Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012"

Transcript

1 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

2 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi IVD L integrazione nel sistema BD/RDM dei dispositivi medici La revisione i della attuale Scheda IVD Le differenti tipologie di dispositivi IVD Struttura e contenuto della nuova Scheda IVD 1

3 Le attuali modalità di notifica per gli IVD 2

4 Integrazione nel sistema BD/RDM Al fine di completare l ambito di rilevazione dei dispositivi medici, come previsto dall art. 8, c.1(*) del Decreto 21 dicembre 2009, è stato predisposto una proposta di set informativo specifico per i dispositivi IVD, al fine di consentire la notifica dei dispositivi medico diagnostici in vitro nel sistema Banca dati/repertorio dei Dispositivi Medici. AS IS TO BE Dispositivi medico diagnostici in vitro Dispositivi di Classe Dispositivi impiantabili attivi Dispositivi di Classe Dispositivi impiantabili attivi Sistema BD/RDM Sistema BD/RDM 1. Con successivo decreto, le disposizioni previste dal presente decreto saranno estese, con eventuali, necessari adattamenti, ai dispositivi medico-diagnostici in vitro. 3

5 Attività di revisione della Scheda IVD Tralasciando le modalità di notifica già note (BD/RDM), l attenzione è stata posta sui dati necessari per i dispositivi IVD. Pertanto, i criteri con quali si è proceduto nella formulazione della proposta di aggiornamento dei dati presenti nell attuale scheda di rilevazione sono le seguenti: garantire la omogeneità con le modalità previste dal D.M per i dispositivi medici di classe I, IIa, IIb e III e i dispositivi impiantabili attivi, per quanto riguarda i soggetti (fabbricante, mandatario e delegato alla notifica); assicurare l alimentazione di EUDAMED. In particolare, sono stati individuati tutti i dati previsti dall'attuale versione di EUDAMED, con particolare riferimento a quelli obbligatori; rendere utilizzabili i dati della notifica anche ai fini dell inserimento degli IVD nall ambito di rilevazione del Flusso Consumi Dispositivi Medici direttamente acquistati ti dal SSN. 4

6 Le differenti tipologie di dispositivi IVD La Scheda è stata predisposta per rilevare le informazioni delle differenti tipologie di dispositivi medico diagnostici in vitro. MACRO CATEGORIE DI IVD OGGETTO DI RILEVAZIONE REAGENTI, PRODOTTI REATTIVI, KIT, MATERIALE DI CONTROLLO, CALIBRATORI IVD CONTENITORI DI CAMPIONI STRUMENTI, APPARECCHI, ATTREZZATURE, SISTEMI 5

7 Struttura della nuova Scheda IVD La Scheda IVD riporta le seguenti tipologie di dati: DATI GENERALI UTILI A CLASSIFICARE IL DISPOSITIVO DATI TECNICI DATI TECNICI SPECIFICI PER REAGENTI, PRODOTTI REATTIVI, KIT, MATERIALE DI CONTROLLO, CALIBRATORI DATI TECNICI SPECIFICI PER STRUMENTI, APPARECCHI, ATTREZZATURE, SISTEMI DATI TECNICI SPECIFICI PER CONTENITORI DI CAMPIONI DATI TECNICI : TESSUTI DI ORIGINE UMANE O SOSTANZE DA ESSI DERIVATE (D.Lgs 332/2000, All. III, punto 3.d.) DATI TECNICI : TESSUTI O SOSTANZE DI ORIGINE ANIMALE DATI TECNICI : ALTRI DISPOSITIVI (DM/IVD) NECESSARI AL FUNZIONAMENTO DOCUMENTAZIONE TECNICA 6

8 Sezioni della nuova Scheda IVD Le tipologie di dati riportati nella Scheda possono essere raggruppate in 3 sezioni: Dati validi per tutti gli IVD DATI GENERALI UTILI A CLASSIFICARE IL DISPOSITIVO DATI TECNICI DOCUMENTAZIONE TECNICA Dati specifici per la macrocategoria diafferenza dell IVD DATI TECNICI SPECIFICI PER REAGENTI, PRODOTTI REATTIVI, KIT, MATERIALE DI CONTROLLO, CALIBRATORI DATI TECNICI SPECIFICI PER STRUMENTI, APPARECCHI, ATTREZZATURE, SISTEMI DATI TECNICI SPECIFICI PER CONTENITORI DI CAMPIONI Dati da compilare solo se necessario DATI TECNICI : TESSUTI DI ORIGINE UMANE O SOSTANZE DA ESSI DERIVATE (D.Lgs 332/2000, All. III, punto 3.d.) DATI TECNICI : TESSUTI O SOSTANZE DI ORIGINE ANIMALE DATI TECNICI : ALTRI DISPOSITIVI (DM/IVD) NECESSARI AL FUNZIONAMENTO 7

9 La nuova Scheda IVD 8

10 La nuova scheda IVD Dati generali DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO DATI GENERALI UTILI A INDIVIDUARE E A CLASSIFICARE IL DISPOSITIVO Nome commerciale e Modello Denominazione e modello del dispositivo assegnata dal fabbricante. Codice attribuito dal fabbricante (identificativo Codice attribuito dal fabbricante aldispositivo. catalogo) Ulteriori nomi commerciali del dispositivo Elenco nomi commerciali ulteriormente assegnati al dispositivo Contenuto della confezione di vendita Ruolo dell utente rispetto al dispositivo Breve descrizione del contenuto della confezione di vendita. Ruolo svolto dal dichiarante rispetto al dispositivo. Può essere: fabbricante mandatario altro soggetto delegato Fabbricante Associazione del fabbricante al dispositivo Mandatario Associazione del mandatario al dispositivo, se necessario Data di fine immissione in Indicazione della data di ultima immissione in commercio del, se commercio singolo IVD, oggetto della rilevazione necessario 9

11 La nuova scheda IVD Dati generali DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO Indicazione di dispositivo nuovo ai sensi dell art.10 c.4 del D.Lgs 332/2000 Nomenclatore GMDN Classificazione EDMA Indicazione se il dispositivo è considerabile o meno nuovo (si/no). Un IVD è considerato nuovo se: a. per l analita in questione o per un altro parametro, durante i tre anni precedenti tale dispositivo non è stato disponibile in modo continuativo nel mercato comunitario; b. la procedura di analisi prevede il ricorso ad una tecnologia analitica che non è stata utilizzata in modo continuativo nel mercato comunitario durante i tre anni precedenti in relazione ad un determinato analita o altro parametro. Classificazione del dispositivo secondo la nomenclatura GMDN. Classificazione del dispositivo secondo EDMA. (è possibile indicarla in alternativa a EDMA) (è possibile indicarla in alternativa a GMDN) Classificazione CND Classificazione del dispositivo secondo la CND. Scelta di una delle seguenti quattro opzioni: Allegato II Elenco A Classificazione IVD di cui al D.Lgs 332/2000 Allegato II Elenco B Test autodiagnostici (non inclusi nell Allegato II) Altro tipo di IVD Allegati al D.Lgs 332/2000 relativi Indicazione degli allegati previsti per la valutazione di conformità ai alle procedure di valutazione di fini della marcatura CE, da selezionare in apposito elenco. (Art. 9, conformità perla marcaturace D.Lgs 332/2000) 10

12 La nuova scheda IVD Certificati e altri dati generali DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO Conformità alle specifiche Indicazione circa la conformità alle specifiche, se tecniche comuni tecniche comuni (Art. 6, D.Lgs 332/2000). necessario Numero identificativo del Certificato relativo alle procedure di valutazione di Indicazione del numero identificativo di Certificato CE. conformità della marcatura CE Data primo rilascio certificato Indicazione della data di rilascio del certificato Data Scadenza Certificato Indicazione data di scadenza del Certificato CE., se necessario Organismo Notificato Indicazione codice dell'organismo notificato che ha rilasciato il Certificato CE. Copia del Certificato CE File PDF contenente il certificato CE Dichiarazione i di File PDF contenente t la dichiarazione i di conformità conformità CE CE. 11

13 La nuova scheda IVD Dati tecnici DATI TECNICI DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO Destinazione d uso Indicazione della destinazione d uso del dispositivo ai sensi del D.Lgs 332/2000. Sterile o altro speciale stato microbiologico del dispositivo (ove applicabile) Indicazione circa la sterilità o altro stato microbiologico del dispositivo (sterile/altro speciale stato microbiologico)., se necessario Metodo di sterilizzazione (ove applicabile) Indicazione del metodo utilizzato per la sterilizzazione del dispositivo, da elenco predefinito., se necessario Metodo di sterilizzazione validato secondo norme armonizzate (ove applicabile) Indicazione relativamente alla validazione del metodo di, se sterilizzazione secondo norme armonizzate (si/no/non noto). necessario Condizioni speciali di smaltimento li Indicazionecircaleeventualicondizionispecialidismaltimento previste per il dispositivo. i i 12

14 La nuova scheda IVD - REAGENTI, PRODOTTI REATTIVI, KIT, MATERIALE DI CONTROLLO, CALIBRATORI DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO DATI TECNICI SPECIFICI PER REAGENTI, PRODOTTI REATTIVI, KIT, MATERIALE DI CONTROLLO, CALIBRATORI Metodica (Principio del metodo) Indicazione del metodo utilizzato, da elenco predefinito. Presenza di calibratori Indicazione circa l eventuale presenza di calibratori (si/no). Controlli positivi Indicazione della presenza di controlli positivi. Controlli negativi Indicazione della presenza di controlli negativi. Condizioni di conservazione Periodo di validità della confezione integra Periodo di validità dopo la prima apertura del recipiente primario N di test effettuabili Indicazione delle eventuali condizionidiconservazioneprevisteperil reagente/kit. Indicazione del periodo di validità della confezione integra espresso in numero di mesi. Indicazione del periodo di validità dopo l apertura del recipiente primario del reagente/kit Indicazione del numero di test effettuabili oppure, in alternativa, della quantità di reagente e della quantità di reagente per singola determinazione (volume/massa). Monouso Indicazione se il dispositivo è o meno monouso (si/no). L N di unità contenute nella confezione di vendita Indicazione del numero di unità contenute nella confezione di vendita. 13

15 La nuova scheda IVD Strumenti, apparecchi, attrezzature, sistemi, contenitori di campioni BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO DATI TECNICI SPECIFICI PER STRUMENTI, APPARECCHI, ATTREZZATURE, SISTEMI Cadenza analitica (N test/ora) Indicazione del numero di test effettuabili per ora. Modalità di funzionamento Indicazione della modalità di funzionamento dello strumento. DATI TECNICI SPECIFICI PER CONTENITORI DI CAMPIONI Misura Indicazione dei parametri misurabili attualmente utilizzati e presenti nei cataloghi commerciali con le relative unità di misura (volume/diametro). Monouso N di unità contenute nella confezione di vendita Indicazione se il dispositivo è o meno monouso (si/no). Indicazione i dl del numerodi unitàcontenute t t nellaconfezione di vendita. Tipo di additivo contenuto Indicazione della tipologia di additivo contenuta nel dispositivo consumabile, da elenco predefinito. L se presente 14

16 La nuova scheda IVD Tessuti o sostanze DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO DATI TECNICI : TESSUTI DI ORIGINE UMANE O SOSTANZE DA ESSI DERIVATE (D.Lgs 332/2000, All. III, punto 3.d.) Parte utilizzata Stato di provenienza Indicazione della parte utilizzata (tessuto/sostanza). Stato di provenienza del tessuto di origine umana/sostanza da esso derivata contenuta nel dispositivo. se necessar io Documentazione sulla File contenente la documentazione sulla provenienza o provenienza del tessuto indirizzo e mail o sito web da cui è possibile reperire tale osostanza documentazione. Documentazione sui metodi di trattamento e inattivazione File contenente la documentazione sui metodi di trattamento e inattivazione o indirizzo e mail o sito web da cui è possibile reperire tale documentazione. Documentazione Autorità Sanitarie delle File contenente la documentazione predisposta dalle Autorità Sanitarie o indirizzo e mail o sito web da cui è possibile reperire tale documentazione. FA C 15

17 La nuova scheda IVD Tessuti di origine animale DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO DATI TECNICI : TESSUTI DI ORIGINE ANIMALE Famiglia di appartenenza Indicazione della famiglia di appartenenza del tessuto biologico/sostanza animale contenuta nel dispositivo. Stato di provenienza Indicazione della stato di provenienza del tessuto biologico/sostanza animale contenuta nel dispositivo., se necessar io Parte utilizzata dei, se tessuti Indicazione della parte dei tessuti utilizzata nel dispositivo. necessar io Documentazione sulla provenienza del tessuto osostanza Documentazione sui metodi di trattamento e inattivazione File contenente la documentazione sulla provenienza o indirizzo e mail o sito web da cui è possibile reperire tale documentazione. File contenente la documentazione sui metodi di trattamento e inattivazione o indirizzo e mail o sito web da cui è possibile reperire tale documentazione. Documentazione Autorità Sanitarie delle File contenente la documentazione predisposta dalle Autorità Sanitarie o indirizzo e mail o sito web da cui è possibile reperire tale documentazione. 16

18 La nuova scheda IVD Altri DM necessari al funzionamento DATO RICHIESTO BREVE DESCRIZIONE TIPO DATO DATI TECNICI : ALTRI DISPOSITIVI (DM/IVD) NECESSARI AL FUNZIONAMENTO Nella confezione di vendita è presente il dispositivo necessario al funzionamento dell IVD oggetto di notifica? Uso esclusivo/uso non esclusivo Se l uso è esclusivo, indicare sinteticamente fabbricante, nome commerciale, codice attribuito dal fabbricante, modello e motivo dell esclusività Indicazione circa la presenza del dispositivo necessario al funzionamento dell IVD oggetto di notifica (si/no). Indicare se il dispositivo da correlare ha un uso esclusivo rispetto al dispositivo oggetto di notifica. (si/no) Indicazione sintetica della denominazione del fabbricante, del nome commerciale del dispositivo IVD, del codice attribuito dal fabbricante, del modello e del razionale di esclusività, se necessari o, se necessari o, se necessari o 17

19 La nuova scheda IVD Documentazione DATO RICHIESTO DOCUMENTAZIONE TECNICA Risultati della valutazione delle prestazioni Etichetta Istruzioni per l uso BREVE DESCRIZIONE File contenente i risultati della valutazione delle prestazioni. Informazione prevista per IVD Allegato II Elenco A e B, Test autodiagnostici. ti i File contenente l etichetta del dispositivo o in alternativa indicazione del link del sito da cui è possibile ottenere tali informazioni, previsto per IVD File contenente le istruzioni dell uso del dispositivo o in alternativa indicazione del link del sito da cui è possibile ottenere tali informazioni, previsto per IVD. TIPO DATO se necessari o, se necessario Immagine del dispositivo File contenente l immagine del dispositivo o in alternativa indicazione del link del sito da cui è possibile ottenere tali informazioni. Bibliografia scientifica di File contenente la Bibliografia scientifica di supporto all'evidenza clinica supporto all'evidenza clinica delle prestazioni e della sicurezza del dispositivo o in alternativa delle prestazioni e della indicazione del link del sito da cui è possibile ottenere tali informazioni sicurezza o un indirizzo e mail cui richiederla. 18

Repertorio Dispositivi Medici. Manuale Utente Profilo Regioni e Aziende Sanitarie

Repertorio Dispositivi Medici. Manuale Utente Profilo Regioni e Aziende Sanitarie Repertorio Dispositivi Medici Profilo Regioni e Aziende Sanitarie Versione 1.0 Gennaio 2008 NSIS_SSW.MSW_DISPO_RDM_MTR_SSN.doc Pagina 1 di 40 Versione 1.0 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...3 1.1 DEFINIZIONI E

Dettagli

La banca dati EUDAMED nella nuova direttiva e i rapporti con il RDM

La banca dati EUDAMED nella nuova direttiva e i rapporti con il RDM La banca dati EUDAMED nella nuova direttiva e i rapporti con il RDM Claudia Biffoli Ministero della Salute Direzione Generale del Sistema Informativo II Conferenza Nazionale sui Dispositivi medici Sessione

Dettagli

Il Repertorio e la banca dati dei DM: nuovi strumenti informatici seconda parte

Il Repertorio e la banca dati dei DM: nuovi strumenti informatici seconda parte Il Repertorio e la banca dati dei DM: nuovi strumenti informatici seconda parte Claudia Biffoli Ministero della Salute Direzione generale del sistema informativo Conferenza nazionale sui dispositivi medici

Dettagli

dott.ssa Giovanna Nisticò Ufficio IV Diagnostici in vitro Roma, 31 maggio 1 giugno 2011

dott.ssa Giovanna Nisticò Ufficio IV Diagnostici in vitro Roma, 31 maggio 1 giugno 2011 Sessione Diagnostici in vitro e il corretto utilizzo dei dispositivi per test autodiagnostici nelle farmacie alla luce dell'entrata in vigore del DM 16/12/2010 dott.ssa Giovanna Nisticò Ufficio IV Diagnostici

Dettagli

La direttiva 98/79/CE: applicazione e classificazione dei dispositivi per diagnostica in vitro

La direttiva 98/79/CE: applicazione e classificazione dei dispositivi per diagnostica in vitro La direttiva 98/79/CE: applicazione e classificazione dei dispositivi per diagnostica in vitro European Diagnostic Manufacturers Association Natale Bova QA Manager Instrumentation Laboratory EDMA Regulatory

Dettagli

CONDUZIONE FUNZIONALE E TECNICA NSIS

CONDUZIONE FUNZIONALE E TECNICA NSIS CONDUZIONE FUNZIONALE E TECNICA NSIS DISPOSITIVI MEDICI - MANUALE UTENTE GUIDA ALL USO DELLE FUNZIONI PER FABBRICANTI DI DISPOSITIVI MEDICI DI CLASSE I, IIa, IIb, III E DISPOSITIVI MEDICO-DIAGNOSTICI IN

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE Proc. 19 Pag. 1 di 7 PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE DEGLI ADEMPIMENTI DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali La Banca dati e il Repertorio dei Dispositivi Medici: nuovi strumenti informatici Claudia Biffoli Direttore Ufficio IV Sistema informativo del ministero Direzione Generale del Sistema Informativo Settore

Dettagli

REPERTORIO AZIENDALE DEI DISPOSITIVI MEDICI

REPERTORIO AZIENDALE DEI DISPOSITIVI MEDICI S.O.C. Assistenza Farmaceutica AZIENDA N 4 Medio Friuli REPERTORIO DEI DISPOSITIVI MEDICI Edizione 0 del 20/11/07 REPERTORIO AZIENDALE DEI DISPOSITIVI MEDICI INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo

Dettagli

DISPOSITIVI. Federico II. Avv. Antonia De Lisio

DISPOSITIVI. Federico II. Avv. Antonia De Lisio DISPOSITIVI Le direttive comunitarie e le norme italiane che hanno recepito le direttive stesse disciplinano, separatamente, tre categorie di dispositivi medici 1 DISPOSITIVI i dispositivi medici impiantabili

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID La Persona con Diabete al centro Ferrara 11-12 Ottobre 2013

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID La Persona con Diabete al centro Ferrara 11-12 Ottobre 2013 CONVEGNO REGIONALE AMD-SID La Persona con Diabete al centro Ferrara 11-12 Ottobre 2013 Dispositivi medico-diagnostici in vitro nel diabete: stato dell arte Ruolo del Farmacista Angela Ricci Frabattista

Dettagli

NAZIONALE DEI DISPOSITIVI MEDICI (C.N.D.):.):

NAZIONALE DEI DISPOSITIVI MEDICI (C.N.D.):.): CLASSIFICAZIONE NAZIONALE DEI DISPOSITIVI MEDICI (C.N.D.):.): STRUTTURA E FINALITA ing. Claudio Giuricin Conferenza nazionale sui dispositivi medici: attualità e prospettive Roma, 7 giugno 2007 Riferimento

Dettagli

Giovanni Monopoli SSFA GdL Dispositivi Medici

Giovanni Monopoli SSFA GdL Dispositivi Medici 1. INTRODUZIONE 2. IL Giovanni Monopoli SSFA GdL Dispositivi Medici 3. CLASSI DI RISCHIO 4. VALUTAZIONE DI CONFORMITÁ E MARCATURA CE 5. BANCA DATI E CLASSIFICAZIONE NAZIONALE I DISPOSITIVI MEDICI: ASPETTI

Dettagli

DOCUMENTO RECANTE LINEE GUIDA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEI DATI E DELLA DOCUMENTAZIONE PRESENTE NEL REPERTORIO DEI DISPOSITIVI MEDICI

DOCUMENTO RECANTE LINEE GUIDA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEI DATI E DELLA DOCUMENTAZIONE PRESENTE NEL REPERTORIO DEI DISPOSITIVI MEDICI DOCUMENTO RECANTE LINEE GUIDA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEI DATI E DELLA DOCUMENTAZIONE PRESENTE NEL REPERTORIO DEI DISPOSITIVI MEDICI PER LA SOTTOSCRIZIONE DI UN ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA STATO-REGIONI

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

Classificazione, certificazione ed etichettatura dei dispositivi medico-diagnostici in vitro

Classificazione, certificazione ed etichettatura dei dispositivi medico-diagnostici in vitro 1 CORSO DI AGGIORNAMENTO SUI DISPOSITIVI MEDICI: APETTI REGOLATORI E APPLICATIVI Classificazione, certificazione ed etichettatura dei dispositivi medico-diagnostici in vitro Roma, 19 MAGGIO 2009 1 CLASSIFICAZIONE

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) 9.8.2007 7.7.2010 9.10.1999. EN 12322:1999/A1:2001 31.7.2002 Nota 3 Data scaduta (30.4.2002) 19.8.2011 19.8.

(Testo rilevante ai fini del SEE) 9.8.2007 7.7.2010 9.10.1999. EN 12322:1999/A1:2001 31.7.2002 Nota 3 Data scaduta (30.4.2002) 19.8.2011 19.8. C 22/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.1.2013 Comunicazione della Commissione nell ambito dell applicazione della direttiva 98/79/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 ottobre 1998,

Dettagli

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Principali Processi Applicativi per lo Sviluppo e Commercializzazione di Dispositivi Medici - Seminario Gruppo di Lavoro Dispositivi Medici Auditorium Bayer

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali P.I. Alessandro Melzi Funzione Valutazione Conformità Prodotto Laboratorio Dispositivi Medici IMQ S.p.A. - Milano POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

Procedura negoziata per la fornitura di tamponi tradizionali con e senza terreno di trasporto CAPITOLATO TECNICO

Procedura negoziata per la fornitura di tamponi tradizionali con e senza terreno di trasporto CAPITOLATO TECNICO Procedura negoziata per la fornitura di tamponi tradizionali con e senza terreno di trasporto CAPITOLATO TECNICO La gara ha per oggetto la fornitura triennale di tamponi tradizionali con e senza terreno

Dettagli

MARCATURA CE E ISO 13485 NEL SETTORE DEI MEDICAL DEVICES. Sara Pelizzoli. Modena, 29/10/2014. - Copyright Bureau Veritas

MARCATURA CE E ISO 13485 NEL SETTORE DEI MEDICAL DEVICES. Sara Pelizzoli. Modena, 29/10/2014. - Copyright Bureau Veritas MARCATURA CE E ISO 13485 NEL SETTORE DEI MEDICAL DEVICES Sara Pelizzoli Modena, 29/10/2014 - Copyright Bureau Veritas RIFERIMENTI NORMATIVI Direttiva 93/42/CEE del Consiglio del 14 Giugno 1993 concernente

Dettagli

La sicurezza nei luoghi di lavoro

La sicurezza nei luoghi di lavoro La sicurezza nei luoghi di lavoro Valutazione dei rischi Identificazione dei pericoli e stima dei rischi ad essi connessi Obiettivi Prevenzione infortuni e incidenti e protezione della salute delle persone

Dettagli

R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità

R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità Allegato 4 al Disciplinare di Gara R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE DI PRESIDI PER

Dettagli

SCELTA DEL PERCORSO PER LA CERTIFICAZIONE DI UN DISPOSITIVO MEDICO

SCELTA DEL PERCORSO PER LA CERTIFICAZIONE DI UN DISPOSITIVO MEDICO 51 SIMPOSIO AFI Dispositivi Medici: evoluzione dell ampia gamma dei borderline Rimini, 8 giugno 2011 SCELTA DEL PERCORSO PER LA CERTIFICAZIONE DI UN DISPOSITIVO MEDICO Antonella Mamoli - Fabio Geremia

Dettagli

Banca Dati Dispositivi Medici Fase 2

Banca Dati Dispositivi Medici Fase 2 Banca Dati Dispositivi Medici Fase 2 Profilo Fabbricante DM Versione 6.4 16/07/2013 Profilo Fabbricante DM Pagina 1 di 324 Versione 6.4 Scheda informativa del documento Versione Data Creazione Stato 6.4

Dettagli

Dispositivi Medici Banca dati ministeriale e Repertorio Storia e sviluppo Davide Perego. A.S.B.M. S.r.l. www.asbm.it e-mail: asbmsrl@asbm.

Dispositivi Medici Banca dati ministeriale e Repertorio Storia e sviluppo Davide Perego. A.S.B.M. S.r.l. www.asbm.it e-mail: asbmsrl@asbm. Dispositivi Medici Banca dati ministeriale e Repertorio Storia e sviluppo Davide Perego A.S.B.M. S.r.l. www.asbm.it e-mail: asbmsrl@asbm.it 2007 2013.dove siamo? 100 euro KIT & ASSEMBLATI DM simili DU

Dettagli

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup. I MANGIMI MEDICATI Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.it 1 2 3 4 5 6 7 8 5. CONTROLLO DI QUALITÀ 5.1 esiste una persona

Dettagli

Vademecum per potenziare la consultazione e l utilizzo del sistema Banca Dati / Repertorio dei Dispositivi Medici

Vademecum per potenziare la consultazione e l utilizzo del sistema Banca Dati / Repertorio dei Dispositivi Medici Vademecum per potenziare la consultazione e l utilizzo del sistema Banca Dati / Repertorio dei l utilizzo del sistema Banca Dati / Repertorio dei Versione Stato Data XI pubblicato 03/03/2014 Indice Introduzione...

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

'LDJUDPPDGLIOXVVRSHUOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOD

'LDJUDPPDGLIOXVVRSHUOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOD $//(*$729,, 'LDJUDPPDGLIOXVVRGHOOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOHGLUHWWLYH, 'LUHWWLYHGLQXRYRDSSURFFLR 1. Materiale elettrico a bassa tensione (o "Bassa tensione") (73/23/CEE, modificata

Dettagli

DISPOSITIVI MEDICI e VIGILANZA

DISPOSITIVI MEDICI e VIGILANZA DISPOSITIVI MEDICI e VIGILANZA Gruppo di Lavoro SIFO Toscana Vigilanza Gruppo di lavoro SIFO Toscana Dispositivi Medici ( A.M. Calvani, M.T. Torracca, M.Rinaldi, M.Buccini,C.Ceccarelli,S.Cappelletti,C.Martini,G.Borselli,

Dettagli

isiazione armaceutica

isiazione armaceutica Paola Minghetti, Marcello Marchetti Facoltà di Farmacia, Université degli Studi di Milano ; :. «t.- isiazione armaceutica Esami di farmacia Quarta edizione CASA EDITRICE AMBROSIANA Indice CENNISULLA NORMATIVA

Dettagli

DISPOSITIVI MEDICO- DIAGNOSTICI IN VITRO

DISPOSITIVI MEDICO- DIAGNOSTICI IN VITRO DISPOSITIVI MEDICO- DIAGNOSTICI IN VITRO DECRETO LEGISLATIVO n 332 del 8 Settembre 2000 attuazione della Direttiva CEE 98/79 Commento alla normativa e ripercussioni all interno delle Aziende sanitarie

Dettagli

USMAF Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera

USMAF Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera USMAF Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera APPLICATIVO NSIS USMAF: Aggiornamento nuove implementazioni DGPRE Ufficio III Roma, 21 FEBBRAIO 2013 Applicativo NSIS-USMAF UTILITA - BENEFICI: Disponibilità

Dettagli

***II POSIZIONE COMUNE

***II POSIZIONE COMUNE PARLAMENTO EUROPEO 1999 Documento di seduta 2004 C5-0331/2000 03/07/2000 ***II POSIZIONE COMUNE Oggetto: Posizione comune definita dal Consiglio del 29 giugno 2000in vista dell'adozione della direttiva

Dettagli

Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Ludovica Malaguti Aliberti Centro Nazionale Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità Protezione da sostanze

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

1.1 I dispositivi medici di classe I, IIa, IIb, III e i dispositivi impiantabili attivi

1.1 I dispositivi medici di classe I, IIa, IIb, III e i dispositivi impiantabili attivi ALLEGATO 1 DISCIPLINARE TECNICO DELLE PROCEDURE STANDARD DI REGISTRAZIONE E COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PREVISTE DALL ARTICOLO 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1997, N. 46 E DAL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Sistema Banca dati e Repertorio dei dispositivi medici Notifiche multiple di DM simili

Sistema Banca dati e Repertorio dei dispositivi medici Notifiche multiple di DM simili Sistema Banca dati e Repertorio dei dispositivi medici Notifiche multiple di DM simili Questa presentazione intende illustrare brevemente la nuova funzionalità (Notifiche multiple di DM simili) predisposta

Dettagli

ALLEGATO A. Cadenza consegna: da concordare con il capotecnico del Laboratorio

ALLEGATO A. Cadenza consegna: da concordare con il capotecnico del Laboratorio ALLEGATO A Durata della fornitura: un (1) anno. Quantità: kit necessari ad analizzare circa 300/350 campioni l anno Importo a base d asta: 20.000,00 s/iva Scadenza reattivi: almeno sei mesi Cadenza consegna:

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Roma,5 dicembre 2007 Assobiomedica Sua Sede Consobiomed Sua Sede e p.c. Assessorati alla Sanità delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano Loro Sedi Comitati etici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI

Dettagli

IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011

IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011 IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011 INDICE 1.0 SCOPO 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RIFERIMENTI 5.0 DESCRIZIONE DEL PROCESSO 5.1 Modalità 5.2 Ruoli e Responsabilità 6.0 MODULISTICA ALLEGATA E ARCHIVIAZIONE

Dettagli

Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici

Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici Il campo di gioco Nuovo Approccio all'armonizzazione tecnica e Approccio Globale alla valutazione della conformità L'articolo 95 paragrafo 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPROVAZIONE DEL PROTOTIPO E ESEMPLARI SUCCESSIVI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L APPROVAZIONE DEL PROTOTIPO E ESEMPLARI SUCCESSIVI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 CONDIZIONI GENERALI...2 3.1 FASI DI CERTIFICAZIONE... 2 4 OBBLIGHI DEL FABBRICANTE...2 4.1 Accettazione delle condizioni...

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA BRASILIANE

LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA BRASILIANE LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA BRASILIANE Dott.ssa Marisa Testa Regulatory Affairs Specialist Bologna, 24 Maggio 2014 Exposanità Welcome Lounge Copyright 2014 1 Contenuti Informazioni

Dettagli

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia Protocollo Aziendale Catena di Custodia Data emissione: 08/06/15 Revisione: 01 Responsabile: Dr. Stefano Venarubea Pag. 0 di 7 Pag. 1 di 7 1.1 Introduzione Il prelievo del campione è il primo passo della

Dettagli

CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio

CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio 1997 n. 22 (attuazione delle direttive 91/156/CEE sui

Dettagli

1 ISTRUZIONI PER L INSERIMENTO DEI CURRICULUM

1 ISTRUZIONI PER L INSERIMENTO DEI CURRICULUM 1 ISTRUZIONI PER L INSERIMENTO DEI CURRICULUM L inserimento dei curriculum nella banca dati di riferimento per il conferimento degli incarichi professionali attinenti all architettura e all ingegneria

Dettagli

Codice partner: Profilo di segnalazione: All attenzione del legale rappresentante

Codice partner: Profilo di segnalazione: All attenzione del legale rappresentante Rifer. a nota n. del Classificazione Oggetto Codice partner: Profilo di segnalazione: All attenzione del legale rappresentante La Banca d Italia, in attuazione del Decreto Legislativo 19 novembre 2008,

Dettagli

nuova direttiva macchine nuova direttiva dispositivi medici

nuova direttiva macchine nuova direttiva dispositivi medici nuova direttiva macchine nuova direttiva dispositivi medici relazioni tra la nuova direttiva macchine Dir.2006/42/CE e le novita introdotte dalla Dir.2007/47/CE correttiva della direttiva 93/42/CE Dispositivi

Dettagli

APPLICATIVO SISBON DELLA MODULISTICA DGRT 301/2010. Versione 0.1 22 Novembre 2011. Indice dei contenuti

APPLICATIVO SISBON DELLA MODULISTICA DGRT 301/2010. Versione 0.1 22 Novembre 2011. Indice dei contenuti BREVE GUIDA ALLA COMPILAZIONE/ DOWNLOAD (E ) APPLICATIVO BREVE GUIDA ALLA COMPILAZIONE/DOWNLOAD (E ) Indice dei contenuti 1. INTRODUZIONE 2. : STRUMENTO PER LA COMPILAZIONE/DOWLOAD DELLA MODULISTICA 2.1

Dettagli

Ministero della Salute D.G.I.S.A.N. Ufficio VII ex DGSAN Prodotti fitosanitari

Ministero della Salute D.G.I.S.A.N. Ufficio VII ex DGSAN Prodotti fitosanitari Rilascio permessi di commercio parallelo per un prodotto fitosanitario Pagina 1 di 7 Emessa il: da: Verificata il: da: Approvata il: da: In vigore dal: Copia controllata n.: Lista di distribuzione: Storia

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRELIMINARE. TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA OFFERENTE: Pagina 1 di 7

SCHEDA TECNICA PRELIMINARE. TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA OFFERENTE: Pagina 1 di 7 1 INFORMAZIONI GENERALI SULL'APPARECCHIATURA 1.01 Tipologia Descrizione, Codice CIVAB 1.02 Modello Descrizione, Codice CIVAB 1.03 Produttore Descrizione, Codice CIVAB 1.04 Numero Identificativo di iscrizione

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi Regolamento 183/2005 Applicazione sul territorio regionale L applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 5 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 OBBLIGHI DEL RICHIEDENTE...2 3.1 CONDIZIONI GENERALI... 2 3.2 CONDIZIONI DI SICUREZZA... 2 3.1 PRESENZA DI OSSERVATORI

Dettagli

Sanzioni CLP e REACH

Sanzioni CLP e REACH Sanzioni CLP e REACH Pubblichiamo 2 tabelle predisposte dal Dott. Marzio Marziani, che ringraziamo vivamente, riassuntive delle sanzioni e relative a: Sanzioni Regolamento CLP, previste dal D.Lgs. 186

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI ADESIONE AL SISTEMA DI SEGNALAZIONI ANTIRICICLAGGIO AGGREGATE E DI SEGNALAZIONE DELLE OPERAZIONI SOSPETTE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI ADESIONE AL SISTEMA DI SEGNALAZIONI ANTIRICICLAGGIO AGGREGATE E DI SEGNALAZIONE DELLE OPERAZIONI SOSPETTE UNITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI ADESIONE AL SISTEMA DI SEGNALAZIONI ANTIRICICLAGGIO AGGREGATE E DI SEGNALAZIONE DELLE OPERAZIONI SOSPETTE 1. Premessa I soggetti

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1

REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1 REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1 PRONTUARIO TERAPEUTICO AZIENDALE A CURA DELLA COMMISSIONE TERAPEUTICA AZIENDALE (C.T.A.) Edizione Anno 2007/2008 i CONTENUTO PREMESSA CARATTERISTICHE GENERALI DEL P.T.A. CRITERI

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto

Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto 1 Allegato 1 PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE DI GUANTI NON CHIRURGICI IN VINILE ELASTICIZZATO, NON STERILI, SENZA POLVERE Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto 2 ARTICOLO 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI MASTER 205 1 REQUISITI DELL AZIENDA PREREQUISITI ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO AUTORIZZAZIONE SANITARIA DISPONIBILITÀ DI ACQUA POTABILE (VERIFICARE

Dettagli

TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA OFFERENTE: Pagina 1 di 8

TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA OFFERENTE: Pagina 1 di 8 1 INFORMAZIONI GENERALI SULL'APPARECCHIATURA 1.01 Tipologia Descrizione, Codice CIVAB 1.02 Modello Descrizione, Codice CIVAB 1.03 Produttore Descrizione, Codice CIVAB 1.04 Codice Capitolato di riferimento

Dettagli

Sacche da letto SAUER 2009-04-30-1/6. Registrazione NSIS

Sacche da letto SAUER 2009-04-30-1/6. Registrazione NSIS Sacche da letto SAUER 2009-04-30-1/6 1. Codice GMDN Codice: 14297 Denominazione: Unità di drenaggio urinario Definizione: Categoria 1: Kit di componenti, ad es. una sacca ed un tubo, progettati per raccogliere

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia RIFIUTI SPECIALI PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152. - Norme in materia ambientale e successive modifiche ed integrazioni CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

(GU L 169 del 12.7.1993, pag. 1)

(GU L 169 del 12.7.1993, pag. 1) 1993L0042 IT 11.10.2007 005.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DIRETTIVA 93/42/CEE DEL CONSIGLIO del 14 giugno 1993 concernente

Dettagli

ATTREZZATURE A PRESSIONE

ATTREZZATURE A PRESSIONE ATTREZZATURE A PRESSIONE (DIRETTIVA PED) Direttiva 97/23/CE recepita con D. Lgs. 25 Febbraio 2000, n. 93 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLOGNA Camera dell Economia ATTREZZATURE

Dettagli

Certificazioni & Collaudi S.r.l.

Certificazioni & Collaudi S.r.l. Il presente documento è stato emesso dalla Direzione Generale il 08/05/2015. L originale firmato è conservato presso l ufficio del Responsabile Gestione Qualità INDICE GENERALE 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013)

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013) Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli (nuove regole dal 1 agosto 2013) 1 Regolamento CE 314/2012 del 12/04/2012 (è una modifica del Reg. CE 436/2009 sui documenti di accompagnamento del

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE DENOMINAZIONI

ISTRUZIONI OPERATIVE DENOMINAZIONI ISTRUZIONI OPERATIVE MODALITA' DI GESTIONE DELL ITER CERTIFICATIVO a partire dall inoltro della richiesta di prelievo da parte dell azienda fino al rilascio della conformità all imbottigliamento da parte

Dettagli

Documentazione da presentare alla societa di distribuzione per impianti di utenza IMPIANTI NUOVI

Documentazione da presentare alla societa di distribuzione per impianti di utenza IMPIANTI NUOVI CAMPO DI APPLICAZIONE Quanto stabilito dalla presente norma si applica esclusivamente alle richieste di fornitura su allacciamenti di utenza nuovi. MODALITA RICHIESTA ATTIVAZIONE Per ogni nuova richiesta

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO SEZIONE PROVINCIALE DI ROMA SERVIZIO IMPIANTI E RISCHI INDUSTRIALI VIA BONCOMPAGNI, 101 00187 ROMA AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 51/13 DEL 28.12.2012

DELIBERAZIONE N. 51/13 DEL 28.12.2012 Oggetto: Indizione di procedure aperte a valenza regionale per la fornitura di dispositivi medici e individuazione delle ASL capofila. Elenco delle procedure di gara da indire con valenza aziendale. L

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER L ACCREDITAMENTO NEL REGISTRO DEI REVISORI LEGALI

GUIDA OPERATIVA PER L ACCREDITAMENTO NEL REGISTRO DEI REVISORI LEGALI REGISTRO DEI REVISORI LEGALI DEI CONTI GUIDA OPERATIVA PER L ACCREDITAMENTO NEL REGISTRO DEI REVISORI LEGALI PER I REVISORI LEGALI E LE SOCIETA DI REVISIONE Versione 2.2a del 17 set 2014 Sommario 1 PREMESSA...

Dettagli

La normativa vigente impone la redazione e l aggiornamento annuale dell inventario dei beni mobili ed immobili dell ente.

La normativa vigente impone la redazione e l aggiornamento annuale dell inventario dei beni mobili ed immobili dell ente. Via Lepanto, 95 80045 POMPEI (Na) info@asfel.it 366.14.70.789 Spett.le Comune di Oggetto: servizio inventario La normativa vigente impone la redazione e l aggiornamento annuale dell inventario dei beni

Dettagli

PROJECT SRL DISTRIBUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E TEST RAPIDI IN VITRO

PROJECT SRL DISTRIBUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E TEST RAPIDI IN VITRO FAQ lattosio SPECIALISTA 1) In cosa consiste il Breath Test? Il Breath Test all'idrogeno consiste nella misurazione dei livelli di idrogeno nel respiro del paziente. Questo idrogeno deriva dalla fermentazione

Dettagli

/#( 0-1( (2 (2-./-#-#

/#( 0-1( (2 (2-./-#-# !!" #$ %&$%' (,,,##( # -(./-##( # (&%)*)+#$ Protocollo M1.2015.0007586 del 15/01/2015 Firmato digitalmente da FIORELLA FERRARIO /#( 0-1( (2 -./-#-# 011( (23./-#-1# 0!1( (2!./-#!# 01( (2--/.(( (# 41( (2-41(./-#

Dettagli

Roma, 30 Luglio 2008. Viale Pasteur, 10 00144 ROMA Fax 06-54280603

Roma, 30 Luglio 2008. Viale Pasteur, 10 00144 ROMA Fax 06-54280603 Roma, 30 Luglio 2008 DIPARTIMENTO DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DEI FARMACI E DEI DISPOSITIVI MEDICI UFFICIO III DELL EX MINISTERO DELLA SALUTE N DGFDM.III/P/27890/I.5.h.e/4 Risposta al Foglio del

Dettagli

SEZIONE E CONTRATTO DI CONTO DEPOSITO

SEZIONE E CONTRATTO DI CONTO DEPOSITO SEZIONE E CONTRATTO DI CONTO DEPOSITO Procedura aperta per la Fornitura di materiali per Osteosintesi - Distretto Collo/Femore occorrenti alle AA.SS.LL., EE.OO. e I.R.CC.S. della Regione Liguria N. gara

Dettagli

Agenzia delle Dogane Roma, 20 novembre 2013 e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane Roma, 20 novembre 2013 e dei Monopoli Agenzia delle Dogane Roma, 20 novembre 2013 e dei Monopoli Direzione centrale gestione accise e monopolio tabacchi Ufficio circolazione tabacchi Prot. n. DAC/CTL/ 8443 /2013 All. Risposta al foglio n.

Dettagli

Note per la compilazione della Scheda individuale di rischio lavorativo (SERI) - D.Lgs. 81/08 -

Note per la compilazione della Scheda individuale di rischio lavorativo (SERI) - D.Lgs. 81/08 - Note per la compilazione della Scheda individuale di rischio lavorativo (SERI) - D.Lgs. 81/08-1. Dati generali Nella casella C.F. deve essere inserito il codice fiscale del soggetto per il quale viene

Dettagli

Residente in via/piazza n. Città Provincia DELEGO. Preventivo/fattura intestato a: C.F. Part. IVA tel: Indirizzo di spedizione:

Residente in via/piazza n. Città Provincia DELEGO. Preventivo/fattura intestato a: C.F. Part. IVA tel: Indirizzo di spedizione: Io sottoscritto1 Residente in via/piazza n Città Provincia C.I. n 2 DELEGO La società DUFERCO ENERGIA SPA ad effettuare la/e seguenti operazioni4: Preventivo nuovo impianto Colloca contatore con attivazione

Dettagli

Portale fornitori di Coni Servizi S.p.A.

Portale fornitori di Coni Servizi S.p.A. CONI SERVIZI S.P.A. Largo Lauro De Bosis n 15, 00135 Roma Portale fornitori di Coni Servizi S.p.A. Istruzioni operative per la presentazione telematica delle offerte Istruzioni operative gare pubbliche

Dettagli

La mancanza o una compilazione incompleta della presente scheda tecnica può rappresentare motivo di esclusione dell offerta dalla gara d acquisto.

La mancanza o una compilazione incompleta della presente scheda tecnica può rappresentare motivo di esclusione dell offerta dalla gara d acquisto. SCHEDA TECNICA PRELIMINARE all offerta n. del Scheda tecnica da compilare integralmente da parte della ditta offerente relativamente ad ogni apparecchiatura, dispositivo medico, diagstico in vitro, apparecchiatura

Dettagli

ELENCO ORGANISMI CON RC OBBLIGATORIA

ELENCO ORGANISMI CON RC OBBLIGATORIA ELENCO ORGANISMI CON RC OBBLIGATORIA ORGANISMI NOTIFICATI E ORGANISMI IN GENERE 1. Macchine (Direttiva 2006/42/CE) In attesa di recepimento 2. Compatibilità elettromagnetica (Direttiva 2004/108/CE) D.Lgs.

Dettagli

ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC

ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC Istruzioni per la configurazione e l utilizzo del modulo di protocollazione PEC Versione n. 2012.05.25 Data : 25/05/2012 Redatto da: Veronica Gimignani Luca Mattioli Approvato

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

La sorveglianza sui dispositivi medici

La sorveglianza sui dispositivi medici Corso Attività di Polizia Sanitaria ROMA, 21 giugno 2012 La sorveglianza sui dispositivi medici Dr. Franco Abbenda Ministero della Salute DGFDSC Ufficio 03 1 Origini regolatorie - Armamentario del medico

Dettagli

Visti gli atti d ufficio relativi alle autorizzazioni alla produzione di medicinali rilasciate alle officine farmaceutiche;

Visti gli atti d ufficio relativi alle autorizzazioni alla produzione di medicinali rilasciate alle officine farmaceutiche; Disposizioni in materia di autorizzazione alla produzione di medicinali IL MINISTRO DELLA SANITA Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n.219 Attuazione della direttiva 2001/83/CE (e successive direttive

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE

Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE WWW.PROMOZIONEACCIAIO.IT Ing. M.Antinori Responsabile Ufficio Tecnico Fondazione Promozione Acciaio ACCIAIO STRUTTURALE: La normativa in evoluzione Identificarlo,

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE

Direttiva Macchine 2006/42/CE Direttiva Macchine 2006/42/CE Tutte le macchine e i componenti di sicurezza sono soggetti alla Direttiva 2006/42/CE, nota come Direttiva Macchine, recepita in Italia con D.Lgs N. 17/2010. Questa Direttiva

Dettagli

CLP in breve. Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099

CLP in breve. Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 in breve Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 Regolamento Regolamento europero 1272/2008 entrato in vigore il 20 Gennaio 2009. Si applica in tutti i paesi

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE

ISTRUZIONI OPERATIVE ISTRUZIONI OPERATIVE 1 Come richiedere l abilitazione al portale www.posteprocurement.it L Impresa interessata, per richiedere l abilitazione al portale www.posteprocurement.it, dovrà: a) compilare il

Dettagli

Dispositivi Medici: Normativa,Qualità e Responsabilità Nicola Campani

Dispositivi Medici: Normativa,Qualità e Responsabilità Nicola Campani Dispositivi Medici: Normativa,Qualità e Responsabilità Nicola Campani rescueconsulting.com 1 Strumenti per il soccorso Quelli che vengono comunemente identificati come strumenti o attrezzature di soccorso

Dettagli

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Redatta da: Ufficio Qualità Laboratori Struttura proponente. DIPARTIMENTO DIAGNOSTICA DI LABORATORIO Dr.ssa Ada Palma Firma Dott.ssa Teresa Barone Firma 1 Data 26 settembre

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO Pag. 1 di 7 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli