Ufficio Preparazione Paralimpica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ufficio Preparazione Paralimpica"

Transcript

1 PROGETTO SOCHI 2014 RIO 2016 Ufficio Preparazione Paralimpica Versione 6.0 (maggio 2013)

2 Premessa Il Progetto è nato con lo scopo di individuare le strategie ed i mezzi più funzionali ed efficaci per sostenere e supportare la preparazione tecnica degli Atleti d élite in vista dei Giochi Paralimpici. Il Progetto ha subito nel corso del tempo numerose modifiche dovute a motivi diversi ed essenzialmente riconducibili a: congiuntura economica sfavorevole che ha imposto il contenimento delle spese; sovrapposizione degli interventi a favore di alcune categorie di Atleti; valutazione dei risultati ottenuti dalla realizzazione di alcuni programmi nei primi anni di attuazione. Nel corso dell anno 2012 sono state apportate rilevanti modifiche tra le quali, si sottolineano quelle apportate al programma dei Incentivi di medaglia corrisposti dal CIP ai vincitori di medaglia ai Giochi Paralimpici, di cui al punto 2 del presente documento. In vista dei Giochi Paralimpici di Sochi 2014, vengono confermati i seguenti interventi a favore degli Atleti: i) Premi meadglia CONI di cui al punto 1.; ii) Incentivi di medaglia CIP di cui al punto 2.; iii) Assegni Mensili di Preparazione di cui al punto 3.; iv) Indennità di allenamento di cui al punto 4.; il seguente programma a favore dello staff tecnico: v) Premi di Risultato di cui al punto 6. viene inoltre abolito il programma : vi) Materiale Tecnico e attrezzatura sportiva ; ed inserito quello: vii) Preparazione Tecnica straordinaria di cui al punto 5. ~ 1 ~

3 1. Premi medaglia del CONI Destinatari: Atleti medagliati ai Giochi Paralimpici Il Comitato Olimpico Nazionale Italiano corrisponderà i seguenti Premi agli atleti vincitori di medaglia ai Giochi Paralimpici. MEDAGLIA PREMIO ORO , 00 ARGENTO , 00 BRONZO , 00 I suddetti Premi Medaglia sono cumulabili e vengono corrisposti, in uguale misura, anche ai vincitori di medaglia negli sport di squadra e nelle gare a squadre degli sport individuali, comprese le riserve. Sono considerati Atleti anche i Piloti dei tandem, le Guide di sci alpino, nordico e di Atletica leggera, i Timonieri degli equipaggi di canottaggio. ATLETICA????? ~ 2 ~

4 2. Incentivi di medaglia del CIP Destinatari: Atleti medagliati ai Giochi Paralimpici In virtù dell eccezionalità del risultato conseguito, il Comitato Italiano Paralimpico riconosce inoltre agli Atleti vincitori di medaglia d oro ai Giochi Paralimpici, un Assegno Mensile di importo pari a 1.000, 00 per la durata di un intero quadriennio ORO 1.000, , , , 00 IMPORTO ANNUO , , , , 00 Le condizioni per l ottenimento dell Assegno sono: a) proseguire l attività agonistica; b) vestire la maglia azzurra almeno una volta nel corso di ciascuna stagione sportiva. Ai sensi del Regolamento attuativo di Club, vengono equiparati agli Atleti, i Piloti dei tandem, le Guide di sci alpino, sci nordico, atletica leggera ed i Timonieri di canottaggio.. Ai vincitori di medaglia d argento e di bronzo viene riconosciuto un aumento pari al 50% dell importo dell Assegno Mensile di Preparazione previsto per gli Atleti appartenenti al Club Paralimpico (di cui al successivo punto 3), in base alla categoria di appartenenza dell Atleta. L aumento del 50% è garantito per tutta la durata del quadriennio indipendentemente dalla categoria di appartenenza. L importo dell Assegno può pertanto subire variazioni in funzione dei risultati che l Atleta consegue nel corso del quadriennio ed è comunque subordinato alla conferma dei requisiti di permanenza dell Atleta al Club Paralimpico, secondo quanto previsto dal Regolamento attuativo. Il presente programma non si cumula con quello degli Assegni Mensili di Preparazione di cui al successivo punto 3. ~ 3 ~

5 3. Assegni Mensili di Preparazione Destinatari: Atleti del Club Paralimpico Tale forma di sostegno viene riconosciuta agli Atleti appartenenti al Club Paralimpico, ovvero agli atleti di elite del movimento paralimpico nazionale, con l obiettivo di garantire loro un contributo economico finalizzato a sostenere la loro preparazione tecnico-agonistica in vista dei Giochi. L importo dell Assegno mensile varia in funzione della categoria di appartenenza dell Atleta (intendendo quale anno 0 quello della successiva edizione dei Giochi Paralimpici), come indicato nella tabella. L importo aumenta pertanto con l avvicinarsi dell evento paralimpico anche al fine di compensare l eventuale mancato o ridotto guadagno dell Atleta al quale viene richiesto di sacrificare, per lo svolgimento dei propri programmi di allenamento, parte del proprio tempolavoro. L applicazione del programma a nuovi Atleti parte dal momento in cui essi entrano a far parte della lista Club. Tuttavia, l applicazione del presente programma ad ogni singolo Atleta potrà terminare anticipatamente rispetto allo svolgimento dei Giochi, nel momento in cui vengano meno i requisiti di permanenza previsti dallo specifico Regolamento attuativo. Per i criteri di accesso e permanenza nel Club si rimanda al Regolamento attuativo del Club Paralimpico. Gli AMP sono erogati dal CIP direttamente agli Atleti, con cadenza trimestrale. CATEGORIA/ANNO DISCIPLINE ESTIVE OTT / SETT OTT. 2013/ SETT OTT. 2014/ SETT OTT. 2015/ AGO DISCIPLINE INVERNALI APR / MAR APR. 2011/ MAR APR / MAR APR / FEB ORO 400, , , , 00 ARGENTO 300, , , , 00 PODIO 200, , , , 00 ELITE 100, , , , 00 Nota: gli Atleti beneficiano del Programma per una sola disciplina sportiva. ~ 4 ~

6 4. Indennità di allenamento Destinatari: Atleti Partecipanti ai Giochi Paralimpici A seguito delle modifiche apportate al Regolamento attuativo del Club Paralimpico, con particolare riferimento ai criteri di accesso, attualmente estesi a tutti i qualificati ai Giochi Paralimpici, la lista degli Atleti di Club nell anno 0 (anno di svolgimento dei Giochi), dovrebbe riflettere quasi integralmente la composizione numerica e nominativa degli Atleti che parteciperanno alla successiva edizione dei Giochi. Restano esclusi da tale principio, gli Atleti praticanti quelle discipline i cui processi di qualificazione si concludono a pochi mesi di distanza dall apertura dei Giochi. Per compensare tale situazione e nel riconoscere l impegno ed il sacrificio che tutti gli Atleti profondono indistintamente per prepararsi ai Giochi Paralimpici, il CIP assegnerà, nell anno di svolgimento dell evento paralimpico, una specifica Indennità di allenamento una tantum, a tutti gli Atleti che saranno selezionati per la partecipazione ai Giochi Paralimpici e che non abbiano beneficiato del programma AMP di cui al precedente punto 3. CATEGORIA IMPORTO ATLETA 3.000, 00 ATLETA GUIDA, PILOTA, TIMONIERE 2.000, 00 Gli importi delle Indennità di allenamento saranno erogati a titolo di contributo finalizzato alle rispettive Federazioni Sportive Paralimpiche le quali provvederanno al pagamento delle stesse agli aventi diritto. ~ 5 ~

7 5. Programma Preparazione Tecnica Straordinaria Destinatari: Federazioni Sportive Paralimpiche Il presente Programma nasce dalla evidenza della caratteristiche specifiche degli sport invernali riferite in particolare a: i) Sport della neve a) La progressiva e perdurante assenza di neve sui ghiacciai rende necessario lo svolgimento di raduni di preparazione nel periodo estivo in altri continenti (sudamerica, nuova zelanda); b) Il sistema di qualificazione per i Giochi di Sochi 2014 prevede l assegnazione di slot ai Comitati Nazionali Paralimpici in base al numero di Atleti con un determinato punteggio nelle Ranking internazionali, nell ambito dei quali i Comitati Paralimpici potranno selezionare gli Atleti partecipanti, purchè rispettino i criteri di eligibilità. Questi ultimi prevedono un punteggio più selettivo rispetto a quello necessario per l assegnazione degli slot. Pertanto è necessario che gli Atleti probabili prendano parte al maggior numero di competizioni ufficiali per ottenere i punti validi per la partecipazione ai Giochi nelle singole specialità. ii) Sport del ghiaccio Come per tutti gli sport di squadra, l attività collegiale e le opportunità di confronto agonistico con altre nazionali rappresenta un punto strategico della preparazione tecnico agonistica. Per tali motivi il CIP ha stanziato per l anno 2013 la somma complessiva pari a , 00 che potrà essere erogata a favore delle Federazioni interessate (FISIP e FISG), subordinatamente alla presentazione di programmi di preparazione tecnica straordinaria che dovranno essere approvati da parte del CIP. Nota: il presente Programma è confermato fino ai Giochi Paralimpici di Sochi 2014 ~ 6 ~

8 6. Premi di Risultato Destinatari: componenti lo staff tecnico delle squadre nazionali partecipanti ai Giochi Paralimpici Il presente programma è finalizzato a riconoscere il lavoro svolto dallo staff tecnico nazionale durante l intero quadriennio per la preparazione tecnica degli atleti medagliati ai Giochi Paralimpici, ai quali viene riconosciuto un Premio economico. I Premi sono cumulabili e saranno erogati al Direttore/Commissario/Responsabile Tecnico e, nella misura del 50%, anche agli altri tecnici/allenatori purché convocati per i Giochi Paralimpici di Sochi (ed in misura non superiore a n. 2), come di seguito indicato. RESP.LE TECNICO ALTRI COMPONENTI ORO 3.000, , 00 ARGENTO 2.000, , 00 BRONZO 1.000, , 00 Il CIP, preso atto dei risultati ottenuti dagli atleti partecipanti ai Giochi Paralimpici di Sochi 2014 nelle singole discipline erogherà, al termine dei Giochi medesimi, dei contributi finalizzati alle singole FSP le quali provvederanno al pagamento del Premio agli aventi diritto. Eventuali premi aggiuntivi per tecnici appartenenti allo staff nazionale e non convocati in occasione dei Giochi Paralimpici, potranno essere stabiliti dalle rispettive Federazioni Sportive Paralimpiche. Nota: il presente Programma è confermato fino ai Giochi Paralimpici di Sochi 2014 ~ 7 ~

Ufficio Preparazione Paralimpica. Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche

Ufficio Preparazione Paralimpica. Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche PROGETTO LONDRA 2012 SOCHI 2014 Ufficio Preparazione Paralimpica Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche Premessa Il Progetto Londra

Dettagli

PROGETTO PYEONGCHANG 2018 TOKYO approvato dalla Giunta Nazionale CIP nella riunione del 15 dicembre 2014

PROGETTO PYEONGCHANG 2018 TOKYO approvato dalla Giunta Nazionale CIP nella riunione del 15 dicembre 2014 PROGETTO PYEONGCHANG 2018 TOKYO 2020 approvato dalla Giunta Nazionale CIP nella riunione del 15 dicembre 2014 Versione 10_ marzo 2017 Il presente Progetto è nato con lo scopo di individuare le strategie

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE SPORTIVE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE SPORTIVE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE SPORTIVE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA Principi Generali Articolo 1 ( Le Benemerenze Sportive ) Il Consiglio Federale della FIPE istituisce le Benemerenze

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SEGRATE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SEGRATE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SEGRATE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Approvato con delibera di CC n.42 del 15 dicembre 2014 INDICE ARTICOLO

Dettagli

Aero Club d Italia Volo a Vela

Aero Club d Italia Volo a Vela CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE RAPPRESENTATIVE ITALIANE PER LE GARE INTERNAZIONALI Anno 014 TITOLO I CATEGORIE: PILOTI E GARE 1.0 Categorie dei piloti di volo a vela.0 Tipologia delle competizioni organizzate

Dettagli

Normativa d attuazione Wakeboard ALTO LIVELLO E ALTA SPECIALIZZAZIONE

Normativa d attuazione Wakeboard ALTO LIVELLO E ALTA SPECIALIZZAZIONE Normativa d attuazione Wakeboard ALTO LIVELLO E ALTA SPECIALIZZAZIONE SETTORE AGONISTICO Approvato dal 12 CF del 28/06/2010 con delibera n.115-12-09/12 PREMESSA La presente normativa, i cui effetti hanno

Dettagli

Comune di Quinto Vicentino Provincia di Vicenza

Comune di Quinto Vicentino Provincia di Vicenza Comune di Quinto Vicentino Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI, GRUPPI, SOCIETA ED ENTI CHE OPERANO NEL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE Il Comitato Italiano Paralimpico (di seguito: CIP), con sede in Roma, Via Flaminia Nuova,

Dettagli

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 REGOLAMENTO TECNICO ART. 1 SCOPI 1.1 La FIDASC, nell

Dettagli

DISPOSIZIONI SQUADRE NAZIONALI

DISPOSIZIONI SQUADRE NAZIONALI DISPOSIZIONI SQUADRE NAZIONALI TITOLO I - Campo di applicazione - Art. 1 Soggetti 1. Le presenti disposizioni si applicano: a) agli atleti selezionati a rappresentare le Squadre Nazionali dal settore tecnico

Dettagli

Genova 13 Settembre 2010

Genova 13 Settembre 2010 Genova 13 Settembre 2010 Progetto Giovani Matteo Quarantelli 2 La percezione della qualità di un servizio è generato dalla corrispondenza con le aspettative (bisogni) degli utenti. I nostri utenti sono

Dettagli

Art. 16 (Beneficiari) Art. 17 (Tipologia delle iniziative) Art. 18 (Presentazione delle domande) Art. 19 (Cause di inammissibilità della domanda)

Art. 16 (Beneficiari) Art. 17 (Tipologia delle iniziative) Art. 18 (Presentazione delle domande) Art. 19 (Cause di inammissibilità della domanda) Testo coordinato del Capo IV del Regolamento per la concessione dei contributi di cui agli articoli 11, 16 e 18 della legge regionale 3 aprile 2003, n. 8 (Testo unico in materia di sport e tempo libero),

Dettagli

Il CONI attraverso l Area Sport e Preparazione Olimpica

Il CONI attraverso l Area Sport e Preparazione Olimpica 1 Il CONI attraverso l Area Sport e Preparazione Olimpica «cura la preparazione degli atleti, lo svolgimento delle manifestazioni e l approntamento dei mezzi necessari alla partecipazione della delegazione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF 5. PIRAMIDE GIOCATORI 5.1 Brevetto (B) Il Brevetto (B) è riservato solo agli under 16. Ha validità per l anno solare ed è assegnato o rinnovato a giocatori che non abbiano casi pendenti presso il Procuratore

Dettagli

COMUNE DI MONASTIR (Provincia di Cagliari) Regolamento comunale per l assegnazione di contributi per lo sviluppo dello sport

COMUNE DI MONASTIR (Provincia di Cagliari) Regolamento comunale per l assegnazione di contributi per lo sviluppo dello sport COMUNE DI MONASTIR (Provincia di Cagliari) Regolamento comunale per l assegnazione di contributi per lo sviluppo dello sport 1. SOSTEGNO ALL ASSOCIAZIONISMO SPORTIVO A. CONTRIBUTI PER L ATTIVITA ORDINARIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E SOCIALI. ART. 1 I Principi

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E SOCIALI. ART. 1 I Principi REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E SOCIALI ART. 1 I Principi L Amministrazione Comunale di Tempio Pausania può concedere contributi finanziari al fine

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE FEDERALI TITOLO I AL MERITO DEL CICLISMO ARTICOLO 1

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE FEDERALI TITOLO I AL MERITO DEL CICLISMO ARTICOLO 1 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE FEDERALI TITOLO I AL MERITO DEL CICLISMO ARTICOLO 1 Il Consiglio Federale istituisce la distinzione Al merito del ciclismo federale allo scopo di CONSACRARE

Dettagli

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP. C.A.S.P. - Centri Avviamento Sport Paralimpico ANNO SPORTIVO 2010/2011

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP. C.A.S.P. - Centri Avviamento Sport Paralimpico ANNO SPORTIVO 2010/2011 ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP Il Comitato Italiano Paralimpico continuerà, anche in futuro, ad avere una competenza diretta su tutta l attività di avviamento allo sport. La gestione delle attività

Dettagli

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP Il Comitato Italiano Paralimpico continuerà, anche in futuro, ad avere una competenza diretta su tutta l attività di avviamento allo sport. La gestione delle attività

Dettagli

Comitato Regionale Emilia Romagna

Comitato Regionale Emilia Romagna Comitato Regionale Emilia Romagna Progetto Giovani Obiettivo Dressage 2016 Progetto Circoli Ippici Emilia Romagna Progetto miglior Junior Emergente dell anno Qualifica Regionale per Progetto Giovani Nazionale

Dettagli

16º CIRCUITO INTERREGIONALE di NUOTO MASTER STAGIONE SPORTIVA 2015/16

16º CIRCUITO INTERREGIONALE di NUOTO MASTER STAGIONE SPORTIVA 2015/16 Regolamento Circuito regionale Emilia master CSI 2015/2016 CSI Centro Sportivo Italiano Commissione Tecnica Regionale Nuoto 16º CIRCUITO INTERREGIONALE di NUOTO MASTER STAGIONE SPORTIVA 2015/16 1 - Alle

Dettagli

FINALI CAMPIONATO D INVERNO INDIVIDUALI e SQUADRE MILANO 04-05 06 dicembre 2015 REGOLAMENTI

FINALI CAMPIONATO D INVERNO INDIVIDUALI e SQUADRE MILANO 04-05 06 dicembre 2015 REGOLAMENTI Unione Italiana Tiro a Segno FINALI CAMPIONATO D INVERNO INDIVIDUALI e SQUADRE MILANO 04-05 06 dicembre 2015 REGOLAMENTI CAMPIONATO D INVERNO 2015 Milano 04-05-06 dicembre 2015 L Unione indice le finali

Dettagli

Regolamento tecnico di Pallavolo

Regolamento tecnico di Pallavolo Regolamento tecnico di Pallavolo (edizione aprile 2014) 1 Premessa La disciplina della PALLAVOLO praticata degli atleti tesserati della FISDIR prevede competizioni a carattere esclusivamente promozionale

Dettagli

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP Il Comitato Italiano Paralimpico continuerà, anche in futuro, ad avere una competenza diretta su tutta l attività di avviamento allo sport. La gestione delle attività

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO del CLUB PARALIMPICO

REGOLAMENTO ATTUATIVO del CLUB PARALIMPICO REGOLAMENTO ATTUATIVO del CLUB PARALIMPICO approvato della Giunta Nazionale nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche ed integrazioni Versione luglio 2014 REGOLAMENTO ATTUATIVO del CLUB

Dettagli

ROTARIADI C.C.R. La nuova versione del regolamento

ROTARIADI C.C.R. La nuova versione del regolamento GRUPPO BRIANZA NORD RRUPPO DEI PARCHI RRUPPO MONZA BRIANZA ROTARIADI C.C.R. La nuova versione del regolamento REGOLAMENTO 2012/2013 1) I SOGGETTI a) I R.C. del Distretto 2040, rappresentati dai Presidenti

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012 Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 (di seguito la Competizione ) REGOLAMENTO 1) ORGANIZZAZIONE e DENOMINAZIONE DELLA COMPETIZIONE Organizzatrice

Dettagli

Finali Nazionali dei Campionati Studenteschi di VELA. Istituzioni Scolastiche Scuole Secondarie di 1 grado

Finali Nazionali dei Campionati Studenteschi di VELA. Istituzioni Scolastiche Scuole Secondarie di 1 grado Finali Nazionali dei Campionati Studenteschi di VELA Istituzioni Scolastiche Scuole Secondarie di 1 grado Anno scolastico 2013/2014 LAGO DELLE NAZIONI 3-5 giugno 2014 Allegato tecnico CN.VOLANO INDICAZIONI

Dettagli

Codice delle Regate - ALLEGATO E REGOLAMENTO ATTIVITA AMATORIALE E MASTERS

Codice delle Regate - ALLEGATO E REGOLAMENTO ATTIVITA AMATORIALE E MASTERS Codice delle Regate - ALLEGATO E REGOLAMENTO ATTIVITA AMATORIALE E MASTERS Art. 1 Ogni vogatore o vogatrice può gareggiare come Master all inizio dell anno in cui compie l età di 27 anni purché tesserato

Dettagli

FINALITÀ DEL PROGETTO REQUISITI DI AMMISSIONE ALLEGATO 1

FINALITÀ DEL PROGETTO REQUISITI DI AMMISSIONE ALLEGATO 1 ALLEGATO 1 FINALITÀ DEL PROGETTO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE SOCIETÀ SPORTIVE DELLE PROVINCE DI PADOVA E ROVIGO A SOSTEGNO DELL ATTIVITÀ GIOVANILE E PROMOZIONALE ANNO 2014-2015 Le

Dettagli

DOPPIA CARRIERA - CURRICULUM SPORTIVO - UNIFG A.A. 2015/2016 DATI PERSONALI

DOPPIA CARRIERA - CURRICULUM SPORTIVO - UNIFG A.A. 2015/2016 DATI PERSONALI DOPPIA CARRIERA - CURRICULUM SPORTIVO - UNIFG A.A. /06 DATI PERSONALI Sono informato/a che i dati personali raccolti saranno trattati, anche con mezzi informatici, ai sensi e per gli effetti dell'art.3

Dettagli

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Sport Equestri F.I.S.E.

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Sport Equestri F.I.S.E. Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Sport Equestri F.I.S.E. Protocollo d intesa tra il COMITATO ITALIANO PARALIMPICO e la FEDERAZIONE ITALIANA SPORT EQUESTRI

Dettagli

IPC ALPINE SKIING WORLD CUP FINALS 2014 EUROPA CUP. IPC Paralympic ski World Cup in Friuli Venezia Giulia Aspettando i Mondiali 2017

IPC ALPINE SKIING WORLD CUP FINALS 2014 EUROPA CUP. IPC Paralympic ski World Cup in Friuli Venezia Giulia Aspettando i Mondiali 2017 IPC Paralympic ski World Cup in Friuli Venezia Giulia Aspettando i Mondiali 2017 Il 09 e 10 febbraio 2014 Piancavallo ospiterà la IPC Alpine Skiing Europa Cup - Coppa Europa di sci alpino paralimpico,

Dettagli

COMITATO ITALIANO PARALIMPICO RENDICONTO FINANZIARIO PER PROGRAMMI DI ATTIVITà E DI SPESA - ESERCIZIO 2010 FINO AL MESE DI DICEMBRE

COMITATO ITALIANO PARALIMPICO RENDICONTO FINANZIARIO PER PROGRAMMI DI ATTIVITà E DI SPESA - ESERCIZIO 2010 FINO AL MESE DI DICEMBRE ENTRATA Riscosse A c c e r t a t e Riscuotere Totale Accertamenti 1. CONTRIBUTI CONI 1.01. CONTRIBUTI CONI PER IL FUNZIONAMENTO E L'ATTIVITA' SPORTIVA 2.05.030. Contributi diversi 34.00 34.00 34.00 2.06.010.

Dettagli

C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO

C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO 1) INVITO La Federazione Italiana Canottaggio indice e il Circolo Canottieri Piediluco, quale Comitato Organizzatore, in collaborazione con: Delegazione Regionale

Dettagli

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Scherma F.I.S.

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Scherma F.I.S. Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Scherma F.I.S. Protocollo d intesa tra il COMITATO ITALIANO PARALIMPICO e la FEDERAZIONE ITALIANA SCHERMA Il Comitato

Dettagli

PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA

PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA LO SPORT RIVESTE UNA PARTICOLARE IMPORTANZA NEL PROCESSO EVOLUTIVO

Dettagli

ANNO 2011 O STAGIONE SPORTIVA 2010/2011

ANNO 2011 O STAGIONE SPORTIVA 2010/2011 SCADENZA PERENTORIA 31 GENNAIO 2012 DOMANDA ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO PER L'ATTIVITA ORDINARIA E CONTINUATIVA E LA PROMOZIONE DELLO SPORT AI SENSI DELLA L.R. N 17 DEL 17 MAGGIO 1999 ANNO 2011 O STAGIONE

Dettagli

COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso

COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEI CAMPI DA CALCIO (CIG. 5088440984) Il Comune di Tarzo, in esecuzione della delibera consiliare n.11

Dettagli

COMUNE DI STRESA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI.

COMUNE DI STRESA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI. COMUNE DI STRESA Provincia del V.C.O. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI. Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario N. 30 del 16 febbraio

Dettagli

Decreto Struttura Programmi europei per i giovani. n. 2999 del 16/04/2015 (BURL n. 17 del 21/04/2015)

Decreto Struttura Programmi europei per i giovani. n. 2999 del 16/04/2015 (BURL n. 17 del 21/04/2015) Misura a sostegno delle manifestazioni ed eventi sportivi di rilievo regionale, nazionale ed internazionale anche in connessione con le tematiche Expo 2015 Decreto Struttura Programmi europei per i giovani

Dettagli

Capitolo 1 Gare di Endurance in Lombardia

Capitolo 1 Gare di Endurance in Lombardia REGOLAMENTO GARE DI ENDURANCE IN LOMBARDIA in vigore dal 01/01/2015 Capitolo 1 Gare di Endurance in Lombardia Articolo 1.1 Preiscrizioni ed iscrizioni 1.1.1 Le preiscrizioni alle gare di endurance in Lombardia

Dettagli

Estensore Chiara Alfano ************************************************************************

Estensore Chiara Alfano ************************************************************************ Verbale n 02 2014 Torino, 15/03/2014 Ordine del giorno 1. Abbassamento età componenti per gare a squadre 2. Convocazioni Campionati Europei a squadre, Porec (CRO) 15-18 maggio 2014 3. Pagamento iscrizioni

Dettagli

L.R. 2/2002, art. 138 B.U.R. 11/9/2002, n. 37

L.R. 2/2002, art. 138 B.U.R. 11/9/2002, n. 37 L.R. 2/2002, art. 138 B.U.R. 11/9/2002, n. 37 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 9 agosto 2002, n. 0241/Pres. Regolamento di attuazione delle disposizioni contenute nel Titolo VIII della legge regionale

Dettagli

Programmazione Tecnico-Sportiva

Programmazione Tecnico-Sportiva Classi Paralimpiche Programmazione Tecnico-Sportiva Norme di riferimento per l anno 2015 SQUADRA NAZIONALE Premessa Il 2014 ha visto la conferma a livello mondiale di Marco Gualandris e Marta Zanetti che

Dettagli

PROGETTO SALTO OSTACOLI SENIORES

PROGETTO SALTO OSTACOLI SENIORES PROGETTO SALTO OSTACOLI SENIORES Analisi della realtà attuale 1) Carenza di binomi competitivi nella fascia sportiva più alta 2) Difficoltà dell ambiente del salto ostacoli senior a programmare un attività

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DEL TURISMO DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DEL TURISMO DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO D.D.G. n. 2004/S8 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DEL TURISMO DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO SERVIZIO 8 SOSTEGNO ALLE ATTIVITA' SPORTIVE

Dettagli

Comitato Regionale Emilia Romagna

Comitato Regionale Emilia Romagna Comitato Regionale Emilia Romagna Progetto Giovani Obiettivo Dressage 2015 Progetto Circoli Ippici Emilia Romagna Progetto miglior Junior Emergente dell anno Trofeo Nazionale Dressage 2015 Il Progetto

Dettagli

COMITATO ITALIANO PARALIMPICO PREVENTIVO ECONOMICO (QUADRO ANALITICO) ESERCIZIO 2015

COMITATO ITALIANO PARALIMPICO PREVENTIVO ECONOMICO (QUADRO ANALITICO) ESERCIZIO 2015 VALORE DELLA PRODUZIONE 2015 1. Attività Centrale 1.01 Contributi CONI CEA.002 Prepar. Paralimpica e Alto Livello 1.110.000,00 970.000,00 140.000,00 14% CEA.032 Altri contributi CONI 150.000,00-150.000,00-100%

Dettagli

e, p.c.: Al Comitato di Settore A.S. Agli Ufficiali di Gara Alla Società organizzatrice Allo Staff Tecnico dell Hockey Subacqueo

e, p.c.: Al Comitato di Settore A.S. Agli Ufficiali di Gara Alla Società organizzatrice Allo Staff Tecnico dell Hockey Subacqueo SETTORE TECNICO Attività Subacquee Circ. n 3 Prot.: 779/AA/fs Roma, 29 Gennaio 2015 Alle Società del Settore A.S. Ai Comitati Regionali F.I.P.S.A.S. Ai Comitati Provinciali F.I.P.S.A.S. Ai Delegati Prov.li

Dettagli

CONVENZIONE. in tema di. Accordi per l'attuazione dei Licei scientifici con sezione ad indirizzo sportivo

CONVENZIONE. in tema di. Accordi per l'attuazione dei Licei scientifici con sezione ad indirizzo sportivo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Direzione Generale CONVENZIONE in tema di Accordi per l'attuazione dei Licei scientifici con sezione

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTIVITA AGONISTICA MASTER 2014-2015

DISPOSIZIONI ATTIVITA AGONISTICA MASTER 2014-2015 Versione del 25/9/2014 DISPOSIZIONI ATTIVITA AGONISTICA MASTER 2014-2015 Art. 1 Generalità L'Attività Agonistica Master 2014/2015 prevede, per ogni arma e per ciascuna delle categorie d età da 24 anni

Dettagli

PROGETTO SPORT. Promozione Attività sportiva Preparazione fisica individualizzata e specifica

PROGETTO SPORT. Promozione Attività sportiva Preparazione fisica individualizzata e specifica PROGETTO SPORT Promozione Attività sportiva Preparazione fisica individualizzata e specifica OBIETTIVO: creare un punto di riferimento per favorire la pratica di attività sportiva ad atleti con disabilità

Dettagli

COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE

COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE Il Comune di Tarzo, in esecuzione della delibera consiliare n.10 del 18.4.2013,

Dettagli

Progetto SNaQ Scuola Magistrale

Progetto SNaQ Scuola Magistrale 1 PROGETTO SCUOLA MAGISTRALE ARGOMENTI TRATTATI Sistema Nazionale di Qualifica dei Tecnici; Qualifiche e Competenze; Crediti formativi; I Quattro Livelli di Qualifica dei Tecnici Sportivi; Formazione permanente.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 settembre 2013 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 Allegato n. 2 Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 A ) TASSA DI AFFILIAZIONE, ASSOCIAZIONE E VARIAZIONE DI ELEMENTI DELLA PERSONALITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE 1) Affiliazione a) Domanda

Dettagli

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 A ) Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 TASSA DI AFFILIAZIONE, ASSOCIAZIONE E VARIAZIONE DI ELEMENTI DELLA PERSONALITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE 1) Affiliazione a) Domanda presentata

Dettagli

Minimi federali 2014-2015. Il giovane di serie in addestramento tecnico

Minimi federali 2014-2015. Il giovane di serie in addestramento tecnico Minimi federali 2014-2015 Di seguito è riportato uno schema riassuntivo degli importi lordi e netti che, ai sensi della vigente normativa come previsto dalla Legge 23/03/1981 n. 91, nonché degli accordi

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 luglio 2010 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

ATTIVITA INTERNAZIONALE 2013 PARALIMPICA

ATTIVITA INTERNAZIONALE 2013 PARALIMPICA ATTIVITA INTERNAZIONALE 2013 PARALIMPICA PREMESSA ETICO-SPORTIVA I cavalieri che rappresenteranno il nostro Paese nei concorsi internazionali e a maggior ragione in quelli ufficiali (Giochi Olimpici, Campionati

Dettagli

Regolamento del Campionato Italiano Master in tipo libero

Regolamento del Campionato Italiano Master in tipo libero Appendice 1 al Regolamento Master Regolamento del Campionato Italiano Master in tipo libero Art. 1 Istituzione del Campionato Italiano Master E istituito il Campionato Italiano Master in Tipo Libero da

Dettagli

PREMESSA FINALITÀ DEL PROGETTO

PREMESSA FINALITÀ DEL PROGETTO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE SOCIETÀ SPORTIVE DELLE PROVINCIE DI PADOVA E ROVIGO A SOSTEGNO DELL ATTIVITÀ GIOVANILE E PROMOZIONALE ANNO 2013-2014 PREMESSA Il Progetto SPORTIVA-mente,

Dettagli

INIZIATIVE A SOSTEGNO DELLO SPORT IN LOMBARDIA

INIZIATIVE A SOSTEGNO DELLO SPORT IN LOMBARDIA INIZIATIVE A SOSTEGNO DELLO SPORT IN LOMBARDIA CRISTINA COLOMBO DIRETTORE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI Milano, 28 luglio 2015 Sostegno a FSN e ASD Borsa dei giovani talenti sportivi 2 SOSTEGNO

Dettagli

MANIFESTAZIONE PATROCINATA DAL COMUNE DI FELTRE. Feltre, 28 e 29 MARZO 2015 PROGRAMMA PROVVISORIO

MANIFESTAZIONE PATROCINATA DAL COMUNE DI FELTRE. Feltre, 28 e 29 MARZO 2015 PROGRAMMA PROVVISORIO GARA INTERREGIONALE FREE PER ATLETI NON AMMESSI ALLA COPPA ITALIA XIII edizione TROFEO CITTA' DI FELTRE II MEMORIAL GIOVANNI BELATI (valevole per i passaggi di categoria) MANIFESTAZIONE PATROCINATA DAL

Dettagli

14 CORSO NAZIONALE CONI PER TECNICI DI IV LIVELLO EUROPEO. Anno 2014 BANDO DI AMMISSIONE

14 CORSO NAZIONALE CONI PER TECNICI DI IV LIVELLO EUROPEO. Anno 2014 BANDO DI AMMISSIONE 14 CORSO NAZIONALE CONI PER TECNICI DI IV LIVELLO EUROPEO Anno 2014 BANDO DI AMMISSIONE Il presente Bando espone le caratteristiche fondamentali e le norme di ammissione al 14 Corso Nazionale CONI per

Dettagli

Nuoto programmazione 2014/2015 Estiva

Nuoto programmazione 2014/2015 Estiva FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO Comitato Regionale Lombardo Milano, 12 febbraio 2015 Ns. rif. 15-170 Alle Ai Al Ai Alle Al Al Alla Alla Società affiliate Delegati Provinciali GUG Fiduciari Provinciali GUG Sezioni

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITÀ FEDERALE

REGOLAMENTO ATTIVITÀ FEDERALE REGOLAMENTO ATTIVITÀ FEDERALE DELIBERATO DAL CONSIGLIO FEDERALE DEL 22/23.11.13 Art. 1 Ambiti di attività Le discipline sportive praticate in seno alla FISDIR sono suddivise in due ambiti di attività:

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione Redatta ai sensi dell articolo 123 ter del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ed in conformità all Allegato 3A, schemi 7 bis e 7 ter, del regolamento CONSOB 14 maggio

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Contributive. Direzione Centrale Prestazioni

Direzione Centrale Entrate Contributive. Direzione Centrale Prestazioni Direzione Centrale Entrate Contributive Direzione Centrale Prestazioni Roma, 20 Marzo 2008 Circolare n. 37 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO BANDO DI REGATA

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO BANDO DI REGATA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO BANDO DI REGATA CAMPIONATI ITALIANI DI GRAN FONDO MEETING NAZIONALE DI FONDO ALLIEVI E CADETTI REGATA NAZIONALE DI GRAN FONDO MASTER Pisa, Canale dei Navicelli, Domenica

Dettagli

B O R S A D E I G I O V A N I T A L E N T I S P O R T I V I 2015

B O R S A D E I G I O V A N I T A L E N T I S P O R T I V I 2015 ALLEGATO 1 B O R S A D E I G I O V A N I T A L E N T I S P O R T I V I 2015 AVVISO PUBBLICO RIVOLTO AI COMITATI REGIONALI DELLE FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI DI CONI E CIP E ALLE DISCIPLINE SPORTIVE ASSOCIATE

Dettagli

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo.

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo. 2) ATTIVITÀ GIOVANILE AGONISTICA L attività giovanile è ad indirizzo competitivo e si configura principalmente attraverso i risultati delle gare ed il comportamento disciplinare in campo e fuori di Atleti,

Dettagli

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2015/2016

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2015/2016 A ) Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2015/2016 TASSA DI AFFILIAZIONE, ASSOCIAZIONE E VARIAZIONE DI ELEMENTI DELLA PERSONALITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE 1) Affiliazione a) Domanda presentata

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

Direttive indennità di formazione

Direttive indennità di formazione Direttive relative alle indennità di formazione Le direttive relative alle indennità di formazione definiscono le indennità di formazione che i club di Lega Nazionale A maschile devono versare ai club

Dettagli

CONTRATTO DELL'EVENTO

CONTRATTO DELL'EVENTO CONTRATTO DELL'EVENTO relativo all organizzazione del.. tra FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO (d'ora in avanti "FIC") e.. (d'ora in avanti ".") e LA CITTÀ DI [CITTÀ], (d'ora in avanti "CITTÀ") PREMESSO

Dettagli

A.S.D. RUNNING PEOPLE NOICATTARO REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento Interno

A.S.D. RUNNING PEOPLE NOICATTARO REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento Interno 1 Regolamento Interno 2 INDICE ART. 1 FINALITÀ DELL ASSOCIAZIONE pag. 3 ART. 2 TESSERAMENTO pag. 3 ART. 3 QUOTA SOCIALE pag. 4 ART. 4 DIVISA SOCIALE pag. 4 ART. 5 VISITE MEDICHE pag. 4 ART. 6 GARE AGONISTICHE:

Dettagli

STRALCIO VERBALE GIUNTA NAZIONALE 7 OTTOBRE 2011

STRALCIO VERBALE GIUNTA NAZIONALE 7 OTTOBRE 2011 STRALCIO VERBALE GIUNTA NAZIONALE 7 OTTOBRE La Giunta Nazionale delibera di ratificare all unanimità i seguenti provvedimenti di estrema urgenza del Presidente del CIP: n. 96 del 5/07/ Ufficio Scuola e

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITA SPORTIVE Visto il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2006,

Dettagli

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Regionale Emilia Romagna Commissione Beach Volley INDIZIONE

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Regionale Emilia Romagna Commissione Beach Volley INDIZIONE INDIZIONE Circuito Regionale GIOVANILE UNDER 21 di Beach Volley 2014 Fipav Emilia Romagna Pag. 1 Art. 1 Introduzione 1. Il indice, in collaborazione con i Comitati Provinciali della Regione, un Circuito

Dettagli

I CONTRATTI NEL CICLISMO PROFESSIONISTICO. Avv. Pierfilippo Capello capello@k4sport.com

I CONTRATTI NEL CICLISMO PROFESSIONISTICO. Avv. Pierfilippo Capello capello@k4sport.com I CONTRATTI NEL CICLISMO PROFESSIONISTICO Avv. Pierfilippo Capello capello@k4sport.com SPORT E LEGGE: IL DOPPIO ORDINAMENTO La posizione dell atleta tra regolamenti sportivi e legislazione ordinaria. Legislazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO NAZIONALE ALLENATORI PATTINAGGIO di FIGURA C.N.A. F.

REGOLAMENTO COMITATO NAZIONALE ALLENATORI PATTINAGGIO di FIGURA C.N.A. F. FEDERAZIONE ITALIANA SPORT GHIACCIO REGOLAMENTO COMITATO NAZIONALE ALLENATORI PATTINAGGIO di FIGURA C.N.A. F. Approvato con Delibera del Consiglio Federale N. 3-11/190 del 29 Aprile 2011 ART. 1 - DEFINIZIONE

Dettagli

COMUNE DI BORDIGHERA A) ASSEGNAZIONE IN USO DI IMPIANTO SPORTIVO E LOCALI ALL INTERNO DI IMPIANTO SPORTIVO PROCEDURA SELETTIVA

COMUNE DI BORDIGHERA A) ASSEGNAZIONE IN USO DI IMPIANTO SPORTIVO E LOCALI ALL INTERNO DI IMPIANTO SPORTIVO PROCEDURA SELETTIVA COMUNE DI BORDIGHERA A) ASSEGNAZIONE IN USO DI IMPIANTO SPORTIVO E LOCALI ALL INTERNO DI IMPIANTO SPORTIVO PROCEDURA SELETTIVA Il Comune di Bordighera (IM) Via XX Settembre, 32 18012 Bordighera (IM) codice

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 Le categorie Free sono le categorie in cui sono suddivisi gli atleti che non hanno raggiunto lo score e gli eventuali

Dettagli

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B.

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B. Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B. Protocollo d intesa tra il COMITATO ITALIANO PARALIMPICO e la FEDERAZIONE ITALIANA BOCCE Il Comitato Italiano

Dettagli

FEDERAZIONE GINNASTICA D'ITALIA

FEDERAZIONE GINNASTICA D'ITALIA FEDERAZIONE GINNASTICA D'ITALIA REGOLAMENTO TEAM ITALIA Premessa La Federazione Ginnastica d'italia (F.G.I.) ha come fine il raggiungimento di risultati agonistici di alto livello; a tale scopo e per tutelare

Dettagli

X. Campionato Nazionale Assoluto Roma, 1-2 Agosto 2014, Stadio del Nuoto, 50m

X. Campionato Nazionale Assoluto Roma, 1-2 Agosto 2014, Stadio del Nuoto, 50m X. Campionato Nazionale Assoluto Roma, 1-2 Agosto 2014, Stadio del Nuoto, 50m Gare in programma e svolgimento Il programma dei Campionati avrà svolgimento a serie, in due giornate e quattro turni di gara

Dettagli

Circuito regionale Aquagol 2014

Circuito regionale Aquagol 2014 Federazione Italiana Nuoto EDIZIONE 2014 SETTORE PROPAGANDA nati 2003-2004-2005 e seguenti (m/f) Circuito regionale Aquagol 2014 Definizione di categoria: il Circuito Aquagol viene svolto dal all interno

Dettagli

Settore AGONISTICO Judo

Settore AGONISTICO Judo ADO UISP Lombardia Settore AGONISTICO Judo Anno Sportivo 2013/2014 Nuove regole Responsabile Tecnico: Andrea Dimattia Saluti e News Buon anno sportivo a tutti. Ho modificato e semplificato la modalità

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

WORLD CUP IPC ALPINE SKIING SESTRIERE 18-23 GENNAIO 2010 17-22 GENNAIO 2011. presentata da. con il patrocinio di

WORLD CUP IPC ALPINE SKIING SESTRIERE 18-23 GENNAIO 2010 17-22 GENNAIO 2011. presentata da. con il patrocinio di WORLD CUP IPC ALPINE SKIING SESTRIERE 18-23 GENNAIO 2010 17-22 GENNAIO 2011 presentata da con il patrocinio di PROGETTO SPONSOR 2010-2011 ORGANIZZATORI DELL EVENTO Freewhite è un Associazione sportiva

Dettagli

Programma di incentivazione attività degli atleti Junior, Allievi, Ragazzi Incentivazione per l utilizzo di sparring partner

Programma di incentivazione attività degli atleti Junior, Allievi, Ragazzi Incentivazione per l utilizzo di sparring partner Programma di incentivazione attività degli atleti Junior, Allievi, Ragazzi Incentivazione per l utilizzo di sparring partner Bando di selezione domande per l anno agonistico 2013/2014 24/07/2013 Programma

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento. (edizione novembre 2011)

Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento. (edizione novembre 2011) Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CLASSIFICATORI FISE 2015

REGOLAMENTO DEI CLASSIFICATORI FISE 2015 REGOLAMENTO DEI CLASSIFICATORI FISE 2015 Il Regolamento per la Classificazione funzionale per l'equitazione Paralimpica FISE riferisce e fa proprio il Regolamento FEI di classificazione (FEI Para-Equestrian

Dettagli

PROGETTO DI AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO PER GLI ALLENATORI ED I PREPARATORI FISICI DI PALLACANESTRO 2014-2015

PROGETTO DI AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO PER GLI ALLENATORI ED I PREPARATORI FISICI DI PALLACANESTRO 2014-2015 PROGETTO DI AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO PER GLI ALLENATORI ED I PREPARATORI FISICI DI PALLACANESTRO 2014-2015 1. PREMESSA L acquisizione e lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze degli allenatori

Dettagli

Regolamenti 2015/2016 Metodo per l Elaborazione Automatica della Classifica Individuale Unica Nazionale

Regolamenti 2015/2016 Metodo per l Elaborazione Automatica della Classifica Individuale Unica Nazionale Regolamenti 2015/2016 Metodo per l Elaborazione Automatica della Classifica Individuale Unica Nazionale INDICE CAPO 1 - NORME GENERALI... 2 Articolo 1.1 - Obiettivi.... 2 Articolo 1.2 - Periodo valido....

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF SU PISTA

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF SU PISTA FEDERAZIONE ITALIANA GOLF SU PISTA Affiliata W.M.F. E.M.F. NORME DI TESORERIA STAGIONE 2016 Le presenti norme entrano in vigore il 1 gennaio 2016 e restano valide sino a differente comunicazione. 1.0 TESSERAMENTO

Dettagli