Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti"

Transcript

1 OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il gruppo di lavoro 4. Uno sguardo al futuro CINECA PROGETTO TECO Pagina 1 di 8

2 1. Obiettivo del progetto Nell ambito del progetto TECO, Cineca ha fornito ad ANVUR il supporto informatico per la realizzazione dell iniziativa; partendo dall esigenza di realizzare un applicativo completo in grado di fornire pieno supporto in tutte le fasi del progetto; dalla pianificazione delle attività per lo svolgimento delle verifiche presso i laboratori, passando per lo svolgimento del test vero e proprio, fino ad arrivare alla raccolta dei risultati e alla fase di studio e di report incrociati sulla base dei punteggi ottenuti e delle relative carriere universitarie, risultanti nel sistema Anagrafe Nazionale Studenti. A questo proposito, forti anche dell esperienza maturata in altri contesti analoghi, come per esempio nel Piano Nazionale delle Lauree Scientifiche, dove in collaborazione con la Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie, dal 2010 svolgiamo test di verifica online, presso le strutture Universitarie aderenti e presso Istituti Scolastici Superiori, l obiettivo principale che ci siamo prefissati fin dal primissimo incontro, è stato quello di individuare tutti gli attori coinvolti cercando di definire, per ciascuno di essi, le attività che avrebbero dovuto svolgere e di conseguenza le funzionalità che avremmo dovuto predisporre. 1. Identificazione degli attori coinvolti 2.1 ANVUR Il primo attore ad entrare in scena è stato naturalmente ANVUR stessa, con la quale è stata necessaria una profonda fase di pianificazione di tutto il progetto nel suo complesso, partendo dall individuazione degli altri attori da coinvolgere, definendo quindi tempistiche e modalità di ingaggio degli stessi. 2.2 CAE Le caratteristiche della prova, la predisposizione dell archivio domande, le modalità di svolgimento del test, il sistema di valutazione per il modulo di risposta aperta, dovevano CINECA PROGETTO TECO Pagina 2 di 8

3 essere definite e concordate con il CAE, che da anni svolge l analogo test di valutazione nel sistema USA. Sono state quindi effettuate una serie di videoconferenze per definire al meglio il test di verifica (domande) da utilizzare, con i quesiti opportunamente tradotti da uno staff identificato da ANVUR. Inoltre è stato necessario definire e concordare il rilascio della piattaforma di test, conforme agli standard previsti negli USA, oltreché definire la piattaforma di valutazione che doveva essere fornita per valutare il modulo di Perfomance Task, che proponeva, a fronte di uno scenario introduttivo e di documenti di supporto, una risposta aperta, che il candidato era chiamato a fornire in maniera articolata. Il risultato delle valutazioni sarebbe poi stato trasmesso e inviato al CAE secondo un tracciato concordato, per ottenere, come riscontro i punteggi finali ottenuti dai singoli studenti. 2.3 ATENEI Il terzo attore ad entrare in scena erano naturalmente gli atenei, 12 in questa fase di sperimentazione, ai quali occorreva fornire gli strumenti necessari per la pianificazione delle date di svolgimento del test, per monitorare lo stato delle iscrizioni al test da parte degli studenti, per trasmettere ad ANVUR le informazioni di integrazione per gli studenti ritenuti idonei, per individuare i responsabili d aula che avrebbero dovuto seguire lo svolgimento del test e, infine, per procedere all assegnazione studenti aule, con relativa convocazione. A questo proposito, è stata realizzata un area riservata a cui i responsabili d ateneo (ICP e ICA) potevano accedere, con aree dedicate allo svolgimento delle singole attività sopra indicate. CINECA PROGETTO TECO Pagina 3 di 8

4 2.4 RESPONSABILI D AULA Individuati dai responsabili d ateneo, i responsabili d aula ricoprivano un ruolo fondamentale per garantire il regolare svolgimento del test. Compito dei responsabili d aula infatti, effettuato il riconoscimento dei candidati presenti in sede di verifica, era quello di decretare l inizio della sessione di verifica e di monitorare lo svolgimento del test. Ai responsabili d aula è quindi stata messa a disposizione una piattaforma che permetteva di: attivare la sessione di test a candidati riconosciuti e pronti nelle rispettive postazioni; monitorare il regolare svolgimento del test, verificando per ciascun candidato lo stato di avanzamento del test in corso; intervenire in caso di particolari criticità per postazioni bloccate o per studenti con precise necessità ai quali si sarebbe dovuto fornire un tempo supplementare per lo svolgimento del test. 2.5 STUDENTI Identificati dagli atenei come idonei a sostenere il test, gli studenti avrebbero dovuto: effettuare l iscrizione al test svolgere il test ricevere l attestato Per effettuare l iscrizione al test, gli studenti potevano accedere ad UniversItaly (www.universitaly.it), che oltre a rappresentare un importante vetrina di accesso al mondo universitario e all offerta formativa proposta dagli atenei, costituisce un canale di accesso alle diverse attività che il MIUR realizza (es. iscrizioni ai test di ingresso per i corsi ad accesso programmato, IMAT, ecc). Una volta registrato al portale, lo studente aveva poi la possibilità di consultare dall area CINECA PROGETTO TECO Pagina 4 di 8

5 riservata dedicata all attività, tutte le informazioni correlate allo svolgimento del test, dalla data di svolgimento fino alla possibilità di scaricare l attestato finale). Lo svolgimento del test avveniva poi presso i laboratori dell ateneo, dove era stata predisposta la piattaforma di test, conforme allo standard adottato dal CAE per l analogo test CLA+, svolto negli USA. 2.6 SCORER L ultimo profilo che entrava in scena era quello degli Scorer, insieme di docenti opportunamente formati che, date le caratteristiche della prova, erano chiamati in causa per effettuare l analisi e la valutazione delle risposte fornite dai candidati sul primo modulo, il Performance Task. A questo proposito, sempre in conformità con gli standard CAE, è stata realizzata una piattaforma specifica, per quelli che in definitiva erano 3 diverse categorie di Scorer: Scorer Lead Scorer Lead Scorer di riferimento (o Super Lead Scorer) Scorer e Lead Scorer, avevano il compito di valutare, in prima istanza le risposte fornite dai candidati su 3 diverse categorie di valutazione. Il sistema di assegnazione delle risposte, opportunamente anonimizzate, prevedeva un equidistribuzione dei quesiti tra tutti i valutatori presenti e una riassegnazione del 20% delle risposte ad un secondo valutatore per consolidare il sistema di valutazione e identificare eventuali forti discrepanze nei punteggi attribuiti. I Lead Scorer disponevano inoltre di un quadro riepilogativo che permetteva loro di monitorare lo stato di avanzamento delle attività da parte dei singoli Scorer a lui afferenti. A conclusione di questa prima fase di valutazione, dovevano entrare in scena i Lead Scorer di riferimento, i quali potevano, prendere visione di tutte le valutazioni effettuate e CINECA PROGETTO TECO Pagina 5 di 8

6 per ciascun candidato potevano decidere se, mantenere valide le valutazioni presenti, sostituirne una o sostituirle entrambe (in caso di doppia valutazione) con una personale. Al termine della seconda fase di valutazione, i dati erano quindi pronti per essere trasmessi al CAE, per la determinazione dei punteggi finali. 2. Fasi del progetto Definiti attori e attività da svolgere è possibile quindi riepilogare l insieme delle fasi che il progetto nella suo completezza presentava: 1.Preparazione del test La prima fase, Preparazione del test, chiamava in causa CAE e ANVUR, per l identificazione dell insieme di domande da utilizzare nella versione italiana, per la relativa traduzione dei testi e per l invio degli stessi al CINECA. Contestualmente gli studenti provvedevano alla propria registrazione e gli atenei pianificavano le date e le sessioni di svolgimento. 2.Somministrazione del test Definito il test da utilizzare e pianificate le sessioni, iniziava la fase principale dell intero progetto, ovvero la Somministrazione del test presso le strutture Universitarie aderenti. 3.Valutazione delle risposte aperte Conclusa la fase di svolgimento del test, si apriva la fase di valutazione da parte di Scorer e Lead Scorer, sul modulo con risposta aperta. 4.Revisione delle valutazioni Immediatamente successiva alla precedente, seguiva la fase di revisione delle valutazioni da parte dei Lead Scorer di riferimento. CINECA PROGETTO TECO Pagina 6 di 8

7 5. Analisi dei dati Al termine delle 2 fasi di valutazioni, i dati erano pronti per l invio al CAE dove, opportunamente elaborati, producevano i risultati finali, forniti ad ANVUR. 6. Analisi delle valutazioni Ricevuti i risultati finali, ANVUR poteva quindi procedere alle analisi e ai report complessivi finali, incrociando le valutazioni ottenute nei test, con i dati relativi alle carriere universitarie presenti nel sistema ANS e con tutte le altre variabili di contesto raccolte dagli studenti e dagli atenei. Tecnologie e Strumenti Gli applicativi realizzati dedicati allo svolgimento delle attività dei singoli attori, sono completamente web-based, realizzati in linguaggio PHP, sfruttando alcuni dei principali framework attualmente disponibili, quali Symfony. La piattaforma di test, conforme agli standard CAE è invece stata realizzata sfruttando il motore di template Smarty. Alcune funzionalità, mirate ad agevolare l utente nello svolgimento delle proprie attività, sono state realizzate attraverso javascript, Jquery, AJAX. Il database utilizzato per l intero sistema è ORACLE. Il gruppo di lavoro Per la realizzazione e gestione di tutte le attività relative al progetto TECO, sono state coinvolte diverse figure professionali. Per la realizzazione degli applicativi, dal modulo di registrazione studenti su UniversItaly, alle piattaforme dedicate alle attività di atenei, responsabili d aula, studenti e scorer erano presenti 3 programmatori, oltre al web designer che ha curato l aspetto grafico di tutto il sistema. Per le analisi e i report sulle carriere universitarie degli studenti sono state coinvolte 3 persone del team di lavoro che segue il sistema Anagrafe Nazionale Studenti. CINECA PROGETTO TECO Pagina 7 di 8

8 Infine, a supporto di tutte le fasi di lavoro, era presente un team di 4 persone del servizio di consulenza CINECA, estremamente qualificato, che ha dovuto gestire le richieste, necessariamente diverse, da parte di tutti gli attori coinvolti. 4.Uno sguardo al futuro Considerate le tempistiche per la realizzazione dell intera attività, riteniamo che gli applicativi realizzati e le funzionalità messe a disposizione siano stati soddisfacenti per consentire a tutti gli attori coinvolti di svolgere le proprie attività, ciò non toglie come sia comunque opportuno valutare quali aspetti abbiano presentato maggiori criticità e possano essere oggetto di ottimizzazioni. Al termine della prima edizione, in considerazione del fatto che molti atenei hanno palesato la necessità di registrare gli studenti, presenti nel sistema TECO anche nei propri sistemi gestionali, riteniamo opportuno approfondire le valutazioni per la possibile realizzazione di un sistema di assegnazione degli studenti nelle aule maggiormente integrato con i sistemi utilizzati dagli atenei stessi. La realizzazione di un processo maggiormente integrato, dovrà necessariamente prevedere incontri specifici per approfondire le caratteristiche dei singoli gestionali e valutare al meglio come riversare le informazioni raccolte direttamente dagli atenei verso il sistema TECO. Un altro aspetto che occorre valutare, in un ottica di ottimizzare una seconda edizione, riguarda necessariamente la definizione a priori di tutto il sistema di report che si intende disporre a fine attività, con l individuazione condivisa tra ANVUR-ATENEI-CINECA, degli insiemi degli studenti aventi diritto e non aventi diritto, per evitare di dover effettuare complesse analisi a posteriori su dati variati nel tempo e quindi di non semplice ricostruzione. CINECA PROGETTO TECO Pagina 8 di 8

TEST TECO: COS E. Il test Teco è un test che verifica le competenze trasversali dei laureati italiani

TEST TECO: COS E. Il test Teco è un test che verifica le competenze trasversali dei laureati italiani TEST TECO: COS E Il test Teco è un test che verifica le competenze trasversali dei laureati italiani Le competenze trasversali sono caratterizzate dal fatto di non essere oggetto di uno specifico insegnamento

Dettagli

SESSIONE ANTICIPATA PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI. 17-31 marzo 2015. Informazioni e istruzioni. per gli Studenti

SESSIONE ANTICIPATA PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI. 17-31 marzo 2015. Informazioni e istruzioni. per gli Studenti Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche VERIFICA DELLE CONOSCENZE PER L INGRESSO SESSIONE ANTICIPATA

Dettagli

Un Sistema Integrato per la gestione dei Test di Ammissione in modalità CBT (Computer Based Testing)

Un Sistema Integrato per la gestione dei Test di Ammissione in modalità CBT (Computer Based Testing) Un Sistema Integrato per la gestione dei Test di Ammissione in modalità CBT (Computer Based Testing) La Soluzione è realizzata integrando i seguenti Sistemi: ESSE3 per la iscrizione ai test di ammissione

Dettagli

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++ Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l

