PROGETTO DI SENSIBILIZZAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI SENSIBILIZZAZIONE"

Transcript

1 Logo Provincia Logo Provincia Rifiuti PROGETTO DI SENSIBILIZZAZIONE Anno scolastico 2001/2002 in collaborazione con

2 Consorzio Smaltimento rifiuti Ciriè Via Don Lorenzo Giordano, Ciriè (TO) Tel. 011/ Fax 011/ Progettazione e supervisione: Cinzia Zugolaro - Corintea Educatori ambientali - Corintea Valeria Di Marcantonio, Lidia Sterpone Attività Laboratorio artistico: Valeria Di Marcantonio, Lidia Sterpone, Simonetta Monfrino Si ringraziano per la collaborazione: SCUOLA ELEMENTARE DI GROSSO AIMO BOOT Roberto DALPASSO Ivana CASTELLUCCIO Angiolina BRAMBILLA Mariangela SCUOLA ELEMENTARE. DI VILLANOVA ROSEO Monica FASSERO Cinzia MAGNETTI Maria Rosa SOFFIETTI Daniela CLASSE I-IV CLASSE II CLASSE III CLASSE V CLASSE IV-V CLASSE IV-V CLASSE II-III CLASSE II-III SCUOLA MEDIA DI MATHI BELLOMO Angela Torino - Luglio

3 INDICE Presentazione Consorzio La normativa comunitaria e nazionale Un percorso di sensibilizzazione Le proposte educative per le scuole elementari Le proposte educative per le scuole medie Il laboratorio artistico Il progetto Riciclando si impara L esperienza con le Scuole pag.4 pag.5 pag.7 pag.8 pag.17 pag.26 pag.29 pag.30 2

4 Gentile insegnante, con questa pubblicazione, redatta con la collaborazione di Corintea di Torino, si è voluto entrare nel vivo delle iniziative educative che il mondo della scuola potrà concretizzare, anche in futuro, per una reale azione di informazione ed educazione e per una corretta gestione dei rifiuti. A tal proposito la scuola rappresenta un luogo elettivo per attivare iniziative in grado di produrre cambiamenti non solo nelle conoscenze e negli atteggiamenti ma anche nei comportamenti più radicati. Ad essa, per ciò che è di sua competenza, il progetto denominato Riciclando si impara ha richiesto di contribuire alla costruzione di una cultura nei confronti del problema rifiuti in modo da sostenere e favorire uno sviluppo sociale ed economico compatibile per le attuali generazioni e per quelle future. Il presente documento si configura quindi come supporto didattico per attività incentrate sul tema rifiuti. Contiene proposte educative articolate secondo una sequenza ideale, tutt altro che vincolante per i docenti, che comprende alcune tappe fondamentali di un percorso educativo che coniuga la creatività e la professionalità del docente alle attività strutturate dei programmi scolastici. 3

5 Presentazione del Consorzio Il Consorzio Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani di Ciriè ha sede in Ciriè Via Don L. Giordano n 21. Esso raccoglie l adesione dei seguenti n.38 Comuni, per un totale di residenti circa. - Comunità Montana Valli di Lanzo (n. quattordici Comuni): Ala di Stura, Balme, Cantoira, Ceres, Chialamberto, Corio, Germagnano, Groscavallo, Lemie, Mezzenile, Pessinetto, Traves, Usseglio, Viù; - Comunità Montana Val Ceronda e Casternone (n. cinque Comuni): Givoletto, La Cassa, Val della Torre, Vallo Torinese, Varisella; - Altri Comuni non facenti parte delle Comunità Montane (n. 19 Comuni): Balangero, Barbania, Cafasse, Ciriè, Coassolo T.se, Fiano, Front, Grosso, Lanzo T.se, Mathi, Monastero di Lanzo, Nole, Robassomero, Rocca Canavese, San Carlo Canavese, San Francesco al Campo, San Maurizio Canavese, Villanova Canavese, Vauda Canavese. Secondo il Piano Regionale di gestione dei rifiuti il Consorzio Smaltimento Rifiuti di Ciriè rientra nel bacino di pianificazione n 17 cui fanno parte anche le altre Aziende che operano nel Canavese (A.S.A.), (A.I.A.S.), (S.C.S.), per un totale di popolazione pari a abitanti. Gli Organi del Consorzio sono: L Assemblea Consorziale composta dai Sindaci - o loro delegati di ciascun Comune aderente; il Consiglio di Amministrazione eletto dall assemblea (che si compone di cinque membri, compreso il Presidente); il Presidente del Consiglio di Amministrazione. Fanno inoltre parte della struttura organizzativa del Consorzio il Direttore ed il Segretario. Il Consorzio è titolare della discarica di 1^ categoria per rifiuti solidi urbani e assimilabili di Grosso loc. Vauda Grande che ha iniziato la propria attività il e il cui esaurimento è previsto nel la discarica ha una capienza totale di mc , una capienza residua (al 5/7/02) di mc ; la media di conferimenti giornalieri è di 115 tonnellate mentre la media annuale di conferimenti è di tonnellate. Ai fini dell applicazione di quanto previsto dalla normativa vigente e dalla pianificazione territoriale, il Consorzio Smaltimento Rifiuti di Ciriè ha definito con il proprio Progetto Territoriale un obiettivo di raccolta differenziata di oltre il 40% sull intero territorio consortile ed ha avviato conseguenti politiche tariffarie dello smaltimento in discarica dei rifiuti residui (indifferenziato). Sono state quindi avviate iniziative di raccolta domiciliare integrata (Mathi, Grosso, Villanova C.se e, dalla fine dell anno 2002, S. Maurizio C.se), basate sulla separazione secco-umido e sulla personalizzazione dei contenitori anche ai fini del passaggio del pagamento da tassa a tariffa. Il Consorzio ha appaltato alla ditta S.E.A. Soluzioni Ecologiche Ambientali con sede in Via Livorno 60 a Torino il servizio di raccolta differenziata domiciliare e trasporto della frazione cartacea dei rifiuti urbani nei Comuni di Grosso, Mathi, Robassomero, San Maurizio C.se e Villanova C.se; inoltre ha appaltato al CATN Consorzio Azienda Torino Nord con sede in Corso Agnelli 2 a Settimo T.se il servizio di raccolta e trasporto R.S.U., assimilati, raccolta differenziata e nettezza urbana nei Comuni di Grosso, Mathi e Villanova C.se. Per quanto riguarda gli altri Comuni il Consorzio non gestisce direttamente i servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti ma esercita un ruolo di indirizzo e coordinamento in tema di gestione dei rifiuti urbani mediante: l individuazione delle soluzioni di recupero e smaltimento e la relativa applicazione di idonee politiche tariffarie, la realizzazione di una rete di strutture di servizio alla raccolta differenziata. Firma Direttore del Consorzio Le iniziative di sensibilizzazione con le scuole dei comuni consorziati 4

6 Il Consorzio Smaltimento Rifiuti di Ciriè, nel corso degli anni scolastici , ha promosso delle iniziative di sensibilizzazione nelle scuole dei comuni consorziati; si riporta di seguito un breve riepilogo. INIZIATIVE ANNO SCOLASTICO INTERVENTI EFFETTUATI Concessione contributi Si è destinato l importo di ( ) in favore di attività di sensibilizzazione alla raccolta differenziata dei rifiuti; alla fine dell anno scolastico si è allestita una mostra degli elaborati in occasione del 5 Giugno, Giornata Mondiale dell Ambiente Progetto Ricicla Il progetto si è rivolto alle scuole elementari e medie dei Comuni Consorziati prevedendo una fase preliminare di formazione dei docenti ed una successiva con gli studenti; al termine del progetto si è realizzato un CD-Rom, distribuito alle scuole del consorzio Compostaggio scolastico Attività di sensibilizzazione al compostaggio domestico nelle scuole elementari e medie; l attività si è svolta attraverso alcuni incontri durante i quali si è mostrata una videocassetta sul tema e si è realizzato un gioco sulle tecniche del compostaggio; è stato inoltre distribuito alle scuole un vademecum sul compostaggio Progetto Riciclando si impara Attività di sensibilizzazione sui rifiuti, raccolta differenziata, riciclaggio; il progetto ha previsto un fase di incontri teorici ed una fase di laboratorio artistico Progetto Cartascuola Il progetto promosso dalla Regione Piemonte, prevede la distribuzione di materiale in carta riciclata agli alunni delle scuole materne ed elementari; dal 1999 il Consorzio aderisce al succitato progetto distribuendo quaderni, album, calendari e risme di carta La normativa comunitaria e nazionale 5

7 A livello comunitario, a parte le numerose Direttive, dalle quali discende la normativa nazionale, i Regolamenti, le Decisioni e le Risoluzioni, si sottolinea il Sesto Programma di Azione per l Ambiente della Comunità Europea (COM 2001/31/CE). In tema di prevenzione e gestione dei rifiuti esso si pone i seguenti obiettivi: riduzione della corrispondenza diretta tra crescita economica e produzione di rifiuti, puntando a migliorare le iniziative di prevenzione, ad aumentare l efficienza delle risorse e a passare a modelli di consumo più sostenibili; limitazione della pericolosità dei rifiuti per l ambiente e la salute umana; reimmissione della maggior parte dei rifiuti nel ciclo economico, soprattutto attraverso il riciclaggio, o restituzione all ambiente in forma utile (es. compostaggio) o perlomeno non nociva; riduzione al minimo assoluto delle quantità di rifiuti destinate allo smaltimento finale ed applicazione di modalità sicure di distruzione e smaltimento; trattamento dei rifiuti il più vicino possibile al luogo di produzione. I traguardi del Sesto Programma di Azione per l Ambiente! riduzione della quantità di rifiuti destinati allo smaltimento (rispetto ai valori del 2000) del: 20% circa entro il % entro il 2050! riduzione del volume di rifiuti pericolosi prodotti (rispetto ai valori del 2000) del: 20% circa entro il % entro il A livello nazionale il riferimento normativo principale è rappresentato dal D.Lgs. 22/97 cosiddetto Decreto Ronchi,i cui obiettivi quantitativi nella raccolta differenziata sono: # 15% entro il 2 marzo 1999 # 25% entro il 2 marzo 2001 # 35% entro il 2 marzo 2003 I principali elementi innovativi del decreto sono:! l individuazione della fase di smaltimento come fase residuale, da effettuarsi con il ricorso ad una rete di impianti, successivamente alla prevenzione e alle attività di riutilizzo, di riciclaggio e di recupero;! la priorità al riutilizzo, al riciclaggio ed al recupero di materia in genere (es. produzione di compost) rispetto ad altre forme di recupero, quale quello energetico (ad es. da frazione combustibile derivata da rifiuti urbani o assimilabili);! la definizione di espliciti obiettivi di raccolta differenziata finalizzata al riciclaggio come materiale, da rispettare obbligatoriamente in ciascun ambito territoriale ottimale, normalmente corrispondente alla provincia (15% entro il 1999, 25% entro il 2001 e 35% a partire dal 2003);! la creazione del sistema di recupero degli imballaggi, a carico dei produttori e utilizzatori (applicazione del principio della responsabilità condivisa ) organizzato sui consorzi di filiera ed un organismo di coordinamento nazionale (Co.N.A.I. Consorzio Nazionale Imballaggi), con un obiettivo di recupero complessivo tra il 55% ed il 65% dei rifiuti di imballaggio;! la definizione del criterio di gestione unitaria del sistema rifiuti urbani basato su ambiti territoriali ottimali, orientativamente corrispondenti alle province, al fine di superare la frammentazione della gestione;! applicazione, per il pagamento dei servizi di gestione dei rifiuti urbani, di un sistema tariffario, finalizzato alla completa copertura dei costi ed alla loro distribuzione in funzione anche delle quantità prodotte (applicazione del principio chi inquina paga ) in sostituzione dell attuale Tassa per lo smaltimento dei rifiuti. 6

8 In ambito regionale occorre evidenziare come i contenuti del Decreto Ronchi siano stati già parzialmente anticipati in Piemonte dalla L.R. 59/95 (Norme per la riduzione, il riutilizzo e lo smaltimento dei rifiuti), attualmente in fase di revisione. I dettami della norma nazionale e regionale sono state recepiti, sotto il profilo della pianificazione, nel Piano Regionale di gestione dei rifiuti, il quale traccia anche uno schema di riferimento per la pianificazione provinciale, attuata tramite i Programmi Provinciali. Il Piano Regionale prevede la realizzazione di un sistema integrato di gestione dei rifiuti con recupero e valorizzazione delle frazioni secche, recupero e compostaggio della frazione verde ed organica, recupero energetico della frazione combustibile non riciclabile. Prima dell attuale società, definita dell usa e getta, la produzione dei rifiuti era certamente diversa. Le cose prodotte duravano più a lungo e i rifiuti urbani erano molti di meno. La spazzatura era prevalentemente composta da sostanze diverse da quelle attuali, la parte organica era prevalente, la plastica era assente e gli imballaggi non presentavano problemi di smaltimento. Attualmente il ciclo di produzione dei prodotti, condizionato dal calcolo economico e commerciale, non tiene conto del destino delle merci stesse. In tal modo si sviluppano parallelamente ai cicli di produzione montagne di rifiuti da smaltire nei modi più svariati. Questo modello di sviluppo non può durare a lungo, e in questi ultimi anni si è presentata l esigenza di renderlo compatibile con le leggi della natura. Il problema dei rifiuti attiene, tuttavia, anche alla responsabilità del singolo e ad un uso corretto delle risorse non rinnovabili. In Italia la produzione di rifiuti urbani nell anno 2001 è stata pari a di tonnellate; in Piemonte nel 1999 sono state prodotte tonnellate di rifiuti urbani di cui la provincia di Torino ne produce circa il 54% seguita dalle altre realtà provinciali caratterizzate da produzioni inferiori. Ma dove vanno a finire tutti questi rifiuti? Una buona parte finisce nelle discariche, una parte viene bruciata nei termovalorizzatori e solo una minima parte viene riciclata. Attraverso il riciclaggio si evita che migliaia di tonnellate di rifiuti vengano smaltiti nei modi tardizionali con la duplice opportunità di ridurrre l inquinamento e di limitare il dispendio delle risorse naturali. Un percorso di sensibilizzazione 7

9 Le iniziative di un percorso di sensibilizzazione sul tema dei rifiuti, sono finalizzate ad assicurare una partecipazione attiva e cosciente da parte delle scolaresche e della cittadinanza ai programmi di raccolta differenziata presenti e in corso di attivazione sul territorio. L obiettivo è quello di costruire le basi di una cultura diversa nei confronti del problema rifiuti, attraverso l assunzione, da parte della scuola, di un ruolo forte quale agenzia di formazione delle nuove generazioni e di mediazione fra istituzione e cittadini. Il problema dei rifiuti è attuale, coinvolge tutti i cittadini e deve essere affrontato con una metodologia che miri a motivare gli alunni all'apprendimento e al cambiamento. Per rendere il percorso incisivo si programmano le attività al fine di :! rendere l'alunno "protagonista" degli argomenti che si sviluppano in classe, ciascuno porta la propria esperienza e riflette sui propri comportamenti;! sensibilizzare gli alunni verso la conoscenza del territorio che li circonda, sviluppare l'osservazione dell'ambiente e delle tracce lasciate dall'uomo nell'ambiente;! mirare alla concretezza presentando un percorso semplice e pratico legato ad esperienze quotidiane;! far sentire gli alunni parte integrante di una società, sarà anche loro la responsabilità di "lasciare alle generazioni future un mondo vivibile". Le attività svolte nelle classi si ispirano all idea che la scuola possa esercitare un ruolo importante come sollecitatore di responsabilità nei confronti delle problematiche legate ai rifiuti. Tenendo conto delle esigenze delle diverse classi vengono precisati di seguito i principali contenuti di un percorso di sensibilizzazione sul tema rifiuti: $ Approccio percettivo al problema rifiuti: relazioni tra ambiente e rifuti; $ Riconoscimento delle diverse tipologie di rifiuto; $ Sensibilizzazione sul tema della raccolta differenziata; $ Sensibilizzazione al riuso e al riciclo; $ Stimolazione della manualità degli alunni attraverso attività di laboratorio artistico. 8

10 Le proposte educative per le scuole elementari SCHEDA 1 9

11 SCOPRIAMO CON UN DISEGNO LE RELAZIONI TRA AMBIENTE E RIFIUTI Per attivare processi di apprendimento duraturi e significativi è essenziale attuare un azione di preconoscenza alla tematica dei rifiuti. In questa fase può essere utile una semplice attività volta a sondare conoscenze, sensibilità e atteggiamenti nei confronti dei rifiuti. Attraverso un disegno in cui si richiede "Che cosa ti fa venire in mente la parola rifiuto?", "Che cosa ti fa venire in mente la parola ambiente?", si può coinvolgere la classe, alimentare la discussione, scoprire eventuali luoghi comuni, avviare un commento e iniziare a relazionare i rifiuti con l'ambiente che ci circonda. Qualche suggerimento in più. Per i più piccoli è interessante far abbinare un colore a ciascuna idea...sarà utile per incentivare gli alunni ad esprimersi, a dare delle definizioni; in questa prima fase di lavoro è bene che gli alunni si esprimano liberamente, senza troppi condizionamenti esterni. COSA TI FA VENIRE IN MENTE LA PAROLA RIFIUTO? COSA TI FA VENIRE IN MENTE LA PAROLA AMBIENTE? SCHEDA 2 10

12 Tutti i giorni ormai sentiamo parlare dell'emergenza rifiuti, del rispetto dell'ambiente e di come molte città siano sommerse dai rifiuti. La qualità dell'ambiente che ci circonda è essenziale per condurre una vita serena; la sua salvaguardia non dipende solo dalle scelte effettuate da chi governa, ma anche dal quotidiano comportamento di tutti noi!! Tutti ne parliamo ma chi sono questi rifiuti, in quanti sono e che idea abbiamo noi di loro? Nella figura presentata di seguito i personaggi esprimono la propria opinione sui rifiuti. Tu come la pensi? Diamo quindi una definizione di rifiuto ma scegliamola tra le diverse opinioni dei personaggi di una vignetta! Ogni personaggio propone infatti una descrizione, ognuna è giusta ed ha un fondo di verità SCHEDA 3 11

13 Attraverso l'uso di una scheda dicotomica (una scheda dicotomica propone, per ogni domanda, la possibilità di scelta tra due risposte diverse; in funzione della risposta selezionata si arriva al risultato finale),si esaminano alcune tipologie di rifiuti e si verificano, attraverso il percorso guidato, le definizioni di rifiuto organico ed inorganico. Si suddivide la classe in gruppi di due o tre alunni per determinare il tipo di rifiuto che sarà loro assegnato. Saranno portati a rispondere a domande del tipo: 1. Se lo schiacci ti bagna le dita? 2. Se lo immergi in acqua come pensi di ritrovarlo dopo un po di giorni? 3. La natura riuscirebbe a costruire un oggetto come questo? 4. Se lo avvicini al naso puoi sentire un odore particolare? 5. Lo puoi buttare in un apposito cestino? Seguendo le dovute indicazioni della scheda dicotomica, i gruppi arriveranno ad una delle due definizioni:? STAI OSSERVANDO UN RIFIUTO ORGANICO? STAI OSSERVANDO UN RIFIUTO INORGANICO Completato il lavoro ogni gruppo leggerà alla classe il percorso seguito; questo sarà commentato introducendo i primi concetti fondamentali sul problema rifiuto e sul concetto di raccolta differenziata. 1. SE LO SCHIACCI TI BAGNA LE DITA? Se si, passa alla domanda n 2 Se no, passa alla domanda n 3 2. SE LO IMMERGI IN ACQUA, SI TRASFORMA DOPO UN PO DI GIORNI? Se si, passa alla domanda n 4 Se no, passa alla domanda n 3 3. SE METTESSI TANTI RIFIUTI DI QUESTO TIPO IN UN SACCHETTO, SENTIRESTI PUZZA DOPO ALCUNI GIORNI? Se si, passa alla domanda n 4 Se no, passa alla domanda n 5 4. LA NATURA RIUSCIREBBE A COSTRUIRE UN OGGETTO COME QUESTO? Se si, passa alla domanda n 6 Se no, passa alla domanda n 5 5. SE LO AVVICINI AL NASO PUOI SENTIRE UN ODORE PARTICOLARE? Se si, passa alla domanda n 6 Se no, passaall'affermazionen 8 6. PUOI BUTTARE QUESTO RIFIUTO IN UN CONTENITORE CONTENENTE SCARTI DI CIBO? Se si, passa all'affermazione n 7 Se no, passa all'affermazione n 8 7. STAI OSSERVANDO UN RIFIUTO ORGANICO 8. STAI OSSERVANDO UN RIFIUTO INORGANICO SCHEDA 4 Al termine dell attività pratica svolta attraverso la guida della scheda dicotomica, si propone un semplice riepilogo delle caratteristiche principali di un rifiuto organico e di uno inorganico sottoponendo all attenzione degli allievi la seguente scheda: 12

14 ABBIAMO CAPITO CHE UN RIFIUTO E': ORGANICO Se schiacciandolo Se immerso per un po in acqua Se ammucchiato con altri rifiuti dello stesso tipo, dopo un po di giorni Se è un oggetto costruito dalla Se avvicinato al naso ha un INORGANICO Se schiacciandolo Se immerso per un po in acqua Se ammucchiato con altri rifiuti dello stesso tipo, dopo un po di giorni Se è un oggetto costruito dall' Se avvicinato al naso non ha SCHEDA 5 13

15 L obiettivo dell'attività è rilevare i tipi di rifiuti prodotti a scuola dai singoli allievi. E' quindi consigliabile proporre la raccolta differenziata di classe per almeno 5 o 6 giorni consecutivi predisponendo in classe diversi contenitori in cartone su cui gli alunni potranno scrivere il nome dei diversi materiali da raccogliere in modo separato. Prima infatti di misurare quantitativamente i rifiuti prodotti dalla classe, è opportuno verificare che la raccolta sia stata eseguita correttamente e provare a classificare i rifiuti accumulati. Oltre ad avere un approccio diretto con le diverse tipologie di rifiuti prodotti, si avrà anche la percezione di quanto i rifiuti possano costituire un problema dal punto di vista dell ingombro spaziale. Gli oggetti che gettiamo quotidianamente nella spazzatura possono avere una nuova utilità tramite un diverso uso o una nuova vita attraverso la raccolta differenziata e il riciclaggio. Per far ciò è necessario fare attenzione ai materiali che devono essere raccolti in modo differenziato. Si propone agli alunni di pescare alcuni rifiuti da un sacchetto che verrà loro fornito cercando di collocarli nel cestino giusto. L esperienza servirà a far conoscere alcuni tipi di rifiuti prodotti quotidianamente e quindi i diversi materiali di cui sono composti; questo porterà alla spiegazione dei concetti di differenziazione dei rifiuti e di riciclaggio. Si potrà inoltre proporre di ricostruire una sorta di carta di identità per ciascun rifiuto specificando il materiale, la consistenza, il colore ed altro, tali dati saranno importanti al fine di capire, con il proseguimento del lavoro, le possibili trasformazioni del rifiuto nel tempo e quindi l'impatto che questi possono avere sull'ambiente. SCHEDA 6 14

16 In natura tutto viene riciclato A partire da tale constatazione derivano una serie di importanti riflessioni che sono alla base dell'ecologia (il consumo delle risorse, le reti alimentari, l'ambiente come serie di relazioni). Partendo dal mondo in cui vivono i ragazzi si può invitare a fare un censimento degli oggetti che più frequentemente si usano durante la giornata, a scuola, a casa; si procede poi ad analizzare il perché un oggetto viene gettato e quindi diventa un rifiuto, dove lo si può buttare differenziandolo dagli altri ed infine le possibilità di riuso dei vari oggetti. Gli alunni sono così portati a riflettere sulle "possibilità alternative" che un oggetto acquista se ci si sofferma a pensare alla possibilità di riusarlo. Molte soluzioni sono di immediata intuizione, come per esempio l'abitudine di cedere vestiti vecchi o di utilizzare alcuni imballaggi per le attività creative scolastiche. L'intento è infatti quello di sollecitare la capacità di vedere oltre ciò che vi è davanti agli occhi o che siamo abituati a vedere: una bottiglia di plastica vuota può infatti essere vista come un uno strano personaggio, un salvadanaio, un porta matite, una libellula Sarà utile infatti far capire come oltre alla raccolta differenziata dei rifiuti sia anche possibile improvvisarsi "artisti" con materiali di scarto quali carta, plastica, vetro. Il dibattito che può scaturire da tale attività può servire a focalizzare l'attenzione su due punti fondamentali: la produzione di imballaggi e il recupero o riutilizzo dei rifiuti. Per quanto riguarda il riciclo offre la possibilità di riflettere sulle "nuove vite" degli oggetti che si usano quotidianamente; il problema deve essere altresì affrontato a monte e cioè alla produzione di oggetti che in un futuro potrebbero diventare rifiuti, in particolar modo tutti gli involucri che contengono e proteggono i prodotti in commercio come ad esempio gli imballaggi. OGGETTO PERCHE VIENE BUTTATO DOVE LO BUTTO Pane Carta Bottiglia di plastica maglietta COME LO POSSO RIUTILIZZARE La natura ci suggerisce una possibile soluzione al problema dei rifiuti Il gioco delle 4 ERRE!!! 1 RIDURRE: bisogna impegnarsi a ridurre la produzione dei rifiuti, ognuno di noi dovrebbe impegnarsi ad acquistare meno rifiuti (imballaggi) e a produrne meno. 2 RIUSARE: bisogna cercare di allungare la vita ai prodotti che comperiamo, non buttare subito un oggetto senza prima aver pensato a come poterlo riusare. 3 RICICLARE: riciclare vuol dire reinserire il materiale proveniente dalla raccolta differenziata nello stesso ciclo di provenienza; per far rivivere un rifiuto bisogna quindi differenziarlo. 4 RECUPERARE: l'energia liberata dalla combustione dei materiali permette al rifiuto di essere considerato una vera e propria risorsa. SCHEDA 7 15

17 Lo sapevate che i nostri nonni producevano molti rifiuti in meno rispetto a noi? E' importante conoscere il passato per poter rendersi conto di come sia cambiato il tenore di vita e le abitudini. L'attività suggerisce di riflettere su domande del tipo: quali rifiuti pensi che producessero i tuoi nonni? Quali tipi di imballaggi erano presenti sul mercato? La nostra generazione produce più o meno rifiuti? Si può inoltre sottoporre all'attenzione dei nonni e anziani un questionario, elaborarlo ricavando informazioni utili per avviare una discussione in classe sul cambiamento dei comportamenti tra ieri ed oggi. NOME DEL GIORNALISTA:. NOME DELLA PERSONA INTERVISTATA:.. ETA': Cosa c'era un tempo nel bidone dell'immondizia? Nei negozi cosa si vendeva di diverso da oggi? C'erano tanti tipi di imballaggi? Come erano confezionati i generi alimentari che si comperavano? Gli scarti erano riutilizzati o riciclati? Come si usavano gli scarti del cibo? Come si utilizzavano i vecchi vestiti e indumenti? SCHEDA 8 La scheda propone un'esperienza pratica tesa a far capire alla classe le modifiche che i rifiuti subiscono se posti in acqua, nel suolo o lasciati all aria. 16

18 Si suddivide la classe in tre gruppi denominati : aria, acqua, suolo. Ciascun gruppo sarà incaricato di procurarsi alcuni rifiuti e un contenitore dove riporli (il gruppo aria riporrà semplicemente i rifiuti nel contenitore; il gruppo acqua li immergerà nel contenitore pieno d'acqua; il gruppo suolo disporrà i rifiuti in un po di terriccio). Prima di iniziare l esperienza si faranno alcune ipotesi che saranno verificate solo dopo un certo periodo di osservazione. I gruppi avranno quindi il compito di tenere sotto controllo il proprio contenitore e di compilare una scheda settimanale in cui verrà specificato il grado di deterioramento dei diversi rifiuti. Sarà consigliabile che ogni gruppo abbia lo stesso numero di rifiuti e degli stessi materiali in modo da garantire un utile confronto. Ciò porterà ad importanti considerazioni sui tempi che un rifiuto impiega per deteriorarsi in relazione all'ambiente in cui si trova. In laboratorio.. predisporre tre campioni uguali composti da quattro rifiuti; il primo campione verrà sotterrato in un luogo aperto avendo cura di non ammassare i rifiuti per facilitarne l'osservazione. Il secondo campione verrà immerso in acqua ed il terzo sarà lasciato in un luogo all'aperto ben areato. L'attività prevede l'osservazione periodica dei rifiuti per circa due mesi; la classe dovrà annotare i cambiamenti che si verificano nel tempo: colore, forma, volume, consistenza,...etc. Dalle osservazioni e dalle comparazioni la classe potrà pervenire ad una prima stima sulla degradabilità, sui tempi che ciascun rifiuto impiega a degradarsi, i fattori che favoriscono o che determinano la degradazione. Tali considerazioni possono essere un punto di partenza per riflettere sul rispetto che l'uomo deve avere nei confronti della natura e sul dispendio di energia che quest'ultima deve sopportare per eliminare i rifiuti prodotti dall'uomo. Collegato infatti al concetto di biodegradabilità vi è il concetto di inquinamento. IL MATERIALE DI CUI HO BISOGNO: GRUPPO L'ESPERIMENTO CONSISTE IN: Dove vengono messi gli oggetti portati da casa? Cosa voglio scoprire da questo esperimento? LE NOSTRE IPOTESI SONO: OSSERVIAMO DOPO UNA SETTIMANA RIFIUTI ARIA ACQUA TERRA TORSOLO DI MELA TOVAGLIOLO BOTTIGLIA PLASTICA BARATTOLO VETRO 17

19 Le proposte educative per le scuole medie 18

20 Il percorso di sensibilizzazione proposto per le scuole medie inferiori parte dalle stesse considerazioni di base fatte nelle scuole elementari per poi approfondirne determinati argomenti o trattarne di nuovi. Molte schede didattiche tra cui la scheda tre, cinque, sei, sette e otto presentate precedentemente, sono un buon punto di partenza per affrontare la tematica dei rifiuti, per creare spunti di riflessione e alimentare dibattiti. SCHEDA 1 Attraverso il questionario iniziale si introduce il tema, si solleva il problema, si comprende il grado di coinvolgimento dell'alunno e si può strutturare il percorso didattico. L attività può essere riproposta alla fine del percorso educativo in modo da evidenziare, attraverso il confronto degli elaborati, la maturazione del percorso di conoscenza e di consapevolezza da parte delle classi coinvolte. Rispondendo a queste semplici domande scoprirai il tuo grado di conoscenza sulle problematiche del mondo dei rifiuti se i tuo dubbi sono troppi, cercheremo di risolverli insieme! 1. COSA SIGNIFICA LA PAROLA RICICLARE? trasformazione del rifiuto attraverso processi industriali utilizzare un oggetto più volte prima di buttarlo cercare di ridurre gli imballaggi superflui 2. COSA SUGGERISCI PER EVITARE LA FORMAZIONE DEI RIFIUTI? fare la raccolta differenziata costruire più discariche scegliere prodotti con meno imballaggi 3. COSA FARESTI PER MIGLIORARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEL TUO QUARTIERE? incrementare il numero di contenitori campagne di aggiornamento sulla tematica della raccolta differenziata sensibilizzazione al problema a livello scolastico 5. QUALI RIFIUTI SONO PIÙ PERICOLOSI SE DISPERSI NELL AMBIENTE? plastica pile medicinali 6. QUALI TRA I RIFIUTI ELENCATI IMPIEGA PIÙ TEMPO A DEGRADARSI? Torsolo di mela Tovagliolo di carta Bottiglia di vetro 7. COME SI PUÒ DEFINIRE IL COMPOSTAGGIO? processo di smaltimento rifiuti processo aerobico di trasformazione degli scarti organici selezionati a monte triturazione di scarti legnosi 19

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti il mondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti Lo Sviluppo Sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News 1 di 9 1/30/2009 4:47 PM Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News ITALIA, DOVE MUOIONO I PC E I CELLULARI OBSOLETI Quando gli italiani

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1 INDICE 1. Introduzione: importanza

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli