La normativa sui Patronati Legge n. 152/2001. Rimini, gennaio 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La normativa sui Patronati Legge n. 152/2001. Rimini, 21-23 gennaio 2009"

Transcript

1 La normativa sui Patronati Legge n. 152/2001 Rimini, gennaio 2009

2 A CHI SI RIVOLGE A TUTTI I CITTADINI GRATUITAMENTE ANCHE SE NON ADERENTI AL MCL

3 FUNZIONI SVOLTE INFORMAZIONE ASSISTENZA TUTELA CON POTERE DI RAPPRESENTANZA

4 ATTIVITA Art. 8 Consulenza, assistenza e tutela su: Prestazioni in materia di previdenza e quiescenza obbligatorie e di forme sostitutive e integrative delle stesse Prestazioni erogate dal SSN Prestazioni socio-assistenziali, comprese quelle in materia di emigrazione e immigrazione Prestazioni erogate dai fondi di previdenza complementare

5 ATTIVITA Art. 9 Tutela in sede giudiziaria attraverso legali che hanno sottoscritto un apposita convenzione con SIAS, notificata alla Direzione Provinciale del Lavoro di competenza

6 ATTIVITA Art. 10 Attività diverse: Informazione sulle normative inerenti sicurezza sociale, previdenza, lavoro, mercato del lavoro, risparmio previdenziale, diritto di famiglia e delle successioni, fiscale Informazione, consulenza ed assistenza inerente la normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (Dlgs 626/94) Assistenza ed informazione per conto di Pubbliche Amministrazioni ed Istituzioni pubbliche e private per il conseguimento di prestazioni e benefici Regolamento attuativo ancora non emanato

7 Il nuovo regolamento di cui all art. art. 13 della Legge n. 152/2001

8 DECORRENZA 1 gennaio 2009

9 AMBITI COINVOLTI FINANZIAMENTO ORGANIZZAZIONE ATTIVITA

10 FINANZIAMENTO La Legge 152/2001 ha fissato la percentuale destinata al Fondo Patronati allo 0,226 rispetto al totale dei contributi versati dai lavoratori nelle gestioni amministrate da: INPS, INPDAP, INAIL e IPSEMA. Inoltre, ha fissato la ripartizione del Fondo tra Attività (89,90%) ed Organizzazione (10%) con lo 0,10% destinato al controllo delle sedi estere. Decreto 764/94 (art. 2) Attività 80% del Fondo, suddivisa: 72% per quella svolta in Italia 8% per quella svolta all estero Organizzazione 20% del Fondo, suddivisa: 17% per le strutture in Italia 3% per le strutture all estero Nuovo regolamento Attività 89,90% del Fondo, suddivisa: 80% per quella svolta in Italia 9,90% per quella estera Organizzazione 10% del Fondo, suddivisa: 8% per le strutture in Italia 2% per le strutture all estero

11 Decreto 764/94 (art. 8) SEDE CENTRALE ORGANIZZAZIONE LA STRUTTURA TERRITORIALE DEL PATRONATO Nuovo regolamento SEDE CENTRALE Deve essere ubicata a Roma (dove hanno sede le Istituzioni nazionali e le sedi centrali delle amministrazioni che erogano le prestazioni) SEDI REGIONALI SEDI PROVINCIALI SEDI ZONALI SEDI REGIONALI (EVENTUALI) Confermata, per le regioni con meno di quattro province, la possibilità di avere come responsabile regionale uno dei responsabili provinciali ovvero un responsabile regionale di regione limitrofa SEDI PROVINCIALI Deve essere ubicata nel capoluogo di provincia. E prevista la deroga per ubicare le sedi provinciali in comuni diversi rispetto al capoluogo di provincia, previa autorizzazione del Ministero SEDI ZONALI

12 NOVITA ORGANIZZAZIONE CARATTERISTICHE DELLE SEDI FUNZIONALMENTE AUTONOME TRA LORO E RISPETTO ALL ORGANIZZAZIONE PROMOTRICE OCCUPARE LOCALI DIVERSI DALLA STESSA ORGANIZZAZIONE PROMOTRICE E DAI SERVIZI DA QUESTA PROMOSSI ANCHE SE UBICATI NELLA STESSA STRUTTURA LA SEDE CENTRALE, LE REGIONALI, LE PROVINCIALI E LE ZONALI POSSONO OCCUPARE LOCALI CONCESSI DALL ORGANIZZAZIONE PROMOTRICE LE SEDI ESTERE POSSONO RISIEDERE PRESSO ASSOCIAZIONI O CONFEDERAZIONI PURCHE QUEST ULTIME SIANO RICONDUCIBILI ALL ORGANIZZAZIONE PROMOTRICE (ESPLICITATO CON ATTO SCRITTO) TUTTE LE SEDI, ANCHE QUELLE ESTERE, DOVRANNO OCCUPARE LOCALI CON DESTINAZIONE AD USO UFFICIO LE SEDI CHE OCCUPANO LOCALI IN AFFITTO DOVRANNO AVERE I RELATIVI CONTRATTI DI AFFITTO CONFORMI ALLA LEGISLAZIONE ITALIANA O DEL PAESE ESTERO

13 ORGANIZZAZIONE GLI OPERATORI Decreto 764/94 (art. 8) SEDE CENTRALE Almeno 12 operatori di cui non meno di 6 a tempo pieno SEDI REGIONALI Almeno 2 operatori di cui uno a tempo pieno e con funzioni da responsabile SEDI PROVINCIALI Almeno 2 operatori di cui uno a tempo pieno e con funzioni da responsabile SEDI ZONALI Almeno 1 operatore anche a tempo parziale (part-time non inferiore a 20 ore settimanali) Nuovo regolamento SEDE CENTRALE Confermati SEDI REGIONALI (OPZIONALI) Almeno 1 operatore a tempo pieno e responsabile della sede medesima SEDI PROVINCIALI Confermati SEDI ZONALI Almeno 1 operatore anche a tempo parziale (part-time non inferiore a 18 ore settimanali)

14 ORGANIZZAZIONE GLI OPERATORI I Responsabili provinciali non possono contemporaneamente essere anche responsabili di sede zonale L operatore assunto a tempo pieno può operare su due uffici zonali garantendo su ognuno l orario di apertura minimo previsto dal regolamento NOVITA Gli operatori in esubero rispetto alla consistenza minima prevista per la sede in cui operano (provinciale o zonale), possono essere impiegati in altri uffici zonali anche in modo non esclusivo

15 ORGANIZZAZIONE ORARI DI APERTURA Decreto 764/94 (art. 8) SEDI PROVINCIALI Almeno 5 giorni alla settimana e 6 ore giornaliere SEDI ZONALI Almeno 3 giorni alla settimana e 3 ore giornaliere Nuovo regolamento SEDI PROVINCIALI Orario di apertura al pubblico non inferiore a 30 ore settimanali SEDI ZONALI Orario di apertura al pubblico non inferiore a 10 ore settimanali ed orario di lavoro settimanale non inferiore a 18 ore MAGGIORE OPPORTUNITA DI MODULAZIONE DELL ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO DELLE SEDI A FRONTE DI UN INCREMENTO DELL ORARIO DI LAVORO PER GLI UFFICI ZONALI

16 ORGANIZZAZIONE PUNTEGGIO MINIMO PER RICONOSCIMENTO AUMENTO DEL PUNTEGGIO MINIMO RICHIESTO AI FINI DEL RICONOSCIMENTO ORGANIZZATIVO DELLE SEDI Tipo sede Decreto 764/94 (art. 9) Nuovo regolamento PROVINCIALE ZONALE

17 ORGANIZZAZIONE PUNTEGGIO RICONOSCIUTO Tipo sede Decreto 764/94 (artt. 9-13) Nuovo regolamento CENTRALE REGIONALE 2 1 PROVINCIALE 2 2 ZONALE 1 1 ESTERA PRINCIPALE - 2 DECENTRATA - 2 PRINCIPALE - 2 DECENTRATA - 1 La sede non è riconosciuta in caso non siano soddisfatti i requisiti minimi previsti (locali, operatori, punteggio attività, orario) I Patronati già riconosciuti hanno 24 mesi, dall entrata in vigore del regolamento, per adeguare le proprie sedi ai dettami previsti dal regolamento medesimo

18 MANDATO DI ASSISTENZA Il riconoscimento dell attività ai fini statistici è subordinata alla presenza del mandato di assistenza Sede SIAS delegata alla trattazione della pratica ORGANIZZAZIONE Dati mandatario Indicazioni su tutela dati personali (privacy) Data Oggetto del mandato Firma mandatario Firma dell operatore

19 ORGANIZZAZIONE NOVITA MANDATO DI ASSISTENZA E riconosciuto anche il mandato rilasciato da applicazioni che operano in modalità telematica In caso di mandato rilasciato da sede di patronato estera, questo deve essere conservato agli atti in lingua italiana Il subentro in una pratica presuppone l invio della revoca del precedente mandato da comunicare sia all amministrazione erogatrice la prestazione richiesta sia al precedente patronato tramite raccomandata con avviso di ricevimento

20 ORGANIZZAZIONE DOCUMENTAZIONE Tutta la documentazione inerente l attività svolta deve essere conservata per 5 anni I registri di apertura e chiusura (cartacei o informatici) devono essere conservati per 5 anni. Per i registri informatizzati l elenco degli assistiti deve essere in ordine alfabetico Conservazione: equiparazione del documento digitale a quello cartaceo (recepimento Legge 445/2000 e Dlgs 82/2005)

21 ORGANIZZAZIONE ISPEZIONI Sedi in Italia: Direzioni provinciali del lavoro Servizi Ispezione del Lavoro Sedi all estero: Ministero del Lavoro RICORSI NEI CONFRONTI DEI VERBALI ISPETTIVI Decreto 764/94 (art. 12) Nuovo regolamento Il Patronato entro 15 giorni dalla notifica del verbale di ispezione, può presentare le controdeduzioni ai rilievi presenti nel verbale di ispezione La sede centrale del Patronato entro 30 giorni dalla notifica del verbale di ispezione alla sede territoriale, può presentare le proprie istanze di rettifica al Ministero del Lavoro che entro 120 giorni decide in merito (qualora venissero superati i 120 giorni l istanza s intende accolta)

22 ORGANIZZAZIONE ISPEZIONI Sono equiparate ai provvedimenti di liquidazione, le risultanze provenienti da banche dati degli Istituti erogatori la prestazione purchè contengano gli estremi dell intervento richiesto ed il suo esito (es: INPS-Domus, estratti ccb per l estero) Per l estero la documentazione comprovante la definizione della pratica deve avere una data non anteriore al 1 gennaio dell anno precedente a quello di competenza statistica Riconoscimento della documentazione rilasciata con modalità telematica qualora prevista dall applicazione

23 ATTIVITA Si rivolge a tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro adesione all Organizzazione Promotrice Materia previdenziale, compresa quella complementare. Per quest ultima sono inclusi gli interventi nei confronti di gestori di previdenza complementare obbligatoria o contrattuale Socio-assistenziale Per l estero sono comprese anche le prestazioni non derivanti da contribuzione obbligatoria con erogazioni in servizi oppure in beni in natura Danni da lavoro o alla salute

24 ATTIVITA E introdotto il principio della NON unicità della pratica: Intervento dal quale scaturiscono più prestazioni, anche se erogate dal medesimo Istituto, ognuna di queste potrà essere riconosciuta ai fini statistici Interventi in convenzione internazionale riconosciuti, in caso di coinvolgimento di una sede estera, alla sede italiana ed alla sede estera Interventi con coinvolgimento di due o più sedi estere riconosciuti ad ognuna delle sedi intervenute nella definizione NON RICONOSCIUTI SOLO GLI INTERVENTI SOLLECITATORI

25 Decreto 764/94 ATTIVITA NUOVE TABELLE Nuovo regolamento INPS INTERVENTI IN MATERIA PREVIDENZIALE ATTIVITA VALUTABILE AI FINI DEL FINANZIAMENTO EX ART.13 PER L ATTIVITA ALL ESTERO INAIL ALTRI ENTI INTERVENTI IN MATERIA DI DANNI DA LAVORO E ALLA SALUTE INTERVENTI IN MATERIA SOCIO- ASSISTENZIALE Differenziazione effettuata non più rispetto all Istituto erogatore ma alla tipologia della prestazione richiesta

26 ATTIVITA NUOVE TABELLE Interventi in materia previdenziale (tab. A) 1 Pensione di inabilità 24 Sussidio straordinario di disoccupazione 2 Assegno di invalidità 25 Prestazioni economiche per tbc 3 Rinnovo assegno di invalidità 26 Indennità di maternità 4 Pensione di vecchiaia 27 Controversie per maternità e malattia 5 Pensione di anzianità o anticipata 28 Astensione anticipata per maternità 6 Pensioni ai superstiti 29 Ricongiunzione posizione assicurative 7 Pensioni supplementari 30 Denuncia, recupero e regolarizzazione contributive 8 Ricostituzioni pensioni per supplemento 31 Oper. relative a costituzione di posizioni assicurative obbligatorie 9 Ricostituzioni pensioni per contributi pregressi 32 Opposizione a rimborso prestazioni indebite 10 Pensioni complementari 33 Cure balneo-termali 11 Pensioni di mutualità e facoltativa 34 Ratei maturati e non riscossi Interessi legali 12 Costituzione posizione assicurativa (ex Indennità una tantum) 35 Doppia annualità di pensione SO 13 Assegno ai lavoratori anziani licenziati 36 Richiesta, verifica e rettifica sulle posizioni assicurative 14 Integrazione pensioni facoltative 37 Autorizzazione versamenti volontari 15 Ricostituzioni pensioni per motivi reddituali 38 Integrazione volontaria 16 Ricostituzioni pensioni per altri motivi 39 Riscatto periodi assicurativi 17 Assegni al nucleo familiare ai pensionati per carichi familiari sopravvenuti 40 Accredito contributi figurativi 18 Assegni al nucleo familiare ai lavoratori 41 Trasferimento pensioni 19 Assegni Familiari ai pensionati 42 Variazione dati pensione 20 Assegni Familiari ai lavoratori autonomi 43 Delega a riscuotere 21 Indennità di disoccupazione ai lavoratori non agricoli 44 Indennità di accompagnamento (INPS) 22 Indennità di disoccupazione ai lavoratori agricoli 45 Dichiarazioni reddituali 23 Indennità di mobilità

27 ATTIVITA NUOVE TABELLE Attività valutabile ai fini del finanziamento ex art. 13 L. 152/2001 per l attività all estero (tab. B) 1 Pensioni complementari 2 Dichiarazioni reddituali ai fini della determinazione del diritto o della conservazione del diritto a pensione trasmesse da sedi estere, nella misura certificata dall INPS

28 ATTIVITA PUNTEGGIO Interventi in materia previdenziale Codice Descrizione Punti 1 Pensione di inabilità 6 2 Assegno di invalidità 6 3 Rinnovo assegno di invalidità 6 4 Pensione di vecchiaia 5 5 Pensione di anzianità o anticipata 5 6 Pensione ai superstiti 5 7 Pensioni supplementari 5 8 Ricostituzioni pensioni per supplemento 4 9 Ricostituzioni pensioni per contributi pregressi 2 Per l estero 1 Pensioni complementari 4 2 Dichiarazioni reddituali 0,5

29 ATTIVITA NUOVE TABELLE Interventi in materia di danni da lavoro e alla salute (tab. C) 1 Riconoscimento di malattia professionale 18 Domanda riscatto rendita agricola (art. 220 T.U.) 2 Riconoscimento infortunio non denunciato 19 Reintegrazione rendita a superstiti (art. 85, 2 comma T.U.) 3 Riconoscimento danno biologico 20 Richiesta integrazione rendita 4 Riconoscimento pensione privilegiata (P.I.) 21 Riconoscimento postumi grado non indennizzabile 5 Riconoscimento del diritto a rendita 22 Richiesta accertamenti diagnostici specifici 6 Revisione infortuni e malattie professionali o danno biologico 23 Richiesta cure termali 7 Riconoscimento rendita a superstiti di titolare di rendita 24 Richiesta di protesi 8 Riconoscimento rendita a superstiti di non titolare di rendita 25 Richiesta assegno funerario 9 Riconoscimento primo pagamento indennità temporanea 26 Richiesta tripla annualità a superstiti (art. 85, p 1 T.U.) 10 Riconoscimento prolungamento indennità temporanea 27 Richiesta assegno assistenza personale continuativa 11 Riconoscimento causa di servizio 28 Richiesta assegno di incollocabilità grandi invalidi 12 Riconoscimento equo indennizzo 29 Richiesta rimborso medicinali 13 Riconoscimento affezioni da emoderivati 30 Richiesta spese di viaggio/diaria/indennità sostitutiva salario 14 Revisione quinquennale dell equo indennizzo 31 Richiesta liquidazione in capitale della rendita 15 Quota integrativa rendita con decorrenza successiva 32 Riconoscimento stato di handicap o di inidoneità al servizio 16 Ricaduta stato di inabilità assoluta temporanea 33 Pensioni di guerra, indennizzi e tabellari dirette 17 Riconoscimento prolungamento assegno giornaliero

30 ATTIVITA PUNTEGGIO Interventi in materia di danni da lavoro e alla salute Codice Descrizione Punti 1 Riconoscimento di malattia professionale 6 2 Riconoscimento infortunio non denunciato 6 3 Riconoscimento danno biologico 6 4 Riconoscimento pensione privilegiata (P.I.) 6 5 Riconoscimento del diritto a rendita 6 6 Revisioni infortuni e malattie professionali o danno biologico 6 7 Riconoscimento rendita a superstiti di titolare di rendita 5 8 Riconoscimento rendita a superstiti di non titolare di rendita 5 9 Riconoscimento primo pagamento indennità temporanea 4 10 Riconoscimento prolungamento indennità temporanea 4 11 Riconoscimento causa di servizio 3 12 Riconoscimento equo indennizzo 3 13 Riconoscimento affezioni da emoderivati 3 14 Revisione quinquennale dell equo indennizzo 3 33 Pensione di guerra, indennizzi e tabellari dirette 3

31 ATTIVITA NUOVE TABELLE Interventi in materia socio-assistenziale (tab. D) 1 Assegno o pensione di invalidità civile 2 Pensione ciechi 3 Pensione sordomuti 4 Pensione di guerra diretta o indiretta 5 Indennità di comunicazione 6 Indennità di frequenza 7 Pensione sociale 8 Assegno sociale 9 Indennità di accompagnamento 10 Richiesta permesso di soggiorno 11 Rinnovo permesso di soggiorno 12 Richiesta ricongiugimento familiare 13 Assegno di maternità 14 Assegno per i nuclei familiari con più di tre figli 15 Speciale assegno continuativo (orfani, vedova L. 248/1976)

32 ATTIVITA PUNTEGGIO Interventi in materia socio-assistenziale Codice Descrizione Punti 1 Assegno o pensione di invalidità civile 6 2 Pensione ciechi 6 3 Pensione sordomuti 6 4 Pensione di guerra diretta o indiretta 6 5 Indennità di comunicazione 4 6 Indennità di frequenza 4 7 Pensione sociale 4 8 Assegno sociale 4 9 Indennità di accompagnamento 1 10 Richiesta permesso di soggiorno 0,35 11 Rinnovo permesso di soggiorno 0,35 12 Richiesta ricongiungimento familiare 0,35

33 Interventi in materia previdenziale ATTIVITA CONFRONTO PUNTEGGIO Codice Descrizione 764/94 Nuovo regolamento 1 Pensione di inabilità Assegno di invalidità Rinnovo assegno di invalidità Pensione di vecchiaia 4 * 5 5 Pensione di anzianità o anticipata 4 * 5 6 Pensione ai superstiti 4 * 5 7 Pensioni supplementari 4 * 5 8 Ricostituzioni pensioni per supplemento 2 ** 4 9 Ricostituzioni pensioni per contributi pregressi 2 ** 2 Per l estero 1 Pensioni complementari Non statisticabile 4 2 Dichiarazioni reddituali Non statisticabile 0,5 * 3 punti se riferite ad Istituti diversi da INPS ** 1 punto se riferite a pensioni erogate da Istituti diversi da INPS

34 ATTIVITA CONFRONTO PUNTEGGIO Interventi in materia di danni da lavoro e alla salute Codice Descrizione 764/94 Nuovo regolamento 1 Riconoscimento di malattia professionale Riconoscimento infortunio non denunciato Riconoscimento danno biologico Riconoscimento pensione privilegiata (P.I.) Riconoscimento del diritto a rendita Revisione infortuni e malattie professionali o danno biologico Riconoscimento rendita a superstiti di titolare di rendita Riconoscimento rendita a superstiti di non titolare di rendita Riconoscimento primo pagamento indennità temporanea Riconoscimento prolungamento indennità temporanea Riconoscimento causa di servizio Riconoscimento equo indennizzo Riconoscimento affezioni da emoderivati Non statisticabile 3 14 Revisione quinquennale dell equo indennizzo Non statisticabile 3 33 Pensione di guerra, indennizzi e tabellari dirette 6 3

35 ATTIVITA CONFRONTO PUNTEGGIO Interventi in materia socio-assistenziale Codice Descrizione 764/94 Nuovo regolamento 1 Assegno o pensione di invalidità civile Pensione ciechi Pensione sordomuti Pensione di guerra diretta o indiretta Indennità di comunicazione Indennità di frequenza Non statisticabile 4 7 Pensione sociale Assegno sociale Indennità di accompagnamento Non statisticabile 1 10 Richiesta permesso di soggiorno Non statisticabile 0,35 11 Rinnovo permesso di soggiorno Non statisticabile 0,35 12 Richiesta ricongiungimento familiare Non statisticabile 0,35

36 ATTIVITA CON L ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO REGOLAMENTO, A PARTIRE DAL 2009, L ATTIVITA LEGALE VIENE EQUIPARATA, AI FINI STATISTICI, COME ATTIVITA AMMINISTRATIVA

37 ATTIVITA PENALIZZAZIONE ED INCENTIVO Introdotto meccanismo di verifica tra: Direzione Generale Dato statistico riepilogativo inviato Ministero del Lavoro Sede Provinciale Sede Provinciale Sede Provinciale Tabelle A/B Dato statistico inviato, verificato e convalidato DPL DPL DPL Sede Provinciale DPL

38 ATTIVITA PENALIZZAZIONE ED INCENTIVO Differenza tra somma dati locali inviati, verificati e convalidati e riepilogo nazionale dichiarato Se differiscono di una percentuale fino al 2%, tale scostamento viene abbattuto del 50% Se differiscono di una percentuale superiore al 2% ed inferiore o pari al 5%, viene confermato lo scostamento Se differiscono di una percentuale superiore al 5%, lo scostamento viene aumentato del 50% INCENTIVO ALL UTILIZZO DEL CANALE TELEMATICO CON AUMENTO DEL PUNTEGGIO DI TALI PRATICHE DI ULTERIORE 0,25 PUNTI (individuazione fatta con l ausilio di elenchi nominativi rilasciati dagli Istituti erogatori le prestazioni)

39 COMMISSIONE COMPOSIZIONE Decreto 764/94 (art. 12) DUE DIRIGENTI MINISTERIALI (UNO MINISTERO LAVORO E UNO MINISTERO TESORO) DUE FUNZIONARI DEL RUOLO ISPETTORATO DEL LAVORO TRA COLORO CHE EFFETTUANO VIGILANZA SUI PATRONATI Nuovo regolamento UN DIRIGENTE MINISTERO DEL LAVORO DUE FUNZIONARI DEL MINISTERO DEL LAVORO, SCELTI FRA COLORO CHE EFFETTUANO VIGILANZA SUI PATRONATI, DEI QUALI UNO CON FUNZIONI DI SEGRETARIO TRE FUNZIONARI IN RAPPRESENTANZA DI INPS, INAIL E INPDAP SEI RAPPRESENTANTI DEI PATRONATI QUATTRO FUNZIONARI IN RAPPRESENTANZA DI INPS, INAIL, INPDAP E IPSEMA DIECI RAPPRESENTANTI DEI PATRONATI (4 CEPA 3 CIPLA 1 CIPAS 1 COPAS 1 ALTRI) COMPITI Proporre modifiche alle tabelle statistiche Valutare lo stato di attuazione del regolamento attuativo Esprimere parere inerente le modalità di valutazione dell attività ove non siano presenti dati da parte delle Amministrazioni competenti Controllo degli elenchi provenienti dagli Istituti con reale attività svolta

NURSIND SEGRETERIA DI LECCO. Prestazioni Previdenziali INPS

NURSIND SEGRETERIA DI LECCO. Prestazioni Previdenziali INPS MARZO 2014 CONVENZIONE CON ANMIL La sezione di Lecco ha sede in: Indirizzo: C.So Martiri Liberazione, 86 Cap: 23900 Tel. 0341-1842580 Fax : 0341-1842583 E-Mail: lecco@anmil.it Le sedi dei Patronati e CAF

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Vista la legge 30 marzo 2001, n. 152, concernente la nuova disciplina per gli istituti di patronato e di assistenza sociale; Visto, in particolare, il

Dettagli

Il sottoscritto / La sottoscritta cognome nome. nato a il / /

Il sottoscritto / La sottoscritta cognome nome. nato a il / / Alla PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Agenzia provinciale per l'assistenza e la previdenza integrativa Via Zambra, 42 - Top Center 38121 T R E N T O apapi@pec.provincia.tn.it DOMANDA DI CONTRIBUTO A FAVORE

Dettagli

Allegato alla deliberazione della Giunta n. 58 dd. 14 aprile 2015. IL SEGRETARIO dott. Roberto Orempuller PREMESSO:

Allegato alla deliberazione della Giunta n. 58 dd. 14 aprile 2015. IL SEGRETARIO dott. Roberto Orempuller PREMESSO: Allegato alla deliberazione della Giunta n. 58 dd. 14 aprile 2015 IL SEGRETARIO dott. Roberto Orempuller PREMESSO: - che le ACLI Trentine, nell attuazione dei propri scopi statutari, promuovono sul territorio

Dettagli

Prestazioni Previdenziali INPS, ex INPDAP, ex ENPALS, ecc..

Prestazioni Previdenziali INPS, ex INPDAP, ex ENPALS, ecc.. Presentazione L ENAC è il Patronato dell Unione Coltivatori Italiani, che si occupa su tutto il territorio nazionale della tutela sociale di tutti i cittadini, per la richiesta di tutte le prestazioni

Dettagli

Patronato I.N.C.A.- C.G.I.L. Ufficio Provinciale della Camera del Lavoro 38100 TRENTO via dei Muredei, 8 - Tel. 0461/303911-303977

Patronato I.N.C.A.- C.G.I.L. Ufficio Provinciale della Camera del Lavoro 38100 TRENTO via dei Muredei, 8 - Tel. 0461/303911-303977 Patronato I.N.C.A.- C.G.I.L. Ufficio Provinciale della Camera del Lavoro 38100 TRENTO via dei Muredei, 8 - Tel. 0461/303911-303977 BENVENUTI AL PATRONATO INCA QUI SI SVOLGONO SOLO PRATICHE E ATTIVITA DI

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Questo documento vuole essere un ausilio a tutti i lavoratori si trovassero nella necessità di denunciare un infortunio, una malattia professionale, un danno

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

Giornata Formativa Rls Perugia Sala Conti Cgil 30 Settembre 2014

Giornata Formativa Rls Perugia Sala Conti Cgil 30 Settembre 2014 Giornata Formativa Rls Perugia Sala Conti Cgil 30 Settembre 2014 ECONOMICHE SANITARIE INTEGRATIVE Indennità per inabilità temporanea assoluta Rendita per inabilità permanente Assegno per assistenza personale

Dettagli

RIVOLGITI A NOI CON FIDUCIA PER TUTTE LE PRATICHE

RIVOLGITI A NOI CON FIDUCIA PER TUTTE LE PRATICHE Il SERVIZIO FISCALE facile e conveniente per tutti RIVOLGITI A NOI CON FIDUCIA PER TUTTE LE PRATICHE COLF E BADANTI Predisposizione contratto di lavoro Pratiche di assunzioni con comunicazione agli enti

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE DETERMINAZIONE 30 maggio 2012 Istanze e servizi INPS Gestione ex Inpdap ed ex ENPALS - Presentazione e consultazione telematica in via esclusiva - Decorrenza.

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

Testi e commenti a cura di Morena dall Olio - Villiam Zanoni Redazione a cura di Giorgia Zani Si ringrazia della collaborazione l Inca Nazionale

Testi e commenti a cura di Morena dall Olio - Villiam Zanoni Redazione a cura di Giorgia Zani Si ringrazia della collaborazione l Inca Nazionale Testi e commenti a cura di Morena dall Olio - Villiam Zanoni Redazione a cura di Giorgia Zani Si ringrazia della collaborazione l Inca Nazionale I documenti contenuti in questo manuale hanno la funzione

Dettagli

Assicurazioni sociali. Informazioni utili sulla sicurezza sociale/

Assicurazioni sociali. Informazioni utili sulla sicurezza sociale/ ssicurazioni sociali Informazioni utili sulla sicurezza sociale/ Sistema previdenziale in Svizzera Stato gennaio 2015 Cerchia delle persone assicurate Prestazioni Basi per il calcolo dell importo delle

Dettagli

La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti

La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti in materia di previdenza pubblica, di sostegno alla

Dettagli

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE LE FINALITÀ DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Collegio Provinciale IPASVI di Gorizia L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ISTITUITA IL 24/3/1998

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica FINALITA ASSICURA LA COPERTURA PREVIDENZIALE OBBLIGATORIA IN FAVORE DEGLI ISCRITTI, DEI LORO FAMILIARI E SUPERSTITI ATTRAVERSO

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Avvertenza... Pag. V. Parte I PROFILI GENERALI. Capitolo I NOZIONE, FONDAMENTO E FONTI DELLA PREVIDENZA SOCIALE

INDICE SOMMARIO. Avvertenza... Pag. V. Parte I PROFILI GENERALI. Capitolo I NOZIONE, FONDAMENTO E FONTI DELLA PREVIDENZA SOCIALE Avvertenza... Pag. V Parte I PROFILI GENERALI NOZIONE, FONDAMENTO E FONTI DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1. Nozione e fondamento della previdenza sociale... Pag. 3 2. Le fonti della legislazione sociale: premessa...»

Dettagli

Le parole della previdenza.

Le parole della previdenza. Le parole della previdenza. Aliquota contributiva percentuale della retribuzione imponibile utilizzata per determinare l importo della contribuzione previdenziale dovuta in parte dal datore di lavoro e

Dettagli

CAPITOLO 1 Il sistema previdenziale italiano

CAPITOLO 1 Il sistema previdenziale italiano Sommario CAPITOLO 1 Il sistema previdenziale italiano La struttura del rapporto di previdenza sociale 1. Enti gestori di previdenza... 1 2. Datore di lavoro... 4 3. Lavoratore subordinato... 4 4. Lavoratore

Dettagli

Pensioni INPS. Prime tabelle

Pensioni INPS. Prime tabelle Pensioni INPS 2012 Prime tabelle Gli importi delle pensioni INPS dal 1 gennaio 2012 e limiti di reddito per alcune prestazioni sociali La perequazione automatica in base all aumento del costo della vita,

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

Luigi Pelliccia PENSIONI E PREVIDENZA 2011

Luigi Pelliccia PENSIONI E PREVIDENZA 2011 Luigi Pelliccia PENSIONI E PREVIDENZA 2011 Luigi Pelliccia Pensioni e previdenza 2011 SINTESI Le pensioni rappresentano una materia apparentemente complessa, ma nella realtà affascinante perché consente

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE CODICE ENTE 012022 COPIA ALBO ON LINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: ragioneria@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE L assegno per il nucleo familiare e' una prestazione a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei titolari di prestazione a carico dell'assicurazione generale obbligatoria,

Dettagli

REGIONALE PIEMONTE PATRONATO I TUOI DIRITTI Previdenziali, Sociali, Assistenziali e Sanitari L INCA è una grande organizzazione per la tutela dei diritti previdenziali, sociali e assistenziali dei lavoratori,

Dettagli

Un pò di ferrovia INDICE INTRODUZIONE 1

Un pò di ferrovia INDICE INTRODUZIONE 1 Un pò di ferrovia INDICE INTRODUZIONE 1 EVOLUZIONE E SVILUPPO DEL TRASPORTO FERROVIARIO IN EUROPA 3 1. La riforma del mercato ferroviario nel contesto dello sviluppo e dell integrazione europea 3 2. La

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

I Dipendenti dello Stato

I Dipendenti dello Stato I Dipendenti dello Stato In Servizio Presso le scuole Pescara 13-14 Marzo 2006 1 Lo Stato e i suoi dipendenti Fino al 31/12/1995 Con i propri dipendenti lo Stato non instaurava solo un rapporto di lavoro

Dettagli

Pensione e assegno di invalidità - Pensione di inabilità

Pensione e assegno di invalidità - Pensione di inabilità Sommario 1 Pensioni Perequazione automatica - Aumenti per costo vita 8 Importi mensili e annui delle pensioni 11 Importo aggiuntivo erogato sulla 13 a mensilità/art. 70 - L. 388/2000 12 Somma aggiuntiva

Dettagli

ALLEGATI AL REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 196/2003

ALLEGATI AL REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 196/2003 ALLEGATI AL REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 196/2003 SCHEDA A: GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE (DOCENTE, DIRIGENTE, TECNICO

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

Relazione a cura di Paolo Zani Aprile 2010

Relazione a cura di Paolo Zani Aprile 2010 Relazione a cura di Paolo Zani Aprile 2010 Ogni diritto non conosciuto è un diritto negato Premessa fondamentale L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro e.. sulle domande!!!!! Perché

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014 La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti Latina, 18 novembre 2014 La Previdenza dei Dottori Commercialisti o1 La previdenza dei Dottori Commercialisti: La posizione assicurativa Dottore Commercialista

Dettagli

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di reddito e le rilevanze INPS e INPDAP

Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di reddito e le rilevanze INPS e INPDAP Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di e le rilevanze e INPDAP Codice Reddito del 1 Integrazione al minimo. Pensioni con decorrenza anteriore al 1 febbraio 1994 - del della casa di abitazione

Dettagli

ASSICURAZIONE INAIL CONTRO GLI INFORTUNI DOMESTICI.

ASSICURAZIONE INAIL CONTRO GLI INFORTUNI DOMESTICI. A te che per fare la pausa caffè devi farlo tu, il caffè. ASSICURAZIONE INAIL CONTRO GLI INFORTUNI DOMESTICI. Ai Lettori La Legge 3 dicembre 1999, n. 493 (*) ha istituito una polizza contro gli infortuni

Dettagli

Regolamento C.A.L.E.C. C.A.L.E.C. CASSA ASSISTENZA LAVORATORI EDILI DELLE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

Regolamento C.A.L.E.C. C.A.L.E.C. CASSA ASSISTENZA LAVORATORI EDILI DELLE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA C.A.L.E.C. CASSA ASSISTENZA LAVORATORI EDILI DELLE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Via Michelino, 71 Tel.051.510699 Fax. 051.510774 e-mail: info@calecbologna.it Normativa contrattuale relativa il

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA (INRIM) REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI (decreto del Presidente dell INRIM n 332/2006, del 28 dicembre 2006) INRIM_Regol_dati_sensibili_e_giudiziari_28.12.06

Dettagli

Circolare numero 131 del 19-11-2012. e, per conoscenza,

Circolare numero 131 del 19-11-2012. e, per conoscenza, Circolare numero 131 del 19-11-2012 Direzione Generale Roma, 19/11/2012 Circolare n. 131 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense IL PRATICANTE E LA CASSA. Il praticante non ha alcun tipo di obbligo nei confronti della Cassa. Non deve inviare il MODELLO 5, non deve applicare in fattura il contributo integrativo del 4% e di conseguenza

Dettagli

INDICE SISTEMATICO ACCENTRAMENTO ADEMPIMENTI CONTRIBUTIVI AGENTI E RAPPRESENTANTI AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE PER ASSUNZIONE

INDICE SISTEMATICO ACCENTRAMENTO ADEMPIMENTI CONTRIBUTIVI AGENTI E RAPPRESENTANTI AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE PER ASSUNZIONE Indice sistematico INDICE SISTEMATICO Presentazione...XXXIII Nota sull autore... XXXV ACCENTRAMENTO ADEMPIMENTI CONTRIBUTIVI Decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, art. 39, c. 10, lett. K)... 3 Ministero

Dettagli

CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA

CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA La Repubblica italiana

Dettagli

Scopo di questo opuscolo è quello di fornire informazioni di carattere generale sull assicurazione relativamente a:

Scopo di questo opuscolo è quello di fornire informazioni di carattere generale sull assicurazione relativamente a: Ai Lettori La Legge 3 dicembre 1999, n. 493 (*) ha istituito una polizza contro gli infortuni domestici che riconosce e valorizza chiunque, donna o uomo, impieghi le proprie energie in maniera abituale,

Dettagli

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA TRE PILASTRI: PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO PREVIDENZA COMPLEMENTARE PREVIDENZA OBBLIGATORIA LA

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

AVVISO. Elenco dei principali documenti in esenzione dall'imposta di bollo D.P.R. 26/10/1972 n. 642 e successive modificazioni.

AVVISO. Elenco dei principali documenti in esenzione dall'imposta di bollo D.P.R. 26/10/1972 n. 642 e successive modificazioni. AVVISO E necessario fare presente, onde evitare spiacevoli contestazioni allo sportello, che le certificazioni emesse dall Ordine sono, di norma, soggette all imposta di bollo (Euro 16,00) sin dall origine,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA TITOLO I NORME DI CARATTERE GENERALE Articolo 1 Forme di assistenza 1.1. Le forme di assistenza di cui all art. 3, comma 3, dello Statuto e dell art. 32 del Regolamento

Dettagli

Direzione Centrale Convenzioni Internazionali e Comunitarie Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate

Direzione Centrale Convenzioni Internazionali e Comunitarie Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Convenzioni Internazionali e Comunitarie Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 09/10/2015 Circolare n. 168 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali

Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali La previdenza e l assistenza economica Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali Aliquote contributive aliquota di finanziamento: la quota della retribuzione lorda che viene versata sotto forma

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa

Dettagli

SOA DIREZIONE AMMINISTRATIVA

SOA DIREZIONE AMMINISTRATIVA e riferimenti Procedure concorsuali (comparto/dirigenti) /istanza di concorsi avvisi incarichi concorsi (disponibile per ciascun concorso in fase di pubblicazione bando) 6 mesi dalla prova scritta (art.

Dettagli

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI AL SOSTEGNO DELLE SPESE ABITATIVE (AFFITTO/MUTUO) 1. FINALITA DELL INTERVENTO A fronte dell attuale congiuntura

Dettagli

Contributi volontari per il 2008: le precisazioni Inps Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Contributi volontari per il 2008: le precisazioni Inps Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Contributi volontari per il 2008: le precisazioni Inps Aldo Forte Esperto in materia previdenziale L Inps, con circolare 17 aprile 2008, n. 50, dirama tutti i numeri concernenti i versamenti volontari

Dettagli

I diritti di previdenza sociale. in Italia

I diritti di previdenza sociale. in Italia I diritti di previdenza sociale in Italia Le informazioni fornite nella presente guida sono state elaborate e aggiornate in stretta collaborazione con i corrispondenti nazionali del Sistema di informazione

Dettagli

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE DIRITTI SOCIALI IN CARCERE Guida pratica per l accesso alle misure a sostegno del reddito A cura dei volontari dell associazione l altro diritto Realizzata nell ambito del progetto diritti in azione, rete

Dettagli

carta uil - 2012_Layout 1 15/03/12 15:36 Pagina 1 LE ATTIVITÀ

carta uil - 2012_Layout 1 15/03/12 15:36 Pagina 1 LE ATTIVITÀ carta uil - 2012_Layout 1 15/03/12 15:36 Pagina 1 LE ATTIVITÀ Orientamento, informazione e assistenza al consumatore Campagne sulla corretta alimentazione e sulla tracciabilità dei prodotti Politiche e

Dettagli

TUTELE A FAVORE DEI LAVORATORI STRANIERI. A cura di Coordinamento attività fenomeno migratorio

TUTELE A FAVORE DEI LAVORATORI STRANIERI. A cura di Coordinamento attività fenomeno migratorio TUTELE A FAVORE DEI LAVORATORI STRANIERI A cura di Coordinamento attività fenomeno migratorio Diritti previdenziali Diritti sociali che che godono dello statuto dei dei diritti fondamentali Irrinunciabili

Dettagli

Scritto da Lunedì 04 Febbraio 2013 12:11 - Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 13:39

Scritto da Lunedì 04 Febbraio 2013 12:11 - Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 13:39 SOMMARIO: - ERRATA CORRIGE BROCHURE ENPAF - Contributi - riscossione 2013 - Prestazioni - invio CUD ERRATA CORRIGE BROCHURE ENPAF Si riportano di seguito le correzioni alla versione della brochure dell'enpaf

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

COMUNE DI GONARS - ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI - SERVIZIO PERSONALE

COMUNE DI GONARS - ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI - SERVIZIO PERSONALE COMUNE DI GONARS - ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI - SERVIZIO PERSONALE Responsabile dott.ssa Angela Spanò e- mail: angela.spano@comune.gonars.ud.it 0432/993011 SOGGETTO TITOLARE DEL POTERE SOSTITUTIVO

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Ufficio XII Ambito Territoriale Avellino

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Ufficio XII Ambito Territoriale Avellino Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Ufficio XII Ambito Territoriale Avellino Area 1 Ufficio Pensioni e Riscatti Avellino, 13 gennaio 2014

Dettagli

Assistenza magistrale

Assistenza magistrale Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica il Welfare inpdap Assistenza magistrale Servizi ex Enam L Enam Un pezzo di storia italiana L Enam è nato nel 1947 dalla

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Consulenza previdenziale e patronato. Nuovi strumenti operativi per il Consulente del Lavoro

Consulenza previdenziale e patronato. Nuovi strumenti operativi per il Consulente del Lavoro Consulenza previdenziale e patronato Nuovi strumenti operativi per il Consulente del Lavoro Le funzioni del Patronato e il rapporto con l INPS Come sappiamo il patronato agisce come trait d union tra il

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA P.I.P. COMPLEMENTARE OBBLIGATORIA I II III LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA Previdenza obbligatoria Pubblica

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE Il contratto per la fornitura del servizio di elaborazione paghe ha generalmente validità di 12 mesi e comprenderà tutte le elaborazioni mensili ed annuali,

Dettagli

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario TuttoInps Le prestazioni a sostegno del reddito L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA... 2 L'ASSEGNO AL CONIUGE... 2 I REQUISITI... 3 PER QUALI PERSONE SPETTA... 3 LA DOMANDA... 4 CHI

Dettagli

PENSIONAMENTI DAL 1 SETTEMBRE 2014

PENSIONAMENTI DAL 1 SETTEMBRE 2014 PENSIONAMENTI DAL 1 SETTEMBRE 2014 Personale docente, educativo e ATA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE E LORO EVENTUALE REVOCA ENTRO IL 7 FEBBRAIO 2014 ESCLUSIVAMENTE ON LINE CON POLIS MODALITA DI PRESENTAZIONE

Dettagli

Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340

Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340 Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340 BENEFICI ECONOMICI A FAVORE DEGLI INVALIDI CIVILI INDICE: LE FASI DEL PROCEDIMENTO L ACCERTAMENTO SANITARIO DELL ASL DOVE

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE Istruzioni e appunti per l uso L ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE : ANF L assegno al nucleo familiare è una prestazione a sostegno del reddito istituita per sostenere le famiglie

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi. Roma, 21/03/2013

Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi. Roma, 21/03/2013 Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi Roma, 21/03/2013 Circolare n. 42 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI CITTADINI CHE RICHIEDONO SERVIZI COMUNALI A COSTO AGEVOLATO, AI SENSI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca C.M. n. 23 Prot. n. AOODGPER. 1814 Roma, 12 marzo 2012 Agli UFFICI SCOLASTICI REGIONALI Ai DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI Al Dipartimento Istruzione della Provincia Autonoma di TRENTO Alla Sovrintendenza

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Data 24.03.2011 Atto n 807 OGGETTO: Approvazione Organizzazione Interna della Direzione Generale. IL DIRETTORE GENERALE Premesso

Dettagli

4 Luglio 2007. Giornata dedicata alla tutela dei diritti individuali. Intervento di Aldo SUTERA Responsabile INCA Taranto.

4 Luglio 2007. Giornata dedicata alla tutela dei diritti individuali. Intervento di Aldo SUTERA Responsabile INCA Taranto. 4 Luglio 2007. Giornata dedicata alla tutela dei diritti individuali. Intervento di Aldo SUTERA Responsabile INCA Taranto. LA GIORNATA CHE OGGI CELEBRIAMO SULLE TUTELE INDIVIDUALI DEVE SERVIRCI A RAGIONARE

Dettagli

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori:

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Gli ammortizzatori sociali in pillole Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Assegno per il nucleo familiare A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze USR Emilia Romagna)

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca C.M. n. 98 Roma, 20 dicembre 2012 Prot. n. AOODGPER 9733 Agli UFFICI SCOLASTICI REGIONALI Ai DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI Al Dipartimento Istruzione della Provincia Autonoma di TRENTO Alla Sovrintendenza

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 - Le fonti del diritto del lavoro. Capitolo 2 - I contratti di lavoro subordinato

SOMMARIO. Capitolo 1 - Le fonti del diritto del lavoro. Capitolo 2 - I contratti di lavoro subordinato Sommario SOMMARIO Premessa... V Capitolo 1 - Le fonti del diritto del lavoro 1.1. La specialità del diritto del lavoro... 1 1.2. Le origini del diritto del lavoro... 3 1.3. Il diritto internazionale...

Dettagli

MINIMALI E MASSIMALI DI RENDITA INAIL DAL 1 LUGLIO 2014

MINIMALI E MASSIMALI DI RENDITA INAIL DAL 1 LUGLIO 2014 INFORMATIVA N. 295 03 SETTEMBRE 2014 Assicurativo MINIMALI E MASSIMALI DI RENDITA INAIL DAL 1 LUGLIO 2014 Ministero del Lavoro, Decreto 10 giugno 2014 - Settore industria Ministero del Lavoro, Decreto

Dettagli

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione Il nuovo cumulo, terza via per la pensione La legge di stabilità 2013 (Legge n. 228/2012) per rendere meno gravosi i requisiti di accesso alla pensione dopo la riforma Monti-Fornero ha previsto, accanto

Dettagli

Ci sono cose che è meglio tenere lontano...

Ci sono cose che è meglio tenere lontano... INSERTO SPECIALE A CURA DI ASSIDIR Ci sono cose che è meglio tenere lontano... ma parlarne può essere utile! I INSERTO SPECIALE Caro collega, ognuno di noi, più o meno inconsciamente, tende ad allontanare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO (D.R. n. 1638 del 15 novembre 2002) Articolo 1 Ambito

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA'

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL T.U. DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA - D.P.R. 28.12.2000, N.445 OGGETTO: Dichiarazione reddituale del

Dettagli

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA La sottostante tabella riporta i requisiti, introdotti dalla nuova riforma previdenziale, necessari per ottenere la pensione di anzianità e quella

Dettagli

Prot. N 3922/C2 Pisa, 15 dicembre 2014 Ufficio Pensioni. All Ufficio Relazioni con il Pubblico S E D E

Prot. N 3922/C2 Pisa, 15 dicembre 2014 Ufficio Pensioni. All Ufficio Relazioni con il Pubblico S E D E Ministero della Pubblica Istruzione, Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio XV Ambito Territoriale della Provincia di Pisa Via Pascoli, 8-56100 Pisa - Tel.050.927511 Fax 050.927577 E-Mail:

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

Capo I Programma di Previdenza Complementare

Capo I Programma di Previdenza Complementare Regolamento disciplinante il trattamento pensionistico complementare del personale CONSOB assunto a far data dal 28 aprile 1993. Capo I Programma di Previdenza Complementare Sezione I Definizioni e finalità

Dettagli

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA... Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...3 LA DOMANDA...4 CHI PAGA L'ASSEGNO...4 IL RICORSO...5 ASSEGNO

Dettagli