TRIBUNALE DIBRESCIA SEZIONE FALLIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIBUNALE DIBRESCIA SEZIONE FALLIMENTARE"

Transcript

1 dott. ing. UMBERTO ïassi P. rva TRIBUNALE DIBRESCIA SEZIONE FALLIMENTARE Fallimento: NR. 129/2009 POLI RICCARDO residente in Toscolano-Maderno BS - Via Sassello N. 56/a. nato a Salò t 16.02j974 Codice fiscale: PLO RCR H717N Giudice Delegato: DR. CARLO BIANCHETTI Curatore: DR. OLIVIERO DIGIORGIO * { < * * r ß r ß RELAZIONE DISTIMA BENI IMMOBILI DI COMPENDIO AL FALLIMENTO ll Curatore dr. Oliviero di Giorgio ha nominato Perito Estimatore il sottoscritto dott. ing. UMBERTOTASSI, nato a Bologna i , residente in Desenzano (BS) Via G. Rambotti n. 56/4, libero professionista iscritto all'ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia N. 1779, e a quello dei Consulenti Tecnici del Tribunale di Brescia n. 372, per la valutazione dei beni e dei macchinari di proprietà del fallimento. ll Perito nel corso dell'udienza ha accettato I'incarico, ha prestato il giuramento di rito davanti al Signor Giudice dr. BIANCHETTI il quale, confermando l'incombenza ha affidato al perito il seguente quesito: 1) determinil'esperto, esaminatigli atti, ispezionatiiluoghi, tenuto conto dello stato di manutenzione e produttività deglimmobili acquisiti alla massa delfallimento POLI RICCARDO, nonché di ogni altro elemento necessario ed utile aifini dell'indagine, il valore odierno mercato deglimmoblr sfessr,' qualora, deglimmobilisfessi srano comproprietaripro indivise altre persone, precisil'esperto I'entità della quota indivisa Fallimento N. 129/09 POL RICCARDO Pagina 1 di27

2 c.f. TSSMRT6OAO6A944S di pertinenza del fallimento. lndichinfine, gli elemento di cui all'aft C.C., natura dell'immobile, Comune in cui si trova, numero del catasto e delle mappe censuarie ove esistano, almeno tre confini, gravami riguardanti dettimmobill **{<*+{< PREMESSA In adempimento all'incarico ricevuto, lo scrivente ha effettuato le necessar e ispezioni di rito presso iseguenti uffici: - Agenzia del Tenitorio di Brescia (Catasto Terreni e Fabbricati); - Ufficio Tecnico del Comune ditoscolano-maderno; - Servizio di Pubblicità lmmobiliare - Agenzia DelTenitorio - Salò; ha preso in esame tutta la relativa documentazione reperita, ha preso in appropriata considerazione tutte le notizie in merito che gli sono state fornite dal Curatore Fallimentare e dal tecnico del Comune di Toscolano-Maderno dott. ing. Nicola Zanini, ha esperito gli opportuni sopralluoghi, ha raccolto ed analizzato ogni elemento informativo atto alla valutazione analitica e complessiva dei beni, talchè redige la seguente perizia con la precisazione che la determinazione delle super{ici commerciali è stata effettuata sulla base dei dati riportati negli elaborati catastali. *!f F:t** Pagina2di2T

3 RELAZIONE DISTIMA ll sottoscritto ha effettuato tre sopralluoghi presso gli immobili oggetto della presente peizia, ubicati in Comune di Toscolano-Maderno, il giorno 28 gennaio, il 04 febbraio ed il 03 mazo In tale occasione lo scrivente ha accertato I'ubicazione delle singole u.i. e ne ha verificato la consistenza prendendo cognizione dello stato difatto. Completate tutte le operazioni di indagine di cui sopra il sottoscritto per to estimatore è ora in grado di relazionare quanto segue: 1. Vifetta, ubicata in Via Antonio Vivaldi n. 18 P. Terra, 1o- 2o, pet la quota di116, attualmente censital Catasto Fabbricati come seoue: Seztone U bana FOgilo N. Mappaþ N. Sub. N. Categorla Clasæ )onslstenza Rendna C. MAD l N2 4 7 vanl m Autorimessa di pertinenza, ubicata in Via Antonio Vivaldi n. 18 P. Tena, per la quota di 1/6, attualmente censital Catasto Fabbricaticome segue: Sezlone UÉana Fogllo N, Mappare N. Ituþ. N. Cat Classe ]onslstenza Rendlta e. MAD t J c/6 1 Mq Pagina 3 di 27

4 3. N. 5 BOX AUTO facenti parte d autor messa interrata, ubicata in Via Antonio Rosmini snc, Piano -1o, attualmente censital Catasto Fabbricaticome segue: Sezione Urbana Fogllo N. Mappale N, Sub. N. Cat. Classe Conslstenza Hen0[a. MAD c/6 Mq.20 76,M MAD lo c/6 Mq.20 76,44 MAD 1q 6M3 I c/6 2 Mq ,61 MAD t o c/6 2 Mq ,61 MAD c/6 2 Mq ,61 4. LASTRICO SOLARE, ubicato in Via Antonio Rosmini snc, attualmente censito al Catasto Fabbricati come seoue: Seaone Urbana FOgil0 N, Mappale N. Sub. N. Cat. Classe Conslstenæ Rendna f. MAD Mq AREA URBANA, ubicata in Via Giacomo Leopardisnc, attualmente censital Catasto Fabbricati come segue: ltezt0ne Urbana Foglo N. Mappare N, Sub. N. Cat Classe Conslstenza Rendlta f. MAD t Mq.766 Fallimento N, 129/09 POLI RICCARDO Pagina 4 di 27

5 P. lva e 2. VILLETTA + AUTORIMESSA Villetta con garage ubicata in Via Antonio Vivaldi n. 18 P. Terra,lo- 2o Trattasi di unità immobiliare facente parte di un fabbricato, con tipologia a schiera, composto da n. 14 villette tra di loro adiacenti, realizzato cuca anni orsono con interuento Soc. Cooperativa La Famiglia. La villetta, con annesso garage a P. Terra, ha accesso esclusivo ed indipendente da lato Via Vivaldi, e dispone dicortesclusiva a verde dalato opposto. VILLETTA Piano Interrato H. cm Vano scala di accesso e locali cantina dotati di due aperture contrapposte su bocche di lupo Piano Terra H. cm Portico comune con la u.i. adibita garage - lngresso con vano scala Piano Primo H. cm Vano scala con disimpegno - ampio soggiorno con balcone - ampio locale cucina con balcone e camino Piano Secondo H. cm.270 Vano scala con disimpegno tre camere da letto, una singola e due matrimoniali, dotate di balconi, Pagina 5 di 27

6 - bagno padronale con finestra AUTORIMESSA H. cm.240 Trattasi di autorimessa ub cata P. Terra, con accesso diretto dalla corte comune alla villetta, prospiciente Via Vivaldi. L'accesso al locale awiene tramite porticato con pilastro laterale. ll box auto comunica, tramite disimpegno, con il vano scala di accesso all'alloggio. 3. N. 5 (cinque) BOX AUTO facenti parte di autorimessa intenata, ubicata in Via Antonio Rosmini snc, Piano -1, complessivamente composta da n. 12 box auto, corsello di manovra centrale e vano scala di sicurezza. Ai box auto siaccede tramite rampa carrabile con ingresso da Via Rosmini. L'autorimessa è completamente intenata, costruita con struttura portante in cemento armato, solaio di copeilura a lastre, formante lastrico-solare, (di cui al successivo punto 4.), con sovrastante giardino pensile a verde, adibito a parco pubblico. Ogni box è dotato di basculante automatica in acciaio zincato. La pavimentazione è calcestruzzo lisciato. 4. LASTRICO SOLARE, ubicato in Via Antonio Rosmini snc, costituente solaio di copeftura dell'autorimessa di cui al precedente punto 3. La suddetta superficie è adibita parco pubblico essendo individuata nel vigente P.R.G. come zona SP3. 5. AREA URBANA, ubicata in Via Giacomo Leopardi angolo Via Dante, costituente solaio di copertura di autorimessa intenata, realizzaladalfallito nell'anno Pagina 6 di 27

7 Via G. Rambotti. 56 A La suddetta supeficie è pavimentata in calcestruzzo lisciato ed è attualmente destinata a parcheggio pubblico senza parcometro: da sopralluogo risultano infatti essere tracciati n. 12 POSTI AUTO con corsia relativa di manovra, CONFIN! l Viffetta e autorimessa di cui al mappale 5426 sub. 213 con riferimento all'estratto mappa, a partire da lato Nord in sensorario: - NORD: via vivaldi: - EST: mappale 5425; - SUD: mappale 4233; - OVEST: mappale5427. Box auto dicuial mappale 6443 sub. 1 4 l8l9l 10 e Lastrico solare dicuial mappale 6443 sub. 14, con riferimento all'estratto mappa, a partire da lato Nord in sensorario: - NORD: mappale418l e4188; - EST: mappale 2772 e strada di accesso ad altra proprietà; - SUD: via rosmini; - OVEST: mappale 4333; Area Urbana di cui al mappale 6233 sub. 11, con riferimento all'estratto mappa, a partire da lato Nord in sensorario: - NORD: via dante; PaginaT dr27

8 EST: via leopardi; SUD: mappale 5198; OVEST: mappale6472..r:ìi Dall'esame della documentazione tecnico-urbanistica, disponibile presso I'Ufficio Tecnico del Comune ditoscolano-maderno, è emerso quanto segue: BOX AUTO facenti parte di autorimessa interrata, ubicata in Via Antonio Rosminisnc, Piano -1" e LASTRICO SOLARE: - Permesso di Costruire N. 199/2007 in data Pratica Edilizia PE N. 70/2007; - Fine lavori in data 29.04,2008; AREA URBANA ubicata in Via Giacomo Leopardi- Via Dante: - Pratica Edilizia N. 99/2004 del Concessione Edilizia N per costruzione n. I autorimesse intenate; - Variante P.E. N, per variante tipologia pavimentazione da Erbablocka battuto di cemento; - Fine Lavori Prot. N de Da quanto rilevato nei sopralluoghi effettuati presso le rispettive unità immobiliari, tutte le opere risultano conformi a quanto ratfigurato nelle planimetrie catastali, depositate all'agenzia del Tenitorio. Fallimento N, 129/09 POLI RICCARDO Pagína I di 27

9 Via G. Rambott, 56 A P. lva PROPRI ETA' IMMOBILIARE E' stata eseguita ispezione presso I'Agenzia del Territorio - Servizio di Pubblicità lmmobiliare di Salò, con agg ornamento alla data de , relativamente alla proprietà di: - POL RICCARDO nato a Salò (BS) il residente anagraficamente a Toscolano-Mademo, Via Sassello n. 56/A; codice fiscale PLO RCR H717N con le risultanze di seguito elencate. PROPR ETA' IMMOBILIARI IN COMUNE DI TOSCOLANO.MADERNO Fallimento N. 129/09 POL RICCARDO Pagina I di 27

10 P. lva POLI RICCARDO POLI EMANUELA CAPUCINI GIUSEPPINA quota d 1/6 d P.P. quota di 1/6 di P.P. quota di 1/6 di P.P. di mq. 880 mq. mq. mq. mq. mq. mq. Fallimento N. 129/09 POL RICCARDO Pagina 10 di 27

11 dott. ing. UMBERTO TASS P. lva costruito su are al Catasto dei Terreni - foqlio g mappale 6443 ENTE URBANO dimq. 904 EX 5469 EX 2772 Provenienza : QUOTAdi I /1: atto dicompravendita delmappale 5469 (foglio 9) Notaio Fiordaliso F. del ai n.ri 1165/887 Trascritto a Salò t ai n.ri 2849/1881: PBOPRIETA' IMMOBILIARE GRAVATA da FORMALITA, PREGIUDIZIEVOLI tâ IP,Ai:EØA,ü.,O.tt0.ltfdlBtA,-,ì0.ö,ncë,bËj,o-.f,_é,.,, n. 49 / 15 del 04/01/2000 favore : BANCA dicredito COOPERATIVO COLLI MORENICI deigarda SOC. COOP. a RESP.LIMIT. contro : POLI RICCARDO (quota di 1/6 di P.P.) POLI EMANUELA CAPUCCINI GIUSEPPINA (quota di 1/6 di P.P.) (quota di4/6 d P.P.) capitale di somma iscritta di durata Euro ,00. Euro ANNI 15 Notaio De Rossi G.de aln.ro di rep. Fallimento N, 129/09 POLI RICCARDO Pagina 11 di 27

12 P. lva (quota di 1/1 di P.P.) iøjiiffi,l,eç:a,vo:lont:ari ^,,ê6i1"ç#, iir,':,,': n. 8469/1431 del 17111/2008 favore : B.C.C. de GARDA - BANCA dicredito COOPERATIVO COLLI MORENICIdelGARDA SOC. COOP. a RESP. LlMlT. creditore ipotecarío contro : POL RICCARDO terzo datore d'ipoteca (quota di 1i1 di P.P.) SALANDINI BARBARA debitore ipotecario capitale di somma iscritta di durata Euro ,00. Euro ANNI 10 Notaio Fiordaliso F..del 07/11/2008 ai n.ri 1767/1425 di rep. lriffih^ j$fíft i_ ^áfi?. mapp sub sub. 4 mapp.6443 sub. 10 Fallimento N. 129/09 POL RICCARDO Pagina12di27

13 P. lva 00499s50986 OLTRE a mappale 4707 di mq (Saladini Barbara per quota di 1/1 di P.P.) n. 734i 115 del 05/ favote :FINCOL SPA FINANZIARIA CENTROPERAZIONI LEASING contro:poli RICCARDO (quote di 1/1 + 1/6 di P.P.) Pagina 13 di 27

14 c.f. TSSMRT6OAO6A944S capitale di Euro 9.553,28. somma iscritta di Euro ,00 Tribunale di Brescia del 15/ n irnmobili,ipotecati: veði,pun.,i),l! -g), iêjnf,,ö"teoe n. 735 / 116 del 05/0?J2009 favote : FINCOL SPA FINANZIARIA CENTRO OPERAZIONI LEASIN contro: POL RICCARDO SALANDINI BARBARA (quote di 1/1 + 1/6 di P.P.) (quota di 1/1 dip.p.) capitale di Euro ,19. somma iscritta di Euro ,00 Tribunale di Brescia del 17i n OLTRE altri mappali di proprietà Salandini Barbara n. 736/117 del 05/02/2009 favote : FINCOL SPA FINANZIARIA CENTRO OPERAZIONI LEASING contro:poli RICCARDO SALANDINI BARBARA (quote di 1/1 + 1/6 di P.P.) (quota di 1/1 di P.P.) capitale di Euro ,71. somma iscritta di Euro ,00 Tribunale di Brescia del n Pagina14 di27

15 dotl. ing. UMBERTO TASSI c.f. TSSMRT6OAO6A944S P. rva mmohiiiliporêcatl: VED PUNTT 1)-2) +$ OLTRE altri mappali per Salandini Barbara,ap,içNa,FniliÊ:ÑIo,tMtrttoBILIA:RE n. 2979/1962 del 30/04/2009 favore : LUZZARALESSANDRO contro:pol RICCARDO (quote di 1/1 + 1/6 di P.P.) credito Euro ,18 Tribunale di Brescia del 10/04/ n immobili ipotecati : VEDI PUNT 1)- 2)- 3) v,jìì t{lv*dí,fã[[rlt Ëil;#9,;i/]jjiíj iliur n de favore:massa deicreditor del FALLIMENTO dipol RICCARDO contro : POLI RICCARDO (quote di 1/1 + 1/6 di P.P.) Con riferimento al PUNTO 2) ln data , presso la Sede Municipale del Comune ditoscolano-maderno, in merito alla pratica edilizia n, 99 del , relativalla realizzazione di autorimesse interrate Via G. Leopardi - Via Dante, su terreno distinto in mappa con il n foglio 19 - censuario Maderno, è stato sottoscritto, tra Poli Riccardo e il Comune di Toscolano-Maderno, ATTO UNILATERALE per cessione diritto di Pagina 15 di 27

16 superf cie parcheggio pubblico ai sensi art. 46, comma 4, N.T.A. Prg Vigente - art. 41 N.T.A. Prg in Salvaguardia. L'Atto Unilaterale, allegato in calce alla presente relaz one, si compone di n. I articoli. All'ad. 1 il Sig. Poli Riccardo dichiara cedere volontariamente e gratuitamente al Comune di Toscolano-Maderno, il diritto di superficie perpetuo dell'area mappale foglio 19, da destinare a parcheggio pubblico, dopo I'awenularealizzazione delle autorimesse interrate da parte dell'impresa edile Poli Riccardo. Con riferimento al PUNTO 3) ln data , presso la sede municipale del Comune di Toscolano-Maderno, in merito alla P.E. N del , relativalla realizzazione di autorimesse interrate Via A. Rosmini, su teneno distinto in mappa con il n foglio 19 - censuario Maderno, è stata sottoscritta, tra Festa Giacomo (in qualità di proprietario delteneno, successivamente venduto a Poli Riccardo con atto notaio F. Fiordaliso rep. N. 1165/887 del ) e il Comune di Toscolano-Mademo, CONVENZIONE per cessione in fase di esecuzione dell'area posta in superficie, da adibire a parco pubblico con contestuale realizzazione delle seguenti opere di arredo urbano: 1. una fontanella di acqua potabile, 2. sei panchine deltipo indicato dall'amministrazione comunale; 3. cinque ulivi; 4. impianto di illuminazione pubblica crepuscolare con minimo n. I punti luce Pagina 16 di 27

17 in conform tà alla caratteristiche tecniche, tipologiche, qualitative ed estetiche indicate dall'amministrazione comunale; 5. impianto di inigazione automatica in conformità alle direttive impartite dall'ufficio tecnico comunale; 6. pavimentazione in massello autobloccante che dovrà raggiungere tutti gli accessi carrai e pedonali affacciati sull'area contornata in verde nell'allegata planimetria; 7. impianto di convogliamento delle acque meteoriche; 8. rcalizzazione di tappeto erboso nel terreno destinato a parco pubblico con uno strato di terreno vegetale sottostante la cotica erbosa dialmeno cm. 50; 9. nell'eventualità in cui nell'esecuzione degli scavi avessero a r nvenirs tubazioni della pubblica fognatura o dell'acquedotto comunale o in genere impianti tecnologici, dovranno essere oppofiunamente spostati previo accordo con I'amministrazione comunale settore lavori pubblici. Detta Convenzione, allegata in calce alla presente relazione, si compone di n. 11 articoli. In data con lettera protocollo n il Comune ditoscolano-maderno, a seguito di sopralluogo effettuato in data dall'ufficio Tecnico e dal DL geom. Erculiani Marco, invitava il Sig. Poli Riccardo a voler eseguire entro gg. 30 le operedi cui ai punti 1)-2)-4)-5)-8),tuttoramancanti perl'ultimazionedelle opere previste. PaginalT di27

18 P. lva s0986. :,,. '.'r... dnrrsnëlidét Au tnazt0n ÈrröËt,v. onn Dt,M ERoATo Precisato che le valutazioni immobiliari di seguito esposte si intendono a corpo e non a misura, il sottoscritto perito estimatore ritiene attendibile e congruo valutare i beni oggetto della presente pefiziacon il criterio di stima 'sintetico e diretto",fondato sulla comparazione con esperienze e compravendite edifici e unità immobiliari similari per caratteristiche estrinseche, intrinseche e tecnologiche, con riferimento ai prezzimedi riscontrati nel medesimo mercato. Le caratteristiche estrinseche considerate sono: - località e ubicazione; - accessibilità della zona; - presenza di infrastrutture. Le caratteristiche intrinseche considerate sono: - anno dicostruzione e tipologia costruttiva; - livello estetico e qualità architettonica; - conformazione e destinazione d'uso; - superficie utile; - stato di manutenzione e grado di finitura. Caratteristiche Estrinseche ll Comune ditoscolano-maderno è ubicato NORD-EST di Brescia e dista dal capoluogo circa km. 40. E' una cittadina circa abitanti, collocata sulla sponda bresciana, quindi occidentale, del Lago di Garda e fa parte del Parco Regionale dell'alto Garda Bresciano. Posizione geograficamente privilegiata dalla quale si può ammirare il più bel lago Pagina 18 di 27

19 P. lva europeo nella sua estensione. Le zone ove sono ubicatigli immobilisono ditipologia prevalentemente residenziale, facilmente accessibili da Via Statale 45bis Toscolano-Maderno, e in prossimità sia al centro storico che allago, raggiungibilicomodamente a p edi. Nello stesso tempo trattasi di zone urbanistiche al difuori dal traffico di scorrimento principale e quindi molto tranquille dal punto di vistambientale. In prossimità dell'area urbana sita in Via Leopardi, recentemente sono state realizzale/o ristrutturate diverse costruzioni mono/plurifamiliari e pertanto il contesto urbanistico si presenta qualif icato. G.2. Caratteristiche Intrinseche VILLETTA con AUTORIMESSA in via A. Vivaldi L'immobile è stat o realizzalo con struttura poftante in c.a. e muratura. L'appartamento presenta una disposizione razionale dei locali con netta suddivisione lrazona notte zona giorno ed è apparso in buone condizionid'uso. La superficie lorda dell'alloggio è pari a circa mq , oltre a mq circa adibiti a cantina non abitabile. I balconi hanno supeíicie complessiva di mq circa. I pavimenti sono in ceramica; la dotazione impiantistica prevede impianto elettrico, impianto citofonico, impianto TV, impianto di riscaldamento autonomo. Glinfissi esterni sono in legno con vetro-camera e tapparelle. ll portoncino di ingresso, posto sotto il porticato, è in feno con specchiatura vetrata. Le poñe interne sono in legno apribili ad anta; la pavimentazione è in ceramica e le pareti sono intonacate al civile tinteggiate. Pagina 19 di 27

20 dott. íng. UMBERTO TASSI La scala interna di collegamento tra i piani ha pedated alzate in marmo tipo botticino. L'alloggio in perizia dispone una porzione di giardino esclusivo e di una corte di ingresso, comune con I'autorimessa, per compless vi mq circa. Per quanto riguarda I'autorimessa, il suddetto locale è ubicato al P. Terra ed è direttamente accessibile dalla corte comune tramite porticato di protezione, L'altezzaè di ml. 2.40;la superficie lorda commerciale è pari a mq L'accesso awiene tramite podone basculante. BOX INTERRATI E LASTRICO SOLARE in Via A. Rosmini Trattasidi recente costruzione diautorimessa intenata, costruita in cemento armato, con solaio di copedura lastre tipo "predalles", formante lastrico solare con sovrastante giardino pensile adibito a parco pubblico, piantumato a verded in parte pavimentato con massetto autobloccante. Complessivamente l'autorimessa è composta da n. 12 box auto, ogni box è chiuso e dotato di basculante automatica in acciaio zincato. E'stato possibile visionare i box sub. 4 e sub 10, le cui dimensioni utili sono pari a circa ml x 3.30 x 2.60H. La pavimentazione dell'autorimessa è in calcestruzzo lisciato e comprende una serie di pozzelli, con relativa canalizzazione di raccolta delle acque meteroriche. Scivolo di accesso, corsello interno di manovra e scala di sicurezza sono stati realizzati secondo le direttive antincendio. AREA URBANA in Via Leopardi-Via Dante Trattasi di solaio di copertura di autorimessa interrata costituita da n. 9 box auto. ll Pagina 20 di 27

21 Via G. Rambotl. 56 A solaio, pavimentato in calcestruzzo lisciato colorosso, è attualmente destinato a parcheggio pubblico: da sopralluogo risultano essere tracciati con linea gialla n. 12 posti auto, di lati ml x 5.00 circa, con antistante corsia di manovra; I'accesso awiene da via Dante tramite ampi apertura; i restanti lati sono delimitati da muretto di cinta con ringhiera metallica. Nella zona di Toscolano-Maderno, e del Lago di Garda in generale, il mercato immobiliare denuncia "una pausa" che incide sulle dinamiche dei prezzi e sul numero delle compravendite, determinando incrementi minori e/o meno rapidi che nel recente passato. Gli immobili oggetto di perizia si giudicano tuttavia "appetibili" nell'attuale contesto immobiliare, s a per posizione, dimensione e destinazione d'uso. Visti parametri di valutazione indicati nella Banca Dati delle quotazion lmmobiliari dell'agenzia Tenitorio - secondo semestre 2009, utilizzato parametro economico della superficie, eseguite le opportune indaginiconoscitive relativamente aiprezzi di mercato rilevati nel periodo Aprile Ottobre 2009, con riferimento al Listino dei Valori degli lmmobili sulla Piazza di Brescia e Provincia, si ritiene possibile definire i sotto-indicati valori di stima per ogni singola u.i., con riferimento alla superficie commerciale deglimmobili in oggetto, di cui si riportano specifiche tabelle riassuntive. *****:ß Fallimento N, 129/09 POLI RICCARDO Pagina21di27

22 Via G. Rambott, 56 A P. IVA VILLE:I,S'i{erautÞr messar di,perti{ffiuh0all. in Via Antonio Vivaldi ' rlr 'l Aifini della valutazione immobiliare, sono stati assunti i seguenti parametri: la superficie lorda dell'alloggio, come desunta dalle planimetrie, comprese le pareti ditamponamento esterne e metà diquelle a confine con le altre u.i. o con le padi comuni condominiali, è stata considerata al 100%; la superficie lorda dei balconi, esclusivi dell'appartamento, è stata considerata al500/o; la superficie dei porticati a P. Tena è stata cons derata al 50%; la supedicie dei locali intenati è stata considerata al 30%; la superficie della cofte a verde e della corte di ingresso, comune ad alloggio e autorimessa, è stata considerata al 2%; ABITAZIONE Mappale 5426 sub.2 Villetta a P.1"-2o Porlico comune di accesso con autorimessa e vano scala P, Tena Locali accessori a P. lnterrato Giardino privato lato SUD e lato NORD AUTORIMESSA Mappale 5426 sub.3 Box auto a P. Terra TOTALE SUPERFICIE COMMERCIALE VILLETTA e GARAGE MQ = mq ll valore di stima è stato assunto prudentemente pari ad./mq ,00= per I'alloggio e ad./mq. 850,00= circa per I'autorimessa di pertinenza. Fallimento N. 129/09 POL RICCARDO Pagina22di27

23 BOX AUTo lnïerrail,ubföati, n V a Antonio. Bosmin,,, Aifini della valutazione immobiliare, sono stati assunti i seguenti parametri: - la superficie lorda del box, come desunta dalle planimetrie, comprese le paretiditamponamento esterne e metà di quelle a confine con le altre u.i. o con le particomuni condominiali, è stata considerata al 100%; - la supedicie della corsia di accesso, del corsello e della scala di sicurezza antincendio sono stati considerati beni comuni il cui valore è compreso nel valore del box stesso: BOX INTERRATI Foglio 19 - Mappale 6443 Sup. Lorda m0. o/o Sup. Commerciale m0. Sub. 1 20, ,00 Sub. 4 20, ,00 Sub. 8 20, ,00 Sub. 9 20, ,00 Sub , ,00 ll valore di stima è stato assunto pari ad./mq ,00= la superficie lorda dell'area, come desunta dalle planimetrie; la destinazione d'uso e le caratteristiche della sistemazione esterna esistente: LASTRICO SOLARE Foglio 19 - Mappale 6443 ll valore a corpo della suddettaarcaadibita a Parco Pubblico stima in, 4.000,00= Fallimento N. 129/09 POL RICCARDO Pagina?S di27

24 I dott. ing. UMBERTO TASSI c.f. TSSMRT6OAO6A944S l'ampiezza ll valore della suddetta area, viene stimato a corpo in, 4.000,00= *t{< ß** Fallimento N. 129/09 POL RICCARDO Pagina24di27

25 Via G. Rambott, 56 A P. lva CONCLUSIONI La stima del più probabile valore di mercato dei beni del compendio immobiliare, arrotondatal migliaio di Euro, ubicati nel Comune di TOSCOLANO-MADERNO, descritti nella presente perizia, aventi la superf cie commerciale sopra indicata, risulta rispettivamente determinata in: j.ub, 1: VALORE DISTIMA 2 VILLETTA - foglio 19 - mappale ,00 3 AUTORIMESSA di pertinenza - foglio 19 - mappale BOX AUTO INTERRATO - foglio 19 - mappale BOX AUTO INTERRATO -foglio 19 - mappale I I BOX AUTO INTERRATO - foglio 19 - mappale BOX AUTO INTERRATO - foglio 19 - mappale ,00 10 BOX AUTO INTERRATO - foglio 19 - mappale ,00 14 LASTRICO SOLARE - foglio 19 - mappale ,00 11 AREA URBANA - foglio 19 - mappale ,00 ',,"r.),ii; ;;;;,;; L {in lettere q uattrocentoventottomi lailo0 Eu ro) Tenendo conto che il fallito è proprietario della quota indivisa 1/6 degli immobili indicati al SUB.2 e alsub. 3 sopra elencati, essendo le restantiquote di proprietà dei familiari del fallito, rapportando i valori sopra individuati per I'intera proprietà alla effettiva quota di proprietà, i valori dei beni sub, 2 e sub. 3, acquisiti alla massa del Fallimento N. 129/09 POL RICCARDO Pagina2ï di27

26 l---" ' dott. ing. UMBERTO TASSI Via G. Rambotti. 56 A P. lva I benimmobili sopra elencati sono venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano. La vendita dei box auto interrat di cui al mappale 6443 sub è soggetta ad lva. La vendita della villetta, con relativa autorimessa, di cuial mappale 5426 sub. 2-3 è soggetta ad imposta di registro. La vendita del lastrico solare di cui al mappale 6443 sub. 14, adibito a parco pubblico, e dell'area urbana di cui al mappale 6233 sub. 11, adibita parcheggio pubblico, è soggetta ad imposta di registro. ** Ë*** Reputando di aver correttamente e fedelmente adempiuto all'incarico conferito, il sottoscritto ringrazia per la fiduciaccordata e si pone a disposizione per eventuali ulteriori integrazioni e/o chiarimenti. In fede. llperito dott. ing. UMBERTO TASSI Desenzano del Garda, Fallimento N, 129/09 POLI RICCARDO Pagina26 di27

27 Via G. Rambotti. 56 A c.f. TSSMRT6OAO6A944S Elenco Alleqati: A. Documentazionecatastale: - copia estratti mappa mappale n n n copia visure per immobile delle singole u.i. effettuato presso Agenzia del Tenitorio di Brescia con allegate copia delle relative schede catastal ; - copia visura storica delle singole u.i effettuato presso Agenzia del Territorio di Brescia; B. Documentazione Urbanistica - copia Atto Unilaterale Cessione Diritto di Superficie del mappale n (ex 5199); - copia Convenzione Urbanistica cessione area del mappale 6443 (ex 5a69); C. Servizio di Pubblicità lmmobiliare, Sezione distaccata disalò - nota ditrascrizione sentenza di Fallimento D. Documentazione fotografica: - servizio fotografico a colori degli immobili: - villetta via a. vivaldi composto da n. 04 fotogrammi a coloriformato A4; - autorimessa via a. rosmini composto da n. 10 fotogrammia4; - parcheggio via g. leopardi composto da n. 06 fotogrammia4; E. Indicazioni toponomastiche: - mappa del sito con evidenziate le singole ubicazioni; F. lstanza nomina perito estimatore. llperito dott. ing. UMBERTO TASSI Desenzano del Garda, Pagina27 di27

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

CATASTO EDILIZIO URBANO

CATASTO EDILIZIO URBANO CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA collana a cura di Antonio Iovine catasto edilizio urbano AI5 MARIO IOVINE NICOLA CINO CATASTO EDILIZIO URBANO GUIDA PRATICA N.3 ESEMPI DI DICHIARAZIONI DI VARIAZIONI DI

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA LA MODERNA VIA URBANA RICALCA IL PERCORSO DI UN ANTICA STRADA ROMANA (IL VICUS PATRICIUS), SEDE DI RESIDENZE PATRIZIE DI EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE, A CUI SI ALTERNAVANO

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

per la redazione delle dichiarazioni di Catasto Fabbricati con il pacchetto applicativo Do.C.Fa.

per la redazione delle dichiarazioni di Catasto Fabbricati con il pacchetto applicativo Do.C.Fa. Territorio per la redazione delle dichiarazioni di Catasto Fabbricati con il pacchetto applicativo Do.C.Fa. Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Lazio - Territorio Roma, 25 Luglio 2013 Pagina 1 di

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02)

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) Direzione Centrale Sviluppo del Territorio e Mobilità REGOLAMENTO EDILIZIO ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) ESECUTIVO IL DELIBERA

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale n 161 del 05.11.2012 immediatamente eseguibile.

Deliberazione della Giunta Comunale n 161 del 05.11.2012 immediatamente eseguibile. Deliberazione della Giunta Comunale n 161 del 05.11.2012 immediatamente eseguibile. Oggetto: INDIRIZZI APPLICATIVI IN MERITO ALLE PROCEDURE PER LA DETERMINAZIONE E L'APPLICAZIONE DELLA FISCALIZZAZIONE

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

VADEMECUM DELLA COMPRAVENDITA

VADEMECUM DELLA COMPRAVENDITA VADEMECUM DELLA COMPRAVENDITA Tutto ciò che deve sapere e fare chi vende e chi compra un immobile A cura della Commissione Permanente di Studio ANIAG Aggiornamento - Ottobre 2007 Sede Nazionale Via della

Dettagli

BREVE GUIDA ALL ACQUISTO DELLA CASA

BREVE GUIDA ALL ACQUISTO DELLA CASA BREVE GUIDA ALL ACQUISTO DELLA CASA Che tipo di abitazione Avete deciso di acquistare una casa. Vediamo gli aspetti più importanti da controllare sotto il profilo tecnico- legale. Non fatevi scrupolo a

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

APPUNTI SULLE AGEVOLAZIONI PRIMA CASA

APPUNTI SULLE AGEVOLAZIONI PRIMA CASA APPUNTI SULLE AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Anno 2011 (a cura del notaio Raffaele Trabace) 1 INDICE SEZIONE I ACQUISTI A TITOLO ONEROSO I - LEX - ALIQUOTE CARATTERISTICHE... 4 II - OGGETTO... 14 III - SOGGETTI...

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita'

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Testo vigente LEGGE REGIONALE 20 aprile 2015, n. 17 Riordino e semplificazione della normativa regionale in materia di edilizia ( B.U. 30 aprile 2015, n. 37 ) La pubblicazione del testo non ha carattere

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli