NUOVA SERVER FARM PROGETTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVA SERVER FARM PROGETTO"

Transcript

1 NUOVA SERVER FARM PROGETTO

2 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 2 di 35 Indice 1. Introduzione 5 2. Obiettivi del progetto Razionalizzazione Disegno di una nuova architettura del sistema informativo Sicurezza Ottimizzazione e potenziamento dei servizi interni Obiettivi a lungo termine 7 3. Ricognizione dello stato attuale Infrastruttura e topologia di rete Server Servizi Servizi esterni DNS WWW Posta elettronica FTP Video Streaming Servizi interni Contabilità di ateneo Segreterie Studenti Sistema di Gestione delle Biblioteche SBN Criticità emerse dalla ricognizione Progetto Filosofia del progetto Open Source, GNU, Linux Architettura Rete Topologia Tecnologia Sicurezza e firewall Sezione di front-end Sezione applicativa Tecnologia Servizi DNS WWW Proxy FTP LDAP Streaming Segreterie Studenti Servizi interni File service Print service 25

3 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 3 di Sezione di back-end Database e servizi ausiliari Database Storage Area Network Sistema di Backup Monitoraggio Dimensionamento dei sistemi Parte stabile Server ad alto carico Prima ipotesi Server ad alto carico Seconda ipotesi 30 Appendice A Descrizione dei sistemi attuali 31

4 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 4 di 35 Indice delle figure Fig. 1 Stato attuale: topologia di rete e sistemi 8 Fig. 2 Architettura generale della Server Farm 17 Fig. 3 Architettura generale della Server Farm Deployment iniziale 18

5 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 5 di Introduzione Questo documento presenta in modo sintetico i vari aspetti che concernono la ristrutturazione della server farm del CSIAF. I primi capitoli oltre ad illustrare gli obiettivi del progetto, offrono una descrizione dettagliata degli attuali servizi in carico alla farm e indicano in modo critico le carenze derivanti dalla attuale architettura. I capitoli successivi descrivono l approccio al problema e la filosofia del progetto; il progetto, in seguito, viene illustrato più in dettaglio focalizzando le varie componenti della nuova server farm. L ultimo capitolo, Dimensionamento dei sistemi, fornisce indicazioni di massima, utili ad una discussione sulle strategie da seguire al fine di rendere esecutivo il progetto, descrivendo i possibili fabbisogni delle varie componenti. L intero progetto si basa sui servizi. I servizi che la farm e, più in generale il Centro stesso, erogano al momento, insieme a quelli che e possibile prevedere nei prossimi tre anni, costituiscono l input del progetto. I servizi progettati e realizzati all interno del Centro (o comunque dell Università) sono analizzati in modo critico e per alcuni di essi si prospetta una evoluzione volta sia al miglioramento del servizio stesso, sia ad una migliore integrazione con il nuovo contesto operativo. Ciò dovrebbe portare, nell arco di vita previsto per il progetto (circa tre anni), verso la realizzazione di un sistema informativo integrato di ateneo, ove tutte le componenti siano in grado di interagire reciprocamente. Alcuni servizi (di grande importanza) sono invece forniti da terzi e sono solo ospitati dal Centro. Non potendo l Univerità incidere né sulla loro architettura né sulle loro possibili evoluzioni, il progetto li colloca nel nuovo contesto nel modo migliore possibile. Essi in qualche modo viziano sia l architettura generale, sia, soprattutto, la possibilità di evoluzione appena accennata e quindi la qualità complessiva dell intero processo. D altronde in questa sede non si ritiene appropriata, né di competenza, la discussione a posteriori della validità, sia architetturale sia operativa, delle scelte fatte; di conseguenza, come appena detto, il progetto include questi servizi valutandoli allo stato attuale dell arte e accettandone le imposizioni. Si ritiene comunque indispensabile, per il futuro, che la scelta di nuovi servizi venga preventivamente discussa sul piano architetturale e tecnologico, in modo che questi si integrino nel contesto senza degradare la qualità dell intero sistema. A tal fine sarebbe necessaria la preparazione di una carta tecnica dei servizi, che indichi, sia agli interni sia agli esterni, gli standard architetturali e di qualita che devono essere soddisfatti da qualunque nuovo servizio prima di essere attivato. 2. Obiettivi del progetto Il progetto di ristrutturazione della Server Farm del CSIAF, centrale per quasi tutte le attività informatiche dell ateneo, è sicuramente un progetto di elevata complessità tecnica. Predisporre, infatti, il cambiamento in una unica soluzione dell intero basamento su cui poggia l attuale sistema informativo dell Università, pone tutto l insieme delle problematiche classiche, aprendo al contempo un insieme di possibilità tecnologiche e architetturali, che di norma si affrontano gradualmente durante l evoluzione di un sistema esistente. Comunque, come descritto nel paragrafo 3.4, le carenze dell attuale struttura impongono un azione radicale, tale da poter rispondere in tempi brevi alle necessità già emerse da tempo e a quelle previste nei piani di sviluppo del CSIAF.

6 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 6 di Razionalizzazione Dalla ricognizione dell insieme dei server installati presso il CSIAF (vedi capitolo 3), risulta una miscellanea di macchine, spesso dedicate ad un singolo servizio. Uno degli obiettivi principali del progetto sarà l omogeneizzazione dei server al fine di ottenere: Economia di gestione. Utilizzando server per quanto possibile omogenei si ha un miglioramento dei tempi e dei costi di intervento per la gestione e l aggiornamento dei sistemi. Si rende agevole il monitoraggio attraverso l utilizzo uniforme di software di system management. Economia nell acquisto e nei canoni di manutenzione. Rivolgendosi ad uno o ad un pool ristretto di fornitori si ottengono sicuramente vantaggi economici di scala. Svecchiamento dei server in produzione. Si possono dismettere i server più vecchi che hanno un basso rapporto tra potenza e costi di gestione e manutenzione a favore di server di nuova tecnologia più potenti ed economici Disegno di una nuova architettura del sistema informativo L attuale disegno architetturale del sistema informativo presenta gravi carenze. Le criticità che ne derivano sono descritte nel paragrafo 3.4; in particolare il nuovo disegno architetturale dovrà garantire: Scalabilità. A fronte dell aumento della richiesta di risorse, fisiologica o eccezionale, da parte di uno o più servizi l architettura dovrà permettere l aumento delle capacità di elaborazione senza dover modificare l architettura stessa. Fault-tolerance. L architettura dovrà permettere ad ogni servizio di continuare a funzionare anche in caso di guasto di un qualsiasi componente. Tecnologia. Il progetto dovrà impiegare lo stato dell arte in campo tecnologico e valutare possibilmente il trend dei prossimi anni. Evoluzione. L architettura dovrà permettere la naturale evoluzione dei sistemi e dei servizi coinvolti. Sarà, per quanto possibile, neutra rispetto alla tecnologia dei sistemi che la compongono Sicurezza La sicurezza dei sistemi informatici riveste sicuramente un aspetto che, ormai da qualche anno, non è più trascurabile, anzi lo si deve considerare un fattore di base nella progettazione di tutti i livelli di un sistema informativo, dall infrastruttura di rete fino ai servizi resi all utenza. Il progetto dovrà quindi valutare l intero disegno anche da questo punto di vista, cercando, per quanto possibile, di utilizzare gli standard più diffusi per ottenere un sufficiente livello di sicurezza senza complicare l utilizzo delle risorse e la fruizione dei servizi Ottimizzazione e potenziamento dei servizi interni La priorità dei servizi resi all esterno del CSIAF ha reso di importanza secondaria le necessità interne alla Server Farm e più in generale quelle del personale interno al Centro. Obiettivo del progetto sarà un aggiornamento e un ampliamento dei servizi interni tra cui: Sistema centralizzato di backup per il salvataggio dei dati dei server e delle stazioni di lavoro del personale. Sistema per il monitoraggio dei server, dei servizi e dell infrastruttura di rete interna alla Server Farm.

7 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 7 di 35 File server centralizzato per i sistemi interni alla Farm e per il lavoro di gruppo del personale del Centro. Servizi di stampa e stampanti di formato e qualità adeguati alle necessità del Centro Obiettivi a lungo termine Il presente progetto è testimonianza dell attenzione e della priorità dedicata alla qualità dei servizi forniti dal CSIAF. Con gli stessi criteri del presente progetto (stato dell arte della tecnologia, adesione agli standard ecc.) vengono progettati i servizi sviluppati all interno del Centro. È doveroso però notare che, per motivi che non possono essere discussi qui, i servizi informatici chiave dell Università (contabilità, segreterie, protocollo, gestione del personale, ecc.) sono stati progettati e sviluppati da terzi. Prescindendo dalla qualità di ogni singolo servizio è inconfutabile il fatto che ognuno di essi rappresenta una realtà (un mondo) a se stante, fatto di architetture, tecnologie e dati diversi tra loro. In altre parole questi mondi non sono in grado di comunicare nè tantomeno di cooperare gli uni con gli altri. Se questa situazione poteva essere accettabile in passato, già oggi induce grosse difficoltà allo sviluppo di servizi trasversali, cioè che interessano contemporaneamente più mondi, imponendo attività notturne di trasferimento, trasformazione e, soprattutto, duplicazione dei dati. In futuro questa incapacità di ogni servizio di comunicare con gli altri rappresenterà il problema maggiore nel costituire un Sistema Informativo dell Università di Firenze. Pertanto sarà indispensabile, a fronte della acquisizione di nuovi servizi/prodotti dall esterno, la possibilità di valutare: L architettura, in modo che il nuovo sistema possa essere agevolmente integrato e gestito nell infrastruttura della Server Farm. La tecnologia, affinché il servizio possa eventualmente essere ospitato da server già presenti nella Server Farm. La capacità di offrire servizi verso altre applicazioni in modo che il nuovo sistema possa interagire con gli altri già presenti. 3. Ricognizione dello stato attuale 3.1. Infrastruttura e topologia di rete La Figura 1 schematizza le parti della rete di ateneo interessate dal progetto. Le sottoreti.1 e.3 costituiscono, rispettivamente, la rete dei servizi di front-end e quella dei servizi applicativi. Esse sono all interno della sede di Via delle Gore, mentre le sottoreti.22 e.85 (in basso nella figura) sono all interno della sede del rettorato. I rettangoli presenti in figura rappresentano i sistemi; in appendice Asono descritti in dettaglio i server e le loro configurazioni hardware e software. Gli apparati di rete sono viceversa elencati qui di seguito: C7200 Router CISCO 7200, e il router di frontiera, collegato al POP GARR con un canale ATM a 34Mb/s, esposto verso l esterno via protocollo BGP. Storicamente è stato il centro delle comunicazioni dell ex CeSIT, sia verso l esterno sia verso l interno; sta avendo un ruolo sempre più marginale dopo l implementazione della rete interna a 1Gb/s. Implementa verso l interno il protocollo di routing OSPF. ENALP Extreme Networks Alpine XXX, è lo switch layer 3 che WIND ha installato presso tutte le sedi che si collegano all anello in fibra ottica a 1Gb/s. Sono fisicamente i centro stella

8 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 8 di 35 sia della sede di Via delle Gore sia di quella del Rettorato. In Via delle Gore questo switch collega direttamente i server più importanti (MAIL, WWW, WWW2, OLS), mentre gli altri vi arrivano attraverso switch secondari (non presenti in figura). Si nota l assenza di firewall; tutti i server presso la sede di Via delle Gore sono infatti esposti direttamente in rete pubblica, ponendo gravi, e noti, problemi di sicurezza e di interoperabilità. L unico firewall presente (un CISCO PIX XXX) è installato presso il Rettorato a protezione dei sistemi di contabilità e delle segreterie studenti. L argomento sarà discusso in dettaglio nel paragrafo 5.3. Gli apparati e l infrastruttura non sono ridondati. Internet MAIL DNS WWW WWW2 STRM EPRES MSTUD PROXY WWWS C Sede CSIAF OLS DEVEL ENALP.3 Collegamento alle sedi principali dell Ateneo 1 Gb Eth ENALP DNS2 Rettorato F W GISSas GISSdb GISSdb CONT Fig. 1 Stato attuale: topologia di rete e sistemi 3.2. Server In appendice A sono elencati i server principali attualmente installati presso le sedi del CSIAF, ne viene descritta sinteticamente la configurazione hardware, la dotazione di software di base, i principali servizi offerti. L elenco non è completo, non sono descritti i server ritenuti marginali ai fini del progetto: per la scarsa importanza del servizio offerto, ad esempio file sever per un singolo ufficio; per la duplicazione del servizio, ad esempio un sito FTP simile a quello principale; per la non integrabilità dovuta alla specificità del servizio o dell hardware; ad esempio il mainframe BULL che ospita il sistema gestionale delle biblioteche.

9 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 9 di Servizi Sono di seguito elencati i servizi attualmente offerti dal CSIAF, divisi tra esterni, quelli cioè esposti in Internet, e interni, dedicati all utenza di ateneo. Si noti che il termine esterno va inteso come accedibile dall esterno e cioe da qualsiasi postazione Internet nel mondo e non come rivolto ad una utenza rigorosamente esterna all Università. Viceversa per servizi interni si assumono quelli strettamente dedicati alle strutture, al personale tecnico-amministrativo, agli studenti e ai docenti dell Università di Firenze. Ad esempio sono esterni il servizio web di ateneo ed il cerca-chi, utilizzati massivamente anche all interno dell ateneo, mentre contabilità e segreterie studenti sono servizi interni Servizi esterni DNS Il Domain Name System è un servizio di base, obbligatorio per ogni ente che esponga il proprio dominio in Internet. Il sistema, organizzato come un database gerarchico distribuito a livello mondiale, garantisce la corrispondenza biunivoca tra la nomenclatura gerarchica a domini di Internet dei sistemi di una organizzazione con l indirizzo IP di ogni sistema. Il DNS dell Università di Firenze mappa il dominio unifi.it e i suoi sottomini con gli indirizzi IP della rete di classe B ( ) dedicata all ateneo. Il servizio DNS e ospitato su più server, per garantire ridondanza in caso di guasto e per migliorare l efficienza. Poiché ogni singola stazione interroga ripetutamente il DNS, da sempre si è provveduto ad installare il DNS primario presso la sede di Via delle Gore, vicino alla frontiera, in modo che le richieste provenienti dall esterno trovino subito il servizio, senza percorrere l infrastruttura di rete interna all ateneo. Per lo stesso criterio, tutti i sistemi interni, topologicamente vicini alla sede di Via delle Gore, riferiscono direttamente al DNS primario. Il DNS secondario, installato presso la sede del Rettorato, fa da riferimento per i sistemi del Rettorato stesso e per quelli che insistono sulle reti del centro storico. Il sistema DNS presso la sede del Rettorato non è ridondato, mentre presso la sede di Via delle Gore è attivo un altro server, normalmente visto come secondario, che può sostituire temporaneamente il primario in caso di guasto WWW É il più importante, insieme alservizio di posta elettronica, dei servizi esterni. Da sempre sviluppato e gestito all interno dell ateneo viene considerato a livello nazionale tra i migliori siti universitari. Attualmente sono molteplici i server che ospitano parti del sito web di ateneo; i più importanti (vedi appendice A per le caratteristiche) sono: WWW É il server che storicamente ha esposto la parte informativa del web di ateneo. Recentemente è stato scaricato della sezione studenti. Ospita sezioni periferiche, alimentate direttamente da unità amministrative dell ateneo. Implementa alcuni servizi dinamici, tra i quali spicca il cerca-chi. Le parti dinamiche utilizzano i linguaggi PHP e PERL che sono installati come moduli del server Apache. Le procedure in PHP utilizzano il database mysql. WWW2 E il server, recentemente introdotto, che ospita la sezione studenti, sviluppata utilizzando il prodotto di content management WebMate di Navita. Ospita le sezioni periferiche che utilizzano la tecnologia Active Server Pages (.asp) di Microsoft. OLS É un server orientato completamente all erogazione dei servizi via WWW. Ospita il catalogo online delle biblioteche, tutti i servizi destinati agli studenti e recentemente alcuni servizi

10 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 10 di 35 dedicati ai docenti. Il sistema ospita due web server: Apache e iplanet. Il server Apache è dedicato all OPAC/WWW, il quale consiste in un pacchetto di procedure in linguaggio Sibylla. Sibylla è un estensione del linguaggio di script TCL al quale sono state aggiunte primitive e funzioni per l accesso al motore di information retrieval Basis+ e per l interfaccia HTTP/HTML. Il server iplanet invece viene utilizzato principalmente per le sue funzionalità di servlet container e di pubblicazione con la tecnologia java server pages. Tutti i servizi online per gli studenti e per i docenti sono sviluppati come servlet java e stanno convergendo verso lo standard 2.2 WWWS Ospita i siti web gestiti dalle organizzazioni studentesche. Non ospita contenuti dinamici. DEVEL É un server dedicato soprattutto allo sviluppo di nuovi servizi WWW, il più importante dei quali e il progetto dell anagrafe della ricerca. I prototipi sono scritti in linguaggio PHP. L interprete PHP è installato come modulo del server Apache e incorpora i driver per l accesso al database Oracle Posta elettronica Il servizio di posta elettronica è ormai considerato indispensabile al funzionamento di qualsiasi ente; nel caso dell Università di Firenze è divenuto strumento infrastrutturale, e abituale, soprattutto nella comunicazione interna oltreché verso l esterno. L importanza con cui è stato visto questo servizio ha inciso notevolmente sul numero di risorse umane dedicate alla gestione e sulla tecnologia, hardware e software, sui cui è basato. Al momento tre persone si occupano praticamente a tempo pieno del sistema, che ospita circa caselle di posta e circa 280 mailing lists. Il sistema è costituito da un cluster a 2 nodi basato sul sistema operativo Open/VMS (vedi MAIL in appendice A); i sistemi di comunicazione, di e di gestione delle mailing list sono della InnoSoft. La scelta di questi sistemi, avvenuta alcuni anni fa, ha prediletto la leggendaria sicurezza e stabilità dei sistemi basati sul VMS ritenendo secondarie le problematiche e i costi di gestione FTP Il File Transfer Protocol, una volta l unico sistema di trasferimento dei file tra sistemi remoti, ha perso nel tempo la sua cardinalità, essendo affiancato da numerosi altri modi per lo scambio di informazioni. Appare, da una breve indagine, che l utente medio non utilizzi questo sistema (molti non lo conoscono nemmeno), preferendo sistemi più immediati come il download via protocollo HTTP, lo share di directory e, purtroppo, gli attach della posta elettronica. Viene, viceversa, utilizzato molto nelle comunità open source, e in generale nei siti da cui si scaricano grosse moli di dati, dove è ritenuta importante l efficienza del trasferimento. L offerta FTP presso il CSIAF è limitata allo scaricamento di alcuni pacchetti software, ad esempio Panda Antivirus, e al caricamento delle pagine web da parte degli amministratori dei contenuti delle sezioni periferiche del web di ateneo. È da notare che il software di client per la contabilità di ateneo utilizza internamente il protocollo FTP per l installazione dei propri aggiornamenti Video Streaming

11 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 11 di Servizi interni Nei paragrafi successivi vengono descritti i servizi dedicati ad una utenza rigorosamente interna, a supporto delle attività critiche di funzionamento dell ateneo. La ricognizione non ha preso in considerazione quei servizi come ad esempio il l E-learning o la gestione delle carriere del personale che, pur essendo importanti, non impattano direttamente sul progetto, essendo gestiti completamente da aziende esterne. Il sistema di gestione delle biblioteche viene citato in questi paragrafi per la sua storia particolare e per la centralità che occupa nel CSIAF; non sarà valutato ai fini del progetto in quanto, pur essendo in corso uno studio di migrazione e downsizing, le soluzioni architetturali e le esigenze dell hardware, subordinate alle caratteristiche funzionali del nuovo sistema di gestione non sono note al momento. Saranno comunque fornite (nel paragrafo ) alcune indicazioni di massima che, se rispettate, porteranno ad una buona integrazione del nuovo sistema nel contesto della Server Farm Contabilità di ateneo La Contabilità Integrata di Ateneo (CIA) è il pacchetto applicativo che l Università ha acquisito nel 2000 dal CINECA per la propria gestione contabile a amministrativa. Gli utenti registrati sono poco meno di 500. Dal punto di vista architetturale e tecnologico il programma implementa la logica client-server a due livelli. I client, cioè la parte di programma installata presso la postazione di lavoro di ogni utente, contengono l interfaccia grafica, la logica di funzionamento dell applicazione e le funzionalità di colloquio, via rete, con il server. Il programma client è stato sviluppato con Visual Age di IBM. Il server, unico per tutti i client, riceve ed esegue i comandi spediti dai client; con CIA il database Oracle viene esposto direttamente ai client, che ne sfruttano le capacità di multiutenza e di motore transazionale. È previsto a breve termine l istallazione e la sperimentazione del nuovo servizio di contabilità per i Poli (CIA-Poli). Dal punto di vista architturale il sistema dovrebbe consistere in un server applicativo (IBM Web Sphere) che colloquia con i client via protocollo HTTP e, in back end, con uno schema dati all interno dell istanza Oracle della contabilità (CIA). L hardware, per il test del prototipo, sarà fornito dal CINECA Segreterie Studenti Il sistema Gestione Integrata delle Segreterie Studenti (GISS) è stato acquisito dall Università nel 2001 dalla Società Sistemi Informativi. Dopo una laboriosa attivit a di migrazione dei dati dal precedente sistema di gestione, GISS è entrato in produzione nel periodo di immatricolazione e iscrizione dello stesso anno. L architettura del sistema, che serve circa XXX postazioni utente, segue la logica client-server a tre livelli, anche se in pratica si discosta dal modello classico a tre livelli. Infatti i client ospitano solo la presentazione della interfaccia utente (via browser WWW) e colloquiano con il server di livello intermedio, seguendo l impostazione canonica 3-tier. Il livello intermedio, solitamente descritto come application server, cioè il server ove risiede la logica applicativa, in questo caso cura soltanto la logica di presentazione e la comunicazione con i client. Il database sever, il terzo livello, ospita, oltre ai dati anche le procedure applicative scritte in linguaggio PL/SQL, il linguaggio interno di Oracle Sistema di Gestione delle Biblioteche SBN Il sistema gestionale delle biblioteche supporta il lavoro di acquisizione, catalogazione, collocazione e circolazione del materiale librario delle 5 biblioteche di area (oltre 70 fondi librari). Il sistema operante presso l ateneo fiorentino è considerato una delle pietre miliari del Sistema

12 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 12 di 35 Bibliotecario Nazionale (SBN) ed è stato progettato e sviluppato dal personale dell Università di Firenze in collaborazione con altri enti coinvolti nel progetto finanziato direttamente dal Ministero dei Beni Culturali. Evoluto, e ri-ingegnerizzato più volte nel corso degli anni, questo sistema e in uso presso le più importanti biblioteche (le biblioteche nazionali centrali di Firenze e Roma) e istituti (Treccani), nonché la Regione Veneto e l Università dell Aquila. Il sistema consiste in un insieme di transazioni scritte in linguaggio COBOL, gestite da un motore transazionale classico (TDS), in ambiente mainframe BULL GCOS7. Il database su cui insiste il sistema è IDS II a struttura reticolare. Come già accennato è in corso una valutazione (congiunta CSIAF e Sistema Bibliotecario di Ateneo) per evolvere l intero sistema di gestione verso una piattaforma più moderna. Non essendo note al momento le caratteristiche del sistema che sarà scelto si possono però elencare alcuni fattori che possono facilitarne l inserimento e la gestione nella Server Farm: Architettura a tre livelli, in modo da separare il carico conversazionale e la logica applicativa dalle attività sulle basi dati. Eventualmente avere server separati per sfruttare le caratteristiche di sicurezza dell infrastruttura di rete. Data base Oracle, in modo da sfruttare le conoscenze e unificare le attività di gestione e manutenzione. Eventualmente ospitare le basi dati su un server esistente. Sistema operativo Unix, per gli stessi motivi del punto precedente Criticità emerse dalla ricognizione I paragrafi precedenti elencano lo stato attuale dei server e dei servizi offerti in modo il più possibile neutro e oggettivo. In questo paragrafo sono invece elencate una serie di valutazioni critiche in relazione ad alcuni aspetti emersi durante la ricognizione. Dalla ricognizione effettuata appare evidente la differenza di approccio, e di esigenze, che le strutture confluite nel CSIAF hanno utilizzato nell acquisizione e nella configurazione dei vari sistemi. Senza entrare nel merito della validità delle strategie adottate si possono estrapolare i seguenti punti che possono aiutare nella valutazione complessiva del parco macchine esistente e indicare direzioni possibili di evoluzione e di cambiamento per il progetto: Vetustà. La maggior parte dei server è in funzione da più di tre anni, con punte di cinque e sei anni. Questo fattore è indice delle difficoltà di reperimento dei fondi per l aggiornamento dei sistemi, della mancanza di strategie e di protocolli a lungo termine con le ditte fornitrici, e della complessità degli iter burocratici sia di acquisto sia, soprattutto, di dismissione del materiale obsoleto. Proliferazione. L Università di Firenze è in rete dal 1991; all inizio, come è ovvio, con pochi sistemi sperimentali. In questi dieci anni di attività si è avuta una evoluzione e una espansione dei servizi, sia verso l esterno, sia interni, che ha portato ad una moltitudine di server di varie dimensioni e potenza, nella logica che ogni nuovo servizio abbisognasse di un server. La situazione di un servizio un server è stata generata per vari motivi: la mancanza di un piano strategico unitario a lungo termine; l evoluzione, a volte tumultuosa, dell informatica che propone soluzioni e architetture non prevedibili con anni, se non mesi, di anticipo; i servizi esistenti, spesso di terze parti, ancorati ad architetture specifiche e/o antiquate che migrano con difficoltà, o addirittura non possono migrare, alle nuove architetture hardware e software; sistemi acquisiti che non possono scalare per ospitare nuovi servizi.

13 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 13 di 35 Omogeneità. La crescita dei servizi offerti e, come abbiamo visto, dei server coinvolti, ha gravato, per contro, su un pool ristretto di persone che ha gestito i servizi in pratica fino dal loro esordio. Ciò ha portato, per una evidente ed implicita economicità di gestione, ad acquisire server aventi lo stesso sistema operativo e software di base. In pratica la maggioranza dei server rilevati sono prodotti da SUN Microsystems e girano lo stesso (nelle varie evoluzioni) sistema operativo: SUN Solaris. L uniformare a livello di sistema operativo i vari server ha portato i seguenti vantaggi: la conoscenza approfondita del sistema ha permesso al personale di essere autonomo e risolvere situazioni critiche rapidamente; economia nella gestione del software di base che viene installato e manutenuto con le stesse modalità su i vari server; possibiltà di interscambio tra le persone che si occupano dei sistemi. Sono da notare alcune eccezioni: il sistema di posta elettronica insiste su sistema operativo Digital Open/VMS, il sistema di gestione delle segreterie studenti su IBM AIX, la sezione Studenti del sito web di ateneo in ambiente Windows Logica client-server a due livelli: è stata utilizzata moltissimo nel periodo di migrazione degli applicativi gestionali dai mainframe, ad architettura centrica, ai sistemi (tipicamente UNIX) in rete. Essa è utilizzata da alcuni sistemi in ateneo tra i quali il più importante è CIA. Il client-server a due livelli è considerato oramai obsoleto avendo dimostrato qualche limite; è essenziale la corretta valutazione delle problematiche indotte da questa architettura ai fini della collocazione di CIA nel modello proposto dal progetto. Sono qui elencati alcuni aspetti che verranno poi ripresi nel paragrafo 5.3: I client, possedendo in pratica tutta la logica applicativa, tendono ad essere molto complessi, abbisognano di hardware potente ed essendo numerosi impongono un costo di gestione e manutenzione oneroso. I client, colloquiando direttamente con il database centrale, generano un notevole traffico di rete, che spesso ha portato insoddisfazione all utenza per i lunghi tempi di risposta dell applicativo e costi per il potenziamento dell infrastruttura di rete. I due aspetti appena citati si possono sintetizzare nella scarsa propensione della logica a due livelli a scalare verso un elevato numero di postazioni di lavoro. Il database, essendo acceduto direttamente dai client (che all Università sono addiritura in rete pubblica), è esposto in rete e quindi pone gravi problemi di sicurezza. 4. Progetto Dopo aver elencato nei capitoli precedenti gli obiettivi del progetto, lo stato attuale dell infrastruttura, dei server e dei servizi, questo capitolo introdurrà il contensto in cui opera il progetto, i suoi limiti e i punti di vista strategico, architetturale e di sicurezza del problema Filosofia del progetto La Server Farm, per definizione, costituisce le fondamenta su cui si basano i servizi informatici offerti dal CSIAF all ateneo e le attività del personale del Centro. Ciò implica il contatto con praticamente tutte le unità organizzative del CSIAF, sia quelle direttamente coinvolte con l erogazione dei servizi, sia quelle in back-end. Ai fini di una corretta iterpretazione del progetto è necessario ritagliare il dominio di responsabilit a della Server Farm. In particolare: È responsabilità del progetto della Server Farm del CSIAF lo studio, la scelta delle

14 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 14 di 35 offerte sul mercato, l implementazione e la messa in servizio: Dell architettura informatica di insieme della Server Farm. Dell infrastruttura di rete dedicata alla Server Farm, in collaborazione con l area operativa Servizi di Rete per gli aspetti legati agli apparati di rete necessari e all interazione della rete della Server Farm con la rete di ateneo. Dell architettura e la tecnologia dei server della Server Farm, analizzate le proposte tecnologiche dei maggiori fornitori sul mercato. Dei sistemi operativi da installare sui vari server. Dei database, in collaborazione con l area operativa Sistemi Informativi. Degli ambienti di sviluppo, intesi sia come server dedicati allo sviluppo di nuovi sistemi, sia come strumenti software (compilatori, interpreti, tools, ecc.), in collaborazione principalmente con l area operativa Sistemi Informativi e con altre che possono abbisognare di tali strumenti. Del software per l erogazione dei servizi di base. Dei sistemi di file server e di print server per la Farm e per il personale del Centro. Del sistema centralizzato di backup della Server Farm. Del sistema di monitoraggio. Vista la complessità del progetto si è deciso di sentire il Settore Gestione Sistemi del CINECA, che ha terminato da poco la ristrutturazione della proria Farm. CINECA è in grado di apportare un notevole contributo al progetto avendo in carico, anche se in scala più grande, gli stessi servizi della Server Farm, essendo fornitore dell Università di Firenze di alcuni servizi (CIA, per gli studenti) e, soprattutto, avendo conoscenza ed esperienza sulle tecnologie che si intende adottare nel progetto. Un aspetto interessante della collaborazione, emerso fino dai primi incontri, è l esperienza del Settore Gestione Sistemi nel campo dei sistemi in cluster e, soprattutto, nell aver sperimentato con successo e adottato tecniche di alta affidabilità e divisione di carico con server Linux. L adozione di tali sistemi, prevista per alcune componenti nelle fasi preliminari del progetto, ma che induceva alcuni dubbi soprattutto sulla complessità architetturale e sull affidabilità, trova adesso un conforto prezioso che si basa su una solida esperienza Open Source, GNU, Linux Fino a poco tempo fa la valutazione di un qualsiasi sistema software da classificare come in produzione, non avrebbe mai preso in considerazione software open source, ma sarebbe stato sicuramente orientato alla valutazione di prodotti industriali. Oggi, sarebbe insensato non considerare attentamente i prodotti disponibili dalle comunità open source, in quanto hanno dimostrato nel tempo caratteristiche di stabilità, performance, e adesione agli standard in assoluto non inferiori ai prodotti industriali. Anzi ultimamente assistiamo alla tendenza, sempre più diffusa, dell integrazione dei prodotti open source all interno delle suite software vendute dalle software house industriali: un esempio per tutti è il web server Apache, considerato unanimemente un prodotto di altissima qualità e integrato in molti prodotti (ad esempio Oracle). La scelta di optare per il software open source, è una scelta di campo, filosofica, ma che può essere resa praticabile con un approccio pragmatico di valutazione, prodotto per prodotto, dei benefici e delle criticità rispetto allo stato dell arte dei prodotti offerti dall industria. Anche se, come appena detto, è indispensabile una valutazione puntuale, possiamo estrapolare un insieme

15 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 15 di 35 di punti che aiutano ad inquadrare il problema: sono di eseguito elencati i vantaggi, i problemi e alcuni criteri generali di valutazione del software open source. 1) Vantaggi 2) Problemi Economia. Il software con licenza GPL (o simili) è gratuito. Evoluzione. I software open source evolvono continuamente, sia per la correzione di errori e per deficienze sulla sicurezza, sia per l implementazione di nuove funzionalità. È un fattore estremamente positivo, ma può diventare un problema di gestione (vedi sotto). Adesione agli standard. L etereogenità dei partecipanti allo sviluppo del software open source garantisce, come effetto intrinseco al processo di sviluppo, l adesione agli standard. Inversamente, nei casi ove non ci siano specifiche formali, spesso i prodotti open source divengono essi stessi standard di fatto (vedi ad esempio il linguaggio PHP). Efficienza.È dimostrata continuamente l altissima efficienza del software open source, dovuta probabilmente al processo non economico di sviluppo e alle conoscenze (alla genialità) delle persone che vi partecipano. Evoluzione. La continua evoluzione dei prodotti open source può imporre una elevata attività di gestione dovuta all installazione di nuove versioni, patch, ecc. Contatto. L aggiornamento, lo stato dell arte, le linee di sviluppo, i problemi emersi, sono pubblicati nei siti web che ospitano lo sviluppo dei prodotti open source. Deve essere cura di chi li utilizza il verificarne periodicamente lo stato di evoluzione. Anche se questa è diventata una tendenza generale, adoottata anche dai sistemi industriali, deve essere prevista una periodica attività di monitoraggio dello stato dell arte di ogni prodotto adottato. Garanzia. Nessuna garanzia. È completa responsabilità dell utente la scelta del prodotto, la corretta installazione e configurazione, la manutenzione. 3) Criteri generali di valutazione Maturità del prodotto. Prodotti che hanno ancora in sviluppo parti essenziali, o siano molto innovativi come architettura, o che abbiano team di sviluppo di poche unità, possono indurre cambiamenti radicali del prodotto o nella configurazione adottata; possono addirittura cessare l attività di sviluppo e fondersi con altri gruppi che sviluppano prodotti simili. La maturità dei prodotti è un fattore essenziale nella scelta e nell adozione di qualsiasi componente. Interesse. Prodotti che hanno una utenza vasta sono sviluppati da team di grosse dimensioni e possono contare su un feedback ampio e proveniente dalle più diverse realtà di installazione. I prodotti di vasto interesse sono normalmente affidabili ed efficienti; in questa categoria si contano i prodotti che offrono i servizi standard : web server, MTA, ecc. Adozione da parte di utenti con requisiti simili alle proprie. Il confronto con entità che hanno già operato una scelta e messo in servizio prodotti di interesse e che abbiano requisiti confrontabili con i propri, può essere fonte di informazioni e indicazioni utili sia a livello di indagine, sia a livello di implementazione e configurazione dei prodotti. Il prendere in considerazione il software open source, con i criteri e le limitazioni appena viste,

16 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 16 di 35 porta necessariamente a valutare il sistema operativo che e stato sviluppato dalla comunità open source: Linux. Considerato all inizio un esperimento, poi un sistema instabile da laboratorio e, infine, come un sistema operativo stabile ed efficientissimo, tanto da essere preso in cosiderazione, e addirittura offerto, dalle grandi case informatiche: IBM, SUN, HP. Soprattutto IBM ha fatto di Linux un cavallo di battaglia nella propria offerta di sistemi di piccola/media taglia e, ultimamente, lo offre anche come sottosistema operativo dei propri mainframe. Linux è da considerarsi una scelta obbligata se si intende utilizzare prodotti software open source. Anche se esistono porting e sviluppi paralleli su altre piattaforme dei principali prodotti, Linux è il sistema su cui vengono sviluppati, e rilasciati già in forma eseguibile, tutti i prodotti open source. L unica seria limitazione di questo ambiente è la piattaforma hardware su cui gira in modo nativo : Intel o compatibile (AMD). Anche se si registra una crescita impressionante delle capacità di questi processori, dei chip di glue e degli standard di interconnessione delle periferiche, i sistemi che utilizzano queste tecnologie si collocano nella fascia più bassa, come caratteristiche di potenza, dei server. Come conseguenza, ove servisse una potenza di calcolo o di I/O superiore a quella fornibile da un server di questa classe è indispensabile ricorrere a sistemi proprietari di potenza medio/alta che implementano sistemi operativi UNIX (di solito sviluppati dalle stesse case che forniscono l hardware). Uno o più sistemi di fascia media (spesso con hardware ridondante) con sistemi operativi proprietari e software applicativo industriale è stato fino ad oggi l approccio standard per qualsiasi servizio di una certa importanza. La rapidissima evoluzione del software di base per le comunicazioni in Linux, ha introdotto di recente varie tecniche che permettono, in una certa misura, di aggirare le limitazioni di potenza dei server Intel. Il bilanciamento del carico applicativo su più server e il bilanciamento del traffico di rete su più interfacce, si candidano come tecnologie di base per raggiungere gli obiettivi architetturali previsti: ridondanza e scalabilità. In conclusione, nei casi in cui il software applicativo open source offra le caratteristiche necessarie al progetto, si ritiene percorribile la via di insiemi di server Linux, equipaggiati delle tecnologie appena accennate, per l offerta di alcuni servizi. Al costo, forse, di una attività più onerosa di installazione, avremo sicuramente un notevolissimo risparmio economico, considerando la differenza di costo dell hardware e delle licenze di acquisto e manutenzione degli applicativi. Affrontando il problema dal punto di vista opposto è possibile enunciare che se il costo economico di installazioni standard, magari prese in considerazione in una prima istanza, portassero i progetto fuori dal budget disponibile, è possibile riesaminarlo in un contesto open source più economico Architettura Questo paragrafo illustrerà il disegno generale della Server Farm, il contesto (framework) che racchiude tutti i sistemi coinvolti nel progetto. La Figura 2 illustra schematicamente l architettura generale della Server Farm evidenziandone soprattutto gli aspetti della topologia delle varie reti locali che la compongono, della sicurezza, dell organizzazione dei server e del posizionamento dei componenti di rilievo. I sistemi, sia nella sezione di front-end sia nella sezione applicativa, sono organizzati in cluster. Per cluster si intende in qusto caso la capacità di più di un server di offrire lo stesso servizio in modo di aumentare le capacità di carico durante il normale funzionamento e garantire la continuità dei servizi in caso di guasto di un server. La collaborazione dei server che offrono lo

17 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 17 di 35 Internet C7200 F W DR Cluster di Front End Sezione di Front End.1 ENALP.3 RS RS RS... RS Sezione applicativa F W DR Cluster Server Applicativi FS SAN AS... AS... F W DB DB LAN di Management Database Cluster MGT BCK Sezione di Back End 1 Gb Eth F ENALP.22 DNS2 W Fig. 2 Architettura generale della Server Farm stesso servizio non avviene (come nei veri cluster) mediante meccanismi interni ai server stessi, ma mediante l azione di elemento esterno (DR in figura) che provvede a dirigere le richieste provenienti dall esterno, sulla base del servizio richiesto, ai vari server. Ogni server lavora autonomamente, senza avere cognizione che altri possono offrire lo stesso servizio. La Figura 2 riporta, per quanto riguarda l infrastruttura di rete, tre reti locali separate da firewall e una LAN dedicata al management. L organizzazione a bastioni multipli dovrebbe garantire alla sezione di back-end, la più interna (che custodisce i database), un livello adeguato di sicurezza disaccoppiando i client che richiedono i servizi dai server applicativi mediante i proxy della sezione di front-end e controllando i flussi di informazione tra le varie LAN mediante i firewall. La rete di management permette l accesso per la configurazione e il controllo dei vari sistemi solo dal sistema di management (MGT in figura); offre inoltre la possibilità di usufruire del sistema centralizzato di backup (BCK in figura) senza appesantire il traffico sulle altre LAN. Non sono rappresentati, per

18 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 18 di 35 mantenere leggibile lo schema, gli apparati di rete e le modalità di collegamento dei vari server, che saranno descritti nel capitolo 5. Sulla destra della Figura 2 è rappresentata la Storage Area Network (SAN), sebbene sia un elemento che interessa più il tema tecnologico che architetturale. Lo schema riporta, comunque, quali sistemi la SAN dovrebbe assistere, garantendo (come illustrato nel paragrafo 8.2) performance e flessibilità di gestione. Il disegno architetturale proposto in Figura 2 risponde pienamente ai requisiti e agli obiettivi di progetto, ma introduce una complessità, soprattutto come numero di sistemi necessari ad attuarlo, troppo alta per essere messo in produzione nei termini previsti dal progetto. Si ritiene quindi opportuno implementare in un primo momento solo una parte del disegno appena illustrato, in modo da verificare sul campo le scelte operate (ed eventualmente aggiustarle), per poi completare il disegno in una fase successiva. Le parti da implementare secondariamente sono sostanzialmente due: la sezione di front-end e la LAN di management. Internet C ENALP.3 F W DR Cluster Server Applicativi AS... AS FS Sezione applicativa SAN... F W DB DB Database Cluster 1 Gb Eth MGT BCK Sezione di Back End Sede del Rettorato F W Fig. 3 Architettura generale della Server Farm Deployment iniziale ENALP.22 DNS2 La parte di front-end, prevista dal progetto come interfaccia verso l esterno attraverso l uso di sistemi di proxy, imporrebbe un firewall e un bilanciatore di carico in alta affidabilità e un insieme di server per ospitare i sistemi proxy. La posticipazione di questa sezione riduce senz altro il livello di sicurezza dell intero sistema, ma permette di concentrare, senza rinunciare a nessun servizio previsto, le attività di implementazione e di tuning sulla parte più critica: la sezione applicativa. La LAN di management può essere rimandata o addirittura tolta dal progetto senza che esso ne risenta notevolmente. Concentrando le attività di backup dei sistemi durante le ore notturne, quando cioè il traffico è più basso, non dovrebbero presentarsi problemi di saturazione degli apparati di rete.

19 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 19 di 35 Per il monitoraggio e la configurazione dei sistemi è proponibile, se i sistemi sono in numero limitato, il collegamento in seriale facendo funzionare come concentratore il sistema di management. Tale soluzione avrebbe come vantaggi minori problemi di sicurezza e di configurazione. Anche da un punto di vista economico il posticipare le reti di front-end e di management permette un margine di manovra più ampio nelle parti del progetto più critiche o più onerose, ad esempio i server per i database e la SAN. La Figura 3 sintetizza gli aspetti appena discussi, mostrando l architettura generale al primo stadio di implementazione. In conclusione l architettura generale, anche se implementata all inizio solo parzialmente rispetto al disegno completo, soddisfa i prerequisiti imposti dagli obiettivi del progetto e le necessità discusse nei capitoli precedenti; viene proposta di seguito una lista che riassume gli aspetti salienti dell architettura proposta: Organizzazione modulare dell infrastruttura di rete e di sicurezza. I server collaboranti mediante un divisore di carico possono scalare in base alle esigenze, aggiungendo semplicemente altri server all insieme. Avendo ogni servizio ripartito su più server si ha continuità di servizio anche a fronte della rottura di un server (fault-tolerance). L architettura è indipendente dalla tecnologia dei server utilizzati: si possono usare pochi server di fascia media o più server di fascia bassa in tecnologia Intel (Linux) a seconda delle esigenze delle piattaforme applicative. I server sono assistiti da tre componenti di servizio: il sistema centralizzato di backup; il file server; il sistema di management. 5. Rete L infrastruttura di rete della Server Farm costituisce, di fatto, il contesto entro il quale operano tutti gli altri sistemi. I paragrafi seguenti illustrano gli aspetti topologici, tecnologici e di sicurezza della rete interna alla Server Farm Topologia La topologia delle reti locali (LAN) interne alla Server Farm, come si desume dalla Figura 3, è costituita da due reti: una LAN su cui insistono i server applicativi, è collegata alla rete di ateneo attraverso un firewall e, mediante un secondo firewall, verso la LAN più interna che ospita i database e i sistemi di controllo e di gestione. La scelta di due firewall in cascata, rispetto ad un firewall a tre vie, è giustificata essenzialmente da due fattori: il troughput e la semplificazione della configurazione, come descritto più in dettaglio nel paragrafo Tecnologia Le due LAN saranno implementate utilizzando lo standard Ethernet. Per garantire il troughput previsto gli switch saranno collegati tra loro e con i firewall con interfacce a 1Gb/s, mentre i sistemi saranno collegati alla rete con interfacce a 100Mb/s o ad 1Gb/s in funzione del loro carico di lavoro. Tutti gli apparati di rete (switch) dovranno essere configurabili e monitorabili da remoto e sarà valutata la possibilità di installarne in ridondanza in modo da pemettere il funzionamento della rete anche in caso del guasto di un componente. Poiché è prevedibile che i server saranno installati in rack, i collegamenti tra i server e gli switch saranno in rame, mentre i link tra i rack e verso la rete di ateneo saranno in fibra ottica.

20 Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 20 di Sicurezza e firewall La sicurezza dell intero sistema è affidata principalmente ai firewall i quali saranno preposti principalmente al filtraggio delle connessioni provenienti dall esterno, permettendo l accesso soltanto ai servizi previsti. I firewall, inoltre, si occuperanno di trasformare gli indirizzi privati dei server in indirizzi pubblici (NAT). L utilizzo di spazi di indirizzamento privato nelle LAN interne, insieme alle attività di filtraggio e di NAT dei firewall garantisce un accettabile livello di sicurezza dei sistemi verso l esterno, mantenendo alto il livello di interoperatività e di servizio tra i server all interno delle LAN. I firewall saranno costituiti da coppie di sistemi Linux in alta affidabilità sfruttando le caratteristiche di filtraggio del kernel e del software iptables. La soluzione più economica sarebbe di installare un solo firewall con tre interfacce: la prima vesro la rete esterna, la seconda verso la LAN applicativa e la terza verso la LAN di back-end. Poiché le interfacce del firewall saranno a 1Gb/s, esiste la possibilità che si saturino le capacità interne, ad esempio il bus PCI, del firewall creando un collo di bottiglia. Viceversa, installando due firewall in cascata, a fronte di un maggior costo economico, si ha la sicurezza che i firewall possano mantenere i traffico teorico della rete Ethernet a 1Gb/s; come effetto secondario si semplificano notevolmente gli schemi di filtraggio e di routing, facilitando le operazioni di mantenimento. Lo schema architetturale a doppio bastione, che pone i sistemi più critici nella LAN più interna, è pensato principalmente per la protezione delle basi di dati e dei sistemi che le ospitano. Il firewall centrale dovrebbe permettere l accesso ai database server solo dai server applicativi in modo tale da isolare ulteriormente la sezione di back-end dall esterno. Purtroppo l architettura a due livelli utilizzata da CIA impone che ogni postazione di lavoro dell utenza si debba collegare direttamente con il databse server; i firewall, pertanto, dovranno essere configurati in modo tale che le postazioni su cui è installato CIA possano aprire connessioni verso il database server. Tutto ciò riduce notevolmente l efficacia dell intero disegno. Si possono, per ora, ipotizzare due soluzioni, ma è necessario discutere con CINECA il problema della sicurezza della Server Farm in relazione all uso di CIA. Le due ipotesi sono: 1) Collegare con una terza interfaccia il firewall più interno verso la rete di ateneo. In questo modo si snellirebbe la configurazione del primo firewall, ma si otterrebbe un livello di sicurezza paragonabile a quello odierno. 2) Porre un server di VPN (Virtual Private Network) nella LAN applicativa (o quella di back-end) e installando i relativi client su ogni postazione utente. 6. Sezione di front-end La sezione di front-end, composta essenzialmente da sistemi di proxy, garantisce il disaccoppiamento delle connessioni dei client dai server applicativi. Come accennato nel paragrafo 4.3 questa sezione verrà implementata in un secondo momento. 7. Sezione applicativa 7.1. Tecnologia La sezione applicativa della Server Farm sartà popolata di server predisposti all offerta, principalmente, dei servizi standard di Internet. In questo campo il software open source è considerato eccellente; si prevede, pertanto, l utilizzo di server Linux che ospitano i principali servizi.

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Oltre il 12% delle aziende italiane usa soluzioni Open Source.(Istat 2007). Sarebbero molte di più se ci fosse una sufficiente diffusione della conoscenza

Dettagli

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Caratteristiche principali La flessibilità e la scalabilità della

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

ALLEGATO 1 RETE D UNIVERSITA

ALLEGATO 1 RETE D UNIVERSITA ALLEGATO 1 RETE D UNIVERSITA INDICE - Rete dati - Descrizione fisica e logica. - Protocolli ed indirizzamento - Referenti informatici di struttura - Servizi: - Sicurezza - DNS - Posta elettronica d Ateneo

Dettagli

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi. Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.it @Pec: info.afnet@pec.it Web: http://www.afnetsistemi.it E-Commerce:

Dettagli

- Appendice 1 al Capitolato tecnico - SCHEDA INFRASTRUTTURA E FLUSSI

- Appendice 1 al Capitolato tecnico - SCHEDA INFRASTRUTTURA E FLUSSI - Appendice 1 al Capitolato tecnico - SCHEDA INFRASTRUTTURA E FLUSSI Appendice 1 - Pagina 1 di 11 Indice SCHEDA INFRASTRUTTURA E FLUSSI... 1 1. SCOPO... 3 2. DESCRIZIONE INFRASTRUTTURA SINTEL E NECA...

Dettagli

ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL

ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL 1 Introduzione Il mondo del Web ha assunto negli ultimi anni una forza dirompente su tutti i fronti della comunicazione e della

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET 18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso ai database

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche Il Cloud Computing La visualizzazione nella Cloud Problematiche Virtualizzazione della GPU Front end Virtualization

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA CONNESSIONE DEGLI UTENTI DELLA REGIONE UMBRIA DIREZIONE ATTIVITA PRODUTTIVE

S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA CONNESSIONE DEGLI UTENTI DELLA REGIONE UMBRIA DIREZIONE ATTIVITA PRODUTTIVE S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA CONNESSIONE DEGLI UTENTI DELLA REGIONE UMBRIA DIREZIONE ATTIVITA PRODUTTIVE - Giugno 2005 - --- Servizio Affari Generali e Amministrativi,

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Sme.UP Web Application

Sme.UP Web Application Sme.UP Web Application Web Application Web.UP Una interfaccia web per i vostri dati gestionali Il modulo applicativo Web.UP fornisce al progettista di siti Internet una serie di potenti strumenti per l'integrazione

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013 Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC Giugno 2013 Sommario 1 PREMESSA... 3 2 COMPONENTE TECNOLOGICA DEL SERVIZIO... 3 3 COMPONENTE APPLICATIVA DEL SERVIZIO... 5 3.1 Infrastruttura tecnologica,

Dettagli

Comunità della Val di Non. Gestione associata in materia informatica

Comunità della Val di Non. Gestione associata in materia informatica in materia Presentazione in sintesi del servizio in gestione Incontri territoriali Gennaio 2013 1 Finalità dell incontro Con questi incontri d ambito ci poniamo l obiettivo di illustrare ad amministratori

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO PER LA GESTIONE

Dettagli

SIEL - Soluzioni Integrate Enti Locali

SIEL - Soluzioni Integrate Enti Locali SIEL - Soluzioni Integrate Enti Locali Filosofia di funzionamento del sistema SIEL Il pacchetto Integrato Enti Locali, realizzato in ambiente con linguaggi di ultima generazione, consente all Ente Locale

Dettagli

Introduzione all uso di Internet. Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it

Introduzione all uso di Internet. Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it Introduzione all uso di Internet Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it TIPI DI RETI ( dal punto di vista della loro estensione) Rete locale (LAN - Local Area Network): collega due o piu computer in

Dettagli

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Architettura ABSCARD Pagina 1 di 13 INDICE GENERALE 1 Architettura...3 1.1 Introduzione...3 1.1.1 Sicurezza...4 1.1.2 Gestione...5 1.1.3 ABScard

Dettagli

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti Premessa Il rapporto tra open source e innovazione è un

Dettagli

Indice. Indice... 2 1. Premessa e scopo del documento... 3 2. Ambiente operativo... 4 3. Architettura di sistema... 5

Indice. Indice... 2 1. Premessa e scopo del documento... 3 2. Ambiente operativo... 4 3. Architettura di sistema... 5 Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi Database e reti Piero Gallo Pasquale Sirsi Approcci per l interfacciamento Il nostro obiettivo è, ora, quello di individuare i possibili approcci per integrare una base di dati gestita da un in un ambiente

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO PER LA CONDUZIONE

Dettagli

Corso Web programming

Corso Web programming Corso Web programming Modulo T3 A1 Modelli di programmazione 1 Prerequisiti Concetto di rete Processi e thread Concetti generali sui database 2 1 Introduzione Un particolare ambito della programmazione

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di calcolatori : Un certo numero di elaboratori

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE

Dettagli

Architettura del Directory Service D Ateneo Alessandro Cantelli

Architettura del Directory Service D Ateneo Alessandro Cantelli Architettura del Directory Service D Ateneo Alessandro Cantelli Seminario Ingegneria Bologna, 2/03/2006 Introduzione ai sistemi di Identity Management e Directory Service Struttura logica e fisica della

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 SEZIONE A Sistema informativo comunale, rete e sicurezza Nell ambito del sistema informativo, degli applicativi in uso, della rete e del sistema di sicurezza va mantenuta e migliorata l efficienza intervenendo

Dettagli

Il percorso formativo C: GESTIONE DELLA INFRASTUTTURA TECNOLOGICA 1

Il percorso formativo C: GESTIONE DELLA INFRASTUTTURA TECNOLOGICA 1 Il percorso formativo C: GESTIONE DELLA INFRASTUTTURA TECNOLOGICA 1 In questa area si possono identificare due possibili percorsi: Livello-C1 un percorso teso a creare una figura in grado di gestire le

Dettagli

Virtualizzazione. Orazio Battaglia

Virtualizzazione. Orazio Battaglia Virtualizzazione Orazio Battaglia Definizione di virtualizzazione In informatica il termine virtualizzazione si riferisce alla possibilità di astrarre le componenti hardware, cioè fisiche, degli elaboratori

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Servizio per l automazione informatica e l innovazione tecnologica

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Servizio per l automazione informatica e l innovazione tecnologica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Servizio per l automazione informatica e l innovazione tecnologica Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell Informazione

Dettagli

SOLUZIONE AL TEMA DI SISTEMI PER L INDIRIZZO INFORMATICO (SPERIMENTAZIONE ABACUS)

SOLUZIONE AL TEMA DI SISTEMI PER L INDIRIZZO INFORMATICO (SPERIMENTAZIONE ABACUS) SOLUZIONE AL TEMA DI SISTEMI PER L INDIRIZZO INFORMATICO (SPERIMENTAZIONE ABACUS) Dovendo procedere alla realizzazione di un progetto di rete locale risulta indispensabile partire dall analisi della situazione

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno

I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno In questi ultimi anni gli investimenti

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE 1- Premessa 2- Tipologia della prestazione 3- Consistenza apparati di rete e macchine server 4- Luoghi di espletamento

Dettagli

Lavorare in Rete Esercitazione

Lavorare in Rete Esercitazione Alfonso Miola Lavorare in Rete Esercitazione Dispensa C-01-02-E Settembre 2005 1 2 Contenuti Reti di calcolatori I vantaggi della comunicazione lavorare in rete con Windows Internet indirizzi IP client/server

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries Soluzioni innovative per l integrazione dei server Intel IBM iseries Soluzioni integrate per xseries La famiglia iseries, il cui modello più recente è l _` i5, offre due soluzioni che forniscono alternative

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA La Dialuma propone a catalogo 22 corsi di Informatica che spaziano tra vari argomenti e livelli. TITOLI E ARGOMENTI I001 - Informatica generale Concetti generali

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

NetCrunch 6. Server per il controllo della rete aziendale. Controlla

NetCrunch 6. Server per il controllo della rete aziendale. Controlla AdRem NetCrunch 6 Server per il controllo della rete aziendale Con NetCrunch puoi tenere sotto controllo ogni applicazione, servizio, server e apparato critico della tua azienda. Documenta Esplora la topologia

Dettagli

Gestite il vostro business, non una server farm, un unico server per tutte le applicazioni

Gestite il vostro business, non una server farm, un unico server per tutte le applicazioni Gestite il vostro business, non una server farm, un unico server per tutte le applicazioni IBM i5 520 Express Edition Ora più che mai, avete bisogno di un server che vi aiuti a diventare più reattivi nei

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

Giuseppe MARULLO, Antonio CAMPA, Antonio TOMMASI, Marco FERRI Ufficio Gestione Dorsale di Ateneo dorsale@unisalento.it

Giuseppe MARULLO, Antonio CAMPA, Antonio TOMMASI, Marco FERRI Ufficio Gestione Dorsale di Ateneo dorsale@unisalento.it La virtualizzazione delle risorse di rete e dei sistemi di sicurezza: l implementazione di router e firewall virtuali sul bordo di una rete dati di accesso al GARR Giuseppe MARULLO, Antonio CAMPA, Antonio

Dettagli

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP DISPENSA LEZIONE 1 Autore D. Mondello Transazione di dati in una richiesta di sito web Quando viene effettuata la richiesta di un sito Internet su un browser, tramite

Dettagli

Realizzazione di una rete dati IT

Realizzazione di una rete dati IT Realizzazione di una rete dati IT Questo documento vuole semplicemente fornire al lettore un infarinatura di base riguardo la realizzazione di una rete dati. Con il tempo le soluzioni si evolvono ma questo

Dettagli

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione BANCA VIRTUALE/1 Il termine indica un entità finanziaria che vende servizi finanziari alla clientela tramite le tecnologie dell informazione e della comunicazione, senza ricorrere al personale di filiale

Dettagli

Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo. Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST

Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo. Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST Dott. Sergio Rizzato (Ferplast SpA) Dott. Maurizio

Dettagli

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1.1 Introduzione Il sistema informatico gestionale, che dovrà essere fornito insieme ai magazzini automatizzati (d ora in avanti Sistema Informatico o semplicemente Sistema),

Dettagli

Comune di Codogno Provincia di Lodi

Comune di Codogno Provincia di Lodi Comune di Codogno Provincia di Lodi Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE Virtualizzazione di tutti i server del Sistema Informativo Comunale Firma

Dettagli

i5/os per processi di business efficienti e flessibili

i5/os per processi di business efficienti e flessibili L ambiente operativo integrato leader nel settore i5/os per processi di business efficienti e flessibili Caratteristiche principali Middleware integrato per processi di business efficienti. Funzioni integrate

Dettagli

applicazioni aziendali più eseguire e controllare fondamentali per il business grazie a sofisticate funzioni di auto-gestione

applicazioni aziendali più eseguire e controllare fondamentali per il business grazie a sofisticate funzioni di auto-gestione Semplicità e flessibilità con il primo server con tecnologia IBM i5 520 Le piccole e medie imprese desiderano concentrarsi sul proprio business e non sull infrastruttura IT. IBM _` i5 520 offre non solo

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI DOMOTICA. Fig. 1 - Architettura di un web server embedded

WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI DOMOTICA. Fig. 1 - Architettura di un web server embedded WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI Cristian Randieri Per far fronte alle esigenze di sviluppatori che intendono gestire applicazioni professionali per la domotica e la home building automation sfruttando

Dettagli

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Relazione preparata sotto contratto con EMC Introduzione EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione pratica del nuovo sistema

Dettagli

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE 1. IL SOFTWARE APPLICATIVO PROGETTOENTE 1.1 Linee guida generali: Un software aperto che Vi accompagna

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

Introduzione Il sistema operativo Linux è oggi una delle principali distribuzioni di Unix, in grado di portare in ogni PC tutta la potenza e la flessibilità di una workstation Unix e un set completo di

Dettagli

Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella

Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella Atti Progetto AQUATER, Bari, 31 ottobre 2007, 9-14 LA BANCA DATI DEI PROGETTI DI RICERCA E L ARCHIVIO DOCUMENTALE DEL CRA Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella Consiglio per la Ricerca e

Dettagli

Gara per la fornitura di un Sistema Integrato di Servizi Informatici specialistici

Gara per la fornitura di un Sistema Integrato di Servizi Informatici specialistici Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura Gara per la fornitura di un Sistema Integrato di Servizi Informatici specialistici Allegato 1 La Rete Telematica dell Agenzia Area di Comunicazione

Dettagli

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLE FUNZIONI DI ORGANIZZAZIONE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE, GESTIONE FINANZIARIA E CONTABILE E CONTROLLO TRA I COMUNI DI ARQUA POL., FRASSINELLE POL., COSTA DI

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

IBM System i5 520 Express

IBM System i5 520 Express Un unico sistema adatto a qualsiasi applicazione, con eccezionale rapporto prezzo/prestazioni IBM System i5 520 Express Caratteristiche principali Sistema operativo, database e Funzioni integrate di tool

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Il porting da piattaforme Sun SPARC a RHEL su x86. Michelangelo Uberti Babel - Sales Engineer

Il porting da piattaforme Sun SPARC a RHEL su x86. Michelangelo Uberti Babel - Sales Engineer Il porting da piattaforme Sun SPARC a RHEL su x86 Michelangelo Uberti Babel - Sales Engineer AGENDA La nostra storia Le conseguenze dell acquisizione di Sun L opportunità offerta dai sistemi Intel x86

Dettagli

AREA PROFESSIONALE TECNICO DI RETI INFORMATICHE ANALISTA PROGRAMMATORE. pag. 1

AREA PROFESSIONALE TECNICO DI RETI INFORMATICHE ANALISTA PROGRAMMATORE. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE SVILUPPO E GESTIONE

Dettagli

Descrizione generale del sistema SGRI

Descrizione generale del sistema SGRI NEATEC S.P.A. Il sistema è un sito WEB intranet realizzato per rappresentare logicamente e fisicamente, in forma grafica e testuale, le informazioni e le infrastrutture attive e passive che compongono

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

Allegato. Servizio Hosting Virtual DataCenter di Regione Lombardia. per l ENTE UCL Asta del Serio

Allegato. Servizio Hosting Virtual DataCenter di Regione Lombardia. per l ENTE UCL Asta del Serio Allegato Servizio Hosting Virtual DataCenter di Regione Lombardia per l ENTE UCL Asta del Serio Contesto Il percorso condotto da Regione Lombardia (RL) per la razionalizzazione dei CED degli ENTI si inserisce

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

Content Management System

Content Management System Content Management System Docente: Prof. Roberto SALVATORI CARATTERISTICHE PRINCIPALI DI UN CMS In quest ultimo decennio abbiamo avuto modo di osservare una veloce e progressiva evoluzione del Web, portando

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi Calcolo numerico e programmazione Sistemi operativi Tullio Facchinetti 25 maggio 2012 13:47 http://robot.unipv.it/toolleeo Sistemi operativi insieme di programmi che rendono

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Sistemi Operativi di Rete. Sistemi Operativi di rete. Sistemi Operativi di rete

Sistemi Operativi di Rete. Sistemi Operativi di rete. Sistemi Operativi di rete Sistemi Operativi di Rete Estensione dei Sistemi Operativi standard con servizi per la gestione di risorse in rete locale Risorse gestite: uno o più server di rete più stampanti di rete una o più reti

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza Presentazione al G-Award 2012 Responsabile del progetto: Francesco Lazzaro Capo dell Ufficio DGAI IV Sviluppo

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

Linux hands-on & hands-off Workshop

Linux hands-on & hands-off Workshop Linux hands-on & hands-off Workshop I workshop Linux hands-on & hands-off sono sessioni di una giornata che distinguono per il taglio volutamente operativo, pensati per mostrare le basi relative al setup

Dettagli

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS CONTENT MANAGMENT SYSTEMS ESTRATTO DA: Ileana D'Incecco, Progettare la comunicazione web per organizzazioni non-profit con strumenti open source: ideazione e realizzazione del sito web della Casa delle

Dettagli