NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014"

Transcript

1 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector Bucuresti T F marzo 2015

2 CONGIUNTURA ECONOMICA Il PIL romeno nel 2014 è stato di 669,5 miliardi di Lei, ai prezzi correnti. Il valore del PIL in euro è stato di 150,6 miliardi, al cambio medio annuo della BNR di 1 euro = 4,4446 lei. La variazione del PIL nel 2014 in termini reali rispetto al 2013 è stata del 2,9%. Il debito pubblico calcolato secondo la metodologia europea (Sistema europeo dei conti SEC 95), il debito pubblico della Romania al 31 dicembre 2014 ha raggiunto il 40,0% del PIL. Per quanto riguarda il deficit pubblico nel 2014, esso è stato di 12,49 miliardi lei (circa 2,81 miliardi di euro), pari al 1,85% del PIL. (Fonte Ministero delle Finanze) Il debito estero a medio e lungo termine al ha raggiunto un valore di 76,116 miliardi di euro, in riduzione del 3,5% rispetto al Il debito estero a breve termine ha raggiunto i 18,143 miliardi di euro, in diminuzione del 5,6% rispetto al (Fonte BNR). Il conto corrente della Romania nel periodo gennaio-dicembre 2014 ha registrato un deficit di 696 milioni di Euro, mentre nel 2013 era stato registrato un deficit di 1,168 miliardi di Euro. (fonte BNR). La bilancia commerciale ha registrato nel 2014 un deficit commerciale FOB - CIF di 6,046 miliardi di euro, in aumento con 339,2 milioni di Euro rispetto al Secondo le stime preliminari dell Istituto Nazionale di Statistica (INS), il valore complessivo delle esportazioni FOB realizzate nel 2014 è stato di 52,46 miliardi di euro, mentre quello delle importazioni CIF è stato di 58,5 miliardi di euro. Rispetto all'anno precedente le esportazioni sono aumentate del 5,8 % mentre le importazioni sono aumentate del 5,9%. Relativamente al mercato valutario, il tasso di cambio medio nel 2014 è stato di 4,4446 Lei per Euro e di 3,3492 Lei per USD (fonte BNR). Il tasso di sconto della Banca Nazionale della Romania dal 5 febbraio 2015 è arrivato al 2,25 %. A dicembre 2014 il tasso di disoccupazione, calcolato in base ai criteri dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, è stato pari al 6,4%, in riduzione dello 0,6 % rispetto al corrispondente mese del 2013 (dati destagionalizzati). Il numero dei disoccupati, pari a 604 mila, risulta in diminuzione rispetto sia al mese precedente (617 mila) che al mese di dicembre 2013 (649 mila). Il tasso medio annuo di disoccupazione è stato nel 2014 del 6,8 %.(fonte INS) A dicembre 2014 i dati pubblicati dell'istituto Nazionale di Statistica indicano un tasso medio annuo d inflazione del 1,4% (tasso armonizzato calcolato utilizzando la variazione media dei prezzi nel periodo gennaio 2014 dicembre 2014 rispetto alla variazione media dei dodici mesi precedenti). Il tasso tendenziale d inflazione a dicembre 2014 è stato dello 0,83 %. Gli incrementi più elevati rispetto a dicembre 2013 nel settore alimentare sono stati riscontrati per il miele (+8,18%), le uova (+6,14%), i fagioli e altri legumi(+5,09%), altri ortaggi e conserve (+4,55%) e grappa (+2,67%). Per quanto riguarda i prodotti non alimentari gli aumenti più significativi si sono verificati per tabacco e sigarette (+7,25%), altri servizi (+5,69%), servizi postali (+5,49%) e cure mediche (+4,98%). Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 2

3 La produzione lorda industriale è aumentata del 6,1% nel 2014, confermando il trend positivo dall inizio dell anno. Gli investimenti nell economia nazionale hanno registrato nel 2014 una riduzione del 3,1% rispetto al 2013, arrivando ad un valore di 65,60 miliardi di lei (circa 14,76 miliardi di Euro). In particolare il settore delle macchine ed attrezzature, inclusi i mezzi di trasporto, ha registrato una contrazione significativa (-6,4%), mentre il settore delle nuove costruzioni ha segnato una riduzione del - 3,2%. Secondo i dati pubblicati dalla Banca Nazionale della Romania, gli investimenti diretti esteri nel 2014 hanno raggiunto un valore complessivo di 2,426 miliardi di euro, in calo del 10,6% rispetto al Dei flussi in entrata di IDE nel 2013, i crediti infragruppo hanno registrato un valore negativo di -155 milioni di euro mentre le partecipazioni al capitale e le perdite nette sono arrivate a 2,581 miliardi di euro. Il settore dell edilizia nel 2014 ha registrato un calo dei volumi del 6,7 % rispetto al Le opere di ingegneria civile sono calate del 21,8%, mentre le costruzioni residenziali e non residenziali sono aumentate invece del 32,6% e rispettivamente del 16,6% rispetto al Nel settore del turismo, nel 2014 si è registrato un incremento del 6,6 % del numero di turisti e del 4,8% del numero di pernottamenti rispetto al Il numero di turisti stranieri ospitati nelle strutture ricettive della Romania è aumentato del 6,8%, mentre il numero di pernottamenti è cresciuto del 8,4% rispetto al Il tasso di occupazione delle camere nel 2014 è stato del 26,2%, in aumento dell 1% rispetto all anno precedente. PRINCIPALI INDICATORI MACROECONOMICI Tasso annuo di disoccupazione 7,3% 6,8% Produzione industriale 7,8% 6,1% Settore edilizia -0,6% -6,7% Tasso medio annuo di inflazione 3,2% 1,4% Inflazione a dicembre 1,55% 0,83% Tasso di cambio (1 euro) 4,4190 4,4446 Stipendio medio lordo mensile (al 31 dicembre) Stipendio medio netto mensile (al 31 dicembre) Fonte: Istituto Nazionale di Statistica lei (544,4 Euro) lei (394,3 Euro) lei (579,1 Euro) lei (418,5 Euro) PREVISIONI Secondo le strategie fiscali aggiornate per il periodo , il Governo romeno stima una crescita dell economia del 2,8 % nel 2015 e del 3,0% nel L aumento del PIL nel 2014 del 2,9 % fa sperare che la crescita per il futuro periodo sia realizzabile. Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 3

4 Si prospetta che la crescita dell economia del Paese nel 2015 sarà dovuta principalmente alla domanda interna. Gli investimenti pubblici dovranno essere sostenuti da un migliore assorbimento dei fondi strutturali, peraltro in costante aumento negli ultimi anni. Un influenza positiva, anche se modesta, potrebbero averla i consumi pubblici e privati. Di seguito riportiamo le previsioni della Commissione Nazionale di Previsioni della Romania riguardante i principali dati macroeconomici: (%) Variazione PIL rispetto all anno precedente ,8 3,0 3,3 3,5 Inflazione media annua 1,3 2,8 2,7 2,5 Inflazione a fine periodo 2,6 2,8 2,5 2,3 Disoccupazione media annua (UIL) 6,7 6,6 6,5 6,4 RISCHIO PAESE Cambio medio annuo lei/euro 4,46 4,44 4,42 4,40 Fonte: Rapporto della Commissione Nazionale di Previsioni inverno 2015 A marzo 2015 l agenzia di valutazione economica Fitch ha riaffermato l indice di rating per i crediti a lungo termine in valuta estera della Romania a BBB- con prospettiva stabile, nella categoria raccomandata per gli investimenti. L agenzia di rating Standard & Poor s ha migliorato per la prima volta, a maggio 2014, il giudizio accordato alla Romania nel 2008 per i debiti a lungo termine in valuta da "BB+", a BBB-, con outlook stabile. Moody's ha riaffermato le stime di rischio paese al livello Baa3 nella categoria "investment grade", con prospettive negative (l ultima conferma a maggio 2014). Infine, la Romania rientra nella classe di rischio OCSE 3 su una scala di 7. INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI Secondo i dati pubblicati dalla Banca Nazionale della Romania, gli investimenti diretti esteri al 31 dicembre 2014 hanno raggiunto un valore complessivo di 2,426 miliardi di euro rispetto ai milioni di euro al 31 dicembre 2013, con un calo del 10,6%. Dei flussi in entrata di IDE al 31 dicembre 2014, i crediti intra-gruppo hanno avuto un valore negativo di -155 milioni di euro mentre le partecipazioni al capitale e le perdite nette hanno registrato un valore complessivo di 2,581 miliardi di euro. Gli investimenti diretti esteri (IDE) in Romania registrano da 5 anni un trend decrescente e hanno raggiunto nel 2011 il livello più basso degli ultimi 10 anni. Negli ultimi due anni hanno ripreso a crescere, come illustrato nella tabella seguente che riporta la serie storica degli IDE dal 2004: Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 4

5 Investimenti diretti esteri in Romania (valori in milioni euro) Flussi IDE Var. Annua % ,3 +0,6 +73,8-20,0 +31,0-63,3-36,4-18,2 +17,8 +26,8-10,6 Elaborazione ICE Bucarest su dati BNR INVESTIMENTI ITALIANI IN ROMANIA Considerando il numero di nuove imprese a partecipazione estera (dati del Registro del Commercio), entro il 31 dicembre del 2014 sono state registrate in Romania nuove aziende, il che ha portato a il numero totale di imprese estere dal Al 31 dicembre 2014, secondo i dati dell'ufficio del Registro Nazionale del Commercio, il numero delle imprese a partecipazione italiana è aumentato del 6,82% rispetto all anno precedente, da del 2013 alle , di cui attive, con un capitale versato di circa 1,85 miliardi di euro. Nel 2014 si sono registrate nuove aziende a partecipazione italiana. Il maggiore numero di imprese a partecipazione italiana (3.010) si e avuto nel 2007, mentre risale al 2000 il valore più alto del capitale versato (circa 304 milioni di euro). L Italia continua ad essere, da oltre 10 anni, il principale paese investitore per numero di aziende registrate (20,3%), mentre detiene il settimo posto tra i primi investitori per capitale investito (4,53%). Primi 10 paesi investitori per numero di imprese dicembre 2014 Nr. Paese Aziende % Totale Romania ,0 1. ITALIA ,3 2. GERMANIA ,6 3. TURCHIA ,1 5. UNGHERIA ,5 4. CINA ,9 6. FRANCIA ,1 7. USA ,6 8. AUSTRIA ,5 9. ISRAEL ,5 10. IRAK ,0 Primi 10 paesi investitori per capitale sociale versato (mil. euro) dicembre 2014 N. Paese Mil. Euro % Totale Romania ,0 1. OLANDA ,9 2. AUSTRIA ,0 3. GERMANIA ,0 4. CIPRO ,1 5. FRANCIA ,5 6. GRECIA ,6 7. ITALIA ,65 8. SPAGNA ,6 9. LUXEMBURG ,3 10. GRAN BRETAGNA 987 2,6 Fonte: elaborazione ICE Bucarest su dati Ufficio del Registro del Commercio FONDI EUROPEI L attuale programmazione dei fondi europei è cambiata rispetto all impostazione del periodo precedente e prevede 11 obiettivi tematici compresi nella Strategia Europa Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 5

6 Le risorse disponibili per il Paese ammontano a circa 43 mld. di Euro, in aumento del 18% rispetto ai fondi stanziati per il periodo , divisi come segue: 22,9 mld di Euro per la Politica di Coesione, 19,7 mld. di Euro per la Politica Agricola, 0,17 mld. di Euro per il Fondo Europeo per la Pesca e per gli Affari Marittimi, e 0,44 mld di Euro per il Fondo Europeo per le Persone Svantaggiate. Ad agosto u.s., la Commissione Europea ha convalidato l Accordo di partenariato con la Romania, il documento che delinea come verranno utilizzati i fondi strutturali europei e gli investimenti nel futuro periodo di programmazione. La versione in lingua inglese dell Accordo è presente al seguente link: Ad oggi sono stati approvati i seguenti programmi: Programma Operativo per le Persone Svantaggiate, Programma Operativo Competitività (POC), Programma Operativo Assistenza Tecnica (PO-AT), Programma Operativo Capitale Umano (POCU) e il Programma Operativo Capacità Amministrativa (POCA). Gli altri tre programmi (Programma Operativo Grande Infrastruttura, Programma Operativo Regionale e Programma Operativo dello Sviluppo Rurale) sono invece ancora in fase di negoziazione con la Commissione Europea. SCHEMA DELLO STANZIAMENTO DEI FONDI EUROPEI PER LA NUOVA PROGRAMMAZIONE: Programma Operativo Programma Operativo Grande Infrastruttura (infrastruttura, trasporti, ambiente) Programma Operativo Regionale Programma Operativo Capitale Umano Stanziamento indicativo * mld. Euro 9,41 (FEDR; FC) 6,7 (FEDR) 4,22 (FSE) Programma Operativo Competitività 1,33 (FEDR) Programma Operativo Capacità Amministrativa Programma Operativo Assistenza Tecnica Programma Nazionale di Sviluppo Rurale Programma Operativo per gli Affari Marittimi e la Pesca 0,55 (FSE) 0,21 (FEDR) 18,6 (FEAGA) 8.02 (FEASR) 0,17 (FEPAM) Autorità di management Ministero dei Fondi Europei Ministero dello Sviluppo Regionale e dell Amministrazione Pubblica Ministero dei Fondi Europei Ministero dei Fondi Europei Ministero dello Sviluppo Regionale e dell Amministrazione Pubblica Ministero dei Fondi Europei Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale Riguardo ai fondi strutturali europei stanziati per il periodo , secondo i dati del Ministero dei Fondi Europei, il grado di assorbimento dei fondi europei ha raggiunto alla fine del mese di marzo, il 53%. Il 2015 è essenziale per le operazioni con i fondi europei perché il Governo dovrà gestire fondi europei dei due esercizi finanziari rispettivamente e Inoltre il 2015 è l'ultimo anno in cui può assorbire i fondi stanziati per i progetti avviati negli anni precedenti. Sarà quindi un anno difficile, in cui la Romania dovrebbe assorbire 8 miliardi di euro se vuole raggiungere il tasso di assorbimento totale dell 80% proposto. Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 6

7 Presso l'ufficio ICE di Bucarest è attivo dal giugno 2008 un "Desk Fondi Strutturali, strumento di supporto per le imprese italiane interessate ai fondi strutturali e alle misure che prevedono opportunità commerciali e d investimento. Sul sito dell'ice di Bucarest alla rubrica "Desk fondi strutturali è presente un documento contenente l elenco delle misure di finanziamenti della nuova programmazione e non appena disponibili, saranno reperibili delle schede informative su ogni Programmi Operativo, con collegamenti ai siti web dei Ministeri e delle Autorità di management che gestiscono gli stanziamenti. RAPPORTI CON IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE Per fronteggiare gli effetti negativi della crisi economica e finanziaria sullo sviluppo economico della Romania è stato raggiunto un accordo nel mese di marzo 2009 tra il Governo romeno da una parte e il Fondo Monetario Internazionale, l Unione Europea, la Banca Mondiale, la BERS e la BEI dall altra per la concessione di un prestito di circa 20 miliardi di euro in due anni (dal FMI 12,95 mld. di euro, dall UE 5 miliardi di euro, dalla Banca Mondiale 1 mld. di euro e dalla BERS e BEI 1 mld. di euro). Il prestito ha avuto l obiettivo di limitare la drastica riduzione di flussi di capitali, ridurre il deficit esterno e di bilancio, stabilizzare il tasso di cambio e aumentare la liquidità delle banche per favorire la concessione di crediti alle imprese. L erogazione del prestito è avvenuta nel biennio marzo marzo 2011, e sarà rimborsabile gradualmente fino al Il 31 marzo 2011 è stato firmato un nuovo accordo biennale con il Fondo Monetario Internazionale (FMI) del valore di 3,46 miliardi di euro. L accordo era di tipo precauzionale e doveva terminare a marzo 2013, ma è stato prorogato di 3 mesi. Alla fine di luglio 2013, le autorità romene hanno concordato con il FMI, la Commissione Europea e la Banca Mondiale, un nuovo Accordo precauzionale di due anni per un valore di 4 miliardi di Euro, che è stato approvato dal FMI a settembre 2013, con condizioni di prestazioni meno restrittive rispetto al precedente. L accordo prevede misure di regolazione finanziaria rivolte alla riduzione degli squilibri esterni e del debito estero e misure di compensazione del deficit budgetario. A gennaio-febbraio 2014, una missione comune del Fondo Monetario Internazionale, l Unione Europea e Banca Mondiale hanno effettuato la seconda valutazione dell accordo precauzionale, che ha avuto come finalità la firma di una lettera d intenti dal governo romeno. Ai primi di marzo 2014, il presidente romeno ha approvato il memorandum per la firma della lettera di intenti contenente i risultati delle discussioni avute durante la valutazione. Durante il periodo 2-12 giugno 2014 Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e la Commissione Europea (CE) ha visitato la Romania per effettuare la terza revisione nell'ambito del FMI Stand-By Arrangement (SBA) e la prima revisione relativa alla bilancia dei pagamenti da parte dell'unione Europea. In seguito agli incontri di giugno i rappresentanti FMI e le autorità rumene hanno raggiunto un accordo sulle politiche importanti e necessarie per garantire successivi progressi del paese. Durante il periodo dicembre 2014 i rappresentanti del FMI e della CE hanno visitato Bucarest per le discussioni tecniche sul bilancio 2015 raggiungendo un accordo con le Autorità in linea con gli obiettivi del programma sostenuto dal FMI di raggiungere un deficit di bilancio dell'1,8 % del PIL. Nel mese di febbraio 2015 la delegazione FMI il premier Victor Ponta non ha firmato la lettera di accordo con il FMI presente in Romania rimandando le negoziazioni per il mese di aprile u.s. Il FMI ha proposto il calendario di crescita dei prezzi del gas per la popolazione, mentre il governo si propone di mantenerli per almeno sei mesi. Il Consiglio di amministrazione del Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha avviato alla fine del mese di marzo dell anno in corso le consultazioni con la Romania ai sensi dell'articolo IV dello Statuto FMI allo scopo di esaminare la situazione economica e finanziaria del Paese allo scopo di formulare raccomandazioni generali e di politica monetaria, finanziaria ed economica da seguire al fine di garantire la stabilità e lo sviluppo dell'economia. Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 7

8 Durante l ultima visita in Romania (27 gennaio 10 febbraio 2015), gli esperti FMI avevano stimato una crescita del PIL della Romania del 2,7% per quest'anno e del 2,9% nel 2016, spinta principalmente da una crescita del consumo privato nel contesto di un aumento dei salari reali, dei bassi prezzi del petrolio e dei tassi di interesse che hanno raggiunto minimi storici. Allo stesso tempo, il FMI ha osservato che l'economia romena ha in gran parte corretto gli squilibri interni ed esterni attraverso un mix di politiche macroeconomiche ma resta vulnerabile agli shock esterni. L istituzione finanziaria internazionale ha inoltre suggerito una ripresa del processo di liberalizzazione delle tariffe del gas per i consumatori domestici e la fornitura di un sostegno aggiuntivo per i consumatori più vulnerabili. Nel settore bancario invece, il FMI si è mostrato a favore di una ristrutturazione volontaria bilaterale dei prestiti in franchi svizzeri, tenendo conto della capacità di rimborso del mutuatario. Tuttavia, il personale FMI raccomanda alla Banca Nazionale di Romania (BNR) di limitare gli interventi sul mercato valutario e mantenere un atteggiamento prudente. COMMERCIO ESTERO Secondo le stime preliminari dell Istituto Nazionale di Statistica (INS), il valore complessivo delle esportazioni FOB realizzate nel 2014 è stato di 52,46 miliardi di euro, mentre quello delle importazioni CIF è stato di 58,51 miliardi di euro. Rispetto all'anno precedente le esportazioni sono aumentate del 5,8 % mentre le importazioni sono aumentate del 5,9%. Il deficit commerciale FOB - CIF nel 2014 è stato di 6,05 miliardi di euro, 35 milioni in più rispetto al Bilancia commerciale della ROMANIA (valori in miliardi euro e variazioni %) Esportazioni 25,9 29,5 33,7 29,1 37,4 45,3 45,0 49,5 52,4 Var. annua % 16,6 13,9 14,2-13,6 28,5 21,1-0, ,0 +5,8 Importazioni 40,7 51,3 57,2 38,9 46,9 54,9 54,7 55,2 58,5 Var. annua % 24,8 26,0 11,5-32,0 20,5 17,1-0,01 +1,0 +5,9 Deficit commerciale 14,9 21,8 23,5 9,9 9,5 9,7 9,6 5,7 6,05 L analisi settoriale dell interscambio romeno, illustrata nelle tabelle seguenti, evidenzia un peso preponderante nell export delle voci macchine e dispositivi meccanici; macchine, apparecchiature ed attrezzature elettriche, autoveicoli e altri mezzi ed attrezzature da trasporto, metalli comuni ed altri articoli in metallo. ESPORTAZIONI - IMPORTAZIONI Per quanto riguarda l export, va rilevato la crescita delle esportazioni per alcune voci come prodotti minerali, Macchine e dispositivi meccanici, materiali tessili che sono aumentati rispettivamente del 20,2%, del 9,4% e del 4,1% rispetto al Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 8

9 Principali sezioni della Nomenclatura Combinata Nota Congiunturale Romania Esportazioni FOB Principali gruppi merceologici (70,8% del totale esportazioni) Tipologie merci Valore -milioni Euro- Quota % sul totale export Var. % 2014 /2013 XVI Macchine e dispositivi meccanici; macchine, apparecchiature ed attrezzature elettriche ,4 XVII Autoveicoli e altri mezzi ed attrezzature da trasporto ,4 +2,1 XV Metalli comuni ed altri articoli in metallo 4691,7 9-0,8 XI Materiali tessili ed altri articoli connessi 3885,6 7,4 +4,1 V Prodotti minerali 3253,2 6,2 +20,2 II Prodotti di origine vegetale 3067,9 5,8 +2,8 Totale Esportazioni Mondo 52459,7 100,0% +5,8 Riguardo l import, le principali voci sono macchine e dispositivi meccanici; macchine, apparecchiature ed attrezzature elettriche, metalli comuni ed altri articoli in metallo e prodotti dell industria chimica e connessi. Principali sezioni della Nomenclatura Combinata Importazioni CIF Principali gruppi merceologici (74% del totale importazioni) Tipologie merci Valore Milioni Euro Quota % sul totale Var. % 2014 /2013 XVI Macchine e dispositivi meccanici; macchine, apparecchiature ed attrezzature elettriche 15943,6 27,2 +3,9 XV Metalli comuni ed altri articoli in metallo 6302,9 10,8 +8,7 VI Prodotti dell industria chimica e connessi 5981,1 10,2 +3,2 V Prodotti minerali 5782,7 9,9-1,3 XVII Autoveicoli e altri mezzi ed attrezzature da trasporto 5010,7 8,6 +16,6 VII Materie plastiche, gomma e articoli connessi 4247,1 7,3 +4,7 Totale Importazioni Mondo 58508,4 100,0 5,9% In merito alla ripartizione geografica per aree, l Unione Europea detiene una quota del 73,4% (rispetto al 69,6% nel 2013) del totale dell interscambio. Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 9

10 Il valore degli scambi intracomunitari nel 2014 è stato di 37,3 miliardi euro per quanto riguarda l export e di 44,1 miliardi di euro per l import, pari rispettivamente al 71,1% del totale delle esportazioni e al 75,4% del totale delle importazioni. Esportazioni FOB (valori in milioni di Euro) Valore - milioni Euro - Quote % sul totale Variazioni % 2014/ Mondo , ,7 100,0 100,0 +5,8 1. Commercio intracomunitario (UE 28) , ,5 69,6 71,1 +8,1 2. Commercio , ,2 30,4 28,9 +0,7 extracomunitario (non UE 28) Importazioni CIF (valori in milioni di Euro) Valore - milioni Euro - Quote % sul totale Variazioni % 2014/ Mondo , ,4 100,0 100,0 +5,9 1. Commercio intracomunitario (UE 27) , ,1 75,7 75,4 +5,3 2. Commercio , ,3 24,3 24,6 +7,5 extracomunitario (non UE 27) INTERSCAMBIO CON L ITALIA E PRINCIPALI PARTNER COMMERCIALI Secondo i dati dell Istituto romeno di Statistica (INS), l interscambio commerciale tra l Italia e la Romania nel 2014 ha raggiunto un valore complessivo di 12,58 miliardi di euro, in aumento del 6,9% rispetto al In particolare, la Romania ha esportato verso l Italia beni per un valore pari a 6.243,6 milioni di euro (+9,1% rispetto al 2013), mentre le importazioni dall Italia hanno raggiunto un valore di 6.337,6 milioni di euro (+4,3% rispetto al 2013). La bilancia commerciale della Romania riguardo agli scambi con l Italia ha registrato un saldo commerciale negativo di 94 milioni di euro. Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 10

11 Interscambio commerciale Romania - Italia (valori in milioni di euro e variazioni %) Variazione % Variazione % Export verso l'italia Import dall'italia ,7 +4, , ,6 +9, ,4 +1, , ,6 +4,3 Saldo , , Elaborazione ICE su dati INS Analizzando la serie storica dell interscambio tra i due Paesi dal 2005 al 2014 si nota un progressivo aumento dei valori, che è rallentato molto nel 2008, anno in cui l interscambio è aumentato lievemente, per poi diminuire fortemente nel Negli anni successivi l interscambio è tornato a crescere per raggiungere nel 2012 e 2013 quasi gli stessi livelli del 2008 e superando nel 2014 il massimo storico del Interscambio commerciale Romania - Italia dal 2005 al 2014 (valori in milioni di euro) Export verso l Italia Import dall Italia Totale interscambio , , , , , ,2 Saldo ,7-94 Fonte: Bollettino statistico n. 12/2013 e n. 12/2014; Eurostat Comext (Paese dichiarante Romania) Nelle tabelle seguenti sono riportate le graduatorie dei primi 10 partners commerciali della Romania, relativamente alle esportazioni ed alle importazioni. Nel 2014 l Italia si è classificata ancora una volta al secondo posto dopo la Germania sia nella graduatoria dei Paesi fornitori sia in quella dei mercati di destinazione dell export romeno, con una quota sul totale interscambio della Romania pari all 11,3% (11,9% del totale export e 10,8% del totale import). Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 11

12 Esportazioni della Romania Principali Paesi acquirenti Paese Valore - milioni Euro - Quote Variazioni % 2014/ Mondo , ,7 100,0 100,0 +5,8 1. Germania 9.200, ,7 18,6 19, Italia 5.698, ,6 11,5 11,9 +9,3 3. Francia 3.357, ,7 6,8 6,8 +6,2 4. Ungheria 2.451, ,1 4,9 5,1 +8,3 5. Turchia 2.545, ,2 5,1 4,5-7,4 6. Regno Unito 2.032, ,4 4,1 4,1 +6,1 7. Bulgaria 1.697, ,8 3,4 3,4 +4,8 8. Federazione Russa 1.381, ,1 2,8 2,8 +4,8 9. Spagna 1.207, ,4 2,7 +15,4 10. Olanda 1.538, ,1 3,1 2,6-11,6 Paese Importazioni della Romania - Principali Paesi fornitori Valore Quote - milioni Euro - Variazioni % 2013/ Mondo , ,4 100,0 100,0 +5,9 1. Germania , ,1 18,6 19,1 +9,4 2. Italia 6.071, ,6 11,0 10,8 +4,3 3. Ungheria 4.553, ,8 8,2 7,9 +0,7 4. Francia 3.170, ,5 5,7 5,7 +3,7 5. Polonia 2.457, ,4 4,4 4,6 +10,4 6. Cina 1.968, ,5 3, ,3 7. Kazakistan 1.786, ,4 3,2 3,9 +28,1 8. Federazione Russa 2.358, ,3 3,9-3,6 9. Austria 2.208, ,3 4,0 3,8 +0,5 10. Olanda 2.035, ,7 3, Copywritght ICE - Agenzia di Bucarest 12

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania Il mercato tedesco dell odontoiatria e la congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania L economia tedesca verso il ristagno Molti ritengono ormai che l economia tedesca

Dettagli

ROMANIA FONDI EUROPEI 2014-2020

ROMANIA FONDI EUROPEI 2014-2020 ROMANIA FONDI EUROPEI 2014-2020 Page2 Dal 1 gennaio 2007 la Romania fa parte dell Unione Europea e ha la possibilità di accedere ai Fondi Strutturali, strumenti finanziari di cui si è dotata l Unione per

Dettagli

CONGIUNTURA E COMMERCIO ESTERO

CONGIUNTURA E COMMERCIO ESTERO Italian Trade Commission - ICE Trade Promotion Section of the Italian Embassy Beirut Office LIBANO CONGIUNTURA E COMMERCIO ESTERO 2009-2010 GIUGNO 2010 ANDAMENTO CONGIUNTURALE Per il 2009 i dati indicano

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

POLONIA PRESENTAZIONE PAESE

POLONIA PRESENTAZIONE PAESE POLONIA PRESENTAZIONE PAESE 1 LA POLONIA SULLE MAPPE SUDDIVISIONE AMMINISTRATIVA 16 voivodati (regioni) 314 powiat (province) 2478 comuni 2 GEOGRAFIA Paesi confinanti: Germania, Rep. Ceca, Slovacchia,

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Benevento Settembre 213 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Economia e competitività Indicatori strutturali Valore aggiunto e

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Il mercato degli Stati Uniti

Il mercato degli Stati Uniti Il mercato degli Stati Uniti Introduzione Gli Stati Uniti rappresentano il principale partner commerciale dell Italia al di fuori dei paesi dell Ue e il terzo paese di destinazione delle esportazioni italiane,

Dettagli

L economia italiana: tendenze e prospettive

L economia italiana: tendenze e prospettive L economia italiana: tendenze e prospettive (05) Gli scambi con l estero Michele Benvenuti Università di Siena Anno accademico 2014/15 Grado di apertura: export (beni e servizi) / PIL Paese 2007 2010 2014

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

PAESE: COSTA RICA. INDICATORI SOCIALI: Superficie kmq 51.100. INDICATORI MACROECONOMICI 2006 2007 2008 (*) 2009 proiez.(**)

PAESE: COSTA RICA. INDICATORI SOCIALI: Superficie kmq 51.100. INDICATORI MACROECONOMICI 2006 2007 2008 (*) 2009 proiez.(**) PAESE: COSTA RICA I. Analisi del contesto sociale ed economico di riferimento A. Quadro degli indici economici, demografici, e sociali INDICATORI SOCIALI: Superficie kmq 51.100 Popolazione (2008) 4,5 milioni

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

Bosnia Erzegovina Bari 25 ottobre 2013

Bosnia Erzegovina Bari 25 ottobre 2013 Bosnia Erzegovina Bari 25 ottobre 2013 Bosnia Erzegovina area totale: 51.129 kmq confini: Croazia: 932 km Serbia: 312 km Montenegro: 215 km costa: 24 km capitale: Sarajevo (400.000 ab.) popolazione: 3,8

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

602,5 abitanti/kmq. Cinese tradizionale (mandarino), Taiwanese e Hakka. Buddismo e Taoismo. Nuovo Dollaro di Taiwan (TWD) Repubblica Presidenziale

602,5 abitanti/kmq. Cinese tradizionale (mandarino), Taiwanese e Hakka. Buddismo e Taoismo. Nuovo Dollaro di Taiwan (TWD) Repubblica Presidenziale TAIW AN Dati di base Superficie 36.180 kmq Popolazione 21.800.000 Densità di popolazione Lingua ufficiale Religione Unità monetaria Forma istituzionale Sede di governo 602,5 abitanti/kmq Cinese tradizionale

Dettagli

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero (in gestione transitoria - ex Legge 214 del ) Gli imballaggi nel commercio estero Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania Percepire responsabilità per l Europa Il consiglio di esperti economici, che ha pubblicato nell autunno 2011 il suo parere sull andamento economico nel

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

MENSILE MENSILE MENSILMENTE. N.2 Febbraio. Anno I. Servizio Statistica Supporto alle decisioni. Sistema informativo territoriale

MENSILE MENSILE MENSILMENTE. N.2 Febbraio. Anno I. Servizio Statistica Supporto alle decisioni. Sistema informativo territoriale Sistema informativo territoriale MENSILE MENSILE N.2 Febbraio MENSILMENTE Anno I Servizio Statistica Supporto alle decisioni Assessore all'università e Ricerca Scientifica Innovazione Tecnologica e Nuova

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTITUTO NAZIONALE PER IL COMMERCIO ESTERO Annuario 2007-1) Merci, servizi, investimenti diretti L Annuario Commercio estero e attività internazionali

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Il contesto economico crescere nella nuova geografia Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Di cosa parliamo? Crescita, Competizione La nuova geografia Lo scenario cambia ancora 2 In

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013 MATCHING Brasile San Paolo, 24-25 giugno 2013 LE INFORMAZIONI GENERALI I settori* coinvolti sono : Agricolo, agroalimentare (food & beverage), agroindustriale Edilizia e impiantistica: materiali e prodotti

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN Treviso, 7 giugno 2013 AMBASCIATA DELLA REPUBBLICA DELL AZERBAIGIAN IN ITALIA FATTI SALIENTI Data di fondazione 28 maggio 1918 Indipendenza 18 ottobre 1991 Relazioni

Dettagli

POLONIA paese mercato congiuntura. Varsavia, 15 marzo 2012

POLONIA paese mercato congiuntura. Varsavia, 15 marzo 2012 POLONIA paese mercato congiuntura Varsavia, 15 marzo 2012 POLONIA, mappa politica POLONIA - paese, mercato, congiuntura 2 POLONIA e POLACCHI localizzazione superficie capitale città principali linea di

Dettagli

Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 15 dicembre 2014 Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel 2012, la presenza delle multinazionali italiane all estero

Dettagli

ANALISI OPPORTUNITA ROMANIA

ANALISI OPPORTUNITA ROMANIA ANALISI OPPORTUNITA ROMANIA SETTORE GOMMA E PLASTICA Documento redatto e concepito da: Michele Sabatino - 1 - ANALISI OPPORTUNITA PAESE ROMANIA - SETTORE GOMMA E PLASTICA Premessa Il presente elaborato

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

confetra - nota congiunturale sul trasporto merci

confetra - nota congiunturale sul trasporto merci confetra - nota congiunturale sul trasporto merci a cura del Centro Studi Confetra Periodo di osservazione gennaio-dicembre 2003 Anno VII - n 1 febbraio 2004 La nota congiunturale Confetra sul trasporto

Dettagli

Seminario Fondi strutturali dell Unione Europea. Focus Bulgaria, Croazia, Romania e Ungheria. Focus Romania

Seminario Fondi strutturali dell Unione Europea. Focus Bulgaria, Croazia, Romania e Ungheria. Focus Romania Seminario Fondi strutturali dell Unione Europea. Focus Bulgaria, Croazia, Romania e Ungheria Milano, 3 dicembre 2014 Centro Congressi Stelline - Sala Leonardo Focus Romania PROFILO PAESE PROFILO PAESE

Dettagli

06. Spinta all Internazionalizzazione delle Imprese

06. Spinta all Internazionalizzazione delle Imprese 06. Spinta all Internazionalizzazione delle Imprese Gli obiettivi specifici per favorire lo sviluppo internazionale delle imprese sono stati: 1. assistere le piccole e medie imprese nella loro attività

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 3 Il posizionamento dei prodotti italiani nei paesi nordeuropei A cura di Roberta Mosca

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 2 Le materie prime energetiche nel commercio estero italiano (Aprile 2006) 1 LE MATERIE

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

1 Centro Studi,Unione Camere Commercio industria Artigianato Agricoltura del Piemonte.

1 Centro Studi,Unione Camere Commercio industria Artigianato Agricoltura del Piemonte. Rapporti economici tra Piemonte e Francia: il punto di vista italiano A cura di Barbara Barazza responsabile Settore Studi, Statistica e Documentazione Camera di commercio di Torino E con vivo piacere

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania Percepire responibilità per l Europa Il consiglio di esperti economici, che ha pubblicato recentemente il suo parere sull andamento economica nel 2011/2012

Dettagli

Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005

Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Novembre 2006 Il posizionamento dell Umbria nel commercio internazionale nel periodo 1995-2005 Presentazione del lavoro...

Dettagli

LIBANO PARCO VETTURE NEL

LIBANO PARCO VETTURE NEL LIBANO PARCO VETTURE NEL 29 Febbraio 211 Dati aggiornati il 1 febbraio 211: - le nuove auto vendute nel 21 (pag. 5) - l interscambio Libano/Mondo 21 (pag. 5-6) Nel 29, il numero delle auto private circolante

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Lo scenario economico internazionale

Lo scenario economico internazionale Il recente andamento del commercio internazionale e la posizione dell Italia La marcata espansione del commercio internazionale è un aspetto decisivo dell attuale fase dell economia mondiale. Nell ultimo

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO

IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO a cura di Giorgio Trebeschi Il Brasile, una storia di successo!!! Iperinflazione vinta Accelerazione della crescita Riduzione della povertà Migliore distribuzione del

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Guida all export Novembre 2006 a cura di Angelo Negri Indice

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione. Convegno di Studi. Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina

CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione. Convegno di Studi. Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina Istituto nazionale per il Commercio Estero CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione Convegno di Studi * * * * * Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina Marco

Dettagli

Lettonia. http://www.mondimpresa.it/infoflash/scheda.asp?st=54. Altre Schede Paese. Cosimo Export

Lettonia. http://www.mondimpresa.it/infoflash/scheda.asp?st=54. Altre Schede Paese. Cosimo Export Page 1 of 5 Altre Schede Paese Cosimo Export Lettonia Informazioni Generali La Repubblica di Lettonia è uno stato situato nell'europa nord-orientale, confina a nord con l'estonia (267 Km), a est con la

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015 a cura della Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci 112 110 108 106 104 102 100 Roma 15 giugno 2015

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale

Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale Dati principali sul paese Cos è SIEPA? Motivi per investire in Serbia Accordi di libero scambio Fondi disponibili per gli investimenti

Dettagli

L assicurazione dei crediti

L assicurazione dei crediti L assicurazione dei crediti Bologna, 13 12 2011 Antonella Vona, Responsabile Marketing e Comunicazione Coface Assicurazioni 1970 1971 1972 1973 1974 1975 1976 1977 1978 1979 1980 1981 1982 1983 1984 1985

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

Agenda. > Indicatori economici tedeschi. > Il sistema bancario tedesco. > I servizi offerti da UBI Banca International Monaco di Baviera

Agenda. > Indicatori economici tedeschi. > Il sistema bancario tedesco. > I servizi offerti da UBI Banca International Monaco di Baviera 1 2 Agenda > Indicatori economici tedeschi > Il sistema bancario tedesco > I servizi offerti da UBI Banca International Monaco di Baviera 3 Indicatori economici tedeschi 4 3 2 1 0-1 -2-3 -4-5 -6 2006 2007

Dettagli

Ufficio ICE di Tunisi. Tunisia - Quadro macroeconomico generale

Ufficio ICE di Tunisi. Tunisia - Quadro macroeconomico generale Ufficio ICE di Tunisi Tunisia - Quadro macroeconomico generale Marzo 2014 La crisi politica e le tensioni sociali hanno pesato molto sull attuale situazione economica tunisina. Nel 2013 la crescita del

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

UNIONCAMERE MARCHE Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura delle Marche

UNIONCAMERE MARCHE Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura delle Marche UNIONCAMERE MARCHE Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura delle Marche PROGETTO BRIDGE Incontro con gli operatori della filiera marittima anconetana Ancona, venerdì

Dettagli

Reggio Emilia. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Reggio Emilia. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Reggio Emilia Settembre 213 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Economia e competitività Indicatori strutturali Valore aggiunto

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

La competitività dell agroalimentare italiano

La competitività dell agroalimentare italiano dell agroalimentare italiano CHECK UP 2012 Responsabile della ricerca Egidio Sardo Responsabile della redazione Fabio Del Bravo Coordinamento operativo Francesca Carbonari Redazione a cura di: Chiara Bambini,

Dettagli

Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica

Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica 1 Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica Giovanni Giuseppe Ortolani L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE Venezia, 17 aprile 2012 http://www.bancaditalia.it indagineturismo@bancaditalia.it

Dettagli

Turchia Nota congiunturale

Turchia Nota congiunturale UFFICIO I.C.E. DI ISTANBUL Turchia Nota congiunturale aggiornata a AGOSTO 2014 UFFICIO I.C.E. DI ISTANBUL Direttore: Documentazione, analisi e redazione: Elaborazione dati Statistici: Aggiornamento dati

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli