Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica"

Transcript

1 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CCXVI N. 2 Letta l'in fo rm a tiv a autorizzo, ai sensi e per gli e ffe tti de! d.igs, 30 g iu g n o 2003 n. 196, I A u to rità di Regolazione dei T ra s p o rti in indirizzo al tra tta m e n to e alla d iffu sio n e, ai fin i di cui a ll'in fo rm a tiv a, dei d a ti personali rip o rta ti nel presente fo rm u la rio. Firma di chi presenta il reclamo:... Firma del passeggero {se diverso da! re c la m a n te ):... Luogo:... Data:...

2 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica Delibera n. 19/2015 Richiesta di autorizzazione avanzata dalla Società Viaggiatori Italia S.r.l. allo svolgimento del servizio di cabotaggio nell'ambito del servizio di trasporto internazionale di passeggeri sulla tratta Parigi - Milano L A u to rità, neila sua riunione del 5 m arzo 2015 VISTO VISTI l'a rt. 37 de! d e cre to legge 6 dicem bre 2011, n. 201, co n ve rtito, con m odificazioni, dalla legge 22 dicem bre 2011, n. 214 e s.m.i., che ha is titu ito l A u to rità di regolazione d e i tra s p o rti (di seguito: A u to rità ); la d ire ttiv a 91/440/CEE del Consiglio del 29 luglio 1991, com e m odificata dalla d ire ttiva 2007/58/C E del Parlam ento europeo e del Consiglio del 23 o tto b re 2007; i co m m i 3-bis e seguenti d e ll a rtico lo 10 della d irettiva 91/440/CEE, in tro d o tti d a li'a rt. 1 della d ire ttiv a 2007/58/C E, in m a te ria di servizio di tra s p o rto fe rro v ia rio in te rn a z io n a le di passeggeri; la legge 23 luglio 2009, n. 99, ed in particolare l'a rtic o lo 59, in m ateria di im itazioni ai servizi passeggeri in am bito nazionale; la C om unicazione inte rp re tativa della C om m issione europea /C 353/01, relativa ad alcune disposizioni della d ire ttiva 2007/58/C E ; la nota SVI-U AD del 7 fe b bra io 2014, con cui Società V iaggiatori Italia S.r.l. (SVI) ha avanzato istanza per l'a u to riz z a z io n e al servizio di cabotaggio nem 'am bito del servìzio in ternazionale di passeggeri sulla tra tta P a rig i-m ila n o, p e r le fe rm a te di M ila n o - Novara - V e rce lli - T o rin o, precisando che p e r le fe rm a te di N ovara e V e rce lli è prevista una sola fe rm a ta al g io rn o p e r senso di p e rcorrenza, m e n tre p e r M ila n o e T orino sono previste tre fe rm a te al g io rn o per senso di p e rcorrenza; VISTE la nota p ro t. n. 2014/1399 d e ll'8 agosto 2014, con cui l'a u to rità ha com u n ica to alle p a rti in te re ssa te l'avvio del p ro ce d im e n to re la tiv o alla istanza p re se n ta ta dalla Società V iaggiatori Italia S.r.l. (SVI);. la nota TRNIT-AD,DPS\P\2014\ del 22 se tte m b re 2014, con cui T renita lia S.p.A., in re lazione alla indicata nota d e ll'a u to rità p ro t. n / , ha chiesto a ll'a u to rità di accertare che lo scopo p rin c ip a le dei servizi rich ie sti da Società V ia g g ia to ri Italia S.r.l. fosse e ffe ttiv a m e n te il tra s p o rto di passeggeri tra stazioni situ a te in s ta ti m em bri diversi, nonché la n o ta p ro t. TRNIT-AD D P S \P \ \ del 9 g e n naio 2015, con cui T re n ita lia S.p.A., in risposta alla nota p ro t. n, / del 18 d ic e m b re 2014, ha co m u n ica to di rite n e re di non d o v e r rich ie d e re la verifica dei re q u isiti di cui all'art, 59 com m a 2 della legge 99/2009;

3 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica VISTE VISTE CONSIDERATO CONSIDERATO CONSIDERATO VISTE CONSIDERATO ie in fo rm a zio n i fo rn ite da Società V iaggiatori Italia S.r.l. con n o te S V I-U AD d e l 9 aprite 2014, S V I-U A D del 7 m aggio 2014 e SV I-U A D del 7 luglio 2014; le in fo rm a zio n i e osservazioni fo rn ite dal M in is te ro delle in fra s tru ttu re e dei tra s p o rti con nota 2256 del 17 s e tte m b re 2014; da T re n o rd S.r.l. con nota del 13 o tto b re 2014; dalla Regione P iem onte con n o ta 5122-D B 1204 del 21 o tto b re 2014; dalla Regione Lom bardia con n o te dei 7 o tto b re 2014 e del 12 n o ve m b re 2014; da T re n ita lia con n o te TR N IT-A D.D P S \P \2014\ del 22 se tte m b re 2014 e TRNIT-AD.D PS\P \2015\ del 9 gennaio 2015; che l'a u to rità, nelle m ore d e ll'a do zio n e di un suo p ro v v e d im e n to ai sensi d e ll'a rt. 59, com m a 1 della legge n. 9 9 /2009, ha a d o tta to q u e llo pre visto d a ll'u ffic io p e r la regolazione dei servizi fe rro v ia ri del M in is te ro d e lle in fra s tru ttu re e dei tra s p o rti, con p ro vve d im e n to del 6 m aggio 2010 p ro t /1 (così com e m o d ific a to con i p ro v v e d im e n ti n. 528 d e l l ' l l luglio 2012 e n. 901 del 20 n o ve m b re 2012), con il quale sono stati in d iv id u a ti i c rite ri in base ai quali l'o rganism o di regolazione stabilisce, tra l'a ltro, se la fin a lità p rincipa le del servizio di tra s p o rto passeggeri richiesto è il trasporto di passeggeri tra stazioni situ a te in stati m em b ri diversi; che, ai sensi d e ll'a rt. 59, com m a 1 della legge n. 9 9 / , ie im prese fe rro v ia rie che fo rn is c o n o servizi di tra s p o rto inte rn a zio n a le di passeggeri hanno d iritto di fa r salire e scendere passeggeri tra stazioni nazionali situ a te lungo il percorso d e l servizio inte rn a zio n a le, senza ii possesso della licenza nazionale, a condizione che la fin a lità p rin cip a le del servizio sia il tra sp o rto di passeggeri tra stazioni situ a te in Stati m e m b ri diversi; che, ta Società V ia g g ia to ri Italia S.r.l. è tito la re di licenza italiana n. 60 rilasciata il 21 d ice m b re 2009 p e r ii servizio di tra s p o rto passeggeri, ma non possiede tito lo a b ilita tiv o o licenza p e r l'esercizio dei servizi di tra s p o rto passeggeri nazionali ai sensi d e ll'a rt, 58 della legge n. 99/2009; le risultanze e gli a tti d e ll'is tru tto ria e le v a lu ta z io n i illu s tra te nel d o c u m e n to a lle g a to alia presente d e lib e ra per c o s titu irn e p a rte in te g ra n te e sostanziale (A llegato A); che ta li risultanze is tru tto rie hanno e vid e n zia to il risp e tto deila co n d iz io n i di cui a ll'a rt. 59, com m a 1 della legge n. 9 9 /2009 e, di conseguenza, il c a ra tte re accessorio del servizio richiesto dalia Società Viaggiatori Italia S.r.l.; su proposta del Segretario G enerale DELIBERA A V

4 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica 1, La Società V ia g g ia to ri Italia S.r.l. è autorizza ta a svolgere il servizio di tra s p o rto fe rro v ia rio passeggeri richiesto, sulla tra tta Parigi - M ila n o, con il d iritto di fa r salire e scendere i passeggeri alle fe rm a te di M ilano - N ovara - V ercelli e T o rin o, alle condizioni e nel ris p e tto delle m odalità in d ic a te nell'istanza presentata dalla società m edesim a, precisando che per le città d i Novara e Vercelli, è p re vista una sola ferm ata al g io rn o p e r senso di percorrenza, m entre per M ila n o e T o rin o sono p re v is te tre fe rm a te al giorno per senso di percorrenza; 2. Gli U ffici c o m p e te n ti, in c o n fo rm ità a q u a n to disposto d a ll'a rt. 59, com m a 4 della legge n. 9 9 /1999, provvedono ad in fo rm a re tu tte le p a rti interessate che le stesse possono chiedere il riesam e della presente decisione e n tro il te rm in e di 30 g io rn i, d e c o rre n te d a ll'in te rv e n u ta conoscenza di variazioni al servizio risp e tto a quelle co ntenute nell'istanza di cui al presente pro ce d im e n to. Torino, 5 m arzo 2015 ^ P re s id e n te A ndrea Cam anzi / ì

5 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica Allegato A A. Descrizione dell'istanza e oggetto della valutazione dell'autorità A.l. SVI Srl (fin o a m aggio 2014 "S ocietà V iaggiatori Italia Srl", poi "SNCF Voyages Italia S rl") è una società con sede a M ila n o, che o pera s o tto la direzione, il c o n tro llo e il c o o rd in a m e n to d i SNCF (Société N ationale des Chem ins de fe r Français). Il G ruppo SNCF, e n te p u b b lico francese, è u n o dei p rincipali g ruppi m o n d ia li a ttiv i nei s e tto ri della m o b ilità, del tra s p o rto e della logistica. A.2. SVI è tito la re di licenza italiana n 60 del 2 1 /1 2 / p e r tra s p o rto in te rn a z io n a le di passeggeri, ma non possiede tito lo a u to riz z a to lo o licenza per l'esercizio d i servizi nazionali ai sensi d e ll'a rt. 58 legge n. 9 9 /2009. A ttu a lm e n te esercita il co lle g a m e n to P a rig i-lion e -T o rin o -M ila n o (TGV), assicurato da 3 coppie di tre n i d iu rn i e q u o tid ia n i, servendo 13 lo ca lità 1. In precedenza l'u ffic io per la regolazione dei servizi fe rro v ia ri (URSF) ha e ffe ttu a to, su richiesta di T re n ita lia Spa, le va lu ta z io n i, di cui ai co m m i 1 e 2 d e ll'a rt. 59 deila legge n. 9 9 / , con rife rim e n to ai servizi di cabota g g io p ro g ra m m a ti da SVI da M ila n o, Novara, V e rce lli verso Oulx, Bardonecchia e viceversa. L'URSF ha concluso, con p ro v v e d im e n to p ro t. n. 59 del 1 4 /0 1 / , che i s u d d e tti servizi h anno com e fin a lità p rin cip a le il servizio in te rn a zio n a le di passeggeri, e non c o m p ro m e tto n o l'e q u ilib rio e co n o m ic o di c o n tra tti di servizio p ubblico. A.3. Con nota SVI-U A D del 7 fe b b ra io 2014 SVI ha rich ie sto a ll'a u to rità, p e r i servizi già e se rcita ti (TGV P a rigi-m ilano), di estendere la fa co ltà di cabotaggio tra Se fe rm a te d i T orino, V erce lli, N ovara e M ila n o, precisando che per le fe rm a te di N ovara e V ercelli è p re vista una sola fe rm a ta al g io rn o per senso di perco rre n za, m e n tre p e r M ila n o e T o rin o sono p re viste tre fe rm a te al g io rn o per senso di percorrenza. A.4. In data 8 a g o sto 2014, con n o ta p ro t. 1399, l'a u to rità ha a vviato il p ro c e d im e n to a vente ad o g g e tto la richiesta presentata da SVI, dandone co m u n ica zio n e al p ro p o n e n te e p ro v v e d e n d o - per co n se n tire di va lu ta re lo scopo del servizio in te m a z io n a le nel tra s p o rta re passeggeri tra stazioni s itu a te nel te rrito rio nazionale e il potenziale im p a tto e conom ico sui c o n tra tti d i servizio p u b blico e siste n ti - a darne in fo rm a z io n e ai soggetti inte re ssa ti (nel caso specifico T re n ita lia, Regioni P iem onte e Lom bardia, M in is te ro delle In fra s tru ttu re e dei T ra sp o rti, RFI, T re n o rd ). A.5. Con nota 2256 del 1 7 /9 / il M in is te ro delle in fra s tru ttu re e dei tra s p o rti ha c o m u n ic a to di non rite n e re che si possa co n fig ura re una com p ro m issio ne d e U 'eq u ilib rio e c o n o m ico del C o n tra tto di servìzio re la tiv o ai servizi di tra s p o rto fe rro v ia rio passeggeri di interesse nazionale, s tip u la to dal M in iste ro stesso con T renitalia. A.6. Con nota del 1 3 /1 0 / T re n o rd ha co m u n ica to di non rite n e re che sussista il rischio di co m p ro m issio ne d e ll'e q u ilib rio eco n om ico del c o n tra tto di servizio s tip u la to con la Regione Lom bardia. Con nota del 12 nove m b re 2014 la Regione Lom bardia ha c o m u n ic a to di non ravvisare la necessità di iniziare una verifica di com prom issione del c o n tra tto. 1 Stazioni servite; M ilano Porta Garibaldi, M ilano Rho Fiera, Novara, Vercelli, Torino Porta Susa, Ouìx/Sestrières, Bardonecchia, M odane, Saint-Jean de Maurlenne, Chambéry, Aix-Les Batns Le Revard, Lyon Saint-Exupéry, Lyon Part-Dieu, Bourg en Bresse, Mâcon TGV, Paris Gare de Lyon.

6 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica A.7. Con nota 5122-D B 1204 del 2 1 /1 0 / la Regione P iem onte ha co m u n ica to di non essere in possesso dei d a ti necessari per q u a ntifica re ia potenziale rid uzion e di re d d itiv ità che s u b ire b b e l'im p re s a fe rro via ria T re n ita lia qualora fosse autorizzato lo svo lg im e n to dei servizi passeggeri p ro p o s ti da SVI. A.8. Con n o ta TR N IT-AD.D P S \P \2014\ del 22 sette m b re 2014 T re n ita lia ha chiesto a ll'a u to rità di a cce rta re che lo scopo principale dei servizi rich ie sti da SVI sia e ffe ttiv a m e n te il tra s p o rto di passeggeri tra stazioni situ a te in stati m e m b ri diversi, ed ha fo rn ito alcune in fo rm a z io n i d i c a ra tte re g e n e ra le relative alle ca ra tte ristich e dei p ro p ri servizi o g g etto di o b b lig h i di servizio p u b b lic o sulla tra tta M ila n o - T o rin o - Bardonecchìa, senza tu tta v ia esp rim e rsi sulla possibile co m p ro m is s io n e d e ll'e q u ilib rio e conom ico dei c o n tra tti di servizio pubblico. L 'A u to rità, con nota p ro t del 1 8 /1 2 / , inviata per conoscenza anche alla Regione P ie m o n te, ha chiesto a T re n ita lia, q u a lo ra rite n g a che il nuovo servizio di cabotaggio p ro p o sto da SVI possa c o m p ro m e tte re l'e q u ilib rio e co n o m ic o del c o n tra tto di servizio con la Regione P iem onte, d i e sp licita re la richiesta di v e rific a di cui al com m a 2 d e ll'a rt. 59 della legge n. 9 9 /2009, co rre d a n dola di adeguata d o c u m e n ta z io n e a n a litica a s u p p o rto delle p ro p rie a rg om entazioni. In risposta a ta le richiesta, con n o ta p ro t. TRNIT- AD D P S \P \2015\ del 0 9 /0 1 / , T renitalia ha co m u n ic a to di rite n e re "d i n o n d o v e r rich ie d e re la verifica dei req u isiti di cui a ll'a rt. 59 com m a 2 della L. 9 9 / ". A.9. In e sito alle risposte p e rve n u te, si rileva d u n que da parte di uno d e i soggetti in te re ssa ti (T re n ita lia ), l'esistenza della richiesta che l'a u to rità v e rific h i che "la fin a lità p rin cip a le del servizio sia il tra s p o rto d i passeggeri tra stazioni situ a te in Stati m e m b ri diversi" (legge n. 9 9 / art. 59, co m m a 1), m e n tre nessuno degli in te re ssa ti ha so tto p o s to a ll'a u to rità richiesta fo rm a le dì verifica che il servizio non c o m p ro m e tta "l'e q u ilib rio econom ico di un c o n tra tto di servizio p u b b lic o " e ve n tu a lm e n te e siste n te (legge n. 9 9 /2009, a rt. 59 com m a 2). L 'A u to rità si è p e rta n to lim ita ta a ve rificare la fin a lità p rin c ip a le del servizio, in linea con q u a n to pre visto dalla com unicazione in te rp re ta tiv a della C om m issione E uropea /C /0 1, la quale in più p u n ti ribadisce che gli O rganism i di regola zio n e non d o v re b b e ro e ffe ttu a le le valutazioni in question e d i p ro p ria iniziativa, ma solo su richiesta d i una delle p a rti interessate ind ica te dalla d irettiva 2007/58/CE.

7 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica B. Valutazioni di merito B.l. A ttu a lm e n te SVI opera sulla tra tta M ila n o - Parigi con 3 co p p ie di tre n i al g io rn o co n p a rtenze da M ila n o alle o re 6:00, 8:45 e 16:07, e da Parigi alle ore 6:28, 1 0:41 e 14:41, e un te m p o d i viaggio com plessivo di poco superio re alle 7 ore. Su ta li tre n i sono am m essi, in partenza d a ll'ita lia, passeggeri d ire tti in Francia; con p ro v v e d im e n to URSF p ro t. n, 59 del 1 4 /0 1 / , è sta ta rico n o sciu ta ia possibilità di fa r salire, su ta li servizi, anche passeggeri d ire tti da M ila n o, Novara, V e rc e lli verso Oulx, Bardonecchia e viceversa. L'intenzione m anifestata da SVI, o g g e tto del presente p ro v v e d im e n to, è q uella di a m m e tte re v ia g g ia to ri anche tra le fe rm a te di M ila n o - N ovara - V e rce lli - T o rin o, con la precisazione che p e r le fe rm a te dì N ovara e V ercelli è prevista una sola fe rm a ta al g io rn o p e r senso di percorrenza, m e n tre p e r M ila n o e T o rin o sono previste tre fe rm a te al g io rn o p e r senso di percorrenza. Criteri utilizzati per la valutazione. B.2. Il p ro v v e d im e n to dell'ursf p ro t /1 del 6 m aggio 2010, com e m o d ifica to con p ro v v e d im e n to n, 528 d e l l 'l l lu g lio 2012 e n. 901 del 20 n o ve m b re 2012, ric h ia m a to in prem essa, indica a ll'a rtic o lo 4 i seguenti c rite ri, q u a n tita tiv i e q u a lita tiv i, in base ai quali ['O rg a n ism o di reg o la zio n e sta b ilisce se la fin a lità p rincipa le del servizio di tra s p o rto inte rn a zio n a le passeggeri rich ie sto sia il tra s p o rto di passeggeri tra stazioni situate in stati m em bri diversi: a) P ercentuale del v o lu m e di carico, intesa com e ra p p o rto fra {n u m e ro di passeggeri s a liti/d is c e s i in s ta zio n i della rete fe rro v ia ria italiana) e (n u m e ro d i passeggeri s a liti/d is c e s i to ta le ); b) P ercentuale del vo lu m e d i affari, intesa com e rap p o rto fra (ric a v a to d a ll'e m issio n e dei b ig lie tti a passeggeri sa liti/d isce si in stazioni della rete fe rro v ia ria italiana) e (ric a v a to d a il'e m is s io n e d e i b ig lie tti a passeggeri sa liti/discesi to ta le ); c) Prevalenza del servizio, o tte n u to ra p p o rta n d o (lunghezza e d u ra ta del percorso in te rrito rio ita lia n o ) a (lunghezza e durata to ta le del percorso); d) Vocazione dei servizio: valutazione q u a lita tiva basata su alcuni p a ra m e tri, fra i quali; - Natura della traccia richiesta, in te rm in i dì o ra rio, frequenza, ubicazione e num ero fe rm a te ; - S tru ttura dei prezzi dei b ig lie tti; - M od a lità di com m ercializzazione dei big lie tti; - Tipologia dei servizi o ffe rti a bordo; - Tipologia di m ate ria le rota b ile utilizzato. B.3. SVI prevede che la perce n tu a le del volum e dì carico (e di conseguenza del v o lu m e d 'a ffa ri) ra p p re se nta ta dai servizi di cabotaggio sia crescente nel corso degii anni. Tale p re visio n e appare co n d ivisib ile, tra tta n d o s i di un servizio nuovo che necessita di te m p o per essere co n o s c iu to dalla clientela. Ai fin i della valutazione della fin a lità principale del servizio, ciò im plica che l'e s ito di tale

8 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica va lu ta zio ne p o tre b b e essere diverso a seconda d e ll'o riz z o n te te m p o ra le co n sid e ra to. O ccorre sta b ilire p e rta n to a quale orizzonte te m p o ra le fare rife rim e n to nella stim a dei v a lo ri di cui al p u n to a) e b) sopra elencati. Il p ro v v e d im e n to URSF p ro t /1 c ita to non forn isce indica zio n i al riguardo. L 'A u to rità, in linea con le indicazioni co n te n u te nella C om unicazione in te rp re ta tiv a della C om m issione Europea /C /0 1 2 e nella prassi in te rn a z io n a le 3, ha e ffe ttu a to le p ro p rie va lu ta zio ni sulla base delle previsioni a m edio term ine, ovvero al te rzo anno di esercizio del servizio. B.4. Con rife rim e n to ai c rite ri q u a n tita tiv i (le tte re a), b e c) sopra elencate), l'ursf non in d ivid u a nel p ro p rio p ro v v e d im e n to v a lo ri di soglia con i quali c o n fro n ta re i v a lo ri calcolati per il caso o g g e tto di va lu ta zio ne, c o e re n te m e n te con q u a n to indicato dalla CE nella C om unicazione c ita ta. Si segnala tu tta v ia che nella prassi inte rn a zio n a le l'uso di valori di soglia è d iffu s o 4, e che in p a rtic o la re il re g o la to re francese (ARAF) prevede un preciso valore p e r ciascuna delle tre v a ria b ili p rincipali: q u a lo ra i p a ra m e tri del servizio o g g e tto di verifica ris p e ttin o t u tti co n te m p o ra n e a m e n te i re q u isiti p re v is ti dalla risp e ttiva soglia, risu ltere b b e p e r ARAF a u to m a tic a m e n te v e rific a ta la prevalenza in te rn a z io n a le del servizio. I valo ri sono i seguenti: il n u m e ro di passeggeri tra s p o rta ti dal servizio di cabotaggio dev'essere in fe rio re ad 'A del to ta le del servizio; La p a rte del vo lu m e d 'a ffa ri p ro ve n ie n te dai servizi di cabotaggio dev'essere in fe rio re ad 1/ 3 del to ta le del servizio; La percorrenza (intesa com e distanza fra le stazioni) delia più lunga tra tta in te rn a zio n a le dev'essere superiore di % risp e tto a quella della m aggiore tra tta soggetta a cabotaggio. B.5. Se uno dei tre c rite ri non dovesse risultare v e rific a to, ARAF prevede il su b e n tro di un'analisi m u ltic rite ria basata sui p a ra m e tri di tip o q u a lita tiv o 5. B.6. Nel caso di specie, tu tta v ia, il terzo c rite rio non pare s u ffic ie n te a d iffe re n zia re tra la situazione prece d e n te la richiesta di SVI del 0 7 /0 2 / e quella p ro s p e tta ta con i servizi a g g iu n tivi di cabotaggio, in quanto ia tra tta nazionale e quella Internazionale più lunga non cam bierebbero. B.7. In ciò che segue p e rta n to verrà in tro d o tto un u lte rio re c rite rio n um erico, m e d ia n te il q u a le sarà c o n fro n ta ta, su base g io rn a lie ra, la som m a delle percorrenze c o rre la te a ciascuna possibile coppia O rigine-d estinazione, v a lu ta n d o II to ta le delle tra tte in te rn a z io n a li con q u e llo re la tiv o ai servizi nazionali svo lti in te rrito rio italiano. "(I criteri]... dovrebbero consentire all'organismo di regolazione di identificare la vocazione del servìzio nel medio termine, piuttosto che le sue caratteristiche in un dato momento". 3 Si veda In particolare il regolatore francese (ARAF) "Décision n ' du 2 7 février 2013 portant sur les services de trasport international de voyageurs comportant des dessertes intérieures", art.22: "L'Autorité analyse la vocation du service à moyen terme, lle s'appuie sur des prévisions sur un horizon de trois ans. Cfr il documento "Guidance on methodology and criteria for assessment of new international passenger services - How to assess whether the economic equilibrium of public service contracts is compromised", pubblicato in data 28/29 novembre 2011 dairindipendent Regulators Group - Rail, par.2,5. 5 ARAF "Décision n du 27 février 2013" (cit.) art

9 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica Informazioni fornite dal richiedente B.8. SVI ha fo rn ito una stim a dei passeggeri che viaggeranno a tl'in te rn o della tra tta M ila n o-n o va ra - V e rce lli-t o rin o su un p e rio d o dì cinque anni d a ll'a ttiv a z io n e del servizio. Il m o d e llo previsionale assunto da SVI si basa sul "tra ffic o realizzato nel 2011 d a ll'o ffe rta A rte sia 6, a p p lic a n d o le ip o te si di crescita osse rva te su a itre o rig in i-d e s tin a z io n i a p e rte alla ve n d ita da o p e ra to ri fe rro v ia ri e te n e n d o conto d e lla p e rd ita della d istrib u zio n e di T re n ita lia e del fa tto che i TGV non c irc o la n o sulla linea ad alta ve lo c ità (te m p o di percorrenza tra T o rin o e M ila n o in TGV s u p e rio re d i 45 m in u ti a q u e llo defle o ffe rte AV d i T re n ita lia e NTV)". Per la tra tta inte rn a zio n a le è sta ta co n sid e ra ta "una crescita tra il 2 ed il 3.5% a seconda d e ll'a n n o co n sid e ra to e degli im p a tti le g a ti a p ro b a b ili e le m e n ti esterni che p o tre b b e ro in flu e n z a re l'o ffe rta ". B.9. Ai fini della ve rìfica della fin a lità p rin c ip a le del servizio, in o ltre, l'a u to rità ha p reso in considerazione anche le p re v is io n i co m u n ica te da SVi all'ursf nel corso del 2013 con rife rim e n to al servizio di cabotaggio da M ila n o, Novara, V e rce lli verso Oulx, B ardonecchia e viceversa7. I passeggeri p re v is ti a ll'in te rn o di ta li tra tte, ed i co n se guenti ricavi, vanno in fa tti s o m m a ti con q u e lli p re v is ti a ll'in te rn o della tra tta M ila n o -N o v a ra -V e rc e lli-t o rìn o p e r o tte n e re il n u m e ra to re d e g li in d ic a to ri dì cui alle le tte re a) e b) della precedente sezione. B.10. O ccorre e vid e n zia re che l'istanza di SVI si riferisce esclu siva m e n te ai se g u enti servizi d i cabotaggio: relazione (M ila n o -N o vara -V e rcelli)-(o u lx-b a rd o necchia ); re lazione M ila n o -N o v a ra -V e rc e lli-t o rin o. Non sono d u n q u e com prese nella richiesta, e p e rta n to n o n co n sid e ra te nelle va lu ta zio n i d e ll'a u to rità, a ltre relazion i tra fe rm a te collocate sul te rrito rio ita lia n o ed e ffe ttu a te n e ll'e sercizio del servizio, e p re cis a m e n te : relazione T orin o -(O u lx-b a rd o n e cch ia ); re la z io n i O D n a zionali in te re ssa n ti la fe rm a ta d i Rho Fiera. Q ualora SVI intendesse estendere il servizio d i cabota g g io anche a ta li relazioni, sarà necessario p rocedere ad u lte rio re verifica. B. l l. L 'A u to rità, n e ìl'a ssu m e re le in fo rm a z io n i fo rn ite da SVI ai fin i d e ile v a lu ta z io n i d i c a ra tte re q u a n tita tiv o, ha p ro c e d u to ad e ffe ttu a re le necessarie v e rific h e circa la lo ro a tte n d ib ilità, te n e n d o conto anche del re g im e ta riffa rio p ro s p e tta to da SVi (il liv e llo d e lle ta riffe sulle tr a tte nazionali sì presenta circa do p pio di quello o ffe rto dai servizi regionali sulle m edesim e tra tte ). B.12. Per q u a n to a ttie n e le stim e dei passeggeri tra s p o rta ti, il d a to a n n uale to ta le p re v is to da SVI p e r il terzo a n n o c o rris p o n d e ad un valore m edio di 237 passeggeri p e r ciascun tre n o circo la nte, I che equivale ad un lo a d -fa c to r m edio dei 63%. Sem pre al terzo anno, il carico su p p o s to per il cabotaggio su O ulx-b a rd o n e cch ia corrisp o n d e a circa 3,6 passeggeri m edi per ogni tre n o, m e n tre p e r il cabotaggio sulla d ire ttric e T o rin o -M ila n o viene stim a to un v a lo re c o rris p o n d e n te a circa 7,2 passeggeri m edi p e r tre n o : i due v a lo ri so m m a ti co rris p o n d o n o a m e n o del 3% dei p o sti disp o n ib ili. Fonte: SVI, nota prot. SVLU AD del 09/04/2014. Gli stessi servizi oggetto da parte di SVI della presente Istanza, benché con programma di esercizio leggermente differente, fino a dicembre 2011 erano gestiti da Artesia sas, società nata in seguito ad accordo fra Trenitaiia e SNCF allo scopo di gestire i collegamenti tra Italia e Francia, e posseduta al 50% fra i due soggetti. Tale servizio prevedeva peraltro la possibilità per gli utenti di effettuare viaggi con origine e destinazione in Italia, proprio sulla direttrice Modane-Torino-Milano. 7 Fonte: SVI, nota prot. SV1-U AD-R dei 20/05/2013 indirizzata ad URSF.

10 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica B.13. A g iu d iz io d e ll'a u to rità, i v a lo ri assunti per i servizi di cabotaggio, d ich ia ra ta m e n te poggiati sui d a ti a co n s u n tiv o dell'a nalo g o servizio o ffe rto fino al 2011 dalia società A rtesia sulfe m edesim e tra tte, nonché sul consuntivo 2012 del servizio internazionale M ila n o-p a rig i o ffe rto a p a rtire da d ice m b re 2011 da SVI, specie p e r la tra tta T orin o -M ila n o, si p re se n ta n o p iu tto s to bassi se p a ra g o n a ti ai v a lo ri co m p le ssivi g io rn a lie ri dei passeggeri tra sp o rta ti sulla d ire ttric e 8. La ragione di ta li bassi v a lo ri può essere tu tta v ia spiegata: dalla spiccata stagionalità del servizio per Oulx e B ardonecchia che, com e già e v id e n zia to da URSF nella sua is tru tto ria d e l 2013, si presenta a p p etib ile s o p ra ttu tto p e r una d o m a n d a a c a ra tte re lu d ic o /s p o rtiv o /tu ris tic a nei fin e se ttim a n a del p e riodo in ve rn a le, in cui o ccasionalm ente il n u m e ro di u te n ti può p o te n zia lm e n te raggiungere anche v a lo ri e le v a ti, c o m p a tib ili com e o rd in e di grandezza con q u e lli del servizio in te rn a zio n a le, ma che nel resto d e ll'a n n o presenterà v a lo ri senz'altro m o lto m eno elevati;» dalla considerazione che è in a tto la progressiva im p le m e n ta zio n e sulla tra tta T o rin o -M ila n o, in gran p a rte successivam ente a! 2011, di servizi a libero m e rc a to ca ra tte rizza ti da regim e ta riffa rio sim ile (Frecciarossa e Frecciabianca, Italo), ma da prestazioni co m plessivam ente m ig lio ri in te rm in i di velo cità com m erciale e frequenza; dalla considerazione della presenza, sem pre sulla tra tta T o rin o -M ila n o, di servizi sussidiati (R egionali V eloci - P ie m o n te) c a ra tte rizza ti da livelli ta riffa ri m o lto più bassi e da u n 'o ffe rta a cadenzam ento o ra rio su tu tta la giornata, ancorché da tem pi di percorrenza lievem ente m aggiori. B.14. R iguardo ai servizi di cabota g g io o g g e tto della valutazione, è in o ltre o p p o rtu n o co nsiderare gli e ffe tti, n e ll'o riz z o n te te m p o ra le in esam e, d e ll'e vento "E xpo2015" pre visto p e r la prossim a estate a M ila n o. E' in fa tti m o lto probabile che tale evento in crem e n ti in m aniera sensibile, anche in p ro s p e ttiv a trie n n a le, sia la dom anda che l'o ffe rta correlata al servizio inte rn a zio n a le, a u m e n ta n d o sia il n u m e ro dì passeggeri che i ricavi dai servizi di trasporto in te rn a z io n a li in ra p p o rto a q u a n to re g istra b ile per i servizi d i cabotaggio nazionale. Le tracce internazionali rich ie ste da SVI co m p re n d o n o in fa tti una fe rm a ta presso la stazione di Rho Fiera (sede d e il'e v e n to Expo2015), senza che sia pre visto p e r essa alcun servizio di cabotaggio; tale ferm ata è p e rta n to utilizzabile per la salita/discesa dei soli passeggeri a venti ris p e ttiv a m e n te d e stin azion e /o rigine o ltre confin e. Poiché gli e ffe tti di cui sopra a c ce n tu a n o, di fa tto, la ca ratterizzazione essenzialm ente in te rn a zio n a le del servizio di tra s p o rto in esam e, non si è rite n u to d i corre g g e re le stim e per consid e ra re ta li e ffe tti, "irro b u s te n d o " il c rite rio di ve rific a p e rtin e n te. B.15, A lle s tim e della dom anda espresse in te rm in i di n u m e ro di passeggeri attesi, d i cui al c a p ito lo p re c e d e n te, co rrisp o n d o no s tim e relative ai ricavi di esercizio: il rich ie d e n te assum e per l'in te ra tra tta un ricavo m edio per passegg e ro /tre n o pari a circa 73, m e n tre per i passeggeri re la tiv i al cabotaggio viene stim ato un ricavo m edio pari a circa 32 per passeggero /treno sulia tra tta 8 SVI per il cabotaggio sulla direttrice Torino-Milano stima complessivamente circa 45 passeggeri al giorno. Il traffico complessivo sulla linea (cumulando i treni Regionali Veloci, gli Intercity Notte ed i FrecciaBianca, ed escludendo i treni AV, che operano su un diverso percorso) sulla base dell'offerta e del lood factor medio (31,5% dato per i servizi regionali desunto da bilancio Trenitalia 2Q1Q) può essere stimato in almeno passeggeri al giorno, ripartiti su 58 treni complessivi circolanti nel giorno feriale (36 RV, 4 ICN, 18 FB); occorre tuttavia tenere conto che i treni regionali effettuano fermate intermedie non solo a Vercelli e Novara, ma anche a Chlvasso, Santhià, Magenta, Rho. I dati stimati da SVI presumono in definitiva dì catturare circa lo 0.3% dei passeggeri sulla direttrice Torino-Milano.

11 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica interessante O ulx-b ardonecchia, ed a circa 20 per passe ggero /tre n o sulla tra tta T o rin o -M ila n o, Tali dati appaion o c o m p a tib ili con l'a rtico la zio n e ta riffa rla p ro s p e tta ta da SVI. Verìfica della fin a lità principale d el servizio di trasporto proposto B.16. Per la verifica della fin a lità p re va le n te del servìzio, gli U ffici d e ir A u to rità h anno posto a c o n fro n to il servizio nel suo com plesso (tra tta nazionale + tra tta in te rn a zio n a le ) con (i) il cu m u lo dei due servizi di cabotaggio che, a regim e, risu lte ra n n o in esercizio sulle m edesim e tra tte : il servizio di ca botaggio già a u torizza to (M ila n o -N o vara -V e rce lli)-(o u ix-b a rd o necch ia ) e il servizio di cabotaggio o g g e tto della presente richiesta, o p e ra n te sulla tra tta M ila n o -N o va ra -V e rce lli-t o rin o ; (ii) il nuovo servizio di cabotaggio, re la tiv a m e n te ai servizi aggiu ntivi lungo la linea M ila n o -N o v a ra -V e rc e lli-t o rin o. B.17. Con rife rim e n to al terzo a n n o dì esercizio del servizio, si o tte n g o n o i se g u enti ris u lta ti; li ra p p o rto fra il n u m e ro com plessivo dei passeggeri dei servizi d i cabota g g io (23.772) ed iì to ta le dei passeggeri tra s p o rta ti suh 'intera linea ( ) è pari al 4,34%. Di essi, solo il 2,88% rappre se nta il carico aggiuntivo di passeggeri per i nuovi servizi di cabotaggio (T o rin o -M ila n o ); * Il ra p p o rto fra il ricavo da tra ffic o g e nerato dal ca botaggio ( ) ed il ricavo da tra ffic o to ta le suh 'intera linea ( ) è pari ali'1,49%, di cui solo lo 0,99% rap p re se nta il ricavo s tim a to per i nuovi servizi di cabotaggio (T orino-m ilano); Il ra p p o rto fra la m aggio re percorrenza in te rn a zio n a le (km 889, sulla tra tta P a rig i-m ila n o ) e la m aggiore percorrenza nazionale (km 229, sulla tra tta M ilano-b ardonecchia ) è pari a 3,88.» Il ra p p o rto fra le so m m e d e lle percorrenze in te rn a zio n a li ed ita lia n e c o rre la te alle singole coppie O rigine-d estinazione o ffe rte su base g io rn a lie ra esp rim e un valo re p a ri a 13,25 consid e ra n d o il solo cabotaggio ve rs o /d a B ardonecchìa e O ulx, che si riduce a 9,67 co m p re n d e n d o i nuovi servizi di cabotaggio (T o rin o -M ila n o ). B.18. Gli in d ic a to ri q u a n tita tiv i sopra d e scritti e videnziano d u n que una n e tta prevalenza del servizio in te rn a z io n a le -ris p e tto a q u e llo in a m b ito nazionale9. B.19. L 'A u to rità, in ogni caso, ha preso in considerazione, ai fin i d e lle p ro p rie va lu ta zio n i, anche gli a sp e tti q u a lita tiv i c o n te m p la ti dal p ro vve d im e n to dell'ursf n, /1 del 2010 e ria ssum ib ili nel co n c e tto di "vocazione del se rvizio '' {vedi le tte ra d) della p re ce d e n te sezione re la tiva ai c rite ri d i valu ta zio ne a d o tta ti). Su ta li aspetti, si può osservare q u a n to segue. Per q u a n to riguarda la n a tura della traccia richiesta, in te rm in i di o ra rio, frequenza, ubicazione e n u m e ro di fe rm a te, da! program m a di esercizio dei servizi si evidenzia una d iffe re n te ve lo cità com m e rcia le fra il servìzio sul te rrito rio ita lia n o (circa 80 k m /h ) e q u e llo sul te rrito rio francese (circa 146 k m /h ) n o n o sta n te 1 fa tto che vi sia un n u m e ro lim ita to dì fe rm a te e ffe ttu a te in te rrito rio ita lia n o (so lta n to 6, pur a ttra ve rsan d o 46 stazioni). Si evidenzia in o ltre una frequenza di o ffe rta m olto 9 Si rilevi che il valore assunto dai 3 indicatori assunti da ARAF rispetta ampiamente i valori di soglia stabiliti da! regolatore francese (rispettivamente: valore massimo del 25% del passeggeri e del 33,3% dei ricavi da traffico imputabili al cabotaggio; valore minimo dì 1,25 del rapporto tra maggiore percorrenza internazionale e maggiore percorrenza nazionale) che, nella procedura di valutazione da esso adottata, consentono di ritenere automaticamente verificata la prevalenza internazionale del servuio.

12 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica lim ita ta nel corso della g io rn a ta (6 tre n i/g io rn o, a fro n te dei 102 co m p le ssiva m e n te fa c e n ti capo a li'o ffe rta sulla d ire ttric e T o rin o -M ila n o - 36 regionali veloci, 22 in te rc ity in p a rte sussidiati, 44 servizi ad Alta Velocità a libero m e rc a to 10). Per q u a n to riguarda il sistem a ta riffa rio e la m odalità d i com m ercializzazione dei b ig lie tti, essi sono c a ra tte riz z a ti dall'assenza di o ffe rta di fo rm e di a b b o n a m e n to al servizio, nonché dalla scarsità di riv e n d ite a te rra nei pressi d e lle stazioni di tra n s ito sul te rrito rio nazionale (benché sia o ffe rta la p ossibilità di acquisire i tito li di viaggio a bordo treno), Il live llo delle ta riffe sulle tra tte nazionali si presenta circa d o p p io a q u e llo o ffe rto dai servizi re g io n a li sulle m edesim e tra tte 11. I servizi o ffe rti a b ordo sono c o m p a tib ili con un servizio a lunga percorrenza p iu tto s to che con quello su brevi distanze. Il m a te ria le ro ta b ile TGV Réseau è caratterizzato da un liv e llo di c o m fo rt e pre sta zio n i, di cui p e ra ltro l'u te n te può beneficiare in pieno solo sulle linee francesi, paragonabile a q u e llo dei servizi ad alta ve lo cità circolanti sul te rrito rio italiano. B.20. in d e fin itiv a anche l'analisi q u a lita tiv a delle c a ra tte ristich e vocazionali del servizio di tra s p o rto in esam e, in te so nel suo com plesso, induce a rite n e re che esso abbia com e fin a lità p rin cip a le il tra s p o rto a lunga percorrenza ed internazionale di passeggeri. io Programma di esercizio vigente a gennaio Dati medi giornalieri. Mìlano-Torino: (lei) 12,20 C {2d); Milano-Bardonecchia (2cl). Fonte: http;// {interrogato 122/01/2015).

13 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica D elibera n. 22 P ro p o sta d i re v is io n e d e i D ir itti A e ro p o rtu a li d e ll'a e ro p o rto "G a lile o G a lile i" d i Pisa p e r il p e rio d o ta riffa rio C o n fo rm ità ai M o d e lli d i R egolazione dei D ir itti A e ro p o rtu a li a p p ro v a ti con D e lib e ra ART n. 6 4 / L 'A u to rità, nella sua riunione dei 12 m ar VISTO VISTI l'a rtic o lo 37 del Decreto-Legge 6 dicem bre 2011 n. 201, c o n ve rtito in legge, con m od ifica zio n i, d a ll'a rt, 1, co m m a 1, L. 22 d ice m b re 2011, n. 214, che ha is titu ito l'a u to rità di Regolazione dei T ra s p o rti (di seguito: A u to rità ) com e successivam ente in te g ra to e m o d ifica to ; gli a rtic o li da 71 a 82 del Decreto-Legge 24 gennaio 2012, n. 1, c o n v e rtito in legge, con m od ifica zio n i, d a ll a rt. 1, com m a 1, Legge 24 m arzo 2012, n. 27, con i q u a li è stata rece p ita d ire ttiv a 2009/12/C E del P arlam ento e u ro p e o e del C onsiglio d e l l ' l l m arzo 2009 conce rn e n te i d ir itti aero p o rtu a li, com e successivam ente in te g ra to e m o d ific a to, ed in particolare: - l'a rtic o lo 76, com m a 1: "Al fine dell'applicazione del sistema dei d iritti aeroportuali, l'autorità di vigilanza predispone specifici modelli tariffari, calibrati sulla base del traffico annuo di movim enti passeggeri registrato, al fin e di assicurare che i diritti applicati agli utenti degli aeroporti rispondano ai principi di cui all'articolo 80, comma 1 "; - l'a rtic o lo 76, com m a 2: "Il gestore, individuato il modello tariffario tra quelli predisposti dalia utorità ai sensi del comma 1 e determ inato l am m ontare dei diritti, previa consultazione degli utenti degli aeroporti, lo sottopone aw Autorità di vigilanza che verifica e d approva entro quaranta giorni la corretta applicazione del modello tariffario e del livello dei diritti aeroportuali in coerenza anche agli obblighi di concessione"; VISTI in p a rtico la re : - l'a rtic o lo 37, com m a 2, le tte ra a) del D ecreto-legge 6 d ice m b re 2011 n. 201, che stabilisce che l'a u to rità provvede: a garantire, secondo m etodologie che incentivino la concorrenza, l'efficienza produttiva delle gestioni e il contenim ento dei costi per gli utenti, le imprese e i consumatori, condizioni di accesso eque e non discriminatorie alle infrastrutture ferroviarie^ portuali, aeroportuali e olle reti autostradali - l'a rtic o lo 37, com m a 2, le tte ra b) del D ecreto-legge 6 d ice m b re 2011 n. 201, che assegna a ll'a u to rità il co m p ito di: "definire, se ritenuto necessario in relazione alle condizioni di concorrenza effettivam ente esistenti nei singoli m ercati dei servizi dei trasporti nazionali e locali, i criteri p er la fissazione da p arte dei soggetti com petenti delle tariffe, dei canoni, dei pedaggi, tenendo conto dell'esigenza di assicurare l'equilibrio economico delle Imprese regolate,

14 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica l efficienza produttiva delle gestioni e il contenim ento dei costi per gli utenti, le imprese, i consumatori'; - l'a rtic o lo 37, com m a 2, le tte ra h) de! D ecreto-legge 6 d ice m b re n. 201, che prevede che l'a u to rità p ro w e d a : "con particolare riferim ento al settore aeroportuale, a svolgere ai sensi degli articoli da 71 a 81 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, tutte le funzioni di A utorità di vigilanza istituita dall'artìcolo 71, com ma 2, del predetto decreto-legge n. 1 del 2012, in attuazione della direttiva 2009/12/C E dei Parlam ento europeo e del Consiglio, d e ll'll marzo 2009, concernente i diritti aeroportuali"; VISTI VISTI CONSIDERATO in o ltre : - l'a rtic o lo 37, com m a 2, le tte ra I) del D ecreto-legge 6 d ice m b re 2011 n. 201; - l'a rtic o lo 37, com m a 3, ietterà f) del Decreto-Legge 6 dice m b re 2011 ri. 201; - l'a rtic o lo 37, com m a 3, lettera i) del Decreto-Legge 6 dicem bre 2011 n. 201; la D elibera n. 6 4 /2014 del 17 se tte m b re 2014 di "approvazione dei m odelli di regolazione dei diritti aeroportuali, ed i relativi allegati, elaborati all'esito della pubbiica consultazione dei soggetti interessati e delle associazioni rappresentative degli utenti e dei gestori aeroportuali: - Modello 1 - aeroporti con traffico superiore ai cinque milioni di passeggeri/anno; - M odello 2 - aeroporti con traffico compreso tra i tre ed i cinque m ilioni di passeggeri/anno; - Modello 3 - aeroporti con traffico inferiore ai tre milioni di passeggeri/anno in p a rtico la re i ca p ito li 3, 4, 5 dei M o d e llo 2 a p p ro va to con D elibera n. 6 4 /2014 del 17 settem bre 2014 e relativi rispettivam ente a; - Procedura di consultazione sulla proposta di revisione dei d iritti a e ro p o rtu a li; - In fo rm a tiv a da parte del gestore e dei v e tto ri; - Esito della consultazione; la ie tte rà, assunta agli a tti al p rot / del 25 n o ve m b re 2014, con cui la Società A e ro p o rto Toscano G alileo G alilei S.p.A. (di seguito: SAT), a ffid a ta ria in concessione della gestione d e ll'a e ro p o rto civile "G alile o G a lile i'' di Pisa, ha n o tific a to a ll'a u to rità, in data 21 N ovem bre 2014, 'a p e rtu ra d e lla P rocedura di C onsultazione degli U tenti, avente ad o g g e tto la proposta di a g g io rn a m e n to del livello dei D iritti aeroportuali da applicarsi nel Periodo ta riffa rio / ; la d o cum e n ta zio n e, in lingua Italiana ed inglese, che SAT ha trasm esso a ll'a u to rità e p re se n ta to alla p ro p ria Utenza a e ro p o rtu a le ai fin i della C onsultazione, In m e rito ai co n te n u ti della suddetta proposta; l'u lte rio re d o cum entazione in fo rm a tica che SAT ha trasm esso a ll'a u to rità ai fin i della ve rifica della c o n form ità della s u d d e tta pro p o sta al M o d e llo ta riffa rio a d o tta to ; il p ro c e d im e n to is tru tto rio eseguito dagli U ffici d e ll'a u to rità e c o n sistito in: - p artecipazione all'audizione degli U te n ti a e ro p o rtu a li, a vve n uta presso la sede d e ll'a e ro p o rto di Pisa in data 13 gennaio 2015;

15 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica - va lu ta zio ne della d o cum entazione p ro d o tta da SAT, al fin e di ve rificarn e la coerenza con i! M o d e llo ta riffa rio a d o tta to, te n u to c o n to anche delle osservazioni e delle richieste di a p p ro fo n d im e n to avanzate nel corso d e ll'a u d iz io n e dagli U te n ti a e ro p o rtu a li; - convocazione di SAT in audizione presso l'a u to rità, in d a ta 27 gennaio 2015, al fin e di agevolare il Gestore nella presentazione della p ro p o sta d e fin itiv a di revisione dei D iritti A e ro p o rtu a li e se m p lificarn e l'ite r p ro ce d u rale p re visto ai paragrafi 5.1,1 e del M o d e llo ta riffa rio a d o tta to, con segnalazione, da parte d e g li U ffici d eh 'A utorità al G estore a e ro p o rtu a le, di alcune te m a tic h e m e rite v o li di a p p ro fo n d im e n to, em erse nel corso della v e rific a di c o n fo rm ità al M od e llo ; - va lu ta zio ne dei d o cu m e n ti p ro d o tti da SAT a se g u ito d e ll audizione del 27 g e nnaio 2015, o ltre che della docu m e n ta zio n e in fo rm a tic a a su p p o rto, al fin e di ve rificarn e la rispondenza alle osservazioni ve rb a lizza te ne! corso della su d d e tta audizione; la le tte ra, assunta al p ro to c o llo deh 'A utorità con il n, / del 3 m arzo 2015, con cui SAT, ha com unicato, in data 12 Febbraio 2015: - la chiusura delia Procedura di Consultazione d e g li U te n ti, a v e n te ad o g g e tto la proposta di a g g io rn a m ento del livello dei D iritti a e ro p o rtu a li da applicarsi nel Periodo ta riffa rio 2015/2018; - la d ichiarazione che sulla proposta d e fin itiva è stata co n se guita una intesa sostanziale con gli U te n ti A e ro p o rtu a li; - la trasm issione, alla stessa A u to rità, della p ro p o sta d e fin itiv a e la b o ra ta a ll'e sito della P rocedura, u n ita m e n te a copia in tegrale della d o c u m e n ta z io n e relativa allo svo lg im e n to della C onsultazione, com prensiva di copia della le tte ra di trasm issione a IATA ed alle com pagnie aeree del live llo d e lle ta riffe p re visto per il 2015, di cui dichiara: - la p ubblicazione sul p ro p rio sito w e b in data 12 fe b b ra io 2015; - l'appiicazione a partire dal 16 aprile 2015; - la richiesta, alla stessa A u to rità, di provve d e re alle a ttiv ità ad essa s p e tta n ti per q u a n to p re visto dal M o d e llo ta riffa rio a d o tta to ; CONSIDERATO che ai sensi d e ll'a rt. 76 del Decreto-Legge 24 gennaio 2012, n. 1 sopra richiam ato, nonché in a ttu a z io n e di q u a n to disposto al paragrafo d e l M o d e llo ta riffa rio a d o tta to da SAT, 'A u to rità, e n tro 40 g iorni dalla d a ta di ric e v im e n to della com unicazione di avvenuta chiusura della Procedura di C o n su lta zio ne degli U te n ti e delia p roposta d e fin itiv a in tegrata della d o cu m e n ta zio n e in fo rm a tiv a prevista dai M o d e lli, deve e sprim e rsi circa la co n fo rm ità della p ro p o sta di revisio ne dei D iritti A e ro p o rtu a li ai p rin c ip i e crite ri posti alla base di d e tti M o d e lli ta riffa ri; la relazione is tru tto ria p ro d o tta dagli U ffici ed acquisita agli a tti del p ro ce d im e n to ; la p roposta del S egretario G enerale, sulla base degli a tti del p ro c e d im e n to ; ^ CONSIDERATO che non sono pervenute a ll'a u to rità istanze di revisione della proposta d e fin itiva e n tro i te rm in i a tal fin e previsti dal M o d e llo ta riffa rio p re sce lto da SAT..

16 Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica T u tto ciò prem esso e considerato, l'a u to rità DELIBERA 1. La p ro p o sta d e fin itiva di revisione dei d iritti a e roportuali, presentata a seguito della consultazione dalla Società A e ro p o rto Toscano G alileo G alilei S.p.A. (di seguito "SAT"), a ffid a ta ria in concessione della g e stio ne d e ll'a e ro p o rto civile "G alile o G alilei" di Pisa, e allegata alla presente com e parte in te g ra n te e sostanziale, è co n fo rm e al p e rtin e n te M odello ta riffa rio di rife rim e n to a p p ro va to con D elibera n. 6 4 / de! 17 settem bre 2014 (di seguito indicato con "M o d e llo "), salvo che per i seguenti aspetti: a. n e ll'a m b ito della d e te rm in a z io n e dei costi opera tivi, l'a g g io rn a m e n to della dinam ica del canone co n cessorio per ciascuna a n n u a lità del Periodo non è stato e ffe ttu a to in base alle p ro ie zio n i di tra ffic o, com e da disposizioni n o rm a tiv e richiam ate dal M o d e llo al paragrafo p u n to 3 (D ecreto in te rd irig e n zia le 30 g iu g n o 2003 e ss.m m.ii. e D ecreto del M in is te ro dei T ra sp o rti del 13 luglio 2005 e successivi aggiornam enti); b. n e ll'a m b ito della d e te rm in a z io n e dei costi di a m m o rta m e n to ed al fin e della d e te rm in a zio n e del C apitale In ve stito N e tto, per le varie tipologie di cespiti non è s ta to g a ra n tito da p a rte di SAT il p ie n o ris p e tto delle a liq u o te m assim e di a m m o rta m e n to fissate dal M o d e llo al paragrafo 8.4 p u n to 1; c. n e llo stesso am b ito, le "la v o ra z io n i in corso" quali c e rtific a te a li'a n n o Base non sono sta te espresse, com e invece previsto dal M o d e llo al paragrafo 8.3 p u n to 2 le tte ra c), al loro valore contabile; d. n e li'a m b ito del calcolo dei tasso di rem unerazione del capitale in ve stito, SAT ha a d o tta to le d isposizio n i co n te n u te al paragrafo 8.6, p unto 4, le tte ra a dei M od e llo, a p ro p o s ito delia d e te rm in a z io n e del c o e ffic ie n te p in d ire tta m e n te, tra m ite il ricorso a v a lo ri d e riv a ti da un cam p io n e d i società q u o ta te para g o n a b ili (comparobles), inclu d e n do tu tta v ìa sé stessa a ll'in te rn o del cam pione; e. n e ll'a m b ito d e ll'e volu zio n e dei costi opera tivi, SAT non ha te n u to conto delle sopra g g iu n te d isposizio n i norm a tive, d e c o rre n ti dal 2015 e rig u a rd a n ti la parziale d e d u cib ilità deitirap sul costo del lavoro; 2. In relazione a quanto sub 1 le tt, da a) a-e), prescrive alla società SAT, al fin e di conseguire la com pleta c o n fo rm ità al M odello di a p p o rta re i seguenti co rre ttivi alla proposta d efinitiva di revisione dei d iritti a e ro p o rtu a li presentata a seguito della consultazione: a. n e ll'a m b ito della d e te rm in a z io n e dei costi o p e ra tivi, o ccorre che l'a g g io rn a m e n to della dinam ica del canone concessorio p e r ciascuna annualità del P eriodo (inclusa d u n que la prim a a n n u a lità ) sia e ffe ttu a to in base alle p ro ie zio n i di tra ffic o, come p re s c ritto dalle n orm e c ita te nel M od e llo, che qui si in te n d o n o rich ia m a te ; b. n e ll'a m b ito della d e te rm in a z io n e dei costi di a m m o rta m e n to ed al fine della d e te rm in a zio n e del C apitale Investito N e tto, p e r le varie tip o lo g ie di cespiti occorre g a ra n tire il pieno ris p e tto delle a liq u o te massime di a m m o rta m e n to fissate dal M od e llo ; c. n e llo stesso a m b ito, o cco rre che le "lavorazioni in corse c e rtific a te a li'a n n o Base siano espresse, com e previsto dal M od e llo, al loro valore contabile;

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le...

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le... 211 BILANCIO DI ESERCIZIO IN D IC E 2 IN D IC E G E N E R A L E I. R e la z io n e s u lla G e s tio n e II. S ta to p a tr im o n ia le e C o n to e c o n o m ic o III. N o ta in te g r a tiv a IV. R

Dettagli

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013 Il degli Alberghi e delle SPA più belle del mondo isola d Ischia 8-13 luglio HOTEL MEANS LIFESTYLE bando di concorso 2013 Il P re m io Is c h ia In te rn a z io n a le d i A rc h ite ttu ra è fru tto d

Dettagli

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c -

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c - 1 7 D IC EM B RE 2 0 0 4 B OLLETTINO UF F IC IALE D ELLA REGIONE M ARC H E ANNO X X X V N. 1 3 3 Deliberazione n. 1408 del 23/11/2004. Lege 26/10/1995 n. 447, art. 2, commi 6, 7, 8 - D.P.C.M. 3 1/03 /1998.

Dettagli

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO VERBALE N. 2 DELLA GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ DELLA CN RUPAR-SPC, PER LA DURATA DI 48 MESI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA DI RILANCIO DEL CONFRONTO

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Sci en zapert u tti im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Luigi Benussi (lu ig i.b e n u s s i@ ln f.in fn.it) Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Laboratori Nazionali di Frascati

Dettagli

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n T E R A P IA IN U L IN IC A IN O P E D A L E T A R G E T G L IC E M IC I N E L P A Z IE N T E D IA B E T IC O D I T IP O 2 R IC O V E R A T O G li a n a lo g h i d e ll'in s u lin a C o n e g lia n o,

Dettagli

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Isabella Menichini - C om une di P a rm a B a ri, 18 febbra io 2011 P a rm a c ittà a m is ura di fa m ig lia O b ie ttiv o

Dettagli

Allegato A. A. Descrizione dell istanza e oggetto della valutazione dell Autorità

Allegato A. A. Descrizione dell istanza e oggetto della valutazione dell Autorità Allegato A A. Descrizione dell istanza e oggetto della valutazione dell Autorità A.1. SVI Srl (fino a maggio 2014 Società Viaggiatori Italia Srl, poi SNCF Voyages Italia Srl ) è una società con sede a

Dettagli

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Piercarlo Salari P E D IA T R A C O N S U LT O R IA L E M ila n o V ig e v a n o (P V )) Siena, 1 giugno 2009 L errore in Pediatria

Dettagli

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile V a lte r C a n tin o 1 7 n o v e m b re 2 0 1 0 Università degli Studi di Scienze Gastronomiche: mission

Dettagli

0,00 0, Tipologia 104: Compartecipazioni di trib u ti 0,00 0,00

0,00 0, Tipologia 104: Compartecipazioni di trib u ti 0,00 0,00 Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana- Serie Generale n.139 del 16.06.6 Regioni, Province autonom e, enti regionali e enti locali Prospetto di cui all'articolo 8, comma 1, del Decreto Legge 24 aprile

Dettagli

MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U) J 'i u d e n t e > t Y ; ~ / J < m v w ; w e l a f?? a / J c t è o ~ W J w.

MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U) J 'i u d e n t e > t Y ; ~ / J < m v w ; w e l a f?? a / J c t è o ~ W J w. MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U).0000674.03-02-2016 ~ ~.( ) d e l! ocba Y :J tn tj a O? l~ -, d e!lrv J ln iv (ff.j d d e d e l l a~ c a q )~ ~ d ~ ~ ~ '~ e ~ '~ g z ; ~ M m,e ~ jw J < kjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba

Dettagli

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA S p o s e i n b i a n c o, s p o s e i n r o s s o. S o n o d u e i m m a g i n i d i m a t r i m o n i a s s a i u s u a l i c h

Dettagli

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1 1 Consultazione con il mondo del lavoro Proposta della Facoltà Nucleo di Valutazione Senato accademico Comitato di coordinamento regionale Consiglio di amministrazione 2 Raggiungere un MODELLO EUROPEO

Dettagli

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo Dal Curare al Prendersi Cura Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo La cura& & nella mitologia Mentre C ura stava attraversando un certo fiume, vide del fango argilloso. Lo

Dettagli

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente M_INF.CGCCP.REGISTRO UFFICIALE.U.0028447.13-03-2015 R om a. P.d.c.: 0659084196 r8l cgcp@ pec.m it.gov.it M inistero delle Infrastrutture e dei Trasporti C om ando G enerale del C orpo delle C apitanerie

Dettagli

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA ROBERTO MEDEGHINI - Pedagogista Gruppo di Ricerca Inclusione e Disability Studies gridsitaly.com milieu.it IN S E G N A

Dettagli

IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007

IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot. 12775 dd 07/09/2007 PALMANOVA, 5 febbraio

Dettagli

Delibera n. 22 del 12 marzo 2015

Delibera n. 22 del 12 marzo 2015 Delibera n. 22 del 12 marzo 2015 Proposta di revisione dei Diritti Aeroportuali dell Aeroporto Galileo Galilei di Pisa per il periodo tariffario 2015-2018. Conformità ai Modelli di Regolazione dei Diritti

Dettagli

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA Luana Gasparini Michela Soldati Multicentro CEAS RA21 Comune di Ravenna C è un m o ndo m is te rio s o c he è pre s e nte

Dettagli

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica POR FESR 2 0 0 7-2 0 1 3 A r t.ii.1.1 Prod e n e r g ie rinn (M isura 2 ) "INCENTIVAZIONI ALL'INSEDIAMENTO DI LINEE DI PRODUZIONE DI SISTEM I E COMPONENTI

Dettagli

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva L esperienza del Comune di Cesena Camillo Acerbi Resp.le Servizio Informativo Gestionale Comune di Cesena acerbi_c@comune.cesena.fc.it Robert Ridolfi

Dettagli

COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli

COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli Piazza V. Emanuele II tei. 081/3911231 - Fax - 081/8797793 Prot. n. 12 8 6 2 Spedita il 1 0 MR8, 2016 COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE

Dettagli

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE VIVONO IN S ITUAZIONI DI MAR G INALITÀ E VIOLENZA Il p r o g e tto n a s c

Dettagli

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO L a p p a re c c h io S w a tc h C o rd le ss II IS D N è u n c o rd le ss c h e c o m b in a le fu n z io n i tip ic h e d e lla te le fo n ia se n z a fili c o n il c o

Dettagli

Anna Maria Sapienza-lngegnere-

Anna Maria Sapienza-lngegnere- Anna Maria Sapienza-lngegnere- Laureata con 104, Novembre 1982, a, relatore Prof. Colombini. Abilitazione all esercizio professiona, 1983 Iscritto all'o rdine degli Ingegneri di 1983 1) A ttività di formazione,

Dettagli

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica L.R 7 / 1 9 8 8 in se d ia m e n ti p ro d u ttiv i In c e n tiv i a c o n so r z i di im p r e se in d u stria li ed a r tig ia n e o p e r a n ti

Dettagli

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8 OKkio alla S ALUTE per la S CUOLA: ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 8 Re g io n e To s c a n a Are a Va s ta No rd - Ove s t ( Pro v in c e di Lu c ca, Liv o rn o, Ma s s a, Pis a e Via re g g io )

Dettagli

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Palermo, 14 giugno 2007 AGENDA 15.15 Apertura dei lavori Moderatore dei

Dettagli

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO G A Z Z E T T A S E T T I M A N A L E SCIENZA ECONOMICA, FINANZA, COMMERCIO, BANCHI, FERROVIE INTERESSI PRIVATI Anno X!V - Voi. XVI I Domenica 27 Marzo 1887 N. 878 L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A

Dettagli

BILANCIO UNICO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2015

BILANCIO UNICO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2015 BILANCIO UNICO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2015 e triennale 2015-2017 Note di sintesi ASSETTO CONTABILE - Il bilancio di previsione dell esercizio finanziario 2015 è il primo bilancio

Dettagli

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico CENTRO INTEGRATO SERVIZI SCUOLA/TERRITORIO L ORIENTAMENTO SCOLASTICO NELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1 GRADO del Circondario Imolese Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento

Dettagli

L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza A- A + 56% TOTALE VOTI 9

L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza A- A + 56% TOTALE VOTI 9 L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza di Andrea Rinaldi A- A + 56% TOTALE VOTI 9 1 1 8 9 0 4 La pizza fa gola ai tedeschi, che hanno deciso di portarsela

Dettagli

DICEMBRE Trimestrale della Comunità Pastorale di Tirano, Baruffini, Cologna

DICEMBRE Trimestrale della Comunità Pastorale di Tirano, Baruffini, Cologna DICEMBRE 2015 Trimestrale della Comunità Pastorale di Tirano, Baruffini, Cologna N 4. QUARTO TRIMESTRE. DICEMBRE 2015 - Poste Italiane SPA - Spedizione in abbonamento postale D.l. 353/2003 (CONV. IN L.

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL

COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE 1 PERUGIA partecipa a tale progetto con l obiettivo della Strategia n. 1 : la gestione degli

Dettagli

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i Il caso di Cleo U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i ANAM NESI FAM ILIARE: n o n s i rile v a n o p a to lo g ia d e g n e d i n o ta. ANAM NESI PERSONALE: p rim o g e n ita d i g e n ito ri n o n

Dettagli

C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le?

C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le? C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le? Pro f. Do m e n ic o Be ra rd i Is titu to d i Ps ic h ia tria, Un iv e rs ità d i Bo

Dettagli

Delibera n. 110/2016

Delibera n. 110/2016 Delibera n. 110/2016 Proposta di revisione dei diritti aeroportuali dell Aeroporto civile Valerio Catullo di Verona Villafranca - periodo tariffario 2016-2019. Conformità ai Modelli di regolazione approvati

Dettagli

L E G G E F INANZIARIA 2007

L E G G E F INANZIARIA 2007 FORUM PERMANENTE L E G G E F INANZIARIA 2007 art. 1 comma 263 PREVEDE IL PASSAGGIO DI 2 01 IMMOB IL I DE L L A DIF E S A (CASERME, TERRENI, ARSENALI, POLIGONI) NON PIÙNECESSARI PER USI MILITARI NEL PATRIMONIO

Dettagli

Quali sono le proprietà di Internet? Quale impatto ha Internet sulla struttura di settore? Quale impatto ha Internet sulle basi di vantaggio

Quali sono le proprietà di Internet? Quale impatto ha Internet sulla struttura di settore? Quale impatto ha Internet sulle basi di vantaggio Quali sono le proprietà di Internet? Quale impatto ha Internet sulla struttura di settore? Quale impatto ha Internet sulle basi di vantaggio competitivo? Quali sono le componenti dei modelli di business

Dettagli

L'ECONOMISTA GAZZETTA SETTIMANALE S C IE N Z A E CONO M ICA, F IN A N Z A, COM M ERCIO, B A N C H I, F E R R O V IE, IN T E R E S S I P R IV A T I

L'ECONOMISTA GAZZETTA SETTIMANALE S C IE N Z A E CONO M ICA, F IN A N Z A, COM M ERCIO, B A N C H I, F E R R O V IE, IN T E R E S S I P R IV A T I L'ECONOMISTA GAZZETTA SETTIMANALE S C IE N Z A E CONO M ICA, F IN A N Z A, COM M ERCIO, B A N C H I, F E R R O V IE, IN T E R E S S I P R IV A T I Anno XX Voi. XIV Uomenica 2 Aprile 1893 N. 987 LE IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b licità V ia C u s to z a 8 V e rc e lli M IC H Y 'S H

Dettagli

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so 1 T R I BU N A L E D I T R E V IS O BA N D O P E R L A C E S S IO N E C O M P E TI TI V A D EL C O M P E N D I O A Z I E N D A LE D E L C O N C O R D A T O PR EV E N T I V O F 5 Sr l i n l i q u i da z

Dettagli

Autorità di regolazione dei trasporti

Autorità di regolazione dei trasporti Autorità di regolazione dei trasporti Conferenza stampa di presentazione del Quarto Rapporto annuale al Parlamento 12 luglio 2017, ore 12:30 Camera dei Deputati Aula della IX Commissione Trasporti 5 piano

Dettagli

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze Mo d ulo 2 Valutare gli apprendimenti o valutare l apprendimento? Il senso della relazione educativa tra curricolo

Dettagli

UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Rep. n v $ J 8 - Prot. n 3^ IITS del A^jn jàolt Anno Tit. \/ll CI. / Fase. 2 ^. ì UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI PADOVA Procedura selettiva 2017RUA/06- Allegato n. 9 per l

Dettagli

L'ECONOMISTA LA SITUAZIONE DEL MERCATO. Anno XY1II - Voi. XXII Domenica 2 Agosto 1891 N. 900 G A Z Z E T T A SETTIM A N A L E

L'ECONOMISTA LA SITUAZIONE DEL MERCATO. Anno XY1II - Voi. XXII Domenica 2 Agosto 1891 N. 900 G A Z Z E T T A SETTIM A N A L E I L'ECONOMISTA G A Z Z E T T A SETTIM A N A L E SCIENZA ECONOMICA,.FINANZA, COMMERCIO, BANCHI, FERROVIE, INTERESSI P R I V A T I Anno XY1II - Voi. XXII Domenica 2 Agosto 1891 N. 900 LA SITUAZIONE DEL MERCATO

Dettagli

GLI SCHEMI DEL BILANCIO PUBBLICO: STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO. Economia aziendale e contabilità

GLI SCHEMI DEL BILANCIO PUBBLICO: STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO. Economia aziendale e contabilità GLI SCHEMI DEL BILANCIO PUBBLICO: STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO IL BILANCIO DI ESERCIZIO (art. 2423 c.c.) rappresenta la situazione patrimoniale, finanziaria e il risultato economico d esercizio;

Dettagli

Dicembre 2010- Dicembre 2013

Dicembre 2010- Dicembre 2013 Formato europeo PER IL CURRICULUM VITAE Aggiornato al 24/02/2014 In f o r m a z io n i p e r s o n a li Nome Angelo Jannone Indirizzo Nazionalità Data di nascita E s p e r ie n z a La v o r a t iv a Attuale

Dettagli

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO I n f o r m a z io n i pe r s o n a l i Nome Indirizzo Cozzo D a c ia Telefono Fax E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita E s p e r ie n z a l a v o r a t iv a

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

ASSEGNO STRAORDINARIO DI SOSTEGNO AL RED DITO.

ASSEGNO STRAORDINARIO DI SOSTEGNO AL RED DITO. Pro-m e m oria provvis orio s u : ASSEGNO STRAORDINARIO DI SOSTEGNO AL RED DITO. ( al pu n to 10. de l pre s e n te pro-m e m oria, le m o dificazion i apportate d all Acco rd o ABI 8 lu glio 20 11 ).

Dettagli

IL SESSISMO NELLA LINGUA ITALIANA

IL SESSISMO NELLA LINGUA ITALIANA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA PARITÀ E LE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA IL SESSISMO NELLA LINGUA ITALIANA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L INFORM AZIONE E L EDITORIA COMMISSIONE

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Corso di formazione AUSL di Lucca I I FACILITATORI DEL SISTEMA DI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO FONTI DI INFORMAZIONE PER LA IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO CLINICO LUCCA 25-05-2009 A cura del dott. G. Puntoni

Dettagli

R E M O B E L F I O R I. C onsu le n ze T ecn o lo g ie e strutture U rbanistica e pia n ifica zio n e te rritoriale

R E M O B E L F I O R I. C onsu le n ze T ecn o lo g ie e strutture U rbanistica e pia n ifica zio n e te rritoriale F o r m a t o e u r o p e o PER IL CURRICULUM v i t a e - E u r o p a s s ^ ^ u r o pass Informazioni perso n ali Nome R E M O B E L F I O R I Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Data / luogo di

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]*

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* Eleonora Berti & Tommaso Dall Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* L'approfondimento mira ad analizzare il rapporto tra padri e figli ieri e oggi, valutando

Dettagli

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html Pagina 1 di 5 Blow Photofinish up sul mondo della fotografia AP R 0 9 8 Mo s tre, m o s t re e a n c o ra m o s t re! Pu b b lic a t o d a Fra n c e s c a D e Me is a lle 1 2 :3 3 in Mo s t re Si intitola

Dettagli

D R POM P E C E N T R I F U G H E O R I ZZO NTA L I, V E RT I CAL I E

D R POM P E C E N T R I F U G H E O R I ZZO NTA L I, V E RT I CAL I E S I ST EMA MO S E CO NT RATTO P E R L ' A F F I DAM E N TO D E L LA FO R N I T U RA D R POM P E C E N T R I F U G H E O R I ZZO NTA L I, V E RT I CAL I E CA R R E L LATE P E R LA BOCCA D I L I DO, P E

Dettagli

ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e m o zio n i

ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e m o zio n i CON VEGN O D P S : 1 5-1 2-2 0 1 6 IN S IEM E P ER IN VECCH IAR E CON S U CCES S O Con t r ib u t o Is t it u t o F r is ia M e r a t e ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e

Dettagli

Rilevazione Bimestrale

Rilevazione Bimestrale PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE PER LA CAMPANIA, IL MOLISE, LA PUGLIA E LA BASILICATA Sede Coordinata di Bari Rilevamento dei costi della mano d'opera, dei trasporti, dei noli e dei

Dettagli

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca La delocalizzazione delle università statali italiane Presentazione dei risultati della ricerca Obiettivi conoscitivi Descrivere il fenomeno della delocalizzazione universitaria; Analizzare il processo

Dettagli

GREEN ECONOMY E LEVE NORMATIVE

GREEN ECONOMY E LEVE NORMATIVE Diritto ed Economia dell Ambiente Collana a cura L Fondazione Lombardia per l Ambiente 8 GREEN ECONOMY E LEVE NORMATIVE a cura AG G i u f f r è E d it o r e INDICE Introduzione. Green econom y e leve norm

Dettagli

RICHIESTA CONVERSIONE DI ABILITAZIONE DI ISTRUTTORE DI GUIDA DA MILITARE A CIVILE

RICHIESTA CONVERSIONE DI ABILITAZIONE DI ISTRUTTORE DI GUIDA DA MILITARE A CIVILE IN BOLLO Alla PROVINCIA DI IMPERIA E. 14.62 Settore V. T. - LL.PP e Grandi Infrastrutture Ufficio Trasporti Via G. Matteotti, 147 18100 IMPERIA RICHIESTA CONVERSIONE DI ABILITAZIONE DI ISTRUTTORE DI GUIDA

Dettagli

Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. a cura di Carmen Ragno

Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. a cura di Carmen Ragno Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali a cura di Carmen Ragno 1 Programma Il Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali Il Social Statement

Dettagli

MOVIMENTO. Al Presidente della VII Commissione Cons. Rodolfo Lena EMENDAMENTO ALLA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE N.120/2015

MOVIMENTO. Al Presidente della VII Commissione Cons. Rodolfo Lena EMENDAMENTO ALLA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE N.120/2015 MOVIMENTO A ll'a rt. 1 comm a 3 si aggiunge "anche riguardanti la responsabilità m edico-professionale" y ; MOVIMENTO Ù Ù Ù Ù O ì A ll'a rt. 2 le parole "nascenti in seguito a disservizi o irregolarità

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 58 del 21/04/2016 Proposta N. 561/2016 OGGETTO: RISANAMENTO CONSERVATIVO DELL'EDIFICIO DENOMINATO EX CASA DEL POPOLO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Delibera n. 66/2016. VISTA la direttiva 2009/12/UE del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 marzo 2009, concernente i diritti aeroportuali;

Delibera n. 66/2016. VISTA la direttiva 2009/12/UE del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 marzo 2009, concernente i diritti aeroportuali; Delibera n. 66/2016 Proposta di revisione dei diritti aeroportuali dell Aeroporto internazionale Falcone e Borsellino di Palermo - periodo tariffario 2016-2019. Conformità ai Modelli di regolazione approvati

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA

IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA MIBACT-DG-ER REP. Decreti 18/04/2016 N 57 MINISTERO DEI BENI E DELLE A TTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e

Dettagli

Il tra s ferim ento e la va lorizza zione della ric erc a a ttra vers o S ta rt-up e S pin-off

Il tra s ferim ento e la va lorizza zione della ric erc a a ttra vers o S ta rt-up e S pin-off Il tra s ferim ento e la va lorizza zione della ric erc a a ttra vers o S ta rt-up e S pin-off P ro f. V in c e n z o P o z z o lo P o lite c n ic o d i T o rin o C os a s ping e un U nivers ita a fa re

Dettagli

ES EMP I DI CALCOLO DELLA TARI FFA I N BAS E ( a rt. 4 1 le g g e 1 8 3-4 n o v e m b re 2 0 1 0 )

ES EMP I DI CALCOLO DELLA TARI FFA I N BAS E ( a rt. 4 1 le g g e 1 8 3-4 n o v e m b re 2 0 1 0 ) Istituto Nazionale Previdenza Sociale Allegato n 7 Modulo ad uso esclusivo degli uffici Inps ES EMP I DI CALCOLO DELLA TARI FFA I N BAS E ( a rt. 4 1 le g g e 1 8 3-4 n o v e m b re 2 0 1 0 ) Ta v o la

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE N 47 R E G.G E N E R A LE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ROMA SEZIONE 47 N 19561/2014 UDIENZA D E L 05/02/2016 ore 09:00 riunita con l'intervento

Dettagli

SISTEMI TERRITORIALI S.p.A. FERROVIA DELLE DOLOMITI

SISTEMI TERRITORIALI S.p.A. FERROVIA DELLE DOLOMITI SISTEMI TERRITORIALI S.p.A. FERROVIA DELLE DOLOMITI SPOSTAMENTI PER LAVORO SULLE DIRETTRICI BELLUNO-CALALZO-CORTINA Destinazione per LAVORO (extracomunali) Origine Belluno Ponte nelle Alpi Soverzene Longarone

Dettagli

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1 C O M U N E D I C H I O G G IA REGOLAMENTO PER L "APPLICAZIONE DELLA TAR FA DI IGL NE AMB1-ENTALE Approvato con deli'bera delcommissario STR IORDINARIO assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69

Dettagli

18, Metodologie 1. Performance e valore d impresa. Approfondimenti

18, Metodologie 1. Performance e valore d impresa. Approfondimenti Prof. Eugenio Comuzzi Ordinario di Economia Aziendale nell Università di Udine Docente di Ragioneria 1 e 2, Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda 1 e 2, Economia dei Gruppi nell Università

Dettagli

Le diverse tipologie di oli prodotti a pa rtire da lle olive

Le diverse tipologie di oli prodotti a pa rtire da lle olive Le diverse tipologie di oli prodotti a pa rtire da lle olive Comprendere le differenze tra le diverse tipologie di olio in commercio, aiu ta ad orientarsi nella giu ngla dei prezzi e delle etich ette.

Dettagli

1.3 - DATI TECNICI, DIMENSIONI E ATTACCHI IDRAULICI

1.3 - DATI TECNICI, DIMENSIONI E ATTACCHI IDRAULICI . - TI TII, ISII TTI IULII 8 fig. u a d ro co m a n d i cce s s o ca m e ra fu m o p e r p u iz ia S p ia co n tro o fia a a n d a ta ris ca d a m e n to ito rn o ris ca d a m e n to T tta cco v a s o

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Tesi di Laurea L accompagnamento delle istituzioni nell inserimento e integrazione del minore straniero nel nucleo adottivo.

Dettagli

Degli effetti del contratto

Degli effetti del contratto Massimo Franzoni Degli effetti del contratto V olum e I Efficacia del contratto e recesso unilaterale Seconda edizione AG G iu f f r è E d it o r e INDICE Art. 1372 (Efficacia del contratto) C a p i t

Dettagli

NEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO 5HJRODPHQWRGL*HVWLRQH

NEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO 5HJRODPHQWRGL*HVWLRQH &2081(', &,&(5$/(,62/$(&2/2*,&$ 5HJRODPHQWRGL*HVWLRQH $57²2**(772 Il pres en te regola m en to dis ciplin a l orga n izza zion e e la ges tion e dell Is ola Ecologica Com u n a le. In pa rticola re il

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE ORGANIZZAZIONE E IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA. MIBACT-DG-ER REP. Decreti 05/04/2016 N 44

IL DIRETTORE GENERALE ORGANIZZAZIONE E IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA. MIBACT-DG-ER REP. Decreti 05/04/2016 N 44 MIBACT-DG-ER REP. Decreti 05/04/2016 N 44 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO IL DIRETTORE GENERALE ORGANIZZAZIONE E IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA VISTO il decreto

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia

COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia Determinazione Dirigenziale n. 749 del 30/06/2015 Proposta di Determinazione Dirigenziale n. 28 del 30/06/2015 11.9 SERVIZIO - PROGETTAZIONE E INFRASTRUTTURE OGGETTO:

Dettagli

Il Progetto LIFE+ CON.FLU.PO. Autorità di bacino del Fiume Po LIFE11/NAT/IT/188 CONFLUPO - CUP E82D

Il Progetto LIFE+ CON.FLU.PO. Autorità di bacino del Fiume Po LIFE11/NAT/IT/188 CONFLUPO - CUP E82D Il Progetto LIFE+ CON.FLU.PO. Autorità di bacino del Fiume Po LIFE11/NAT/IT/188 CONFLUPO - CUP E82D12000190009 Progetto Life+ Ripristino della connettività nel bacino del Fiume Po per la riapertura delle

Dettagli

Forum: I Soft. Skills del Project Manager. Paolo Vallarano 1/17

Forum: I Soft. Skills del Project Manager. Paolo Vallarano 1/17 Forum: I Soft Skills del Project Manager Paolo Vallarano 1/17 Elementi di conoscenza di Project Management (secondo Certificazione Base di ISIPM) CONOSCENZE COMPORTAMENTALI CONOSCENZE DI CONTESTO ELEMENTI

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

Delibera n. 88/2015. L Autorità, nella sua riunione del 23 ottobre 2015;

Delibera n. 88/2015. L Autorità, nella sua riunione del 23 ottobre 2015; Delibera n. 88/2015 Proposta di revisione dei Diritti Aeroportuali dell Aeroporto Internazionale di Napoli per il periodo tariffario 2016-2019: conformità ai Modelli di Regolazione dei Diritti Aeroportuali

Dettagli

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 88 Prot. n. 4956 del 14-07-2009 OGGETTO: Indirizzi

Dettagli

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse L EQUILIBRATURA DEI PNEUMATICI PER TUTTE LE AUTO L occhio attento Con Fasep V651 la ruota con o senza cerchi in lega non creerà p iù p ro b le m i agli addetti ai lavori. Quest innovativa equilibratrice

Dettagli

Delibera n. 75/2016. VISTA la delibera n. 28/2016 dell 8 marzo 2016, recante Attuazione delibera n. 96/2015 Differimento di termini e altre misure ;

Delibera n. 75/2016. VISTA la delibera n. 28/2016 dell 8 marzo 2016, recante Attuazione delibera n. 96/2015 Differimento di termini e altre misure ; Delibera n. 75/2016 Sistema tariffario 2016-2021 per il Pacchetto Minimo di Accesso all infrastruttura ferroviaria nazionale. Conformità al modello regolatorio approvato con delibera n. 96/2015 e successive

Dettagli

TRIBUNALE di RAGUSA. 308/ 2014, p ro mo ssa d a o missis.., c o ntro o missis RELAZIONE DEL C.T.U.

TRIBUNALE di RAGUSA. 308/ 2014, p ro mo ssa d a o missis.., c o ntro o missis RELAZIONE DEL C.T.U. TRIBUNALE di RAGUSA Og g e tto: Pe rizia te c nic a re la tiva a l p ro c e d ime nto d i Ese c uzio ne Immo b ilia re n. 308/ 2014, p ro mo ssa d a o missis.., c o ntro o missis RELAZIONE DEL C.T.U. Pre

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

Italferr e la Sostenibilità ambientale

Italferr e la Sostenibilità ambientale Italferr e la Sostenibilità ambientale ICMQ - Giornata Nazionale sulla certificazione di sostenibilità Bologna, 23 Giugno 2016 Una progettazione eco-sostenibile Sono state promosse nel tempo azioni concrete

Dettagli

Delibera n. 100/2016

Delibera n. 100/2016 Delibera n. 100/2016 Proposta di revisione dei diritti aeroportuali dell Aeroporto Mario Mameli di Cagliari-Elmas - periodo tariffario 2016-2019. Istanza di definizione della controversia presentata da

Dettagli

Camera dei D eputati - 1 4 5 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 1 4 5 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 1 4 5 - Senato della Repubblica sussidi p e r farm acisti e p e n sio n a ti c h e a b b ia n o figli in co n d iz io n e di g rave m in o ra zio n e fisica o psichica, che, a se

Dettagli

DELIBERAZIONE N. _362_ DEL _04/05/2011_

DELIBERAZIONE N. _362_ DEL _04/05/2011_ cod. az. 01193MOD12_rev1_05/05/2010 Pag. 1 di 14 Centro Direzionale Piazza Ospedale, 5 59100 - PRATO C.F. e P.IVA 01683070971 DELIBERAZIONE N. _362_ DEL _04/05/2011_ O G G E T T O : A p p ro va zio ne

Dettagli

CANONI DI ACCESSO E UTILIZZO DELL INFRASTRUTTURA FERROVIARIA

CANONI DI ACCESSO E UTILIZZO DELL INFRASTRUTTURA FERROVIARIA Misure di regolazione CANONI DI ACCESSO E UTILIZZO DELL INFRASTRUTTURA FERROVIARIA 18 novembre 2015 foto di copertina: ETR450 presso Milano Centrale - di Giorgio Stagni pubblicata con licenza Creative

Dettagli

DIRITTO DEL LAVORO DELL'UNIONE EUROPEA

DIRITTO DEL LAVORO DELL'UNIONE EUROPEA LUISA G ALANTINO DIRITTO DEL LAVORO DELL'UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 1 SETTEMBRE 2014 i u s T it ia m c q l im Os G. GIAPPICHELLI EDITORE - TORINO INDICE PREFAZIONE XV C a p it o l o P r im o rl DIRITTO

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli