Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani. Progetto. Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani. Progetto. Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare"

Transcript

1 Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani Progetto Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare Come presa in carico di responsabilità, di tutoraggio Percorso1 dalla spiga al pane Percorso 2 il giardino della scuola Percorso1 Unita di apprendimento Dalla spiga di grano al pane Laboratorio manipolativo, ludico, comunicativo Un giorno un chiccolino giocava a nascondino:nessuno lo cerco ed ei si addormento.dormi sotto la neve un sonno lungo e greve:infine si sveglio e pianta divento.la pianta era sottile flessibile e gentile;la spiga mise fuori di un esile colore.il sole la baciava e il vento la cullava.al mulino fu portata e presto macinata E farina bianca e diventata. 1

2 Obiettivi formativi: conoscere il grano, le sue proprieta e le sue trasformazioni riordinare logicamente gli eventi di una situazione. esplorare,osservare e scoprire i materiali con i cinque sensi. acquisire termini appropriati. utilizzare alcuni materiali in modo costruttivo. esercitare la motricita fine della mano sviluppare la capacita di confrontarsi e collaborare nel grande gruppo. Percorso: Il percorso ha preso il via da una conversazione a grande gruppo fatta con i bambini, per scoprire le loro conoscenze e informazioni sul grano. In sezione c è un bambino affetto da morbo celiaco: di conseguenza le competenze dei bambini al riguardo sono alte. Abbiamo inserito nel progetto un escursione al mulino a Torre Maina, proposto dal Comune di Maranello nell ambito del progetto alimentare (per i soli bambini di 4 anni), per scoprire come avviene la macinatura e quindi il processo di trasformazione da spiga a farina. Questa visita permette ai bambini di vivere in modo diretto la lavorazione del grano con i vari procedimenti di macinazione ad acqua, 2

3 di separazione del fior di farina dal cruschello e dalla crusca, ma soprattutto di sperimentare direttamente la preparazione del pane. Infatti durante questa uscita i bambini hanno avuto l opportunità di lavorare individualmente la farina per realizzare con le loro mani un panino che poi hanno portato a casa. Successivamente a scuola abbiamo ricostruito l esperienza per renderne partecipi anche i bambini di tre anni, con un momento di conversazione e costruito un vero e proprio testo regolativo con la sequenza logica delle fasi della macinatura. 3

4 L idea era quella di ripetere l esperienza in sezione, ma la chiusura della cucina della scuola ci ha impedito di completare il percorso. E stata organizzata allora un esperienza molto interessante: preparare le tigelle. i bambini in gruppo hanno individuato gli ingredienti necessari e attraverso scambi di opinioni, per far circolare le idee (come propone lo psicologo GiacomoStella), i ricordi dei dati osservati, si e passati alla progettazione della ricetta. Terminata questa fase scientifica la farina e stata versata nei piatti e ogni bimbo ne ha ricevuto uno per avere la possibilita di toccare con calma la farina, di lisciarla con le dita o con un cucchiaio, di tracciarvi linee con la forchetta, di intingervi il dito e stampare le proprie impronte digitali sul tavolo e di dipingersi il volto per rendere questa esperienza sensoriale veramente consolidata Per il bambino celiaco e stato predisposto un impasto individuale per permettergli di vivere in modo completo L esperienza (che per problemi di sicurezza non ha potuto vivere al mulino). Il resto del gruppo a turno ha partecipato all impasto dando il proprio contributo E molto piacevole e stimolante per loro immergere le mani in quell impasto soffice di farina-acqua-lievito e manipolarlo liberamente. 4

5 Il composto ottenuto e stato messo al caldo a lievitare. A lievitazione ultimata ogni bambino ha manipolato la sua parte di impasto per dare la forma di una pallina, che ha poi steso col mattarello. Mentre i bambini impastavano abbiamo chiesto di verbalizzare le caratteristiche dell impasto di comunicarci le loro sensazioni. Le tigelle sono poi state poste su vassoi e coperte da canovacci per permettere la lievitazione.intanto è stato acceso il tigelliere per portarlo alla giusta temperatura. Le insegnanti hanno poi provveduto alla cottura e farcitura delle tigelle,che sono state servite ai bimbi (grazie alla collaborazione della mensa, che ha variato il menu del giorno) come secondo piatto. Conversazione: le tigelle Insegnante: quali ingredienti abbiamo usato per fare le tigelle? Davide: abbiamo preso la ciotola,nella ciotola abbiamo messo il lievito. Lia: lievito sbriciolato. Michele: due bicchieri di acqua calda Angela: ed abbiamo mescolato bene Lia: e l acqua e diventata marroncina Matteo P.: poi abbiamo messo un po di sale Nessim: l olio Angela: e una bustina di zucchero per far gonfiare l impasto Thomas: e farlo più morbido Angela: Un sacchetto di farina Erica: la farinal abbiamo messa poco alla volta Gabriele: e un bambino doveva mescolare Alessia: la tata ha impastato con le mani ed ha fatto una palla Angela: l ha unta con l olio Davide: perché cosi non si appiccica Nessim: ha preso la pasta l ha messa nella terrina Michele: ha fatto una croce sulla pasta Valentina: e dopo ha messo la copertina Thomas: perché si doveva un po scaldare Danilo: io ho fatto le tigelle con la mia farina ed il mio lievito che aveva portato la mamma poi l ho messo nella mia terrina. 5

6 Insegnante: cosa è successo alla pasta? Davide: prima la pasta nella terrina era piccola Alessia: Siamo andati fuori e quando siamo tornati era grande. Michele: grande come una teglia Angela: poi abbiamo acceso la tigelliera Andrea: l impasto era grande poi abbiamo fatto tante palline Sara: abbiamo schiacciato le palline con il mattarello Erika: e sono diventate tigelle Matteo P.: poi le abbiamo messe nella tigelliera Nessim: quelle che non erano cotte erano bianche Thomas: e quando erano cotte le mangiavamo Erica: ed erano di colore marrone Angela: come il colore del pane Daniele: nelle tigelle c era la mortadella Alessandro: e nella mia c era il prosciutto Matteo C.: anche nella mia c era il prosciutto ed era rotonda Zakaria.: e io il formaggio. Alessandra: ed erano buone e le abbiamo mangiate. 6

7 TUTTE LE TIGELLE MINUTO PER MINUTO Prima prepariamo gli ingredienti: farina, acqua, lievito, sale, olio e zucchero poi cominciamo ad impastare bene; dopo la pasta va lasciata lievitare Una volta lievitato l impasto va diviso in palline. Appiattite col mattarello diventano tigelle crude. Anche Danilo impasta, senza toccare la farina di grano Prima di cuocere le tigelle devono lievitare ancora un po intanto scaldiamo il tigelliere Mmmm che profumo! 7

8 sono anche buone peccato per quel dentino che dondola, che rende difficile morsicarle.. Farcite con prosciutto, mortadella e formaggio sono proprio squisite!!! Le facciamo anche domani? 8

9 OBIETTIVI INDIVIDUARE E OSSERVARE I DIVERSI MODI DI VIVERE INDIVIDUARE LE REGOLE DEL MODO DI VIVERE STIMOLARE IL RACCONTO DI CIO CHE SI VEDE CONFRONTARE LE PROPRIE IDEE CERCARE UGUAGLINAZE E DIFFERENZE AVVIARE IL DISCORSO FORMA- FUNZIONE CONFRONTARE IL MIO MODO DI VIVERE CON QUELLO DEGLI ALTRI ESSERI VIVENTI PERCORSO Il percorso semina si lega strettamente a quello dalla spiga al pane, in quanto in occasione della visita al mulino ci è stato regalato un sacchetto di semi di grano che abbiamo provveduto a seminare in una vaschetta di terra. Abbiamo analizzato una zolla di terra per vedere come i fili d erba potevano vivere, scoprendo le radici. Questa esperienza, insieme a quella dell osservazione e registrazione della crescita della patata americana, dell iris nano, dei rami di ippocastano e ciliegio, hanno portato i bambini a comprendere che le piante hanno un ciclo di vita e bisogni. Per crescere una pianta ha bisogno: Della terra Dell acqua Della luce Del calore 9

10 Dopo circa una settimana dalla semina o dalla messa a dimora, osserviamo e rileviamo con i bambini l evoluzione della germinazione (sviluppo del seme in pianta)e della germogliazione (inizio dello sviluppo della pianta) e verbalizziamo rispetto allo sviluppo, alle variazioni ambientali, alle problematiche. Proponiamo ai bambini di registrare e documentare il ciclo evolutivo della germinazione e germogliazione della PATATA AMERICANA, per effettuare una valutazione rispetto al tempo di sviluppo e all incidenza positiva e negativa delle variabili. 10

11 Prendiamo in considerazione ora la crescita dei bambini, partendo dalla loro altezza. Per aiutarli a formulare delle ipotesi, a mettere in comune le idee organizziamo l ambiente e arricchiamo la dotazione di strumenti per la misurazione. Anche una pila di scatole di cartone può stuzzicare l ingegno Infatti I bambini suggeriscono di utilizzare le scatole impilate per registrare la loro altezza. Uno alla volta si posizionano davanti alla torre e gli altri leggono la sua altezza. Come sempre però, le cose non sono semplici infatti quasi nessuna altezza corrisponde ad un numero intero di scatole Ancora una volta, attraverso la discussione e il confronto, si trova una soluzione. 11

12 Emergono dai discorsi dei bambini frasi quali: misuro sei scatole e mezzo, sei scatole e un pezzettino, quasi sei scatole, un po meno di sei scatole, cinque scatole e un pezzo Risulta evidente che già a tre e quattro anni il bambino percepisce che l intero contiene tanti altri numeri. Attraverso la rappresentazione grafica dell esperienza i bambini concettualizzano l operazione di misurazione 12

13 Spesso in corso d anno sono state sfruttate situazioni per approcciarsi al mondo dei numeri e giocare con essi per abituarsi a ragionare sulle cose in modo logico. Un altra attività che ha utilizzato i numeri per far capire la sequenza delle rappresentazioni nel tempo è la documentazione dell osservazione della germogliazione del bulbo di iris nano. 13

14 Percorso2 Unita di apprendimento Il giardino della scuola. OBIETTIVI PROMUOVERE LA SFIDA COGNITIVA OTTIMALE ATTRAVERSO ESPERIENZE SCIENTIFICHE CONSOLIDARE LE CAPACITA DI METTERE IN COMUNE LE IDEE FORMULARE PREVISIONI, IPOTESI. RICERCARE STRATEGIE DI RISOLUZIONE SAPER ARGOMENTARE L ESPERIENZA FATTA FARSI CARICO, RESPONSABILIZZARSI NEI CONFRONTI DELL AMBIENTE SCUOLA E INTANTO CHE SVILUPPAVAMO IL PERCORSO, I BAMBINI HANNO COMPIUTO NUMEROSE OPERAZIONI ED HANNO CONSOLIDATO CONCETTI RELATIVI A Proprietà delle cose alto, corto, lungo, pesante, leggero, grosso Quantità delle cose tante, poche, di più di meno uguale tanto quanto Uguaglianza e differenza.. della forma.. della misura..del peso Tempo.. Tanto o poco tempo per.. Tempo che passa.. Ore.. Minuti fare mentre Crescita.. giorni che passano cambiamento delle cose trasformazione. IL PERCORSO Durante l inverno è stato fatto un intervento migliorativo alla fossa biologica che si trova nello spazio erboso davanti al terrazzino della nostra sezione. I lavori si sono protratti per molto tempo e lo spazio interessato è stato danneggiato da scavi per la sistemazione di tubi nuovi. Una volta conclusi i lavori la zona adiacente alla nostra sezione si presentava così 14

15 Ad ogni pioggia la terra diventava fango ed inoltre affioravano dal terreno sassi e pietre. Abbiamo considerato insieme ai bambini questa situazione di disagio e abbiamo deciso di intervenire. VANGHIAMO IL TERRENO SCONNESSO CHE LE PIOGGIE HANNO RESO DURO CHE FATICA!!! 15

16 L ATTREZZO IMPIEGATO E LA VANGA NON E PROPRIO DELLA NOSTRA MISURA UN PO TROPPO GRANDE, MA GRANDISSIMO E ANCHE L IMPEGNO CHE CI METTIAMO! DOBBIAMO CERCARE DI ROMPERE LE ZOLLE PIU GRANDI QUI UTILIZZIAMO UNA PALETTINA DI METALLO SICURAMENTE PIU PROPORZIONATA A NOI ORA CERCHIAMO DI TOGLIERE TUTTI I SASSI, COSI L ERBA E LE PIANTE CRESCERANNO MEGLIO. QUELLI GROSSI SONO DAVVERO PESANTI IN DUE E MEGLIO! 16

17 QUANDO IL TERRENO E PIU MORBIDO, COL RASTRELLO CERCHIAMO DI PAREGGIARLO PER TOGLIERE BUCHI E MONTAGNOLE MENTRE ALCUNI LAVORANO C E SEMPRE CHI CONTROLLA E SUGGERISCE ALTRI ATTREZZI USATI: IL RASTRELLO, PER PAREGGIARE LA TERRA E RICOPRIRE I SEMI IL MARTELLO PER FISSARE BENE AL TERRENO IL RECINTO DELL AIUOLA. ADESSO MONTIAMO UN PICCOLO RECINTO PER DELIMITARE L AIUOLA DESTINATA AI GIRASOLI CHE ABBIAMO SEMINATO: ORMAI SONO DIVENTATE PIANTINE E HANNO BISOGNO DI PIU TERRA E PIU SPAZIO PER CRESCERE BENE. 17

18 INFINE NON CI RESTA CHE SEMINARE L ERBA: OGNI BAMBINO GETTA LA SUA MANCIATA DI SEMI DOPO TANTA FATICA DOBBIAMO RECINTARE LA ZONA IN CUI ABBIAMO SEMINATO PERCHE NESSUNO POSSA PESTARE I SEMI CHE STANNO GERMOGLIANDO 18

19 I BAMBINI RACCONTANO Insegnante: cosa siamo andati a fare in giardino? Italia: abbiamo scavato Andrea: nella terra Zakaria: per mettere i fiori Angela: quella terra li in giardino. Era brutto il giardino perché c era la terra Mirco: perché c era la terra senza erba Angela: perché i signori hanno scavato Micky: perché i fiori ci sono però sono brutti sporchi Alessandro: non c erano i fiori c era solo l erba Danilo: no, Alle ha sbagliato, non c era l erba Micky: c era solo sabbia e c erano i sassi Wisal: si, tanti sassi abbiamo tirato via i sassi e messi tutti in un angolo sopra altri sassi Gabriele: li abbiamo tolti perché perché non fanno crescere i fiori Angela: non li fanno crescere perché, i sassi sono pesanti Micky: sono duri Danilo: io ho tolto un sasso con Michele perché era grosso e pesante Italia: voi l avete portato in due perché era molto peso Insegnante: quali attrezzi abbiamo usato? Angela: avevamo il rastrello Andrea: le palette Alessandro: poi ho tolto un sasso Alessandra: io e l Alessia abbiamo raccolto i sassi che li abbaimo visti uno grande e uno piccolo abbiamo usato una paletta e un altro attrezzo che si chiamava rastrello Poggioli: la pala mi sembra Italia: io ho usato non mi ricordo come si chiama Zakaria:io ho usato la zappetta per rompere la terra Angela: la terra era brutta vicino al muretto Italia: noi abbiamo fatto la terra bella Sara: l abbiamo appiattita Mirco: prima si camminava male perché c erano i buchi 19

20 Italia: e i sassi Thomas avevo la vanga poi avevo fatto cosi con il piede e l avevo piantata e l avevo buttata nel tereno prima la terra era grande e c erano i sassi grandi Mirco: abbiamo costruito un aiuola Micky: con i legni intorno Mirco: li abbiamo piantati con il martello Daniele: poi dentro c erano i legni e poi abbiamo piantato una piantina Angela: di girasole Nessim: le piante di girasole le abbiame fatte noi abbiamo messi nella terra i semi Alessia: poi sono crescuiti Italia: avevamo cresciuto anche le foglioline Sara: abbaiamo messo l acqua con l innaffiatoio e poi la piantina e cresciuta Erika: dopo che abbiamo zappato ho preso i semi dell erba e io li ho lanciati. I semi erano piccoli e gialli Alessandro: dopo spunta Matteo C.: l erba! Perché ce l abbiamo messa Valentina: cosi il giardino è bello Nessim: adesso ci dobbiamo mettere sempre l acqua cosi l erba cresce Gabriele: poi ci abbiamo messo un filo rosso e bianco Poggioli: perché non si può andare Mirco: perché sennò l erba non cresce Micky: e il giardino ritorna brutto. 20

21 ED ECCO DOPO CIRCA UN MESE COME SI PRESENTA LO STESSO ANGOLO DELLA NOSTRA SCUOLA SIAMO FIERI DI QUELLO CHE ABBIAMO FATTO, MA L IMPEGNO CONTINUA OGNI MATTINA INFATTI DOBBIAMO RICORDARCI DI INNAFFIARE, PER PERMETTERE ALL ERBA DI NON SECCARE. ABBIAMO IMPARATO A FARLO SENZA BAGNARCI E SOPRATTUTTO, SENZA SPRECARE ACQUA CHE E UN BENE PREZIOSO. 21

Il Grano. a.s. 2012/2013 scuola dell'infanzia J. Piaget I Circolo Didattico Sesto Fiorentino

Il Grano. a.s. 2012/2013 scuola dell'infanzia J. Piaget I Circolo Didattico Sesto Fiorentino Il Grano a.s. 2012/2013 scuola dell'infanzia J. Piaget I Circolo Didattico Sesto Fiorentino OBIETTIVI: PROGETTO DI EDUCAZIONE SCIENTIFICA LSS IL GRANO Conoscere e sperimentare il ciclo di un evento naturale

Dettagli

IL GRANO. L educazione ambientale abbraccia quella scientifica

IL GRANO. L educazione ambientale abbraccia quella scientifica IL GRANO L educazione ambientale abbraccia quella scientifica VIVERE L AMBIENTE I bambini vivono immersi nell ambiente e così si creano RELAZIONI tra persone ed ambiente ESPERIENZE CON L AMBIENTE Ogni

Dettagli

FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011

FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011 FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011 E bello conoscere il percorso del chicco di grano da semplice semino a pane quotidiano e osservare quanta cura e quanto lavoro c è dietro ogni fettina

Dettagli

Agriturismo Il Tiglio Fattoria didattica riconosciuta dalla Regione Piemonte

Agriturismo Il Tiglio Fattoria didattica riconosciuta dalla Regione Piemonte Agriturismo Il Tiglio Fattoria didattica riconosciuta dalla Regione Piemonte La storia del mais San Secondo di Pinerolo (To) - Via Colombini n.28 Tel. 0121 323575 - Bruna 3332854076 - Flavio 3495863630

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta La progettualità della classe seconda di scuola primaria è partita dalla realizzazione, effettuata nel precedente anno scolastico, di un piccolo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

INTRODUZIONE COSA BOLLE IN PENTOLA

INTRODUZIONE COSA BOLLE IN PENTOLA INTRODUZIONE Questo libro è stato realizzato dai bambini della Scuola dell Infanzia Chizzolini di Brescia con la collaborazione dell insegnante del laboratorio di cucina. A noi bambini piace giocare con

Dettagli

LA TERRA dalla manipolazione alla conoscenza

LA TERRA dalla manipolazione alla conoscenza LA TERRA dalla manipolazione alla conoscenza Scuola dell Infanzia Don Lorenzo Milani Sezione tre anni Anno scolastico 2012-2013 2013 Insegnanti: Dell Anno ell Anno Annalisa Scarpelli Barbara LA TERRA PORTATA

Dettagli

PREPARIAMO LA PIZZA. Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva).

PREPARIAMO LA PIZZA. Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva). PREPARIAMO LA PIZZA Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva). Acqua: liquido trasparente, incolore. Lievito: panetto morbido, di colore

Dettagli

Progetto del giardino che vorrei

Progetto del giardino che vorrei DAL PROGETTO DI PLESSO IL VERDE SCOLASTICO INTORNO A NOI: CURA E UTILIZZO, LE ATTIVITA LABORATORIALI : GOCCE DI VERDE (sez. A bambini di3-4 anni; inseg. Anna e Marina) I bambini dopo l osservazione del

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

Bambini pensati - Anno II - n 12 - Novembre 2007

Bambini pensati - Anno II - n 12 - Novembre 2007 Bambini pensati - Anno II - n 12 - Novembre 2007 L olio aromatico Scuola Municipale dell Infanzia Via Fattori in collaborazione con la Redazione del Centro Multimediale di Documentazione Pedagogica della

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina

PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina Dalla terra alla tavola Offrire ai bambini la possibilità di creare e curare un piccolo orto

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

DIRE FARE E PENSARE SCUOLA SCUOLA DELL INFANZIA DI AGUGLIARO GRUPPI: BAMBINI MEDI E GRANDI CLASSE LABORATORIO/PROGETTO GOCCIOLINE COLORATE

DIRE FARE E PENSARE SCUOLA SCUOLA DELL INFANZIA DI AGUGLIARO GRUPPI: BAMBINI MEDI E GRANDI CLASSE LABORATORIO/PROGETTO GOCCIOLINE COLORATE DIRE FARE E PENSARE IL DIARIO DI LABORATORIO DELLA MIA CLASSE SCUOLA CLASSE SCUOLA DELL INFANZIA DI AGUGLIARO GRUPPI: BAMBINI MEDI E GRANDI LABORATORIO/PROGETTO GOCCIOLINE COLORATE Anno Scolastico 2014-2015

Dettagli

n. 53 giugno 2014 ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi*

n. 53 giugno 2014 ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi* ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi* Il racconto di un percorso sul mondo vegetale, svolto proprio all inizio del cammino scolastico, si snoda con chiarezza

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico ESPERIENZA SULLA SEMINA. La germinazione SVOLTA NELLA CLASSE 2

Dettagli

PROGETTO DI MATEMATICA GRUPPO ANNI 3

PROGETTO DI MATEMATICA GRUPPO ANNI 3 SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA 1 CIRCOLO ANNO SC. 2003-2004 PROGETTO DI MATEMATICA GRUPPO ANNI 3 Ins. Aiolfi Anna Cognolato Grazia novembre 2003 Documentazione a cura di Aiolfi Anna Promuovere e

Dettagli

Nonno Luciano. Jasmine: è lì fuori, vedi? Francesca: con un filo di corda deve misurare: Walid: 3 metri! Ha appoggiato il filo sulla

Nonno Luciano. Jasmine: è lì fuori, vedi? Francesca: con un filo di corda deve misurare: Walid: 3 metri! Ha appoggiato il filo sulla Nonno Luciano Luciano ci insegna come si prepara il terreno per la semina. Manuel: la terra è fatta di sassi, da pietre e dal fango! Alice: di legno Laura: di nutella! Jasmine: no di fango!!! Laura: la

Dettagli

STORIA DELLA GALLINELLA ROSSA DELLA SEMINA DEI FAGIOLI

STORIA DELLA GALLINELLA ROSSA DELLA SEMINA DEI FAGIOLI Progetto di intersezione L ARTE DEL CONOSCERE Scuola dell infanzia G.Pascoli 4 Circolo CARPI a. s. 2011/12 STORIA DELLA GALLINELLA ROSSA E DELLA SEMINA DEI FAGIOLI A SCUOLA PER IMPARARE SEZIONI 3/4/5 ANNI

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

IL PANE DEI NONNI. Docenti coordinatori: Valentina Garavini, Sonia Marangoni

IL PANE DEI NONNI. Docenti coordinatori: Valentina Garavini, Sonia Marangoni 3 Circolo Didattico di Ravenna - Scuola Elementare Grande Albero di Madonna dell Albero - Classe 1ª Docenti coordinatori: Valentina Garavini, Sonia Marangoni IL PANE DEI NONNI 107 ESPERIMENTI E GIOCHI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Gavorrano Scuola dell Infanzia GIANNI RODARI Scarlino Scalo sez. C

Istituto Comprensivo di Gavorrano Scuola dell Infanzia GIANNI RODARI Scarlino Scalo sez. C Istituto Comprensivo di Gavorrano Scuola dell Infanzia GIANNI RODARI Scarlino Scalo sez. C L obiettivo generale del progetto è quello di potenziare la capacità di osservazione dei bambini per avvicinarli

Dettagli

SCUOLA INFANZIA ANDERSEN PROGETTO ACQUA SEZIONE D ARANCIONI A.S. 20013/20014 INSEGNANTI ANNA VIGNA EANDI, MARISA COVELLO

SCUOLA INFANZIA ANDERSEN PROGETTO ACQUA SEZIONE D ARANCIONI A.S. 20013/20014 INSEGNANTI ANNA VIGNA EANDI, MARISA COVELLO CARI GENITORI, IN QUESTI FOGLI E CONTENUTA UNA PARTE DEL PROGETTO SVOLTO QUEST ANNO. NOI INSEGNANTI ABBIAMO PENSATO CHE FOSSE IMPORTANTE CHE VENISSE RESITUITO ALLE FAMIGLIE NON SOLO IL LAVORO INDIVIDUALE

Dettagli

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua Questo progetto è rivolto al gruppo di bambini di cinque anni ed è finalizzato a creare un filo conduttore tra il tempo dell estate che si è conclusa e il ritorno a scuola. Un tempo quindi unico, non frammentato,

Dettagli

Orti nelle scuole. Seminiamo insieme per formare i futuri cittadini

Orti nelle scuole. Seminiamo insieme per formare i futuri cittadini Orti nelle scuole Seminiamo insieme per formare i futuri cittadini Progetto di Educazione alimentare per Scuole e Nidi d infanzia di Milano Promosso e finanziato dal Rotary Club Milano San Siro Che cos

Dettagli

Chicco, chiccolino ma sei proprio tu a darmi un così bel panino?

Chicco, chiccolino ma sei proprio tu a darmi un così bel panino? Lezione 1 - La valigetta delle sorprese L idea della valigetta delle sorprese nasce da un grande psicologo infantile, Guido Petter, che ne suggeriva l utilizzo ai docenti per le proprie lezioni in classe.

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Più gusto con lo spuntino giusto La fase iniziale: perché mangiamo? Quali sono i principi nutritivi degli alimenti? Insieme all assistente sanitaria Patrizia abbiamo ripreso

Dettagli

IL GRANTURCO. PROPOSTA N 1 Proposta individuale

IL GRANTURCO. PROPOSTA N 1 Proposta individuale IL GRANTURCO Abbiamo unito al lavoro di conoscenza della spiga di grano, anche un'altra spiga che avevamo a disposizione nella nostra aula fin dal mese di novembre, la spiga del granturco. Questo lavoro

Dettagli

Scuola Primaria Statale 2 Circolo Didattico plesso Balilla. Progetto di ceramica CREO IN ALLEGRIA. Classe 2ª I

Scuola Primaria Statale 2 Circolo Didattico plesso Balilla. Progetto di ceramica CREO IN ALLEGRIA. Classe 2ª I Scuola Primaria Statale 2 Circolo Didattico plesso Balilla Progetto di ceramica CREO IN ALLEGRIA Classe 2ª I LA CERAMICA: 1ª FASE Un esperienza stupenda! Stamattina, 7 Marzo, la maestra Mina ha detto che

Dettagli

Laboratorio: L'Unità di apprendimento dalla... a alla... z

Laboratorio: L'Unità di apprendimento dalla... a alla... z Formazione DL 59 Macroarea : PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI E UNITA DI APPRENDIMENTO Microarea: riconoscere i saperi essenziali delle discipline: Italiano Laboratorio: L'Unità di apprendimento dalla...

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA G.RODARI

SCUOLA DELL INFANZIA G.RODARI SCUOLA DELL INFANZIA G.RODARI Camminando all interno della nostra scuola, scopriamo una porta che dà sul nostro giardino aperta! Andiamo a curiosare Ma cosa c è lì per terra?... Una lettera.misteriosa,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010

ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010 ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010 2010 RELAZIONE FINALE Il progetto Scuola fiorita, realizzato nella Scuola Primaria di Bagnolo del Salento nel secondo quadrimestre

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

PERCORSO SUI PESI. Situazioni motivanti:

PERCORSO SUI PESI. Situazioni motivanti: PERCORSO SUI PESI Situazioni motivanti: - Occasionali (produzioni, zaini.) - Indotte ( il peso dei bambini, il peso degli ingredienti, giochi di ipotesi su alcuni oggetti.. 2 percorsi Una classe 4^ che

Dettagli

BIOASILO 2013-2014 PROGETTO: IL CIBO E LA CUCINA. Siamo quello che mangiamo.

BIOASILO 2013-2014 PROGETTO: IL CIBO E LA CUCINA. Siamo quello che mangiamo. BIOASILO 2013-2014 PROGETTO: IL CIBO E LA CUCINA Siamo quello che mangiamo. IL PROGETTO: Siamo quello che mangiamo, lo dice il topino Emile in Ratatouille, questa frase definisce bene l importanza che

Dettagli

Cosa farò da grande?

Cosa farò da grande? Scuola dell Infanzia Paritaria Maestre Pie Rimini Progetto educativo Cosa farò da grande? Anno Scolastico 2009/2010 Quest anno abbiamo voluto coinvolgere i bambini e le famiglie in una programmazione incentrata

Dettagli

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO Capire chi siamo, come siamo fatti e in che mondo viviamo sono esigenze vitali delle persone e, in particolare, dei bambini. Bisogna allora cominciare a guardare

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Le muffe e il metodo scientifico. Scuola dell infanzia Santa Rosa Sezione Blu Ottobre-novembre 2010

Le muffe e il metodo scientifico. Scuola dell infanzia Santa Rosa Sezione Blu Ottobre-novembre 2010 Le muffe e il metodo scientifico Scuola dell infanzia Santa Rosa Sezione Blu Ottobre-novembre 2010 Un impasto di acqua e farina, dimenticato alcuni giorni in laboratorio, si è coperto di macchie e peletti

Dettagli

L acqua balla e la terra sta a galla?

L acqua balla e la terra sta a galla? Da Laboratori dell Agio, Progetto 06 Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco (secondo anno) A Progettazione di plesso: L acqua balla e la terra sta a galla? Le Insegnanti Livia,

Dettagli

I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani

I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani UDIA: QUANTI SIAMO? I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani 1 giornata: Oggi è un giorno speciale, c'è un compleanno da festeggiare,la festeggiata assumerà

Dettagli

LABORATORIO ARTISTI IN ERBA

LABORATORIO ARTISTI IN ERBA Scuola primaria San Francesco Bagnara di Romagna Classe 5^ a.s. 2014-15 LABORATORIO ARTISTI IN ERBA Esperta: EDA DONATI Insegnanti di classe: Bucchi Giovanna Del Grosso Alessandro Fabbri Patrizia Marinelli

Dettagli

Fattoria didattica La Fonte per la scuola.

Fattoria didattica La Fonte per la scuola. Fattoria didattica La Fonte per la scuola. Le giornate che proponiamo offrono la possibilità di approfondire il legame che unisce il cibo, l'ambiente e la salute e di riflettere su una più consapevole

Dettagli

PROGETTO AREA SCIENTIFICA SCUOLA DELL INFANZIA CHARLIE CHAPLIN: AMPLIAMENTO A.S. 2009/2010:

PROGETTO AREA SCIENTIFICA SCUOLA DELL INFANZIA CHARLIE CHAPLIN: AMPLIAMENTO A.S. 2009/2010: PROGETTO AREA SCIENTIFICA SCUOLA DELL INFANZIA CHARLIE CHAPLIN: CRESCI INSIEME A ME FIORI E PIANTE A SCUOLA. AMPLIAMENTO A.S. 2009/2010: SANE MERENDE A SCUOLA Il progetto di durata biennale ha come obiettivi

Dettagli

BOX 21. Cucinare con il sole.

BOX 21. Cucinare con il sole. Cucinare con il sole. Senza presa elettrica e senza pericolo d incendio Anche nell Europa centrale il fornello solare offre la possibilità di cucinare o cuocere al forno in modo ecologico, da 100 fino

Dettagli

PROGETTO DI ECONOMIA REALIZZATO IN CONTINUITA TRA LA SC. DELL INFANZA ANDERSEN E LA 3 CL. SC NIEVO 1 CIRCOLO SPINEA IN COLLABORAZIONE CON I RAGAZZI

PROGETTO DI ECONOMIA REALIZZATO IN CONTINUITA TRA LA SC. DELL INFANZA ANDERSEN E LA 3 CL. SC NIEVO 1 CIRCOLO SPINEA IN COLLABORAZIONE CON I RAGAZZI PROGETTO DI ECONOMIA REALIZZATO IN CONTINUITA TRA LA SC. DELL INFANZA ANDERSEN E LA 3 CL. SC NIEVO 1 CIRCOLO SPINEA IN COLLABORAZIONE CON I RAGAZZI DELL ISTITUTO LORENZ MIRANO Documentazione a cura di

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE Istituto Comprensivo Europa di Faenza - Scuola Media Europa - Classe 1ª C Docente coordinatore: Pia Molinari ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE 205 ISOLAMENTO DEL GLUTINE RELAZIONE DELL ESPERIMENTO

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

I SEMI PROGETTO LE PAROLE DELLA SCIENZA INS. MASTRI LUCILLA

I SEMI PROGETTO LE PAROLE DELLA SCIENZA INS. MASTRI LUCILLA I SEMI PROGETTO LE PAROLE DELLA SCIENZA INS. MASTRI LUCILLA ISTITUTO COMPRENSIVO FALCONARA CENTRO CLASSI 1 A / 1 B SCUOLA PRIMARIA D. ALIGHIERI A.S. 2014/2015 DAL FRUTTO AL SEME!!! Il lavoro svolto durante

Dettagli

Zucca zuccone tutta arancione

Zucca zuccone tutta arancione Zucca zuccone tutta arancione La festa di Halloween, tradizione dei paesi anglosassoni, è oramai entrata nella nostra società; i bambini sono molto attratti dalle icone paurose di questo festeggiamento:

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Gianni Rodari Scarlino Scalo. Helena Fatarella, Luana Tonini, Rosanna Cocola

Scuola dell Infanzia Gianni Rodari Scarlino Scalo. Helena Fatarella, Luana Tonini, Rosanna Cocola Scuola dell Infanzia Gianni Rodari Scarlino Scalo 2014 Helena Fatarella, Luana Tonini, Rosanna Cocola OBIETTIVO GENERALE Potenziare nel bambino la capacità di osservare e registrare i cambiamenti delle

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa.

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa. Che tipo di terreno sei tu? di Linda Edwards Voglio dare una mano! Anche io! Anche io! Posso, per favore? Evangelici.net Kids Corner Gesù I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava

Dettagli

Il chicco di caffè. Scuola Primaria I. Nievo Spinea Classe quarta A. S. 2004 2005. Ins. Monica Bellin A.S. 2004/2005.

Il chicco di caffè. Scuola Primaria I. Nievo Spinea Classe quarta A. S. 2004 2005. Ins. Monica Bellin A.S. 2004/2005. Il chicco di caffè Scuola Primaria I. Nievo Spinea Classe quarta A. S. 2004 2005 Ins. Silvia e Martina ci parlano del caffè Noi acquistiamo il caffè al supermercato: lo troviamo sotto forma di confezioni

Dettagli

VISITA DIDATTICA IN FATTORIA: PERCHE

VISITA DIDATTICA IN FATTORIA: PERCHE AZIENDA AGRICOLA CAROFIGLIO SIMONA Via Degli Alberi (S.C. 34) Casamassima Bari P.I. 07152230723 Tel: 347 7512300 e-mail: info@terradincontro.it VISITA DIDATTICA IN FATTORIA: PERCHE Le fattorie didattiche

Dettagli

glasse e farciture glasse e farciture

glasse e farciture glasse e farciture glasse e farciture 19 glasse e farciture E veniamo ora alla parte più interessante e creativa: come rendere i vostri belli e golosi. I possono essere serviti vuoti, e in questo caso vi propongo glasse

Dettagli

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE Dott.ssa Stefania Ferrari Villafranca, Marzo/Maggio 2010 Osservazione delle competenze di ascolto e produzione orale nella narrazione Insegnanti

Dettagli

Un viaggio nel mondo della statistica

Un viaggio nel mondo della statistica Un viaggio nel mondo della statistica Scuola dell'infanzia Ponte agli Stolli Anno Scolastico 2013/2014 Sezione dei 5 anni I PINGUINI Insegnanti: Giunti Cristina Quercioli Manuela INTRODUZIONE Il presente

Dettagli

PROPOSTA N 17 Proposta individuale

PROPOSTA N 17 Proposta individuale PROPOSTA N 17 Proposta individuale Costruzione del grano in tridimensione: Il mio campo di grano I bambini,dopo aver preparato,con la tecnica della spugna e la tempera i colori della terra, su di un cartoncino,disegnano

Dettagli

STORIE BREVI. www.comune.torino.it/centromultimediale/index.htm pag.1/7. Città di Torino

STORIE BREVI. www.comune.torino.it/centromultimediale/index.htm pag.1/7. Città di Torino STORIE BREVI La trasparenza dell acqua Esperienza di acquaticità in piscina e a scuola Scuola d Infanzia comunale Principessa Isabella di Via Gorresio, 13 in collaborazione con la Redazione del Centro

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Scuola statale dell infanzia Bollitora Carpi 4. Terra che produce. Sezione 4 anni A. Insegnanti: Marastoni Maura Panini Marisa

Scuola statale dell infanzia Bollitora Carpi 4. Terra che produce. Sezione 4 anni A. Insegnanti: Marastoni Maura Panini Marisa Scuola statale dell infanzia Bollitora Carpi 4 Terra che produce Sezione 4 anni A Insegnanti: Marastoni Maura Panini Marisa I bambini amano molto esplorare, sono curiosi di conoscere tutto ciò che li circonda

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014 CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014 RICERCA-AZIONE Insegnare per competenze: Lo sviluppo dei processi cognitivi Scuola Elementare Fiorentino DESCRIZIONE DELL ESPERIENZA Docente: Rosa

Dettagli

PASSIONE IN CUCINA. presenta. dolci DI CARNEVALE

PASSIONE IN CUCINA. presenta. dolci DI CARNEVALE PASSIONE IN CUCINA presenta dolci DI CARNEVALE Krapfen 250g. di farina 00 250g. di farina manitoba 60g. di burro 1 uovo 35g. di zucchero 10g. di lievito di birra secco, oppure 40g. di quello fresco vanillina

Dettagli

ALCUNE IMMAGINI DELLE NOSTRE ESPERIENZE DI QUESTI PRIMI MESI DI SCUOLA

ALCUNE IMMAGINI DELLE NOSTRE ESPERIENZE DI QUESTI PRIMI MESI DI SCUOLA ALCUNE IMMAGINI DELLE NOSTRE ESPERIENZE DI QUESTI PRIMI MESI DI SCUOLA PICCOLO BLU E PICCOLO GIALLO La storia di Piccolo blu e piccolo giallo ha fatto da filo conduttore per le attività dei primi giorni,

Dettagli

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE INDICE 1. Premessa 2. Percorso Progettuale 2.1 Nuclei concettuali affrontati durante gli incontri con il gruppo dei bambini 2.2 Didattica sul metodo scelto 3. Conclusione del Progetto Relazione dell insegnante

Dettagli

IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI L ORTO IN TAVOLA

IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI L ORTO IN TAVOLA SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI LA GABBIANELLA L ORTO IN TAVOLA Quattro anni fa la nostra scuola iniziò un progetto di educazione scientifica denominato ORTI E FIORI A SCUOLA che aveva

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Il potere del Rinforzo. Lucia D Amato

Il potere del Rinforzo. Lucia D Amato Il potere del Rinforzo Lucia D Amato Definizione di Rinforzo Il Rinforzo è qualsiasi EVENTO che avviene subito dopo il comportamento e che produce un aumento (nella frequenza, nell intensità, nella quantità)

Dettagli

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI FINALITA Sviluppare nei bambini una sensibilità nei confronti dell ambiente, con la consapevolezza che in un ecosistema tutto deve essere in equilibrio

Dettagli

GIOCHI PERCETTIVI E SEMINA IN CLASSE

GIOCHI PERCETTIVI E SEMINA IN CLASSE SCHEDA N 2 GIOCHI PERCETTIVI E SEMINA IN CLASSE Le attività finora illustrate, senza dubbio, avranno condotto i bambini ad usare un lessico adeguato per definire le caratteristiche dei semi. L insegnante

Dettagli

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GRUPPO 5ANNI SEZ.G SCUOLA DELL INFANZIA C.PERRAULT Ins.Virando Maura e Susanna SITUAZIONE:SPAZIO UTILIZZATO: ANGOLO ATTIVITA TRANQUILLE PICCOLO GRUPPO OMOGENEO: 5ANNI

Dettagli

Dalla sabbia alle conchiglie

Dalla sabbia alle conchiglie Dalla sabbia alle conchiglie Gli oggetti del mare sono stati messi a disposizione per il pasticciamento per un periodo di quindici giorni circa. La fase successiva è stata seguita da un primo momento di

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria Gesù Maria Anno Scolastico 2013-2014. I quattro elementi della natura

Scuola dell Infanzia Paritaria Gesù Maria Anno Scolastico 2013-2014. I quattro elementi della natura Scuola dell Infanzia Paritaria Gesù Maria Anno Scolastico 2013-2014 I quattro elementi della natura Scuola dell infanzia Paritaria Gesù-Maria Anno scolastico 2013-2014 Progetto didattico I quattro elementi

Dettagli

Formula frasi di senso compiuto 13 0 2 ASSENTI 3

Formula frasi di senso compiuto 13 0 2 ASSENTI 3 presenti 15 COMPILAZIONE 14-03- DATA 14-03- SI NO IP senso compiuto 13 0 2 Settimana di presentazione del progetto. Prima di addentrarci nella realizzazione delle attività, ho suddiviso i bambini in due

Dettagli

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia MA CHE FREDDO FA! Iniziamo con la lettura di un racconto. Lettura dell insegnante. Questo percorso didattico propone attività di analisi dei mutamenti della natura e delle attività dell uomo nella stagione

Dettagli

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 Alla scoperta dei cinque sensi: gustare con gli occhi, vedere con le mani,ascoltare gli odori. Un viaggio nel mondo della percezione Vedo il mondo, se tu mi parli

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

Competenza da promuovere: COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA

Competenza da promuovere: COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza da promuovere: COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Traguardi formativi RUBRICA VALUTATIVA DIMENSIONI INDICATORI PARZIALE INTERMEDIO AVANZATO PORSI DOMANDE MANIFESTA INTERESSE, CURIOSITA

Dettagli

COPPE DI CREMA E PERE

COPPE DI CREMA E PERE Dolci CREMA (RICETTA BASE) 4 tuorli d uovo 4 cucchiai di farina 1 scorza di limone Sbattere le uova con lo zucchero ed aggiungere la farina, il latte e la scorza di limone. Cuocere per 10 minuti, mescolando

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

Ricettario per dolci momenti insieme A cura delle dietiste Daniela Valeriani e Paola Govoni

Ricettario per dolci momenti insieme A cura delle dietiste Daniela Valeriani e Paola Govoni COMUNE DI RAVENNA Istituzione Istruzione e Infanzia Servizio Diritto allo Studio Ricettario per dolci momenti insieme A cura delle dietiste Daniela Valeriani e Paola Govoni Ravenna giugno 2011 dolci ricette

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Il mais èoriginario dell America Centrale (Messico e Guatemala).

Il mais èoriginario dell America Centrale (Messico e Guatemala). Il mais èoriginario dell America Centrale (Messico e Guatemala). Una leggenda Maya vuole, che l'uomo sia stato plasmato dagli Dei partendo da un chicco di mais e acqua, conquistandosi una dignità è un'importanza

Dettagli

Desirée Lucido USCITA DIDATTICA PER IL PROGETTO "GIRLS' DAY"

Desirée Lucido USCITA DIDATTICA PER IL PROGETTO GIRLS' DAY Desirée Lucido 2A USCITA DIDATTICA PER IL PROGETTO "GIRLS' DAY" Il 14 Aprile 2015, con una ragazza della II F e una della IIG di S. Lorenzo, sono andata in un negozio di fiori, cioè un Laboratorio botanico

Dettagli

Semplicemente fatti in casa! 10 gustose ricette per il Preparato per Pane

Semplicemente fatti in casa! 10 gustose ricette per il Preparato per Pane Semplicemente fatti in casa! 10 gustose ricette per il Preparato per Pane Alcuni consigli per imparare a impastare Porta in tavola la fantasia con Giusto È arrivato il nuovo Preparato per Pane di Giusto

Dettagli

ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA

ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA SCHEDA PROGETTO Indicazioni Nome Progetto Area di Riferimento Estensore/i Descrizione I DONI DI MADRE NATURA

Dettagli

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO Scuole dell Infanzia I.C. Igea Marina Anno scolastico 2014/2015 Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico una scuola è uno spazio speciale in cui gli esseri

Dettagli

LA COMBUSTIONE. Proposta didattica per la classe terza. Istituto Comprensivo di Barberino di Mugello Galliano. Anno scolastico 2011-2012

LA COMBUSTIONE. Proposta didattica per la classe terza. Istituto Comprensivo di Barberino di Mugello Galliano. Anno scolastico 2011-2012 LA COMBUSTIONE Proposta didattica per la classe terza Istituto Comprensivo di Barberino di Mugello Galliano Anno scolastico 2011-2012 IL FUOCO IO SO CHE Iniziamo il percorso con una conversazione: parliamo

Dettagli

Nido d infanzia Biribimbo 2011 2012

Nido d infanzia Biribimbo 2011 2012 Nido d infanzia Biribimbo 2011 2012 Ogni anno dopo aver conosciuto i bambini che frequenteranno il nido studiamo un progetto educativo che non vuole essere un programma prescrittivo, ma che non lascia

Dettagli

Con un chicco di GRANO... Scuola Primaria classe 3^F

Con un chicco di GRANO... Scuola Primaria classe 3^F Con un chicco di GRANO... Scuola Primaria classe 3^F Grano = Frumento Ecco i protagonisti del nostro viaggio: Un nome, tante differenze. Le varietà di frumento si possono classificare in due grandi categorie:

Dettagli

Facciamo un calendario

Facciamo un calendario ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DOCUMENTAZIONE PERCORSO DI STORIA Scuola dell Infanzia Facciamo un calendario Scuola dell Infanzia Insegnanti: F Aloisio,

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Alla fine del 1700 in Inghilterra c è un grande sviluppo dell industria. Gli inventori costruiscono delle macchine per lavorare il cotone. Le macchine fanno in poco tempo e in

Dettagli