FEDERFARMA LAZIO - STATUTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FEDERFARMA LAZIO - STATUTO"

Transcript

1 ARTICOLO 1 E costituita, con sede in Roma, Via dei Tizii n. 10, l Associazione denominata: FEDERFARMA LAZIO ARTICOLO 2 1. La FEDERFARMA LAZIO riunisce e rappresenta le Associazioni Sindacali Provinciali dei Titolari di Farmacia (urbani e rurali) esistenti nella Regione ed aderenti alla Federazione Nazionale dei Titolari di Farmacie Italiani FEDERFARMA. 1. L Associazione è apolitica ed apartitica. ARTICOLO 3 ARTICOLO 4 1. L Associazione ha per scopo di tutelare gli interessi economico sindacali e professionali, dei titolari di farmacia aderenti alle Associazioni Provinciali. 2. A tal fine: a) rappresenta le Associazioni ad essa aderenti presso gli Organi tecnici ed amministrativi della Regione nonché nei rapporti con le organizzazioni farmaceutiche, Enti, Mutue, Ditte produttrici, Grossisti, ecc.; b) tutela gli interessi economici della Categoria, anche in sede giudiziaria; c) collabora con l autorità per il conseguimento dei propri fini e potrà assumere quegli altri compiti che dalla legge fossero demandati agli organismi della Categoria; d) coordina l inquadramento sindacale ed il funzionamento delle Associazioni provinciali aderenti; e) può procedere alla stipulazione di contratti collettivi di lavoro e di accordi per la regolamentazione dei rapporti economici che implichino interessi di carattere generale nell ambito della regione; f) promuove la realizzazione di iniziative nei settori industriali e commerciali a vantaggio dei titolari di farmacia rappresentati; g) esercita tutte quelle altre funzioni che le competono a norma di legge o per le deliberazioni dell Assemblea regionale; h) può costituire commissioni di studio e di lavoro ed assumere qualsiasi altra iniziativa di utilità sociale; i) può partecipare al capitale di società e cooperative promosse da farmacisti titolari o nelle quali questi ultimi abbiano la maggioranza. 1

2 ARTICOLO 5 1. La FEDERFARMA LAZIO può riunire i propri Organi direttivi anche in città della regione diverse dal capoluogo. ARTICOLO 6 1. Le Associazioni Provinciali per aderire alla FEDERFARMA LAZIO dovranno presentare domanda corredata di copia dell atto costitutivo e dello Statuto, dell elenco dei soci (distinto in farmacie urbane e rurali), della delibera di adesione e della dichiarazione di accettazione del presente Statuto. ARTICOLO 7 1. L adesione alla FEDERFARMA LAZIO impegna l Associazione Provinciale per un periodo di 3 anni e si intende tacitamente rinnovata per un eguale periodo, se non viene data disdetta con lettera raccomandata, almeno 3 mesi prima della scadenza del triennio. 2. Non può essere ammessa più di una associazione di Categoria per la stessa Provincia. ARTICOLO 8 1. Le Associazioni Provinciali aderenti sono tenute a versare i contributi sindacali dovuti. 2. La morosità sospende l esercizio del diritto di voto. ARTICOLO 9 1. Sono organi della FEDERFARMA LAZIO: - Il Consiglio Regionale; - La Giunta Esecutiva; - Il Presidente; - Il Segretario (urbano o rurale); - Il Tesoriere; - Il Collegio dei Sindaci. ARTICOLO 10 IL CONSIGLIO REGIONALE 1. Il Consiglio Regionale è costituito di 15 membri (titolari di farmacia), eletti, nella misura di 3 rappresentanti per ciascuna Associazione Provinciale, 2. Esso dura in carica 3 anni. 2

3 ARTICOLO Il Consiglio Regionale viene convocato dal Presidente in seduta ordinaria almeno una volta all anno, entro il mese di marzo, e in seduta straordinaria anche su richiesta di almeno tre dei componenti della Giunta Esecutiva. 2. La convocazione è fatta mediante avvisi inviati non meno di otto giorni prima di quello fissato per la riunione con lettera raccomandata o telegramma o con sms o con posta elettronica certificata contenente l indicazione del luogo, giorno ed ora e degli argomenti all ordine del giorno. 3. Il Presidente della FEDERFARMA LAZIO, soltanto nei casi di assoluta urgenza, può convocare il Consiglio anche telegraficamente, con almeno 24 ore di anticipo. 1. Spetta al Consiglio Regionale: ARTICOLO 12 a) eleggere la Giunta Esecutiva ed il Collegio dei Sindaci; b) determinare le linee programmatiche e le direttive generali dell Associazione; c) eleggere e nominare i propri rappresentanti presso gli organi della regione e presso le varie Commissioni nei rapporti con le autorità, Mutue, Enti, ecc.; d) stipulare convenzioni, accordi economici e sindacali a carattere regionale; e) promuovere ed incrementare lo sviluppo organizzativo delle Associazioni Provinciali; f) determinare i contributi associativi dovuti alla FEDERFARMA LAZIO dalle Associazioni Provinciali aderenti (urbani e rurali); g) approvare i bilanci consuntivi e preventivi; h) eleggere il delegato regionale previsto dallo Statuto della Federazione Nazionale di Farmacie Italiani FEDERFARMA. ARTICOLO Il Consiglio Regionale delibera a maggioranza di voti. 2. Ogni componente il Consiglio Regionale ha diritto ad un voto. 3. I Consiglieri impossibilitati ad intervenire alla riunione possono farsi rappresentare, con regolare delega scritta, da uno dei 2 Consiglieri (rispettivamente urbano e rurale) appartenenti alla medesima Associazione Provinciale e non potrà essere esibita più di una delega. ARTICOLO Le riunioni del Consiglio Regionale sono valide purché siano presenti o rappresentati la metà più uno dei componenti. ARTICOLO Qualora uno dei membri del Consiglio Regionale dovesse cessare dalla carica di rappresentate provinciale dell Associazione aderente alla FEDERFARMA LAZIO per qualsiasi motivo, deve essere surrogato con altro membro su indicazione della stessa Associazione Provinciale, entro trenta giorni. 3

4 ARTICOLO 16 LA GIUNTA ESECUTIVA 1. La Giunta esecutiva, eletta dal Consiglio Regionale, è costituita da 5 membri che rappresentino, salvo rinuncia, le 5 Associazioni Provinciali aderenti alla FEDERFARMA LAZIO. 2. Dura in carica 3 anni. Delibera a maggioranza di voti. 3. Nomina, anche al di fuori dei propri membri, un Vice Segretario aggiunto per gli affari rurali, che parteciperà alle sedute della Giunta senza diritto di voto. Il Vice Segretario aggiunto per gli affari rurali, potrà essere anche un non farmacista. 4. Tra i propri componenti, la Giunta Esecutiva elegge il Presidente, due Vice Presidenti (uno urbano e uno rurale), il Segretario e un Tesoriere. ARTICOLO La Giunta Esecutiva è convocata dal Presidente su richiesta di almeno tre componenti. 2. La convocazione è fatta con lettera raccomandata spedita almeno 5 giorni prima della data fissata per la riunione. 3. Nei casi più urgenti con telegramma o per telefono con preavviso di almeno 24 ore. ARTICOLO Spetta alla Giunta Esecutiva attuare tutte le delibere e le azioni decise dal Consiglio Regionale, preparare i Bilanci e redigere il Regolamento al presente Statuto, ratificare le deliberazioni dei rappresentanti regionali dei farmacisti rurali. ARTICOLO I Componenti la Giunta Esecutiva e il Consiglio Regionale, che per giustificati motivi non intervengono alle riunioni, dovranno inviare tempestivamente comunicazioni alla Presidenza. ARTICOLO 20 IL PRESIDENTE 1. Il Presidente ha la rappresentanza legale Regionale, sia in giudizio che nei confronti delle Autorità e dei terzi e presiede le riunioni del Consiglio Regionale. 2. In caso di assenza o di impedimento può farsi sostituire temporaneamente da uno dei due Vice Presidenti. 4

5 ARTICOLO 21 I FARMACISTI RURALI 1. Per la trattazione di specifici problemi della loro Categoria i Rappresentanti rurali, componenti del Consiglio Regionale, potranno riunirsi per le conseguenti deliberazioni che, in ogni caso, dovranno essere tempestivamente comunicate alla Giunta Esecutiva e ad esso sottoposte per la regolare ratifica ed esecuzione. ARTICOLO 22 IL COLLEGIO DEI SINDACI 1. Il Collegio dei Sindaci, eletto dal Consiglio Regionale, è composto da 3 membri effettivi e 2 supplenti. 2. Ciascuna Associazione Provinciale proporrà per tale organo il nominativo di un proprio rappresentante. ARTICOLO Il Collegio dei Sindaci nominerà il Presidente tra i propri membri effettivi. Ha le funzioni di controllo che gli sono demandate dalla legge. ARTICOLO 24 IL SEGRETARIO 1. Il Segretario provvede all espletamento delle varie pratiche, al coordinamento delle attività delle Commissioni di studio e di lavoro e delle Associazioni Provinciali aderenti. 2. Il Segretario si avvarrà, per i problemi attinenti la Categoria dei titolari di farmacia rurale, della collaborazione del Vice-Segretario aggiunto per gli affari rurali. ARTICOLO 25 IL TESORIERE 1. Il Tesoriere provvede, in puntuale esecuzione delle deliberazioni della Giunta Esecutiva e dell Assemblea, alle operazioni amministrative e finanziarie nei rapporti con Istituti bancari, Enti vari e terzi, ivi comprese l apertura di c/c creditori e le operazioni sugli stessi nei limiti delle disponibilità attive, la riscossione dei contributi sindacali, tenuta dei registri di contabilità e l inventario del patrimonio sociale. 2. In caso di assenza o di impedimento del Tesoriere, le funzioni di cui al comma precedente, saranno temporaneamente assunte dal Presidente. 5

6 1. Costituiscono entrate: ARTICOLO 26 a) i contributi sindacali ordinari e straordinari versati dalla Associazioni Provinciali; b) le somme a qualunque titolo acquisite; c) i proventi derivanti da interessi attivi ed altre rendite patrimoniali. 2. L esercizio finanziario si chiude al 31 dicembre di ogni anno. 3. I risultati di esercizio debbono risultare da apposito bilancio, annualmente predisposto. 4. Le quote ed i contributi sono intrasmissibili a qualsiasi titolo e non rivalutabili. 5. Il fondo comune, a norma dell'art. 37 del codice civile, finché dura l Associazione è indivisibile ed i singoli associati non possono chiederne la divisione né pretenderne la quota in caso di recesso o esclusione a qualsiasi titolo deliberata. 6. E fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi o riserve. ARTICOLO Il presente Statuto, previa approvazione dei Consigli delle Associazioni Provinciali, non può essere modificato senza il voto del Consiglio Regionale a tal fine convocato con la maggioranza dei due terzi dei consiglieri presenti alla riunione. 2. Non sono ammesse deleghe. ARTICOLO Alla giunta Esecutiva è demandato l incarico di redigere entro 3 mesi dall approvazione del presente Statuto, il Regolamento. ARTICOLO Con la maggioranza dei due terzi dei Consiglieri componenti il Consiglio Regionale, presenti alla riunione, l Unione potrà essere posta in liquidazione. 2. In tal caso il patrimonio residuo sarà devoluto ad altra associazione locale, regionale o nazionale con finalità analoghe o avente fini di pubblica utilità, sentito, in tale secondo caso, l organismo di controllo di cui all art. 3 comma 190, della legge 23/12/1996, n. 662 e successiva normativa. 6

COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE DONNE

COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE DONNE COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE DONNE Approvato con Delibera del C.C. n. 5 del 26.02.2009 ART. 1 ISTITUZIONE DELLA CONSULTA DELLE DONNE Nell ambito delle

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITA PER NIDI FAMIGLIA

COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITA PER NIDI FAMIGLIA P21/e MODULISTICA MD04 Rev. 0 del 21/02/08 Al Dirigente del Settore Territorio e LL.PP. Sportello Unico per le Attività Produttive SS PP OO RR TT EE LL LL OO LL AA VV OO RR OO COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITA

Dettagli

TITOLO 1 Denominazione, Sede, Scopo. Art. 1) E costituita l Associazione Diocesana Milanese PROmozione RAdiotelevisiva (in forma abbreviata PRO.RA.

