COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *"

Transcript

1 COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1

2 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione di istituti scolastici sul territorio del comune attraverso la progettazione e la successiva edificazione di una scuola materna (scuola per l infanzia) ed una scuola secondaria di primo grado (media inferiore). La scuola materna è strutturata per tre sezioni (90 alunni) mentre la scuola media è strutturata per sei classi con relative pertinenze (150 alunni). Al fine di realizzare quanto L area complessiva edificabile di riferimento è costituita da diversi terreni a vario titolo disponibili e da fabbricati, in particolare i terreni sono quelli contraddistinti nel catasto dei terreni dai mappali 274 e 280 del foglio 13 N.C.T. del Comune di Ronco Scrivia. Ad essi si aggiunge il mappale 271 ed i mappali 275 e 276 sui quali insite il fabbricato che ospita la S.M.S. la torretta. Infine viene integrato nella disponibilità anche il mappale 308. La superficie di questi mappali supera i 6300 mq necessari ai sensi del D.M. e consente di adempiere L area di parcheggio per gli insegnanti ed il pubblico è opportunamente dimensionata in base al parametro 1mq di parcheggio ogni 20mc di costruito. Da quest ultima si può accedere indistintamente ai tre manufatti che compongono il complesso scolastico: la scuola media, la scuola materna e la palestra. sopra sono state individuate alcune aree ed un fabbricato già esistente è stato integrato nella progettazione. anche al rispetto del parametro relativo al rapporto tra la superficie coperta e superficie complessiva del lotto. Il primo edificio è quello della scuola materna per 90 alunni caratterizzato come un blocco su due livelli nel quale trovano localizzazione tutte le funzioni caratterizzanti questo istituto. Prospiciente ad esso è l edificio della Società di mutuo soccorso la Torretta e sua area di pertinenza. scuola media prospetto di progetto ina 2

3 3 Questo edificio è parte in- data la conformazione del tegrante dell intervento e lotto- si svile sue superfici attuali uni- luppa tamente all area di pertinenza consentono in questa porzione dell area la localizzazione della palestra (con annessi servizi, in su tre livelli. Come evidenziato nella tabella relativa alle funzioni ed alle superfici di progetto esso contempla in se tutte le funzioni necessarie ad un ottimale funzionamento dell istituto scolastico. In particolare al piano terreno trovano collocazione prevalentemente quelle funzioni che necessitano di contatto con il pubblico (uffici) oppure che necessitano di approvvigionamenti quotidiani (mensa) mentre ai piani superiori trovano collocazione le aule per fermeriasala medica) e dell auditorium. Attraverso una scala sul lato destro della scuola materna, oppure percorrendo la viabilità viabilit pedonale interna all area degli istituti si raggiunge la scuola media impostata ad una quota superiore rispetto alla materna. L edificio della scuola media - l insegnamento speciali/etc). (normali/ La viabilità pedonale citata precedentemente ha la possibilità di essere utilizzata anche per fini carrabili ma istituti scolastici planimetria di progetto a ina 3 ag

4 solo allo scopo di approvvigionamento o per specifiche necessità (portatori di handicap e/o emergenze) per il resto tale viabilità verrà realizzata con caratteristiche pedonali (pavimentazione drenante, sistemazione a verde) e dovrà essere di norma utilizzata come viabilità a carattere pedonale per evitare interferenze con i flussi di entrata/ usciata degli studenti. La scuola materna è strutturata su due livelli ed è ubicata nella parte bassa del lotto più prossima al parcheggio, è sistemata in modo che vi possa essere L area non coperta del lotto viene opportunamente sistemata a verde con alberature. I salti di quota specie nella porzione tra il parcheggio e la piazza prospiciente la scuola media e maternasono sistemati dove possibile con terreno naturale opportunamente inerbito e piantumato. Le quote di imposta dei nuovi edifici e le loro altezze interne sono studiate al fine di contribuire -nei limiti del possibile- alla mitigazione delle necessarie opere di sostegno del terreno (data la localizzazione dell intervento). diretto contatto tra le aule e le zone dedicate al gioco. Per ragioni legate all orografia dei terreni interessati la scuola media viene necessariamente strutturata su tre livelli. Per ragioni di opportunità si è provveduto a dividere gli accessi alle diverse unità scolastiche: la scuola materna ha accesso attraverso un atrio ed un ascensore all uopo dedicato. La scuola media ha accesso indistintamente dalle scale esterne o dalla viabilità pescuola media piante di progetto ina 4

5 donale interna. Attraverso opportune barriere (recinzioni e cancelli) le due unità possono essere rese totalmente indipendenti -ai fini dell accessibilitàcon la possibilità di utilizzare (in senso temporale) le due strutture in maniera indipendente. L accessibilità alle persone diversamente abili ai vari livelli è sempre garantita dall opportuna installazione di ascensori o da rampe con pendenza all 8%. La stessa viabilità pedonale inter- na al lotto ha questa possibilità. dell amministrazione data l entità e l ubicazione del progetto. Il locale mensa in tutti e due gli edifici è strutturato unicamente per ospitare il refettorio poiché le scuole comunali usufruiscono già oggi di un centro di cottura integrato che serve tutti gli istituti scolastici comunali. Le aule speciali per quanto riguarda la scuola secondaria di primo grado sono atte a consentire gli insegnamenti seguenti: aula osservazioni scientifiche- Gli spazi sono resi fl essibili sia dalla possibilità di ospitare diverse attività (soprattutto quelle parascolastiche) sia dalla opportunità (da evidenziarsi maggiormente in fase di progetto definitivo) di installare sistemi di pareti mobili per consentire in talune aule di aumentare e/o diminuire lo spazio a disposizione in base alle necessità reali. Le altezze interne dei singoli vani in base alle funzioni sono sempre maggiori o uguali a quelle previste dalla normativa. In particolare i 3 metri per le aule, i 5.40mt per la palestra (tipo A1) e l altezza variabile minima da 2.40 a 4.20 per l auditorium. La biblioteca per gli alunni è prevista al primo piano dell edificio della scuola media La distanza dai fabbricati adiacenti è sempre maggiore di 12 metri come previsto dalla normativa. Per quanto concerne l alloggio del custode non si ritiene necessario proporlo secondo le indicazioni aula applicazioni tecniche- aula di educazione artistica- aula di educazione musicale. ha una superficie di 60 mq. E accessibile sia dalla piazza superiore che dall interno dell edificio stesso. Per quanto riguarda l auditorium esso dovrà essere concepito come uno spazio scuola media e materna prospetti ina 5

6 polivalente ad uso sia degli istituti scolatici che della comunità nel suo insieme. A tal fine si ritiene più opportuno collegarlo nella parte bassa del lotto negli spazi della S.M.S. La palestra sarà localizzata nel fabbricato della società di mutuo soccorso la Torretta. Sarà una palestra di tipo A1 con 200mq di superficie. A tali superfici vanno aggiunti i locali per spogliatoi (studenti/insegnanti), i servizi, le docce, il locale per l infermeria e per la visita medica ed il locale deposito. La progettazione prevede l utilizzo di fonti energetiche rinnovabili nella misura del 50% del fabbisogno energetico dell edificio per una ottimizzazione del rendimento energetico dell edificio stesso. In particolare verranno installati i pannelli fotovoltaici sulla copertura dell edificio. Tali pannelli potranno essere di vario genere a seconda dell ubicazione (rigidi sovrapposti alle coperture a falde di tipo a moduli flessibili per coperture piane). I fabbricati pur essendo tradizionali sotto il profilo strutturale (c.a.) utilizzeranno materiali edili certificati biocompatibili. Solo a titolo di esempio si utilizzeranno isolanti minerali tipo isotec o similare-, laterizio per le tamponature sia di facciata che interne, intonaci a base di calce, rame per le finiture in lattoneria, per pluviali e grondaie. I rivestimenti e pitturazioni saranno realizzati con pitturazione esenti da solventi o con solventi naturali. La caldaia sarà a condensazione. Sono previsti due locali tecnici (locale caldaia) uno per ciascun edificio. In fase esecutiva si definirà l impianto che potrà anche essere unico per i due istituiti. La minimizzazione degli scarichi inquinanti avverrà attraverso un sistema di depurazione delle acque di prima pioggia della porzione asfaltata (parcheggio e strada di accesso) che potrà così essere separata e successivamente immessa nella rete di smaltimento. Verranno anche realizzate delle vasche (cisterne interrate) di raccolta dell acqua piovana al fine di poterla utilizzare per la irrigazione delle aree verdi e delle scarpate piantumate. scuola materna piante piano terreno e primo ina 6

7 7 Gli edifici scolastici sono stati progettati in condormità alla legge 09/01/1989 n.13., al Decreto Ministeriale 14/06/1989 n.236, alla legge 05/02/1992 n.104 e successive modificazioni ed integrazioni. Gli ambienti destinati ad attività scolastiche garantiranno l accessibilità a persone con ridotta o impedita capacità motoria, e la fruizione degli spazi esterni. In particolare la zona di parcheggio è strutturata con due posti auto appositamente dedicati posti in prossimità dell ingresso al quale si accede con una rampa 8%. Tutti gli ambienti interni verranno realizzati con gli accorgimenti necessari, tali da consentire alle persone diversamente abili una facile accessibilità e una totale indipendenza di movimento. I percorsi verticali saranno dotati di ascensore opportunamente dimensionato o montascale. I percorsi orizzontali garantiranno il facile raggiungimento di tutti gli ambienti ed avranno pavimentazioni antisdrucciolevoli con assenza o mitigazione dei dislivelli, tutte le porte di ingresso ai vani saranno larghe 1 metro. Il progetto prevede servizi igienici a norma, posti auto riservati e opportunamente dimensionati complanari ai percorsi di accesso, pavimentazioni antisdrucciolo con assenza di dislivelli, percorsi dimensionati in modo tale da garantire la mobilità e l inversione di marcia da parte di persona tabelle delle superfici scuola media/materna ina 7

8 su sedia a rotelle, segnalati con materiale apposito atto ad assicurare l immediata percezione visiva, (nonché LOTTO A - scuola secondaria di primo grado (media inferiore) per 150 alunni e sistemazione esterne necessarie alla accessibilità ed ai servizi connessi. acustica). Sarà predisposta un adeguata segnaletica tale da facilitare l orientamento e la fruizione degli spazi ai portatori di handicap. Si è anche provveduto ad un fondamentale raccordo con la normativa antincendio, prevedendo zone protette opportunamente distribuite facilmente raggiungibili in modo autonomo da parte delle persone disabili, ove eventualmente attendere i soccorsi. L individuazione dell importo globale dei lavori e la sua ripartizione in lotti funzionali è stata eseguita in base a stime di costo per realizzazioni analoghe incrementate e/o integrate da nuovi prezzi o costi di particolari lavorazioni (opere di contenimento etc..). Le opere da realizzarsi sono state suddivise in tre lotti di cui il primo -lotto a- è quello più impegnativo economicamente poichè oltre alla scuola media prevede gran parte delle opere di sistemazione esterna. Pertanto i lotti sono stati in via definitiva così individuati: LOTTO B - scuola materna (scuola per l infanzia) per 90 alunni. LOTTO C - esecuzione della palestra attraverso il restauro e risanamento di un edificio esistente. Per gli importi di riferimento si rimanda alla tabella a margine. tabelle dei costi sulla base dei lotti ina 8

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO PREMESSA La presente relazione è stata predisposta secondo quanto esplicitamente indicato, per la redazione del Progetto Esecutivo, dall art. 35. Relazioni specialistiche del D.P.R. 5 ottobre 2010, n.

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO ATTUATIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA B/RU n.22 DI VIA CHIOGGIA - VIALE VENEZIA

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO ATTUATIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA B/RU n.22 DI VIA CHIOGGIA - VIALE VENEZIA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA B/RU n.22 DI VIA CHIOGGIA - VIALE VENEZIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INERENTE

Dettagli

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO PREMESSA La presente relazione è stata predisposta secondo quanto esplicitamente indicato, per la redazione del Progetto Esecutivo, dall art. 35. Relazioni specialistiche del D.P.R. 5 ottobre 2010, n.

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli.

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE L inserimento ambientale del progetto tiene conto degli aspetti dell intera area e degli edifici di futura nuova realizzazione

Dettagli

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

attività sociali per gli abitanti della zona.

attività sociali per gli abitanti della zona. L area ove è ubicato l immobile è individuata dal Piano Regolatore Generale del Comune di Firenze quale Zona G sottozona G1: aree destinate ad attrezzature sportive, esistenti. I lavori in oggetto riguardano

Dettagli

STRUTTURA PRODUTTIVA FRONTE AUTOSTRADA BERGAMO-BRESCIA

STRUTTURA PRODUTTIVA FRONTE AUTOSTRADA BERGAMO-BRESCIA STRUTTURA PRODUTTIVA FRONTE AUTOSTRADA BERGAMO-BRESCIA GRASSOBBIO - Via Orio al Serio n.25-27 Dati tecnici e Descrizione delle caratteristiche Costruttive generali PREMESSA Trattasi di una struttura produttiva

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica Cosio Valtellino, 05.06.2008 REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE ALLEGATO 1 Relazione tecnica COMMITTENTI: Sigg DEL NERO DAVIDE DEL NERO LAURA PROGETTO: geom. RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA *************

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003

A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003 A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003 Sostituisce il: Sostituito da: SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 3 SPAZI APERTI ESTERNI... 4 3.1 SPAZI APERTI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALITA

RELAZIONE TECNICA GENERALITA RELAZIONE TECNICA GENERALITA L'Amministrazione del Comune di Gonnoscodina ha conferito all Ing. Elio Musa l'incarico della progettazione, direzione lavori, contabilità, per i lavori riguardanti MANUTENZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROGETTO ARCHITETTONICO

RELAZIONE TECNICA PROGETTO ARCHITETTONICO COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano OGGETTO: Ampliamento scuola primaria di Cisliano - CUP J81E15001290004 PROGETTO PRELIMINARE PER APPALTO INTEGRATO COMPLESSO ai sensi dell art. 53 comma 2 lett. C)

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

PROPERTY e ASSET MANAGEMENT

PROPERTY e ASSET MANAGEMENT 01 IVIO GENERALE PATRIMONIO Sistema di Gestione per la qualità Analisi giuridica Analisi giuridica Titolo e contratto di provenienza Pesi e Servitù gravanti Contratti o concessioni correlate Terreno Immobile

Dettagli

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMUNE DI PIANCASTAGNAIO MANUTENZIONE STRAORDIANRIA DELL EDIFICIO DENOMINATO RIPARAZIONE LOCOMOTORI/SILOS ALL INTERNO DELLA EX. MINIERA DI MERCURIO DEL SIELE COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMMITTENTE COMUNE

Dettagli

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO AUTONOME PROVINZ BOZEN GEMEINDE BOZEN SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Bolzano - 25.07.2005 - Bozen COMMITTENTE:

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO RCHIDUE Associati x l'architettura Arch. Stefano NANNINI arch. Debora INNOCENTI via Castel de Toni, 1/A Casalguidi 51034 (PT) Tel./Fax. 0573.526389; e-mail: archidueassociati@tiscali.it Al Sig. Sindaco

Dettagli

1 Localizzazione ed accessibilità

1 Localizzazione ed accessibilità 1 Localizzazione ed accessibilità L'area interessata dal Piano Urbanistico Attuativo per la realizzazione della nuova Residenza per persone anziane non autosufficienti si colloca all interno del Comune

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

REGIONE VENETO Comune di Valeggio sul Mincio (Provincia di Verona)

REGIONE VENETO Comune di Valeggio sul Mincio (Provincia di Verona) REGIONE VENETO Comune di Valeggio sul Mincio (Provincia di Verona) LAVORI DI RECUPERO DL SOTTOTETTO DELLA SCUOLA PRIMARIA C. COLLODI LOTTO 1 CODICE 08-2001/1 OPERE EDILI PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

Dettagli

REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART

REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART AREA TECNICA - SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E CIMITERI REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART. 15

Dettagli

1992 DM 26/08/92 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Legge 11/01/96 n. 23 Norme per l edilizia scolastica

1992 DM 26/08/92 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Legge 11/01/96 n. 23 Norme per l edilizia scolastica 1. Premessa La presente relazione è parte integrante del progetto preliminare dei Lavori di adeguamento per la divisione del plesso scolastico di via Segni in due parti: scuola per l'infanzia al piano

Dettagli

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno Comune di Pesaro Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno RELAZIONE TECNICA Inquadramento urbanistico L intervento rientra nel Comparto Attuativo B/C del Piano Particolareggiato in oggetto

Dettagli

2. VINCOLI L area oggetto di intervento è sottoposta ai seguenti vincoli:

2. VINCOLI L area oggetto di intervento è sottoposta ai seguenti vincoli: 1. PREMESSA Il presente progetto preliminare prevede la risoluzione sia delle problematiche evidenziate a seguito del verbale di sopralluogo effettuato dalla ASL 10 Firenze - Commissione di vigilanza sulle

Dettagli

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO N. 14 2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - NORME GENERALI Le presenti

Dettagli

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 RELAZIONE TECNICA 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE Nella definizione della nuove reti fognarie, si

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

A tale importo si ritiene di decurtare una percentuale del 4% considerato che. Sub. 15 (appartamento) e sub. 17 (posto auto)

A tale importo si ritiene di decurtare una percentuale del 4% considerato che. Sub. 15 (appartamento) e sub. 17 (posto auto) A tale importo si ritiene di decurtare una percentuale del 4% considerato che alcune rifiniture dell alloggio sono ancora da ultimare. Per cui: V. =. 409.080,00 4% =. 392.716,80 Sub. 15 (appartamento)

Dettagli

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di COMUNE DI ACERRA Provincia di Napol i Medaglia d Oro al Merito Civile (D.P.R. del 17/06/1999) 5 ª DIREZIONE - INFRASTRUTTURE Lavori Pubblici - Manutenzione ed Arredo Urbano Oggetto: Fondi strutturali Europei

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: BOWLING RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso di costruire è

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Premessa Il presente Progetto ESECUTIVO, immediatamente cantierabile e redatto ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e del D.P.R. n.207/2010, è stato redatto dall Ufficio Tecnico

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

Edilizia Scolastica. Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara

Edilizia Scolastica. Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara Edilizia Scolastica Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara I Comuni Agrate Conturbia Borgo Ticino Borgolavezzaro Dormelletto Carpignano Sesia Casalino Fara N.se Grignasco Lesa

Dettagli

PIAZZA COTA - 80063 PIANO DI SORRENTO. CONCORSO DI PROGETTAZIONE IN FASE UNICA (art. 99 del d.lgs 163/06 e s.m. e i.)

PIAZZA COTA - 80063 PIANO DI SORRENTO. CONCORSO DI PROGETTAZIONE IN FASE UNICA (art. 99 del d.lgs 163/06 e s.m. e i.) CONCORSO DI PROGETTAZIONE IN FASE UNICA (art. 99 del d.lgs 163/06 e s.m. e i.) dell Istituto Comprensivo Scolastico in Via Carlo Amalfi nel Comune di Piano di Sorrento C.I.G. N 4838497608 - N GARA 4760210

Dettagli

PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA

PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA RICHIEDENTE: COMUNE DI LARI - UFFICIO TECNICO; OGGETTO: APPARTAMENTO PER CIVILE ABITAZIONE, ANNESSO LOCALE AUTORIMESSA E QUOTA DI UN TERZO SUL RESEDE. ALLEGATI: Estratto di Mappa;

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE 1 Stato Attuale: La casa dello studente di che trattasi è sita in Via Asiago 2, all interno di un ampia area a verde individuata a Catasto Terreni alla Sezione GEC Foglio

Dettagli

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione C 129 - VALORIZZAZIONE AREA CAMPI - IKEA DEMOLIZIONE DEL MAGAZZINO E PORZIONE DI MENSA DISMESSI UBICATI IN CORSO FERDINANDO MARIA PERRONE N. 15 NELL AREA EX ILVA LAMINATI PIANI OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Generalità Il presente intervento ha interessato un lotto localizzato nel territorio del Comune di Calestano,

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO, EDILIZIA SCOLASTICA, TURISTICO-SPORTIVA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI LUIGI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

L evoluzione del nostro ospedale

L evoluzione del nostro ospedale L evoluzione del nostro ospedale A cura di: Geom. Giuseppe Arduca P.I. Massimo Magnani Ing. Enzo Mazzi Servizio Attività Tecniche Il Servizio Attività Tecniche e la Direzione Medica di Presidio a partire

Dettagli

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA Proprietà : COOP. S. GONDA. Progetto : Arch. Alessio Cantini Arch. Marco Benassai Ing. Sirio Chilleri RELAZIONE

Dettagli

Relazione tecnica Titolo V R.E.C (Regolamento Edilizio Comunale)

Relazione tecnica Titolo V R.E.C (Regolamento Edilizio Comunale) Relazione tecnica Titolo V R.E.C (Regolamento Edilizio Comunale) Immobile Via: Proprietà: Tipologia: Oggetto di intervento: ORIENTAMENTO DEGLI EDIFICI - Asse longitudinale dell edificio orientato lungo

Dettagli

C O M U N E D I R O G E N O

C O M U N E D I R O G E N O C O M U N E D I R O G E N O PROVINCIA DI LECCO PIANO ATTUATIVO AMBITO N. 6 VIA STRADA PROVINCIALE N. 47: REALIZZAZIONE NUOVO EDIFICIO A DESTINAZIONE ALBERGHIERA IN AMPLIAMENTO AD EDIFICIO ESISTENTE CON

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

progetto gestione scuole monza e brianza istituto d arte di giussano

progetto gestione scuole monza e brianza istituto d arte di giussano 1 Premessa Gli edifici Scolastici oggetto degli interventi fanno parte di un programma, che è stato definito con apposita convenzione tra la Provincia di Milano ed il Comune di Giussano. Scopo dell intervento

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Caneva Provincia di Pordenone LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA CENTRO STUDI DI VIA MARCONI PROGETTO ESECUTIVO ALL. E: RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

Dettagli

Fallimento INDALSAN S.r.l. Sentenza n 06/03

Fallimento INDALSAN S.r.l. Sentenza n 06/03 Fallimento INDALSAN S.r.l. Sentenza n 06/03 1. Descrizione generale I beni, rientranti nella massa fallimentare, sono ubicati sul lotto: indicato come 2S Tav 3 Zonizzazione dal P.I.P di C/da Olivola; contraddistinto

Dettagli

COMUNE DI OLBIA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI OLBIA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI OLBIA VARIANTE AL PIANO PREVENTIVO DELLA ZONA G, PER LA COSTRUZIONE DELLA COMUNITA ARCOBALENO PER IL RECUPERO DELLE TOSSICODIPENDENZE, UBICATA AD OLBIA IN LOCALITA MALTANA. (CONC. ED. N. 59/05

Dettagli

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA ATTENZIONE: la risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all' epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se

Dettagli

Amministrazione per la realizzazione delle suddette opere e rilascio del Permesso di Costruire. Il Comparto risulta in aderenza con i lato Sud-Ovest

Amministrazione per la realizzazione delle suddette opere e rilascio del Permesso di Costruire. Il Comparto risulta in aderenza con i lato Sud-Ovest RELAZIONE L immobile in oggetto è situato in Loc. Borgatello, frazione del Comune di Colle di Val d Elsa, lato Sud-Ovest dell abitato esistente, all inizio della frazione stessa, provenendo dalla viabilità

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

COMUNE DI CARTIGLIANO

COMUNE DI CARTIGLIANO ALLEGATO B ALLA DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE/D.I.A./S.C.I.A. n COMUNE DI CARTIGLIANO ALLO SPORTELLO UNICO ELENCO DOCUMENTI ALLEGATI Sempre obbligatoria Dettagliata relazione tecnica-descrittiva, a

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il sottoscritto è stato incaricato dall Amministrazione Comunale di

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno.

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno. Il Progetto per Castelnuovo Cilento (Salerno) L intervento per Castelnuovo Cilento prevede la realizzazione di 34 alloggi di Edilizia Economica Popolare, in un insediamento misto in cui sono compresenti

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. PARINI IN LECCO. INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SCOLASTICO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. PARINI IN LECCO. INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SCOLASTICO Settore Patrimonio Edilizio e Immobiliare - Demanio Attività Economiche - Turismo Servizio Progettazione e Manutenzione Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295111 Fax 0341.295333 Pec:

Dettagli

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO progetto committente LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO COMUNE DI CELLE LIGURE Via Boagno 11-17015 Celle Ligure (SV) TEL. +39 019 826985 FAX +39 SAVONA

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica Relazione paesaggistica TIPOLOGIA DELL OPERA E/O DELL INTERVENT0 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICA VIABILITA OPERA CORRELATA A: X edificio X area di pertinenza

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano OGGETTO: Ampliamento scuola primaria di Cisliano - CUP J81E15001290004 PROGETTO PRELIMINARE PER APPALTO INTEGRATO COMPLESSO ai sensi dell art. 53 comma 2 lett. C)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI GUAGNANO (LE) ADEGUAMENTO DI UN IMMOBILE DI VIA BIRAGO NELLA FRAZIONE DI VILLA BALDASSARRI PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SOCIO- EDUCATIVO E RIABILITATIVO PER DIVERSAMENTE ABILI RELAZIONE

Dettagli

CAPRIATE SAN GERVASIO

CAPRIATE SAN GERVASIO CAPRIATE SAN GERVASIO VIA BERGAMO 106 Tecno TECNOGRAS S.r.l. Sede legale e Uffici: Via A. Grandi, 5 20056 Trezzo sull Adda (MI) Tel. 02/90.96.41.41 DESCRIZIONE INSEDIAMENTO LOCALIZZAZIONE L'immobile è

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO Regione Veneto COMUNE DI TRECENTA INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA ED ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE VIGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE, MIGLIORAMENTO SISMICO ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLA

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

PROGETTO UNITARIO AMBITO DI RICUCITURA VIA MESSINA - COLLEGNO RELAZIONE DESCRITTIVA

PROGETTO UNITARIO AMBITO DI RICUCITURA VIA MESSINA - COLLEGNO RELAZIONE DESCRITTIVA PROGETTO UNITARIO AMBITO DI RICUCITURA VIA MESSINA - COLLEGNO RELAZIONE DESCRITTIVA INDICE INTRODUZIONE... 2 CARATTERISITCHE COMPOSITIVE COMPARTO 1 - PUBBLICO... 3 CARATTERISITCHE COMPOSITIVE COMPARTO

Dettagli

10 - scuola in via Pietro Antonio Micheli 21, 29

10 - scuola in via Pietro Antonio Micheli 21, 29 10 - scuola in via Pietro Antonio Micheli 21, 29 MATRICOLA EDIFICIO 3040, 3041 MUNICIPIO II ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 1451 CATASTO foglio 546 part. 37 TIPO DI SCUOLA liceo ginnasio DENOMINAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA STUDIO DI FATTIBILITA PER LA RISTRUTTURAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA AZZARITA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA L immobile oggetto dello studio di fattibilità è ubicato in Via Barisano

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI PAVIA VIA RIVIERA 20 ALLOGGIO EPV0030 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE

Dettagli

LE NUOVA EDILIZIA SCOLASTICA NEL COMUNE DI CALCINAIA

LE NUOVA EDILIZIA SCOLASTICA NEL COMUNE DI CALCINAIA LE NUOVA EDILIZIA SCOLASTICA NEL COMUNE DI CALCINAIA VERSO IL GRANDE OBIETTIVO Conferenza stampa 11 Maggio 2013 1 UN PO DI STORIA 2 1980 Abitanti nel Comune di Calcinaia 7000 abitanti 1990 2000 2012 +42%

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI OPERE CIVILI 1 PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI...6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI...

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs)

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs) Mazzano (Bs) li, 27 febbraio 2012 Al Signor Sindaco del Comune di Mazzano (Bs) Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3/07. Art. 9 - Barriere Architettoniche

LEGGE REGIONALE N. 3/07. Art. 9 - Barriere Architettoniche LEGGE REGIONALE N. 3/07 Art. 9 - Barriere Architettoniche GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE INDICE SCHEDA A1 Parte I. Pag. 2 SCHEDA A1 Parte II Pag. 6 SCHEDA B1.. Pag. 10 Si prega di non riferirsi più

Dettagli

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto.

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto. IMMOBILARE DAL ZIN S.R.L. Ogni cosa che vedo e faccio prende senso in uno spazio della mente dove regna la stessa calma di qui, la stessa penombra, lo stesso silenzio percorso da fruscii di foglie. I.

Dettagli

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia Il programma SPQR prevede la razionalizzazione del patrimonio immobiliare BNL a Roma

Dettagli

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di San Pasquale

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di San Pasquale RELAZIONE TECNICO-SANITARIA (Art. del D.P.R. n 28/9) PREMESSA Nell elaborazione del nuovo P.R.C. del comune di Tempio Pausania, per i cimiteri di Tempio, Nuchis, Bassacutena e San Pasquale, si è tenuto

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO, EDILIZIA SCOLASTICA, TURISTICO-SPORTIVA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI Completamento interventi di rifacimento

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE A.T.R. N. 3-1 RELAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE A.T.R. N. 3-1 RELAZIONE RELAZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE A.T.R. N. 3-1 RELAZIONE CARATTERI TERRITORIALI DELL AMBITO CARATTERISTICHE AMBIENTALI L ambito di trasformazione residenziale in località San Gottardo, definito dal P.G.T.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA 1 PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI...6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI... 7 IMPERMEABILIZZAZIONI...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE Committente: AUTOSTORE S.R.L. Via Fonderia n. 47/A Treviso Compilatore: Ing. Bonaldo Simone Via Riva IV Novembre n. 38 Cittadella (PD) Data

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IPPODROMO LE MULINA SCHEDA RILEVAZIONE FABBRICATI

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IPPODROMO LE MULINA SCHEDA RILEVAZIONE FABBRICATI COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IPPODROMO LE MULINA SCHEDA RILEVAZIONE FABBRICATI RIFERIMENTO PLANIMETRIA SCHEDA N. 13 Riferimenti toponomastici Via del Pegaso piano T denominazione Edificio N -

Dettagli

PIANO URBANISTICO ESECUTIVO " lago dei fiori" -sub comparto C1/a1. approvato con delibera di C.C. n. 35 del 10.07.2009

PIANO URBANISTICO ESECUTIVO  lago dei fiori -sub comparto C1/a1. approvato con delibera di C.C. n. 35 del 10.07.2009 Comune di Terlizzi Provincia di Bari approvato con delibera di C.C. n. 35 del 10.07.2009 VARIANTE AI SENSI DELL'ART.16, lett. c) DELLA L.R. N. 5 DEL 25.02.2010 ALL. C NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE - CARATTERISTICHE

Dettagli

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA TIPOLOGIE DI SPAZI DELLE PALESTRE All interno delle palestre si distinguono le seguenti tipologie minime di spazi: Locali principali (sempre presenti): 1.locale palestra

Dettagli

Tribunale di Ascoli Piceno

Tribunale di Ascoli Piceno Tribunale di Ascoli Piceno Procedimento di Esecuzione Immobiliare n. 55/08 Creditore procedente : -------------------------------------------------------. Convenuto: - -------------------------------------------------------------------

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO MOTIVAZIONE DELL INTERVENTO. Oggetto:

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO MOTIVAZIONE DELL INTERVENTO. Oggetto: Comune di Cividate al Piano Provincia di Bergamo RELAZIONE TECNICA Oggetto: Ampliamento attività industriale Via Cortenuova, Cividate al Piano (BG) Richiesta permesso di costruire mediante il procedimento

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA IN C.DA RONCELLA (NOHA) - PROGETTO PRELIMINARE -

RIQUALIFICAZIONE DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA IN C.DA RONCELLA (NOHA) - PROGETTO PRELIMINARE - Sommario 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO... 3 3. INTERVENTI IN PROGETTO... 3 3.1 PLESSO SCOLASTICO... 4 3.1.1 Interventi strutturali... 4 3.1.2 Interventi impiantistici... 5 3.1.3 Problematiche fruibilità

Dettagli