Progetto Interculturale IN TUTTE LE NOSTRE LINGUE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Interculturale IN TUTTE LE NOSTRE LINGUE"

Transcript

1 DIREZIONE DIDATTICA STATALE F. S. CABRINI VIA DELLE FORZE ARMATE 65 - MILANO Progetto Interculturale IN TUTTE LE NOSTRE LINGUE A.S a cura di Valentina Caracausi e Piervito Cucinelli 1

2 INDICE GENERALE Premessa p.4 Descrizione e obiettivi del progetto p.6 Il contesto p.8 Attività a sostegno degli stranieri p.10 La classe multiculturale p.11 Le attività proposte p.13 Focus group p.14 Intervista individuale p.15 Valorizzare la lingua d origine: l insegnante si racconta p.16 Un mondo di scritture p.18 Buon compleanno p.20 Il confronto linguistico: come si scrive? p.21 Gli alfabeti del mondo a colori p.23 L importanza dei documenti p.23 L organizzazione dei materiali acquisiti p.26 Conclusioni p.29 INDICE MATERIALI FILE UTILI File Il Quaderno dell integrazione File Materiale Zanichelli 2

3 File Raccontami una fiaba File Parole per accogliere ALLEGATI Allegato 1: Per Conoscerci Allegato 2: Giochi dal Mondo Allegato 3: Confronto tra Alfabeti Allegato 4: Buon Compleanno Allegato 5: Come si scrive Allegato 6: Filastrocche del Mondo Allegato 7a: Biglietto Natalizio Allegato 7b - file musicale A me non importa Allegato 8: Colori Allegato 9a: Parole di cortesia Allegato 9b: A domanda risposta Allegato 9c: Numeri Allegato 10: Foto dal Mondo 3

4 IL PROGETTO IN TUTTE LE NOSTRE LINGUE PREMESSA Non bisognerebbe permettere a nessun bambino, iniziata una nuova esperienza educativa, di mettere da parte la cultura e la lingua delle proprie origini, in quanto il curricolo scolastico dovrebbe sempre riflettere gli aspetti principali che hanno caratterizzato la sua vita fino a quel momento. 1 Prendendo spunto da questa citazione ho avviato il progetto interculturale di seguito presentato e denominato In tutte le nostre lingue, svolto in una classe quarta della scuola primaria dove ho prestato servizio durante l anno scolastico 2009/2010. La società plurale e di conseguenza anche le istituzioni scolastiche sono attraversate, oggi più che mai, dal tema della relazione, dell integrazione, dell'incontro con gli altri e della gestione delle differenze. Differenze più o meno visibili, vissute e diventate pratica quotidiana grazie alla presenza di chi viene da lontano e vive accanto a noi. Partendo dalla considerazione che l apprendimento della seconda lingua da parte degli alunni stranieri deve essere al centro dell azione didattica, sono consapevole che l attenzione all acquisizione del nuovo idioma deve prevedere anche il riconoscimento e la valorizzazione della lingua d origine e delle culture altre, da considerare risorse e non ostacoli da rimuovere. 1 Amatucci L., Prospettive di educazione interculturale, Roma, Bulzoni,1995 4

5 Il modello di scuola a cui il mio percorso si è ispirato è quello che si pone in equilibrio tra accoglienza e riconoscimento delle diversità e che si può definire integrativo, interculturale, attento alla tutela e alla valorizzazione delle lingue e culture d origine. Questa, tuttavia, non è ancora una regola condivisa e può accadere che di fronte ad un bambino immigrato appena inserito, un insegnante esordisca dicendo: <Non mi interessa se non capisci, basta che non disturbi!> 2 Di fronte ad affermazioni simili più volte mi sono chiesta: cosa fanno gli insegnanti per dare valore al background linguistico-culturale degli allievi appena arrivati? L approccio interculturale attento alle differenze e alla relazione con l altro promuove il confronto, la scoperta e lo scambio fra storie e culture, a partire dalla consapevolezza che i valori che danno senso alla vita non sono tutti nella nostra cultura, ma neppure tutti nella cultura degli altri. 3 Partendo da questo presupposto ogni insegnante dovrebbe formulare il suo intervento educativo in modo da fronteggiare adeguatamente contesti variegati come quelli di una classe multiculturale, dove non sono solo importanti le risorse tecniche e didattiche, ma anche quelle emotive intrinseche al lavoro educativo. 2 L invisibile bambino filippino neo-inserito in una classe quinta della scuola primaria dove ho lavorato come insegnante di sostegno qualche anno fa. Un insegnante continuava a chiamarlo Marco perché si trovava in Italia e lo ha spesso ignorato senza prestare quell attenzione particolare di cui ogni bambino immigrato durante la fase del primo inserimento necessita. Dopo la fase di silenzio, di timore e di spaesamento, in modo del tutto autonomo e senza alcun aiuto da parte degli insegnanti, i quali hanno assunto un comportamento che potremmo definire escludente, Mark inizò a dire qualche parola in italiano, unica chance per essere accettato. 3 C.M. 73, Dialogo Interculturale e Convivenza Democratica: l impegno progettuale della scuola,marzo,

6 DESCRIZIONE E OBIETTIVI DEL PROGETTO Il mio tentativo è stato quello di trovare il modo di rivalutare le conoscenze linguistiche di tutti gli alunni, senza però dimenticare che dietro ogni bambino c è una storia da cui occorre partire per promuovere un reale progetto di integrazione e inclusione che vada oltre la semplice attuazione del protocollo d accoglienza di cui ogni scuola dispone. A tal proposito durante la realizzazione del progetto sono stati previsti percorsi didattici e attività che hanno coinvolto ogni bambino in modo attivo nell effettuare ricerche, interviste, reperire foto e ricette magari coinvolgendo i familiari, e ancora giochi, curiosità, divertirsi confrontando gli alfabeti per trovare la differenza tra lingua scritta e lingua parlata, ma anche fare cose da grandi come qualcuno mi ha detto - organizzando il materiale/documenti che loro stessi avevano portato a scuola, il tutto volto alla realizzazione finale del cartellone interculturale, strumento rivelatosi indispensabile per realizzare una vero percorso di integrazione. Le attività proposte hanno stimolato i bambini al confronto tra le diversità culturali, alla conoscenza di altre lingue, alla valorizzazione degli idiomi presenti nella classe. Nella progettazione del percorso ho individuato alcuni filoni che, a mio avviso, ne costituiscono i punti di forza, garanzia di un approccio interculturale nella scuola: dare agli alunni bilingui l opportunità di condividere le conoscenze linguistiche legate alla loro origine; allargare gli orizzonti culturali degli alunni italofoni; prendere coscienza che ogni cultura, quale portatrice di valori, va trattata con dignità e rispetto; 6

7 stimolare la consapevolezza dell'esistenza di diversi punti di vista e modalità di relazione, analizzando le reazioni e le emozioni messe in luce dal confronto con la diversità; favorire nei bambini l'accettazione e la valorizzazione delle diversità nell incontro con espressioni di culture diverse con cui vengono quotidianamente a contatto; superare l'etnocentrismo e scoprire l'arricchimento che ogni cultura rappresenta per le altre, in vista di un atteggiamento più solidale e aperto; dare ai genitori l opportunità di essere attivamente coinvolti nell apprendimento dei loro bambini. Partendo dal presupposto che generalmente si teme e si allontana da sé ciò che non si conosce, la finalità del progetto è stata quella di avvicinare i bambini ad altre culture per educare al rispetto reciproco e all integrazione, per allontanare la paura che spesso nasce quando ci accostiamo all altro e per comprendere, invece, che l arricchimento personale deriva dall incontro con la diversità. I contenuti del percorso sono stati veicolati in modi diversi: sono stati presi in considerazione gli argomenti delle singole discipline scolastiche quali punto di partenza delle diverse attività del progetto, sono state utilizzate metodologie attive che hanno visto la partecipazione di ogni singolo alunno e l intervento-testimonianza di genitori e nonni quali portavoce di esperienze e tradizioni che, anche se lontane, diventano vicine attraverso il loro racconto e le loro parole. Altro nucleo tematico del progetto è rappresentato dalla dimensione linguistica, spesso trascurata, dalle differenze e dalle analogie di cui ogni lingua si caratterizza, analizzata a partire da un comune sfondo integratore, il viaggio, che 7

8 ha alimentato la curiosità degli alunni e ha consentito loro di avvicinarsi, conoscere ed apprezzare realtà distanti anche grazie alla lettura di alcune fiabe del progetto RACCONTAMI UNA FIABA, contenute nella cartella FILE UTILI e rivelatesi un importante premessa per iniziare il mio percorso. IL CONTESTO Nella scuola F.S. Cabrini vi è un elevato numero di alunni stranieri, in grande prevalenza extracomunitari e di nazionalità diverse. L insediamento sul territorio di componenti plurietniche non ha causato forti problematiche, anzi la frammentarietà del tessuto sociale implica che nell istituzione scolastica vi sia un alto grado di attenzione verso i diversificati bisogni dell intera utenza ed una pertinente e adeguata risposta alle necessità educativo-formative individuali. Pertanto la scuola e non solo quella di cui vi parlo, è lo specchio della realtà sociale e si ritrova oggi a dover affrontare tematiche e situazioni complesse come: multiculturalità e plurietnicità accrescimento quantitativo e non qualitativo delle esperienze trasformazione della configurazione della famiglia e conseguenti problematiche Questa realtà, se da un lato porta con sé occasione di arricchimento, dall altro richiede alla scuola e a tutti coloro che ne fanno parte, interventi educativi personalizzati sempre più mirati ed efficaci. Delle linee didattiche che definiscono il POF, ne ho voluto riportare solo alcune, quelle che secondo me meritano un preciso pensiero. Ognuna di esse esprime il modo di essere e di vivere la scuola oggi: 8

9 la flessibilità: cioè la capacità di leggere e tener conto dei risultati, degli esiti, degli effetti complessivi, attraverso un continuo feedback, prodotti dall operare l investimento: cioè l utilizzo razionale delle risorse volto ad ottenere i migliori risultati possibili l interazione scuola e famiglia: cioè il miglioramento e la collaborazione fattiva fra scuola e famiglia degli alunni per soddisfare i bisogni della crescita integrale della persona. I principi fondamentali cui si ispirano le attività della scuola sono quelli che possiamo ritrovare in qualunque altro documento all interno di ogni istituzione scolastica. Il punto che merita un accurata riflessione è proprio quello in cui si parla di accoglienza ed integrazione, principi che possono sembrare scontati ma che in alcuni casi, soprattutto il secondo, non lo sono affatto e nonostante sia un diritto a norma di legge, i trasgressori senza dolo, si spera, rimangono impuniti; gli unici a pagarne le conseguenze sono i bambini stranieri o chiunque si senta non integrato che si ritrovano, come sostiene Peguy, confinati alle porte della città. Il principio dell integrazione non può e non deve rimanere fine a se stesso, ma si tratta di un concetto più ampio, di quello che è stato definito il terremoto inserimento, che arriva all improvviso e che non puoi fare a meno di viverlo. Ciò che più conta è che viverlo non dovrà significare subirlo e farlo subire passivamente, ma si dovranno sfruttare e valorizzare tutte le risorse e ricchezze, implicite ed esplicite, di cui ognuno di noi è portatore. La Scuola si deve impegnare a favorire l accoglienza degli alunni con iniziative volte a migliorare 9

10 l inserimento e la vera integrazione di questi ultimi, non solo con tante belle parole ufficiali ma soprattutto con i fatti. ATTIVITA A SOSTEGNO DEGLI STRANIERI Tenendo conto delle variabili di complessità e di coerenza con le finalità educative e formative esplicitate sopra, quello che ogni insegnante e ogni istituzione scolastica dovrebbe proporsi è: garantire a ogni bambino pari opportunità di istruzione, sviluppando al massimo le potenzialità e i talenti individuali (Vedi file PAROLE PER ACCOGLIERE ); favorire l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri (vedi file IL QUADERNO DELL INTEGRAZIONE ); promuovere lo scambio interculturale come occasione di confronto/arricchimento e come esperienza di convivenza civile e democratica (vedi file MATERIALE ZANICHELLI ); predisporre al rispetto dell altro, all accettazione delle diversità, alla cooperazione, alla condivisione e alla solidarietà (vedi file RACCONTAMI UNA FIABA ). Purtroppo come qualsiasi altro settore, la scuola è in crisi per cui le risorse professionali disponibili interne vengono utilizzate per organizzare laboratori i cui destinatari, suddivisi in piccoli gruppi di livello, fruiscono di interventi compensativi in un clima rassicurante e sereno. Gli insegnanti titolari dei laboratori sono però supplenti temporanei ai quali è stato assegnato tale incarico senza che abbiano nessuna preparazione in merito e che giorno per giorno si 10

11 arrangiano con un metodo fortuito per insegnare qualcosa a questi bambini con il trattino. Bisognerebbe invece progettare unità di apprendimento funzionali ai bisogni formativi rilevati dopo il momento dell accoglienza dove un equipè preparata deve adottare di volta in volta le metodologie didattiche più idonee a valorizzare la cultura, la lingua del neo-inserito e favorire l apprendimento della nuova lingua facendogli capire che non dovrà dimenticare la sua lingua d origine, non dovrà far tabula rasa di ciò che fino a ieri era la sua vita, non dovrà dimenticare ma dovrà fare tesoro del suo passato che insieme al suo presente renderà ricco il suo futuro. Prove e momenti ludico didattici potranno fare in modo che il bambino non si senta sotto esame ma libero di esprimersi. Ormai dovrebbe essere chiaro che nella scuola, come in ogni altra istituzione formativa, la presenza di alunni stranieri richiede disponibilità e collaborazione fra tutti gli operatori scolastici al fine di favorire, in un clima sereno e accogliente, un processo dinamico di scambi affettivi, intellettivi e operativi che comportino la crescita individuale e collettiva. Nella scuola Cabrini le attività a sostegno degli alunni stranieri sono progettate e attuate nell'ambito della classe di appartenenza, per favorire l'integrazione e migliorare la relazione; all'esterno della classe per un lavoro individuale finalizzato all'acquisizione delle capacità operative di base; nei vari laboratori attrezzati (informatica, psicomotricità, pittura, etc.) per attività specifiche. LA CLASSE MULTICULTURALE Il progetto ha dunque avuto nell integrazione e nella valorizzazione dell alunno straniero i suoi principali, ma non unici, punti di forza. Su di essi ho voluto 11

12 focalizzare la mia attenzione nel tentativo di dare valore alle varietà linguistiche presenti nella classe. Al suo interno sono presenti sei bambini di origine straniera: due di loro sono nati in Perù, S. che è arrivato in Italia a sette anni e H. appena arrivata e inserita nella classe quarta dove si è svolto il progetto, entrambi parlano lo spagnolo come anche K. che è nata in Colombia dove ha vissuto fino a tre anni, poi trasferitasi in Olanda dove viveva il nonno, e successivamente in Italia con la mamma dove ha iniziato la scuola; S. invece è nata in Macedonia ed è arrivata in Italia con i genitori molto piccola, avendo il resto della famiglia a Skopje, torna molto spesso e lì parla il macedone come seconda lingua. I restanti due bambini sono D. che ha origini familiari libanoromene (rispettivamente il padre e la madre), nato in Italia non conosce l arabolibanese e invece comprende qualche parola in romeno. Il bambino vive le sue origini familiari libanesi in modo fortemente negativo a tal punto da soffrire quando i compagni o gli insegnanti nominano il suo Paese di origine: <Ma io non sono straniero, sono italiano, sono nato in Italia, parlo italiano! [ ]No, non dire che sono libanese (parlando con un compagno quasi in lacrime), i libanesi sono cattivi! [ ]>. E ancora c è M. che vive una situazione di bilinguismo; i suoi sei fratelli sono nati in Egitto lei, nata in Italia, parla in modo del tutto naturale in arabo-egiziano ma anche in italiano. Infine, ma non certo per importanza, vi sono bambini che non hanno vissuto direttamente l esperienza dell emigrazione, ma che sono in ogni modo definiti immigrati interni di seconda generazione. Molti di loro hanno genitori di origine sarda, veneta, campana, ligure anche loro comprendono due lingue, anche loro 12

13 in un certo senso stranieri in quanto i loro genitori e le loro famiglie hanno origini straniere, come sembra affermare E.: <[ ] anche io sono straniera, mia mamma e mio papà vengono dalla Sardegna!> Questo il quadro generale della classe multiculturale. Tante storie, tante culture, tante lingue e adesso toccava a me creare una bella cornice in cui inserirle. Così cominciò la nostra esperienza. LE ATTIVITA PROPOSTE L intero percorso è stato progettato tenendo conto della realtà della classe, del programma didattico affrontato e delle curiosità manifestate dai bambini. Le attività sono state organizzate all interno del gruppo classe per favorire l integrazione e la relazione senza però escludere momenti di lavoro in piccolo gruppo per la realizzazione di attività specifiche. Ne è conseguita una programmazione che rifiuta il modello lineare e che viene interpretata in maniera più dinamica, in termini evolutivi; una programmazione che si costruisce insieme all alunno sulla base dei suoi interessi e delle sue esperienze. Ne è testimonianza il fatto stesso che all interno del lavoro di gruppo sono spesso affiorati, in modo del tutto naturale, atteggiamenti di guida e di sostegno da parte di alcuni alunni stranieri nei confronti dei compagni che, non conoscendo le caratteristiche della lingua trattata, si sono lasciati aiutare, in situazione di tutoring, da chi fino a quel momento era stato considerato il compagno in difficoltà perché non italiano, creando quel clima accogliente e di fiducia reciproca che si è poi rivelato fondamentale per il raggiungimento delle finalità generali dell intero progetto. 13

14 All interno di questa cornice era certamente necessario approfondire la conoscenza del rapporto dei singoli alunni stranieri con le rispettive lingue e culture di appartenenza e condividere tali aspetti con i compagni. Ciò è stato possibile a partire da una conversazione di gruppo, organizzata in biblioteca, che ha rappresentato il primo tentativo per raggiungere questo scopo. Il focus group Notai sin dall inizio da parte di alcuni bambini stranieri un rifiuto a collaborare, ad esporsi. Fu per questo motivo che decisi di organizzare l attività di FOCUS GROUP in biblioteca, luogo gradito ai bambini, pensando che poteva essere un modo per sbloccarli. Dopo queste iniziali considerazioni, divisi la classe in piccoli gruppi e proposi loro l attività sotto forma di gioco. Tra le varie domande e le loro facce incuriosite i bambini si disposero in cerchio. Inizialmente sembrava che andasse tutto bene, i bambini immigrati interni raccontarono la propria storia in modo del tutto naturale, ma gli alunni di origine straniera erano come frenati e, in alcuni casi, manifestavano una vera e propria riluttanza nel riconoscersi stranieri di origine, per lo meno in quella situazione di conversazione collettiva. D.<A me non importa niente[ ]e non è interessante!> <Perché?> D.<I libanesi sono cattivi, io non sono libanese e non sono straniero!> Nonostante i compagni cercassero di rassicurarlo, lui era terribilmente contrariato nel dichiarare le proprie origini familiari libano-rumene. 14

15 Al percorso di lavoro immaginato si oppose il silenzio dei bambini stranieri e forse anche il tentativo di sottrarsi alle richieste che venivano fatte loro. Sulla base di queste osservazioni ho capito che era necessario cambiare metodologia, consentendo a ciascuno di loro di rivivere le proprie conoscenze culturali e linguistiche in modo più discreto e individuale compilando a casa con i genitori, per esempio, la scheda PER CONOSCERCI (ALL.1), seguita dall INTERVISTA INDIVIDUALE di seguito presentata. L intervista individuale Il tentativo di coinvolgere i bambini stranieri nella narrare usi e costumi e nel valorizzare la loro lingua era fallito. Le ragioni di questi comportamenti possono essere tante ma, di certo, era emerso il bisogno di una conversazione individuale che avrebbe consentito a ognuno di loro di aprirsi con meno soggezione e in modo più naturale. Nel tentativo di evitare che l attenzione dei compagni si catalizzasse sul bambino intervistato, inizio l attività. Mentre i compagni erano impegnati in altri lavori, ciascun bambino sarebbe stato chiamato alla cattedra e se ne avesse avuto voglia, avrebbe potuto raccontare quello che voleva, attraverso un intervista semistrutturata che prendeva spunto dalla scheda PER CONOSCERCI, compilata a casa. Ogni bambino ha rivissuto con più tranquillità e discrezione la propria origine, tutti ad eccezione di D., il bambino di origini familiari libano-rumene che associava la lingua del padre all idea che, a suo avviso, si ha di questa gente: un popolo cattivo in cui non voleva riconoscersi. 15

16 Queste due prime attività mi hanno consentito di avere un quadro generale circa gli atteggiamenti dei singoli alunni stranieri verso le proprie origini familiari, ma anche di comprendere la qualità delle relazioni tra tutti i componenti della classe e il loro rapporto con le lingue. La possibilità di riscoprire le proprie radici senza il rischio di essere derisi ha consentito a ciascun bambino di farsi testimone nei confronti dei compagni rispetto alla propria cultura e alla propria lingua. Ciò è potuto accadere solo attraverso un lavoro di sensibilizzazione e di valorizzazione della diversità, a partire dal RACCONTO della mia storia di insegnante siciliana, emigrata dalla sua terra d origine per cercare lavoro. La mia storia ha favorito da un lato una maggiore apertura e disponibilità alla conoscenza e dall altro il superamento di ogni timore nel riconoscersi straniero. Valorizzare la lingua d origine: L INSEGNANTE SI RACCONTA Dopo aver intervistato tutti i bambini, mi resi conto che potevo riproporre l attività di focus group in biblioteca ma con una variante: io insegnante mi metto in gioco. I bambini inizialmente sembravano non entusiasti, ma sicuramente incuriositi. Arrivati sul grande tappeto esordii pronunciando delle frasi in dialetto: < Allura picciotti cà ma fari, va ssittati accussì cuminciamu?!> In seguito ho recitato una filastrocca in siciliano Dumani è duminica, poi abbiamo fatto Lu jocu di la chiavuzza (ALL. 2 GIOCHI DAL MONDO) e finalmente, in quell occasione, ho visto i bambini divertiti e interessati. Lo stesso D., affascinato dalla situazione, aveva cambiato atteggiamento, si dimostrava più 16

17 sereno e, proprio in quell occasione, propose un gioco che faceva abitualmente quando si recava in Romania (ALL. 2 GIOCHI DAL MONDO). Le mani alzate dei bambini che chiedevano la parola per poter dire, raccontare, quello che sapevano o che ricordavano è stato un risultato che andava oltre le mie aspettative. K. recitò Palo Palito (ALL. 2 GIOCHI DAL MONDO), una filastrocca/gioco colombiano che faceva quando andava dalle cugine in Sud America. Anche H., arrivata da poco dal Perù, insegnò ai compagni il gioco Recuerda il color (ALL. 2 GIOCHI DAL MONDO), anche questo nel libro dei giochi insieme a tanti altri pervenuti a scuola grazie alla collaborazione delle famiglie dei bambini stranieri e tradotti in lingua italiana. Ognuno ha riscoperto l altro in un atmosfera di grande interesse linguistico e culturale. La valorizzazione e il confronto tra la cultura italiana e quella dei diversi Paesi d origine ha rappresentato il filo conduttore di questa attività e di quelle che ad essa sono seguite. La possibilità di utilizzare la L1 e, quindi, di confrontare i differenti aspetti culturali ha solleticato la curiosità dei bambini maturando un interesse crescente verso l altro e nei confronti della diversità di cui ciascuno si fa portavoce. In biblioteca per conoscerci 17

18 Un mondo di scritture Dopo aver suscitato l interesse nei bambini per le lingue non restava che passare ad un altro aspetto pratico: conoscere più da vicino i diversi sistemi di scrittura utilizzati nel mondo a partire dalla considerazione che il linguaggio orale, la scrittura e la lettura sono alla base della comunicazione, della conoscenza, dell evoluzione delle civiltà, dell incontro e della scoperta dell altro. Quando si conoscono diverse lingue è più facile avvicinarsi all altro, è più facile conoscere davvero chi ci sta accanto, anche se arriva da lontano. Un confronto tra i diversi sistemi di trascrizione delle lingue (scritture pittografiche, ideografiche, alfabetiche e miste) permette di individuare la scrittura alfabetica come una delle soluzioni più pratiche: l alfabeto latino è quello che, con le dovute sistemazioni, si usa attualmente nella maggior parte dei Paesi del mondo. Il confronto tra alfabeti è risultata un attività molto positiva e interessante nella classe, dove gli alunni presenti appartengono ad aree culturali non omogenee come quella araba e macedone. Sotto questo punto di vista è stato stimolante esaminare i seguenti aspetti: numero e tipologia di caratteri presenti nell alfabeto; presenza di vocali (nell arabo classico se ne contano tre); direzione della scrittura (l arabo si scrive da destra a sinistra). Anche nel caso di alfabeti di origine latina simili tra loro come quello spagnolo e italiano, è stato utile un confronto per evidenziare le differenze esistenti (consonanti uguali con pronuncia differente o consonanti completamente differenti). Di contro, non poche difficoltà sono emerse dall accostamento tra 18

19 lingua italiana e lingua macedone, in particolare nella trascrizione di quest ultima il cui alfabeto, il cirillico, è costituito da lettere di derivazione greca, in parte modificate, introdotte nell Europa dell Est dai santi Cirillo e Metodio, dal primo dei quali l alfabeto prende il nome. (ALL. 3 CONFRONTO TRA ALFABETI) Il confronto tra i diversi idiomi presenti in classe ha incuriosito i bambini che, in modo del tutto spontaneo, hanno cominciato a chiedere ai compagni stranieri Come si dice in?. Ascoltare, imparare parole e frasi di uso quotidiano nelle altre lingue ha permesso ai bambini di avvicinarsi agli idiomi presenti nelle classe, a prima vista così distanti e diverse tra loro, ma soprattutto li ha aiutati a conoscersi meglio, per superare forme di pregiudizio riferito a determinati gruppi etnici socialmente discriminati o svalutati. " Come si dice in...?" 19

20 Buon Compleanno Fra i diversi ambiti in cui i bambini possono essere accompagnati a entrare in contatto e a convivere con la varietà culturale e linguistica potremmo identificare la sensibilizzazione alla variabilità linguistica attraverso un approccio alle lingue e al linguaggio che, da un lato, educa al rispetto per tutte le varietà linguistiche al di là del loro statuto sociale, dall'altro sviluppa nei bambini interessi per le diversità, l apertura al non familiare e un desiderio maggiore di imparare le lingue. Occasioni per far incontrare interessi e bisogni di bambini italiani e stranieri, all interno della classe vista come una comunità inclusiva. L obiettivo principale di questa sequenza di attività denominata Buon Compleanno, è quello di fare scoprire progressivamente agli alunni i rapporti tra lingua scritta e orale dei sistemi alfabetici trattati (arabo, macedone o latinoitaliano). Questa attività rappresenta la cornice all interno della quale si inserisce l intero progetto denominato In tutte le nostre lingue, e attraverso il quale ho cercato di rafforzare l'interesse per le lingue da parte di tutti i bambini, sviluppando in loro le competenze necessarie per riflettere sulle somiglianze e differenze dei materiali e dei messaggi proposti (Buon compleanno, Buon Natale, Felice anno nuovo). Scopo di questa attività è stato quello raggiungere effetti positivi relativi a: rappresentazioni, atteggiamenti e interessi dei bambini rispetto alle lingue e alle culture altre; sviluppo di capacità metalinguistiche, metacognitive e cognitive rispetto alla lingua presentata o conosciuta; sviluppo della comprensione della realtà multilingue e multiculturale odierna. 20

21 Ho avviato l attività mostrando agli alunni un biglietto di auguri contenente l espressione Buon compleanno scritta in diverse lingue (ALL.4). I bambini stranieri presenti in classe sono stati invitati a leggere nella propria lingua di origine e si è poi proceduto alla trascrizione dell espressione. Il confronto linguistico: COME SI SCRIVE? L obiettivo di questa attività è stato quello di portare tutti gli alunni a riflettere sulla varietà di trascrizioni per una stessa parte del messaggio e sull'indeterminatezza delle trascrizioni stesse quando viene usato un alfabeto diverso (il valore fonico delle lettere non è fissato in italiano). In modo naturale è stata evidenziata, talvolta, l'impossibilità di scrivere alcuni suoni sconosciuti nella lingua italiana; inoltre l intento è stato quello di far conoscere ai bambini nuove parole in una lingua diversa dalla propria, osservando le eventuali somiglianze e/o differenze rispetto alla scrittura della lingua materna e confrontarle con l italiano. Per fare ciò è stata fornita agli alunni una tabella (ALL.5), con il titolo Come si scrive? al cui interno ogni alunno doveva scrivere le parole straniere ascoltate utilizzando l alfabeto italiano, mentre l insegnante o i compagni stranieri presenti le pronunciavano lentamente. Le lingue trattate in questa attività sono state: 1. MACEDONE: S. si è fatta portavoce della sua lingua <Sreken Rodenden> 2. ARABO-EGIZIANO: come una dolce melodia M. ha letto l espressione <Sana Helua> 3. OLANDESE: K. tra l imbarazzo e l emozione, ha fatto gli auguri di buon compleanno <Gelukkige Verjadag> 21

22 4. SPAGNOLO: H. molto entusiasta di essere la protagonista di quel momento ha letto in spagnolo l espressione <Feliz cumpleaño> Le altre espressioni augurali contenute nel biglietto e facenti capo ad altri idiomi (francese, inglese, greco, cinese ) sono state lette da bambini stranieri di altre classi e da colleghi che si sono resi disponibili per la realizzazione dell attività. Il biglietto di auguri è stato consegnato a ciascun bambino solo alla fine dell attività in modo che ognuno di loro potesse constatare quanto la propria scrittura fosse stata fedele all espressione dettata e a quel punto trascrivere nel modo corretto la frase augurale. Nella discussione collettiva che ha seguito questo lavoro gli alunni si sono scambiati idee su ciò che hanno sentito, sulla melodia di queste lingue più o meno sconosciute, sulla loro varietà e sulla difficoltà di pronuncia e di scrittura di alcune parole ma, soprattutto, si sono resi conto della grande varietà linguistica presente in mezzo a loro e di come ciascun idioma rappresenti un codice comunicativo che racchiude, al suo interno, un mondo di significati. I bambini mi chiedevano entusiasti di scrivere una parola che conoscevano, che avevano letto: <Posso venire a scrivere in!> Il confronto tra le lingue 22

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli