Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web"

Transcript

1 Semantic Web L. Farinetti - Politecnico di Torino Semantic Web Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino 1 z Seconda generazione del Web z conceptual structuring of the Web in an explicit machine-readable way (Tim Berners-Lee) z In altre parole lasciamo fare più lavoro alle macchine!!! L. Farinetti - Politecnico di Torino 2 Il Web oggi z Il Web è un insieme di risorse e link z Le risorse sono identificate dalle URI: Uniform Resource Identifiers z Un mondo eccitante per l utente z D altro lato, pochissima informazione è leggibile dalle macchine z Il significato dei documenti è chiaro a chi conosce l inglese (o l italiano...) z Il significato dei link è rivelato solo dal contesto in cui si trova l ancora L. Farinetti - Politecnico di Torino 3 Il Semantic Web: una semplice estensione z Il Web è un insieme di risorse e link z Risorse e link sono identificati dalle URI: Uniform Resource Identifiers z Le risorse possono essere tipizzate z Un mondo ancora più eccitante per l utente z Le macchine saranno in grado di accedere ad informazione machine-readable z lavoro più agevole sia per le macchine sia per gli utenti z conivisione di conoscenze più semplice L. Farinetti - Politecnico di Torino 4 Il Semantic Web z Documenti che si auto-descrivono z Contenuto fortemente strutturato z Estende il Web dalla presentazione alla semantica z L attività del W3C è stata lanciata nel 2001 z Un cenno alla storia: è la proposta originale del Web!!! L. Farinetti - Politecnico di Torino : proposta originale del WWW L. Farinetti - Politecnico di Torino 6 Laura Farinetti - DAUIN Politecnico di Torino pag. 1

2 Obiettivi del Semantic Web z Realizzare appieno le potenzialità del Web z Rendere efficiente e conveniente la memorizzazione della conoscenza z Focalizzato sull utilizzo delle macchine The Semantic Web is an extension of the current web in which information is given well-defined meaning, better enabling computers and people to work in cooperation. Tim Berners-Lee, James Hendler, Ora Lassila, Tim Berners-Lee, James Hendler, Ora Lassila, The Semantic Web L. Farinetti - Politecnico di Torino 7 Obiettivi del Semantic Web The bane of my existence is doing things that I know the computer could do for me. Dan Connolly, The XML Revolution z Obiettivo finale : il progetto di tecnologie che supportino lo scambio globale di informazione facilitato dall uso delle macchine L. Farinetti - Politecnico di Torino 8 Obiettivi del Semantic Web Il Semantic Web consentirà alle macchine di COMPRENDERE dati e documenti che hanno una semantica associata, NON il linguaggio naturale z W3C: risorse su Semantic web: L. Farinetti - Politecnico di Torino 9 I metadati z Dati strutturati sui dati z Un livello più alto di informazione che descrive z contenuto z qualità z struttura z accessibilità z di uno specifico insieme di dati L. Farinetti - Politecnico di Torino 10 metadati I metadati I metadati titolo autore parole chiave documento data creazione contenuto z Obiettivo: z migliorare la ricerca e l accessibilità alle informazioni distribuite z facilitare l elaborazione, l analisi e la modellazione dei dati z L uso efficace dei metadati richiede convenzioni comuni su struttura, sintassi e semantica L. Farinetti - Politecnico di Torino 11 L. Farinetti - Politecnico di Torino 12 Laura Farinetti - DAUIN Politecnico di Torino pag. 2

3 Applicazione: scoperta di risorse z I motori di ricerca sono in grado di comprendere meglio il contenuto di una data pagina z Ricerche più accurate z L informazione aggiuntiva aumenta la precisione z Rende le ricerche automatizzate possibili, perché è richiesto meno lavoro manuale per processare i risultati delle ricerche L. Farinetti - Politecnico di Torino 13 Esempio: pianificare un viaggio a Parigi z Con il Web di oggi: z usare un motore di ricerca per avere l elenco delle linee aeree z cercare i voli di ciascuna linea aerea, per scegliere la migliore z usare un motore di ricerca per avere l elenco delle agenzie di viaggio z controllare tutte le agenzie di viaggio, per scegliere la più conveniente e fare la prenotazione L. Farinetti - Politecnico di Torino 14 Esempio: pianificare un viaggio a Parigi z Con il Web di oggi: z usare un motore di ricerca per avere l elenco degli hotel di Parigi z controllare gli hotel, sceglierne uno e fare la prenotazione z stampare le informazioni su volo e hotel L. Farinetti - Politecnico di Torino 15 Esempio: pianificare un viaggio a Parigi z Con il Semantic Web: z chiedere la lista di tutti voli disponibili per Parigi, di qualunque linea aerea, al prezzo minore z sceglierne uno: la prenotazione è effettuata in modo automatico z la ricerca di un hotel a Parigi parte anche in modo automatico z scegliere uno degli hotel proposti: la prenotazione è fatta in modo automatico L. Farinetti - Politecnico di Torino 16 Esempio: pianificare un viaggio a Parigi z Con il Semantic Web: z tutte le informazioni sono copiate sul computer palmare z nel computer palmare sono memorizzati anche nome e numero di telefono di una lista di ristoranti di Parigi e tutte le altre informazioni utili (numeri di soccorso, consolato, ) Rappresentazione della conoscenza z Insieme di informazioni strutturate z Insieme di regole di inferenza z Ragionamento automatico z Campo: intelligenza artificiale z Stato dell arte: chiaramente è un ottima idea, ci sono alcune belle demo, ma non ha ancora cambiato il mondo... L. Farinetti - Politecnico di Torino 17 L. Farinetti - Politecnico di Torino 18 Laura Farinetti - DAUIN Politecnico di Torino pag. 3

4 I sistemi tradizionali di rappresentazione della conoscenza z Centralizzati: tutti devono condividere la stessa definizione dei concetti comuni z Limite alle domande che possono essere poste, in modo che il sistema possa rispondere in modo affidabile (o persino possa rispondere...) z Qualunque sistema sufficientemente complesso da essere utile comprende anche domande senza risposta (es: questa frase è falsa) L. Farinetti - Politecnico di Torino 19 Il Semantic Web z Accetta i paradossi e le domande senza risposta a fronte di maggiore versatilità z Le regole sono sufficientemente espressive da consentire al Web di ragionare in modo esteso z La sfida: fornire un linguaggio in grado di esprimere sia i dati sia le regole per ragionare sui dati, e che consenta di esportare sul Web le regole di qualunque sistema di rappresentazione della conoscenza esistente L. Farinetti - Politecnico di Torino 20 z z z z Le componenti fondamentali del Semantic web Collezioni di informazioni strutturate Regole per ragionare sulle informazioni Ontologie Agenti L. Farinetti - Politecnico di Torino 21 Gli agenti z Programmi che collezionano i contenuti dal Web a partire da sorgenti diverse, elaborano le informazioni e scambiano i risultati con altri programmi z Punto fondamentale: i contenuti del Web devono essere machine-readable z Scambio di prove : traduzione del ragionamento interno dell agente nel linguaggio proprio del Semantic Web L. Farinetti - Politecnico di Torino 22 Le ontologie z Un ontologia è la descrizione esplicita di un dato dominio z concetti z proprietà ed attributi dei concetti z vincoli su proprietà ed attributi z istanze (spesso, non sempre) z Un ontologia definisce z un vocabolario comune z una comprensione condivisa L. Farinetti - Politecnico di Torino 23 Ontology Engineering z Consiste nel definire i termini propri di un dominio e le relazioni fra di essi z definire i concetti del dominio (classi) z strutturare i concetti in una gerarchia dei concetti (sotto-classi e super-classi) z definire quali attributi e proprietà (slot) possono avere le classi, e quali sono i vincoli sul valore z definire le istanze e riempire gli slot con i valori L. Farinetti - Politecnico di Torino 24 Laura Farinetti - DAUIN Politecnico di Torino pag. 4

5 Perché definire un ontologia? L architettura del Semantic Web z Per condividere una comprensione comune sulla struttura delle informazioni z fra le persone z fra gli agenti software z Per consentire il riuso della conoscenza relativa al dominio z evitare di re-inventare la ruota z introdurre standard per l interoperabilità L. Farinetti - Politecnico di Torino 25 L. Farinetti - Politecnico di Torino 26 L. Farinetti - Politecnico di Torino XML Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino 27 Introduzione z XML: extensible Markup Language z Linguaggio estensibile realizzato per elaborare i documenti strutturati z Pensato per il Web e per superare i limiti dell HTML z Sottoinsieme di SGML: Standard Generalized Markup Language z Sviluppato dal W3C, World Wide Web Consortium L. Farinetti - Politecnico di Torino 28 Le specifiche z La prima bozza di XML risale al 1996 z Attuale specifica: 1.0 (10 febbraio 1998) z Traduzione in italiano: z World Wide Web Consortium: L. Farinetti - Politecnico di Torino 29 XML, HTML e SGML z HTML è un linguaggio predefinito z XML è un metalinguaggio z non ha tag predefiniti z consente di definire nuovi metalinguaggi z Anche SGML è un metalinguaggio z molto complesso z XML è un sottoinsieme di SGML z un documento XML valido è conforme allo standard SGML L. Farinetti - Politecnico di Torino 30 Laura Farinetti - DAUIN Politecnico di Torino pag. 5

6 Perché utilizzare XML? z Chi scrive in XML può focalizzarsi solo sul contenuto del documento z Si possono scrivere linguaggi "ad hoc" per specifiche comunità di utenti (matematici, chimici, musicisti, ) z È facile passare dall SGML all XML, e quindi al Web z XML facilita lo scambio di dati fra applicazioni di tipo diverso L. Farinetti - Politecnico di Torino 31 Le componenti di XML Contenuto Struttura Stile L. Farinetti - Politecnico di Torino 32 Le componenti di XML z Tre parti fondamentali di un documento che dovrebbero essere gestite separatamente z Il contenuto (XML) z Le specifiche relative agli elementi: la struttura (DTD: Document Type Definition o XML Schema) z Le specifiche relative alla visualizzazione: lo stile (XSL) L. Farinetti - Politecnico di Torino 33 L. Farinetti - Politecnico di Torino 34 Esempio di contenuto: XML Esempio di struttura <?xml version="1.0"?> <biblioteca> <libro> <titolo>2001: Odissea nello spazio</titolo> <autore>arthur Charles Clarke</autore> <data>1969</data> <ISBN> </ISBN> <editore>longanesi</editore> </libro> </biblioteca> titolo libro autore biblioteca libro data ISBN libro editore L. Farinetti - Politecnico di Torino 35 L. Farinetti - Politecnico di Torino 36 Laura Farinetti - DAUIN Politecnico di Torino pag. 6

7 DTD: Document Type Definition z Contiene le regole di definizione dei tag z Indica gli elementi ed il loro ordine all'interno del documento XML z Non è obbligatorio, ma consigliato z documento XML valido vs documento XML ben formato z Può essere interno o esterno al documento XML L. Farinetti - Politecnico di Torino 37 Esempio di struttura: DTD <!DOCTYPE biblioteca [ <!ELEMENT biblioteca (libro+)> <!ELEMENT libro (titolo, autore+, data, ISBN, editore)> <!ELEMENT titolo (#PCDATA)> <!ELEMENT autore (#PCDATA)> <!ELEMENT data (#PCDATA)> <!ELEMENT ISBN (#PCDATA)> <!ELEMENT editore (#PCDATA)> ]> L. Farinetti - Politecnico di Torino 38 XML Schema z Inizialmente proposto da Microsoft, e poi adottato dal W3C z Alternativo ai DTD per specificare la struttura di un documento (grammatica) z Proposed Recommendation del 30 marzo 2001, in tre parti z primer (Part 0): descrizione generale z structure (Part 1): linguaggio di descrizione degli schema z datatypes (Part 2): definizione dei tipi di dato L. Farinetti - Politecnico di Torino 39 Vantaggi di XML Schema z... rispetto ai DTD z più facili da utilizzare z estensibili z più ricchi z usano la sintassi XML z supportano diversi tipi di dato: stringhe, numeri reali, interi, decimali, boolean, data e ora, URI,... L. Farinetti - Politecnico di Torino 40 Esempio di struttura: XML Schema <?xml version="1.0"?> <xsd:schema xmlns:xsd=" <xsd:element name="biblioteca"> <xsd:complextype> <xsd:sequence> <xsd:element ref="libro" minoccurs="1" maxoccurs="unbounded"/> </xsd:sequence> </xsd:complextype> </xsd:element> L. Farinetti - Politecnico di Torino 41 Esempio di struttura: XML Schema <xsd:element name="libro"> <xsd:complextype> <xsd:sequence> <xsd:element ref="titolo" minoccurs="1" <xsd:element ref="autore" minoccurs="1" <xsd:element ref="data" minoccurs="1" <xsd:element ref="isbn" minoccurs="1" <xsd:element ref="editore" minoccurs="1" </xsd:sequence> </xsd:complextype> </xsd:element> L. Farinetti - Politecnico di Torino 42 Laura Farinetti - DAUIN Politecnico di Torino pag. 7

8 Esempio di struttura: XML Schema <xsd:element name="titolo" type="xsd:string"/> <xsd:element name="autore" type="xsd:string"/> <xsd:element name="data" type="xsd:string"/> <xsd:element name="isbn" type="xsd:string"/> <xsd:element name="editore" type="xsd:string"/> </xsd:schema> Esempio di stile: XSL <xsl:stylesheet xmlns:xsl=" <xsl:template match="/"> <HTML> <HEAD> <TITLE> Esempio di XML/XSL in IE 5.0 </TITLE> </HEAD> L. Farinetti - Politecnico di Torino 43 L. Farinetti - Politecnico di Torino 44 Esempio di stile: XSL <BODY> <H2 ALIGN="CENTER">La mia biblioteca</h2> <P><TABLE BORDER="1"> <TR><TH>Titolo</TH> <TH>Autore</TH> <TH>Editore</TH> <TH>ISBN</TH> </TR> <xsl:for-each select="biblioteca/libro"> <TR> <TD><xsl:value-of select="titolo"/></td> <TD><xsl:value-of select="autore"/></td> <TD><xsl:value-of select="editore"/></td> <TD><xsl:value-of select="isbn"/></td> </TR> </xsl:for-each> </TABLE></P> </BODY> </HTML> </xsl:template> </xsl:stylesheet> Esempio di stile: XSL L. Farinetti - Politecnico di Torino 45 L. Farinetti - Politecnico di Torino 46 Esempio di stile: XSL L. Farinetti - Politecnico di Torino 47 Laura Farinetti - DAUIN Politecnico di Torino pag. 8

XML: extensible Markup Language

XML: extensible Markup Language XML: extensible Markup Language Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino laura.farinetti@polito.it L. Farinetti - Politecnico di Torino 1 Introduzione XML: extensible Markup

Dettagli

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it La struttura: DTD Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino laura.farinetti@polito.it L. Farinetti - Politecnico di Torino 1 Modello di struttura I tag annidati danno origine

Dettagli

Portale Multicanale delle PA del territorio della Regione Emilia-Romagna: un inizio di rete semantica di informazioni

Portale Multicanale delle PA del territorio della Regione Emilia-Romagna: un inizio di rete semantica di informazioni Portale Multicanale delle PA del territorio della Regione Emilia-Romagna: un inizio di rete semantica di informazioni Grazia Cesari Regione Emilia-Romagna ForumPA Roma 10 Maggio 2006 Con il supporto di

Dettagli

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

Linguaggi per il web oltre HTML: XML

Linguaggi per il web oltre HTML: XML Linguaggi per il web oltre HTML: XML Luca Console Con XML si arriva alla separazione completa tra il contenuto e gli aspetti concernenti la presentazione (visualizzazione). XML è in realtà un meta-formalismo

Dettagli

Laboratorio Matematico Informatico 2

Laboratorio Matematico Informatico 2 Laboratorio Matematico Informatico 2 (Matematica specialistica) A.A. 2006/07 Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Laboratorio Matematico Informatico 2 p. 1/1 Informazioni Orario

Dettagli

La struttura: XML Schema

La struttura: XML Schema La struttura: XML Schema Laura Farinetti, Fulvio Corno Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino L. Farinetti, F. Corno - Politecnico di Torino 1 XML Schema Inizialmente proposto da Microsoft,

Dettagli

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I Introduzione ad XML G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I XML XML (Extensible Markup Language) è un insieme standard di regole sintattiche per modellare la struttura di

Dettagli

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Outline Web 2.0 e Semantic Web Social Software Semantica e Ontologie SEDIMENTO 2 Obiettivi Aggiungere

Dettagli

Definire linguaggi XML XSchema

Definire linguaggi XML XSchema Definire linguaggi XML XSchema 1 XMLSchema: cos'è e a cosa serve Scambio di informazioni/dati deve essere trattato in modo automatico I documenti XML usati da più partner devono avere la stessa struttura

Dettagli

extensible Markup Language XML

extensible Markup Language XML Operatore informatico giuridico A.A 2003/2004 I Semestre extensible Markup Language XML Dr. Raffaella Brighi Limiti di HTML Non consente la descrizione dei dati: i marker HTML specificano come visualizzare

Dettagli

Manuali.net. Nevio Martini

Manuali.net. Nevio Martini Manuali.net Corso base per la gestione di Siti Web Nevio Martini 2009 Il Linguaggio HTML 1 parte Introduzione Internet è un fenomeno in continua espansione e non accenna a rallentare, anzi è in permanente

Dettagli

APPENDICE C extensible Markup Language

APPENDICE C extensible Markup Language APPENDICE C extensible Markup Language C.1 extensible Markup Language, concetti di base XML è un dialetto di SGML progettato per essere facilmente implementabile ed interoperabile con i suoi due predecessori

Dettagli

Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05. Il web è costituito da:

Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05. Il web è costituito da: XML Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05 Motivazioni Il web è costituito da: Un insieme di protocolli per lo scambio di informazioni e documenti (HTTP/TCP/IP ) Un insieme enorme di calcolatori

Dettagli

3.1 Introduzione al Web Semantico

3.1 Introduzione al Web Semantico Informatica Applicata 3.1 Introduzione al Web Semantico Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE 3.1 Introduzione al Web Semantico*

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Rappresentazione della Conoscenza Lezione 10 Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Sistemi ed applicazioni Sistemi di rappresentazione della conoscenza basati su logiche descrittive.

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

ma l XML va ben al di là dell HTML: serve per descrivere

ma l XML va ben al di là dell HTML: serve per descrivere Il metalinguaggio XML 1 Introduzione all'xml Il futuro dei linguaggi di markup: XML = EXtensible Markup Language è una versione semplificata dell SGML Nasce con l'intento di superare alcune limitazioni

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Distribuita. Introduzione a XML. Dott. Marco Bianchi Università degli Studi di L'Aquila

Laboratorio di Programmazione Distribuita. Introduzione a XML. Dott. Marco Bianchi Università degli Studi di L'Aquila Laboratorio di Programmazione Distribuita Dott. Marco Bianchi Università degli Studi di L'Aquila bianchi@di.univaq.it http://di.univaq.it/~bianchi Cos'è XML? XML = extensible Markup Language E' un meta-linguaggio

Dettagli

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica Applicata 2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE

Dettagli

Introduzione a XML. Language

Introduzione a XML. Language Introduzione a XML 1 Che cos è XML? XML: Extensible Markup Language anguage: è un linguaggio che consente la rappresentazione di documenti e dati strutturati su supporto digitale è uno strumento potente

Dettagli

Tecnologie Web T Introduzione a XML

Tecnologie Web T Introduzione a XML Tecnologie Web T Introduzione a Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/tw/ Versione elettronica: 2.01..pdf Versione elettronica: 2.01.-2p.pdf 1 Che cos è? : Extensible Markup Language:

Dettagli

extensible Markup Language

extensible Markup Language XML a.s. 2010-2011 extensible Markup Language XML è un meta-linguaggio per definire la struttura di documenti e dati non è un linguaggio di programmazione un documento XML è un file di testo che contiene

Dettagli

Informatica Applicata 3.3 OWL. Antonella Poggi. Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE

Informatica Applicata 3.3 OWL. Antonella Poggi. Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE Informatica Applicata 3.3 OWL Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE The Semantic Web Tower Antonella Poggi Pagina 2 Le ontologie

Dettagli

La macchina siamo noi

La macchina siamo noi Altri La macchina siamo noi Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia Diapositiva 1 di 24 Perchè questa trattazione? Perchè il più grande flusso di informazioni oggi lo abbiamo

Dettagli

Linguaggi di markup. Programma e obiettivi. Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it. I linguaggi di Markup ed il web. HTML e le sue lacune

Linguaggi di markup. Programma e obiettivi. Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it. I linguaggi di Markup ed il web. HTML e le sue lacune Linguaggi di markup Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it Programma e obiettivi I linguaggi di Markup ed il web HTML e le sue lacune extensible Markup Language Document Type Definition Rappresentare Documenti

Dettagli

Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza

Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza Dichiarazione di accessibilità del sito di Ulisse - Nella rete della scienza I riferimenti riguardano quanto indicato nelle Recommendation del World Wide Web Consortium (W3C) ed in particolare in quelle

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

Apprendimento collaborativo attraverso Wiki Wiki Web e Semantic Web

Apprendimento collaborativo attraverso Wiki Wiki Web e Semantic Web Apprendimento collaborativo attraverso Wiki Wiki Web e Semantic Web Paolo Castagna giovedì, 1 aprile 2004 Tanti x Tanti non fa tutti Siti scolastici accessibili: si può? Ufficio Scolastico

Dettagli

I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici. Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007

I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici. Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007 I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007 Argomenti Che cosa sono i metadati Criticità relative a definizione, indentificazione e classificazione

Dettagli

Ontologie e World Wide Web: la diffusione della conoscenza.

Ontologie e World Wide Web: la diffusione della conoscenza. Università degli Studi dell Insubria Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Sede di Como Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Ontologie e World Wide Web: la diffusione della

Dettagli

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI Documenti su Internet LINGUAGGI DI MARKUP Internet permette (tra l altro) di accedere a documenti remoti In generale, i documenti acceduti via Internet sono multimediali, cioè che possono essere riprodotti

Dettagli

HTML (Hyper Text Markup Language)

HTML (Hyper Text Markup Language) HTML (Hyper Text Markup Language) E un linguaggio di scrittura di pagine per Internet (pagine web) nato nel 1992. E un linguaggio di marcatura ipertestuale Non è un linguaggio di programmazione, in quanto

Dettagli

2 Reti di Calcolatori XML

2 Reti di Calcolatori XML 2 3 4 5 6 7 8 root element Risultati Basi di dati 10 Dicembre 2003 Mario Rossi Corso Data List a_st

Dettagli

Creare documenti XML. La natura epistemologica della codifica. Perché comprare XML? La struttura gerarchica ordinata. Riassumendo le componenti

Creare documenti XML. La natura epistemologica della codifica. Perché comprare XML? La struttura gerarchica ordinata. Riassumendo le componenti Lez. 7 Creare documenti XML La codifica deve raggiungere 2 traguardi: Accessibilità tecnica Permanenza a lungo termine 05/03/12 Perché comprare XML La natura epistemologica della codifica HTML Descrive

Dettagli

XML. XML è contemporaneamente: XML non è:

XML. XML è contemporaneamente: XML non è: XML XML è contemporaneamente: Linguaggio di annotazione (Markup) che permette di creare gruppi di marcatori (tag set) personalizzati (MathML, XHTML, chemicalml, ecc..) Formato standard per lo scambio dei

Dettagli

Creare un Ipertesto. www.vincenzocalabro.it 1

Creare un Ipertesto. www.vincenzocalabro.it 1 Creare un Ipertesto www.vincenzocalabro.it 1 Obiettivi Il corso si prefigge di fornire: Le nozioni tecniche di base per creare un Ipertesto I consigli utili per predisporre il layout dei documenti L illustrazione

Dettagli

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione Evoluzione del Web Direzioni di sviluppo del web a) Multimedialità b) Dinamicità delle pagine e interattività c) Accessibilità d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione e) Web semantico

Dettagli

SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato

SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato 27 marzo 2007 v.1.7 SIAGAS: Manuale Utente: utente non autenticato 1/10 1 Introduzione 1.1 Destinatario del prodotto SIAGAS è uno Sportello Informativo per

Dettagli

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Applicazioni e Architetture Internet 1 Introduzione Introduzione alle architetture a tre livelli Formati di dati per il Web HTML, XML, DTD 2 Componenti dei sistemi dataintensive Tre tipi separati di funzionalità:

Dettagli

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice Indice 4. XML Extensible Markup Language...2 4.1 Usi di XML...3 4.2 Caratteristiche di XML...3 4.3 Elementi...5 4.4 Attributi...5 4.4.1 Documento XML ben formato...6 4.5 Informazioni di controllo...6 4.5.1

Dettagli

MODA-ML: Esempi di XSL (Extensible Stylesheet Language) Vocabolario di supporto alla creazione di un set di Schemi di documenti XML

MODA-ML: Esempi di XSL (Extensible Stylesheet Language) Vocabolario di supporto alla creazione di un set di Schemi di documenti XML MODA-ML: Esempi di XSL (Extensible Stylesheet Language) Vocabolario di supporto alla creazione di un set di Schemi di documenti XML Thomas Imolesi imolesi@libero.it fti@bologna.enea.it XML un linguaggio

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013 Corso di HTML Modulo L3 1-Concetti generali 1 Prerequisiti Browser Rete Internet Client e server 2 1 Introduzione In questa Unità introduciamo alcuni semplici elementi del linguaggio HTML, con il quale

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE WEB EDITING - Versione 2.0

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE WEB EDITING - Versione 2.0 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE WEB EDITING - Versione 2.0 Copyright 2010 The European Computer Driving Licence Foundation Ltd. Tutti I diritti riservati. Questa pubblicazione non può essere riprodotta

Dettagli

XML. Parte VI - Introduzione e nozioni fondamentali di sintassi. XML: Extensible Markup Language:

XML. Parte VI - Introduzione e nozioni fondamentali di sintassi. XML: Extensible Markup Language: XML Parte VI - Introduzione e nozioni fondamentali di sintassi XML: cosa è XML: Extensible Markup Language: è un linguaggio che consente la rappresentazione di documenti e dati strutturati su supporto

Dettagli

Corso di Informatica Umanistica - Esercitazioni C A.A. 2008-2009. Dr. Antonio Bucchiarone 23 Aprile 2009

Corso di Informatica Umanistica - Esercitazioni C A.A. 2008-2009. Dr. Antonio Bucchiarone 23 Aprile 2009 Corso di Informatica Umanistica - Esercitazioni C A.A. 2008-2009 LEZIONE 1 ORGANIZZAZIONE ED INTRODUZIONE HTML Dr. Antonio Bucchiarone 23 Aprile 2009 Mi Presento Esercitatore: Antonio Bucchiarone SOA ResearchUnit,

Dettagli

HTML+XML= XHTML. Che cos è l XHTML

HTML+XML= XHTML. Che cos è l XHTML HTML+XML= XHTML Il ritorno al futuro del WEB A cura di Barbara Lotti Che cos è l XHTML Nel gennaio del 2000 il W3C ha rilasciato, anziché una nuova versione, una riformulazione dell HTML come applicazione

Dettagli

HTML HyperText Markup Language:

HTML HyperText Markup Language: HTML HyperText Markup Language: Linguaggio utilizzato per creare pagine Web 421 Introduzione HTML è l'acronimo di HyperText Markup Language HTML e il linguaggio standard per descrivere e definire il contenuto

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

Esercitazione di Basi di Dati

Esercitazione di Basi di Dati Esercitazione di Basi di Dati Corso di Fondamenti di Informatica 6 Maggio 2004 Come costruire una ontologia Marco Pennacchiotti pennacchiotti@info.uniroma2.it Tel. 0672597334 Ing.dell Informazione, stanza

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A. 2011-2012. Language) Stylesheet.

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A. 2011-2012. Language) Stylesheet. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A. 2011-2012 XSL (extensible( Stylesheet Language) Eufemia TINELLI Contenuti XSL = XSLT + XSL-FO (+ XPath)

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

XML: La nascita del linguaggio

XML: La nascita del linguaggio XML: introduzione alla codifica dei testi Con la codifica dei testi si intende la rappresentazione dei testi stessi su un supporto digitale in un formato utilizzabile dall'elaboratore (Machine Readable

Dettagli

Internet e le Mappe Cognitive

Internet e le Mappe Cognitive Dott. Gianluca De Grandis www.deghi.com/coevo newcoevo@deghi.com 1.1 L organizzazione attuale dei siti Web Il World Wide Web fu inventato nel 1989 da Tim Berners-Lee 1 presso il CERN di Ginevra. Il progetto

Dettagli

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL 20/01/2011 1 Business Ontology ToolKit Business Ontology Toolkit (BOTK) è un insieme estensibile di strumenti per realizzare applicazioni basate

Dettagli

Architettura client-server

Architettura client-server Architettura client-server In un architettura client-server ci sono due calcolatori connessi alla rete: un client che sottopone richieste al server un server in grado di rispondere alle richieste formulate

Dettagli

Direzione Centrale Accertamento. Indagini finanziarie. Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte

Direzione Centrale Accertamento. Indagini finanziarie. Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte Direzione Centrale Accertamento Indagini finanziarie Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte I poteri degli uffici Ambito soggettivo E stato ampliato il

Dettagli

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate Università della Calabria, Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Progettazione di Sistemi Informativi Docente: Alfredo Cuzzocrea Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Dettagli

/XML ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 XML

/XML ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 XML XML 1 ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 XML XML è un linguaggio di marcatura proposto dal W3C XML definisce una sintassi generica per contrassegnare i dati di un documento elettronico con marcatori

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

Problemi, Algoritmi e Programmi

Problemi, Algoritmi e Programmi MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Problemi, Algoritmi e Programmi Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Introduzione

Dettagli

Protégé. Cos è un ontologia

Protégé. Cos è un ontologia Protégé Cos è un ontologia Un ontologia è una descrizione formale di concetti in un dominio (classi) le proprietà di ciascun concetto (slot) le restrizioni sugli slot (facets) ONTOLOGIA + UN INSIEME DI

Dettagli

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML SGML (Standard General Markup Language) Molteplicità di documenti di tipo diverso (es. web): articoli, cataloghi, rubriche, tabelle di dati etc..

Dettagli

Rappresentare i file XML - XSL

Rappresentare i file XML - XSL Rappresentare i file XML - XSL Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it CSS2, XSL, XSLT, XPath 1 XSL - exstensible Stylesheet Language XSL Raccomandazione del W3C (2001) Per aumentare la flessibilità dello

Dettagli

Web applications (WA)

Web applications (WA) Web applications (WA) Web application workflow Tutte le WA fanno all incirca le stesse cose Trasmettono al web server i dati Eseguono l elaborazione dei dati sul lato server (server-side processing) Formattano

Dettagli

XML e standard connessi. XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink

XML e standard connessi. XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink XML e standard connessi XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink 1 Sommario Introduzione XML 1.0 XML-Names XSL XPointer e XLink 2 XML XML (Extensible Markup Language [sic!]) è un meta-linguaggio di markup,

Dettagli

XML e TEI: introduzione alla codifica dei testi letterari. La nascita del linguaggio. Il concetto di metalinguaggio di codifica SGML

XML e TEI: introduzione alla codifica dei testi letterari. La nascita del linguaggio. Il concetto di metalinguaggio di codifica SGML XML e TEI: introduzione alla codifica dei testi letterari Con la codifica dei testi si intende la rappresentazione dei testi stessi su un supporto digitale in un formato utilizzabile dall'elaboratore (Machine

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 10 -

Informatica per la comunicazione - lezione 10 - Informatica per la comunicazione" - lezione 10 - Evoluzione del Web" Nell evoluzione del Web si distinguono oggi diverse fasi:" Web 1.0: la fase iniziale, dal 1991 ai primi anni del 2000" Web 2.0: dai

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Esercitazione XML. Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A.

Esercitazione XML. Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A. Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it

Dettagli

Prefazione. Piersalvo Ortu 1

Prefazione. Piersalvo Ortu 1 Prefazione Questa tesi ha come obiettivo principale descrivere in che modo i documenti XML possano essere utilizzati per essere visualizzati su diversi apparati, dai browser Web ai dispositivi cellulari,

Dettagli

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione Corso di PHP 1 - Introduzione 1 Prerequisiti Conoscenza HTML Principi di programmazione web Saper progettare un algoritmo Saper usare un sistema operativo Compilazione, link, esecuzione di programmi Conoscere

Dettagli

Indice INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 ORGANIZZAZIONE DI CONTENUTI MULTIMEDIALI E WEB SEMANTICO PROF. ANTONIO TUFANO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Realizzazione di un Tool per l iniezione automatica di difetti all interno di codice Javascript

Realizzazione di un Tool per l iniezione automatica di difetti all interno di codice Javascript tesi di laurea di difetti all interno di codice Javascript Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ch.mo ing. Domenico Amalfitano candidato Vincenzo Riccio Matr.

Dettagli

Daniele Marini. Linguaggi di Markup

Daniele Marini. Linguaggi di Markup Daniele Marini Linguaggi di Markup Cosa sono? Un linguaggio di markup è un sistema di annotazione del testo Più propriamente i linguaggi di markup sono metalinguaggi Consentono cioè di parlare di un linguaggio

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Indice PARTE PRIMA L INIZIO 1

Indice PARTE PRIMA L INIZIO 1 Indice Introduzione XIII PARTE PRIMA L INIZIO 1 Capitolo 1 Esplorare il World Wide Web 3 1.1 Come funziona il World Wide Web 3 1.2 Browser Web 10 1.3 Server Web 14 1.4 Uniform Resource Locators 15 1.5

Dettagli

Itis Cardano. Introduzione a HTML. Pavia. M. Rivera Itis Cardano Pavia. A.s. 2005-2006

Itis Cardano. Introduzione a HTML. Pavia. M. Rivera Itis Cardano Pavia. A.s. 2005-2006 Introduzione a HTML A.s. 2005-2006 M. Rivera Itis Cardano Pavia Itis Cardano Pavia Sommario Introduzione al linguaggio HTML Struttura di un documento HTML Link ipertestuali Immagini e oggetti multimediali

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

Elaborazione di documenti elettronici

Elaborazione di documenti elettronici Elaborazione di documenti elettronici Silvio Peroni speroni@cs.unibo.it http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0 Sommario Documento, documento elettronico e codifica binaria Markup XML, HTML e fogli

Dettagli

Programmi. Algoritmi scritti in un linguaggio di programmazione

Programmi. Algoritmi scritti in un linguaggio di programmazione Programmi Algoritmi scritti in un linguaggio di programmazione Sistema operativo:programma supervisore che coordina tutte le operazioni del calcolatore Programmi applicativi esistenti Sistemi di videoscrittura

Dettagli

XML Master di II livello "Sistemi informativi geografici per il monitoraggio e la gestione del territorio"

XML Master di II livello Sistemi informativi geografici per il monitoraggio e la gestione del territorio XML Master di II livello "Sistemi informativi geografici per il monitoraggio e la gestione del territorio" Claudio Rocchini claudio@rockini.name Istituto Geografico Militare 2013 Introduzione a XML extensible

Dettagli

Introduzione al linguaggio XML, extensible Markup Language

Introduzione al linguaggio XML, extensible Markup Language Introduzione al linguaggio XML, extensible Markup Language Lezione del Corso Interazione Uomo Macchina 1, Docente Francesco Mele Corso di Laurea in Informatica Università di Napoli Federico II, Anno Accademico

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008-2009. Class Discovery E.

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008-2009. Class Discovery E. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Class Discovery E. TINELLI Contenuti Classi di analisi: definizione ed esempi Tecniche per la definizione

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict.

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict. Tasti di accesso rapido Al fine di migliorare l'accessibilità del sito sono stati definiti i seguenti tasti di accesso rapido, per attivare le principali funzionalità offerte: [H] = Homepage [R] = Ricerca

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com Cosa è XML? extensible Markup Language Linguaggio è una definizione limitativa XML serve a descrivere con precisione qualsiasi informazione XML è estensibile. Ovvero non ha tag predefiniti come HTML XML

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO

IL SISTEMA INFORMATIVO IL SISTEMA INFORMATIVO In un organizzazione l informazione è una risorsa importante al pari di altri tipi di risorse: umane, materiali, finanziarie, (con il termine organizzazione intendiamo un insieme

Dettagli

Le tecnologie del semantic web per la gestione di documenti in ambito distribuito

Le tecnologie del semantic web per la gestione di documenti in ambito distribuito Le tecnologie del semantic web per la gestione di documenti in ambito distribuito Riccardo Albertoni Istituto di Matematica Applicata e Tecnologie Informatiche - Sezione Genova Consiglio Nazionale delle

Dettagli

XML: UNO STANDARD IN ESPANSIONE

XML: UNO STANDARD IN ESPANSIONE XML: UNO STANDARD IN ESPANSIONE Ernesto Damiani Paolo Fezzi XML, inizialmente proposto come standard per la rappresentazione dei documenti testuali, si sta ora imponendo come infrastruttura generale del

Dettagli

HTML 1. HyperText Markup Language

HTML 1. HyperText Markup Language HTML 1 HyperText Markup Language Introduzione ad HTML Documenti HTML Tag di markup Formattazione del testo Collegamenti ipertestuali Immagini Tabelle Form in linea (moduli) Tecnologie di Sviluppo per il

Dettagli

IL WEB SEMANTICO. INTERNET PENSANTE la piu avanzata ipotesi di intelligenza collettiva

IL WEB SEMANTICO. INTERNET PENSANTE la piu avanzata ipotesi di intelligenza collettiva IL WEB SEMANTICO INTERNET PENSANTE la piu avanzata ipotesi di intelligenza collettiva Termine web semantico: è associato all idea di un web nel quale agiscano agenti intelligenti in grado di comprendere

Dettagli

Internet e World Wide Web

Internet e World Wide Web Alfonso Miola Internet e World Wide Web Dispensa C-02 Settembre 2005 1 Nota bene Il presente materiale didattico è derivato dalla dispensa prodotta da Luca Cabibbo Dip. Informatica e Automazione Università

Dettagli

XML Schema WWW. Fabio Vitali

XML Schema WWW. Fabio Vitali XML Schema Fabio Vitali Sommario Oggi esaminiamo in breve XML Schema u Perché non bastano i DTD u Tipi ed elementi u Definizione di elementi ed attributi u Altri aspetti rilevanti di XML Schema A seguire:

Dettagli