Dettagli

Prot.n.3376/A5 Stornara, 10 dicembre 2014

Prot.n.3376/A5 Stornara, 10 dicembre 2014 Prot.n.3376/A5 Stornara, 10 dicembre 2014 Ai Docenti Al Personale ATA Al D.s.g.a. Al sito- web Alla commissione di valutazione: (docenti Pirro, Botta, Calzone) Alle funzioni strumentali: (docenti Frontuto,

Dettagli

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Direzione Generale Attuazione Protocollo di Intesa Regione Liguria - MIUR del 4/11/2010 per la realizzazione

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

DIPARTIMENTO di MATEMATICA. REGOLAMENTO PROVA FINALE E CONFERIMENTO DEL TITOLO corso di laurea in MATEMATICA

DIPARTIMENTO di MATEMATICA. REGOLAMENTO PROVA FINALE E CONFERIMENTO DEL TITOLO corso di laurea in MATEMATICA DIPARTIMENTO di MATEMATICA REGOLAMENTO PROVA FINALE E CONFERIMENTO DEL TITOLO corso di laurea in MATEMATICA Emanato con D.R. n. 413 del 2 luglio 2015 INDICE Art. 1 Definizioni... 3 Art. 2 Obiettivi della

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche Decreto Rettorale n. 168 del 2 marzo 2015 IL RETTORE VISTO il decreto ministeriale 3 novembre 1999, n.509, e successive modificazioni e integrazioni, concernente " Regolamento recante norme concernenti

Dettagli

AMBITI PRIORITARI DI INTERVENTO DELLA DIREZIONE GENERALE E OBIETTIVI DELLE AREE DIRIGENZIALI

AMBITI PRIORITARI DI INTERVENTO DELLA DIREZIONE GENERALE E OBIETTIVI DELLE AREE DIRIGENZIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Direzione Generale Università degli Studi di Pavia AMBITI PRIORITARI DI INTERVENTO DELLA DIREZIONE GENERALE E OBIETTIVI DELLE AREE DIRIGENZIALI ANNO 2016 Premessa Il presente

Dettagli

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame PREMESSA Il documento ha lo scopo di definire e regolamentare le procedure connesse con la prenotazione degli esami on line in fase di prima applicazione.

Dettagli

TOLC CONTRATTO DI SERVIZI

TOLC CONTRATTO DI SERVIZI CONTRATTO DI SERVIZI PER L ADESIONE AL TEST ON LINE CISIA TOLC TRA IL CISIA E PREMESSO CHE Il CISIA CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO SISTEMI INTEGRATI PER L ACCESSO (di seguito CISIA) è un consorzio pubblico

Dettagli

Decreto Ministeriale 3 luglio 2015 n. 463. Modalità di svolgimento dei test per i corsi di laurea a ciclo unico ad accesso programmato a.a.

Decreto Ministeriale 3 luglio 2015 n. 463. Modalità di svolgimento dei test per i corsi di laurea a ciclo unico ad accesso programmato a.a. Decreto Ministeriale 3 luglio 2015 n. 463 Modalità di svolgimento dei test per i corsi di laurea a ciclo unico ad accesso programmato a.a. 15/16 La prova di ammissione in MEDICINA consiste nella soluzione

Dettagli

Università per Stranieri Siena

Università per Stranieri Siena Università per Stranieri Siena per Stranieri di Siena Piazza Carlo Rosselli, 27/28-53100 Siena Tel. +39 0577.240.249-274 e-mail:fast@unistrasi.it sito:www.unistrasi.it Piazza Carlo Rosselli, 27/28-53100

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato n. 2 (Procedure per l iscrizione, l accesso ai risultati e lo scorrimento della graduatoria) 1. Ciascun candidato deve presentare la richiesta di partecipazione al test selettivo per l accesso

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: LA CASA DELLE GENTI SETTORE e Area di Intervento: A12 Assistenza ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO FINALITA GENERALE Finalità generale del progetto

Dettagli

estendibile ad altri Enti di Formazione e Istituti Educativi 1/15

estendibile ad altri Enti di Formazione e Istituti Educativi 1/15 Un Sistema Integrato: per sostenere le Attività Formative e di Inserimento Lavorativo per semplificare la Gestione di Processi ed Adempimenti.. a disposizione del Sistema CIOFS/FP. estendibile ad altri

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

Sistema di valutazione delle prestazioni del personale

Sistema di valutazione delle prestazioni del personale Manuale operativo Rev. 1 SOMMARIO 1. FINALITÀ DEL SISTEMA E AMBITI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE... 3 1.1. La metodologia... 4 2. SOGGETTI E RESPONSABILITÀ... 4 2.1. Il Direttore

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Prot.n. 28710 del 07-09-2015 Ai Direttori generali degli Uffici Scolastici Regionali Ai referenti regionali del piano CLIL LORO SEDI OGGETTO: Organizzazione e avvio dei corsi linguistici per docenti CLIL

Dettagli

Organizzazione del Presidio della Qualità di Ateneo. del Politecnico di Bari

Organizzazione del Presidio della Qualità di Ateneo. del Politecnico di Bari Organizzazione del Presidio della Qualità di Ateneo del Politecnico di Bari Sommario 1 Composizione, organizzazione e funzione del Presidio della Qualità del Politecnico di Bari.... 2 1.1 Composizione...

Dettagli

Bando di ammissione a.a. 2015-16 laurea magistrale a ciclo unico in INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA

Bando di ammissione a.a. 2015-16 laurea magistrale a ciclo unico in INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Bando di ammissione a.a. 2015-16 laurea magistrale a ciclo unico in INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Classe LM-4 - Lauree magistrali in Architettura e Ingegneria Edile e Architettura Allegato 1 DR n. 422

Dettagli

Curriculum vitae dell' ing. Salvatore Piccione

Curriculum vitae dell' ing. Salvatore Piccione Curriculum vitae dell' ing. Salvatore Piccione Dati Anagrafici Nome: Piccione Salvatore Data e luogo di nascita: 10/11/1980, Caltagirone Residenza: 4,via Marsala, 40126,Bologna (Bo) Stato Civile: Coniugato

Dettagli

Università Politecnica delle Marche. Progetto Didattico

Università Politecnica delle Marche. Progetto Didattico Università Politecnica delle Marche Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione Sede di Ancona Anno Accademico 2011-2012 Corso di Tecnologie WEB Docente prof. Alessandro

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i) / Nome(i) Indirizzo(i) Via Mentana, 4, 27100 Pavia (Italia) Telefono(i) 0382 984390 Fax 0382 984972 E-mail elena.albera@unipv.it Cittadinanza

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, 60-90146 Palermo - Tel. 091/6909111

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA DIREZIONE GENERALE Via Fattori, 60-90146 Palermo - Tel. 091/6909111 Progetto Assistito al Livello Nazionale 10 passi verso il CPIA CPIA PA Monitoraggio delle attività Il Nucleo di Supporto tecnico-amministrativo costituito con provvedimento di questa Direzione, prot. n.

Dettagli

PROGETTO DI RIFACIMENTO DEL SITO WEB DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO

PROGETTO DI RIFACIMENTO DEL SITO WEB DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO PROGETTO DI RIFACIMENTO DEL SITO WEB DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO Relazione di tirocinio di Roberta Boffi matricola 046328 Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Psicologia a.a. 2004/05

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Via Lecce, 17 03100 FROSINONE - ITALIA Tel. 0775 210531 Fax 0775 210531 E-mail: formazione@sanasrl.it ALLEGATO II.1 CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA ELEMENTI MINIMI LIVELLO STRATEGICO POLITICA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2727 Prot. n. 104/08-112C-S112 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Disposizioni per l'attuazione dell'articolo 8, comma 1, della legge

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Decreto n 45 del 6 luglio 2012 BANDO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE ARCHITETTURA CLASSE LM/4 C.U. CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con D.R. n. 159 del 22 febbraio 2016 INDICE TITOLO I NORME GENERALI... 4 Art. 1 Principi e finalità del regolamento... 4 Art. 2 Principi e

Dettagli

Linee guida per lo svolgimento della certificazione linguistica livello A2 prevista dal DM 4 giugno 2010. presso i CTP della Lombardia

Linee guida per lo svolgimento della certificazione linguistica livello A2 prevista dal DM 4 giugno 2010. presso i CTP della Lombardia Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia TEST DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA PER RICHIEDENTI IL PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO Linee guida per lo svolgimento della

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato n.1 (Prova di ammissione per i corsi di laurea e laurea magistrale cui agli articoli 2, 4, 5 e 6 ) 1. Il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca si avvale del CINECA Consorzio

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 (ai sensi dell art. 14 del Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca emanato con D.R. n. 1548 del 7 agosto 2013)

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE. 14 novembre 2013

PIANO DI COMUNICAZIONE. 14 novembre 2013 Presidio della Qualità di Ateneo Rilevazione della Opinione degli Studenti PIANO DI COMUNICAZIONE 14 novembre a cura di Area Percorsi di Qualità PIANO DI COMUNICAZIONE PER LA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

LA PROFESSIONALITÀ DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

LA PROFESSIONALITÀ DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT Anno Accademico 2014/201 BANDO DI AMMISSIONE MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO (D.M. n. 09 del 3 novembre 1999 e D. M. n. 270 del 22 ottobre 2004)

Dettagli

INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA

INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA Assegna funzioni e responsabilità differenziate Utilizza anche strumenti informatizzati Richiede la redazione di numerosi documenti coinvolge

Dettagli

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II 1. Premesse Lo scenario di riferimento Il profondo mutamento del panorama normativo posto

Dettagli

VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole

VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole 1 VSQ Progetto sperimentale per un sistema di

Dettagli

prove di verifica delle conoscenze per l ingresso ai corsi di laurea scientifici

prove di verifica delle conoscenze per l ingresso ai corsi di laurea scientifici prove di verifica delle conoscenze per l ingresso ai corsi di laurea scientifici modalità organizzative per il periodo autunnale 2014 (Settembre-Dicembre) documento d insieme per le Strutture universitarie

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente

Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente Controllo di Gestione e Misurazione delle Performance: l integrazione delle competenze, la valorizzazione delle differenze e la tecnologia

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO ORIENTAMENTO 2010-2011 Delegato di Ateneo per l orientamento: l Prof.ssa Anita Tabacco Azioni per l Orientamento Il progetto di orientamento formativo 10/11: matematica e fisica rappresentazione

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Assicurazione Qualità della Didattica

Assicurazione Qualità della Didattica Assicurazione Qualità della Didattica Indice 1) Premessa 2) Sistema di Gestione Assicurazione Qualità 3)La struttura organizzativa per l Assicurazione Qualità 4) Sistema di Gestione Assicurazione Qualità

Dettagli

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Nucleo di Valutazione Comune di Siena DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Proposta del Nucleo di Valutazione 1 INDICE 1. I SOGGETTI DELLA VALUTAZIONE...3 2. LA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Comitato per la Valutazione della Didattica Verbale della riunione del 24 giugno 2008

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Comitato per la Valutazione della Didattica Verbale della riunione del 24 giugno 2008 Oggi in Pavia, alle ore 14.30, presso la Stanza di Napoleone, Laboratorio di Anatomia Comparata, Dipartimento di Biologia Animale, piazza Botta 10, si riunisce il Comitato per la valutazione della didattica.

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO INTERISTITUZIONALE PROVINCIALE PER L HANDICAP DI MILANO (G.L.I.P.)

GRUPPO DI LAVORO INTERISTITUZIONALE PROVINCIALE PER L HANDICAP DI MILANO (G.L.I.P.) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO AREE DI SUPPORTO AGLI ISTITUTI SCOLASTICI Formazione, Politiche Giovanili e Sostegno alla Persona via

Dettagli

Sistema di indicatori sulle carriere accademiche degli studenti

Sistema di indicatori sulle carriere accademiche degli studenti Sistema di indicatori sulle carriere accademiche degli studenti Premessa: finalità e obiettivi La necessità di disporre di dati relativi alle carriere accademiche degli studenti e ai risultati delle attività

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

PROFILI DELLA FORMAZIONE

PROFILI DELLA FORMAZIONE Allegato 1d.2 PROFILI DELLA FORMAZIONE Nota Bene: Fermo restando i profili di formazione già sanciti da specifiche regolamentazioni (ad esempio i profili presenti nell ambito della formazione in medicina

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Ufficio II MIURAOODGOS prot. n. 10140

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI AMMISSIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA AFFERENTE ALLA CLASSE N. LM-41 ANNO ACCADEMICO 2010/2011 VISTA la

Dettagli

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Presidio della Qualità di Ateneo Polo Centrale Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida 13 novembre 2014 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

EasySchool. - il modulo per la generazione automatica dell orario delle lezioni negli istituti scolastici - Powered by EasyStaff

EasySchool. - il modulo per la generazione automatica dell orario delle lezioni negli istituti scolastici - Powered by EasyStaff EasySchool - il modulo per la generazione automatica dell orario delle lezioni negli istituti scolastici - Powered by EasyStaff Pag. 1 La realizzazione dell orario delle lezioni rappresenta per ogni scuola

Dettagli

Progetto Finale: Progettazione di un database e di una applicazione

Progetto Finale: Progettazione di un database e di una applicazione Progetto Finale: Progettazione di un database e di una applicazione Roberto Basili Corso di Basi Di Dati a.a. 2002-2003 Norme Generali Il progetto fa parte della valutazione gobale del corso e la data

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico ALLEGATO TECNICO AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO 12 MARZ0 2009 tra il Ministero dell istruzione, e le Organizzazioni sindacali firmatarie del ccnl del personale del comparto scuola, sottoscritto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ED EDUCATIVE DELLA REGIONE SICILIA

AVVISO PUBBLICO ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ED EDUCATIVE DELLA REGIONE SICILIA MIUR.AOODRSI.REGISTRO UFFICIALE(U).0014035.18-09-2015 www.usr.sicilia.it AVVISO PUBBLICO ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ED EDUCATIVE DELLA REGIONE SICILIA PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento, in conformità con i principi e le disposizioni

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

Assistenza e consulenza per tesi di laurea

Assistenza e consulenza per tesi di laurea Assistenza e consulenza per tesi di laurea Sede: Cosenza (in aula ed in videoconferenza) Destinatari Studenti universitari/laureandi per assistenza e consulenza per tesi di laurea in tutte le materie giuridiche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA in convenzione con Confsal, Confsalform e SEA Tuscia S.r.l.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA in convenzione con Confsal, Confsalform e SEA Tuscia S.r.l. Consorzio per la formazione e la qualità delle risorse umane UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA in convenzione con Confsal, Confsalform e SEA Tuscia S.r.l. Dipartimento di Scienze e Tecnologie per l Agricoltura,

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

Proposta operativa per l avvio delle procedure di rilevamento dell opinione degli studenti per l A.A. 2013-2014

Proposta operativa per l avvio delle procedure di rilevamento dell opinione degli studenti per l A.A. 2013-2014 Proposta operativa per l avvio delle procedure di rilevamento dell opinione degli studenti per l A.A. 2013-2014 Procedure di rilevamento dell opinione degli studenti A.A. 2013-2014 Testo aggiornato al

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE Pubblicato in albo web 17.7.2015 Decreto n. 5864 I L R E T T O R E Vista la L. del 9.5.1989, n. 168 e s.m.i.; Vista la L. del 30.12.2040, n. 240

Dettagli

Un esperienza di collaborazione di testing informatizzato

Un esperienza di collaborazione di testing informatizzato Un esperienza di collaborazione di testing informatizzato tra il CentroC Linguistico di Ateneo e il CentroC di Calcolo di Ateneo Marina Canapero Centro Linguistico di Ateneo con la collaborazione di Erik

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Scheda Piano di Miglioramento

Scheda Piano di Miglioramento Scheda Piano di Miglioramento Meccanografico della scuola BGIC896007 Denominazione della scuola Istituto Comprensivo Enrico Fermi di Romano di Lombardia - BG Area di scelta Rapporti scuola-famiglia Motivazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO DEL 5/12/2002

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO DEL 5/12/2002 Oggi in Pavia, alle ore 16.00, presso l Ufficio per gli Studi di Valutazione, si riunisce il Nucleo di Valutazione dell'ateneo. Il Nucleo è stato convocato dal Presidente con lettera del 25/11/2002. Risultano

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AL POF: AREA 1 - GESTIONE 1-2 -3 a.s. 2013/2014

FUNZIONE STRUMENTALE AL POF: AREA 1 - GESTIONE 1-2 -3 a.s. 2013/2014 Relazione finale FUNZIONE STRUMENTALE AL POF: AREA 1 - GESTIONE 1-2 -3 a.s. 2013/2014 OGNI ESSERE UMANO E COME UN SEME: AL DI LA DEI SUOI COMPORTAMENTI, RACCHIUDE QUALITA INNUMEREVOLI CHE RICHIEDONO UN

Dettagli

DVS I TURNI DI LAVORO

DVS I TURNI DI LAVORO I TURNI DI LAVORO Organizzare e gestire i turni di lavoro e le attività connesse è un operazione complessa; è infatti necessario armonizzare le esigenze operative aziendali, le specifiche caratteristiche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI SCIENZE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI SCIENZE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI SCIENZE MODALITÁ DI ACCESSO AI CORSI DI LAUREA AD ACCESSO LIBERO IN: CHIMICA FISICA MATEMATICA - SCIENZE GEOLOGICHE A.A. 2015/2016 STRUTTURA DELLA PROVA DI

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

*AGEFor. Applicativo GEstionale per le attività Formative

*AGEFor. Applicativo GEstionale per le attività Formative * Applicativo GEstionale per le attività Formative Semplice da utilizzare, completo nelle funzionalità, basato su una tecnologia solida ed affidabile Scopri di più... Flessibile, dinamico e facile da utilizzare,

Dettagli

ALLEGATO 1 ELENCO DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLA REGIONE MARCHE INDIVIDUATE QUALI SEDI DI SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ DI CUI ALL ART. 1 COMMA 1 DEL PRESENTE PROTOCOLLO. 1. CTP di Ancona c/o Istituto

Dettagli

Servizi di supporto specialistico alla progettazione e allo sviluppo del portale di Gruppo, alla comunicazione sui canali digitali.

Servizi di supporto specialistico alla progettazione e allo sviluppo del portale di Gruppo, alla comunicazione sui canali digitali. CAPITOLATO TECNICO Servizi di supporto specialistico alla progettazione e allo sviluppo del portale di Gruppo, alla comunicazione sui canali digitali. Nel 2011 il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane intende

Dettagli

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Indire Milano 21 Novembre 2013 Il progetto VSQ Sperimentazione finalizzata

Dettagli

Art. 1. Descrizione della formazione e delle prestazioni inerenti la figura professionale oggetto della selezione

Art. 1. Descrizione della formazione e delle prestazioni inerenti la figura professionale oggetto della selezione Selezione pubblica per l individuazione di TUTOR preposti alla formazione del personale docente Pon Educazione scientifica a.s. 2009-2010 Firenze, 23 Giugno 2009 Decreto n. 132 Il Direttore Generale Vista

Dettagli

REGOLAMENTO MIMPRENDO ITALIA 2014-15

REGOLAMENTO MIMPRENDO ITALIA 2014-15 REGOLAMENTO MIMPRENDO ITALIA 2014-15 Articolo 1 -Definizione dell iniziativa Mimprendo Italia propone un esperienza formativa collegata ad una competizione nazionale tra team multidisciplinari di studenti

Dettagli

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013 formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani Livorno, 23 aprile 2013 2 TRIO è il Sistema di Web Learning della Regione Toscana che mette a disposizione di cittadini, enti pubblici e organizzazioni

Dettagli

elisa - LIMS Tecnologia Microsoft per la gestione completa del processo di analisi di laboratorio

elisa - LIMS Tecnologia Microsoft per la gestione completa del processo di analisi di laboratorio elisa - LIMS Tecnologia Microsoft per la gestione completa del processo di analisi di laboratorio Panoramica LISA Web è il software LIMS di riferimento per i laboratori di analisi Gestio Sviluppato in

Dettagli

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione secondaria superiore della città di Cremona ELABORAZIONE

Dettagli

SAP Performance Management

SAP Performance Management SAP Performance Management La soluzione SAP per la Valutazione e per la Gestione delle Risorse Umane SAP Italia Agenda 1. Criticità e Obiettivi nella Gestione delle Risorse Umane 2. L approccio SAP alla

Dettagli

master mi Sistemi gestionali avanzati per territori complessi Presentazione del Master di I e II livello in Management del governo locale

master mi Sistemi gestionali avanzati per territori complessi Presentazione del Master di I e II livello in Management del governo locale Sistemi gestionali avanzati per territori complessi Presentazione del Master di I e II livello in Management del governo locale Milano 25 febbraio 2011 Finalità del Master Affrontare in modo multidisciplinare

Dettagli

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI Sage Sistemi Srl Treviglio (BG) 24047 Via Caravaggio, 47 Tel. 0363 302828 Fax. 0363 305763 e-mail sage@sagesistemi.it portale web LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI

Dettagli

LOGISAN S.p.A. Company Profile

LOGISAN S.p.A. Company Profile Company Profile tel.0552373019 - fax tel. 0552374069 - Pag. 1/7 Chi Siamo Nata nel 2004 dall'esigenza di un gruppo di strutture sanitarie Logisan è un azienda che aggrega il potere di acquisto e mette

Dettagli

Sistemi e tecnologie: un primo sguardo

Sistemi e tecnologie: un primo sguardo Sistemi e tecnologie: un primo sguardo Ernesto Damiani Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Universita di Milano Polo di Crema damiani@dti.unimi.it http://olaf.crema.unimi.it 1 Sommario Sistemi

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI SCUOLA MEDIA ARMANDO DIAZ OLBIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI PREMESSA Da alcuni anni la nostra scuola è frequentata da alunni stranieri provenienti da paesi europei ed extraeuropei, da

Dettagli