La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria"

Transcript

1 REGIONE LIGURIA Dipartimento Pianificazione Territoriale Giovanni Diviacco e Piero Ferrari La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria Genova, Marzo 2009 SETTORE VALUTAZIONE IMPATTO AMBIENTALE

2 Giovanni Diviacco e Piero Ferrari La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria Con la collaborazione di Marco Carraro Patrizia Gavagnin Massimo La Iacona Elena Nicosia Ubaldo Ricci Laura Schenone Desirée Signorelli Roberto Sobrero CONTENUTI Introduzione pag. 3 L avvio del Progetto Regionale 3 Il monitoraggio della presenza del lupo 3 Uscite simultanee in aree contigue 5 La Banca Dati Regionale sulla presenza del lupo 7 Le elaborazioni delle informazioni contenute nella Banca Dati 17 Conclusioni 18

3 INTRODUZIONE Il processo di ricolonizzazione dell Appennino e delle Alpi Occidentali da parte del lupo nel corso degli ultimi decenni ha coinvolto direttamente le aree montane della Liguria, che hanno costituito e costituiscono tuttora un corridoio ecologico di fondamentale importanza. Questa ricomparsa ha suscitato opinioni e sentimenti contrastanti: da un lato la soddisfazione per il ritorno di questa importantissima specie; dall altro la preoccupazione degli allevatori, che lo vedono come una minaccia per il bestiame, l ostilità dei cacciatori, ed il timore degli abitanti dell entroterra. Alcuni Enti, tra cui principalmente le Amministrazioni Provinciali, ma anche il Corpo Forestale dello Stato ed alcuni Enti Parco, hanno promosso diverse indagini a partire dalla metà degli anni Ottanta, per ottenere informazioni utili alla gestione di questo ritorno. Queste indagini non erano però coordinate e non prevedevano collaborazioni e scambio di informazioni sulle varie aree indagate. Nel frattempo, in altre regioni confinanti con la Liguria erano stati avviati progetti organici sulla presenza del lupo ed erano giunte richieste di collaborazione e di scambio di informazioni alla nostra regione, in particolare dall Emilia Romagna e dal Piemonte Per tutti questi motivi la Regione Liguria ha avviato il Progetto Regionale Il Lupo in Liguria, con lo scopo di studiare tutti gli aspetti, scientifici e socioeconomici legati al ritorno di questo carnivoro ed i conseguenti conflitti possibili con le attività economiche dell entroterra, in particolar modo quelle zootecniche. Ciò al fine di garantire da un lato la tutela di questa importantissima specie, e dall altro lo svolgimento delle attività zootecniche, individuando le più opportune azioni gestionali. L AVVIO DEL PROGETTO REGIONALE Dopo una fase preparatoria, in cui sono stati effettuati incontri sia tra strutture regionali potenzialmente interessate, sia con la partecipazione di altri Enti, come le Province, i Parchi, il Corpo Forestale, l Università ed esperti in materia, all inizio del 2007 è stato ufficialmente avviato il Progetto Lupo regionale. Sono stati inoltre svolti incontri con la Regione Piemonte e la Regione Emilia Romagna e con l Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica (INFS, attualmente confluito nell ISPRA), per concordare iniziative comuni, lo scambio di informazioni e per uniformare le metodologie di monitoraggio e di raccolta dei campioni per le analisi di laboratorio. È stato infine elaborato un protocollo per la raccolta dei dati di campo in maniera uniforme e standardizzata per tutta la Regione ed è stata approntata una banca dati per l inserimento di tutte le informazioni raccolte. IL MONITORAGGIO DELLA PRESENZA DEL LUPO Il protocollo operativo del progetto è stato stabilito sulla base delle conoscenze fino ad allora esistenti, conseguite durante le ricerche svolte soprattutto a livello provinciale. Il monitoraggio della presenza del lupo è stato effettuato sia su aree intensive, dove si avevano già segni di presenza, sia su aree estensive, in zone per le quali non esistevano segnalazioni. Il monitoraggio ha lo scopo di rendere disponibili dati sempre aggiornati su i seguenti aspetti inerenti la presenza della specie: 1) distribuzione sul territorio; 2) tendenze della popolazione; 3) stima delle unità riproduttive (branchi); 4) status genetico.

4 Nel corso della prima fase del progetto, i cui rilevamenti di campo si sono svolti da gennaio 2007 alla primavera del 2008, le aree a monitoraggio intensivo hanno riguardato le province di Genova e di Imperia e le aree a monitoraggio estensivo la provincia di Savona e quella della Spezia. Inoltre, adiacenti alle zone intensive, alcune aree di indagine nuove o poco conosciute sono state considerate estensive. Il monitoraggio di tipo intensivo è basato sull esecuzione di percorsi (transetti), già definiti con le indagini svolte precedentemente, che si percorrono con periodicità ravvicinata in modo da coprire regolarmente tutta l area dell indagine. Il monitoraggio di tipo estensivo ha lo scopo di valutare la presenza del lupo in aree non conosciute e, conseguentemente, di individuare possibili nuovi transetti da percorrere almeno una volta per stagione. Il monitoraggio è stato condotto da collaboratori a contratto (Patrizia Gavagnin, Ubaldo Ricci, Laura Schenone e Desirèe Signorelli), coadiuvati dai responsabili dei Centri di Educazione Ambientale dei Parchi naturali regionali dell Antola e dell Aveto, Massimo La Iacona e Annalisa Campomenosi, da volontari, studenti e dalle guardie provinciali di Genova e di Imperia. Fig. 1. Svolgimento di un transetto nella zona del Colle di Nava (Alpi Liguri) (Foto Diviacco SPAP). In totale, tra gennaio 2007 e la primavera del 2008, sono state condotte 280 uscite così ripartite: 102 in Provincia di Genova, nei Parchi dell Antola e dell Aveto, ai Piani di Praglia adiacenti al Parco piemontese delle Capanne di Marcarolo, e nel Parco del Beigua, 108 in Provincia di Imperia nelle Valli Arroscia, Tanarello, Argentina e Nervia, 36 in Provincia della Spezia nell area del Monte Gottero, 34 in Provincia di Savona, in particolare nelle Valli Pennavaire, Neva e Bormida. La percorrenza dei transetti ha comportato un tragitto di 2.476,92 km, suddivisi in:

5 1145 Km in Provincia di Genova, 754,72 Km in Provincia di Imperia, 348 Km in Provincia della Spezia, 229,20 Km in Provincia di Savona. Sono stati rilevati in totale 228 escrementi, di cui 64 freschi, da cui trarre il materiale per l esecuzione delle analisi genetiche. La provenienza degli escrementi è la seguente: - 77 di cui 28 freschi dalla Provincia di Genova, - 72 di cui 25 freschi dalla Provincia di Imperia, - 70 di cui 11 freschi dalla Provincia della Spezia, - 9 dalla Provincia di Savona. Fig. 2. Rilevamento di segni di presenza di lupo sull Appennino Ligure (Foto Diviacco Arch. SPAP). In Provincia di Imperia sono state individuate 5 urine, sia attribuibili a maschio (2) che a femmina (3). In Provincia della Spezia sono state individuate 3 urine, di cui due attribuibili a maschio e una a femmina. Sono state rilevate anche alcune predazioni su ungulati selvatici (cinghiale e capriolo) nelle Province di Genova, Imperia e Savona. Si segnalano infine alcuni avvistamenti diretti in provincia di Imperia e di Genova. USCITE SIMULTANEE IN AREE CONTIGUE Il protocollo operativo del progetto prevede lo svolgimento di uscite simultanee in zone contigue, sia in aree confinanti tra le diverse province sia al confine con il Piemonte, in collaborazione con il progetto di questa Regione.

6 Le uscite simultanee sono molto utili per comprendere i movimenti dei lupi sui crinali compresi in territori appartenenti a diverse amministrazioni. L esecuzione delle uscite estese facilita inoltre la stima del numero degli animali, costituendo un momento importante del monitoraggio. Le aree di interesse ligure al confine con il Piemonte sono costituite dalle alte valli Arroscia, Argentina, Nervia e Tanarello per la provincia di Imperia, dall area adiacente al Parco delle Capanne di Marcarolo per la Provincia di Genova e dalle valli Pennavaire e Neva per la provincia di Savona. Le uscite simultanee hanno avuto luogo secondo il seguente programma: gennaio 2007, 2 uscite simultanee ai Piani di Praglia e all Antola in concomitanza col Piemonte; febbraio 2007, 1 uscita simultanea tra le province di Genova e La Spezia; novembre 2007, 2 uscite in Provincia di Savona e Imperia in concomitanza col Piemonte; dicembre 2007, 2 uscite in Provincia di Savona e Imperia e 1 in Provincia di Genova; gennaio 2008, 1 uscita simultanea in Provincia di Imperia in concomitanza col Piemonte; febbraio 2008, 2 uscite in Provincia di Savona e Imperia in concomitanza col Piemonte e 1 uscita tra Savona e Genova. Fig. 3. Pista di lupo sull Appennino Ligure, al confine ligure-piemontese (Foto Diviacco Arch. SPAP).

7 LA BANCA DATI REGIONALE SULLA PRESENZA DEL LUPO Al termine della prima fase, conclusa tra la primavera e l estate 2008, tutte le informazioni raccolte sul campo sono state inserite in una banca dati, realizzata mediante il software Mapinfo. Sono stati individuati i seguenti campi (Fig. 4): id: codice progressivo data: esempio 01/01/2007 giorno: esempio 01 mese: esempio 01 anno: esempio 2007 provincia comune località tipo segnalazione: escremento, urina, tracce, predazione, ecc. codice segnalazione: esc, uri, tra, pre, ecc. longitudine Gauss Boaga latitudine Gauss Boaga longitudine UTM WGS 84 latitudine UTM WGS 84 codice campione; es. GE01, SP02 analisi genetica: si/no codice analisi genetica: es. WGE1F rilevatore note: es. escremento con peli di cinghiale, tracce di 2 individui seguite per 2 km, ecc. Fig. 4. Particolare della tabella della Banca Dati Regionale sul Lupo.

8 In collaborazione con l Associazione Regionale Allevatori (ARA) e con le APA (Associazione Provinciale Allevatori) della Liguria, è stata realizzata anche una banca dati degli allevamenti, distinti in bovini e in ovi-caprini, con particolare riferimento a quelli più a rischio di predazione da parte del lupo, per motivi geografici (vicinanza alle zone di presenza del predatore) e per la tipologia di allevamento. Ogni banca dati comprende diversi campi (Fig. 5-7): Comune Codice azienda Denominazione allevamento Detentore Proprietario Orientamento produttivo: carne, riproduzione, ingrasso, lana, ecc. Indirizzo Modalità allevamento: all aperto, stabulato, ecc. Numero di capi Razza allevata Misure di prevenzione Tempistica e modalità dell alpeggio: es. tutto l anno, da maggio a ottobre, ecc. Presenza di vitelli sotto i 2 mesi in alpeggio Eventi di predazione subiti Fig. 5. Banca dati generale sugli allevamenti bovini.

9 Fig. 6. Banca dati generale sugli allevamenti ovini. Fig. 7. Banca dati di dettaglio sugli allevamenti bovini.

10 Anche i dati relativi agli allevamenti bovini ed ovicaprini a rischio sono stati inseriti in un data-base georeferenziato di Mapinfo, comprendente l ubicazione dell allevamento e l area di pascolo, nel caso questo si svolga liberamente e gli animali non vengano rinchiusi nelle stalle durante la notte. Dalla banca dati sulla presenza del lupo e da quella degli allevamenti è stato così possibile ottenere una cartografia georeferenziata, continuamente aggiornata in maniera dinamica, e con la possibilità di sovrapporre più livelli tematici, come le carta tecnica regionale in formato raster, le aree parco o SIC, la carta della vegetazione, oltre ovviamente ai segni di presenza del lupo e agli allevamenti (Fig. 8-). Negli esempi illustrati nelle figure seguenti sono inoltre evidenziati con le linee continue verdi i transetti programmati, cioè i tracciati seguiti durante i rilevamenti e con la linea tratteggiata rossa il percorso dell Alta Via dei Monti Liguri, che risulta essere una delle vie più utilizzate dai lupi per i loro spostamenti e per la ricolonizzazione dell Appennino e delle Alpi Liguri. Le linee continue nere delimitano i confini comunali. I dati sono stati riportati con una buona precisione (errore di qualche metro), utilizzando generalmente un GPS e la base cartografica della CTR a scala 1:5000. La zona illustrata in Fig. 9 evidenzia ad esempio diversi segni di presenza (escrementi, un avvistamento, l ascolto di un ululato, varie impronte ed una predazione) lungo alcuni transetti percorsi nella Liguria di Ponente e l area indicata in Fig. 10 riporta le segnalazioni registrate lungo un transetto (sentiero lungo un torrente) che si è rivelato particolarmente interessante (tre tracce di urina e quattro escrementi, due dei quali hanno fornito genotipi di lupo). Fig. 8. Legenda della Banca Dati Regionale sul Lupo.

11 Fig. 9. Segni di presenza (escrementi, avvistamento, ululato, tracce, predazione) lungo alcuni transetti liguri percorsi durante i monitoraggi. Fig. 10. Segni di presenza lungo un transetto (sentiero lungo un torrente) che si è rivelato particolarmente interessante (tre tracce di urina e quattro escrementi, due dei quali hanno fornito genotipi di lupo).

12 La Fig. 11 mostra la situazione schematica relativa alla Provincia di Imperia. Oltre ai segni di presenza del lupo, in parte non visibili, perché a questa scala si coprono a vicenda, si notano gli allevamenti (triangoli col vertice in basso), il percorso dell Alta Via con le varianti (in rosso) e i limiti comunali (linee nere). Fig. 11. Situazione schematica relativa alla Provincia di Imperia. Oltre ai segni di presenza del lupo, in parte non visibili, perché a questa scala si coprono a vicenda, si notano gli allevamenti (triangoli col vertice in basso), il percorso dell Alta Via con le varianti (in rosso) e i limiti comunali (linee nere). Il rettangolo blu indica la zona ingrandita in Fig. 12. Aumentando l ingrandimento dell immagine è ovviamente possibile distinguere meglio i dettagli (Fig. 12). Si riescono infatti a riconoscere i vari segni di presenza del lupo lungo i transetti e lungo l Alta Via ed i singoli allevamenti della zona. Attorno ai due allevamenti vicini in basso a sinistra si riconosce inoltre l area di pascolo (linea rossa continua). In Fig. 13 viene riportata la situazione relativa alla Provincia di Savona, che evidenzia una maggiore presenza nella parte sud-occidentale, ed una rarefazione delle segnalazioni nella parte centro-settentrionale. La Fig. 14 illustra un particolare ingrandito della Fig. 13. Le Fig. 15 e 16 illustrano le informazioni relative alla Provincia di Genova, che appare quella maggiormente interessata dalla presenza del lupo. Bisogna però ricordare che il territorio di questa provincia è stato il più studiato, soprattutto nell ultimo decennio, grazie a indagini promosse dall Amministrazione Provinciale e dagli Enti Parco Regionali dell Aveto e dell Antola. La Provincia della Spezia risulta maggiormente frequentata nell area di confine liguretosco-emiliana compresa tra il Monte Gottero e il Passo del Rastello, come si può osservare nelle Fig. 17 e 18.

13 Fig. 12. Particolare della figura 11. Fig. 13. Situazione schematica relativa alla Provincia di Savona. Il rettangolo blu indica la zona ingrandita in Fig. 14.

14 Fig. 14. Particolare della figura 13. Fig. 15. Situazione schematica relativa alla Provincia di Genova. Il rettangolo blu indica la zona ingrandita in Fig. 16.

15 Fig. 16. Particolare della figura 15. Fig. 17. Situazione schematica relativa alla Provincia di Genova. Il rettangolo blu indica la zona ingrandita in Fig. 18.

16 Fig. 18. Particolare della figura 17. Come già ricordato, ogni elemento (punto, linea o area) riportato nella banca dati è georeferenziato e interrogabile e le informazioni ad esso associate sono disponibili cliccando su di esso con l opzione informazioni (Fig. 19). In questo caso sono ad esempio illustrati i campi relativi al ritrovamento di un escremento in Comune di Torriglia. Fig. 19. Visualizzazione delle informazioni associate alla banca dati.

17 La possibilità di usare vari livelli raster come sfondo, ad esempio la Carta Tecnica Regionale (Fig. 20) o l ortofotocarta, in scala di grande dettaglio, consente una precisa localizzazione delle segnalazioni rispetto agli aspetti territoriali (crinali, sentieri, ecc.) e costituisce un utile strumento per elaborazioni e considerazioni di tipo scientifico e gestionale, in base ad esempio agli aspetti fisici, come la morfologia, la copertura vegetale, ecc. Tutte le informazioni contenute nella Banca Dati regionale sul Lupo vengono continuamente aggiornate sulla base dei dati progressivamente raccolti nel corso del Progetto e sono utilizzate per successive elaborazioni statistiche, svolte in particolare dall Università di Pavia, che collabora al Progetto. Fig. 20. Presenza di allevamenti misti (ovini e bovini) sovrapposta alla Carta Tecnica Regionale a scala 1: LE ELABORAZIONI DELLE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA BANCA DATI I ricercatori dell Università di Pavia hanno verificato le differenze nella frequenza dei diversi tipi di osservazione tra province e stagioni mediante il test del chi-quadrato per tabelle di contingenza. Dal numero d osservazioni e dalla superficie d ogni comune è stata calcolata la densità di osservazioni totali e quella relativa ai diversi tipi. Dal numero dei segni di presenza rinvenuti per ogni transetto è stato calcolato l Indice Chilometrico d Abbondanza (IKA) come rapporto tra il numero di segni e la lunghezza del transetto. Successivamente, sono stati calcolati i valori medi dell IKA e i relativi Errori Standard (ES) per tutta la regione, per ogni transetto, per provincia e per stagione. Le differenze tra i valori medi sono state analizzate mediante Analisi della Varianza Multifattoriale e i Modelli Lineari Generalizzati (GLM). Inoltre, è stato valutato l andamento mensile dell IKA del lupo per tutta la regione e per ogni provincia.

18 Su densità e distribuzione delle osservazioni è stata effettuata la Kernel Analysis (KA), al fine di individuare gli areali annuali e stagionali. Questa analisi permette di definire delle fasce concentriche, con densità d osservazioni decrescente dal centro all esterno. I contorni derivanti dalla KA sono poi stati sovrapposti al Digital Terrain Model (DTM) della Regione e alla carta digitalizzata dell uso del suolo CORINE Land Cover III livello e sono state calcolate all interno degli areali le percentuali delle fasce altitudinali, delle principali esposizioni e dei tipi di vegetazione. Le percentuali delle stesse variabili sono state calcolate anche per tutto il territorio regionale ed è stato effettuato un confronto tra uso (% negli areali) e disponibilità (% nella regione) tramite l indice di preferenza di Jacobs, che varia da -1 a +1; valori negativi indicano un sottoutilizzo, valori positivi un sovrautilizzo e 0 un uso pari alla disponibilità. Dalla mappatura e digitalizzazione dei segni di presenza sui transetti i ricercatori dell Università di Pavia hanno ricavato anche la distribuzione delle osservazioni per fasce altimetriche, esposizioni e tipi di vegetazione; sono state quindi calcolate le Frequenze Osservate (FO) come numero di osservazioni in ogni fascia altimetrica, esposizione e tipo di vegetazione e le Frequenze Attese (FA) dal prodotto della proporzione di disponibilità (PD) con il numero totale di osservazioni. La PD è stata calcolata come rapporto tra la lunghezza dei transetti in ogni fascia altimetrica, esposizione e tipo di vegetazione e la lunghezza totale dei transetti. Per individuare i fattori ambientali che influenzano la distribuzione del lupo in Liguria, è stato formulato un modello di valutazione ambientale (MVA), utilizzando le variabili dell uso del suolo, dell altimetria e dell esposizione. A questo scopo è stata costruita una griglia con celle di 5 km di lato (Unità di Campionamento, UC) ed è stata sovrapposta al CORINE III Livello e al DTM. In ogni UC sono state misurate 15 variabili dell uso del suolo, 8 variabili altimetriche, corrispondenti ad altrettante fasce altitudinali di 200 m ognuna, e 9 variabili d esposizione corrispondenti alle 8 esposizioni principali, oltre all esposizione nulla. Alle UC è stato poi attribuito un codice binario 0, 1 dove con 1 erano indicate le UC all interno delle quali erano stati trovati segni di presenza del lupo o erano pervenute segnalazioni e con 0 tutte le altre. Sono state così individuate 53 UC di presenza che sono state confrontate con altrettante UC di controllo, scelte in modo casuale tra quelle dove non era mai stata accertata la presenza del lupo. Il confronto è stato fatto con metodi statistici univariati (one-way ANOVA) e multivariati (Analisi di Funzione Discriminante, AFD) ed è stato formulato un modello predittivo della probabilità che una UC possa essere classificata di presenza, utilizzando l Analisi di Regressione Logistica binaria (ARL). In questo modo è stato possibile determinare per quali caratteristiche le porzioni di territorio occupate dal lupo si differenziano dalle caratteristiche medie della regione e ovviare all incertezza del dato di assenza. CONCLUSIONI Come già ricordato, il Progetto Regionale ha lo scopo di esaminare sia tutti gli aspetti, scientifici e socioeconomici legati al ritorno di questo carnivoro sia i conseguenti conflitti possibili con le attività economiche dell entroterra, in particolar modo quelle zootecniche. La Regione Liguria, conscia dell importanza della collaborazione tra tutti gli Enti istituzionalmente coinvolti (Amministrazioni Provinciali, Corpo Forestale dello Stato, Enti Parco, Università, ecc.), ritiene inoltre opportuno condividere le informazioni con le realtà interessate, al fine di partecipare insieme al raggiungimento delle finalità del Progetto e dell interesse pubblico. Le strutture regionali preposte sono quindi a disposizione degli Enti interessati per concordare le modalità di condivisione dei dati.

STATO D AVANZAMENTO DEL PROGETTO IL LUPO IN LIGURIA

STATO D AVANZAMENTO DEL PROGETTO IL LUPO IN LIGURIA Regione Liguria Parco Naturale Regionale dell Antola Dipartimento di Biologia Animale Università di Pavia STATO D AVANZAMENTO DEL PROGETTO IL LUPO IN LIGURIA DICEMBRE 2009 1 A CURA DI ALBERTO MERIGGI PIETRO

Dettagli

Dipartimento Ambiente

Dipartimento Ambiente Dipartimento Ambiente Arenzano, 20 marzo2015 Così come altrove, il ritorno del lupo in Liguria ha suscitato opinioni e sentimenti contrastanti. Da un lato soddisfazione e dall altro preoccupazione degli

Dettagli

STATUS ED ECOLOGIA DEL LUPO IN LIGURIA DICEMBRE 2013 DAL MONITORAGGIO ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI

STATUS ED ECOLOGIA DEL LUPO IN LIGURIA DICEMBRE 2013 DAL MONITORAGGIO ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI DICEMBRE 2013 STATUS ED ECOLOGIA DEL LUPO IN LIGURIA DAL MONITORAGGIO ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI Regione Liguria Parco Naturale Regionale dell Antola Dipartimento di Scienze dell Ambiente e della Terra

Dettagli

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI Riferimenti normativi e tecnici. Gli INDIRIZZI REGIONALI PER LA PIANIFICAZIONE FAUNISTICO VENATORIA PROVINCIALE (allegato 6 INDIRIZZI PER LA GESTIONE

Dettagli

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli

La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero

La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero 27 FRATELLO LUPO L interazione fra l uomo e gli animali selvatici La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero

Dettagli

il ritorno del lupo in liguria

il ritorno del lupo in liguria il ritorno del lupo in liguria PERCHE UN LIBRO SUL LUPO IN LIGURIA? Le motivazioni alla base della realizzazione di questo volume risiedono nelle risposte alle due domande che seguono: - Perché è importante

Dettagli

Progetto Lupo - Regione Piemonte

Progetto Lupo - Regione Piemonte Assessorato Ambiente, Parchi e Aree protette, Energia, Risorse idriche, Acque minerali e termali Progetto Lupo - Regione Piemonte Il lupo in Piemonte: azioni per la conoscenza e la conservazione della

Dettagli

Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo

Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo Regione Piemonte Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo Relazione illustrativa delle attività di gestione della specie cinghiale: Programmi di ricerca e monitoraggio della specie Attuazione del Piano

Dettagli

Curriculum Vitae. Davide Pagliaroli. Occupazione attuale. Esperienza professionale. Nome Cognome. Date Aprile 2014-febbraio 2015

Curriculum Vitae. Davide Pagliaroli. Occupazione attuale. Esperienza professionale. Nome Cognome. Date Aprile 2014-febbraio 2015 Curriculum Vitae Nome Cognome Davide Pagliaroli Occupazione attuale Date Aprile 2014-febbraio 2015 Contratto di Collaborazione a Progetto nell ambito del progetto life IBRIWOLF nel territorio della provincia

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

ricerca e reperimento di campioni biologici di Lupo nella zona B Area di connessione Relazione finale gennaio 2012

ricerca e reperimento di campioni biologici di Lupo nella zona B Area di connessione Relazione finale gennaio 2012 Interventi per la conservazione del lupo e di altri carnivori nelle aree protette della Regione Marche, nei Siti Natura 2000 e nel restante territorio dell Appennino marchigiano Azione B3 del programma

Dettagli

Silvano Toso. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI

Silvano Toso. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI Silvano Toso ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI L Istituto Superiore per Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) è un ente pubblico di ricerca

Dettagli

GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA

GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA Meriggi A., Milanesi P., Crotti C., Mazzoleni L. Dipartimento di Biologia Animale Università degli Studi Pavia Classe: Mammiferi Ordine: Carnivori Famiglia Canidi Ursidi Felidi

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Il crinale tosco emiliano Comunalie interessate : Montegroppo, Groppo, Boschetto, Tombeto

Il crinale tosco emiliano Comunalie interessate : Montegroppo, Groppo, Boschetto, Tombeto Il crinale tosco emiliano Comunalie interessate : Montegroppo, Groppo, Boschetto, Tombeto Lunghezza: 9.800 metri Durata media:6 7 ore Livello di difficoltà: medio facile Splendidi boschi di faggi, interrotti

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MORETTI FRANCESCA VIA LAGASTRELLO 12, 42030 FRAZ. MISCOSO, COMUNE DI RAMISETO (RE) Telefono 0522892197-3467536674

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELL AREA CONTIGUA Stagione Venatoria 2009-2010, 2010-2011.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELL AREA CONTIGUA Stagione Venatoria 2009-2010, 2010-2011. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELL AREA CONTIGUA Stagione Venatoria 2009-2010, 2010-2011. ART. 1 Accesso per l esercizio venatorio nell area contigua (zona di pre-parco) L esercizio

Dettagli

Rilevamenti effettuati nel Parco

Rilevamenti effettuati nel Parco Block count 2006 Il censimento estensivo mediante unità di osservazione (block count) ) è stato realizzato avvalendosi del personale: delle tre stazioni del Corpo Forestale dello Stato (Rovegro, Colloro

Dettagli

Allegato B CRITERI PER IL RISARCIMENTO DEI DANNI DA PREDAZIONE AL BESTIAME DOMESTICO AD OPERA DI CANIDI PER L ANNO 2010

Allegato B CRITERI PER IL RISARCIMENTO DEI DANNI DA PREDAZIONE AL BESTIAME DOMESTICO AD OPERA DI CANIDI PER L ANNO 2010 AllegatoB CRITERIPERILRISARCIMENTODEIDANNIDAPREDAZIONEALBESTIAME DOMESTICOADOPERADICANIDIPERL ANNO2010 1) La monticazione degli animali in alpeggio rappresenta una risorsa fondamentale per l economiamontanaeperilmantenimentodelletradizionistoricoculturali,erappresenta

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Grandi Carnivori e Zootecnia tra conflitto e coesistenza

Grandi Carnivori e Zootecnia tra conflitto e coesistenza BIOLOGIA E CONSERVAZIONE DELLA FAUNA Volume 115 Anno 2005 A CURA DI PAOLO CIUCCI, CORRADO TEOFILI, LUIGI BOITANI Grandi Carnivori e Zootecnia tra conflitto e coesistenza ATTI DEL CONVEGNO PESCASSEROLI,

Dettagli

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria DICA - Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

ricerca, monitoraggio e problematiche gestionali

ricerca, monitoraggio e problematiche gestionali Il ritorno del Lupo sulle Alpi Occidentali: ricerca, monitoraggio e problematiche gestionali WORKSHOP Oltre i Conflitti : lo stato di conservazione del lupo e degli altri carnivori nell Appennino Centrale

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

Laboratorio Naturale GestAlp Valle Varaita ALLEGATO al Regolamento del programma pilota per una filiera delle carni tipiche delle alpi cuneesi

Laboratorio Naturale GestAlp Valle Varaita ALLEGATO al Regolamento del programma pilota per una filiera delle carni tipiche delle alpi cuneesi Laboratorio Naturale GestAlp Valle Varaita ALLEGATO al Regolamento del programma pilota per una filiera delle carni tipiche delle alpi cuneesi DISCIPLINARE DI PRODUZIONE / COMMERCIALIZZAZIONE DEL BOVINO

Dettagli

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura e l uso l delle terre della Regione Piemonte Relatore: : Stefania Crotta - Regione Piemonte Sommario obiettivi progetto prototipo

Dettagli

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano I terroir delle Alpi per la caratterizzazione e la difesa delle produzioni casearie d alpeggio Torino, Regione Piemonte, 19-20 ottobre 2010 Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE (Legge 208/98, periodo 2005/2008, delibera

Dettagli

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di lupo nel mondo: il lupo grigio (Canis Lupus) e il lupo

Dettagli

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza

Dettagli

Date Aprile 2014 febbraio 2015 Contratto di Collaborazione a Progetto nell ambito del progetto life IBRIWOLF nel

Date Aprile 2014 febbraio 2015 Contratto di Collaborazione a Progetto nell ambito del progetto life IBRIWOLF nel Curriculum Vitae Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Davide Pagliaroli Occupazione attuale Date Ottobre 2014 novembre 2015 Contratto di Collaborazione a Coordinata e Continuativa del progetto Monitoraggio

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA. Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura "Infrastruttura per l'informazione Territoriale"

REGIONE LOMBARDIA. Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura Infrastruttura per l'informazione Territoriale REGIONE LOMBARDIA Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura "Infrastruttura per l'informazione Territoriale" Indirizzo Via F. Sassetti, 32/2-20124 Milano Telefono/Fax 02 67654333 / 02 67654620 E-Mail

Dettagli

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007 Introduzione ai Sistemi Informativi Territoriali Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Sommario Cos è il SIT Gli strumenti del SIT L informatizzazione

Dettagli

Descrizione delle funzioni COSA È COME SI CONSULTA

Descrizione delle funzioni COSA È COME SI CONSULTA Descrizione delle funzioni Trasparenza e Servizi nella Pubblica Amministrazione IL PORTALE CARTOGRAFICO COMUNALE IN INTERNET Un servizio di per i Comuni COSA È È un portale ideato per consentire a tutti

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS Compilato: Andrea De Felici Rivisto: Approvato: Versione: 1.0 Distribuito: 01/08/2013 1 INDICE 1. INTRODUZIONE..3 2. PRIMI PASSI.....4

Dettagli

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio Potenzialità e limiti & software in commercio Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Cos è un GIS (Geographic Information System)? [SIT

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF Mauro Belardi, Dario Ottonello e Giorgio Baldizzone Convegno Internazionale La gestione di rete Natura 2000: esperienze a

Dettagli

I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi

I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi Roberto Tinarelli 29.03.2014 - I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi Un Associazione

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAPRIOLO E CERVO s.v. 2012/2013

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAPRIOLO E CERVO s.v. 2012/2013 COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAPRIOLO E CERVO s.v. 2012/2013 - RELAZIONE TECNICA A cura di Omar Giordano Tecnico faunistico C.A. CN2 PREMESSA Nella presente relazione

Dettagli

PIANO DI ABBATTIMENTO NEL TERRITORIO ADIBITO A LIBERO ESERCIZIO VENATORIO DELL'A.T.C.N 1 POTENZA PERIODO DAL 02/01/2016 AL 31/01/2016

PIANO DI ABBATTIMENTO NEL TERRITORIO ADIBITO A LIBERO ESERCIZIO VENATORIO DELL'A.T.C.N 1 POTENZA PERIODO DAL 02/01/2016 AL 31/01/2016 PIANO DI ABBATTIMENTO NEL TERRITORIO ADIBITO A LIBERO ESERCIZIO VENATORIO DELL'A.T.C.N 1 POTENZA PERIODO DAL 02/01/2016 AL 31/01/2016 SPECIE TARGET: VOLPE (Vulpes vulpes) Approvato con Delibera del Co.Gest.

Dettagli

STATO, DISTRIBUZIONE, E DIMENSIONE DELLA POPOLAZIONE DI LUPO IN REGIONE PIEMONTE

STATO, DISTRIBUZIONE, E DIMENSIONE DELLA POPOLAZIONE DI LUPO IN REGIONE PIEMONTE STATO, DISTRIBUZIONE, E DIMENSIONE DELLA POPOLAZIONE DI LUPO IN REGIONE PIEMONTE Il Monitoraggio del lupo - Aggiornamento inverno 2010-2011 Marucco, F. & Avanzinelli, E. Centro Gestione e Conservazione

Dettagli

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria Corso per il prelievo del cinghiale con metodi selettivi - ATC PG2 Dott. Luca Convito - Spoleto - 2014 Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria settori per la caccia al cinghiale

Dettagli

LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA FASE: SMASSAMENTO CUMULI RILIEVO TOPOGRAFICO LST (LASER SCANNER TERRESTRE) COMUNE DI ADELFIA (BA)

LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA FASE: SMASSAMENTO CUMULI RILIEVO TOPOGRAFICO LST (LASER SCANNER TERRESTRE) COMUNE DI ADELFIA (BA) Via G. De Marinis, 13 70131 (ITALY) e mail: info@geotek rilievi.com web: www.geotek rilievi.com COMUNE DI ADELFIA (BA) LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA DELLO STABILIMENTO EX SAPA FASE: SMASSAMENTO

Dettagli

MONITORAGGIO DEL LUPO SULLE ALPI LIGURI IMPERIESI

MONITORAGGIO DEL LUPO SULLE ALPI LIGURI IMPERIESI MONITORAGGIO DEL LUPO SULLE ALPI LIGURI IMPERIESI Progetto Valorizzazione dei Siti di pregio delle Alpi Liguri Ob2 Misura 6b. Regione Liguria, Amministrazione Provinciale di Imperia. Nell ambito del Progetto

Dettagli

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA ANIMALE Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano A cura di: Dott. Alberto Meriggi

Dettagli

I risultati del progetto regionale per il monitoraggio del Lupo in Liguria

I risultati del progetto regionale per il monitoraggio del Lupo in Liguria I risultati del progetto regionale per il monitoraggio del Lupo in Liguria MERIGGI A., MILANESI P., SERAFINI M., SCHENONE L., SIGNORELLI S., TORRETTA E., PUOPOLO F., SOBRERO R., RANDI E., CANIGLIA R.,

Dettagli

Piano di controllo della specie cinghiale per il periodo 2011/2015

Piano di controllo della specie cinghiale per il periodo 2011/2015 CONSORZIO DEL PARCO REGIONALE DEI LAGHI DI SUVIANA E BRASIMONE Piano di controllo della specie cinghiale per il periodo 2011/2015 Piano di controllo della specie cinghiale 2011/2015 1 Inquadramento generale

Dettagli

SCHEDA PROGETTO: Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana SIF-RS

SCHEDA PROGETTO: Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana SIF-RS SCHEDA PROGETTO: Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana SIF-RS Finalità del SIF-RS Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana è un progetto finanziato dal POR-Sicilia 2000-2006,

Dettagli

Area Tecnica e Parco ORIGINALE

Area Tecnica e Parco ORIGINALE Area Tecnica e Parco ORIGINALE DETERMINAZIONE N. 87 / S del 30 agosto 2010. Oggetto: INTERVENTI PER LA CONSERVAZIONE DEL LUPO E DI ALTRI CARNIVORI NELLE AREE PROTETTE DELLA REGIONE MARCHE, NEI SITI NATURA

Dettagli

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006)

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006) Territorio La provincia di Cremona si estende a sud della Lombardia al confine con l Emilia Romagna. E completamente pianeggiante, appena digradante verso il Po, con un altitudine che oscilla mediamente

Dettagli

Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR

Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Modelli digitali

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI BIELLA Seduta del 01/12/2006

GIUNTA PROVINCIALE DI BIELLA Seduta del 01/12/2006 GIUNTA PROVINCIALE DI BIELLA Seduta del 01/12/2006 ATTO n. 381 OGGETTO: Attività Centro Servizi Territoriale della Provincia di Biella - Biell@gov - per l anno 2006 - Approvazione studio di fattibilità

Dettagli

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN.

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN. Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione territoriale Infrastrutture Ambiente Ufficio Staff Supporto alla Pianificazione e alla Progettazione Via Garibaldi 50, 29100 PIACENZA, tel. 0523/7951

Dettagli

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Realizzato per Regione Liguria da Osservatorio Ligure Pesca

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

Una Carta storica per le Valanghe

Una Carta storica per le Valanghe Una Carta storica per le Valanghe Il rischio valanghe è un fenomeno che interessa tutti i Paesi in cui esista una combinazione di rilievi montuosi e precipitazioni nevose. Si calcola, infatti, che annualmente,

Dettagli

Venerdì 25 GIUGNO 2010

Venerdì 25 GIUGNO 2010 di Antonello Cedrone Consulente in Risorse Energetiche e Ambientali Venerdì 25 GIUGNO 2010 Conferenze dedicate alla biodivertità al fine di individuare misure di tutela e conservazione INDICE Il presente

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus Versione 1 Febbraio 2007 Versione 1 Febbraio 2007 ECDL GIS Programma di certificazione 1. A chi si rivolge La certificazione ECDL

Dettagli

Allora, cosa sappiamo fare?

Allora, cosa sappiamo fare? Allora, cosa sappiamo fare? ragionare in termini di proiezioni e sistemi di coordinate ragionare in termini di scala distinguere tra rappresentazioni vettoriali e raster del mondo Scaricare dei dati precompilati

Dettagli

Comune di Moncenisio Regolamento Comunale pascoli

Comune di Moncenisio Regolamento Comunale pascoli Comune di Moncenisio Regolamento Comunale pascoli Allegato alla delibera di C.C. 1 del 10/04/2007 INDICE Art. 1 Finalità...2 Art. 2 Costituzione Commissione Consultiva pascoli...2 Art. 3 Diritto di pascolo...2

Dettagli

NORME PER LA PROTEZIONE DEL PATRIMONIO ZOOTECNICO

NORME PER LA PROTEZIONE DEL PATRIMONIO ZOOTECNICO NORME PER LA PROTEZIONE DEL PATRIMONIO ZOOTECNICO Legge regionale n. 26 del 4 febbraio 2005 (Tutela del patrimonio zootecnico soggetto a predazione). Due tipologie di intervento: contributi per la realizzazione

Dettagli

LUCA PEDROTTI FINALITA DELLA GESTIONE FAUNISTICA. LE SPECIE PROBLEMATICHE, TRA AREE PROTETTE E AREE VENATORIE

LUCA PEDROTTI FINALITA DELLA GESTIONE FAUNISTICA. LE SPECIE PROBLEMATICHE, TRA AREE PROTETTE E AREE VENATORIE LUCA PEDROTTI FINALITA DELLA GESTIONE FAUNISTICA. LE SPECIE PROBLEMATICHE, TRA AREE PROTETTE E AREE VENATORIE SPECIE (FAUNA) PROBLEMATICHE Popolazioni che esercitano un impatto significativo sull Ambiente

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Assessorato degli Enti Locali, Finanze ed Urbanistica

Regione Autonoma della Sardegna. Assessorato degli Enti Locali, Finanze ed Urbanistica Regione Autonoma della Sardegna Assessorato degli Enti Locali, Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica, Territoriale e della Vigilanza Edilizia Il SITR (Sistema Informativo

Dettagli

Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS

Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS Alfredo Altobelli, Katja Mignozzi, Rossella Napolitano Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste XIV meeting degli utenti italiani GRASS

Dettagli

BANCHE DATI NATURALISTICHE REGIONE PIEMONTE (BDNRP) Deontologia e norme per l utilizzo e l accesso ai dati

BANCHE DATI NATURALISTICHE REGIONE PIEMONTE (BDNRP) Deontologia e norme per l utilizzo e l accesso ai dati BANCHE DATI NATURALISTICHE REGIONE PIEMONTE (BDNRP) Deontologia e norme per l utilizzo e l accesso ai dati Sommario 1 Finalità...1 2 Origine dei dati...1 3 Proprietà dei dati...2 4 Proprietà dei software...2

Dettagli

Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour. Seminario di studi IRES AISRe. Sala Conferenze IRES Piemonte Via Nizza 18, Torino

Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour. Seminario di studi IRES AISRe. Sala Conferenze IRES Piemonte Via Nizza 18, Torino Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour L APPROCCIO INTEGRATO ALLA PIANIFICAZIONE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE AREE PROTETTE: IL CASO DEL PARCO NATURALE DELLE ALPI MARITTIME Angela

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)...

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... 6 2.3 L area destinata ad insediamento residenziale C3 (Area

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 B. MANUALE DI UTILIZZO DEL GRIGLIATORE Il pre processore Grigliatore è composto da tre macro

Dettagli

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA È guida ambientale escursionistica chi, per professione, accompagna persone singole o gruppi di persone nella visita

Dettagli

Fig 1. - Distribuzione delle prove geognostiche presenti nella Banca Dati Geognostica

Fig 1. - Distribuzione delle prove geognostiche presenti nella Banca Dati Geognostica 1. Introduzione Il progetto di costruzione di una Banca Dati Geognostica sull intero territorio regionale di pianura è nato con l obiettivo prioritario di disporre di informazioni geologiche di sottosuolo

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

CONVENZIONE TRA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA GEOGRAFICA UNICA DEL TERRITORIO FERRARESE

CONVENZIONE TRA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA GEOGRAFICA UNICA DEL TERRITORIO FERRARESE CONVENZIONE TRA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI FERRARA - CONSORZIO GENERALE DI BONIFICA DELLA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA - REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA GEOGRAFICA

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Regione Piemonte. Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica

Regione Piemonte. Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Regione Piemonte Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Settore Cartografico Regione Piemonte C.so Orbassano 336 (Centro NADIM) Torino tel. 011-4326466 - fax 011-4326462 - e-mail: cartografico@regione.piemonte.it

Dettagli

Creare mappe custom per Garmin

Creare mappe custom per Garmin Creare mappe custom per Garmin Creare mappe custom per Garmin Informazioni generali Nonostante il grande sforzo profuso da Garmin nella realizzazione di cartografia vettoriale (indubbiamente di qualità

Dettagli

CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO

CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO INDICE CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO... 1 1. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO... 3 1.1 METODOLOGIA DI ANALISI... 3 1.2 LE COMPONENTI DELLA GRIGLIA

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA Ufficio Tecnico Gestionale

SERVIZIO TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA Ufficio Tecnico Gestionale SERVIZIO TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA Ufficio Tecnico Gestionale 1 Provincia di Torino Servizio Tutela Fauna e Flora Dirigente: Dott. Gianfranco Righero Testo ed elaborazioni cartografiche: Ufficio

Dettagli

modulo E24 mod. ASP_13_SCIA_az-zootecnica vers. 00 dell 11-06-2013 GENERALITÀ DEL RICHIEDENTE Codice fiscale: Nato a: prov.

modulo E24 mod. ASP_13_SCIA_az-zootecnica vers. 00 dell 11-06-2013 GENERALITÀ DEL RICHIEDENTE Codice fiscale: Nato a: prov. ALLA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di Dipartimento Prevenzione Per il tramite del SUAP del COMUNE DI Segnalazione Certificata Inizio Attività ( S.C.I.A. ) ai fini della registrazione di nuovo allevamento

Dettagli

WebGis - Piano Comprensoriale di Protezione Civile

WebGis - Piano Comprensoriale di Protezione Civile "S@ve - Protezione dell'ambiente per la gestione ed il controllo del territorio, valutazione e gestione emergenze per il comprensorio del Vallo di Diano" I PRODOTTI: WebGis - Piano Comprensoriale di Protezione

Dettagli

PARCO DEI COLLI DI BERGAMO

PARCO DEI COLLI DI BERGAMO Deliberazione Numero 15 Del 20-04-2011 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Oggetto: Organizzazione dell'viii^ Fiera del Parco. 22-05-2011 L'anno duemilaundici il giorno venti del

Dettagli

Mappe elettroniche. La visione di TomTom

Mappe elettroniche. La visione di TomTom Mappe elettroniche La visione di TomTom Introduzione 24 / 08 / 2007 Amsterdam La qualità di un sistema di navigazione si misura dalle sue mappe. In questo documento sono illustrati lo sviluppo e il funzionamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni DIPARTIMENTO PER LE COMUNICAZIONI Il modello di calcolo del digital divide infrastrutturale: applicazione al case study Farmacie Alessandro

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE Rev. 0 03/06/2014 Arch. Chiara Dell Orto IL SIT NON È UNA TRADIZIONALE CARTOGRAFIA DISPONIBILITÀ

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Indagine di mercato sui pavimenti in gomma nella stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Già da alcuni anni, allevatori, tecnici, veterinari e ricercatori

Dettagli

Podarcis sicula (Rafinesque, 1810) Lucertola campestre; Italian wall lizard

Podarcis sicula (Rafinesque, 1810) Lucertola campestre; Italian wall lizard 225 Podarcis sicula (Rafinesque, 1810) Lucertola campestre; Italian wall lizard Podarcis sicula (foto S. Viglietti) Tassonomia e distribuzione generale Specie altamente politipica con un elevata variabilità

Dettagli

LE FOTOGRAFIE AEREE. Sistema Informativo Territoriale: repertorio cartografico e banche dati territoriali

LE FOTOGRAFIE AEREE. Sistema Informativo Territoriale: repertorio cartografico e banche dati territoriali 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 LE FOTOGRAFIE AEREE La Regione Lombardia ha realizzato nel corso degli anni una serie di riprese aeree del proprio territorio utilizzate per la produzione e l aggiornamento

Dettagli

ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA. Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari

ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA. Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari Legge 11 febbraio 1992, n. 157 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma

Dettagli

CHI SIAMO. Agriturismo del Cimone LA PALAZZA. Indirizzo Via di Calvanella 710. Località Canevare Fanano (MO) Contatti tel. 0536 69311. Fax.

CHI SIAMO. Agriturismo del Cimone LA PALAZZA. Indirizzo Via di Calvanella 710. Località Canevare Fanano (MO) Contatti tel. 0536 69311. Fax. CHI SIAMO Agriturismo del Cimone LA PALAZZA Indirizzo Via di Calvanella 710 Località Canevare Fanano (MO) Contatti tel. 0536 69311 Fax. 0536 66631 Cell. 335 6266972 info@agriturismodelcimone.it www.agriturismodelcimone.it

Dettagli

La Toscana al 6 Censimento Generale

La Toscana al 6 Censimento Generale na regione Toscana ilità diritti Valori innovazione sostenibilità La Toscana al 6 Censimento Generale dell Agricoltura Risultati Provvisori La Toscana al 6 Censimento Generale dell Agricoltura Risultati

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina N O T I Z I A R I O Supplemento al numero 13/2002 La macellazione in Italia nel 2001 a cura di Giuseppe Messina UNIONE IMPORTATORI ESPORTATORI INDUSTRIALI COMMISSIONARI GROSSISTI INGRASSATORI MACELLATORI

Dettagli