Direttiva di Gruppo della voestalpine AG. Condotta Aziendale.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttiva di Gruppo della voestalpine AG. Condotta Aziendale. www.voestalpine.com"

Transcript

1 Direttiva di Gruppo della voestalpine AG Condotta Aziendale 1

2 Direttiva di Gruppo della voestalpine AG Condotta Aziendale La presente Direttiva di Gruppo Condotta Aziendale integra e concretizza il Codice di Condotta (Code of Conduct) della voestalpine AG e costituisce dunque uno strumento coadiuvante per l applicazione delle norme di comportamento stabilite nel Codice di Condotta in relazione ai temi Corruzione/Offerta di denaro/accettazione di omaggi Conflitti d interesse Analogamente al Codice di Condotta della voestalpine AG, la presente Direttiva di Gruppo si applica a tutti i dirigenti e dipendenti (qui di seguito denominati per brevità dipendenti del Gruppo voestalpine. 02

3 I) Corruzione/Offerta di denaro/ Accettazione di omaggi Il capitolo 6 del Codice di Condotta recita: A tutti i dipendenti è severamente vietato offrire o accettare compensi, direttamente o indirettamente, qualora ciò abbia come obbiettivo quello di influenzare illecitamente transazioni commerciali, o qualora ciò rischi anche solo semplicemente di dare una simile impressione. Fanno eccezione solamente omaggi di valore ridotto e la consueta ospitalità d uso nel quadro di rapporti d affari. Ogni altro omaggio deve essere rifiutato o restituito, e la circostanza dev essere comunicata ai superiori. L offerta o l accettazione di denaro o di riduzioni presentanti un valore monetario non è in nessun caso ammissibile. In ogni caso, vanno prese in considerazione le normative e le usanze specifiche di ogni singolo Paese. Il capitolo 6 proibisce ai dipendenti del Gruppo voestalpine sia l offerta e la concessione di compensi (corruzione attiva) che la richiesta e l accettazione di compensi (corruzione passiva), qualora ciò abbia come obbiettivo quello di influenzare illecitamente transazioni commerciali, o qualora ciò rischi anche solo semplicemente di dare una simile impressione. 1) Offerta e concessione di compensi (corruzione attiva; offerta di denaro) In connessione con le attività professionali è fatto divieto di offrire, promettere o garantire compensi personali a funzionari della propria nazione o di un Paese straniero o a dipendenti o rappresentanti di imprese della propria nazione o di un Paese estero, con l obbiettivo di influenzare decisioni o di ottenere un vantaggio iniquo. Omaggi di dipendenti del Gruppo voestalpine a dipendenti del Gruppo voestalpine sono in generale vietati, qualora i costi relativi siano a carico dell impresa. Inoltre è vietato concedere pagamenti in denaro o altri compensi indirettamente (per esempio ad un consulente, rappresentante commerciale, mediatore o altri terzi) qualora le circostanze suggeriscano che questi pagamenti e compensi, interamente o parzialmente, indirettamente o direttamente, verranno trasmessi ad un funzionario o ad un dipendente o rappresentante di un impresa, con l obbiettivo di influenzare decisioni o di ottenere un vantaggio iniquo. 03

4 I dipendenti responsabili dell assegnazione di incarichi a consulenti, rappresentanti commerciali, partner commerciali o altri terzi sono tenuti ad assicurare che questi terzi conoscano e rispettino le presenti normative anticorruzione del Gruppo voestalpine, e a controllare le qualificazioni e la reputazione di questi terzi. A questo proposito, si rimanda alle normative del Gruppo voestalpine riguardanti i mediatori commerciali ed i consulenti. a) Inviti al ristorante e manifestazioni, omaggi ed altri compensi Inviti (per esempio inviti al ristorante, a manifestazioni sportive o culturali, cibi e bevande in occasione di manifestazioni, o l assunzione di spese di viaggio personali), regali ed altri compensi personali per dipendenti o rappresentanti di partner commerciali o di potenziali partner commerciali, indifferentemente dal fatto che questi partner siano imprese o istituzioni, sono ammissibili solamente se il loro valore totale e le circostanze concrete non suscitano l impressione che ci si aspetti dal beneficiario un certo comportamento come contropartita. Ciò dipende dalle circostanze concrete del singolo caso, ed in particolare dai seguenti fattori: Qual è il valore dell omaggio/invito Qual è la frequenza con la quale vengono offerti omaggi/inviti Qual è la posizione del beneficiario all interno della propria impresa Se le consuetudini sociali rendono consigliabile o persino obbligatorio offrire l omaggio/invito (per esempio, un mazzo di fiori in occasione di un invito) Gli omaggi/inviti non devono mai essere consegnati di nascosto. Gli inviti o i regali devono essere sempre spediti all indirizzo professionale ufficiale del beneficiario, mai all indirizzo privato. I principi summenzionati valgono anche per omaggi/inviti a congiunti di dipendenti o rappresentanti di un altra impresa. In questa Direttiva di Gruppo, con congiunti si intendono coniugi o compagni, genitori, fratelli e figli o altre persone che vivano da almeno un anno con la persona in questione. In nessun caso è ammesso donare denaro in contanti o equivalenti (per esempio buoni d acquisto). Alcuni Paesi ed imprese vietano in toto ai propri dipendenti o rappresentanti di accettare inviti o omaggi. Altri Paesi ed imprese prevedono delle soglie limite per gli inviti/omaggi che dipendenti e rappresentanti hanno la possibilità di accettare. Prima di estendere un invito o consegnare un omaggio, bisogna assicurarsi che il destinatario abbia la facoltà di accettare l invito o l omaggio. b) Inviti a viaggi d affari È ammesso estendere inviti a viaggi d affari a partner commerciali o potenziali partner commerciali esclusivamente per visite ad aziende e nel quadro di conferenze settoriali organizzate dalla voestalpine, ed in linea di principio è possibile assumersi solo i costi di permanenza (pernottamento, pasti), ma non i costi di trasferimento del partner commerciale. Assumersi i costi di trasferimento è permesso solo in casi eccezionali e motivati, previa approvazione del superiore competente. Per l assunzione dei costi di voci nel programma di viaggi d affari non legate alla visita ad aziende o alla partecipazione ad una conferenza settoriale (per esempio manifestazioni d intrattenimento o visite turistiche) valgono i principi delineati alla lettera a). c) Donazioni, sponsorizzazioni e contributi politici Le donazioni e le sponsorizzazioni non possono essere utilizzate per aggirare altre norme del Codice di Condotta della voestalpine AG. La concessione di donazioni e sponsorizzazioni è di competenza esclusiva della dirigenza delle Società del Gruppo. 04

5 Donazioni Con donazioni si intendono contributi finanziari o di altra natura concessi a terzi senza attendersi una contropartita. Come membro responsabile della Società, la voestalpine effettua donazioni in denaro ed in natura a vantaggio di educazione e scienza, arte, cultura e necessità sociali, principalmente nell ambiente delle imprese facenti parte del Gruppo voestalpine. La partecipazione di Società del Gruppo a organizzazioni o associazioni non legate alle rispettive attività aziendali va inserita anch essa nell ambito delle donazioni. Per la concessione di donazioni valgono le regole seguenti: Richieste di donazioni da parte di singole persone vanno in linea di principio rifiutate I versamenti su conti privati non sono ammessi Al momento della concessione di donazioni bisogna fare attenzione a che gli obbiettivi dei beneficiari siano in armonia con i valori voestalpine. In nessun caso è ammesso concedere contributi ad organizzazioni con dubbia reputazione o integrità La donazione dev essere trasparente. Il beneficiario della donazione e l utilizzazione concreta della stessa da parte del beneficiario devono essere conosciuti. Dev essere in qualsiasi momento possibile un rendiconto pubblico delle motivazioni della donazione e del suo utilizzo conforme all obbiettivo dichiarato. Il beneficiario dev essere tenuto a fornire su richiesta le prove dell impiego conforme all obbiettivo della donazione ricevuta. Dev essere garantita alla voestalpine la possibilità di rendere pubblica la donazione Se possibile, la donazione dev essere deducibile dalle tasse 05

6 Sponsorizzazioni Con sponsorizzazioni si intende qualsiasi contributo della voestalpine sotto forma di denaro, beni, prestazioni o know-how (per esempio progettazione, organizzazione e realizzazione) per una manifestazione organizzata da terzi, o per altri scopi/attività di terzi, quando come contropartita si presenta la possibilità di reclamizzare il marchio voestalpine o altri marchi appartenenti alla voestalpine, per esempio tramite l utilizzo del logo voestalpine, la menzione del nome voestalpine in annunci o tramite la partecipazione di un dipendente voestalpine come conferenziere o oratore in una tavola rotonda. Tutte le attività di sponsorizzazione devono essere trasparenti e definite in modo contrattuale, ed essere proporzionate alla contropartita offerta dal terzo. Non sono ammesse le sponsorizzazioni a manifestazioni che potrebbero danneggiare la reputazione della voestalpine. Qualunque sponsorizzazione per attività sportive professionistiche da parte di Società del Gruppo deve essere decretata dalla dirigenza della voestalpine AG. Contributi politici La voestalpine non concede nessun contributo politico (donazioni a politici o partiti politici, organizzazioni vicine a partiti o movimenti politici). Le donazioni non possono verificarsi neppure attraverso media appartenenti a partiti o ad organizzazione vicine a partiti, per esempio sotto forma di contributi per le spese di stampa, inserzioni o altri tipi di pubblicità. Resta ammissibile un sostegno a giornali o altri media appartenenti a consigli aziendali, ma non a media appartenenti a frazioni del consiglio aziendale. d) Pagamenti incentivanti/facilitation payment I pagamenti incentivanti sono versamenti di importo ridotto aventi come obbiettivo quello di accelerare il trattamento di pratiche ufficiali alle quali chi effettua il pagamento ha diritto (per esempio lo sdoganamento di merci importate legalmente). Simili pagamenti sono illegali nella maggior parte delle Nazioni e dei casi e non devono essere effettuati. 06

7 2) Richiesta ed accettazione di compensi (corruzione passiva) I dipendenti non possono richiedere, lasciarsi promettere o accettare alcun compenso per sé o per altri da parte di partner commerciali o potenziali partner commerciali, qualora il partner commerciale si aspetti un determinato comportamento come ricompensa, o anche qualora sia possibile dare l impressione che sia atteso un determinato comportamento da parte del dipendente coinvolto. Questo vale anche nel caso in cui questo comportamento non ha alcun impatto sulle decisioni commerciali relative al partner commerciale. In particolare, i dipendenti voestalpine non possono richiedere, lasciarsi promettere o accettare alcun compenso da fornitori come contropartita per l assegnazione di incarichi o per altri comportamenti utili ai fornitori (per esempio il tralasciare di avvalersi del diritto al risarcimento danni nei confronti di un fornitore a causa della consegna di prodotti difettosi). a) Inviti al ristorante ed a manifestazioni, omaggi ed altri compensi I dipendenti possono accettare inviti o omaggi personali (per esempio inviti al ristorante, a manifestazioni sportive o culturali, regali sponsorizzazioni di manifestazioni) solo se ciò non dà l impressione che ci si aspetti da loro una contropartita. In particolare questo può verificarsi quando nel futuro immediato un dipendente deve prendere una decisione significativa per chi estende l omaggio o l invito. Il fatto che si susciti o no una simile impressione dipende dalle circostanze concrete di ogni singolo caso, in particolare dai seguenti fattori: Valore dell omaggio/invito Frequenza con la quale vengono concessi omaggi/inviti Posizione del beneficiario all interno del Gruppo voestalpine Consuetudini sociali (per esempio omaggi di valore ridotto in occasione delle feste di Natale) Gli omaggi/inviti non devono mai essere accettati di nascosto. I dipendenti non possono accettare alcun omaggio spedito al proprio indirizzo privato o a congiunti. Anche per quanto riguarda gli inviti e gli omaggi rivolti ai congiunti di dipendenti voestalpine valgono le normative sopra delineate. In nessun caso è ammesso accettare denaro in contanti o equivalenti (per esempio buoni d acquisto). b) Inviti a viaggi d affari È ammesso accettare inviti a viaggi d affari esclusivamente per visite ad aziende e partecipazione a conferenze presso partner commerciali o potenziali partner commerciali, previa appreviazione da parte del superiore competente. Il superiore deve prendere la decisione basandosi sull ordine del giorno presentato dal dipendente e sull utilità per l azienda di una tale partecipazione. In caso di approvazione, i costi di viaggio e pernottamento sono a carico del datore di lavoro. 3) Omaggi ed inviti all interno del Gruppo Gli omaggi e gli inviti di dipendenti del Gruppo voestalpine ad altri dipendenti del Gruppo voestalpine sono in generale vietati, se i costi relativi sono a carico dell azienda. 07

8 II) Conflitti d interesse Il capitolo 8 del Codice di Condotta recita: Nel quadro delle attività lavorative è possibile che i dipendenti si trovino in situazioni in cui i propri interessi personali o professionali entrano in conflitto o presentano la potenzialità di entrare i conflitto con gli interessi del Gruppo. In tali circostanze il Gruppo voestalpine richiede ai propri dipendenti di agire esclusivamente nell interesse del Gruppo. Dato che non è sempre possibile escludere simili conflitti d interesse, il Gruppo voestalpine esige dai propri dipendenti che affrontino queste situazioni nel modo più trasparente. Ciascun dipendente è tenuto a comunicare immediatamente, spontaneamente e nei dettagli ai propri superiori l esistenza di conflitti d interesse, conclamati o potenziali, o la possibilità che possa crearsi anche soltanto l impressione che esistano conflitti d interesse, e richiedere una speciale approvazione. In particolare, conflitti d interesse possono verificarsi in connessione con i seguenti aspetti: Attività secondarie possono essere in contrapposizione o portare ad un conflitto d interessi con i doveri all interno del Gruppo voestalpine, e dunque richiedono in ogni caso la previa approvazione scritta da parte dei superiori, ed una comunicazione all ufficio personale competente. Ciò vale anche per la collaborazione a consigli di vigilanza o comitati in Società esterne al Gruppo. Un impegno d affari presso concorrenti o partner commerciali del Gruppo voestalpine, in particolare clienti o fornitori (con l eccezione di partecipazioni di entità ridotta in Società quotate in borsa, nella misura in cui queste corrispondano ad una normale amministrazione patrimoniale) non è ammissibile. In caso questi impegni riguardino dei congiunti di dipendenti voestalpine, la circostanza deve essere comunicata in modo documentabile ai rispettivi superiori. Con congiunti si intendono coniugi o compagni, genitori, fratelli e figli dei dipendenti o altre persone che vivano da almeno un anno con i dipendenti voestalpine. Allo stesso modo, prima dell inizio dei negoziati contrattuali per transazioni con partner commerciali del Gruppo voestalpine va effettuata una segnalazione se tra le persone direttamente coinvolte nei negoziati o comunque investite di potere decisionale presso il partner commerciale figurano parenti stretti di dipendenti voestalpine. Conflitti d interesse possono sorgere anche a causa di rapporti di parentela tra dipendenti appartenenti allo sesso reparto. Tali rapporti di parentela vanno dunque comunicati ai superiori. 08

9 1) Attività secondarie Le attività secondarie dietro compenso richiedono la previa comunicazione scritta ai superiori, e devono essere da questi approvate per iscritto. I superiori possono concedere l approvazione solo nel caso in cui l impegno temporale richiesto non influenzi lo svolgimento dei compiti del dipendente all interno della voestalpine, e l attività secondaria non si contrapponga in alcun modo agli interessi della voestalpine. I superiori devono prendere la decisione in accordo con l ufficio personale competente, e documentarla in modo appropriato includendo anche le motivazioni alla sua base. Precluse in ogni caso e dunque non approvabili sono le seguenti attività secondarie: Attività secondarie presso un concorrente Attività secondarie presso un fornitore Attività secondarie presso un cliente Precluse sono anche le attività come partner contrattuale indipendente o consulente diretto o indiretto presso concorrenti, clienti o fornitori. L assunzione di una carica in consigli di vigilanza o comitati in Società esterne al Gruppo necessita, sia che preveda un compenso sia che non lo preveda, l approvazione scritta da parte dei superiori. L approvazione dell assunzione di una carica in una Società esterna al Gruppo è superflua solamente nel caso in cui questa carica venga assunta su mandato di una Società del Gruppo voestalpine. Le attività di volontariato vanno comunicate ai superiori solamente quando queste hanno un impatto sulle prestazioni lavorative; lo stesso vale per attività secondarie che prevedono un compenso ma vengono esercitate solo occasionalmente (per esempio attività come scrittori o conferenzieri). 2) Impegno economico presso concorrenti, fornitori o clienti A causa della partecipazione ad un impresa terza, per il dipendente coinvolto possono sorgere conflitti tra gli interessi della voestalpine e gli interessi dell impresa terza. Per evitare simili conflitti di interesse, vanno osservate le seguenti norme: Non è ammessa alcuna partecipazione diretta o indiretta dei dipendenti voestalpine all attività di un concorrente o partner commerciale, in particolare se si tratta di fornitori o clienti. Una partecipazione diretta o indiretta di congiunti di un dipendente voestalpine alle attività di un concorrente, fornitore o cliente va comunicata per iscritto dal dipendente stesso, qualora ne sia a conoscenza, ai superiori ed all ufficio personale responsabile. Esenti da queste normative sono partecipazioni di entità ridotta in Società quotate in borsa, nella misura in cui queste corrispondano ad una normale amministrazione patrimoniale. 09

10 3) Occupazione di congiunti presso la voestalpine In linea di principio, nulla si oppone all occupazione all interno del Gruppo voestalpine di congiunti di dipendenti voestalpine, anche nella stessa Società appartenente al Gruppo voestalpine, a meno che non si presenti il rischio di conflitti d interesse. I rapporti di parentela di dipendenti appartenenti allo stesso reparto vanno comunicati ai superiori. Per evitare ogni tipo di conflitti d interesse, in linea di principio va evitato che dei congiunti facciano parte della stessa catena di comando. Se necessario, bisognerà procedere a delle riallocazioni interne. Le eccezioni necessitano di previa approviazione da parte dei superiori, che dovranno prendere la decisione in accordo con l ufficio personale competente, e documentarla in modo appropriato includendo anche le motivazioni alla sua base. 10

11 4) Occupazione di congiunti di dipendenti voestalpine presso clienti, fornitori o concorrenti Naturalmente i congiunti di dipendenti voestalpine sono liberi di lavorare presso clienti, fornitori o concorrenti della voestalpine. Tuttavia nell interesse della voestalpine va assicurato che gli interessi della voestalpine non vengano danneggiati da questa situazione. In particolare ciò si può verificare tramite La trasmissione di informazioni riservate Un influsso generale sull obbiettività delle decisioni I dipendenti della voestalpine sono dunque tenuti a garantire nelle modalità più appropriate che l attività dei congiunti presso clienti, fornitori o concorrenti non abbia alcuna influenza sul proprio obbligo di lealtà verso la voestalpine e sugli interessi della voestalpine in generale. I dipendenti devono evitare di essere coinvolti e di influenzare i rapporti d affari in cui siano attivi congiunti appartenenti ad altre imprese (per esempio assegnazione di incarichi e relativi negoziati, approvazione di fatture). Qualora il coinvolgimento in simili decisioni non possa essere evitato, i dipendenti voestalpine devono segnalare la situazione per iscritto e tempestivamente (per esempio prima dell inizio delle trattative contrattuali) ai propri superiori. 5) Acquisto privato di merci e servizi da clienti o fornitori Se i dipendenti voestalpine richiedono merci o servizi per scopi privati a fornitori o clienti, sono tenuti a pagare il normale prezzo di mercato. È concesso avvalersi di sconti ed altre riduzioni offerte da clienti o fornitori solamente nel caso in cui queste siano estese a tutti i dipendenti della rispettiva Società appartenente al Gruppo voestalpine. La presente direttiva è in vigore dal 26 Settembre 2012, revisionata nell`ottobre Il Consiglio d Amministrazione della voestalpine AG 11

12 12 voestalpine AG voestalpine-strasse Linz, Austria T. +43/50304/15-0 F. +43/50304/55-0

Codice di Condotta della voestalpine AG. www.voestalpine.com

Codice di Condotta della voestalpine AG. www.voestalpine.com Codice di Condotta della voestalpine AG www.voestalpine.com 1 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 contenuto 05 Preambolo ed obbiettivi Ambito di applicazione 07 Responsabilità per l implementazione

Dettagli

POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA

POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA Adottata in data 6 dicembre 2012 SOMMARIO Articolo 1 Premessa pag. 2 Articolo 2 - Scopo e campo di applicazione pag. 2 Articolo 3 - Destinatari pag. 2 Articolo

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO Dichiarazione di tutti i Soci del COCIR COCIR si dedica al progresso della scienza medica e al miglioramento della cura dei

Dettagli

MANITOWOC. Bollettino Norme di Condotta Aziendale

MANITOWOC. Bollettino Norme di Condotta Aziendale MANITOWOC Norme Globali di Etica N. 103 Pag. 1 Bollettino Norme di Condotta Aziendale Oggetto: Etica Bollettino Originale Sostituisce 103 Datato 22 Settembre 1999 N.: 103 2 Dicembre 2002 SCADE: Quando

Dettagli

Politica anticorruzione

Politica anticorruzione Politica anticorruzione Introduzione RPC Group Plc (l'"azienda") dispone di una politica a tolleranza zero nei confronti degli atti di corruzione nelle operazioni commerciali a livello globale, sia nel

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI Dichiarazione di tutte le società aderenti al COCIR COCIR si dedica al progresso della scienze medica e al miglioramento delle cure

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Codice Etico. per le società del gruppo Liebherr e rispettivi collaboratori

Codice Etico. per le società del gruppo Liebherr e rispettivi collaboratori Codice Etico per le società del gruppo Liebherr e rispettivi collaboratori Indice I. Oggetto e Campo di Applicazione 4 II. Osservanza del Diritto Vigente 5 III. Collaboratori 6 IV. Concorrenza Sleale 6

Dettagli

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01 Codice etico e di comportamento Sommario 1. Principi generali 3 1.1 1.2 1.3 Preambolo Destinatario Gli obblighi e doveri dei destinatari 3 3 3 2. Politiche

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

Codice di Condotta. Holcim Ltd

Codice di Condotta. Holcim Ltd Codice di Condotta Holcim Ltd Il nostro Codice di Condotta è la guida del nostro modo di gestire il business* * Tratto dal Mission Statement di Holcim 3 Codice di Condotta Il presente Codice di Condotta

Dettagli

Regolamento Modello Regali di Organizzazione e di Gestione ex decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231

Regolamento Modello Regali di Organizzazione e di Gestione ex decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Regolamento Modello Regali di Organizzazione e di Gestione ex decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 ANTHEA S.R.L. Natura del documento: Edizione definitiva Approvazione: [AU o Assemblea] Data Approvazione:../../2014

Dettagli

Adottato da TECAM Srl in ottemperanza al Decreto legislativo 231 del 2001

Adottato da TECAM Srl in ottemperanza al Decreto legislativo 231 del 2001 Adottato da TECAM Srl in ottemperanza al Decreto legislativo 231 del 2001 6 marzo 2015 INDICE Articolo 1 Finalità del Codice comportamentale Articolo 2 Regole di comportamento generali nei confronti di

Dettagli

GESTIONE DELLE LIBERALITÀ

GESTIONE DELLE LIBERALITÀ GESTIONE DELLE LIBERALITÀ 1. OBIETTIVO, AMBITO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITÀ Il presente Regolamento ha l'obiettivo di definire ruoli, responsabilità e regole di condotta nella gestione di donazioni,

Dettagli

Codice di Comportamento Aziendale

Codice di Comportamento Aziendale ALLEGATO 2 Codice di Comportamento Aziendale 1. DESTINATARI - COMUNICAZIONE ED INFORMAZIONE I principi e le disposizioni del presente Codice di Comportamento aziendale sono vincolanti per tutti gli amministratori,

Dettagli

CODICE ETICO DI AMBIENTE ITALIA SRL

CODICE ETICO DI AMBIENTE ITALIA SRL DI AMBIENTE ITALIA SRL Q-D-02-03 SISTEMA GESTIONE QUALITA Gennaio 2013 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale

Dettagli

CHG-MERIDIAN CODICE DI COMPORTAMENTO

CHG-MERIDIAN CODICE DI COMPORTAMENTO CHG-MERIDIAN CODICE DI COMPORTAMENTO Efficient Technology Management CHG-MERIDIAN PREMESSA Il Codice di comportamento descrive i principi base centrali della nostra cultura aziendale sia per i nostri dipendenti

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

Codice Nestlé di Condotta Aziendale

Codice Nestlé di Condotta Aziendale Codice Nestlé di Condotta Aziendale Introduzione Dalla sua fondazione, Nestlé ha adottato prassi aziendali rette da integrità, onestà, correttezza e dal rispetto di tutte le leggi applicabili. I dipendenti

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

CODICE DI CONDOTTA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL CODICE DI CONDOTTA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL E NOTA PER GLI ELEVATI PRINCIPI ETICI CUI SI ATTIENE NELLA GESTIONE DELLA SUA ATTIVITA. E IMPORTANTE CHE TUTTI

Dettagli

Policy Anticorruzione di Goodyear 1 luglio 2011

Policy Anticorruzione di Goodyear 1 luglio 2011 Policy Anticorruzione di Goodyear 1 luglio 2011 Policy Anticorruzione Goodyear non intende ottenere vantaggi commerciali tramite l offerta o il ricevimento di indebiti benefici pecuniari o di qualsiasi

Dettagli

Responsabilità della societá

Responsabilità della societá Responsabilità della societá I.B.P., Slu è una societá legalmente costituita in Spagna, soggetta alla normativa legale e fiscale di questo paese. Si include anche quella referente alla protezione dei dati

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico. Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 VINTAGE SPA. ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V.

VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico. Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 VINTAGE SPA. ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V. VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V. Presidente Giovanni Catellani MOG-231 Pagina 1 di 8 INDICE Introduzione 3 Destinatari 3 Principi e regole di condotta

Dettagli

MANITOWOC. Bollettino Norme di Condotta Aziendale. Relazioni Internazionali Pratiche e Operazioni Corrotte con Persone di Nazionalità Non Americana

MANITOWOC. Bollettino Norme di Condotta Aziendale. Relazioni Internazionali Pratiche e Operazioni Corrotte con Persone di Nazionalità Non Americana MANITOWOC Bollettino Norme di Condotta Aziendale Oggetto: Relazioni Internazionali Pratiche e Operazioni Corrotte con Persone di Nazionalità Non Americana Bollettino Originale 0 Sostituisce il bollettino

Dettagli

INNOSPEC INC. POLITICA RELATIVA A REGALI, OSPITALITÀ, DONAZIONI DI BENEFICIENZA E SPONSORIZZAZIONI

INNOSPEC INC. POLITICA RELATIVA A REGALI, OSPITALITÀ, DONAZIONI DI BENEFICIENZA E SPONSORIZZAZIONI INNOSPEC INC. POLITICA RELATIVA A REGALI, OSPITALITÀ, DONAZIONI DI BENEFICIENZA E SPONSORIZZAZIONI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. AMBITO DI APPLICAZIONE...1 3. NORMA GENERALE...1 4. DEFINIZIONI...2 5. REGALI...3

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

F.I.M.A.A. Federazione Italiana mediatori Agenti D Affari CODICE DEONTOLOGICO CAPITOLO I: PRINCIPI GENERALI E FINALITA

F.I.M.A.A. Federazione Italiana mediatori Agenti D Affari CODICE DEONTOLOGICO CAPITOLO I: PRINCIPI GENERALI E FINALITA F.I.M.A.A Federazione Italiana mediatori Agenti D Affari CODICE DEONTOLOGICO CAPITOLO I: PRINCIPI GENERALI E FINALITA Art.1 _ Codice deontologico: principi generali a) I principi ispiratori del presente

Dettagli

DONAZIONI, LIBERALITÀ, SPONSORIZZAZIONI, OMAGGI ED OSPITALITÀ - Sintesi -

DONAZIONI, LIBERALITÀ, SPONSORIZZAZIONI, OMAGGI ED OSPITALITÀ - Sintesi - DONAZIONI, LIBERALITÀ, SPONSORIZZAZIONI, OMAGGI ED OSPITALITÀ - Sintesi - INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PRINCIPI... 2 3. DONAZIONI, LIBERALITÀ E SPONSORIZZAZIONI... 4 4. OMAGGI... 4 5. OSPITALITÀ... 5

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 30.4.2009 C(2009) 3177 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE che integra le raccomandazioni 2004/913/E e 2005/162/CE per quanto riguarda il regime concernente

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA P.O.R. Sardegna 2000-2006 Misura 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E TERRITORIO AZIONE 3.13.B INCENTIVAZIONE DIRETTA ALLE

Dettagli

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A.

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. CODICE ETICO DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. Versione valida dal 1 gennaio 2015 INDICE Parte I PREMESSA ED OBIETTIVI Art. 1 Destinatari Art. 2 Principi Generali Art. 3 Riservatezza Art. 4 Imparzialità

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

CODICE ETICO. LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01

CODICE ETICO. LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01 CODICE ETICO LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01 INDICE INTRODUZIONE 3 1. PRINCIPI GENERALI 3 2. GESTIONE DEGLI AFFARI 4 3. AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ 5 4. RAPPORTI CON I TERZI 6 5. TUTELA DELLA

Dettagli

Ce.P.I.M. Centro Padano Interscambio Merci S.p.A.

Ce.P.I.M. Centro Padano Interscambio Merci S.p.A. Ce.P.I.M. Centro Padano Interscambio Merci S.p.A. Manuale Anti-Corruzione Anno 2014 Manuale Anti-Corruzione - Anno 2014 1 Indice degli argomenti: - Presentazione aziendale; - Finalità del presente manuale;

Dettagli

Codice di Condotta dei Fornitori della Colgate-Palmolive Company

Codice di Condotta dei Fornitori della Colgate-Palmolive Company Codice di Condotta dei Fornitori della Colgate-Palmolive Company Stimato fornitore di Colgate, nel corso degli anni, Colgate-Palmolive Company ha costruito la sua reputazione di organizzazione che ha utilizzato

Dettagli

Centro Servizi Metalli Group Codice etico e di condotta Approvato con delibera del CDA in data 23-04-2012

Centro Servizi Metalli Group Codice etico e di condotta Approvato con delibera del CDA in data 23-04-2012 Approvato con delibera del CDA in data 23-04-2012 File: CSM_Codice rev.00 del marzo 2012 IT - Pagina 1 di 9 Il nostro codice etico e di condotta Sommario 1. Presentazione... 3 2. Introduzione... 3 3. Obiettivi

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO. Associazione Europea Wedding Planners Professionisti - ASSO.EURO.WE.P.P -

CODICE DEONTOLOGICO. Associazione Europea Wedding Planners Professionisti - ASSO.EURO.WE.P.P - CODICE DEONTOLOGICO Associazione Europea Wedding Planners Professionisti - ASSO.EURO.WE.P.P - Premessa Associazione Europea Wedding Planners Professionisti, denominata ASSO.EURO.WE.P.P. è costituita nel

Dettagli

Tivoli, 18.11.2009. Relatore dott. Enrico Crisci ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI

Tivoli, 18.11.2009. Relatore dott. Enrico Crisci ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI ASSOCIAZIONE DOTTORI E RAGIONIERI COMMERCIALISTI Tivoli, 18.11.2009 Relatore dott. Enrico Crisci Il nome "deontologia" deriva dal greco

Dettagli

CODICE ETICO E DI LEGALITA

CODICE ETICO E DI LEGALITA CODICE ETICO E DI LEGALITA INTRODUZIONE Carbotrade Gas S.p.A. è una società commerciale con esperienza pluridecennale nel settore dell energia, il cui fine è la commercializzazione e la vendita di G.P.L.

Dettagli

Direttive di Wolfsberg per Servizi Bancari Privati contro il Riciclaggio

Direttive di Wolfsberg per Servizi Bancari Privati contro il Riciclaggio Direttive di Wolfsberg per Servizi Bancari Privati contro il Riciclaggio Preambolo Le linee guida che seguono sono intese come applicabili alle relazioni di private banking. Altri settori del mercato possono

Dettagli

Norme di comportamento nell ambito della gestione patrimoniale (NCGP)

Norme di comportamento nell ambito della gestione patrimoniale (NCGP) Norme di comportamento nell ambito della gestione patrimoniale (NCGP) La presente direttiva viene emanata in applicazione dell art. 23 degli statuti e dell art. 1 lett. e) del RCD dell OAD FCT. I. Norme

Dettagli

CODICE&ETICO& Versione(2.0(( Approvato(dal(CdA(del(21(luglio(2014(

CODICE&ETICO& Versione(2.0(( Approvato(dal(CdA(del(21(luglio(2014( CODICEETICO Versione2.0 ApprovatodalCdAdel21luglio2014 LETTERA AI COLLABORATORI WSWebScienceSrl)credecheipropriVALORIAZIENDALIdebbanoesserdaguidaedispirazionenellavita professionalequotidianadiognicollaboratore.

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO AZIENDALE E PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO. PA Rev. 0 del 10.04.

REGOLAMENTO AZIENDALE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO AZIENDALE E PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO. PA Rev. 0 del 10.04. REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO AZIENDALE E PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO PA Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 1/04/2013 Ida Mannelli Ida Mannelli Direzione

Dettagli

L AMMINISTRATORE UNICO

L AMMINISTRATORE UNICO CUALBU S.R.L. Sede in Cagliari Via Galassi n.2 Capitale sociale euro 1.560.000,00 i.v. Codice Fiscale e n di iscrizione al Registro Imprese di Cagliari 00264500927 e R.E.A. 84787 Si dà atto che in data

Dettagli

Stiftung Schweizerischer Bankenombudsman Fondation Ombudsman des banques suisses Fondazione Ombudsman delle banche svizzere

Stiftung Schweizerischer Bankenombudsman Fondation Ombudsman des banques suisses Fondazione Ombudsman delle banche svizzere Stiftung Schweizerischer Bankenombudsman Fondation Ombudsman des banques suisses Fondazione Ombudsman delle banche svizzere Regolamento sui conflitti di interesse per l ufficio dell Ombudsman [Codice di

Dettagli

PORTO TURISTICO DI CAPRI. Principi di Comportamento Anticorruzione

PORTO TURISTICO DI CAPRI. Principi di Comportamento Anticorruzione PORTO TURISTICO DI CAPRI Principi di Comportamento Anticorruzione AI SENSI DELLA LEGGE 190/2012 Responsabile della trasparenza Dott. Fabrizio De Maddi 10/12/15 Approvati nella seduta del CDA del 15 dicembre

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi dovranno conformarsi sotto tutti gli aspetti al testo

Dettagli

Prevenzione della corruzione e «whistleblowing»

Prevenzione della corruzione e «whistleblowing» Prevenzione della corruzione e «whistleblowing» Non chiudete gli occhi! Corruzione nell ACI? Mai! Eppure occorre rimanere vigili, poiché gli episodi di corruzione possono minare l integrità dello Stato

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

ALCOA INC. NORMATIVA ANTI CORRUZIONE

ALCOA INC. NORMATIVA ANTI CORRUZIONE ALCOA INC. NORMATIVA ANTI CORRUZIONE a PREMESSA: Alcoa Inc. ( Alcoa ) e la sua dirigenza si impegnano nella conduzione di operazioni eticamente corrette e conformi alle disposizioni di legge. I nostri

Dettagli

CODICE AZIENDALE DI MAHLE

CODICE AZIENDALE DI MAHLE CODICE AZIENDALE DI MAHLE INTRODUZIONE Il marchio MAHLE indica performance, precisione, perfezione e innovazione. Noi siamo Driven by performance ( Indirizzati alla performance ), e i nostri obiettivi

Dettagli

MAGGIO 82 cooperativa sociale

MAGGIO 82 cooperativa sociale Organizzazione MAGGIO 82 cooperativa sociale Largo Clinio Misserville, 4/7-00144 Roma (RM) Tel. 06.97746401 Fax: 06.97746399 Web : www.maggio82.it E-Mail : maggio82@maggio82.it Sede legale: Via Laurentina,

Dettagli

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno.

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. 4. I rapporti con i Dipendenti e con i Collaboratori.

Dettagli

Principi Guida per i Fornitori

Principi Guida per i Fornitori Principi Guida per i Fornitori Coca-Cola HBC SA e le sue controllate e partecipate (qui di seguito Coca-Cola Hellenic o collettivamente la Società ), quale organizzazione molto attenta al rispetto dell

Dettagli

del 22 agosto 1996 (ultima modifica: 20 maggio 2008)

del 22 agosto 1996 (ultima modifica: 20 maggio 2008) Circ.-CFB 96/4 Depositi del pubblico presso istituti non bancari Pagina Circolare della Commissione federale delle banche: Accettazione a titolo professionale di depositi del pubblico da parte di istituti

Dettagli

Comunicazione del nostro CEO

Comunicazione del nostro CEO Comunicazione del nostro CEO Coltivare e conservare la fiducia nei nostri rapporti professionali e perseguire i massimi standard etici rimangono due aspetti fondamentali dei valori chiave della nostra

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

CODICE ETICO AXUS ITALIANA S.R.L.

CODICE ETICO AXUS ITALIANA S.R.L. CODICE ETICO AXUS ITALIANA S.R.L. SOMMARIO 1. Scopo e rispetto del Codice Etico 2. Omaggi, regali ed eventi della Clientela, Fornitori e Prestatori di servizi 3. Investimenti presso i Fornitori/Acquisti

Dettagli

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE. approvato dal C.D.A. di Botto Poala S.p.A. il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE. approvato dal C.D.A. di Botto Poala S.p.A. il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE BOTTO POALA SpA Pagina 1 di 5 Rev 00 del BOTTO POALA SPA CODICE ETICO AZIENDALE approvato dal CDA di Botto Poala SpA il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE 1 Premessa - Definizioni Pag 1 2 Obiettivi e valori Pag

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE ENTE ITALIANO DI CERTIFICAZIONE S.R.L. www.enteitalianocertificazione.it info@enteitalianocertificazione.it REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE Il presente Regolamento è stato

Dettagli

COMI. Direzione Affari Generali e Supporto Organi

COMI. Direzione Affari Generali e Supporto Organi COMI Direzione Affari Generali e Supporto Organi Regolamento per la trasparenza e pubblicità della situazione personale, reddituale e patrimoniale dei titolari di cariche elettive del Comune di Venezia,

Dettagli

Quando saranno indicate congiuntamente verranno denominate Le Parti PREMESSO CHE SI STIPULA E SI CONVIENE QUANTO SEGUE

Quando saranno indicate congiuntamente verranno denominate Le Parti PREMESSO CHE SI STIPULA E SI CONVIENE QUANTO SEGUE CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEL SOCIAL NETWORK WWW.LETS DONATION.COM A FINI PROMOZIONALI E DI RACCOLTA FONDI, CREATO E GESTITO DA LET S DONATION S.R.L. Le presenti condizioni generali di contratto

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

Direttive di conformità

Direttive di conformità Direttive di conformità Versione 1.0 Approvate dal Comitato centrale e notificate alla CGC per conoscenza il 15.01.2015 Auf der Mauer 11, Casella postale, 8021 Zurigo, T 043 244 73 00, F 043 244 73 79,

Dettagli

Panoramica sul Sistema di Gestione della Conformità di Seves

Panoramica sul Sistema di Gestione della Conformità di Seves Panoramica sul Sistema di Gestione della Conformità di Seves 1. Responsabile della Conformità ( Chief Compliance Officer ) e Rappresentanti locali della Conformità ( Local Compliance Representatives )

Dettagli

Codice di condotta (Code of Conduct) per le Società del Gruppo Festo

Codice di condotta (Code of Conduct) per le Società del Gruppo Festo Codice di condotta (Code of Conduct) per le Società del Gruppo Festo Introduzione Il gruppo Festo è una società a proprietà familiare attiva a livello internazionale che vanta una lunga tradizione e un

Dettagli

annuale Scopo, applicazione e ambito della Politica.

annuale Scopo, applicazione e ambito della Politica. Funzione/Unità aziendale: Legale (Ufficio Etica e Conformità) Laurel Burke, Responsabile Legale - Conformità, Esperto della materia: laurel.burke@regalbeloit.com Data della prima pubblicazione: luglio

Dettagli

Policy anticorruzione

Policy anticorruzione Policy anticorruzione Policy globale di Novartis 1 marzo 2012 Versione GIC 100.V1.IT 1. Introduzione 1.1 Finalità Il nostro Codice di Comportamento stabilisce che in nessun caso Novartis ricorre alla corruzione.

Dettagli

ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO

ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCOPI DEL PIANO 3 3. OGGETTO DEL PIANO 3 4. GESTIONE DEL PIANO 4 5. PARTECIPAZIONE ELEGGIBILITÀ 4

Dettagli

SCHEDA ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (D.Lgs. 231/2007- Titolo II- Capo I)

SCHEDA ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (D.Lgs. 231/2007- Titolo II- Capo I) SCHEDA ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (D.Lgs. 231/2007- Titolo II- Capo I) DICHIARAZIONE DELL INTERMEDIARIO DI ASSICURAZIONE Io sottoscritto/a dichiaro che, in conformità

Dettagli

L applicazione della normativa in materia di Anticorruzione e Trasparenza nelle Università: problemi riscontrati e soluzioni adottate

L applicazione della normativa in materia di Anticorruzione e Trasparenza nelle Università: problemi riscontrati e soluzioni adottate Tavola rotonda: Trasparenza e tracciabilità Normativa e tecnologia insieme nella lotta alla corruzione L applicazione della normativa in materia di Anticorruzione e Trasparenza nelle Università: problemi

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli

PATTO DI INTEGRITA IN MATERIA DI CONTRATTI PUBBLICI DEL COMUNE DI BARDONECCHIA L OPERATORE ECONOMICO. con sede legale in,

PATTO DI INTEGRITA IN MATERIA DI CONTRATTI PUBBLICI DEL COMUNE DI BARDONECCHIA L OPERATORE ECONOMICO. con sede legale in, da inserire nella busta 1 Documentazione PATTO DI INTEGRITA IN MATERIA DI CONTRATTI PUBBLICI DEL COMUNE DI BARDONECCHIA (indicare denominazione e forma giuridica) L OPERATORE ECONOMICO con sede legale

Dettagli

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE TITOLO I Norme Generali Articolo 1-Premessa Generale Il presente Regolamento è adottato dal CdA della FONDAZIONE Calabria Roma Europa, nei

Dettagli

1. PREMESSE 2. OGGETTO DEL CODICE

1. PREMESSE 2. OGGETTO DEL CODICE CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI OPERAZIONI EFFETTUATE SU AZIONI DADA E STRUMENTI FINANZIARI AD ESSE COLLEGATI 1 1. PREMESSE Il presente Codice di Comportamento di DADA S.p.A. è adottato anche ai

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO Le Radici del Vino Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.88 del 08/10/2014 e modificato

Dettagli

Prevenzione della corruzione e «whistleblowing»

Prevenzione della corruzione e «whistleblowing» Prevenzione della corruzione e «whistleblowing» 1 Non chiudete gli occhi! Corruzione nell Amministrazione federale? Sebbene in Svizzera il tasso di corruzione nel settore pubblico sia basso o minimo, occorre

Dettagli

CODICE ETICO 1. PREMESSA

CODICE ETICO 1. PREMESSA CODICE ETICO 1. PREMESSA 1.1.L Istituto Universitario di Studi Europei (di seguito l Istituto ) è un'associazione senza scopo di lucro che ha ottenuto dalla Regione Piemonte l'iscrizione nel registro regionale

Dettagli

KICK OFF MEETING. Ammissibilità della spesa e richieste di convalida. potrjenih izdatkih. Paola Palmonari Comacchio, 29 Novembre 2011

KICK OFF MEETING. Ammissibilità della spesa e richieste di convalida. potrjenih izdatkih. Paola Palmonari Comacchio, 29 Novembre 2011 Ammissibilità della spesa e richieste di convalida izdatkov in izjava o potrjenih izdatkih Ref. 2/2009: Valorizzazione ecosostenibile delle saline tra Italia e Slovenia Ref. 2/2009: Ekolosko trajnostno

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità

Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità Il presente regolamento disciplina la gestione, il funzionamento e l utilizzo del sito internet istituzionale del Comune di Trapani, nonché le modalità

Dettagli

Codice di condotta (Code of Conduct) 22 maggio 2013

Codice di condotta (Code of Conduct) 22 maggio 2013 Codice di condotta (Code of Conduct) 22 maggio 2013 SCOPO DEL CODICE DI CONDOTTA Il Codice di condotta (Code of Conduct) fissa linee guida per l'attività internazionale di tutti i collaboratori 1 di AFG

Dettagli

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE Allegato B al Regolamento Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE LegalMedia Organismo di mediazione Società a responsabilità

Dettagli

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO Sommario DESTINATARI DEL CODICE... 3 ETICITA DEL LAVORO... 4 ETICITA VERSO IL MERCATO... 5 ETICITA VERSO L AMBIENTE... 7 ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO... 8 DESTINATARI DEL CODICE

Dettagli

VERSIONE FINALE 25/9/14. CODICE DI CONDOTTA COMBINATO E Q&A (domande e risposte)

VERSIONE FINALE 25/9/14. CODICE DI CONDOTTA COMBINATO E Q&A (domande e risposte) VERSIONE FINALE 25/9/14 CODICE DI CONDOTTA COMBINATO E Q&A (domande e risposte) SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI Dichiarazione di tutte le società aderenti al COCIR COCIR si dedica al

Dettagli

L.R. 18/2005, art. 36, c. 3 bis, lett. g) B.U.R. 30/3/2016, n. 13 L.R. 68/1999, art. 13

L.R. 18/2005, art. 36, c. 3 bis, lett. g) B.U.R. 30/3/2016, n. 13 L.R. 68/1999, art. 13 L.R. 18/2005, art. 36, c. 3 bis, lett. g) B.U.R. 30/3/2016, n. 13 L.R. 68/1999, art. 13 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 marzo 2016, n. 053/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

Codice deontologia professionale AXA Assistance Italia

Codice deontologia professionale AXA Assistance Italia Codice deontologia professionale Italia Il Gruppo AXA s impegna ad esercitare le proprie funzioni in base a rigorose norme deontologiche ed etiche. Una di queste norme è stata la diffusione di un codice

Dettagli

BANCA POPOLARE VALCONCA SCPA

BANCA POPOLARE VALCONCA SCPA BANCA POPOLARE VALCONCA SCPA Dichiarazioni rese dalle Parti Correlate, dai Soggetti Collegati e Esponenti bancari in applicazione: - dell Art. 136 T.U.B. (Obbligazioni degli esponenti bancari); - dell

Dettagli

1. Introduzione. 2. Principi di Etica professionale

1. Introduzione. 2. Principi di Etica professionale Codice di Condotta Contenuti 1. Introduzione 2. Principi di etica professionale 3. Rapporti esterni 4. Rapporti interni a. Documenti e registrazioni contabili b. Conflitti di interesse c. Beni e risorse

Dettagli

22.18 CODICE COMPORTAMENTALE ANTICORRUZIONE

22.18 CODICE COMPORTAMENTALE ANTICORRUZIONE 22.18 CODICE COMPORTAMENTALE ANTICORRUZIONE INDICE 01. SCOPO... 1 02. POLITICA... 1 03. APPLICAZIONE... 2 03.01 Definizioni... 2 04. REGOLE E PRINCIPI DI CONDOTTA... 3 04.01 Divieto di abuso d ufficio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E SUSSIDI FINANZIARI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E SUSSIDI FINANZIARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E SUSSIDI FINANZIARI ART. 1 PREMESSA 1) Il Consiglio Direttivo può concedere contributi a favore di Enti ed Associazioni pubbliche e private ove

Dettagli