MASTER IN PROGETTAZIONE URBANA SOSTENIBILE IL PROGETTO: LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PARADIGMI PROGETTUALI ED ESPERIENZE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASTER IN PROGETTAZIONE URBANA SOSTENIBILE IL PROGETTO: LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PARADIGMI PROGETTUALI ED ESPERIENZE"

Transcript

1 MASTER IN PROGETTAZIONE URBANA SOSTENIBILE IL PROGETTO: LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PARADIGMI PROGETTUALI ED ESPERIENZE

2 LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE: PARADIGMI PROGETTUALI ED ESPERIENZE PARADIGMI PROGETTUALI FUTURISMO MOVIMENTO MODERNO ARCHITETTURA ORGANICA LE SETTE INVARIANTI DEL LINGUAGGIO MODERNO ESPERIENZE LA CITTÀ INTERMODALE LA CITTÀ INDUSTRIALE LA CITTÀ UTOPISTA LA CITTÀ VERTICALE

3 LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE: PARADIGMI PROGETTUALI FUTURISMO MANIFESTO FUTURISTA Antonio Sant'Elia, Nuova armonia di profili e volumi 2. Rottura con il passato 3. Leggerezza 4. Praticità 5. Abolizione delle decorazioni 6. Progettare per le masse 7. Sintesi ed espressione 8. Architettura dinamica, linee curve 9. Modernità come fonte d'ispirazione 10. Armonizzazione uomo-ambiente 11. Caducità e transitorietà MOVIMENTO MODERNO I PRINCIPI DELL'ARCHITETTURA NEOPLASTICA Theo van Doesburg, La forma A posteriori. 2. Gli elementi luce, funzione, materiali, volume, tempo, spazio, colore. 3. L'economia Uso dell'essenziale. 4. La funzione Fondata sulla sintesi delle esigenze pratiche. 5. L'informe I piani che suddividono gli spazi si estendono all'esterno del volume. 6. Il monumentale Rapporti, trasformazione, leggerezza, trasparenza. 7. Il buco La finestra non è più un buco nel muro. 8. La pianta Compenetrazione tra gli spazi interni e quelli esterni. 9. La suddivisione Fluidità spaziale. 10. l tempo Il tempo conferisce allo spazio animazione. 11. Aspetto plastico Quarta dimensione dello spazio-tempo. 12. Aspetto statico Architettura anti cubica. Sviluppo eccentrico delle cellule spaziali. 13. Simmetria e ripetizione Rapporto equilibrato di parti ineguali. Soppressione della monotonia iterativa. 14. Frontalismo Sviluppo della plastica poliedrica nello spazio-tempo. 15. Il colore Realizzazione del colore nello spazio-tempo rendendo visibile plasticamente una nuova dimensione. 16. Decorazione La nuova architettura è anti decorativa. 17. L'architettura come sintesi della nuova costruzione plastica Convergenza di tutte le arti plastiche.

4 I 9 PUNTI PER UNA NUOVA ARCHITETTURA Le Corbusier, Leggerezza 2. Luce e limpidezza 3. Economicità 4. Il complesso edilizio come un organismo 5. Sobrietà ed esattezza. 6. Purezza e linearità 7. Snelli e radi montanti di cemento o d'acciaio 8. Copertura piana e terrazza-giardino complemento di comodità. 9. Nuova distribuzione dei materiali tradizionali TAVOLE POLEMICHE Giuseppe Ercole Enea Terragni, 1936 Architettura che migliora ogni giorno più i costumi degli uomini: ordine, serenità e nitidezza; aspetto asciutto e meccanico, intelligente e geometrico. Il progresso nelle strutture, sempre più scheletriche e leggere grazie all'uso del metallo. Il progresso dell'arialuce; il ruolo predominante della tecnica per la realizzazione delle nuove abitazioni aventi finestre razionalmente studiate in base al clima, alla traiettoria solare, alle condizioni metereologiche abituali. La rivoluzione del vetro: resitenza e trasparenza. ARCHITETTURA ORGANICA PUNTI DELL'ARCHITETTURA ORGANICA F.L. Wright, Natura 2. Organico-intrinseco 3. La forma segue la funzione 4. Qualità 5. Veridicità 6. Ornamento 7. Anima 8. Tridimensionalità 9. Spazio LE SETTE INVARIANTI DEL LINGUAGGIO MODERNO Bruno Zevi, L elenco come metodologia progettuale 2. Asimmetria e dissonanze 3. Tridimensionalità antiprospettica 4. Sintassi della scomposizione quadridimensionale 5. Strutture in aggetto, gusci e membrane 6. Temporalità dello spazio 7. Reintegrazione edificio-città-territorio

5 FUTURISMO MANIFESTO FUTURISTA Antonio Sant'Elia, 1914

6 Il manifesto "Architettura futurista" firmato da Antonio Sant'Elia viene pubblicato il 1 agosto 1914 sulla rivista fiorentina Lacerba: esso era ià stato precedentemente diffuso in un opuscolo stampato l'11 luglio a Milano dalla 'Direzione del Movimento futurista'. Il testo qui mostrato è la trascrizione dalla riproduzione fotografica di quest'ultimo (pubblicata in E. Crispolti, Attraverso l'architettura futurista, Modena 1984) comparato con il Messaggio redatto dallo stesso Sant'Elia come prefazione al catalogo della Mostra 'Nuove Tendenze' tenutasi a Milano nel maggio 1914, e precedente alla adesione ufficiale dell'architetto al Movimento futurista (così come trascritto in Architettura Futurista, numero monografico della rivista 'Controspazio', 1971). I passi qui rappresentati in rosso furono aggiunti - su ispirazione di Marinetti e Cinti, sostiene Bruno Zevi - al Messaggio rappresentato in nero. L'ARCHITETTURA FUTURISTA Manifesto Dopo il '700 non è più esistita nessuna architettura. Un balordo miscuglio dei più vari elementi di stile, usato a mascherare lo scheletro della casa moderna, è chiamato architettura moderna. La bellezza nuova del cemento e del ferro viene profanata con la sovrapposizione di carnevalesche incrostazioni decorative che non sono giustificate né dalle necessità costruttive, né dal nostro gusto e traggono origine dalle antichità egiziana, indiana o bizantina, e da quello sbalorditivo fiorire di idiozie e di impotenza che prese il nome di neo-classicismo. In Italia si accolgono codeste ruffianerie architettoniche e si gabella la rapace incapacità straniera per geniale invenzione, per architettura nuovissima. I giovani architetti italiani (quelli che attingono originalità dalla clandestina compulsazione di pubblicazioni d'arte) sfoggiano i loro talenti nei quartieri nuovi delle nostre città, ove una gioconda insalata di colonnine ogivali, di foglione seicentesche, di archi acuti gotici, di pilastri egiziani, di volute rococò, di putti quattrocenteschi, di cariatidi rigonfie, tien luogo, seriamente, di stile, ed arieggia con presunzione al monumentale. Il caleidoscopico apparire e riapparire di forme, il moltiplicarsi delle macchine, I'accrescersi quotidiano dei bisogni imposti dalla rapidità delle comunicazioni, dall'agglomeramento degli uomini, dall'igiene e da cento altri fenomeni della vita moderna non danno alcuna perplessità a codesti sedicenti rinnovatori dell'architettura. Essi perseverano cocciuti con le regole di Vitruvio, del Vignola e del Sansovino e con qualche pubblicazioncella di architettura tedesca alla mano, a ristampare l'immagine dell'imbecillità secolare sulle nostre città, che dovrebbero essere l'immediata e fedele proiezione di noi stessi. Così quest'arte espressiva e sintetica è diventata nelle loro mani una vacua esercitazione stilistica, un rimuginamento di formule malamente accozzate a camuffare da edificio moderno il solito bossolotto passatista di mattone e di pietra. Come se noi, accumulatori e generatori di movi mento, coi nostri prolungamenti meccanici, col rumore e colla velocità della nostra vita, potessimo vivere nelle stesse case, nelle stesse strade costruite pei loro bisogni dagli uomini di quattro, cinque, sei secoli fa. Questa è la suprema imbecillità dell'architettura moderna che si ripete per la complicità mercantile delle accademie domicili coatti dell'intelligenza, ove si costringono i giovani all'onanistica ricopiatura di modelli classici, invece di spalancare la loro mente alla ricerca dei limiti e alla soluzione del nuovo e imperioso problema: la casa e la città futuriste. La casa e la città spiritualmente e materialmente nostre, nelle quali il nostro tumulto possa svolgersi senza parere un grottesco anacronismo. Il problema dell'architettura futurista non è un problema di rimaneggiamento lineare. Non si tratta di trovare nuove sagome, nuove marginature di finestre e di porte, di sostituire colonne, pilastri, mensole con cariatidi, mosconi, rane; non si tratta di lasciare la facciata a mattone nudo, o di intonacarla, o di rivestirla di pietra né di determinare differenze formali tra l'edificio nuovo e quello vecchio; ma di creare di sana pianta la casa futurista, di costruirla con ogni risorsa della scienza e della tecnica, appagando signorilmente ogni esigenza del nostro costume e del nostro spirito, calpestando quanto è grottesco, pesante e antitetico con noi (tradizione, stile, estetica, proporzione) determinando nuove forme, nuove linee, una nuova armonia di profili e di volumi, un architettura che abbia la sua ragione d'essere solo nelle condizioni speciali della vita moderna, e la sua rispondenza come valore estetico nella nostra sensibilità. Quest'architettura non può essere soggetta a nessuna legge di continuità storica. Deve essere nuova come è nuovo il nostro stato d'animo. L'arte di costruire ha potuto evolversi nel tempo e passare da uno stile all'altro mantenendo inalterati i caratteri generali dell'architettura, perché nella storia sono frequenti i mutamenti di moda e quelli determinati dall'avvicendarsi dei convincimenti religiosi e degli ordinamenti politici; ma sono rarissime quelle cause di profondo mutamento nelle condizioni dell'ambiente che scardinano e rinnovano, come la scoperta di leggi naturali, il perfezionamento dei mezzi meccanici, I'uso razionale e scientifico del materiale. Nella vita moderna il processo di conseguente svolgimento stilistico nell'architettura si arresta. L'architettura si stacca dalla tradizione. Si ricomincia da capo per forza. Il calcolo sulla resistenza dei materiali, l'uso del cemento armato e del ferro escludono l'«architettura» intesa

7 nel senso classico e tradizionale. I materiali moderni da costruzione e le nostre nozioni scientifiche, non si prestano assolutamente alla disciplina degli stili storici, e sono la causa principale dell'aspetto grottesco delle costruzioni «alla moda» nelle quali si vorrebbe ottenere dalla leggerezza, dalla snellezza superba della poutrelle e dalla fragilità del cemento armato, la curva pesante dell'arco e l'aspetto massiccio del marmo. La formidabile antitesi tra il mondo moderno e quello antico è determinata da tutto quello che prima non c'era. Nella nostra vita sono entrati elementi di cui gli antichi non hanno neppure sospettata la possibilità; vi sono determinate contingenze materiali e si sono rilevati atteggiamenti dello spirito che si ripercuotono in mille effetti; primo fra tutti la formazione di un nuovo ideale di bellezza ancora oscuro ed embrionale, ma di cui già sente il fascino anche la folla. Abbiamo perduto il senso del monumentale, del pesante, dello statico, ed abbiamo arricchita la nostra sensibilità del gusto del leggero, del pratico, dell'effimero e del veloce. Sentiamo di non essere più gli uomini delle cattedrali, dei palazzi, degli arengari; ma dei grandi alberghi, delle stazioni ferroviarie, delle strade immense, dei porti colossali, dei mercati coperti, delle gallerie luminose, dei rettifili, degli sventramenti salutari. Noi dobbiamo inventare e rifabbricare la città futurista simile ad un immenso cantiere tumultuante, agile, mobile, dinamico in ogni sua parte, e la casa futurista simile ad una macchina gigantesca. Gli ascensori non debbono rincantucciarsi come vermi solitari nei vani delle scale; ma le scale, divenute inutili, devono essere abolite e gli ascensori devono inerpicarsi, come serpenti di ferro e di vetro, lungo le facciate. La casa di cemento di vetro di ferro senza pittura e senza scultura, ricca soltanto della bellezza congenita alle sue linee e ai suoi rilievi, straordinariamente brutta nella sua meccanica semplicità, alta e larga quanto più è necessario, e non quanto è prescritto dalla legge municipale deve sorgere sull'orlo di un abisso tumultuante: la strada, la quale non si stenderà più come un soppedaneo al livello delle portinerie, ma si sprofonderà nella terra per parecchi piani, che accoglieranno il traffico metropolitano e saranno congiunti per i transiti necessari, da passerelle metalliche e da velocissimi tapis roulants. Bisogna abolire il decorativo. Bisogna risolvere il problema dell'architettura futurista non più rubacchiando da fotografie della Cina, della Persia e del Giappone, non più imbecillendo sulle regole del Vitruvio, ma a colpi di genio, e armati di una esperienza scientifica e tecnica. Tutto deve essere rivoluzionato. Bisogna sfruttare i tetti, utilizzare i sotterranei, diminuire l'importanza delle facciate, trapiantare i problemi del buon gusto dal campo della sagometta, del capitelluccio, del portoncino in quello più ampio dei grandi aggruppamenti di masse, della vasta disposizione delle piante. Finiamola coll'architettura monumentale funebre commemorativa. Buttiamo all'aria monumenti, marciapiedi, porticati, gradinate, sprofondiamo le strade e le piazze, innalziamo il livello delle città. IO COMBATTO E DISPREZZO: 1. Tutta la pseudo-architettura d'avanguardia, austriaca, ungherese, tedesca e americana. 2. Tutta l'architettura classica solenne, ieratica, scenografica, decorativa, monumentale, leggiadra, piacevole. 3. L'imbalsamazione, la ricostruzione, la riproduzione dei monumenti e palazzi antichi. 4. Le linee perpendicolari e orizzontali, le forme cubiche e piramidali che sono statiche, gravi, opprimenti ed assolutamente fuori dalla nostra nuovissima sensibilità. 5. L'uso di materiali massicci, voluminosi, duraturi, antiquati, costosi. E PROCLAMO: 1. Che l'architettura futurista è l'architettura del calcolo, dell'audacia temeraria e della semplicità; l'architettura del cemento armato, del ferro, del vetro, del cartone, della fibra tessile e di tutti quei surrogati del legno, della pietra e del mattone che permettono di ottenere il massimo della elasticità e della leggerezza; 2. Che l'architettura futurista non è per questo un'arida combinazione di praticità e di utilità, ma rimane arte, cioè sintesi, espressione; 3. Che le linee oblique e quelle ellittiche sono dinamiche, per la loro stessa natura hanno una potenza emotiva mille volte superiore a quella delle perpendicolari e delle orizzontali, e che non vi può essere un'architettura dinamicamente integratrice all'infuori di esse; 4. Che la decorazione, come qualche cosa di sovrapposto all'architettura, è un assurdo, e che soltanto dall'uso e dalla disposizione originale del materiale greggio o nudo o violentemente colorato, dipende il valore decorativo dell'architettura futurista; 5. Che, come gli antichi trassero l'ispirazione dell'arte dagli elementi della natura, noi - materialmente e spiritualmente artificiali - dobbiamo trovare quell'ispirazione negli elementi del nuovissimo mondo

8 meccanico che abbiamo creato, di cui l'architettura deve essere la più bella espressione, la sintesi più completa, l'integrazione artistica più efficace; 6. L'architettura come arte di disporre le forme degli edifici secondo criteri prestabiliti è finita; 7. Per architettura si deve intendere lo sforzo di armonizzare con libertà e con grande audacia, l'ambiente con l'uomo, cioè rendere il mondo delle cose una proiezione diretta del mondo dello spirito; 8. Da un'architettura così concepita non può nascere nessuna abitudine plastica e lineare, perché i caratteri fondamentali dell'architettura futurista saranno la caducità e la transitorietà. Le case dureranno meno di noi. Ogni generazione dovrà fabbricarsi la sua città. Questo costante rinnovamento dell'ambiente architettonico contribuirà alla vittoria del Futurismo, che già si afferma con le Parole in libertà, il Dinamismo plastico, la Musica senza quadratura e l'arte dei rumori, e pel quale lottiamo senza tregua contro la vigliaccheria passatista. MILANO, 11 Luglio 1914.

9 MOVIMENTO MODERNO I PRINCIPI DELL'ARCHITETTURA NEOPLASTICA Theo van Doesburg, 1924 I 9 PUNTI PER UNA NUOVA ARCHITETTURA Le Corbusier, 1926 TAVOLE POLEMICHE Giuseppe Ercole Enea Terragni, 1936 IL COMPITO DELL'ARCHITETTO Walter Gropius, CIAM

10 Theo van Doesburg: Towards a plastic architecture, Originally published in De Stijl, XII, 6/7, Rotterdam Form. Elimination of all concept of form in the sense of a fixed type is essential to the healthy development of architecture and art as a whole. Instead of using earlier styles as models and imitating them, the problem of architecture must be posed entirely afresh. 2. The new architecture is elemental; that is to say, it develops out of the elements of building in the widest sense. These elements - such as function, mass, surface, time, space, light, colour, material, etc. - are plastic. 3. The new architecture is economic; that is to say, it employs its elemental means as effectively and thriftily as possible and squanders neither these means nor the material. 4. The new architecture is functional; that is to say, it develops out of the exact determination of the practical demands, which it contains within clear outlines. 5. The new architecture is formless and yet exactly defined; that is to say, it is not subject to any fixed aesthetic formal type. It has no mould (such as confectioners use) in which it produces the functional surfaces arising out of practical, living demands. In contradistinction to all earlier styles the new architectural methods know no closed type, no basic type. The functional space is strictly divided into rectangular surfaces having no individuality of their own. Although each one is fixed on the basis of the others, they may be visualized as extending infinitely. Thus they form a coordinated system in which all points correspond to the same number of points in the universe. It follows from this that the surfaces have a direct connexion to infinite space. 6. The new architecture has rendered the concept monumental independent of large and s mall (since the word ' monumental ' has become hackneyed it is replaced by the word 'plastic'). It has shown that everything exists on the basis of interrelationships. 7. The new architecture possesses no single passive factor. It has overcome the opening (in the wall). With its openness the window plays an active role in opposition to the closedness of the wall surface. Nowhere does an opening or a gap occupy the foreground; everything is strictly determined by contrast. Compare the various counter- constructions in which the elements that architecture consists of (surface, line, and mass) are placed without constraint in a three- dimensional relationship. 8. The ground- plan. The new architecture has opened the walls and so done away with the separation of inside and outside. The walls themselves no longer support; they merely provide supporting points. The result is a new, open ground- plan entirely different from the classical one, since inside and outside now pass over into one another. 9. The new architecture is open. The whole structure consists of a space that is divided in accordance with the various functional demands. This division is carried out by means of dividing surfaces (in the interior) or protective surfaces (externally). The former, which separate the various functional spaces, may be movable; that is to say, the dividing surfaces (formerly the interior walls) may be replaced by movable intermediate surfaces or panels (the same method may be employed for doors). In architecture's next phase of development the ground- plan must disappear completely. The two- dimensional spatial composition fixed in a ground- plan will be replaced by an exact constructional calculation - a calculation by means of which the supporting capacity is restricted to the simplest but strongest supporting points. For this purpose Euclidean mathematics will be of no further use - but with the aid of calculation that is non- Euclidean and takes into account the four dimensions everything will be very easy.

11 10. Space and time. The new architecture takes account not only of space but also of the magnitude time. Through the unity of space and time the architectural exterior will acquire a new and completely plastic aspect. (Fourdimensional space- time aspects.) 11. The new architecture is anti- cubic; that is to say, it does not attempt to fit all the functional space cells together into a closed cube, but projects functional space- cells (as well as overhanging surfaces, balconies, etc.) centrifugally from the centre of the cube outwards. Thus height, breadth, and depth plus time gain an entirely new plastic expression. In this way architecture achieves a more or less floating aspect (in so far as this is possible from the constructional standpoint - this is a problem for the engineer!) which operates, as it were, in opposition to natural gravity. 12. Symmetry and repetition. The new architecture has eliminated both monotonous repetition and the stiffequality of two halves - the mirror image, symmetry. There is no repetition in time, no street front, no standardization. A block of how is just as much a whole as the individual house. The laws that apply to the individual house also apply to the block of houses and to the city. In place of symmetry the new architecture offers a balanced relationship of unequal parts; that is to say, of parts that differ from each other by virtue of their functional characteristics as regards position, size, proportion and situation. The equality of these parts rests upon the balance of their dissimilarity, not upon their similarity. Furthermore, the new architecture has rendered front, back, right, left, top, and bottom, factors of equal value. 13. In contrast to frontalism, which had its origin in a rigid, static way of life, the new architecture offers the plastic richness of an all- sided development in space and time. 14. Colour. The new architecture has done away with painting as a separate and imaginary expression of harmony, secondarily as representation, primarily as coloured surface. The new architecture permits colour organically as a direct means of expressing its relationships within space and time. Without colour these relationships are not real, but invisible. The balance of organic relationships acquires visible reality only by means of colour. The modern painter's task consists in creating with the aid of colour a harmonious whole in the new fourdimensional realm of space- time - not a surface in two dimensions. In a further phase of development colour may also be replaced by a denaturalized material possessing its own specific colour (a problem for the chemist) - but only if practical needs demand this material. 15. The new architecture is anti- decorative. Colour (and this is something the colour- shy must try to grasp) is not a decorative part of architecture, but its organic medium of expression. 16. Architecture as a synthesis of Neo- Plasticism. Building is a part of the new architecture which, by combining together all the arts in their elemental manifestation, discloses their true nature. A prerequisite is the ability to think in four dimensions - that is to say: the architects of Plasticism, among whom I also number the painters, must construct within the new realm of space and time. Since the new architecture permits no images (such as paintings or sculptures as separate elements) its purpose of creating a harmonious whole with all essential means is evident from the outset. In this way, every architectural element contributes to the attainment on a practical and logical basis of a maximum of plastic expression, without any disregard of the practical demands.

12 NEOPLASTICISMO Il manifesto del gruppo De Stijl apparì nel Novembre del L'obiettivo del gruppo che lo compilò (Theo van Doesburg, Robt. van't Hoff, Vilmos Huszar, Antony Kok, Piet Mondrian, G. Vantongerloo, Jan Wils) era la combinazione organica dell'architettura, della scultura e della pittura in un modo costruttivo lucido, non sentimentale, fatto per elementi. Le tesi del movimento esprimono, sul piano figurativo, una continuazione razionalizzata del cubismo e su quello sociale una lotta radicale all'individualismo. Lo stile è caratterizzato da piani o setti murari, spesso colorati, che fuoriescono dai volumi con una legge di crescita ortogonale e quasi mai obliqua o curvilinea. Gli spigoli dei volumi tendono a non essere definiti dall'incontro dei muri che li determinano, come invece avviene nei codici razionalisti. I muri diventano setti, superfici che mostrano il proprio spessore rimanendo tra loro separate, così consentendo alla luce di penetrare all interno del volume in quei punti di scollamento ed evitando di trattare le aperture delle finestre come altrettanti buchi nel muro. Il manifesto De Stijl (1918) è articolato in otto punti: Manifesto De Stijl: 1. Ci sono due concezioni del mondo: una antica e una nuova. L'antica tende verso l'individualismo. La nuova, verso l'universale. La lotta tra individualismo e universale si registra sia nella guerra mondiale che nell'arte della nostra epoca. 2. La guerra distrugge il vecchio mondo con il suo contenuto: il dominio individuale, comunque inteso. 3. L'arte nuova ha messo in evidenza il contenuto della nuova concezione del mondo: l'universale e l'individuale in uguali proporzioni. 4. La nuova concezione del mondo è pronta a realizzarsi in tutto, anche nella vita. 5. Le tradizioni, i dogmi e le prerogative dell'individualismo (il naturale) si oppongono a questa realizzazione. 6. Lo scopo della rivista "De Stijl" è di fare appello a tutti coloro che credono nella riforma artistica e culturale per annientare ciò che ne ostacola lo sviluppo, come i suoi collaboratori hanno fatto nella nuova arte plastica sopprimendo la forma naturale che contrasta un'autentica espressione d'arte, esito di ogni conoscenza artistica. 7. Gli artisti d'oggi hanno preso parte alla guerra mondiale nel campo spirituale, spinti dalla stessa coscienza, contro le prerogative dell'individualismo: il capriccio. Essi solidarizzano con tutti coloro che combattono spiritualmente o materialmente per la formazione di un'unità internazionale nella vita, nell'arte, nella cultura. 8. L'organo De Stijl, fondato a questo scopo, fa ogni sforzo per porre in luce la nuova idea della vita In: Ulrich Conrads, Programs and manifestoes on 20th-century architecture, Cambridge, The MIT Press (pag.39). Il manifesto è firmato da Theo van Doesburg, Robt. van't Hoff, Vilmos Huszar, Antony Kok, Piet Mondrian, G. Vantongerloo, Jan Wils.

13 Sette anni dopo Theo van Doesburg scrive princìpi fondamentali dell'architettura neoplastica 2, attraverso i quali analizza il rapporto tra 17 categorie dell'architettura e i significati ad esse corrispondenti nella poetica del movimento: 1. La forma A posteriori. 2. Gli elementi Categorie sia fisiche che metafisiche che costruiscono l'architettura (luce, funzione, materiali, volume, tempo, spazio, colore.). 3. L'economia Uso dell'essenziale. 4. La funzione Fondata sulla sintesi delle esigenze pratiche. 5. L'informe I piani che suddividono gli spazi si estendono all'esterno del volume. 6. Il monumentale Rapporti, trasformazione, leggerezza, trasparenza. 7. Il buco La finestra non è più un buco nel muro. 8. La pianta Compenetrazione tra gli spazi interni e quelli esterni. 9. La suddivisione Fluidità spaziale. 10. Il tempo Il tempo conferisce allo spazio animazione. 11. Aspetto plastico Quarta dimensione dello spazio-tempo. 12. Aspetto statico Architettura anti cubica. Sviluppo eccentrico delle cellule spaziali. 13. Simmetria e ripetizione Rapporto equilibrato di parti ineguali. Soppressione della monotonia iterativa. Non esiste il davanti e il dietro, il destro o il sinistro. 14. Frontalismo Sviluppo della plastica poliedrica nello spazio-tempo. 15. Il colore Realizzazione del colore nello spazio-tempo rendendo visibile plasticamente una nuova dimensione. 16. Decorazione La nuova architettura è anti decorativa. 17. L'architettura come sintesi della nuova costruzione plastica Convergenza di tutte le arti plastiche nell'architettura. In architettura furono soprattutto Mies van der Rohe, Gerrit Thomas Rietveld e Cornelius Van Eesteren a dar vita a questo linguaggio utilizzando nelle loro architetture tutti i punti dell'architettura neoplastica. Theo van Doesburg curò gli aspetti di sintesi teorico-metodologica del neoplasticismo più che quelli realizzativi. Si è detto che sia stato Le Corbusier a offrire le soluzioni dell'architettura moderna ma che Theo van Doesburg ne abbia strutturato il metodo: "Il primo dice: questi sono gli elementi... il secondo: questo è il processo. Ne deriva che il manierismo purista lecorbusieriano è assai più diffuso di quello neoplastico.... In breve, Le Corbusier dice il che, Wright il perché, van Doesburg il come dell'architettura." 3 Interessante notare che le sette invarianti di Bruno Zevi (1, l elenco come metodologia progettuale; 2, asimmetria e dissonanze; 3, tridimensionalità antiprospettica; 4, sintassi della scomposizione quadridimensionale; 5, strutture in aggetto, gusci e membrane; 6, temporalità dello spazio; 7, reintegrazione edificio-città-territorio) derivano direttamente dai diciassette punti di Theo van Doesburg. 4 Lo scopo, quello di creare un linguaggio universale ovvero una sintesi di armonia espressiva liberata da ogni particolarismo individuale, non si avverò e dopo la morte di van Doesburg "l'ideale neoplastico ritornò alla sua idea iniziale della pittura astratta" 5. Inoltre lo stesso Mies andò in America dimenticandosi in molte occasioni la scomposizione quadridimensionale, i colori primari e la lotta all'individualismo. In America si produrranno gli epigoni del neoplasticismo, anche se di grande qualità architettonica, con le ville californiane di Richard Neutra, la Facoltà di Architettura della Yale University di Paul Rudolph a New Haven, i piani complessi della cardboard architecture progettati soprattutto dai Five Architects e poi dal gruppo Arquitectonica 6, architetture nei cui programmi non vi è più un riferimento diretto alla lotta all individualismo. L accusa che da taluni 2 - Scritti nel 1925 e poi rielaborati nel 1930, un anno prima della sua morte, per una conferenza a Madrid. 3 - B. Zevi, Poetica dell'architettura Neoplastica, Torino, Einaudi, 1974, 2' Ed. (Pag. 114) 4 - Riconosciuto direttamente da B. Zevi, in: Poetica dell'architettura neoplastica 2a ed., Torino, P.B. Einaudi, 1974, (pag. 117). A pag. 116 dello stesso testo, la scuola d'arte dell'università di Yale di Paul Rudolph del , e la villa Brown di Richard Neutra del 1955 sono presentate nelle didascalie delle foto come epigoni di De Stijl. 5 - Kenneth Frampton, Modern Architecture a critical history, New York, Oxford U.P (pag. 148). 6 - Gruppo statunitense fondato dagli architetti peruviani Bernardo Fort Brescia e Laurinda Spear.

14 critici viene mossa è che per progettare le loro eccellenti opere di architettura, taluni progettisti abbiano finito per adoperare solo le forme esteriori del neoplasticismo e non anche i concetti programmatici di eliminazione delle barriere sociali che ne erano alla base. In Europa sono avvenute interessanti contaminazioni di questo codice, soprattutto con altri di matrice neo-espressionista, e queste sono caratterizzate da due momenti diversi: il primo, soprattutto ad opera di Mario Botta, in molteplici occasioni articola i volumi alla ricerca di ovviare di ricorrere all uso della finestra quale buco nel muro; il secondo, che vede impegnati alcuni architetti decostruttivisti tra i quali Günter Behnisch e Zaha Hadid, evidenzia un superamento delle posizioni originarie che facevano giudicare frivolo l uso della linea obliqua, operando a favore di un architettura animata dove il neoplasticismo è colto in un momento diverso da quello della compiutezza finale dell organismo architettonico. Questo codice, attraverso un processo di astrazione dalla natura, ricerca l equilibrio cosmico, la cui espressione plastica esatta si rivela attraverso piani e linee verticali o orizzontali. E per distinguersi dalla natura, dove piani e linee si confondono nella forma, che questo codice rifiuta la linea obliqua: Si possono ( ) fare bellissime cose anche neoplastiche ( ) in obliquo ( ) non si può negare il carattere naturalistico e frivolo della linea obliqua, che per di più non si fa annientare dalla posizione contrastante di un altra linea. Può produrre un effetto di stabilità, ma plasticamente mantiene il movimento esteriore, cioè l apparenza naturale. Ecco dove ci conduce la ricerca superficiale di una nuova espressione plastica. Senza volerlo si torna alla natura. All inverso, l espressione plastica delle linee verticali e orizzontali nei loro rapporti rettangolari è quella della forza e del riposo interiori. Mentre nell apparenza di una croce (unificazione), le linee esprimono di nuovo benché in astratto una forma, nella composizione neoplastica le linee sono in opposizione reale, ciò che elimina ogni forma. Esse esprimono il movimento della vita maturata da un ritmo approfondito, prodotto di rapporti dimensionali. E poiché soltanto da questi rapporti può scaturire l opposizione alla natura, bisogna cercare in essi, e unicamente in essi, il punto culminante del neoplasticismo L uomo la Strada la Città, Piet Mondrian, in B. Zevi, Poetica dell'architettura Neoplastica, Torino, Einaudi, 1974, 2' Ed. (Pag. 199).

15 I 9 PUNTI PER UNA NUOVA ARCHITETTURA Le Corbusier, 1926 La rivoluzione architettonica: 1. Ossatura indipendente d'acciaio o di cemento armato: la prima caratteristica dello stile d'oggi sarà la leggerezza. 2. Impiego della parete vetrata trasparente o traslucida, cui corrispondono le caratteristiche di luce e limpidezza: uguali per il Crystal Palace di Londra come per le casette nel verde o i grandi palazzi d'affitto o per uffici dell'immediato futuro. 3. L 'esattezza dei calcoli di resistenza dell'acciaio e del cemento armato soddisfa l'economicità nella sua accezione più elevata. 4. Il nuovo modo di progettare, assicurando una buona circolazione, una corretta distribuzione e una classificazione ordinata, e facendo del complesso edilizio un vero e proprio organismo (scheletro portante; spazi ben aerati ed illuminati; abbondanza di «servizi generali» addotti attraverso canalizzazioni - acqua, gas, elettricità, telefono, riscaldamento, ventilazione, scarichi, ecc.), dà il senso dell efficienza. 5. La presenza sinfonica, armoniosa e funzionale di tante componenti nuove nella costruzione conferisce a questa un deciso carattere di sobrietà ed esattezza. 6. La linearità deriva direttamente dai mezzi adoperati. Domina l'angolo retto. Alla richiesta da soddisfare - costruire stanze o locali rettangolari per abitare e lavorare -la tecnica del cemento armato risponde spontaneamente (pilastri e pilastrini, travi e travetti, volte a intradosso piano, solai, ecc.); cadute in disuso le «mensole» che agli inizi del cemento armato assicuravano l'incastro tra pilastri e travi, l'impianto ortogonale della struttura in cemento armato è divenuto evidente, in tutta la sua purezza e linearità. 7. Le abitudini visive si rinnovano: i massicci basamenti di pietra, un tempo indispensabili, sono completamente abbandonati; i grossi piloni di pietra o di muratura, i muri il cui spessore era imposto dalla funzione portante, tutti questi fattori primordiali della sensazione plastica, generatori di un certo tipo di emozione, sono oggi superati dagli snelli e radi montanti di cemento o d'acciaio. All'apparire di questi ultimi, si disse che non sarebbero mai riusciti ad esprimere la propria funzione di sostegno e a dare una sensazione di sicurezza a chi li guardasse... Ma gli anni sono trascorsi, e l'abitudine ci ha rivelato la loro eleganza, elemento essenziale dello stile contemporaneo. 8. Il tetto-terrazza con raccolta e scarico delle acque piovane verso l'interno costituisce il sistema di copertura normale, impermeabile e senza rischio d'inconvenienti, specialmente se ricoperto da un giardino che protegga calcestruzzo e armature dagli effetti dannosi delle variazioni termiche. Copertura piana e terrazza-giardino con scolo delle acque verso l'interno, ecco una delle novità più sconvolgenti rispetto ai canoni estetici tradizionali; un avvenimento. d'ordine tecnico e quindi di validità universale, che s'impone dappertutto, così come nel Medioevo non conobbe confini la volta gotica a sesto acuto. Ma un'altra innovazione viene a turbare ancor più le abitudini acquisite: il cornicione, vivo e utile per tanti secoli, fastoso coronamento del tetto a falde inclinate, cade in disuso. Le acque piovane defluiscono infatti all'interno e non più all'esterno, mentre alla protezione dell'eventuale facciata a vetri provvederà un organo nuovo, il fran-gi-sole, che servirà anche da frangi-pioggia, dispositivo che costituirà per gli abitanti dell'edificio un apprezzabilissimo complemento di comodità. 9. Si può prevedere a questo punto una nuova distribuzione dei materiali tradizionali. Mentre nel caso della piccola abitazione unifamiliare, eseguita da artigiani locali, gli usi e quindi le concezioni tradizionali potranno anche sopravvivere, la questione si porrà in modo del tutto diverso nel caso di volumi edilizi notevoli. La pietra da taglio non ambirà più alla conquista, oggi vana oltre che ardua, delle grandi altezze, ma resterà, eterna amica dell'uomo, immediatamente vicina e tangibile, nelle molteplici attrezzature edilizie che la riorganizzazione delle città e quindi l'urbanistica intende creare. Il legno, abbandonando i tetti, rivestirà le pareti delle costruzioni in serie, recandovi un comfort un tempo riservato ai signori. Infine, i metalli alterabili cederanno il posto ai metalli inossidabili come l'acciaio, l'alluminio, ecc.

16 .messa al servizio dell'urbanistica Tale è la rivoluzione architettonica messa oggi al servizio dell'urbanistica. Questa, per la natura stessa dei suoi programmi, determinerà in misura considerevole il volume, la disposizione e la distribuzione delle diverse opere che costituiranno di fatto l'attrezzatura efficiente delle città e degli agglomerati rurali. Le conquiste dell'urbanistica daranno un aspetto nuovo agli edifici d'abitazione integrati dai loro prolungamenti, ai centri d'affari e ad una parte dei luoghi di lavoro. Le circolazioni meccaniche verticali, che nei paesi sufficientemente organizzati hanno già raggiunto un livello d'impeccabilità tecnica, garantiranno lo sfruttamento perfetto degli edifici, determinando così una serie di conseguenze di cui la più importante sarà l'indipendenza reciproca tra i volumi edilizi e le vie di comunicazione, ossia il compimento di un'operazione considerata fino a oggi utopistica: la separazione del traffico pedonale da quello dei veicoli. Il volume edilizio non sarà più allora il mero residuo dell'intersecarsi di tre o quattro strade, e la strada cesserà di essere un corridoio tra le facciate innalzate lungo i suoi lati, nel quale si precipitano e s'ingorgano assurdamente gli esseri e i mezzi più disparati: pedoni, cavalli, tram, automobili, autocarri. Splendido frutto di questa riforma sarà uno slancio nuovo dell'edificio, dominante gli spazi liberi circostanti, una disposizione superbamente architettonica dei quartieri residenziali o di lavoro. Utilizzando le sue conquiste tecniche, l'uomo dispone finalmente d'uno stile adeguato ai tempi e lo mette al servizio del proprio benessere e della propria soddisfazione estetica.

17 IL COMPITO DELL' ARCHITETTO: SERVIRE O GUIDARE? Walter Gropiùs C.I.A.M.: Premesse sociologiche per gli alloggi minimi di popolazioni urbane industriali Case unifamiliari, edifici medi o blocchi alti? Pianificazione organica delle comunità Problemi del «cuore» (centro comunitario)

18 L' architettura moderna non è costituita da qualche ramo di un vecchio albero, ma è una nuova pianta che sorge direttamente dalle radici. Ciò non significa, però, che oggi si assista al subitaneo avvento di uno "stile nuovo" ; quel che vediamo e sperimentiamo è un movimento in evoluzione, che ha creato una visione fondamentalmente diversa dell'architettura. La teoria che essa sottintende si lega perfettamente alle grandi tendenze scientifiche e artistiche contemporanee, che la sostengono e la corroborano contro le forze che tendono a bloccarne il progresso e a inceppare l'influenza crescente delle sue concezioni. CHE COSA COSTITUISCE UNO "STILE"? L'incomprimibile esigenza, propria della critica, di classificare gli ancora fluidi movimenti contemporanei, ponendo ciascuno di essi pulitamente nella bara con un'etichetta stilistica, ha accresciuto la confusione che si riscontra diffusamente nella comprensione delle forze dinamiche.del nuovo movimento architettonico e urbanistico. Quel che cercavamo era un'impostazione nuova, non un nuovo stile. Uno stile è la ripetizione successiva di un'espressione che è stata usata come denominatore comune per un intero periodo. Ma il tentativo di classificare e pertanto di congelare entro uno " stile" o in un "ismo" l' arte e l'architettura viventi, mentre si trovano ancora nello stadio formativo, è probabile soffochi l'attività creativa più che stimolarla. Viviamo in un'epoca di completa revisione di tutta la nostra vita : l'antica società è andata in pezzi sotto la spinta della macchina, la nuova è ancora nel suo farsi. Il flusso di un continuo sviluppo, il mutare dell'espressione secondo i mutamenti vitali, è quel che importa nel nostro lavoro compositivo, e non la ricerca di caratteri formalistici di "stile". E come può essere ingannatrice una terminologia improvvisata! Analizziamo, ad esempio, la definizione più infelice, quella di "stile internazionale". Esso non è uno stile perché è ancora in evoluzione, e neppure è internazionale perché anzi la sua tendenza è quella opposta, è quella precisamente di trovare un'espressione regionale, indigena, derivata dall'ambiente, dal clima, dal paesaggio, dalle abitudini della popolazione. Secondo me, gli stili dovrebbero essere definiti, precisati dallo storico solo riguardo alle epoche passate. Ci manca l'atteggiamento spassionato necessario a un giudizio impersonale di ciò che accade oggi. Umani come siamo, siamo vani e gelosi, e questo deforma la visione obiettiva. Perché dunque non lasciamo agli storici futuri il compito di sistemare la storia dell'evoluzione dell'architettura contemporanea, e non andiamo a lavorare e a farla evolvere? Vorrei aggiungere che in un'epoca in cui gli spiriti più eletti dell'umanità si sforzano di vedere i problemi umani nella loro interdipendenza, su tutta la terra, come un'unica entità, qualsiasi pregiudizio sciovinistico nazionale circa le forme che si esigono per lo sviluppo dell'architettura moderna deve sboccare in una ristretta limitazione. Perché spaccare il capello in quattro, su chi abbia esercitato e chi subito un'influenza, quando quel che importa veramente è se i risultati conseguiti abbiano condotto a un progresso vitale? Osc dire che siamo tutti molto più influenzati l'un l'altro oggi che gli architetti dei secoli passati, a causa del rapido sviluppo degli scambi e delle comunicazioni. Questo dovrebbe essere visto con favore perché ci arricchisce e promuove un denominatore comune per una mutua intesa, che è tanto necessaria. (Ho tentato di indurre i miei studenti a lasciarsi influenzare dalle idee altrui, finche non si sentano capaci di assorbirle, elaborarle e darvi nuova vita entro un insieme che rappresenti la loro personale maniera di concepire il comporre.) LA RICERCA DI UN COMUNE DENOMINATORE CONTRO IL CULTO DELL 'EGO. Se ci guardiamo indietro per vedere che cosa sia stato realizzato negli ultimi trenta o quaranta anni troviamo che la figura decorativa dell'architetto gentiluomo, che combinava deliziose magioni Tudor con tutte le comodità moderne, è del tutto scomparsa. Questo tipo di archeologia applicata va rapidamente svanendo. Si va disfacendo al calore della nostra convinzione, che l'architetto dovrebbe concepire gli edifici non come monumenti ma come asili del flusso di vita che essi debbono servire, e che le sue concezioni devono essere abbastanza flessibili da creare una base atta ad assorbire i fattori dinamici della vita moderna. Sappiamo che un "pezzo antico" architettonico non potrebbe mai soddisfare questa esigenza, ma è altrettanto facile produrre una camicia di forza moderna quanto una dell'epoca di Tudor - specialmente se l'architetto affronta il suo compito con la pura intenzione di innalzare un monumento al proprio genio. Questo arrogante fraintendimento di ciò che dovrebbe essere un buon architetto ha spesso prevalso, perfino dopo la vittoria della rivoluzione antieclettica. Esistono architetti alla ricerca di un'espressione nuova che supererebbero perfino gli eclettici, nello sforzo di essere "diversi", di cercare l unico, l'inaudito, lo stupefacente. Questo culto dell'ego ha ritardato l'accettazione generale dei motivi sani dell'architettura moderna. Prima che il vero spirito della rivoluzione architettonica possa mettere radice in ogni strato della popolazione e produca una forma comune, che esprima il nostro tempo, dopo oltre mezzo secolo di tentativi e di errori, i residui di questa mentalità dovranno essere eliminati. Ciò presupporrà un determinato atteggiamento del nuovo architetto nel senso di indirizzare il proprio lavoro verso la ricerca del tipo, del migliore comune denominatore, anziché verso l'esibizione provocatrice. Idee formali preconcette, siano esse l'espressione di ambizioni personali, oppure stili alla moda, tendono a costringere la corrente di vita, che fluisce in un edificio, in rigidi canali, e a impastoiare le naturali attività di chi in esso vive. I pionieri del movimento architettonico moderno hanno metodicamente sviluppato una nuova impostazione

19 dell'intero problema di un "comporre in funzione del vivere". Interessati a porre il proprio lavoro in relazione con la vita degli uomini, hanno tentato di vedere l'unità individuale come parte di un tutto più vasto. Quest'idea sociale contrasta fortemente col lavoro dell'architetto egocentrico, della "primadonna " che impone le proprie fantasie personali con un'opera di intimidazione del cliente, e crea monumenti isolati il cui significato estetico è puramente individuale. IL CLIENTE. Con questa affermazione non intendo che gli architetti debbano supinamente accettare le idee del cliente. Dobbiamo indurlo a una concezione che noi dobbiamo formarci per soddisfare le sue necessità. Se egli ci chiede di esaudire alcune eccentricità e fantasie sue, prive di senso, dobbiamo trovare quale necessità reale possa nascondersi dietro i suoi sogni informi e tentare di indurlo a un atteggiamento concreto, a un programma organico. Non dobbiamo risparmiare sforzi per convincerlo definitivamente e senza presunzione. Dobbiamo fare la diagnosi di ciò di cui il cliente ha bisogno, in base alla nostra competenza. Un malato certamente non insisterebbe nel suggerire al medico come curarlo; ma se ci attendiamo dal cliente una simile fiducia, sarà bene tenere presente che gli architetti sono raramente considerati con lo stesso rispetto accordato alla professione medica. Se non siamo stati abbastanza competenti da meritare fiducia, dovremo porci nella condizione di essere certi che la meriteremo in futuro - nella composizione, nella costruzione, nell'economia, come pure nella concezione sociale che raccoglie le altre tre componenti del nostro lavoro. Se trascuriamo di formarci una profonda competenza in tutti questi campi, o sfuggiamo alla responsabilità di indicare il cammino, ci rassegniamo al ruolo di tecnici minori. L' architettura ha bisogno di convinzione e di guida. Non può essere decisa dal cliente o dal referendum GalIup, che spesso rivelerebbero soltanto il desiderio di conservare quanto ciascuno conosce di migliore. LA MACCHINA E LA COSCIENZA AL SERVIZIO DELLA VITA UMANA. C'è un altro argomento corrente circa il quale, poiché distorce i fini dell' architettura moderna, occorre una chiarificazione. Sentiamo dire: "l'epoca moderna pone l'accento sulla vita, non sulla macchina " e "lo slogan di Le Corbusier, 'la casa è una macchina per viverci, è ormai roba vecchia". A esso si associa una visione dei primi pionieri del movimento moderno, come di uomini di idee rigide, meccanicistiche, dediti alla glorificazione della macchina e del tutto indifferenti agli intimi valori umani. Essendo io stesso uno di questi mostri, mi domando come riuscimmo a sopravvivere su cosi misere basi. La verità è che il problema di come umanizzare la macchina era preliminare ai nostri primi dibattiti e che al centro dei nostri pensieri stava una nuova maniera di vivere. Per rinvenire nuovi mezzi atti a servire le finalità umane la Bauhaus, ad esempio, si sforzò intensamente di vivere quel che predicava, di trovare il punto di equilibrio tra le contrastanti esigenze estetiche, utilitaristiche e psicologiche. Il funzionalismo non era considerato un puro processo razionalistico. Comprendeva pure i problemi psicologici. Ciò che intendevamo era che i nostri progetti funzionassero sia fisicamente, sia psicologicamente. Ci rendevamo conto che le esigenze emotive sono imperative quanto qualsiasi esigenza utilitaristica, ed esigono di essere soddisfatte. La macchina e le nuove potenzialità della scienza erano per noi del massimo interesse, ma l'accento non cadeva tanto sulla macchina in se quanto sull'uso migliore della macchina e della scienza al servizio della vita umana. Guardandomi indietro trovo che con la macchina la nostra epoca ha realizzato non troppo, ma troppo poco. COS'È UN'ESPRESSIONE REGIONALE? Un altro fattore di confusione nello sviluppo dell'architettura moderna è il venire in scena di tanto in tanto di disertori della nostra causa, che ricadono nell'eclettismo del XIX secolo perché mancano della forza necessaria a proseguire concretamente un'opera di ringiovanimento radicale. Gli architetti si rifanno alle forme ed alle fantasie del passato, e le mescolano alla composizione moderna, credono stoltamente che questo renderà l'architettura moderna più popolare. Sono troppo impazienti, per raggiungere la loro meta con mezzi legittimi, e non fanno cosi che evocare un nuovo "ismo" anziché una nuova e genuina espressione ragionevole. Non si può trovare un vero carattere regionale con un atteggiamento sentimentale o imitativo, sia adottando vecchi modelli, sia mode più moderne, che scompaiono rapidamente come sono apparse. Ma se prenderete, ad esempio, la fondamentale diversità imposta dalla composizione architettonica dalle condizioni climatiche della California, rispetto al Massachusetts, vi renderete conto di quale differenza di espressione potrà risultare da questo solo fatto, se l'architetto porrà le relazioni esterno-interno, profondamente opposte nelle due regioni, al centro della sua concezione compositiva. Vorrei qui far menzione di un problema che tutte le scuole architettoniche hanno in comune: finche i nostri istituti educativi si articoleranno semplicemente intorno al platonico tavolo del disegno, saremo in continuo pericolo di creare il "compositore precoce", poiché è del tutto inevitabile che la mancanza dell'esperienza concreta del cantiere e dei processi industriali e artigiani dell'edilizia, conduca almeno qualche studente a un'accettazione fin troppo disinvolta dello stile corrente, dei suoi clichés e delle sue ubbie. È questa la conseguenza di una formazione universitaria assolutamente troppo accademica. Perciò il giovane architetto dovrebbe cogliere tempestivamente ogni occasione di recarsi effettivamente in cantiere e di prendere parte a tutte o alcune delle fasi del processo edilizio, come disciplina assolutamente essenziale per realizzare,l'equilibrio tra conoscenza ed esperienza.

20 SERVIRE E DIRIGERE. Ma potreste dirmi: "cos'ha a che fare tutto questo con l'argomento di quest'articolo: il compito dell'architetto, servire o dirigere?". La risposta è semplice ed è implicita in quanto ho detto: ponete una "e" al posto, della "o". Servire e dirigere appaiono interdipendenti. Il buon architetto deve servire gli altri e simultaneamente svolgere una reale funzione di guida, fondata su una convinzione reale: guidare tanto il suo cliente quanto il gruppo di lavoro che si raccoglie intorno all'edificio. Dirigere non dipende solo dall'innato talento, ma anche, e moltissimo, dall'intensità di convinzione che si possiede e dalla volontà di servire. Come potrà raggiungere questa posizione? Mi è stato spesso domandato dai miei studenti qualche consiglio sul problema di divenire architetti indipendenti dopo la laurea, ed evitare di svendere le proprie convinzioni a una società ancora abbastanza ignorante circa le idee moderne in architettura e in urbanistica. La mia risposta è questa: Guadagnarsi la vita non può essere l'unico scopo di un giovane che vuole soprattutto realizzare le proprie idee creative. Perciò il vostro problema è come serbare intatta l'integrità delle vostre convinzioni, come vivere quel che propugnate, e nello stesso tempo, guadagnare. Può darsi che non riusciate a trovare un posto presso un architetto che vi formi fin dai vostri primi passi nel comporre e che sia in grado di farvi ulteriormente da guida. Allora vi suggerirei di cercarvi un lavoro che vi dia da vivere comunque e dovunque possiate impiegare le vostre capacità personali, ma di mantenere vivi i vostri interessi in un lavoro effettivo proseguito nelle ore libere. Tentate di costituire un gruppo con uno o due amici del vostro ambiente, scegliete un argomento vitale nella vostra comunità e tentate di risolverlo, passo passo, col lavoro di gruppo. Ponete in questo un'operosità senza soste, e un giorno o l'altro sarete capaci, col vostro gruppo, di offrire al pubblico una soluzione seria di quel problema, sul quale sarete divenuti degli esperti. Frattanto pubblicatela, mostratela e potrà riuscirvi di diventare consiglieri delle autorità della vostra comunità. Create centri strategici dove il pubblico sia posto di fronte a una realtà nuova e tentate poi di superare l'inevitabile stadio di violenza critica finche la gente non abbia imparato a rimettere in funzione le proprie atrofizzate capacità fisiche e mentali, in modo da utilizzare adeguatamente la nuova soluzione che le è offerta. Dobbiamo distinguere tra i bisogni vitali, reali della gente, e la consuetudine dell'inerzia, l'abitudine, cosi spesso gabbata per "la volontà del popolo". Le forti e terribili realtà del nostro mondo non saranno attenuate rivestendole di "nuove vedute", e tentare di umanizzare la nostra civiltà aggiungendo alle nostre case fronzoli sentimentali sarà ugualmente futile. Ma se il fattore umano diverrà sempre più dominante nel nostro lavoro, l' architettura rivelerà le qualità emotive del suo autore proprio nelle ossa degli edifici, e non solo nei loro rivestimenti: sarà il risultato di un giusto servire e di un giusto guidare. Walter Gropiùs, Architettura Integrata Pg

Antonio Sant'Elia Manifesto dell'architettura futurista

Antonio Sant'Elia Manifesto dell'architettura futurista Antonio Sant'Elia Manifesto dell'architettura futurista La città intesa come organismo vivo e pulsante, in un'opera (1914) di decisiva influenza sulla modernità Sommario 3 Manifesto dell'architettura futurista

Dettagli

Maniera di pensare l urbanistica Le Corbusier

Maniera di pensare l urbanistica Le Corbusier Maniera di pensare l urbanistica Le Corbusier Una unità di grandezza conforme 1. Abitare 2.Lavoro 3.Coltivare il corpo e lo spirito a. Città-giardino orizzontale b.città-giardino verticale c. Prolungamenti

Dettagli

Il Compito dell Architetto: realizzare l equilibrio tra conoscenza ed esperienza

Il Compito dell Architetto: realizzare l equilibrio tra conoscenza ed esperienza Il Compito dell Architetto: realizzare l equilibrio tra conoscenza ed esperienza Walter Gropius a cura di Carola Clemente In un momento in cui sono in profonda discussione il ruolo dell architetto nella

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Giuseppe Furlanis Presidente CNAM, Consiglio Nazionale per l Alta Formazione Artistica Ministero dell Università e della Ricerca.

Giuseppe Furlanis Presidente CNAM, Consiglio Nazionale per l Alta Formazione Artistica Ministero dell Università e della Ricerca. Presentazione quadro di riferimento del mondo dell istruzione secondaria e terziaria e possibili interazioni con il mondo delle imprese. Giuseppe Furlanis Presidente CNAM, Consiglio Nazionale per l Alta

Dettagli

'GREENING CERNUSCO LOMBARDONE'

'GREENING CERNUSCO LOMBARDONE' ARCHITECTURAL DESIGN 'GREENING CERNUSCO LOMBARDONE' Universita: Corso: Nome progetto: Politecnico di Milano Architectural design Lombardone Gruppo: No 4 Nomi: Aleksandar Tasev Mahmoud Hreitani Mohammad

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

Fenarete Letture d'italia, bimestrale di attualita e di cultura, Anno XXII n. 127 VI 1970. IL DESIGN DI RICERCA Nel campo del design si trovano molte attivita diverse, benche la figura del designer non

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 anno (6 ore settimanali) La materia propone l ampliamento, la conoscenza e l uso dei metodi proiettivi orientandoli verso lo studio e la rappresentazione

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Carlo Ravazzolo. Coperture edili

Carlo Ravazzolo. Coperture edili Carlo Ravazzolo Coperture edili Concetto di BioEdilizia Negli ultimi anni, nell abitare sono emersi molti degli effetti negativi legati all uso spesso incauto e spropositato dei prodotti dell industria

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI LABMATER=Laboratorio dei "Materiali e risparmio energetico" Corso di: A.A. 2011/2012 Tema d anno: Ambienti Mediterranei e

Dettagli

Scatena la tua creatività con materiali naturali! Una guida per architetti - Versione 0.1

Scatena la tua creatività con materiali naturali! Una guida per architetti - Versione 0.1 Scatena la tua creatività con materiali naturali! Una guida per architetti - Versione 0.1 Edilizia sostenibile Avere edifici naturali con soluzioni che possono essere facilmente applicabili in cantiere,

Dettagli

CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ RICONOSCERE E DESCRIVERE FENOMENI FONDAMENTALI DEL MONDO TECNOLOGICO - I bisogni primari dell uomo: gli oggetti,

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

Geberit dà spazio alle idee con un draft.

Geberit dà spazio alle idee con un draft. Geberit dà spazio alle idee con un draft. Praticamente ridisegnare il bagno, la proposta che Geberit ha rivolto ad una selezione di architetti di Roma chiamati a tracciare un veloce ed essenziale draft

Dettagli

ORGANICISMO prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 26. L ORGANICISMO CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ORGANICISMO prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 26. L ORGANICISMO CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 26. L ORGANICISMO L ARCHITETTURA ORGANICA In apparente contrasto con l architettura funzionalista, l architettura organica è legata indissolubilmente al nome dell architetto americano Frank Lloyd Wright

Dettagli

c.2 IL LAVORO SIGNIFICATIVO

c.2 IL LAVORO SIGNIFICATIVO c.2 IL LAVORO SIGNIFICATIVO 1. Il concorso del lavoro alla realizzazione della persona: una circostanza privata? 2. La motivazione come surrogato del significato 3. I diversi riferimenti del significato

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Progettiamo e costruiamo per farvi vivere ed abitare...

Progettiamo e costruiamo per farvi vivere ed abitare... EZZOLOMBARDO Una filosofia costruttiva che guarda al futuro Cos è liberi nel verde Progettiamo e costruiamo per farvi vivere ed abitare... È una filosofia d avanguardia, per un abitazione che guarda al

Dettagli

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI TECNOLOGIA 1. Esprimersi e comunicare mediante l uso del linguaggio specifico della tecnologia ( disegno, grafica, schemi, tabelle, metodi

Dettagli

indice introduzione MoMenti di definizione del progetto 1870-1969 2.1 1969-oggi il Disegno a Mano nell era Digitale le tecniche contemporanee

indice introduzione MoMenti di definizione del progetto 1870-1969 2.1 1969-oggi il Disegno a Mano nell era Digitale le tecniche contemporanee indice 1. 2. 3. 4. introduzione MoMenti di definizione del progetto 1.1 1.2 1.3 Dall idea al progetto: fasi Dell iter progettuale MetoDi Di rappresentazione l immagine Dell idea 1870-1969 2.1 2.2 3.1 3.2

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

da abitare Natura LA CASACLIMA ATTIVA DELLA DITTA WEGSCHEIDER

da abitare Natura LA CASACLIMA ATTIVA DELLA DITTA WEGSCHEIDER da abitare Natura LA CASACLIMA ATTIVA DELLA DITTA WEGSCHEIDER La Casaclimaattiva della ditta Wegscheider riesce a conciliare i pregi dei materiali costruttivi legno e argilla, che vengono usati da millenni,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

Pannelli in alluminio composito Rivestimenti Alulife Pale frangisole Sottostrutture Serramenti Controtelai

Pannelli in alluminio composito Rivestimenti Alulife Pale frangisole Sottostrutture Serramenti Controtelai L architettura è l espressione fisica di un modo di essere (Paul Pawson) Pannelli in alluminio composito Rivestimenti Alulife Pale frangisole Sottostrutture Serramenti Controtelai Rivestimenti in Alluminio

Dettagli

I disegni in pianta, sezione e prospetto

I disegni in pianta, sezione e prospetto I disegni in pianta, sezione e prospetto Alcuni disegni tratti da: M. Canciani, I disegni di progetto costruzioni, tipi e analisi, cap.1 il processo geometrico Città Studi edizioni, Novara 2009, ISBN 978-88-251-7331-4

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

da abitare Natura LA CASACLIMA ATTIVA DELLA DITTA WEGSCHEIDER

da abitare Natura LA CASACLIMA ATTIVA DELLA DITTA WEGSCHEIDER da abitare Natura LA CASACLIMA ATTIVA DELLA DITTA WEGSCHEIDER La Casaclimaattiva della ditta Wegscheider riesce a conciliare i pregi dei materiali costruttivi legno e argilla, che vengono usati da millenni,

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO Convegno PromoLegno Lecce 2 ottobre 2009 Erlacher Peter Naturno (BZ), Scuola Professionale per l Artigianato, Bolzano ISOLAMENTO E BENESSERE.

Dettagli

aluplast - Specialista in sistemi per finestre e porte IDEAL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA NELLA FORMA PIÙ BELLA www.aluplast.com.pl

aluplast - Specialista in sistemi per finestre e porte IDEAL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA NELLA FORMA PIÙ BELLA www.aluplast.com.pl aluplast - Specialista in sistemi per finestre e porte IDEAL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA NELLA FORMA PIÙ BELLA www.aluplast.com.pl classic-line IDEAL 4000 Il sistema di profili Ideal 4000 costituisce la nuova

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Esempi di coefficiente termico (valori-u in W/m²K) di edifici a diversi standard energetici. CasaClima A Casa da 3 litri

Esempi di coefficiente termico (valori-u in W/m²K) di edifici a diversi standard energetici. CasaClima A Casa da 3 litri CasaClima Efficienza energetica rispettando l ambiente Norbert Lantschner, direttore dell Ufficio provinciale Aria e Rumore della Provincia Autonoma di Bolzano e coordinatore del progetto CasaClima Petrolio

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E PROGETTAZIONE Corso Geometri P5

PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E PROGETTAZIONE Corso Geometri P5 Cl. 3 a PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E PROGETTAZIONE Corso Geometri P5 Livelli di partenza e prerequisiti Si procederà alla rilevazione del livello di preparazione iniziale con compiti ed esercizi di base,

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Cassonetti Tunnel a scomparsa

Cassonetti Tunnel a scomparsa Cassonetti Tunnel a scomparsa La soluzione per una casa più bella e confortevole: Il Cassonetto tunnel che non si vede Un idea, un concetto o un ispirazione, come definire SUPER THERM R2? Per noi è l uovo

Dettagli

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO PREMESSA L Associazione Italiana Centro di Informazione sul PVC ha condotto un analisi ragionata e comparata di alcuni strumenti per regolamentare la materia

Dettagli

costruttori di felicità il bello di sentirsi a casa

costruttori di felicità il bello di sentirsi a casa Praedus Sorbolo costruttori di felicità il bello di sentirsi a casa l intervento LOTTO C23+C28 Marella srl Ispirandosi all architettura rurale rivisitata in chiave contemporanea, propone eleganti ville

Dettagli

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Andare a scuola Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Gabriele De Micheli Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica

Dettagli

MAREMMAXLAM S.r.l. Maremmaxlam S.r.l.

MAREMMAXLAM S.r.l. Maremmaxlam S.r.l. Cartesio ci ricordava che: Chi cerca la verità deve una volta nella vita dubitare di tutto, per quanto è possibile. Lui si riferiva al fatto che il sapere tradizionale con le sue certezze si andava sbriciolando

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

PAVIMENTI E RIVESTIMENTI IN METALLO.

PAVIMENTI E RIVESTIMENTI IN METALLO. PAVIMENTI E RIVESTIMENTI IN METALLO. La cosa importante è la sensazione che provi quando inizi a immaginare che una cosa funziona. E stai lì a pensare se renderà la vita migliore. Noi di Casalese Style

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Prefazione di Anselm Grün

Prefazione di Anselm Grün Prefazione di Anselm Grün Molti ritengono che la spiritualità e il lavoro siano due concetti in contraddizione l uno con l altro. Pensano che quelli che lavorano molto non possano essere spirituali e,

Dettagli

La Classe A non e' acqua

La Classe A non e' acqua La Classe A non e' acqua Tutto nasce, per fortuna, dal Protocollo di Kyoto che, firmato nel 1997, stabilisce una road map per l aumento dell efficienza energetica nei Paesi (160, Italia compresa) che lo

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE DI UN

RAPPRESENTAZIONE DI UN RAPPRESENTAZIONE DI UN EDIFICIO Rappresentare un edificio è un operazione complessa, in particolare quando si tratta di fornire informazioni molto diverse e dettagliate di un oggetto ancora inesistente.

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

La dimensione. di Valentina Valente

La dimensione. di Valentina Valente 10 Aa Inverno 2012 La dimensione sostenibile dell edificio, tra uffici e spazi pubblici di Valentina Valente Massima funzionalità ed equilibrio tra natura ed edificato: ecco i principi che hanno guidato

Dettagli

Il design come valore negli scambi economici tra paesi

Il design come valore negli scambi economici tra paesi Il design come valore negli scambi economici tra paesi Design come processo Il design nasce all inizio del secolo scorso con lo sviluppo della produzione industriale e come conseguenza della separazione

Dettagli

Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc (1814-1874)

Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc (1814-1874) Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc (1814-1874) QUATREMERE DE QUINCY Voce Restauro dal Dizionario storico di Architettura 1832 Non si capisce quale pericolo potrebbe correre più di un edificio incompleto se

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE

UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE 1 di 2 1 1 UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA RAGIONI DI INTERESSE Nascita ed evoluzione di un nuovo tipo edilizio Lettura

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design IL BRAND Il marchio GAZZARRINI nasce nel 1993 dall iniziativa e dall esperienza trentennale nel mondo della moda. Fin dall inizio, si distingue subito per un approccio innovativo al prodotto, tanto da

Dettagli

L Agenzia CasaClima sensibilizza, informa e crea trasparenza per costruire in modo energeticamente efficiente e sostenibile.

L Agenzia CasaClima sensibilizza, informa e crea trasparenza per costruire in modo energeticamente efficiente e sostenibile. AGENZIA CASACLIMA L Agenzia CasaClima di Bolzano è un ente pubblico che si occupa della certificazione energetica e ambientale degli edifici, sia di nuova costruzione che risanati, e della formazione degli

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Applicazioni fotovoltaiche

Applicazioni fotovoltaiche Applicazioni fotovoltaiche Frangisole I serramenti e le facciate continue negli edifici rappresentano un canale di passaggio per l apporto energetico gratuito proveniente dal sole. I frangisole si utilizzano

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

Caratteristiche di una CasaClima

Caratteristiche di una CasaClima Caratteristiche di una CasaClima Il termine CasaClima non identifica uno stile architettonico o un sistema costruttivo ma uno standard energetico. Una CasaClima è innanzitutto un edificio in grado di assicurare

Dettagli

LOOK AT THE ARTIST. di Alessio Chierico

LOOK AT THE ARTIST. di Alessio Chierico LOOK AT THE ARTIST di Alessio Chierico DESCRIZIONE TECNICA Installazione costituita da: 4 quadretti con lato di 33 cm 1 cubo di legno con lato di 50 cm 1 specchio semitrasparente 1 monitor CRT 15 1 sensore

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Stolzi design. soluzioni d arredo

Stolzi design. soluzioni d arredo Stolzi design soluzioni d arredo P R O G E T T UA L I TA S E N Z A CO N F I N I S O L U Z I O N I V E R S AT I L I E TR ASVERSALI L A PERSONALIZZ A ZIONE COM E REGOL A handmade qualit y RIGOROSAMENTE FAT

Dettagli

Roberto Farnè Università di Bologna

Roberto Farnè Università di Bologna Roberto Farnè Università di Bologna Ora l apertura della parte scientifica a questi lavori, per capire innanzitutto il senso di questo appuntamento. Non abbiamo bisogno, nessuno di noi credo abbia bisogno

Dettagli

COMPETENZE AL TERMINEDELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE AL TERMINEDELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA tecniche, materiali e strumenti (grafico- espressivi, pittorici e plastici, ma anche audiovisivi e multimediali). prodotti Realizzazione di disegni con varie tecniche. Manipolazione

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

Evoluzione Energetica. La selezione naturale del risparmio energetico

Evoluzione Energetica. La selezione naturale del risparmio energetico Evoluzione Energetica La selezione naturale del risparmio energetico PER VIVERE A UN LIVELLO SUPERIORE ESPERTI DI DENTRO E DI FUORI Dalla E alla A: con Energetica Consulting il passaggio alle classi superiori

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi MU_1

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi MU_1 S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13

Dettagli

Copyright 2009 lalineabiancastudio Copenhagen Berlino Roma Siracusa

Copyright 2009 lalineabiancastudio Copenhagen Berlino Roma Siracusa 1 PERCHE SCEGLIIERE LALIINEABIIANCASTUDIIO Perché la lineabiancastudio: é un polo di riferimento nazionale ed europeo nel campo della ricerca, della formazione interdisciplinare e della professione e quindi

Dettagli

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Presidente: Prof. arch. FILIPPO ALISON Obiettivi formativi

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli