OLTRE IL CURRICOLO.. I NOSTRI PROGETTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OLTRE IL CURRICOLO.. I NOSTRI PROGETTI"

Transcript

1 OLTRE IL CURRICOLO.. I NOSTRI PROGETTI ANNO SCOLASTICO

2 . DISTRETTO SCOLASTICO N 22 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALTO UFFUGO SCALO OLTRE IL CURRICOLO ANNO SCOLASTICO

3 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALTO SCALO PROGETTO ACCOGLIENZA INSEGNANTI COINVOLTE: Le insegnanti dei tre plessi di scuola dell Infanzia DESTINATARI: I bambini frequentanti i tre plessi di scuola dell Infanzia DURATA: I giorni del mese di settembre la prima settimana di ottobre PREMESSA L inizio dell anno scolastico rappresenta uno dei momenti più importanti per i bambini, che per la prima volta, affrontano il distacco dalla famiglia. Oggi più che mai, l accoglienza, merita maggiore attenzione dal momento che vengono accolti a scuola bambini che ancora non hanno compiuto i tre anni e sicuramente non hanno potuto acquisire le competenze relazionali e l autonomia dei loro compagni più grandi. E fondamentale fare il possibile per facilitare il processo di appartenenza. E indispensabile che entrando a scuola ciascun bambino trovi uno spazio a lui non completamente sconosciuto. Diventerà significativo il ruolo dei docenti che dovranno mediare la realtà con pazienza, rispettando i tempi di ciascuno. I bambini di quattro e cinque anni tornano a scuola sapendo di ritrovare gli amici, gli spazi ed i giocattoli preferiti, sono desiderosi di raccontare ad adulti e coetanei le avventure vissute in vacanza. Il periodo dell accoglienza, pertanto, è fondamentale per l avvio proficuo del percorso formativo dell alunno. Una didattica flessibile unita all utilizzazione di diversi tipi di linguaggio permette di instaurare un clima sereno e collaborativo e di dare a tutti la possibilità di esprimersi e di integrarsi. FINALITA - Inserimento graduale e sereno per i bambini nuovi; - Reinserimento per quelli di quattro e cinque anni; - Attenzione all assimilazione di regole e di valori; - Rispettare le diversità di ciascuno; - Flessibilità di spazi, tempi e situazioni educative;

4 OBIETTIVI GENERALI - Rafforzare l identità personale e l autostima; - Vivere in modo equilibrato i propri stati affettivi; - Rassicurare genitori e bambini mediante la conoscenza dell ambiente; - Favorire il superamento del distacco dalla famiglia; - Rafforzare la fiducia nelle proprie capacità; - Promuovere la conquista dell autonomia; - Comprendere le regole di un gioco; OBIETTIVI SPECIFICI - Accettare di stare a scuola senza genitori; - Conoscere il nome di adulti e coetanei; - Farsi conoscere dagli altri; - Essere disponibile a giocare e a conversare con gli altri bambini; - Maturare l autonomia legata all uso dei servizi igienici, al riordino del materiale usato; - Utilizzare gli spazi secondo la funzione alle quali sono destinati; - Sapersi muovere con disinvoltura nell ambiente scolastico; - Rispettare il proprio turno durante le attività; - Verbalizzare semplici richieste; - Comprendere semplici messaggi; SPAZI UTILIZZATI - La sezione e tutti gli spazi interni ed esterni alla scuola PERSONE COINVOLTE - Bambini Docenti Collaboratori scolastici Genitori

5 ATTIVITA - Visita alla scuola dei nuovi iscritti accompagnati dai genitori; - Giochi all aperto, canzoncine mimate, girotondo; - Presentazione dei bambini durante la conversazione; - Giochi imitativi, canzoncine, filastrocche e drammatizzazione; - Attività di vita pratica e quotidiana; - Guida alla conoscenza degli ambienti scolastici; - Ascolto di semplici racconti; - Verbalizzazione delle proprie esperienze da parte di ciascun bambino; MATERIALI - Colori a matita, a cera e a dita; - Fogli bristol bianchi e colorati; - Giochi (puzzle- costruzioni- cucine- bambole ecc..); - Gioco libero, organizzato e guidato; STRATEGIE E METODOLOGIE In questo periodo sarà curata particolarmente l organizzazione strutturale e funzionale degli spazi presentati per fornire risposte adeguate alle esigenze del singolo e del gruppo. Esse costituiscono una prima e determinante opportunità perché l impatto con la scuola sia ricco di sicurezza, sollecitante e capace di favorire diverse percorribilità. VERIFICA E VALUTAZIONE Osservazione diretta degli alunni attraverso giochi, conversazioni e varie attività ludiche.

6 SCUOLA DELL' INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALTO SCALO PROGETTO: PICCOLI CITTADINI INSEGNANTI COINVOLTE: Pignataro A., Ranieri M., Aiello F., Di Sante Marolli A., Ricchio C., Vito G. DESTINATARI: I bambini frequenti la 3 a sezione. DURATA: Febbraio - Giugno Con questo progetto, ( indirizzato soprattutto ai bambini di 5 anni) cercheremo, di far vivere ai nostri alunni, piccole esperienze attraverso le quali possano acquisire un costume di vita che li prepari a vivere in una società democratica e multiculturale, offrendo loro la possibilità di sperimentare direttamente forme concrete di partecipazione e di cooperazione. Cercheremo di orientare i bambini su ciò che è giusto fare per soddisfare bisogni e necessità inviolabili, ruotando intorno alla idea di famiglia, di scuola di gruppo, come comunità di vita, indirizzandoli, quindi, a scoprire gli altri e le prime forme di diritti e doveri. FINALITA': - Trasmettere conoscenze e abilità utili in famiglia, a scuola, nel gruppo come comunità di vita e acquisire modi di agire corretti con compagni, genitori e adulti. - Scoprire il significato di diritti e doveri - Inculcare nel bambino, cittadino di domani, i primi rudimenti del senso civico OBIETTIVI: - Sviluppare l'identità personale,sociale, culturale. - Conoscere aspetti della realtà in cui si vive. - Educare al rispetto di stessi, degli altri e delle regole. - Riconoscere i propri diritti e doveri di bambino. - Maturare il senso civico e la cittadinanza attiva. PRIMA TAPPA: Io e gli altri (Affettività e Convivenza) SECONDA TAPPA: Diritti e Doveri (Diritti dei Bambini) TERZA TAPPA: La Costituzione Cittadinanza ( Educazione Ambientale, Educazione alla pace).

7 COMPETENZE: Il bambino - Sa di avere una storia familiare, sociale e culturale - Sviluppa senso di appartenenza - Sa seguire regole di comportamento. - E' consapevole dei propri bisogni. ATTIVITA : - Far conoscere al bambino il suo ruolo all interno della famiglia, della comunità, della scuola. - Simulare situazioni o raccontare storie che valorizzino questi gruppi come nuclei di appartenenza. - Sperimentare e apprendere le principali regole di convivenza. - Far conoscere la bandiera, l Inno di Mameli, la cucina italiana. - Vivere con i bambini, esperienze utili alla comunità (esperienze di solidarietà, raccolta differenziata, rispetto per le cose e per le persone) - Giochi che permettano di intuire l importanza del diritto-dovere. - Drammatizzazioni di storie in cui siano evidenziate situazioni e comportamenti corretti. - Realizzazione di cartelloni indicativi per l'apprendimento delle regole. - Realizzazione del cartellone dei diritti dei bambini e schede specifiche per la rielaborazione. - Canti - Realizzazione di un quaderno laboratorio.

8 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALTO SCALO SCUOLA DELL INFANZIA SETTIMO PROGETTO: Coro di Natale Anno scol PREMESSA Le feste e i momenti di incontro che scandiscono l anno scolastico sono un aspetto peculiare della scuola dell Infanzia. Questi tradizionali appuntamenti coinvolgono bambini,insegnanti personale scolastico e anche le famiglie. Tutto questo contribuisce a costruire legami di continuità orizzontale e a rafforzare in ognuno l appartenenza al proprio contesto culturale. L occasione più importante per un incontro scuolafamiglia è la festività del Natale che nella nostra scuola festeggiamo con il CORO di NATALE FINALITA Esprimere emozioni attraverso il canto; Conoscere le tradizioni della cultura di appartenenza Obiettivi Formativi: Sperimentare molteplici forme di espressione e comunicazione Coordinare i movimenti del corpo al ritmo musicale Esprimere sentimenti attraverso il canto Memorizzare canzoni ed educare al canto corale Sviluppare sensibilità verso la musica Riconoscere il valore di alcuni eventi religiosi PERCORSO METODOLOGICO I bambini imparano le canzoni e alcune poesie e le drammatizzano. Registriamo i testi e le musiche (che riascoltiamo in diversi momenti della giornata scolastica) per memorizzarli e comprenderli. Tutti i bambini sono incoraggiati a partecipare e si invitano i più grandi ad affiancare quelli meno autonomi e più timidi. Prepariamo l atmosfera natalizia addobbando la scuola e, concludiamo con un momento di festa durante il quale i bambini daranno prova di ciò che hanno imparato alla presenza dei genitori.

9 TEMPI Dicembre Destinatari: 4-5 anni Risorse umane: Di Sante Marolli A., Aiello F., Caira A., Cianni L., Vito G., Pignataro A.

10 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALTO SCALO PROGETTO: Potenziamento della Lingua Inglese PREMESSA: In tutto il mondo l inglese è la lingua di comunicazione che supera ogni barriera; sempre più persone hanno necessità di conoscere e usare l inglese per studio o per lavoro. Essere in grado di documentare la propria competenza in questa lingua significa accedere ad un mondo più grande. Il XXI secolo è testimone di comunicazione avanzata via computer ( , internet,) e telefonia satellitare e il denominatore comune di queste innovazioni è l inglese parlato. DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: Corso di Potenziamento con possibilità di conseguire la Certificazione TRINITY COLLEGE OF LONDON (Trinity College London è un Examinations Board (Ente Certificatore) Britannico fondato nel 1870 patrocinato da Sua Altezza Reale il Duca di Kent. Il Trinity College London, con cui il Ministero della Pubblica Istruzione ha stipulato una convenzione, certifica i livelli di competenza della lingua inglese, rilasciando certificati riconosciuti a livello internazionale che arricchiscono il proprio curriculum personale per un migliore inserimento nel mondo del lavoro. RESPONSABILE DEL PROGETTO: Docenti Lingua Inglese Istituto Comprensivo - Scuola Primaria OBIETTIVI: Ampliare le abilità di comunicazione interpersonale in inglese; Interagire in brevi scambi dialogici ; Eseguire indicazioni e istruzioni; DESTINATARI: Gruppi di alunni delle classi quarte e quinte. METODOLOGIA: Cooperative Learning Didattica laboratoriale Lezione frontale Simulazione/Role playing Suoni e brevi registrazioni audio, brevi filmati, mappe concettuali, riproduzioni di schermate LIM e loro modificazioni

11 Le metodologie didattiche uniranno teoria e pratica per facilitare l apprendimento e la conversazione. Durata: 40 ore (eventuale sessione di esame nel mese di maggio). Responsabili del progetto Mazza Anna D Alessandro Rosina Ferraro Teresina

12 ANNO SCOLASTICO PROGETTO RECUPERO/POTENZIAMENTO PREPARIAMOCI PER LE PROVE INVALSI PREMESSA Da qualche tempo a questa parte, seguendo una tendenza affermatasi in altri Paesi, anche in Italia si è fatta strada l esigenza di affiancare alla valutazione degli alunni, tradizionalmente effettuata dai docenti di classe, una forma di valutazione esterna appannaggio di un Ente di Valutazione Nazionale, l INDIRE che, attraverso il Progetto Pilota prima, e l Invalsi poi, coinvolge classi campione per effettuare una valutazione sui livelli di apprendimento su tutto il territorio nazionale. Le prove INVALSI hanno lo scopo di rilevare le competenze degli alunni in due aree chiave, l italiano e la matematica in un determinato periodo dell anno che generalmente cade nel secondo quadrimestre e destinate alle classi ponte quali la seconda e la quinta della scuola primaria. MOTIVAZIONE DEL PROGETTO I docenti, proponendo questo progetto, intendono attuare un percorso di preparazione degli alunni alla tipologia di prova implementata e somministrata in campo nazionale. Non tutti gli alunni riescono ad affrontare tali prove con prontezza e serenità rispettando le procedure ed i tempi stabiliti. In tal modo si cercherà di calibrare gli interventi educativi in vista di un corretto svolgimento delle prove in modo da stabilire una corrispondenza reale tra le due tipologie di valutazione (interna ed esterna). Il progetto si propone di potenziare, a livello concettuale e cognitivo, capacità critiche, riflessive, logiche inferenziali e del pensiero divergente al fine di mettere in grado l alunno di eseguire un attività in piena autonomia ed entro un tempo stabilito. FINALITA - Potenziare gli apprendimenti degli alunni delle classi destinatarie del progetto. - Promuovere una più sentita socializzazione nella vita comunitaria scolastica; - Consolidare le competenze e le abilità di base; - Innalzare il tasso di successo scolastico.

13 OBIETTIVI - Fornire agli studenti strumenti cognitivi e capacità di valutazione sufficienti per essere in grado di distinguere, tra le varie risposte fornite, quella più adeguata e probabile in piena autonomia. - Migliorare la capacità di attenzione e concentrazione. - Potenziare lo sviluppo delle abilità di ascoltare, comunicare, leggere, comprendere e decodificare. - Rafforzare le capacità logiche. - Programmare in modo corretto le fasi di un lavoro. COMPETENZE Area linguistica - Sviluppare le capacità di: 1. Strutturare il linguaggio al fine di servirsene per i vari scopi comunicativi in vari contesti; 2. Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo; 3. Analizzare e riflettere sulle varie tipologie testuali e sulle strutture linguistiche. Area logico-matematica - Sviluppare le capacità di: 1. Utilizzare la matematica come strumento di pensiero; 2. Interiorizzare e concettualizzare le conoscenze matematiche; 3. Applicare le conoscenze matematiche in contesti reali. METODOLOGIA Saranno somministrate prove strutturate. I quesiti presentati saranno formulati usando testi, figure, immagini, tabelle e grafici. Saranno inoltre utilizzati quesiti a risposta chiusa e a risposta aperta e schede di approfondimento per l approccio ai concetti più complicati, attraverso la sistematica e progressiva valutazione della competenza di lettura (strumentale e inferenziale), comprensione, interpretazione, riflessione e valutazione del testo scritto e delle conoscenze e competenze grammaticali, che sono alla base della padronanza linguistica. La stessa metodologia sarà applicata per le esercitazioni di matematica che saranno volte ad approfondire le conoscenze e le abilità matematiche acquisite dagli studenti riguardo i contenuti matematici e i processi logici specifici della disciplina (oggetti matematici, proprietà, strutture) e nel padroneggiare diverse forme di rappresentazione e sapere passare da una all'altra (verbale, scritta, simbolica, grafica) Sono previste esercitazioni di gruppo e qualora necessitasse individuali, test guidati, test con autovalutazione, simulazione delle prove d esame, lezione frontale, cooperative learning.

14 Attraverso tali procedure si renderanno comprensibili le diverse sotto-competenze relative ai processi messi in atto dagli studenti nella risoluzione dei compiti richiesti in modo da sviluppare tutti gli ambiti di apprendimento. STRUMENTI E MEZZI Schede strutturate e non Esercitazioni finalizzate Fotocopie - Laboratorio informatico VERIFICA E VALUTAZIONE Somministrazione di prove specifiche strutturate sul modello INVALSI conclusione del progetto. Valutazione oggettiva dei quesiti. durante il corso e a TEMPI Scuola Primaria Settimo: 20 ore per ciascuna classe con incontri di 2 ore a cadenza settimanale in orario extracurricolare. (10 ore percorso lingua italiana 10 ore percorso matematica) Scuola Primaria Scalo: 20 ore per ciascuna classe con incontri di 2 ore a cadenza settimanale in orario extracurricolare. (10 ore percorso lingua italiana 10 ore percorso matematica) Scuola Secondaria: 20 ore per ciascuna classe con incontri di 2 ore a cadenza settimanale in orario extracurricolare. (10 ore percorso lingua italiana 10 ore percorso matematica) DESTINATARI Alunni della classe seconda e quinta della Scuola Primaria dei Plessi Scalo e Settimo. Alunni della classi prima e terza Scuola Secondaria I grado. DISCIPLINE E DOCENTI COINVOLTI PLESSO PRIMARIA SETTIMO PRIMARIA SCALO SECONDARIA I GRADO CLASSI PRIME TERZE SECONDE QUINTE ITALIANO MATEMATICA ITALIANO MATEMATICA ITALIANO MATEMATICA GIACINTO RITA FERRARO TERESINA ANSELMO MARIA VASSALLO PALEOLOGO IDA VELARDI ANNA BISIGNANO ANNUNZIATA MEDAGLIA ANGELA M. MEDAGLIA ANGELA M. DOCENTI DISCIPLINA DOCENTI DISCIPLINA DOCENTI DISCIPLINA DOCENTI DISCIPLINA

15 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALTO SCALO ANNO SCOLASTICO (SCUOLA PRIMARIA) PROGETTO RECUPERO FINALITA GENERALI 1. Stimolare gli alunni ad una maggiore motivazione allo studio 2. Offrire l opportunità agli alunni di recuperare alcune abilità di tipo disciplinare 3. Innalzare il tasso di successo scolastico DESTINATARI Gruppi di alunni delle classi 2-3 della scuola Primaria ( Alunni con svantaggio e alunni stranieri) DISCIPLINE COINVOLTE Italiano OBIETTIVI EDUCATIVI E COGNITIVI 1. Approfondimento delle conoscenze e potenziamento delle abilità; 2. Migliorare le capacità di attenzione e di concentrazione 3. Riflettere sul proprio metodo di studio e migliorarlo.

16 TEMPI DI ATTUAZIONE Secondo quadrimestre (Febbraio/aprile 2013) STRUMENTI/MEZZI Schede strutturate e non, in relazione ai bisogni degli alunni; Uso della LIM; Letture scelte dall insegnante. SPAZI Aule della scuola Primaria METODOLOGIA Lezione frontale, lavori individuali e di gruppo, attività di riflessione relativa alle abilità da recuperare VERIFICA E VALUTAZIONE Osservazione continua dell atteggiamento dell alunno nei confronti delle attività di recupero svolte. Prove di tipo formativo DOCENTI: I docenti delle classi di appartenenza degli alunni.

17 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALTO SCALO ANNO SCOLASTICO VIA VILLAGGIO, 1 PROGETTO ISTRUZIONE DOMICILIARE A CASA COME A SCUOLA DOCENTI INCARICATI: RIZZUTI MARIA LUISA MAZZA ANNA

18 Identificazione del problema: (Alunna affetta da grave patologia che ne impedisce la frequenza della scuola). l diritto all istruzione è un diritto pieno ed esigibile, costituzionalmente sancito, per coloro che sono temporaneamente impediti a frequentare la scuola per motivi di natura sanitaria. L ID non è altro che la scuola che va a casa. La scuola a domicilio ha quindi come finalità il raggiungimento del benessere globale dell alunno, dove benessere significa metterlo in condizione di avere successo, evitando che interruzioni ripetute dalla scuola si trasformino in abbandono e ripetenze. Il principio orientativo è che l alunna possa ritornare al più presto nel suo contesto di vita quotidiana ed integrare la sua esperienza di malattia nel suo percorso evolutivo. Il docente svolgerà un ruolo mediazione tra malattia e benessere ma soprattutto avrà una funzione di ascolto,flessibilità e adattabilità continue tali da facilitare il passaggio da un approccio all altro. Si tratta quindi di mettere in atto strategie per ottenere risultati sia sotto il profilo didattico-curricolare, sia sul piano della qualità della vita dell alunno. Destinatario: Alunna Classe II Normativa di riferimento: Legge. n. 440/97 Operatori: Docenti dell'plesso di provenienza dell alunna. Durata: 4 ore settimanali. Illustrazione del progetto: aspetti organizzativi: Un percorso di insegnamento apprendimento seguito dall insegnante A (Rizzuti Maria Luisa) che curerà l area linguistica e l area logico-matematica in orario aggiuntivo a quello di servizio; Un percorso seguito dall insegnante B (Mazza Anna) che curerà l area antropologica in orario aggiuntivo a quello di servizio e un ora di Lingua Inglese non retribuita.

19 Nello specifico: Le due insegnanti si alterneranno nella distribuzione oraria della settimana: Giorno (Martedì) Ins. B Giorno (Giovedì) Ins. A Giorno Venerdì Ins. B Giorno (Sabato) Ins. A ore 9.30/10.30 Inglese (non retribuita) ore 9.00/11.00 Italiano ore 10.30/11.30 Storia/Geografia ore 10.30/11.30 Matematica Finalità: Intervenire per rimuovere ostacoli che impediscono la fruizione di attività educative di competenza specifica della scuola; Garantire contestualmente il diritto allo studio e il diritto alla salute; Garantire il diritto allo studio dell alunna ospedalizzata. Obiettivi generali: Limitare il disagio e l isolamento sociale dovuto allo stato di salute con proposte educative mirate. Soddisfare il bisogno di apprendere, conoscere e comunicare. Agevolare la prospettiva del reinserimento del percorso scolastico. Curare l aspetto socializzante della scuola. Obiettivi educativi e didattici: Sviluppare abilità cognitive e conoscenze disciplinari fissati dai vigenti Programmi Ministeriali compatibilmente con lo stato di salute dell alunna. Favorire lo sviluppo della creatività. Soddisfare l esigenza del Fare dell alunna. Evitare l interruzione del processo di apprendimento. Incrementare la motivazione allo studio attraverso le potenzialità delle nuove tecnologie.

20 Obiettivi specifici di apprendimento: Per ciò che riguarda gli obiettivi formativi, gli obiettivi specifici di apprendimento e le attività relative alle varie discipline, si precisa che si farà riferimento al Piano di lavoro annuale della classe di appartenenza sottolineando che verrà privilegiata l acquisizione di competenze relativamente alla lingua italiana e alla matematica. Tutti gli interventi didattico educativi saranno: Coerenti con le scelte culturali del POF Mirate ai saperi essenziali per conseguire in particolare le competenze richieste. Verranno privilegiati apprendimenti relativi alle aree disciplinari pur con valutazioni e verifiche nelle singole materie. Contenuti: Argomenti di studio legati alle singole programmazioni. Attività: Lezioni frontali Metodologie educative: Elasticità oraria Flessibilità degli obiettivi e svolgimento di U.D. a breve termine Potenziamento delle capacità espressive anche con l uso di diversi codici comunicativi. Strumenti: Oltre ai libri di testo in adozione, all alunna verranno consegnati gli eventuali sussidi cartacei forniti ai compagni della classe. Sarà dato ampio spazio alla conversazione, all ascolto, nonché all uso di software specifici per lo sviluppo delle capacità logiche.

21 Verifica e valutazione: In itinere e finale- Schede di rilevazione delle competenze. Scelta multipla, Vero o Falso, Collegamento di immagini a parole, Completamento, Riordino di sequenze, Produzione di semplici frasi, Racconto di esperienze vissute. Data 30/10/2012 Firma delle docenti: Rizzuti Maria Luisa Mazza Anna Il Dirigente Scolastico Dott.ssa Maria Franca Faragasso

22 ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALTO SCALO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO RECUPERO DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DOCENTI: Prof.sse Fortino Raffaella - Giraldi Patrizia - De Luca Francesca Finalità Le prove d ingresso e di livello somministrate all inizio dell anno scolastico per individuare la situazione di partenza degli,alunni delle classi prime e seconde, hanno messo in evidenza che, nell area linguistico-espressiva, alcuni di essi non hanno ancora raggiunto le abilità e competenze necessarie per continuare il percorso scolastico in maniera proficua, limitando il tasso di insuccesso. Pertanto, al fine di ottimizzare l intervento didattico e favorire il processo di apprendimento, si ritiene opportuno predisporre un piano di lavoro con obiettivi minimi e contenuti semplificati. Obiettivi minimi conoscere ed utilizzare le principali regole ortografiche e morfosintattiche: ( la lettera h, le consonanti doppie, è verbo, e congiunzione, l accento, l apostrofo, la divisione in sillabe, l' uso dei tempi verbali) acquisire riconoscere ed utilizzare le strutture linguistiche morfo-sintattiche studiate migliorare la capacità di lettura; comprendere un testo in maniera globale e analitica migliorare la capacità espositiva; produrre testi più chiari e corretti, anche se in forma elementare; stimolare la motivazione ad apprendere; favorire l acquisizione di un metodo di lavoro progressivamente più autonomo. Traguardi delle competenze l alunno sa: utilizzare le principali regole della grammatica; leggere e comprendere testi semplici; produrre testi orali e scritti corretti, anche se elementari

23 Metodologia Insegnamento individualizzato con semplificazione dei contenuti Lettura di testi diversi; Schede guida per l'analisi e la comprensione globale e analitica; Riflessione sulla lingua con esercizi strutturati; Produzione orale e scritta di testi strutturati o liberi Correzione guidata e autonoma finalizzata alla riflessione sugli errori Contenuti e attività Esercitazioni ortografiche Esercitazioni grammaticali di morfo-sintassi per la ripetizione e la fissazione delle strutture linguistiche studiate Esercitazioni di lettura Schede guida per l'analisi e comprensione Rielaborazione dei testi Scalette guida per la composizione scritta e l'esposizione orale di semplici testi Conversazioni Mezzi e strumenti Le attività si svolgeranno facendo uso di sussidi strutturati e non strutturati: libri di testo, schede operative, vocabolario, esercizi interattivi con la Lim e tutto il materiale che l insegnante riuscirà a reperire. Tempi gennaio 4 febbraio 2013 (Presumibilmente) Modalità organizzative Gli alunni delle classi prime e seconde, individuati dai rispettivi insegnanti di Lettere, verranno divisi in tre gruppi sulla base dei loro bisogni. Ogni gruppo parteciperà ad un incontro settimanale della durata di due ore ( dalle ore 15,00 alle ore 17.00) per cinque settimane per un totale di 30 ore. Verifica Prove strutturate, semi-strutturate e libere, orali e scritte. Saranno valutati l impegno, l interesse, la partecipazione e i progressi rispetto alla situazione di partenza.

24 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALTO SCALO PROGETTO: Potenziamento della Lingua Inglese DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: Corso di Potenziamento con possibilità di conseguire la Certificazione TRINITY COLLEGE OF LONDON (Trinity College London è un Examinations Board (Ente Certificatore) Britannico fondato nel 1870 patrocinato da Sua Altezza Reale il Duca di Kent. RESPONSABILE DEL PROGETTO: Docenti Lingua Inglese Scuola Secondaria di I grado Obiettivi: consolidare le conoscenze grammaticali ; apprendere un vocabolario appropriato; acquisire abilità nel comunicare con successo, migliorando le proprie capacità nella conversazione; acquisire abilità nello scrivere. Destinatari: alunni della classe seconda (sez. A- B-C) Metodologia: Le metodologie didattiche uniranno teoria e pratica per facilitare l apprendimento e facilitare la conversazione. E previsto l utilizzo di strumenti multi- mediale, simulazioni, esercitazioni e role playing. Durata: 50 ore (eventuale sessione di esame nel mese di maggio) Responsabili del progetto Gangale Carmen Eleanor Sorrentino Maria Rosaria

25 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALTO SCALO PROGETTO Francese «Je m amuse et j étudie avec le français» Obiettivi generali Favorire affezione per la scuola, imparare con piacevolezza Stimolare l interesse per lo studio delle lingue in particolare del francese e svilupparne la motivazione Consolidare le competenze linguistico comunicative Obiettivi specifici/ Risultati attesi Migliorare la comprensione di testi scritti Saper leggere in modo espressivo Sviluppare la produzione orale (saper porre domande, essere in grado di rispondervi) Migliorare le capacità relazionali Destinatari Il corso, della durata di venti ore, sarà rivolto a un gruppo di alunni di prima classe, secondo i loro bisogni e i loro interessi. Avranno la priorità gli alunni non impegnati in altri progetti. Avrà inizio, presumibilmente, nel mese di dicembre e sarà articolato in dieci incontri con un rientro settimanale di due ore. Attività Leggere e comprendere semplici dialoghi Formulare domande a partire dal testo proposto Rispondere a semplici domande riguardanti il testo Memorizzare e drammatizzare i dialoghi Giochi linguistici

26 Metodologia Dopo la comprensione del testo e relativa exploitation,gli alunni saranno guidati alla lettura espressiva di alcune scene e alla loro drammatizzazione. L'animazione teatrale sarà l attività principale, perché utilizza il mezzo ludico-espressivo che genera situazioni di gratificazione e di emozione positiva e, conseguentemente, ne promuove interesse e motivazione. Mezzi Libri di testo, libri vari CD contenente i dialoghi Valutazione Gli alunni saranno sottoposti a una verifica iniziale e una finale, che riguarderanno le competenze linguistico-comunicative, relative a quanto presentato. Saranno valutate altresì i miglioramenti nei comportamenti assunti a scuola e a casa, relativamente all impegno profuso nello studio e alla qualità dei rapporti interpersonali. Docente Fortunato Rosanna

27 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTALTO SCALO PROGETTO PER LA VALORIZZAZIONE DELLA CULTURA MUSICALE FAR MUSICA INSIEME Docente referente: Prof. Marino Flaminio BISOGNI DEGLI ALUNNI Il progetto nasce dall esigenza, colta nella comunità degli alunni, di far emergere, perfezionare ed arricchire la cultura musicale e perfezionare le abilità tecniche ed espressive con l uso degli strumenti musicali. Partendo da tale premessa il progetto si prefigge anche lo scopo di preparare opportunamente il gruppo strumentale per la partecipazione ad eventuali concorsi o premi, organizzati sia a livello regionale che nazionale e a manifestazioni interne ed esterne alla Scuola. FINALITA Valorizzazione della cultura musicale; sviluppo armonico della personalità attraverso la conoscenza e l'utilizzo dei materiali sonori e dei diversi linguaggi espressivi; promozione della crescita culturale e di stimoli educativi. OBIETTIVI Rispetto delle regole e dei ruoli nel gruppo; Potenziamento delle capacità di ascolto; Maturazione di abilità cognitive attraverso l'uso di codici musicali; Capacità di lettura critica ed estetica dei messaggi musicali; Sviluppo del senso critico. Affinamento della pratica strumentale individuale e di gruppo METODOLOGIA Insegnamento individualizzato per l'acquisizione delle abilità tecniche di base. Lavoro di gruppo per raggiungere l'unità sonora, le abilità espressive, un buon andamento ritmico, la capacità di collaborare. TEMPI Il progetto sarà articolato in 2 ore settimanali per un totale di 20 ore da programmare STRUMENTI, MATERIALI E SUSSIDI Flauti, claviette, tastiera elettrica, pianoforte, tromba, clarinetto, violoncello registratore, leggii, spartiti.

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA MOTIVAZIONE E importante la capacità della scuola di accogliere i bambini in modo personalizzato e di farsi carico delle emozioni loro e dei loro familiari nei delicati momenti dei

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

P.E.I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

P.E.I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Secondaria Statale di Primo Grado Via Pascoli Via G. Pascoli, 256-47521 CESENA (FC) Tel. 0547/611134 - Fax. 0547/29163 E-mail: fomm03100p@istruzione.it - www.viapascolicesena.gov.it P.E.I. PIANO

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA A.S. 2012/13 PROGETTO CONTINUITÀ - ACCOGLIENZA RITROVARSI INSIEME PER FARE E GIOCARE

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Prime. Disciplina: ITALIANO

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Prime. Disciplina: ITALIANO DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Prime Disciplina: ITALIANO Profilo d uscita Leggere per il piacere di leggere, per divertirsi, per informarsi, per acquisire

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI Anno scolastico 2012/2013 I collegamenti con le Indicazioni Nazionali e il Piano dell'offerta Formativa La programmazione dell anno scolastico 2012/2013

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA sviluppare il senso dell'identità personale è consapevole delle differenze e sa averne rispetto conoscere le regole di convivenza e saperle rispettare Il bambino vive positivamente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROGETTO

Dettagli

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Progetto Accoglienza 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! P R E M E S S A I primi giorni di scuola segnano

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016

Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016 Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016 Funzione Strumentale Giovanna Perrella Un po di normativa I perché della Continuità L itinerario scolastico dai tre ai quattordici anni, pur abbracciando

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 ORTONA PROGETTO DI LINGUA INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 ORTONA PROGETTO DI LINGUA INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO 1 ORTONA PROGETTO DI LINGUA INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA 1 In una realtà multiculturale come la nostra, l apprendimento precoce di una lingua straniera, qual è l inglese, è ormai fondamentale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S. CANEVARI Anno Scolastico 2013-2014. SCUOLA DELL'INFANZIA G. L. RADICE PILA A e PILA B SAN MARTINO PROGETTO CURRICOLARE

ISTITUTO COMPRENSIVO S. CANEVARI Anno Scolastico 2013-2014. SCUOLA DELL'INFANZIA G. L. RADICE PILA A e PILA B SAN MARTINO PROGETTO CURRICOLARE ISTITUTO COMPRENSIVO S. CANEVARI Anno Scolastico 2013-2014 SCUOLA DELL'INFANZIA G. L. RADICE PILA A e PILA B SAN MARTINO PROGETTO CURRICOLARE LA STORIA SIAMO NOI PREMESSA Nel continuo divenire del processo

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Protocollo Accoglienza Scuola Primaria

Protocollo Accoglienza Scuola Primaria Istituto Comprensivo Enrico Fermi Macerata Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di I grado C.T.P. E.d.A. C.R.T. Sede Centrale e Amministrativa: 62100 Macerata, Via Pace 2 Tel. 0733/ 237959

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERBICARO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Via Molinelli VERBICARO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA COORDINATA CLASSE II A ANNO SCOLASTICO 2013/2014 La programmazione del

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015 Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO Anno Scolastico 2014-2015 in uscita da tutti gli ordini di scuola PREMESSA 1) Riteniamo la COMPRENSIONE trasversale

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE CON PINOCCHIO PER IMPARARE A STARE INSIEME PRODOTTI LIBRICINO COMPETENZE CHIAVE/COMPETENZE CULTURALI EVIDENZE OSSERVABILI Italiano -Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Le risorse destinate all IC Ponte di Nona Vecchio consistono in Euro 5.691,03. Euro 35,00/h per i docenti fuori orario scolastico per alunni e docenti

Le risorse destinate all IC Ponte di Nona Vecchio consistono in Euro 5.691,03. Euro 35,00/h per i docenti fuori orario scolastico per alunni e docenti \Progetto Area a rischio e lotta alla dispersione scolastica A.S. 2013/14 Le risorse destinate all IC Ponte di Nona Vecchio consistono in Euro 5.691,03 I Criteri adottati nell utilizzo delle risorse sono:

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI

ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI Il Centro Territoriale Permanente (CTP) per la formazione e l istruzione in età adulta, operativo presso il nostro istituto si pone i seguenti obiettivi: affronta il tema della

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

VALUTAZIONI RELATIVE ALL ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI E DEI LIVELLI DI PARTENZA

VALUTAZIONI RELATIVE ALL ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI E DEI LIVELLI DI PARTENZA 48 VALUTAZIONI RELATIVE ALL ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI E DEI LIVELLI DI PARTENZA Nel presente documento vengono elencate le competenze d ingresso relative alla classe prima in continuità con la scuola

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/2016

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE I.C. 10 BORGO ROMA EST VERONA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/2016 Scuola dell infanzia statale APORTI Via Volturno, 20 Telefono 045 500114

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

Scuola dell Infanzia San Francesco

Scuola dell Infanzia San Francesco Scuola dell Infanzia San Francesco 1 PROGETTO ACCOGLIENZA FINALITA L obiettivo del progetto è di rendere piacevole l ingresso o il ritorno a scuola dei bambini, superare quindi serenamente la paura della

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA SCUOLA DELL INFANZIA - I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA PRIMARIA - LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA I GRADO - LINGUE COMUNITARIE - LINGUA

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

SCUOLA INFANZIA STATALE MUSILE DI PIAVE Il Bosco Parlante. PROGETTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2015/16

SCUOLA INFANZIA STATALE MUSILE DI PIAVE Il Bosco Parlante. PROGETTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2015/16 SCUOLA INFANZIA STATALE MUSILE DI PIAVE Il Bosco Parlante PROGETTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2015/16 Inserimento nel nuovo ambiente scolastico e riadattamento. Presentazione Scuola Infanzia Iniziativa

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO:

PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO: Anno scolastico 2012/2013 SCUOLA PRIMARIA Classi: terze, quarte e quinte. PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO: PREMESSA Le insegnanti delle classi terze, quarte e quinte propongono il seguente progetto di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA C. FERRINI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA C. FERRINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA C. FERRINI Premessa. L autonomia scolastica prevede che sia di competenza delle Scuole elaborare la programmazione curricolare attraverso la quale vengono individuate

Dettagli

PROGETTAZIONE educativo-didattica

PROGETTAZIONE educativo-didattica PROGETTAZIONE educativo-didattica A.S. 2014/15 Premessa Motivazione del Percorso Formativo Il bambino nella scuola dell infanzia, sviluppa la propria identità personale e il senso di appartenenza alla

Dettagli

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ;

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; 1. Orario 24 ore settimanali 2. Orario 27 ore settimanali 3. Orario

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di MUSICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza Fine classe quinta COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

Progetto Ambiente VIVERE LA NATURA

Progetto Ambiente VIVERE LA NATURA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO SCUOLA DELL INFANZIA Plesso di COLLETORNESE Progetto Natale IL DONO Progetto Ambiente VIVERE LA NATURA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO SCUOLA DELL INFANZIA Plesso di COLLETORNESE

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI Anno scolastico 2012/2013 I collegamenti con le Indicazioni Nazionali e il Piano dell'offerta Formativa La programmazione dell anno scolastico 2012/2013

Dettagli

Mappa delle attività e dei contenuti

Mappa delle attività e dei contenuti Prima Obiettivi di apprendimento ipotizzati Discipline Obiettivi di apprendimento * IT 1ᵃ - 2ᵃ 3ᵃ - 5ᵃ 6ᵃ - 7ᵃ 9ᵃ - 13ᵃ 14ᵃ - 15ᵃ 18ᵃ - 19ᵃ ING 1ᵃ - 3ᵃ 5ᵃ STO 3ᵃ - 4ᵃ 9ᵃ GEO 1ᵃ SC 1ᵃ - 4ᵃ 8ᵃ - 10ᵃ 10 b

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

per la classe/le classi

per la classe/le classi DIREZIONE DIDATTICA V CIRCOLO CHIOGGIA SCUOLA PRIMARIA B. CACCIN-DON MILANI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 CURRICOLO per la classe/le classi Docenti: Isabella Biasiato Elisabetta Boscolo Renato Oselladore 1^

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

SOMMARIO. Destinatario pag. 3. Normativa di riferimento pag. 3. Finalità del progetto pag. 3. Obiettivi generali pag. 3

SOMMARIO. Destinatario pag. 3. Normativa di riferimento pag. 3. Finalità del progetto pag. 3. Obiettivi generali pag. 3 1 SOMMARIO Destinatario pag. 3 Normativa di riferimento pag. 3 Finalità del progetto pag. 3 Obiettivi generali pag. 3 Obiettivi educative e didattici pag. 3 Obiettivi specifici di apprendimento pag. 4

Dettagli

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 ITALIANO VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente in modo significativo. - Leggere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

PROGETTO EXTRACURRICOLARE - SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO EXTRACURRICOLARE - SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO EXTRACURRICOLARE - SCUOLA DELL INFANZIA TITOLO: UNA SCUOLA IN CAMMINNO Il valore di una scuola che educa istruendo, che valorizza la centralità della persona nella sua unicità e originalità, che

Dettagli

Istituto Comprensivo San Vito Scuola Primaria PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE CLASSI V A - B

Istituto Comprensivo San Vito Scuola Primaria PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE CLASSI V A - B Istituto Comprensivo San Vito Scuola Primaria PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE CLASSI V A - B ANNO SCOLASTICO 2013-2014 Premessa La progettazione fa riferimento alle Indicazioni nazionali per il Curricolo

Dettagli

CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE

CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE Istituto Comprensivo di Buja CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE Scuola dell infanzia Dati identificativi Scuola primaria di Scuola secondaria di primo grado Campo/i: I DISCORSI E LE PAROLE Area: Disciplina/e:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA PROGETTAZIONE FORMATIVA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA DELL INFANZIA CON GESU A SCUOLA DI FELICITA Insegnanti: Sonia Colarullo scuola

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 Premessa Alla luce dei risultati delle prove Invalsi, tenuto conto dell

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI PROGETTO L2

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI PROGETTO L2 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI Denominazione del progetto/laboratorio some more PROGETTO L2 Responsabile di progetto D Aniello Michelina Gruppo di progetto

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO Denominazione Conto e confronto Prodotti Tavola pitagorica ad immagini Competenze mirate Comuni/cittadinanza Competenze Chiave Europee La competenza

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI U.A. ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B TITOLO DOCENTI OBIETTIVI FORMATIVI DISCIPLINE COINVOLTE STRUMENTI LE NOSTRE PAROLE VALGONO Ascoltare le comunicazioni

Dettagli

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI METODOLOGIE E STRATEGIE

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE FINALITA Acquisire una competenza plurilingue e pluriculturale. Esercitare

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli