PROGETTAZIONE EUROPEA:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTAZIONE EUROPEA:"

Transcript

1 PROGETTAZIONE EUROPEA: SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI PROGETTI DI RICERCA EUROPEI A cura di: Dott.ssa Federica Fasolato Divisione Ricerca Sezione Internazionale e Nazionale Per ulteriori chiarimenti e informazioni è possibile contattare la Divisione Ricerca tel ) Ultimo aggiornamento il 31/12/2010

2 1 PREPARAZIONE AL PROGETTO PRESUPPOSTI Conoscere il VII Programma Quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico Caratteristiche dei Programmi Specifici Cooperation e Capacities Ricerca in Collaborazione: creare il gruppo di progetto LE FASI DELLA PROGETTAZIONE Perché? Definire gli obiettivi Cosa? Definire i risultati Chi? Definire le responsabilità Quando? Pianificazione Quanto? Definizione del budget Suggerimenti per la scrittura del testo FORMULARI PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO PARTE A Vedere allegato 1 a pag. 32 modulo A1 coordinatore Vedere allegato 2 a pag. 33 modulo A2 Coordinatore Vedere allegato 3 a pag. 34 modulo A3_1_Coordinator.pdf PARTE B Le parti del formulario: Frontespizio L indice Il Progetto : Scientific and/or technical quality, relevant to the topics addressed by the call Implementation Impact REVISIONE E VALUTAZIONE PROCEDURE INTERNE DELL ATENEO INTRODUZIONE DECISIONI FORMALI FASE DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO: DOCUMENTI DA TRASMETTERE ALLA DIVISIONE RICERCA GLOSSARIO DEI PRINCIPALI ACRONIMI UTILIZZATI...31 FIGURA 1 - SCHEMA VII PROGRAMMA QUADRO...4 FIGURA 2 - VII PQ: PRINCIPALI SCHEMI DI FINANZIAMENTO...6 FIGURA 3 - ESEMPIO DI DIAGRAMMA PBS...10 FIGURA 4 - ESEMPIO DIAGRAMMA DI WBS...10 FIGURA 5 - ESEMPIO DI DIAGRAMMA PERT...11 FIGURA 6 - ESEMPIO DI DIAGRAMMA DI GANTT...12 FIGURA 7 - ESEMPIO DI GRIGLIA LOGICAL FRAMEWORK (QUADRO LOGICO)...12 FIGURA 8 ESEMPIO DI WORK PACKAGE LIST...20 FIGURA 9 ESEMPIO DELIVERABLE LIST...21 FIGURA 10 ESEMPIO DI TABELLA MILESTONES...21 FIGURA 11 ESEMPIO TABELLA DESCRIZIONE WP

3 FIGURA 12 ESEMPIO DI DIAGRAMMA DI PERT SEMPLIFICATO...24 FIGURA 13 ESEMPI DI TABELLE STAFF EFFORT...26 FIGURA 14 SCHEMA DI VALUTAZIONE PER COLLABORATIVE PROJECT PREPARAZIONE AL PROGETTO 1.1 PRESUPPOSTI Il primo elemento da verificare è il valore aggiunto europeo del proprio progetto di ricerca e la rispondenza a uno dei temi specifici (topic) previsti dal bando al quale si intende rispondere con il progetto. Un progetto ha infatti un valore aggiunto europeo quando la ricerca da svolgere necessita di una collaborazione internazionale e non può quindi essere finanziata da altri strumenti nazionali o regionali; la rispondenza ad un topic si verifica invece attraverso la lettura del Programma di Lavoro (Work Programme spesso abbreviato anche con WP), che descrive le singole tematiche di ricerca che la Commissione Europea ha individuato come strategiche per l anno in corso e che intende finanziare. In collaborazione con la Divisione Ricerca si individueranno i programmi europei più adatti alle proprie esigenze e i temi e i topic corrispondenti alle proprie idee di ricerca. Si procederà poi ad un approfondita lettura dei documenti tecnici che descrivono gli orientamenti delle politiche europee. Poiché l ambito dello sviluppo del progetto è ricerca in collaborazione, sarà prioritario cercare potenziali partner interessati a collaborare nella ricerca in ambito Europeo. La Divisione Ricerca potrà dare indicazioni anche in riferimento ai network europei più idonei. In sintesi si procederà quindi a: creare il gruppo di progetto, definirne i compiti e le priorità e strutturare il progetto nelle modalità del VII PQ Conoscere il VII Programma Quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico Il settimo programma quadro per la Ricerca ha preso avvio il primo gennaio 2007 e terminerà il 31 dicembre 2013, con una disponibilità finanziaria di oltre 53 miliardi di euro, distribuiti annualmente per ciascun Programma Specifico. Rispetto al vecchio programma quadro, il budget è quasi raddoppiato, ma gli aumenti saranno più sensibili e tangibili nell ultimo periodo del programma e non all inizio. I progetti presentati nelle varie call devono contribuire a realizzare una società basata sulla conoscenza, come sancito dall obiettivo della prima strategia di Lisbona: Fare dell Europa l economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo. In particolare, il programma dedicato alla Ricerca è il VII Programma Quadro per la Ricerca e lo sviluppo Tecnologico ( ), gestito dalla DG Research e dall Agenzia Europea per la Ricerca (REA). L obiettivo secondo quanto stabilito a Lisbona nel 2000 è di rafforzare la posizione dell Europa nei seguenti pilastri : TRAINING AND EDUCATION, INNOVATION, RESEARCH 3

4 IMPORTANTE: i progetti devono perciò contenere le seguenti caratteristiche, definite QUALITY FACTORS: 1. Come trasferire i risultati della ricerca e la tecnologia alle imprese e al Territorio; 2. Formazione; 3. Impatto innovativo del progetto. Rispetto ai precedenti programmi le procedure rendicontative sono state semplificate, la strutturazione dei Work Programme è aperta ai contributi degli interessati attraverso la rete dei Delegati Nazionali per i programmi. I programmi specifici sono 4 (a cui si aggiunge Euratom e il programma del JRC): 2 con approccio Top-down (Cooperation e Capacities) cioè con temi di ricerca stabiliti dai comitati della Direzione Generale Ricerca, 2 (People e Ideas) con approccio Bottom-up, cioè i temi di ricerca sono proposti da chi presenta il progetto, ma rispettando comunque due fondamentali condizioni: 1) Devono rientrare nelle macro-aree scientifiche di volta in volta stabilite nei bandi; 2) Devono comunque essere temi che rispondono agli obiettivi generali del VII Programma Quadro I bandi del VII PQ sono pubblicati annualmente sull Official Journal (Gazzetta Ufficiale Europea) e sul sito Cordis, sito specifico per i bandi e l implementazione del VII PQ: Per ogni bando vengono pubblicati una serie di documenti tecnici utili per la presentazione del progetto: - Call Fiche (Testo del bando che riporta sinteticamente le informazioni relative al budget disponibile, alle date di scadenza, agli schemi di finanziamento previsti nel bando, ai topic (tematiche) di ricerca attivi, alle procedure di valutazione, ai requisiti di ammissibilità. - Workprogramme (programma di lavoro) specifico per ogni bando - Guide for Applicant (guida per il proponente) - Altri documenti utili per quello specifico bando - Accesso alla procedura EPSS (Electronic Proposal Submission Service) Figura 1 - Schema VII Programma Quadro 4

5 1.1.2 Caratteristiche dei Programmi Specifici Cooperation e Capacities I Programmi Specifici Cooperation e Capacities sono implementati annualmente dai Work Programme (programmi di lavoro), dove sono contenute le tematiche di volta in volta scelte dalla DG Research. Si raccomanda di leggere comunque l intero documento: anche se apparentemente certe tematiche possono non essere interessanti, in realtà la trasversalità con cui i vari comitati scrivono i work programme può riservare sorprese: possono esserci spunti di ricerca interessanti anche nei Temi più lontani dalla ricerca che si svolge quotidianamente. La struttura di un WP è complessa ne diamo di seguito uno schema: Schema di Work Programme 1 livello Tema: ENERGY(esempio) 2 livello Attività: ACTIVITY ENERGY.2: RENEWABLE ELECTRICITY GENERATION 3 livello Area: AREA ENERGY.2.3: WIND pensata per essere stabile nel corso del VIIPQ ma con flessibilità 4 livello Topic: ENERGY : Support to the coordination of stakeholders activities in the field of wind Energy (soggetto aperto per proposte nei bandi, solo nell anno di riferimento) Il 4 livello è quello che interessa di più il ricercatore e al quale deve strettamente rispondere il progetto di ricerca proposto. Come vengono costruiti i Work Programme: 5

6 La Direzione Generale Ricerca indica per ogni settore le priorità: si scrivono così le Roadmaps. Da dove vengono gli input? Piattaforme Tecnologiche Istituzioni Nazionali ed Europee Ricercatori Delegati Nazionali Lobby di categoria Risultati dei progetti precedenti Documenti da consultare per ogni tematica del VII Programma Quadro: White papers : input dagli stakeholders Green papers : lancio politiche del futuro Siti utili: tutti i siti tematici di Cooperation (http://www.unive.it/) e Nei Work Programme vengono indicati per ogni Topic di volta in volta gli schemi di finanziamento ammissibili, di seguito elenchiamo i 3 principali: Sigla Durata Oggetto Programma Specifico CP=Collaborative project NoE= Network of Excellence CSA= (CA e SA) Coordination and Support Action Da un minimo di 2 anni fino ad un massimo di 5 anni Da un minimo di 3 anni ad un massimo di 7 anni Da un minimo di 6 ad un massimo di 48 mesi Progetti di Ricerca in collaborazione, si finanzia la ricerca Non è orientato ad una ricerca ma a creare una rete di ricerca su uno specifico argomento CA: Networking, coordinamento, diffusione di precedenti risultati di ricerca SA: conferenze, studi, seminari, workshop, ricordarsi però la dimensione europea Figura 2 - VII PQ: principali schemi di finanziamento Cooperation Capacities Cooperation Capacities Cooperation Capacities Ideas People Ricerca in Collaborazione: creare il gruppo di progetto Una caratteristica rilevante di Cooperation e Capacities è la ricerca in Collaborazione (un coordinatore che gestisce un gruppo di partner per la realizzazione di un progetto di ricerca) Come strutturare il partenariato? Coinvolgere più paesi Europei (e paesi Associati) C è un numero minimo: almeno 3 paesi diversi (in alcune call for proposal sono date specifiche indicazioni per il coinvolgimento di più paesi anche extraeuropei) ma non c è un numero massimo: l unica avvertenza da ricordare è che il gruppo di progetto deve essere funzionale alla realizzazione del progetto; partenariati troppo ampi sono difficili da gestire. Pur non essendo obbligatorio (tranne in alcune azioni specifiche di Capacities) nel partenariato è caldamente raccomandato coinvolgere se possibile almeno una PMI (compatibilmente con le tematiche di progetto). 6

7 ATTENZIONE: l attività di coordinamento dell intero progetto (management) NON può essere subappaltata. Questa è una tipica attività di cui si occupa il coordinatore. Come cercare potenziali partner? Contatti già esistenti (diretti e indiretti) Infodays (in occasione dei lanci dei bandi) Divisione Ricerca attraverso: 1. Liste dei progetti approvati (ogni tema di Cooperation per esempio, ne produce annualmente) 2. National Contact Point (rete APRE) 3. Delegazione di Bruxelles Associazioni di categoria Internet: siti tematici per la ricerca partner (chiedere alla Divisione Ricerca) Come contattare un partner? Inviando un abstract di massima del progetto sul quale si avanza la proposta di collaborazione, tenendo conto che a seconda della confidenzialità delle informazioni, alcuni dati del progetto potrebbero non venir comunicati nelle prime fasi o comunicati solo in parte. Come verificare l affidabilità di un partner? Prima di iniziare il progetto sarebbe bene riunire tutti i partner principali ed avere un feedback positivo da tutti sull idea di progetto. Il possibile partner che non risponde o non collabora può essere a rischio, meglio chiarire subito le posizioni, e non durante la stesura del progetto. Come verificare la disponibilità di un partner? Verificando se: Ha un interesse strategico nei risultati del progetto? Condivide la vostra stessa visione a lungo termine? (cioè non partecipa al progetto solo per un ritorno economico a breve termine) Ha una effettiva disponibilità/capacità di cofinanziare con risorse umane? (Attenzione ai partner troppo piccoli ) La prima risposta a queste domande se positiva, potrebbe già delineare il profilo di un buon partner. Bisogna tenere presente che il suo curriculum deve includere preferibilmente esperienze di eccellenza nel settore del progetto e che deve condividere con voi gli obiettivi del progetto perché ritenuto un argomento importante. 1.2 LE FASI DELLA PROGETTAZIONE Torna all indice La progettazione in ambito europeo si svolge necessariamente secondo le logiche già note di Project Management, adattate al contesto specifico e alle necessità di raggiungere gli obiettivi indicati dal VII PQ. Per i progetti più complessi, sono fondamentali le riunioni di progettazione, in cui si incontrano i partner e si predispone un lavoro preparatorio e di gruppo, si definiscono i tasks (attività) e si calendarizza il proseguimento della progettazione a distanza. La breve premessa che segue può essere considerata una preliminare mappa logica per l organizzazione del lavoro di progettazione, che in ambito europeo deve poi seguire i formulari predisposti nel bando (call for proposal). Per strutturare un progetto occorre innanzitutto rispondere alle seguenti domande: 1) Definire obiettivi chiari : Perché? (gli obiettivi non sono i risultati) 2) Definire i risultati: Cosa? (devono essere misurabili ) 3) Definire le responsabilità: Chi? (partner e rispettivi ruoli, responsabilità dei risultati) 7

8 4) Pianificare le attività: Quando? (utilizzare i diagrammi temporali GANTT, il diagramma WBS per la struttura delle attività, il diagramma PERT per le relazioni tra attività) 5) Allocare budget alle attività: Quanto? (stimare le risorse necessarie per ciascuna attività) Perché? Definire gli obiettivi Esistono sempre degli obiettivi generali di ampio respiro e livello, cioè il contesto sul quale si innesta l obiettivo specifico del progetto: le politiche europee su una determinata tematica desumibili dai Libri Bianchi e da Decisioni europee, le indicazioni date nei Work Programme (Tema, Area). Spesso il linguaggio da usare utilizza verbi all infinito con valenza positiva: rafforzare, migliorare, risolvere, facilitare Gli obiettivi generali possono essere più di uno; l obiettivo specifico del singolo progetto sarà invece sempre UNO solo: da realizzare durante il progetto, oppure da dimostrare, oppure da sviluppare come nuova conoscenza. L obiettivo specifico è il fine del singolo progetto, in termini di benefici sostenibili per i destinatari del progetto. 1 Livello: Obiettivi Generali (medio- lungo termine) 2 Livello: Obiettivo Specifico (breve- medio termine) Cosa? Definire i risultati I risultati devono avere come caratteristica principale la loro quantificazione e la possibilità quindi di essere misurati. Spesso viene richiesto di fornire degli indicatori per la misurazione di questi risultati: cioè definire a priori in che misura il progetto avrà successo. 1 Livello: Risultati principali definiti anche deliverables 2 Livello: Risultati intermedi necessari per la realizzazione dei risultati principali Cosa sono i deliverables? In sintesi sono quei risultati concreti che possono essere spediti alla Commissione europea. Di seguito alcuni esempi non esaustivi : Prototipo Software Pubblicazioni Report Policy Brief Etc Bisogna inoltre sempre considerare che i risultati prodotti dovranno avere una dimensione europea in termini di: 1) Valore aggiunto europeo: miglioramento a livello comunitario (respiro europeo: i risultati non devono essere realizzati solo in chiave nazionale) quindi la tematica deve essere di importanza comunitaria; - l azione deve essere trasferibile nel territorio dell Unione Europea e gestita da un consorzio tra partner di più nazioni. Si dimostra il Valore Aggiunto, quando nel progetto appare il partenariato internazionale, in cui ci sia collaborazione. Non c è valore aggiunto, quando più partner svolgono ciascuno un proprio compito, perseguendo propri obiettivi e giungendo a prodotti separati ed indipendenti tra loro. 2) Impatto sulle politiche comunitarie rilevanti rispetto al tema di cui si occupa il progetto o anche su politiche collegate 3) Effetto moltiplicatore: stimare la diffusione del risultato ottenuto 4) Innovazione: miglioramento rispetto allo stato attuale 8

9 1.2.3 Chi? Definire le responsabilità In questa fase si definiscono ruoli e responsabilità rispetto alle varie attività previste dal progetto. In ambito europeo avremo queste due figure chiave: a) COORDINATOR (capofila): ovvero il Principale Beneficiario che: firma il contratto Grant Agreement, è l interlocutore diretto con la Commissione. Questo potere può essere mediato da un contratto interno fra i partner (Consortium Agreement) e da apposite strutture di gestione interna del progetto. b) PARTNER: Si tratta di definire i partecipanti (partner) e le responsabilità di ciascuno nella realizzazione del progetto. Le caratteristiche dei partner sono le seguenti: Ognuno ha un ruolo chiaramente definito Ad ogni partner è collegato un risultato di progetto Complementarietà di ciascuno (diverse competenze) Tipologie diverse di partner (università, PMI, Enti di Ricerca, Enti locali, ecc ) c) STAKEHOLDERS: Nel partenariato possono essere coinvolti anche stakeholders esterni, interessati per esempio ai risultati del progetto, questi partner esterni potrebbero entrare nel progetto per esempio nell ambito di un Comitato finale di valutazione o molto più spesso come Comitato consultivo. CONSORTIUM AGREEMENT: Per regolare i rapporti di partenariato si utilizza lo strumento del Consortium Agreement (Accordo privato tra i partner sulla gestione del Consorzio: implementazione progetto, responsabilità dei membri, gestione finanziaria del progetto, gestione IPR, etc.). Il modello più comune utilizzato dalle Università è disponibile al seguente link: Quando? Pianificazione Per la fase di pianificazione delle attività da realizzare, si raccomanda l utilizzo dei seguenti strumenti tipici del Project Management: 1) PBS (Product breakdown structure): per la definizione dei risultati, es. costruzione di un automobile : Vettura Telaio 1.0 Sospensioni 2.0 Motore 3.0 Interni 4.0 Impianto elettrico 5.0 Cruscotto 4.1 Sedili 4.2 Rivestimento 4.3 9

10 Figura 3 - Esempio di diagramma PBS 2) WBS (work breakdown structure) Per la definizione delle attività: diagramma di flusso delle attività: Vettura Telaio 1.0 Sospensioni 2.0 Motore 3.0 Interni 4.0 Impianto elettrico 5.0 Cruscotto 4.1 Sedili 4.2 Rivestimento 4.3 Scrivere le specifiche Progettare il cruscotto Collaudare il cruscotto Figura 4 - esempio diagramma di WBS 3) diagramma di PERT: per la definizione delle relazioni tra attività e definizione delle fasi del progetto ( ricerca, dimostrazione, disseminazione, valutazione, etc.). Esempio: 10

11 Figura 5 - esempio di diagramma PERT Questo diagramma aiuta a determinare i Work Packages (pacchetti di lavoro) richiesti dai formulari europei: descrivere un Work Package per ciascun risultato principale del progetto. Ogni WP contiene dei Tasks (attività) e dei Deliverables (letteralmente, elementi consegnabili, che rimangono dopo la fine del progetto). Tutti questi elementi dovranno essere numerati coerentemente (es. WP1 task.1.1, del.1.1) 4) GANTT, o anche Workplan : diagramma temporale delle attività per lo sviluppo temporale delle attività di progetto: WP description / Task WP1 - Project Management D1.1 D1.2 WP2 - Market Analisys and Studies Planning and studies D Market analysis D2.2 WP3 - System adaptation and localization Italian pilot D Hungarian/Polish pilot D Franch / Flammish pilot D3.3 WP4 - Market testing and Trials Pilot 1 trials Pilot 2 trials Pilot 3 trials Assesment and evaluation of results D4.1 WP5 - Business Plan Draft Business Plan D Deployment Business Plan D5.2 WP6 - Dissemination and Business partner screening Web site and materials D6.1 preparation Dissemination activities D6.2 11

12 Figura 6 - esempio di diagramma di GANTT 5) Infine la Commissione Europea al fine di facilitare la stesura della modulistica consiglia di seguire come griglia generale di lavoro, il Quadro Logico Logical Framework- in cui si riversano gli obiettivi, i risultati e la attività da intraprendere in una struttura a matrice. Di seguito, si trova l esempio classico di questo schema: Obiettivo Globale/Impatto Obiettivo Specifico del Progetto Risultati da raggiungere Attività da intraprendere/realizzazion i Progetto Presupposti/Rischi Indicatori di Controllo Fonti di Verifica Figura 7 - esempio di griglia Logical Framework (Quadro logico) Tale griglia è infatti utile a definire le seguenti variabili (richieste anche nei formulari del VII Programma Quadro): Presupposti/Rischi: Sono tutti quei fattori esterni che possono influire sulla messa in opera del progetto. Bisogna tenere conto dei presupposti killer che sono in grado di invalidare il nostro progetto e rendere così non finanziabile la nostra domanda : esempio di presupposto killer è una tecnologia non validata. Si segue una logica verticale, ciò significa che il presupposto ci permette di ottenere l attività secondo il seguente schema: con il presupposto avremo una condizione di ammesso che, la quale ci porterà al conseguimento dell attività con la condizione di allora avremo che. Indicatori di Controllo: Sono descrizioni operative quantificabili, dei differenti livelli di obiettivi: globali, specifici, e dei risultati. Nel livello delle attività saranno indicati i mezzi previsti per la loro realizzazione e cioè le risorse fisiche e non fisiche, umane e materiali (Mezzi) che rispondono sostanzialmente alla specificazione Come, Chi, Quando, Dove. Un buon indicatore deve essere: SMART, Specific, Measurable, Avaible (disponibile ad un costo accettabile), Relevant (pertinente con l obiettivo), Time bound (legato ad un tempo dato). Fonti di Verifica: Indicano l origine e la forma in cui sono disponibili le informazioni per la realizzazione degli obiettivi. (Le fonti di verifica delle attività sono i costi). Le fonti devono essere: - accessibili; - affidabili; - pertinenti. Verifica Finale del Logical Framework: 12

13 - La logica verticale è completa e corretta - Gli indicatori e le fonti di verifica sono accessibili e affidabili - Le condizioni di partenza sono realistiche - Le ipotesi sono realistiche e complete - I rischi sono accettabili - Le probabilità di riuscita sono elevate - I fattori di qualità sono stati presi in considerazione ed eventualmente tradotti in attività, risultati o ipotesi - I benefici giustificano i costi Quanto? Definizione del budget Ogni domanda deve essere accompagnata da un budget. La stima delle risorse necessarie alla realizzazione del progetto deve essere realistica e realizzata DOPO la definizione dei risultati, attività e ruolo dei partner. In ogni caso si tratta di un budget previsionale. Le spese devono essere sufficientemente dettagliate in modo da permettere la distinzione fra costi eleggibili e costi non eleggibili. I costi devono essere corrispondenti al principio di buona gestione finanziaria e cioè devono essere in rapporto diretto con l esecuzione dell oggetto del finanziamento e devono essere necessari alle condizioni del mercato, contabilizzabili, identificabili e controllabili. Costi Eleggibili: Oltre ai costi da sostenere (acquisti di materiale, viaggi, spese generali, ecc.) è importante stimare il tempo delle risorse umane individuate per realizzare ciascuna attività e produrre determinati risultati: definire quindi lo Staff Effort (tabelle dove sono esplicitati i mesi uomo per ciascun partner, per ciascun Work Package). Per il calcolo dei costi del personale impiegato nel progetto, è bene riferirsi alle tabelle stipendiali correnti ( o a una media previsionale) e al Tempo produttivo ufficiale di ciascuna risorsa indicata. Il MIUR nel 2007 ha dato indicazioni per il personale docente e per estensione PTA e collaboratori di ricerca, assegnisti, ecc. circa il tempo produttivo annuo, che si attestava sulle 1512 ore annue. Tale normativa è stata superata dall entrata in vigore della legge 240/2010 (Riforma Gelmini) che fissa il tempo produttivo a 1500 ore annue, art. 6 comma 1 e 2. Le spese saranno divise in Voci. Alcuni esempi di costi eleggibili: -Personale: sia per il personale strutturato che per quello assunto specificamente sul progetto, valgono le seguenti condizioni di ammissibilità da rispettare per poter esporne il costo: che il personale sia direttamente reclutato dal beneficiario in base alla legislazione nazionale; che il personale debba lavorare sotto la supervisione tecnica e la responsabilità del beneficiario; che i costi di personale riflettano il valore totale della remunerazione: salario comprensivo di oneri previdenziale e sociali; che il personale sia remunerato in accordo con le procedure interne del beneficiario; che il personale presti la propria attività lavorativa in prevalenza presso la struttura titolare del progetto. -Viaggi e Soggiorni (meglio se fissati nel fine settimana in cui c è un costo inferiore, attenzione a verificare il regolamento interno di Ateneo sulle Missioni) -Conferenze 13

14 -Materiale -Macchinari ed Attrezzature (nuovi o d occasione, viene calcolato l ammortamento degli stessi se acquistati nel periodo di eleggibilità) riferirsi al Regolamento di Ateneo -Servizi -Spese generali (overheads) Fondamentale è dividere le spese, come sopra indicato, sia nella fase di preparazione del progetto che di gestione. Allo scopo alleghiamo a titolo di esempio un modello, vedere pag Suggerimenti per la scrittura del testo La lingua da utilizzare è l inglese. La Commissione Europea ammette ufficialmente tutte le lingue dei 27 Paesi Membri, ma se si decide di presentare il progetto in una lingua che non sia l inglese, bisogna corredare il progetto con una traduzione. Si consiglia quindi di scrivere il progetto in inglese. Come sviluppare il testo: rispondere a tutte le domande che vengono richieste nel formulario utilizzare terminologia rilevante nel contesto del Programma e della Call for Proposal linguaggio coerente in tutti i capitoli della proposta introdurre nuovi concetti all inizio, spiegare ed elaborare (NON introdurre nuovi concetti successivamente) una figura (tabella o grafico) dice di più di 3 pagine di testo riferimenti a dati pubblici (statistici) per quanto rilevanti testo breve e denso curare particolarmente il WP sullo sfruttamento dei risultati e il WP della Disseminazione (assegnare specifiche responsabilità ai partner per questi due WP) Alcuni punti della struttura del progetto a cui porre attenzione: Impatto Europeo della proposta: mettere in relazione il progetto con gli obiettivi europei contenuti nel Work Programme Essere realisticamente ambiziosi (nello sviluppo della ricerca) Strutturare in maniera chiara il progetto e definire risultati misurabili Consorzio a rilevanza europea, ben bilanciato e con una buona complementarietà Attenzione ai grafici, ai numeri e scrivere un eccellente sommario Definire una buona struttura di management Torna all indice 2 FORMULARI PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Una volta individuato il Topic di interesse su cui presentare il proprio progetto, stabilito il partenariato minimo (almeno 3 partner provenienti da 3 diversi Stati Membri o Paesi Associati, a meno che non ci siano prescrizioni diverse nel bando), il coordinatore di progetto procede alla stesura. I formulari sono predisposti di volta in volta on-line e vi si può accedere tramite registrazione in procedura EPSS ( Electronic on-line Proposal Preparation and Submission): tale procedura infatti autentica coloro che vi accedono e fornisce password per i successivi accessi, anche per gli eventuali partner. Per accedere e autenticarsi bisogna entrare dal sito alla pagina relativa al bando d interesse. 14

15 In questo stadio due sono i documenti necessari per una corretta preparazione della domanda: Guide for Applicants guida del proponente (per schema di finanziamento) Manuale EPSS Sempre disponibili tra i materiali scaricabili on-line per ogni call for proposal attiva I progetti europei vengono presentati utilizzando sempre un formulario che si divide in 2 parti: "part A" che è la parte relativa alle informazioni amministrative dei partecipanti e che nella sezione A.3 contiene anche lo schema riassuntivo del budget e la parte "part B" che riguarda invece la proposta scientifica vera e propria del progetto e che è la più complessa da realizzare. Dopo l autenticazione in procedura EPSS, è utile inserire dove richiesto il PIC participant identification code (per il coordinatore e per ciascun partecipante), cioè il codice identificativo per il VII PQ di ciascun Ente Legale partecipante, assegnato dal sistema URF (Unique Registration Facility). L inserimento del PIC attiva tutte le informazioni amministrative relative all ente a cui è stato attribuito: indirizzo, nome, regime dei costi indiretti, tipologia di ente, codice nace, ecc. Il numero è disponibile presso la Divisione Ricerca. 2.1 PARTE A Il primo modulo riguarda gli estremi di progetto: è la Carta d identità del progetto. Di seguito una griglia per la compilazione ed un esempio del Form A.1 solo per il coordinatore: Proposal Acronym Collaborative Projects Proposal Title Duration in months Call Identifier Topic Codes most relevant to your proposal Free Keywords Abstract Similar proposals or signed contracts L acronimo non deve superare i 20 caratteri e deve essere mantenuto uguale anche anche in ogni pagina della parte B Al momento di entrare in procedura EPSS bisogna indicare lo schema di finanziamento specificato nel per il Topic in cui si presenta il progetto Il titolo non deve essere più lungo di 200 caratteri e dev essere comprensibile anche ai non specialisti nel campo di ricerca Durata espressa in mesi del progetto Esempio: FP7-SSH-2009-A, questo dato si trova sia nei Work Programme sia nella call fiche Consultare il Work Programme per verificare il codice del topic Inserire alcune parole chiave rilevanti Attenzione al limite max: in genere 2000 caratteri Segnalare se si sono presentate altre proposte simili in call precedenti Vedere allegato 1 a pag. 32 modulo A1 coordinatore Form A.2 per il coordinatore e per il partner, griglia esempio: Participant number PIC (participant identification Code) Legal Name Organisation Short Name Numero assegnato a ciascun partecipante: il coordinatore è sempre il nr.1 Codice identificativo dell Ente partecipante rilasciato dal sistema unico di registrazione della Commissione e disponibile presso il Lear (responsabile amministrativo delle informazioni dell ente verso la Commissione) (Università Ca Foscari Venezia) Nome con cui l ente pubblico è stato registrato Un nome abbreviato dell Ente partecipante: UNIVE 15

16 Legal Address Non-profit Organisation Public body Research organisation Nace code Small and medium-sized enterprises Dependencies with other participants Character of dipendence Contact Point Title Address Sex Phone and fax numbers Indirizzo della sede legale dell Ente (per Ca foscari: sede centrale Dorsoduro Venezia) Se l ente ha già un Pic, in questo campo compare (oppure no) una spunta Idem Idem Idem Da compilare solo a cura di una SME Da compilare solo se due partecipanti (Enti giuridici) sono dipendenti l uno dall altro Vedi casella precedente Il Team Leader o il responsabile scientifico Scegliere tra le proposte Se diverso dalla sede legale, specificarlo Richiesta solo per informazioni statistiche Inserire numeri telefonici e di fax completi di prefissi del ricercatore/responsabile scientifico Vedere allegato 2 a pag. 33 modulo A2 Coordinatore Form A.3 per il coordinatore, con il budget aggregato, sulle righe le tipologie di costi, in colonna le attività ( RTD, management, other activities, demonstration): Indirect costs ICPC Lump sum funding method Type of Activity (nelle colonne) Personnel Costs (nelle righe) Sub-Contracting (nelle righe) Other direct costs Total Budget Requested EC contribution Indicare il tipo di costi indiretti (per Ca Foscari 60% costi diretti: ovvero transitional Flat rate in caso di CP collaborative project, se CSA Coordination and Support Action è il 7%) Se ci sono partner ICPC (International Cooperation Partner Countries: Paesi Terzi con i quali sono stati siglati specifici accordi di collaborazione nell ambito del VII PQ) I paesi ICPC possono optare per il lump sum, indicare qui la tariffa a seconda del tipo di paese Inserire le somme relative ai vari tipi di attività previste nel progetto: RTD activities Demonstration activities Other activities Management Costi delle ore effettivamente lavorate dalle persone che direttamente realizzano attività di progetto e che rifletteranno la remunerazione lorda e altri costi statutari inclusi nella remunerazione. Il subcontraente è una terza parte che in accordo con uno o più partecipanti (business agreement) realizza una parte del progetto senza la supervisione diretta del partecipante o dei partecipanti e senza una relazione di subordinazione. Inserire la somma prevista per i sub-contratti Altri costi diretti non compresi nelle due categorie precedenti Somma dei costi eleggibili (diretti+indiretti) Il contributo richiesto dovrà essere determinato applicando i limiti indicati di seguito per attività : RTD = 75% (SME, università, altri enti pubblici, organismi di ricerca) Demonstration activities = 50% Other activities = 100% Management = 100% 16

17 Indicare per ogni tipologia di costo i dati aggregati per ciascun partner per ciascuna attività: sulle righe la tipologia dei costi, le colonne indicano le attività previste per il progetto il loro costo e infine si calcola il costo totale e il cofinanziamento richiesto alla UE. Per ciascun partner il budget è aggregato Vedere allegato 3 a pag. 34 modulo A3_1_Coordinator.pdf 2.2 PARTE B Torna all indice E la parte di formulario specifica per la stesura della parte scientifica del progetto: varia da un programma specifico all altro. La parte B dei progetti da presentare in Cooperation, per esempio, non è uguale alla parte B dei progetti per i bandi del programma specifico People. Prenderemo in esame un tipico schema di progetto collaborative project per una bando (call for proposal) di un qualsiasi Tema di Cooperation Le parti del formulario: Frontespizio Cover Page Proposal full title: (inserire il titolo per esteso del progetto) esempio: Venice Reasearcher s Night Proposal acronym: inserire l acronimo, es. VENIGHT Type of funding scheme: Collaborative Project Small or medium-scale focused research project (indicare il tipo di schema di finanziamento) Work programme topics addressed: (elencare il topic o più topic a cui il progetto si rivolge, in maniera sintetica, se più di uno indicarlo in ordine di importanza) Name of the coordinating person: prof. Mario Rossi List of participants: (inserire la lista dei partecipanti nello stesso ordine con il quale sono stati inseriti nel Form A2; ricordarsi sempre che il nr.1 è il coordinatore) Participant no. * Participant Organisation name Country 1 (Coordinator) Università Ca Foscari Venezia Italy 2 Universitet Germany 3 Università Slovenia 4 Università Argentina 5 Università Brasile 6 University of UK. * Please use the same participant numbering as that used in section A2 of the administrative forms (usare la stessa numerazione utilizzata nei form A2) Torna all indice 17

18 2.2.2 L indice Table of Contents È importante scrivere un indice ordinato e comprensivo di tutti gli argomenti trattati. Seguire comunque lo schema base fornito nella Guide for Applicants di ciascun bando Il Progetto Proposal Di seguito la struttura del Form B e i punti proposti schematicamente nello stesso. La lunghezza massima per l intera sezione 1 è di 20 pagine, ma è opportuno verificare sempre queste indicazioni nella Guide for Applicants. (esclusi i grafici: Gantt, WorkPackage e Pert) : Scientific and/or technical quality, relevant to the topics addressed by the call 1.1 Concept and objectives Spiegare l idea progettuale. Quali sono le problematiche che hanno portato a proporre questo progetto? Descrivere in dettaglio gli obiettivi S&T. Mostrare come sono legati al topic. Gli obiettivi dovrebbero essere quelli ottenibili durante il progetto, non attraverso sviluppi successivi. Dovrebbero essere descritti in una forma misurabile e verificabile, anche attraverso Milestones. Le Milestones sono momenti di verifica del progetto, stati di avanzamento dei lavori: ad ogni milestone corrispondono delle verifiche: se i risultati sono positivi, si passa alla fase successiva. (Usare la tabella proposta dal Form, al punto 1.3) In questa fase si risponde alla domanda: Perché? Poi si prosegue descrivendo: Risultati principali Traguardi principali per realizzare gli obiettivi del progetto Risultati dettagliati Risultati intermedi necessari per realizzare i risultati principali (deliverables) monitorare l avanzamento del progetto (fine di ogni attività/task nel progetto) Materiali: database, software, pubblicazioni, report, materiale promozionale, questionari Immateriali: conoscenza nuova (in report), valore aggiunto provato. In questa fase si risponde alla domanda: Cosa? 1.2 Progress beyond the state-of-the-art Descrivere brevemente in cosa il progetto supera lo stato dell Arte, e i suoi contenuti innovativi rispetto alla situazione scientifica esistente. Le parole chiave saranno: nuovo e innovativo ; Lo stato dell arte andrà descritto attraverso concetti chiari, dati precisi, non usare espressioni vaghe (del tipo: è noto che ); non omettere informazioni rilevanti, o dati ricavati da progetti preesistenti. (Per questo consultare i database della Commissione Europea, per ciascuna tematica raggiungibile dalla pagina del sito Cordis: 18

19 e ) 1.3 European coverage and comparative perspective I risultati del Progetto descritti sopra dovranno essere ripresi brevemente per illustrarne la dimensione europea, soprattutto descrivendo ciò che ciascun partner del Consorzio (dimensione europea e transnazionale) metterà in atto per raggiungere i risultati previsti. Ogni partner deve infatti essere necessario alla realizzazione degli obiettivi e al conseguimento dei risultati. In questa fase si risponde alla domanda: Chi? 1.4 S/T methodology and associated work plan E la parte più tecnica del progetto : attraverso gli strumenti tipici del Project Management si presentano i vari aspetti del progetto. Utilizzare tutte le tabelle eventualmente proposte nel formulario. IN PARTICOLARE: Lista dei Workpackages Lista dei deliverables (risultati) Descrizione di ogni Workpackage Staff Effort: Tabella dei mesi persona Lista dei milestones Diagramma di Pert: relazione logica tra WP Gantt chart (diagramma temporale) In questa fase si risponde alla domanda: Quando? (Pianificazione dei lavori) Per quanto riguarda i work packages: ricordarsi di assegnare un WP a ciascun risultato principale del progetto. WP obbligatori: WP 0 = Management; Wp X (di solito è l ultimo) = Dissemination. Il numero dei WP deve essere appropriato rispetto alla complessità del lavoro e del valore generale del progetto. La Pianificazione deve essere sufficientemente dettagliata in modo tale da poter giustificare l impiego di risorse proposto e poter permettere un monitoraggio dei progressi da parte della Commissione. Utilizzare allo scopo una WBS, e spiegarne brevemente la strategia. Scomponendo il progetto in parti più piccole secondo una struttura ad albero, descrivere brevemente le fasi del progetto ( principalmente ci sono 3 o 4 fasi : definizione, sviluppo, dimostrazione, valutazione e disseminazione) Si ottiene a partire dalle macrofasi del progetto e ogni livello inferiore rappresenta una definizione sempre più dettagliata di un componente del progetto Table 1.3 a: Work package list (es. Tratto da un progetto call for proposal SSH) Work package No1 Work package title Type of activity2 Lead partici pant No3 Lead participant short name Personmonths4 Start month5 End month5 0 Project Management MGT 1 UNIVE Indicare compless ivamente quanti mesi persona per ciascun WP

20 1 Titolo dell attività di ricerca: (museums, archives and libraries in Europe ) 2 Titolo dell attività di ricerca (Citizenship, social memories and heritage insitutions ) 3 Titolo del WP che include altre attività 5 Conclusions and dissemination RTD 2 LIU RTD 6 UiO OTHER 3 AEGE DISSEMINATION 6 ULEIC TOTAL 162 Work package number: WP 1 WP n. 2 Please indicate one activity per work package: Figura 8 esempio di Work package list RTD = Research and technological development (; DEM = Demonstration; MGT = Management of the consortium; OTHER = Other specific activities, if applicable in this call including any activities to prepare for the dissemination and/or exploitation of project results, and coordination activities) According to the description of the funding scheme given previously. 3 Number of the participant leading the work in this work package. 4 The total number of person-months allocated to each work package. 5 Measured in months from the project start date (month 1). ATTENZIONE: seguire la legenda proposta. Il numero dei WP varia da progetto a progetto, l esempio sopra è puramente indicativo; come si vede va indicato il numero dei mesi uomo complessivo allocato per ciascun WP. La commissione chiede anche tabelle riassuntive dei deliverables: fare attenzione alla numerazione logica. I deliverables sono risultati concreti da consegnare dopo la fine del progetto. Table 1.3 b: Deliverables List Del. Deliverable name WP no. no. Nature Dissemination level Delivery date 0.1 website 0 O PP Policy Brief 1 O RE Conference 5 O PU Publication 5 O PU Active Dissemination 5 O PU 36 20

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario.

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario. Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario Nunzia Cito Le metodologie e gli strumenti per la presentazione ed il monitoraggio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI DI RICERCA NEI PROGRAMMI QUADRO EUROPEI

LA GESTIONE DEI PROGETTI DI RICERCA NEI PROGRAMMI QUADRO EUROPEI LA GESTIONE DEI PROGETTI DI RICERCA NEI PROGRAMMI QUADRO EUROPEI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO LUGLIO 2012 Informazione in ordine alle raccomandazioni della Commissione Europea sui progetti finanziati

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta

Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta European IPR Helpdesk Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta Lo European IPR Helpdesk è gestito dall Agenzia Esecutiva per le Piccole e Medie imprese della Commissione

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

ERASMUS+:GIOVENTU IN AZIONE Modalità di partecipazione

ERASMUS+:GIOVENTU IN AZIONE Modalità di partecipazione ERASMUS+:GIOVENTU IN AZIONE Modalità di partecipazione 1. Leggere attentamente la Guida al Programma 2. Procedere all autenticazione in ECAS 3. Effettuare la registrazione ad URF 4. Compilare il Formulario

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Procedure di presentazione e di valutazione delle Proposte in FP7: cosa c é di nuovo?

Procedure di presentazione e di valutazione delle Proposte in FP7: cosa c é di nuovo? Procedure di presentazione e di valutazione delle Proposte in FP7: cosa c é di nuovo? Mario Catizzone RTD: I/1 Valutazione delle proposte di ricerca in FP7 il processo di valutazione ha raggiunto uno standard

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

VII Programma Quadro L attività di Auditing nei finanziamenti europei Dott. Maurizio Santoro

VII Programma Quadro L attività di Auditing nei finanziamenti europei Dott. Maurizio Santoro VII Programma Quadro L attività di Auditing nei finanziamenti europei Dott. Maurizio Santoro Università degli Studi di Milano Divisione Servizi per la Ricerca 20 novembre 2013 L attività di audit nei progetti

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

European ICT Professional Profiles

European ICT Professional Profiles CEN Workshop ICT Skills CWA European ICT Professional Profiles Il presente CEN Workshop Agreement (CWA) definisce un set di profili europei nel settore dell ICT; Usando lo European e-competence Framework

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni:

Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni: premium access user guide powwownow per ogni occasione Making a Call Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni: 1. Tell your fellow conference call participants what

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO Poste ALL. 15 Informazioni relative a FDA (Food and Drug Administration) FDA: e un ente che regolamenta, esamina, e autorizza l importazione negli Stati Uniti d America d articoli che possono avere effetti

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Panoramica delle richieste

Panoramica delle richieste Panoramica delle richieste 1,293 richieste in procinto di essere approvate, il 40% delle quali é previsto aperto alle registrazioni Breakdown dei nuovi gtld per tipo 1,930 1,293 1,293 1,930 453 100% 90%

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli