PROGETTO PAIKULI - IRAQ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO PAIKULI - IRAQ"

Transcript

1 Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile di Dioniso OPERAZIONI DI RESTAURO CONSERVATIVO CORSO DI FORMAZIONE ANNO 2007

2 INDICE TIPOLOGIA DEI MATERIALI STATO DI CONSERVAZIONE: CAUSE DI DANNO E DI DEGRADO INTERVENTO SULLO SCAVO OPERAZIONI CONSERVATIVE A MOSAICO STACCATO 1

3 Veduta del terrapieno su cui si poggia il mosaico. Come si può notare, il terrapieno copre un pavimento mormoreo per permettere il cui scavo si è reso necessario il progetto di rimozione del mosaico stesso e la sua conservazione in altro sito. Veduta d insieme del mosaico dopo la prima fase di pulitura e subito prima dello stacco. 2

4 TIPOLOGIA DEI MATERIALI Il mosaico si estende per una superficie di circa 5 metri per 2. Il suo stacco si è reso necessario per poter procedere con lo scavo dell area. Le tessere che lo formano sono di marmo bianco e di una pietra nera, forse basalto. La malta di allettamento di colore bianco è probabilmente formata da grassello di calce (idrossido di calcio) e inerti sottilissimi. Il substrato presenta inerti di media grandezza di tipo pozzolanico legati probabilmente da grassello di calce. Si noti che la presenza degli inerti pozzolanici conferisce alla malta un comportamento idraulico, permettendo la presa di strati piuttosto spessi in assenza di aria. Veduta della sezione del mosaico con l individuazione delle componenti e dello strato di deposito calcareo. 3

5 STATO DI CONSERVAZIONE: CAUSE DI DANNO E DEGRADO Il mosaico in oggetto presenta le seguenti tipologie di degrado : a) Mancanza di tessere: aree in cui le tessere si sono staccate dalla malta chiara di allettamento e disperse. La carenza di adesione è dovuta con grande probabilità dalla cattiva esecuzione del mosaico. b) Mancanza dello strato preparatorio: aree in cui oltre al de grado di cui al punto a) si aggiunge l assenza dello strato di allettamento chiaro. c) Mancanza di adesione dello strato preparatorio: aree in cui il mosaico presenta un distacco tra le tessere e uno degli strati preparatori. d) Incrostazioni: aree in cui sono presenti depositi non calcarei molto resistenti e persistenti. e) Concrezioni calcaree: aree in cui sono presenti depositi calcarei molto resistenti e persistenti. f) Depositi di sporco non aderente: aree in cui è presente pulviscolo non resistente. g) Depositi di sporco aderente: aree con concrezioni mediamente resistenti e non calcaree. h) Fessurazioni e fratture: interruzioni della continuità del mosaico che possono interessare gli strati preparatori profondi o semplicemente la malta di allettamento e le tessere. 4

6 Mancanza di tessere probabilmente causata da un evento traumatico che ha causato il distacco delle stesse dalla maltina bianca di allettamento. In questa immagine è possibile osservare la presenza di depositi incoerenti sulla superficie del mosaico e la presenza di piante superiori, sia tra le tessere che nell intonaco che ricopre parte della muratura del locale. 5

7 Alcune fessurazioni e crepe, accompagnate da perdita di tessere e di malta di allettamento, sono probabilmente dovute al movimento della zolla sottostante il mosaico e alla cattiva stesura degli strati preparatori profondi. Parte dell intonaco crollato dalle pareti sul mosaico pavimentale, si è solidificato calcificandosi sulla superficie del mosaico stesso. La rimozione di queste concrezioni si rende necessaria per rendere più agevole lo stacco. 6

8 In questo caso, oltre alla mancanza delle tessere, è probabile la perdita degli strati preparatori. I vuoti lasciati dalle componenti il mosaico sono stati riempiti da materiale incoerente proveniente dalle aree circostanti. 7

9 INTERVENTO SULLO SCAVO a) Spolveratura delle superfici: la superficie del mosaico è stata liberata dai depositi non consistenti di polveri con l uso di pennelli e spazzole morbide. b) Rimozione dello sporco non aderente: la superficie del mosa ico è stata liberata dai depositi non aderenti seppur solidifi cati, con l uso di pennelli, spazzole morbide e semi-rigide. c) Rimozione dello sporco a bassa aderenza: la superficie del mosaico è stata liberata dai depositi aderenti e solidificati, con l uso di spatole lignee, pennelli, spazzole morbide e semi-rigide. d) Pulitura superficiale con acqua: la superficie del mosaico è sottoposta ad una pulitura con l uso di acqua e spugne quadrangolari riducendo al minimo il ristagno e rimuovendo le polveri rimaste in superficie. e) Mappatura diretta del mosaico si foglio di nylon: sulla super ficie del mosaico è stato steso un foglio di nylon su cui, con l ausilio di pennarelli ad inchiostro indelebile, è stato riportato l andamento dei confini, delle fratture e delle mancanze. f) Preparazione di una soluzione di resina acrilica (Paraloid B72) in acetone (25%). g) Applicazione con l utilizzo di una soluzione di cui al punto f) di uno strato di garza sulla superficie del mosaico; questa permetterà di mantenere unita l opera durante le operazioni di stacco, di trasporto e di pulitura. h) Applicazione di un secondo strato di garza di rinforzo alla prima. i) Tracciatura di un reticolo di paralleli e di meridiani sulla garza per consentire una maggiore facilità nel riposiziona mento delle porzioni staccate. j) Trasposizione del reticolo di cui al punto i) sulla mappatura di cui al punto e). k) Distacco e separazione di porzioni di mosaico fino al completamento della superficie con l uso di martelli di legno, sciabole in alluminio e bisturi a lama fissa e mobile. 8

10 I partecipanti al corso procedono con una prima spolveratura del mosaico con l aiuto di scopette di saggina. L operazione si presenta particolarmente delicata a causa della presenza di porzioni del mosaico in cui le tessere seppur non aderenti agli strati preparatori si trovano ancora nella loro posizione originaria. Rimozione dei residui di polvere dalla superficie del mosaico con spugnature di acqua. Il restauratore opera con due secchi, uno di acqua pulita e uno per versare i residui di acqua sporca. In questo modo è possibile evitare il trasferimento delle polveri da una zona all altra del mosaico. 9

11 I confini, le mancanze di tessere, le fratture e le crepe del mosaico vengono riportate su un foglio di nylon trasparente con un pennarello indelebile. Quest operazione restituirà una mappatura del mosaico a grandezza naturale. I restauratori procedono con una prima velatura delle tessere non solidali intorno alle fratture e lungo i confini liberi del mosaico. La velatura viene eseguita con garza di cotone spennellata con una soluzione di Paraloid B72 in acetone. 10

12 Stesura della garza sull intera superfice del mosaico. In questa fase del lavoro gli operatori sono costretti a non portare calzature per ridurre al minimo il rischio che materiale estraneo possa andare a posarsi sul mosaico, venendo poi intrappolato dalla seguente velatura. I restauratori procedono con la velatura dell intera superficie del mosaico. 11

13 Una volta asciugata la resina che fissa il velatino di garza alla superficie del mosaico, il restauratore procede a disegnare un reticolo di coordinate direttamente sulla garza. Questo reticolo verrà inoltre riportato sul foglio di nylon con la mappatura 1:1. 12

14 Distacco del mosaico e di parte delle malte di allettamento. Il restauratore fa uso di una sciabola di alluminio che, battuta in cima, permette di separare gli strati costitutivi del mosaico senza arrecare danno alle tessere. Si noti come la velatura a garza di cotone permetta la coesione superficiale del mosaico. la porzione di mosaico staccata e adagiata sulla barella per il trasporto in laboratorio. 13

15 Il pool degli archeologi della missione ispeziona una porzione di mosaico appena staccata e i residui dei substrati di allettamento. Veduta della sezione del mosaico rimasto in situ, subito dopo lo stacco della sezione adiacente. 14

16 Una porzione di mosaico staccata vista dal retro. Sono visibili gli strati preparatori del mosaico ancora adesi alle tessere. Ripresa macroscopica della moneta lasciata in fase di stesura del mosaico al di sotto della malta di allettamento. 15

17 OPERAZIONI CONSERVATIVE A MOSAICO STACCATO a) trasporto su barelle di legno delle porzioni di mosaico staccate fino all area coperta di lavoro. b) capovolgimento delle porzioni di mosaico staccate per consentire la rimozione degli strati di allettamento originali e la pulitura e il consolidamento del retro delle tessere c) primo posizionamento delle porzioni staccate per controllare la coincidenza dei punti di attacco d) rimozione delle malte di allettamento dal retro del mosaico con l ausilio di bisturi, scalpelli, martelli, aspirapolvere, spazzole e scopette di saggina. e) pulitura finale del retro del mosaico con bisturi a lama fissa e aspirapolvere f) consolidamento del retro delle tessere a mezzo spennellatura di una soluzione al 6% di Paraloid B72 in acetone. g) protezione del mosaico con teli in nylon agganciati alla struttura del tavolo da lavoro. 16

18 Il mosaico riposizionato capovolto è stato riassemblato per permettere il controllo della corrispondenza dei punti di contatto. Il restauratore esegue una prima rimozione dei depositi incoerenti. Veduta del mosaico parzialmente liberato dagli strati di allettamento. La tenuta del mosaico è garantita dalla velatura con garza di cotone operata prima dello stacco. 17

19 Il restauratore esegue una aspirazione delle polveri leggere prodotte durante la fase di rimozione delle malte di allettamento dalle tessere del mosaico. 18

20 Veduta del retro del mosaico liberato dalle malte di allettamento. Fase di scavo dell area precedentemente occupata dal mosaico pavimentale rimosso. Sullo sfondo è visibile l intonaco del locale. 19

21 Macro fotografia dell intonaco del locale ove è stato rimosso il mosaico. Si può apprezzare come le piante superiori recise stiano gettando nuovi germogli. Questo è dovuto al fatto che i loro apparati radicali sono ancora attivi. Le piante esercitano sugli intonaci e sulle murature un azione fortemente disgregante ed è per questo motivo che è sempre bene controllarne l espansione in aree archeologiche. Il restauratore irrora gli apparati radicali delle piante con un biocida ad ampio spettro. Questa operazione garantisce che le piante non germoglino più dietro l intonaco. 20

22 I restauratori sigillano con una malta a base di calce idraulica e polveri pozzolaniche la parte sommitale dell intonaco. Questa operazione garantisce che sia le acque meteoriche che le polveri dell ambiente circostante non si depositino creando un ambiente adatto alla crescita di piante superiori. 21

ORATORIO BIONDETTI VENEZIA

ORATORIO BIONDETTI VENEZIA ORATORIO BIONDETTI VENEZIA Restauro conservativo elementi lapidei facciate RELAZIONE DI INTERVENTO 1 Descrizione dell opera da restaurare L Oratorio Biondetti è sito in Campo San Vio a Venezia. La sua

Dettagli

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia Relazione tecnica Elementi lapidei dell altare L'intervento eseguito é consistito in una prima pulitura delle superfici dell'altare rimuovendo le impurità

Dettagli

OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNA-AFFRESCHI INTERNO- UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI

OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNA-AFFRESCHI INTERNO- UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNAAFFRESCHI INTERNO UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI LOGGIA ESTERNA Nel soffitto della loggia esterna sono posti

Dettagli

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE PRESENTE ALLE PARETI DECORATE DELLA CAPPELLA GENTILIZIA DI VILLA SIMONETTA.

Dettagli

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale RELAZIONE CON SCHEDE TECNICHE PER IL RESTAURO DI SUPERFICI DECORATE DI BENI ARCHITETTONICI

Dettagli

CHIESA DEI SANTI GEREMIA PROFETA E LUCIA VERGINE E MARTIRE

CHIESA DEI SANTI GEREMIA PROFETA E LUCIA VERGINE E MARTIRE CHIESA DEI SANTI GEREMIA PROFETA E LUCIA VERGINE E MARTIRE V E N E Z I A RESTAURO E RIALZAMENTO DELLA PAVIMENTAZIONE DELLA CAPPELLA DELLA VERGINE 1 INDICE 1. STATO CONSERVATIVO ANTECEDENTE INTERVENTO Indagine

Dettagli

SCHEDA RESTAURO 01 PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE

SCHEDA RESTAURO 01 PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE 01 Materiale: marmo bianco di Carrara e pietra di Bellona (calcare bianco compatto proveniente dalle cave di Santo Iorio presso Capua denominato impropriamente

Dettagli

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2 Verona 02/11/2007 OGGETTO: RELAZIONE FINALE SUL RESTAURO DI DUE SOFFITTI LIGNEI A CASSETTONI, E DI UN PICCOLO BRANO AFFRESCATO A GROTTESCHE, IN UN APPARTAMENTO IN VIA C.CATTANEO 4 A VERONA Chiameremo i

Dettagli

Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02)

Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02) Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02) In Convenzione con l ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL'IDENTITA SICILIANA

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI

RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI CINCOTTO ADRIANO RESTAURO CONSERVATIVO Cannaregio, 1333/c 30121 VENEZIA PALAZZO COLOMBO VENEZIA RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI 1 RELAZIONE DI INTERVENTO RESTAURO CONSERVATIVO FACCIATA

Dettagli

LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA

LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA Diocesi di Adria-Rovigo LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA restauro Committente: PARROCCHIA DI SANTA MARGHERITA V.M. SARZANO,

Dettagli

Progetto di pulitura dai graffiti

Progetto di pulitura dai graffiti Chiostro dell Abbazia di San Mercuriale Progetto di pulitura dai graffiti Luogo: Forlì Data: 24 febbraio 2009 Esecuzione progetto: LEONARDO S.R.L. Chiostro dell Abbazia di San Mercuriale, Forlì. Progetto

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI

Dettagli

Interventi di restauro conservativo di parte degli intonaci e finiture antiche del cortile Farmacia

Interventi di restauro conservativo di parte degli intonaci e finiture antiche del cortile Farmacia Interventi di restauro conservativo di parte degli intonaci e finiture antiche del cortile Farmacia Relazione Tecnica Introduzione e Descrizione delle Superfici Nei mesi di Giugno-Novembre 2009, su incarico

Dettagli

INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE

INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE Consegna dei lavori: i lavori sono stati consegnati il 21/05/2003 Data di ultimazione

Dettagli

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte Palazzo Ducale Caminetti Lapidei Caminetto della sala degli Scarlatti Il caminetto che orna la Sala degli Scarlatti al primo piano di Palazzo Ducale, oggetto della proposta d intervento di restauro conservativo,

Dettagli

PROCEDIMENTO RESTAURO CONSERVATIVO DEL DIPINTO AD OLIO CON CORNICE ANALISI:

PROCEDIMENTO RESTAURO CONSERVATIVO DEL DIPINTO AD OLIO CON CORNICE ANALISI: PROCEDIMENTO RESTAURO CONSERVATIVO DEL DIPINTO AD OLIO CON CORNICE ANALISI: L'opera è un dipinto a olio su tela, potrebbe risalire a fine 800 inizio 900, non vi è traccia dell autore. Il dipinto ha subito

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI. Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI. Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio MODULARIO B.C. - 130 MOD. 51 (Teste) MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio Caprarola (VT). Palazzo Farnese. Lavori di Restauro

Dettagli

Edificio per abitazioni

Edificio per abitazioni R. Del Monaco Edificio per abitazioni Via Cavalieri del santo sepolcro 6, Milano 1962 1965 LUIGI CACCIA DOMINIONI I prospetti presi in oggetto sono a pianta rettangolare dell inizio degli anni sessanta,

Dettagli

BASILICA DI SANT APOLLINARE

BASILICA DI SANT APOLLINARE BASILICA DI SANT APOLLINARE Progetto di restauro conservativo del dipinto a olio su tela raffigurante San Giovanni Nepomuceno dinanzi alla Vergine con Bambino e angeli Relazione tecnica sullo stato di

Dettagli

Very High Durability Repair & Prevention Systems

Very High Durability Repair & Prevention Systems 18 FASCIATURE CON MATERIALI COMPOSITI: STRUTTURE VOLTATE IN MATTONI O PIETRA INDICE ANALITICO DELLE OPERE a) Preparazione del supporto b) Preparazione delle piste che ospiteranno il tessuto in materiale

Dettagli

IMMAGINI DEL RESTAURO DELL ALTARE LIGNEO MONUMENTALE XVIII sec. DELLA CHIESA DI SAN FRANCESCO DI STILO

IMMAGINI DEL RESTAURO DELL ALTARE LIGNEO MONUMENTALE XVIII sec. DELLA CHIESA DI SAN FRANCESCO DI STILO IMMAGINI DEL RESTAURO DELL ALTARE LIGNEO MONUMENTALE XVIII sec. DELLA CHIESA DI SAN FRANCESCO DI STILO Stemma Francescano dell Altare di San Francesco INTERVENTO CONSERVATIVO SULLA PARTE SINISTRA DEL BASAMENTO

Dettagli

Patologia e diagnostica edilizia Relazione Caso Individuale: Efflorescenze sui setti controterra

Patologia e diagnostica edilizia Relazione Caso Individuale: Efflorescenze sui setti controterra Patologia e diagnostica edilizia Relazione Caso Individuale: Efflorescenzee sui setti controterra FARINA Gianluigi matr.. 776801 Sommario INTRODUZIONE... 3 ANALISI DELLA PATOLOGIA... 4 SOLUZIONI PROPOSTE...

Dettagli

Diagnostica e conservazione di opere d arte. Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia

Diagnostica e conservazione di opere d arte. Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia Le due superbe colonne di Marco e Todaro sorgono in quell incantevole spazio denominato piazzetta San Marco affacciata sul Bacino tra Palazzo Ducale e la

Dettagli

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO INDICAZIONI STORICHE: Nel 1706 Torino fronteggiò con successo un prolungato assedio da parte delle truppe francesi. Luogo simbolo della resistenza

Dettagli

Castello da Corte di Bellusco (MB) - Intervento di restauro Risanamento conservativo del Castello Ala Nord e androne d ingresso III Lotto

Castello da Corte di Bellusco (MB) - Intervento di restauro Risanamento conservativo del Castello Ala Nord e androne d ingresso III Lotto Castello da Corte di Bellusco (MB) - Intervento di restauro Risanamento conservativo del Castello Ala Nord e androne d ingresso III Lotto Relazione tecnica Data di realizzazione: GIUGNO 2013 - MAGGIO 2014

Dettagli

Studio di caso specifico nazionale su tecniche e materiali artigianali

Studio di caso specifico nazionale su tecniche e materiali artigianali Studio di caso specifico nazionale su tecniche e materiali artigianali ARCHE - L'istruzione e la formazione professionale in materia di conservazione dei beni culturali Project No. LLP-LdV-TOI-2010-DE-147

Dettagli

Sommario FACCIATA... 2

Sommario FACCIATA... 2 LICEOMICHELANGIOLO COMPLETAMENTODELRESTAUROSULFRONTEDIVIADELLACOLONNA Sommario FACCIATA...2 DIPINTIASECCO......3 AFFRESCHI......3 SAGGISTRATIGRAFICI......3 DESCIALBO......3 PULITURA......4 STUCCATURE......4

Dettagli

Il pannello isolante a risparmio energetico perfetto per l isolamento di interni. Sicuro, sensibilmente migliorato, provato su milioni di applicazioni

Il pannello isolante a risparmio energetico perfetto per l isolamento di interni. Sicuro, sensibilmente migliorato, provato su milioni di applicazioni Il prodotto Sicuro, sensibilmente migliorato, provato su milioni di applicazioni Il pannello isolante a risparmio energetico perfetto per l isolamento di interni Accessori necessari per la lavorazione:

Dettagli

Si è verificato che le coperture della chiesa appaiono in buone condizioni ad eccezione dei punti di deflusso e raccolta delle acque piovane foto 2.

Si è verificato che le coperture della chiesa appaiono in buone condizioni ad eccezione dei punti di deflusso e raccolta delle acque piovane foto 2. Presentazione 1. L oggetto della tesi è lo studio della parete sud della Basilica di Santa Maria Assunta in Carignano a Genova. 2. Abbiamo creato un contenitore di archiviazione in formato PDF di tutte

Dettagli

SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE

SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE SISTEMA MEMBRAPOL TRASPARENTE MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE MONOCOMPONENTE A BASE DI POLIURETANO Guida all applicazione Regole dei metodi di progettazione e applicazione. a) Trasporto e immagazzinaggio:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ASPETTI GENERALI

RELAZIONE TECNICA ASPETTI GENERALI RELAZIONE TECNICA ASPETTI GENERALI L intervento prevede il restauro con adeguamento finalizzato ad una migliore fruizione del visitatore del percorso museale proposto per tale parte dell ospedale del Ceppo.

Dettagli

CINCOTTO ADRIANO. Restauro conservativo. Cannaregio 1333/c - 30121 VENEZIA PALAZZO EMO VENEZIA

CINCOTTO ADRIANO. Restauro conservativo. Cannaregio 1333/c - 30121 VENEZIA PALAZZO EMO VENEZIA CINCOTTO ADRIANO Restauro conservativo Cannaregio 1333/c - 30121 VENEZIA PALAZZO EMO VENEZIA 1 RELAZIONE D INTERVENTO RESTAURO CONSERVATIVO FACCIATA INDICE 1. STATO CONSERVATIVO ANTECEDENTE INTERVENTO.

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE

SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE P IANO T ER R A VANO 2_21 SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE 2-29 2-27b -4-2-28 2-26 2-18 2-19 2-21 2-25 Ubicazione: Soffitto voltato al primo piano nobile Soggetto: Volta a

Dettagli

RELAZIONE DI RESTAURO DEI LAVORI DI QUATTRO SALE DEL PALAZZO CLEMENTINO IN CAMPIDOGLIO

RELAZIONE DI RESTAURO DEI LAVORI DI QUATTRO SALE DEL PALAZZO CLEMENTINO IN CAMPIDOGLIO RELAZIONE DI RESTAURO DEI LAVORI DI QUATTRO SALE DEL PALAZZO CLEMENTINO IN CAMPIDOGLIO SALA 1 Soffitto ligneo - Stato di conservazione Il soffitto a cassettoni era ricoperto da numerosi strati di pitture

Dettagli

Attività che comportano un rischio basso

Attività che comportano un rischio basso MODULO INFORMATIVO 1 Cemento-amianto Davanzale Lastre ondulate (tetti e pareti) Lastre per facciate Tubi Pannelli per quadri elettrici Tegole Attività che comportano un rischio basso Salita/discesa di

Dettagli

Interventi di restauro della sala d Onere- oggi detta sala dell Alessi Palazzo Marino

Interventi di restauro della sala d Onere- oggi detta sala dell Alessi Palazzo Marino nterventi di restauro della sala d Onere- oggi detta sala dell Alessi Palazzo Marino Relazione Tecnica Stralcio della relazione relativa alla sola parte centrale zona originale dell Alessi Stucchi modellati:

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

dall esperienza del restauro l intonaco di qualità per l edilizia

dall esperienza del restauro l intonaco di qualità per l edilizia MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO soluzioni per nuove costruzioni scheda tecnica sanacolor 2000 intonaco idrofobizzato colorato SANACOLOR 2000 PRODOTTO PER LA BIOEDILIZIA

Dettagli

RELAZIONE STORICO ARTISTICA

RELAZIONE STORICO ARTISTICA Cagliari, chiesa di San Mauro, Restauro cinque sculture lignee raffiguranti gli arcangeli Raffaele, Geudiele, Sealtiele, Uriele e Barachiele (XVIII secolo) RELAZIONE STORICO ARTISTICA Le opere sono conservate

Dettagli

Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice

Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice Il primo gruppo della processione dei Misteri, la Separazione, è formato dalla figura di Gesù, al centro, leggermente

Dettagli

Copertura atrio piccolo prima dell intervento Intervento completato

Copertura atrio piccolo prima dell intervento Intervento completato Gli INTERVENTI DEL GPP (importo complessivo Euro 199.530,57 IVA compresa) hanno messo in atto una manutenzione straordinaria che ha interessato principalmente le coperture in calcestruzzo armato della

Dettagli

Il pannello isolante perfetto per l isolamento termico. Sicuramente il migliore Provato in milioni di applicazioni. Il Prodotto

Il pannello isolante perfetto per l isolamento termico. Sicuramente il migliore Provato in milioni di applicazioni. Il Prodotto Il Prodotto Sicuramente il migliore Provato in milioni di applicazioni Il pannello isolante perfetto per l isolamento termico Accessori necessari per la lavorazione: Consigli per risparmiare sulle spese

Dettagli

Piano di manutenzione

Piano di manutenzione Piano di manutenzione Descrizione dell intervento L intervento in oggetto prevede la realizzazione dei seguenti corpi di fabbrica: - Ampliamento dei loculi per le inumazioni. La nuova stecca di loculi

Dettagli

VANI INTERRATI Impermeabilizzazione interna. Prodotti e soluzioni tecniche

VANI INTERRATI Impermeabilizzazione interna. Prodotti e soluzioni tecniche VANI INTERRATI Impermeabilizzazione interna Prodotti e soluzioni tecniche Impermeabilizzazione dall interno dei vani interrati La presenza di acqua nel sottosuolo a diretto contatto del manufatto non impermeabilizzato

Dettagli

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI)

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI) UNIVERSITÀ DELGLI STUDI DI GENOVA -FACOLTÀ DI ARCHITETURA Corso di laurea Magistrale in Architettura LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI) a.a.

Dettagli

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature Ruredil Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature murature Ripristino Consolidamento DISSESTO Le strutture in muratura sono organismi complessi, i cui diversi componenti devono essere presi

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA GENERALE E TECNICA

RELAZIONE DESCRITTIVA GENERALE E TECNICA COMUNE DI MONTEVARCHI Provincia di Arezzo LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE RESTAURO E CONSOLIDAMENTO DELL'EDIFICIO DEL PALAZZO DEL PODESTA' DI MONTEVARCHI APPROVATO CON DEL.G.C. N.182/2008 7 STRALCIO DI ULTIMAZIONE

Dettagli

prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale

prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale La calce è uno dei materiali da costruzione più antichi e più sani. Il crescente inquinamento dei centri abitati va di pari passo con la tendenza

Dettagli

STATUA DI ERCOLE Numero Inventario: 9742

STATUA DI ERCOLE Numero Inventario: 9742 STATUA DI ERCOLE Numero Inventario: 9742 La statua presentava depositi superficiali addensati, in particolare, sulle zone aggettanti come la porzione superiore delle braccia, le spalle e la base. Sotto

Dettagli

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice Studio di Restauro di Valentina Muzii Dipinti su tela e tavola, pitture murali, cornici, dorature, ceramica, materiale cartaceo, opere in metallo, oggetti lapidei e lignei policromi. Via Cona, 94-64100

Dettagli

CONTATTO TRA METALLI DIVERSI PUO PORTARE A REAZIONI NON PREVEDIBILI CHE POTREBBERO INFICIARE IL PROCESSO DI INCOLLAGGIO.

CONTATTO TRA METALLI DIVERSI PUO PORTARE A REAZIONI NON PREVEDIBILI CHE POTREBBERO INFICIARE IL PROCESSO DI INCOLLAGGIO. Technical Department Preparazione superfici Pulizia preliminare Una corretta preparazione superficiale è fondamentale per una buona riuscita dell incollaggio! I substrati devono essere: sgrassati e non

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio I Gli elementi riscaldanti piatti sono certificati VDE secondo norme DIN EN60335-1 e DIN EN60335-2-96. Leggere attentamente le presenti istruzioni prima di intraprendere il montaggio.

Dettagli

LINEA STUCCATUTTO. visita il sito dedicato. www.stuccatutto.it

LINEA STUCCATUTTO. visita il sito dedicato. www.stuccatutto.it LINEA STUCCATUTTO visita il sito dedicato www.stuccatutto.it 28 Stucco in Pasta Stucco in Pasta per Interni, pronto all uso STUCCO LINEA STUCCATUTTO Prodotto pronto all uso, di facile applicazione con

Dettagli

PALAZZO BELLONI BATTAGGIA

PALAZZO BELLONI BATTAGGIA CINCOTTO ADRIANO Cannaregio, 1333/c 30123 VENEZIA RESTAURO CONSERVATIVO PALAZZO BELLONI BATTAGGIA VENEZIA RESTAURO CONSERVATIVO DELL ORATORIO INDICE 1. STATO ATTUALE 2. DEGRADO 3. PROGETTO DI RESTAURO

Dettagli

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure 1) Generalità I pannelli del sistema UNICLIC si possono fissare in due diversi modi: A Per incastrare i pannelli, si possono ruotare inserendo la

Dettagli

Studio di caso specifico nazionale su tecniche e materiali artigianali

Studio di caso specifico nazionale su tecniche e materiali artigianali Studio di caso specifico nazionale su tecniche e materiali artigianali ARCHE - L'istruzione e la formazione professionale in materia di conservazione dei beni culturali Project No. LLP-LdV-TOI-2010-DE-147

Dettagli

Premessa p. 2. Scheda riassuntiva del Monumento p. 2

Premessa p. 2. Scheda riassuntiva del Monumento p. 2 INDICE Premessa p. 2 Scheda riassuntiva del Monumento p. 2 Relazione tecnica conclusiva del Restauro conservativo p. 3 Operazioni preliminari p. 3 Superfici in pietra p. 3 Elementi decorativi in bronzo

Dettagli

Disegni, carta, restauro IL RESTAURO DEI DISEGNI SU CARTA TRASPARENTE

Disegni, carta, restauro IL RESTAURO DEI DISEGNI SU CARTA TRASPARENTE Disegni, carta, restauro IL RESTAURO DEI DISEGNI SU CARTA TRASPARENTE Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro Restauro del disegno su carta trasparente Studio preparatorio per Sul Fienile di

Dettagli

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione.

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA, INNOVAZIONE IN CANTIERE Nel settore edile la chimica

Dettagli

BIELLA Chiesa di San Filippo Giuseppe Mazzola L estasi di San Filippo Neri, 1797, olio su tela cm 420 x 330 circa RELAZIONE DI RESTAURO

BIELLA Chiesa di San Filippo Giuseppe Mazzola L estasi di San Filippo Neri, 1797, olio su tela cm 420 x 330 circa RELAZIONE DI RESTAURO BIELLA Chiesa di San Filippo Giuseppe Mazzola L estasi di San Filippo Neri, 1797, olio su tela cm 420 x 330 circa RELAZIONE DI RESTAURO L intervento di restauro sul grande dipinto è stato condotto in loco,

Dettagli

THORO ACTIVE INTONACO BC

THORO ACTIVE INTONACO BC THORO ACTIVE INTONACO BC Intonaco da risanamento per applicazioni a cazzuola, di colore BIANCO, per il trattamento deumidificante di murature soggette all umidità di risalita capillare in presenza di sali.

Dettagli

COMPUTO METRICO COMUNE DI NAPOLI. Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 06/03/2014 IL TECNICO. pag.

COMPUTO METRICO COMUNE DI NAPOLI. Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 06/03/2014 IL TECNICO. pag. COMUNE DI NAPOLI pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale Data, 06/03/2014 IL TECNICO PriMus by Guido Cianciulli - copyright ACCA software S.p.A. pag. 2 R

Dettagli

marmorino CL 90 SALUTE EN 459-1 Code B615/2007-II CALCE AEREA CALCICA ANTIBATTERICO NATURALE

marmorino CL 90 SALUTE EN 459-1 Code B615/2007-II CALCE AEREA CALCICA ANTIBATTERICO NATURALE marmorino CL 90 SALUTE EN 459-1 CALCE AEREA CALCICA ANTIBATTERICO NATURALE Stucco minerale di terre colorate naturali a base di grassello selezionato di pura calce CL 90-S conforme alla norma EN 459-1.

Dettagli

PCI-Gisogrund. Primer d aggancio e protezione. Per pavimento e parete

PCI-Gisogrund. Primer d aggancio e protezione. Per pavimento e parete Primer d aggancio e protezione PCI-Gisogrund Per pavimento e parete Informazioni sul prodotto 520 Campi d applicazione: Per interni ed esterni. Per pavimento e parete. Per bloccare l umidità di intonaci

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Città di Spinea BIBLIOTECA VILLA SIMION Sistemazione della recnzione, delle dipinture e delle porte interne Studio di fattibilità Elaborato UNICO Spinea, 21.01.2014

Dettagli

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata LE SOLUZIONI PAULIN 1. Preparazione del supporto mediante completa asportazione e demolizione con l ausilio di mezzi meccanici o manuali di tutte le parti in calcestruzzo degradate o invia di distacco

Dettagli

Prodotti per la bioedilizia. catalogo prodotti

Prodotti per la bioedilizia. catalogo prodotti catalogo prodotti prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale La calce è uno dei materiali da costruzione più antichi e più sani. Il crescente inquinamento dei centri abitati va di pari

Dettagli

Relazione finale di Restauro

Relazione finale di Restauro Relazione finale di Restauro Lavori di restauro dei soffitti decorati Palazzo Pace Via Schioppettieri, n 11 Palermo Direttore Lavori Restauratori Anna Badagliacca Maria Teresa Caruso Daniela D Angelo Giorgia

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Allegato 7 COMUNE DI SACROFANO (RM) Progetto per favorire lo Sviluppo Rurale nei Territori delle Aree Regionali Protette V Accordo Integrativo di Programma Quadro (APQ7, codifica regionale di progetto:

Dettagli

RTP - Architetti Giorgio Rossi, Chiara Avagnina, Paolo Bovo Saluzzo (CN) Pag. 1

RTP - Architetti Giorgio Rossi, Chiara Avagnina, Paolo Bovo Saluzzo (CN) Pag. 1 Saluzzo (CN) Pag. 1 Saluzzo (CN) Pag. 2 La proposta di recupero della manica (o castello) di mezzo è destinata a completare i restauri conservativi avviati precedentemente sull edificio nel corso delle

Dettagli

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Relazione Tecnica L intervento di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della Torre prevede prioritariamente i seguenti

Dettagli

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali C O M U N E di AMALFI U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À R E L A Z I O N E T E C N I C A P E R I L S E R V I Z I O D I P U

Dettagli

E8. Il rilievo materico e del degrado

E8. Il rilievo materico e del degrado Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in ingegneria Edile A.A. 2014/2015 E8. Il rilievo materico e del degrado Corso Integrato di CONOSCENZA DEL COSRUITO STORICO Modulo di FONDAMENTI DI RESTAURO

Dettagli

Industria Produzione porte e serramenti in legno lamellare e massello

Industria Produzione porte e serramenti in legno lamellare e massello Industria Produzione porte e serramenti in legno lamellare e massello MANUTENZIONE E CURA DEGLI INFISSI Consigli per il trattamento conservativo degli infissi MEDEA Premessa: Tutti gli infissi esterni,

Dettagli

THORO ACTIVE INTONACO BC-M

THORO ACTIVE INTONACO BC-M THORO ACTIVE INTONACO BC-M Intonaco da risanamento BIANCO per il trattamento deumidificante di murature soggette all umidità di risalita capillare in presenza di sali. Applicabile a cazzuola e a spruzzo.

Dettagli

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com IL DEGRADO DEL CEMENTO ARMATO Le cause principali che determinano il degrado del cemento armato sono riconducibili principalmente a: A) Cattivo confezionamento:

Dettagli

Pulizia, manutenzione e cura di rivestimenti ceramici, vetrosi e piastrelle d asfalto

Pulizia, manutenzione e cura di rivestimenti ceramici, vetrosi e piastrelle d asfalto Pulizia, manutenzione e cura di rivestimenti ceramici, vetrosi e piastrelle d asfalto Memoriale I nostri Partner Unsere Partner Nos partenaires Pulizia e mantenimento 2 Gli autori di questo memoriale sono

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Relazione Tecnica. Caratteristiche del sito, materiali, fenomeni di degrado

Relazione Tecnica. Caratteristiche del sito, materiali, fenomeni di degrado Relazione Tecnica INTERV ENTI DI RES TAURO ARCHEOLOGI CHE DI TERI NA CONS ERVATIVO E CONSOLIDAMENTO DELLE MURATURE Caratteristiche del sito, materiali, fenomeni di degrado Nell area individuata dal toponimo

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Indice Risanamento, Deumidificazione e leganti Consolidamento idraulici. Sistemi

Dettagli

Plastivo 250 VOLTECO. Il prodotto. Dove si impiega

Plastivo 250 VOLTECO. Il prodotto. Dove si impiega Plastivo 250 Il prodotto è un rivestimento impermeabile ad elevata elasticità composto da inerti, leganti cementizi e polimeri acrilici che, dopo la miscelazione, consente la realizzazione di una guaina

Dettagli

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Relazione tecnica Su incarico dell Impresa Borghini s.a.s.

Dettagli

COME SISMI, TERREMOTI, GUERRA, EVENTI METEOROLOGICI ECCEZIONALI, ATTIVITÀ VULCANICA

COME SISMI, TERREMOTI, GUERRA, EVENTI METEOROLOGICI ECCEZIONALI, ATTIVITÀ VULCANICA CAUSE DI DEGRADO CAUSE INTRINSECHE ALL EDIFICIO -CARATTERISTICHE GEOLOGICHE -QUALITÀ DEI MATERIALI -ERRORI DI ESECUZIONE -ETC. CAUSE ESTRINSECHE ALL EDIFICIO -EVENTI IMPROVVISI COME SISMI, TERREMOTI, GUERRA,

Dettagli

Baumit Sanova Linea di risanamento. Per murature umide e danneggiate dal sale

Baumit Sanova Linea di risanamento. Per murature umide e danneggiate dal sale Baumit Sanova Linea di risanamento Per murature umide e danneggiate dal sale Prodotti ad alta resa Linea traspirante Facile applicazione manuale e meccanica Baumit Sanova linea di risanamento Risanamento

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Rel.O.E.01 PROGETTO DEFINITIVO

COMUNE DI ROVIGO. Rel.O.E.01 PROGETTO DEFINITIVO COMUNE DI ROVIGO RESTAURO EX PALAZZO VESCOVADO - II STRALCIO OPERE DI COMPLETAMENTO E RECUPERO LOCALI AL PIANO TERRA DA DESTINARE ALLE ATTIVITA' DIDATTICHE PROGETTO DEFINITIVO Rel.O.E.01 OPERE EDILI RELAZIONE

Dettagli

R01 COMUNE DI PERUGIA

R01 COMUNE DI PERUGIA COMUNE DI PERUGIA COMMITTENTE FONDAZIONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI "PIETRO VANNUCCI" PERUGIA piazza San Francesco al Prato, 5 06123 Perugia C.F. 80054290541 Il Presidente Avv. Mario Rampini INTERVENTI DI

Dettagli

SOLUZIONE VELOCE ED EFFICACE PER L'UMIDITÀ DI RISALITA.

SOLUZIONE VELOCE ED EFFICACE PER L'UMIDITÀ DI RISALITA. SYSTE M LINEE GUIDA PER L'APPLICAZIONE ELIMINARE L'UMIDITÀ DI RISALITA E RIDIPINGERE IN MENO DI 24 ORE SOLUZIONE VELOCE ED EFFICACE PER L'UMIDITÀ DI RISALITA. IMPERMEABILIZZA E RIDIPINGI IN 24 ORE Oggi

Dettagli

Harris-Sure Grip IMPUGNATURA MORBIDA PER UNA PRESA SICURA SPATOLE

Harris-Sure Grip IMPUGNATURA MORBIDA PER UNA PRESA SICURA SPATOLE P IT T U R A SPATOLE Harris-Sure Grip IMPUGNATURA MORBIDA PER UNA PRESA SICURA Impugnature ergonomiche in polipropilene bicolore. Incavo antiscivolo per una maggiore pressione. Lame in acciaio temperato.

Dettagli

RELAZIONE FOTOGRAFICA DEL RESTAURO DEL VOLUME IN MARTYROLOGIUM ROMANUM. LE FASI DEL RESTAURO

RELAZIONE FOTOGRAFICA DEL RESTAURO DEL VOLUME IN MARTYROLOGIUM ROMANUM. LE FASI DEL RESTAURO RELAZIONE FOTOGRAFICA DEL RESTAURO DEL VOLUME IN MARTYROLOGIUM ROMANUM. Il documento descrive il lavoro di restauro che è stato fatto su un volume del 1700 con coperta in pergamena. Presenta un attacco

Dettagli

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo)

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo) Chiara Bettinzoli Conservazione e restauro opere d arte Via Mons. Romero n 5-10022 Carmagnola ( To ) P.I. 08461530019 - Tel. 338/ 6811593 Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato

Dettagli

Sabbiatura criogenica con ghiaccio secco

Sabbiatura criogenica con ghiaccio secco CRIOSABBIATURA Sabbiatura criogenica con ghiaccio secco IDES COSTRUZIONI S.r.l. Via Crocifissa di Rosa, 80-25128 BRESCIA Tel. e Fax 030.5236621 - P.IVA e C.F. 03251290981 http://www.sabbiaturacriogenica.com

Dettagli

L IMMACOLATA Chiesa Conventuale di San Giovanni Battista Pesaro

L IMMACOLATA Chiesa Conventuale di San Giovanni Battista Pesaro LETIZIA BRUSCOLI VIA CANALE,30 ABITAZIONE VIA FAZI,3 LABORATORIO 61121 PESARO C.F. BRS LTZ 60P43G479V P.I.02492140419 CELL. 3497204135 - TEL. ABIT. 0721/24693 Pesaro 14/01/14 L IMMACOLATA Chiesa Conventuale

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE PER SERRAMENTI E CHIUSURE OSCURANTI

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE PER SERRAMENTI E CHIUSURE OSCURANTI MANUALE DI USO E MANUTENZIONE PER SERRAMENTI E CHIUSURE OSCURANTI Per una buona e corretta manutenzione dei serramenti e delle chiusure oscuranti in alluminio si prega di leggere e conservare questo manuale.

Dettagli

VERNICI 03. Dipingere con la pistola a spruzzo

VERNICI 03. Dipingere con la pistola a spruzzo VERNICI 03 Dipingere con la pistola a spruzzo 1 Scegliere il tipo di pittura a spruzzo Descriveremo la pittura pneumatica, ossia la pittura a spruzzo coperchio mediante un compressore. Per dipingere si

Dettagli

UNI 11371 - Massetti per parquet e pavimentazioni di legno - proprietà e caratteristiche prestazionali

UNI 11371 - Massetti per parquet e pavimentazioni di legno - proprietà e caratteristiche prestazionali RETTONDINI p.i. PAOLO Via Stazione, 10 39030 Chienes (BZ) C.F.: RTTPLA55M24I105Y P.I.: 02512570215 Tel. e Fax: +39 0474565425 Cell.: +39 334 6844931 E-mail: rettondini@tin.it E-Mail posta certificata:

Dettagli