Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4"

Transcript

1 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1

2 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4 Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 TITOLO II:INCENTIVO PER L ATTIVITÀ DI PROGETTAZIONE 5 Art. 3: Ripartizione dell incentivo per fasi di progetto 5 Art. 4: Ripartizione dell incentivo 6 Art. 5: Criteri per il riconoscimento dell incentivo per l attività di progettazione 8 TITOLO III:INCENTIVO PER L ATTIVITÀ DI DIREZIONE DEI LAVORI E ALTA SORVEGLIANZA 8 Art. 6: Incentivo per l attività di Direzione dei Lavori e Alta Sorveglianza 8 Art. 7: Criteri di erogazione dell incentivo per l attività di Direzione dei Lavori e Alta Sorveglianza 15 TITOLO IV: INCENTIVO PER L ATTIVITÀ DI COLLAUDO 15 Art. 8: Incentivo totale per l attività di collaudo 15 TITOLO V: MODALITÀ APPLICATIVE GENERALI 16 2

3 TITOLO I: PREMESSA Il presente Regolamento è volto a disciplinare le modalità di ripartizione ed erogazione dell incentivo da destinare alla progettazione, direzione lavori e collaudi di lavori di competenza ANAS, nel rispetto: dell art. 18 l. 109/94; dell art. 92 D. lgs. 163/06, che, in modifica dell art. 18 l. 109/94, ha elevato l aliquota massima dell incentivo dall 1,5% al 2%, comprendendo in tale aumento anche gli oneri previdenziali ed assistenziali a carico del prestatore d opera e del datore di lavoro; dell art. 92, comma 5 D. lgs. 163/06 e s.m.i., ai sensi del quale:<<una somma non superiore al due per cento dell importo posto a base di gara di un opera o di un lavoro, comprensiva anche degli oneri previdenziali ed assistenziali a carico dell amministrazione, a valere direttamente sugli stanziamenti di cui all art. 93, comma 7, è ripartita, per ogni singola opera o lavoro, con le modalità e i criteri previsti in sede di contrattazione decentrata e assunti in un regolamento adottato dall amministrazione, tra il responsabile del procedimento e gli incaricati della redazione del progetto, del piano di sicurezza, della direzione dei lavori, del collaudo, nonché tra i loro collaboratori. La percentuale effettiva, nel limite massimo del due per cento, è stabilita dal regolamento in rapporto all'entità e alla complessità dell'opera da realizzare. La ripartizione tiene conto delle responsabilità professionali connesse alle specifiche prestazioni da svolgere. La corresponsione dell'incentivo è disposta dal dirigente preposto alla struttura competente, previo accertamento positivo delle specifiche attività svolte dai predetti dipendenti; limitatamente alle attività di progettazione, l'incentivo corrisposto al singolo dipendente non può superare l'importo del rispettivo trattamento economico complessivo annuo lordo; le quote parti dell'incentivo corrispondenti a prestazioni non svolte dai medesimi dipendenti, in quanto affidate a personale esterno all'organico dell'amministrazione medesima, ovvero prive del predetto accertamento, costituiscono economie. I soggetti di cui all'articolo 32, comma 1, lettere b) e c), possono adottare con proprio provvedimento analoghi criteri>>; dell art. 61, comma 8 l. 133/08, che, con decorrenza 01/01/09, ha modificato l art. 92, comma 5 D. lgs. 163/06, destinando un aliquota massima dello 0,5% alle finalità di cui alla stessa disposizione ed un aliquota dell 1,5% ad apposito capitolo dell entrata del bilancio dello Stato; del comma 7 bis dell 61, L. 133/2008 -introdotto dall art. 18, comma 4 sexies L. 2/2009 che ha riproposto il contenuto del precedente comma 8 del medesimo art. 61, abrogato, a sua volta, dall art. 1, comma 10 quater L. 201/2008, prevedendo che <<A decorrere dal 1 gennaio 2009, la percentuale prevista dall'articolo 92, comma 5, del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni, e' destinata nella misura dello 0,5 per cento alle finalità di cui alla medesima disposizione e, nella misura dell'1,5 per cento, e' versata ad apposito capitolo dell'entrata del bilancio dello Stato per essere destinata al fondo di cui al comma 17 del presente articolo>>; dell art. 35, comma 3, l. 183/2010, in virtù del quale la quota massima dell incentivo da erogare è stata riportata al 2%; del D.P.R. 207/2010; dell art. 6 del Regolamento di Anas S.p.A. per il conferimento degli incarichi di collaudo. 3

4 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo L attribuzione dell incentivo è finalizzata alla valorizzazione delle professionalità interne. Gli incarichi vengono attribuiti con specifiche Disposizioni / Ordini di Servizio / Deleghe, nel rispetto dei principi di rotazione e trasparenza. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività A decorrere dalla data di approvazione del presente Regolamento, l incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. verrà suddiviso tra le attività di progettazione, direzione lavori e collaudo secondo le aliquote stabilite per le diverse classi di importo degli interventi riportate nella tabella 1 seguente. A decorrere dalla suddetta data tutte le attività afferenti la progettazione, la direzione lavori e i collaudi soggette ad incentivo e non ancora completate sono disciplinate dal presente Regolamento, anche eventualmente per la quota parte che rimane da espletare, fermo restando che per le attività di Direzione Lavori e Collaudo avviate ed affidate in precedenza l importo da porre a base del calcolo dell incentivo è quello risultante dallo stato finale dei lavori, al lordo di eventuali ribassi e maggiorato dell importo delle eventuali riserve iscritte dall appaltatore e diverse da quelle iscritte a titolo risarcitorio. TABELLA 1 : Ripartizione Generale dell Incentivo IMPORTO LORDO LAVORI (ML TOTALE PROGETTAZIONE DIREZIONE COLLAUDO ) LAVORI da a * * * * ,50% 0,33% 0,85% 0,32% ,23% 0,28% 0,65% 0,30% ,86% 0,24% 0,36% 0,26% ,73% 0,20% 0,28% 0,25% ,73% 0,20% 0,28% Importo > fisso Importo fisso Importo fisso Importo fisso * le aliquote sono da intendersi marginali, si applicano, cioè, solo all importo eccedente il limite massimo della fascia precedente Comma 1: Importo a base del calcolo dell incentivo A) Per le attività di progettazione antecedenti il bando di gara (progetto preliminare, definitivo ed esecutivo), l importo da porre a base del calcolo dell incentivo è quello lordo dei lavori a base di appalto ed è comprensivo degli oneri della sicurezza. B) Per le attività di progettazione successive al bando di gara (progetto esecutivo ed eventualmente progetto definitivo), l importo da porre a base del calcolo dell incentivo è quello lordo posto a base di gara, così come eventualmente modificato da successivi atti aggiuntivi per varianti intervenute. 4

5 C) Per le attività di direzione lavori e alta sorveglianza l importo da porre a base del calcolo dell incentivo è quello lordo risultante dal contratto originario, al quale vanno sommati gli importi degli atti di sottomissione e di quelli aggiuntivi per varianti già intervenute. D) Per le attività di collaudo l importo da porre a base del calcolo dell incentivo è quello risultante dallo stato finale dei lavori, al lordo di eventuali ribassi e maggiorato dell importo delle eventuali riserve iscritte dall appaltatore. Comma 2: Interventi esclusi L incentivo non trova applicazione con riguardo agli interventi, di ogni tipo, riferiti a lavori il cui importo lordo sia inferiore o uguale di ,00. Per i lavori di manutenzione straordinaria il cui importo lordo sia maggiore ad ,000,00 e che non comprendano opere d arte soggette a collaudo statico od opere specialistiche, sarà esclusa la quota di incentivo relativa alla progettazione. Per i lavori di manutenzione ordinaria il cui importo lordo sia maggiore ad ,000,00 trova applicazione la quota di incentivo relativa alla direzione lavori. TITOLO II: INCENTIVO PER L ATTIVITÀ DI PROGETTAZIONE Art. 3: Ripartizione dell incentivo per fasi di progetto Gli importi di incentivo destinati alle attività di progettazione, calcolati come indicato nella precedente tabella 1, sono ripartiti tra le diverse fasi di sviluppo del livello progettuale (preliminare, definitivo, esecutivo), secondo il criterio fissato nella tabella 2, di seguito riportata. Nel caso in cui le attività con responsabilità ex lege fossero state affidate a soggetti esterni troveranno applicazione nella ripartizione dell incentivo le sole aliquote previste per il Responsabile del Procedimento e per i collaboratori (gruppi di lavoro tab.3), secondo quanto riportato nei successivi paragrafi. TABELLA 2 : Ripartizione dell Incentivo per fasi di progetto 5

6 Art. 4: Ripartizione dell incentivo Comma 1: Ripartizione dell incentivo per figure professionali coinvolte nell attività di Progettazione Ai sensi dell art. 92, comma 5, D. lgs. 163/06, per ciascuna delle fasi di progettazione di cui al precedente art. 2, l incentivo viene ripartito tra le diverse professionalità coinvolte, come indicato nella tabella 3, di seguito riportata. TABELLA 3 :Ripartizione dell incentivo per figure professionali coinvolte nelle attività di Progettazione come definite al precedente art.3, in funzione del livello di progettazione FASE DI PROGETTO FIGURE PROFESSIONALI PROGETTAZIONE Preliminare Definitivo per Preliminare Definitivo Esecutivo per appalto appalto Responsabilità individuali Responsabile del procedimento 5,00% 6,00% 7,00% 8,00% 10,00% Progettista/ i firmatario/i 31,00% 33,00% 35,00% 37,00% 38,00% Geologo/ i firmatario/i delle relazioni 3,00% 3,00% 4,00% 5,00% 3,00% Responsabile VIA/ firmatario SIA 3,00% 3,00% 3,00% 3,00% 0,00% Coordinatore della sicurezza in fase di progettazione 2,00% 3,00% 3,00% 5,00% 5,00% subtotale 1 44,00% 48,00% 52,00% 58,00% 56,00% Gruppi di lavoro Collaboratori di cui all'art.92. c.5 D.L.gs. n.163/06 e ss. mm. ii. 56,00% 52,00% 48,00% 42,00% 44,00% subtotale 2 56,00% 52,00% 48,00% 42,00% 44,00% Sommano 100,00% 100,00% 100,00% 100,00% 100,00% Comma 2: Importo a base del calcolo dell incentivo per ciascuna figura professionale L importo da porre alla base del calcolo dell incentivo dovuto a ciascuna delle figure professionali individuate nella precedente tabella 3, è quello che deriva dall applicazione delle aliquote indicate nella tabella 2 dell art.3 per lo specifico tipo di appalto e per ciascuna fase di progettazione. Il compenso, per ciascuna figura di responsabile, non può superare un tetto massimo, il cui importo sarà determinato in apposita procedura applicativa. Comma 3: Ripartizione dell incentivo in caso di Gruppi di Lavoro Rientrano nella figura di collaboratori i tecnici (laureati e non) che, pur non firmando il progetto svolgono, su disposizioni ed indicazioni dei soggetti con responsabilità, attività di redazione e/o controllo su elaborati progettuali, nonché il personale amministrativo (laureato e non) o comunque diverso da quello tecnico, che partecipa mediante contributo intellettuale e materiale alle attività del responsabile del procedimento, alla redazione del progetto, del piano di sicurezza, alla direzione dei lavori ed alla loro contabilizzazione, previa asseverazione del responsabile del procedimento. Il coinvolgimento nelle varie fasi del progetto potrà essere o, come espressamente indicato dall art. 92, comma 5, D. lgs. 163/06, di gruppo. In quest ultimo caso l importo dell incentivo deve intendersi relativo al gruppo di lavoro e viene, pertanto, suddiviso in parti uguali fra i componenti dello stesso. In ogni caso, il compenso destinato al complesso dei gruppi indicati nella precedente tabella 3 non può superare il tetto massimo di , mentre quello destinato a ciascuno dei partecipanti al singolo gruppo non può superare un tetto massimo, il cui importo sarà determinato in apposita procedura applicativa. Nel caso ripartizione di incentivo per le attività di controllo, verifica, istruttoria ed esame in contraddittorio con soggetti esterni incaricati della progettazione, gli importi risultanti dall applicazione dei coefficienti di tab.3 per i collaboratori vengono ridotti del 15% per tener conto del diverso tipo di attività svolto dai dipendenti. Detta quota di incentivo non corrisposta, costituisce economia. 6

7 Comma 4: Costituzione Gruppo di Progettazione - Ripartizione dell incentivo in caso di Gruppo di Lavoro e/o di avvicendamento di una pluralità di soggetti nello svolgimento degli incarichi Il Direttore Centrale Progettazione, previa intesa con il Responsabile del Procedimento, provvede, con propria disposizione, alla costituzione del Gruppo di Progettazione e di uno o più Gruppi di Lavoro, omogenei per tipologia di attività da svolgere, tenendo conto delle figure professionali ritenute idonee, delle attività che il tipo di intervento richiede ed operando sempre nel rispetto del principio di rotazione e trasparenza. L aliquota di cui alla tabella 3 dell art.4 del presente Regolamento Gruppi di Lavoro è percentualmente ripartita tra i diversi Gruppi di Lavoro individuati con disposizione del Direttore Centrale della DCP in funzione della complessità e delle responsabilità afferibili alle tipologie di attività da svolgere per il singolo intervento, secondo il criterio di seguito riportato: Una volta definito il numero dei Gruppi di Lavoro in funzione delle attività da svolgere, detta 100 l aliquota da attribuire ai Gruppi di Lavoro, tale aliquota sarà distribuita ai diversi Gruppi attribuendo al GdL con attività di maggior complessita e responsabilità il peso maggiore e diminuendo tale peso in ragione del 20% in modo che la somma dei pesi applicati ai gruppi dia 100. In sostanza si applicherà la seguente formula 100 X = n-1 ( ) i i=0 FORMULA 1: FORMULA PER IL CALCOLO DEI PESI DEI DIVERSI GDL Dove x è il peso del gruppo i-esimo ed n il numero dei gruppi Numero G.d.L ,2 2,2 45, , ,44 3,64 27, , , ,728 5,368 18, , , , ,0736 7, , , , , , , , , , , , , , G.d.L. n.: FIGURA 1: APPLICAZIONE DELLA FORMULA 1 PER CASI DA 1 A 6 GDL Nel caso di 3 GdL si avrà pertanto: GDL di livello 1: 39,56044% GDL di livello 2: 32,96703% GDL di livello 3: 27,47253% Per le funzioni svolte contemporaneamente da più soggetti all interno dello stesso Gruppo di Lavoro, la quota di incentivo verrà divisa in parti uguali fra tutti gli appartenenti al gruppo stesso. Se, nel corso di ogni singola fase di progettazione, più soggetti si devono avvicendare nello svolgimento degli incarichi, previo aggiornamento della disposizione di costituzione del gruppo di progettazione, la quota di incentivo viene suddivisa tra gli stessi soggetti in base all attività lavorativa effettivamente svolta e certificata dal Responsabile del Procedimento e ratificata dal Direttore Centrale Progettazione. Per gli appartenenti a gruppi di lavoro non individuabili in base agli atti, sarà cura del Responsabile del Procedimento e/o del Direttore Centrale Progettazione, predisporre l elenco dei destinatari della quota di incentivo, specificandone l attività svolta. Comma 5: Economie L incentivo non trova applicazione con riferimento alle prestazioni per le quali ANAS abbia fatto ricorso ad affidamenti a personale e/o a società esterne. Pertanto, le quote parti dell incentivo corrispondenti a prestazioni non svolte dai dipendenti, in quanto affidate a personale esterno all organico, costituiscono economie. 7

8 Comma 6: Ambito di applicazione soggettiva Ha diritto alla corresponsione dell incentivo il solo personale dipendente di ANAS che ha operato o collaborato alla fase di progettazione secondo i criteri stabiliti nel successivo art. 5. Art. 5: Criteri per il riconoscimento dell incentivo per l attività di progettazione Comma 1: Cronoprogramma Prima dell avvio di ciascuna attività che preveda l erogazione dell incentivo, il Direttore Centrale della Progettazione predispone un cronoprogramma operativo di esecuzione delle prestazioni previste, da sottoporre all approvazione della Condirezione Generale Tecnica. Tale cronoprogramma deve prevedere nel dettaglio tutte le fasi dell attività previste, fino alla pubblicazione del Bando di gara. Il rispetto puntuale del cronoprogramma, unitamente al rispetto dei criteri di cui al successivo comma 2, costituiscono condizione generale ed essenziale per il riconoscimento dell incentivo. Comma 2: Riconoscimento di acconti e saldi 1) L incentivo relativo alle fasi di progettazione preliminare e definitiva viene attribuito secondo i seguenti criteri: a) 50% all approvazione del progetto esecutivo b) 50% alla ultimazione dei lavori, purché l importo sugli stessi non abbia subito modifiche sostanziali e/o abbia comportato variazioni superiori al 20% dell importo iniziale. 2) L incentivo relativo alle fasi di progettazione esecutiva viene attribuito secondo i seguenti criteri: a) all approvazione del progetto esecutivo acconti nella misura massima del 20% b) acconti trimestrali nella misura massima del 50% dell importo progressivo maturato, purché non siano intervenute variazioni superiori al 20% dell importo iniziale. Tale acconto viene erogato a condizione che lo stato di avanzamento dei lavori in corso (LIC) rilevato alla scadenza di riferimento abbia uno scostamento non superiore al 10% rispetto al valore previsto nel crono programma contrattuale aggiornato sulla base di eventuali atti aggiuntivi. c) all ultimazione dei lavori acconti nella misura mass ima del 20% d) al collaudo saldo nella misura del 10% TITOLO III: INCENTIVO PER L ATTIVITÀ DI DIREZIONE DEI LAVORI E ALTA SORVEGLIANZA Art. 6: Incentivo per l attività di Direzione dei Lavori e Alta Sorveglianza Ai fini del riconoscimento e dell erogazione dell incentivo in relazione alle attività di Direzione dei Lavori e di Alta Sorveglianza nei casi in cui la Direzione dei Lavori è svolta dal Contraente Generale, il contratto di appalto è assunto quale atto cui far riferimento. Comma 1: Importo dell intervento a base del calcolo dell incentivo Si rimanda a quanto stabilito dall art. 2. Comma 2: Importo dell incentivo destinato ai singoli appartenenti alla struttura di Direzione Lavori e di Alta Sorveglianza Nelle tabelle seguenti vengono riportate le aliquote individuali di ripartizione dell incentivo complessivo determinato in conformità al precedente Art. 2 per diverse classi di importo e in relazione alla composizione tipo della struttura individuata per l esecuzione delle attività. 8

9 TABELLA 6.2.a : Direzione Lavori per importo compreso tra e TABELLA 6.2.b :Direzione Lavori per importo compreso tra e IMPORTO LAVORI da a ALIQUOTA SCAGLIONE 0,650% IMPORTI MIN E MAX SCAGLIONE COMPOSI ZIONE aliquota importo aliquota importo N. SQUADRA minimo massimo RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO 1 20,00% ,00% DIRETTORE DEI LAVORI 1 31,00% ,00% COORDINATORE SICUREZZA 1 13,00% ,00% DIRETTORE OPERATIVO 1 18,00% ,00% ISPETTORE DI CANTIE RE ,00% ,00% COLLABORATORI 1 5,00% ,00% Collaboratori D.O. Collaboratori D.L. Collaboratori R.P. 1 TOTALI 6 100,00% ,00%

10 TABELLA 6.2.c : Direzione Lavori per importo compreso tra e IMPORTO LAVORI da a ALIQUOTA SCAGLIONE 0,360% IMPORTI MIN E MAX SCAGLIONE COMPOSIZIONE aliquota importo aliquota importo N. SQUADRA minimo massimo RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO 1 18,00% ,00% DIRETTORE DEI LAVORI 1 30,00% ,00% COORDINATORE SICUREZZA 1 11,00% ,00% DIRETTORE OERATIVO 1 14,00% ,00% ISPETTORE DI CANTIERE ,00% ,00% ISPETTORE DI CANTIERE ,00% ,00% COLLABORA- TORI 2 5,00% ,00% Collaboratori D.O. Collaboratori D.L. 1 Collaboratori R.P. 1 TOTALI 8 100,00% ,00% TABELLA 6.2.d : Direzione Lavori per importo compreso tra e IMPORTO LAVORI da a ALIQUOTA SCAGLIONE 0,280% IMPORTI MIN E MAX SCAGLIONE COMPOSIZIONE SQUADRA N. aliquota importo minimo aliquota importo massimo RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO 1 17,00% ,00% DIRETTORE DE I LAVORI 1 25,00% ,00% COORDINATORE SICUREZZA 1 10,00% ,00% DIRETTORE OPERATIVO 1 13,00% ,00% ISPETTORE DI CANTIERE 1 1 9,00% ,00% ISPETTORE DI CANTIERE 2 1 9,00% ,00% ISPETTORE DI CANTIERE 3 1 9,00% ,00% COLL ABORAT ORI 3 8,00% ,00% Collaboratori D.O. 1 Collaboratori D.L. 1 Collaboratori R.P. 1 TOTALI ,00% ,00%

11 TABELLA 6.2.e : Direzione Lavori per importo compreso tra e IMPORTO LAVORI da a ALIQUOT A SCAGLIONE 0,280% IMPORTI MIN E MAX SCAGLIONE min max COMPOSI ZIONE aliquota importo min N. SQUADRA imo aliquota importo massimo RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO 1 16,00% ,00% DIRETTORE DEI LAVORI 1 23,00% ,00% COORDINATORE SICU- REZZA 1 10,00% ,00% DIRETTORE OPERATIVO 1 12,00% ,00% ISPETTORE DI CAN- TIERE 1 1 7,50% ,50% ISPETTORE DI CAN- TIERE 2 1 7,50% ,50% ISPETTORE DI CAN- TIERE 3 1 7,50% ,50% ISPETTORE DI CAN- TIERE 4 1 7,50% ,50% COLL ABORAT ORI 4 9,00% ,00% Collaboratori D.O. 2 Collaboratori D.L. 1 Collaboratori R.P 1 TOTALI ,00% ,00%

12 TABELLA 6.2.f : Direzione Lavori per importo compreso tra e IMPORTO LAVORI da a ALIQUOTA SCAGLIONE IMPORTI MIN E MAX SCAGLIONE COMPOSI ZIONE SQUADRA N. min. aliquota importo minimo 0,280% aliquota max importo massimo RESPONSABILE DE L PROCEDIMENTO 1 16,00% ,00% DIRETTORE DEI LAVORI 1 23,00% ,00% COORDINATORE SICUREZZA 1 10,00% ,00% DIRETTORE OPERATIVO 1 12,00% ,00% ISPETTORE DI CANTIERE 1 1 6,00% ,00% ISPETTORE DI CANTIERE 2 1 6,00% ,00% ISPETTORE DI CA NTIERE 3 1 6,00% ,00% ISPETTORE DI CA NTIERE 4 1 6,00% ,00% ISPETTORE DI CA NTIERE 5 1 6,00% ,00% COLLABORAT ORI 5 9,00% ,00% Collaboratori D.O. 2 Collaboratori D.L. 2 Collaboratori R.P. 1 TOTALI ,00% ,00% TABELLA 6.2.g :Direzione Lavori per importo compreso tra e IMPORTO LAVORI da a ALIQUOT A SCAGLIONE 0,280% IMPORTI MIN E M AX min. max SCAGLIONE COMPOSI ZIONE SQUADRA N. aliquota importo aliquota minimo RESPONSABILE DE L PROCEDIMENTO importo massimo 1 16,00% ,00% DIRETTORE DEI LAVORI 1 22,97% ,98% COORDINATORE SICU- REZZA 1 8,00% ,00% DIRETTORE OPERATIVO 1 10,00% ,00% ISPETTORE DI CANTIERE 1 1 5,50% ,50% ISPETTORE DI CANTIERE 2 1 5,50% ,50% ISPETTORE DI CANTIERE 3 1 5,50% ,50% ISPETTORE DI CANTIERE 4 1 5,50% ,50% ISPETTORE DI CANTIERE 5 1 5,50% ,50% ISPETTORE DI CANTIERE 6 1 5,50% ,50% COLLABORATORI 6 10,03% ,02% Collaboratori D.O. 2 Collaboratori D.L. 2 Collaboratori R.P. 2 TOTALI ,00% ,00%

13 TABELLA 6.2.h :Direzione Lavori per importo compreso tra e IMPORTO LAVORI da a ALIQUOT A SCAGLIONE 0,280% IMPORTI MIN E MAX min. max SCAGLIONE COMPOSIZIONE SQUADRA N. aliquota importo minimo aliquota RESPONSABILE DE L PROCEDIMENTO importo massimo 1 15,98% ,42% DIRETTORE DEI LAVORI 1 15,98% ,42% COORDINATORE SICU- REZZA 1 8,00% ,00% DIRETTORE OPERATIV O 1 10,00% ,00% ISPETTORE DI CANTIERE 1 1 5,50% ,50% ISPETTORE DI CANTIERE 2 1 5,50% ,50% ISPETTORE DI CANTIERE 3 1 5,50% ,50% ISPETTORE DI CANTIERE 4 1 5,50% ,50% ISPETTORE DI CANTIERE 5 1 5,50% ,50% ISPETTORE DI CANTIERE 6 1 5,50% ,50% COLL ABORAT ORI 6 17,04% ,16% Collaboratori D.O. 2 Collaboratori D.L. 2 Collaboratori R.P. 2 TOTALI ,00% ,00% TABELLA 6.2.i : Direzione Lavori per importo superiore a Nel caso di Direzione dei lavori per importi superiori a restano fissi gli importi indicati nella tabella di cui al punto precedente nella colonna relativa all importo massimo. 13

14 TABELLA 6.2.i : ALTA SORVEGLIANZA per importo superiore a IMPORTO LAVORI da ALIQUOT E PER SCAGLIO 0,280% NI COMPOSI ZIONE SQUADRA N. aliquota importo f isso RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO 1 12,42% importo f isso RESPONSABILE ALTA SORVEGLIANZA 1 9,32% RESPONSABILI DI SETTORE: 7 47,83% CONTROLLO QUALITA' LAVORI 1 6,83% VERIFICA CONTABILITA' LAVORI 1 6,83% VERIFICA SICUREZZA CANTIERE 1 6,83% VERIFICA PROGETTAZIONE 1 6,83% ESPROPRI INTERFERENZ E 1 6,83% GEOLOGIA 1 6,83% PROGRAMMAZIONE E REPORTING 1 6,83% ISPETTORI DI CANTI ERE 6 30,43% ISPETTORE DI CANTIERE 1 1 5,07% ISPETTORE DI CANTIERE 2 1 5,07% ISPETTORE DI CANTIERE 3 1 5,07% ISPETTORE DI CANTIERE 4 1 5,07% ISPETTORE DI CANTIERE 5 1 5,07% ISPETTORE DI CANTIERE 6 1 5,07% TOTALI ,00% Comma 3: Ambito di applicazione soggettiva e limitazioni Ha diritto alla corresponsione dell incentivo il solo personale dipendente della Società che ha operato o collaborato nelle attività di Direzione dei Lavori o di Alta Sorveglianza. Anche in deroga a quanto determinato con l applicazione delle aliquote riportate nelle tabelle, l incentivo è sottoposto alle seguenti ulteriori limitazioni: Il compenso per il Responsabile dell Alta Sorveglianza non può superare il tetto massimo di ; il compenso, per ciascuna figura di responsabile, non può superare il tetto massimo di ; il compenso destinato a ciascuno dei partecipanti al singolo gruppo di collaboratori non può superare il tetto massimo di annuo. 14

15 Comma 4: Ripartizione dell incentivo in caso di gruppi di lavoro e/o di avvicendamento di una pluralità di soggetti nello svolgimento degli incarichi Il Direttore Centrale Nuove Costruzioni o, nei casi di competenza, Il Capo Compartimento, previa intesa con il Responsabile del Procedimento, provvedono a costituire l Ufficio di Direzione Lavori, ai sensi degli artt. 147 e ss. del D.P.R. 207/2010 tenendo conto delle figure professionali presenti e delle attività che il tipo di intervento richiede, e nel rispetto dei principi di rotazione e trasparenza. Nel caso di funzioni svolte contemporaneamente da più soggetti (gruppi di lavoro), la quota di incentivo verrà divisa in parti uguali fra tutti gli appartenenti al gruppo. Se nel corso dell attività di Direzione dei Lavori più soggetti si sono avvicendati nello svolgimento degli incarichi, la quota di incentivo viene suddivisa tra gli stessi soggetti in base all attività lavorativa effettivamente svolta e certificata dal Responsabile del Procedimento e/o dal Direttore Centrale Nuove Costruzioni. Per gli appartenenti a gruppi di lavoro e collaboratori del Responsabile del Procedimento non individuabili in base agli atti, sarà cura del Responsabile del Procedimento e/o del Direttore centrale Nuove Costruzioni, predisporre l elenco dei destinatari della quota di incentivo, specificandone l attività svolta. Comma 5: Economie Qualora le prestazioni o parte di esse siano state svolte da personale esterno ad Anas la relativa quota di incentivo costituisce economia. Qualora invece il numero degli ispettori di cantiere e dei collaboratori effettivamente impiegato nelle attività risultino inferiore a quelli previsti nella composizione tipo della struttura individuata nelle tabelle precedentemente riportate, la quota di incentivo o la relativa parte viene ripartita nella misura del 50% tra le figure effettivamente impiegate nelle attività ed il rimanente 50% della quota di incentivo costituisce economia. Il Direttore Centrale Nuove Costruzioni e/o Capo Compartimento, di concerto con il Responsabile del Procedimento, attesta, con apposita comunicazione all Ufficio preposto alla verifica propedeutica all erogazione dell incentivo, l esecuzione di prestazioni da parte di personale esterno / società esterne / gruppi di lavoro esterni all organico dell Anas. Art. 7: Criteri di erogazione dell incentivo per l attività di Direzione dei Lavori e Alta Sorveglianza Riferimento costante e inderogabile per la corresponsione dell incentivo è il rispetto del crono programma contrattuale e degli eventuali aggiornamenti dello stesso intervenuti a seguito di atti aggiuntivi. L importo complessivo dell incentivo viene erogato secondo le modalità di seguito esposte: a) In corso di costruzione: acconti trimestrali nella misura massima del 50% dell importo progressivo maturato. Tale acconto viene erogato a condizione che lo stato di avanzamento dei lavori in corso (LIC) rilevato alla scadenza di riferimento abbia uno scostamento non superiore al 10% rispetto al valore della produzione previsto nel crono programma contrattuale aggiornato sulla base di eventuali atti aggiuntivi. b) Alla data di ultimazione dei lavori: un ulteriore acconto corrispondente al valore del 30% dell importo complessivo dell incentivo. Tale ulteriore acconto viene erogato a condizione che non vengano rilevati ritardi nella data di ultimazione e alla ulteriore condizione vincolante che la durata complessiva dell esecuzione, misurata tra la data di ultimazione e quella di consegna dei lavori, non ecceda in misura maggiore del 20% la durata originaria prevista nel contratto. c) Alla emissione del certificato di collaudo: quota del 20% a saldo da erogarsi alla stessa condizione di cui al punto b) ed alla ulteriore condizione vincolante costituita dal rispetto dei termini previsti in contratto per l emissione del certificato di collaudo. TITOLO IV: INCENTIVO PER L ATTIVITÀ DI COLLAUDO Art. 8: Incentivo totale per l attività di collaudo Comma 1: Importo complessivo destinato all incentivo Si rimanda a quanto stabilito dal precedente art. 2, comma 1. 15

16 Comma 2: Ripartizione dell incentivo per fasce di importo Le aliquote per ciascuna fascia di importo, già incluse nella tabella 1 di cui al precedente art. 2, sono indicate nella tabella 4 di seguito riportata, con l ulteriore suddivisione tra collaudo tecnico amministrativo e collaudo statico. IMPORTO LORDO LAVORI (ML ) TABELLA 4 : Ripartizione dell incentivo per fasce di importo N. M EMBRI INCENTIVO TOTALE COLLAUDO T.A. COLLAUDO STAT. da a * * * * MEMBRO 0,320% 50,0% 50,0% MEMBRO 0,300% 50% 50% MEMBRI 0,260% 66,7% 33,3% MEMBRI 0,250% 75,0% 25,0% > MEMBRI Importo fisso Importo fisso Importo fisso * In ogni caso, per lavori di importo inferiore a è consentito emettere il certificato di regolare esecuzione in luogo del certificato di collaudo. In tali casi l incentivo è compreso in quello stabilito per la Direzione dei Lavori. Comma 3: Importo a base del calcolo dell incentivo e tetti massimi di compenso a) Collaudo tecnico-amministrativo L importo del corrispettivo determinato per l incarico di collaudo tecnico-amministrativo deve intendersi onnicomprensivo e costituisce l importo totale per le prestazioni della Commissione, da suddividersi in parti uguali fra i membri della stessa. In ogni caso, il compenso per il collaudo tecnico-amministrativo non può superare il tetto massimo di b) Collaudo statico L importo del corrispettivo determinato per l incarico di collaudo statico, deve intendersi onnicomprensivo e costituisce l importo totale per la specifica prestazione da corrispondere al soggetto al quale viene conferito l incarico ovvero da suddividersi in parti uguali fra i membri della commissione di collaudo tecnico amministrativo incaricati per lo svolgimento di tale prestazione. In ogni caso, il compenso per il collaudo statico non può superare il tetto massimo di e, ai fini dell applicazione di tale tetto, non si somma agli importi da corrispondersi per il collaudo tecnico amministrativo. Comma 4: Criteri per l erogazione dell incentivo Gli acconti sull importo dovuto sono ammessi in relazione all attività effettivamente svolta e nella misura massima del 70% del compenso in relazione all avanzamento dei lavori. Il saldo finale - nella misura del 30% dell intero importo spettante - viene erogato entro e non oltre sei mesi dalla emissione del certificato di collaudo. TITOLO V: MODALITÀ APPLICATIVE GENERALI Le modalità di erogazione dell incentivo saranno indicate in apposita procedura applicativa. 16

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ (tratto da Linee guida per la qualificazione del procedimento di Lavori Pubblici - IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO RELATORE : ING. PAOLO MOLAIONI ING. PIETRO FRATINI 1) LE ORIGINI DELLA VERIFICA DEL

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5. D.M. 15 dicembre 1955, n. 22608 «Disciplinare tipo» per il conferimento di incarichi a liberi professionisti per la progettazione e direzione di opere pubbliche SCHEMA DISCIPLINARE TIPO contenente le norme

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Mario FALCUCCI. Visto l art. 100, comma 2 della Costituzione; Vista la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3;

Mario FALCUCCI. Visto l art. 100, comma 2 della Costituzione; Vista la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3; Corte dei Conti N. 12/SEZAUT/2015/QMIG Sezione delle autonomie Adunanza del 9 marzo 2015 Presieduta dal Presidente di Sezione preposto alla funzione di coordinamento Composta dai magistrati: Presidenti

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI 1 Il giorno 12 settembre 2008, tra l AVIS Nazionale - Associazione

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

ART. 1 Ente appaltante

ART. 1 Ente appaltante La Scuola è sede di progetti Istituto Omnicomprensivo Statale San Demetrio Corone (CS) Dirigenza ed Uffici Amministrativi Via Dante Alighieri, n. 146 87069 San Demetrio Corone (CS) Tel. +39 0984 956086

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Revisione ed aggiornamento della determinazione del 7 luglio 2010, n. 5 Linee guida per l affidamento dei servizi attinenti all architettura

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

RISPOSTA Il disciplinare di gara non contiene alcuna prescrizione in ordine alla natura dell agenzia di recapito.

RISPOSTA Il disciplinare di gara non contiene alcuna prescrizione in ordine alla natura dell agenzia di recapito. Tra le modalità di presentazione è prevista anche mediante agenzia di recapito: deve essere autorizzata o possiamo mandare anche un semplice pony di agenzie di recapito private? Il disciplinare di gara

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli