LE MALATTIE ALIMENTARI di origine batterica. ERUCON - ERUditio et CONsultum

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE MALATTIE ALIMENTARI di origine batterica. ERUCON - ERUditio et CONsultum"

Transcript

1 LE MALATTIE ALIMENTARI di origine batterica

2 INTOSSICAZIONI ALIMENTARI consumo di alimenti contenenti tossine prodotte da microrganismi che si sono moltiplicati nell alimento precedentemente al suo consumo Perché si manifesti l intossicazione pertanto non obbligatoriamente ci deve essere il microrganismo, bensì è indispensabile la presenza della sua tossina INTOSSICAZIONI ALIMENTARI DI ORIGINE BATTERICA: Intossicazione botulinica o botulismo Intossicazione stafilococcica

3 TOSSINFEZIONI ALIMENTARI consumo di alimenti contenenti sia tossine che batteri In questo caso la tossicità è data sia dalle tossine preformate sia da quelle prodotte da cellule vive ingerite con l alimento all interno dell ospite Sono tossinfezioni alimentari le sindrome tossiche provocate da: Bacillus cereus Clostridium perfringens

4 INFEZIONI ALIMENTARI consumo di alimenti contenenti microrganismi vivi che, una volta raggiunto l intestino si moltiplicano (infezione enteroinvasiva) e possono o meno produrre delle tossine (infezione enterotossica)

5 Le infezioni alimentari più note sono: Salmonellosi Shigellosi Gastroenteriti varie provocate da: Escherichia coli, Yersinia enterocolitica, Campylobacter Infezioni da Aeromonas hydrophyla Infezioni da Vibrio spp. Listeriosi Brucellosi

6 ALIMENTO CONTAMINATO Moltiplicazione batterica e produzione della tossina Intossicazione Consumo alimento Tossinfezione in sensu strictu Sindrome tossica Sindrome tossica Intossicazione stafilococcica Botulismo Tossina preformata Produzione tossina nell organismo B. Cereus C. perfrigens

7 ALIMENTO CONTAMINATO CON BATTERI VIVI Moltiplicazione batterica nell alimento prima del consumo NO S. Typhi,S. Paratyphy Shigella, V. Colerae SI Salmonelle minori Infezione intestinale Sindrome Infezione enterotossica Infezione enteroinvasiva Colera, Enteriti da E. Coli Tifo, Salmonellosi, Listeriosi Shigellosi, Gastroenteriti da Campylobacter e Yersinia

8 INTOSSICAZIONE BOTULINICA Responsabile: Clostridium botulinum habitat suolo e polvere. Tossina estremamente potente: è infatti sufficiente una quantità pari a 1*10-8/g di tossina a determinare la morte. CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA E DI PRODUZIONE TOSSINA assenza di aria (condizioni di anaerobiosi) temperatura minima 10 C A w : min. 0.94% ph: min. 4.5 Concentrazione di NaCl: max 7-8% Assenza di nitrati Presenza di altre forme microbiche che, attraverso la loro attività metabolica, possono realizzare condizioni idonee alla crescita e moltiplicazione del patogeno anche in ambienti originariamente inadatti (conserve acide).

9 TEMPO DI INCUBAZIONE SINTOMI ALIMENTI COINVOLTI ore fino a 3 6 giorni prima sintomi gastrointestinali, poi nervosi quali lo sdoppiamento della vista, difficoltà di parola, debolezza muscolare fino alla paralisi/ morte (65%) tipo A: conserve di carne e verdure tipo B: prodotti a base di carne tipo E: prodotti ittici tipo F: conserve a base di carne e pesce PRODOTTI SOTTOPOSTI A COTTURA PRIMA DEL CONSUMO CONDIZIONI DI DISTRUZIONE SPORA E TOSSINA Spora 100 C/25 minuti Tossina 80 C /10 minuti

10 INTOSSICAZIONE STAFILOCOCCICA Responsabile : Staphylococcus aureus Habitat mucose e cute di uomo ed animali. Rappresenta forse la più diffusa intossicazione alimentare dei nostri tempi CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA. Temperatura: min. 6 C Aw: min ph: min. 4.8 Concentrazione di NaCl: max 20%...E DI PRODUZIONE TOSSINA Temperatura: min 10 C Aw: min 0.86 ph: min 5.8 Nr. Cellule: min ufc/gr

11 TEMPO DI INCUBAZIONE 2 6 ore SINTOMI nausea, vomito, sudorazione, cefalea, diarrea ALIMENTI COINVOLTI panna, latte, creme, gelati, altri alimenti contaminati da soggetti portatori CONDIZIONI DI DISTRUZIONE BATTERICA E TOSSINA Batteri 60 /5 minuti Tossina 100 /10 minuti La principale caratteristica di questa enterotossina è di essere termostabile, pertanto i normali trattamenti di cottura non sono in grado di inattivarla.

12 TOSSINFEZIONE DA BACILLUS CEREUS Responsabile : Bacillus cereus Habitat ubiquitario CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA Temperatura min: 5 C ph: min 4.3 Aw: min 0.95 E DI PRODUZIONE TOSSINE Temperatura min: 18 C ph Nr cellule min: ufc/gr

13 TIPO DI TOSSINA TEMPO DI INCUBAZIONE SINTOMI ALIMENTI COINVOLTI Tossina diarroica 6 16 ore diarrea acquosa (scompare in 24 h) piatti precucinati, insalate di verdure, prodotti carnei (pollo) Tossina emetizzante Entro 6 ore nausea, vomito, sudorazione, cefalea, diarrea (= stafilococco) creme, riso CONDIZIONI DI DISTRUZIONE BATTERICA E TOSSINA Batteri 100 C/6 minuti Tossina diarroica 80 C/2 minuti Tossina emetizzante 126 /90 minuti (termostabile) Somministrare subito i prodotti cotti o raffreddare immediatamente o mantenere a temperature di almeno 65 C

14 TOSSINFEZIONE DA CLOSTRIDIUM PERFRIGENS Responsabile : Clostridium perfrigens Habitat acque, suolo e nell intestino di uomo ed animali CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA E DI PRODUZIONE TOSSINA Temperatura: min. 10 C ph: min. 4.5 TIPO DI TOSSINA TEMPO DI INCUBAZIONE SINTOMI ALIMENTI COINVOLTI ufc/gr 6 24 ore Diarrea, nausea Prodotti carnei raffreddati a T ambiente

15 TOSSINFEZIONE DA CLOSTRIDIUM PERFRIGENS CONDIZIONI DI DISTRUZIONE BATTERICA E TOSSINA Spora 80 C/ 13 minuti Somministrare subito i prodotti cotti o raffreddare immediatamente o mantenere a temperature di almeno 65 C

16 SALMONELLOSI Responsabile : Salmonella spp. Habitat intestino uomo e animali CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA Temperatura: min. 5.2 C ph: min. 3.8 Aw: min 0.94 CONDIZIONI DI DISTRUZIONE BATTERICA: 60 C/ 2.5 minuti Specie Dose infettante Tempo di incubazione Sintomi Alimenti coinvolti Salmonella spp. Salmonella typhi e paratyphi ufc/gr cellule ore Fino a 15 giorni dolori addominali, diarrea, vomito, febbre Forma setticemica cibi crudi a base di carne, frutti di mare, uova, latte crudo, cibi cotti contaminati dopo la cottura

17 SALMONELLOSI È sufficiente: far cuocere bene (anche a cuore) i prodotti rispettare le comuni norme igieniche dopo aver fatto uso dei servizi igienici e dopo aver svolto manipolazioni pericolose

18 SHIGELLOSI (dissenteria bacillare) Responsabile : Shigella dysenteriae Habitat intestino uomo CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA Temperatura: min C TIPO DI TOSSINA TEMPO DI INCUBAZIONE SINTOMI ALIMENTI COINVOLTI 10 ufc/gr 2-7 giorni Dolori addominali, Diarrea con sangue, febbre cibi manipolati da soggetti infetti o tramite il contatto di acqua inquinata (prodotti della pesca, verdure, latte e latticini, gelati) CONDIZIONI DI DISTRUZIONE BATTERICA: 60 C/ 2.5 minuti

19 GASTROENTERITI DA E. COLI Responsabili : E. coli enteropatogena o EPEC E. coli enterotossica o ETEC E. coli enteroinvasiva o EIEC E. coli enteroemorragica o EHEC (O157:H7) Temperatura: min. 7-8 C ph > 4.4 Aw: min 0.95 CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA CONDIZIONI DI DISTRUZIONE BATTERICA: 60 C/ 2 minuti LA COTTURA DEVE ESSERE ADEGUATA

20 GASTROENTERITI DA E. COLI Dose infettante Tempo di incubazione Sintomi Alimenti coinvolti EPEC 1 mil dose totale ore diarrea non grave ETEC 100 mil dose totale ore diarrea infantile diarrea del viaggiatore EIEC EHEC 10 cellule dose totale 10 cellule dose totale 2-7 giorni ore dolori addominali, diarrea con sangue, febbre Diarrea emorragica complicanze nel bambino (sindrome emolitica uremica) e anziano (porpora trombotica trombocitopenica) (mortalita 50%) Carne poco cotta (hamburger) Latte non trattato termicamente

21 GASTROENTERITI DA YERSINIA ENTEROCOLITICA Habitat intestino uomo e animali CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA Temperatura: min. 3 C ph: min. 4.6 CONDIZIONI DI DISTRUZIONE BATTERICA: 60 C/ 2 minuti TIPO DI TOSSIN A TEMPO DI INCUBAZIONE SINTOMI ALIMENTI COINVOLTI Sconosciu ta 1-2 giorni Nausea vomito febbre diarrea dolori addominali Carne suina Prodotti pesca latte vegetali

22 GASTROENTERITI DA CAMPYLOBACTER Habitat intestino animali (pollo) La specie Campylobacter jejuni può essere considerata la principale responsabile della diarrea acuta umana batterica. CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA Temperatura: min. 32 C ph: min. 4.9 Aw: min 0.98 CONDIZIONI DI DISTRUZIONE BATTERICA: 55 C/ 1 minuto sopravvive molti mesi nella carne trita e nelle carcasse del pollame congelato sopravvive meglio in ambienti refrigerati che a temperatura ambiente. TIPO DI TOSSINA TEMPO DI INCUBAZIONE SINTOMI ALIMENTI COINVOLTI 500 Cellule dose letale 3 5 giorni Dolori addominali, Diarrea emorragica, nausea, vomito, febbre latte crudo non pastorizzato, carni avicole poco cotte (alla brace, barbecue), acqua di fonte

23 INFEZIONE DA AEROMONAS Responsabile : Aeromonas hydrophyla Habitat ubiquitario Temperatura min: 0-4 C ph: min 4.5 CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA DOSE INFETTANTE Miliardi di microrganismi SINTOMI Febbre diarrea acquosa (simil colera) Setticemia meningiti, endocarditi peritoniti, ulcerazioni corneali diarrea acquosa (scompare in 24 h) ALIMENTI COINVOLTI Latte Carne Acqua

24 INFEZIONE DA VIBRIO spp. Responsabile : VIBRIO PARAHAEMOLITICUS VIBRIO VULNIFICUS CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA Temperatura: min. 5 C ph: min. 4.8 Aw: min Specie V. parahaemoliticus Dose infettante ufc/gr V. vulnificus 100 cellule dose totale Tempo di incubazione ore Sintomi Diarrea dolori addominali 12 ore Soggetti con problemi epatici Setticemia, lesioni epidermiche Alimenti coinvolti Prodotti pesca poco cotti Ostriche crude

25 INFEZIONE DA VIBRIO spp. CONDIZIONI DI DISTRUZIONE BATTERICA: 60 C/ 2.5 minuti LA COTTURA DEVE ESSERE ADEGUATA

26 LISTERIOSI Responsabile : Listeria Monocytogenes Habitat ubiquitario CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA Temperatura: min. 1 C ph: min. 4.8 Aw: min 0.93 CONDIZIONI DI DISTRUZIONE BATTERICA: 65 C/ 1 minuto DOSE INFETTANTE TEMPO DI INCUBAZIONE SINTOMI ALIMENTI COINVOLTI Sconosciuta Forse 1000 dose totale 2 3 giorni fino a 3 settimane febbre, cefalea, nausea, vomito lesioni polmonari, oculari carni bianche e rosse, formaggi, latte crudo, cibi cotti contaminati dopo la cottura meningo encefalite In USA nel casi di cui 415 MORTALI

27 BRUCELLOSI Responsabile : Brucella spp Habitat Animali CONDIZIONI DI CRESCITA BATTERICA Concentrazione di NaOH fino al 10% TEMPO DI INCUBAZIONE 1-3 settimane mesi SINTOMI febbre intermittente, brividi, dolori diffusi e cefalea ALIMENTI COINVOLTI Latte crudo Formaggi a latte crudo

Malattie di origine alimentare. Presentazione di Elisa Baricchi

Malattie di origine alimentare. Presentazione di Elisa Baricchi Malattie di origine alimentare Presentazione di Elisa Baricchi Malattie di origine alimentare Con il termine di malattie di origine alimentare si intendono le malattie causate dall ingestione di cibi contaminati

Dettagli

L igiene degli alimenti ha due scopi:

L igiene degli alimenti ha due scopi: IGIENE deglialimenti L igiene degli alimenti ha due scopi: Conservare le caratteristiche intrinseche di un alimento Assicurarne l innocuità Le alterazioni degli alimenti sono dovute allo sviluppo e alla

Dettagli

TABELLE RIASSUNTIVE DI BATTERIOLOGIA

TABELLE RIASSUNTIVE DI BATTERIOLOGIA TABELLE RIASSUNTIVE DI BATTERIOLOGIA a cura di Paolo Di Francesco, Ersilia Castaldo e Alessandra Ricciardi Studenti del sesto anno del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, Universita di Roma Tor Vergata

Dettagli

LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI 1 OMS : 10 punti alla base della prevenzione delle malattie trasmesse dagli alimenti: 1. Scegliere i prodotti che abbiano subito trattamenti idonei ad assicurarne l innocuità

Dettagli

Intossicazione alimentare

Intossicazione alimentare Intossicazione alimentare Le prime osservazioni sui disturbi legati all ingestione del cibo sono antiche.già nel corso del II secolo a.c. i medici dell antica Grecia avevano descritto l esistenza di reazioni

Dettagli

MALATTIE TRASMESSE DA ALIMENTI MINISTERO DELLA SALUTE

MALATTIE TRASMESSE DA ALIMENTI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE una raccolta di schede informative relative

Dettagli

USO GRATUITO USO GRATUITO USO GRATUITO USO GRATUITO. Tossinfezioni alimentari. Tossinfezioni alimentari

USO GRATUITO USO GRATUITO USO GRATUITO USO GRATUITO. Tossinfezioni alimentari. Tossinfezioni alimentari Tossinfezioni alimentari Tossinfezioni alimentari patologie provocate dall'ingestione di cibi contaminati da microrganismi patogeni e dalle loro tossine. Infezione alimentare Ingestione di un alimento

Dettagli

Gennaio-maggio 2008( fonte dati Epicentro)

Gennaio-maggio 2008( fonte dati Epicentro) LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI 1 Epidemiologia Esistono oggi al mondo più di 250 tossinfezioni alimentari che si manifestano con differenti sintomi e sono causate da diversi agenti patogeni. Con il passare

Dettagli

Il controllo microbiologico sugli alimenti di origine animale in Emilia Romagna. Anno 2003

Il controllo microbiologico sugli alimenti di origine animale in Emilia Romagna. Anno 2003 Il controllo microbiologico sugli alimenti di origine animale in Emilia Romagna. Anno 2003 Nelle tabelle seguenti sono riassunti gli esiti delle analisi effettuate sui campioni di alimenti di origine animale

Dettagli

FOOD SAFETY : Rischio microbiologico dalla produzione al consumo dell alimento

FOOD SAFETY : Rischio microbiologico dalla produzione al consumo dell alimento Corso di Educazione e Comunicazione ambientale per professionisti dell informazione FOOD SAFETY : Rischio microbiologico dalla produzione al consumo dell alimento Patrizia Romano Scuola di Scienze Agrarie,

Dettagli

IGIENE DEGLI ALIMENTI

IGIENE DEGLI ALIMENTI IGIENE DEGLI ALIMENTI 1 2 3 4 5 6 7 8 9 CORSO PER OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE E DI TUTTI GLI ADDETTI CHE MANIPOLANO ALIMENTI Ai sensi del regolamento CE 852 del 2004 CENNI DI LEGISLAZIONE ALIMENTARE

Dettagli

Campylobacter. habitat. Intestino degli animali, in particolare volatili. Pollame Carne suina Latte crudo. alimenti a rischio

Campylobacter. habitat. Intestino degli animali, in particolare volatili. Pollame Carne suina Latte crudo. alimenti a rischio 39 Campylobacter habitat Intestino degli animali, in particolare volatili alimenti a rischio Pollame Carne suina Latte crudo Vie di contagio dei Campylobacter 40 Intestino dell'uomo Bassa dose infettante:

Dettagli

Le intossicazioni alimentari

Le intossicazioni alimentari Le intossicazioni alimentari Porte Aperte 22 novembre 2014 DI COSA PARLIAMO OGGI EFSA Intossicazioni & tossinfezioni alimentari Esempi Prevenzione 2 AMBITI DI COMPETENZA DELL EFSA Salute delle piante Protezione

Dettagli

Il ruolo del Laboratorio di Microbiologia nella diagnostica delle MTA

Il ruolo del Laboratorio di Microbiologia nella diagnostica delle MTA Il ruolo del Laboratorio di Microbiologia nella diagnostica delle MTA Edoardo Carretto Laboratorio di Microbiologia IRCCS Arcispedale Santa Maria Nuova, Reggio Emilia Malattie trasmesse da alimenti: strategie

Dettagli

Contaminazione degli alimenti

Contaminazione degli alimenti Contaminazione degli alimenti Contaminazione primaria e secondaria i microrganismi presenti negli alimenti sono sempre dovuti a contaminazione: Primaria:cioè dovuta a microrganismi naturalmente presenti

Dettagli

ALIMENTI SICURI NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE incontro formativo per gli operatori Venerdì 10 maggio Sala Riunioni Ex-Ospedale Boldrini

ALIMENTI SICURI NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE incontro formativo per gli operatori Venerdì 10 maggio Sala Riunioni Ex-Ospedale Boldrini ALIMENTI SICURI NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE incontro formativo per gli operatori Venerdì 10 maggio 2013 - Sala Riunioni Ex-Ospedale Boldrini Thiene Dipartimento di Sanità Animale e Sicurezza Alimentare

Dettagli

.per saperne di piu «LE MALATTIE DI ORIGINE ALIMENTARE»

.per saperne di piu «LE MALATTIE DI ORIGINE ALIMENTARE» .per saperne di piu «LE MALATTIE DI ORIGINE ALIMENTARE» Come abbiamo visto in precedenza gli alimenti possono essere contaminati da batteri o da sostanze chimiche tossiche. Queste ultime possono provenire

Dettagli

IL PRELIEVO DI ALIMENTI IN CORSO DI INDAGINE A SEGUITO DI EPISODI DI MALATTIA VEICOLATA DA ALIMENTI

IL PRELIEVO DI ALIMENTI IN CORSO DI INDAGINE A SEGUITO DI EPISODI DI MALATTIA VEICOLATA DA ALIMENTI IL PRELIEVO DI ALIMENTI IN CORSO DI INDAGINE A SEGUITO DI EPISODI DI MALATTIA VEICOLATA DA ALIMENTI Pistoia 5 Maggio 2010 Ponte Buggianese 12 Maggio 2010 Dr.ssa Costanza Pierozzi La sorveglianza delle

Dettagli

rinominata malattia da hamburger)

rinominata malattia da hamburger) Corso per alimentaristi III PARTE Carne macinata Hamburger poco cotti (tale sindrome è stata anche rinominata malattia da hamburger) Acqua potabile e di balneazione Feci dell uomo e degli aminali brividi

Dettagli

Prevenire e gestire i pericoli microbiologici nelle mense scolastiche

Prevenire e gestire i pericoli microbiologici nelle mense scolastiche IO MANGIO A SCUOLA: IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO 16 Settembre 2014 Prevenire e gestire i pericoli microbiologici nelle mense scolastiche Lucia Decastelli SC Controllo Alimenti e Igiene delle Produzioni

Dettagli

TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

TOSSINFEZIONI ALIMENTARI TOSSINFEZIONI ALIMENTARI COME SI EVITANO LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI? Regole principali per prevenire le tossinfezioni alimentari di natura microbica nelle mense collettive 1. Cos è una tossinfezione alimentare

Dettagli

LE MALATTIE DI ORIGINE ALIMENTARE. La malattia di di origine alimentare deriva dall ingestione di di un alimento contaminato

LE MALATTIE DI ORIGINE ALIMENTARE. La malattia di di origine alimentare deriva dall ingestione di di un alimento contaminato LE MALATTIE DI ORIGINE ALIMENTARE? La malattia di di origine alimentare deriva dall ingestione di di un alimento contaminato CHE COSA SONO I BATTERI? organismi unicellulari di di dimensioni estremamente

Dettagli

LA QUALITA DEGLI ALIMENTI: ASPETTI IGIENICO-SANITARI

LA QUALITA DEGLI ALIMENTI: ASPETTI IGIENICO-SANITARI LA QUALITA DEGLI ALIMENTI: ASPETTI IGIENICO-SANITARI DEFINIZIONE DI ALIMENTO Si definisce alimento qualsiasi sostanza che sia in grado di esercitare una o più delle seguenti funzioni: fornire materiale

Dettagli

Il controllo microbiologico sugli alimenti di origine animale in Emilia Romagna. Anno 2004

Il controllo microbiologico sugli alimenti di origine animale in Emilia Romagna. Anno 2004 Il controllo microbiologico sugli alimenti di origine animale in Emilia Romagna. Anno 2004 La direttiva 2003/99/CE ed il Regolamento CE 2160/2003 richiedono che gli agenti delle malattie trasmissibili

Dettagli

i pericoli per gli ALIMENTI e la loro CONTAMINAZIONE

i pericoli per gli ALIMENTI e la loro CONTAMINAZIONE i pericoli per gli ALIMENTI e la loro CONTAMINAZIONE CONTAMINAZIONE DEGLI ALIMENTI TRASFERIMENTO DI MATERIALI INDESIDERATI NEL PRODOTTO FINITO NATURA DELLA CONTAMINAZIONE CHIMICA FISICA BIOLOGICA MICROBIOLOGICA

Dettagli

ALIMENTO CARICA MICROBICA LIMITE (ufc/g)

ALIMENTO CARICA MICROBICA LIMITE (ufc/g) Pagina 1 di 7 Formaggi (tutti) / Listeria monocytogenes assente/25 g Formaggi freschi non stagionati 0 Formaggi molli < 1.000.000 Coliformi < 10.000 E. coli < 1.000 < 1.000 Formaggi duri o semiduri da

Dettagli

MICROBICA (parametro)

MICROBICA (parametro) Pagina 1 di 12 Tutti gli alimenti destinati alla refezione scolastica, ospedaliera e case di cura Formaggi (tutti) Formaggi a pasta molle non stagionati (formaggi freschi) Formaggi duri o semiduri da latte

Dettagli

Ispezione degli alimenti di origine animale

Ispezione degli alimenti di origine animale Ispezione degli alimenti di origine animale Leonardo Alberghini DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA, PATOLOGIA COMPARATA E IGIENE VETERINARIA Facoltà di Medicina Veterinaria, Università degli Studi di Padova

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità Le malattie trasmesse da alimenti I termini e i concetti fondamentali lezione 1 Caratteristiche e classificazione delle malattie trasmesse da alimenti Per quanto riguarda gli alimenti e le industrie

Dettagli

Alimenti vegetali e contaminazione ambientale:

Alimenti vegetali e contaminazione ambientale: Alimenti vegetali e contaminazione ambientale: il laboratorio di analisi a tutela della collettività Controlli microbiologici su alimenti di origine vegetale Dott.ssa Floriana Scuriatti Dip. Prov.le ARPAM

Dettagli

La microbiologia in cucina

La microbiologia in cucina Mangiare a scuola 6 7 maggio 2011 Camera di Commercio di Torino La microbiologia in cucina Lucia Decastelli S.C. Controllo Alimenti e Igiene delle Produzioni Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione

Dettagli

I rischi sanitari legati alla preparazione,somministrazione e consumo di alimenti

I rischi sanitari legati alla preparazione,somministrazione e consumo di alimenti II Workshop fattorie didattiche 28 novembre 2011 Provincia di Torino I rischi sanitari legati alla preparazione,somministrazione e consumo di alimenti Lucia Decastelli S.C. Controllo Alimenti e Igiene

Dettagli

Informativa in base all art. 43, comma 1, Nr. 1 della Legge sulla protezione dalle infezioni (Abbr. ted. IfSG)

Informativa in base all art. 43, comma 1, Nr. 1 della Legge sulla protezione dalle infezioni (Abbr. ted. IfSG) Timbro dell Ufficio sanitario Informativa in base all art. 43, comma 1, Nr. 1 della Legge sulla protezione dalle infezioni (Abbr. ted. IfSG) Informazioni sanitarie per la manipolazione degli alimenti Le

Dettagli

CRITERI MICROBIOLOGICI PER PRODOTTI ALIMENTARI

CRITERI MICROBIOLOGICI PER PRODOTTI ALIMENTARI CRITERI MICROBIOLOGICI PER PRODOTTI ALIMENTARI Parametri Microrganismi mesofili aerobi ALIMENTI IN POLVERE PER L INFANZIA E ALIMENTI DIETETICI IN POLVERE A FINI MEDICI SPECIALI Metodi ISO 4833 < 10.000

Dettagli

CRITERI MICROBIOLOGICI PER PRODOTTI ALIMENTARI

CRITERI MICROBIOLOGICI PER PRODOTTI ALIMENTARI CRITERI MICROBIOLOGICI PER PRODOTTI ALIMENTARI Parametri Microrganismi mesofili aerobi ALIMENTI IN POLVERE PER L INFANZIA E ALIMENTI DIETETICI IN POLVERE A FINI MEDICI SPECIALI Metodi Enterobacteriaceae

Dettagli

Risk assessment Probabilità = Moderata Impatto = Molto basso Risultato= Rischio basso Confidence: Soddisfacente

Risk assessment Probabilità = Moderata Impatto = Molto basso Risultato= Rischio basso Confidence: Soddisfacente Patologia: Tossinfezioni alimentari Data stesura: 04/01/2016 Scopo: stabilire il rischio di evento epidemico durante Giubileo 2015-16 Aggiornamento del 10 marzo 2015 Risk assessment Probabilità = Moderata

Dettagli

CONSERVAZIONE ALIMENTI

CONSERVAZIONE ALIMENTI CONSERVAZIONE ALIMENTI Appunti di lezione Unità didattica: Alimentazione Prof.ssa Rossella D'Imporzano 1 ALTERAZIONE ALIMENTI Gli alimenti Con il passare del tempo Deperiscono e si ALTERANO COLORE imbrunimento

Dettagli

Tossinfezioni alimentari

Tossinfezioni alimentari Tossinfezioni alimentari Malattie trasmesse da alimenti contaminati. L alimento funge da terreno di coltura per i batteri che provocano la patologia direttamente o, più spesso, attraverso la produzione

Dettagli

CARNI BOVINE CRUDE microrganismi, loro tossine o metaboliti limiti microrganismi limiti

CARNI BOVINE CRUDE microrganismi, loro tossine o metaboliti limiti microrganismi limiti CRITERI DI SICUREZZA ALIMENTARE CRITERI DI IGIENE DEL PROCESSO CARNI BOVINE CRUDE tagli di carne refrigerata e congelata Salmonella assente in 10 g porzioni unitarie di carne refrigerata e non refrigerata

Dettagli

Gestione dei casi di MTA secondo le procedure del Laboratorio Controllo Alimenti

Gestione dei casi di MTA secondo le procedure del Laboratorio Controllo Alimenti Gestione dei casi di MTA secondo le procedure del Laboratorio Controllo Alimenti Daniela Adriano S.C. Controllo Alimenti e Igiene delle Produzioni - IZSPLV I laboratori Controllo Alimenti Come viene coinvolto

Dettagli

COMPOSIZIONE MEDIA DEI LATTI DI ALCUNE SPECIE. Grasso %

COMPOSIZIONE MEDIA DEI LATTI DI ALCUNE SPECIE. Grasso % Specie COMPOSIZIONE MEDIA DEI LATTI DI ALCUNE SPECIE Acqua Residuo secco Grasso Lattosio Sostanze azotate Caseina Vacca 87-89 11-13 3.4-3.6 4.6-4.7 3.4-3.6 2.50 Bufala 78-84 16-22 6-9 4.7-4.9 4.4-4.8 3.90

Dettagli

Genere Yersinia. dolore addominale oro-fecale gastroenterite. Y.pseudotuberculosis PATOLOGIA TRASMISSIONE

Genere Yersinia. dolore addominale oro-fecale gastroenterite. Y.pseudotuberculosis PATOLOGIA TRASMISSIONE Genere Yersinia i SPECIE PATOLOGIA TRASMISSIONE Y.pestis Peste zoonotica Y.enterocolitica Y.pseudotuberculosis adeno-mesenterite dolore addominale oro-fecale gastroenterite febbre Genere Yersinia Contaminazione

Dettagli

IGIENE DEGLI ALIMENTI Le tossinfezioni alimentari

IGIENE DEGLI ALIMENTI Le tossinfezioni alimentari IGIENE DEGLI ALIMENTI Le tossinfezioni alimentari L igiene degli alimenti si occupa della produzione, trasformazione, conservazione, distribuzione degli alimenti in riferimento alle misure necessarie a

Dettagli

Bruna Auricchio Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare

Bruna Auricchio Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Bruna Auricchio Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Grossi bastoncelli, Gram Positivi Aerobio facoltativo Sporigeno (in condizioni ambientali

Dettagli

DIARREA D ORIGINE INFETTIVA PERCORSI

DIARREA D ORIGINE INFETTIVA PERCORSI DIARREA D ORIGINE INFETTIVA PERCORSI Modalità di attivazione di un percorso Definizione di quale percorso utilizzare Iter diagnostico e microrganismi da considerare Procedure da adottare Valutazione clinicoanamnestica

Dettagli

Le Malattie alimentari

Le Malattie alimentari Le Malattie alimentari Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia Comparata e Igiene veterinaria - Padova Sono quelle forme morbose che l uomo può contrarre per ingestione o manipolazione

Dettagli

MALATTIE DA CONTAMINAZIONE BIOLOGICA. Infezioni Intossicazioni Tossinfezioni Infestazioni

MALATTIE DA CONTAMINAZIONE BIOLOGICA. Infezioni Intossicazioni Tossinfezioni Infestazioni 1 MALATTIE DA CONTAMINAZIONE BIOLOGICA Infezioni Intossicazioni Tossinfezioni Infestazioni 2 Dose Infettante Minima o DIM Costituisce un limite di batteri patogeni, superato il quale si possono manifestare

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Indice Presentazione XI Capitolo 1 Fattori che controllano lo sviluppo microbico negli alimenti 1 1.1 La temperatura 1 1.1.1 Alte temperature 1 1.1.2 Basse temperature 7 1.1.3 Temperature di conservazione

Dettagli

Silvana Barbuti Dipartimento Microbiologia SSICA Tel Mail:

Silvana Barbuti Dipartimento Microbiologia SSICA Tel Mail: Silvana Barbuti Dipartimento Microbiologia SSICA Tel. 0521 795 262 Mail: silvana.barbuti@ssica.it La sicurezza alimentare è definita come "la certezza pratica che dal cibo consumato in modo ragionevole

Dettagli

IL controllo ufficiale nel settore ittico. Listeria e prodotti ittici RTE G. ARCANGELI

IL controllo ufficiale nel settore ittico. Listeria e prodotti ittici RTE G. ARCANGELI IL controllo ufficiale nel settore ittico Listeria e prodotti ittici RTE G. ARCANGELI Ferrara, 20 ottobre 2011 Riepilogo Allerta Prodotti ittici 2010: n. 661 Elaborazione rapporto RASFF 2010 realizzato

Dettagli

Attività comunitaria concernente i criteri microbiologici degli alimenti in funzione della valutazione del rischio

Attività comunitaria concernente i criteri microbiologici degli alimenti in funzione della valutazione del rischio Attività comunitaria concernente i criteri microbiologici degli alimenti in funzione della valutazione del rischio Laura Toti,, Eva Alessi Focus su sicurezza d uso e nutrizionale degli alimenti 21-22 22

Dettagli

Chimici Fisici Biologici

Chimici Fisici Biologici Rischi per la salute connessi al consumo di alimenti Contaminanti degli alimenti Chimici Fisici Biologici Contaminanti chimici Presenza di pesticidi, farmaci veterinari,ormoni negli allevamenti, detergenti

Dettagli

Igiene degli alimenti

Igiene degli alimenti Igiene degli alimenti definizioni epidemiologia e prevenzione delle tossinfezioni alimentari bonifica del latte e principi di conservazione degli alimenti Malattie infettive ed alimentazione Le modifiche

Dettagli

3.7 PASTE ALL UOVO FARCITE ARTIGIANALI FRESCHE NON CONFEZIONATE

3.7 PASTE ALL UOVO FARCITE ARTIGIANALI FRESCHE NON CONFEZIONATE 3.7 PASTE ALL UOVO FARCITE ARTIGIANALI FRESCHE NON CONFEZIONATE Esaminati 428 campioni. Tab.21: Standard di riferimento per paste farcite artigianali fresche confezionate (Circolare del Ministero della

Dettagli

Enterobatteri. Bacilli Gram- Oltre 40 specie e 150 specie. Asporigeni, sia mobili che immobili, anaerobi facoltativi.

Enterobatteri. Bacilli Gram- Oltre 40 specie e 150 specie. Asporigeni, sia mobili che immobili, anaerobi facoltativi. Enterobatteri Bacilli Gram- Oltre 40 specie e 150 specie. Asporigeni, sia mobili che immobili, anaerobi facoltativi. Batteri ubiquitari (acqua, suolo, vegetazione) fanno parte delle normale flora microbica

Dettagli

Malattie a trasmissione orofecale

Malattie a trasmissione orofecale Malattie a trasmissione orofecale Malattie a trasmissione oro-fecale Infezioni la cui principale via di eliminazione è rappresentata dalle feci. Gli agenti etiologici penetrano in prevalenza attraverso

Dettagli

UN ANNO DI ATTIVITÀ SMI

UN ANNO DI ATTIVITÀ SMI UN ANNO DI ATTIVITÀ SMI Bologna, 14 ottobre 2013 SMI SORVEGLIANZA MALATTIE INFETTIVE UN ANNO DI SMI 102 AGGIORNAMENTI UFFICIALI DEL SOFTWARE 211 UTENTI ATTIVI 38+60 GRUPPI COMPILATORI 14 SCHEDE AD HOC

Dettagli

CRITERI MICROBIOLOGICI PER PRODOTTI ALIMENTARI

CRITERI MICROBIOLOGICI PER PRODOTTI ALIMENTARI CRITERI MICROBIOLOGICI PER PRODOTTI ALIMENTARI CAMPO DI APPLICAZIONE dei criteri microbiologici indicati nelle seguenti tabelle: - INDICATORI DI SICUREZZA ALIMENTARE (, Salmonella spp., Enterotossina stafilococcica,

Dettagli

Visita il sito

Visita il sito Guarda tutti i titoli in collana Visita il sito www.epc.it seguono diapositive di esempio del corso selezionato Il docente dovrà presentarsi e descrivere genericamente le propria esperienza; chiederà a

Dettagli

COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER LAGESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER LAGESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER LAGESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Note all Allegato 1 Limiti critici dei valori microbiologici degli alimenti ANNO

Dettagli

MALATTIE DI ORIGINE ALIMENTARE (FOODBORNE DISEASE)

MALATTIE DI ORIGINE ALIMENTARE (FOODBORNE DISEASE) qualsiasi malattia causata o trasmessa da alimenti, determinata da sostanze chimiche o agenti biologici MALATTIE DI ORIGINE ALIMENTARE (FOODBORNE DISEASE) Virus Batteri Infezioni veicolate Proliferazione

Dettagli

PRINCIPALI TOSSINFEZIONI ALIMENTARI CAUSATE DA MICRORGANISMI

PRINCIPALI TOSSINFEZIONI ALIMENTARI CAUSATE DA MICRORGANISMI PRINCIPALI TOSSINFEZIONI ALIMENTARI CAUSATE DA MICRORGANISMI Tab. 1 Principali tossinfezioni alimentari classificate in base al periodo di incubazione Periodo di incubazione generalmente da 12 a 72 ore

Dettagli

Le malattie veicolate dagli alimenti

Le malattie veicolate dagli alimenti Le malattie veicolate dagli alimenti Le malattie veicolate dagli alimenti rappresentano un problema presente da quando l uomo è nato. Ancora oggi, nonostante i progressi e le tecnologie a disposizione,

Dettagli

CORSO MICROBIOLOGIA ALIMENTARE: Escherichia coli

CORSO MICROBIOLOGIA ALIMENTARE: Escherichia coli Associazione culturale Scoiattolo Rampante p.zza Pinturicchio, 4, 50053, Empoli (FI) c.f. 91037320487 http://scoiattolorampante.wordpress.com associazione.scoiattolorampante@gmail.com Tel +39 348.81.88.097

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE SULLE ALTERAZIONI CROMATICHE DEGLI ALIMENTI DEPERIBILI E IL RUOLO DEL CONSUMATORE: DALLE MOZZARELLE BLU ALLA RICOTTA ROSSA

DOMANDE E RISPOSTE SULLE ALTERAZIONI CROMATICHE DEGLI ALIMENTI DEPERIBILI E IL RUOLO DEL CONSUMATORE: DALLE MOZZARELLE BLU ALLA RICOTTA ROSSA DOMANDE E RISPOSTE SULLE ALTERAZIONI CROMATICHE DEGLI ALIMENTI DEPERIBILI E IL RUOLO DEL CONSUMATORE: DALLE MOZZARELLE BLU ALLA RICOTTA ROSSA 1 Quali sono i microrganismi che possiamo trovare negli alimenti

Dettagli

LISTINO ANALISI MICROBIOLOGICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013

LISTINO ANALISI MICROBIOLOGICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 LISTINO ANALISI MICROBIOLOGICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 All.MQ_4.4_02 rev.00 del 30.03.2013 Pagina 1 di 5 MATRICE: ACQUE Metodo di prova per la fase di campionamento: IO C 03* Conta microbica

Dettagli

La valutazione del rischio: zoonosi. Dr. Alessandro Broglia Unità Pericoli biologici (BIOHAZ)

La valutazione del rischio: zoonosi. Dr. Alessandro Broglia Unità Pericoli biologici (BIOHAZ) La valutazione del rischio: zoonosi Dr. Alessandro Broglia Unità Pericoli biologici (BIOHAZ) Workshop sulla Sicurezza degli Alimenti Parma, 5 maggio 2011 1 Zoonosi di origine alimentare Malattie causate

Dettagli

ALLEGATO E) LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA:

ALLEGATO E) LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA: A S P EMANUELE BRIGNOLE Azienda pubblica di Servizi alla Persona P.le E. Brignole, 2 16125 G E N O V A UCAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE ALLEGATO E) LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA:

Dettagli

Batteri Virus Parassiti Agenti non convenzionalii

Batteri Virus Parassiti Agenti non convenzionalii Le Zoonosi alimentari Che cosa è una zoonosi? ZOONOSI: malattia che si trasmette dagli animali all uomo Come si trasmettono le zoonosi all uomo? Per contatto diretto Per contatto indiretto Secreti e escreti

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO ALLEGATO N. 3 LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA: - ALIMENTI - SUPERFICI

COMUNE DI RAPALLO ALLEGATO N. 3 LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA: - ALIMENTI - SUPERFICI COMUNE DI RAPALLO ALLEGATO N. 3 LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA: - ALIMENTI - SUPERFICI 1 LIMITI DI RIFERIMENTO MICROBIOLOGICI ALIMENTI CARNI BOVINE E SUINE CRUDE DPR n.227 dell 1/03/92 ALIMENTO STAFILOCOC

Dettagli

LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA. Allegato 1c

LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA. Allegato 1c LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA Allegato 1c TABELLA A LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA DELLE CARNI BOVINE CRUDE Alimento Tagli di carne fresca o sottovuoto refrigerata o congelata Porzioni unitarie

Dettagli

come potenziale fonte di ceppi cpe-positivi di C. perfringens Valerio GIACCONE Facoltà Medicina veterinaria di Padova

come potenziale fonte di ceppi cpe-positivi di C. perfringens Valerio GIACCONE Facoltà Medicina veterinaria di Padova Lo sapevate? Bisogna riconsiderare il ruolo degli animali come potenziale fonte di ceppi cpe-positivi di C. perfringens In futuro necessario rivedere i protocolli diagnostici medici per evidenziare meglio

Dettagli

Programmi di prerequisito, analisi generale dei pericoli igienico-sanitari e dei difetti tecnologici

Programmi di prerequisito, analisi generale dei pericoli igienico-sanitari e dei difetti tecnologici STUDIO DEI SISTEMI DI PREVENZIONE DEL RISCHIO IGIENICO E DEI DIFETTI TECNOLOGICI APPLICABILI AI PAT CASEARI E DI SALUMERIA DELLA PROVINCIA DI TORINO Parte A Programmi di prerequisito, analisi generale

Dettagli

Sorveglianza di Laboratorio delle Tossinfezioni Alimentari con particolare attenzione a Escherichia coli O157

Sorveglianza di Laboratorio delle Tossinfezioni Alimentari con particolare attenzione a Escherichia coli O157 Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienza Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Biologia Sanitaria Sorveglianza di Laboratorio delle Tossinfezioni Alimentari con particolare

Dettagli

Le infezioni delle vie gastrointestinali. Dott.ssa Saveria Dodaro

Le infezioni delle vie gastrointestinali. Dott.ssa Saveria Dodaro Le infezioni delle vie gastrointestinali Dott.ssa Saveria Dodaro Cosenza 27.05.2013 Sistema Digestivo Tratto Gastro Enterico: Bocca Faringe Esofago Stomaco Piccolo intestino (Tenue) Grande intestino (Crasso)

Dettagli

Capitolo 332 Gastroenterite acuta nei bambini Zulfiqar Ahmed Bhutta

Capitolo 332 Gastroenterite acuta nei bambini Zulfiqar Ahmed Bhutta Capitolo 331 Trapianto di intestino nei bambini con insufficienza intestinale 1391 330.12 Malassorbimento nella gastroenterite eosinofila Ernest G. Seidman e David Branski La diagnosi di gastroenterite

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia Ricerca di Salmonella spp., Listeria monocytogenes, E.coli O157:H7 e Yersinia enterocolitica presunta patogena:

Dettagli

Direzione Generale Salute UO Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria

Direzione Generale Salute UO Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria La sorveglianza delle malattie infettive a trasmissione alimentare in regione Lombardia e il controllo dell igiene degli alimenti in RL, anche in vista di EXPO Direzione Generale Salute UO Governo della

Dettagli

Le malattie veicolate dagli alimenti

Le malattie veicolate dagli alimenti Le malattie veicolate dagli alimenti Le malattie veicolate dagli alimenti rappresentano un problema presente da quando l uomo è nato. Ancora oggi, nonostante i progressi e le tecnologie a disposizione,

Dettagli

BUONE PRATICHE PER LA PRODUZIONE, COMMERCIALIZZAZIONE E VENDITA DIRETTA DI LATTE CRUDO PER ALIMENTAZIONE UMANA

BUONE PRATICHE PER LA PRODUZIONE, COMMERCIALIZZAZIONE E VENDITA DIRETTA DI LATTE CRUDO PER ALIMENTAZIONE UMANA La Regione Piemonte ha infatti previsto una rigorosa selezione degli allevamenti conferenti, richiedendo parametri di cellule somatiche e carica batterica più restrittivi rispetto a quelli previsti dall

Dettagli

Epidemiologia e sorveglianza delle gastroenteriti ed episodi di MTA. Luca Busani

Epidemiologia e sorveglianza delle gastroenteriti ed episodi di MTA. Luca Busani Epidemiologia e sorveglianza delle gastroenteriti ed episodi di MTA Luca Busani Gestione per il contenimento ed il controllo delle malattie trasmesse da alimenti Torino, 9-10 aprile 2013 Scopi dell Epidemiologia

Dettagli

31/08/2009. Enterobacteriaceae. Shigella. Salmonella. scaricato da 1

31/08/2009. Enterobacteriaceae. Shigella. Salmonella. scaricato da  1 Enterobacteriaceae E.coli Shigella Salmonella scaricato da www.sunhope.it 1 scaricato da www.sunhope.it 2 ANTIGENICITÀ E PATOGENICITÀ CAPSULA Nel genere Klebsiella l antigene K, di natura polisaccaridica,

Dettagli

ALLEGATO 4. Limiti di Contaminazione Microbica

ALLEGATO 4. Limiti di Contaminazione Microbica ALLEGATO 4 Limiti di Contaminazione Microbica I valori limite microbiologici consigliati riportati nelle tabelle seguenti non devono essere superati affinché il prodotto sia conforme da punto di vista

Dettagli

Coordinato da Claudio Lucchetta. Agenzia Adiconsum - anno XXIII - n. 17-4 aprile 2011. Stampato in proprio in aprile 2011.

Coordinato da Claudio Lucchetta. Agenzia Adiconsum - anno XXIII - n. 17-4 aprile 2011. Stampato in proprio in aprile 2011. Coordinato da Claudio Lucchetta Agenzia Adiconsum - anno XXIII - n. 17-4 aprile 2011 Stampato in proprio in aprile 2011 In questo numero: L igiene in cucina: breve guida alla prevenzione delle tossinfezioni

Dettagli

Tossinfezioni alimentari (TA)

Tossinfezioni alimentari (TA) Tossinfezioni alimentari (TA) Intossicazioni alimentari: per una esotossina prodotta dal microrganismo nell alimento ingerito Infezioni alimentari: per microrganismi patogeni (dose soglia) che determinano

Dettagli

CRITERI MICROBIOLOGICI PER PRODOTTI ALIMENTARI

CRITERI MICROBIOLOGICI PER PRODOTTI ALIMENTARI CRITERI MICROBIOLOGICI PER PRODOTTI ALIMENTARI CAMPO DI APPLICAZIONE dei criteri microbiologici indicati nelle seguenti tabelle: - INDICATORI DI SICUREZZA ALIMENTARE (Listeria monocytogenes, Salmonella

Dettagli

aumentare il livello di qualità igienico-sanitaria delle produzioni

aumentare il livello di qualità igienico-sanitaria delle produzioni CORSO PER SOMMINISTRATORI DI ALIMENTI E BEVANDE E ABILITAZIONE AL COMMERCIO LA MANIPOLAZIONE IGIENICA E SICURA DEGLI ALIMENTI PATOLOGIE DERIVATE DA ALIMENTI www.studiosas.it 1 OBIETTIVI LEZIONE Conoscere

Dettagli

IL PALCOSCENICO DEI CUOCHI: 10 Passi per cucinare bene e in modo sicuro. Griglio Bartolomeo

IL PALCOSCENICO DEI CUOCHI: 10 Passi per cucinare bene e in modo sicuro. Griglio Bartolomeo IL PALCOSCENICO DEI CUOCHI: 10 Passi per cucinare bene e in modo sicuro Griglio Bartolomeo COSA POSSIAMO FARE NOI? In cucina, sia per il consumatore che per l operatore professionale, è fondamentale seguire

Dettagli

Estate e salute: infezioni trasmesse dagli alimenti

Estate e salute: infezioni trasmesse dagli alimenti Estate e salute: infezioni trasmesse dagli alimenti In estate si mangiano più frequentemente piatti freddi e le alte temperature agevolano la proliferazione dei batteri negli alimenti contaminati dagli

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA MANIPOLAZIONE DEGLI ALIMENTI

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA MANIPOLAZIONE DEGLI ALIMENTI Materiale didattico ad uso degli operatori sanitari della Regione E.R. CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA MANIPOLAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura del gruppo regionale formazione alimentaristi Realizzato

Dettagli

Prof. Fausto Gardini. Referente scientifico dell unità operativa area di processo CiriAgroalimentare

Prof. Fausto Gardini. Referente scientifico dell unità operativa area di processo CiriAgroalimentare Aspetti microbiologici dei prodotti vegetali di IV gamma Prof. Fausto Gardini Referente scientifico dell unità operativa area di processo CiriAgroalimentare Il quadro di riferimento normativo per la legislazione

Dettagli

TOSSINFEZIONI ALIMENTARI e BOTULISMO

TOSSINFEZIONI ALIMENTARI e BOTULISMO TOSSINFEZIONI ALIMENTARI e BOTULISMO 1 1 Tossinfezioni Intossicazioni Alimentari Tossinfezione Alimentare malattia dovuta all'ingestione di cibo contaminato da batteri patogeni; la sintomatologia morbosa

Dettagli

Il veleno è una sostanza che introdotta nell organismo, in quantità sufficiente, provoca danni temporanei o permanenti

Il veleno è una sostanza che introdotta nell organismo, in quantità sufficiente, provoca danni temporanei o permanenti AVVELENAMENTI Il veleno è una sostanza che introdotta nell organismo, in quantità sufficiente, provoca danni temporanei o permanenti Vie di penetrazione Le sostanze tossiche possono penetrare attraverso

Dettagli

Epidemiologia e prevenzione delle malattie infettive a ciclo fecale-orale

Epidemiologia e prevenzione delle malattie infettive a ciclo fecale-orale Università degli Studi di Perugia FACOLTÀ DI FARMACIA - CORSO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA- Epidemiologia e prevenzione delle malattie infettive a ciclo fecale-orale Prof. Silvano Monarca Indice Trasmissione

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Aceti Acidità totale Acque destinate al consumo umano Salmonella spp. ricerca DM 12/03/1986 SO GU n 161 14/07/1986 Metodo II Rapporti ISTISAN 2007/05

Dettagli

PIER PAOLO LEGNANI DIP.TO DI MEDICINA E SANITA PUBBLICA LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

PIER PAOLO LEGNANI DIP.TO DI MEDICINA E SANITA PUBBLICA LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI PIER PAOLO LEGNANI DIP.TO DI MEDICINA E SANITA PUBBLICA LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI FATTORI BIOLOGICI, CHIMICI E FISICI CHE DETERMINANO IL PERICOLO ALIMENTARE BATTERI PATOGENI SOSTANZE TOSSICHE NATURALI

Dettagli

!!" ### $ % ( /##.# 3 4,5 2,! 6 " /" / 3, 1 4 : / 2 /,# 6 ".8 7 +, (#,.8 &!' ("' ") *# +%

!! ### $ % ( /##.# 3 4,5 2,! 6  / / 3, 1 4 : / 2 /,# 6 .8 7 +, (#,.8 &!' (' ) *# +% !!" ### $ ( /##.# 3 4,5 2,! 6 " 7. +. + /" 8 9 1./ 3, 1 4 : / 2 /,# 6 ".8 7 +, (#,.8 &!' ("' ") *# +,-#..( /)&$ # " 01#,$ #. 2#",# '# #.- 2,! /$.""). 02.#!6 6 7 0#+ & *#3 7 9.9 2.6.6 9! (7!," " #! $ Tabella

Dettagli

Tossinfezioni alimentari e HACCP

Tossinfezioni alimentari e HACCP Tossinfezioni alimentari e HACCP INTOSSICAZIONI ALIMENTARI Cosa sono? Le intossicazioni alimentari sono manifestazioni patologiche che si determinano in seguito al consumo di alimenti contenenti tossine

Dettagli

Ordinanza del DFI sui requisiti igienici

Ordinanza del DFI sui requisiti igienici Ordinanza del DFI sui requisiti igienici (ORI) Modifica del 26 novembre 2008 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina: I L ordinanza del DFI del 23 novembre 2005 1 sui requisiti igienici è modificata

Dettagli

Epidemiologia e prevenzione delle malattie infettive a ciclo fecale-orale

Epidemiologia e prevenzione delle malattie infettive a ciclo fecale-orale Università degli Studi di Perugia FACOLTÀ DI FARMACIA - CORSO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA- Epidemiologia e prevenzione delle malattie infettive a ciclo fecale-orale Prof. Silvano Monarca Malattie infettive

Dettagli