Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012"

Transcript

1 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

2 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi IVD L integrazione nel sistema BD/RDM dei dispositivi medici La revisione i della attuale Scheda IVD Le differenti tipologie di dispositivi IVD Struttura e contenuto della nuova Scheda IVD 1

3 Le attuali modalità di notifica per gli IVD 2

4 Integrazione nel sistema BD/RDM Al fine di completare l ambito di rilevazione dei dispositivi medici, come previsto dall art. 8, c.1(*) del Decreto 21 dicembre 2009, è stato predisposto una proposta di set informativo specifico per i dispositivi IVD, al fine di consentire la notifica dei dispositivi medico diagnostici in vitro nel sistema Banca dati/repertorio dei Dispositivi Medici. AS IS TO BE Dispositivi medico diagnostici in vitro Dispositivi di Classe Dispositivi impiantabili attivi Dispositivi di Classe Dispositivi impiantabili attivi Sistema BD/RDM Sistema BD/RDM 1. Con successivo decreto, le disposizioni previste dal presente decreto saranno estese, con eventuali, necessari adattamenti, ai dispositivi medico-diagnostici in vitro. 3

5 Attività di revisione della Scheda IVD Tralasciando le modalità di notifica già note (BD/RDM), l attenzione è stata posta sui dati necessari per i dispositivi IVD. Pertanto, i criteri con quali si è proceduto nella formulazione della proposta di aggiornamento dei dati presenti nell attuale scheda di rilevazione sono le seguenti: garantire la omogeneità con le modalità previste dal D.M per i dispositivi medici di classe I, IIa, IIb e III e i dispositivi impiantabili attivi, per quanto riguarda i soggetti (fabbricante, mandatario e delegato alla notifica); assicurare l alimentazione di EUDAMED. In particolare, sono stati individuati tutti i dati previsti dall'attuale versione di EUDAMED, con particolare riferimento a quelli obbligatori; rendere utilizzabili i dati della notifica anche ai fini dell inserimento degli IVD nall ambito di rilevazione del Flusso Consumi Dispositivi Medici direttamente acquistati ti dal SSN. 4

6 Le differenti tipologie di dispositivi IVD La Scheda è stata predisposta per rilevare le informazioni delle differenti tipologie di dispositivi medico diagnostici in vitro. MACRO CATEGORIE DI IVD OGGETTO DI RILEVAZIONE REAGENTI, PRODOTTI REATTIVI, KIT, MATERIALE DI CONTROLLO, CALIBRATORI IVD CONTENITORI DI CAMPIONI STRUMENTI, APPARECCHI, ATTREZZATURE, SISTEMI 5

7 Struttura della nuova Scheda IVD La Scheda IVD riporta le seguenti tipologie di dati: DATI GENERALI UTILI A CLASSIFICARE IL DISPOSITIVO DATI TECNICI DATI TECNICI SPECIFICI PER REAGENTI, PRODOTTI REATTIVI, KIT, MATERIALE DI CONTROLLO, CALIBRATORI DATI TECNICI SPECIFICI PER STRUMENTI, APPARECCHI, ATTREZZATURE, SISTEMI DATI TECNICI SPECIFICI PER CONTENITORI DI CAMPIONI DATI TECNICI : TESSUTI DI ORIGINE UMANE O SOSTANZE DA ESSI DERIVATE (D.Lgs 332/2000, All. III, punto 3.d.) DATI TECNICI : TESSUTI O SOSTANZE DI ORIGINE ANIMALE DATI TECNICI : ALTRI DISPOSITIVI (DM/IVD) NECESSARI AL FUNZIONAMENTO DOCUMENTAZIONE TECNICA 6

8 Sezioni della nuova Scheda IVD Le tipologie di dati riportati nella Scheda possono essere raggruppate in 3 sezioni: Dati validi per tutti gli IVD DATI GENERALI UTILI A CLASSIFICARE IL DISPOSITIVO DATI TECNICI DOCUMENTAZIONE TECNICA Dati specifici per la macrocategoria diafferenza dell IVD DATI TECNICI SPECIFICI PER REAGENTI, PRODOTTI REATTIVI, KIT, MATERIALE DI CONTROLLO, CALIBRATORI DATI TECNICI SPECIFICI PER STRUMENTI, APPARECCHI, ATTREZZATURE, SISTEMI DATI TECNICI SPECIFICI PER CONTENITORI DI CAMPIONI Dati da compilare solo se necessario DATI TECNICI : TESSUTI DI ORIGINE UMANE O SOSTANZE DA ESSI DERIVATE (D.Lgs 332/2000, All. III, punto 3.d.) DATI TECNICI : TESSUTI O SOSTANZE DI ORIGINE ANIMALE DATI TECNICI : ALTRI DISPOSITIVI (DM/IVD) NECESSARI AL FUNZIONAMENTO 7

9 La nuova Scheda IVD 8

10 La nuova scheda IVD Dati generali DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO DATI GENERALI UTILI A INDIVIDUARE E A CLASSIFICARE IL DISPOSITIVO Nome commerciale e Modello Denominazione e modello del dispositivo assegnata dal fabbricante. Codice attribuito dal fabbricante (identificativo Codice attribuito dal fabbricante aldispositivo. catalogo) Ulteriori nomi commerciali del dispositivo Elenco nomi commerciali ulteriormente assegnati al dispositivo Contenuto della confezione di vendita Ruolo dell utente rispetto al dispositivo Breve descrizione del contenuto della confezione di vendita. Ruolo svolto dal dichiarante rispetto al dispositivo. Può essere: fabbricante mandatario altro soggetto delegato Fabbricante Associazione del fabbricante al dispositivo Mandatario Associazione del mandatario al dispositivo, se necessario Data di fine immissione in Indicazione della data di ultima immissione in commercio del, se commercio singolo IVD, oggetto della rilevazione necessario 9

11 La nuova scheda IVD Dati generali DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO Indicazione di dispositivo nuovo ai sensi dell art.10 c.4 del D.Lgs 332/2000 Nomenclatore GMDN Classificazione EDMA Indicazione se il dispositivo è considerabile o meno nuovo (si/no). Un IVD è considerato nuovo se: a. per l analita in questione o per un altro parametro, durante i tre anni precedenti tale dispositivo non è stato disponibile in modo continuativo nel mercato comunitario; b. la procedura di analisi prevede il ricorso ad una tecnologia analitica che non è stata utilizzata in modo continuativo nel mercato comunitario durante i tre anni precedenti in relazione ad un determinato analita o altro parametro. Classificazione del dispositivo secondo la nomenclatura GMDN. Classificazione del dispositivo secondo EDMA. (è possibile indicarla in alternativa a EDMA) (è possibile indicarla in alternativa a GMDN) Classificazione CND Classificazione del dispositivo secondo la CND. Scelta di una delle seguenti quattro opzioni: Allegato II Elenco A Classificazione IVD di cui al D.Lgs 332/2000 Allegato II Elenco B Test autodiagnostici (non inclusi nell Allegato II) Altro tipo di IVD Allegati al D.Lgs 332/2000 relativi Indicazione degli allegati previsti per la valutazione di conformità ai alle procedure di valutazione di fini della marcatura CE, da selezionare in apposito elenco. (Art. 9, conformità perla marcaturace D.Lgs 332/2000) 10

12 La nuova scheda IVD Certificati e altri dati generali DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO Conformità alle specifiche Indicazione circa la conformità alle specifiche, se tecniche comuni tecniche comuni (Art. 6, D.Lgs 332/2000). necessario Numero identificativo del Certificato relativo alle procedure di valutazione di Indicazione del numero identificativo di Certificato CE. conformità della marcatura CE Data primo rilascio certificato Indicazione della data di rilascio del certificato Data Scadenza Certificato Indicazione data di scadenza del Certificato CE., se necessario Organismo Notificato Indicazione codice dell'organismo notificato che ha rilasciato il Certificato CE. Copia del Certificato CE File PDF contenente il certificato CE Dichiarazione i di File PDF contenente t la dichiarazione i di conformità conformità CE CE. 11

13 La nuova scheda IVD Dati tecnici DATI TECNICI DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO Destinazione d uso Indicazione della destinazione d uso del dispositivo ai sensi del D.Lgs 332/2000. Sterile o altro speciale stato microbiologico del dispositivo (ove applicabile) Indicazione circa la sterilità o altro stato microbiologico del dispositivo (sterile/altro speciale stato microbiologico)., se necessario Metodo di sterilizzazione (ove applicabile) Indicazione del metodo utilizzato per la sterilizzazione del dispositivo, da elenco predefinito., se necessario Metodo di sterilizzazione validato secondo norme armonizzate (ove applicabile) Indicazione relativamente alla validazione del metodo di, se sterilizzazione secondo norme armonizzate (si/no/non noto). necessario Condizioni speciali di smaltimento li Indicazionecircaleeventualicondizionispecialidismaltimento previste per il dispositivo. i i 12

14 La nuova scheda IVD - REAGENTI, PRODOTTI REATTIVI, KIT, MATERIALE DI CONTROLLO, CALIBRATORI DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO DATI TECNICI SPECIFICI PER REAGENTI, PRODOTTI REATTIVI, KIT, MATERIALE DI CONTROLLO, CALIBRATORI Metodica (Principio del metodo) Indicazione del metodo utilizzato, da elenco predefinito. Presenza di calibratori Indicazione circa l eventuale presenza di calibratori (si/no). Controlli positivi Indicazione della presenza di controlli positivi. Controlli negativi Indicazione della presenza di controlli negativi. Condizioni di conservazione Periodo di validità della confezione integra Periodo di validità dopo la prima apertura del recipiente primario N di test effettuabili Indicazione delle eventuali condizionidiconservazioneprevisteperil reagente/kit. Indicazione del periodo di validità della confezione integra espresso in numero di mesi. Indicazione del periodo di validità dopo l apertura del recipiente primario del reagente/kit Indicazione del numero di test effettuabili oppure, in alternativa, della quantità di reagente e della quantità di reagente per singola determinazione (volume/massa). Monouso Indicazione se il dispositivo è o meno monouso (si/no). L N di unità contenute nella confezione di vendita Indicazione del numero di unità contenute nella confezione di vendita. 13

15 La nuova scheda IVD Strumenti, apparecchi, attrezzature, sistemi, contenitori di campioni BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO DATI TECNICI SPECIFICI PER STRUMENTI, APPARECCHI, ATTREZZATURE, SISTEMI Cadenza analitica (N test/ora) Indicazione del numero di test effettuabili per ora. Modalità di funzionamento Indicazione della modalità di funzionamento dello strumento. DATI TECNICI SPECIFICI PER CONTENITORI DI CAMPIONI Misura Indicazione dei parametri misurabili attualmente utilizzati e presenti nei cataloghi commerciali con le relative unità di misura (volume/diametro). Monouso N di unità contenute nella confezione di vendita Indicazione se il dispositivo è o meno monouso (si/no). Indicazione i dl del numerodi unitàcontenute t t nellaconfezione di vendita. Tipo di additivo contenuto Indicazione della tipologia di additivo contenuta nel dispositivo consumabile, da elenco predefinito. L se presente 14

16 La nuova scheda IVD Tessuti o sostanze DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO DATI TECNICI : TESSUTI DI ORIGINE UMANE O SOSTANZE DA ESSI DERIVATE (D.Lgs 332/2000, All. III, punto 3.d.) Parte utilizzata Stato di provenienza Indicazione della parte utilizzata (tessuto/sostanza). Stato di provenienza del tessuto di origine umana/sostanza da esso derivata contenuta nel dispositivo. se necessar io Documentazione sulla File contenente la documentazione sulla provenienza o provenienza del tessuto indirizzo e mail o sito web da cui è possibile reperire tale osostanza documentazione. Documentazione sui metodi di trattamento e inattivazione File contenente la documentazione sui metodi di trattamento e inattivazione o indirizzo e mail o sito web da cui è possibile reperire tale documentazione. Documentazione Autorità Sanitarie delle File contenente la documentazione predisposta dalle Autorità Sanitarie o indirizzo e mail o sito web da cui è possibile reperire tale documentazione. FA C 15

17 La nuova scheda IVD Tessuti di origine animale DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO DATI TECNICI : TESSUTI DI ORIGINE ANIMALE Famiglia di appartenenza Indicazione della famiglia di appartenenza del tessuto biologico/sostanza animale contenuta nel dispositivo. Stato di provenienza Indicazione della stato di provenienza del tessuto biologico/sostanza animale contenuta nel dispositivo., se necessar io Parte utilizzata dei, se tessuti Indicazione della parte dei tessuti utilizzata nel dispositivo. necessar io Documentazione sulla provenienza del tessuto osostanza Documentazione sui metodi di trattamento e inattivazione File contenente la documentazione sulla provenienza o indirizzo e mail o sito web da cui è possibile reperire tale documentazione. File contenente la documentazione sui metodi di trattamento e inattivazione o indirizzo e mail o sito web da cui è possibile reperire tale documentazione. Documentazione Autorità Sanitarie delle File contenente la documentazione predisposta dalle Autorità Sanitarie o indirizzo e mail o sito web da cui è possibile reperire tale documentazione. 16

18 La nuova scheda IVD Altri DM necessari al funzionamento DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO DATI TECNICI : ALTRI DISPOSITIVI (DM/IVD) NECESSARI AL FUNZIONAMENTO Nella confezione di vendita è presente il dispositivo necessario al funzionamento dell IVD oggetto di notifica? Uso esclusivo/uso non esclusivo Se l uso è esclusivo, indicare sinteticamente fabbricante, nome commerciale, codice attribuito dal fabbricante, modello e motivo dell esclusività Indicazione circa la presenza del dispositivo necessario al funzionamento dell IVD oggetto di notifica (si/no). Indicare se il dispositivo da correlare ha un uso esclusivo rispetto al dispositivo oggetto di notifica. (si/no) Indicazione sintetica della denominazione del fabbricante, del nome commerciale del dispositivo IVD, del codice attribuito dal fabbricante, del modello e del razionale di esclusività, se necessari o, se necessari o, se necessari o 17

19 La nuova scheda IVD Documentazione DATO RICHIESTO DOCUMENTAZIONE TECNICA Risultati della valutazione delle prestazioni Etichetta Istruzioni per l uso BREVE DESCRIZIONE File contenente i risultati della valutazione delle prestazioni. Informazione prevista per IVD Allegato II Elenco A e B, Test autodiagnostici. ti i File contenente l etichetta del dispositivo o in alternativa indicazione del link del sito da cui è possibile ottenere tali informazioni, previsto per IVD File contenente le istruzioni dell uso del dispositivo o in alternativa indicazione del link del sito da cui è possibile ottenere tali informazioni, previsto per IVD. TIPO DATO se necessari o, se necessario Immagine del dispositivo File contenente l immagine del dispositivo o in alternativa indicazione del link del sito da cui è possibile ottenere tali informazioni. Bibliografia scientifica di File contenente la Bibliografia scientifica di supporto all'evidenza clinica supporto all'evidenza clinica delle prestazioni e della sicurezza del dispositivo o in alternativa delle prestazioni e della indicazione del link del sito da cui è possibile ottenere tali informazioni sicurezza o un indirizzo e mail cui richiederla. 18

Repertorio Dispositivi Medici. Manuale Utente Profilo Regioni e Aziende Sanitarie

Repertorio Dispositivi Medici. Manuale Utente Profilo Regioni e Aziende Sanitarie Repertorio Dispositivi Medici Profilo Regioni e Aziende Sanitarie Versione 1.0 Gennaio 2008 NSIS_SSW.MSW_DISPO_RDM_MTR_SSN.doc Pagina 1 di 40 Versione 1.0 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...3 1.1 DEFINIZIONI E

Dettagli

La banca dati EUDAMED nella nuova direttiva e i rapporti con il RDM

La banca dati EUDAMED nella nuova direttiva e i rapporti con il RDM La banca dati EUDAMED nella nuova direttiva e i rapporti con il RDM Claudia Biffoli Ministero della Salute Direzione Generale del Sistema Informativo II Conferenza Nazionale sui Dispositivi medici Sessione

Dettagli

dott.ssa Giovanna Nisticò Ufficio IV Diagnostici in vitro Roma, 31 maggio 1 giugno 2011

dott.ssa Giovanna Nisticò Ufficio IV Diagnostici in vitro Roma, 31 maggio 1 giugno 2011 Sessione Diagnostici in vitro e il corretto utilizzo dei dispositivi per test autodiagnostici nelle farmacie alla luce dell'entrata in vigore del DM 16/12/2010 dott.ssa Giovanna Nisticò Ufficio IV Diagnostici

Dettagli

Il Repertorio e la banca dati dei DM: nuovi strumenti informatici seconda parte

Il Repertorio e la banca dati dei DM: nuovi strumenti informatici seconda parte Il Repertorio e la banca dati dei DM: nuovi strumenti informatici seconda parte Claudia Biffoli Ministero della Salute Direzione generale del sistema informativo Conferenza nazionale sui dispositivi medici

Dettagli

CONDUZIONE FUNZIONALE E TECNICA NSIS

CONDUZIONE FUNZIONALE E TECNICA NSIS CONDUZIONE FUNZIONALE E TECNICA NSIS DISPOSITIVI MEDICI - MANUALE UTENTE GUIDA ALL USO DELLE FUNZIONI PER FABBRICANTI DI DISPOSITIVI MEDICI DI CLASSE I, IIa, IIb, III E DISPOSITIVI MEDICO-DIAGNOSTICI IN

Dettagli

La direttiva 98/79/CE: applicazione e classificazione dei dispositivi per diagnostica in vitro

La direttiva 98/79/CE: applicazione e classificazione dei dispositivi per diagnostica in vitro La direttiva 98/79/CE: applicazione e classificazione dei dispositivi per diagnostica in vitro European Diagnostic Manufacturers Association Natale Bova QA Manager Instrumentation Laboratory EDMA Regulatory

Dettagli

DISPOSITIVI. Federico II. Avv. Antonia De Lisio

DISPOSITIVI. Federico II. Avv. Antonia De Lisio DISPOSITIVI Le direttive comunitarie e le norme italiane che hanno recepito le direttive stesse disciplinano, separatamente, tre categorie di dispositivi medici 1 DISPOSITIVI i dispositivi medici impiantabili

Dettagli

REPERTORIO AZIENDALE DEI DISPOSITIVI MEDICI

REPERTORIO AZIENDALE DEI DISPOSITIVI MEDICI S.O.C. Assistenza Farmaceutica AZIENDA N 4 Medio Friuli REPERTORIO DEI DISPOSITIVI MEDICI Edizione 0 del 20/11/07 REPERTORIO AZIENDALE DEI DISPOSITIVI MEDICI INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID La Persona con Diabete al centro Ferrara 11-12 Ottobre 2013

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID La Persona con Diabete al centro Ferrara 11-12 Ottobre 2013 CONVEGNO REGIONALE AMD-SID La Persona con Diabete al centro Ferrara 11-12 Ottobre 2013 Dispositivi medico-diagnostici in vitro nel diabete: stato dell arte Ruolo del Farmacista Angela Ricci Frabattista

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali La Banca dati e il Repertorio dei Dispositivi Medici: nuovi strumenti informatici Claudia Biffoli Direttore Ufficio IV Sistema informativo del ministero Direzione Generale del Sistema Informativo Settore

Dettagli

NAZIONALE DEI DISPOSITIVI MEDICI (C.N.D.):.):

NAZIONALE DEI DISPOSITIVI MEDICI (C.N.D.):.): CLASSIFICAZIONE NAZIONALE DEI DISPOSITIVI MEDICI (C.N.D.):.): STRUTTURA E FINALITA ing. Claudio Giuricin Conferenza nazionale sui dispositivi medici: attualità e prospettive Roma, 7 giugno 2007 Riferimento

Dettagli

Giovanni Monopoli SSFA GdL Dispositivi Medici

Giovanni Monopoli SSFA GdL Dispositivi Medici 1. INTRODUZIONE 2. IL Giovanni Monopoli SSFA GdL Dispositivi Medici 3. CLASSI DI RISCHIO 4. VALUTAZIONE DI CONFORMITÁ E MARCATURA CE 5. BANCA DATI E CLASSIFICAZIONE NAZIONALE I DISPOSITIVI MEDICI: ASPETTI

Dettagli

DOCUMENTO RECANTE LINEE GUIDA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEI DATI E DELLA DOCUMENTAZIONE PRESENTE NEL REPERTORIO DEI DISPOSITIVI MEDICI

DOCUMENTO RECANTE LINEE GUIDA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEI DATI E DELLA DOCUMENTAZIONE PRESENTE NEL REPERTORIO DEI DISPOSITIVI MEDICI DOCUMENTO RECANTE LINEE GUIDA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEI DATI E DELLA DOCUMENTAZIONE PRESENTE NEL REPERTORIO DEI DISPOSITIVI MEDICI PER LA SOTTOSCRIZIONE DI UN ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA STATO-REGIONI

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE Proc. 19 Pag. 1 di 7 PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE DEGLI ADEMPIMENTI DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) 9.8.2007 7.7.2010 9.10.1999. EN 12322:1999/A1:2001 31.7.2002 Nota 3 Data scaduta (30.4.2002) 19.8.2011 19.8.

(Testo rilevante ai fini del SEE) 9.8.2007 7.7.2010 9.10.1999. EN 12322:1999/A1:2001 31.7.2002 Nota 3 Data scaduta (30.4.2002) 19.8.2011 19.8. C 22/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.1.2013 Comunicazione della Commissione nell ambito dell applicazione della direttiva 98/79/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 ottobre 1998,

Dettagli

Procedura negoziata per la fornitura di tamponi tradizionali con e senza terreno di trasporto CAPITOLATO TECNICO

Procedura negoziata per la fornitura di tamponi tradizionali con e senza terreno di trasporto CAPITOLATO TECNICO Procedura negoziata per la fornitura di tamponi tradizionali con e senza terreno di trasporto CAPITOLATO TECNICO La gara ha per oggetto la fornitura triennale di tamponi tradizionali con e senza terreno

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

DISPOSITIVI MEDICO- DIAGNOSTICI IN VITRO

DISPOSITIVI MEDICO- DIAGNOSTICI IN VITRO DISPOSITIVI MEDICO- DIAGNOSTICI IN VITRO DECRETO LEGISLATIVO n 332 del 8 Settembre 2000 attuazione della Direttiva CEE 98/79 Commento alla normativa e ripercussioni all interno delle Aziende sanitarie

Dettagli

Classificazione, certificazione ed etichettatura dei dispositivi medico-diagnostici in vitro

Classificazione, certificazione ed etichettatura dei dispositivi medico-diagnostici in vitro 1 CORSO DI AGGIORNAMENTO SUI DISPOSITIVI MEDICI: APETTI REGOLATORI E APPLICATIVI Classificazione, certificazione ed etichettatura dei dispositivi medico-diagnostici in vitro Roma, 19 MAGGIO 2009 1 CLASSIFICAZIONE

Dettagli

R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità

R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità Allegato 4 al Disciplinare di Gara R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE DI PRESIDI PER

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali P.I. Alessandro Melzi Funzione Valutazione Conformità Prodotto Laboratorio Dispositivi Medici IMQ S.p.A. - Milano POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

La sicurezza nei luoghi di lavoro

La sicurezza nei luoghi di lavoro La sicurezza nei luoghi di lavoro Valutazione dei rischi Identificazione dei pericoli e stima dei rischi ad essi connessi Obiettivi Prevenzione infortuni e incidenti e protezione della salute delle persone

Dettagli

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Principali Processi Applicativi per lo Sviluppo e Commercializzazione di Dispositivi Medici - Seminario Gruppo di Lavoro Dispositivi Medici Auditorium Bayer

Dettagli

DISPOSITIVI MEDICI e VIGILANZA

DISPOSITIVI MEDICI e VIGILANZA DISPOSITIVI MEDICI e VIGILANZA Gruppo di Lavoro SIFO Toscana Vigilanza Gruppo di lavoro SIFO Toscana Dispositivi Medici ( A.M. Calvani, M.T. Torracca, M.Rinaldi, M.Buccini,C.Ceccarelli,S.Cappelletti,C.Martini,G.Borselli,

Dettagli

MARCATURA CE E ISO 13485 NEL SETTORE DEI MEDICAL DEVICES. Sara Pelizzoli. Modena, 29/10/2014. - Copyright Bureau Veritas

MARCATURA CE E ISO 13485 NEL SETTORE DEI MEDICAL DEVICES. Sara Pelizzoli. Modena, 29/10/2014. - Copyright Bureau Veritas MARCATURA CE E ISO 13485 NEL SETTORE DEI MEDICAL DEVICES Sara Pelizzoli Modena, 29/10/2014 - Copyright Bureau Veritas RIFERIMENTI NORMATIVI Direttiva 93/42/CEE del Consiglio del 14 Giugno 1993 concernente

Dettagli

(GU L 169 del 12.7.1993, pag. 1)

(GU L 169 del 12.7.1993, pag. 1) 1993L0042 IT 11.10.2007 005.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DIRETTIVA 93/42/CEE DEL CONSIGLIO del 14 giugno 1993 concernente

Dettagli

'LDJUDPPDGLIOXVVRSHUOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOD

'LDJUDPPDGLIOXVVRSHUOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOD $//(*$729,, 'LDJUDPPDGLIOXVVRGHOOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOHGLUHWWLYH, 'LUHWWLYHGLQXRYRDSSURFFLR 1. Materiale elettrico a bassa tensione (o "Bassa tensione") (73/23/CEE, modificata

Dettagli

Banca Dati Dispositivi Medici Fase 2

Banca Dati Dispositivi Medici Fase 2 Banca Dati Dispositivi Medici Fase 2 Profilo Fabbricante DM Versione 6.4 16/07/2013 Profilo Fabbricante DM Pagina 1 di 324 Versione 6.4 Scheda informativa del documento Versione Data Creazione Stato 6.4

Dettagli

Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici

Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici Il campo di gioco Nuovo Approccio all'armonizzazione tecnica e Approccio Globale alla valutazione della conformità L'articolo 95 paragrafo 3

Dettagli

Decreto Legislativo 24 febbraio 1997, n. 46. "Attuazione della direttiva 93/42/CEE, concernente i dispositivi medici"

Decreto Legislativo 24 febbraio 1997, n. 46. Attuazione della direttiva 93/42/CEE, concernente i dispositivi medici Pagina 1 di 12 Decreto Legislativo 24 febbraio 1997, n. 46 "Attuazione della direttiva 93/42/CEE, concernente i dispositivi medici" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 54 del 6 marzo 1997 - Supplemento

Dettagli

Vademecum per potenziare la consultazione e l utilizzo del sistema Banca Dati / Repertorio dei Dispositivi Medici

Vademecum per potenziare la consultazione e l utilizzo del sistema Banca Dati / Repertorio dei Dispositivi Medici Vademecum per potenziare la consultazione e l utilizzo del sistema Banca Dati / Repertorio dei l utilizzo del sistema Banca Dati / Repertorio dei Versione Stato Data XI pubblicato 03/03/2014 Indice Introduzione...

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 51/13 DEL 28.12.2012

DELIBERAZIONE N. 51/13 DEL 28.12.2012 Oggetto: Indizione di procedure aperte a valenza regionale per la fornitura di dispositivi medici e individuazione delle ASL capofila. Elenco delle procedure di gara da indire con valenza aziendale. L

Dettagli

IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011

IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011 IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011 INDICE 1.0 SCOPO 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RIFERIMENTI 5.0 DESCRIZIONE DEL PROCESSO 5.1 Modalità 5.2 Ruoli e Responsabilità 6.0 MODULISTICA ALLEGATA E ARCHIVIAZIONE

Dettagli

Dispositivi Medici Banca dati ministeriale e Repertorio Storia e sviluppo Davide Perego. A.S.B.M. S.r.l. www.asbm.it e-mail: asbmsrl@asbm.

Dispositivi Medici Banca dati ministeriale e Repertorio Storia e sviluppo Davide Perego. A.S.B.M. S.r.l. www.asbm.it e-mail: asbmsrl@asbm. Dispositivi Medici Banca dati ministeriale e Repertorio Storia e sviluppo Davide Perego A.S.B.M. S.r.l. www.asbm.it e-mail: asbmsrl@asbm.it 2007 2013.dove siamo? 100 euro KIT & ASSEMBLATI DM simili DU

Dettagli

ELENCO ORGANISMI CON RC OBBLIGATORIA

ELENCO ORGANISMI CON RC OBBLIGATORIA ELENCO ORGANISMI CON RC OBBLIGATORIA ORGANISMI NOTIFICATI E ORGANISMI IN GENERE 1. Macchine (Direttiva 2006/42/CE) In attesa di recepimento 2. Compatibilità elettromagnetica (Direttiva 2004/108/CE) D.Lgs.

Dettagli

Dispositivi Medici: Normativa,Qualità e Responsabilità Nicola Campani

Dispositivi Medici: Normativa,Qualità e Responsabilità Nicola Campani Dispositivi Medici: Normativa,Qualità e Responsabilità Nicola Campani rescueconsulting.com 1 Strumenti per il soccorso Quelli che vengono comunemente identificati come strumenti o attrezzature di soccorso

Dettagli

SCELTA DEL PERCORSO PER LA CERTIFICAZIONE DI UN DISPOSITIVO MEDICO

SCELTA DEL PERCORSO PER LA CERTIFICAZIONE DI UN DISPOSITIVO MEDICO 51 SIMPOSIO AFI Dispositivi Medici: evoluzione dell ampia gamma dei borderline Rimini, 8 giugno 2011 SCELTA DEL PERCORSO PER LA CERTIFICAZIONE DI UN DISPOSITIVO MEDICO Antonella Mamoli - Fabio Geremia

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SUI DISPOSITIVI MEDICI: ASPETTI GERNERALI I Corso di aggiornamento sui dispositivi medici: aspetti regolatori e applicativi Annamaria Donato Direzione Generale dei Farmaci e

Dettagli

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup. I MANGIMI MEDICATI Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.it 1 2 3 4 5 6 7 8 5. CONTROLLO DI QUALITÀ 5.1 esiste una persona

Dettagli

Tavolo tecnico per il Governo della spesa pubblica dei dispositivi medici

Tavolo tecnico per il Governo della spesa pubblica dei dispositivi medici FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AISPEC Gruppo prodotti sensibili Introduzione Tavolo tecnico per il Governo della spesa pubblica dei dispositivi medici Considerazioni del Gruppo Prodotti Sensibili Settore diagnostica

Dettagli

isiazione armaceutica

isiazione armaceutica Paola Minghetti, Marcello Marchetti Facoltà di Farmacia, Université degli Studi di Milano ; :. «t.- isiazione armaceutica Esami di farmacia Quarta edizione CASA EDITRICE AMBROSIANA Indice CENNISULLA NORMATIVA

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI. (omissis)

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI. (omissis) Decreto lgs. 24 febbraio 1997, n. 46 emendato col D. lgs. 25.01.2010, n.37 - Recepimento Direttiva 2007/47/CE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA BRASILIANE

LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA BRASILIANE LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA BRASILIANE Dott.ssa Marisa Testa Regulatory Affairs Specialist Bologna, 24 Maggio 2014 Exposanità Welcome Lounge Copyright 2014 1 Contenuti Informazioni

Dettagli

nuova direttiva macchine nuova direttiva dispositivi medici

nuova direttiva macchine nuova direttiva dispositivi medici nuova direttiva macchine nuova direttiva dispositivi medici relazioni tra la nuova direttiva macchine Dir.2006/42/CE e le novita introdotte dalla Dir.2007/47/CE correttiva della direttiva 93/42/CE Dispositivi

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI. (omissis)

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI. (omissis) Decreto lgs. 24 febbraio 1997, n. 46 emendato col D. lgs. 25.01.2010, n.37 - Recepimento Direttiva 2007/47/CE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Dispositivi Medici: classificazione e Normativa

Dispositivi Medici: classificazione e Normativa http://www.aslromaa.it/auslrma/ farmaanotizie Periodico mensile di informazione della ASL ROMA A su argomenti di farmacoepidemiologia/farmacoeconomia/farmacovigilanza Gennaio 2013 anno 4 n 1 A cura della

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Milena Sinigaglia Quality Systems Management & Health S.r.l. Meetjob Oristano 23/24 Aprile 2013

Dettagli

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Ludovica Malaguti Aliberti Centro Nazionale Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità Protezione da sostanze

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO (Lotto 2)

CAPITOLATO TECNICO (Lotto 2) CAPITOLATO TECNICO (Lotto 2) Oggetto: Acquisizione di un sistema analitico necessario all U.O. di Laboratorio Analisi del Presidio di Busto Arsizio, per l esecuzione di tests di Allergologia ed Autoimmunità

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE di CUNEO Struttura Complessa ACQUISTI Responsabile Dott.ssa Laura CARIGNANO Corso Brunet, 19/A 12100 CUNEO Telefono 0171-64.32.22 E-mail : acquisti@ospedale.cuneo.it Fax 0171 64.32.23 Cuneo, 05 dicembre 2011 Prot.

Dettagli

PRESCRIZIONI PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI OPERANTI LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI

PRESCRIZIONI PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI OPERANTI LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it Titolo PRESCRIZIONI PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI OPERANTI LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA, visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l'articolo 100 A,

IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA, visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l'articolo 100 A, Direttiva CEE/CEEA/CE n 79 del 27/10/1998 98/79/CE: Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 ottobre 1998 relativa ai dispositivi medico-diagnostici in vitro. IL PARLAMENTO EUROPEO E IL

Dettagli

Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici

Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici Il campo di gioco Nuovo Approccio all'armonizzazione tecnica e Approccio Globale alla valutazione della conformità L'articolo 95 paragrafo 3

Dettagli

Roma, 30 Luglio 2008. Viale Pasteur, 10 00144 ROMA Fax 06-54280603

Roma, 30 Luglio 2008. Viale Pasteur, 10 00144 ROMA Fax 06-54280603 Roma, 30 Luglio 2008 DIPARTIMENTO DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DEI FARMACI E DEI DISPOSITIVI MEDICI UFFICIO III DELL EX MINISTERO DELLA SALUTE N DGFDM.III/P/27890/I.5.h.e/4 Risposta al Foglio del

Dettagli

SISTEMA BASE MANUALE D USO

SISTEMA BASE MANUALE D USO MBS-HACCP&ACQUE EASY TEST SISTEMA BASE MANUALE D USO INDICE 1.1 Introduzione 3 1.2 Modalità di utilizzo 5 1.2.1 Campione solido 6 1.2.2 Campione liquido 9 1.2.3 Analisi di una superficie 12 1.2.4 Note

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016

LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016 LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016 Approfondimenti sulla gestione dei gas medicinali : Il punto di vista dell industria Stefania Mariani I GAS UTILIZZATI IN OSPEDALE In ambito

Dettagli

Dispositivi Medici: ottimizzare la gestione della qualità nell era delle nuove Direttive Europee

Dispositivi Medici: ottimizzare la gestione della qualità nell era delle nuove Direttive Europee XII Congresso Nazionale AIOS Riccione 11-13 Ottobre 2012 Dispositivi Medici: ottimizzare la gestione della qualità nell era delle nuove Direttive Europee SIMPOSIO Relatori: G. Sorcini (Meditrial) F. Valtorta

Dettagli

FORNITURA IN SERVICE DI SISTEMI ANALITICI PER I LABORATORI DI ANALISI CHIMICO-CLINICHE E MICROBIOLOGICHE E LABORATORI DI MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

FORNITURA IN SERVICE DI SISTEMI ANALITICI PER I LABORATORI DI ANALISI CHIMICO-CLINICHE E MICROBIOLOGICHE E LABORATORI DI MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA FORNITURA IN SERVICE DI SISTEMI ANALITICI PER I LABORATORI DI ANALISI CHIMICO-CLINICHE E MICROBIOLOGICHE E LABORATORI DI MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA LOTTO 1: SISTEMA PER IDENTIFICAZIONI ED ANTIBIOGRAMMI

Dettagli

GMP e norme ISO nella produzione dei dispositivi medici. Antonella Mamoli Roma, 19 Maggio 2009

GMP e norme ISO nella produzione dei dispositivi medici. Antonella Mamoli Roma, 19 Maggio 2009 GMP e norme ISO nella produzione dei dispositivi medici Antonella Mamoli Roma, 19 Maggio 2009 GMP: riferimento normativo per i produttori farmaceutici L attuale normativa italiana del farmaco Il Decreto

Dettagli

La Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Direttiva Macchine 2006/42/CE La Direttiva Macchine 2006/42/CE Implicazioni per l utilizzatore Verona, 26 Maggio 2010 Eleonora Pagani Introduzione Concetti generali La direttiva Macchine ha un duplice obbiettivo: permettere la libera

Dettagli

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A,

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A, ',5(77,9$&(('(/&216,*/,2GHOOXJOLR FKH PRGLILFD OH GLUHWWLYH GHO &RQVLJOLR &(( UHFLSLHQWL VHPSOLFL D SUHVVLRQH &(( VLFXUH]]D GHL JLRFDWWROL &(( SURGRWWL GD FRVWUX]LRQH &(( FRPSDWLELOLWj HOHWWURPDJQHWLFD

Dettagli

Note per la compilazione della Scheda individuale di rischio lavorativo (SERI) - D.Lgs. 81/08 -

Note per la compilazione della Scheda individuale di rischio lavorativo (SERI) - D.Lgs. 81/08 - Note per la compilazione della Scheda individuale di rischio lavorativo (SERI) - D.Lgs. 81/08-1. Dati generali Nella casella C.F. deve essere inserito il codice fiscale del soggetto per il quale viene

Dettagli

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE Via San Carlo, 13 Arluno (Milano) 4 marzo 2014 2 Introduzione Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di sostanze infettive o potenzialmente

Dettagli

DATASOFTWARE s.r.l. Soluzioni Informatiche per le Ortopedie e Sanitarie

DATASOFTWARE s.r.l. Soluzioni Informatiche per le Ortopedie e Sanitarie I DISPOSITIVI MEDICI Sono una categoria di prodotti (strumenti, apparecchi, impianti, sostanze, software o altro) destinati ad essere impiegati nell uomo o sull uomo a scopo di diagnosi, prevenzione, controllo

Dettagli

KIT PER PROCEDURE DI TRATTAMENTO DELLE OSTEOLISI: STRUMENTI 137963-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

KIT PER PROCEDURE DI TRATTAMENTO DELLE OSTEOLISI: STRUMENTI 137963-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT KIT PER PROCEDURE DI TRATTAMENTO DELLE OSTEOLISI: STRUMENTI 137963-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano

Dettagli

ATTREZZATURE A PRESSIONE

ATTREZZATURE A PRESSIONE ATTREZZATURE A PRESSIONE (DIRETTIVA PED) Direttiva 97/23/CE recepita con D. Lgs. 25 Febbraio 2000, n. 93 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLOGNA Camera dell Economia ATTREZZATURE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CERTIFICAZIONI CE AI SENSI DELLA DIRETTIVA DISPOSITIVI MEDICI

REGOLAMENTO PER LE CERTIFICAZIONI CE AI SENSI DELLA DIRETTIVA DISPOSITIVI MEDICI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PRINCIPI GENERALI E GARANZIE PER IL CLIENTE 3. REQUISITI DI ACCESSO PER LA CERTIFICAZIONE 4. REQUISITI DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE 5. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE

Dettagli

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED (Pressure Equipment Directive) Campo di applicazione La Direttiva si applica alla progettazione, fabbricazione e valutazione di conformità delle attrezzature a pressione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ISTITUTO DI MEDICINA LEGALE Corso di Dottorato di Ricerca in Medicina legale, Tossicologia forense e Malpractice XXIV CICLO Tesi di Dottorato

Dettagli

Lista norme tecniche armonizzate nel campo della sterilizzazione pubblicate in supporto alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici

Lista norme tecniche armonizzate nel campo della sterilizzazione pubblicate in supporto alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici Lista norme tecniche armonizzate nel campo della sterilizzazione pubblicate in supporto alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici Sterilizzatrici per uso medico - Sterilizzazione UNI EN 285 Sterilizzazione

Dettagli

Sacche da letto SAUER 2009-04-30-1/6. Registrazione NSIS

Sacche da letto SAUER 2009-04-30-1/6. Registrazione NSIS Sacche da letto SAUER 2009-04-30-1/6 1. Codice GMDN Codice: 14297 Denominazione: Unità di drenaggio urinario Definizione: Categoria 1: Kit di componenti, ad es. una sacca ed un tubo, progettati per raccogliere

Dettagli

Workshop Repertorio dei Dispositivi Medici per il supporto al monitoraggio dei consumi

Workshop Repertorio dei Dispositivi Medici per il supporto al monitoraggio dei consumi Workshop Repertorio dei Dispositivi Medici per il supporto al monitoraggio dei consumi Annamaria Donato Direttore ufficio III Direttore reggente ufficio VI Direzione Generale farmaci e dispositivi medici

Dettagli

QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010

QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010 QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010 1) Gli alimenti per la prima infanzia sono disciplinati a livello comunitario:

Dettagli

***II POSIZIONE COMUNE

***II POSIZIONE COMUNE PARLAMENTO EUROPEO 1999 Documento di seduta 2004 C5-0331/2000 03/07/2000 ***II POSIZIONE COMUNE Oggetto: Posizione comune definita dal Consiglio del 29 giugno 2000in vista dell'adozione della direttiva

Dettagli

La sorveglianza sui dispositivi medici

La sorveglianza sui dispositivi medici Corso Attività di Polizia Sanitaria ROMA, 21 giugno 2012 La sorveglianza sui dispositivi medici Dr. Franco Abbenda Ministero della Salute DGFDSC Ufficio 03 1 Origini regolatorie - Armamentario del medico

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi Regolamento 183/2005 Applicazione sul territorio regionale L applicazione

Dettagli

Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro

Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro Istituto Superiore Per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro Dipartimento Territoriale di BRESCIA Via San Francesco d Assisi, 11 25122 BRESCIA Competenze ed Obblighi degli Organismi Notificati, dei

Dettagli

DISPOSITIVI MEDICI: REGOLE DI CLASSIFICAZIONE E RELATIVE PROBLEMATICHE

DISPOSITIVI MEDICI: REGOLE DI CLASSIFICAZIONE E RELATIVE PROBLEMATICHE Area vasta Emilia Nord Corso I edizione Dispositivi Medici: Aspetti Legislativi e Procedurali per gli Acquirenti Modena 13 Febbraio 2009 DISPOSITIVI MEDICI: REGOLE DI CLASSIFICAZIONE E RELATIVE PROBLEMATICHE

Dettagli

Rapporto interno n.. Rapporto relativo a: Incidente Mancato incidente

Rapporto interno n.. Rapporto relativo a: Incidente Mancato incidente ALLEGATO n. 1 Rapporto di incidente o di mancato incidente da parte di operatori sanitari al Ministero della Salute (artt. 9 e 10, D.Lgs. n. 46 del 1997; art. 11, D.Lgs. n. 507 del 1992) Rapporto interno

Dettagli

CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio

CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio 1997 n. 22 (attuazione delle direttive 91/156/CEE sui

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE

Direttiva Macchine 2006/42/CE Direttiva Macchine 2006/42/CE Tutte le macchine e i componenti di sicurezza sono soggetti alla Direttiva 2006/42/CE, nota come Direttiva Macchine, recepita in Italia con D.Lgs N. 17/2010. Questa Direttiva

Dettagli

Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010. Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici

Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010. Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010 dr. Ruggero Carminati, dott.ssa Monica Bonenti Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Integrità dei contenitori

Dettagli

C1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DI DISPOSITIVO MEDICO - PROFIT. Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara

C1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DI DISPOSITIVO MEDICO - PROFIT. Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara C1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DI DISPOSITIVO MEDICO - PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara Il D.L.vo 507/92 sui dispositivi medici impiantabili attivi, il

Dettagli

PROTOCOLLO AZIENDALE SULLA MODALITÁ DI FORMULAZIONE DELLE RICHIESTE DI APPROVVIGIONAMENTO

PROTOCOLLO AZIENDALE SULLA MODALITÁ DI FORMULAZIONE DELLE RICHIESTE DI APPROVVIGIONAMENTO PROTOCOLLO AZIENDALE SULLA MODALITÁ DI FORMULAZIONE DELLE RICHIESTE DI APPROVVIGIONAMENTO PREMESSE Il presente Regolamento intende disciplinare le modalità con le quali dovranno essere formulate le richieste

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Manipolazione sicura Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

DIRETTIVA 2005/62/CE DELLA COMMISSIONE

DIRETTIVA 2005/62/CE DELLA COMMISSIONE 1.10.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 256/41 DIRETTIVA 2005/62/CE DELLA COMMISSIONE del 30 settembre 2005 recante applicazione della direttiva 2002/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI

Dettagli

Infezione da Citomegalovirus umano. L importanza di un test automatizzato e standardizzato per il monitoraggio della carica virale

Infezione da Citomegalovirus umano. L importanza di un test automatizzato e standardizzato per il monitoraggio della carica virale 2-3anteCAPCTM 12/07/11 11.07 Pagina 3 Infezione da Citomegalovirus umano L importanza di un test automatizzato e standardizzato per il monitoraggio della carica virale 2-3anteCAPCTM 12/07/11 11.07 Pagina

Dettagli

Utilizzo degli strumenti informativi per la gestione degli acquisti nello scenario della Regione Friuli Venezia Giulia

Utilizzo degli strumenti informativi per la gestione degli acquisti nello scenario della Regione Friuli Venezia Giulia Utilizzo degli strumenti informativi per la gestione degli acquisti nello scenario della Regione Friuli Venezia Giulia ing. Claudio Giuricin, componente della C.U.D. Direttore del Dipartimento Servizi

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO SEZIONE PROVINCIALE DI ROMA SERVIZIO IMPIANTI E RISCHI INDUSTRIALI VIA BONCOMPAGNI, 101 00187 ROMA AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre

Dettagli

Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE

Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE WWW.PROMOZIONEACCIAIO.IT Ing. M.Antinori Responsabile Ufficio Tecnico Fondazione Promozione Acciaio ACCIAIO STRUTTURALE: La normativa in evoluzione Identificarlo,

Dettagli

DESCRIZIONE FORNITURA DI DIAGNOSTICI METODICHE MANUALI RAPIDE PER EMATOLOGIA, IMMUNOLOGIA E CHIMICA CLINICA PER IL PERIODO DI DODICI MESI IMMUNOLOGIA

DESCRIZIONE FORNITURA DI DIAGNOSTICI METODICHE MANUALI RAPIDE PER EMATOLOGIA, IMMUNOLOGIA E CHIMICA CLINICA PER IL PERIODO DI DODICI MESI IMMUNOLOGIA ALLEGATO A - LOTTO B DESCRIZIONE FORNITURA DI DIAGNOSTICI METODICHE MANUALI RAPIDE PER EMATOLOGIA, IMMUNOLOGIA E CHIMICA CLINICA PER IL PERIODO DI DODICI MESI IMMUNOLOGIA LOTTO B FABBISOGNO ANNUALE REAGENTI

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 33144 DEL 22.12.2000. Piano per l attuazione dei controlli sulla BSE in Regione Lombardia.

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 33144 DEL 22.12.2000. Piano per l attuazione dei controlli sulla BSE in Regione Lombardia. DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 33144 DEL 22.12.2000 Oggetto: Piano per l attuazione dei controlli sulla BSE in Regione Lombardia. IL DIRIGENTE DELL UNITA ORGANIZZATIVA VETERINARIA VISTA l Ordinanza

Dettagli

PROCEDURA APERTA EX ART.55 DEL D.Lgs. 163/06 PER SERVICE DI SISTEMI DIAGNOSTICI PER LABORATORIO ANALISI AZIENDA USL ROMA H

PROCEDURA APERTA EX ART.55 DEL D.Lgs. 163/06 PER SERVICE DI SISTEMI DIAGNOSTICI PER LABORATORIO ANALISI AZIENDA USL ROMA H PROCEDURA APERTA EX ART.55 DEL D.Lgs. 163/06 PER SERVICE DI SISTEMI DIAGNOSTICI PER LABORATORIO ANALISI AZIENDA USL ROMA H CHIARIMENTI PERVENUTI FINO ALLA DATA DEL 16 GENNAIO 2013 Allegato A Capitolato

Dettagli