La normativa sui Patronati Legge n. 152/2001. Rimini, gennaio 2009

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La normativa sui Patronati Legge n. 152/2001. Rimini, 21-23 gennaio 2009"

Transcript

1 La normativa sui Patronati Legge n. 152/2001 Rimini, gennaio 2009

2 A CHI SI RIVOLGE A TUTTI I CITTADINI GRATUITAMENTE ANCHE SE NON ADERENTI AL MCL

3 FUNZIONI SVOLTE INFORMAZIONE ASSISTENZA TUTELA CON POTERE DI RAPPRESENTANZA

4 ATTIVITA Art. 8 Consulenza, assistenza e tutela su: Prestazioni in materia di previdenza e quiescenza obbligatorie e di forme sostitutive e integrative delle stesse Prestazioni erogate dal SSN Prestazioni socio-assistenziali, comprese quelle in materia di emigrazione e immigrazione Prestazioni erogate dai fondi di previdenza complementare

5 ATTIVITA Art. 9 Tutela in sede giudiziaria attraverso legali che hanno sottoscritto un apposita convenzione con SIAS, notificata alla Direzione Provinciale del Lavoro di competenza

6 ATTIVITA Art. 10 Attività diverse: Informazione sulle normative inerenti sicurezza sociale, previdenza, lavoro, mercato del lavoro, risparmio previdenziale, diritto di famiglia e delle successioni, fiscale Informazione, consulenza ed assistenza inerente la normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (Dlgs 626/94) Assistenza ed informazione per conto di Pubbliche Amministrazioni ed Istituzioni pubbliche e private per il conseguimento di prestazioni e benefici Regolamento attuativo ancora non emanato

7 Il nuovo regolamento di cui all art. art. 13 della Legge n. 152/2001

8 DECORRENZA 1 gennaio 2009

9 AMBITI COINVOLTI FINANZIAMENTO ORGANIZZAZIONE ATTIVITA

10 FINANZIAMENTO La Legge 152/2001 ha fissato la percentuale destinata al Fondo Patronati allo 0,226 rispetto al totale dei contributi versati dai lavoratori nelle gestioni amministrate da: INPS, INPDAP, INAIL e IPSEMA. Inoltre, ha fissato la ripartizione del Fondo tra Attività (89,90%) ed Organizzazione (10%) con lo 0,10% destinato al controllo delle sedi estere. Decreto 764/94 (art. 2) Attività 80% del Fondo, suddivisa: 72% per quella svolta in Italia 8% per quella svolta all estero Organizzazione 20% del Fondo, suddivisa: 17% per le strutture in Italia 3% per le strutture all estero Nuovo regolamento Attività 89,90% del Fondo, suddivisa: 80% per quella svolta in Italia 9,90% per quella estera Organizzazione 10% del Fondo, suddivisa: 8% per le strutture in Italia 2% per le strutture all estero

11 Decreto 764/94 (art. 8) SEDE CENTRALE ORGANIZZAZIONE LA STRUTTURA TERRITORIALE DEL PATRONATO Nuovo regolamento SEDE CENTRALE Deve essere ubicata a Roma (dove hanno sede le Istituzioni nazionali e le sedi centrali delle amministrazioni che erogano le prestazioni) SEDI REGIONALI SEDI PROVINCIALI SEDI ZONALI SEDI REGIONALI (EVENTUALI) Confermata, per le regioni con meno di quattro province, la possibilità di avere come responsabile regionale uno dei responsabili provinciali ovvero un responsabile regionale di regione limitrofa SEDI PROVINCIALI Deve essere ubicata nel capoluogo di provincia. E prevista la deroga per ubicare le sedi provinciali in comuni diversi rispetto al capoluogo di provincia, previa autorizzazione del Ministero SEDI ZONALI

12 NOVITA ORGANIZZAZIONE CARATTERISTICHE DELLE SEDI FUNZIONALMENTE AUTONOME TRA LORO E RISPETTO ALL ORGANIZZAZIONE PROMOTRICE OCCUPARE LOCALI DIVERSI DALLA STESSA ORGANIZZAZIONE PROMOTRICE E DAI SERVIZI DA QUESTA PROMOSSI ANCHE SE UBICATI NELLA STESSA STRUTTURA LA SEDE CENTRALE, LE REGIONALI, LE PROVINCIALI E LE ZONALI POSSONO OCCUPARE LOCALI CONCESSI DALL ORGANIZZAZIONE PROMOTRICE LE SEDI ESTERE POSSONO RISIEDERE PRESSO ASSOCIAZIONI O CONFEDERAZIONI PURCHE QUEST ULTIME SIANO RICONDUCIBILI ALL ORGANIZZAZIONE PROMOTRICE (ESPLICITATO CON ATTO SCRITTO) TUTTE LE SEDI, ANCHE QUELLE ESTERE, DOVRANNO OCCUPARE LOCALI CON DESTINAZIONE AD USO UFFICIO LE SEDI CHE OCCUPANO LOCALI IN AFFITTO DOVRANNO AVERE I RELATIVI CONTRATTI DI AFFITTO CONFORMI ALLA LEGISLAZIONE ITALIANA O DEL PAESE ESTERO

13 ORGANIZZAZIONE GLI OPERATORI Decreto 764/94 (art. 8) SEDE CENTRALE Almeno 12 operatori di cui non meno di 6 a tempo pieno SEDI REGIONALI Almeno 2 operatori di cui uno a tempo pieno e con funzioni da responsabile SEDI PROVINCIALI Almeno 2 operatori di cui uno a tempo pieno e con funzioni da responsabile SEDI ZONALI Almeno 1 operatore anche a tempo parziale (part-time non inferiore a 20 ore settimanali) Nuovo regolamento SEDE CENTRALE Confermati SEDI REGIONALI (OPZIONALI) Almeno 1 operatore a tempo pieno e responsabile della sede medesima SEDI PROVINCIALI Confermati SEDI ZONALI Almeno 1 operatore anche a tempo parziale (part-time non inferiore a 18 ore settimanali)

14 ORGANIZZAZIONE GLI OPERATORI I Responsabili provinciali non possono contemporaneamente essere anche responsabili di sede zonale L operatore assunto a tempo pieno può operare su due uffici zonali garantendo su ognuno l orario di apertura minimo previsto dal regolamento NOVITA Gli operatori in esubero rispetto alla consistenza minima prevista per la sede in cui operano (provinciale o zonale), possono essere impiegati in altri uffici zonali anche in modo non esclusivo

15 ORGANIZZAZIONE ORARI DI APERTURA Decreto 764/94 (art. 8) SEDI PROVINCIALI Almeno 5 giorni alla settimana e 6 ore giornaliere SEDI ZONALI Almeno 3 giorni alla settimana e 3 ore giornaliere Nuovo regolamento SEDI PROVINCIALI Orario di apertura al pubblico non inferiore a 30 ore settimanali SEDI ZONALI Orario di apertura al pubblico non inferiore a 10 ore settimanali ed orario di lavoro settimanale non inferiore a 18 ore MAGGIORE OPPORTUNITA DI MODULAZIONE DELL ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO DELLE SEDI A FRONTE DI UN INCREMENTO DELL ORARIO DI LAVORO PER GLI UFFICI ZONALI

16 ORGANIZZAZIONE PUNTEGGIO MINIMO PER RICONOSCIMENTO AUMENTO DEL PUNTEGGIO MINIMO RICHIESTO AI FINI DEL RICONOSCIMENTO ORGANIZZATIVO DELLE SEDI Tipo sede Decreto 764/94 (art. 9) Nuovo regolamento PROVINCIALE ZONALE

17 ORGANIZZAZIONE PUNTEGGIO RICONOSCIUTO Tipo sede Decreto 764/94 (artt. 9-13) Nuovo regolamento CENTRALE REGIONALE 2 1 PROVINCIALE 2 2 ZONALE 1 1 ESTERA PRINCIPALE - 2 DECENTRATA - 2 PRINCIPALE - 2 DECENTRATA - 1 La sede non è riconosciuta in caso non siano soddisfatti i requisiti minimi previsti (locali, operatori, punteggio attività, orario) I Patronati già riconosciuti hanno 24 mesi, dall entrata in vigore del regolamento, per adeguare le proprie sedi ai dettami previsti dal regolamento medesimo

18 MANDATO DI ASSISTENZA Il riconoscimento dell attività ai fini statistici è subordinata alla presenza del mandato di assistenza Sede SIAS delegata alla trattazione della pratica ORGANIZZAZIONE Dati mandatario Indicazioni su tutela dati personali (privacy) Data Oggetto del mandato Firma mandatario Firma dell operatore

19 ORGANIZZAZIONE NOVITA MANDATO DI ASSISTENZA E riconosciuto anche il mandato rilasciato da applicazioni che operano in modalità telematica In caso di mandato rilasciato da sede di patronato estera, questo deve essere conservato agli atti in lingua italiana Il subentro in una pratica presuppone l invio della revoca del precedente mandato da comunicare sia all amministrazione erogatrice la prestazione richiesta sia al precedente patronato tramite raccomandata con avviso di ricevimento

20 ORGANIZZAZIONE DOCUMENTAZIONE Tutta la documentazione inerente l attività svolta deve essere conservata per 5 anni I registri di apertura e chiusura (cartacei o informatici) devono essere conservati per 5 anni. Per i registri informatizzati l elenco degli assistiti deve essere in ordine alfabetico Conservazione: equiparazione del documento digitale a quello cartaceo (recepimento Legge 445/2000 e Dlgs 82/2005)

21 ORGANIZZAZIONE ISPEZIONI Sedi in Italia: Direzioni provinciali del lavoro Servizi Ispezione del Lavoro Sedi all estero: Ministero del Lavoro RICORSI NEI CONFRONTI DEI VERBALI ISPETTIVI Decreto 764/94 (art. 12) Nuovo regolamento Il Patronato entro 15 giorni dalla notifica del verbale di ispezione, può presentare le controdeduzioni ai rilievi presenti nel verbale di ispezione La sede centrale del Patronato entro 30 giorni dalla notifica del verbale di ispezione alla sede territoriale, può presentare le proprie istanze di rettifica al Ministero del Lavoro che entro 120 giorni decide in merito (qualora venissero superati i 120 giorni l istanza s intende accolta)

22 ORGANIZZAZIONE ISPEZIONI Sono equiparate ai provvedimenti di liquidazione, le risultanze provenienti da banche dati degli Istituti erogatori la prestazione purchè contengano gli estremi dell intervento richiesto ed il suo esito (es: INPS-Domus, estratti ccb per l estero) Per l estero la documentazione comprovante la definizione della pratica deve avere una data non anteriore al 1 gennaio dell anno precedente a quello di competenza statistica Riconoscimento della documentazione rilasciata con modalità telematica qualora prevista dall applicazione

23 ATTIVITA Si rivolge a tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro adesione all Organizzazione Promotrice Materia previdenziale, compresa quella complementare. Per quest ultima sono inclusi gli interventi nei confronti di gestori di previdenza complementare obbligatoria o contrattuale Socio-assistenziale Per l estero sono comprese anche le prestazioni non derivanti da contribuzione obbligatoria con erogazioni in servizi oppure in beni in natura Danni da lavoro o alla salute

24 ATTIVITA E introdotto il principio della NON unicità della pratica: Intervento dal quale scaturiscono più prestazioni, anche se erogate dal medesimo Istituto, ognuna di queste potrà essere riconosciuta ai fini statistici Interventi in convenzione internazionale riconosciuti, in caso di coinvolgimento di una sede estera, alla sede italiana ed alla sede estera Interventi con coinvolgimento di due o più sedi estere riconosciuti ad ognuna delle sedi intervenute nella definizione NON RICONOSCIUTI SOLO GLI INTERVENTI SOLLECITATORI

25 Decreto 764/94 ATTIVITA NUOVE TABELLE Nuovo regolamento INPS INTERVENTI IN MATERIA PREVIDENZIALE ATTIVITA VALUTABILE AI FINI DEL FINANZIAMENTO EX ART.13 PER L ATTIVITA ALL ESTERO INAIL ALTRI ENTI INTERVENTI IN MATERIA DI DANNI DA LAVORO E ALLA SALUTE INTERVENTI IN MATERIA SOCIO- ASSISTENZIALE Differenziazione effettuata non più rispetto all Istituto erogatore ma alla tipologia della prestazione richiesta

26 ATTIVITA NUOVE TABELLE Interventi in materia previdenziale (tab. A) 1 Pensione di inabilità 24 Sussidio straordinario di disoccupazione 2 Assegno di invalidità 25 Prestazioni economiche per tbc 3 Rinnovo assegno di invalidità 26 Indennità di maternità 4 Pensione di vecchiaia 27 Controversie per maternità e malattia 5 Pensione di anzianità o anticipata 28 Astensione anticipata per maternità 6 Pensioni ai superstiti 29 Ricongiunzione posizione assicurative 7 Pensioni supplementari 30 Denuncia, recupero e regolarizzazione contributive 8 Ricostituzioni pensioni per supplemento 31 Oper. relative a costituzione di posizioni assicurative obbligatorie 9 Ricostituzioni pensioni per contributi pregressi 32 Opposizione a rimborso prestazioni indebite 10 Pensioni complementari 33 Cure balneo-termali 11 Pensioni di mutualità e facoltativa 34 Ratei maturati e non riscossi Interessi legali 12 Costituzione posizione assicurativa (ex Indennità una tantum) 35 Doppia annualità di pensione SO 13 Assegno ai lavoratori anziani licenziati 36 Richiesta, verifica e rettifica sulle posizioni assicurative 14 Integrazione pensioni facoltative 37 Autorizzazione versamenti volontari 15 Ricostituzioni pensioni per motivi reddituali 38 Integrazione volontaria 16 Ricostituzioni pensioni per altri motivi 39 Riscatto periodi assicurativi 17 Assegni al nucleo familiare ai pensionati per carichi familiari sopravvenuti 40 Accredito contributi figurativi 18 Assegni al nucleo familiare ai lavoratori 41 Trasferimento pensioni 19 Assegni Familiari ai pensionati 42 Variazione dati pensione 20 Assegni Familiari ai lavoratori autonomi 43 Delega a riscuotere 21 Indennità di disoccupazione ai lavoratori non agricoli 44 Indennità di accompagnamento (INPS) 22 Indennità di disoccupazione ai lavoratori agricoli 45 Dichiarazioni reddituali 23 Indennità di mobilità

27 ATTIVITA NUOVE TABELLE Attività valutabile ai fini del finanziamento ex art. 13 L. 152/2001 per l attività all estero (tab. B) 1 Pensioni complementari 2 Dichiarazioni reddituali ai fini della determinazione del diritto o della conservazione del diritto a pensione trasmesse da sedi estere, nella misura certificata dall INPS

28 ATTIVITA PUNTEGGIO Interventi in materia previdenziale Codice Descrizione Punti 1 Pensione di inabilità 6 2 Assegno di invalidità 6 3 Rinnovo assegno di invalidità 6 4 Pensione di vecchiaia 5 5 Pensione di anzianità o anticipata 5 6 Pensione ai superstiti 5 7 Pensioni supplementari 5 8 Ricostituzioni pensioni per supplemento 4 9 Ricostituzioni pensioni per contributi pregressi 2 Per l estero 1 Pensioni complementari 4 2 Dichiarazioni reddituali 0,5

29 ATTIVITA NUOVE TABELLE Interventi in materia di danni da lavoro e alla salute (tab. C) 1 Riconoscimento di malattia professionale 18 Domanda riscatto rendita agricola (art. 220 T.U.) 2 Riconoscimento infortunio non denunciato 19 Reintegrazione rendita a superstiti (art. 85, 2 comma T.U.) 3 Riconoscimento danno biologico 20 Richiesta integrazione rendita 4 Riconoscimento pensione privilegiata (P.I.) 21 Riconoscimento postumi grado non indennizzabile 5 Riconoscimento del diritto a rendita 22 Richiesta accertamenti diagnostici specifici 6 Revisione infortuni e malattie professionali o danno biologico 23 Richiesta cure termali 7 Riconoscimento rendita a superstiti di titolare di rendita 24 Richiesta di protesi 8 Riconoscimento rendita a superstiti di non titolare di rendita 25 Richiesta assegno funerario 9 Riconoscimento primo pagamento indennità temporanea 26 Richiesta tripla annualità a superstiti (art. 85, p 1 T.U.) 10 Riconoscimento prolungamento indennità temporanea 27 Richiesta assegno assistenza personale continuativa 11 Riconoscimento causa di servizio 28 Richiesta assegno di incollocabilità grandi invalidi 12 Riconoscimento equo indennizzo 29 Richiesta rimborso medicinali 13 Riconoscimento affezioni da emoderivati 30 Richiesta spese di viaggio/diaria/indennità sostitutiva salario 14 Revisione quinquennale dell equo indennizzo 31 Richiesta liquidazione in capitale della rendita 15 Quota integrativa rendita con decorrenza successiva 32 Riconoscimento stato di handicap o di inidoneità al servizio 16 Ricaduta stato di inabilità assoluta temporanea 33 Pensioni di guerra, indennizzi e tabellari dirette 17 Riconoscimento prolungamento assegno giornaliero

30 ATTIVITA PUNTEGGIO Interventi in materia di danni da lavoro e alla salute Codice Descrizione Punti 1 Riconoscimento di malattia professionale 6 2 Riconoscimento infortunio non denunciato 6 3 Riconoscimento danno biologico 6 4 Riconoscimento pensione privilegiata (P.I.) 6 5 Riconoscimento del diritto a rendita 6 6 Revisioni infortuni e malattie professionali o danno biologico 6 7 Riconoscimento rendita a superstiti di titolare di rendita 5 8 Riconoscimento rendita a superstiti di non titolare di rendita 5 9 Riconoscimento primo pagamento indennità temporanea 4 10 Riconoscimento prolungamento indennità temporanea 4 11 Riconoscimento causa di servizio 3 12 Riconoscimento equo indennizzo 3 13 Riconoscimento affezioni da emoderivati 3 14 Revisione quinquennale dell equo indennizzo 3 33 Pensione di guerra, indennizzi e tabellari dirette 3

31 ATTIVITA NUOVE TABELLE Interventi in materia socio-assistenziale (tab. D) 1 Assegno o pensione di invalidità civile 2 Pensione ciechi 3 Pensione sordomuti 4 Pensione di guerra diretta o indiretta 5 Indennità di comunicazione 6 Indennità di frequenza 7 Pensione sociale 8 Assegno sociale 9 Indennità di accompagnamento 10 Richiesta permesso di soggiorno 11 Rinnovo permesso di soggiorno 12 Richiesta ricongiugimento familiare 13 Assegno di maternità 14 Assegno per i nuclei familiari con più di tre figli 15 Speciale assegno continuativo (orfani, vedova L. 248/1976)

32 ATTIVITA PUNTEGGIO Interventi in materia socio-assistenziale Codice Descrizione Punti 1 Assegno o pensione di invalidità civile 6 2 Pensione ciechi 6 3 Pensione sordomuti 6 4 Pensione di guerra diretta o indiretta 6 5 Indennità di comunicazione 4 6 Indennità di frequenza 4 7 Pensione sociale 4 8 Assegno sociale 4 9 Indennità di accompagnamento 1 10 Richiesta permesso di soggiorno 0,35 11 Rinnovo permesso di soggiorno 0,35 12 Richiesta ricongiungimento familiare 0,35

33 Interventi in materia previdenziale ATTIVITA CONFRONTO PUNTEGGIO Codice Descrizione 764/94 Nuovo regolamento 1 Pensione di inabilità Assegno di invalidità Rinnovo assegno di invalidità Pensione di vecchiaia 4 * 5 5 Pensione di anzianità o anticipata 4 * 5 6 Pensione ai superstiti 4 * 5 7 Pensioni supplementari 4 * 5 8 Ricostituzioni pensioni per supplemento 2 ** 4 9 Ricostituzioni pensioni per contributi pregressi 2 ** 2 Per l estero 1 Pensioni complementari Non statisticabile 4 2 Dichiarazioni reddituali Non statisticabile 0,5 * 3 punti se riferite ad Istituti diversi da INPS ** 1 punto se riferite a pensioni erogate da Istituti diversi da INPS

34 ATTIVITA CONFRONTO PUNTEGGIO Interventi in materia di danni da lavoro e alla salute Codice Descrizione 764/94 Nuovo regolamento 1 Riconoscimento di malattia professionale Riconoscimento infortunio non denunciato Riconoscimento danno biologico Riconoscimento pensione privilegiata (P.I.) Riconoscimento del diritto a rendita Revisione infortuni e malattie professionali o danno biologico Riconoscimento rendita a superstiti di titolare di rendita Riconoscimento rendita a superstiti di non titolare di rendita Riconoscimento primo pagamento indennità temporanea Riconoscimento prolungamento indennità temporanea Riconoscimento causa di servizio Riconoscimento equo indennizzo Riconoscimento affezioni da emoderivati Non statisticabile 3 14 Revisione quinquennale dell equo indennizzo Non statisticabile 3 33 Pensione di guerra, indennizzi e tabellari dirette 6 3

35 ATTIVITA CONFRONTO PUNTEGGIO Interventi in materia socio-assistenziale Codice Descrizione 764/94 Nuovo regolamento 1 Assegno o pensione di invalidità civile Pensione ciechi Pensione sordomuti Pensione di guerra diretta o indiretta Indennità di comunicazione Indennità di frequenza Non statisticabile 4 7 Pensione sociale Assegno sociale Indennità di accompagnamento Non statisticabile 1 10 Richiesta permesso di soggiorno Non statisticabile 0,35 11 Rinnovo permesso di soggiorno Non statisticabile 0,35 12 Richiesta ricongiungimento familiare Non statisticabile 0,35

36 ATTIVITA CON L ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO REGOLAMENTO, A PARTIRE DAL 2009, L ATTIVITA LEGALE VIENE EQUIPARATA, AI FINI STATISTICI, COME ATTIVITA AMMINISTRATIVA

37 ATTIVITA PENALIZZAZIONE ED INCENTIVO Introdotto meccanismo di verifica tra: Direzione Generale Dato statistico riepilogativo inviato Ministero del Lavoro Sede Provinciale Sede Provinciale Sede Provinciale Tabelle A/B Dato statistico inviato, verificato e convalidato DPL DPL DPL Sede Provinciale DPL

38 ATTIVITA PENALIZZAZIONE ED INCENTIVO Differenza tra somma dati locali inviati, verificati e convalidati e riepilogo nazionale dichiarato Se differiscono di una percentuale fino al 2%, tale scostamento viene abbattuto del 50% Se differiscono di una percentuale superiore al 2% ed inferiore o pari al 5%, viene confermato lo scostamento Se differiscono di una percentuale superiore al 5%, lo scostamento viene aumentato del 50% INCENTIVO ALL UTILIZZO DEL CANALE TELEMATICO CON AUMENTO DEL PUNTEGGIO DI TALI PRATICHE DI ULTERIORE 0,25 PUNTI (individuazione fatta con l ausilio di elenchi nominativi rilasciati dagli Istituti erogatori le prestazioni)

39 COMMISSIONE COMPOSIZIONE Decreto 764/94 (art. 12) DUE DIRIGENTI MINISTERIALI (UNO MINISTERO LAVORO E UNO MINISTERO TESORO) DUE FUNZIONARI DEL RUOLO ISPETTORATO DEL LAVORO TRA COLORO CHE EFFETTUANO VIGILANZA SUI PATRONATI Nuovo regolamento UN DIRIGENTE MINISTERO DEL LAVORO DUE FUNZIONARI DEL MINISTERO DEL LAVORO, SCELTI FRA COLORO CHE EFFETTUANO VIGILANZA SUI PATRONATI, DEI QUALI UNO CON FUNZIONI DI SEGRETARIO TRE FUNZIONARI IN RAPPRESENTANZA DI INPS, INAIL E INPDAP SEI RAPPRESENTANTI DEI PATRONATI QUATTRO FUNZIONARI IN RAPPRESENTANZA DI INPS, INAIL, INPDAP E IPSEMA DIECI RAPPRESENTANTI DEI PATRONATI (4 CEPA 3 CIPLA 1 CIPAS 1 COPAS 1 ALTRI) COMPITI Proporre modifiche alle tabelle statistiche Valutare lo stato di attuazione del regolamento attuativo Esprimere parere inerente le modalità di valutazione dell attività ove non siano presenti dati da parte delle Amministrazioni competenti Controllo degli elenchi provenienti dagli Istituti con reale attività svolta

NURSIND SEGRETERIA DI LECCO. Prestazioni Previdenziali INPS

NURSIND SEGRETERIA DI LECCO. Prestazioni Previdenziali INPS MARZO 2014 CONVENZIONE CON ANMIL La sezione di Lecco ha sede in: Indirizzo: C.So Martiri Liberazione, 86 Cap: 23900 Tel. 0341-1842580 Fax : 0341-1842583 E-Mail: lecco@anmil.it Le sedi dei Patronati e CAF

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Vista la legge 30 marzo 2001, n. 152, concernente la nuova disciplina per gli istituti di patronato e di assistenza sociale; Visto, in particolare, il

Dettagli

Il sottoscritto / La sottoscritta cognome nome. nato a il / /

Il sottoscritto / La sottoscritta cognome nome. nato a il / / Alla PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Agenzia provinciale per l'assistenza e la previdenza integrativa Via Zambra, 42 - Top Center 38121 T R E N T O apapi@pec.provincia.tn.it DOMANDA DI CONTRIBUTO A FAVORE

Dettagli

Patronato I.N.C.A.- C.G.I.L. Ufficio Provinciale della Camera del Lavoro 38100 TRENTO via dei Muredei, 8 - Tel. 0461/303911-303977

Patronato I.N.C.A.- C.G.I.L. Ufficio Provinciale della Camera del Lavoro 38100 TRENTO via dei Muredei, 8 - Tel. 0461/303911-303977 Patronato I.N.C.A.- C.G.I.L. Ufficio Provinciale della Camera del Lavoro 38100 TRENTO via dei Muredei, 8 - Tel. 0461/303911-303977 BENVENUTI AL PATRONATO INCA QUI SI SVOLGONO SOLO PRATICHE E ATTIVITA DI

Dettagli

Allegato alla deliberazione della Giunta n. 58 dd. 14 aprile 2015. IL SEGRETARIO dott. Roberto Orempuller PREMESSO:

Allegato alla deliberazione della Giunta n. 58 dd. 14 aprile 2015. IL SEGRETARIO dott. Roberto Orempuller PREMESSO: Allegato alla deliberazione della Giunta n. 58 dd. 14 aprile 2015 IL SEGRETARIO dott. Roberto Orempuller PREMESSO: - che le ACLI Trentine, nell attuazione dei propri scopi statutari, promuovono sul territorio

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE LE FINALITÀ DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Collegio Provinciale IPASVI di Gorizia L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ISTITUITA IL 24/3/1998

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 104 05.06.2015 Assegno per il nucleo familiare: i livelli reddituali 2015/2016 Aggiornati i nuovi livelli reddituali dell ANF

Dettagli

I servizi dello Sportello Enasco di Confcommercio Cosenza

I servizi dello Sportello Enasco di Confcommercio Cosenza I servizi dello Sportello Enasco di Confcommercio Cosenza Introduzione Da trent anni al servizio della società che lavora, l Enasco (Ente Nazionale di Assistenza Sociale per i Commercianti) è l ente di

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica FINALITA ASSICURA LA COPERTURA PREVIDENZIALE OBBLIGATORIA IN FAVORE DEGLI ISCRITTI, DEI LORO FAMILIARI E SUPERSTITI ATTRAVERSO

Dettagli

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 RICONGIUNZIONE Lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione: AGO INPS - IVS dipendenti e autonomi TOTALIZZAZIONE

Dettagli

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativo Roma, 28/11/2008 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle

Dettagli

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI in favore delle Persone in stato di bisogno

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI in favore delle Persone in stato di bisogno oltre l ISEE: le PRESTAZIONI ASSISTENZIALI in favore delle Persone in stato di bisogno ASSOCIAZIONE BANCO ALIMENTARE DEL PIEMONTE ONLUS Patronati: chi siamo Legge 152/2001 Art. 1. Finalità e natura giuridica

Dettagli

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA La sottostante tabella riporta i requisiti, introdotti dalla nuova riforma previdenziale, necessari per ottenere la pensione di anzianità e quella

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario)

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) 2 L INPS a garanzia del Sistema di Welfare Il Rapporto annuale dell INPS descrive il ruolo e le attività dell Istituto, offrendo un immagine dettagliata della società italiana

Dettagli

RIVOLGITI A NOI CON FIDUCIA PER TUTTE LE PRATICHE

RIVOLGITI A NOI CON FIDUCIA PER TUTTE LE PRATICHE Il SERVIZIO FISCALE facile e conveniente per tutti RIVOLGITI A NOI CON FIDUCIA PER TUTTE LE PRATICHE COLF E BADANTI Predisposizione contratto di lavoro Pratiche di assunzioni con comunicazione agli enti

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE DETERMINAZIONE 30 maggio 2012 Istanze e servizi INPS Gestione ex Inpdap ed ex ENPALS - Presentazione e consultazione telematica in via esclusiva - Decorrenza.

Dettagli

Giornata Formativa Rls Perugia Sala Conti Cgil 30 Settembre 2014

Giornata Formativa Rls Perugia Sala Conti Cgil 30 Settembre 2014 Giornata Formativa Rls Perugia Sala Conti Cgil 30 Settembre 2014 ECONOMICHE SANITARIE INTEGRATIVE Indennità per inabilità temporanea assoluta Rendita per inabilità permanente Assegno per assistenza personale

Dettagli

COSA SERVE PER. I documenti necessari per richiedere le prestazioni assistenziali e previdenziali

COSA SERVE PER. I documenti necessari per richiedere le prestazioni assistenziali e previdenziali COSA SERVE PER. I documenti necessari per richiedere le prestazioni assistenziali e previdenziali DOMANDA ASSEGNO SOCIALE Documenti necessari per compilare domanda assegno sociale da spedire telematicamente

Dettagli

Sintesi del Rapporto annuale 2013

Sintesi del Rapporto annuale 2013 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 8 luglio 2014 Sintesi del Rapporto annuale 2013 L Inps al servizio del Paese L Inps esercita da sempre un ruolo di riferimento e di guida nell ambito della sicurezza

Dettagli

Accordo quadro per il servizio di segnalazione dell attività di patronato con CAF-CNA

Accordo quadro per il servizio di segnalazione dell attività di patronato con CAF-CNA Accordo quadro per il servizio di segnalazione dell attività di patronato con CAF-CNA Roma, 08 marzo 2017 Accordo di Servizio 1. Oggetto dell accordo 2. Tempistiche sulla gestione delle segnalazioni 3.

Dettagli

Un pò di ferrovia INDICE INTRODUZIONE 1

Un pò di ferrovia INDICE INTRODUZIONE 1 Un pò di ferrovia INDICE INTRODUZIONE 1 EVOLUZIONE E SVILUPPO DEL TRASPORTO FERROVIARIO IN EUROPA 3 1. La riforma del mercato ferroviario nel contesto dello sviluppo e dell integrazione europea 3 2. La

Dettagli

PENSIONAMENTI DAL 1 SETTEMBRE 2014

PENSIONAMENTI DAL 1 SETTEMBRE 2014 PENSIONAMENTI DAL 1 SETTEMBRE 2014 Personale docente, educativo e ATA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE E LORO EVENTUALE REVOCA ENTRO IL 7 FEBBRAIO 2014 ESCLUSIVAMENTE ON LINE CON POLIS MODALITA DI PRESENTAZIONE

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Oggetto: Certificazione del diritto alla prestazione pensionistica ai sensi dell art.1, comma 3, della Legge 23 agosto 2004, n.243.

Oggetto: Certificazione del diritto alla prestazione pensionistica ai sensi dell art.1, comma 3, della Legge 23 agosto 2004, n.243. A tutto il personale SEDE Oggetto: Certificazione del diritto alla prestazione pensionistica ai sensi dell art.1, comma 3, della Legge 23 agosto 2004, n.243. La legge n.243/04, di riforma delle pensioni,

Dettagli

Scritto da Lunedì 04 Febbraio 2013 12:11 - Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 13:39

Scritto da Lunedì 04 Febbraio 2013 12:11 - Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 13:39 SOMMARIO: - ERRATA CORRIGE BROCHURE ENPAF - Contributi - riscossione 2013 - Prestazioni - invio CUD ERRATA CORRIGE BROCHURE ENPAF Si riportano di seguito le correzioni alla versione della brochure dell'enpaf

Dettagli

OGGETTO : Certificazione del diritto alla prestazione pensionistica ai sensi dell articolo 1, comma 3 della legge 23 agosto 2004, n. 243.

OGGETTO : Certificazione del diritto alla prestazione pensionistica ai sensi dell articolo 1, comma 3 della legge 23 agosto 2004, n. 243. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Struttura di Progetto Costituzione Posizione

Dettagli

Prestazioni Previdenziali INPS, ex INPDAP, ex ENPALS, ecc..

Prestazioni Previdenziali INPS, ex INPDAP, ex ENPALS, ecc.. Presentazione L ENAC è il Patronato dell Unione Coltivatori Italiani, che si occupa su tutto il territorio nazionale della tutela sociale di tutti i cittadini, per la richiesta di tutte le prestazioni

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Dipartimento Affari finanziari. Agenzia provinciale per l'assistenza e la previdenza integrativa

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Dipartimento Affari finanziari. Agenzia provinciale per l'assistenza e la previdenza integrativa PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Affari finanziari Agenzia provinciale per l'assistenza e la previdenza integrativa Proposta di massimario di conservazione e di scarto INDICE DI CLASSIFICAZIONE

Dettagli

5. Prestazioni di natura previdenziale

5. Prestazioni di natura previdenziale 5. Prestazioni di natura previdenziale Premessa Il tema della riforma delle pensioni in questi ultimi anni, è stato materia di grande dibattito e di aspri scontri. Ricordiamo ad esempio la riforma Maroni

Dettagli

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi ASPI e MINI ASPI LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2 Cessazioni dal 1/1/2013 Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi sostituiscono disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali disoccupazione

Dettagli

Luigi Pelliccia PENSIONI E PREVIDENZA 2011

Luigi Pelliccia PENSIONI E PREVIDENZA 2011 Luigi Pelliccia PENSIONI E PREVIDENZA 2011 Luigi Pelliccia Pensioni e previdenza 2011 SINTESI Le pensioni rappresentano una materia apparentemente complessa, ma nella realtà affascinante perché consente

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

Testi e commenti a cura di Morena dall Olio - Villiam Zanoni Redazione a cura di Giorgia Zani Si ringrazia della collaborazione l Inca Nazionale

Testi e commenti a cura di Morena dall Olio - Villiam Zanoni Redazione a cura di Giorgia Zani Si ringrazia della collaborazione l Inca Nazionale Testi e commenti a cura di Morena dall Olio - Villiam Zanoni Redazione a cura di Giorgia Zani Si ringrazia della collaborazione l Inca Nazionale I documenti contenuti in questo manuale hanno la funzione

Dettagli

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Anno 2012 PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Percorso ENPAPI: previdenziale ENTRAT ISCRIZIONE A GESTION E CONTRIBUZIONE

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione...

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione... SOMMARIO Presentazione... Prefazione... V VII Capitolo I - Profili generali della previdenza forense 1. La previdenza dei liberi professionisti... 3 2. (Segue): caratteristiche generali del regime previdenziale

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 VENEZUELA ACCORDO AMMINISTRATIVO PER L APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE TRA LA REPUBBLICIA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA (Firmata a Roma il 7 giugno 1988) Per l applicazione

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

Servizi online > Elenco di tutti i servizi > Ricorsi 22 aprile 2011 amministrativi (2)

Servizi online > Elenco di tutti i servizi > Ricorsi 22 aprile 2011 amministrativi (2) Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e Provincia via Imre Nagy n. 58 - Località Borgochiesanuova 46100 Mantova Telefono 0376 324660-366221 - 3652474 - fax 0376 365287 E-mail sab.mn@fabi.it Dal 1 ottobre,

Dettagli

Analisi dell andamento 2008-2011. Milano 30/31 marzo 2012

Analisi dell andamento 2008-2011. Milano 30/31 marzo 2012 Analisi dell andamento 2008-2011 2011 Progetto lavoro Pensioni di anzianità, vecchiaia e invalidità Pensioni in convenzione con l estero Supplementi e ricostruzioni delle pensioni Pensioni (settore pubblico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Norme di attuazione delle disposizioni di cui al titolo IV del regolamento del Fondo di Previdenza Generale (Approvate dal Consiglio

Dettagli

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione Il nuovo cumulo, terza via per la pensione La legge di stabilità 2013 (Legge n. 228/2012) per rendere meno gravosi i requisiti di accesso alla pensione dopo la riforma Monti-Fornero ha previsto, accanto

Dettagli

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014 La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti Latina, 18 novembre 2014 La Previdenza dei Dottori Commercialisti o1 La previdenza dei Dottori Commercialisti: La posizione assicurativa Dottore Commercialista

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE Il contratto per la fornitura del servizio di elaborazione paghe ha generalmente validità di 12 mesi e comprenderà tutte le elaborazioni mensili ed annuali,

Dettagli

Lavoratori Salvaguardati

Lavoratori Salvaguardati Numero 104 Dicembre 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Aggiornamento al 12 dicembre 2014 dei n^ 53, 69 e 72 b di Previdenza Flash con le novità apportate dalla Legge n 147 del 22/10/2014

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota

Dettagli

Pensione e assegno di invalidità - Pensione di inabilità

Pensione e assegno di invalidità - Pensione di inabilità Sommario 1 Pensioni Perequazione automatica - Aumenti per costo vita 8 Importi mensili e annui delle pensioni 11 Importo aggiuntivo erogato sulla 13 a mensilità/art. 70 - L. 388/2000 12 Somma aggiuntiva

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

RIFERIMENTI STORICI E NORMATIVI

RIFERIMENTI STORICI E NORMATIVI FONDO VOLO (VL) E un fondo sostitutivo dell assicurazione generale obbligatoria ed ha la finalità di provvedere alla liquidazione delle pensioni del personale di volo: piloti, assistenti di volo e tecnici

Dettagli

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI PRESIDENZA Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA PRATICA DI PENSIONE

DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA PRATICA DI PENSIONE DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA PRATICA DI PENSIONE Documentazione di rito: Domanda pagamento pensione diretta ordinaria (triplice copia) su modulistica INPDAP. Richiesta detrazioni fiscali e assegni familiari

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva nell Assistenza Integrativa e Protesica INVALIDITA CIVILE: perché e quali vantaggi Dott. Lorenzo Brusa Dott.ssa Laura Signorotti CHI E L INVALIDO CIVILE Si considerano mutilati

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 17 Febbraio 2009 Circolare n. 20 Allegati 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai

Dettagli

Alberto BERGIANTI Dottore Agronomo 0522/245091 329/0979981 a.bergianti@studiobergianti.it

Alberto BERGIANTI Dottore Agronomo 0522/245091 329/0979981 a.bergianti@studiobergianti.it OPPORTUNITA E SERVIZI Alberto BERGIANTI Dottore Agronomo 0522/245091 329/0979981 a.bergianti@studiobergianti.it Padova 02 aprile 2014 ISCRIZIONE PRIMA DEL 30 ANNO DI ETA Per chi si iscrive all Ente prima

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA (INRIM) REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI (decreto del Presidente dell INRIM n 332/2006, del 28 dicembre 2006) INRIM_Regol_dati_sensibili_e_giudiziari_28.12.06

Dettagli

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense IL PRATICANTE E LA CASSA. Il praticante non ha alcun tipo di obbligo nei confronti della Cassa. Non deve inviare il MODELLO 5, non deve applicare in fattura il contributo integrativo del 4% e di conseguenza

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 TUTELA ottavo 10-2012:Layout 1 18-10-2012 14:44 Pagina 3 quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 Tutela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96

Dettagli

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S.

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S. BRASILE PROTOCOLLO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO DI EMIGRAZIONE FRA L ITALIA ED IL BRASILE DEL 9/12/1960 Firma: Brasilia, 30 gennaio 1974 Ratifica: legge 6 aprile 1977, n. 236 G.U. del 1 giugno 1977, n. 147 Entrata

Dettagli

U. O. n 2 Ufficio 2. Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015

U. O. n 2 Ufficio 2. Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015 Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche Statali di ogni ordine e grado della provincia LORO SEDI e,p.c. All U. S. R. per la Calabria Via Lungomare 259 88100 CATANZARO

Dettagli

13 lezione il sistema della previdenza

13 lezione il sistema della previdenza 13 lezione il sistema della previdenza Legislazione sociale del lavoro Legislazione sociale preventiva PREVIDENZA assistenza Statuto dei lavoratori Privacy Sicurezza 1 La previdenza sociale è una branca

Dettagli

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario TuttoInps Le prestazioni a sostegno del reddito L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA... 2 L'ASSEGNO AL CONIUGE... 2 I REQUISITI... 3 PER QUALI PERSONE SPETTA... 3 LA DOMANDA... 4 CHI

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Pensioni INPS. Prime tabelle

Pensioni INPS. Prime tabelle Pensioni INPS 2012 Prime tabelle Gli importi delle pensioni INPS dal 1 gennaio 2012 e limiti di reddito per alcune prestazioni sociali La perequazione automatica in base all aumento del costo della vita,

Dettagli

Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali

Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali La previdenza e l assistenza economica Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali Aliquote contributive aliquota di finanziamento: la quota della retribuzione lorda che viene versata sotto forma

Dettagli

ATA, UN LAVORO IMPORTANTE. Corso di formazione Le pensioni: il ruolo della segreteria. Proteo Fare Sapere Lombardia FLC CGIL Lombardia

ATA, UN LAVORO IMPORTANTE. Corso di formazione Le pensioni: il ruolo della segreteria. Proteo Fare Sapere Lombardia FLC CGIL Lombardia Proteo Fare Sapere Lombardia FLC CGIL Lombardia ATA, UN LAVORO IMPORTANTE Lavori e professionalità per la scuola dell autonomia. Gestire le risorse, conoscere la normativa, partecipare ai progetti Corso

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ART. 21 COMMI 8 E 9 LEGGE N. 247/2012 (Delibera del Comitato dei Delegati del 31 gennaio 2014 e successive modificazioni - Approvato con nota ministeriale del 7 agosto 2014

Dettagli

Roma, 21/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 100

Roma, 21/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 100 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Organizzazione Ufficio Centrale di monitoraggio e coordinamento in materia di protezione dei dati personali e accesso alle banche

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

OGGETTO: COLLOCAMENTI A RIPOSO DAL 01/09/2015 PERSONALE DELLA SCUOLA. INDICAZIONI OPERATIVE

OGGETTO: COLLOCAMENTI A RIPOSO DAL 01/09/2015 PERSONALE DELLA SCUOLA. INDICAZIONI OPERATIVE Prot. n. 4279 /AA25 CIRCOLARE DOCENTI N. 99 del 18 /11/2014 CIRCOLARE ATA N. 95 del 18 /11/2014 A TUTTI I DOCENTI AL PERSONALE ATA (entrambe le sedi) OGGETTO: COLLOCAMENTI A RIPOSO DAL 01/09/2015 PERSONALE

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE NUOVO REGOLAMENTO PER L ACCERTAMENTO DELLA INABILITA E DELLA INVALIDITA (Testo modificato con Ministeriale del 20 maggio 2010 - G.U. n. 128 del 4 giugno

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 INDICE: 1. FINALITA. 2. SOGGETTI AVENTI DIRITTO. 3. PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA.

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Nuovi requisiti sulla pensione di anzianità per lavoratori dipendenti nel sistema retributivo

Nuovi requisiti sulla pensione di anzianità per lavoratori dipendenti nel sistema retributivo 19-5-2008 Le nuove regole per la pensione di anzianità e vecchiaia Circolare INPS n. 60 del 15 maggio 2008 a cura di METELLO CAVALLO L INPS ha diramato la circolare che illustra in modo definitivo le nuove

Dettagli

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2 Le pensioni nel 2013 Le pensioni da lavoro Allegato n. 2 Integrazione al minimo Le pensioni liquidate col sistema retributivo o col sistema misto, in presenza di determinate condizioni di reddito, vengono

Dettagli

MESSAGGIO INPS n. 016771 del 16/10/2012

MESSAGGIO INPS n. 016771 del 16/10/2012 MESSAGGIO INPS n. 016771 del 16/10/2012 Oggetto: Indennità di mobilità ordinaria per i lavoratori del Gruppo Alitalia spa art. 1-bis del D.L. 5 ottobre 2004, n. 249 convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA Aprile 2012 1 L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA viene riconosciuta agli operai che lavorano in agricoltura iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20-07-2009. Messaggio n. 16380. OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo.

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20-07-2009. Messaggio n. 16380. OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. Direzione Centrale Pensioni Roma, 20-07-2009 Messaggio n. 16380 OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. 1 - PREMESSA L'articolo 10 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Contributive. Direzione Centrale Prestazioni

Direzione Centrale Entrate Contributive. Direzione Centrale Prestazioni Direzione Centrale Entrate Contributive Direzione Centrale Prestazioni Roma, 20 Marzo 2008 Circolare n. 37 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO News del : 04/05/2015 U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO OGGETTO: Pensionistica trattamento anticipato di anzianita sospensione delle penalizzazioni fino al 2017 Si fa seguito ai comunicati UICI

Dettagli