TITOLO 1 Denominazione, Sede, Scopo. Art. 1) E costituita l Associazione Diocesana Milanese PROmozione RAdiotelevisiva (in forma abbreviata PRO.RA. STATUTO della Associazione PROmozione RAdiotelevisiva - Associazione Diocesana Milanese (in forma abbreviata PRO.RA.) SEDE: Via Guglielmo Silva, 36 20145 MILANO TITOLO 1 Denominazione, Sede, Scopo Art.

Dettagli

con sede a Berna L Associazione prevede due forme di adesione, come soci ordinari e soci sostenitori.

con sede a Berna L Associazione prevede due forme di adesione, come soci ordinari e soci sostenitori. con sede a Berna 1. Nome e sede Con la denominazione Incontro Svizzero del Teatro è costituita un associazione di pubblica utilità ai sensi degli art. 60 e seguenti del Codice civile svizzero con sede

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO GOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO ART.1 Il Consiglio di Istituto si riunisce tutte le volte che se ne ravvisi la necessità su convocazione del suo Presidente. In caso di assenza o impedimento del Presidente

Dettagli

Assemblea della costituenda

Assemblea della costituenda Assemblea della costituenda Associazione «Azionisti» Veneto Banca Spresiano 14 marzo 2015 www.aavenetobanca.it 1 Chi Siamo Un gruppo di soci di Veneto Banca che intendono contribuire, per quanto possibile,

Dettagli

Allegato lettera A all Atto Costitutivo. dell ASSOCIAZIONE DEL GARBO per la tutela e ripristino zone tartufigene di ASCIANO STATUTO

Allegato lettera A all Atto Costitutivo. dell ASSOCIAZIONE DEL GARBO per la tutela e ripristino zone tartufigene di ASCIANO STATUTO Allegato lettera A all Atto Costitutivo dell ASSOCIAZIONE DEL GARBO per la tutela e ripristino zone tartufigene di ASCIANO STATUTO Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita nel rispetto del Codice Civile

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIA IRAN STATUTO

ASSOCIAZIONE ITALIA IRAN STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIA IRAN STATUTO 1 Articolo 1 Denominazione e Sede Statuto della Associazione Italia-Iran 1. È costituita l Associazione Italia-Iran. 2. L Associazione potrà usare la sigla ACIII 3. L Associazione

Dettagli

GRUPPO TRIVENETO TORREFATTORI DI CAFFÈ

GRUPPO TRIVENETO TORREFATTORI DI CAFFÈ GRUPPO TRIVENETO TORREFATTORI DI CAFFÈ modificato in GRUPPO ITALIANO TORREFATTORI CAFFÈ S T A T U T O S O C I A L E 15 febbraio 1954 e modifiche del: 12/03/1964 13/03/1968 02/07/1975-05/07/1978-08/01/1987

Dettagli

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali)

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali) CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO Articolo 1 (Principi generali) 1. Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dello Statuto d autonomia e della legge regionale

Dettagli

Federazione Toscana dei Volontari per i Beni

Federazione Toscana dei Volontari per i Beni Statuto della Esente da imposta di bollo e registro ai sensi dell'art. 8, comma 1 della legge 266/91 Federazione Toscana dei Volontari per i Beni Culturali SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART.

Dettagli

STATUTO CAMERA ARBITRALE DEL PIEMONTE

STATUTO CAMERA ARBITRALE DEL PIEMONTE STATUTO CAMERA ARBITRALE DEL PIEMONTE Art. 1 Istituzione e compiti E istituita dalle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura del Piemonte la Camera Arbitrale del Piemonte (in seguito

Dettagli

Rinnovo degli AA.CC.NN. per la disciplina dei rapporti con il personale convenzionato con il S.S.N. medici e altre professionalità sanitarie

Rinnovo degli AA.CC.NN. per la disciplina dei rapporti con il personale convenzionato con il S.S.N. medici e altre professionalità sanitarie Rinnovo degli AA.CC.NN. per la disciplina dei rapporti con il personale convenzionato con il S.S.N. medici e altre professionalità sanitarie (comma 27, articolo 52, Legge 27 dicembre 2002, n. 289) 1 CONFERENZA

Dettagli

PROGETTO DI STATUTO SERVIZIO AMBULANZA LOCARNESE E VALLI

PROGETTO DI STATUTO SERVIZIO AMBULANZA LOCARNESE E VALLI PROGETTO DI STATUTO SERVIZIO AMBULANZA LOCARNESE E VALLI Articolo 1 RAGIONE SOCIALE - SEDE - DURATA Il Servizio Ambulanza Locarnese e Valli (nel seguito: SALVA) è un associazione di diritto privato di

Dettagli

Statuto della Società Italiana di Luce di Sincrotrone (S.I.L.S.)

Statuto della Società Italiana di Luce di Sincrotrone (S.I.L.S.) Statuto della Società Italiana di Luce di Sincrotrone (S.I.L.S.) Art. 1 È costituita la Società Italiana di Luce di Sincrotrone (SILS); la sede legale è stabilita dalla Giunta Esecutiva. Gli scopi della

Dettagli

Terziario Donna. Regolamento. (approvato il 16 ottobre 2013)

Terziario Donna. Regolamento. (approvato il 16 ottobre 2013) Terziario Donna Regolamento (approvato il 16 ottobre 2013) STATUTO CONFCOMMERCIO.omissis Art. 16 Gruppo Terziario Donna 1. Presso Confcommercio-Imprese per l Italia è costituito il Gruppo Terziario Donna,

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo

Ufficio Territoriale del Governo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONFERENZA PERMANENTE PER LA PROVINCIA DI ROMA Sezione Prima: Organi della Conferenza Permanente, Sezioni e Strutture di Supporto. Art. 1 Presidente. 1. 1. A norma

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLE ASSEMBLEE ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELL EMILIA ROMAGNA

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLE ASSEMBLEE ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELL EMILIA ROMAGNA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLE ASSEMBLEE ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELL EMILIA ROMAGNA 1 DIRITTO DI VOTO NELLA ASSEMBLEA PARZIALE DELLE SEZIONI PROVINCIALI ALLEVATORI (SPA) 1) In caso di allevamenti

Dettagli

STATUTO PROVINCIALE. Approvato dall Assemblea Provinciale UNPLI PESCARA del 16 marzo 2005 Pagina 1

STATUTO PROVINCIALE. Approvato dall Assemblea Provinciale UNPLI PESCARA del 16 marzo 2005 Pagina 1 STATUTO PROVINCIALE Art. 1 Costituzione e denominazione 1. Il Comitato Provinciale UNPLI di Pescara, costituita con scrittura privata il 14 marzo 2000 e registrata presso l Agenzia delle Entrate, Ufficio

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Istituzione

REGOLAMENTO. Articolo 1 Istituzione REGOLAMENTO Articolo 1 Istituzione Nella ferma convinzione che la musica sia un bene socialmente rilevante, è istituita, per iniziativa dell Amministrazione Comunale, la Civica Accademia Musicale Sperimentale

Dettagli

ASSICO Associazione Società Italiana Condòmini STATUTO

ASSICO Associazione Società Italiana Condòmini STATUTO ASSICO Associazione Società Italiana Condòmini STATUTO ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto dell art. 18 della Costituzione e dell art. 36 e segg. del Codice Civile, l associazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE SUPERFICI ED INTERFASI NANOSTRUTTURATE (NIS) DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Art. 1.

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE SUPERFICI ED INTERFASI NANOSTRUTTURATE (NIS) DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Art. 1. REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE SUPERFICI ED INTERFASI NANOSTRUTTURATE (NIS) DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Art. 1. Istituzione E' istituito, ai sensi dell'art. 20 del vigente Statuto

Dettagli

Statuti della società cooperativa Campo Cortoi 1. NOME, SEDE E SCOPO. Art. 1

Statuti della società cooperativa Campo Cortoi 1. NOME, SEDE E SCOPO. Art. 1 Statuti della società cooperativa Campo Cortoi 1. NOME, SEDE E SCOPO Art. 1 Sotto il nome Società cooperativa Campo Cortoi (in seguito indicata come società cooperativa) è stata costituita a Zurigo a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA (C.C.P.O.)

REGOLAMENTO COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA (C.C.P.O.) COMUNE DI DAVOLI REGOLAMENTO COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA (C.C.P.O.) Premessa Al fine di assicurare a tutti i cittadini pari dignità, senza distinzioni di sorta, anche

Dettagli

Provincia della Spezia

Provincia della Spezia Regolamento Consulta provinciale delle elette Il Consiglio Comunale adotta la deliberazione n. 40 del 13.05.2004 ad oggetto: Presa d atto dell istituzione delle Elette della Provincia di La Spezia esecutiva

Dettagli

a) - promuovere ed elevare nella società e negli ambienti di lavoro il valore morale dell apporto collaborativo dei Maestri del Lavoro;

a) - promuovere ed elevare nella società e negli ambienti di lavoro il valore morale dell apporto collaborativo dei Maestri del Lavoro; Statuto LO STATUTO DELLA FEDERAZIONE Approvato con Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale il 16 Ottobre 1997 (Gazzetta Ufficiale del 4/11/1997 n. 257) e con approvazione ed iscrizione,

Dettagli

STATUTO CLUB GIOVANI SOCI BCC FORLI

STATUTO CLUB GIOVANI SOCI BCC FORLI STATUTO CLUB GIOVANI SOCI BCC FORLI 1 Art.1 Costituzione e sede E costituita un Associazione denominata Club Giovani Soci Bcc Forlì. L Associazione ha Sede presso i locali di proprietà della Banca di Forlì

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Emanato con D.R. n. 10076 del 26/7/2006. Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n. 149/2013 del 07/02/2013. Entrato in vigore il giorno 07/02/2013

Dettagli

Circolare Distrettuale n 10

Circolare Distrettuale n 10 Circolare Distrettuale n 10 Luglio 2013 Alle Presidenti di Sezione Alle Componenti CPD Alle Componenti CD Al Collegio dei Revisori dei Conti Alle Componenti Commissioni Distrettuali p.c. Alla Presidente

Dettagli

Città di Lecce REGOLAMENTO DELLE CONSULTE

Città di Lecce REGOLAMENTO DELLE CONSULTE Città di Lecce Settore Affari Generali ed Istituzionali REGOLAMENTO DELLE CONSULTE Approvato con deliberazione di C.C. n. 33 del 30.05.05 Emendato con deliberazione di C.C. 2 del 05.01.07 INDICE ART. 1

Dettagli

STATUTO ONLUS avente forma giuridica di Associazione. Articolo 1 Denominazione

STATUTO ONLUS avente forma giuridica di Associazione. Articolo 1 Denominazione STATUTO ONLUS avente forma giuridica di Associazione Articolo 1 Denominazione 1. E costituita l Associazione denominata Marco Pietrobono Onlus, Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale, di seguito

Dettagli

Statuto. Dell Associazione Culturale Trastevere Attiva. Art. 1. E costituita l associazione denominata Associazione Culturale Trastevere Attiva

Statuto. Dell Associazione Culturale Trastevere Attiva. Art. 1. E costituita l associazione denominata Associazione Culturale Trastevere Attiva Statuto Dell Associazione Culturale Trastevere Attiva Art. 1 E costituita l associazione denominata Associazione Culturale Trastevere Attiva con sede in Roma, Via San Francesco a Ripa 4/A; essa potrà modificare

Dettagli

Ministero della Difesa

Ministero della Difesa Ministero della Difesa COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI REGOLAMENTO INTERNO Articolo 1 (Oggetto del Regolamento)

Dettagli

L Assemblea Generale degli Associati è il massimo organo deliberante dell Associazione ed è presieduta e diretta dal Presidente Nazionale.

L Assemblea Generale degli Associati è il massimo organo deliberante dell Associazione ed è presieduta e diretta dal Presidente Nazionale. STRUTTURA ORGANIZZATIVA NAZIONALE Organi associativi nazionali Fanno parte dell organizzazione nazionale i seguenti organi associativi: l ASSEMBLEA GENERALE DEGLI ASSOCIATI; il CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE;

Dettagli

Agenzia per i servizi pubblici locali del Comune di Torino. REGOLAMENTO INTERNO [approvato dalla Conferenza dei Capigruppo del 13 novembre 2007]

Agenzia per i servizi pubblici locali del Comune di Torino. REGOLAMENTO INTERNO [approvato dalla Conferenza dei Capigruppo del 13 novembre 2007] Agenzia per i servizi pubblici locali del Comune di Torino REGOLAMENTO INTERNO [approvato dalla Conferenza dei Capigruppo del 13 novembre 2007] Oggetto del regolamento 1.1. Il presente regolamento definisce

Dettagli

Statuto della Consulta del Commercio e del Turismo

Statuto della Consulta del Commercio e del Turismo Statuto della Consulta del Commercio e del Turismo Stampa elettronica Comune di Monte Sant Angelo 1 Indice Art. 1 Istituzione Art. 2 Fini Art. 3 Organi Art. 4 Componenti dell'assemblea Art. 5 Il Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE SOCIALI REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE SOCIALI UNICA Società Cooperativa di Abitazione Viale Gramsci, 53 50121 FIRENZE PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Contenuto del Regolamento Il presente Regolamento stabilisce

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delibera 56/99 (adottata il 7 maggio 1999) REGOLAMENTO PER LE AUDIZIONI PERIODICHE DELLE FORMAZIONI ASSOCIATIVE DI CONSUMATORI E UTENTI, DELLE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE, DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI DELLE

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO DI GODEGO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI CASTELLO DI GODEGO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI CASTELLO DI GODEGO PROVINCIA DI TREVISO Medaglia d argento al valore civile Gemellato con la Città di Boves (CN) Medaglia d oro al valore civile e militare Gemellato con la Città di Labastide

Dettagli

STATUTO SOCIALE DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA A.S.D. FRANCIACORTA SKI

STATUTO SOCIALE DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA A.S.D. FRANCIACORTA SKI STATUTO SOCIALE DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA A.S.D. FRANCIACORTA SKI ART. 1 È costituita una Associazione a carattere prevalentemente ambientalista con finalità sportive, culturali, ricreative

Dettagli

Regolamento per il funzionamento e l organizzazione della Conferenza Metropolitana di Bologna e dell'ufficio di Presidenza

Regolamento per il funzionamento e l organizzazione della Conferenza Metropolitana di Bologna e dell'ufficio di Presidenza Regolamento per il funzionamento e l organizzazione della Conferenza Metropolitana di Bologna e dell'ufficio di Presidenza Il presente Regolamento è stato approvato con atto della Conferenza Metropolitana

Dettagli

Associazione UNIONE NAZIONALE PER L INNOVAZIONE SCIENTIFICA FORESTALE ONLUS Codice fiscale 94002410481 S T A T U T O

Associazione UNIONE NAZIONALE PER L INNOVAZIONE SCIENTIFICA FORESTALE ONLUS Codice fiscale 94002410481 S T A T U T O Associazione UNIONE NAZIONALE PER L INNOVAZIONE SCIENTIFICA FORESTALE ONLUS Codice fiscale 94002410481 Articolo 1 Costituzione S T A T U T O Sotto l egida dell Accademia Italiana di Scienze Forestali è

Dettagli

STATUTO DEL PARTITO POPOLARE DEMOCRATICO TICINESE Sezione di Massagno

STATUTO DEL PARTITO POPOLARE DEMOCRATICO TICINESE Sezione di Massagno STATUTO DEL PARTITO POPOLARE DEMOCRATICO TICINESE Sezione di Massagno I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 È costituita, sotto la denominazione di Sezione di Massagno del Partito Popolare Democratico Ticinese

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ALUMNI COLLEGIO DI MILANO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ALUMNI COLLEGIO DI MILANO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ALUMNI COLLEGIO DI MILANO ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE 1.1 È costituita in Milano, ai sensi dell art. 18 della Costituzione e dell art. 36 e seguenti del Codice Civile, una associazione

Dettagli

CVAe opusc. StAtuto.qxp:CVAe opusc. StAtuto.qxp 28/01/09 16:31 pag

CVAe opusc. StAtuto.qxp:CVAe opusc. StAtuto.qxp 28/01/09 16:31 pag Art. 1 Il CIrColo Veneto Auto-Moto d epoca (C.V.A.e.) luigi BonfAntI è costituito da un gruppo di appassionati di veicoli d epoca con sede in Bassano del grappa, ed è federato all ASI (Auto- MotoCluB StorICo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DELLA CONSULTA DEGLI UTENTI

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DELLA CONSULTA DEGLI UTENTI REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DELLA CONSULTA DEGLI UTENTI 1 Indice TITOLO I Disposizioni Generali 3 Premessa 3 Art. 1 - Istituzioni, Sede e durata della Consulta degli Utenti 3 Art. 2 - Finalità 3 TITOLO

Dettagli

Statuto del Movimento Consumatori Nuovo Comitato Regionale Lombardo

Statuto del Movimento Consumatori Nuovo Comitato Regionale Lombardo Statuto Statuto del Movimento Consumatori Nuovo Comitato Regionale Lombardo TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo Denominazione e sede. 1) L associazione MOVIMENTO CONSUMATORI Nuovo Comitato Regionale

Dettagli

Atto Costitutivo Coordinamento Regionale delle Professioni Sanitarie Regione Lazio

Atto Costitutivo Coordinamento Regionale delle Professioni Sanitarie Regione Lazio A.I.D.I. A.I.F.I. LAZIO, AIP, AITA LAZIO, AITEP, AITNE, AITO, A.I.T.R.P. A.N.D.I.D., ANEP, A.N.PE.C, ANTEL, ANUPI, ARLL, AsNAS, UNID, COLLEGIO OSTETRICHE DI ROMA Atto Costitutivo Coordinamento Regionale

Dettagli

STATUTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013)

STATUTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) STATUTO (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) Articolo 1 (Denominazione Associati fondatori) 1. A seguito dell accordo interconfederale del 25 luglio 2001, così come modificato in data 31 ottobre 2007

Dettagli

RUDIANO MOTORI S T A T U T O

RUDIANO MOTORI S T A T U T O RUDIANO MOTORI S T A T U T O 1 ) ATTO COSTITUTIVO. Viene costituito in Rudiano un Associazione, apolitica ed aconfessionale, denominata Rudiano Motori avente per stemma sociale (la scritta Rudiano Motori

Dettagli

PAGAMENTI E SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31/12/2015 RENDICONTO

PAGAMENTI E SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31/12/2015 RENDICONTO SEZIONE A INCASSI e PAGAMENTI 2013 2014 2015 A1 INCASSI DI GESTIONE attività tipiche quote sostegno a distanza prog. SAD Camberene 10.190,00 12.136,00 10.290,00 quote sostegno a distanza prog.sad Villaggi

Dettagli

Sono previsti tre tipi di soci: ordinari, sostenitori e onorari. Ai soci ordinari è richiesta una quota di associazione fissata dall Assemblea dei

Sono previsti tre tipi di soci: ordinari, sostenitori e onorari. Ai soci ordinari è richiesta una quota di associazione fissata dall Assemblea dei Statuto dell Associazione IRIS, approvato all unanimità dalla Assemblea straordinaria dei soci di IRIS del 21 febbraio 2012 in base alle revisioni proposte all'unanimità dal Consiglio Direttivo DENOMINAZIONE

Dettagli

STATUTO UNICO VOMERO

STATUTO UNICO VOMERO STATUTO UNICO VOMERO ART. 1 DENOMINAZIONE E SEDE 1.1 E costituita in Napoli, ai sensi degli artt.14 e ss del Codice civile, l Associazione di promozione sociale denominata UNICO VOMERO. 1.2 L Associazione

Dettagli

PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD La presente procedura riassume gli obblighi informativi nei confronti del Nomad legati alla ammissione alle negoziazioni delle azioni di (la Società ) sul sistema

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DEI DISABILI (CO.A.DI.)

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DEI DISABILI (CO.A.DI.) REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DEI DISABILI (CO.A.DI.) REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DEI DISABILI (CO.A.DI.) Art. 1- OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina le competenze,

Dettagli

INSIEME - PER L'INTEGRAZIONE SOCIALE E I DIRITTI DELLE PERSONE HANDICAPPATE.ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE

INSIEME - PER L'INTEGRAZIONE SOCIALE E I DIRITTI DELLE PERSONE HANDICAPPATE.ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE Testo dello statuto della associazione di volontariato INSIEME PER L INTEGRAZIONE SOCIALE E I DIRITTI DELLE PERSONE HANDICAPPATE con sede in Manerbio in via Palestro n. 49, modificato dall Assemblea Generale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA LAUREATI IN SCIENZE FORESTALI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA LAUREATI IN SCIENZE FORESTALI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA LAUREATI IN SCIENZE FORESTALI Articolo 1 È costituita, con sede in Roma presso la Federazione Italiana dei Dottori in Agraria e Forestali, di seguito detta FIDAF, l Associazione

Dettagli

STATUTO VARIATO DALL ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL 16.04.2008 (articolo variato: 15 ) Statuto dell Associazione di Volontariato. Il dono.

STATUTO VARIATO DALL ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL 16.04.2008 (articolo variato: 15 ) Statuto dell Associazione di Volontariato. Il dono. STATUTO VARIATO DALL ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL 16.04.2008 (articolo variato: 15 ) Statuto dell Associazione di Volontariato Art. 1: Denominazione Il dono Titolo I Disposizioni generali L Associazione

Dettagli

Regolamento Comunale per la Consulta delle Donne

Regolamento Comunale per la Consulta delle Donne COMUNE DI MONTELANICO Regolamento Comunale per la Consulta delle Donne Approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n del 1 Art. 1 Istituzione In attuazione del principio di parità sancito dall art.

Dettagli

Popsophia associazione culturale

Popsophia associazione culturale Statuto Popsophia associazione culturale COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE - SEDE Art. 1: Si è costituita con durata illimitata una associazione di promozione sociale, senza fini di lucro e con esclusione di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERIODICO COMUNALE VEDUGGIO INFORMA

REGOLAMENTO DEL PERIODICO COMUNALE VEDUGGIO INFORMA COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO REGOLAMENTO DEL PERIODICO COMUNALE VEDUGGIO INFORMA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 17 del 28/04/1997 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n 10 del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO TRIBUTARIO

REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO TRIBUTARIO REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO TRIBUTARIO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 38 del 10 Novembre 2011 INDICE Art. 1 - Istituzione del Consiglio Tributario...

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI INDUSTRIALI ASSOBIOMEDICA (GIA)

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI INDUSTRIALI ASSOBIOMEDICA (GIA) REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI INDUSTRIALI ASSOBIOMEDICA (GIA) Art. 1 (Denominazione) É organizzato all interno di Assobiomedica Federazione nazionale per le tecnologie biomediche, diagnostiche, apparecchiature

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI

COMUNE DI PIANEZZA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI COMUNE DI PIANEZZA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI Art. 1 Funzioni delle Commissioni Consiliari Permanenti Le Commissioni Consiliari

Dettagli

STATUTO. Art. 1. - Denominazione. denominata Il Cavedio Associazione Culturale e Sportiva Dilettantistica. Art. 2. - Oggetto sociale e scopo

STATUTO. Art. 1. - Denominazione. denominata Il Cavedio Associazione Culturale e Sportiva Dilettantistica. Art. 2. - Oggetto sociale e scopo STATUTO Art. 1. - Denominazione 1. E costituita un associazione, ai sensi degli articoli 36 e seguenti del Codice Civile, denominata Il Cavedio Associazione Culturale e Sportiva Dilettantistica. Art. 2.

Dettagli

COMUNE DI BITONTO (PROVINCIA DI BARI)

COMUNE DI BITONTO (PROVINCIA DI BARI) COMUNE DI BITONTO (PROVINCIA DI BARI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO RICONOSCIUTO AI CITTADINI ALL INFORMAZIONE E ALLA PARTECIPAZIONE ALLA GESTIONE DELLA VITA DEMOCRATICA DELLA COMUNITA MEDIANTE

Dettagli

Statuto della Camera di Commercio di Vibo Valentia

Statuto della Camera di Commercio di Vibo Valentia Statuto della Camera di Commercio di Vibo Valentia Estratto Art.li dal 18 al 21 Revisione del 22.11.2011 Revisione del 08.05.2012 Revisione del 24.09.2012 Revisione del 17.10.2012 Revisione del 29.11.2012

Dettagli

La Tartaruga O.n.l.u.s.

La Tartaruga O.n.l.u.s. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LA TARTARUGA Lo Statuto affda alla nostra libertà, alla nostra fedeltà al cammino associativo, alla nostra fantasia di bene la vita del La Tartaruga ; per cominciare a vivere

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 14 e 15 Aprile 2008

Assemblea degli Azionisti 14 e 15 Aprile 2008 Assemblea degli Azionisti 14 e 15 Aprile 2008 (Relazione illustrativa sulle proposte concernenti le materie poste all ordine del giorno) Prysmian S.p.A. Sede Legale Viale Sarca, 222 20126 Milano Phone

Dettagli

STATUTO SOCIALE. ART. 1 E costituita a norma degli artt. 36 e seguenti del codice civile, un'associazione denominata Piemonte Africa.

STATUTO SOCIALE. ART. 1 E costituita a norma degli artt. 36 e seguenti del codice civile, un'associazione denominata Piemonte Africa. STATUTO SOCIALE ART. 1 E costituita a norma degli artt. 36 e seguenti del codice civile, un'associazione denominata Piemonte Africa. ART. 2 L'Associazione non ha fini di lucro; è apolitica e aconfessionale.

Dettagli

STATUTO. 1.L Associazione ha sede in Monte Vidon Corrado, nell immobile del Comune, sito in piazza O. Licini n. 9.

STATUTO. 1.L Associazione ha sede in Monte Vidon Corrado, nell immobile del Comune, sito in piazza O. Licini n. 9. STATUTO ART. 1 1.E costituito (ai sensi dell art. 36 e seguenti del Cod. Civ.) per iniziativa dei fondatori, l Associazione culturale CENTRO STUDI OSVALDO LICINI. ART. 2 SEDE 1.L Associazione ha sede in

Dettagli

Atto costitutivo e Statuto. Comitato Cittadino Genitori SCUOLE SICURE

Atto costitutivo e Statuto. Comitato Cittadino Genitori SCUOLE SICURE Atto costitutivo e Statuto Comitato Cittadino Genitori SCUOLE SICURE art. 1 Costituzione e sede Su iniziativa di un gruppo di cittadini genitori della Città di Isernia, viene costituito il Comitato Cittadino

Dettagli

ASTALDI Società per Azioni. Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65. Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers.

ASTALDI Società per Azioni. Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65. Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers. ASTALDI Società per Azioni Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65 Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers. Iscritta nel Registro delle Imprese di Roma al numero di Codice Fiscale

Dettagli

COMUNE DI RIESE PIO X

COMUNE DI RIESE PIO X COMUNE DI RIESE PIO X (PROVINCIA DI TREVISO) Via G. Sarto 31 31039 Riese Pio X (TV) P.I.00840050264 C.F.81002490266 TEL.0423/483842 FAX.0423/454303 REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento della Giunta Comunale

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento della Giunta Comunale CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento della Giunta Comunale Approvato con: D.G.C. n. 934 del 03/11/1995 Modificato con: D.G.C. n. 145 del 20/04/2005 D.G.C. n. 192 del 12/06/2006 TITOLO 1 - Funzionamento della Giunta

Dettagli

ANC Firenze ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMMERCIALISTI FIRENZE STATUTO. E' costituita una associazione sindacale provinciale denominata: ASSOCIAZIONE

ANC Firenze ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMMERCIALISTI FIRENZE STATUTO. E' costituita una associazione sindacale provinciale denominata: ASSOCIAZIONE ANC Firenze ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMMERCIALISTI FIRENZE STATUTO Articolo 1 - Denominazione E' costituita una associazione sindacale provinciale denominata: ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMMERCIALISTI - FIRENZE,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per l utilizzazione della palestra e delle attrezzature annesse al centro scolastico della fraz. Piazza Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

ORGANIZZAZIONE Art. 10 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 Art. 17

ORGANIZZAZIONE Art. 10 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 Art. 17 PRINCIPI GENERALI Art. 1 Il Movimento Studenti Cattolici, di seguito denominato Movimento, è un associazione senza scopo di lucro che mira a riunire tutti gli studenti che condividono il progetto educativo

Dettagli

STATUTO. Art. 1 - Costituzione

STATUTO. Art. 1 - Costituzione STATUTO Art. 1 - Costituzione 1.1 - È costituito il circolo culturale denominato Primo Piano, che sarà in seguito denominato Circolo. Esso è regolato dal presente statuto e dalle vigenti norme di legge

Dettagli

STATUTO ASS. CULTURALE E DI SERVIZI POSTURALAB

STATUTO ASS. CULTURALE E DI SERVIZI POSTURALAB STATUTO ASS. CULTURALE E DI SERVIZI POSTURALAB Art. 1 E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del codice civile un associazione culturale e di servizi senza fini di lucro denominata PosturaLab, una

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE ORA.AZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE ORA.AZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE ORA.AZIONE TITOLO I - DENOMINAZIONE - SEDE Articolo 1 A norma dell'art. 36 e seguenti del codice Civile, è costituita un'associazione culturale denominata "Ora.Azione. Articolo

Dettagli

Trasformà une passion STATUTO E ATTO COSTITUTIVO. Associazione cooperativa scolastica. Anno scolastico

Trasformà une passion STATUTO E ATTO COSTITUTIVO. Associazione cooperativa scolastica. Anno scolastico Anno scolastico 2011-2012 STATUTO E ATTO COSTITUTIVO Associazione cooperativa scolastica Trasformà une passion Classe Q3 Operatore Agroambientale CEFAP Centro per l educazione e la formazione permanente

Dettagli

I.B.A.R. Italian Board Airline Representatives COMITATO ITALIANO COMPAGNIE AEREE STATUTO ART. 1 NOME

I.B.A.R. Italian Board Airline Representatives COMITATO ITALIANO COMPAGNIE AEREE STATUTO ART. 1 NOME I.B.A.R. Italian Board Airline Representatives COMITATO ITALIANO COMPAGNIE AEREE STATUTO ART. 1 NOME E costituita l Associazione denominata Italian Board Airline Representatives IBAR tra le Compagnie Aeree

Dettagli

Regolamento della Conferenza di Organizzazione

Regolamento della Conferenza di Organizzazione Regolamento della Conferenza di Organizzazione Premesso che: il XVII Congresso della CGIL ha deciso che la Conferenza di Organizzazione doveva svolgersi entro il 2015; il Comitato Direttivo della CGIL

Dettagli

Lo Statuto della Unione dei Consoli Onorari in Italia

Lo Statuto della Unione dei Consoli Onorari in Italia Lo Statuto della Unione dei Consoli Onorari in Italia Articolo 1 - DENOMINAZIONE È costituita senza intenti politici, sindacali o lucrativi- una associazione denominata Unione dei Consoli Onorari in Italia,

Dettagli

REGOLAMENTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI DELL UNIONE LOMBARDA DEI COMUNI DI BASIANO E MASATE

REGOLAMENTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI DELL UNIONE LOMBARDA DEI COMUNI DI BASIANO E MASATE UNIONE LOMBARDA DEI COMUNI DI BASIANO E DI MASATE (Provincia di Milano) REGOLAMENTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI DELL UNIONE LOMBARDA DEI COMUNI DI BASIANO E MASATE ALLEGATO A DELIBERA ASSEMBLEA UNIONE N.

Dettagli

Statuto di Federazione Territoriale CISL SCUOLA Cremona Lodi - Mantova

Statuto di Federazione Territoriale CISL SCUOLA Cremona Lodi - Mantova Statuto di Federazione Territoriale CISL SCUOLA Cremona Lodi - Mantova CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Costituzione E' costituita la Federazione Territoriale denominata CISL Scuola e Formazione di Cremona

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO TERZIARIO DONNA CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L ITALIA SUD SARDEGNA

REGOLAMENTO DEL GRUPPO TERZIARIO DONNA CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L ITALIA SUD SARDEGNA REGOLAMENTO DEL GRUPPO TERZIARIO DONNA CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L ITALIA SUD SARDEGNA ART. 1 - DENOMINAZIONE É costituito ai sensi dell'art. 12 dello statuto dell Associazione delle Imprese, delle Attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER L VIII CONGRESSO DELL AUSER NAZIONALE 20/21/22 MARZO 2013 Approvato dal Comitato Direttivo del

REGOLAMENTO PER L VIII CONGRESSO DELL AUSER NAZIONALE 20/21/22 MARZO 2013 Approvato dal Comitato Direttivo del REGOLAMENTO PER L VIII CONGRESSO DELL AUSER NAZIONALE 20/21/22 MARZO 2013 Approvato dal Comitato Direttivo del 11.10.12 Art.1 Criteri generali Il Comitato Direttivo delibera la convocazione dell VIII Congresso

Dettagli

Approvazione del regolamento contenente le norme di procedura per la trattazione dei ricorsi dinanzi al Consiglio nazionale degli attuari (2).

Approvazione del regolamento contenente le norme di procedura per la trattazione dei ricorsi dinanzi al Consiglio nazionale degli attuari (2). D.M. 15 febbraio 1949 (1). Approvazione del regolamento contenente le norme di procedura per la trattazione dei ricorsi dinanzi al Consiglio nazionale degli attuari (2). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE AQUILONI (ONLUS) Art. 1 - Sede. Art. 2 - Finalità

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE AQUILONI (ONLUS) Art. 1 - Sede. Art. 2 - Finalità STATUTO DELL ASSOCIAZIONE AQUILONI (ONLUS) Art. 1 - Sede L Associazione ha sede in Verona, Italia. Opera principalmente a Verona, ma anche in Italia e nel resto del mondo. Potrà pertanto istituire altre

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSOCIAZIONE AL CENTRO FERMI AI SENSI DELL ARTICOLO 13 DEL REGOLAMENTO DEL PERSONALE

REGOLAMENTO DI ASSOCIAZIONE AL CENTRO FERMI AI SENSI DELL ARTICOLO 13 DEL REGOLAMENTO DEL PERSONALE REGOLAMENTO DI ASSOCIAZIONE AL CENTRO FERMI AI SENSI DELL ARTICOLO 13 DEL REGOLAMENTO DEL PERSONALE Deliberazione Consiglio di Amministrazione 50(16) in data 22 giugno 2016 Il presente regolamento sostituisce

Dettagli

COMUNE DI SOLEMINIS PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ATTIVITA SPORTIVA

COMUNE DI SOLEMINIS PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ATTIVITA SPORTIVA COMUNE DI SOLEMINIS PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ATTIVITA SPORTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 del 20/07/2010 Art. 1 Finalità

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE C.S.V.S. CENTRO SERVIZI VOLONTARIATO SALENTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE C.S.V.S. CENTRO SERVIZI VOLONTARIATO SALENTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE C.S.V.S. CENTRO SERVIZI VOLONTARIATO SALENTO Art. 1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE E costituita con sede legale in Lecce in via Gentile, 1 l Associazione

Dettagli

Protezione Civile Coordinamento Provinciale di Torino STATUTO

Protezione Civile Coordinamento Provinciale di Torino STATUTO STATUTO ISTRUZIONE E FINI Art. 1 E costituito il Coordinamento delle Associazioni e dei Gruppi Comunali ed Intercomunali di volontariato di protezione civile della Provincia di Torino con sede legale in

Dettagli

STATUTO ACCADEMIA ETICA DI MEDICINA ED ESTETICA

STATUTO ACCADEMIA ETICA DI MEDICINA ED ESTETICA STATUTO ACCADEMIA ETICA DI MEDICINA ED ESTETICA Art. 1 Denominazione E costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata: ACCADEMIA ETICA DI MEDICINA ed ESTETICA di seguito AEME. È un ente non

Dettagli

STATUTO E ATTO COSTITUTIVO. ART. 1 Denominazione

STATUTO E ATTO COSTITUTIVO. ART. 1 Denominazione STATUTO E ATTO COSTITUTIVO ART. 1 Denominazione L'Associazione ManagerNoProfit, costituita a norma dell articolo 18 della Costituzione Italiana è apartitica, aconfessionale e non ha finalità di lucro diretto

Dettagli

STATUTO. Art. 1 - Denominazione e sede

STATUTO. Art. 1 - Denominazione e sede STATUTO Art. 1 - Denominazione e sede E costituita l Associazione denominata Associazione Michele Mariano Iannicelli in ricordo di Michele Mariano Iannicelli con sede in S.Andrea di Conza (AV). Un'eventuale

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA. Deliberazione della Giunta Provinciale SEDUTA DEL 22-04-2008

PROVINCIA DI BIELLA. Deliberazione della Giunta Provinciale SEDUTA DEL 22-04-2008 PROVINCIA DI BIELLA Deliberazione della Giunta Provinciale Verbale N 96 SEDUTA DEL 22-04-2008 L anno Duemilaotto addì Ventidue del mese di Aprile alle ore 9:30 in Biella presso la sede della Provincia,

Dettagli

e p.c. Spett.le Federazione Regionale UNCI

e p.c. Spett.le Federazione Regionale UNCI ....... li Spett. PRESIDENZA CENTRALE U.N.C.I. Via San Sotero n. 32-00165 ROMA e p.c. Spett.le Federazione Regionale UNCI Il Sottoscritto........ presidente della Cooperativa........ C.F./P.IVA........

Dettagli