le aspettative di vita proiettate nello spazio. Anche in relazione a quest ultimo aspetto, esprimono infine una forte progettualità, sono intrise di progettualità. Le pratiche urbane sono al contempo processi costruttivi della città, ma anche processi progettuali poiché implicano un orientamento dell atto dell abitare, una proiezione sullo spazio di vita delle proprie esigenze, delle proprie aspettative, delle volontà di adattamento rispetto alle proprie idee di abitare. La progettualità si esplica, nei mille processi di adattamento, di appropriazione degli spazi, di riutilizzazione di contesti abbandonati, di manutenzione e cura dei luoghi, in forma permanente ma in molti casi anche solo in forma temporanea. Si tratta, in molti casi, anche di processi inintenzionali, e per questo ritengo sia più opportuno parlare di progettualità insita nelle pratiche che non di progetto in senso stretto, per evitare la confusione con la visione stereotipata del progetto. L atto di abitare è una forma di adattamento, implicitamente progettuale, del proprio spazio di vita, e comporta un apprendimento continuo dei modi più adatti per rendere lo spazio abitabile. Questo processo continuo di percezione, definizione ed uso viene definito da La Cecla (1988) come mente locale ed è talmente essenziale all apprendimento che per lo più non ne siamo coscienti. L operazione di rendere abitabile, la pratica e l arte dell ambientamento sono per buona misura atti abitudinari, gesti, sentimenti, sensi, consuetudini, mentalità. Il modo in cui questi tipi di habitus nel loro insieme costituiscono un sistema di apprendimento del luogo e di interazione insediati-insediamento è la mente locale (p. 119). La progettualità è insita nell atto stesso di abitare e non ne è separata. Dire che sapessero progettare sarebbe riduttivo e ridicolo. La loro percezione, conoscenza ed uso dello spazio rendeva superflua una progettazione se non ad una scala uno a uno. L abitare era già molto più di una attività di progettazione. Non avevano ancora separato se stessi dal proprio spazio di vita, condizione questa necessaria per renderli bisognosi di un progetto. Orientavano il proprio spazio rispetto a se stessi, stando al suo interno, non astraendosene. Non dovevano catapultarsi fuori di esso ed osservarlo su di una griglia o una mappa o a volo d uccello (p. 57).

3 Progettualità delle pratiche Il progetto è, prima di tutto, un processo e una pratica che coinvolge pensieri, relazioni, azioni, interazioni sociali, passioni, pratiche, connessi al vivere e all abitare di una collettività nel suo contesto fisico e nel loro dispiegarsi nel tempo; collettività che plasma in forma evolutiva il luogo in cui vive (Cellamare, 2008). La progettualità delle pratiche, o meglio la progettualità insita nelle pratiche, si esplica attraverso diverse dimensioni. In primo luogo, vi è una decisa propensione all azione, sia individuale che collettiva, sia nella sua dimensione fattuale (cioè del fare concretamente) sia nell accezione arendtiana di agire come essere nelle situazioni, nel pubblico (e, quindi, più vicina alla dimensione che Hannah Arendt considera della politica). Questo agire è un agire prevalentemente tattico (de Certeau, 1990), più o meno connesso a un pensiero strategico, ma spesso anche completamente indipendente da esso. Si sviluppa in un rapporto diretto, di manipolazione del proprio contesto di vita, anche non mediato razionalmente. Il progetto si costituisce nell azione, ma anche è di fatto nell azione che si esplica la progettualità; sia come fatto sostanziale (nel senso che è attraverso l agire urbano che assume concretezza e plasticità), sia perché i percorsi innovativi che vengono praticati, che vengono intrapresi dagli abitanti (o almeno da alcuni di essi, e in alcune situazioni) danno forma alla capacità creativa e progettuale: il progetto emerge nell agire. Come si è detto, la progettualità si esplica, quindi, spesso e soprattutto, nelle concrete pratiche urbane, nei mille processi di adattamento, di appropriazione degli spazi, di riutilizzazione di contesti abbandonati, di manutenzione e cura dei luoghi, in forma permanente ma in molti casi anche solo in forma temporanea. Si tratta, in molti casi, di processi dove l intenzionalità non è sempre cosciente, e per questo è più opportuno parlare di progettualità insita nelle pratiche che non di progetto in senso stretto, per evitare la confusione con la visione stereotipata del progetto. Per il loro carattere di azione non sempre pianificata o oggetto di un intenzionalità cosciente, e per il loro essere esito di un processo sociale (i cui effetti non sono definiti a priori), il senso delle pratiche urbane e della loro progettualità, ovvero i significati di cui sono portatrici, emergono e possono essere letti in pienezza soltanto a posteriori, in coerenza con le note riflessioni di Weick (1995) sul sensemaking. In secondo luogo, aspetto questo non meno importante, di fatto il progetto (o, meglio, la progettualità insita nelle pratiche) è un processo di attribuzione di un valore simbolico, che può essere più o meno legato ai valori d uso, che può trovare un radicamento più o meno profondo e sentito nelle identità locali riconosciute o nella stratificazione di valori storici e simbolici, ma anche e soprattutto che può essere strettamente connesso (e questo vale soprattutto per quanto abbia una componente d uso e di azione collettivi) ai vissuti, alle relazioni empatiche che sono state spese o investite (e quindi anche alle sofferenze), o sono state attivate e implicate nei processi che hanno permesso di realizzare quegli spazi (pensiamo alle mobilitazioni di gruppi di abitanti o intere collettività; pensiamo alle energie e alle risorse che gruppi di abitanti o intere collettività hanno investito nella cure dei luoghi o nel realizzare attrezzature, spesso in assenza della pubblica amministrazione o in conflitto con le sue politiche). Il progetto è quindi potenzialmente esso stesso un processo costruttivo di significazione (attraverso le pratiche). In terzo luogo, progettare significa rielaborare modelli di vita e di comportamenti sociali, idee di convivenza e di organizzazione dello spazio urbano, significa ripensarsi e ripensare il proprio contesto di vita, anche attraverso il confronto di modelli culturali differenti, dentro e fuori contesti di interazione, più o meno strutturati e più o meno intenzionali (fino all autocostruzione di veri e propri spazi pubblici ). Per questo molta, in una riflessione sulla progettualità delle pratiche urbane, un particolare spazio di attenzione è rivolto ai modi di immaginare il proprio contesto di vita. Infine, il progettare passa non solo attraverso la definizione di spazi fisici ma anche attraverso la proposta e la pratica di stili di vita personali e collettivi differenti, maturate e sviluppate dentro e fuori i gruppi costituiti, e che spesso comportano una particolare attenzione alle relazioni sociali, forme di riappropriazione diretta della città, un recupero della ricchezza e dello spessore dell abitare rispetto alla sua riduzione a pura residenza (La Cecla, 2000, 2008; Cellamare, 2009a). Che vi sia una progettualità insita profondamente nelle pratiche urbane, questo non significa che siano sempre buone e positive, e di conseguenza che gli abitanti abbiano sempre ragione. In primo luogo, le pratiche degli abitanti sono profondamente condizionate dalla configurazione dello spazio e dall organizzazione funzionale della città (infrastrutture, trasporto pubblico, localizzazione dei servizi, ecc.). La parte hard della città costituisce ovviamente un condizionamento pesante per l organizzazione di vita degli abitanti ed i margini delle pratiche urbane, il loro campo di azione, l area manipolatoria, possono

4 essere molto limitati. D altronde è anche per questo che le pratiche urbane corrispondono ad un comportamento prevalentemente tattico. L organizzazione della città infatti determina, anzi impone, un modello di vita. L organizzazione spaziale per funzioni separate, ad esempio, tipico della città moderna e che si è andato recentemente affermando sempre più in funzione delle convenienze di mercato, rappresenta un condizionamento molto forte. In questo rapporto dinamico tra organizzazione della città e pratiche di vita, queste ultime possono assumere valenze diverse: possono esprimere un adattamento o un scarto (nel senso dello spostarsi per evitare ) per cercare possibilità alternative, un puro e semplice adeguamento (che potrebbe essere considerato senza speranza ), una resistenza che cerca di produrre e riprodurre modelli alternativi di vita e di città. In secondo luogo, le pratiche degli abitanti sono fortemente condizionate dai modelli di vita imposti e sovraimposti, eterodiretti, sottilmente propagandati ed affermati, sia nella conformazione e nell organizzazione stessa della città (come si notava prima), ma anche attraverso i mass media, le pubblicità immobiliari e non, i modelli sociali che si affermano e prevalgono (e che spesso sono connessi all espressione e all affermazione del proprio status sociale), le egemonie culturali. Inevitabilmente, le pratiche urbane non sono completamente e coscientemente libere da condizionamenti. Spesso poi affermano modelli che potrebbero essere discutibili, ad esempio quando si favorisce l individualizzazione dei comportamenti piuttosto che la ricerca di forme coordinate e costruttive di convivenza, come nel caso tipico e spesso molto conflittuale della mobilità. Gli esempi potrebbero essere numerosi e riflettono il fatto che la vita quotidiana è imbevuta di un mix tra routine e innovazione (Jedlowski, 2005). Se quindi gli abitanti non hanno sempre ragione, bisogna sapere e potere sviluppare una lettura critica delle pratiche urbane; e creare quei contesti di interazione e quei dispositivi dove il dare forma alle progettualità emergenti diventi un processo collettivo. Ambiguità e innovatività delle pratiche La nostra vita quotidiana è fatta soprattutto di routine oltre che di piccole pratiche divergenti che ci permettono di sperimentare e sondare altri modi di abitare e altri mondi di significato (Jedlowski, 2005). Ma è fatta prevalentemente di routine, che ci permettono di vivere in condizioni di tranquillità e di replicare comportamenti sicuri e consolidati, tranquillizzanti appunto. Tali comportamenti consolidati possono derivare sia da condizionamenti sociali subiti (per la reiterazione dei comportamenti quotidiani orientati dalle condizioni del contesto sociale ed urbano, per i condizionamenti subiti dai modelli sociali prevalenti ed egemonici, per gli immaginari sociali più o meno eterodiretti che abbiamo ormai incorporato) che dalla sperimentazione e conferma di comportamenti un po divergenti, ma accettati, che funzionano, che ci permettono migliori condizioni dell abitare, una migliore vivibilità. Molte routine, molti comportamenti sociali ripetuti sono carichi di ambiguità, in quanto esito non di una rielaborazione personale all interno di pratiche di libertà, ma in quanto rappresentative di modelli e immaginari sociali incorporati, e per questo anche condizionate o obbligate, e spesso discutibili. Da questo punto di vista, il ruolo prevalente della cultura prodotta e conculcata dai mass media pesa fortemente sulla formazione delle coscienze così come degli immaginari, e quindi anche sui comportamenti sociali. Diversi autori, nell ambito della teoria della pratica, hanno ben illustrato la tensione che esiste tra i condizionamenti dovuti alle strutture sociali, economiche e culturali e i comportamenti personali che cercano gli spazi dell azione autonoma. Bourdieu si colloca ad un estremo del range di posizioni, dandone un interpretazione piuttosto dura e restrittiva. Il concetto di habitus sviluppato da Bourdieu (1972, 1980, 1992, 2005), esplicita bene tale situazione: Le strutture costitutive di un particolare tipo di ambiente (e cioè le condizioni materiali di esistenza caratteristiche di una condizione di classe) producono habitus, sistemi di disposizioni durevoli e trasponibili, strutture strutturate predisposte per funzionare come strutture strutturanti, e cioè come principi di generazione e strutturazione di pratiche e rappresentazioni che possono essere oggettivamente regolate e regolari senza essere in alcun modo il prodotto di una obbedienza a regole, oggettivamente adattate ai loro obiettivi senza presupporre la ricerca conscia di alcuni fini o un esplicito impegno nelle operazioni necessarie per raggiungerli e, dato tutto questo, orchestrate collettivamente senza essere il prodotto di un azione di orchestrazione da parte di un conduttore (Bourdieu, 1980).

5 Di fronte all ambiguità delle pratiche urbane, sorgono inevitabili interrogativi su quanto esse siano innovative e quindi sul valore e sul carattere della progettualità insiti in esse. L innovazione nelle pratiche urbane scatta spesso quando i comportamenti consolidati appaiono insufficienti rispetto alle condizioni di una buona vivibilità, quando non rispondono più adeguatamente ai problemi che pone la vita quotidiana. Ognuno è quindi spinto a forzare e a cambiare tali comportamenti alla ricerca di nuove strade più utili e significative, verso la sperimentazione di nuove pratiche. Il lavoro di Lanzara (1993) sulla capacità negativa coglie la capacità progettuale proprio nella risposta ad una mancanza, nella necessità di reagire a condizioni nuove di vita, anche determinate da evoluzioni drammatiche o a catastrofi ambientali (come i terremoti), che impongono l attivazione di pratiche nuove e soluzioni innovative, poiché non ci sono più le condizioni per continuare in quelle consolidate. Considerazioni analoghe spingono Bourdieu in una posizione ancora una volta abbastanza restrittiva a dire che l ars inveniendi, e cioè la capacità di innovare, è un ars combinatoria, cioè è la situazione in cui le persone (nel nostro caso gli abitanti della città) per rispondere più adeguatamente alle proprie esigenze cercano nuove soluzioni combinando o ricombinando comportamenti appresi o sperimentati, anche legati ad altre situazioni. Le pratiche urbane tra condizionamenti strutturali e autonomia Le pratiche si collocano nella tensione tra dimensione strutturale e capacità di agency dei singoli abitanti. Sherry B. Ortner (2006) interpreta la nascita e lo sviluppo delle riflessioni sulle pratiche sociali come risposta e superamento della cosiddetta opposizione structure/agency 4, dando origine ad un reinterpretazione dialettica di questa relazione. La Ortner colloca la nascita della teoria della pratica nello stretto spazio di tempo tra la fine degli anni 70 e l inizio degli anni 80, grazie alle tre opere chiave di Pierre Bourdieu (1972), Anthony Giddens (1979) e Marshall Sahlins (1981) che permettono, in modi e gradi diversi, di concettualizzare l articolazione tra le pratiche degli attori sociali sul terreno e le grandi strutture e sistemi che costituiscono una costrizione per quelle pratiche ma che al contempo sono suscettibili di essere trasformate da esse. La practice theory ricostituisce il ruolo dell attore nei processi sociali senza perdere di vista le strutture più vaste, che condizionano l azione sociale, ma la permettono anche. Pur con posizioni e gradi diversi di articolazione, i tre autori considerano gli attori (nel nostro caso gli abitanti) come sottoposti a condizionamenti strutturali, ma allo stesso tempo pur essendo completamente immersi in questa rete di condizionamenti nelle condizioni di trovare e sviluppare percorsi di autonomia, ovvero capaci di sviluppare le proprie azioni in un rapporto dialettico con tali condizionamenti. Abbiamo già ricordato, anche nella sua durezza, il concetto di habitus di Bourdieu. Giddens, in una posizione leggermente differente, sviluppa una discussione sulla dialettica del controllo e argomenta che i sistemi di controllo possono non lavorare sempre in maniera perfetta, e che i soggetti sociali controllati hanno sempre capacità di azione e di comprensione che gli permettono di evadere o resistere. Al di là della diversità di posizioni e delle gradazioni interpretative e senza poter qui discutere adeguatamente la vastità delle argomentazioni, la Ortner individua diversi ambiti di articolazione della dialettica structure/agency, tra cui il rapporto col potere e il campo culturale, illustrando la complessità delle relazioni che vi si sviluppano ma anche gli spazi di azione e di autonomia che sono o possono essere praticati dagli attori sociali. Ad esempio, se è vero che la cultura (considerando in particolare la forza crescente prodotta dai condizionamenti culturali dei mass media) è allo stesso tempo enabling (capacitativa, ovvero che permette alle persone di vedere, sentire, immaginare, capire alcune cose) e constraining (limitativa, costrittiva, ovvero che sottrae alle persone la capacità di vedere, sentire, immaginare e capire altre cose), è anche vero che la cultura è un processo evolutivo nel tempo, soggetto a continue azioni costruttive e distruttive, condizionata da relazioni di potere, da regimi, e quindi processo politico essa stessa, diventando un oggetto almeno parzialmente mobile e variabile. [ ] Culture (in a very broad sense) constructs people as particular kinds of social actors, but social actors, through their living, onthe-ground, variable practices, reproduce or transform and usually some of each the culture that made 4 A sua volta connesse alle teorie (strutturalismo, economia politica marxista, antropologia interpretativa o simbolica ) che costituirono fino agli anni 70 la risposta al funzionalismo.

6 them (p. 129). Analogamente, vengono sviluppate una serie di riflessioni sulla relazione tra agency e potere, chiarendo il senso dell intenzionalità, e considerando la progettualità probabilmente la dimensione maggiormente fondamentale dell idea stessa di agency. La Ortner esplora la costruzione culturale della capacità di agire sia come una forma di empowerment sia come la base della ricerca di realizzazione di progetti all interno di un mondo caratterizzato dalla dominazione e dalla disuguaglianza, arrivando a non trovare più distinzione tra una agency of power ed una agency as (the pursuit of) projects. The agency of projects is not necessarily about nomination and resistance, although there may be some of that going on. It is about people having desires that grow out of their own structures of life, including very centrally their own structures of inequality; it is in short about people playing, or trying to play, their own serious games even as more powerful parties seek to devalue and even destroy them (p. 147). La resistenza al potere è allora sempre della stessa natura: proteggere i propri progetti, o meglio il diritto di avere progetti (p. 147) 5. Certo, oggi le strutture più vaste che condizionano l azione sociale sono strettamente legate alle forme di soggettivazione imposte dalla città contemporanea (Agamben, 2007; Guattari, 1989). Esse condizionano fortemente, anche attraverso i condizionamenti sui modelli sociali e sugli immaginari collettivi, le pratiche di appropriazione e le forme della vita quotidiana. Da questo punto di vista, il conflitto, che normalmente viene interpretato come un fattore negativo o pericoloso, da controllare e mediare, in realtà assume una valenza profondamente positiva e costruttiva. La città, in realtà, è pervasa dai conflitti; non esiste una realtà urbana senza conflitti; il conflitto è un fattore costitutivo (identitario) della città. Ne sono un tipico esempio gli spazi contesi, quelle realtà urbane (che siano piazze, edifici dismessi, strade, ecc.) che sono oggetto di usi e attività in conflitto tra loro: pedoni che cercano di strappare le strade alle macchine per restituirle alla piena pedonalità, o a una pedonalità protetta; piazze del centro storico dove popolazioni diverse (abitanti, bambini con i loro giochi, esercenti di bar e ristorazione con il loro apparato di tavolini e ombrelloni, turisti, eventi culturali, persone di passaggio, abitanti di altri quartieri che vi piombano nel tempo libero fino a sera spesso presi dalla movida notturna, immigrati con le loro tradizioni, feste e culture, ecc.) si contendono lo spazio; quartieri dove confliggono usi intensivi di alcune popolazioni divenute residenziali (ad esempio, gli studenti nei quartieri limitrofi ai grandi atenei). E un conflitto dalle molte valenze, non solo materiali (dovute ad usi ed attività interagenti, che convivono con difficoltà), ma anche politiche, sociali e culturali, legate cioè alle differenze (alle volte antagoniste, o inconciliabili) nei modi di intendere lo spazio e di abitarlo 6, nelle forme di convivenza, nelle idee di città e di sviluppo (anche riferite solo a quartieri o parti di città 7 ), nelle difficoltà di fronte alle diversità sociali e culturali, alle paure e alle insicurezze nei confronti dell Altro (spesso indotte o incentivate dalle politiche securitarie). Il carattere particolarmente drammatico del confronto degli stili deriva dal fatto che nelle teorie architettoniche si schierano due rapporti dell atto di costruire: con se stesso e le proprie precomprensioni, 5 At issue once again is the importance [ ] of attempting to see the ways in which dominated actors retain agency in either mode by resisting domination in a range of ways, but also by tryung to sustain their own culturally constituted projects, to make or sustain a certain kind of cultural (or for that matter, personal) authenticity on the margins of power (p. 147). 6 Un esempio tipico è fornito dal tema della mobilità. Qui si confrontano modelli e comportamenti molto diversi tra loro, da quelli che hanno come riferimento la sola mobilità privata su gomma con la pretesa del parcheggio sotto casa a tutti i costi, a quelli favorevoli alla mobilità a impatto zero, prevalentemente se non esclusivamente pedonale o ciclopedonale. 7 Pensiamo ai grandi conflitti innescati dalle grandi opere o dagli interventi (spesso dettati da operazioni immobiliari) di trasformazione radicale di interi quartieri. Ma grandi conflitti possono nascere anche rispetto alle piccole trasformazioni e politiche urbane che possono innescare cambiamenti profondi e duraturi: in molti centri storici (come quello di Roma) confliggono obiettivi legati alla vivibilità e alla residenzialità con la trasformazione in distretti del turismo e del commercio o con la museificazione (che ne decretano la morte).

7 e con l abitare, i suoi bisogni, e le sue aspettative. Conflitto di stili, perciò, ma altresì conflitto tra le diverse interpretazioni che si danno dei bisogni vitali dell abitare (Riva, 2008, p. 28). Se i conflitti, in alcuni casi, sono legati ad interessi divergenti e possono essere mediati, in altri svolgono invece un ruolo profondamente costruttivo. Rappresentano forme di resistenza non solo alle trasformazioni fisiche, ma anche alla pervasività di idee dell abitare eterodirette e stravolgenti. I conflitti obbligano a cercare soluzioni più complesse tra i soggetti coinvolti e, se si sviluppano intelligentemente e ad un livello più alto della semplice negoziazione e mediazione, permettono di mettere in discussione le relazioni di potere e i riferimenti culturali di fondo, dando vita a nuove prospettive interpretative. In questo senso, vanno piuttosto potenziati che non mediati 8. La produzione sociale di pubblico e di beni comuni I processi di appropriazione e ri-appropriazione della città ci mostrano che, al di là delle regole (formali e istituzionali), esiste un pubblico che si fa avanti nella pratica, nella quotidianità, nella convivenza. Sotto il livello occupato dal pubblico, quello istituzionale e codificato, rappresentato dallo Stato e dall amministrazione pubblica in genere, tra questo livello e quello più propriamente privato, esiste una dimensione pubblica che assume concretezza nella fisicità dello spazio, trasformandolo in luoghi. Esiste una crescente produzione sociale di pubblico, in autonomia rispetto alle organizzazioni istituzionali esistenti. Questo strato intermedio, questa produzione sociale di pubblico è sempre esistita, ma oggi risulta particolarmente significativa perché esprime il pubblico più del pubblico/statale, rappresenta i luoghi reali e concreti di confronto tra gli abitanti, la resistenza ai modelli di sviluppo, la costruzione di modelli alternativi, ecc 9. Le forme di autorganizzazione e di autogestione (Bitter, Weber, 2009) stanno costruendo in molti casi uno spazio di azione diretta e autonoma degli abitanti, dove lavorare nonostante l amministrazione. Allo stesso tempo è all interno di questi processi che si producono beni comuni (Amoroso, 2009), non come categoria astratta legata ai diritti o alle identità, ma come insieme di condizioni concrete, materiali ed immateriali, esito indiretto di un processo collaborativo, o anche semplicemente concorrente, comune (Cellamare, 2008). La costante produzione di beni pubblici dal basso (come vengono interpretati da alcuni autori; Balducci, 2004), dentro e fuori processi partecipativi, anche semplicemente insita negli ordinari processi di appropriazione della città, con cui peraltro gli abitanti sviluppano un profondo rapporto empatico, costituiscono una delle modalità fondamentali di significazione degli spazi di vita. La produzione sociale di pubblico, d altronde, è attraversata da molte ambiguità, che non bisogna sottovalutare, come spesso evidenzia la lettura critica sia dei modelli di abitare che delle idee di città sottese dalle pratiche urbane o dai processi partecipativi. Le pratiche urbane nel rapporto tra persone e luoghi Le pratiche configurano i luoghi e le pratiche si configurano nello spazio, in un rapporto biunivoco tra abitanti/società e spazio. Il rapporto tra le persone ed i luoghi in cui vivono e abitano si sviluppano in tanti modi diversi. Si tratta di relazioni reciproche, poiché come le persone instaurano rapporti tra di loro e con i luoghi, conformandoli come luoghi (e non più banalmente spazi), così i luoghi condizionano le persone e le organizzazioni sociali attraverso la loro conformazione, le modalità e opportunità d uso, ma anche le stratificazioni di significati in essi incorporati. Per essere più corretti, così come ci ha ben chiarito Simmel (1908), la spazialità è una proprietà delle relazioni sociali, e non banalmente uno sfondo in cui si svolgono e da cui vengono condizionate. Le relazioni sociali, così come il mondo di significati e di rappresentazioni da esse implicate, si 8 Sui temi del conflitto si tornerà anche nei capitoli successivi. 9 E interessante notare che in molti contesti urbani (Cellamare, 2008) la discussione ed i conflitti si spostano dalla questione legale/illegale (connessa alle istituzioni formali dello stato) alla questione del lecito/illecito, rispetto alle regole implicite ed autodefinite della convivenza di una collettività urbana (si tornerà su questi temi nel successivo cap. 7).

8 configurano spazialmente. La definizione dello spazio come a priori logico percettivo, permette di considerare questa dimensione non come qualcosa di cui si fa esperienza, ma come un modo di fare esperienza. Lo spazio non è mai un aspetto oggettivo, ma, come dice Simmel, un attività dell anima, contemporaneamente condizione (ciò che limita, vincola) e simbolo (cioè la creatività, la costruzione sociale) dei rapporti tra gli uomini (Mandich, 1996, p. 38), esito quindi di un ambiguità e di un intreccio: il rapporto con lo spazio è soltanto da un lato la condizione, dall altro il simbolo dei rapporti con gli uomini (Simmel, 1908, p. 580). Lo spazio non è, di per sé, una forma, ma produce forme nello strutturare i rapporti di interazione. Le forme spaziali sono quindi quelle configurazioni di relazioni sociali che trovano nello spazio la loro concretizzazione. Soggetti e gruppi sociali localizzati sono in relazione con spazi soggettivati e oggetto di una rappresentazione sociale, all interno di un nesso tra soggetti e luoghi che è storico (e storicizzato) e rimanda ad un mondo di significati sociali, che è a sua volta un campo (usi e significati condivisi, incorporati, contestati, appropriati o trasgressivi, motivo di tensione o di conflitto, ecc.). Un luogo, ad esempio, al di là del rapporto che vi possiamo costruire oggi, è già portatore di una stratificazione di valori e significati sociali incorporati, con cui implicitamente ci relazioniamo. Così come i luoghi, la loro conformazione spaziale, i loro condizionamenti sulla nostra organizzazione di vita, possono essere espressione di un rapporto di subordinazione, esprimono un condizionamento egemonico. I luoghi sono quindi ibridi ed esprimono una molteplicità di usi, di significati, di valori simbolici, anche in contrasto tra loro, in relazione ai diversi punti di vista degli abitanti e dei gruppi sociali che li vivono. Alcuni studi (Caniglia Rispoli, Signorelli, 2008) di carattere interdisciplinare, hanno cercato di sistematizzare un ragionamento sul rapporto tra soggetti e luoghi. In primo luogo, individuano tre possibilità di strutturazione dei rapporti tra soggetti e luoghi (p. 45): - rapporti tra un soggetto (individuale e/o collettivo) e i luoghi; - rapporti tra soggetti (individuali e/o collettivi) nei luoghi; - rapporti tra i luoghi nell esperienza e nelle rappresentazioni mentali dei soggetti (individuali e/o collettivi). I primi due aspetti sono probabilmente più noti e rimandano alle relazioni d uso, ai bisogni sociali che esse rappresentano e che si cerca di soddisfare, alle relazioni sociali che si instaurano nei luoghi. A proposito dell ultimo aspetto, meno frequentato, si noti come l insieme delle rappresentazioni dei luoghi costruisce una mappa mentale in ciascuno di noi. L insieme dei rapporti tra i luoghi, per come li conosciamo (o ce li immaginiamo) e per come li valutiamo, costituiscono nella mente di ciascuno di noi una sorta di mappa del mondo. Ogni soggetto è infatti portatore di una mappa mentale del mondo che gli consente di orientarsi nei rapporti con i luoghi e con gli altri soggetti e, attraverso le rappresentazioni, di essere mentalmente in rapporto con luoghi altri e con soggetti distanti. Di qui l importanza di questa mappa, che ha per noi soggetti una funzione cognitiva e una funzione valutativa del mondo: essa è precisamente l espressione, la rappresentazione condivisa, di come pensiamo che il mondo sia, ma anche di come pensiamo che dovrebbe essere; è la rappresentazione mentale di quell ordine del mondo stesso, di quella trasformazione del caos in cosmo che è un bisogno originario della specie umana. [ ] le mappe del mondo possono essere materia di scontro e di conflitto anche molto radicale, sia alla microscala che alla macroscala, come pure è più chiaro perché l imposizione di una determinata mappa del mondo ai portatori di una cultura altra sia un atto di grande rilevanza nei processi che stabiliscono quel particolare tipo di dominio che è l egemonia. (p. 49) Lo stesso studio articola i rapporti tra soggetti e luoghi in tre modalità differenti (p. 51): - l assegnazione dei soggetti ai luoghi; - l appropriazione dei luoghi (modalità dell utilizzazione pratica dei luoghi), a sua volta articolabile in: - Appropriazione pragmatica (fondata sull uso); - Appropriazione relazionale (basata sulla frequentazione tra soggetti, sull imitazione e lo scambio); - Appropriazione cognitiva/culturale;

9 - l appaesamento dei luoghi ad opera dei soggetti (processo per mezzo del quale un soggetto umano individuale o collettivo investe di valore una porzione di spazio, trasformandola così in luogo-simbolo di quello stesso valore). L assegnazione ai luoghi corrisponde più chiaramente ai condizionamenti che subiamo nell essere collocati, più o meno intenzionalmente, nei luoghi (pensiamo alle assegnazioni nelle case popolari), ma anche nel prenderci i luoghi per quello che sono in conseguenza delle scelte di abitazione, di lavoro e di organizzazione di vita che facciamo. In sostanza l assegnazione esprime le modalità del potere nel rapporto tra soggetti e luoghi (p. 52). I processi di appropriazione, che in fin dei conti corrisponde alla modalità di utilizzazione pratica dei luoghi, hanno sempre una componente cognitiva, una pragmatica ed una relazionale. Essi rimandano ad un sistema di relazioni politiche all interno dei luoghi. L appaesamento, infine, è, delle tre modalità di rapporto tra soggetti e luoghi, quella più fortemente caratterizzata in senso culturale e dunque anche quella che più spesso pone problemi di comprensione reciproca (p. 55). Questo tipo di analisi, sviluppato nello studio di Caniglia Rispoli e Signorelli, costituisce un utile riferimento, soprattutto per la capacità di mettere in connessione le situazioni concrete con le rappresentazioni (simboliche e culturali) dei soggetti e dei gruppi sociali. Allo stesso tempo, presta il fianco ad una interpretazione di questi rapporti un po meccanica ed oggettivata, a rischio di un approccio essenzialista. Appare quindi necessario, quando si ragiona di pratiche urbane nel rapporto tra persone e luoghi, approfondire i caratteri dei processi e delle pratiche, le dinamiche e le modalità di relazione, in un approccio anche più narrativo, in quanto ogni situazione ha una propria storia ed una propria dinamica. Inoltre, bisogna sempre tenere presente che il senso dei luoghi si colloca in una dimensione plurale, perché diverse sono le interpretazioni dei luoghi (almeno quante le diverse popolazioni che li vivono), siano esse vissute dagli abitanti o imposte dall esterno o ancora costruite nell immaginario collettivo. Pratiche di appropriazione dei luoghi I processi di appropriazione e ri-appropriazione dei luoghi sono al contempo sia processi materiali e di trasformazione fisica sia processi culturali, immateriali e di attribuzione di un valore simbolico. Essi riflettono le forme con cui gli abitanti, a diverso titolo e in diverse forme, trasformano e si appropriano dei propri contesti di vita, in rapporto ai grandi processi di costruzione della città, che generalmente si sviluppano al di fuori della loro portata e al di sopra delle loro teste. In questo senso sono associabili a quelle che de Certeau (1990) considerava le tattiche. E sono anche le pratiche e i modi con cui si sviluppano i processi di significazione e ri-significazione della città. L attenzione ai processi di appropriazione e ri-appropriazione della città ha profonde implicazioni sulla progettualità e sulle politiche che si pongono come obiettivo la riqualificazione urbana e ambientale. In questi processi e in queste pratiche urbane, infatti, sono profondamente incorporate significative progettualità di cui non si può non tenere conto, ma che anzi risultano spesso più appropriate e più adeguate agli obiettivi di riqualificazione e alle esigenze sociali, più o meno espresse. Inoltre implicano un protagonismo degli abitanti che, in questa epoca di scollamento tra la città, gli abitanti e le istituzioni, rappresenta una dinamica di coinvolgimento nei processi di costruzione della città che costituisce esplicitamente un obiettivo da perseguire. I processi di appropriazione non sono tutti uguali e il loro carattere molto dipende dal tipo di relazioni con i luoghi che determinano, dagli obiettivi e dagli interessi che spingono i vari soggetti a muoversi, dal tipo di socialità e messa in comune che ne deriva, dai soggetti sociali protagonisti della trasformazione, dai tipi di contesti urbani e ambientali, dalle dinamiche sociali e politiche, dagli immaginari implicati, dalle eventuali interazioni con i soggetti istituzionali, dalle implicazioni economiche, ecc.. I significati che ne derivano (così come i modelli di abitare, le idee di città, le forme di convivenza, ecc., sottesi), oltre ad essere differenti, non sono tutti neutrali o positivi, ed è importante poterli valutare in relazione a questi differenti aspetti. Per fare emergere gli aspetti rilevanti e di maggiore interesse, i processi di appropriazione possono essere valutati ed approfonditi attraverso alcuni criteri di lettura, come ad esempio: - cura dei luoghi e produzione di beni comuni ;

10 - beni e luoghi accessibili a tutti e che anzi vengono resi (nuovamente) fruibili ad una collettività allargata; significatività dei luoghi nella vita delle collettività locali; - attivazione di un processo orizzontale e costruttivo di coinvolgimento degli abitanti; - sviluppo di forme di autogestione ed autorganizzazione; - non prevalenza degli interessi economici, sviluppo di economie alternative, ecc.; - costituzione (o ricostituzione) di culture legate all uso e ai valori anche simbolici di quei beni e luoghi. Esperienze diverse di appropriazione e significazione dei luoghi L analisi empirica delle esperienze ci aiuta ad evidenziare alcuni aspetti rilevanti dei processi di appropriazione e significazione dei luoghi, caratterizzati da una varietà non riducibile ad una tipizzazione o a una classificazione. Non si tratta quindi di una catalogazione, quanto di un esercizio di lettura utilizzando i criteri indicati precedentemente. Le considerazioni che seguono, e che sono riportate in forma estremamente sintetica, derivano dal lavoro sul campo. Il panorama di situazioni è estremamente ampio e richiederebbe un approfondimento specifico per ogni singolo caso. Possiamo cercare di tracciare un quadro sintetico a partire da alcune vicende, soprattutto in contesti romani. In primo luogo, abbiamo i processi di appropriazione nelle loro forme più semplici, ovvero di adattamento degli spazi esistenti, dei contesti fisici (urbani e ambientali) con interventi minimi, eventualmente supportati dall introduzione di elementi di arredo urbano o di attrezzature, anche autocostruite, per lo più necessari e destinati alla socialità, all incontro, alla convivenza, al tempo libero in compagnia, ecc.. Generalmente non sono né illegali né illeciti, e solo in alcuni casi possono influire marginalmente (anche problematicamente, ma senza creare particolari conflitti) sull organizzazione dello spazio collettivo, o sulla mobilità o sulla fruibilità delle aree verdi. Sono piccoli interventi mirati a rendere più fruibile ed accessibile lo spazio, sfruttarne potenzialità inespresse, a recuperare situazioni abbandonate. In fondo, a immettere o re-immettere nella vita ordinaria della città spazi e luoghi altrimenti sterili. Si tratta, ad esempio, di sistemazioni con sedie, panchine, tavoli e tavolini, eventualmente accompagnati da piante, fiori, aiuole, ecc. di cui si prendono cura gli abitanti stessi. La portata dell intervento dipende dal contesto e dalle risorse disponibili agli abitanti, nonché dalle eventuali limitazioni esistenti (problematicità o conflittualità che possono essere innescate). Al di là di una prospettiva idilliaca, questo tipo di situazioni ci parlano di un clima collaborativo tra gli abitanti, della ricerca di socialità, di autorganizzazione per lo spazio pubblico, di carenze di spazi pubblici, delle connesse attrezzature e dell inadeguatezza delle politiche del amministrazione pubblica, ma ci parla anche spesso dell inadeguatezza della progettazione degli spazi pubblici, non attenta alle pratiche di uso reale dei luoghi. Nel quartiere Serpentara, nella periferia nord di Roma, un quartiere di edilizia economica e popolare realizzato a partire dagli anni 80, l importante piazza centrale, attorno a cui ruotava l intero assetto morfologico e funzionale e l intero progetto del quartiere, è stata riprogettata e risistemata attraverso il programma cento piazze, il noto concorso per la sistemazione di alcuni spazi pubblici a Roma, sviluppato alla fine degli anni 90 e in corrispondenza del Giubileo del La realizzazione, dal punto di vista architettonico, risulta interessante, con grande impegno sia di alberature, che di attrezzature di arredo urbano che di sistemazioni fisiche. Si tratta, però, di uno spazio, anche abbastanza grande, al di fuori dei percorsi di frequentazione degli abitanti, collocata al centro del quartiere come grande snodo stradale, separata dalle aree residenziali (grandi edifici isolati all interno delle aree verdi) dalle strade che vi convergono. A questo errore urbanistico, progressivamente abbandonato e degradato, corrisponde lo sviluppo di un area piuttosto marginale rispetto all assetto complessivo del quartiere. Gli abitanti hanno infatti progressivamente attrezzato un area verde abbandonata ed incolta, direttamente accessibile da una delle grandi stecche residenziali che si affaccia su di essa, senza soluzione di continuità. L area verde è stata semplicemente attrezzata con sedie, tavolini, piante, sistemazioni a terra, ecc. diventando il luogo più frequentato, se non proprio di riferimento, nel tempo libero. La città di Roma, così come tantissime altre città, sono costellate da esempi come questo. Essi costituiscono l ordinario e la condizione minima della vitalità della città. In questo ambito di ragionamento si inserisce anche la figura dell everyday maker, la figura dell abitante che con la sua capacità di iniziativa e di azione, attraverso gesti concreti e quotidiani di costruzione (ma anche attraverso l animazione degli altri abitanti e in collaborazione con essi) produce quotidianamente, intenzionalmente e in autonomia lo spazio in cui vive (Bang, 2005, Ghiraldini, 2011).

11 Abbiamo poi esperienze di appropriazione di spazi (piazze, aree verdi, campetti sportivi, ecc.), anche in forme temporanee, da parte di alcuni gruppi o comunità che hanno così l opportunità di incontrarsi, organizzare attività, sfruttare il tempo libero. E tipico nel caso delle comunità straniere e/o migranti che si incontrano per ritrovarsi come comunità in alcuni spazi pubblici, aree verdi o parchi in alcuni momenti della settimana: è il caso, ad esempio, di piazza della Repubblica a Roma o del campetto della polverera a Monti, sempre a Roma (ma avremo un caso di questo tipo anche nel cap. 4). Il campetto della polverera è un campetto sportivo vicino a Piazza della Polveriera, a due passi dal Colosseo, che è diventato il luogo dei campionati di calcio delle comunità sudamericane a Roma, in particolare ecuadoriane (compreso un campionato femminile). La polverera è diventata così il riferimento di queste comunità, luogo di incontro e delle feste, che possono durare anche l intero week-end. Nel corso del tempo le comunità sudamericane si sono sapute autorganizzare e coordinare in un associazione che si occupa di gestire lo spazio, di mantenerlo pulito, di prendere accordi con l amministrazione e con l agenzia municipalizzata per la gestione dei rifiuti. Ma nonostante questo, il campetto, che nella settimana è utilizzato dai ragazzi del rione (anche perché è l unico spazio disponibile), nel week-end viene totalmente occupato e sottratto ad altri usi possibili, generando tensioni e alcuni conflitti. Sono occasioni di grande socialità, oltre ad avere un enorme valore simbolico per le comunità immigrate; ma determinano la limitazione dell accessibilità allo spazio pubblico, anche in forma solo temporanea, generando quelle tensioni e quei conflitti cui si accennava. In queste situazioni, è più facile che si eserciti l azione repressiva delle istituzioni, pur non essendo una situazione di illegalità più significativa di altre. Le comunità immigrate infatti sono soggetti più deboli e facile obiettivo di stigmatizzazione. In altri casi la limitazione dell accessibilità diventa permanente (aumentando i conflitti locali), ad esempio nei campetti e negli altri spazi che opposte tifoserie si accaparrano nelle periferie romane già povere di spazi verdi. In terzo luogo, abbiamo l appropriazione a fini di sfruttamento dello spazio (pubblico) per attività commerciali ed economiche, e quindi con fini di interesse economico privato. Si va, con un crescente peso dell interesse economico e privatistico, da piccoli interventi di attrezzature e sistemazione degli spazi esistenti realizzati alle volte da commercianti o artigiani, ambulanti o privi di una struttura per svolgere la propria attività lavorativa (spesso accettati o digeriti nei contesti locali, nella comprensione delle difficoltà delle attività produttive più deboli e povere), ad attività produttive e commerciali (alberghi, meccanici, carrozzieri, ecc.) che si appropriano del fronte strada, o ad attività commerciali ed esercizi pubblici che occupano estensivamente vaste porzioni, se non interi spazi pubblici, innescando in questo caso forti conflittualità. Questi comportamenti determinano infatti situazioni escludenti (anche in forma permanente) nei confronti di altri soggetti, fino a forme di vera e propria privatizzazione dello spazio pubblico. Ne sono tipico (e massimo) esempio le occupazioni di suolo pubblico nel centro storico di Roma e la nota e tanto contestata e vituperata invasione di tavolini, che spesso fa scomparire intere piazze (ad esempio a Trastevere o a Piazza delle Coppelle) o le sottrae in gran parte all uso pubblico o ancora limita le visuali e la fruibilità delle piazze storiche e monumentali (Piazza Navona, il Pantheon, ecc.). Per quanto legale (lo spazio viene acquisito a fronte del pagamento di un canone), e senza considerare i comportamenti abusivi, si tratta di un operazione illecita agli occhi degli abitanti, anzi profondamente odiata. Si tratta infatti strettamente di una privatizzazione dello spazio pubblico a fini di sfruttamento economico. Abbiamo, poi, situazioni in cui invece prevale la cura e la rimessa in circolo di un bene, che quindi (ri- )diventa un bene comune. Soprattutto se ad intervenire sono abitanti organizzati senza secondi fini o altri soggetti (comitati, associazioni, ecc.) che appartengono al tessuto sociale, sono ben radicati nel territorio e sono espressione di una dimensione collettiva condivisa (di un pubblico emergente dall interazione sociale su cui torneremo successivamente). Ne sono esempio, sempre per rimanere a Roma, l A. S. Monti per Villa Aldobrandini nel rione Monti, il Comitato di Tor Fiscale per il Parco di Tor Fiscale, il Comitato Casilina 18 per il Parco della Pace a Borgata Finocchio, o ancora il campo per skating dei ragazzi di San Basilio. In questi casi prevale la logica del prendersi cura di e della produzione/manutenzione di beni comuni. Nel caso del Parco della Pace si tratta di un bene confiscato alla mafia che, dopo una lunga battaglia, in un quartiere abusivo storico consolidato nell estrema periferia est (molti kilometri al di fuori del Grande Raccordo Anulare), è stato trasformato in un parco pubblico attrezzato all interno di un più articolato programma di riqualificazione che prevedeva anche la realizzazione di una biblioteca, di una ludoteca e di un centro culturale (e che la nuova giunta comunale non ha portato a termine). Come anche negli altri casi, si tratta di un esperienza di alto valore simbolico, sia perché oggetto di una lunga battaglia,

12 con grandi investimenti emotivi, di tempo e di risorse da parte degli abitanti, sia perché rappresenta la dimensione della possibilità (la possibilità che vengano realizzati progetti a fronte di un impegno collettivo), sia perché rappresenta la possibilità di avere un luogo di qualità anche nell estrema periferia degradata ed abusiva (e quindi rimanda alle dimensioni del riscatto, della riconoscibilità, ecc.), sia infine perché costituisce un fattore identitario particolarmente forte in un contesto così povero di riferimenti rilevanti. Per motivi diversi, si tratta tutte di esperienze di alto valore simbolico. Nel caso di Villa Aldobrandini significa aver rimesso in circolo nella vita del rione (curandolo, presidiandolo, rendendolo più fruibile, organizzandovi attività ed eventi) uno spazio altrimenti abbandonato e marginale, in via di progressivo degrado. E, in questo caso, si tratta di un occupazione, peraltro di un bene tutelato dalla Soprintendenza. Sebbene illegale, è risultato per lo più accettabile agli occhi della collettività locale, proprio in virtù della restituzione alla vita collettiva di un bene inutilizzato. In queste esperienze la gestione diventa spesso un impegno da parte delle stesse organizzazioni che si sono impegnate per la loro realizzazione, direttamente o indirettamente, diventando un altro motivo di cura del bene comune e di rapporto più diretto con quella realtà, ed acquisendo un ulteriore valenza simbolica e di mantenimento di quella appropriazione originaria. Nel caso del Parco della Pace è stata costituita una cooperativa di giovani residenti per la gestione del verde, con un ulteriore obiettivo occupazionale; nel caso di Tor Fiscale, il Parco ed in particolare i due casali presenti, sono stati dati direttamente in gestione al Comitato che ha realizzato nelle due strutture spazi di uso comune e sale di incontro. Spesso l azione e la pressione della società civile arriva ad interessare la riorganizzazione di interi quartieri (andando ad interessare i problemi della mobilità, del trasporto pubblico, del verde, ecc.), sia con azioni dirette (anche solo a carattere simbolico) che con azioni indirette, sull amministrazione pubblica. Se, nei casi precedenti (anche se nel caso di Villa Aldobrandini la situazione è più complessa), l esperienza è l esito di un azione collettiva, ma la realizzazione fisica degli interventi è opera dell amministrazione pubblica, in molti altri casi gli abitanti si autorganizzano e realizzano una vera e propria autocostruzione di spazi pubblici o di aree verdi (eventualmente attrezzate) e delle relative attrezzature pubbliche mancanti, per lo più utilizzando fondi propri (oppure ottenendo fondi, anche minimali, dalla pubblica amministrazione). Ne è un esempio emblematico la vicenda della piccola area verde attrezzata a Saxa Rubra (Cellamare, 2009a). In genere queste situazioni corrispondono ad un livello di coesione della comunità locale ed una autorganizzazione della convivenza, e si realizza sostanzialmente una sostituzione all amministrazione pubblica. Sono esperienze che ci parlano dell inadeguatezza delle politiche e degli interventi pubblici, e delle capacità di autorganizzazione degli abitanti anche in contrasto o conflitto con i piani e i programmi esistenti, con soggetti privati forti (nel caso di Saxa Rubra, la RAI), con la Pubblica Amministrazione. Particolarmente interessante è l esperienza degli orti urbani a Roma. In questo caso, alla cura di un territorio e alla realizzazione di un bene comune, si aggiunge la possibilità di produrre beni (che sono al contempo alimentari ed economici), in un agricoltura urbana in genere sostenibile, che riavvicina ai cicli della natura, che propone modelli economici alternativi (le economie a km zero ). Anche se di fatto rendono esclusivo l uso di queste porzioni di territorio, in genere si occupano di terreni abbandonati, eventualmente sottratti alla speculazione edilizia. Interi quartieri o agglomerati possono essere autocostruiti. Non è questo il contesto per sviluppare una ampia riflessione sulla città informale, che pure sarebbe estremamente interessante. Accenniamo solo alla vasta e sfaccettata esperienza dell abusivismo romano, in realtà molto differenziata al suo interno, oggetto di una lunga vicenda storica e segnata dall evoluzione nel tempo delle sue stesse caratteristiche fondanti (per esempio, nel passaggio dall abusivismo per necessità, legato alla domanda abitativa, all abusivismo speculativo, sostenuto dai reiterati condoni edilizi) 10. E l espressione della città fai da te. Può dare origine a forme di collaborazione, solidarietà, mutuo aiuto, ecc. (ad esempio, nelle fasi costruttive nell abusivismo per necessità, o nella realizzazione di opere di necessità collettiva, come nel caso della realizzazione di difese spondali all Idroscalo di Ostia), oppure può dare origine a forme privatistiche di appropriazione dello spazio. Anzi, la logica di fondo è radicata in una concezione privatistica dello spazio, dove la dimensione collettiva è tutta da costruire ed entra in campo soltanto nella misura in cui è una necessità e permette di perseguire i propri interessi privati. 10 Per un quadro della situazione a Roma si rimanda a Cellamare (2010) e Cellamare, Perin (2010).

13 Un altra esperienza di appropriazione, infine, è quella delle occupazioni a scopo abitativo (su cui torneremo successivamente, in maniera più ampia, nel cap. 5), dove si intrecciano sia la dimensione dell autorecupero e dell autorganizzazione, sia la dimensione della resistenza ai modelli imposti, sia la pratica di forme diverse dell abitare, sia l attenzione alla riutilizzazione degli spazi abbandonati della città. Viceversa, la mancanza di processi di appropriazione può essere molto significativa ed è indicativa di una situazione profondamente problematica, dove viene meno la vitalità della città. E quanto avviene soprattutto nei nuovi quartieri realizzati intorno ai grandi centri commerciali romani, come Bufalotta Porta di Roma. In quest ultimo caso, abbiamo di fatto un assenza di forme di appropriazione dello spazio, o al più una loro presenza decisamente marginale. Questo testimonia come nella città del mercato, dove i processi di costruzione della città sono tutti eterodiretti ed il rapporto dell abitante con la città è mercificato, le forme di appropriazione siano tendenzialmente molto limitate e l abitante è estraniato rispetto al proprio ambiente di vita (e, a maggior ragione, rispetto allo spazio pubblico esistente). Pratiche urbane e senso del pubblico Possiamo quindi riconoscere processi di appropriazione molto diversi tra loro. Nella città consolidata, e soprattutto nella città storica, i processi di appropriazione si concentrano sugli spazi pubblici (strade, piazze, parchi, ecc.) o al più su contesti anche a carattere insediativo, ma interstiziali e per lo più luoghi abbandonati. Ciò è evidentemente dovuto alla più limitata disponibilità di spazi, ma anche al maggiore controllo. Mentre nelle aree più periferiche le forme di appropriazione interessano aree estese, edifici o intere aree industriali, singole case di abitazione, complessi residenziali, pezzi di città, aree libere e aree agricole. Ma al di là di questa banale osservazione, ciò che interessa maggiormente è che, al di là delle regole formali e istituzionali, esiste un pubblico che si fa avanti nella pratica, nella quotidianità, nella convivenza. Sotto il livello occupato dal pubblico, quello istituzionale e codificato, rappresentato dallo Stato e dall amministrazione pubblica in genere, tra questo livello e quello più propriamente privato, esiste una dimensione pubblica socialmente prodotta che, al di là delle sue interpretazioni teoriche (Crosta, 1998), assume concretezza nella fisicità dello spazio, peraltro trasformandolo in luoghi. E una dimensione pubblica che assume connotazioni diverse, anche problematiche, a seconda dei contesti e dei processi, così come si poteva riconoscere nel rapido excursus sviluppato nel paragrafo precedente. E interessante allora evidenziare ed approfondire criticamente, nella diversità dei processi, proprio le diversità di pubblico che emergono e la complessità delle relazioni con la dimensione istituzionale e formale 11. In alcuni casi, il pubblico socialmente prodotto entra in contrasto con le regole formali (quando non sono espressione di una produzione sociale in atto) e può portare a situazioni molto diverse tra loro: - può portare alla deregulation (situazione che però può diventare problematica nell ottica della stessa convivenza, soprattutto se si crea un contesto di sospensione delle regole costitutive del patto sociale che apre a forme di prevaricazione, se non addirittura a comportamenti malavitosi); - o viceversa alla contestazione di quelle regole (nella misura in cui sono considerate ingiuste e non espressione di una società istituente ; Castoriadis, 1975); - o ancora all occupazione di uno spazio non regolato (questione che rimanda ad un riflessione su ordine e disordine nella città, cfr. cap. 3), ovvero semplicemente occupare uno spazio fisico e sociale di non regolazione. In altri casi, invece, il pubblico socialmente prodotto entra in conflitto, non solo o non tanto con le regole istituzionali, ma anche e soprattutto con le regole non scritte della convivenza e/o dell appropriatezza al contesto urbano e sociale in cui ci troviamo (de Certeau, Girard, Mayol, 1994), che non sono necessariamente quelle formali, appunto. In questo caso i problemi sono veramente rilevanti perché travalicano la dimensione delle regole formali ed intaccano le regole stesse di convivenza, generando conflitti profondi e mettendo in discussione l idea stessa di civitas che soggiace alla convivenza urbana. Analogamente, i processi di appropriazione possono essere letti in termini di processi orizzontali e costruttivi di coinvolgimento tra abitanti, se non addirittura in termini di forme collaborative e di 11 Nel capitolo 4 si tornerà sulla complessità e sulla problematicità del rapporto tra politiche di controllo e pratiche ordinarie, della regolamentazione delle pratiche, ecc.

14 solidarietà, o di autorganizzazione che si possono attivare. E quindi in termini di capacità di autogoverno e di costruzione del pubblico tra gli abitanti. Da questo punto di vista, le situazioni si distribuiscono in un campo che va dalla collaborazione piena allo sviluppo di profonde forme di privatizzazione, non solo non collaborative, ma anche escludenti. Progetto e forme dell abitare. La pratica di idee diverse dell abitare I processi di appropriazione ci fanno sondare il mondo dei modelli di sviluppo e delle forme dell abitare, l idea di città che vi è sottesa. A proposito dell abitare, La Cecla (2000) sottolinea che: Abitare è una facoltà umana. E, cioè, una abilità acquisita, costruita su di una predisposizione biologica, (l essere fisicamente presenti in un luogo) ma elaborata culturalmente, quindi condivisa con una società. In quanto tale può essere lobotomizzata, come dice Evans, ma non soppressa del tutto. [ ] Al pari di qualunque altro sistema commerciale hanno bisogno di trasformare una facoltà umana in un bene di consumo e di produrre dei consumatori ignari che il bene che considerano scarso è invece alla sua origine abbonante e già in loro possesso (La Cecla, 2000, p. 76). Spesso, queste pratiche ci parlano di una idea dell abitare profondamente intessuta di relazioni sociali, di una convivenza costruita sulla diversità e sulla collaborazione di tutti, di un rapporto di cura (e di concreta manutenzione e costruzione) del luogo in cui si vive, in uno spirito di forte responsabilizzazione. In alcuni casi, come in quello degli orti urbani, dove è coinvolta la dimensione ambientale e la dimensione produttiva, di fatto si propone anche (e pure esplicitamente) un modello di sviluppo fondato su un economia alternativa. In altri casi, invece, emergono modi, forme e immaginari dell abitare tutti da discutere. Nel caso dell abusivismo (almeno a Roma), ad esempio, l abitare è molto incentrato intorno alla casa privata che diventa un microcosmo, dove non c è solo l abitazione per sé, per la propria famiglia, ma spesso anche l abitazione per la famiglia dei propri figli (sebbene la maggior parte di essi tenda oggi ad andarsene, a cercare collocazioni in altre realtà che siano più proprie di un essere città ). Ma soprattutto all interno del proprio lotto trova spazio il giardino, se non la piscina, così come l orto e altre strutture che completano una forma di abitare fondata sull autosufficienza e un microcosmo che induce un autoreferenzialità del nucleo familiare, anche quando allargato. Chi se lo può permettere cerca di allargare e qualificare i propri spazi, chi non può si accontenta della propria casa. Tutto ciò che è fuori del perimetro del proprio lotto, non interessa molto. O lo si demanda ad altri soggetti. Per questo, tutto ciò che riguarda le strade, i marciapiedi, le urbanizzazioni primarie, gli spazi pubblici, i servizi minimi, il verde sono sostanzialmente assenti o completamente trascurati quando esistenti. La massimizzazione dello sfruttamento dei terreni da parte dei lottizzatori e dei costruttori abusivi azzera la possibilità di realizzare spazi pubblici di qualsiasi tipo. L abitare è ridotto all osso. La dimensione pubblica dell abitare è ridotta al minimo, è occasionale. Questo è ancor più vero nell abusivismo speculativo e nelle evoluzioni più recenti del fenomeno, mentre era mitigato nelle fasi iniziali, quando nell abusivismo prevaleva il carattere della necessità. In questo caso, la collaborazione tra i costruttori abusivi determinava la costruzione di uno spirito comune, radicava una socialità fondata sulla solidarietà, stabiliva relazioni personali e sociali che si sono mantenute nel tempo ed anche rafforzate. Ne è derivata una dimensione pubblica che è comunque percepita anche se non sempre si traduce in un corrispondente spazio fisico. Alla Borghesiana (periferia est di Roma) i luoghi di incontro rimangono alcune abitazioni di riferimento o alcuni rarissimi bar. Per alcuni versi, anche la dimensione pubblica viene privatizzata. Questa dimensione pubblica, per quanto limitata ma significativa, si è andata ulteriormente affievolendo con le nuove generazioni che non hanno vissuto quella fase epica e con lo sviluppo dell abusivismo prevalentemente speculativo. In alcuni situazioni, o perché realtà più ristrette, o perché persone provenienti dagli stessi luoghi di origine, o per l intraprendenza e la leadership di alcune persone più sensibili, o per altri motivi, può prevalere lo spirito collaborativo che porta alla realizzazione di strutture, spazi e attrezzature comuni, anche totalmente in autocostruzione e in autogestione. A Cerquette Grandi, uno dei toponimi della periferia nord-ovest di Roma, in questo modo sono stati realizzati tra l altro un centro sportivo e ricreativo (con campetto di calcio, altri campi sportivi, spogliatoi, spazio picnic, ecc.), un area parco nella forra limitrofa con percorsi attrezzati

15 e cartellonistica, un campo fotovoltaico che dà energia alla borgata. A Ponte di Castel Giubileo, piccola borgata abusiva storica consolidata, localizzata all altezza dell incrocio tra la via Flaminia ed il Grande Raccordo Anulare di Roma, ormai schiacciata dal Centro RAI di Saxa Rubra, si è andato consolidando un piccolo paese (con tutti i pro e i contro caratteristici dei paesi) con un piccolo spazio pubblico in prossimità dell unico alimentari, dell unico bar e della cappellina esistenti. E stato realizzato anche uno spazio giochi per bambini in autofinanziamento 12. Nella maggior parte dei casi, e nelle aree più estese dell abusivismo romano, prevale comunque una forma dell abitare molto incentrata sulla dimensione privata, con una riduzione all osso come si diceva dello spessore e della complessità dell abitare. Si tratta di una forma dell abitare condizionata dallo sviluppo del fenomeno (e che probabilmente non era propria dell immaginario dei primi abitanti), ma che si è andata affermando e che costituisce l orizzonte dell immaginario dei più giovani e degli abitanti arrivati più di recente (mentre chi ha fatto esperienze fuori di queste borgate tende ad allontanarsene). Le più giovani generazioni, nel tempo libero, mancando di spazi, attrezzature e attività adeguati, sono obbligati ad allontanarsi e generalmente passano il loro tempo nei centri commerciali più vicini che offrono lo svago, le distrazioni, un posto dove stare, il fresco d estate. Tutte cose minime ed omologanti, ma pur sempre l opportunità alla dimensione della propria borgata. Nel week-end, soprattutto il sabato, le famiglie al completo passano l intera giornata nel centro commerciale più vicino (ad esempio, Roma Est per Borghesiana). Paradossalmente, troviamo un analogia con le forme dell abitare dei nuovi quartieri residenziali della città del mercato, come quello di Bufalotta Porta di Roma, già ricordato, che rappresentano oggi la frontiera dell abitare della classe media. Anche in questo caso, l abitare è molto incentrato sull abitazione privata e sulla sua qualità, che rappresenta una forma di espressione e riconoscimento del proprio status sociale. Sebbene gli appartamenti siano di dimensioni veramente piccole (tant è che hanno balconi e logge di dimensioni rilevanti, anche per compensare spazi interni limitati), le rifiniture e la qualità edilizia tendono a replicare i modelli delle abitazioni più di lusso. Spesso le palazzine sono raggruppate in complessi residenziali con una propria piscina, il parco interno, l area giochi attrezzata per i bambini, i sistemi di sicurezza per i controlli degli accessi. Tutto è in dimensioni più contenute, ma tutto tende a replicare modelli residenziali di classi più abbienti. Con la differenza ulteriore che i palazzi e le palazzine possono essere considerati degli alveari, non differentemente da altre realtà della periferia romana. Anche in questi casi, la presenza dei grandi centri commerciali intorno a cui sono costruiti questi nuovi quartieri assorbe tutte le altre funzioni e tutti gli altri tempi dell abitare. Anche in questi casi vi è una interpretazione riduttiva dell abitare e una somma di funzioni separate. E interessante notare come alcuni degli stessi nuovi abitanti di Bufalotta Porte di Roma percepiscano il grande centro commerciale. Un incubo, una piovra, un buco nero che assorbe tutta la vita, soprattutto tutto il tempo extra-lavorativo; così viene percepito da molti abitanti. Alla fine e senza alternative, nel tempo libero, o anche solo per comprare il pane, dalla propria abitazione (dove si svolge tutta la propria vita privata) si scende in garage a prendere la macchina per andare fino al centro commerciale (passando per il parcheggio interrato) per passarvi in alcuni casi anche intere giornate. Lo spazio intermedio, anche nella sua fisicità, scompare dall orizzonte di vita degli abitanti e dagli immaginari personali; esistono solo la propria abitazione ed il centro commerciale (che certo non è uno spazio pubblico nel tradizionale senso della parola; peraltro come noto si tratta di aree private, sottoposto anche a sorveglianza). Lo spazio pubblico fisico che pure esiste ed è ben curato in questi quartieri, perde completamente il suo senso e, per ora, non vede alcuna frequentazione. L esito di queste osservazioni è che, per molti versi, nonostante le profonde diversità in termini di qualità edilizia, di tipologie edilizie, di caratteri e consistenza degli spazi pubblici, queste forme di abitare, e gli immaginari ad esse associate, non sono molto diversi tra loro; non c è differenza tra i due modelli di abitare. In entrambi i casi, salvo le particolari situazioni interessanti segnalate, si tratta di forme di abitare senza appropriazione, o meglio con appropriazione nella sfera del privato, senza pubblico. 12 La vicinanza tra la piccola borgata ex-abusiva ed il grande Centro RAI permette di mettere a confronto due forme dell abitare molto diverse tra loro. La prima è incentrata sul locale, sulla piccola dimensione, sulla socialità; la seconda sulle grandi relazioni sovralocali, sull abitazione privata di lusso, sulla separazione delle funzioni, sulla mobilità, sull estraniazione (il tema è ampiamente sviluppato in Cellamare, 2009a).

16 Ancora una volta, possiamo affermare come i processi di appropriazione e le pratiche urbane ci spingano a ragionare sull idea di abitare e sui modelli sociali sottesi, perché in molti casi sono problematici, rimandano ad immaginari sociali condizionati da quelli promossi o propagandati dal marketing urbano o dagli altri strumenti massmediatici. Come già detto, in fin dei conti, noi abitiamo la nostra idea di abitare. Le forme dell abitare diventano un terreno interessante di lavoro e maturazione. Proprio in questo si mostra come la progettualità delle pratiche stia anche nella proposta e nella pratica di stili di vita personali e collettivi differenti, che comportano una particolare attenzione alle relazioni sociali, dentro e fuori gruppi costituiti. E il caso di chi sperimenta forme diverse dell abitare, come il co-housing o i condomini solidali. Pur essendo limitate, almeno in Italia, queste esperienze ci raccontano del tentativo concreto di costruire contesti di convivenza fondati sull intensità delle relazioni personali, sul desiderio di relazioni abitative non estranianti ma collaborative e di scambio, sulla volontà di sviluppare spazi comuni che non sono solo luoghi fisici di incontro, ma occasioni di incontro dell altro nella quotidianità della propria vita, e della propria casa. Un idea di abitare quindi di grande spessore e ricchezza che rifiuta le semplificazioni e i riduzionismi cui ci sta obbligando la città contemporanea e la città del mercato in particolare. Queste dimensioni appaiono ancor più forti nei condomini solidali, cui si aggiunge il progetto comune di un idea forte di convivenza dove i valori interpersonali e la gestione comune della casa, la collaborazione solidale e l apertura al disagio sociale e all accoglienza costituiscono elementi fondativi. O ancora è il caso della sperimentazione di forme diverse della convivenza, spesso fondate sull imparare dalla diversità, come spesso avviene in occupazioni di case o edifici abbandonati a scopo abitativo, dove sono presenti sia italiani che stranieri e migranti, di nazionalità e identità differenti, con culture molto diverse tra loro, espressione di una città multietnica che è al contempo l opportunità di una grande ricchezza culturale e di relazioni (su questo torneremo nel cap. 5). Non dobbiamo considerarle situazioni ideali o idilliache, vi è un presenza notevole di difficoltà, conflitti ed ambiguità. Ma rappresentano una forma di resistenza e la proposta di alternative ai modelli di abitare prevalenti, eterodiretti ed imposti. Il rapporto con i processi di costruzione della città L analisi delle forme di appropriazione permette di valutare anche il rapporto con i processi di costruzione della città. Come si diceva precedentemente, indubbiamente la città moderna è andata progressivamente allontanandosi da processi che vedessero il protagonismo, o almeno il coinvolgimento, degli abitanti nella sua costruzione. Il progressivo affermarsi dei processi industrializzati nell edilizia, il ruolo crescente del capitale fondiario ed immobiliare, il ruolo del mercato immobiliare come modalità di allocazione della residenza e della distribuzione spaziale delle funzioni urbane, il tentativo (di fatto fallito) di controllo pubblico della crescita dell insediamento ed oggi l affermarsi della finanziarizzazione della città tengono ben lontani gli abitanti, e soprattutto le loro categorie più deboli, dal coinvolgimento attivo nella costruzione della città, non solo nei suoi edifici, ma anche nei luoghi pubblici e nelle aree verdi. Questa situazione innesca anche un meccanismo di dipendenza dal soggetto pubblico o dalle altre agenzie che si occupano della costruzione della città, e a cui si deve chiedere qualsiasi cosa rispetto alla costruzione del proprio contesto di vita. Ciò rafforza la diminuzione della responsabilizzazione rispetto allo spazio collettivo e alla città come bene comune, oltre che l espropriazione della capacità progettuale e costruttiva che pure è una capacità propria degli abitanti ed è riconoscibile nelle loro pratiche di vita, nella mente locale. Se pure dal punto di vista tecnologico-costruttivo così come da quello del governo delle trasformazioni è difficile tornare indietro, bisogna però dire che i tempi e i modi con cui sono sviluppati i processi di costruzione della città non creano nessuna condizione favorevole all interazione con gli abitanti (Cognetti, 2007), in termini di processi di adattamento, interazione con le pratiche, attivazione di iniziative, elasticità del progetto, temporalità adattive ai processi d uso, ecc. Queste attenzioni dovrebbero indurre un ripensamento dei caratteri del progetto e degli interventi, così come dei processi di progett-azione. Non significa infatti tornare indietro a livelli più bassi di tecnologia, quanto invece come diceva Bateson (1972) passare a livelli più alti e sofisticati della tecnologia, che implichino maggiori gradi di elasticità e modalità di coinvolgimento degli abitanti Ovvero sviluppare percorsi integrativi, come è avvenuto nel Progetto Periferie di Torino attraverso i PAS, i Piani di Accompagnamento Sociale (Sclavi et al., 2002).

17 Se poi prendiamo in considerazione i soggetti che conducono la costruzione della città, da un lato registriamo un progressivo venir meno del ruolo attivo del soggetto pubblico, e dall altro, pur mantenendosi un ruolo significativo delle cooperative e marginalmente dei singoli proprietari 14, nei Paesi occidentali a prevalente economia capitalista e di mercato si assiste ad una progressiva affermazione del capitale privato come sistema nettamente prevalente di costruzione della città, con gli inevitabili effetti sulle tipologie di spazi (pubblici e privati) e sulle forme dell abitare. Si può cogliere una profonda problematicità oltre che nei processi di costruzione della città fisica, anche nell intreccio tra pratiche urbane e politiche di governo o anche di riqualificazione della città. Questo avviene non solo nel caso vi siano politiche mirate a svendere la città, ma anche nel caso vi siano buone intenzioni ovvero la volontà di cercare di rispondere alle domande sociali emergenti. Questo intreccio, infatti, coinvolge gli interessi economici e l azione degli operatori privati. Da una parte questi cercano di cavalcare i diversi comportamenti urbani, ed in particolare quelli che si trasformano in mode e stereotipi, e che identificano modelli e collocazioni sociali (questo è molto tipico per quanto riguarda il tempo libero, così come ci mostra lo sviluppo della movida notturna), ovvero cercano di sfruttare le pratiche urbane per i propri fini, cercando di cogliere i comportamenti innovativi e innescando di rimando, su quest onda, lo sviluppo di mode e comportamenti indotti o condizionati. Dall altra cercano di volgere a proprio vantaggio le politiche urbane, ed in particolare quelle di riqualificazione o valorizzazione, approfittando dello sfruttamento dei comportamenti sociali emergenti (basta riflettere su quanto avviene nei processi di gentrification). Questa dinamica può anche determinare conflitti nel controllo dello spazio o nella gestione delle attività economiche. Ma su questi punti torneremo successivamente in maniera più ampia (v. cap. 4). Ci basti qui notare che guardare alle pratiche sociali ci permette di leggere criticamente le politiche urbane, le loro distorsioni, le idee di città sottese, gli effetti (anche negativi e perversi) sulla città e sulle condizioni di vivibilità. La politica dei salotti di Roma avviata nella capitale a partire dai primi anni 2000, si è sviluppata da una strumentale interpretazione della valorizzazione delle strade e degli spazi pubblici, una valorizzazione che si è poi rivelata per quello che è, ovvero puramente e semplicemente economica e commerciale (Allegretti, Cellamare, 2009). Questa politica, emblematica del distorto rinascimento urbano che ha attraversato molte città nel mondo, soprattutto europee (Porter, Shaw, 2009), ha piegato allo sfruttamento tante aree di grande valore, ha determinato una privatizzazione degli spazi pubblici, ha comportato un espropriazione di tali spazi spesso di alto valore simbolico per la città, per i rioni storici e per i loro abitanti che spesso invece ne erano stati i protagonisti della loro riconquista alla vita pubblica (attraverso pedonalizzazioni, occupazioni, mobilitazioni, ecc.). Lo spazio pubblico riqualificato o caratterizzato (in una interpretazione folklorica delle identità storiche) diventa oggetto di marketing, i luoghi prodotti socialmente diventano merce e gli abitanti comparse su uno sfondo, sul palcoscenico urbano (Cellamare, 2008). Città imposta e città vissuta In molti casi, le città vengono imposte, o meglio vengono imposti modelli insediativi e quindi modelli abitativi ed idee di città che poi vanno a costituire le identità urbane locali 15. Lo possiamo notare oggi per quanto riguarda la città costruita dal mercato; lo possiamo facilmente riconoscere nella città pubblica, storicamente costruita dallo Stato e ormai consolidata. Sono evidenti, in questi casi, i modelli e le utopie del moderno che venivano tradotte in edifici e tessuti urbani nell importante fase degli anni 70 e 80 dell edilizia economica e popolare (e di cui abbiamo testimonianza ben nota ed emblematica in tanti complessi di edilizia economica e popolare delle nostre periferie). In alcune ricerche sull abitare a Milano (Lanzani et al., 2006; Granata, 2005; Lanzani, 2011), si sottolinea come l abitare non sia più una scelta, ma sia di fatto molto condizionato dalle situazioni urbane e dalle dinamiche del mercato immobiliare; che ci confrontiamo quotidianamente con il mestiere di abitare. Se 14 Ma bisognerebbe considerare anche il peso delle forme di autocostruzione e dello sviluppo della città informale anche nei Paesi occidentali (UN-Habitat, 2010; Davis, 2006), soprattutto in quelli europei di area mediterranea o balcanica, come riemergente modalità di risposta alla domanda abitativa che rimane insoddisfatta per l inadeguata risposta dell amministrazione pubblica. 15 Per maggiori approfondimenti cfr. Cellamare (2009b).

18 questo è peraltro cominciato con la stessa costruzione della città moderna, oggi questo è ancor più vero, dato il peso che sulla costruzione e sulla organizzazione della città hanno gli interventi legati al pubblico o, ancor più (a fronte del progressivo venir meno dell edilizia pubblica), alle grandi operazioni immobiliari dei privati, agli effetti locali della globalizzazione, allo sviluppo della mobilità, al peso crescente delle disuguaglianze e della divaricazione sociali. Allo stesso tempo, gli abitanti mettono in atto pratiche di resistenza alla città imposta, nel tentativo di piegarla alle esigenze della vita quotidiana, che di fatto costruiscono una città diversa. Emblematica la situazione al quartiere Librino di Catania, nella periferia sud-ovest della città, tra la città consolidata e l aeroporto. Quartiere di edilizia economica e popolare pianificato negli anni 70 e ancora in costruzione e progressiva lenta realizzazione e completamento, Librino in realtà è composto di diverse parti, comprendenti non solo l edilizia pubblica, ma anche quella delle cooperative, oltre ad alcuni nuclei storici, ex casali agricoli (tutto il territorio era precedentemente un vasto agrumeto), ecc.. La parte pubblica, che si sta ancora realizzando sulla base di un piano di Kenzo Tange, prevedeva (e prevede tuttora) la realizzazione di una serie di comparti completamente autonomi, dotati di complessi residenziali intensivi e massivi (torri o grandi edifici in linea di molti piani e ad alta densità abitativa), di un proprio centro commerciale e, nell ipotesi iniziale, dei servizi necessari. I comparti sono messi in collegamento da un sistema viario molto ampio, composto da strade a quattro corsie tracciate esternamente alle aree residenziali e che di fatto costituiscono una sorta di confine/separazione tra i diversi comparti. Infine, tra i comparti si dovevano realizzare alcune spine/cunei verdi, veri e propri parchi pubblici appoggiati ai corsi d acqua presenti. Si noti che il piano non permette la realizzazione di attività commerciali ai piani terra degli edifici, per lo più realizzati a pilotis o destinati a locali di servizio. Nel complesso ne viene disegnato un modello di abitare che ben poco ha a che vedere con la cultura catanese (e mediterranea in generale), scollamento reso ancor più evidente se si confronta questo insediamento con la precedente utilizzazione ad agrumeto ed il connesso sistema agricolo e dei casali, o con gli insediamenti storici e preesistenti, anche più poveri e popolani, della città (come per esempio il non lontano San Cristoforo, con cui condivide l attenzione all allevamento e alle corse dei cavalli). Se si considera, poi, che i servizi non sono stati realizzati o completati, salvo alcune scuole (che di fatto costituiscono uno dei pochi luoghi qualificati e collettivi di tutto il quartiere), e che le aree verdi sono ben lontane dall essere trasformate in aree attrezzate, il quadro che ne risulta è particolarmente desolante. E la presenza cospicua della malavita organizzata e dello spaccio della droga sembra una conseguenza quasi scontata ed inevitabile di un tale modello insediativo e abitativo; da cui una serie di elementi fortemente negativi identificativi del quartiere, ormai consolidati nell immaginario catanese. Anche in questo caso (come in altri quartieri di edilizia residenziale pubblica in Italia) alcuni progetti, incentrati intorno ad alcuni eventi culturali e all iniziativa di gruppi di artisti, anche in collaborazione con le scuole, hanno cercato di rompere le stigmatizzazioni esistenti e a proporre rappresentazioni diverse di Librino. In questo caso la questione appare molto più difficile, e questo tipo di proposte e progetti risultano superficiali, estemporanei e velleitari finché non si affronta il cuore dei problemi e le numerose problematiche strutturali. Ciò che però è interessante notare è che gli abitanti hanno progressivamente messo in atto alcune piccole trasformazioni, oltre ovviamente a numerosi interventi abusivi sull edilizia residenziale. In primo luogo, sono stati realizzati alcuni piccoli negozietti, per lo più piccoli spacci alimentari, nelle zone pilotis, o chiudendo abusivamente gli spazi esistenti o trasformando in questo senso alcuni locali di servizio. Intorno a questi piccoli punti di riferimento, luogo di frequentazione a piedi (mentre ai centri commerciali esistenti bisogna andare in macchina) degli abitanti dei caseggiati limitrofi, spesso collocati anche in prossimità dei passaggi pubblici per gli accessi alle parti residenziali, si sono costituiti dei piccoli spazi attrezzati, delle piazzette. Ovvero spazi dove gli abitanti hanno collocato qualche sedia di plastica (se non addirittura qualche panchina anche se fatiscente) o qualche pianta verde. Sono questi alcuni spazi pubblici, di fatto autocostruiti, ma anche gli unici significativamente presenti. Non lo sono certo le mega piazze previste e in parte realizzate, desolate e assolate, e assolutamente non utilizzabili, anche se in alcuni casi dotate di un minimo di attrezzature. Così come, sempre in autonomia, gli abitanti hanno realizzato in proprio alcuni spazi verdi attrezzati con i giochi per i bambini, in ritagli dei parcheggi o delle aiuole all interno degli spazi di pertinenza dei complessi abitativi (e non certo nelle spine verdi preda della vegetazione selvaggia). Sempre in questi spazi di pertinenza sono stati realizzati, in alcuni casi, oltre alle tradizionali ed immancabili cappelline votive, anche orti o gabbie per animali domestici o da pollaio. Vengono qui allevati anche

19 cavallini, nella tradizione catanese. Infine, i cunei verdi, dove non sono stati realizzati i parchi previsti e la natura ha preso piede in forma spontanea, sono attraversati da sentieri e percorsi battuti che mettono in comunicazione trasversalmente i comparti. Questi percorsi avvicinano i comparti tra loro per la via più breve, permettendo di evitare l utilizzazione obbligata dell auto anche solo per andare a trovare parenti e conoscenti che abitano in un comparto limitrofo. Questi percorsi sono anche quelli utilizzati dai bambini di andare a scuola direttamente a piedi, altrimenti dovrebbero essere accompagnati su tragitti ben più lunghi, e spesso in auto. Si disegna così una geografia di pratiche e comportamenti completamente diversa da quella della città imposta. Una città parallela, diversa dalla città pianificata. E questo un chiaro ed emblematico esempio di un progetto di città alternativa, di cui l urbanistica non può non tenere conto. Pratiche di spazi pubblici La dimensione dello spazio pubblico è spesso interpretata come costruzione intenzionale (per lo più di spazi fisici) in risposta ad una carenza che, per molti versi, pur con i necessari distinguo, appare evidente a tutti. Allo stesso tempo, è andata maturando nel tempo anche la convinzione che, quando si parla di spazio pubblico, non si parla soltanto di uno spazio fisico, ma evidentemente anche di uno spazio mentale, della capacità cioè di pensarsi in relazione, di pensarsi come appartenenti ad una collettività più ampia, di pensare la stessa dimensione del pubblico (e di sentirsi all interno di questa dimensione relazionale). La considerazione dello spazio pubblico (inteso come spazio fisico e modalità standard e predefinita di incontro) come un intenzionalità da costruire, come prodotto/obiettivo di un modello di convivenza, può essere un rischio se non un errore. Mi sembra più interessante, piuttosto, concentrarci sulle condizioni in cui si sviluppa o si può sviluppare la socialità ed il senso del collettivo (la produzione collettiva di socialità) nella quotidianità, condizioni che a loro volta definiscono e strutturano (o possono definire e strutturare) spontaneamente spazi pubblici, o crearne le condizioni di esistenza. Mi sembra cioè che l intenzione di costruire spazi pubblici, siano essi materiali o immateriali, senza i processi che li supportano e li significano sia perlomeno ambigua e a rischio di essere inefficace. Il frequente riferirsi, quando si parla di spazio pubblico, all esperienza della città greca e del suo sistema di democrazia non è evidentemente esportabile nelle condizioni attuali (ma le persone più avvertite ovviamente non hanno questa intenzione). Quel sistema di democrazia e quella forma di spazio pubblico sussisteva e funzionava perché era espressione di quella società, di quella cultura, di quella città, di quella forma di convivenza. Penso sia più importante andare a verificare quali siano le condizioni in cui si sviluppa oggi il collettivo, se si sviluppa, e ragionare su quello. Così come mi sembra interessante andare a vedere quali siano oggi gli spazi pubblici realmente vissuti e, senza prenderli tout court per positivi, rileggerli criticamente, rileggere quale socialità vi viene prodotta. In qualche modo bisogna andare a vedere lo spazio pubblico per come è e dove è oggi. La convinzione di fondo, infatti, è che la socialità si costruisca e ricostruisca continuamente nei luoghi di vita, come condizione essenziale del vivere collettivamente. E indubbio che questo non è facile né scontato; né dobbiamo indulgere a banalizzazioni idilliache o semplificazioni meccanicistiche. In primo luogo, perché la città per sua natura è una realtà plurale, è il luogo della convivenza dei diversi. Se dobbiamo immaginare lo spazio pubblico come il luogo di incontro dei diversi, è anche vero che tutto questo diventa molto difficile quando la diversità è forte e intensificata dai flussi migratori attuali, quando i tempi di trasformazione della città non lasciano spazio alla metabolizzazione della diversità, quando i tempi ordinari di vita sono tali che non c è spazio per l incontro, per la capacità di conoscersi nelle culture diverse, per costruire relazioni. Quando le politiche securitarie e gli interessi politici ed elettoralistici sollecitano la paura dell altro, creando barriere. Quando la precarietà e le difficoltà economiche fanno tirare i remi in barca e favoriscono approcci individualistici ai problemi. Stessi luoghi hanno quindi valori e sensi diversi a seconda degli abitanti che li vivono. Ad esempio, il modo con cui gli abitanti del rione Monti nel centro storico di Roma sentono e vivono la piazzetta piazza Madonna de Monti unico luogo di incontro del rione, luogo simbolico e di grande riferimento per tutti, è

20 diversissimo da come lo sentono e lo vivono i turisti, i romani di passaggio o quelli che la riempiono a pranzo nei giorni feriali o la sera dei week-end. Per loro è soprattutto un fondale ed uno splendido luogo dove incontrarsi la sera e stare insieme, un luogo di consumo. Così come per i commercianti, esercenti di bar e ristoranti, che la invadono con i propri tavolini, è soprattutto un bel luogo da sfruttare, oggetto di quella valorizzazione, che è essenzialmente valorizzazione economica, sostenuta dalle varie politiche pubbliche, a cominciare da quella sui salotti di Roma. Così come è luogo di riferimento per la comunità ucraina di Roma, che lì vi trova la propria parrocchia cristiano ortodossa (la chiesa dei SS. Sergio e Bacco) e vi celebra i propri riti collettivi (splendida la celebrazione della Pasqua ortodossa). Lì si incontrano a pranzo le badanti del centro storico di Roma. E l elenco potrebbe continuare. La diversità è negli usi, nelle pratiche, ma anche nei valori simbolici e nelle idee di città che quindi vengono a confrontarsi, ma anche spesso a confliggere. Conflitti che sono materiali e simbolici, e politici, allo stesso tempo. Conflitti che richiedono di essere gestiti. Significativo, a questo proposito, il fatto che si moltiplicano le iniziative (ad esempio, dentro le scuole, ma non solo) legate alla mediazione dei conflitti e alla mediazione sociale e culturale. Ma oltre ai processi e alle conflittualità che appartengono inevitabilmente alla convivenza urbana e che potremmo considerare ordinari in una città (anche se intensificati dagli attuali processi globali e dalle inadeguate politiche nazionali e di alcune amministrazioni locali), dobbiamo poi considerare quei molti processi che invece, intenzionalmente o meno, si pongono in diretto contrasto con la prospettiva di costruzione e ricostruzione dello spazio pubblico come espressione di una produzione collettiva e quotidiana della socialità. Pensiamo in primo luogo alla privatizzazione degli spazi pubblici, siano essi strade, piazze, luoghi di pertinenza degli edifici, aree verdi o altro. Nel centro storico di Roma, così come di altre città, questo è abbastanza evidente; tale da impedire la fruizione stessa degli spazi (a meno che le persone non si siedano ai tavolini e paghino le consumazioni). Nella piazzetta di Monti, quando ancora si facevano le ottobrate monticiane in piazza, il permesso per utilizzare lo spazio pubblico non bisognava chiederlo al Comune o al Municipio, ma ai proprietari dei bar che vi si affacciano e vi hanno le occupazioni di suolo pubblico. In cambio, i gestori dei bar chiedevano il monopolio della somministrazione degli alcolici. Dobbiamo poi considerare anche la diffusione dei fenomeni di privatizzazione delle condizioni ordinarie di socialità nella vita quotidiana e le forme di separatezza forzata, fisica e simbolica: complessi residenziali chiusi, spazi collettivi dell edilizia pubblica non condivisi, spazi non permeabili, gestione non collettiva degli spazi verdi e degli spazi pubblici, espropriazione degli spazi, gated communities, attrezzature sportive private, ghettizzazione di alcune comunità, campi nomadi, stigmatizzazione degli abitanti dell edilizia pubblica, ecc.. Fenomeni sempre più diffusi nell organizzazione degli spazi fisici della città, che riflettono le condizioni della convivenza e della socialità, in un rapporto biunivoco che si rafforza negativamente in maniera reciproca. Infine dobbiamo considerare i condizionamenti dovuti non solo ai processi di valorizzazione economica (tavolini), ma anche alla produzione di immaginari che avviene nella città (e attraverso la città) e ai processi che sono diventati di moda e di massa. Il popolo della notte, la gente che si accalca a Ponte Milvio (luogo che si è andato consolidando come riferimento per la movida serale e notturna, soprattutto nel week-end, di tutta la zona nord di Roma), le frotte di giovani che si incontrano e si danno appuntamento nei centri commerciali, esprimono esigenze profonde e diffuse di socialità e di incontro, ma le vivono, e le possono vivere, sotto i forti condizionamenti di immagini e stereotipi prodotti e promossi, anche commercialmente, ma anche perché molto spesso queste sono le uniche condizioni attraverso cui è data la socialità nella città. Condizionando fortemente anche il modo stesso in cui sono pensate e vissute la convivenza e la socialità stesse: legate al tempo libero, a un tempo eccezionale ed estraniante; legate al commercio (ma questo non sarebbe troppo strano, se pensiamo alle funzioni dei mercati in tutti i tempi, a cominciare dal foro romano) e al consumo; legate a persone selezionate; ecc. Non meravigli il fatto che tutto questo si rifletta sui modi di organizzarsi dei movimenti e dell associazionismo e del modo con cui la socialità civile si rapporta alla politica, spazio pubblico sempre più svuotato di significato, di rapporto con la costruzione dell interesse collettivo intorno ai processi di convivenza, e sempre più ridotto a luogo della mediazione degli interessi e del clientelismo politico. Associazioni e movimenti sono sempre meno realtà sociali diffuse (pensiamo a quello che erano i

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA

CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA 1 CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA 2 Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia Il tempo della propria esistenza Formula riflessioni e considerazioni relative a se stesso. Sviluppa il

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO.

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. Appunti incontro di giovedì 11 nov. 2002 Italo Fiorin STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. E ormai convinzione consolidata che, nell insegnamento, non si possa parlare di un metodo capace

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI METODOLOGIE E STRATEGIE

Dettagli

L intervento di De Bartolomeis

L intervento di De Bartolomeis APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE SUL PROGETTO DI ATTIVITA ARTISTICA Gli appunti fino ad ora letti e discussi risalgono ad una visione dell attività artistica essenzialmente di stampo arnhemiano. Le letture

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

ABC Apprendere Bene (in) CGIL

ABC Apprendere Bene (in) CGIL Marche Percorso di ricerca, formazione e sviluppo Promuovere e tutelare il diritto ad apprendere attraverso il funzionamento organizzativo della CGIL MARCHE DOCUMENTO FINALE 4 luglio 2007 ABC Apprendere

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO La scuola contemporanea diventa sempre più un luogo di incontro di bambini e ragazzi che provengono da origini, storie di

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali IL CERVELLO CREATIVO Conoscere come funziona la nostra mente significa farne un uso migliore, sviluppare attività metacognitive Il nostro cervello è: visivo concreto legato alla motricità L intelligenza

Dettagli

Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy. Policy Brief WP5

Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy. Policy Brief WP5 Co-funded by the European Union DIVERSE Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy Policy Brief WP5 1. L opportunità del progetto DIVERSE per la Società San Vincenzo

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO SINTESI ORIENTAMENTI CONGRESSUALI 2016 NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO È la 25 volta che gli Aclisti si riuniscono in congresso: un occasione per ascoltarci e parlare tra noi, percorrere

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale

Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale Psicologia di comunità La Psicologia di comunità nasce nel 1965 in America, ad opera di docenti universitari

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi.

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi. Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico Piazza verdi Progetto degli arredi Relazione PIAZZA VERDI: UTILIZZAZIONE, TUTELA E ARREDO Descrizione tecnica

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Piano Strutturale VERNIO Dicembre 2008 QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Andrea Valzania La partecipazione dei cittadini: percezione del territorio e aspettative per il futuro Conoscere il

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Atteggiamenti e rappresentazioni sociali

Atteggiamenti e rappresentazioni sociali Atteggiamenti e rappresentazioni sociali L importanza dello studio degli atteggiamenti risiede nella loro rilevanza per la nostra vita sociale: - a livello individuale; - a livello interpersonale; - a

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DEFINITIVO Ottobre 2009 Coordinamento progettuale Laboratorio Città Sostenibile Pier Giorgio Turi Responsabile Settore Gestione Verde

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

Progetto: Educazione a colori

Progetto: Educazione a colori Progetto: Educazione a colori Cammino tra identità, intercultura e pace per i bambini della scuola primaria ed i preadolescenti della scuola secondaria di primo grado 1 Camminando si apre il cammino, non

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CENTRI SOCIO EDUCATIVI MANIFESTO IDENDITARIO

CENTRI SOCIO EDUCATIVI MANIFESTO IDENDITARIO CENTRI SOCIO EDUCATIVI PROVINCIA DI PISTOIA MANIFESTO IDENDITARIO Cosa sono i Centri Socio Educativi Principi e finalità L applicazione dei principi Metodologia La dimensione dell agire educativo Chi utilizza

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO

AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO Ivana Summa, 2003 Il quadro giuridico L art. 21, comma 10 della Legge 15 marzo 1997 n. 59 attribuisce alle singole istituzioni scolastiche autonome anche

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

SCUOLA MARIO GALLI V CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI PROGETTO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE

SCUOLA MARIO GALLI V CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI PROGETTO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE SCUOLA MARIO GALLI V CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI PROGETTO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE ANNO SCOLASTICO 2011 / 2012 PREMESSA La complessità della realtà sociale e culturale in cui la scuola opera

Dettagli

Il corpo come fatto sociale e culturale

Il corpo come fatto sociale e culturale Il corpo come fatto sociale e culturale I gruppi umani pensano che le proprie concezioni del corpo, l uso che essi fanno del corpo siano ovvi, parti dell ordine naturale e non convenzioni sociali. Il corpo

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell.

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell. Spett.le Dott. Beccari Direttore di IAL Lombardia Alla cortese attenzione Del Direttore dott. Beccari Oggetto: Quanto si propone è diretta emanazione del progetto Alla faccia del disagio!, esso ha generato

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech

Dopo il Silenzio. Di Pietro Grasso. Presentazione di regia. Di Alessio Pizzech Dopo il Silenzio Di Pietro Grasso Presentazione di regia Di Alessio Pizzech Dopo la significativa esperienza di Per non Morire di mafia, tratto dall omonimo libro, che dopo il fortunato battesimo Spoletino

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO

PIANO ANNUALE DI LAVORO Istituto Comprensivo via Latina 303 - Roma Piano annuale di lavoro MOD-102 Rev. 1 Data: 03/09/12 Totale pagine: 6 PIANO ANNUALE DI LAVORO Docenti Materia Classi Sezione a. s. Tutti Materie Letterarie Seconde

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

Scienze umane 89 89 89 89 89

Scienze umane 89 89 89 89 89 Scienze umane 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Scienze umane 89 89 89 89 89 Premessa generale Il ruolo delle Scienze Umane nella formazione liceale Le scienze umane si sono costituite a partire

Dettagli

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Aggiornato 01.07.05 ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Applicato in forma sperimentale agli interventi edilizi maggiori. (Approvato ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale

Dettagli

Piano dell offerta formativa

Piano dell offerta formativa Piano dell offerta formativa Linee di indirizzo pedagogico delle scuole comunali dell infanzia Quale scuola La scuola dell infanzia costituisce il primo fondamentale livello del sistema scolastico nazionale,

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

La struttura urbana minima come pretesto per ripensare la città pubblica

La struttura urbana minima come pretesto per ripensare la città pubblica Rischio sismico e pianificazione: dall emergenza all ordinario La struttura urbana minima come pretesto per ripensare la città pubblica RICERCHE 2000 - Nocera Umbra (Pg): Analisi del comportamento del

Dettagli

F. ANTONELLI, Il duro lavoro. Edilizia e culture della sicurezza nel neo-fordismo, Napoli, EdiSES, 2010, pp. 122.

F. ANTONELLI, Il duro lavoro. Edilizia e culture della sicurezza nel neo-fordismo, Napoli, EdiSES, 2010, pp. 122. F. ANTONELLI, Il duro lavoro. Edilizia e culture della sicurezza nel neo-fordismo, Napoli, EdiSES, 2010, pp. 122. Compiere oggi una ricerca sociologica per indagare il tema della sicurezza sul lavoro implica

Dettagli

METE NOPROFIT: INSIEME PER CONSOLIDARE LA PROFESSIONALITA

METE NOPROFIT: INSIEME PER CONSOLIDARE LA PROFESSIONALITA METE NOPROFIT: INSIEME PER CONSOLIDARE LA PROFESSIONALITA Authors: Daniela Piscitelli, Sabrina Bosio, Daniela Dell Acqua, Giuseppe Trevisi Affiliation: METE Noprofit Conference theme: The theory and practice

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

La mediazione sociale di comunità

La mediazione sociale di comunità La mediazione sociale di comunità Percorso di formazione destinato agli operatori e alle operatrici del numero verde contro la tratta della Provincia di Milano Elvio Raffaello Martini Agosto 2008 MartiniAssociati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

3.2 Territori portuali e industiali dismessi 3.2.1 Dunkerque 3.2.2 Roubaix 3.3 Infrastrutture e nodi intermodali: l esempio di Euralille

3.2 Territori portuali e industiali dismessi 3.2.1 Dunkerque 3.2.2 Roubaix 3.3 Infrastrutture e nodi intermodali: l esempio di Euralille Indice Generale PREMESSA 5 CITTA FRONTIERE E FRONTIERE DENTRO LA CITTA 9 Capitolo I Processo di metropolizzazione delle città europee 1.0 Dinamiche di metropolizzazione 1.1 Cooperazione transfrontaliera

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

Dal volontariato al progetto

Dal volontariato al progetto Dal volontariato al progetto 10 anni di storia dell Auser in sintesi 9 Dagli inizi al consolidamento dell organizzazione (1989/1995) 1.a Le motivazioni di una nuova organizzazione L Auser nasce nell 89,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI

REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI A fronte del grande obiettivo che nel comma 632 della L.296/06 è posto a fondamento di tutta l

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

Musei e Paesaggi culturali

Musei e Paesaggi culturali La Carta di Siena Musei e Paesaggi culturali Proposta da ICOM Italia il 7 luglio 2014 alla Conferenza Internazionale di Siena 1. Il paesaggio italiano Il paesaggio italiano è il Paese che abitiamo e che

Dettagli

DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE

DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E VALUTAZIONE 1. Esprime una propria esperienza o uno stato d animo attraverso l immagine e il colore 2. Realizza sequenze di immagini

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISIS Carducci-Dante Trieste INDIRIZZI NUOVO ORDINAMENTO Liceo delle scienze umane Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Titolo significativo Risolvere i problemi Insegnamenti coinvolti

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori Nel biennio 2012/2014 il progetto Principio Attivo di titolarità del Comune di Brescia - Settore servizi sociali e

Dettagli