NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014"

Transcript

1 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector Bucuresti T F marzo 2015

2 CONGIUNTURA ECONOMICA Il PIL romeno nel 2014 è stato di 669,5 miliardi di Lei, ai prezzi correnti. Il valore del PIL in euro è stato di 150,6 miliardi, al cambio medio annuo della BNR di 1 euro = 4,4446 lei. La variazione del PIL nel 2014 in termini reali rispetto al 2013 è stata del 2,9%. Il debito pubblico calcolato secondo la metodologia europea (Sistema europeo dei conti SEC 95), il debito pubblico della Romania al 31 dicembre 2014 ha raggiunto il 40,0% del PIL. Per quanto riguarda il deficit pubblico nel 2014, esso è stato di 12,49 miliardi lei (circa 2,81 miliardi di euro), pari al 1,85% del PIL. (Fonte Ministero delle Finanze) Il debito estero a medio e lungo termine al ha raggiunto un valore di 76,116 miliardi di euro, in riduzione del 3,5% rispetto al Il debito estero a breve termine ha raggiunto i 18,143 miliardi di euro, in diminuzione del 5,6% rispetto al (Fonte BNR). Il conto corrente della Romania nel periodo gennaio-dicembre 2014 ha registrato un deficit di 696 milioni di Euro, mentre nel 2013 era stato registrato un deficit di 1,168 miliardi di Euro. (fonte BNR). La bilancia commerciale ha registrato nel 2014 un deficit commerciale FOB - CIF di 6,046 miliardi di euro, in aumento con 339,2 milioni di Euro rispetto al Secondo le stime preliminari dell Istituto Nazionale di Statistica (INS), il valore complessivo delle esportazioni FOB realizzate nel 2014 è stato di 52,46 miliardi di euro, mentre quello delle importazioni CIF è stato di 58,5 miliardi di euro. Rispetto all'anno precedente le esportazioni sono aumentate del 5,8 % mentre le importazioni sono aumentate del 5,9%. Relativamente al mercato valutario, il tasso di cambio medio nel 2014 è stato di 4,4446 Lei per Euro e di 3,3492 Lei per USD (fonte BNR). Il tasso di sconto della Banca Nazionale della Romania dal 5 febbraio 2015 è arrivato al 2,25 %. A dicembre 2014 il tasso di disoccupazione, calcolato in base ai criteri dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, è stato pari al 6,4%, in riduzione dello 0,6 % rispetto al corrispondente mese del 2013 (dati destagionalizzati). Il numero dei disoccupati, pari a 604 mila, risulta in diminuzione rispetto sia al mese precedente (617 mila) che al mese di dicembre 2013 (649 mila). Il tasso medio annuo di disoccupazione è stato nel 2014 del 6,8 %.(fonte INS) A dicembre 2014 i dati pubblicati dell'istituto Nazionale di Statistica indicano un tasso medio annuo d inflazione del 1,4% (tasso armonizzato calcolato utilizzando la variazione media dei prezzi nel periodo gennaio 2014 dicembre 2014 rispetto alla variazione media dei dodici mesi precedenti). Il tasso tendenziale d inflazione a dicembre 2014 è stato dello 0,83 %. Gli incrementi più elevati rispetto a dicembre 2013 nel settore alimentare sono stati riscontrati per il miele (+8,18%), le uova (+6,14%), i fagioli e altri legumi(+5,09%), altri ortaggi e conserve (+4,55%) e grappa (+2,67%). Per quanto riguarda i prodotti non alimentari gli aumenti più significativi si sono verificati per tabacco e sigarette (+7,25%), altri servizi (+5,69%), servizi postali (+5,49%) e cure mediche (+4,98%). Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 2

3 La produzione lorda industriale è aumentata del 6,1% nel 2014, confermando il trend positivo dall inizio dell anno. Gli investimenti nell economia nazionale hanno registrato nel 2014 una riduzione del 3,1% rispetto al 2013, arrivando ad un valore di 65,60 miliardi di lei (circa 14,76 miliardi di Euro). In particolare il settore delle macchine ed attrezzature, inclusi i mezzi di trasporto, ha registrato una contrazione significativa (-6,4%), mentre il settore delle nuove costruzioni ha segnato una riduzione del - 3,2%. Secondo i dati pubblicati dalla Banca Nazionale della Romania, gli investimenti diretti esteri nel 2014 hanno raggiunto un valore complessivo di 2,426 miliardi di euro, in calo del 10,6% rispetto al Dei flussi in entrata di IDE nel 2013, i crediti infragruppo hanno registrato un valore negativo di -155 milioni di euro mentre le partecipazioni al capitale e le perdite nette sono arrivate a 2,581 miliardi di euro. Il settore dell edilizia nel 2014 ha registrato un calo dei volumi del 6,7 % rispetto al Le opere di ingegneria civile sono calate del 21,8%, mentre le costruzioni residenziali e non residenziali sono aumentate invece del 32,6% e rispettivamente del 16,6% rispetto al Nel settore del turismo, nel 2014 si è registrato un incremento del 6,6 % del numero di turisti e del 4,8% del numero di pernottamenti rispetto al Il numero di turisti stranieri ospitati nelle strutture ricettive della Romania è aumentato del 6,8%, mentre il numero di pernottamenti è cresciuto del 8,4% rispetto al Il tasso di occupazione delle camere nel 2014 è stato del 26,2%, in aumento dell 1% rispetto all anno precedente. PRINCIPALI INDICATORI MACROECONOMICI Tasso annuo di disoccupazione 7,3% 6,8% Produzione industriale 7,8% 6,1% Settore edilizia -0,6% -6,7% Tasso medio annuo di inflazione 3,2% 1,4% Inflazione a dicembre 1,55% 0,83% Tasso di cambio (1 euro) 4,4190 4,4446 Stipendio medio lordo mensile (al 31 dicembre) Stipendio medio netto mensile (al 31 dicembre) Fonte: Istituto Nazionale di Statistica lei (544,4 Euro) lei (394,3 Euro) lei (579,1 Euro) lei (418,5 Euro) PREVISIONI Secondo le strategie fiscali aggiornate per il periodo , il Governo romeno stima una crescita dell economia del 2,8 % nel 2015 e del 3,0% nel L aumento del PIL nel 2014 del 2,9 % fa sperare che la crescita per il futuro periodo sia realizzabile. Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 3

4 Si prospetta che la crescita dell economia del Paese nel 2015 sarà dovuta principalmente alla domanda interna. Gli investimenti pubblici dovranno essere sostenuti da un migliore assorbimento dei fondi strutturali, peraltro in costante aumento negli ultimi anni. Un influenza positiva, anche se modesta, potrebbero averla i consumi pubblici e privati. Di seguito riportiamo le previsioni della Commissione Nazionale di Previsioni della Romania riguardante i principali dati macroeconomici: (%) Variazione PIL rispetto all anno precedente ,8 3,0 3,3 3,5 Inflazione media annua 1,3 2,8 2,7 2,5 Inflazione a fine periodo 2,6 2,8 2,5 2,3 Disoccupazione media annua (UIL) 6,7 6,6 6,5 6,4 RISCHIO PAESE Cambio medio annuo lei/euro 4,46 4,44 4,42 4,40 Fonte: Rapporto della Commissione Nazionale di Previsioni inverno 2015 A marzo 2015 l agenzia di valutazione economica Fitch ha riaffermato l indice di rating per i crediti a lungo termine in valuta estera della Romania a BBB- con prospettiva stabile, nella categoria raccomandata per gli investimenti. L agenzia di rating Standard & Poor s ha migliorato per la prima volta, a maggio 2014, il giudizio accordato alla Romania nel 2008 per i debiti a lungo termine in valuta da "BB+", a BBB-, con outlook stabile. Moody's ha riaffermato le stime di rischio paese al livello Baa3 nella categoria "investment grade", con prospettive negative (l ultima conferma a maggio 2014). Infine, la Romania rientra nella classe di rischio OCSE 3 su una scala di 7. INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI Secondo i dati pubblicati dalla Banca Nazionale della Romania, gli investimenti diretti esteri al 31 dicembre 2014 hanno raggiunto un valore complessivo di 2,426 miliardi di euro rispetto ai milioni di euro al 31 dicembre 2013, con un calo del 10,6%. Dei flussi in entrata di IDE al 31 dicembre 2014, i crediti intra-gruppo hanno avuto un valore negativo di -155 milioni di euro mentre le partecipazioni al capitale e le perdite nette hanno registrato un valore complessivo di 2,581 miliardi di euro. Gli investimenti diretti esteri (IDE) in Romania registrano da 5 anni un trend decrescente e hanno raggiunto nel 2011 il livello più basso degli ultimi 10 anni. Negli ultimi due anni hanno ripreso a crescere, come illustrato nella tabella seguente che riporta la serie storica degli IDE dal 2004: Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 4

5 Investimenti diretti esteri in Romania (valori in milioni euro) Flussi IDE Var. Annua % ,3 +0,6 +73,8-20,0 +31,0-63,3-36,4-18,2 +17,8 +26,8-10,6 Elaborazione ICE Bucarest su dati BNR INVESTIMENTI ITALIANI IN ROMANIA Considerando il numero di nuove imprese a partecipazione estera (dati del Registro del Commercio), entro il 31 dicembre del 2014 sono state registrate in Romania nuove aziende, il che ha portato a il numero totale di imprese estere dal Al 31 dicembre 2014, secondo i dati dell'ufficio del Registro Nazionale del Commercio, il numero delle imprese a partecipazione italiana è aumentato del 6,82% rispetto all anno precedente, da del 2013 alle , di cui attive, con un capitale versato di circa 1,85 miliardi di euro. Nel 2014 si sono registrate nuove aziende a partecipazione italiana. Il maggiore numero di imprese a partecipazione italiana (3.010) si e avuto nel 2007, mentre risale al 2000 il valore più alto del capitale versato (circa 304 milioni di euro). L Italia continua ad essere, da oltre 10 anni, il principale paese investitore per numero di aziende registrate (20,3%), mentre detiene il settimo posto tra i primi investitori per capitale investito (4,53%). Primi 10 paesi investitori per numero di imprese dicembre 2014 Nr. Paese Aziende % Totale Romania ,0 1. ITALIA ,3 2. GERMANIA ,6 3. TURCHIA ,1 5. UNGHERIA ,5 4. CINA ,9 6. FRANCIA ,1 7. USA ,6 8. AUSTRIA ,5 9. ISRAEL ,5 10. IRAK ,0 Primi 10 paesi investitori per capitale sociale versato (mil. euro) dicembre 2014 N. Paese Mil. Euro % Totale Romania ,0 1. OLANDA ,9 2. AUSTRIA ,0 3. GERMANIA ,0 4. CIPRO ,1 5. FRANCIA ,5 6. GRECIA ,6 7. ITALIA ,65 8. SPAGNA ,6 9. LUXEMBURG ,3 10. GRAN BRETAGNA 987 2,6 Fonte: elaborazione ICE Bucarest su dati Ufficio del Registro del Commercio FONDI EUROPEI L attuale programmazione dei fondi europei è cambiata rispetto all impostazione del periodo precedente e prevede 11 obiettivi tematici compresi nella Strategia Europa Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 5

6 Le risorse disponibili per il Paese ammontano a circa 43 mld. di Euro, in aumento del 18% rispetto ai fondi stanziati per il periodo , divisi come segue: 22,9 mld di Euro per la Politica di Coesione, 19,7 mld. di Euro per la Politica Agricola, 0,17 mld. di Euro per il Fondo Europeo per la Pesca e per gli Affari Marittimi, e 0,44 mld di Euro per il Fondo Europeo per le Persone Svantaggiate. Ad agosto u.s., la Commissione Europea ha convalidato l Accordo di partenariato con la Romania, il documento che delinea come verranno utilizzati i fondi strutturali europei e gli investimenti nel futuro periodo di programmazione. La versione in lingua inglese dell Accordo è presente al seguente link: Ad oggi sono stati approvati i seguenti programmi: Programma Operativo per le Persone Svantaggiate, Programma Operativo Competitività (POC), Programma Operativo Assistenza Tecnica (PO-AT), Programma Operativo Capitale Umano (POCU) e il Programma Operativo Capacità Amministrativa (POCA). Gli altri tre programmi (Programma Operativo Grande Infrastruttura, Programma Operativo Regionale e Programma Operativo dello Sviluppo Rurale) sono invece ancora in fase di negoziazione con la Commissione Europea. SCHEMA DELLO STANZIAMENTO DEI FONDI EUROPEI PER LA NUOVA PROGRAMMAZIONE: Programma Operativo Programma Operativo Grande Infrastruttura (infrastruttura, trasporti, ambiente) Programma Operativo Regionale Programma Operativo Capitale Umano Stanziamento indicativo * mld. Euro 9,41 (FEDR; FC) 6,7 (FEDR) 4,22 (FSE) Programma Operativo Competitività 1,33 (FEDR) Programma Operativo Capacità Amministrativa Programma Operativo Assistenza Tecnica Programma Nazionale di Sviluppo Rurale Programma Operativo per gli Affari Marittimi e la Pesca 0,55 (FSE) 0,21 (FEDR) 18,6 (FEAGA) 8.02 (FEASR) 0,17 (FEPAM) Autorità di management Ministero dei Fondi Europei Ministero dello Sviluppo Regionale e dell Amministrazione Pubblica Ministero dei Fondi Europei Ministero dei Fondi Europei Ministero dello Sviluppo Regionale e dell Amministrazione Pubblica Ministero dei Fondi Europei Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale Riguardo ai fondi strutturali europei stanziati per il periodo , secondo i dati del Ministero dei Fondi Europei, il grado di assorbimento dei fondi europei ha raggiunto alla fine del mese di marzo, il 53%. Il 2015 è essenziale per le operazioni con i fondi europei perché il Governo dovrà gestire fondi europei dei due esercizi finanziari rispettivamente e Inoltre il 2015 è l'ultimo anno in cui può assorbire i fondi stanziati per i progetti avviati negli anni precedenti. Sarà quindi un anno difficile, in cui la Romania dovrebbe assorbire 8 miliardi di euro se vuole raggiungere il tasso di assorbimento totale dell 80% proposto. Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 6

7 Presso l'ufficio ICE di Bucarest è attivo dal giugno 2008 un "Desk Fondi Strutturali, strumento di supporto per le imprese italiane interessate ai fondi strutturali e alle misure che prevedono opportunità commerciali e d investimento. Sul sito dell'ice di Bucarest alla rubrica "Desk fondi strutturali è presente un documento contenente l elenco delle misure di finanziamenti della nuova programmazione e non appena disponibili, saranno reperibili delle schede informative su ogni Programmi Operativo, con collegamenti ai siti web dei Ministeri e delle Autorità di management che gestiscono gli stanziamenti. RAPPORTI CON IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE Per fronteggiare gli effetti negativi della crisi economica e finanziaria sullo sviluppo economico della Romania è stato raggiunto un accordo nel mese di marzo 2009 tra il Governo romeno da una parte e il Fondo Monetario Internazionale, l Unione Europea, la Banca Mondiale, la BERS e la BEI dall altra per la concessione di un prestito di circa 20 miliardi di euro in due anni (dal FMI 12,95 mld. di euro, dall UE 5 miliardi di euro, dalla Banca Mondiale 1 mld. di euro e dalla BERS e BEI 1 mld. di euro). Il prestito ha avuto l obiettivo di limitare la drastica riduzione di flussi di capitali, ridurre il deficit esterno e di bilancio, stabilizzare il tasso di cambio e aumentare la liquidità delle banche per favorire la concessione di crediti alle imprese. L erogazione del prestito è avvenuta nel biennio marzo marzo 2011, e sarà rimborsabile gradualmente fino al Il 31 marzo 2011 è stato firmato un nuovo accordo biennale con il Fondo Monetario Internazionale (FMI) del valore di 3,46 miliardi di euro. L accordo era di tipo precauzionale e doveva terminare a marzo 2013, ma è stato prorogato di 3 mesi. Alla fine di luglio 2013, le autorità romene hanno concordato con il FMI, la Commissione Europea e la Banca Mondiale, un nuovo Accordo precauzionale di due anni per un valore di 4 miliardi di Euro, che è stato approvato dal FMI a settembre 2013, con condizioni di prestazioni meno restrittive rispetto al precedente. L accordo prevede misure di regolazione finanziaria rivolte alla riduzione degli squilibri esterni e del debito estero e misure di compensazione del deficit budgetario. A gennaio-febbraio 2014, una missione comune del Fondo Monetario Internazionale, l Unione Europea e Banca Mondiale hanno effettuato la seconda valutazione dell accordo precauzionale, che ha avuto come finalità la firma di una lettera d intenti dal governo romeno. Ai primi di marzo 2014, il presidente romeno ha approvato il memorandum per la firma della lettera di intenti contenente i risultati delle discussioni avute durante la valutazione. Durante il periodo 2-12 giugno 2014 Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e la Commissione Europea (CE) ha visitato la Romania per effettuare la terza revisione nell'ambito del FMI Stand-By Arrangement (SBA) e la prima revisione relativa alla bilancia dei pagamenti da parte dell'unione Europea. In seguito agli incontri di giugno i rappresentanti FMI e le autorità rumene hanno raggiunto un accordo sulle politiche importanti e necessarie per garantire successivi progressi del paese. Durante il periodo dicembre 2014 i rappresentanti del FMI e della CE hanno visitato Bucarest per le discussioni tecniche sul bilancio 2015 raggiungendo un accordo con le Autorità in linea con gli obiettivi del programma sostenuto dal FMI di raggiungere un deficit di bilancio dell'1,8 % del PIL. Nel mese di febbraio 2015 la delegazione FMI il premier Victor Ponta non ha firmato la lettera di accordo con il FMI presente in Romania rimandando le negoziazioni per il mese di aprile u.s. Il FMI ha proposto il calendario di crescita dei prezzi del gas per la popolazione, mentre il governo si propone di mantenerli per almeno sei mesi. Il Consiglio di amministrazione del Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha avviato alla fine del mese di marzo dell anno in corso le consultazioni con la Romania ai sensi dell'articolo IV dello Statuto FMI allo scopo di esaminare la situazione economica e finanziaria del Paese allo scopo di formulare raccomandazioni generali e di politica monetaria, finanziaria ed economica da seguire al fine di garantire la stabilità e lo sviluppo dell'economia. Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 7

8 Durante l ultima visita in Romania (27 gennaio 10 febbraio 2015), gli esperti FMI avevano stimato una crescita del PIL della Romania del 2,7% per quest'anno e del 2,9% nel 2016, spinta principalmente da una crescita del consumo privato nel contesto di un aumento dei salari reali, dei bassi prezzi del petrolio e dei tassi di interesse che hanno raggiunto minimi storici. Allo stesso tempo, il FMI ha osservato che l'economia romena ha in gran parte corretto gli squilibri interni ed esterni attraverso un mix di politiche macroeconomiche ma resta vulnerabile agli shock esterni. L istituzione finanziaria internazionale ha inoltre suggerito una ripresa del processo di liberalizzazione delle tariffe del gas per i consumatori domestici e la fornitura di un sostegno aggiuntivo per i consumatori più vulnerabili. Nel settore bancario invece, il FMI si è mostrato a favore di una ristrutturazione volontaria bilaterale dei prestiti in franchi svizzeri, tenendo conto della capacità di rimborso del mutuatario. Tuttavia, il personale FMI raccomanda alla Banca Nazionale di Romania (BNR) di limitare gli interventi sul mercato valutario e mantenere un atteggiamento prudente. COMMERCIO ESTERO Secondo le stime preliminari dell Istituto Nazionale di Statistica (INS), il valore complessivo delle esportazioni FOB realizzate nel 2014 è stato di 52,46 miliardi di euro, mentre quello delle importazioni CIF è stato di 58,51 miliardi di euro. Rispetto all'anno precedente le esportazioni sono aumentate del 5,8 % mentre le importazioni sono aumentate del 5,9%. Il deficit commerciale FOB - CIF nel 2014 è stato di 6,05 miliardi di euro, 35 milioni in più rispetto al Bilancia commerciale della ROMANIA (valori in miliardi euro e variazioni %) Esportazioni 25,9 29,5 33,7 29,1 37,4 45,3 45,0 49,5 52,4 Var. annua % 16,6 13,9 14,2-13,6 28,5 21,1-0, ,0 +5,8 Importazioni 40,7 51,3 57,2 38,9 46,9 54,9 54,7 55,2 58,5 Var. annua % 24,8 26,0 11,5-32,0 20,5 17,1-0,01 +1,0 +5,9 Deficit commerciale 14,9 21,8 23,5 9,9 9,5 9,7 9,6 5,7 6,05 L analisi settoriale dell interscambio romeno, illustrata nelle tabelle seguenti, evidenzia un peso preponderante nell export delle voci macchine e dispositivi meccanici; macchine, apparecchiature ed attrezzature elettriche, autoveicoli e altri mezzi ed attrezzature da trasporto, metalli comuni ed altri articoli in metallo. ESPORTAZIONI - IMPORTAZIONI Per quanto riguarda l export, va rilevato la crescita delle esportazioni per alcune voci come prodotti minerali, Macchine e dispositivi meccanici, materiali tessili che sono aumentati rispettivamente del 20,2%, del 9,4% e del 4,1% rispetto al Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 8

9 Principali sezioni della Nomenclatura Combinata Nota Congiunturale Romania Esportazioni FOB Principali gruppi merceologici (70,8% del totale esportazioni) Tipologie merci Valore -milioni Euro- Quota % sul totale export Var. % 2014 /2013 XVI Macchine e dispositivi meccanici; macchine, apparecchiature ed attrezzature elettriche ,4 XVII Autoveicoli e altri mezzi ed attrezzature da trasporto ,4 +2,1 XV Metalli comuni ed altri articoli in metallo 4691,7 9-0,8 XI Materiali tessili ed altri articoli connessi 3885,6 7,4 +4,1 V Prodotti minerali 3253,2 6,2 +20,2 II Prodotti di origine vegetale 3067,9 5,8 +2,8 Totale Esportazioni Mondo 52459,7 100,0% +5,8 Riguardo l import, le principali voci sono macchine e dispositivi meccanici; macchine, apparecchiature ed attrezzature elettriche, metalli comuni ed altri articoli in metallo e prodotti dell industria chimica e connessi. Principali sezioni della Nomenclatura Combinata Importazioni CIF Principali gruppi merceologici (74% del totale importazioni) Tipologie merci Valore Milioni Euro Quota % sul totale Var. % 2014 /2013 XVI Macchine e dispositivi meccanici; macchine, apparecchiature ed attrezzature elettriche 15943,6 27,2 +3,9 XV Metalli comuni ed altri articoli in metallo 6302,9 10,8 +8,7 VI Prodotti dell industria chimica e connessi 5981,1 10,2 +3,2 V Prodotti minerali 5782,7 9,9-1,3 XVII Autoveicoli e altri mezzi ed attrezzature da trasporto 5010,7 8,6 +16,6 VII Materie plastiche, gomma e articoli connessi 4247,1 7,3 +4,7 Totale Importazioni Mondo 58508,4 100,0 5,9% In merito alla ripartizione geografica per aree, l Unione Europea detiene una quota del 73,4% (rispetto al 69,6% nel 2013) del totale dell interscambio. Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 9

10 Il valore degli scambi intracomunitari nel 2014 è stato di 37,3 miliardi euro per quanto riguarda l export e di 44,1 miliardi di euro per l import, pari rispettivamente al 71,1% del totale delle esportazioni e al 75,4% del totale delle importazioni. Esportazioni FOB (valori in milioni di Euro) Valore - milioni Euro - Quote % sul totale Variazioni % 2014/ Mondo , ,7 100,0 100,0 +5,8 1. Commercio intracomunitario (UE 28) , ,5 69,6 71,1 +8,1 2. Commercio , ,2 30,4 28,9 +0,7 extracomunitario (non UE 28) Importazioni CIF (valori in milioni di Euro) Valore - milioni Euro - Quote % sul totale Variazioni % 2014/ Mondo , ,4 100,0 100,0 +5,9 1. Commercio intracomunitario (UE 27) , ,1 75,7 75,4 +5,3 2. Commercio , ,3 24,3 24,6 +7,5 extracomunitario (non UE 27) INTERSCAMBIO CON L ITALIA E PRINCIPALI PARTNER COMMERCIALI Secondo i dati dell Istituto romeno di Statistica (INS), l interscambio commerciale tra l Italia e la Romania nel 2014 ha raggiunto un valore complessivo di 12,58 miliardi di euro, in aumento del 6,9% rispetto al In particolare, la Romania ha esportato verso l Italia beni per un valore pari a 6.243,6 milioni di euro (+9,1% rispetto al 2013), mentre le importazioni dall Italia hanno raggiunto un valore di 6.337,6 milioni di euro (+4,3% rispetto al 2013). La bilancia commerciale della Romania riguardo agli scambi con l Italia ha registrato un saldo commerciale negativo di 94 milioni di euro. Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 10

11 Interscambio commerciale Romania - Italia (valori in milioni di euro e variazioni %) Variazione % Variazione % Export verso l'italia Import dall'italia ,7 +4, , ,6 +9, ,4 +1, , ,6 +4,3 Saldo , , Elaborazione ICE su dati INS Analizzando la serie storica dell interscambio tra i due Paesi dal 2005 al 2014 si nota un progressivo aumento dei valori, che è rallentato molto nel 2008, anno in cui l interscambio è aumentato lievemente, per poi diminuire fortemente nel Negli anni successivi l interscambio è tornato a crescere per raggiungere nel 2012 e 2013 quasi gli stessi livelli del 2008 e superando nel 2014 il massimo storico del Interscambio commerciale Romania - Italia dal 2005 al 2014 (valori in milioni di euro) Export verso l Italia Import dall Italia Totale interscambio , , , , , ,2 Saldo ,7-94 Fonte: Bollettino statistico n. 12/2013 e n. 12/2014; Eurostat Comext (Paese dichiarante Romania) Nelle tabelle seguenti sono riportate le graduatorie dei primi 10 partners commerciali della Romania, relativamente alle esportazioni ed alle importazioni. Nel 2014 l Italia si è classificata ancora una volta al secondo posto dopo la Germania sia nella graduatoria dei Paesi fornitori sia in quella dei mercati di destinazione dell export romeno, con una quota sul totale interscambio della Romania pari all 11,3% (11,9% del totale export e 10,8% del totale import). Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 11

12 Esportazioni della Romania Principali Paesi acquirenti Paese Valore - milioni Euro - Quote Variazioni % 2014/ Mondo , ,7 100,0 100,0 +5,8 1. Germania 9.200, ,7 18,6 19, Italia 5.698, ,6 11,5 11,9 +9,3 3. Francia 3.357, ,7 6,8 6,8 +6,2 4. Ungheria 2.451, ,1 4,9 5,1 +8,3 5. Turchia 2.545, ,2 5,1 4,5-7,4 6. Regno Unito 2.032, ,4 4,1 4,1 +6,1 7. Bulgaria 1.697, ,8 3,4 3,4 +4,8 8. Federazione Russa 1.381, ,1 2,8 2,8 +4,8 9. Spagna 1.207, ,4 2,7 +15,4 10. Olanda 1.538, ,1 3,1 2,6-11,6 Paese Importazioni della Romania - Principali Paesi fornitori Valore Quote - milioni Euro - Variazioni % 2013/ Mondo , ,4 100,0 100,0 +5,9 1. Germania , ,1 18,6 19,1 +9,4 2. Italia 6.071, ,6 11,0 10,8 +4,3 3. Ungheria 4.553, ,8 8,2 7,9 +0,7 4. Francia 3.170, ,5 5,7 5,7 +3,7 5. Polonia 2.457, ,4 4,4 4,6 +10,4 6. Cina 1.968, ,5 3, ,3 7. Kazakistan 1.786, ,4 3,2 3,9 +28,1 8. Federazione Russa 2.358, ,3 3,9-3,6 9. Austria 2.208, ,3 4,0 3,8 +0,5 10. Olanda 2.035, ,7 3, Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 12

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania 11

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA 2015

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA 2015 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA 2015 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania marzo 2016 CONGIUNTURA

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

SEMINARIO FONDI STRUTTURALI DELL UE: Focus su Bulgaria, Croazia, Romania, Slovenia e Ungheria. Loggia dei Mercanti, Ancona 4 febbraio 2016

SEMINARIO FONDI STRUTTURALI DELL UE: Focus su Bulgaria, Croazia, Romania, Slovenia e Ungheria. Loggia dei Mercanti, Ancona 4 febbraio 2016 SEMINARIO FONDI STRUTTURALI DELL UE: Focus su Bulgaria, Croazia, Romania, Slovenia e Ungheria Loggia dei Mercanti, Ancona 4 febbraio 2016 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 BUDGET ASSEGNATO: circa 33 miliardi di

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Le esportazioni di Vicenza e la dinamica del cambio nei mercati del made in Vicenza Tra i primi 20 mercati di destinazione dei prodotti

Dettagli

ROMANIA BREVE NOTA SUL MERCATO DELLA GIOIELLERIA. (marzo 2014)

ROMANIA BREVE NOTA SUL MERCATO DELLA GIOIELLERIA. (marzo 2014) ROMANIA BREVE NOTA SUL MERCATO DELLA GIOIELLERIA (marzo 2014) ICE Italian Trade Agency Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA 1 semestre

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA 1 semestre NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA 1 semestre Romania, Galati Cod. 8000063, Str. Al. Lapusneanu 18, Bl. C1, Ap. 43 Tel/Fax: +40 236 435321 info@smart-project.ro, www.smart-project.ro, info@smart-bsc.ro, www.smart-bsc.ro

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie Federazione Nazionale Fonderie XXXI Congresso di Fonderia Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro Roma 4-5 Ottobre 2012 PRESIDENTE : Enrico Frigerio 1 La Fonderia in Italia

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Petrolio, progressivo rialzo... Brent dal 2010 Fonte: Bloomberg 2 Tassi, in aumento l interbancario... Euribor 3 mesi e tasso Bce a confronto Fonte: Bloomberg

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

La spesa turistica internazionale nell attuale fase congiunturale

La spesa turistica internazionale nell attuale fase congiunturale La spesa turistica internazionale nell attuale fase congiunturale Emanuele Breda XIII CONFERENZA CISET-BANCA D ITALIA L'ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE Risultati e tendenze per incoming e outgoing nel

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

FEDERAZIONE RUSSA. Agenzia ICE Mosca

FEDERAZIONE RUSSA. Agenzia ICE Mosca FEDERAZIONE RUSSA Interscambio, Esportazioni settore agroalimentare, Attività promozionale a supporto di Agenzia ICE Mosca Camera di Commercio Italo-Russa 29 Aprile 2015 Maurizio Forte Direttore Agenzia

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari I dati dell export piemontese di prodotti alimentari Novara, 29 Ottobre 2015 Corso L export prodotti alimentari di origine animale e vegetale 1 L industria alimentare piemontese in cifre (industria alimentare

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

STUDIO LEGALE ANDRA MOGOS

STUDIO LEGALE ANDRA MOGOS L UNIONE NAZIONALE DEGLI AVVOCATI DI ROMANIA ROMA Sede Bucharest : Bd. Theodor Pallady nr. 21, Bl. X1, sc. A, ap. 21, sector 3, Bucuresti, Bucuresti RO Tel: +39 327 4099922;; Mobil: (+4)0723.166.494, E-mail:

Dettagli

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Gianmarco Paglietti Consorzio Camerale per il credito e la finanza Cremona, 17 giugno 2013 L economia nel 2012 PIL

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Il mercato tedesco del vino

Il mercato tedesco del vino Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Berlino Nota Settoriale Il mercato tedesco del vino Berlino, marzo 2013 2 INDICE 1. Importanza del mercato

Dettagli

Flussi Turistici in Piemonte 2015

Flussi Turistici in Piemonte 2015 Flussi Turistici in Piemonte 215 Consuntivo e andamento negli ultimi 1 anni Osservatorio Turistico Regionale Interviene Cristina Bergonzo Contesto internazionale Ifattidel 215 Il turismo internazionale

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Allegato n. 6 alla Circolare n 67/2015 Quadro macroeconomico 2016-2018 variazioni percentuali 2016 2017 2018 PIL 1,3 1,3 1,1 Inflazione

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Agenda. > Indicatori economici tedeschi. > Il sistema bancario tedesco. > I servizi offerti da UBI Banca International Monaco di Baviera

Agenda. > Indicatori economici tedeschi. > Il sistema bancario tedesco. > I servizi offerti da UBI Banca International Monaco di Baviera 1 2 Agenda > Indicatori economici tedeschi > Il sistema bancario tedesco > I servizi offerti da UBI Banca International Monaco di Baviera 3 Indicatori economici tedeschi 4 3 2 1 0-1 -2-3 -4-5 -6 2006 2007

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

Un Paese su cui scommettere

Un Paese su cui scommettere Un Paese su cui scommettere La Polonia è un Paese in cui investire è una garanzia; da anni ormai attrae l interesse di un numero crescente di imprese (Europee e non), che operano nei settori più svariati,

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea XIII CONVEGNO Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Roma, 17 Febbraio 2015 Crisi economica e migrazioni nella realtà

Dettagli

Settore della plastica in Romania

Settore della plastica in Romania Settore della plastica in Romania DT CONSULT MM SRL - Strada Busuiocului, nr. 4a/7-540527 - Targu Mures Romania - C.I.F. RO 23242577 Mobile ++ 39 347 988 52 77 - Mobile ++ 40 743 418 439 - matteo@dtconsult.eu

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2012. anno 2011 centodiciottesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2012. anno 2011 centodiciottesimo esercizio. anno centodiciottesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2012 esercizio CXVIII Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centodiciottesimo esercizio

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli