Roma, aprile Legge di. giorni). ulteriori 90. applicate, 1 La legge 24

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roma, aprile 2015. Legge di. giorni). ulteriori 90. applicate, 1 La legge 24"

Transcript

1 La fiscalità dellee banche: i principali gap competitivi e l armonizzazione fiscale a livello europeo Roma, aprile 2015 Con l Unione Bancaria sono venute meno, quanto alla disciplinaa prudenziale, le residue barrieree nazionali, con un unico campo di gioco e un unica Autorità dii vigilanza. Il recente esercizio di valutazione approfondita condotto dalla Banca Centrale Europea (BCE)) prima di assumere i nuovi compiti di vigilanza prudenziale, ha dimostrato, però, che non sono più giustificate differenze di trattamento in altri settori di diritto e, in particolare, per tutti quegli elementi, inclusa la materia fiscale, che sono in grado di incidere sulla redditivitàà delle banche e, per questa via, sulla loroo capacità di sostenere l economia e la crescita. c E pertanto necessario promuovere, in un orizzonte temporale di medio-lungo periodo, la realizzazione di un quadro normativoo omogeneoo per tutte le l banche operanti in Europa.. Sul fronte nazionale, la normativa fiscale contiene numerose e specifiche penalizzazioni gravanti sulle banche italiane, che sarebbe necessario rimuovere poiché,, anche in questo caso, incidonoo sulla redditività dellee banche e, per questaa via, sulla loro capacità di sostenere l economia e la crescita. Alcuni interventi normativi si prestano ad essere realizzati utilizzando la Legge di Delega fiscale, la cui attuazione è stata prorogata dal comma 2 dell articoloo unico della legge 24 marzo 2015, n dal 27 marzo al 27 giugno 2015 (estensibile, a determinate condizioni, di ulteriori 90 giorni). 1. I principali gap competitivi delle banche italiane in materia fiscale Come anticipato, l armonizzazione a livello europeo dellaa normativa fiscale non è un obiettivo semplice e raggiungibile inn tempi brevi, visto che c incontraa la resistenza politica di quegli Stati membri che utilizzano la fiscalità come arma competitivac a. Con riferimento ai meccanismi per determinare le basi imponibili e a prescindere dal livello delle aliquote applicate, alcuni Paesi, infatti, puntano a superare gli altri sulle deduzioni che accordano, finendo f col tassare una quota infinitesima o comunque molto bassa - deii ricavi. La mera circostanza che nel confronto tra Paesi, le aliquote nominali sul reddito di impresa possano risultare simili, il perverso gioco delle minori deduzioni e di riprese a tassazionee può tradursi in uno svantaggio enorme a danno dellee banche operanti in Italia in termini di aliquota effettiva. Tali penalizzazioni sono accumunate dal fatto che si ripercuotono inevitabilmente sulle risorse disponibilii delle banche e, quindi, sulla loro capacità di fornire adeguato supporto al finanziamento dell economia reale. r 1 La legge 24 marzo 2015, n. 34, recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 gennaio 2015, n. 4, recante misure urgenti in materia di esenzione IMU. Proroga di d termini concernenti l esercizio della delega in materia di revisione del sistema fiscale, è stata pubblicata nel Supplementoo Ordinario alla a Gazzettaa Ufficiale n. 70 del 25 marzo

2 Alcune di esse incidono direttamente sui bilanci sotto forma di maggiori imposte, molte incidono indirettamente sotto forma di maggiori oneri di adempimento, sanzioni, spese di contenzioso, perdita di occasioni di investimento, limitazione nella scelta dei prodottii da offrire, disaffezione della clientela. Tutte incidonoo sulle risorse disponibili per le banche per svolgere la loro principale missione, cioè, erogare credito all economia. DI seguito, si riporta una prima mappatura delle principali penalizzazp zioni fiscali cui sonoo soggette le banche italiane che potrebbero essere oggetto di analisi comparativa: trattamento IRES e IRAP delle rettifiche di valore da valutazione dei crediti verso la clientela trattamento IRES e IRAP degli interessi passivi imposizione indiretta tassazione digitale. a) Trattamento IRES e IRAP delle rettifiche di valore da valutazione dei crediti verso la clientela La Legge di Stabilità per il 2014 ha modificato la disciplina delle rettifiche di valore su creditii prevedendo dal periodo d imposta 2013: i) ai fini IRES: - la deducibilità immediata dellee perdite relative ai crediti verso la clientela a derivanti da cessionee a titolo oneroso - la deducibilità in cinque anni delle svalutazioni e delle perdite relative ai crediti verso la clientela, diverse da quelle derivanti da cessione a titolo oneroso (come detto deducibilii integralmente) ii) ai fini IRAP, la deducibilità in i cinque anni delle svalutazioni e delle perdite relative ai creditii verso la clientela diverse da quelle derivanti da cessione a titolo oneroso, già deducibilii integralmente nell esercizio di contabilizzazione. Tali interventi hanno certamente attenuato, ma non implicite nella normativa fiscale italiana. ancora dell tutto rimosso le penalizzazionii b) Trattamento IRES e IRAP degli interessi passivi Gli interessi passivi sono deducibili sia ai i fini IRES che IRAPP in misura del 96%. Ai soli finii IRES, è prevista, invece, la deducibilità integrale degli interessii relativi a specifiche operazionii finanziarie (pronti contro termine) e di quelli infragruppo nell ambito n del c.d. consolidato o fiscale. La limitazione della deducibilità, nel caso delle banche, non trova giustificazione alcuna se nonn nelle esigenze di gettito. In Europa, generalmente le limitazioni alla deducibilità degli interessii passivi sono dirette a sanzionare fiscalmente i soggetti che presentano squilibri nella gestionee finanziariaa (eccedenze di interessi passivi rispetto a quelli attivi),, e non riguardano i soggetti che fisiologicamente nonn presentano squilibri in tal senso (come le banche). b 2

3 c) Imposizione indiretta Altri elementi di disallineamento in campoo fiscale possono essere individuati nel comparto della imposizione indiretta, dove la varietà stessa dei tributi rende ancora piùù difficile ogni sforzoo di comparazione. Una indagine potrebbe comunque essere produttivamente svolta con riferimento alle principalii imposte indirette gravanti sull operatività bancaria, quali quellee di registro e quella di bollo e all imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio/lungo termine. Una nota critica sul permaneree stesso nel sistema tributario italiano - di imposte indirette del tipo stamp duty che colpiscono le singole transazioni con aliquote proporzionali applicate su valori nonn rappresentativi del costo sostenuto dall apparato statale per la gestione degli atti (es: costi vivii della registrazione) proviene proprio di recente dall Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economicoo (OCSE) 2, 2 che nel proprio rapporto Economic survey Italy I 2015 pubblicato lo scorso febbraio ha evidenziato una serie di distorsioni create, in via generale, dagli attuali meccanismi di tassazione indiretta. Si tratta di ragionamenti sviluppati nel documento o OCSE soprattutto per il comparto della tassazione immobiliare (impostaa di registro) ma che possono essere estesi anche alla tassazione indiretta dei finanziamenti e di altre operazionii bancarie. Finanche sul tributo armonizzato per eccellenza, l IVA, permangono gravi gap competitivi: - l obiettivo dell introduzione anchee in Italia del regimee dell IVA di Gruppo incontra tuttora ostacoli, nonostante l impegno assunto dal Governo conn la Legge di Delega fiscale la cui attuazione, come detto, è stata prorogata al 272 giugno le regole italiane di determinazionee del pro-rata dell IVA detraibile sono più rigorose di quelle in vigore negli altri Paesi. Questo comporta chee l IVA ha un carattere peculiaree per le banche italiane per le quali il tributo perde i connotati tipici della neutralità trasformandosi in un vero e proprioo costo a completo carico delle banche. Un discorso a parte, poi, dovrebbe essere svolto con riferimento all imposta sulle transazionii finanziarie (Financial Transaction Tax - FTT), che il legislatoree italiano ha deciso di introdurre sin dal 2013, collocando così l Italia nel perimetro ristretto dei pochi Paesi che già sperimentano, con diverse regole e presupposti, tale tipo di imposta. Ciò senza attendere gli esiti del dibattito comunitario ill cui sviluppo in questi anni ha incontrato i non poche difficoltà, come dimostra il fatto stesso che rivelatosi impossibile un accordo che e coinvolgesse tutti gli Stati membri la realizzazionee del progetto è ora affidata ai meccanismi della cooperazionee rafforzata secondo cui la direttiva (quandoo approvata) troverà applicazione solo da parte degli undici Stati membri che si sono impegnati in tal senso 3. Non è da escludere che le l intese in corso di formazione conducano ad una FTT europea applicata limitatamente alle azioni e ad alcuni derivati, analoga sotto questo aspetto a quella italiana. Ciò, tuttavia, non scongiura il rischio che le caratteristiche applicative della FTT europea possano esseree divergenti rispetto a 2 Dai 20 Paesi iniziali, tra cui l Italia, Paese fondatore, l OCSE raccoglie oggi 34 Paesi membri (Australia, Austria, Belgio, Canada, Cile, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Islanda, Israele, Italia, Lussemburgo, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica di Corea, Repubblica Slovacca, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria). 3 Gli undici Stati membri sono: Austria, Belgio, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia e Spagna. 3

4 quelle dell imposta domestica così da richiedere modifiche alle complessee e costose proceduree che le banche italiane hanno dovuto già implementare. d) Tassazione digitale L attuale quadro normativo appare decisamente inadeguato a regolamentare uno scenario economicamente nuovo quale quello rappresentato dal commercio elettronico. Tale fenomenoo è caratterizzato dalla presenza di alcuni colossi del WEB, quali Google, Amazon, ecc, che sonoo in grado di penetraree ogni mercato stabilendo un contatto diretto tra il produttore ed il singoloo consumatore. Tali operatori del WEB, solitamente ubicati in paesi a bassa fiscalità, hanno completamentee disintermediato le varie fasi del commercio tradizionale assumendo via via un ruolo sempree maggiore; è sufficiente pensare che ad oggi il volume d affari del d commercio elettronico è pari al PIL della Danimarca (circa il 10% del prodotto UE) ed è stimato che possa raggiungere il per cento nei prossimi anni. A livello europeo è completamente mancata una reazione comune a tale fenomeno, soltanto in tempi recenti alcuni paesi membri hanno varato un apposita webb tax generalmentee rappresentata da un aliquota parametrata al valore della transazione. Tale soluzione allo stato attuale appare la più agevolee per contrastare sia laa mancata percezionee dell imposta sulle società, sia per la mancata applicazione dell IVA. Paradossale appare, infine, la circostanza di dover inseguire un reddito nonostante tutte le transazioni sul web siano regolatee con pagamenti eseguiti con mezzi tracciabili, quali bonifici e carte c di credito. Bisogna evitaree però che in Italia venga introdotta un imposta che con l obiettivo di contrastare questi fenomeni finisca, invece, per penalizzare lee operazioni compiutee da soggetti come le banche che sono, invece, già ampiamente tassati. L esperienza inglese: Diverted Profits Tax (DPT): I lineamenti della nuova imposta inglesee - DPT - sono stati dettagliati all interno della bozza di leggee finanziaria per il 2015 (Finance Bill 2015), che il Governo UK ha pubblicato perr consultazione. L intenzione come confermato anche nelle dichiarazioni ufficiali del Governo precedenti allaa pubblicazione definitiva della legge finanziaria è quella di applicare tale imposta a partire dal 1 aprile L imposta, comunemente denominata anche Google tax, sarà applicata nella misura del 25% sugli utili generati nel Regno Unito dalle multinazionali ma che vengonoo attualmente spostati artificialmente altrove per motivi fiscali. Sono disciplinate due distinte fattispecie suscettibili di dare luogo all applicazione della DPT: - Avoidedd UK permanent establishment - L ipotesi è quella di costruzioni giuridiche dirette ad erodere la base imponibile UK grazie alla mancata costituzione di una stabile organizzazione, in modo da poter effettuare cessioni di benii e prestazioni di servizi a clientii UK senza che vi sia una stabile organizzazione. L imposta si applica al ricorrere di taluni presupposti, la cui presenza rende ragionevole assumere che la costruzione sia finalizzata ad evitare che si creino i presupposti di imponibilità secondo le norme ordinarie UK. In I tal caso,, la base imponibile è rappresentata dall ammontare di profitti che sarebbe considerato giusto e ragionevole tassare 4

5 secondo i principi OCSE in tema di attribuzione dei profitti alle stabili organizzazioni qualoraa l attività della società non residente fosse stata svolta in UK tramite una stabile organizzazione; - Insufficient economic substance la seconda ipotesi si riferisce a situazioni in cui le società UK o le stabili organizzazion in UK di società estere abbiano creato delle costruzioni i giuridiche con entità ad esse connesse dalle quali originano dei mismatch fiscali (arbitraggii fiscali), come ad esempio nel caso di pagamento di royalties deducibili in UK, quando la società estera che percepiscee le somme è localizzata in un paese a fiscalità più bassa di quella UK. La norma in tali casi applica quando la societàà estera sia caratterizzata da una sostanza economica insufficiente. Le società potenzialmente comprese nell ambito di applicazione della DPT sonoo tenute a notificare tale loro posizione al fisco UK (HMRC) entro terminii prestabiliti (con applicazione di sanzioni nel caso in cui tale adempimento venga omesso). La notifica fa scattare un processo di accertamento da parte del fisco UK, al quale fa seguito l emissione di una liquidazione presuntiva con riguardo alla quale il contribuente può opporre delle osservazioni, con possibilità anche di appello, il i tutto nell rispetto di un preciso calendario, a tempi stetti. L appello non blocca comunque il pagamento dell imposta che c va effettuato entro terminii ristretti dalla liquidazione definitiva. 2. Armonizzazione fiscale Come detto, le divergenze di trattamento in campo fiscale a livello europeo possono risultare fortementee accentuate per effetto delle diverse politiche attuate dai Governi nazionali e della circostanza che in materia fiscale a livello comunitario le decisioni possono essere assunte soloo con la completa unanimità. La difficoltà di prendere un accordoo in questoo settore risulta esseree confermata anche quando per superare l ostacolo dell unanimità di tutti i 28 Stati si voglia sperimentare la strada della cooperazione rafforzata come si è già g accennato con riferimento al progetto di introduzione di una imposta armonizzata sulle transazioni finanziarie. Ed invero, tale contrastato progetto, anche se portato a compimento, non n potrà che condurre ad una armonizzazione parziale, in quanto limitata ad un gruppo di 11 Stati, dai quali risulterebber e oltretutto esclusa una delle maggiori piazze finanziarie mondiali stantee la netta contrarietà manifestata dal Regno Unito. In taluni Stati gli obiettivi di attrazionee di capitali dall estero sono stati tradizionalmentee perseguiti (anche) attraverso misure fiscali di particolare favore per le imprese operanti sul territorio, configurando così forme di competizionee fiscale destinate a giocare pesantementee sugli equilibri concorrenziali delle imprese stesse. Si tratta di comportamenti che hanno trovato sinora pacifica giustificaziog one nel principio della sovranità di ciascun Paese in ambito fiscale. Ma anche in questo comparto lo scenario internazionale di riferimento sta mutando, imponendo un ripensamento complessivoo dello status quo, a fronte f dellee nuove connotazionii dei rapporti tra gli Stati sul fronte della fiscalità in senso piùù generale, e della competizionee fiscale internazionalee in modo più specifico. 5

6 La cadutaa del segreto bancario è ormai un dato di fatto, che si è determinato per l effetto cumulato di una molteplicità di iniziativee maturate pressochéé in contemporanea nei più alti consessi internazionali, a partire dai primi impulsi di fonte OCSE ed Unione Europea. Un punto di svolta è stata l introduzione della legge USA per ill contrastoo dell evasione fiscale realizzata oltrefrontiera, comunemente denominata come Foreign Account Tax Compliance Act (FATCA), per il tramite della quale si è rotto quell equilibrio che in passato caratterizzava i rapporti fiscali tra gli Stati, basato sulla accettazione tacitaa del principio secondo cui la regolamentazione fiscale interna di uno Stato ordinamento non poteva incidere direttamentee sulla normativa fiscale interna di un altro Paese. L onda d urto della riforma fiscale USA ha aperto quindi la strada per la concretizzazione di progetti di collaborazione fiscale tra ordinamenti con una velocità sorprendente, sia sul fronte dello scambio di informazioni di tipo automaticoo e di tipo multilaterale sul quale si troverannoo impegnati gli Stati UE già dall 2016 per effetto della Direttiva sulla Cooperazionee Amministrativa (c.d. DAC 2) sia su quello dello scambio bilaterale, automatico o su richiesta, basato sulla stipula di accordi tra i singoli Stati, secondo i nuovi standard OCSE. In particolare, ben 58 giurisdizioni, ivi inclusa l Italia e molti paesi p EU, si sono impegnate ad attivare lo scambio automatico di informazioni finanziarie 4 già a partire dal Altri 35 Paesi, tra i quali importanti piazze finanziarie quali la Svizzera, Hong Kong e Singapore, si sonoo impegnati a scambiare le informazioni a partire dal Sintomatico, e politicamente altamente significativo, è statoo il raggiungimento in questee settimane di accordi per lo scambio di informazioni su richiestaa tra il Governo Italiano e quelli di Svizzera, Liechtenstein e del Principato di Monaco. Anchee San Marino, dopo l entrata in vigore della convenzione contro le doppie imposizioni, è oraa incluso nel novero degli Stati collaborativi, tanto da essere stato aggiunto alla White list che elenca e i Paesi con i quali sussiste un adeguato scambio di informazioni fiscali. L importanza di tali sviluppi non può però essere circoscritta agli a effetti, sia pur fondamentali, che essi determinano ai fini della lotta all evasione fiscale internazionale.. Il processo che si è avviato assume invero maggiore significatività laddove si consideri che la rimozione dellee barriere alla comunicazione delle informazioni fiscali rappresenta una prima presa d atto, da parte degli Stati, di come il principio della sovranità nazionale inn materia fiscale debba ora esseree necessariamente rivisitato. Allo stesso modo in cui ora non è più ipotizzabile una concorrenza fiscale basata sul segreto bancario, occorre quindi ora domandarsi se possa ancora avere senso, in prospettiva, il concettoo stesso di concorrenza fiscale. Il passo successivo dovrà pertanto essere quello dell accettazione di un nuovo principio, quello della negatività della competizione traa ordinamenti fiscali, in primo luogo e soprattuttoo quando ci si colloca in un contesto europeo, dove la ricerca di d linguaggii comuni ed uniformii appare una costante in tutti i comparti, tranne in quello fiscale. 4 L accordo quadro multilaterale secondo il Common Reporting Standard ( c.d. CRS) elaborato dall OCSE è stato firmato il 29 ottobre 2014, in occasione del Global Forum dell OCSE di Berlino B per la trasparenza e lo scambio di informazioni. 6

7 In questa logica si colloca quindi l esigenzaa di una trasformazione, che consenta la realizzazione di una fiscalità comune all interno dell Unione Europea, quanto meno per quei soggetti che, come le banche, sperimentano in modo diretto ed immediato gli effetti negativi della persistenza di norme nazionali non uniformi, nel momento stesso in cui si trovano pienamente e coinvolte nel processo di realizzazione dell Unione bancaria. I beneficii di un siffatto processo potranno riguardare tutti i comparti della cominciare da quella gravante sui redditi societari. fiscalità, a Ed invero, riguardo al concetto di base imponibile, ci sono oggi 28 diverse legislazionii tributarie e 28 diverse interpretazioni: si tratta di uno dei problemi centrali dell'integrazionee europea che se nonn sarà affrontato conn tempestività può inficiare il raggiungimento degli obiettivi alla base dell'unione Bancaria. Almeno per gli Stati membri che partecipano all Unione Bancaria, e che hanno deciso di cederee importantii quote di sovranità in tema di vigilanza bancaria per conseguire l obiettivo di una più stretta integrazione è infatti paradossale manteneree uno status quo che a livello tributario t è lasciato alla più estrema discrezionalità nazionale, e che per questo motivoo è diventato uno dei più "divisivi" argomenti europei. Per fare un primo ma importante passo verso la soluzione di questo problema, la Commissione europea si è già adoperata in passato quanto all imposta sullee società e, nonostante tutte le difficoltà e le resistenze che ha incontrato, nel 2011 ha pubblicato la bozza di direttiva per armonizzare le regole per la determinazione della base imponibile dellee impresee (Common Consolidated Corporate Tax Base c.d. CCCTB). Dalla versione di compromesso che la Presidenza italiana è riuscita a finalizzare nel 2014, emerge chiaramente che la direttiva CCCTB potrebbe essere il veicolo v normativo con il quale si potrebberoo trasporre molti dei temi proposti con il progetto Base B Erosion and Profit Shifting (c.d. BEPS) presentato dall OCSE, in occasione dell'incontro del G20 dii luglio Ove si volesse utilizzare questa direttiva per procedere ad una seria unificazione dellee regole di tassazione societaria, sarà da valutare l'eventuale eliminazione del d carattere di opzionalità della CCCTB. Il progettoo CCCTB è destinato a fermarsi almeno per un anno. Per l estatee 2015 è invece attesaa una proposta legislativa della Commissione per cominciare a recepire le prime raccomandazionii dell OCSE. 5 Il Comitatoo Affari Tributari dell OCSE, su indicazione del G-20, sta lavorando a delle proposte perr modificare i propri standard e, se sarà necessario, i Trattati per aggiornare le regole sulla doppia a imposizionee alla luce del mutato contesto economico mondiale. L obiettivo è quello di identificare e contrastare le pratiche di pianificazione fiscale aggressiva che permette alle società multinazionali di erodere la base imponibile nellee giurisdizionii con aliquote più alte per spostare i profitti nellee giurisdizioni che hanno aliquote più basse (Base Erosion and Profit Shifting - BEPS). Per una disamina sullo stato di avanzamento lavori del BEPS si rimandaa all allegato contenuto nel presente documento. 7

8 3. Armonizzazione contabile Al tema dell armonizzazione fiscale si ricollega con immediatezza quelloo dell armonizzazione delle regole contabili, visto che la l fiscalità d impresa si basa sui dati d contabili. La creazione di un linguaggio contabile unico è necessaria anche per rendere effettivamentee operativa l'unione bancaria visto che la reportistica di vigilanza verso la BCE si basa sui dati contabili. Infatti, la BCE, utilizzando i dati di vigilanza costruisce modelli di vigilanza unici per tutte le banche operanti in Europa e perfeziona esercizi di stress che possono incidere in modoo significativo sulla profittabilità e in alcuni casi sulla sopravvivenzaa stessa delle banche vigilate. Il linguaggio contabile comune per l Europa sono i principi contabili internazionali IAS/IFRS, oggi obbligatori nell Unione europea soloo per i bilanci consolidati delle società quotate o con titoli diffusi in misura rilevante. L adozione obbligatoria degli IAS/IFRS dovrebbe essere estesa ai bilanci individuali delle banche operanti in Europa, analogamente a quanto fatto dal Legislatoree italiano con il D. Lgs. 28 febbraio 2005 n. 38 in sede di esercizio delle opzionii previste dal Regolamento IAS n del

9 ALLEGATO Stato di avanzamento lavori del BEPS A settembre 2014 il G-20 di Cairns (Australia) ha approvato 7 raccomandazioni finalii dell OCSE delle 15 azioni previste dal progetto BEPS. Lee giurisdizioni che partecipano all OCSE dovranno recepirle nei rispettivi ordinamenti nazionali. Le sette misure (delle 15 previste) che il G20 ha dato mandato all OCSE di individuare per meglio combattere l evasione fiscale internazionale riguardano: Azione 1: la tassazione dell economia digitale, che nell identificaree le maggiori criticità nella mobilità (tra giurisdizioni) degli attivi immateriali delle imprese digitali e nella possibilità di accentrare tutte le operazioni in un solo Paese sfruttando poi canali di distribuzione terzi per la consegna di prodotti in altri Paesi, propone un esplicito rimando alle azioni che l OCSE l sta intraprendendo in tema di identificazione delle stabilii organizzazioni, riforma del regime di esenzione sulle imposte sul valore aggiunto (VAT) e sull estensione alle imprese digitali del regime CFC. Azione 2: le modalità di utilizzoo degli strumenti finanziari ibridi (hybrid mismatch arrangements) ), con la quale l OCSE raccomanda di negare la deducibilità (o l esenzione) per i pagamenti (interessi, cedole, ecc) che sono deducibili anche nella giurisdizione di emissione, e negare la deduzione dei pagamenti che nonn sono soggetti a tassazione nel Paese di residenza del beneficiario o (naturalmente nel caso in cui non siano soggetti a regimi Controlled Foreign Companies - CFC). Azione 5: il contrasto alle pratichee fiscali dannose, che si sostanzia in proposte volte a promuovere lo scambio automaticoo di informazioni tra amministrazioni fiscali. Il punto più rilevante di tale azione è l estensione di tali pratiche ai Paesii che non aderisconoo all OCSE. Azione 6: riallineare la tassazione e la sostanza rilevanti per p ripristinare i benefici previstii per gli standard internazionali e perr prevenire l abuso di Trattati fiscali. In questo caso le raccomandazioni OCSE si sostanziano nella richiestaa di modificare i Trattati per includere un esplicito riferimento all obiettivoo di evitaree fenomenini di non-tassazione o riduzione della tassazione, oltre che introdurre nuove regole ad hoc (sul modello del limitation-on-benefits LOB adottato dagli Stati Uniti, che prevede una sostanziale restrizione del campo dii applicazione del Trattato ai soli residentii dei Paesi che hanno sottoscritto il Trattato, per evitare specifici casi di abuso; ; e del principal purposes test PPT rule, che invece si riferisce alle regole che permettono, ai fini dell applicazione del Trattato, di fare riferimento agli effettivi beneficiari dell operazione, e nonn all intermediario il conduit che le pone in essere) - volte a evitare l applicazione di benefici che permettonoo di conseguire l indesiderato obiettivo di ostacolare le regole anti abuso. L OCSE riconosce tuttavia che su tale azione permangonoo delle criticità legate, per esempio, all esistenza di regolee europee che non permettono l agevole introduzione di regole di LOB (per esempio la libertà di stabilimento). Infine, l OCSE riconosce che 9

10 alcune interpretazioni dei Trattati fornite da alcunee Corti inn merito all effettivaa prevalenza della sostanza economica sulla forma giuridica in effetti permettono di conseguire gli stessi obiettivi anti elusione dell azione 6. Azione 8: i prezzi di trasferiment nto e gli intangibles (brevetti, marchi). Il lavoro sulle raccomandazioni volte ad assicurare che i prezzi di trasferimentoo dei beni immaterialii i siano in linea con la creazione di valore si è rilevato molto complesso, e all momentoo l OCSE non è riuscito a trovare unaa soluzione di compromesso. Sul punto, pertanto, si è deciso di rimandare la stesura dii un documento definitivo nell corso del 2015, in coordinamento con il lavoro sulle PE e sul CFC. Azione 13: la documentazione sui prezzi di trasferimentoo attraversoo il modelloo Paese per Paese (country by country). In sintesi, per migliorare la trasparenza per le Amministrazionii fiscali e rafforzare la certezza e la prevedibilità per i contribuenti, l OCSE propone di imporre alle imprese multinazion nali di dichiarare, perr ciascun Paese dove operano, l ammontare del fatturato, l utile prima delle imposte, lee imposte versate, il numero dei dipendenti, il capitale, i profitti portati a nuovo e le attività materiale. Sul punto è importante ricordare che il settoree bancario europeo già g forniscee tali informazioni ai sensi dell art. 89 della CRD4. Azione 15: lo studio di fattibilità condotto dall OCSE ha dimostrato la fattibilità (e la desiderabilità) di uno strumento giuridico multilaterale di modificaa dei trattati bilateralii per facilitare un adozione uniformee delle misure BEPS nei n Paesi partecipanti. Si tratta di un progetto ambizioso e sicuramente innovativo che l OCSE si è pertanto impegnato a portare a termine avviando le necessarie negoziazion ni con i Paesi che partecipano all OCSE. Entro settembre 2015 l OCSE si è impegnato ad emanare le seguenti raccomandazioni: Azione 3: Raccomandazione sulla a definizione delle regole per rafforzare il Foreign Companies (CFC). Controlled Azione 4: Raccomandazione sulla deduzione degli interessi e finanziari, la cui consultazione si è appena conclusa 6. degli altri pagamenti Azione 7: Misure per evitare l elusione dello status di d PE. In particolare, obiettivoo dell OCSE è quello di contrastare i fenomeni di erosione della basee imponibile connessi allo status di stabile organizzazione. La consultazionee è scadutaa a gennaio Il discussion paper non è stato commentato da FBE e IBFed, ma solo dalle associazioni i nazionali inglese e francese, che inn estrema sintesi hanno criticatoto la proposta perché produrrebbe l effetto ( indesiderato ) di costringere le banche con attività transfrontaliera a riorganizzare la propria struttura perr tenere conto delle PE che si verrebbero a creare nei Paesi in cui operano. Azioni 9 e 10: Modifiche alle regolee sui prezzi di trasferimento. 6 Sulla citataa consultazione, l ABI ha risposto r per il tramite della FBE e dell IBFed. 10

11 Azione 11: Raccomandazione sullaa raccolta dei dati dell BEPS e sulla metodologia per predisporre un analisi economica. Azione 12: Raccomandazione suglii obblighi di disclosuree dei tax planning aggressivi. Azione 14: Misure per previsti dai Trattati. rendere più efficaci i meccanismi di risoluzione delle dispute Infine, per il mese di dicembree 2015, l OCSE si è impegnata add emanare: Azione 4: Le modifiche alle regolee sul transfer pricing per p la deduzione deglii interessi e degli altri pagamenti finanziari. La definizionee dello strumento giuridico multilaterale di modifica dei trattati bilaterali per facilitare un adozione uniforme u delle misure BEPS nei Paesi partecipanti. Azione 5: Le nuove regole per il contrasto alle pratiche fiscali f dannose. 11

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 95 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore SUSTA) approvata nella seduta del 2 luglio 2015 SULLA PROPOSTA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA Parte I. Aspetti tecnico-normativi di diritto interno 1) Obiettivi e necessità dell intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. Il presente Accordo costituisce

Dettagli

Lo Scambio di Informazioni ad Hong Kong

Lo Scambio di Informazioni ad Hong Kong Hong Kong, 29 marzo 2016 Newsletter Hong Kong Lo Scambio di Informazioni ad Hong Kong 1. Cos è lo Scambio di Informazioni? Lo scambio di informazioni ( Scambio di Informazioni ) è la trasmissione da parte

Dettagli

Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi

Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi Convegno ABI, Roma 1 dicembre 2009 Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi Il mutato contesto internazionale visto da un osservatorio

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

PATENT BOX. a cura del dott. Umberto Zagarese. - aprile 2015 -

PATENT BOX. a cura del dott. Umberto Zagarese. - aprile 2015 - PATENT BOX a cura del dott. Umberto Zagarese - aprile 2015 - PATENT BOX Introduzione A partire dal 2015, i titolari di reddito d impresa possono optare per una tassazione agevolata, ai fini delle imposte

Dettagli

SICAF sotto la lente: i nuovi fondi chiusi e le opportunità di mercato. Paolo Ludovici

SICAF sotto la lente: i nuovi fondi chiusi e le opportunità di mercato. Paolo Ludovici SICAF sotto la lente: i nuovi fondi chiusi e le opportunità di mercato Paolo Ludovici Art. 9, comma 2, d.lgs 44/2014: «alle società di investimento a capitale fisso (SICAF) diverse da quelle immobiliari,

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Scudo fiscale-ter e controllate estere: aspetti critici della manovra e scenari ipotizzabili

Scudo fiscale-ter e controllate estere: aspetti critici della manovra e scenari ipotizzabili STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO BISCOZZI NOBILI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE Scudo fiscale-ter e controllate estere: aspetti critici della manovra e scenari ipotizzabili Dott. Francesco Nobili Milano, 16 ottobre

Dettagli

PROFILI DI FISCALITÀ INTERNAZIONALE E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA C.D. DIGITAL ECONOMY

PROFILI DI FISCALITÀ INTERNAZIONALE E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA C.D. DIGITAL ECONOMY PROFILI DI FISCALITÀ INTERNAZIONALE E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA C.D. DIGITAL ECONOMY IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel periodo 1986/1997 le società italiane, con almeno una partecipazione oltre frontiera,

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

Crediti in sofferenza e regole fiscali. Possibili interferenze della normativa tributaria sulle scelte aziendali

Crediti in sofferenza e regole fiscali. Possibili interferenze della normativa tributaria sulle scelte aziendali Crediti in sofferenza e regole fiscali Possibili interferenze della normativa tributaria sulle scelte aziendali Indice Presentazione del documento e sintesi 5 1. Introduzione 9 2. La rappresentazione in

Dettagli

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986)

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) (Roberto M. Cagnazzo) CAMERA AVVOCATI TRIBUTARISTI DI TORINO Torino, 10 Ottobre 2012 DISCIPLINA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE

VOLUNTARY DISCLOSURE VOLUNTARY DISCLOSURE I CAMBIAMENTI, NEL CONTESTO MONDIALE, IN MATERIA DI SCAMBIO DI INFORMAZIONI HOTEL AC FIRENZE 11 FEBBRAIO 2014 AVV. SALVATORE PARATORE OBIETTIVO DELL INTERVENTO ILLUSTRARE IN VENTI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Aiuti di Stato in Tempo di Crisi. Pierpaolo Rossi 1

Aiuti di Stato in Tempo di Crisi. Pierpaolo Rossi 1 Aiuti di Stato in Tempo di Crisi Pierpaolo Rossi 1 Sommario 1. L'impatto della crisi finanziaria 2. Azione della Commissione per preservare il sistema controllo aiuti di Stato 3. Consolidamento delle finanze

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza.

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza. BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! logo 2 QUALI PAESI FANNO PARTE DELLA SEPA 3 La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi della UE che

Dettagli

Requisiti soggettivi e oggettivi e aspetti operativi

Requisiti soggettivi e oggettivi e aspetti operativi Requisiti soggettivi e oggettivi e aspetti operativi Regime opzionale Possibilità offerta ai titolari di reddito di impresa di escludere parzialmente da tassazione i redditi derivanti dall utilizzo o dalla

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Luglio 2014 Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Olivia M. Zonca e Angelica Carlucci, Tax Product Management, BNP Paribas Securities Services La legge 23 giugno 2014,

Dettagli

Newsletter Fiscale e Societaria n. 41/2014 Periodo dal 25 al 31 ottobre 2014 Riservato ai Soci

Newsletter Fiscale e Societaria n. 41/2014 Periodo dal 25 al 31 ottobre 2014 Riservato ai Soci In questo numero: A. FISCO... 2 A1. Decreto Semplificazioni Fiscali... 2 A2. Agenzia Entrate: tutoraggio grandi contribuenti sul periodo d imposta 2012... 2 A3. Convenzione fiscale tra Italia e Lussemburgo

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE TRIBUTARISTI ITALIANI

ASSOCIAZIONE NAZIONALE TRIBUTARISTI ITALIANI Bozza 2005_09-05 ASSOCIAZIONE NAZIONALE TRIBUTARISTI ITALIANI Pianificazione fiscale internazionale e controllo dei flussi finanziari anomali Catania, 7 ottobre 2005 APPROCCIO GLOBALE della PIANIFICAZIONE

Dettagli

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali RISOLUZIONE N. 29/E Roma, 18 marzo 2015 OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali Con l interpello specificato in oggetto, concernente l

Dettagli

Dicembre 2015. Lo scambio automatico di informazioni: profili applicativi della normativa FATCA

Dicembre 2015. Lo scambio automatico di informazioni: profili applicativi della normativa FATCA Dicembre 2015 Lo scambio automatico di informazioni: profili applicativi della normativa FATCA Piero Bonarelli, Head of International Tax Affairs, Enrico Gaiani, Head of Tax Compliance, UniCredit SpA 1.

Dettagli

L armonizzazione contabile

L armonizzazione contabile L armonizzazione contabile La globalizzazione dei mercati finanziari ha determinato una spinta notevole all armonizzazione dei bilanci delle società, tradizionalmente redatti secondo norme e principi che

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

SUGLI IMMOBILI PESA UN CARICO FISCALE DI OLTRE 52 MILIARDI DI EURO. RISPETTO AL 2013, QUEST ANNO PAGHEREMO 2,6 MILIARDI IN PIU

SUGLI IMMOBILI PESA UN CARICO FISCALE DI OLTRE 52 MILIARDI DI EURO. RISPETTO AL 2013, QUEST ANNO PAGHEREMO 2,6 MILIARDI IN PIU SUGLI IMMOBILI PESA UN CARICO FISCALE DI OLTRE 52 MILIARDI DI EURO. RISPETTO AL 2013, QUEST ANNO PAGHEREMO 2,6 MILIARDI IN PIU La Tasi ci costerà almeno 4 miliardi ===========================================

Dettagli

Effetti quantitativi. Effetti generali sui sistemi fiscali. Effetti su singole imposte (I) 1. Pressione fiscale totale OCSE 1990-2003: 35,1 37,4

Effetti quantitativi. Effetti generali sui sistemi fiscali. Effetti su singole imposte (I) 1. Pressione fiscale totale OCSE 1990-2003: 35,1 37,4 Globalizzazione ed effetti sulla tassazione internazionale Luigi Bernardi Contenuto del seminario 1. Globalizzazione e competizione fiscale internazionale: aspetti macroeconomici 2. Competizione fiscale

Dettagli

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA Fabio Landuzzi 14 ottobre 2014 www.pirolapennutozei.it Fiscalità nell internazionalizzazione dell impresa LE CONVENZIONI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 21/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 Oggetto: Interpello ex articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Fusione concernente società di diversi Stati

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI (BONINO) DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL INTERNO (ALFANO)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI (BONINO) DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL INTERNO (ALFANO) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 2087 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI (BONINO) DI CONCERTO

Dettagli

La cooperazione amministrativa e giudiziaria e lo scambio di informazioni tra i paesi UE ed extra UE stato dell arte e sviluppi futuri.

La cooperazione amministrativa e giudiziaria e lo scambio di informazioni tra i paesi UE ed extra UE stato dell arte e sviluppi futuri. La cooperazione amministrativa e giudiziaria e lo scambio di informazioni tra i paesi UE ed extra UE stato dell arte e sviluppi futuri. Gianluigi D Alfonso 11 ottobre 2013 1 Premessa CENTRALITA /IMPORTANZA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 167/E. Roma, 21 aprile 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 167/E. Roma, 21 aprile 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 167/E Roma, 21 aprile 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212.- Applicabilità della Convenzione dello Stato di

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE

INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE PARTE GENERALE 1. Disposizioni fondamentali................................... 3 1.1. Costituzione della Repubblica Italiana.................... 3 1.2. Trattato sul funzionamento dell Unione europea (Artt.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 151/E. Roma, 11 giugno 2009

RISOLUZIONE N. 151/E. Roma, 11 giugno 2009 RISOLUZIONE N. 151/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 giugno 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 - Redditi di capitale corrisposti a soggetti non

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Tassazione dei redditi di fonte estera e redditi dei non residenti Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Il sistema delle imposte sul reddito I II PARTE 1 Tassazione

Dettagli

PATENT BOX DETASSAZIONE DEI REDDITI DERIVANTI DA BENI IMMATERIALI

PATENT BOX DETASSAZIONE DEI REDDITI DERIVANTI DA BENI IMMATERIALI PATENT BOX DETASSAZIONE DEI REDDITI DERIVANTI DA BENI IMMATERIALI Art. 1, commi 37-45L. 23.12.2014 N. 190 Art. 5 co. 1, D.L. 24.01.2015 N. 1 (Investment Compact) pzanatta@uive.it Dott. Paolo Zanatta 18.02.2015

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

Tre diversi sistemi per proteggere l innovazione in Europa. Quale adottare?

Tre diversi sistemi per proteggere l innovazione in Europa. Quale adottare? 1 Tre diversi sistemi per proteggere l innovazione in Europa. Quale adottare? Roberto Dini Torino, 13 Maggio 2014 2 Brevetto Unitario e Tribunale Unificato dei Brevetti Regolamento(EU) No. 1257/2012 del

Dettagli

Note di stabilità finanziaria e vigilanza

Note di stabilità finanziaria e vigilanza Note di stabilità finanziaria e vigilanza N. 1 Aprile 2014 1. Il trattamento fiscale delle perdite su crediti: il vecchio regime... 2 2. Gli effetti della nuova disciplina... 4 3. Il rafforzamento dell

Dettagli

Schema di decreto legislativo sull internazionalizzazione delle imprese: le novità principali

Schema di decreto legislativo sull internazionalizzazione delle imprese: le novità principali Ufficio Studi Schema di decreto legislativo sull internazionalizzazione delle imprese: le novità principali Schema di decreto legislativo delegato recante misure per la crescita e l internazionalizzazione

Dettagli

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese Luciano Camagni Condirettore Generale Credito Valtellinese LA S PA S PA: area in cui i cittadini, le imprese e gli altri operatori economici sono in grado di eseguire e ricevere, indipendentemente dalla

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/154278 Disposizioni concernenti l accesso alla procedura di accordo preventivo connessa all utilizzo di beni immateriali ai sensi dell articolo 1, commi da 37 a 45, della legge 23 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

Gestire i regolamenti commerciali con la Svizzera

Gestire i regolamenti commerciali con la Svizzera Gestire i regolamenti commerciali con la Svizzera Alcune riflessioni sui mezzi di pagamento Giancarlo Bianchi Responsabile Trade & Export Finance Banca Popolare di Vicenza Componente del Gruppo di lavoro

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

Il trasferimento della sede dall estero all Italia

Il trasferimento della sede dall estero all Italia Il trasferimento della sede dall estero all Italia Trasferimento di sede della società estera in Italia L ordinamento giuridico-societario di provenienza può prevedere che il trasferimento di sede all

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 CIRCOLARE n. 40/E Direzione Centrale Normativa Alle Direzioni regionali e provincial Roma, 28 luglio 2010 OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge

Dettagli

7 lezione. Tassazione delle attività finanziarie (2)

7 lezione. Tassazione delle attività finanziarie (2) 7 lezione Tassazione delle attività finanziarie (2) Imposizione sui redditi in un contesto internazionale Problema: come tassare i redditi che i residenti conseguono all estero? come tassare i redditi

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3 Ottobre 2011 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso di dubbio, si

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Le modifiche alla fiscalità di banche e assicurazioni, delle imprese petrolifere e delle

Dettagli

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N.

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. e: L Istituto (Denominazione istituto di appartenenza): Indirizzo completo:

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

I nuovi servizi di addebito diretto e bonifico

I nuovi servizi di addebito diretto e bonifico I nuovi servizi di addebito diretto e bonifico Come cambiano incassi e pagamenti con la SEPA LOGO BANCA 3 L'Area Unica dei Pagamenti in Euro La SEPA (Single Euro Payments Area) include 32 Paesi: 15 paesi

Dettagli

Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione

Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione 13 Stefano Grilli Dottore commercialista, Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners, Milano Le ultime

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

Roma, 06 luglio 2009. Quesito

Roma, 06 luglio 2009. Quesito RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 luglio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Fusione tra società residenti in altri Stati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 dicembre 2013 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale della svalutazione civilistica di beni materiali

Dettagli

Aprile 2014. FATCA: primi passi verso il recepimento della normativa in Italia

Aprile 2014. FATCA: primi passi verso il recepimento della normativa in Italia Aprile 2014 FATCA: primi passi verso il recepimento della normativa in Italia Dott. Silvio Genito e Dott. Domenico Dell Orletta, Zulli Tabanelli e Associati Premessa Il Dipartimento delle finanze ha avviato

Dettagli

Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi. Roma, 1 dicembre 2009

Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi. Roma, 1 dicembre 2009 Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi LA RICERCA DELLA TRASPARENZA Il G20 di aprile 2009 Londra si è concluso all insegna della nuova

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N.

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. Allegato alla Delib.G.R. n. 63/2 del 15.12.2015 SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. 3 Articolo

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO

IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO 2 CARO CLIENTE, nel mondo dei servizi bancari c è una novità. Nel giro di pochi anni infatti sarà portata a compimento l Area Unica dei Pagamenti

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

Delega fiscale Pubblicazione in Gazzetta dei 5 decreti legislativi attuativi.

Delega fiscale Pubblicazione in Gazzetta dei 5 decreti legislativi attuativi. NEWS N.121/ 9 ottobre 2015 Delega fiscale Pubblicazione in Gazzetta dei 5 decreti legislativi attuativi. Pubblicati in Gazzetta Ufficiale i cinque decreti legislativi attuativi della legge 11 marzo 2014,

Dettagli

Prezzi di trasferimento in Italia. Rödl & Partner

Prezzi di trasferimento in Italia. Rödl & Partner Prezzi di trasferimento in Italia 1 Contenuto 01 Introduzione e contesto normativo 02 Documentazione sui prezzi di trasferimento 03 Altre tematiche di transfer pricing e servizi di R&P 2 Contenuto 01 Introduzione

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX

OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX RISOLUZIONE N. 17/E Roma, 27 gennaio 2006 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. n. 2005/180472 OGGETTO: Istanza di Interpello - Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. XX Con l interpello specificato

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 14/2015

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 14/2015 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 14/2015 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO IVASS N. XX DEL XX/XX/XXXX CONCERNENTE L APPLICAZIONE DEL MODULO DI RISCHIO DI SOTTOSCRIZIONE PER L ASSICURAZIONE VITA AI FINI DELLA DETERMINAZIONE

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

Consultazione MEF sulla proposta di direttiva in tema d imposta sulle transazioni finanziarie. Ottobre 2011

Consultazione MEF sulla proposta di direttiva in tema d imposta sulle transazioni finanziarie. Ottobre 2011 Consultazione MEF sulla proposta di direttiva in tema d imposta sulle transazioni finanziarie Ottobre 2011 POSITION PAPER 10/2011 Premessa L Associazione Bancaria Italiana (ABI) ringrazia per l opportunità

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

Ai Capi Ufficio. e p.c. Al Direttore Amministrativo LORO SEDI. Oggetto: Applicazione dell Iva ai contributi erogati per la realizzazione di progetti.

Ai Capi Ufficio. e p.c. Al Direttore Amministrativo LORO SEDI. Oggetto: Applicazione dell Iva ai contributi erogati per la realizzazione di progetti. Direzione Area Contabile Servizio Affari Fiscali Viale Gallipoli 49-73100 Lecce Tel. 0832/293392 - Fax. 0832/293042 Lecce, lì 18 luglio 2003 Prot. 15971 Ai Direttori dei Centri di Spesa Ai Responsabili

Dettagli

AIUTARE LA FAMIGLIA: MENO TASSE PER LAVORATORI E PENSIONATI UNA TRACCIA DI ANALISI E DI APPROFONDIMENTO PER LA DISCUSSIONE

AIUTARE LA FAMIGLIA: MENO TASSE PER LAVORATORI E PENSIONATI UNA TRACCIA DI ANALISI E DI APPROFONDIMENTO PER LA DISCUSSIONE AIUTARE LA FAMIGLIA: MENO TASSE PER LAVORATORI E PENSIONATI UNA TRACCIA DI ANALISI E DI APPROFONDIMENTO PER LA DISCUSSIONE 1. Riduzione del carico fiscale su lavoratori dipendenti e pensionati 2. Sostegno

Dettagli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari Disciplina fiscale Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari definizione Definizione di SICAF: OICR chiuso costituito in forma di società per azioni a capitale fisso

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 1 dicembre 2015

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 1 dicembre 2015 CIRCOLARE N. 36/E Roma, 1 dicembre 2015 Direzione Centrale Accertamento e Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Primi chiarimenti in tema di Patent Box - Articolo 1, commi da 37 a 45, della legge 23 dicembre

Dettagli

La disciplina delle CFC

La disciplina delle CFC La disciplina delle CFC Novedrate, 9 ottobre 2013 dott. Andrea DE VIDO La CFC (Controlled Foreign Companies) e quella tecnica con la quale: un soggetto residente in un Paese ad alta fiscalità fa svolgere

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ E PATENT BOX : LA TASSAZIONE AGEVOLATA PER MARCHI E BREVETTI

LEGGE DI STABILITÀ E PATENT BOX : LA TASSAZIONE AGEVOLATA PER MARCHI E BREVETTI LEGGE DI STABILITÀ E PATENT BOX : LA TASSAZIONE AGEVOLATA PER MARCHI E BREVETTI di Marco Bargagli* Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un notevole processo di globalizzazione ed armonizzazione dei mercati,

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 4/2016

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 4/2016 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 4/2016 SCHEMA DI REGOLAMENTO IVASS N. DEL CONCERNENTE LE INFORMAZIONI QUANTITATIVE PERIODICHE DA TRASMETTERE ALL IVASS AI FINI DI STABILITÀ FINANZIARIA E DI VIGILANZA MACROPRUDENZIALE

Dettagli

A TUTTI I PARTECIPANTI DEI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA FONDI NORVEGA E CIVIDALE

A TUTTI I PARTECIPANTI DEI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA FONDI NORVEGA E CIVIDALE Milano, 16 dicembre 2011 Prot. n. NV295MF11/RZ A TUTTI I PARTECIPANTI DEI FONDI APPARTENENTI AL SISTEMA FONDI NORVEGA E CIVIDALE Oggetto: regime fiscale dei fondi di diritto italiano applicabile a far

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 141/E

RISOLUZIONE N. 141/E RISOLUZIONE N. 141/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2010 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Vincite conseguite per effetto della partecipazione a giochi on-line

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli