Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi"

Transcript

1 Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi

2 L intelligenza Cos è l intelligenza? Non è un abilità cognitiva unitaria Non è un abilità cognitiva generale Non è innata Non è statica molteplici abilità possibile insegnamento di abilità cognitive abilità dominio specifiche possibile misurazione dinamica

3 Diverse teorie dell intelligenza Principali orientamenti teorici: Teorie UNITARIE: centralità del pensiero logico Teorie GLOBALI MATURATIVE: funzioni mentali che maturano con l età (es: Piaget) Teorie MULTIPLE dell intelligenza (es: Gardner) Teorie GERARCHICHE FATTORIALI Teorie COGNITIVISTE (Human Information Processing: studio dei processi neurospicologici che sottendono all intelligenza)

4 Teorie UNITARIE Inizio XX secolo: Spearman sostiene una concezione unitaria di intelligenza: diverse variabili (punteggi ai test, rendimento scolastico, osservazioni cliniche ecc.) correlavano positivamente tra loro È una data quantità di energia mentale trasferibile da un compito ad un altro, emerge attraverso diverse abilità in differenti compiti Fattore generale g È un integrazione di abilità specifiche legate ai singoli compiti: èun elemento in comune a differenti prove che viene calcolato statisticamente. Non spiega cos è l intelligenza

5 Teorie MULTIPLE dell intelligenza Metà XX secolo: importanza delle componenti distinte e specifiche dell intelligenza (che Spearman riconduceva al fattore g ) Thurnstone ( 1938) identificò abilità mentali primarie (Comprensione verbale, fluenza verbale, calcolo e soluzione di problemi, velocità percettiva, induzione e memoria); Guilford (1959) identifica 120 abilità Gardner (1983): ambiti in cui può manifestarsi l intelligenza e non processi mentali (linguistica, logico matematica, spaziale, musicale, corporeocinestetica, intrapersonale, interpersonale e naturalistica)

6 Teorie MULTIPLE dell intelligenza Sternberg (1985) : teoria triarchica dell intelligenza 3 aspetti interagenti costituiscono l intelligenza 1. Abilità di elaborare l informazione (metacomponenti: processi mentali di ordine superiore comuni ai vari compiti attivati nella risoluzione di un problema) 2. Applicazione nel contesto reale 3. Capacità di riferirsi alle proprie esperienze Integrazione di aspetti biologici, gerarchici e contestuali Intelligenza come sistema complesso e dinamico

7 Teorie GERARCHICHE Compromesso tra concezione unitaria e multipla: prevede abilità di livello specifico e abilità di livello generale Horn (1994): modello gerarchico a 2 strati Fattore di intelligenza fluida o gf (operazioni mentali senza ricorrere a conoscenze acquisite, dipende dal funzionamento efficiente del SNC) Fattore di intelligenza cristallizzata o gc ( cultura, esperienza e familiarità con il materiale influenzano prestazione) Rappresentano il livello più alto di funzionamento cognitivo

8 Teorie GERARCHICHE_2 Il modello di Horn (1994) Fattore Intelligenza fg Abilità di percepire relazioni tra pattern di stimoli, comprendere implicazioni, trarre inferenze dalle relazioni ecc. E misurato da test standardizzati con compiti di: analogie completamento di serie esercizi di ragionamento Fattore di intelligenza cg Dipende dall esperienza e dall istruzione avuta in un determinato contesto culturale, riguarda l insieme di abilità e conoscenze che gli individui acquisiscono nel corso della loro vita (es. comprensione verbale) E misurata da prove di vocabolario, conoscenza generale e comprensione verbale

9 Teorie GERARCHICHE_3 Il modello di Horn (1994) I livelli successivi di elaborazione del modello: 2. Organizzazione percettiva (velocità di elaborazione, visualizzazione delle informazioni, elaborazione delle informazioni uditive) 3. Elaborazione delle associazioni (abilità di acquisire informazioni e di recuperarle fluidamente nella MLT) 4. Ricezione sensoriale (registrare stimoli nell ambiente, mantenerli nella memoria iconica, registrare informazione uditiva e mantenerla nella memoria ecoica)

10 L intelligenza secondo Wechsler L intelligenza e la capacita globale o complessa dell individuo di agire per uno scopo determinato, di pensare in una maniera razionale e di avere rapporti utili con il proprio ambiente. E globale perche caratterizza il comportamento dell individuo nel suo insieme; E complessa perche e composta di elementi o attitudini che, senza essere interamente indipendenti, sono qualitativamente differenziabili (Wechsler, 1944).

11 L intelligenza secondo Wechsler Si manifesta sotto molte forme: entità aggregata e globale l intelligenza e composta da singole funzioni o abilita interrelate tali abilita possono essere definite e misurate; l intelligenza generale puo essere misurata sommando la capacita di un individuo in ognuna di queste singole abilita.

12 Le scale Wechsler Le scale WAIS (dai 16 anni), WISC (6 anni 16 anni) e WIPSSI (4 6 anni) sono tra i principali test usati per avere una misura globale dell intelligenza; Hanno il pregio di indagare e testare una serie di abilità cognitive di base fornendo: una misura generale dell intelligenza Q.I. globale misure distinte e specifiche Q.I. verbale e Q.I. di performance

13 Wechsler Intelligence Scale for Children (WISC) E uno strumento clinico e diagnostico usato per la valutazione delle abilità intellettuali dai bambini dai 6 ai 16 anni e 11 mesi. Il quoziente di intelligenza (Q.I.) viene calcolato come quoziente di deviazione Esprime le differenze di punteggio di un soggetto rispetto al punteggio medio del gruppo di riferimento Media = 100 ; Deviazione standard = 15

14 Storia La WISC fu creata da David Wechsler nel 1949 originariamente come estensione verso il basso della Wechsler Adult Intelligent Scale (WAIS). Furono poi realizzate nuove versioni: la WISC R nel 1974 e la WISC III nel L'attuale versione americana (WISC IV) è del Ogni nuova versione ha avuto come scopo quello di compensare il cosiddetto effetto Flynn (aumento Q.I negli anni) David Wechsler creò anche la scala primaria di intelligenza per i bambini in età prescolare, la Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence (WPPSI), utilizzata con i bambini dai 4 ai 6 anni.

15 Scale Wechsler Anno di pubblicazione Anno di pubblicazione in Italia Curatore Italiano WISC Falorni, M. L. WISC-R Rubini, V., Padovani, F. WISC-III Orsini, A., Picone, L. WISC-IV In Italia oggi si utilizza la versione (WISC III) standardizzata nel 2006 su un campione di 2200 soggetti suddivisi in 11 gruppi di età compresa tra i 6 e i 16 anni e 11 mesi: 200 soggetti per ciascun gruppo (100 maschi e 100 femmine) Il calcolo dell'età attribuisce ad un soggetto di 10 anni ogni bambino di età compresa tra 10 anni, 0 mesi e 0 giorni e 10 anni, 11 mesi e 30 giorni.

16 La revisione della WISC R, perche? Il contenuto di molti item era diventato obsoleto (cultura e società cambiano) La difficoltà degli item è cambiata: alcune cose una volta familiari oggi non lo sono più Diversi materiali cominciavano ad apparire strani o antiquati Modifica in termini di contenuto Inoltre modifica di: Regole di somministrazione e attribuzione dei punteggi Aggiornamento delle norme Rafforzamento della struttura fattoriale Ma è mantenuta la struttura e il contenuto di base

17 WISC III: modifiche materiali e procedure Molti item sono raffigurati a colori Diverso ordine di somministrazione dell item ma anche del subtest proposto Nuovi item per sostituire quelli superati o non discriminanti o per garantire maggiore gradualità nel grado di difficoltà rispetto ad un subtest Alcune differenze nelle regole di somministrazioni e calcolo dei punteggi Il protocollo è più funzionale alla somministrazione, registrazione e allo scoring e alla visualizzazione dei profili finali Tabelle dei Q.I. e dei punteggi fattoriali complete anche di rango percentile e di intervallo di fiducia

18 WISC III: considerazioni generali sulla somministrazione Mantenere le procedure standard di somministrazione: Istruzioni di somministrazione e attribuzione dei punteggi sono condizioni che devono essere mantenute fisse; Il tempo di somministrazione (50 70 minuti per i 10 subtest canonici; è necessaria un unica seduta) Ambiente di somministrazione (stanza e disposizione dei posti)

19 Struttura della WISC III La WISC III èuna scala composta da 13 subtest divisi in due gruppi: 1. subtest verbali 2. subtest di performance. I subtest selezionano diverse abilità mentali (es: memoria, ragionamento astratto, percezione) le quali tutte insieme vanno a concorrere all'abilità intellettiva generale (quoziente d'intelligenza). Q.I. punteggio ottenuto tramite un test standardizzato

20 Struttura della WISC III: i subtest Subtest verbali: Subtest di performance: 2. Informazioni (30 domande) 4. Somiglianze (19 domande) 6. Ragionamento aritmetico (24 problemi) 8. Vocabolario (30 parole) 10. Comprensione (18 domande) 12. Memoria di cifre* (2 item per ogni livello avanti, 2 item per ogni livello indietro) 1. Completamento di figure (30 figure) 3. Cifrario 5. Riordinamento di storie figurate (14 storie) 7. Disegno con i cubi (12 item) 9. Ricostruzione di oggetti 11. Ricerca di simboli* 13. Labirinti* (10 prove)

21 I subtest supplementari Memoria di cifre (scala verbale) Labirinti (scala di performance) Ricerca di simboli Sono supplementari: permettono più ampia rappresentazione delle abilità del bambino. N.B.: non fanno parte dei valori normativi (QIV, QIP, QIT); non vengono considerati nel calcolo del Q.I. Sono sostitutivi rispettivamente di un subtest verbale e di performance, se un subtest verbale e/o di performance non può essere somministrato. N.B.: media dei PP rimane abbastanza stabile, fluttua di punti.

WISC Wechsler D. 1949 WISC-R Wechsler D. 1974 WISC-III 1991 WISC-IV 2003. Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence (WPPSI)

WISC Wechsler D. 1949 WISC-R Wechsler D. 1974 WISC-III 1991 WISC-IV 2003. Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence (WPPSI) WISC Wechsler D. 1949 WISC-R Wechsler D. 1974 WISC-III 1991 WISC-IV 2003 Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence (WPPSI) Scala Wechsler WISC (1949) 1956 Falorni, M. L. WISC-R (1974) 1986 Rubini,

Dettagli

misurazione dell intelligenza

misurazione dell intelligenza DIAGNOSTICA PSICOLOGICA lezione! Paola Magnano paola.magnano@unikore.it misurazione dell intelligenza alcune riflessioni sul concetto di intelligenza Intelligenza generale, determinata e misurata oggettivamente

Dettagli

Diverse teorie dell intelligenza

Diverse teorie dell intelligenza Diverse teorie dell intelligenza Principali orientamenti teorici: Teorie UNITARIE: centralità del pensiero logico Teorie GLOBALI-EVOLUTIVE: funzioni mentali che si sviluppano con l età(es: Piaget) Teorie

Dettagli

Intelligenza. Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 10

Intelligenza. Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 10 Intelligenza Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 10 Definizione Capacità generale di agire in maniera finalizzata, di pensare razionalmente e di interagire in modo

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO

DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO WAIS IV Wechsler Adult Intelligence Scale - IV Edition (2013) Esercitazioni Università di Bergamo INDICE o Descrizione dello strumento o Regole di somministrazione o Punteggi o Campione Normativo INDICE

Dettagli

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica BES e DSA: Lettura della relazione Dott.ssa Anna Bruno Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Chiara Izzo Logopedista Chi effettua la diagnosi? DISABILITÀ Servizio pubblico specialistico che ha in carico il

Dettagli

Natura o cultura? Effetto Flynn: il QI medio della maggior parte delle nazioni è cresciuto di 3 punti ogni 10 anni nel XX secolo

Natura o cultura? Effetto Flynn: il QI medio della maggior parte delle nazioni è cresciuto di 3 punti ogni 10 anni nel XX secolo Intelligenza Capacità di apprendere dall esperienza e impegnarsi con successo nella soluzione dei problemi e nel ragionamento astratto Attività mentale diretta all adattamento intenzionale ai contesti

Dettagli

E possibile misurare l intelligenza l dei processi di pensiero e di apprendimento

E possibile misurare l intelligenza l dei processi di pensiero e di apprendimento E possibile misurare l intelligenza l? La valutazione dei processi di pensiero e di apprendimento Processi di apprendimento ed Educazione cognitiva. Nuove competenze per sviluppare l intelligenza e promuovere

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Consultorio CEAF di Vimercate, Comune di Ornago e Università di Parma trubini.chiara@libero.it F 81.0 Disturbo specifico

Dettagli

Strumenti Operativi e Strategie Didattiche per i D.S.A.

Strumenti Operativi e Strategie Didattiche per i D.S.A. Strumenti Operativi e Strategie Didattiche per i D.S.A. Corso di formazione di base Ideato e condotto dall'equipe Psicopedagogica del Centro Servizi Scolastici Sapere Più Ognuno è un GENIO. Ma se si giudica

Dettagli

Test di intelligenza. Cosa misurano, come misurano

Test di intelligenza. Cosa misurano, come misurano Test di intelligenza Cosa misurano, come misurano Il fattore generale La visione comune della persona intelligente è abbastanza olistica: una persona intelligente lo sarà praticamente in ogni campo. A

Dettagli

Wechsler Intelligence Scale for Children - Fourth Edition

Wechsler Intelligence Scale for Children - Fourth Edition Wechsler Intelligence Scale for Children - Fourth Edition Autore David Wechsler (1896 1981) Data di pubblicazione 2012 Range di età Da 6 anni a 16 anni e 11 mesi Tempo di somministrazione Da 65 a 80 minuti

Dettagli

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO Vineland Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano

Dettagli

Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I.

Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I. Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I. Non esiste, al giorno d oggi, un parere unanime della comunità scientifica sulla definizione di intelligenza. In generale, potremmo dire che è

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA TESI DI LAUREA IN PSICOLOGIA DINAMICA CORSO PROGREDITO PREADOLESCENTI NEI TEST DISEGNO DELLA FAMIGLIA E FAMIGLIA DEGLI ORSI Relatrice Prof.ssa

Dettagli

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 PRINCIPALI DIFFICOLTA NEL PORRE LA DIAGNOSI (ICD-10) 1. Distinguere il disturbo dalle normali variazioni del rendimento

Dettagli

N. Caldarola *, A. M. Antonucci **, C. D Amato ** e I.C. Mammarella

N. Caldarola *, A. M. Antonucci **, C. D Amato ** e I.C. Mammarella XX CONGRESSO NAZIONALE AIRIPA, I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO PRATO 21-22 OTTOBRE 2011 N. Caldarola *, A. M. Antonucci **, C. D Amato ** e I.C. Mammarella * Dipartimento di Psicologia Generale, Università

Dettagli

WPPSI-III. La Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence -Terza Edizione (WPPSI III) è uno strumento clinico di somministrazione individuale

WPPSI-III. La Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence -Terza Edizione (WPPSI III) è uno strumento clinico di somministrazione individuale La Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence -Terza Edizione Dott.ssa Tiziana Serra WPPSI- La Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence -Terza Edizione (WPPSI III) è uno strumento

Dettagli

Applicazione della WISC III per la diagnosi del Disturbo Non-Verbale

Applicazione della WISC III per la diagnosi del Disturbo Non-Verbale Dalla WISC-R alla WISC III e WISC IV Padova, 27 Aprile 2007 Applicazione della WISC III per la diagnosi del Disturbo Non-Verbale Irene C. Mammarella Dipartimento di Psicologia Generale Università degli

Dettagli

Indice. Premessa pag. 11

Indice. Premessa pag. 11 Indice Premessa pag. 11 1. I test nella pratica psicologica» 13 1. Definizione di test psicologico» 13 2. Lineamenti sullo sviluppo storico dei test psicologici» 13 3. La misura nell'ottica della "teoria

Dettagli

7-Approccio psicometrico

7-Approccio psicometrico 7-Approccio psicometrico Il concetto di intelligenza Lo sviluppo dell intelligenza Gli estremi dell intelligenza e della creatività Il concetto di intelligenza Componenti principali: Abilità verbali Abilità

Dettagli

NEPSY Second Edition

NEPSY Second Edition NEPSY Second Edition 3 Autori Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 a 16 anni Tempo di somministrazione 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3

Dettagli

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni psicologiche. L autore del V.M.I. Test rilevò,negli anni 60,

Dettagli

La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva

La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva Definizione (Associazione Americana Ritardo Mentale 2002): il ritardo mentale è una disabilità caratterizzata da limitazioni significative sia

Dettagli

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008 Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento 4 ottobre 2008 Il principale criterio necessario per effettuare una diagnosi di DSA è quello della discrepanza tra abilità nel dominio

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Psicologa, Psicoterapeuta, PhD in psicologia dell educazione e delle disabilità trubini.chiara@libero.it Con la pubblicazione

Dettagli

Comprendere la diagnosi per capire il. Roberto Segala, Laura Bertezzolo

Comprendere la diagnosi per capire il. Roberto Segala, Laura Bertezzolo Comprendere la diagnosi per capire il funzionamento dell alunno Roberto Segala, Laura Bertezzolo i disturbi specifici dell apprendimento hanno a che vedere con le cose che acquisiamo in maniera esplicita

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

FUNZIONI ATTENTIVE NELLA DISABILITÀ INTELLETTIVA CON E SENZA DDAI

FUNZIONI ATTENTIVE NELLA DISABILITÀ INTELLETTIVA CON E SENZA DDAI FUNZIONI ATTENTIVE NELLA DISABILITÀ INTELLETTIVA CON E SENZA DDAI TORRISI A. M.*, DI GUARDO G.*, BUONO S. *, DI NUOVO S. ** * U.O di Psicologia I.R.C.C.S Oasi Maria SS **Università di Catania Dibattito

Dettagli

LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012

LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012 LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012 OSSERVAZIONI CLINICHE - MOTIVO DELLA CONSULTAZIONE : DISTURBO

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

Gli indici del WISC- IV e la loro interpretazione

Gli indici del WISC- IV e la loro interpretazione Gli indici del WISC- IV e la loro interpretazione Jacques Grégoire Dottore in psicologia. Professore alla facoltà di psicologia e scienze dell educazione, Università cattolica di Louvain, Belgio. Traduzione

Dettagli

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI (2002) DEVELOPMENTAL assessment individuale; valutazione disturbi di apprendimento;

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

TEST E QUESTIONARI PER L ORIENTAMENTO PROFESSIONALE

TEST E QUESTIONARI PER L ORIENTAMENTO PROFESSIONALE TEST E QUESTIONARI PER L ORIENTAMENTO PROFESSIONALE Per una valutazione - compiuta ed economica - nelle fasi di preselezione del personale, proponiamo due distinte tipologie di strumenti: - Test attitudinali

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

La Scala WAIS-R con gli indici diagnostici di Giuseppe Castellani

La Scala WAIS-R con gli indici diagnostici di Giuseppe Castellani La Scala WAIS-R con gli indici diagnostici di Giuseppe Castellani Il test d'intelligenza più utilizzato e conosciuto al mondo, non è importante solamente per la determinazione del livello cognitivo, ma,

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

WORKSHOP 11 ottobre. Confronto di Esperienze sui Disturbi della Coordinazione Motoria e Disprassia IRCSS SANTA LUCIA: ROMA 11 OTTOBRE 2013

WORKSHOP 11 ottobre. Confronto di Esperienze sui Disturbi della Coordinazione Motoria e Disprassia IRCSS SANTA LUCIA: ROMA 11 OTTOBRE 2013 WORKSHOP 11 ottobre. Confronto di Esperienze sui Disturbi della Coordinazione Motoria e Disprassia IRCSS SANTA LUCIA: ROMA 11 OTTOBRE 2013 Introduzione ai lavori: Stato dell arte sul problema della valutazione

Dettagli

DALLA DIAGNOSI AL PDP. TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano

DALLA DIAGNOSI AL PDP. TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano DALLA DIAGNOSI AL PDP TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano SU COSA CI SI BASA PER LA DIAGNOSI? QUALI BASI? QUALI TEST? QUALI ANALISI? Le basi! Criterio della discrepanza! Il principale criterio

Dettagli

La valutazione del potenziale di apprendimento. Chiara Deprà chiara.depra@unimib.it

La valutazione del potenziale di apprendimento. Chiara Deprà chiara.depra@unimib.it La valutazione del potenziale di apprendimento Chiara Deprà chiara.depra@unimib.it Filmato il Circo della Farfalla Sottorendimento lieve, al medio, al grave concetto di sé non realistico Bassa autostima

Dettagli

Applicazioni della WISC III per la diagnosi dei Disturbi Specifici dell Apprendimento

Applicazioni della WISC III per la diagnosi dei Disturbi Specifici dell Apprendimento dalla WISC-R alla WISC III Padova, 27 Aprile 2007 Applicazioni della WISC III per la diagnosi dei Disturbi Specifici dell Apprendimento C. Vio, M. L. Tretti Cosa sono i DSA? Le nuove Raccomandazioni per

Dettagli

Valutazione cognitiva a d i s t a n z a d e i b a m b i n i trattati per craniostenosi sagittale

Valutazione cognitiva a d i s t a n z a d e i b a m b i n i trattati per craniostenosi sagittale 2 Incontro del Coordinamento di Neuroscienze Pediatriche Roma, 19 marzo 2005 Valutazione cognitiva a d i s t a n z a d e i b a m b i n i trattati per craniostenosi sagittale Simona Di Giovanni, Daniela

Dettagli

LO SVILUPPO COGNITIVO

LO SVILUPPO COGNITIVO LO SVILUPPO COGNITIVO Corso di Disabilità Cognitive Prof. Renzo Vianello Università di Padova power-point per le lezioni, a cura di: Manzan Dainese Martina Riccoldo Monica Argomenti trattati Problemi metodologici

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino da sei a dieci anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino da sei a dieci anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino da sei a dieci anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi

Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi Quali obiettivi? Indagare la qualità e il livello raggiunti nello sviluppo delle capacità comunicative e linguistiche Individuare

Dettagli

DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO dalla valutazione alla certificazione

DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO dalla valutazione alla certificazione Azienda ospedaliera Spedali Civili di Brescia Unità Operativa di Neuropsichiatria dell infanzia e dell adolescenza Direttore: dott.ssa E. Zanetti DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO dalla valutazione alla

Dettagli

Facoltà degli studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. Costantino Marina.

Facoltà degli studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. Costantino Marina. Facoltà degli studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. Costantino Marina. Matricola: 143561. Anno:2013/2014. 1 L intelligenza numerica. Costantino Marina. Abstract Questa

Dettagli

F 81 Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche

F 81 Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche GESUNDHEITSBEZIRK MERAN COMPRENSORIO SANITARIO DI MERANO Krankenhaus Meran Ospedale di Merano Fachambulanz für psychosoziale Gesundheit Ambulatorio Specialistico F 81 Disturbi evolutivi specifici delle

Dettagli

LA MEDIA FANCIULLEZZA LO SVILUPPO COGNITIVO

LA MEDIA FANCIULLEZZA LO SVILUPPO COGNITIVO LA MEDIA FANCIULLEZZA LO SVILUPPO COGNITIVO 1 Piaget: le operazioni concrete Nello stadio delle operazioni concrete emergono due raggruppamenti di operazioni che si sviluppano contemporaneamente e vengono

Dettagli

LA SCALA DI INTELLIGENZA WISC-IV

LA SCALA DI INTELLIGENZA WISC-IV LA SCALA DI INTELLIGENZA WISC-IV Wechsler e le sue scale First and foremost, the Wechsler scales are clinical tests not psychometric tests but clinical tests. David Wechsler. Capo psicologo al Bellevue

Dettagli

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale)

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale) Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo Neuropsicologia Cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento Formatore AID LA DISCALCULIA EVOLUTIVA E un disturbo delle abilità numeriche e aritmetiche che si manifesta

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E DIDATTICA INCLUSIVA

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E DIDATTICA INCLUSIVA APPRENDIMENTO COOPERATIVO E DIDATTICA INCLUSIVA Quali metodi e strategiepossiamo adottare per l'inclusione delle diverse abilità? Difficoltà di Apprendimento LOW ACHIEVERS sono ragazzi che incontrano difficoltà,

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Brevi cenni storici e tipologie dei test

Brevi cenni storici e tipologie dei test Brevi cenni storici e tipologie dei test Precursori Vanno considerati dei precursori della testistica gli studi di tipo psicofisico. Gli studi sulla Sensazione - Wundt (1878) Trattato di Fisiologia Umana

Dettagli

Cesare Cornoldi 19 Marzo, ore 15.30 Bambini e ragazzi con Difficoltà di Apprendimento e problematiche attentive/comportamentali: gestione del

Cesare Cornoldi 19 Marzo, ore 15.30 Bambini e ragazzi con Difficoltà di Apprendimento e problematiche attentive/comportamentali: gestione del Cesare Cornoldi 19 Marzo, ore 15.30 Bambini e ragazzi con Difficoltà di Apprendimento e problematiche attentive/comportamentali: gestione del rapporto con la scuola e la famiglia 1) L esperienza del nostro

Dettagli

RELAZIONE SU M.M. Consulenza e valutazione neuropsicologica

RELAZIONE SU M.M. Consulenza e valutazione neuropsicologica Dott.ssa Federica Ritorto Psicologa Dott.ssa Anna Rita Onofri Logopedista RELAZIONE SU M.M. Consulenza e valutazione neuropsicologica Nome: M.M. Data N: 2001 Data V: Maggio 2013 M è un ragazzo di 11 anni

Dettagli

DSM-5 5 e Disturbi Specifici dell Apprendimento. Dott.ssa L.Ferro

DSM-5 5 e Disturbi Specifici dell Apprendimento. Dott.ssa L.Ferro DSM-5 5 e Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa L.Ferro DISTURBI DEL NEUROSVILUPPO Viene promosso l uso di specificatori nelle diagnosi Disabilita Intellettive Disturbi quali: della Comunicazione

Dettagli

I disturbi di comprensione del testo scritto

I disturbi di comprensione del testo scritto I disturbi di comprensione del testo scritto Le difficoltà nella comprensione del testo sono pervasive e difficili da identificare. L insegnante avverte una sensazione di disagio nell interazione con il

Dettagli

Cenni storici dei test d intelligenza

Cenni storici dei test d intelligenza Cenni storici dei test d intelligenza primi anni del 900: Alfred Binet, psicologo francese, costruisce il primo test per misurare l intelligenza. A quell epoca il governo francesi impone per legge l obbligo

Dettagli

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato Analizza/Confronta medie ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107 t-test test e confronto tra medie chi quadrato C.d.L. Comunicazione e Psicologia a.a. 2008/09 Medie Calcola medie e altre statistiche

Dettagli

La valutazione degli apprendimenti

La valutazione degli apprendimenti La valutazione degli apprendimenti La valutazione strumento di conoscenza dell alunno per l alunno Valutazione degli apprendimenti e della qualità del sistema educativo di istruzione e di formazione VALUTAZIONE

Dettagli

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com DSA: Diversi Strumenti per l Apprendimento La Relazione clinica Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com Il PEP dello studente, in linea

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

INVALSI English Language Test

INVALSI English Language Test INVALSI English Language Test Rapporto scuola Scuola secondaria di primo grado Settembrini - Roma Pretest 2012 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Introduzione Questo rapporto presenta i risultati

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi

Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi Il test di valutazione delle abilità di calcolo e di soluzione di problemi aritmetici (AC-MT nuova edizione) è composto da tre diverse

Dettagli

CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO DI RIETI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI RIETI REGISTRO DEI BENI CONCESSI IN COMODATO D USO

CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO DI RIETI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI RIETI REGISTRO DEI BENI CONCESSI IN COMODATO D USO 2009 CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO DI RIETI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI RIETI REGISTRO DEI BENI CONCESSI IN COMODATO D USO. Software al 14 ottobre 2010 SW-LMA-10/ SW-LMA-11/ SW-LMA-12/ SW-LMA-13/

Dettagli

Franco-Tappatà.3B 8-01-2007 11:16 Pagina 1. i tascabili / 77

Franco-Tappatà.3B 8-01-2007 11:16 Pagina 1. i tascabili / 77 Franco-Tappatà.3B 8-01-2007 11:16 Pagina 1 i tascabili / 77 Franco-Tappatà.3B 8-01-2007 11:16 Pagina 2 I lettori che desiderano informazioni sui volumi pubblicati dalla casa editrice possono rivolgersi

Dettagli

Intelligenza. Germano Rossi ISSR 2011/12

Intelligenza. Germano Rossi ISSR 2011/12 Intelligenza Germano Rossi ISSR 2011/12 Intelligenza Il concetto di intelligenza è stato ed è uno dei più controversi della storia della In realtà è anche difficile definire l intelligenza perché dipende

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Direzione Didattica Gioacchino Gesmundo A.A. 2009-2010 Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Secondo incontro- 8/2/2010 Programma: Primo incontro:

Dettagli

ESISTE LA DISCALCULIA? 0011 0010 1010 1101 0001 0100 1011

ESISTE LA DISCALCULIA? 0011 0010 1010 1101 0001 0100 1011 Proposte didattiche scuola del infanzia e primaria 00 000 00 0 000 000 0 Ambito matematico Tiziana Turco - Psicologa - Insegnante Formatrice AID ESISTE LA DISCALCULIA? 00 000 00 0 000 000 0 3000 docenti

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE WISC-IV. (Wechsler Intelligence Scale for. Children-IV): l interpretazione clinica del profilo. cognitivo dei bambini

CORSO DI FORMAZIONE WISC-IV. (Wechsler Intelligence Scale for. Children-IV): l interpretazione clinica del profilo. cognitivo dei bambini in collaborazione con GIUNTI O.S. presenta il 25-26 ottobre 2014 IRFID c/o Centro Neapoli Sanit via Funari Ottavian o (NA) CORSO DI FORMAZIONE WISC-IV (Wechsler Intelligence Scale for Children-IV): l interpretazione

Dettagli

Napoletano Francesca - Psicologa - Formatrice

Napoletano Francesca - Psicologa - Formatrice Napoletano Francesca - Psicologa - Formatrice LINGUISTICA Sensibilità al significato (semantica), all ordine (sintassi), ai suoni, ai ritmi e alle inflessioni delle parole (fonologia); sensibilità alle

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMUNI A TUTTI GLI INDICATORI

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMUNI A TUTTI GLI INDICATORI INFANZIA I bambini esplorano continuamente la realtà e imparano a riflettere sulle proprie esperienze descrivendole, rappresentandole, riorganizzandole con diversi criteri. Pongono così le basi per la

Dettagli

Origine e sviluppo dei test logici. Qualche riflessione critica

Origine e sviluppo dei test logici. Qualche riflessione critica Origine e sviluppo dei test logici. Qualche riflessione critica Silvana Bornoroni La storia dei test logici è strettamente legata a quella dei test di intelligenza che si sono sviluppati all interno della

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

LA LETTURA DELLA DIAGNOSI

LA LETTURA DELLA DIAGNOSI LA LETTURA DELLA DIAGNOSI Riferimenti: 1. LEGGE 170 2. CONSENSUS CONFERENCE Montecatini 2006, presentata a Milano 2007 2. P.A.R.C.C. Bologna 1 febbraio 2011, Raccomandazioni cliniche sui DSA Documento

Dettagli

Come leggere una diagnosi

Come leggere una diagnosi Come leggere una diagnosi Maristella Scorza Università di Modena e Reggio Emilia maristella.scorza@unimore.it Protocollo Diagnostico La segnalazione La raccolta anamnestica La valutazione clinica L interpretazione

Dettagli

Corso di laurea in Scienze della formazione primaria LO SVILUPPO COGNITIVO E I NUMERI

Corso di laurea in Scienze della formazione primaria LO SVILUPPO COGNITIVO E I NUMERI Corso di laurea in Scienze della formazione primaria Corso di Elementi di psicometria applicati alla didattica LO SVILUPPO COGNITIVO E I NUMERI Prof. ssa: Eleonora Bilotta Studentessa: Manuela Russo Matr.

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000

ORIZZONTI SCUOLA PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000 PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000 Tra gli interventi di orientamento rivolti alle scuole secondarie di primo grado si può prendere in considerazione, quale esempio, il progetto

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

I test della piattaforma AD-DA 2.0 Gli strumenti per la logopedia I test di valutazione dei disturbi dell apprendimento

I test della piattaforma AD-DA 2.0 Gli strumenti per la logopedia I test di valutazione dei disturbi dell apprendimento I test della piattaforma AD-DA 2.0 Gli strumenti per la logopedia I test di valutazione dei disturbi dell apprendimento www.giuntios.it I test della piattaforma AD-DA 2.0 Gli strumenti per la logopedia

Dettagli

Cesare CORNOLDI (Università di Padova) Organizzazione della mente e profili DSA e BES

Cesare CORNOLDI (Università di Padova) Organizzazione della mente e profili DSA e BES Cesare CORNOLDI (Università di Padova) Organizzazione della mente e profili DSA e BES Direttiva 27.12.2012..alcune tipologie di disturbi, non esplicitati nella legge 170/2010, danno diritto ad usufruire

Dettagli

Dislessia: informazioni generali

Dislessia: informazioni generali Dislessia: informazioni generali Autore: Sarah Menini da neuropsy.it Introduzione La dislessia è un disordine del linguaggio scritto caratterizzato da una capacità di lettura sostanzialmente al di sotto

Dettagli

Sulle orme del Dott. Savarino. «La sfida non è l ostacolo, ma la volontà di riuscire»

Sulle orme del Dott. Savarino. «La sfida non è l ostacolo, ma la volontà di riuscire» Sulle orme del Dott. Savarino «La sfida non è l ostacolo, ma la volontà di riuscire» Bambini con Bisogni Educativi Speciali (BES) Profili cognitivi Borderline Intelligenza: una definizione «Intelligenza,

Dettagli

DATI NORMATIVI PER LA SOMMINISTRAZIONE DELLE PROVE PAC-SI A BAMBINI DI INIZIO SCUOLA PRIMARIA 1

DATI NORMATIVI PER LA SOMMINISTRAZIONE DELLE PROVE PAC-SI A BAMBINI DI INIZIO SCUOLA PRIMARIA 1 DATI NORMATIVI PER LA SOMMINISTRAZIONE DELLE PROVE PAC-SI A BAMBINI DI INIZIO SCUOLA PRIMARIA 1 Marta Desimoni**, Daniela Pelagaggi**, Simona Fanini**, Loredana Romano**,Teresa Gloria Scalisi* * Dipartimento

Dettagli

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE Prof. Marta Ghini ESERCITAZIONE Ripasso dell altra volta non condotto dal docente. UNA DISTINZIONE DI TERMINI STEREOTIPO: rappresentazione cognitiva o impressione

Dettagli

Linee guida per collaborazioni scientifiche nel quadro dei progetti di sviluppo test di Giunti O.S. Organizzazioni Speciali v. 1.

Linee guida per collaborazioni scientifiche nel quadro dei progetti di sviluppo test di Giunti O.S. Organizzazioni Speciali v. 1. Linee guida per collaborazioni scientifiche nel quadro dei progetti di sviluppo test di Giunti O.S. Organizzazioni Speciali v. 1.0 (luglio 2011) Premessa Giunti O.S. Organizzazioni Speciali (qui di seguito

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA A cura di C.M. Gentile Psicologo, Coordinatore Osservatorio Provinciale contro i Fenomeni della D.S. e per la promozione

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

nell ambito della lettoscrittura

nell ambito della lettoscrittura Uno studente con dislessia è generalmente Una persona brillante Con difficoltà specifiche nell ambito della lettoscrittura LA LETTURA E un processo che ha come scopo la comprensione del significato di

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AGGIORNAMENTO: OLTRE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Corso di formazione per docenti Scuole Cattoliche Scuole Primarie e Secondarie di I grado Dott.ssa Michela Rampinini

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN PSICODIAGNOSTICA FORENSE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN PSICODIAGNOSTICA FORENSE CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN PSICODIAGNOSTICA FORENSE Direttrice Dr.ssa Viviana Lamarra Psicologa - Psicodiagnosta - Psicoterapeuta - Criminologa INIZIO 12 OTTOBRE 2014 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN PSICODIAGNOSTICA

Dettagli

Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare??

Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare?? Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare?? A.D.V.P. Activation du Développement Vocationnel et Personnel G. Cappuccio Università di Palermo L A.D.V.P è stato creato nel 1970 da Denis

Dettagli