Earned Value e monitoring del progetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Earned Value e monitoring del progetto"

Transcript

1 IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione dei costi stimati delle singole attività schedulate o work package spalmati nel tempo. 2 1

2 Aspetti economico-finanziari (2) Entrate/Uscite Uscite C Disponibilità Fabbisogno finanziario Entrate T Tempo : derivano dalla baseline dei costi. L effettiva uscita monetaria si avrà in genere con una certa dilazione di tempo, coincidente con le modalità di pagamento. : milestone di fatturazione, cioè eventi ai quali si lega la possibilità di emettere fattura 3 La curva a S (3) Costi Curva S consuntivo Curva S preventivo R Time now Tempo R=preventivo-consuntivo (a parità di costi vedo dove sono arrivato) R<0 anticipo nell esecuzione dei lavori R>0 ritardo nell esecuzione dei lavori =preventivo-consuntivo (a parità di tempo vedo quanto ho pagato) <0sièspesodipiùdelprevisto >0sièspesodimenodelprevisto 4 2

3 La pianificazione economica: EARNED VALUE, letteralmente significa Valore Guadagnato è una metodologia quantitativa di valutazione della performance attuale e futura del progetto rispetto ai tempi e costi iniziali. Fornisce: La misura dell effettiva performance conseguita dal progetto ad una certa data (timenow)confrontando la parte completata del progetto con quella definita inizialmente La stima della performance futura del progetto per quel che concerne la parte a finire, valutando i tempi e i costi di completamento E una metodologia che si applica in progress mentre il progetto è in fase di esecuzione. 5 Il Planned Value (PV) o Budgeted Cost of Work Scheduled (BCWS) È il costo previsto del lavoro programmato per un determinato periodo. PV = i R P CUP i 0,i dove: i è la generica attività prevista; R P0,i sono le risorse programmate in fase di pianificazione per la i- esima attività; CUP i èilcostounitariopreventivatoperlai-esimaattività. 6 3

4 L Actual Cost (AC) o Actual Cost of Work Performed (ACWP) È il costo effettivo sostenuto in un determinato periodo. AC = Ru i t,i CUS i dove: i è la generica attività realizzata; Ru t,i sonolerisorseutilizzatealtempot; CUS i èilcostounitariosostenutoperlai-esimaattività. 7 Confronto PV - AC Costi Curva S preventivo Curva S consuntivo Time now Tempo Limite dello scostamento PV-AC (BCWS-ACWP): non si considera il lavoro effettivamente svolto (o la quantità di prodotto effettivamente realizzata). 8 4

5 L Earned Value (EV) o Budgeted Cost of Work Performed (BCWP) È il costo previsto del lavoro effettivo svolto in un determinato periodo. EV = Ru i t,i CUP i dove: i è la generica attività realizzata; Ru t,i sonolerisorseutilizzatealtempot; CUP i èilcostounitarioprevistoperlai-esimaattività. L EV non è altro che il costo a preventivo del lavoro realizzato indipendentemente da quanto il lavoro sia effettivamente costato 9 Calcolo dell EV (BCWP) Per il calcolo dell EV per una data attività è necessario conoscere la (Physical Percentage of Completion PPC) dell attività ovvero del lavoro realizzato. EV ( attività ) = Budget( attività ) PPC i i i 10 5

6 Criteri di completamento Prevede che un WP sia considerato o non ancora iniziato (0%) oppure già terminato (100%) anche se nel frattempo si compiono passi in avanti nell espletamento dell attività. Va bene se i workpackage sono molto piccoli, di durata stimata molto inferiore alla frequenza del controllo Secondo tale criterio, non appena l attività operativa prende avvio, l aliquota percentuale di avanzamento del WP viene posta al 50%. Solo all avvenuta conclusione dell attività la percentuale assume un valore del 100% Si sovrastima il completamento delle attività appena iniziate Si sottostima il completamento delle attività praticamente terminata Margine di errore abbastanza trascurabile se le attività hanno durata stimata dell ordine di grandezza della frequenza del controllo (al massimo doppia). Va bene per attività ad avvio rapido, per le quali ci sono buoni motivi per credere che almeno la parte iniziale non presenti problemi di realizzazione 11 Criteri di completamento la percentuale di avanzamento attribuita all attività è data dalla totalizzazione progressiva dei pesi ponderali assegnati ai singoli eventi intermedi Buona per attività di durata considerevole Sia possibile identificare una serie di output intermedi la percentuale di avanzamento attribuita all attività è data dalla totalizzazione progressiva delle percentuali delle singole quantità finite sulla quantità totale di prodotto da realizzare lo stato di avanzamento dell attività viene assunto pari alla percentuale di risorse effettivamente impiegate (fino alla data di rilevazione) rispetto all ammontare totale delle risorse preventivate 12 6

7 Esempio 1 Secondo budget, adoggiavreidovuto aver aperto 15nuovinegoziad uncosto di cadauno.inrealtànehoaperti9,aduncostodi cadauno. PV (costodabudget dellavoro previsto)=15*30.000= AC (costoeffettivodellavororealizzato)=9*35.000= EV (costodabudgetdellavororealizzato)=9*30.000= Esempio

8 Earned Value - Indicatori Si possono calcolare i seguenti indicatori: CV = EV-AC (oppure BCWP ACWP) CV<0 sto spendendo troppo CV=0 sono in linea con il budget CV>0 sto spendendo meno del previsto CPI = EV/AC (oppure BCWP / ACWP) CPI <1 sto spendendo troppo CPI=1 sono in linea con il budget CPI>1 sto spendendo meno del previsto Schedule variance = EV-PV (oppure BCWP BCWS) SV<0 sto spendendo troppo tempo SV=0 sono in linea con il piano SV>0 sono in anticipo SPI = EV/PV (Oppure BCWP / BCWS) SPI <1 sto spendendo troppo tempo SPI=1 sono in linea con il piano CPI>1 sono in anticipo 15 Analisi degli scostamenti CV(CostVariance)indicaseabbiamospesodipiùodimenorispettoalbudget: CV = EV AC SV(Schedule Variance) indica se siamo in anticipo o ritardo sulla schedulazione iniziale: SV = EV PV Costi PV SV AC CV EV Time now Tempo 16 8

9 Matrice SPI/CPI Nella valutazione di performance, l analisi della correlazione tra CPI e SPI permette di capire lo stato del progetto sotto il profilo economico-temporale + PERFORMANCE INCERTA PERFORMANCE POSITIVA SPI 1 PERFORMANCE NEGATIVA PERFORMANCE INCERTA CPI + 17 Analisi scostamenti alcune motivazioni Ottima organizzazione del progetto Sovrastima del progetto Scarsa qualità del lavoro svolto Gruppo di progetto con competenze, motivazione, intelligenza organizzativa sopra la media Condizioni ambientali favorevoli Scarsa organizzazione del progetto Sottostima delle attività Eccesso di cura della qualità dell aoutput Gruppo di progetto con competenze, motivazione, intelligenza organizzativa sottola media Condizioni ambientali sfavorevoli 18 9

10 Previsione L earned value può dare anche indicazioni previsionali di massima sul futuro svolgimento del progetto: ovvero il costo totale stimato a completamento. Le proiezioni sono plausibili a patto di aver impostato e svolto un controllo sistematico del progetto Le previsioni riguardano: Stima del lavoro ancora da svolgere Stima a finire dei costi Stima a finire del tempo 19 Stima del lavoro da svolgere- WR WR Work Remaining riguarda in particolare le attività che al momento del controllo sono in corso. Per le attività già concluse il WR è uguale al costo effettivamente sostenuto a consuntivo (AC) mentre per le attività ancora da iniziare WR viene assunto uguale al costo a preventivo (PV) Come calcolarel il WR?? 20 10

11 Stima a finire dei costi - EAC è la stima del costo finale del progetto che tiene conto dell andamento del progetto maturato alla data. Va inteso come un range di previsione entro il quale presumibilmente la singola attività o l intero progetto si completerà per quel che concerne i costi Il è la variabile che consente di calcolare l EAC Le proiezioni di costo più utilizzate sono: Si assume che il progetto si svilupperà secondo il trend di costo maturato sul lavoro già svolto PCI (Predicted Cost Index) = CPI Si assume che il progetto si svilupperà secondo il budget di costo preventivato ad inizio progetto PCI=1 => EV=AC : si assume che l efficinza futura dei costi sarà condizionata dai tempi del progetto: più il progetto dura e più si consumano risorse. E l ipotesi considerata più accurata (e più pessimistica) PCI=SPI * CPI 21 Stima a finire dei costi EAC e ETC EAC= AC+(BAC-EV)/PCI Dove inizialmente : costo complessivo del progetto previsto Dall EAC si ricava, cioe il costo residuo da sostenere per svolgere la parte rimanente del progetto ETC=EAC-AC 22 11

12 Stima a finire dei Tempi- ACT è la stima del tempo di completamento del progetto che tiene conto dell andamento del progetto maturato alla data. Va inteso come un range di previsione entro il quale presumibilmente la singola attività o l intero progetto si completerà per quel che concerne i tempi Il è la variabile che consente di calcolare l ATC Le proiezioni di tempo più utilizzate sono: Si assume che il progetto si svilupperà secondo il trend di pianificazione maturato sul lavoro già svolto, ossia l efficienza futura dei tempi sarà uguale a quella consuntivata PSI (Predicted Schedule Index) = SPI Si assume che il progetto si svilupperà secondo il la pianificazione preventivata ad inizio progetto PSI=1 => EV=PV 23 Stima a finire dei costi ACT ACT=T+[(BC-T)*(BAC-EV)/((BAC-PV)*PSI)] Dove : data del controllo : la data di fine attività preventivata nella schedulazione iniziale : costo complessivo del progetto previsto inizialmente 24 12

13 ESEMPIO: Se non si calcola l EV ATT. GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO BUDGET TOTALE A TIMENOW (Data di avanzamento) 150 B PIANIFICATO=150 EFFETTIVO= C PIANIFICATO=150 EFFETTIVO= D PIANIFICATO=100 EFFETTIVO= PIANIFICATO=0 EFFETTIVO=0 TOTALI AL TIMENOW Costo Pianificato (BCWS) = 400 Costo Effettivo (ACWP) = 370 Scostamento= COSTO EFFETTIVO ALLA DATA INFERIORE AL BUDGET: SITUAZIONE POSITIVA? 25 2 ESEMPIO: Se si calcola l EV ATT. GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO BUDGET TOTALE A B PIANIFICATO=150 EARNED=150 EFFETTIVO= % 33% TIMENOW C D PIANIFICATO=150 EARNED=50 EFFETTIVO=100 PIANIFICATO=100 EARNED=150 EFFETTIVO=150 75% PIANIFICATO=0 EARNED=0 EFFETTIVO= TOTALI AL TIMENOW Costo Pianificato (PV) = 400 Earned Value (EV) = 350 Costo Effettivo (AC) = 370 Scostamento tempi SV = -50 Scostamento costi CV = SITUAZIONE POSITIVA O NEGATIVA?

14 ESEMPIO: Se si calcola l EV Risulta un costo effettivo al Timenow maggiore dell Earned Value: Significato: si sta spedendo di più di quanto si sarebbe dovuto spendere per quanto è stato realizzato. Risultato: si sta spendendo di più. Risulta un costo pianificato al Timenow maggiore dell Earned Value: Significato: il valore dell effettivamente realizzato in termini di budget è inferiore a quanto era stato pianificato. Risultato: Si sta realizzando di meno

Project Management Base

Project Management Base Master in Project Management e Gestione dell'innovazione http://www.rieforum.org/master/index.php?option=com_content&view=article&id=48&itemid=53&lang=it Project Management Base Modulo 3/3 Venerdì/Sabato

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI. Capitolo V IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO

GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI. Capitolo V IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI DISPENSE DI SUPPORTO ALLO STUDIO CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE DEI PROGETTI E DELLE INFRASTRUTTURE (PROF. ING. GUIDO CAPALDO, ING. ANTONELLO VOLPE) Capitolo

Dettagli

Earned Value Management - EVM

Earned Value Management - EVM Earned Value Management - EVM Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it 04.12.2014 Il relatore Marco Sampietro Docente di Project Management presso SDA Bocconi, Università Bocconi, MISB e MFI Speaker

Dettagli

IT Project Management

IT Project Management 1 IT Project Management Lezione 10 Ciclo vita del progetto & deliverables Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it A.A. 2010-2011 2 Ciclo di vita del progetto Initiating Analisi dei requisiti Riunione di

Dettagli

La gestione dei flussi di cassa

La gestione dei flussi di cassa Università degli Studi di Trento Programmazione Costi e Contabilità lavori a.a. 2004-5 La gestione dei flussi di cassa Marco Masera, prof marco.masera@ing.unitn.it Argomenti Il programma finanziario Il

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*)

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) a cura di - Coordinatore della Sezione Quadri Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) L implementazione di un sistema di Project Management all interno della propria organizzazione

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 12 CONTROLLO DEI COSTI DI COMMESSA/PROGETTO

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Programmazione e analisi dei flussi di cassa

Programmazione e analisi dei flussi di cassa Programmazione e analisi dei flussi di cassa - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 1/9 Programmazione e analisi dei flussi di cassa La programmazione dei flussi di cassa Il budget

Dettagli

CLAMDA Giuseppe Gherardi PROJECT MANAGEMENT. Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi. Lion 3. Project Management

CLAMDA Giuseppe Gherardi PROJECT MANAGEMENT. Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi. Lion 3. Project Management PROJECT MANAGEMENT Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi Lion 3 1 1. Introduzione al 2. L impostazione del progetto 3. La pianificazione del progetto 4. Il controllo del progetto 5.

Dettagli

BIBLIOGRAFIA Project Management. La metodologia dei 12 Step. Come applicarla in tempo reale per gestire con successo piccoli e grandi progetti - Antonello Bove, ED. Hoepli, 2014 Project Management. La

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione Corso di (Edile) Prof.ssa Maria Sole Brioschi Il (non) controllo dei costi di una commessa

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

Earned Value la ricerca del Graal

Earned Value la ricerca del Graal Earned Value la ricerca del Graal Dott. Paolo La Rocca PMP October 26 th, 2012 Prof. Alberto Bettanti 1 Introduzione Questa presentazione non è un corso introduttivo al Project Management. Ci concentreremo

Dettagli

INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT

INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT Master executive in Gestione della Manutenzione Industriale 1 Tecniche e Metodologie di Project Management INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT Ing. A. Massaro, Ing. P. Gaiardelli Impostazioni preliminari

Dettagli

Orale: Curve a S - strumenti di pianificazione e controllo con pregio di sintesi. Bastano 3 punti per costruirle. Aspetti critici:

Orale: Curve a S - strumenti di pianificazione e controllo con pregio di sintesi. Bastano 3 punti per costruirle. Aspetti critici: Orale: Tipi di contratto: -Lump sum: costi onnicomprensivi di materiali manodopera e spese. Il contractor definisce a preventivo il costo delle risorse necessarie e la quantità e si assume il rischio di

Dettagli

Seminario PM IL METODO EARNED VALUE MANAGEMENT E L ANALISI DEI NON CONFORMANCE COSTS. Data : 13 aprile 2010. Relatore: Ing.

Seminario PM IL METODO EARNED VALUE MANAGEMENT E L ANALISI DEI NON CONFORMANCE COSTS. Data : 13 aprile 2010. Relatore: Ing. Data : 13 aprile 2010 Link commissione Seminario PM IL METODO EARNED VALUE MANAGEMENT E L ANALISI DEI NON CONFORMANCE COSTS Relatore: Ing. Stefano Antonelli 1 Earned Value Management Analisi dei Non Conformance

Dettagli

La strategia dell Earned Value Management

La strategia dell Earned Value Management OSSERVATORIO IT GOVERNANCE EARNED VALUE: UN INVESTIMENTO A BUON FINE SULLA PERFORMANCE DEI PROGETTI Origini, sviluppo e applicazioni di una disciplina in grado di trovare le parole giuste per rispondere

Dettagli

Overview. Enterprise Project Control System. Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema. Piemme S.r.l

Overview. Enterprise Project Control System. Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema. Piemme S.r.l Enterprise Project Control System Overview Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema Bridge è stato realizzato da PIEMME s.r.l. di Genova Via Carducci 5/4 sn Tel. 010 4075751 «Bridge», per

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT. Alessandro Martino

PROJECT MANAGEMENT. Alessandro Martino PROJECT MANAGEMENT Alessandro Martino 1. Introduzione 1.1. Generalità e concetti di base Molte sono le definizioni proposte in letteratura per il Project Management; in sintesi, può definirsi come l insieme

Dettagli

METODOLOGIE PER IL CONTROLLO TECNICO,ECONOMICO E TEMPORALE DEL PROGETTO

METODOLOGIE PER IL CONTROLLO TECNICO,ECONOMICO E TEMPORALE DEL PROGETTO METODOLOGIE PER IL CONTROLLO TECNICO,ECONOMICO E TEMPORALE DEL PROGETTO Giordano Renato Gariboldi Responsabile Controllo di Gestione e Controllo Progetti Divisione E.& P. giordano. gariboldi@sini.it Comitato

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

0215 - MULTIPROJECT MANAGER PRO Release 12 - Bilingue Italiano-Inglese Scaricalo in prova gratuita per 60 giorni!

0215 - MULTIPROJECT MANAGER PRO Release 12 - Bilingue Italiano-Inglese Scaricalo in prova gratuita per 60 giorni! Dal 1985 consulenza e formazione per l'eccellenza Tipo di file: MSExcel - Requisiti di sistema: Excel 9 o successivo e Windows 2000 o successivo A chi è rivolto: Project Managers, Direzione, responsabili

Dettagli

CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE PROF. ING. GIOVANNI MUMMOLO PROJECT MANAGEMENT

CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE PROF. ING. GIOVANNI MUMMOLO PROJECT MANAGEMENT CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE PROF. ING. GIOVANNI MUMMOLO PROJECT MANAGEMENT Definizione di project Progetto Proposta, piano, ideazione di un lavoro o di una serie di lavori. Proposito

Dettagli

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE Andrea Innocenti PMP CGEIT Banca CR Firenze - Specialista Controllo Service andrea.innocenti@carifirenze.it Monitoraggio e controllo:

Dettagli

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Corso di Laurea in Informatica Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Massimo Ruffolo E-mail: ruffolo@icar.cnr.it Web: http://www.icar.cnr.it/ruffolo

Dettagli

La gestione dei progetti: metodologie e strumenti di project management

La gestione dei progetti: metodologie e strumenti di project management La gestione dei progetti: metodologie e strumenti di project management Master della Provincia di Milano in "sistemi gestionali avanzati per territori complessi" Massimo Ramponi, PMP massimo@ramponi.eu

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA Scuola di Dottorato in Scienze dell Ingegneria Curriculum Architettura, Costruzioni e Strutture IX Ciclo - nuova serie MONITORAGGIO AUTOMATICO

Dettagli

Project Management. Dispense di. A cura di: Iannelli Luca - liannell@dsi.unive.it Rosati Matteo - mrosati@dsi.unive.it

Project Management. Dispense di. A cura di: Iannelli Luca - liannell@dsi.unive.it Rosati Matteo - mrosati@dsi.unive.it Dispense di Project Management A cura di: Iannelli Luca - liannell@dsi.unive.it Rosati Matteo - mrosati@dsi.unive.it Data di stesura: 30/08/06-11.04.01 Indice Il progetto come processo... 3 Le persone...3

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

Il progetto è un processo in cui risorse umane, materiali e finanziarie sono organizzate in modo nuovo per realizzare un output unico all'interno di

Il progetto è un processo in cui risorse umane, materiali e finanziarie sono organizzate in modo nuovo per realizzare un output unico all'interno di Il progetto è un processo in cui risorse umane, materiali e finanziarie sono organizzate in modo nuovo per realizzare un output unico all'interno di vincoli definiti di tempo e di costo. Elementi che caratterizzano

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE CIEG Centro di Studi di Ingegneria Economico Gestionale TESI DI LAUREA In 34470 -

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

Daywork è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione

Daywork è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione Daywork Daywork è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione FPI Variance SPI Budget Manager Cost Il software si compone

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Che cos è il project management Gestione di un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante

Dettagli

La necessità di controllare l evoluzione

La necessità di controllare l evoluzione METODI LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI TESORERIA: L ESPERIENZA DI ALFA S.P.A. La necessità di controllare l evoluzione dell andamento finanziario in un ristretto arco di tempo viene soddisfatta dal budget

Dettagli

TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO

TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO AUTORE: LUCA CRIVELLARO TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO 1. Introduzione e Dati di progetto 2. Complessità del progetto e criticità 3. Analisi

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1 4.00 3.50 3.00 2.50 2.00 1.50 1.00 0.50 18/1/00 J F M A M J J A S O N D J SEAT-PAGINE GIALLE SEAT-PAGINE GIALLE RNC HIGH 3.49 28/12/99, LOW 0.70 1/1/99, LAST 3.09 14/1/00 HIGH 2.30 28/12/99, LOW 0.54 1/1/99,

Dettagli

Università degli studi di Bergamo

Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria L.S. Ingegneria Edile Gestione Delle Imprese TRATTAZIONE TEORICA E PRATICA PER L IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE IN CANTIERE

Dettagli

L Earned Value. La tecnica per misurare l avanzamento del progetto. Non c è vento favorevole per chi non sa dove va (Seneca) Qualità-online 13/07/2013

L Earned Value. La tecnica per misurare l avanzamento del progetto. Non c è vento favorevole per chi non sa dove va (Seneca) Qualità-online 13/07/2013 L Earned Value La tecnica per misurare l avanzamento del progetto Non c è vento favorevole per chi non sa dove va (Seneca) Misurare l avanzamento La valutazione dell'avanzamento è determinante al fine

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi

Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi Prato, 25 Settembre 2009 1 Programma 15:00 15:10 Benvenuto e apertura lavori 15:10 15:20 Presentazione del

Dettagli

PROJECT. Identità oggetto. Contenuto. Modalità di uso. Nome oggetto: data. numero revisione: nome file: descrizione: descrizione: revisione:

PROJECT. Identità oggetto. Contenuto. Modalità di uso. Nome oggetto: data. numero revisione: nome file: descrizione: descrizione: revisione: Nome oggetto: PROJECT Identità oggetto numero revisione: nome file: data 01 05/05/04 revisione: project01.pdf pdf dimensione fisica: descrizione: 630 KB pubblicazione web verifica interna: ambiente applicativo:

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

Altre definizioni di progetto. Management. Progetto = punti di vista. 20-Project Management. MARCO TRAPANI - trapani.marco@gmail.

Altre definizioni di progetto. Management. Progetto = punti di vista. 20-Project Management. MARCO TRAPANI - trapani.marco@gmail. NFORMTC 20-Project Mngmt Marco Trapani trapani.marco@gmail.com rgomenti Project Management Definizione Storia Elementi di base Le reakdown structure Le priorità PERT Gantt nalisi avanzamento lavori (earned

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Modelli organizzativi d impresa e strumenti informativi e gestionali: Tendenze evolutive per il Project Financing

Modelli organizzativi d impresa e strumenti informativi e gestionali: Tendenze evolutive per il Project Financing Modelli organizzativi d impresa e strumenti informativi e gestionali: Tendenze evolutive per il Project Financing RELATORE PROF. FRANCESCO SPONZA IUAV ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA

Dettagli

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Pillole l di Project Management Lunedì 21 febbraio c/o Relais Santa Croce Via Ghibellina, 87 a Firenze Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Dott. Ing. Luigi De Laura

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

SISTEMI ORGANIZZATIVI: SECONDA PARTE

SISTEMI ORGANIZZATIVI: SECONDA PARTE SISTEMI ORGANIZZATIVI: SECONDA PARTE Come è nato il mondo dei progetti? Il project management nasce come disciplina all'inizio del '900 nel periodo del dopoguerra per la gestione di grossi impianti industriali

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione E il processo decisionale attraverso il quale sono organizzate le risorse produttive al fine di conseguire determinati obiettivi. Si estrinseca temporalmente attraverso tre

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

Esercitazione Esame di Stato Dottori Commercialisti. Dott. Antonio Parbonetti

Esercitazione Esame di Stato Dottori Commercialisti. Dott. Antonio Parbonetti Esercitazione Esame di Stato Dottori Commercialisti Dott. Antonio Parbonetti Prova di Esame: Seconda Sessione 2005 La scelta della localizzazione dell impresa, la valutazione del fabbisogno finanziario

Dettagli

Un sistema di Controllo di Gestione per la Governance dell attività sportiva

Un sistema di Controllo di Gestione per la Governance dell attività sportiva Un sistema di Controllo di Gestione per la Governance dell attività sportiva Roma, 3 maggio 2012 Silvia Donnoli Project Manager GESINF S.r.l. Indice degli argomenti Il controllo di gestione come strumento

Dettagli

IL CASO NERI: IL PIANO DI PROGETTO DEL NUOVO MODELLO RAMPICHINO

IL CASO NERI: IL PIANO DI PROGETTO DEL NUOVO MODELLO RAMPICHINO IL CASO NERI: IL PIANO DI PROGETTO DEL NUOVO MODELLO RAMPICHINO Giuseppe Stabilini Copyright SDA Bocconi, Milano Giuseppe Stabilini del nuovo modello Rampichino L azienda Neri progetta da oltre 50 anni

Dettagli

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA ID. 11673 CATALOGO INTERREGIONALE ALTAFORMAZIONE V Edizione Anno 2013 Ente di formazione In

Dettagli

Fashion Control System

Fashion Control System Fashion Control System Daywork Fashion Control System è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione delle aziende del

Dettagli

Il Sistema di Monitoraggio dell Agenzia delle Entrate

Il Sistema di Monitoraggio dell Agenzia delle Entrate Il Sistema di Monitoraggio dell Agenzia delle Entrate 1 La Governance dei contratti di outsourcing Dipartimento Politiche Fiscali Strumenti di governance Convenzione Triennale Agenzia delle Entrate Sogei

Dettagli

MODI NUOVI UNIVERSITY

MODI NUOVI UNIVERSITY in collaborazione con MODI NUOVI UNIVERSITY l università degli installatori ANNO 2007 MODI NUOVI UNIVERSITY La Modi Nuovi S.a.s., dopo un ventennio di attività, ha raggiunto la leadership nella produzione

Dettagli

L Earned Value: questo sconosciuto!

L Earned Value: questo sconosciuto! L Earned Value: questo sconosciuto! 1 di 8 di Vito Madaio TenStep Italia L Earned Value: questo sconosciuto! Nella maggior parte dei casi neanche il bravo project manager utilizza l analisi dell Earned

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI

Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI Sommario Introduzione 2 Le Caratteristiche 3 Il Funzionamento 4 Budget Economico 5 Flussi di Cassa 6 Budget Commerciale 7

Dettagli

PARTE PRIMA: IL PREVENTIVO, CONTA CHE TI PASSA

PARTE PRIMA: IL PREVENTIVO, CONTA CHE TI PASSA PRESENTAZIONE DEL CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ARTIGIANI 1 PARTE PRIMA: IL PREVENTIVO, CONTA CHE TI PASSA OBIETTIVO DEL CORSO 2 Partendo dalla costruzione del preventivo delle commesse, arrivare a fornire

Dettagli

INDICE. PARTE I I BILANCI NELL ECONOMIA PUBBLICA (Francesco Forte)

INDICE. PARTE I I BILANCI NELL ECONOMIA PUBBLICA (Francesco Forte) INDICE PARTE I I BILANCI NELL ECONOMIA PUBBLICA (Francesco Forte) Capitolo I BILANCIO PER OBBIETTIVI E PROJECT MANAGEMENT NELL ECONOMIA PUBBLICA IL BILANCIO PER OBBIETTIVI E IL PROJECT MANAGEMENT NELLE

Dettagli

Gli strumenti del project management

Gli strumenti del project management Gli strumenti del project management Il ciclo di pianificazione e controllo dei progetti Pianificazione e controllo è il processo mediante il quale si governa lo svolgimento di un attività. In sostanza

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Elaborazione di una scheda di budget

Elaborazione di una scheda di budget LAUREA MAGISTRALE PREVENZIONE A.A 2005-2006 Elaborazione di una scheda di budget Maria Patrizia Becheroni Università degli Studi di Firenze Facoltà di Medicina e chirurgia Dipartimento di sanità Pubblica

Dettagli

Linea32 Edili solutions

Linea32 Edili solutions Linea32 Edili solutions Il sistema completo per la gestione aziendale e di commessa e per lavorare in qualità Linea32 Edili solutions, quarta generazione di software STR dedicata alle imprese di costruzione,

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

L analisi dei dati prospettici Bologna, 29 Settembre 2015

L analisi dei dati prospettici Bologna, 29 Settembre 2015 Advisory L analisi dei dati prospettici Bologna, 29 Strettamente riservato e confidenziale 1 Le informazioni prospettiche 3 1.1 Finalità e destinatari 4 1.2 Orizzonte temporale 5 2 L'analisi delle informazioni

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

K Venture Corporate Finance. Self Control. Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

K Venture Corporate Finance. Self Control. Il futuro che vuoi. Sotto controllo! K Venture Corporate Finance Self Control K Venture Corporate Finance K Venture Corporate Finance è una società di consulenza direzionale specializzata nel controllo di gestione, nella contabilità industriale,

Dettagli

Rischi, requisiti e stima di un progetto software

Rischi, requisiti e stima di un progetto software Rischi, requisiti e stima di un progetto software Roberto Meli Abstract Lo scopo di questo lavoro è quello di fornire un contributo pratico a coloro che sono interessati a perseguire il successo di un

Dettagli

Project Management con Project 2000 Ing. Thimoty Barbieri 1/62

Project Management con Project 2000 Ing. Thimoty Barbieri 1/62 Project Management con Project 2000 Ing. Thimoty Barbieri Luglio 2002 Ing. Thimoty Barbieri 1/62 Indice ARGOMENTI... 4 LA GESTIONE DEL PROGETTO... 5 LINEE GUIDA PER LE OBS... 7 Aspetti della composizione

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

EVMS (Earned Value Management System) impatti organizzativi della sua implementazione CARLO GAVAZZI SPACE

EVMS (Earned Value Management System) impatti organizzativi della sua implementazione CARLO GAVAZZI SPACE EVMS (Earned Value Management System) impatti organizzativi della sua implementazione CARLO GAVAZZI SPACE Le domande che ci si è posti Controllare costi e avanzamento rispondendo alle domande: Ma a che

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che possiedono competenze

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che possiedono competenze

Dettagli

EVMS e sua implementazione

EVMS e sua implementazione Practice Standard for Earned Value Management EVMS e sua implementazione implicazioni tecniche ed organizzative in una PMI italiana Esperienza in una PMI nel campo aerospaziale Mazzoni Giovanni Giovanni.Mazzoni@it.flextronics.com

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

Gestione di progetti Domande d esame

Gestione di progetti Domande d esame Esami modulari SVF-ASFC Edizione autunno 2010 Gestione di progetti Domande d esame Durata dell esame: 60 minuti Mezzi ausiliari ammessi: nessuno Incollate qui l etichetta con il vostro n. di riferimento!

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO D.1 BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

Stima delle Risorse di un Progetto

Stima delle Risorse di un Progetto Stima delle Risorse di un Progetto di Vito Madaio (Quali sono i benefici delle stime, i principali approcci e come utilizzarle nei progetti reali.) La stima delle esigenze di risorse di solito si effettua

Dettagli

SAP ERP PROJECT SYSTEM

SAP ERP PROJECT SYSTEM SAP ERP PROJECT SYSTEM Mantova, 28-29 settembre 2015 28/09/2015 Modulo PS 1 Obiettivo Fornire un overviewdel modulo di Project System (PS) di SAP ERP attraverso la descrizione delle sue principali entità

Dettagli

Sextante BUDGET ECONOMICO-FINANZIARIO E FORECAST

Sextante BUDGET ECONOMICO-FINANZIARIO E FORECAST Sextante BUDGET ECONOMICO-FINANZIARIO E FORECAST SOFTWARE PER LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO D IMPRESA Il software gestionale Sextante è uno strumento di analisi, pianificazione e controllo economico

Dettagli