La pensione IVS STAMPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La pensione IVS STAMPA"

Transcript

1 La pensione IVS La pensione di vecchiaia La pensione anticipata La pensione anticipata per i lavoratori che hanno svolto attività usuranti Le pensioni in Europa Trattamenti di invalidità di natura previdenziale Il supplemento di pensione La pensione supplementare Le pensioni ai superstiti L integrazione al trattamento minimo La maggiorazione sociale della pensione La maggiorazione della pensione per gli ex combattenti L importo aggiuntivo delle pensioni al minimo La somma aggiuntiva (14 a mensilità) Indennizzo per la cessazione definitiva dell'attività commerciale La pensione sociale opzionale (assegni vitalizi) STAMPA

2 La pensione di vecchiaia L a legge di riforma del 2011 ridefinisce i requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia sia nel regime retributivo che nel regime contributivo. Questi nuovi requisiti sono applicabili dal 1 gennaio 2012, esclusivamente a chi non aveva ancora perfezionato il requisito per il diritto alla pensione con le regole vigenti prima di tale data (art. 24 del DL 201/2011 conv. L 214/2011). REGIME RETRIBUTIVO (inizio assicurazione previdenziale prima del 1 gennaio 1996) 150 Requisito di età Il requisito anagrafico di 65 anni, vigente fino al , viene elevato a 66 dal 1 gennaio 2012, inglobando così l attesa ulteriore di un anno per la decorrenza della pensione, prevista fino al 2011 e abolita con questa nuova disciplina. Questa modifica si applica immediatamente a tutti coloro che alla data del dovevano far valere 65 anni di età, ivi comprese le lavoratrici delle pubbliche amministrazioni per le quali il passaggio da 61 a 65 anni era già previsto a partire dal Per tutti coloro che invece potevano far valere un requisito di età inferiore, la legge ha previsto un periodo transitorio di crescita del requisito fino al raggiungimento dei 66 anni nel Si tratta delle lavoratrici dipendenti del settore privato e delle lavoratrici autonome. Per effetto della diversa durata della finestra, che viene inglobata anche in questi casi, i passaggi del periodo transitorio risultano diversi per le lavoratrici dipendenti e per le lavoratrici autonome. Per le prime l età anagrafica è fissata a 62 anni nel 2012 e viene incrementata di 18 mesi ogni due anni fino al Per le lavoratrici autonome, fra le quali vanno considerate anche le lavoratrici iscritte alla gestione separata, l età anagrafica viene fissata a 63 anni e 6 mesi nel 2012 e viene incrementata di un anno nel 2014, di un ulteriore anno nel 2016 e di 6 mesi nel Dal 2013 il requisito anagrafico, qualunque esso sia a tale data, sarà incrementato degli adeguamenti alla speranza di vita, come previsto dalla normativa previgente (art. 24, comma 12, DL 201/2011 conv. L 214/2011). Il primo adeguamento scatterà nel 2013 e sarà di tre mesi; il successivo, presumibilmente, sarà di 4 mesi. Gli adeguamenti avranno cadenza triennale fino al 2019; dallo scatto successivo, l adeguamento avrà cadenza biennale. Comunque, la legge prevede che nel 2021

3 i requisiti anagrafici, opportunamente adeguati alla speranza di vita, non potranno essere inferiori a 67 anni (art. 24, comma 9, DL 201/2011 conv. L 214/2011). Restano fissati a quelli che erano prima del 1993 (60 anni per gli uomini e 55 anni per le donne) i limiti di età per i lavoratori non vedenti e quelli invalidi in misura non inferiore all 80% (circ. n. 35 del 14/03/2012 punto ultimo paragrafo). Le pensioni IVS Requisito di contribuzione Il requisito contributivo è fissato a 20 anni per tutti i lavoratori autonomi e dipendenti sia del settore privato che pubblico. Continuano ad operare le disposizioni di deroga di cui all art. 2, comma 3, del DLgs 503/92 perché non espressamente abrogate dalla nuova normativa (Circ. Inps n. 16 del 1 febbraio 2013 punto 2 penultimo paragrafo). Si tratta di: a) Lavoratori che al 31 dicembre 1992 hanno maturato i requisiti di assicurazione e di contribuzione previsti dalla normativa previgente che consistono in 15 anni di contributi di qualsiasi tipo (obbligatori, figurativi, volontari, da riscatto e da ricongiunzione) riferiti temporalmente a periodi anteriori al 1 gennaio 1993 anche se riconosciuti a seguito di domanda successiva a tale data. b) Lavoratori ammessi alla prosecuzione volontaria in data anteriore al 31 dicembre Per questi lavoratori, sempre che la decorrenza dell'autorizzazione alla prosecuzione volontaria si collochi entro la data del 26 dicembre 1992, anche se non hanno effettuato versamenti anteriormente alla predetta data, il requisito contributivo è fissato in 15 anni che possono essere raggiunti in qualsiasi momento. c) Lavoratori dipendenti che possono far valere un'anzianità assicurativa di almeno 25 anni e risultano occupati per almeno 10 anni, anche non consecutivi, per periodi di durata inferiore a 52 settimane nell'anno solare. Anche per questi lavoratori il requisito contributivo è fissato in 15 anni anziché 20. Il requisito dei 25 anni di anzianità assicurativa e quello dei 10 anni con periodi di occupazione di durata inferiore a 52 settimane nell'anno solare possono essere maturati anche successivamente al 31 dicembre Per quanto riguarda il requisito dei 10 anni con occupazione di durata inferiore a 52 settimane nell'anno solare, è necessario tenere presente che si fa riferimento alla durata dell occupazione e non alla relativa copertura assicurativa, Ad esempio rientrano nella deroga i lavoratori che hanno coperto di versamenti volontari le settimane di non occupazione nell anno e i lavoratori agricoli a tempo determinato che raggiungono la copertura contributiva piena grazie alla contribuzione figurativa per disoccupazione mentre non rientrano nella deroga le lavoratrici e i lavoratori domestici occupati a tempo indeterminato ma con 151

4 La pensione di vecchiaia meno di 12 ore a settimana, cosa che comporta la contrazione della copertura assicurativa annuale. d) Lavoratori dipendenti che abbiano maturato al 31 dicembre 1992 un'anzianità assicurativa e contributiva tale che, anche se incrementata dei periodi intercorrenti tra il 1 gennaio 1993 e la fine del mese di compimento dell'età per il pensionamento di vecchiaia, non consentirebbe di conseguire i requisiti assicurativi e contributivi richiesti dall'articolo 2 del decreto n. 503 nell'anno di compimento dell'età pensionabile. Per questi lavoratori vige un requisito contributivo personalizzato che è pari alla somma delle settimane di contribuzione maturate fino al 31 dicembre 1992 e delle settimane di calendario comprese tra il 1 gennaio 1993 e la fine del mese di compimento dell'età pensionabile. Poiché dal 1 gennaio di quest anno il risultato di tale somma non può essere inferiore a 20 anni, questa eccezione in pratica riguarda solo chi ne ha chiesto l applicazione entro l anno 2012; in questo caso come nei casi precedenti le sedi Inps hanno l obbligo di riesaminare tutte le domande respinte prima dell emanazione della circolare n. 16 del 1 febbraio Requisito di cessazione del rapporto di lavoro Per i lavoratori dipendenti è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro. Tale requisito non è necessario per i lavoratori autonomi. 152 Decorrenza Con la nuova legge è stata soppressa l attesa di 12 o i 18 mesi prevista per la decorrenza dalla previgente normativa. Pertanto, tutti i lavoratori e le lavoratrici di qualsiasi settore di lavoro che raggiungono il diritto a pensione di vecchiaia nel regime retributivo a partire dal 1 gennaio 2012 si vedranno liquidare la pensione, a seconda della prestazione e della gestione che liquida, dal 1 giorno del mese successivo la maturazione del diritto o, nelle forme esclusive e sostitutive dell Ago, dal giorno successivo il raggiungimento del requisito (art. 24, comma 5, DL 201/2011 conv. L 214/2011). I lavoratori e le lavoratrici che invece hanno perfezionato il requisito entro il 31 dicembre 2011, ivi compresa, per i lavoratori dipendenti, la cessazione del rapporto di lavoro sottostanno al regime delle decorrenze previsto dalla normativa vigente alla data in cui il requisito si è perfezionato. Per questo, vedi l apposito capitolo pubblicato in appendice, a pag Comunque, nel caso in cui questi stessi lavoratori, pur avendo perfezionato il requisito entro il 31 dicembre 2011, si trovino anche nelle condizioni previste dalla nuova normativa per il diritto a pensione, possono accedervi senza alcun differimento. Ad esempio, un lavoratore autonomo che abbia compiuto 65 anni di età nel mese di dicembre 2011 e, alla data di entrata in vigore della nuova normativa fosse ancora in attesa dell apertura della finestra, fissata al 18 mese dal compimento dei requisiti, quindi al 1 giugno 2013, può essere andato in pensione il 1 gennaio 2013, cioè il primo giorno del mese

5 successivo alla data di compimento del 66 anno di età, requisito previsto per la pensione di vecchiaia dalla nuova normativa nel Si veda per questo la circ. Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 7.1. Il Ministero della funzione pubblica esclude tale possibilità per i dipendenti pubblici (circ. 2 dell 8 marzo 2012). Le pensioni IVS ANNO dipendenti settore privato ETA (in anni e mesi) CONTRIBUZIONE (in anni) donne uomini donne e uomini autonome dipendenti settore pubblico tutti i settori tutti i settori 20 REGIME CONTRIBUTIVO (inizio assicurazione previdenziale dopo il 31 dicembre 1995) Requisito di età Il requisito anagrafico di 65 anni, vigente fino al , viene elevato a 66 dal 1 gennaio 2012, inglobando così l attesa ulteriore di un anno per la decorrenza della pensione, prevista fino al 2011 e abolita con questa nuova disciplina. Questa modifica si applica immediatamente a tutti coloro che, alla data del , dovevano far valere 65 anni di età, ivi comprese le lavoratrici delle pubbliche amministrazioni per le quali il passaggio da 61 a 65 anni era previsto a partire dal Per tutti coloro che invece potevano far valere un requisito di età inferiore, la legge ha previsto un periodo transitorio di crescita del requisito fino al raggiungimento dei 66 anni nel Si tratta delle lavoratrici dipendenti del settore privato e delle lavoratrici autonome. Per effetto della diversa durata della finestra, che viene inglobata anche in questi casi, i passaggi del periodo transitorio risultano diversi per le lavoratrici dipendenti e per le lavoratrici autonome. 153

6 La pensione Per le prime l età anagrafica è fissata a 62 anni nel 2012 e viene incrementata di vecchiaia di 18 mesi ogni due anni fino al Per le lavoratrici autonome, fra le quali vanno considerate anche le lavoratrici iscritte alla gestione separata, l età anagrafica viene fissata a 63 anni e 6 mesi nel 2012 e viene incrementata di un anno nel 2014, di un ulteriore anno nel 2016 e di 6 mesi nel Dal 2013 il requisito anagrafico, qualunque esso sia a tale data, sarà incrementato degli adeguamenti alla speranza di vita, come previsto dalla normativa previgente (art. 24, comma 12, DL 201/2011 conv. L 214/2011). Il primo adeguamento scatterà nel 2013 e sarà di tre mesi; il successivo, presumibilmente, sarà di 4 mesi. Gli adeguamenti avranno cadenza triennale fino al 2019; dallo scatto successivo, l adeguamento avrà cadenza biennale. Comunque, la legge prevede che nel 2021 i requisiti anagrafici, opportunamente adeguati alla speranza di vita, non potranno essere inferiori a 67 anni (art. 24, comma 9, DL 201/2011 conv. L 214/2011). Requisito di contribuzione Il requisito contributivo è elevato a 20 anni, per tutti i lavoratori dipendenti sia del settore privato che del settore pubblico. Al 70 anno di età il requisito si riduce a 5 anni, purché di contribuzione effettiva, come previsto dalla normativa previgente (circolare Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 1.2, lett. b). Per contribuzione effettiva si intende la contribuzione effettivamente versata (obligatoria, volontaria, da riscatto) con esclusione di quella accreditata figurativamente a qualsiasi titolo. Il limite di 70 anni è anch esso soggetto ad adeguamento per speranza di vita. La riduzione del requisito contributivo si applica soltanto quando l assicurazione previdenziale abbia avuto inizio dopo il 31 dicembre 1995, non anche ai soggetti che, avendo dato vita all assicurazione previdenziale in data precedente, abbiano poi optato per il sistema di calcolo interamente contributivo (art. 24, comma 7, ultimo periodo, DL 201/2011 conv. L 214/2011). Requisito di cessazione del rapporto di lavoro Per i lavoratori dipendenti è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro. Tale requisito non è necessario per i lavoratori autonomi. 154 Requisito d importo La legge 335/1995, istitutiva del sistema contributivo di calcolo, prevede che una pensione, calcolata esclusivamente con tale sistema, non può essere liquidata finché l importo, risultante dall applicazione del coefficiente di trasformazione le-

7 gato all età, non raggiunga un determinato limite o finché l età del richiedente, alla data da cui dovrebbe avere decorrenza la pensione, non abbia raggiunto il massimo previsto. Nella normativa previgente, tale importo - soglia era fissato ad 1,2 volte l importo dell assegno sociale vigente volta per volta; si prescindeva dal requisito d importo al compimento dell età di 65 anni di età. Oggi, per tutti coloro che raggiungono il diritto alla pensione dal 1 gennaio 2012 in poi, la nuova normativa prevede che l importo della pensione calcolata con il sistema contributivo sia pari o superiore al maggiore fra i seguenti due importi: 1. quello risultante dalla rivalutazione, fino alla data di decorrenza teorica della pensione, dell importo pari a 1,5 volte l assegno sociale vigente nel La rivalutazione è effettuata perequando tale importo di partenza alla dinamica della media quinquennale del valore nominale del PIL nei 5 anni precedenti ciascun anno; 2. quello pari a 1,5 volte l assegno sociale vigente alla data di decorrenza teorica della pensione. Nel 2012 l importo soglia è, pertanto, pari a 643,50 euro (429,00 X 1,5) mensili lordi. Inoltre, la nuova normativa prevede che si prescinde dal requisito d importo all età di 70 anni, anch essa soggetta all incremento per speranza di vita (circolare Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 1.2, lett. b) in presenza del requisito di contribuzione che, a tale età, è fissato a 5 anni di contribuzione effettiva. Il requisito d importo si applica soltanto quando l assicurazione previdenziale abbia avuto inizio dopo il 31 dicembre 1995, non anche ai soggetti che, avendo dato vita all assicurazione previdenziale in data precedente, abbiano poi optato per il sistema di calcolo interamente contributivo (art. 24, comma 7, ultimo periodo, DL 201/2011 conv. L 214/2011). Le pensioni IVS Decorrenza Con la nuova legge è stata soppressa l attesa di 12 o i 18 mesi prevista per la decorrenza dalla previgente normativa. Pertanto, tutti i lavoratori e le lavoratrici di qualsiasi settore di lavoro, che raggiungano il diritto a pensione di vecchiaia nel regime contributivo a partire dal 1 gennaio 2012, si vedranno liquidare la pensione a seconda della prestazione e della gestione che liquida, dal 1 giorno del mese successivo la maturazione del diritto o, nelle forme esclusive e sostitutive dell Ago, dal giorno successivo il raggiungimento del requisito (art. 24, comma 5, DL 201/2011 conv. L 214/2011). I lavoratori e le lavoratrici che invece hanno perfezionato il requisito entro il 31 dicembre 2011, ivi compresa, per i lavoratori dipendenti, la cessazione del rapporto di lavoro sottostanno al regime delle decorrenze previsto dalla normativa vigente alla data in cui il requisito si è perfezionato. Per questo, vedi l ap- 155

8 La pensione di vecchiaia ETA ANNO donne uomini dipendenti settore privato autonome dipendenti settore pubblico tutti i settori posito capitolo pubblicato in appendice, a pag Comunque, nel caso in cui questi stessi lavoratori, pur avendo perfezionato il requisito entro il 31 dicembre 2011 si trovino anche nelle condizioni previste dalla nuova normativa per il diritto a pensione, possono accedervi senza alcun differimento. Ad esempio, un lavoratore autonomo che abbia compiuto 65 anni di età nel mese di dicembre 2011 e, alla data di entrata in vigore della nuova normativa fosse ancora in attesa dell apertura della finestra, fissata al 18 mese dal compimento dei requisiti, quindi al 1 giugno 2013, può essere andato in pensione il 1 gennaio 2013, cioè il primo giorno del mese successivo alla data di compimento del 66 anno di età, requisito previsto per la pensione di vecchiaia dalla nuova normativa nel Si veda per questo la circ. Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 7.1. Il Ministero della funzione pubblica esclude tale possibilità per i dipendenti pubblici (circ. 2 dell 8 marzo 2012). 156

9 CONTRIBUZIONE donne e uomini tutti i settori IMPORTO donne e uomini tutti i settori fino al 69 fino al 70 fino al 69 fino al 70 anno di età anno di età anno di età anno di età Le pensioni IVS 20 5 (contribuzione effettiva) il più elevato tra: - importo dell AS vigente nel 2012 X 1,5 rivalutato con media quinquennale PIL - importo dell AS vigente nell anno di decorrenza teorica della pensione X 1,5 non richiesto ECCEZIONI E DEROGHE (sia per il regime retributivo che per il regime contributivo) La legge 214/2011 ha individuato alcuni casi eccezionali in cui si continua ad applicare la normativa previgente in luogo della nuova o in cui si fissano requisiti particolari. Per quanto riguarda la normativa previgente, si intende che essa viene richiamata interamente, requisiti e regime di decorrenza, con le rispettive deroghe ed eccezioni. Per evitare di complicare l esposizione della normativa vigente dal 2012, la redazione del Vademecum ha preferito isolare l intero corpus di norme vigenti alla data del 31 dicembre 2011 in un apposito capitolo pubblicato in appendice, a pag. 474, da consultare ogni volta che la nuova disciplina faccia riferimento alla vecchia. Requisiti maturati al 31 dicembre 2011 Mantengono il diritto al pensionamento con le norme stabilite dalla normativa previgente le lavoratrici e i lavoratori che avevano maturato i requisiti necessari per la pensione alla data del 31 dicembre Questi soggetti possono chiedere, all Ente di appartenenza, la certificazione dell avvenuta acquisizione del diritto (art. 24, comma 3, DL 201/2011 conv. L 214/2011). Comunque, questi stessi, se appartenenti al settore privato, possono accedere alla pensione di vecchiaia e anticipata in base ai requisiti richiesti dalla nuova disciplina se vi trovano convenienza, 157

10 La pensione di vecchiaia come ad esempio per il fatto che la decorrenza della pensione non è più soggetta a differimento (circ. Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 7.1). Il Ministero della funzione pubblica esclude tale possibilità per i dipendenti pubblici (circ. 2 dell 8 marzo 2012). Opzione sperimentale donne Rimane confermata la possibilità di accedere al pensionamento optando per il calcolo interamente contributivo, così come previsto dalla disciplina previgente (art. 1, comma 9, della legge 243/2004), le lavoratrici dipendenti, con 57 anni di età e 35 anni di contribuzione, e le lavoratrici autonome, con 58 anni di età e 35 anni di contribuzione. Tale possibilità rimane valida fino al A tal proposito l Inps precisa che, anche in questo caso, il requisito anagrafico è soggetto all adeguamento alla speranza di vita. Inoltre, sempre secondo l Inps, per poter utilizzare questa possibilità è necessario che entro il termine del non solo siano maturati i requisiti di età e contribuzione, ma si sia completata anche l attesa di un anno o di 18 mesi prevista dalla normativa previgente per la decorrenza della pensione (circ. Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 7.2). Totalizzazione Mantengono il diritto al pensionamento con le norme stabilite dalla normativa previgente le lavoratrici e i lavoratori che conseguono il diritto ricorrendo alla totalizzazione dei periodi assicurativi (circ. Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 10). 158 Esodati ed altre categorie di salvaguardati Sia con la stessa legge istitutiva delle nuove regole previdenziali (il DL 201/2011 convertito in legge 214/2011) che con una serie di provvedimenti legislativi e ministeriali successivi, la fase di passaggio dalla vecchia normativa alla richiesta dei nuovi requisiti per la pensione di vecchiaia e per la pensione anticipata è stata temperata per categorie di soggetti, per i quali la cessazione del rapporto di lavoro era già avvenuta o era stata già decisa nel contesto normativo previgente; soggetti per i quali, in sostanza, l affidamento su una determinata data di raggiungimento del diritto a pensione era entrata anche indirettamente nel processo decisionale del licenziamento o delle dimissioni incentivate prima della data di avvio dell iter parlamentare della nuova normativa, specialmente nei casi in cui tale decisione coinvolga per legge più soggetti in procedure codificate (es. liquidazione coatta o collocamento in mobilità). L assenza di un intervento specifico avrebbe comportato (ed in molti casi, purtroppo, ha comportato) per i soggetti

11 coinvolti un periodo più o meno lungo di assenza di reddito, non più retribuzione e non ancora pensione, esclusivamente a causa del mancato coordinamento tra norme previdenziali e norme lavorative. Le pensioni IVS Il susseguirsi di questi provvedimenti, scandito dalla avvilente necessità di reperire le risorse necessarie volta per volta, ha portato alla costituzione di cinque gruppi di salvaguardati, individuati in base a criteri a volte differenti tra un gruppo e l altro e con effetti anch essi a volte diversi. Prima salvaguardia (art. 24, comma 14, DL 201/2011 conv. L 214/2011) Nel limite massimo di persone, restano confermati i requisiti vigenti al nei seguenti casi: mobilità ordinaria, mobilità lunga, fondi di solidarietà di settore, con cessazione del lavoro intervenuta entro il 4 dicembre 2011, purché i lavoratori interessati raggiungano i requisiti per il pensionamento entro il periodo di fruizione del rispettivo trattamento (max soggetti). I titolari di prestazione straordinaria a carico dei fondi di solidarietà di settore restano a carico dei rispettivi Fondi fino al compimento del 62 anno di età (art. 24, comma 14, lettere a, b e c, DL 201/2011 conv. L 214/2011); autorizzazione alla prosecuzione volontaria dei contributi concessa antecedentemente al , entro un massimo di soggetti, purché entro la stessa data sia stato versato almeno un contributo, non vi sia stata rioccupazione nel frattempo e il requisito per il diritto a pensione, sulla base delle norme previgenti, avvenga in tempo utile da permettere la decorrenza della pensione entro il 5 dicembre 2013 (art. 24, comma 14, lettera d, DL 201/2011 conv. L 214/2011); esonero dal servizio concesso entro il 4 dicembre 2011, entro un massimo di 950 soggetti (art. 24, comma 14, lettera e, DL 201/2011 conv. L 214/2011); congedo per assistere figli con disabilità grave (art. 42 del TU 151 del 2001) in essere alla data del 31 ottobre 2011 purché il raggiungimento del requisito contributivo di 40 anni sia previsto entro due anni dall inizio del congedo, entro un massimo di 150 soggetti (art. 24, comma 14, lettera e-bis, DL 201/2011 conv. L 214/2011); risoluzione del rapporto di lavoro intervenuta entro il a seguito di accordi individuali o collettivi di incentivo all esodo, entro un massimo di soggetti, purché la decorrenza della pensione sia prevista entro il 6 dicembre 2013 in base ai vecchi requisiti (art. 6, comma 2 ter, DL 216/2011 conv. L 14/2012). 159

12 La pensione di vecchiaia Seconda salvaguardia (art. 22, comma 1, DL 95/2012 conv. L 135/2012) Nel limite massimo di persone, restano confermati i requisiti vigenti al nei seguenti casi: lavoratori coinvolti in accordi stipulati in sede governativa entro il 4 dicembre 2011, finalizzati alla gestione delle eccedenze occupazionali, anche se a tale data non risultino cessati dall attività lavorativa e collocati in mobilità purché raggiungano i requisiti per il pensionamento entro il periodo di fruizione del rispettivo trattamento (max soggetti). Lo stesso criterio si applica ai lavoratori per i quali l accordo per l accesso ai fondi di solidarietà di settore era stato già stipulato alla data del 4 dicembre 2011, anche se titolari di prestazione da data successiva, fermo restando che essi restano a carico dei rispettivi Fondi fino al compimento del 62 anno di età (ulteriori soggetti); autorizzati alla prosecuzione volontaria dei contributi concessa antecedentemente al , purché entro la stessa data sia stato versato almeno un contributo, non vi sia stata rioccupazione nel frattempo e il requisito per il diritto a pensione, sulla base delle norme previgenti, avvenga in tempo utile da permettere la decorrenza della pensione fra il 6 dicembre 2013 e il 5 dicembre 2014 (7.400 soggetti); risoluzione del rapporto di lavoro intervenuta entro il a seguito di accordi individuali o collettivi di incentivo all esodo, purché la decorrenza della pensione sia prevista fra il 7 dicembre 2013 e il 6 dicembre 2014 in base ai vecchi requisiti (6.000 soggetti). 160 Terza salvaguardia (art. 1, commi 231 e 233, L 228/2012 e DM lavoro 22 aprile 2013) Nel limite massimo di persone, restano confermati i requisiti vigenti al nei seguenti casi: lavoratori cessati dal rapporto di lavoro entro il 30 settembre 2012 e collocati in mobilità ordinaria o in deroga a seguito di accordi stipulati entro il 31 dicembre 2011, e che abbiano perfezionato i requisiti utili al trattamento pensionistico entro il periodo di fruizione dell indennità di mobilità e in ogni caso entro il 31 dicembre 2014 (2.560 soggetti); lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria entro il 4 dicembre 2011, con almeno un contributo volontario accreditato o accreditabile alla data del 6 dicembre 2011 ancorché abbiano svolto, successivamente alla data del 4 dicembre 2011, qualsiasi attività lavorativa purché non riconducibile a rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, a condizione che ne abbiano

13 ricavato un reddito annuo non superiore a euro e che perfezionino requisiti per una decorrenza della pensione entro il 5 dicembre 2014 (1.590 soggetti); lavoratori che hanno risolto il rapporto di lavoro entro il 30 giugno 2012, in ragione di accordi individuali sottoscritti anche ai sensi degli articoli 410, 411 e 412 del codice di procedura civile ovvero in applicazione di accordi collettivi di incentivo all esodo stipulati entro il 31 dicembre 2011, ancorché abbiano svolto, dopo la cessazione, qualsiasi attività lavorativa purché non riconducibile a rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, a condizione che ne abbiano ricavato un reddito annuo non superiore a euro e che perfezionino requisiti per una decorrenza della pensione entro il 5 dicembre 2014 (5.130 soggetti); lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria entro il 4 dicembre 2011 e collocati in mobilità ordinaria alla predetta data, i quali, in quanto fruitori della relativa indennità, devono attendere il termine della fruizione della stessa per poter effettuare il versamento volontario, a condizione che che perfezionino requisiti per una decorrenza della pensione entro il 5 dicembre 2014 (850 soggetti). Le pensioni IVS Quarta salvaguardia (art. 2, commi 5 bis e 5 ter, DL 101/2013, conv. L 125/2013 e artt. 11 e 11 bis DL 102/2013 conv. L 124/2013) Con i provvedimenti raggruppabili sotto l etichetta quarta salvaguardia sono state modificate o interpretate autenticamente alcune precedenti disposizioni di salvaguardia con l effetto di ampliare di circa unità la platea di soggetti per i quali restano confermati i requisiti vigenti al In particolare: i lavoratori cessati dal rapporto di lavoro tra il 1 gennaio 2009 e il 31 dicembre 2011 mantengono i vecchi requisiti, come stabilito nell art. 6, comma 2 ter, del DL 216/2011 conv. L 14/2012, anche se la cessazione non è conseguente ad accordi individuali sottoscritti anche ai sensi degli articoli 410, 411 e 412 del codice di procedura civile ovvero in applicazione di accordi collettivi di incentivo all esodo ma dipende da una decisione unilaterale, ferma restando la condizione di non superare euro annui di reddito derivante da eventuale ripresa di attività lavorativa non dipendente a tempo indeterminato e che perfezionino requisiti per una decorrenza della pensione entro il 5 dicembre 2014 (6.500 soggetti); ai lavoratori che erano in congedo di maternità nel corso dell anno 2011, derogati in base all art. 24, comma 14, lettera e bis) del DL 201/2011 conv. L 214/2011, si aggiungono quelli che, nello stesso anno, hanno fruito di permessi per assistenza a familiare disabile in base all art. 33, comma 3, della 161

14 La pensione di vecchiaia legge 104/1992 e in tutti i casi il termine di decorrenza della pensione come condizione per l applicazione della salvaguardia è spostato al 5 dicembre 2014 (2.500 soggetti); per esonero dal servizio in corso al 4 dicembre 2011, cui si riferisce la deroga stabilita con l art. 24, comma 14, lettera e) del DL 201/2011, si intende anche quello applicato ai dipendenti regionali, comprese ASL ed enti strumentali, ai sensi delle leggi regionali di recepimento dell art. 72, comma 1, del DL 112/2008, conv. L 133/2008 e si considera in corso al 4 dicembre 2011 anche se concesso successivamente su domanda presentata prima di tale data. Quinta salvaguardia (art. 1, comma 194, L 147/2013) Nel limite massimo di persone, restano confermati i requisiti vigenti al purché raggiunti entro il 5 dicembre 2014 nei seguenti casi: lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione anteriormente al 4 dicembre 2011 i quali possano far valere almeno un contributo volontario accreditato o accreditabile alla data del 6 dicembre 2011, anche se hanno svolto, successivamente alla data del 4 dicembre 2011, qualsiasi attività, non riconducibile a rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato; lavoratori il cui rapporto di lavoro si e risolto entro il 30 giugno 2012 in ragione di accordi individuali sottoscritti anche ai sensi degli articoli 410, 411 e 412 ter del codice di procedura civile, ovvero in applicazione di accordi collettivi di incentivo all esodo stipulati dalle organizzazioni comparativamente più rappresentative a livello nazionale entro il 31 dicembre 2011, anche se hanno svolto, dopo il 30 giugno 2012, qualsiasi attività non riconducibile a rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato; i lavoratori il cui rapporto di lavoro si e risolto dopo il 30 giugno 2012 ed entro il 31 dicembre 2012 in ragione di accordi individuali sottoscritti anche ai sensi degli articoli 410, 411 e 412 ter del codice di procedura civile, ovvero in applicazione di accordi collettivi di incentivo all esodo stipulati dalle organizzazioni comparativamente più rappresentative a livello nazionale entro il 31 dicembre 2011, anche se hanno svolto, dopo la cessazione, qualsiasi attività non riconducibile a rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato; 162 i lavoratori il cui rapporto di lavoro sia cessato per risoluzione unilaterale, nel periodo compreso tra il 1º gennaio 2007 e il 31 dicembre 2011, anche se hanno svolto, successivamente alla data di cessazione, qualsiasi attività non riconducibile a rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato;

15 i lavoratori collocati in mobilità ordinaria alla data del 4 dicembre 2011 e autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione successivamente alla predetta data, che, entro sei mesi dalla fine del periodo di fruizione dell indennità di mobilità perfezionino, mediante il versamento di contributi volontari, i requisiti vigenti al 6 dicembre Il versamento volontario potrà riguardare anche periodi eccedenti i sei mesi precedenti la domanda di autorizzazione stessa; lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione anteriormente al 4 dicembre 2011, ancorché al 6 dicembre 2011 non abbiano un contributo volontario accreditato o accreditabile alla predetta data, a condizione che abbiano almeno un contributo accreditato derivante da effettiva attività lavorativa nel periodo compreso tra il 1º gennaio 2007 e il 30 novembre 2013 e che alla data del 30 novembre 2013 non svolgano attività lavorativa riconducibile a rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato. Le pensioni IVS Requisiti ridotti In base ad una precisa indicazione di deroga, sono stati temporaneamente esclusi dall applicazione delle nuove norme i lavoratori appartenenti a categorie per le quali, in base alla normativa precedente, vigevano requisiti di età ridotti in considerazione della particolarità dell attività che svolgono; l applicazione dei requisiti vigenti al in ciascuna categoria sarebbe stata garantita fino all emanazione di un regolamento di armonizzazione delle norme previdenziali di tali categorie con le norme applicabili alla generalità dei cittadini, pur tenendo contro della specificità dell attività svolta (art. 24, comma 18, DL 201/2011, conv. L 214/2011). Il primo decreto di armonizzazione è stato pubblicato il 28 ottobre 2013 (DPR 157/2013) e riguarda gli spedizionieri doganali, i lavoratori non giornalisti dipendenti da imprese editrici di giornali quotidiani, di periodici e di agenzie di stampa sospesi dal lavoro per crisi, il personale viaggiante addetto ai pubblici servizi di trasporto, i lavoratori marittimi, i lavoratori dello spettacolo e sportivi professionisti iscritti all ex Enpals, già esclusi dall applicazione dei requisiti anagrafici introdotti con il DLgs 503/1992. Con questo decreto si pone fine al periodo transitorio, sancendo così il diritto a pensione per chi l ha raggiunto entro il 31 dicembre 2013 sulla base dei requisiti specifici vigenti in ogni categoria a tale data, e si dispongono nuovi limiti di età categoria per categoria, anch essi soggetti alla disciplina dell adeguamento automatico alla crescita dell aspettativa di vita, applicabili a partire dal 1 gennaio

16 La pensione di vecchiaia Età richiesta per la pensione di vecchiaia dal 1 gennaio 2014 (in anni e mesi) Anno marittimi Spedizionieri poligrafici autoferrotramvieri doganali (in crisi) (personale viaggiante) piloti e addetti altri al pilotaggio - - M F M F , Per tutte le categorie interessate dal decreto di armonizzazione è garantita l applicazione delle norme di salvaguardia, dalla prima alla quinta (che non era stata ancora pubblicata alla data di entrata in vigore del decreto) se più favorevoli (art. 11, commi 1 e 2, DPR 157/2013). Per il personale del comparto difesa-sicurezza e del comparto vigili del fuoco e soccorso pubblico si è in attesa di un secondo decreto di armonizzazione, da emanare non appena sia completato l opportuno confronto con le categorie interessate. In attesa di tale decreto, a tali lavoratori continuano ad applicarsi le rispettive normative vigenti al Per quanto riguarda invece il personale delle Ferrovie dello Stato, delle Poste italiane, i lavoratori iscritti agli ex Fondi speciali per i telefonici, elettrici, gasisti e dazieri, categorie che alla data del 31 dicembre 2011 usufruivano anch esse di regimi particolari di età pensionabile in considerazione delle specificità dell attività svolta, il DL 201/2011 non contiene disposizioni particolari: pertanto, la nuova normativa è applicabile integralmente a tali lavoratori a partire dal 1 gennaio 2012 (circ. Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 11). 164

17 sport e spettacolo Le pensioni IVS ballo attori canto sportivi professionisti ENAV - M F M F M F Lavoratrici del settore privato nate nel 1952 Le lavoratrici dipendenti del settore privato che raggiungono 20 anni di contribuzione e 60 anni di età entro il potranno accedere al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 64 anni (art. 24, comma 15 bis, DL 201/2011 conv. L 214/2011). A questo proposito, l Inps precisa che anche il requisito anagrafico di 64 anni è soggetto agli adeguamenti della speranza della vita, quindi le lavoratrici del settore privato che nel corso del 2012 compiranno 60 anni e avranno 20 anni di contributi potranno accedere alla pensione di vecchiaia a 64 anni e 7 mesi. I 7 mesi si ricavano dalla somma del primo scatto dell adeguamento alla speranza di vita del 2013 definito in 3 mesi, e del successivo del 2016, che sarà presumibilmente di 4 mesi. Inoltre, l Inps sottolinea che tale norma eccezionale va applicata alle lavoratrici che, alla data del 28 dicembre 2011 stavano svolgendo attività lavorativa dipendente nel settore privato (circ. Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 6, lettera b). 165

18 La pensione anticipata REGIME RETRIBUTIVO (inizio assicurazione previdenziale prima del 1 gennaio 1996) Requisito di età La pensione anticipata si consegue indipendentemente dal requisito anagrafico, anche se subisce una penalizzazione d importo nel caso in cui venga liquidata ad un età inferiore a 62 anni. Requisito di contribuzione Il requisito di contribuzione per la pensione anticipata è uguale per tutti i settori di lavoro ma è differente secondo il sesso; infatti, gli uomini raggiungono il requisito con un anno di contributi in più rispetto alle donne (art. 24, comma 10, DL 201/2011 conv. L 214/2011). Il nuovo requisito previsto per le donne di fatto corrisponde a quello richiesto dalla normativa previgente per la pensione di anzianità, se si considera il vecchio requisito alternativo pari a 40 anni di contributi e vi si aggiunge il differimento della decorrenza (la cosiddetta finestra ) che, ai sensi dell art. 18, comma 22 ter, del DL 98/2011 convertito in L 111/2011, avrebbe dovuto raggiungere la misura di 1 anno e 3 mesi nel Di conseguenza, il requisito contributivo per la pensione anticipata è fissato in 42 anni e 1 mese per gli uomini e 41 anni e 1 mese per le donne nel 2012, 42 anni e 2 mesi per gli uomini e 41 e 2 mesi per le donne nel 2013 e dal 2014 per gli uomini 42 anni e 3 mesi per gli uomini e 41 e 3 mesi per le donne. Poiché l adeguamento alla speranza di vita riguarda non solo i requisiti anagrafici ma anche il requisito contributivo per le pensioni anticipate (art. 24, comma 12, DL 201/2011 conv. L 214/2011), il requisito effettivamente richiesto anno per anno agli uomini e alle donne va ricavato dalla tabella che segue. La contribuzione da considerare per il raggiungimento del requisito contributivo è quella versata o accreditata a qualsiasi titolo in favore dell assicurato, fermo restando il perfezionamento dei 35 anni di contribuzione utile per il diritto alla pensione di anzianità così come disposto dalla previgente normativa, cioè senza il concorso di contribuzione figurativa per malattia o disoccupazione. 166 Requisito di cessazione del rapporto di lavoro Per i lavoratori dipendenti è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro; non è necessaria per i lavoratori autonomi.

19 anno donne tutti i settori CONTRIBUZIONE (in anni e mesi) uomini tutti i settori Le pensioni IVS Misura della pensione anticipata Se si accede al pensionamento ad un età inferiore a 62 anni è prevista una riduzione della quota di pensione calcolata con il sistema retributivo, che per alcuni corrisponde all anzianità contributiva maturata entro il mentre per coloro che si trovano nel c. d. sistema misto corrisponde all anzianità contributiva maturata entro il La misura di tale riduzione è pari all 1% per ciascuno dei primi due anni mancanti al raggiungimento dei 62 anni di età e al 2% per ogni ulteriore anno mancante. La riduzione non si applica se il raggiungimento del requisito contributivo avviene entro il 31 dicembre 2017 (art. 6, comma 2 quater, DL 216/2011 conv. L 14/2012). REGIME CONTRIBUTIVO (inizio assicurazione dopo il 31 dicembre 1995) PENSIONE ANTICIPATA A PRESCINDERE DALL ETÀ (art. 24, comma 10, DL 201/2011 conv. L 214/2011). Requisito di età La pensione anticipata si consegue indipendentemente dal requisito anagrafico. Requisito di contribuzione Il requisito di contribuzione per la pensione anticipata è uguale per tutti i settori di lavoro ma è differente secondo il sesso; infatti, gli uomini raggiungono il requisito con un anno di contributi in più rispetto alle donne (art. 24, comma 10, DL 201/

20 La pensione anticipata conv. L 214/2011). Il nuovo requisito previsto per le donne di fatto corrisponde a quello richiesto dalla normativa previgente per la pensione di anzianità, che si conseguiva con 40 anni di anzianità contributiva, più un anno di differimento della decorrenza (un anno e mezzo per gli autonomi) e ulteriori 3 mesi di differimento che, come stabilito con l art. 18, commi 22 ter, 22 quater e 22 quinques del decreto-legge 98/2011 convertito in legge 111/2011, verranno aggiunti gradualmente. Di conseguenza, il requisito contributivo per la pensione anticipata è fissato in 42 anni e 1 mese per gli uomini e 41 anni e 1 mese per le donne nel 2012, 42 anni e 2 mesi per gli uomini e 41 e 2 mesi per le donne nel 2013 e dal 2014 per gli uomini 42 anni e 3 mesi per gli uomini e 41 e 3 mesi per le donne. Poiché l adeguamento alla speranza di vita riguarda non solo i requisiti anagrafici ma anche il requisito contributivo per le pensioni anticipate (art. 24, comma 12, DL 201/2011 conv. L 214/2011), il requisito effettivamente richiesto anno per anno agli uomini e alle donne va ricavato dalla tabella che segue. La contribuzione da considerare per il raggiungimento del requisito contributivo è quella versata o accreditata a qualsiasi titolo in favore dell assicurato con esclusione di quella accreditata volontariamente. Requisito di cessazione del rapporto di lavoro Per i lavoratori dipendenti è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro; non è necessaria per i lavoratori autonomi. Requisito d importo Per la pensione anticipata, conseguibile indipendentemente dall età anagrafica nel sistema contributivo, non è richiesto alcun requisito d importo. 168 anno donne tutti i settori CONTRIBUZIONE (in anni e mesi) uomini tutti i settori

21 PENSIONE ANTICIPATA CON ALMENO 63 ANNI DI ETÀ (art. 24, comma 11, DL 201/2011 conv. L 214/2011). Nel solo regime contributivo la pensione anticipata è conseguibile anche con un anzianità contributiva ridotta, purché sussistano alcune condizioni di età e d importo. È opportuno precisare che, per regime contributivo, si intende il regime applicabile ai soli soggetti per i quali l assicurazione previdenziale ha avuto inizio dopo il 1995 e non anche quelli che, in presenza delle prescritte condizioni, optano per la liquidazione della pensione esclusivamente con il sistema contributivo. Si tratta di una precisa disposizione contenuta nell art. 24, comma 7, ultimo periodo, del DL 201/2011, convertito in legge 214/2011. Le pensioni IVS Requisito di età In questo caso è necessario rispettare un requisito minimo di età, fissato a 63 anni. Dal 2013 anche questo requisito anagrafico sarà incrementato degli adeguamenti alla speranza di vita. Il primo adeguamento scatterà nel 2013 e porterà il requisito anagrafico a 63 anni e 3 mesi. A causa del minimo di contribuzione richiesto (20 anni a partire dal 1 gennaio 1996), questa possibilità di accesso alla pensione sarà attivabile, di fatto, soltanto a partire dal 1 gennaio 2016, quando l età richiesta sarà presumibilmente 63 anni e 7 mesi per effetto del suo adeguamento alla speranza di vita. Requisito di contribuzione In presenza dell età sopra indicata, per accedere alla pensione anticipata sono sufficienti 20 anni di contribuzione. Per il raggiungimento dei 20 anni è utile solo la contribuzione effettivamente versata (obbligatoria, volontaria, da riscatto) con esclusione di quella accreditata figurativamente a qualsiasi titolo. Requisito di cessazione del rapporto di lavoro Per i lavoratori dipendenti è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro; non è necessaria per i lavoratori autonomi. Requisito d importo In questo caso, raggiungendo il diritto a pensione con una anzianità contributiva sensibilmente ridotto, si richiede un requisito d importo senza il quale la pensione non viene liquidata. Per tutti coloro che raggiungono il diritto alla pensione dal 1 gennaio 2012 in poi, la nuova normativa prevede che l importo della pensione calcolata con il sistema contributivo sia pari o superiore al maggiore fra i seguenti due importi: 169

22 La pensione anticipata 1. quello risultante dalla rivalutazione, fino alla data di decorrenza teorica della pensione, dell importo pari a 2,8 volte l assegno sociale vigente nel 2012, pari a 1.201,20 euro (429,00 X 2,8). La rivalutazione è effettuata perequando tale importo di partenza alla dinamica della media quinquennale del valore nominale del PIL nei 5 anni precedenti ciascun anno; 2. quello pari 2,8 volte l importo dell assegno sociale vigente alla data di decorrenza teorica della pensione. Questo limite si applica solo per età inferiori a quella stabilita per il diritto alla pensione di vecchiaia (vedi). Infatti, a tale età, il requisito d importo è stabilito in 1,5 volte l assegno sociale (osservando la regola del maggiore importo tra vigente o perequato). In ogni caso, la nuova normativa prevede che si prescinde dal requisito d importo all età di 70 anni, anch essa soggetta all incremento per speranza di vita (circolare Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 1.2, lett. b) in presenza del requisito di contribuzione che, a tale età, è fissato a 5 anni di contribuzione effettiva. Il requisito d importo si applica soltanto quando l assicurazione previdenziale abbia avuto inizio dopo il 31 dicembre 1995, non anche ai soggetti che, avendo dato vita all assicurazione previdenziale in data precedente, abbiano poi optato per il sistema di calcolo interamente contributivo (art. 24, comma 7, ultimo periodo, DL 201/2011 conv. L 214/2011). Età Contribuzione (in anni e mesi) (in anni) Anno donne e uomini tutti i settori fino all'età pensionabile Importo dall'età pensionabile fino a 70 anni dal 70 anno di età il più elevato tra: - importo dell AS vigente nel 2012 X 2,8 rivalutato con media quinquennale PIL - importo dell AS vigente nell anno di decorrenza teorica della pensione X 2,8 il più elevato tra: - importo dell'as vigente nel 2012 X 1,5 rivalutato con media quinquennale PIL - importo dell'as vigente nell'anno di decorrenza teorica della pensione X 1,5 non richiesto 170

23 ECCEZIONI E DEROGHE (sia per il regime retributivo che per il regime contributivo) La legge ha individuato alcuni casi eccezionali in cui si continua ad applicare la normativa precedente in luogo della nuova oppure si fissano requisiti particolari. Per quanto riguarda la normativa precedente, si intende che essa viene richiamata interamente, requisiti e regime di decorrenza, con le rispettive deroghe ed eccezioni. Per evitare di complicare l esposizione della normativa vigente dal 2012, la redazione del Vademecum ha preferito isolare l intero corpus di norme vigenti alla data del 31 dicembre 2011 in un apposito capitolo pubblicato in appendice, a pag. 474, da consultare ogni volta che la nuova disciplina faccia riferimento alla vecchia. Le pensioni IVS Requisiti maturati al 31 dicembre 2011 Mantengono il diritto al pensionamento con le norme stabilite dalla normativa previgente le lavoratrici e i lavoratori che avevano maturato i requisiti necessari per la pensione alla data del 31 dicembre Questi soggetti possono chiedere, all Ente di appartenenza, la certificazione dell avvenuta acquisizione del diritto (art. 24, comma 3, DL 201/2011 conv. L 214/2011). Comunque, questi stessi, se appartenenti al settore privato, possono accedere alla pensione di vecchiaia e anticipata in base ai requisiti richiesti dalla nuova disciplina se vi trovano convenienza, come ad esempio per il fatto che la decorrenza della pensione non è più soggetta a differimento (circ. Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 7.1). Il Ministero della funzione pubblica esclude tale possibilità per i dipendenti pubblici (circ. 2 dell 8 marzo 2012). Opzione sperimentale donne Rimane confermata la possibilità di accedere al pensionamento optando per il calcolo interamente contributivo, così come previsto dalla disciplina previgente (art. 1, comma 9, della legge 243/2004), le lavoratrici dipendenti, con 57 anni di età e 35 anni di contribuzione, e le lavoratrici autonome, con 58 anni di età e 35 anni di contribuzione. Tale possibilità rimane valida fino al A tal proposito l Inps precisa che, anche in questo caso, il requisito anagrafico è soggetto all adeguamento alla speranza di vita. Inoltre, sempre secondo l Inps, per poter utilizzare questa possibilità è necessario che entro il termine del non solo siano maturati i requisiti di età e contribuzione, ma si sia completata anche l attesa di un anno o di 18 mesi prevista dalla normativa previgente per la decorrenza della pensione (circ. Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 7.2). Totalizzazione Mantengono il diritto al pensionamento con le norme stabilite dalla normativa previgente le lavoratrici e i lavoratori che conseguono il diritto ricorrendo alla totalizzazione dei periodi assicurativi (circ. Inps n. 35 del 14 marzo 2012, punto 10). 171

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Interventi in materia previdenziale Roma, 14 marzo 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 Dal 2012 nuovi requisiti anagrafici e contributivi per

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 13.12.2013

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 13.12.2013 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 13.12.2013 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE** PENSIONI LIQUIDATE* 1^

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI ** PENSIONI LIQUIDATE* 1^ SALVAGUARDIA

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 08/05/2013

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 08/05/2013 Direzione Centrale Pensioni Roma, 08/05/2013 Circolare n. 76 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO (art. 1, comma 40, della legge n. 335 del 1995) Nei confronti dei soggetti

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

PER MAGGIORI INFORMAZIONI VI INVITIAMO A RECARVI PRESSO LA SEDE DEL PATRONATO ITAL-UIL PIÙ VICINA

PER MAGGIORI INFORMAZIONI VI INVITIAMO A RECARVI PRESSO LA SEDE DEL PATRONATO ITAL-UIL PIÙ VICINA NORME DI ARMONIZZAZIONE PER L ACCESSO ALLA PENSIONE DI VECCHIAIA PER IL PERSONALE VIAGGIANTE DEI PUBBLICI SERVIZI DI TRASPORTO E PERDITA DEL TITOLO ABILITANTE Il D.P.R. 28 ottobre 2013 n. 157 ha disposto

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI PENSIONABILITÁ Indice Inquadramento previdenziale dipendenti Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Nuovi riferimenti normativi Pensione di vecchiaia: requisiti

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl 1 Obiettivi Rispetto vincoli di bilancio Stabilità economicofinanziaria Rafforzamento sostenibilità sistema pensionistico Principi Equità e convergenza

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Lavoratori Salvaguardati

Lavoratori Salvaguardati Numero 104 Dicembre 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Aggiornamento al 12 dicembre 2014 dei n^ 53, 69 e 72 b di Previdenza Flash con le novità apportate dalla Legge n 147 del 22/10/2014

Dettagli

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI I SEZIONE 1 LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI La disciplina pensionistica: le principali norme 2 Dpr 1092/1973 - testo unico in materia di previdenza del personale civile e militare dello

Dettagli

Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di alcune gestioni ex Enpals, ex Indap e Inps ai requisiti della legge 214/2011

Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di alcune gestioni ex Enpals, ex Indap e Inps ai requisiti della legge 214/2011 INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo http://new.cgil.bergamo.it/inca/ 11 settembre 2013 Numero 21 Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219 Direzione Centrale Pensioni Roma, 04-01-2013 Messaggio n. 219 OGGETTO: Articolo 24, del d.l. n. 201 convertito dalla legge n. 214 del 2011: nuove disposizioni in materia di trattamenti pensionistici riguardanti

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

Prende il via la stretta sulle pensioni

Prende il via la stretta sulle pensioni a cura di Pino Pignatta testi di Paolo Ferri In collaborazione col Patronato Adi si allontana Dal 1 * gennaio la riforma che porta il nome del ministro del Welfare Elsa Fornero inizia a far sentire i suoi

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia).

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia). Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014 Messaggio n. 8881 Allegati n.2 OGGETTO: Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove

Dettagli

Come si va in pensione nel 2014...?

Come si va in pensione nel 2014...? Gennaio 2014 Come si va in pensione nel 2014...? A cura di G. Marcante Trattamenti di pensione di vecchiaia e di pensione anticipata Per i soggetti che matureranno i requisiti per il diritto a pensione

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale Fisco, Previdenza, Formazione Sindacale 31-5-2013 VP Decreto Interministeriale 22 aprile 2013 e Tabelle

Dettagli

Numero 82 Febbraio 2014

Numero 82 Febbraio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 82 Febbraio 2014 Questo è un numero davvero speciale di Previdenza Flash. TABELLA RIEPILOGATIVA DEI SOGGETTI SALVAGUARDATI, ESODATI E DEROGATI PER

Dettagli

CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE 22 DICEMBRE 2011, N. 214.

CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE 22 DICEMBRE 2011, N. 214. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO PER L'ARMONIZZAZIONE ALL'ASSICURAZIONE GENERALE OBBLIGATORIA DEI REQUISITI MINIMI DI ACCESSO AL PENSIONAMENTO DI CATEGORIE DI PERSONALE ISCRITTO

Dettagli

Corso per i collaboratori dello Spi-Cgil di belluno

Corso per i collaboratori dello Spi-Cgil di belluno Corso per i collaboratori dello Spi-Cgil di belluno LEGGE 214/2011 E LE MODIFICHE DEL 1000PROROGHE LEGGE 14/2012 I N C A - C G I L B E L L U N O 1 1. Pro-quota contributivo dal 2012 (comma 2) 2. Flessibilità

Dettagli

Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03.

Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03. Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03.2012 Nota congiunta CGIL e INCA a cura del Dipartimento

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti Dott. Massimo Brisciani Requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia art. 2 D.Lgs. 503/1992 Si acquisisce il diritto alla pensione al compimento

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

Cenni sulle pensioni.

Cenni sulle pensioni. Cenni sulle pensioni. Di seguito una sintesi della normativa in vigore dal 1 gennaio 2012 e dei requisiti dal 1 gennaio 2014. assistenza.previdenza@fisac.it 1 Pensioni dal 1 gennaio 2012 A partire dal

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico LA MANOVRA SALVA ITALIA Legge 214 del 22 dicembre 2011 (G.U. n. 300 del 27-12-2011 supplemento ordinario n. 276) Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico Gennaio 2012 A cura di Vanna Giantin

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

GUIDA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE PREVIDENZIALI UIL E DELL ITAL-UIL

GUIDA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE PREVIDENZIALI UIL E DELL ITAL-UIL LE NUOVE PENSIONI GUIDA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE PREVIDENZIALI UIL E DELL ITAL-UIL Avvertenza Alcuni contenuti della presente guida sono, nel momento in cui scriviamo, oggetto di ulteriori approfondimenti

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA )

LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA ) LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA ) L attuale Governo Monti ha iniziato il suo operato indicando tre parole d ordine: rigore, crescita ed equità. Ad oggi però è stato applicato ampiamente

Dettagli

1 - TIPOLOGIE DI LAVORATORI E CRITERI DI AMMISSIONE ALLA SALVAGUARDIA

1 - TIPOLOGIE DI LAVORATORI E CRITERI DI AMMISSIONE ALLA SALVAGUARDIA ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1 - TIPOLOGIE DI LAVORATORI E CRITERI DI AMMISSIONE ALLA SALVAGUARDIA Lavoratori di cui all art. 1, comma 194, Legge 147/13 a) Lavoratori

Dettagli

La riforma Monti-Fornero La sesta «Salvaguardia»

La riforma Monti-Fornero La sesta «Salvaguardia» La riforma Monti-Fornero La sesta «Salvaguardia» Legge n 147 del 22.10.2014 A cura di Salvatore Martorelli & Paolo Zani per FNP CISL Milano Aggiornata al 11 novembre 2014 2 La sesta salvaguardia Sulla

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Prot. n VII 8 n 12643 del 16.05.2012 Circolare n 12 del 16.05.2012 Allegati n A A Tutti i Professori e ricercatori Tutto il personale tecnico amministrativo LORO SEDI OGGETTO: Circolare informativa in

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ PENSIONI LE NOVITA Non è una novità, ma l obiettivo del governo è incassare più soldi con tutti i mezzi possibili.

Dettagli

Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo

Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo Circolare 14 settembre 1996 n. 180 INPS Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo OGGETTO: Legge 8 agosto 1995, n.335. Calcolo delle pensioni secondo

Dettagli

IL SINDACATO DEI CITTADINI LE NUOVE PENSIONI. Guida a cura dell area tecnica dell Ital Uil

IL SINDACATO DEI CITTADINI LE NUOVE PENSIONI. Guida a cura dell area tecnica dell Ital Uil IL SINDACATO DEI CITTADINI LE NUOVE PENSIONI Guida a cura dell area tecnica dell Ital Uil Le nuove pensioni Indice INDICE 1. Premessa pag. 5 1.1 I principi ispiratori pag. 6 Soppressione dell Inpdap e

Dettagli

intergenerazionale, con abbattimento dei privilegi e clausole derogative soltanto per le categorie più deboli;

intergenerazionale, con abbattimento dei privilegi e clausole derogative soltanto per le categorie più deboli; EDIZIONE 2012-2013 Presentazione La riforma della previdenza è uno dei più importanti interventi del Governo Monti per garantire il rispetto, degli impegni con l'unione Europea, in modo da accelerare il

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

Il trattamento pensionistico e previdenziale per il personale appartenente ai ruoli civili del Ministero dell Interno.

Il trattamento pensionistico e previdenziale per il personale appartenente ai ruoli civili del Ministero dell Interno. Trattamento economico del personale a riposo DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DEL PERSONALE E PER LE RISORSE STRUMENTALI E FINANZIARIE Il trattamento pensionistico e previdenziale per il personale appartenente

Dettagli

PATRONATO I.N.C.A. C.G.I.L. PROVINCIALE TORINO. - QUINTA SALVAGUARDIA : - Legge n.147 del 27 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014 -

PATRONATO I.N.C.A. C.G.I.L. PROVINCIALE TORINO. - QUINTA SALVAGUARDIA : - Legge n.147 del 27 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014 - PATRONATO I.N.C.A. C.G.I.L. PROVINCIALE TORINO - QUINTA SALVAGUARDIA : - Legge n.147 del 27 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014 - DI COSA SI TRATTA? L art.1, comma 191 della legge n.147/2013, ha innanzitutto

Dettagli

PENSIONI: COSA CAMBIA CON LA RIFORMA FORNERO

PENSIONI: COSA CAMBIA CON LA RIFORMA FORNERO Spedizione Poste Italiane SpA in abb. post. 70% Roma Aut. n. C/AC/RM/75/2011 - IN CASO DI MANCATO RECAPITO RESTITUIRE A CMP ROMANINA PENSIONI: COSA CAMBIA CON LA RIFORMA FORNERO Supplemento n. 1 al n.

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

Segreteria Provinciale di Cremona Viale Trento e Trieste, 54-26100 CREMONA Tel.0372/596811 fax 0372/596850 www.fimcremona.com

Segreteria Provinciale di Cremona Viale Trento e Trieste, 54-26100 CREMONA Tel.0372/596811 fax 0372/596850 www.fimcremona.com Segreteria Provinciale di Cremona Viale Trento e Trieste, 54-26100 CREMONA Tel.0372/596811 fax 0372/596850 www.fimcremona.com Comma 14, Art. 24 D.L. 201/2011 convertito con legge n. 214/2011; Art 6 D.L.

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 21 maggio 2015, n. 65 (in Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 116 del 21 maggio 2015), coordinato con la legge di conversione 17 luglio 2015,

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti

La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti in materia di previdenza pubblica, di sostegno alla

Dettagli

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014!

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! settembre 2013 SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! In attesa dell emanazione del previsto Decreto Ministeriale recante disposizioni per le cessazioni dal servizio, che tra l altro fissa il

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

DECRETO SALVA ITALIA

DECRETO SALVA ITALIA Anno I 02-0- 202 Iscr. Trib. Roma n 30/20 DECRETO SALVA ITALIA PRIMA INFORMATIVA SUI PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA PREVIDENZIALE Nella G.U. n. 300 del 27 dicembre 20 è stata pubblicata la Legge 23 dicembre

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2011 A TUTTI GLI UFFICI INAPA

Roma, 23 dicembre 2011 A TUTTI GLI UFFICI INAPA Direzione Tutela Diritti Sociali e Formazione Roma, 23 dicembre 2011 Circolare n. 037 A TUTTI GLI UFFICI INAPA Prot. 1241 Oggetto: Conversione in legge del DL 6 dicembre 2011, n. 201 - Articolo 24: disposizioni

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/03/2011. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Armonizzazione all assicurazione generale obbligatoria dei requisiti minimi di accesso al sistema pensionistico per alcune categorie di lavoratori

Armonizzazione all assicurazione generale obbligatoria dei requisiti minimi di accesso al sistema pensionistico per alcune categorie di lavoratori Armonizzazione all assicurazione generale obbligatoria dei requisiti minimi di accesso al sistema pensionistico per alcune categorie di lavoratori (Schema di decreto del Presidente della Repubblica n.

Dettagli

INDICE. PAG. 4 Presentazione. PAG. 9 Riforma Pensioni 2011. PAG. 14 Tabelle sulle pensioni. PAG. 18 Riferimenti online.

INDICE. PAG. 4 Presentazione. PAG. 9 Riforma Pensioni 2011. PAG. 14 Tabelle sulle pensioni. PAG. 18 Riferimenti online. PAG. 4 Presentazione INDICE Sottotitolo PAG. 9 Riforma Pensioni 2011 PAG. 14 Tabelle sulle pensioni PAG. 18 Riferimenti online PAG. 5 RIFORMA PENSIONI 2011 Presentazione della Segreteria Nazionale La recente

Dettagli

Diritto della previdenza sociale:

Diritto della previdenza sociale: Dipartimento di diritto privato e storia del diritto Diritto della previdenza sociale: la tutela per l invalidità, vecchiaia e superstiti Dipartimento di diritto privato e storia del diritto Università

Dettagli

SOMMARIO. Art. 1 Art. 2

SOMMARIO. Art. 1 Art. 2 Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 Norme per il riordinamento del sistema previdenziale dei lavoratori privati e pubblici, a norma dell articolo 3 della legge 23 ottobre 1992, n. 421 Pubblicato

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero)

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) le nuove pensioni dal 1 gennaio 2012 nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) D.L. 6 dicembre 2011, n.201, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n.214, art.24 «3. Il

Dettagli

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Secondo le stime più attendibili, di 350 mila lavoratori che si trovano a dover

Dettagli

Locali. Dipendenti Dello Stato

Locali. Dipendenti Dello Stato IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA A cura di: Alessandra Carta Cassa Pensione dei Dipendenti degli Enti Locali Cassa Pensione Insegnanti di asilo e di scuole elementari parificate Cassa Pensione Ufficiali Giudiziari

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici previsti dal 2011

Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici previsti dal 2011 Dossier Rassegna.it Pensioni, cosa cambia La nostra guida Decorrenze di anzianità e vecchiaia, finestre, pensioni anticipate, aumento dell'età pensionabile per le donne del pubblico impiego, ricongiunzioni.

Dettagli

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011 Il presente lavoro mette a confronto i requisiti di accesso alla pensione di Vecchiaia e alla pensione di Anzianità/Anticipata con le

Dettagli

Oggetto: Decreto interministeriale a tutela dei lavoratori salvaguardati ex art.24 della L.214/11

Oggetto: Decreto interministeriale a tutela dei lavoratori salvaguardati ex art.24 della L.214/11 Linea di Prodotto Previdenza Linea di Prodotto Pubblica Amministrazione Data: Num. Protocollo: Oggetto: Decreto interministeriale a tutela dei lavoratori salvaguardati ex art.24 della L.214/11 E stato

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

SCUOLA: pensionamenti 2015!

SCUOLA: pensionamenti 2015! dicembre2014 SCUOLA: pensionamenti 2015! a cura di G. Marcante Il MIUR. Con D.M. nr.886 del 1 dicembre 2014 ha stabilito giovedì 15 gennaio 2015 come termine ultimo per la presentazione delle domande di

Dettagli

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 15 Maggio 2008 Circolare n. 60 Allegati n. 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei

Dettagli

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE MODIFICHE PRINCIPALI PENSIONI DI VECCHIAIA Nuovi requisiti amministrativi, di età per l accesso al pensionamento e nuovi sistemi di calcolo PENSIONE

Dettagli

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Messaggio 4 gennaio 2013, n.219

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Messaggio 4 gennaio 2013, n.219 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Messaggio 4 gennaio 2013, n.219 Articolo 24, del d.l. n. 201 convertito dalla legge n. 214 del 2011: nuove disposizioni in materia

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Direzione Generale. Roma, 14/03/2012 Circolare n. 37

Direzione Generale. Roma, 14/03/2012 Circolare n. 37 Direzione Generale Roma, 14/03/2012 Circolare n. 37 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Rinnovo delle pensioni per l anno 2013

Rinnovo delle pensioni per l anno 2013 IL PATRONATO DEI CITTADINI Via Po, 162-00198 Roma Tel: 06. 85 23 31 Fax: 06. 85 23 34 88 informazioni@pec.italuil.it www.italuil.it LETTERA ITAL - PERIODICO TELEMATICO Iscrizione Tribunale Civile di Roma

Dettagli

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa LA PENSIONE INPDAP informa LA PENSIONE Pensione ordinaria di vecchiaia Pensione ordinaria di anzianità Cumulo tra prestazione pensionistica diretta e redditi da lavoro Pensione di inabilità Altre tipologie

Dettagli

http://www.gazzettau ciale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&s...

http://www.gazzettau ciale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&s... Art. 24 Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici 1. Le disposizioni del presente articolo sono dirette a garantire il rispetto, degli impegni internazionali e con l'unione europea, dei vincoli

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi LE PENSIONI Nella manovra sui conti pubblici il pacchetto di misure introdotte dalla Legge n. 122/2010 in materia di pensioni si può considerare una vera e propria riforma, destinata ad imprimere una svolta

Dettagli