A CONFRONTO. La Valle d Aosta. Valutazione della crescita in Valle d Aosta nel periodo con la cartografia socioeconomica NMK SER IST PRIV

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A CONFRONTO. La Valle d Aosta. Valutazione della crescita in Valle d Aosta nel periodo con la cartografia socioeconomica NMK SER IST PRIV"

Transcript

1 La Valle d Aosta A FRONTO AGR IND COSTR MK NMK FAM PUB VA IST PRIV PA K RDE AGR 39,0 67,8 0,3 4,3 0,2 31,5 4,9 3,7 0,2 151,8 IND 13,9 787,4 82,3 100,1 7,4 180,3 46,9 21,4 788, ,3 COSTR 0,0 3,9 0,2 47,6 2,8 0,4 0,0 254,6 0,2 309,6 MK NMK FAM PUB 6,3 170,0 29,7 93,8 14,4 292,4 14,0 4,4 40,1 665,1 0,0 0,2 0,1 0,2 1,1 22,7 18,1 0,0 42,9 85,4 431,8 95,5 527,3 83,8 83,8 VA 52,3 403,1 98,3 178,3 55,9 787,8 IST PRIV 664,4 51,8 100,0 14,2 6,2 836,6 PA 0,6 77,3 6,8 18,2 0,0 2,2 103,2 119,2 3,0 71,3 401,8 K 106,5 61,3 0,0 55,5 239,6 462,9 RDE 39,6 518,7 91,9 222,7 3,6 14,8 188,4 98,8 106, ,6 151, ,3 309,6 665,1 85,4 527,3 83,8 787,8 836,6 401,8 462, ,6 Valutazione della crescita in Valle d Aosta nel periodo con la cartografia socioeconomica

2 GLI STRUMENTI AGR IND COSTR MK NMK FAM PUB VA IST PRIV PA K RDE AGR 39,0 67,8 0,3 4,3 0,2 31,5 4,9 3,7 0,2 151,8 IND 13,9 787,4 82,3 100,1 7,4 180,3 46,9 21,4 788, ,3 COSTR 0,0 3,9 0,2 47,6 2,8 0,4 0,0 254,6 0,2 309,6 MK NMK FAM PUB 6,3 170,0 29,7 93,8 14,4 292,4 14,0 4,4 40,1 665,1 0,0 0,2 0,1 0,2 1,1 22,7 18,1 0,0 42,9 85,4 431,8 95,5 527,3 83,8 83,8 VA 52,3 403,1 98,3 178,3 55,9 787,8 IST PRIV SAM Matrici di Contabilità Sociale 664,4 51,8 100,0 14,2 6,2 836,6 PA 0,6 77,3 6,8 18,2 0,0 2,2 103,2 119,2 3,0 71,3 401,8 K 106,5 61,3 0,0 55,5 239,6 462,9 RDE 39,6 518,7 91,9 222,7 3,6 14,8 188,4 98,8 106, ,6 151, ,3 309,6 665,1 85,4 527,3 83,8 787,8 836,6 401,8 462, ,6 Tabella 4 : Presenze negli esercizi ricettivi per categoria dei turisti italiani e stranieri in Valle d'aosta e nel Trentino Alto-Adige - anno 2002 Tabelle Valle d'aosta ITA STR ITA STR Trentino Alto-Adige Alberghi 1-2 stelle 31,6% 20,01% 24,73% 26,19% Alberghi 1-2 stelle Alberghi 3 stelle 46,7% 61,08% 63,29% 56,39% Alberghi 3 stelle Alberghi 4-5 stelle e di lusso 21,7% 18,91% 11,98% 17,42% Alberghi 4-5 stelle e di lusso Totale 69,31% 30,69% 45,13% 54,87% Totale Database Cartogrammi Fonte: Istat, ,00 400,00 300,00 200,00 Grafici 100,00 0, Prezzi correnti Prezzi costanti

3 OGGETTO E METODOLOGIA L analisi focalizza sul processo di crescita in Valle d Aosta, negli anni dal 1963 al 2002, con un confronto nel tempo e nello spazio, rispetto ad altre realtà territoriali. NEL TEMPO Strutture fondamentali: 2 SAM, 1963 e Fanno da ponte: le serie storiche, a prezzi 1990 con grafici e tabelle. NELLO SPAZIO Strutture fondamentali: Cartogrammi per anno e variabile. Fanno da ponte: le due SAM, 1963 e 2002.

4 IL DATABASE 74 variabili turismo 6 ripartizioni territoriali valori a prezzi correnti e a prezzi costanti periodo fonti base di dati

5 LA SAM AGR IND COSTR MK NMK FAM PUB VA IST PRIV PA K RDE AGR 8,8 51,4 0,0 6,1 1,6 28,7 2,7 0,1 45,6 145,1 IND 12,8 623,8 116,8 281,0 123,8 658,3 63,2 319,8 996, ,3 COSTR 0,0 8,6 38,0 30,3 13,2 3,3 0,9 264,9 10,5 369,7 MK NMK FAM PUB 6,6 235,2 45,2 655,7 172,8 981,1 436,5 235,6 358, ,6 0,3 8,5 1,5 48,1 142,4 618,6 391,4 4,8 131, , ,4 526, ,1 894,6 894,6 VA 38,5 435,3 136, ,7 848, ,5 IST PRIV MERCATO INTERMEDIO PRODUZIONE Imposte nette sulla INVESTIMENTI SPESA 2.374,8 487,9 779,6 337,5 19, ,2 DISTRIBUZIONE PA -4,8 245,2 21,4 153,2 23,8 91,0 914, ,4 393,5 325, ,1 produzione MERCATO FINALE K 487,5 604,2 236,1 319,3 279, ,0 IMPORT RISPARMIO EXPORT TURISMO indebitamento RDE 82, ,3 10,8 391,5 21,4 65,1 229,6 252,4 51, ,5 145, ,3 369, , , ,1 894, , , , , ,5

6 I LIMITI complessità livello di disaggregazione eterogeneità delle fonti top-down economia reale flussi e stock ambiente modellistica

7 I VANTAGGI Flessibilità Coerenza Circolarità Neutralità Verificabilità

8 FRONTO DI DUE SISTEMI

9 Tabella 2.1: SAM aggregata per la Valle d Aosta anno 1963 prezzi correnti ## AGR IND COSTR MK NMK FAM PUB VA IST PRIV PA K RDE 1 AGR 39,0 67,8 0,3 4,3 0,2 31,5 4,9 3,7 0,2 151,8 MATRICE DELLE TRANSAZIONI INTERSETTORIALI 2 IND 13,9 787,4 82,3 100,1 7,4 180,3 46,9 21,4 788, ,3 3 COSTR 0,0 3,9 0,2 47,6 2,8 0,4 0,0 254,6 0,2 309,6 4 MK 6,3 170,0 29,7 93,8 14,4 292,4 14,0 4,4 40,1 665, NMK FAM PUB 0,0 0,2 0,1 0,2 1,1 22,7 18,1 0,0 42,9 85,4 INDAGINE SUI SUMI DELLE FAMIGLIE 431,8 95,5 527,3 83,8 83,8 8 VA 52,3 403,1 98,3 178,3 55,9 787,8 9 IST PRIV 664,4 51,8 100,0 14,2 6,2 836,6 INDAGINE SUL REDDITO DELLE FAMIGLIE 10 PA 0,6 77,3 6,8 18,2 0,0 2,2 103,2 119,2 3,0 71,3 401,8 11 K 106,5 61,3 0,0 55,5 239,6 462,9 12 RDE 39,6 518,7 91,9 222,7 3,6 14,8 188,4 98,8 106, ,6 151, ,3 309,6 665,1 85,4 527,3 83,8 787,8 836,6 401,8 462, ,6 AGR: agricoltura e settore primario. IND: industria in senso stretto. COSTR: costruzioni. MK : servizi market. NMK : servizi non market. FAM: consumi privati. PUB: consumi pubblici. VA: valore aggiunto. ISTPRIV: istituzioni private, ovvero famiglie e imprese. PA: pubblica amministrazione. K: conto aggregato del capitale. RDE: resto dell economia. Valori in milioni di eurolire correnti attualizzate monetariamente al 2002.

10 Tabella 2.3: tassi annui percentuali di incremento nei valori della SAM 2002/1963 ## AGR IND COSTR MK NMK FAM PUB VA IST PRIV PA K RDE 1 AGR -2,0% -0,6% -2,1% 1,1% 22,2% -0,2% -1,2% -2,5% 485,7% -0,1% 2 IND -0,2% -0,5% 1,1% 4,6% 40,1% 6,8% 0,9% 35,8% 0,7% 1,5% 3 COSTR -1,2% 3,1% 473,0% -0,9% 9,7% 17,6% nc 0,1% 159,7% 0,5% 4 MK 0,1% 1,0% 1,3% 15,4% 28,2% 6,0% 77,3% 134,7% 20,4% 9,5% NMK FAM PUB 66,2% 100,7% 25,5% 680,8% 317,5% 67,3% 52,9% nc 5,3% 37,9% 7,9% 11,6% 8,6% 24,8% 24,8% 8 VA -0,7% 0,2% 1,0% 19,9% 36,3% 7,3% 9 IST PRIV 6,6% 21,6% 17,4% 58,5% 5,4% 9,7% 10 PA -22,1% 5,6% 5,4% 19,0% nc 104,4% 20,1% 45,8% 332,6% 9,1% 25,6% 11 K 9,2% 22,7% nc 12,2% 0,4% 8,1% 12 RDE 2,8% 5,3% -2,3% 1,9% 12,7% 8,7% 0,6% 4,0% -1,3% 2,8% -0,1% 1,5% 0,5% 9,5% 37,9% 8,6% 24,8% 7,3% 9,7% 25,6% 8,1% 2,8% AGR: agricoltura e settore primario. IND: industria in senso stretto. COST R: costruzioni. MK : servizi market. NMK : servizi non market. FAM: consumi privati. PUB: consumi pubblici. VA: valore aggiunto. ISTPRIV: istituzioni private, ovvero famiglie e imprese. PA: pubblica amministrazione. K: conto aggregato del capit ale. RDE: resto dell economia. Rapporti calcolati sulle SAM a valori correnti

11 Tabella 2.4: tassi annui percentuali di incremento nei valori della SAM 2002/1963 # AGR IND COSTR MK NMK FAM PUB VA IST PRIV PA K RDE 1 AGR -1,8% -0,1% -1,9% 2,0% 28,5% -0,4% -1,8% -2,5% 321,0% 0,1% 2 IND 0,0% -0,4% 1,4% 8,8% 43,6% 5,3% -0,8% 38,9% -0,4% 0,9% 3 COSTR -1,5% 1,9% 370,6% -1,3% 7,1% 11,0% nc -0,5% 104,9% -0,2% 4 MK -0,8% -0,2% 0,0% 9,4% 18,0% 4,2% 38,9% 89,2% 12,6% 5,9% NMK FAM PUB 40,3% 61,7% 14,9% 423,0% 196,8% 44,7% 26,2% nc 2,6% 22,3% 5,8% 6,5% 6,0% 11,6% 11,6% 8 VA -0,2% 0,4% 0,2% 12,4% 21,6% 5,8% 9 IST PRIV 5,2% 13,4% 10,7% 37,9% 2,7% 7,2% 10 PA -19,3% 3,5% 2,8% 11,3% nc 92,7% 12,5% 39,7% 219,6% 5,2% 19,3% 11 K 7,9% 14,2% nc 7,2% -0,6% 5,0% 12 RDE 1,0% 3,0% -2,4% 0,4% 7,6% 6,4% -0,5% 1,8% -1,7% 1,1% -0,3% 1,0% -0,1% 6,3% 24,4% 6,0% 11,6% 5,8% 6,4% 18,1% 5,4% 1,1% AGR: agricoltura e settore primario. IND: industria in senso stretto. COSTR: c ostruzioni. MK : servizi market. NMK : servizi non market. FAM: consumi privati. PUB: consumi pubblici. VA: valore aggiunto. ISTPRIV: istituzioni private, ovvero famiglie e imprese. PA: pubblica amministrazione. K: conto aggregato del capitale. RDE: resto dell economia. Rapporti calcolati sui valori a prezzi costanti

12 LA VARIABILE PIL PROCAPITE

13 Grafico 3.1 : crescita del pil procapite in alcuni contesti territoriali italiani a confronto CENTRO NE-TAA NO-VDA SUD+I TAA VDA CENTRO: Toscana, Marche, Umbria, Lazio. NE-TAA: Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna. NO-VDA: Piemonte, Lombardia, Liguria. SUD+I: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna. TAA: Trentino Alto Adige. VDA: Valle d Aosta. Valori in Eurolire a prezzi costanti del 1990 fino al 1998, in Euro a prezzi costanti del 1990 dal 1999 al 2002

14 Tabella 3.1: pil procapite medio e tasso di crescita reale medio annuo per regione e per quinquennio VDA NO-VDA TAA NE-TAA CENTRO SUD+I ,0% 4,3% 0,9% 7,8% 4,9% 3,4% 0,2% 1,8% ,3% 3,1% 0,5% 9,2% 4,1% 7,5% 2,4% 3,1% ,0% 3,3% 0,1% 13,8% 5,4% 6,7% 2,0% 3,5% ,8% 3,2% 0,8% 10,3% 4,2% 7,4% 5,2% 3,4% ,2% 3,9% 1,3% 8,7% 4,3% 5,6% 3,4% 4,0% ,2% 4,5% 1,8% 7,9% 3,9% 4,7% 1,3% 4,7% CENTRO: Toscana, Marche, Umbria, Lazio. NE-TAA: Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna. NO-VDA: Piemonte, Lombardia, Liguria. SUD+I: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna. TAA: Trentino Alto Adige. VDA: Valle d Aosta. Valori in Eurolire a prezzi costanti del 1990 fino al 1998, in Euro a prezzi costanti del 1990 dal 1999 al 2002

15 PIL PROCAPITE IN ALCUNE REGIONI ALPINE EUROPEE - Periodo Bolzano Pr. Aut Valle d'aosta Trento Pr. Aut. Savoie Valois Haute-Savoie Valle d'aosta Savoie Haute-Savoie Bolzano Pr. Aut. Trento Pr. Aut. Valois

16 EVOLUZIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO

17 Tabella 3.2: struttura della produzione a 16 branche anno 1963 AGR I ESTR I M MET I M MEC I M TA I M CHI I M ALI I M ALT I COSTR I ELETT COMM ALB PE TRASP CR ASS AL PA Acquisti intermedi 39,0% 11,0% 71,1% 14,8% 59,4% 30,9% 60,2% 13,7% 36,4% 14,0% 19,4% 75,6% 30,2% 11,7% 35,9% 30,3% Importazioni 26,1% 30,9% 10,1% 84,0% 33,6% 46,9% 22,1% 79,0% 29,7% 1,8% 54,8% 0,0% 38,4% 61,4% 20,4% 4,2% Input 65,1% 41,9% 81,1% 98,8% 93,0% 77,8% 82,3% 92,7% 66,1% 15,9% 74,2% 75,6% 68,6% 73,1% 56,3% 34,5% Lavoro dipendente Lavoro autonomo 5,2% 11,2% 5,0% 0,9% 4,6% 3,8% 3,7% 4,2% 9,3% 10,9% 3,7% 9,1% 3,9% 14,2% 4,8% 61,6% 18,3% 2,4% 0,1% 0,1% 0,9% 0,4% 1,1% 1,1% 3,1% 0,0% 13,1% 12,0% 7,0% 2,6% 9,1% 0,0% Capitale Impresa 9,1% 33,7% 8,6% 0,0% 0,0% 3,5% 1,5% 0,7% 18,1% 49,4% 2,8% 1,8% 6,5% 4,8% 25,3% 0,0% Ammortamenti 1,9% 9,8% 2,8% 0,1% 0,2% 2,5% 0,6% 0,6% 1,1% 18,6% 1,2% 1,2% 10,5% 1,0% 3,4% 3,9% Val. aggiunto distribuito Imposte nette sulla produzione Val. aggiunto lordo 34,5% 57,2% 16,6% 1,0% 5,7% 10,2% 6,9% 6,5% 31,7% 78,9% 20,8% 24,1% 27,9% 22,6% 42,6% 65,5% 0,4% 0,9% 2,3% 0,1% 1,3% 12,1% 10,8% 0,8% 2,2% 5,2% 5,0% 0,2% 3,5% 4,4% 1,1% 0,0% 34,9% 58,1% 18,9% 1,2% 7,0% 22,2% 17,7% 7,3% 33,9% 84,1% 25,8% 24,4% 31,4% 26,9% 43,7% 65,5% AGR: agricoltura e settore primario. I ESTR: industria estrattiva. I M MET: indust ria metallurgica. I M MEC: industria meccanica. I M TA: industria tessile e dell abbigliamento. I M CHI: industria chimica. I M ALI: industria alimentare, bevande, tabacco. I M ALT: altre industrie manifatturiere. I COSTR: costruzioni. I ELETT: industria elettrica, gas, acqua. COMM: commercio. ALB PE: alberghi e pubblici esercizi. TRASP: trasporti e comunicazioni. CR ASS: credito e assicurazioni. AL: altri servizi. PA: servizi pubblica amministrazione. FONTE: SAM Valle d Aosta a prezzi correnti anno di riferimento 1963 Ns. elaborazione

18 Tabella 3.3: struttura della produzione a 16 branche anno 2002 AGR I ESTR I M MET I M MEC I M TA I M CHI I M ALI I M ALT I COSTR I ELETT COMM ALB PE TRASP CR ASS AL PA Acquisti intermedi 19,7% 20,0% 49,0% 18,6% 8,8% 16,2% 33,0% 25,5% 54,5% 46,9% 31,5% 34,1% 37,7% 41,2% 27,0% 33,7% Importazioni 57,1% 59,5% 35,5% 72,7% 80,5% 47,0% 42,4% 58,5% 2,9% 2,7% 20,4% 0,5% 20,6% 11,3% 7,2% 1,6% Input 76,8% 79,5% 84,5% 91,3% 89,3% 63,1% 75,4% 84,0% 57,4% 49,7% 51,9% 34,6% 58,3% 52,4% 34,2% 35,3% Lavoro dipendente Lavoro autonomo 6,4% 10,7% 9,1% 2,8% 0,8% 1,7% 4,1% 6,1% 19,4% 6,5% 13,5% 32,8% 12,5% 11,9% 7,9% 48,1% 10,2% 0,0% 0,8% 0,3% 1,1% 0,1% 1,8% 2,8% 8,2% 0,0% 16,9% 14,5% 4,8% 2,6% 17,1% 0,0% Capitale Impresa 5,5% 7,3% 3,8% 1,3% 0,7% 2,2% 2,8% 1,9% 4,6% 31,9% 4,9% 6,3% 11,1% 26,9% 23,4% 6,8% Ammortamenti 4,4% 2,2% 1,7% 0,2% 1,1% 3,1% 3,4% 2,9% 4,6% 6,9% 4,7% 6,6% 10,9% 2,4% 12,6% 8,1% Val. aggiunto distribuito Imposte nette sulla produzione Val. aggiunto lordo 26,5% 20,3% 15,5% 4,5% 3,7% 7,2% 12,2% 13,7% 36,8% 45,3% 40,0% 60,3% 39,3% 43,8% 60,9% 63,0% -3,3% 0,3% 0,0% 4,2% 7,0% 29,7% 12,4% 2,3% 5,8% 5,1% 8,1% 5,1% 2,4% 3,8% 4,9% 1,8% 23,2% 20,5% 15,5% 8,7% 10,7% 36,9% 24,6% 16,0% 42,6% 50,3% 48,1% 65,4% 41,7% 47,6% 65,8% 64,7% AGR: agricoltura e settore primario. I ESTR: industria estrattiva. I M MET: industria metallurgica. I M MEC: indust ria meccanica. I M TA: industria tessile e dell abbigliamento. I M CHI: industria chimica. I M ALI: industria alimentare, bevande, tabacco. I M ALT: altre industrie manifatturiere. I COSTR: costruzioni. I ELETT: industria elettrica, gas, acqua. COMM: comme rcio. ALB PE: alberghi e pubblici esercizi. TRASP: trasporti e comunicazioni. CR ASS: credito e assicurazioni. AL: altri servizi. PA: servizi pubblica amministrazione. FONTE: SAM Valle d Aosta a prezzi correnti anno di riferimento 2002 Ns. elaborazione

19 Grafico 3.3 : crescita del valore aggiunto per addetto nell industria in alcuni contesti territoriali italiani a confronto CENTRO NE-TAA NO-VDA SUD+I TAA VDA CENTRO: Toscana, Marche, Umbria, Lazio. NE-TAA: Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna. NO-VDA: Piemonte, Lombardia, Liguria. SUD+I: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna. TAA: Trentino Alto Adige. VDA: Valle d Aosta. Valori in Eurolire a prezzi costanti del 1990 fino al 1998, in Euro a prezzi costanti del 1990 dal 1999 al 2002

20 Grafico 3.3 : crescita del valore aggiunto per addetto nell industria in alcuni contesti territoriali italiani a confronto CENTRO NE-TAA NO-VDA SUD+I TAA VDA CENTRO: Toscana, Marche, Umbria, Lazio. NE-TAA: Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna. NO-VDA: Piemonte, Lombardia, Liguria. SUD+I: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna. TAA: Trentino Alto Adige. VDA: Valle d Aosta. Valori in Eurolire a prezzi costanti del 1990 fino al 1998, in Euro a prezzi costanti del 1990 dal 1999 al 2002

21 Grafico 3.5 : crescita del valore aggiunto per addetto nei servizi market in alcuni contesti territoriali italiani a confronto CENTRO NE-TAA NO-VDA SUD+I TAA VDA CENTRO: Toscana, Marche, Umbria, Lazio. NE-TAA: Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna. NO-VDA: Piemonte, Lombardia, Liguria. SUD+I: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna. TAA: Trentino Alto Adige. VDA: Valle d Aosta. Valori in Eurolire a prezzi costanti del 1990 fino al 1998, in Euro a prezzi costanti del 1990 dal 1999 al 2002

22 Grafico 3.5 : crescita del valore aggiunto per addetto nei servizi market in alcuni contesti territoriali italiani a confronto CENTRO NE-TAA NO-VDA SUD+I TAA VDA CENTRO: Toscana, Marche, Umbria, Lazio. NE-TAA: Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna. NO-VDA: Piemonte, Lombardia, Liguria. SUD+I: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna. TAA: Trentino Alto Adige. VDA: Valle d Aosta. Valori in Eurolire a prezzi costanti del 1990 fino al 1998, in Euro a prezzi costanti del 1990 dal 1999 al 2002

23 Grafico 3.6 : crescita del valore aggiunto per addetto nei servizi non market in alcuni contesti territoriali italiani a confronto CENTRO NE-TAA NO-VDA SUD+I TAA VDA CENTRO: Toscana, Marche, Umbria, Lazio. NE-TAA: Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna. NO-VDA: Piemonte, Lombardia, Liguria. SUD+I: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna. TAA: Trentino Alto Adige. VDA: Valle d Aosta. Valori in Eurolire a prezzi costanti del 1990 fino al 1998, in Euro a prezzi costanti del 1990 dal 1999 al 2002

24 IL BILANCIO DELLE FAMIGLIE RESIDENTI

25 Tabella 3.6: conto delle risorse e degli impieghi delle famiglie per gli anni 1963 e Valori % Valori % Redditi di lavoro 252,7 56,8% 1.235,9 45,0% Redditi di impresa 119,2 26,8% 517,2 18,8% Trasferimenti interni 7,1 1,6% 80,7 2,9% Trasferimenti PA 48,8 11,0% 589,5 21,4% Trasferimenti RdI-RdM 5,3 1,2% 17,7 0,6% Indebitamento 12,0 2,7% 307,6 11,2% TOTALE RISORSE 445,1 100,0% 2748,6 100,0% Alim Bev Tabacco 154,8 34,8% 244,9 8,9% Vestiario Calzature 36,4 8,2% 133,8 4,9% Casa Arredamento 65,5 14,7% 522,4 19,0% Altri beni e servizi 108,0 24,3% 706,6 25,7% Consumi 364,7 81,9% 1607,7 58,5% Fiscalità locale 13,3 3,0% 17,1 0,6% Fiscalità statale 47,2 10,6% 363,8 13,2% Imposte e tasse 60,5 13,6% 380,9 13,9% Trasferimenti interni 7,1 1,6% 80,7 2,9% Trasferimenti alle imprese 6,6 1,5% 49,2 1,8% Trasferimenti RdI-RdM 6,2 1,4% 134,0 4,9% Trasferimenti 19,9 4,5% 263,9 9,6% Risparmio 0,0 0,0% 496,1 18,0% Risparmio 0,0 0,0% 496,1 18,0% TOTALE IMPIEGHI 445,1 100,0% 2748,6 100,0% FONTE: SAM aggregate Valle d Aosta a prezzi costanti del 1990 anni di riferimento 1963 e 2002 Ns. elaborazione

26 1963 DISTRIBUZIONE DEL REDDITO ,0% 75,0% 50,0% 25,0% 0,0% I II III IV D I P E N D E N T I 50,0% 25,0% 0,0% I II III IV 75,0% 75,0% 50,0% 25,0% A U T O N O M I 50,0% 25,0% 0,0% I II III IV 0,0% I II III IV 75,0% 50,0% 25,0% 0,0% I II III IV I M P R E N D I T O R I D I R I G E N T I 75,0% 50,0% 25,0% 0,0% I II III IV

27 IL TURISMO

28 Andamento delle presenze turistiche in Valle d'aosta PreRicIta PreRicStr PreAll

29 Grafico 3.8 : andamento della spesa turistica dei non residenti confronto valori a prezzi correnti e a prezzi costanti 500,00 400,00 300,00 200,00 100,00 0, Prezzi correnti Prezzi costanti Fonte: ns. elaborazione su dati Istat periodo

30 Tabella 4 : Presenze negli esercizi ricettivi per categoria dei turisti italiani e stranieri in Valle d'aosta e nel Trentino Alto-Adige - anno 2002 Valle d'aosta ITA STR ITA STR Trentino Alto-Adige Alberghi 1-2 stelle 31,6% 20,01% 24,73% 26,19% Alberghi 1-2 stelle Alberghi 3 stelle 46,7% 61,08% 63,29% 56,39% Alberghi 3 stelle Alberghi 4-5 stelle e di lusso 21,7% 18,91% 11,98% 17,42% Alberghi 4-5 stelle e di lusso Totale 69,31% 30,69% 45,13% 54,87% Totale Fonte: Istat, 2002 Tabella 5 : Posti letto negli esercizi ricettivi per categoria in Valle d'aosta e nel Trentino Alto-Adige Valle d'aosta N. ES. PL N. ES. PL Trentino Alto-Adige Alberghi 1-2 stelle 50,6% 32,14% 47,48% 31,82% Alberghi 1-2 stelle Alberghi 3 stelle 42,4% 50,95% 47,41% 57,40% Alberghi 3 stelle Alberghi 4-5 stelle e di lusso 7,0% 16,92% 5,11% 10,78% Alberghi 4-5 stelle e di lusso Totale Totale Fonte: Istat, 2002

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 NORD-ORIENTALE NORD-OCCIDENTALE ITALIA MEZZOGIORNO ITALIA CENTRALE -0,5 0,0 0,5 1,0 1,5

Dettagli

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 PIEMONTE 603 1.127 87.148.771 13,0 144.525 VALLE D'AOSTA 80 88 1.490.121 0,2 18.627 LOMBARDIA 1.503 2.985 280.666.835 41,8 186.738 PROV. AUT. BOLZANO 1 1 31.970

Dettagli

Persone che hanno subito incidenti in. Regioni

Persone che hanno subito incidenti in. Regioni Tabella 1 - Persone (valori assoluti in migliaia e Intervalli di Confidenza al 95%) che nei tre mesi precedenti l intervista hanno subito incidenti in ambiente domestico e tassi di incidenti domestici

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H02 102 4.663 6.145 159.302,40 51.697,76 Basilicata H03 102 9.222 12.473 252.025,98 136.892,31 Basilicata H04 102 3.373 3.373 230.650,00

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006)

I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006) I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006) Regioni Ristoranti (U.L.) Bar (U.L.) Piemonte 7.544 12.708 Valle d'aosta 589 646 Lombardia 13.165 27.552 Trentino 2.635

Dettagli

9. I consumi delle famiglie

9. I consumi delle famiglie 9. I consumi delle famiglie Nelle principali province italiane, la percentuale del reddito disponibile destinata ai consumi, e quindi all acquisto di beni e servizi necessari a soddisfare i propri bisogni,

Dettagli

Grafico 1 - Enti locali Contributi erariali per ente - Anni (valori nominali in migliaia di lire)

Grafico 1 - Enti locali Contributi erariali per ente - Anni (valori nominali in migliaia di lire) Grafico 1 - Enti locali Contributi erariali per ente - Anni -1999 - (valori nominali in migliaia di lire) 35... 3... 25... 2... 15... à montane 1... 5... 1998 1999 Grafico 2 - Enti locali Contributi erariali

Dettagli

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2002 al 2011.

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2002 al 2011. Area Turismo I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 22 al 211. Glossario: Arrivi: il numero di clienti, italiani e stranieri, ospitati

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione H02 102 3.244 4.234 prestazioni 106.541,38 39.721,59 Basilicata H03 102 6.820 9.139 183.359,67 103.341,43 Basilicata H04 102 2.243 2.243 150.815,00

Dettagli

REGIME QUOTE LATTE AFFITTI DI QUOTA

REGIME QUOTE LATTE AFFITTI DI QUOTA AZIENDE RILEVATARIE PER CLASSIFICAZIONE C-Montana Aziende 6.000 B-Svantaggiata A-Non svantaggiata 5.000 4.000 3.000 524 450 499 336 597 305 803 394 629 358 532 413 572 454 609 441 697 592 818 609 627 481

Dettagli

Valutazione sull andamento congiunturale delle imprese cooperative biellesi I semestre 2012

Valutazione sull andamento congiunturale delle imprese cooperative biellesi I semestre 2012 Valutazione sull andamento congiunturale delle imprese cooperative biellesi I semestre 2012 Roberto Strocco Coordinatore Area Studi e Sviluppo del Territorio Unioncamere Piemonte Lo scenario internazionale

Dettagli

Il peso del turismo nell economia umbra

Il peso del turismo nell economia umbra Il peso del turismo nell economia umbra Eleonora D Urzo AUR Stefano Rosignoli IRPET Misurazione del peso del turismo Crisi Economica Nuovi sentieri di sviluppo economico Turismo come risorsa per lo sviluppo

Dettagli

Regione FVG - arrivi e presenze - italiani e stranieri dettaglio trimestrale anno 2011 (conf. 2010)

Regione FVG - arrivi e presenze - italiani e stranieri dettaglio trimestrale anno 2011 (conf. 2010) Regione FVG - arrivi e presenze - italiani e stranieri dettaglio trimestrale anno 2011 (conf. 2010) TAV. 1 ARRIVI PRESENZE I T rim e stre II T rim e stre III T rim e stre IV T rim e stre TOTALE 2011 2010

Dettagli

Interventi di Upgrading di Impianti di Depurazione Esistenti

Interventi di Upgrading di Impianti di Depurazione Esistenti Prof. G. d Antonio Comuni e popolazione residente secondo il grado di depurazione delle acque reflue convogliate nella rete fognaria per regione - Anno 2005 (valori assoluti) REGIONI Depurazione completa

Dettagli

Approfondimento 1 - Rsu per comparto e per ripartizione geografica

Approfondimento 1 - Rsu per comparto e per ripartizione geografica 1 Approfondimento 1 - Rsu per comparto e per ripartizione geografica ripartizione geografica votanti partec. voti validi CGIL CISL UIL ALTRE LISTE AGENZIE FISCALI Nord Ovest 85 12.904 11.248 87,17 10.922

Dettagli

L Umbria nel contesto nazionale

L Umbria nel contesto nazionale La distribuzione commerciale in Umbria L Umbria nel contesto nazionale Perugia, 17 luglio 2013 Enza Galluzzo Fonti dei dati L Osservatorio Nazionale del Commercio (ONC) costituisce da anni una fonte importante

Dettagli

I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane

I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane L andamento congiunturale e l attrattività delle regioni Mauro Politi Francesca Petrei ISTAT - Direzione Centrale delle Statistiche

Dettagli

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente)

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente) Le esportazioni delle regioni italiane estre 3 13/6/3 CONGIUNTURA TERRITORIALE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE I Trimestre 3 Giugno 3 La dinamica delle esportazioni in valore nel estre 3 registra un

Dettagli

IL SETTORE TERMALE. Caratteristiche strutturali e performance. Federterme. Rimini, 12 maggio 2011 * * *

IL SETTORE TERMALE. Caratteristiche strutturali e performance. Federterme. Rimini, 12 maggio 2011 * * * IL SETTORE TERMALE Caratteristiche strutturali e performance * * * Federterme Rimini, 12 maggio 2011 Numero delle imprese termali per aree geografiche al 31/12/2010 378 Imprese 259 Società di capitali

Dettagli

La spesa turistica nelle regioni italiane 2000-2014

La spesa turistica nelle regioni italiane 2000-2014 La spesa turistica nelle regioni italiane 2000- Andrea Alivernini XVI Conferenza CISET L Italia e il turismo internazionale Risultati e tendenze per incoming e outgoing nel 2015 dai dati Banca d Italia

Dettagli

Il divario nord-sud. Marco Fortis, Fondazione Edison

Il divario nord-sud. Marco Fortis, Fondazione Edison Il divario nord-sud di Marco Fortis, Fondazione Edison Documento realizzato in occasione della tavola rotonda I punti di forza e di debolezza dell Italia Progetto Interesse Nazionale Con il contributo

Dettagli

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2000 al 2009.

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2000 al 2009. Area Turismo I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2 al 29. Glossario: Arrivi: secondo la definizione dell ISTAT è il numero di clienti,

Dettagli

Le spese dello Stato nelle Regioni e nelle Province Autonome

Le spese dello Stato nelle Regioni e nelle Province Autonome Allegato Le spese dello Stato nelle Regioni e nelle Province Autonome Allegato Le spese dello Stato nelle Regioni e nelle Province Autonome Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo

Dettagli

C e n t. r o. t u d i RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI

C e n t. r o. t u d i RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI C e n t RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI r o S Settembre 2017 t u d i Esportazioni delle regioni italiane gennaio-giugno (valori assoluti, composizione e variazioni %) Ripartizioni e regioni

Dettagli

Popolazione, reddito e consumi energetici in Italia

Popolazione, reddito e consumi energetici in Italia DATI GENERALI Popolazione, reddito e consumi energetici in Italia Grafico 1 500 450 400 350 300 250 200 150 Numeri indice (base 1963=100) Consumo interno lordo di energia elettrica Consumo interno lordo

Dettagli

INDICATORI DI DISAGIO ECONOMICO SOCIALE

INDICATORI DI DISAGIO ECONOMICO SOCIALE INDICATORI DI DISAGIO ECONOMICO SOCIALE DISAGIO ECONOMICO: LE REGIONI PIU COLPITE Chi ha il punteggio più alto è stato meno colpito. Dato medio ITALIA = 100 DISAGIO ECONOMICO POSIZIONE REGIONI (punteggio

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

LA SPESA SANITARIA PUBBLICA IN ITALIA: LA SCATOLA NERA DELLE DIFFERENZE REGIONALI

LA SPESA SANITARIA PUBBLICA IN ITALIA: LA SCATOLA NERA DELLE DIFFERENZE REGIONALI LA SPESA SANITARIA PUBBLICA IN ITALIA: LA SCATOLA NERA DELLE DIFFERENZE REGIONALI Roma 4 novembre 2009 Fabio Pammolli OBIETTIVI E METODOLOGIA < LA SPESA PRO-CAPITE LE VARIABILI ESPLICATIVE GLI SCOSTAMENTI

Dettagli

Bologna, Quartiere fieristico, Maggio 2014: manifestazione dedicata alla sanità e all assistenza.

Bologna, Quartiere fieristico, Maggio 2014: manifestazione dedicata alla sanità e all assistenza. Bologna, Quartiere fieristico, 21-24 Maggio 2014: manifestazione dedicata alla sanità e all assistenza. > 1) Documentazione (sito esterno) >>> Exposanità, 29 aprile 2014, > Comunicati stampa 1 / 33 In

Dettagli

Iniziativa di sospensione delle rate dei mutui alle famiglie. Roma, 8 giugno 2011

Iniziativa di sospensione delle rate dei mutui alle famiglie. Roma, 8 giugno 2011 Iniziativa di sospensione delle rate dei mutui alle famiglie Roma, 8 giugno 2011 Agenda 1. Campione esaminato 2. Classificazione delle domande 3. Analisi territoriale 2 Classificazione delle banche Enti

Dettagli

LA VERITÀ SUL RESIDUO FISCALE

LA VERITÀ SUL RESIDUO FISCALE LA VERITÀ SUL RESIDUO FISCALE Estratto dal dossier «Il residuo fiscale delle regioni italiane» A cura di Luciano Greco Professore Associato di Scienze delle Finanze presso l Università degli studi di Padova

Dettagli

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE Luca Romano Direttore di Local Area Network Martedi 8 Aprile 2014 Auditorium del Lavoro ROMA L INVECCHIAMENTO DEMOGRAFICO 1/6 65 ANNI E PIU' TOTALE ANDAMENTO

Dettagli

I bilanci delle regioni in sintesi 2010

I bilanci delle regioni in sintesi 2010 COPAFF 19 settembre 2011 I bilanci delle regioni in sintesi 2010 Estrazione dai dati dei bilanci regionali relativi all esercizio 2010, trasmessi alla Copaff dalla Conferenza delle Regioni e delle Province

Dettagli

Il Sud (e il Nord) di Gianfranco Viesti (Università di Bari) Scuola per la democrazia Aosta, 9 ottobre 2010

Il Sud (e il Nord) di Gianfranco Viesti (Università di Bari) Scuola per la democrazia Aosta, 9 ottobre 2010 Il Sud (e il Nord) di Gianfranco Viesti (Università di Bari) Scuola per la democrazia Aosta, 9 ottobre 2010 1. Il divario di reddito 2. Produttività e occupazione 3. Le determinanti 4. Le politiche 1.

Dettagli

I settori produttivi

I settori produttivi dinamica e territorializzazione Direzione sistema statistico regionale Venezia, 18 marzo 2009 1 I contenuti L analisi strutturale delle imprese Distribuzione territoriale La dinamica temporale Le mappe

Dettagli

terre di Toscana come sta e dove va il Chianti Stefano Casini Benvenuti San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016

terre di Toscana come sta e dove va il Chianti Stefano Casini Benvenuti San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016 terre di Toscana come sta e dove va il Chianti Stefano Casini Benvenuti San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016 Qualche cenno sulla fase attuale 1. La gravità della crisi 1867-72 1930-36 2008-14

Dettagli

Ruolo economico del settore farmaceutico e della spesa farmaceutica

Ruolo economico del settore farmaceutico e della spesa farmaceutica centro stam Ruolo economico del settore farmaceutico e della spesa farmaceutica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione Direzione centrale finanze,

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Turismo internazionale verso l Italia: export in loco di prodotti agroalimentari Made in Italy

Turismo internazionale verso l Italia: export in loco di prodotti agroalimentari Made in Italy Turismo internazionale verso l Italia: export in loco di prodotti agroalimentari Made in Italy Per una nazione come l Italia, la cui reputazione turistica ed enogastronomica è fra la più rilevanti al Mondo,

Dettagli

L economia del Lazio nel 2009

L economia del Lazio nel 2009 L economia del Lazio nel 2009 Evidenza dai conti regionali Istat pubblicati il 28 settembre 2010 Servizio Analisi e Finanza Sviluppo Lazio L economia del Lazio nel 2009 1. Premessa Il 28 settembre, l Istat

Dettagli

Il divario Nord-Sud. di Gianfranco Viesti (Università di Bari) FSP, Bologna 29 marzo 2009

Il divario Nord-Sud. di Gianfranco Viesti (Università di Bari) FSP, Bologna 29 marzo 2009 Il divario Nord-Sud di Gianfranco Viesti (Università di Bari) FSP, Bologna 29 marzo 2009 IL DIVARIO DI REDDITO Fonte: Daniele V, Malanima,P. 2007 Fonte: Daniele V, Malanima,P. 2007 PIL pro capite nelle

Dettagli

Osservatorio sul Sommerso. Terzo Rapporto su Economia Sommersa e Lavoro non Regolare in Calabria

Osservatorio sul Sommerso. Terzo Rapporto su Economia Sommersa e Lavoro non Regolare in Calabria Osservatorio sul Sommerso Terzo Rapporto su Economia Sommersa e Lavoro non Regolare in Calabria Il Rapporto è: Un analisi multidimensionale del sommerso calabrese Nuovo approccio teorico al sommerso Risorsa

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 14 marzo 2003 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2002 Nel 2002 le esportazioni italiane hanno registrato una diminuzione in valore del 2,8 per cento rispetto al 2001. La contrazione, pur interessando

Dettagli

Il turismo in Puglia e nelle regioni italiane: l analisi di benchmarking nel periodo 2007-2013

Il turismo in Puglia e nelle regioni italiane: l analisi di benchmarking nel periodo 2007-2013 Il turismo in Puglia e nelle regioni italiane: l analisi di benchmarking nel periodo 2007-2013 Competitività, internazionalizzazione e turismo: la Puglia nel contesto globale Laura Leoni Istat Direzione

Dettagli

Provincia di Mantova. Osservatorio Provinciale del Turismo. Mantova, 5 giugno 2014

Provincia di Mantova. Osservatorio Provinciale del Turismo. Mantova, 5 giugno 2014 Provincia di Mantova Osservatorio Provinciale del Turismo Mantova, 5 giugno 214 Movimenti Turistici in provincia di Mantova Anno 213 Italiani Stranieri Totale valore var% 13/12 valore var% 13/12 valore

Dettagli

SEDE CENTRALE. SENATO DELLA REPUBBLICA 10ª Commissione Industria, Commercio, Turismo. Esame A. G. 327

SEDE CENTRALE. SENATO DELLA REPUBBLICA 10ª Commissione Industria, Commercio, Turismo. Esame A. G. 327 SENATO DELLA REPUBBLICA 10ª Commissione Industria, Commercio, Turismo Esame A. G. 327 Audizione del Dr. Matteo Marzotto Presidente dell (15 marzo 2011) APPENDICE L INDUSTRIA TURISTICA ITALIANA ED IL CONTESTO

Dettagli

Le regioni a confronto

Le regioni a confronto Il racconto, il confronto 2003 Il all apertura del nuovo millennio: struttura dinamica struttura e dinamica 2003 Il all apertura del nuovo millennio: benchmarking europeo struttura benchmarking e dinamica

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering Sicilia 1 7 Campania 1 7 Emilia Romagna 1 5 Veneto 8, 4 Basilicata 3 Calabria 3 Liguria 3 Piemonte 3 Valle d'aosta 2 Trentino Alto Adige 2 Puglia 2 Abruzzo 1 Sardegna 1 Lazio 1 Friuli Venezia Giulia 0

Dettagli

Osservatorio OCPS. Divisione Ricerche Claudio Dematté. I consumi sanitari privati Dinamiche, composizione, mercati

Osservatorio OCPS. Divisione Ricerche Claudio Dematté. I consumi sanitari privati Dinamiche, composizione, mercati Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio OCPS I consumi sanitari privati Dinamiche, composizione, mercati A cura di: Lorenzo Fenech Ricercatore OCPS SDA Bocconi Dinamiche e composizione Andamenti

Dettagli

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO STAMPA E RELAZIONI ESTERNE

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO STAMPA E RELAZIONI ESTERNE 1 Condannati definitivi Per di e per Durata della Pena Residua Situazione al 13/05/2010 Fino a 1 anno Da 1 a 2 Durata della pena residua Da 2 a 3 Da 3 a 5 Da 5 a 10 Da 10 a 20 Da 20 in poi Ergastolo Totale

Dettagli

Per Regione e posizione giuridica

Per Regione e posizione giuridica Elaborazione del Centro Studi di Ristretti Orizzonti su dati del Ministero della Giustizia - Dap Per nazionalità e posizione giuridica Imputati Condannati Internati Da impostare Totale Itaniani 17.481

Dettagli

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario... 3 Mercato immobiliare residenziale...

Dettagli

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Fonte: Istat Ricerca e Sviluppo in Italia (anno 2014) Le rilevazioni sulla Ricerca e lo sviluppo sperimentale,

Dettagli

Dimensione socio-demografica. Numerosità e popolazione residente dei comuni italiani, per regione, 2011. N comuni. Pop. residente

Dimensione socio-demografica. Numerosità e popolazione residente dei comuni italiani, per regione, 2011. N comuni. Pop. residente Numerosità e popolazione residente dei comuni italiani, per regione, 2011 Regione N comuni Pop. residente Densità territoriale Piemonte 1.206 4.457.335 175 Valle d Aosta 74 128.230 39 Lombardia 1.544 9.917.714

Dettagli

Per ulteriori informazioni:

Per ulteriori informazioni: Tab. 1 - Persone nate in paesi non-ue per tipologia di carica Dati al 31 marzo 2016 Carica Persone Amministratore 141.748 Socio* 54.934 Titolare 357.152 Altre cariche 14.915 568.749 * La carica di socio

Dettagli

RISULTATI DELL INDAGINE CONGIUNTURALE RELATIVA AL II TRIMESTRE 2012

RISULTATI DELL INDAGINE CONGIUNTURALE RELATIVA AL II TRIMESTRE 2012 RISULTATI DELL INDAGINE CONGIUNTURALE RELATIVA AL II TRIMESTRE 2012 La produzione industriale per Paesi/1 230 Indice destagionalizzato della produzione industriale (Anno 2000=100) 220 Anni 2000-2012 210

Dettagli

Le nuove imprese vincenti: le leve strategiche per tornare a crescere. Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche

Le nuove imprese vincenti: le leve strategiche per tornare a crescere. Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Le nuove imprese vincenti: le leve strategiche per tornare a crescere Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Casale Monferrato, 8 giugno 2016 1 Premessa 2 I nuovi protagonisti della crescita 3 Focus

Dettagli

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA Maggio 2017 A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario SCHEDA CAMPANIA... 3 TAVOLE REGIONALI E PROVINCIALI... 7 Occupazione... 9 Imprese... 13 Permessi

Dettagli

A Cura del Servizio Politiche Territoriali della Uil

A Cura del Servizio Politiche Territoriali della Uil A Cura del Servizio Politiche Territoriali della Uil MANOVRA ECONOMICA: SE TUTTE LE REGIONI ALLE PRESE CON L EXTRADEFICIT SANITARIO AUMENTASSERO L IRPEF REGIONALE POSSIBILI AUMENTI MEDI DEL 47,4% (221

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali anno scolastico 2012-2013 Abruzzo 5.195 5.124-71 Basilicata 2.898 2.815-83 Calabria 9.859 9.612-247 Campania 23.944 23.430-514 Emilia Romagna 12.801 12.826 25

Dettagli

Redditi Irpef e Toscana nel 2014 (anno d imposta 2013)

Redditi Irpef e Toscana nel 2014 (anno d imposta 2013) Settore Sistema Informativo di Supporto alle Decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Redditi Irpef e nel 2014 (anno d imposta 2013) SINTESI Redditi Irpef e nel 2014 La seguente presentazione offre una

Dettagli

LE ENTRATE PUBBLICHE NELLA REGIONE UMBRIA

LE ENTRATE PUBBLICHE NELLA REGIONE UMBRIA LE ENTRATE PUBBLICHE NELLA REGIONE UMBRIA SIMONA AZZARELLI Nucleo CPT Regione Umbria 3 ottobre 2008 - Relais Borgo Brufa - Brufa di Torgiano (PG) LE ENTRATE TOTALI DEL SETTORE PUBBLICO ALLARGATO Basilicata

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering Casi di morte sul lavoro per Regione Regione Graduatoria in base all'indice di incidenza Indice di incidenza sugli occupati* n casi % sul totale Occupati annuali** Abruzzo Trentino Alto Adige 2 Campania

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering Casi di morte sul lavoro per Regione Regione Graduatoria in base all'indice di incidenza Indice di incidenza sugli occupati* n casi % sul totale Occupati annuali** Abruzzo Trentino Alto Adige 2 Molise

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering Casi di morte sul lavoro per Regione in Italia Regione Graduatoria in base all'indice di incidenza Indice di incidenza sugli occupati* n casi % sul totale Occupati annuali** Abruzzo Liguria Marche 8 7,0

Dettagli

Scuola dell'infanzia. Scuola Primaria. Posti. Regione

Scuola dell'infanzia. Scuola Primaria. Posti. Regione Scuola dell'infanzia Abruzzo 30 Basilicata 37 Calabria 144 Campania 278 Emilia Romagna 54 Lazio 118 Liguria 16 Lombardia 88 Marche 35 Molise 11 Piemonte 47 Puglia 136 Sardegna 48 Sicilia 246 Toscana 82

Dettagli

Turismo & Toscana. La congiuntura 2015, le previsioni per il Enrico Conti

Turismo & Toscana. La congiuntura 2015, le previsioni per il Enrico Conti Turismo & Toscana La congiuntura 2015, le previsioni per il 2016 Enrico Conti Firenze, 4 luglio 2016 Il turismo in Toscana: i numeri del 2015 12,9 milioni di arrivi in strutture ufficiali; +3,1% sul 2014

Dettagli

RISORSE FINANZIARIE PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI REGIONALI (Art. 42 C.C.N.L.) ANNO 2001

RISORSE FINANZIARIE PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI REGIONALI (Art. 42 C.C.N.L.) ANNO 2001 TABELLA A RISORSE FINANZIARIE PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI REGIONALI ANNO 2001 EURO LIRE Indennità di fissa -. 4.728.000 x 9959 unità (1) 24.317.968,05 47.086.152.000 Indennità di direzione - parte variabile

Dettagli

Elaborazione flash. Osservatorio MPI Confartigianato Sicilia 27/07/2017. Artigianato e turismo in Sicilia

Elaborazione flash. Osservatorio MPI Confartigianato Sicilia 27/07/2017. Artigianato e turismo in Sicilia Sicilia Campania Toscana Marche Calabria Lazio Sardegna Puglia Basilicata Molise Abruzzo Umbria Liguria Emilia-Romagna Veneto Lombardia Friuli-Venezia Giulia Trentino-Alto Adige Piemonte Valle d'aosta

Dettagli

Prof. Alberto Brambilla. Dott. Paolo Novati. 27 giugno 2017, Milano

Prof. Alberto Brambilla. Dott. Paolo Novati. 27 giugno 2017, Milano APPROFONDIMENTI 2017 DICHIARAZIONE DEI REDDITI AI FINI IRPEF anno 2015 per IMPORTI, TIPOLOGIA DI CONTRIBUENTI E TERRITORI e ANALISI IRAP (4 edizione) Prof. Alberto Brambilla Presidente Centro Studi e Ricerche

Dettagli

Emanuele Felice Perché il Sud è rimasto indietro, Il Mulino, Appendice statistica

Emanuele Felice Perché il Sud è rimasto indietro, Il Mulino, Appendice statistica Emanuele Felice Perché il Sud è rimasto indietro, Il Mulino, 2013 Appendice statistica tab. A.1. il pil per abitante delle regioni italiane, 1871-2009 (italia = 100) 1871 1891 1911 1931 1938 1951 1961

Dettagli

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA Ottobre A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario SCHEDA CAMPANIA... 3 TAVOLE REGIONALI E PROVINCIALI... 9 Occupazione... 11 Imprese... 15 Permessi

Dettagli

Opportunità e strategie dell ICE per le imprese - Focus Veneto

Opportunità e strategie dell ICE per le imprese - Focus Veneto Venezia, 24 novembre 2016 EVOLUZIONE DEL COMMERCIO CON L ESTERO PER AREE E SETTORI Opportunità e strategie dell ICE per le imprese - Focus Veneto Riccardo Landi Direttore Ufficio di Supporto per la Pianificazione

Dettagli

La ricerca CRA sugli investimenti delle imprese italiane in oggettistica promozionale

La ricerca CRA sugli investimenti delle imprese italiane in oggettistica promozionale La ricerca CRA sugli investimenti delle imprese italiane in oggettistica promozionale DISTRIBUZIONE DEGLI OPERATORI ECONOMICI NELLE AREE NIELSEN I AREA I: 39% Piemonte Liguria Valle d'aosta Lombardia II

Dettagli

Osservatorio Nazionale Nota trimestrale novembre 2008

Osservatorio Nazionale Nota trimestrale novembre 2008 Nota trimestrale novembre 2008 Il lavoro in somministrazione nel terzo trimestre 2008: analisi dei dati degli archivi INAIL e INPS. Occupati, giornate retribuite e missioni avviate nel terzo trimestre

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31/7/2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

Turismo & Toscana. La congiuntura 2015, le previsioni per il Enrico Conti. Firenze, 4 luglio 2015

Turismo & Toscana. La congiuntura 2015, le previsioni per il Enrico Conti. Firenze, 4 luglio 2015 Turismo & Toscana La congiuntura 2015, le previsioni per il 2016 Enrico Conti Firenze, 4 luglio 2015 Il turismo in Toscana: i numeri del 2015 12,9 milioni di arrivi in strutture ufficiali; +3,1% sul 2014

Dettagli

IL NORD DA IN SOLIDARIETA AL RESTO DEL PAESE 100 MILIARDI ALL ANNO

IL NORD DA IN SOLIDARIETA AL RESTO DEL PAESE 100 MILIARDI ALL ANNO IL NORD DA IN SOLIDARIETA AL RESTO DEL PAESE 100 MILIARDI ALL ANNO Bortolussi: La questione settentrionale, purtroppo, non si è dissolta: soprattutto a Nordest cova ancora sotto la cenere. ======================

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2014: aggiornamento al 30/04/2014 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2014: aggiornamento al 30/04/2014 DATI INAIL NAZIONALI Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 204: aggiornamento al 30/04/204 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering su base dati Inail DATI INAIL NAZIONALI

Dettagli

Scuola dell'infanzia Regione

Scuola dell'infanzia Regione Scuola dell'infanzia Abruzzo 30 Basilicata 37 Calabria 144 Campania 278 Emilia Romagna 54 Lazio 118 Liguria 16 Lombardia 88 Marche 35 Molise 11 Piemonte 47 Puglia 136 Sardegna 48 Sicilia 246 Toscana 82

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31//2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 201: aggiornamento al 30//201 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/7/2017 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

Boschi alti Impianti di arboricoltura da legno Aree temporanemente prive di soprassuolo. Totale Impianti di arboricoltura da legno

Boschi alti Impianti di arboricoltura da legno Aree temporanemente prive di soprassuolo. Totale Impianti di arboricoltura da legno Tabella 5.39 - Estensione delle categorie inventariali del Bosco, ripartite per appartenenza a parchi naturali Boschi alti Impianti di arboricoltura da legno Aree temporanemente prive di soprassuolo Totale

Dettagli

DESTINAZIONE PUGLIA ESTATE 2012 Bari, 25 giugno 2012 Camera di Commercio di Bari. Massimiliano Vavassori Direttore Centro Studi Tci

DESTINAZIONE PUGLIA ESTATE 2012 Bari, 25 giugno 2012 Camera di Commercio di Bari. Massimiliano Vavassori Direttore Centro Studi Tci DESTINAZIONE PUGLIA ESTATE 2012 Bari, 25 giugno 2012 Camera di Commercio di Bari Massimiliano Vavassori Direttore Centro Studi Tci Puglia: offerta ricettiva/1 Composizione (2010) Distribuzione % delle

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering Casi di morte sul lavoro per Regione Regione % sul totale n casi Emilia Romagna 4,5% 2 Lombardia 4,5% 2 Sicilia 2,0% 0 Campania 8 Piemonte 7,2% 6 Veneto 6,0% 5 Basilicata 4,8% 4 Calabria 4,8% 4 Trentino

Dettagli

Il SINAB è un progetto di: L AGRICOLTURA BIOLOGICA AL 31/12/2009 Tabella 1 Numero operatori per tipologia e regione TOTALE. Var.

Il SINAB è un progetto di: L AGRICOLTURA BIOLOGICA AL 31/12/2009 Tabella 1 Numero operatori per tipologia e regione TOTALE. Var. Il SINAB è un progetto di: Tabella 1 Numero operatori per tipologia e regione produttori esclusivi preparatori esclusivi importatori esclusivi produttori / preparatori produttori / preparatori / importatori

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico ALLEGATO 1

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico ALLEGATO 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico ALLEGATO 1 POSTI E CATTEDRE PER REGIONE Scuola dell'infanzia Abruzzo

Dettagli

Centro Studi. Il turismo regionale

Centro Studi. Il turismo regionale Centro Studi Il turismo regionale Anno 2016 Indice pag. 1 pag. 2 pag. 3 pag. 4 pag. 5 pag. 6 pag. 7 pag. 8 pag. 9 pag. 10 pag. 11 pag. 12 pag. 13 pag. 14 pag. 15 pag. 16 pag. 17 pag. 18 pag. 19 Il turismo

Dettagli

QUADERNO DELLA CHIMICA A MILANO 2006

QUADERNO DELLA CHIMICA A MILANO 2006 QUADERNO DELLA CHIMICA A MILANO 2006 L industria chimica e farmaceutica italiana in Europa Produzione chimica e farmaceutica europea per paese 2004 (quota % sul totale) 30 25 24,5% 20 15,7% 15 10 5 12,3%

Dettagli

Contiene un Focus sulle Comunicazioni Obbligatorie 2015 e 1 T (fonte: MLPS)

Contiene un Focus sulle Comunicazioni Obbligatorie 2015 e 1 T (fonte: MLPS) Contiene un Focus sulle Comunicazioni Obbligatorie 2015 e 1 T. 2016 (fonte: MLPS) Commercio estero e prezzi all import Maggio: export -0,2% import -1,2%, prezzi all import prodotti industriali +1,0% su

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/8/2017 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/8/2017 DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/8/2017 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

L AGRITURISMO IN FRIULI VENEZIA GIULIA AL

L AGRITURISMO IN FRIULI VENEZIA GIULIA AL Notiziario ERSA 3-4/2006 Statistica/Contabilità Gianluca Dominutti Servizio Statistica Regione Friuli Venezia Giulia L AGRITURISMO IN FRIULI VENEZIA GIULIA AL 31.12.2005 L Istat, di intesa con le Regioni

Dettagli

Area di gara 1 (Lombardia-Bolzano-Trento) Base d'asta Tornata febbraio 2008 Tornata febbraio 2008 Tornata febbraio 2008

Area di gara 1 (Lombardia-Bolzano-Trento) Base d'asta Tornata febbraio 2008 Tornata febbraio 2008 Tornata febbraio 2008 Area di gara 1 (Lombardia-Bolzano-Trento) Lombardia Prov. Aut. Bolzano Prov. Aut. Trento 3.295.000 9.040.000 9.040.000 9.040.000 3.295.000 8.280.000 8.280.000 8.680.000 2.990.000 5.670.000 8.010.000 8.010.000

Dettagli

Ticket Regionali Specialistica e Diagnostica Studenti Universitari

Ticket Regionali Specialistica e Diagnostica Studenti Universitari NB. Nelle tabelle che seguono sono riportati i costi (in Euro) delle principali prestazioni ambulatoriali e specialistiche previste dal nostro Sistema Sanitario Nazionale a favore degli Studenti Universitari,

Dettagli

IMPATTO EFFETTIVO E POTENZIALE DEI CONSUMI TURISTICI SULL ECONOMIA DELLE REGIONI ITALIANE

IMPATTO EFFETTIVO E POTENZIALE DEI CONSUMI TURISTICI SULL ECONOMIA DELLE REGIONI ITALIANE AISRe Associazione Italiana di Scienze Regionali IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica XXX Conferenza Scientifica Federalismo, integrazione europea e crescita regionale 9-11 settembre 2009

Dettagli

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI Dicembre 2015 Esportazioni delle regioni italiane gennaio- settembre (valori assoluti, composizione e variazioni %) Ripartizioni e regioni 2014 2015 2014/2015

Dettagli

LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2016

LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2016 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2016 XXXVII Conferenza scientifica annuale AISRe Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Ancona,

Dettagli