Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T."

Transcript

1 Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T. (Formazione e Aggiornamento anche con Supporto Tecnologico) Via di Pantaneto, 45 - I Siena Tel Fax Scopi e metodi didll della didattica progettuale

2 Che cos è la D. P. Perché ricorrere alla D. P. Autonomia dello studente Vantaggi e svantaggi Tipi di progetti Tipi di attività Il ruolo dell insegnate Il sillabo nella D. P. La valutazione Parametri di valutazione dei progetti

3 Che cos è la Didattica Progettuale?

4 Che cos è la Didattica Progettuale? E un metodo didattico sistematico che non va confuso con una singola attività comunicativa di classe

5 Che cos è la Didattica Progettuale? E un metodo didattico sistematico che non va confuso con una singola attività comunicativa di classe L apprendimento diventa un esperienza complessa che, attraverso task, coinvolge il discente in modo totale e gli consente di impossessarsi delle competenze necessarie a interagire con il momdo esterno

6 Che cos è la Didattica Progettuale? E un metodo didattico sistematico che non va confuso con una singola attività comunicativa di classe L apprendimento diventa un esperienza complessa che, attraverso task, coinvolge il discente in modo totale e gli consente di impossessarsi delle competenze necessarie a interagire con il momdo esterno E una serie di task collegati fra loro in un periodo di tempo più o meno lungo

7 Che cos è la Didattica Progettuale? E un metodo didattico sistematico che non va confuso con una singola attività comunicativa di classe L apprendimento diventa un esperienza complessa che, attraverso task, coinvolge il discente in modo totale e gli consente di impossessarsi delle competenze necessarie a interagire con il momdo esterno E una serie di task collegati fra loro in un periodo di tempo più o meno lungo Non è l insegnante che definisce la lingua o gli elementi linguistici discreti da insegnare, ma sono gli stessi apprendenti che decidono gli sviluppi del progetti e il percorso linguistico da seguire

8 TASK Focus sul significato e sulla negoziazione Focus sul gap informativo

9 Impariamo il... 10% di ciò che leggiamo 20% di ciò che ascoltiamo 30% di ciò che vediamo 50% di ciò che vediamo e ascoltiamo 70% di ciò che discutiamo con gli altri 80% di ciò di cui abbiamo esperienza diretta 95% di ciò che spieghiamo ad altri

10 Perché ricorrere alla Didattica Progettuale?

11 Perché ricorrere alla Didattica Progettuale? Coinvolge i discenti nell acquisire conoscenza e abilità attraverso un complesso processo strutturato e attentamente programmato.

12 Perché ricorrere alla Didattica Progettuale? Coinvolge i discenti nell acquisire conoscenza e abilità attraverso un complesso processo strutturato e attentamente programmato. Consente t percorsi individualizzati id tidi studio e di rinforzo

13 Perché ricorrere alla Didattica Progettuale? Coinvolge i discenti nell acquisire conoscenza e abilità attraverso un complesso processo strutturato e attentamente programmato. Consente t percorsi individualizzati id tidi studio e di rinforzo Favorisce la cooperazione all interno del gruppo

14 Perché ricorrere alla Didattica Progettuale? Coinvolge i discenti nell acquisire conoscenza e abilità attraverso un complesso processo strutturato e attentamente programmato. Consente t percorsi individualizzati id tidi studio e di rinforzo Favorisce la cooperazione all interno del gruppo Stimola la continua negoziazione dei contenuti e dei significati, la capacità di pianificare, di organizzare la divisione dei compiti

15 Perché ricorrere alla Didattica Progettuale? Coinvolge i discenti nell acquisire conoscenza e abilità attraverso un complesso processo strutturato e attentamente programmato. Consente t percorsi individualizzati id tidi studio e di rinforzo Favorisce la cooperazione all interno del gruppo Stimola la continua negoziazione dei contenuti e dei significati, la capacità di pianificare, di organizzare la divisione dei compiti Valorizza la diversificazione delle competenze degli studenti

16 Perché ricorrere alla Didattica Progettuale? Coinvolge i discenti nell acquisire conoscenza e abilità attraverso un complesso processo strutturato e attentamente programmato. Consente t percorsi individualizzati id tidi studio e di rinforzo Favorisce la cooperazione all interno del gruppo Stimola la continua negoziazione dei contenuti e dei significati, la capacità di pianificare, di organizzare la divisione dei compiti Valorizza la diversificazione delle competenze degli studenti Vincola i membri del gruppo al raggiungimento dello scopo e quindi alla responsabilità individuale

17 Continuum degli scambi comunicativi in classe Attività che implicano negoziazione e cooperazione fra studenti e insegnante + guidato Lezione frontale Esercizi strutturali Memorizzazione Lettura dialoghi Attività con vuoti informativi Role play Discussioni a tema Costruzione di dialoghi + libero

18 Spazi comunicativi Simulazioni di ruolo Costruzione di dialoghi Conversazioni guidate Compiti che necessitano cooperazione (ad es. correggere un esercizio) + visibili visibili

19 MAGGIORI SCAMBI COMUNICATIVI MAGGIORE POSSIBILITA DI FORMULAZIONE DI IPOTESI IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA INTERLINGUISTICO

20 Autonomia dello studente Quanta autonomia? Apprendente Situazione Livello di competenza Tempo a disposizione

21 Maggiore autonomia Testi input forniti dall insegnante Insegnante tutor Lezione workshop Sviluppo di competenze trasversali e generali Gestione dei tempi e dei ritmi da parte degli stessi apprendenti Gestione e organizzazione del lavoro da parte degli stessi studenti Attività di coppia, lavori di gruppo Minore autonomia Testi input selezionati dagli apprendenti Insegnante modello Lezione frontale Sviluppo mirato di specifiche, singole abilità linguistichei i Gestione dei tempi da parte dell insegnante Organizzazione del lavoro da parte dell insegnante Attività individuali Scelta di un argomento di lavoro da parte Scelta dell argomento di lavoro da parte degli studenti dell insegnante Obiettivo finale da raggiungere (oggetto Esame da superare da realizzare) Uso libero di internet durante la lezione Uso guidato di internet tramite indicazioni dell insegnante Possibilità di uscire fisicamente fuori Aula della classe Possibilità di contatti mirati con nativi Aula Possibilità di ricercare liberamente in una biblioteca o mediateca Aula

22 Esempio Caratteristiche chegenerano maggiore autonomia Presenti/assenti Testi input selezionati dagli apprendenti No Insegnante tutor No Lezione workshop No Sviluppo di competenze trasversali e generali No Gestione dei tempi e dei ritmi da parte degli stessi Sì apprendenti Gestione e organizzazione del lavoro da parte degli stessi No studenti Attività di coppia, lavori di gruppo Sì Scelta di un argomento di lavoro da parte degli studenti No Uso libero di internet durante la lezione No Possibilità di uscire fisicamente fuori della classe No Possibilità di contatti mirati con nativi No Possibilità di ricercare liberamente in una biblioteca o No mediateca

23 Vantaggi e svantaggi

24 Vantaggi e svantaggi Vantaggi Favorisce la cooperazione e quindi l interazione tra studenti che è alla base di un sistema interlinguistico ricettivo e in evoluzione. Spostailfocus didattico dall insegnante al gruppo e dal gruppo al singolo individuo. Ciò evita le contrapposizioni dirette con l insegnante (a meno che non siano espressamente ricercate dallo stesso apprendente) e allo stesso tempo aumenta il numero degli scambi in L2 contestualizzandoli. Svantaggi Lavorando in gruppo e autonomamente gli apprendenti possono avere la sensazione di essere abbandonati a se stessi, senza nessuno che li corregga o li indirizzi. Insegnantee e studente possono sentirsi a disagio in ruoli meno tradizionali; specialmente con studenti provenienti da culture in cui i ruoli non possono essere messi in discussione.

25 Vantaggi e svantaggi Vantaggi Esce dagli schemi e dalle routine di classe e fornisce motivazione. Fornisce l occasione per utilizzare risorse concrete della vita reale in modocredibile (ad esempio l aula laula multimediale, l uso di Internet per fare ricerche ecc.). Crea un clima di cooperazione e empatia tra apprendenti e tra apprendenti e insegnante, particolarmente fruttuoso per l apprendimento. Svantaggi Le difficoltà di un modulo operativo e del lavoro di gruppo possono rapidamente demotivare gli studenti. Alcuni apprendenti possono non essere interessanti a sovrapporre il tempo dell apprendimento e quello della vita reale, tendendo quindi a separare rigidamente i due aspetti. La gestione della classe è più complessa, occorre una supervisionecostante daparte dell insegnante. Ad esempio, l assenza di uno studente può bloccare il lavoro di tutto il gruppo.

26 Vantaggi e svantaggi Vantaggi Impone allo studente di agire in prima persona, richiedendo maggiore autonomia, indirizzando così il proprio percorso di apprendimento verso una personalizzazione altrimenti impossibile. Allarga e aumenta le occasioni d uso della L2 (a patto naturalmente che si allarghino i contesti d uso e le varietà di testi prodotti). Fornisce occasioni mirate di contatti con parlanti nativi (ad esempio, con intervistenella elaborazione di progetti di classe). Svantaggi Studenti con minore motivazione possono non gradire una maggiore autonomia; in primo luogo perché significa mettersi in discussione, ma soprattutto, perché significa impegnarsi maggiormente. E difficile trovare tematiche ritenute interessanti e condivise da tutta la classe.

27 Tipi di progetti (Ridarelli [1998: 178]) Progetti esplorativi aperti verso l esterno e, soprattutto, orientati a un contatto con i parlanti nativi (sondaggi) Progetti testuali orientati all elaborazione di testi (sceneggiatura, cortometraggio) Progetti di corrispondenza e scambio scambio di lettere, mail, video ecc.

28 Tipi di attività QCER [2002: ] attività ità di produzione orale e scritta attività ricettive orali e scritte attività di ricezione audiovisiva attività interattive scritte e orali attività di mediazione

29 Tipi di attività a. Prendere decisioni in gruppo b. Sostenere la propria opinione e cercare di persuadere gli altri c. Discutere informalmente in gruppo d. Cooperare con gli altri per il raggiungimento di uno scopo pratico e. Dividersi e organizzare il lavoro f. Intervistare ed essere intervistati attività di carattere orale e interazionale g. Ricercare informazioni su Internet o in biblioteca h. Comprensione di un testo scritto i. Elaborare di testi scritti di supporto a materiale iconografico j. Preparare una relazione scritta attività relative all asse letto scrittura k. Elaborare dei dati sotto forma di grafici attività legate l. Esporre il proprio lavoro all esposizione

30 Il ruolo dell insegnante Insegnante = tutor

31 Il ruolo dell insegnante Garantire lo scaffolding Insegnante = tutor

32 Il ruolo dell insegnante Garantire lo scaffolding Insegnante = tutor Risolvere problemi di carattere interpersonale

33 Il ruolo dell insegnante Garantire lo scaffolding Insegnante = tutor Risolvere problemi di carattere interpersonale Suscitare l interesse su un determinato argomento (pre motivazione)

34 Il ruolo dell insegnante Garantire lo scaffolding Insegnante = tutor Risolvere problemi di carattere interpersonale Suscitare l interesse su un determinato argomento (pre motivazione) Sostenere la motivazione durante tutto il corso del progetto

35 Il ruolo dell insegnante Garantire lo scaffolding Insegnante = tutor Risolvere problemi di carattere interpersonale Suscitare l interesse su un determinato argomento (pre motivazione) Sostenere la motivazione durante tutto il corso del progetto Aiutare gli apprendenti a scoprire i loro bisogni linguistici

36 Il ruolo dell insegnante Garantire lo scaffolding Insegnante = tutor Risolvere problemi di carattere interpersonale Suscitare l interesse su un determinato argomento (pre motivazione) Sostenere la motivazione durante tutto il corso del progetto Aiutare gli apprendenti a scoprire i loro bisogni linguistici Preparare gli apprendenti all uso delle strutture linguistiche utili

37 Il ruolo dell insegnante Garantire a lo scaffolding Insegnante = tutor Risolvere problemi di carattere interpersonale Suscitare l interesse su un determinato argomento (pre motivazione) Sostenere la motivazione durante tutto il corso del progetto Aiutare gli apprendenti a scoprire i loro bisogni linguistici Preparare gli apprendenti all uso delle strutture linguistiche utili Individuare a priori i possibili generi testuali, le funzioni implicate e le strutture linguistiche necessari

38 COME MONITORARE IL PROGETTO far compilare alla fine di ogni sessione del progetto una scheda in cui si descrivono le cose fatte e le cose da fare esaminare il lavoro svolto insieme ai membri del gruppo, cercando eventualmente di riorientare il progetto monitorare l aspetto linguistico cognitivoi i ii

39 Il sillabo nella D.P. La versione forte dell insegnamento per progetti (ossia quella che esalta al massimo l autonomia dello studente) è incompatibile con un sillabo formale, determinato a priori e basato su una lista di elementi grammaticali o funzionali. Sono gli studenti che decidono i contenuti e i testi da utilizzare. SILLABO PROCESSUALE (Lo Duca 2006; Ciliberti 1994)

40 CONSEGUENZE: impossibilità di stabilire degli obiettivi linguistico grammaticali a monte del corso Impossibilità di una verifica formale dell apprendimento Valutazione del lavoro: a) del gruppo, che può essere basata sul successo del progetto, sul raggiungimento g degli obiettivi iniziali a) del singolo membro del gruppo, che ha caratteristiche più strettamente linguistiche

41 La valutazione Valutazione del lavoro: a) del gruppo, che può essere basata sul successo del progetto, sul raggiungimento g degli obiettivi iniziali a) del singolo membro del gruppo, che ha caratteristiche più strettamente linguistiche QCER categorie linguistiche: Funzioni Tipi i testualit Generi testuali

42 La valutazione categorie linguistiche: Funzioni Tipi testuali Generi testuali QCER attività di interazione orale : Interazione orale generale Comprendere un interlocutore nativo Conversazione Discussione informale tra amici Discussioni e incontri formali Cooperazionefinalizzata a unoscopo (ad esempio, riparare un auto, discutere un documento, organizzare un iniziativa) Transazioni per ottenere beni e servizi, scambio di informazioni Intervistare edessereintervistati

43 La valutazione intervistare ed essere intervistati, cooperazione finalizzata a uno scopo, scambio di informazioni descrittori B2 Cooperazione finalizzata a uno scopo (QCER [2002: 98]). B2.1 È in grado di comprendere in modo affidabile istruzioni dettagliate. È in grado di far avanzare il lavoro invitando altri a prendervi parte, a dire che cosa pensano ecc. È in grado di delineare con chiarezza una questione o un problema, riflettendo su cause o conseguenze, soppesando vantaggi e svantaggi di approcci differenti. Scambio di informazioni (QCER [2002: 100]. B2.1. È in grado di trasmettere informazioni dettagliate in modo affidabile. È in grado di descrivere una procedura in modo chiaro e dettagliato. È in grado di sintetizzare ti e riferire i informazioni i i e dati traendoli da fonti diverse. B2.2 È in grado di comprendere e scambiare informazioni e consigli complessi su tutta la gamma di argomenti che si riferiscono al suo ruolo professionale. Intervistare ed essere intervistati (QCER [2002: 101]) B2.2 È in grado di condurre un intervista sciolta ed efficace, allontanandosi in modo spontaneo dalle domande predisposte e sfruttando le risposte interessanti per indagare oltre. Discorsi rivolti a un pubblico (QCER [2002: 76]) B2.1 È in grado di fare un esposizione chiara, preparata in precedenza, adducendo ragioni pro o contro un certo punto di vista e indicando vantaggi e svantaggi delle diverse opzioni. È in grado di rispondere a una serie di domande di precisazione con sufficiente scioltezza e spontaneità da non creare tensione né per sé ne per gli ascoltatori. B2.2. È in grado di fare un esposizione chiara e sistematica, mettendo in evidenza i punti salienti e sostenendoli con particolari pertinenti. Èingrado di allontanarsi aotaasspontaneamente e te da un testo preparato ato e riprendere pe deespunti interessanti essa t proposti dal pubblico, dando do spesso prova di notevole scioltezza e facilità d espressione.

44 Parametri di valutazione dei progetti LIVELLO GENERE TESTUALE ATTI COMUNICATIVI SCALE DELLE ATTIVITA TRATTE DAL QCER [2002: pp ] B1 testo descrittivo descrivere; confrontare e contrapporre Scala di Produzione Scritta (Relazione e saggi p. 79), Scala di Produzione Orale (Monologo articolato p. 74) curriculum vitae presentarsi, scrivere di sé Scala di Produzione scritta (Pianificazione p. 81) intervista scritta e orale chiedere agli altri Scala di Interazione Orale un opinione; esprimere (Intervistare ed essere opinioni intervistati p. 101) sms stabilire, mantenere e Scala di Interazione chiudere un contatto Scritta (Corrispondenza p. 87) tabella, grafico, schema descrivere, confrontare e Scala di Produzione Orale contrapporre dati Generale p. 73

45 Correzione degli errori ma se faccio un errore chi mi corregge? Impossibilità di autovalutazione Sensazione di non imparare Impossibilità di valutazione frustrazione

46 Correzione degli errori Alcuni suggerimenti: COSA SI INTENDE PER ERRORE? forma (strutture lessicali, morfosintattiche, fonologiche) appropriatezza al contesto (registro) culturale L errore è positivo in quanto sintomo dell interlingua

47 Correzione degli errori La valutazione del tipo di errore dipende da: gli obiettivi didattici il tipo di compito il livello di competenza FLUENZA VS CORRETTEZZA Correzione a posteriori Correzione mirata

48 TRANSFER DI INSEGNAMENTO TRANSFER L1 ERRORE DELL APPRENDENTE STRANIERO SEMPLIFICAZIONE DELLA L2 IPERGENERALIZZAZIONE DI STRUTTURE DELLA L2

49 Transfer da L1 1. Mi prendi alla stazione stasera, per favore? Semplificazione 3. Mi pare che non sei un buon insegnante Transfer di insegnamento 2. Secondo me lui sia russo Ipergeneralizzazione 4. Ieri mi ho fatto la barba e ho uscito

50 SCHEDA PER L INSEGNANTE grammatica e sintassi lessico Transfer Mancata Iperge- Fattori Semplifi- Altra L1 conoscenza L2 neralizzazione extra linguistici cazione lingua straniera fonologia registro funzioni testualità cultura

51 Quali sono gli obiettivi valutabili? I GENERI TESTUALI CONSENTONO: A) una valutazione sufficientemente comparabile B) una valutazione compatibile con i tradizionali strumenti del testing (cloze, completamento, domande di scelta multipla ecc.) Genere Intervista Funzioni Presentarsi chiedere il permesso di fare domande chiedere informazioni Chiedere l opinione...

52 PREPARAZIONE DEL PROGETTO: COSA FA L INSEGNANTE? Valuta le risorse disponibili Valuta l adeguatezza al livello di competenza (QCER) / scala di autonomia Individua id gli obiettivi i di dattici: i abilità; funzioni; i culturali; li grammaticali Individua gli obiettivi valutabili: genere testuale, funzioni e tipo di valutazione Pianifica la scansione temporale delle fasi del progetto Prepara la scheda del progetto per gli allievi: obiettivi, compiti, calendario, descrizione delle fasi Prepara la scheda di riflessione linguistica in itinere Organizza il lavoro in gruppi

53 SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL PROGETTO CARATTERISTICHE PUNTEGGIO Materiale input fornito dall insegnante 0 Materiale input selezionato dagli apprendenti 1 Insegnante tutor 1 Lezione frontale 0 Lezione workshop 1 Sillabo a priori 0 Sviluppo mirato di specifiche, singole abilità linguistiche 0 Gestione dei tempi e dei ritmi da parte degli stessi 1 apprendenti Gestione e organizzazione del lavoro da parte degli stessi 1 studenti Attività individuali 0 Attività di coppia 1 Lavoro di gruppo 1 Scelta di un argomento di lavoro da parte degli studenti 1 Obiettivo finale da raggiungere (oggetto da realizzare) 1 Uso libero di internet durante la lezione 1 Uso guidato di internet tramite indicazioni dell insegnante 0 Possibilità di uscire fisicamente fuori della classe 1 Possibilità di contatti mirati con nativi 1 Possibilità di ricercare liberamente in una biblioteca o 1 mediateca TOTALE 13

54 INDICE DI AUTONOMIA IN UN PROGETTO 0 scarso 4 medio 9 elevato 13

55 ESEMPIO DI VALUTAZIONE DI UN PROGETTO LE CANZONI ITALIANE Scopo: sviluppare le abilità di comprensione e di produzione orale e scritta Testi: pubblicitari cartacei, in audio e in video. Materiali: forniti di volta in volta dall insegnante. Attività: comprensione, comunicative, individuali, di coppia e in alcuni casi di gruppo. Insegnante: cerca di rispettare un sillabo morfosintattico-funzionale; evita testi in cui compaiono forme morfosintattiche che ritiene non adeguate al grado di competenza degli apprendenti.

56 SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL PROGETTO CARATTERISTICHE PUNTEGGIO Materiale input fornito dall insegnante 0 Materiale input selezionato dagli apprendenti 0 Insegnante tutor 0 Lezione frontale 0 Lezione workshop 0 Sillabo a priori 0 Sviluppo mirato di specifiche, singole abilità 0 linguistiche Gestione dei tempi e dei ritmi da parte degli stessi 1 apprendenti Gestione e organizzazione del lavoro da parte degli 0 stessi studenti Attività individuali 0 Attività di coppia 1 Lavoro di gruppo 1 Scelta di un argomento di lavoro da parte degli 0 studenti Obiettivo finale da raggiungere (oggetto da realizzare) 0 Uso libero di internet durante la lezione 0 Uso guidato di internet tramite indicazioni 0 dell insegnante Possibilità di uscire fisicamente fuori della classe 0 Possibilità di contatti mirati con nativi 0 Possibilità di ricercare liberamente in una biblioteca o 0 mediateca TOTALE 3

57 SCHEDA PER LA CORREZIONE E L AUTOVALUTAZIONE Simbolo Gr L O Op R C Tipo di errore grammatica lessico ortografia ordine delle parole registro cultura

58 SCHEDA PER LO STUDENTE (lavoro individuale) ERRORE A un professore ho detto: Tu dove lavori? FORMA CORRETTA Lei dove lavora? PERCHE HO SBAGLIATO Non lo sapevo Lo sapevo ma nella mia lingua non si dice così Si dice così in un altra lingua che ho studiato Non ero sicuro Non è adatto alla situazione Non è adatto al canale

59 FASI DEL PROGETTO Pianificazione e preparazione Organizzazione del lavoro Svolgimento pratico Fasi preliminari alla presentazione Presentazione e valutazione Motivazione e sensibilizzazione degli studenti al tipo di lavoro proposto e all eventuale argomento (lettura testi sull argomento, visione progetti precedenti ecc.); Scelta del tipo di progetto (ricerca, progetto esplorativo); Scelta delle fonti (interviste, internet, libri, riviste, film ecc.) Scelta del supporto finale (video, recite, opuscoli informativi, mappe, itinerari turistici ecc.); Divisione in gruppi Divisione del lavoro Preparazione del materiale necessario allo svolgimento del progetto (es. scheda per le interviste, sceneggiatura per una rappresentazione teatrale ecc.) Gli studenti escono (metaforicamente/concretamente) fuori della classe e raccolgono le informazioni necessarie e/o realizzano attività Elaborazione delle informazioni e del lavoro svolto (file di presentazione) Stesura di testi di commento e descrizione Resa su un supporto (poster, video, presentazioni su computer, lucidi per lavagna luminosa ecc.) Correzione dei testi da parte dell insegnante Prove e simulazioni di presentazione da parte dell apprendente Presentazione e Presentazione, esposizione lavoro Discussione e feedback sul lavoro svolto Valutazione finale dell insegnante

60 ESEMPIO DI SCHEDA DI UN PROGETTO Titolo del progetto Livello di competenza Durata Obiettivi verificabili Descrizione Generi testuali Funzioni Scale delle attività QCER [2002: pp ] Compiti Caratteristiche Attrezzature Tipo Osservazioni, link e suggerimenti Le superstizioni B2 40 ore Lettura e comprensione di un testo con tema la superstizione; produzione scritta e orale di descrizione di immagini di gesti; commento a un testo audiovisivo in cui compaiono gesti Si tratta di una ricerca sulle superstizioni più comuni in Italia e nel resto del mondo. Prevede una ricerca bibliografica e sul web. E articolato nelle seguenti fasi: 1) organizzazione genarale del lavoro; 2) suddivisione in gruppi; 3) divisione delle aree geografiche da investigare; 4) investigazione; 5) elaborazione di una presentazione; 5) elaborazione di un testo scritto; 6) presentazione. Intervista; tabella di tipo statistico; relazione orale monologica; testi audiovisivi (spezzoni di film, pubblicità; documentario televisivo); dialogo informale Descrivere; confrontare e contrapporre; esprimere la propria opinione; argomentare Produzione orale e scritta; interattiva; ricezione orale e scritta Redazione di un breve testo descrittivo; esposizione orale dei risultati dell indagine Il lavoro può essere svolto dall'intero gruppo classe se non numeroso; altrimenti si suggerisce di dividere la classe in gruppi, in modo da poter presentare il progetto agli altri gruppi Computer per la ricerca sul web. Progetto testuale Può essere utile mostrare alcuni spezzoni di film che rappresentano alcuni gesti. Citiamo per tutti, l episodio "La patente", con Totò, tratto dall'omonima novella di Pirandello.

61 ESEMPIO DI SCHEDA DI UN PROGETTO Titolo del progetto Livello di competenza Durata Obiettivi verificabili Descrizione Il giornalino C1 40 ore Stesura di un articolo a partire da una traccia di indicazioni Scopo del progetto è la redazione settimanale di un giornalino. Le notizie riguardano temi di interesse generale: costume e società, sport, avvenimenti politici, proposte per il fine settimana e altri a scelta degli studenti. La redazione del giornalino è preceduta dall analisi di vari giornali cartacei e on line volta a rilevarne le caratteristiche dell organizzazione interna. Generi testuali Funzioni Scale delle attività QCER [2002: pp ] 109] Compiti Caratteristiche Attrezzature Tipo Osservazioni, link e suggerimenti Articolo di cronaca; articolo sportivo; articolo culturale; recensione di film, musica e libri. Commentare; esporre; sostenere la propria opinione e riportare opinioni altrui; confrontare e contrapporre; argomentare Produzione orale e scritta; ricezione scritta; riassumere Osservazione e analisi della struttura di un giornale; osservazione e analisi dei generi testuali coinvolti; rielaborazione e sintesi degli articoli letti; stesura di nuovi testi per il giornalino. Gli studenti si dividono in gruppi, ogni gruppo forma una redazione con un diverso argomento. Computer, fotocopiatrice Progetto esplorativo

62 Proposta di esercitazione Obiettivo: rendere un progetto veicolo di apprendimento linguistico Come? Pensandolo per un gruppo di apprendenti a cui si possa rivolgere Pianificando gli obiettivi Vlt Valutando il grado di autonomia Prevedendo la valutazione

63 SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL PROGETTO CARATTERISTICHE Materiale input fornito dall insegnante PUNTEGGIO Materiale input selezionato dagli apprendenti Insegnante tutor Lezione frontale Lezione workshop Sillabo a priori Sviluppo mirato di specifiche, singole abilità linguistiche Gestione dei tempi e dei ritmi da parte degli stessi apprendenti Gestione e organizzazione del lavoro da parte degli stessi studenti Attività individuali Attività di coppia Lavoro di gruppo Scelta di un argomento di lavoro da parte degli studenti Obiettivo finale da raggiungere (oggetto da realizzare) Uso libero di internet durante la lezione Uso guidato di internet tramite indicazioni dell insegnante Possibilità di uscire fisicamente fuori della classe Possibilità di contatti mirati con nativi Possibilità di ricercare liberamente in una biblioteca o mediateca TOTALE 3

64 ESEMPIO DI SCHEDA DI UN PROGETTO Titolo del progetto Livello di competenza Durata Obiettivi verificabili Descrizione Generi testuali Funzioni Scale delle attività QCER [2002: pp ] Compiti Caratteristiche Attrezzature Tipo Osservazioni, link e suggerimenti

65

66

67

68

69

70

71

72

73

74

75

76

77

78 Bibliografia Amati, A., La didattica per progetti: una strategia di rinnovamento, in "Strumenti Cres", maggio BERRETTINI L. 2007, Una classe venuta da lontano. proposta di un modello di sillabo processuale, Studi di Glottodidattica, I, (1): 3 17 Bordallo, J.P. Ginest 1999, Didattica per progetti, La Nuova Italia Bozzi, Branduardi, Cappelli, Moro, Valagussa 1998, Dal progetto al processo, Mursia CILIBERTI A, 2003, La classe come «ambiente comunicativo», in Ciliberti, Pugliese, Anderson: GIACALONE RAMAT A. (a c. di) 2003, Verso l italiano, Roma, Carocci IORI A. 1998, L autoapprendimento, in Serra Borneto (a c. di): ohnson D.W. e Johnson R.T. e Holubec E. 1996, Apprendimento cooperativo in classe, Erickson, Trento LEGUTKE M. - THOMAS H. 1991, Process and Experience in the Language Classroom, Pergamo Cassandro M, Maffei S., 2007, La didattica per progetti, in Curricolo di italiano a Stranieri, Guerra Edizioni, Perugia Polito 2000, Attivare le risorse del gruppo classe, Trento, Erikson Pozzo G. 1994, Ricerca Azione: apprendimento e sviluppo professionale dell insegnante, in Insegnando s impara, a cura di G. Pozzo, Torino, IRRSAE Piemonte QCER 2002, Consiglio d Europa Europa, Quadro comune europeo di riferimento per le lingue: apprendimento, insegnamento valutazione, Milano, R.C.S. Scuola, La Nuova Italia-Oxford, (ed. or. Council of Europe 2001, Common European Framework for Languages: Learning, Teaching, Assessment, Cambridge, CambridgUniversity Press trad. italiana di F. Quartapelle D. Bertocchi) QUARTAPELLE F. (a c. di) 1999a, Didattica per progetti, Milano, Franco Angeli QUARTAPELLE F. 1999b, Attuare il progetto, in Quartapelle (a c. di) 1999a: QUERCIOLI F. 2004, La didattica modulare per progetti nella prospettiva del Quadro Comune Europeo, in Jafrancesco (a c. di) RIDARELLI G. 1998, Project Work, in Serra Borneto (a c. di):

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Livelli A1-C2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Nota Il Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA descrive i contenuti delle prove PLIDA per ognuno dei sei

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano Comune di Modena Settore Istruzione Il volume presenta i materiali che documentano tre diverse esperienze, realizzate nelle scuole se- condarie di I grado di Modena nell ambito di azioni e progetti per

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Quadro o comune europeo di riferimento per le lingue:

Quadro o comune europeo di riferimento per le lingue: Quadro o comune europeo di riferimento per le lingue: apprendimento insegnamento valutazione Cap. 3 I Livelli comuni di riferimento 3.1 CRITERI PER I DESCRITTORI DEI LIVELLI COMUNI DI RIFERIMENTO Uno degli

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA:

PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA: PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA: La glottodidattica è una scienza teorico pratica che ha come scopo la risoluzione dei problemi di insegnamento/apprendimento di una seconda lingua. (da

Dettagli

L'ACQUISIZIONE DI UNA LINGUA SECONDA NELL'ERA DIGITALE. LA MULTIMEDIALITÀ APPLICATA AL PROGETTO

L'ACQUISIZIONE DI UNA LINGUA SECONDA NELL'ERA DIGITALE. LA MULTIMEDIALITÀ APPLICATA AL PROGETTO L'ACQUISIZIONE DI UNA LINGUA SECONDA NELL'ERA DIGITALE. LA MULTIMEDIALITÀ APPLICATA AL PROGETTO SOCRATES.. Katerin Katerinov - Università per Stranieri di Perugia La trasformazione radicale che l avvento

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO COMPETENZE LINGUISTICHE PROVINCIA DI TORINO. Anno scolastico 2008-2009. Prima fase

PROGETTO COMPETENZE LINGUISTICHE PROVINCIA DI TORINO. Anno scolastico 2008-2009. Prima fase PROGETTO COMPETENZE LINGUISTICHE PROVINCIA DI TORINO Anno scolastico 2008-2009 Prima fase Responsabile del progetto per la Provincia di Torino Sheila Bombardi Responsabile del progetto per British Institutes

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test In ce di Introduzione Cos è Parla con me? pagina 4 Parla con me 2 pagina 4 Il libro di classe pagina 5. Le unità didattiche pagina 5. Le schede culturali pagina 6. La storia a fumetti pagina 6. Le appendici

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

RICONOSCIMENTO DEI CREDITI E ACCOGLIENZA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI MODULARI PER ADULTI

RICONOSCIMENTO DEI CREDITI E ACCOGLIENZA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI MODULARI PER ADULTI RICONOSCIMENTO DEI CREDITI E ACCOGLIENZA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI MODULARI PER ADULTI Procedure e Strumentario per il riconoscimento dei crediti Prova sul Campo 2012 Il gruppo di lavoro Ricreare

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli