A.S.P IL GIRASOLE Progetto EDUCATIVO dell anziano annuale Anno 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.S.P IL GIRASOLE Progetto EDUCATIVO dell anziano annuale Anno 2013"

Transcript

1 A.S.P IL GIRASOLE Progetto EDUCATIVO dell anziano annuale Anno 2013 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO Il servizio di animazione dell Asp Il Girasole è composto da due operatori part-time alle dipendenze della struttura. L educatore professionale, Dott.ssa Melania Tedeschi, part-time al 70%, referente del servizio stesso e l animatore con deroga Sig.ra Cirino Carmela part time al 75%. Il Servizio è operativo dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore e garantisce due domeniche lavorative al mese. Il servizio si avvale della collaborazione di volontari tesserati, e coordinati dallo stesso. E in fase di attivazione l attesa Associazione Amici del Girasole, che ci permetterà di coinvolgere il maggior numero di persone attente e propositive che vorranno far parte della nostra realtà fornendo il loro aiuto di volontariato. Il Servizio di animazione grazie ai proventi delle fiere e dei mercatini, riesce ad effettuare uscite settimanali sul territorio, offrendo sempre aperitivo o caffè agli ospiti, acquista il materiale necessario ai laboratori, acquista dolci e dolcetti per le merende insieme, i regali di compleanno degli ospiti, i regalini di natale e pasqua per gli ospiti, piccoli strumenti elettronici ad uso di ospiti ( dvd) ora è in progetto l acquisto di una cornice digitale dove inserire le foto degli ospiti e gli avvisi più importanti. Le torte di compleanno mensili e tutti gli eventi ad ampio raggio con partecipazione esterna di persone sono invece di competenza per quanto riguarda i costi dell amministrazione. Pag 1

2 GLI AMBITI D INTERVENTO E IL METODO DELL ANIMAZIONE Il tema della progettazione rappresenta il fulcro centrale per tutte le professioni socio-sanitarie. Questo dato rassicurante dovrebbe prefigurarci un sistema di servizi socio-sanitari ben organizzato, dove ogni operatore può confrontarsi con obiettivi condivisi, sistemi di verifiche e di valutazione di risultati. Il termine progetto attraversa e caratterizza molto il dire e l agire sociale contemporanei; viene utilizzato in svariati contesti e in vari settori operativi. In ambito educativo il progetto è lo strumento più importante che caratterizza il lavoro dell educatore professionale all interno di un servizio, in questo caso calato nella dimensione animativo-educativa all interno della RSA. Pertanto si pone la necessità di una riflessione per condividere il significato attribuito all interno di un preciso campo d azione, quale può essere considerato l intervento professionale educativo, nel tentativo, attraverso un processo di negoziazione, di rendere univoci il senso e il valore che esso assume all interno di questo contesto operativo. Pare opportuno chiarire e condividere il significato che questo termine può assumere nell agire professionale dell educatore, per comprenderne la ricaduta sul suo operare concreto e quotidiano. All interno dei servizi, in cui questo attore sociale opera, si parla spesso di progetti che indicano sia le strategie macro, cioè di funzionamento dei servizi medesimi, mission, finalità e obiettivi principali, sia gli indicatori micro, ovvero di svolgimento dell azione professionale concreta ( progetti specifici per ciascuna attività proposta e progetto individualizzato d intervento con la persona). Citazioni e spunti da La progettazione educativa di Brandani e Tomisich Questo progetto 2013 prenderà in esame tutto l intervento animativo-educativo analizzando in primis i bisogni degli ospiti della nostra struttura e dopo un attenta osservazione si trasformerà in concreto attuando e trasformando il pensiero in azione. Pag 2

3 Per fare un progetto è dunque necessario allacciarsi al bagaglio conoscitivo ed esperienziale acquisito nel passato dal singolo attore coinvolto nel progettare, e al significato che tali esperienze hanno per ciascuno, ovvero educatori ed ospiti insieme per una progettazione condivisa e virtuosa. Entrando nello specifico mi sembra doveroso contestualizzare il Servizio d animazione partendo dall analisi etimologica del termine Animazione. L'etimologia del termine "animazione" ci anticipa il significato che si nasconde nell'agire animativo: "dare anima", "infondere vita", "mettere in movimento", "agire con anima"; "animare l'azione" vuol dire "fare" ma impregnando le azioni di SENSO al fine di facilitare processi attraverso i quali le persone riscoprono la capacità di abitare il tempo che vivono. "Animazione" è un termine che nel gergo comune viene utilizzato nelle maniere più disparate ed in senso molto riduttivo: basti pensare che spesso, quando si sente parlare di "animazione" la prima immagine che viene in mente è quella dei villaggi turistici, dove le persone si divertono con "l'animatore". Purtroppo quella della "animazione in casa di riposo", viene considerata come l'insieme delle attività ludicoricreative pensate "per far trascorrere il tempo agli anziani". Per chi non conosce il lavoro di un educatore/animatore in RSA, è facile ridurre il suo lavoro solamente a quello che è visibile, al fine di facilitare processi attraverso i quali le persone riscoprono la capacità di abitare il tempo che vivono. Ecco la vera sfida di chi lavora ogni giorno in RSA: dare senso...e non è una cosa così visibile, tangibile misurabile, ne tanto meno semplice e veloce. Aiutare le persone a dare senso alla loro vita qualunque sia la loro situazione psicofisica, richiede innanzitutto un presupposto che si trova nella condivisione dei seguenti concetti: considerare la persona come ESSERE PROGETTUALE, l'essere umano non è mai determinato, è in continuo divenire. In ogni età o periodo della vita esiste un "compito evolutivo": per esempio nell'anzianità la persona è chiamata a fare il resoconto della propria vita, attraverso la rielaborazione della propria esperienza passata, e trovare da questa rielaborazione le energie necessarie per prepararsi al congedo della vita serenamente. ( teoria di riferimento Ciclo vitale i compiti evolutivi di Erikson).. Ogni persona durante tutta la sua esistenza deve continuamente mettere in atto le proprie risorse per adattarsi alle nuove condizioni di vita che cambiano nel tempo. Considerare la persona nella sua GLOBALITA' DI ASPETTI interdipendenti fra loro che favoriscano il mantenimento della sua integrità psico-corporea. Pag 3

4 . considerare la persona come ESSERE SOCIALE che si realizza nel rapporto con gli altri, con l'ambiente in cui è inserito inteso sia in termini strutturali/fisici, ma soprattutto in termini di relazioni e interazioni. Il lavoro di Animazione diventa la risultante principale di TRE DIMENSIONI: la dimensione della relazione e della quotidianità, dove il contenuto risiede nella relazione affettiva con l ospite, nell ascolto dei suoi bisogni, nella valorizzazione delle sue esperienze, nell accompagnamento e nel sostegno nelle relazioni con gli altri; la dimensione socializzante, ricreativa e creativa, dove, attraverso attività specifiche (laboratori creativi, feste ) si stimolano le funzioni necessarie per la conservazione dell autonomia, le capacità residue, le potenzialità espressive, intellettive e relazionali degli ospiti. Questi interventi devono cercare di coinvolgere e attivare i partecipanti, ciascuno secondo le proprie capacità, di farli sentire protagonisti, di dare la possibilità di esprimere la propria individualità, di riconoscersi parte significativa di un tutto; la dimensione progettuale interna ed esterna (il territorio), dove l animazione diventa costituzione di sempre nuove ipotesi di lavoro, articolazione di interventi mirati e diversificati in collaborazione con altre figure professionali, capacità di promuovere interscambi con il territorio per non rimanere una realtà isolata e astratta del vivo contesto locale. La metodologia, il METODO nostro di riferimento è l agire concreto che si realizza attraverso le seguenti attività:. programmare e organizzare le attività ordinarie e straordinarie durante l anno;. facilitare e promuovere la socializzazione con e tra i residenti;. contribuire all analisi dei bisogni e delle aspettative dei residenti;. valorizzare il protagonismo, rafforzare l autostima e l identità personale dei residenti;. operare e collaborare, insieme al terapista della riabilitazione,personale asa, infermieristico, medico per il mantenimento e il recupero delle capacità motorie dell anziano, rispettando i suoi ritmi naturali e attraverso la dinamica di gruppo e la riattivazione;. stimolare la memoria, l attenzione e la comprensione;. sollecitare negli anziani l espressione di capacità creative, sostenendoli nell esecuzione di lavori manuali, stimolando in loro l immaginazione;. offrire risposte sollecite ai loro piccoli bisogni, come telefonare ad un parente, scrivere una lettera, visitare parenti e amici.;. organizzare giochi, spettacoli insieme agli anziani e agli altri operatori; Pag 4

5 . scambiare e raccogliere informazioni sulla vita dell ospite, gli interessi, le curiosità al fine di costruire un quadro il più possibile completo della personalità dell anziano;. mantenere relazioni con le organizzazioni esterne: volontariato, scuole, strutture territoriali.;. mantenere relazioni regolari con i parenti degli ospiti aiutandoli a conservare i legami familiari per rendere loro meno gravosa la permanenza in RSA.. sollecitare i residenti e personalizzare il loro spazio individuale e quello collettivo con propri lavori, immagini o fotografie che li vedono protagonisti.. coordinare e collaborare con il gruppo dei vol. predisporre documenti di lavoro;. controllare e valutare i risultati dell intervento operato. Gli STRUMENTI PRINCIPI DEL LAVORO EDUCATIVO: - Osservazione - Progetto - Colloqui Per realizzare un progetto di animazione in RSA ci avvaliamo della modalità di progettazione ad hoc, cioè l ideazione di un progetto necessariamente costruito a partire dal luogo, dal tempo e dalle persone realmente appartenenti alla nostra struttura. Ipotizziamo alcune linee guida, alcuni criteri, alcuni confini, che rappresentino il contenitore dove collocare il progetto specifico costruito su misura facendo in modo che l attività di animazione all interno dell Asp contribuisca: _ a migliorare la qualità della vita degli anziani ospitati; _ a creare un rapporto animazione/struttura in maniera tale da riuscire a convivere con le esigenze organizzative e a sviluppare un attività di animazione che non risulti semplicemente il riempimento dei vuoti dell organizzazione stessa. La valutazione ci permette di capire quali campi di funzionamento sono accessibili e trattabili dall intervento di animazione e ci permetta di modificare il programma o gli scopi che ci siamo prefissati. Le attività di animazione sono proposte per permettere una vita più significativa, per stimolare il desiderio di usare le capacità fisiche e mentali, per potenziare l abilità di ciascun individuo a mantenere la sua più alta funzione sociale, fisica ed emozionale, per ottenere un senso di successo e per migliorare la stima in sé stesso. Pag 5

6 Le attività mirano a stimolare e interessare l anziano e hanno i seguenti OBIETTIVI: aumentare la socializzazione e sviluppare i rapporti interpersonali; sviluppare nuove abilità e nuovi interessi; valorizzare il protagonismo e l autostima; stimolare la memoria, l attenzione e la comprensione; stimolare le capacità cognitive e logico-matematiche; stimolare al dibattito e allo scambio di idee; stimolare a superare la passività, educare ad accettare le regole; esprimere emozioni, sentimenti e ricordi. La valutazione in itinere parte fondamentale per la progettazione è un importante strumento che di volta in volta mi permetterà di aggiustare il tiro, essere flessibile e pronta al cambiamento e all imprevisto che qualunque relazione comporta, ancor più quella educativa. Ogni azione educativa si differenzierà dall agito umanamente possibile perchè non nascerà casualmente, e non sarà mai un fatto estemporaneo ma sarà supportato da una teoria di riferimento e da un progetto condiviso. Somma Lombardo, 8 febbraio 2013 L educatore professionale Melania Tedeschi Ora entrando nell operativo vorrei presentare i nuovi progetti più specifici proposti per l anno 2013 che hanno avuto delle modifiche. Gli operatori che hanno condiviso, creato e condurranno i progetti saranno l educatore professionale della struttura e l animatore, con la collaborazione di volontari. Pag 6

7 ATTIVITA LUDICA DELLA TOMBOLA L attività viene svolta nel salone centrale con tutti i residenti; ad ognuno consegniamo una cartella su cui segna con un pennarello i numeri estratti. Per due ambi, due terni, due quaterne, due cinquine, una tombola e un tombolino vengono consegnati dei premi utili alla quotidianità del residente. _ socializzazione (es. se si aiutano a vicenda a trovare il numero estratto sulla tabella) _ attenzione e concentrazione (es. se il residente sta attento al numero che viene estratto e lo riconosce sulla propria tabella) _ competitività e rafforzamento autostima _ accettazione di regole (es. la pazienza di aspettare l estrazione del numero). _ riconoscimento dell altro e dei diversi ruoli. _ stimolazione capacità cognitive e logico-matematiche TEMPI, MODI E STRUMENTI - l attività la svolgiamo una volta alla settimana - durata dell attività circa un ora e mezza - gli strumenti che utilizziamo le cartellette della tombola ; le tabelle dei numeri; pennarelli; premi utili alla quotidianità del residente. VERIFICA attraverso schede di rilevazione Pag 7

8 ATTIVITA FESTA DEI COMPLEANNI l attività la svolgiamo nel salone centrale disponendo i residenti in cerchio in modo da lasciare dello spazio al centro per chi desidera ballare. Mentre ascoltiamo della buona musica dal vivo dei nostro bravissimi musicisti che si prestano gratuitamente a rendere questo momento importante molto più gioioso. Gli ospiti sono coinvolti a ballare e cantare. Dopo una gustosa torta agli ospiti molto gradita, viene consegnato ad ogni festeggiato del mese in corso un regalo mirato e da quest anno la bella novità di fare una foto ricordo vicino alla torta con operatori e parenti. -Socializzazione -Attenzione a momenti significativi della vita dei singoli o della comunità -Comico-terapia (coscienza del residente di comprendere che si consoni alla situazione trovandosi in una situazione di festa e quindi attuando degli atteggiamenti di spensieratezza (cantare e ballare) e divertimento. TEMPI, MODI E STRUMENTI - l attività viene svolta sempre un giorno dell ultima settimana del mese del mese - iniziamo la festa alle ore e la concludiamo alle ore VERIFICA Attraverso l osservazione Pag 8

9 ATTIVITA MANUALI L attività la svolgiamo nel salone centrale disponendo i residenti che desiderano partecipare, anche solo osservando, attorno a due tavoli; disponiamo tutto il materiale necessario per l attività sui tavoli e consegniamo il necessario per iniziare i lavoretti; quello che realizziamo sono: addobbi per l ambiente in base al periodo dell'anno, festoni, preparazione regali, realizzazione manifesti, manufatti a maglia molto apprezzati realizzati da ospiti ancora molto capaci per il Mercatino di Natale, Pasqua, carnevale ecc... socializzazione manualità creatività stimolazione visiva e tattile stimolazione a superare la passività, facendo TEMPI, MODI - le attività manuali le svolgiamo più volte al mese, sia al mattino che pomeriggio; STRUMENTI - ogni mese c'è la preparazione del cartellone dei compleanni del mese successivo da esporre in bacheca; inoltre, in occasione delle varie festività (Carnevale, Pasqua, Natale), feste stagionali o di altro genere, realizziamo degli addobbi o dei lavori specifici; comunque ogni settimana i residenti sono impegnati nel tagliare, colorare, sferruzzare e cucire. - gli strumenti che utilizziamo sono vari: pennarelli, colori a matita, pennelli, tempere, gessi, cartoncini colorati, carta crespa, nastri, colla, lana, cotone forbici, aghi, uncinetto, ferri. VERIFICA attraverso l osservazione Pag 9

10 VISIONE FILMATI Cineforum L attività la svolgiamo nel salone centrale disponendo tutti i residenti verso la televisione (i residenti più interessati li disponiamo in prima fila). Prima di iniziare la visione spieghiamo ai residenti il genere di filmato proposto, a metà e a fine film/documentario/concerto/musical/operetta verifichiamo se i residenti hanno seguito, se sono in grado di ripeterci la trama, le loro impressioni e magari la nascita di un dibattito. Se il quanto visto risulta lungo verranno creati il primo e secondo tempo. attenzione e concentrazione stimolazione visiva rielaborazione di esperienze vissute comunitariamente stimolazione al dibattito e scambio di idee stimolo culturale stimolazione della memoria espressione di emozioni, sentimenti e ricordi TEMPI, MODI E STRUMENTI - l'attività viene svolta una volta alla settimana di mattina - iniziamo l attività alle ore e la concludiamo alle ore gli strumenti che utilizziamo sono i DVD il lettore DVD e microfono. VERIFICA attraverso l osservazione Pag 10

11 ATTIVITA LETTURA di GIORNALI QUOTIDIANI, RIVITE, LIBRI E RACCONTI LOCALI Da quest anno l attività la svolgeremo incrementando anche i pomeriggi Nel salone centrale; disponiamo i residenti che desiderano partecipare attorno ad un tavolo in modo che tutti sentano la voce dell educatore; chiediamo agli ospiti cosa preferiscono leggere e a volte capita che sono i residenti stessi a leggere dei brevi paragrafi. A fine lettura si discute con gli ospiti cosa si è appena letto e si raccolgono le loro impressioni cercando di far nascere un dibattito. - orientamento spazio-temporale - contatto con il mondo esterno - stimolazione all attenzione e alla comprensione - stimolazione al dibattito e scambio di idee - incentivo all autonomia personale nella lettura - stimolo culturale - espressione di emozioni, sentimenti e ricordi TEMPI, MODI E STRUMENTI - non decidiamo un tempo definito, è un attività che svolgiamo quando vi è occasione; - gli strumenti che utilizziamo sono i giornali quotidiani locali, riviste e libri VERIFICA attraverso l osservazione Pag 11

12 ATTIVITA CANTO E un attività svolta spesso durante la giornata nel salone centrale, mentre facciamo i lavori manuali o durante le uscite sul territorio, a volte invece creata come strumento nei giochi di gruppo. - stimolazione della memoria -abilità sensoriali -stimolazione di ricordi, sentimenti, emozioni -socializzazione TEMPI, MODI E STRUMENTI - non decidiamo un tempo definito, è un attività che svolgiamo quando vi è occasione; - testi delle canzoni VERIFICA attraverso l osservazione ATTIVITA LAVORO A MAGLIA L attività viene svolta durante la giornata da ospiti con più capacità residue manuali durante la giornata. - manualità - stimolazione visiva e tattile - stimolazione di ricordi, sentimenti, emozioni - sviluppo del senso estetico - socializzazione TEMPI, MODI E STRUMENTI - non decidiamo un tempo definito, è un attività che facciamo quando vi è occasione - gli strumenti che utilizziamo sono: aghi, lana, cotone, filo, uncinetto, forbice VERIFICA attraverso l osservazione Pag 12

13 Altre ATTIVITA' ORDINARIE sono: - Giro camere; Con GIRO CAMERE si intende l incontro con gli ospiti costretti temporaneamente o stabilmente nella propria camera. Questo è un momento molto importante per gli ospiti perché la nostra visita serve a non farli sentire soli, visto che non sono in grado di raggiungere il resto del gruppo. - Concorso scuole incontri inter-generazionali - Contatti con il territorio ed uscite settimanali - Mercatino di Natale; - Collaborazione con i volontari. - Mercatino di Pasqua. - Momenti per professare il proprio credo, rispettando le diverse religioni. - Redazione del programma settimanale, cercando di mantenere dei giorni fissi di attività, importante strumento di orientamento spazio-temporale per gli ospiti. - Eventi e feste nei week-end, due domeniche al mese. -Rot informale ogni giorno ( orientamento spazio-temporale) - Compilazione delle schede sociali, scheda ingresso, PEI, e diario animazione PAI. Somma Lombardo, 08/02/2013 Educatore Professionale Melania Tedeschi Animatore Cirino Carmela Pag 13

PIANO ANNUALE DI ANIMAZIONE

PIANO ANNUALE DI ANIMAZIONE Anno 2016 a. PREMESSA Nel programma di animazione della RSA Karol Wojtyla sono favorite attività di svago e relazione che permettono agli anziani di rompere la quotidianità della struttura, per questo

Dettagli

ATTIVITA DI ANIMAZIONE MESE DI DICEMBRE

ATTIVITA DI ANIMAZIONE MESE DI DICEMBRE ATTIVITA DI ANIMAZIONE MESE DI DICEMBRE Casa residenza I Girasoli Lunedì 07 14 28, mattino: laboratori manuali. Lunedì 21: CENA DI NATALE CON PARENTI E AMICI. Martedì 01 15 22 29, mattino: musica con Illo.

Dettagli

STAR BENE A CASA CON SÉ E CON GLI ALTRI

STAR BENE A CASA CON SÉ E CON GLI ALTRI Titolo del progetto proposto dalla APSP Giovanni Endrizzi di LAVIS (ex Casa di Riposo RSA di Lavis) STAR BENE A CASA CON SÉ E CON GLI ALTRI In queste pagine sono descritte le informazioni principali relative

Dettagli

Sintesi descrittiva del Progetto

Sintesi descrittiva del Progetto Sintesi descrittiva del Progetto ISTITUTO: Casa per anziani Mons. Craveri-Oggero CATEGORIA PROGETTO: A tutta arte ALLEGATI: Documento in power point FIGURE COINVOLTE: Volontari tesserati S.V.A.F. (Servizio

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

ALBUM di VITA La tecnica dello sketchbook per curare con le immagini

ALBUM di VITA La tecnica dello sketchbook per curare con le immagini RIASSUNTO SINTETICO DEL PROGETTO (come nasce, come si sviluppa, le finalità, struttura del progetto, etc) ALBUM di VITA La tecnica dello sketchbook per curare con le immagini Il progetto album di vita

Dettagli

Giovedì pomeriggio 01-08-15 22-29 tombola al piano terra(fatta dai volontari)/operatori

Giovedì pomeriggio 01-08-15 22-29 tombola al piano terra(fatta dai volontari)/operatori ATTIVITA DI ANIMAZIONEVILLA MARGHERITA MESE DI OTTOBRE 2015 Casa protetta Villa Margherita Attività comuni a tutta la struttura: Tutte le mattine attività di giardinaggio/orto, atelier e manuali con animatrice

Dettagli

ATTIVITA IN RSA. Poligest

ATTIVITA IN RSA. Poligest ATTIVITA IN RSA Poligest 2010 Nelle Residenze sanitarie assistenziali, attraverso un lavoro di équipe interdisciplinare, che tiene conto dei bisogni, delle aspettative e delle priorità dell assistito,

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI.

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. APSP GIOVANNI ENDRIZZI DI LAVIS Via Orti n. 50 38015 Lavis TN tel. 0461/246308 int. 406 e-mail info@rsalavis.it Referente per i contatti con

Dettagli

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo)

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) C E F O L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) L animatore socio culturale è un professionista che, attraverso attività ludico-espressive, stimola la partecipazione attiva degli

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Residenza per anziani «Sentiero d Argento»

CARTA DEI SERVIZI Residenza per anziani «Sentiero d Argento» CARTA DEI SERVIZI Residenza per anziani «Sentiero d Argento» Via Cerano, 5 Sozzago (NO) Data aggiornamento: nov 2013 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA La Residenza «Sentiero d Argento» nasce nel novembre del 2002

Dettagli

PROGETTO LET S PLAY AND TALK

PROGETTO LET S PLAY AND TALK PROGETTO LET S PLAY AND TALK FINALITA Il progetto Let s play and talk riguarda tutti i plessi di scuola primaria. Esso intende avvicinare gli alunni alla comprensione ed all uso della lingua straniera

Dettagli

Area Sociale Servizi Educativi

Area Sociale Servizi Educativi Area Sociale Servizi Educativi Oggetto: Verbale dell incontro con i genitori del 28/10/2014 per presentare il progetto Pomeriggi a scuola. Plesso Capoluogo: Magni Michela, Riva Gloria, Rosa Martina, Vertemati

Dettagli

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi Premessa Il Baby Parking/Spazio Bimbi è un servizio socio-educativo che può accogliere bambini dai 13 ai 36 mesi, dal lunedì al venerdì, fino a 6

Dettagli

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 PREMESSA Il progetto annuale è stato definito secondo il modello di programmazione per sfondo integratore. Il GIRO D

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

Il giro del mondo in 40 giorni

Il giro del mondo in 40 giorni Centro Ricreativo Estivo Qiqajon 2015 Dall 8 giugno al 17 luglio Il giro del mondo in 40 giorni Introduzione Il Progetto Qiqajon è una realtà dinamica, in continua crescita, che si occupa nello specifico

Dettagli

PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA. Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G.

PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA. Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G. Allegato 1 PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G.Binotti di Pergola motivazione Il nostro progetto si prefigge la costituzione

Dettagli

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Servizio integrativo spazio gioco Lo spazio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni PRINCIPI EDUCATIVI E LINEE GUIDA Rispetto dell unità psico-fisica del bambino; centralità educativa del fare

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev.

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev. CARTA DEI SERVIZI Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA Data aggiornamento: sett 2014 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE 4. LA SCUOLA DELL INFANZIA 4.1 L OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA rimane aperta dalle ore 8.00 alle ore 15.45 ed offre un servizio

Dettagli

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto 2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto a ricevere, nella comunità, tutte le opportunità educative per lo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia gennaio 2009 Presentazione Istituto Comprensivo di Sedegliano Questo opuscolo contiene alcune informazioni

Dettagli

Brevi indicazioni operative per le famiglie

Brevi indicazioni operative per le famiglie Brevi indicazioni operative per le famiglie È consigliato un abbigliamento comodo, con scarpe da ginnastica, per permettere ai bambini di giocare senza difficoltà. I bambini che entrano al Centro dopo

Dettagli

AgriAsilo Meravigliamoci

AgriAsilo Meravigliamoci CENTRO ESTIVO E.STATE IN CAMPAGNA 2014 La proposta del centro estivo per l estate 2014 si basa su alcuni concetti fondamentali: - Socialità: intesa come sviluppo di legami di appartenenza, cura della relazioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO ANZIANI DI LISSONE COLORI DELLA VITA

CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO ANZIANI DI LISSONE COLORI DELLA VITA COOPERATIVA SOCIALE LA RIABILITAZIONE O.N.L.U.S. VIA ANTONIO GRAMSCI, 9 20831 SEREGNO (MB) CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO ANZIANI DI LISSONE COLORI DELLA VITA 1 Carta dei Servizi Centro Diurno Anziani Lissone

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Casa di Riposo «Perego Pinzio Lavagetto» Via Roma, 20 Carpignano Sesia (NO) Data aggiornamento: nov 2013 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Casa di Riposo «Perego Pinzio Lavagetto» Via Roma, 20 Carpignano Sesia (NO) Data aggiornamento: nov 2013 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Casa di Riposo «Perego Pinzio Lavagetto» Via Roma, 20 Carpignano Sesia (NO) Data aggiornamento: nov 2013 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA La Casa di Riposo «Perego Pinzio Lavagetto» fu realizzata

Dettagli

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ;

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; 1. Orario 24 ore settimanali 2. Orario 27 ore settimanali 3. Orario

Dettagli

MACROAREA CENTRO SERVIZI ANZIANI CASA SERENA- VILLA SAN GIACOMO

MACROAREA CENTRO SERVIZI ANZIANI CASA SERENA- VILLA SAN GIACOMO MACROAREA CENTRO SERVIZI ANZIANI CASA SERENA- VILLA SAN GIACOMO L essere dell uomo è una comunicazione profonda. Essere significa comunicare. Essere significa essere per l altro e, attraverso l altro,

Dettagli

Meraviglie. Mostra Alice nel Paese delle. Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585

Meraviglie. Mostra Alice nel Paese delle. Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585 Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585 Mostra Alice nel Paese delle Meraviglie Luogo: sala espositiva collocata all interno di un edificio

Dettagli

ATTIVITA DI ANIMAZIONE MESE DI OTTOBRE 2015

ATTIVITA DI ANIMAZIONE MESE DI OTTOBRE 2015 ATTIVITA DI ANIMAZIONE MESE DI OTTOBRE 2015 CENTRO DIURNO MELOGRANO Attività proposte ogni settimana: LUNEDI mattino:lettura quotidiani e ginnastica individuale e di gruppo pomeriggio: Atelier /alle 16

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica Istituto Comprensivo di Battaglia Terme (PD) LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA La personalizzazione dell insegnamento Per realizzare il potenziamento delle competenze degli alunni rispetto alla situazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre ad

Dettagli

Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016. Pag. 1

Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016. Pag. 1 Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016 Pag. 1 I CAMPI D ESPERIENZA APPLICATI ALLE FIABE Al fine di favorire il percorso educativo di ogni

Dettagli

Facciamo un calendario

Facciamo un calendario ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DOCUMENTAZIONE PERCORSO DI STORIA Scuola dell Infanzia Facciamo un calendario Scuola dell Infanzia Insegnanti: F Aloisio,

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011

laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011 laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011 L'ORTO DELLE ARTI Via Paolo Rembrandt, 49 20147 Milano Tel. 02 4043450 Cell. 347 4817456 enzoguardala@tiscali.it A CACCIA DI STORIE Scuola dell infanzia - Sviluppare

Dettagli

ATTIVITA DI ANIMAZIONE MESE DI DICEMBRE 2015

ATTIVITA DI ANIMAZIONE MESE DI DICEMBRE 2015 ATTIVITA DI ANIMAZIONE MESE DI DICEMBRE 2015 Centro Diurno Stella Polare Attività del mattino:lettura del giornale, racconti, rot informale, attività motoria di gruppo e individuale, attività di laboratorio

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI PROGETTO MUSICA TEATRO INFANZIA Denominazione del progetto/laboratorio PROGETTO FESTIVITA E RICORRENZE : Rappresentazione

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

I FRUTTI DELL ARMONIA I Nuovi Progetti di Villa Ilvana

I FRUTTI DELL ARMONIA I Nuovi Progetti di Villa Ilvana I FRUTTI DELL ARMONIA I Nuovi Progetti di Villa Ilvana 1 Il ciclo delle Stagioni Questo progetto si apre con un ampia panoramica sinottica su tutte le stagioni, le quali in seguito verranno approfondite

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 I Centri Ricreativi Estivi SPORT ESTATE 2009 si svolgeranno presso le nuove scuole medie di Saonara e le scuole elementari di Villatora. DESTINATARI: Tutti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MARIA MATER MEA VIA PUSIANO, 57 MILANO Tel. 02/2722141 Fax 02/2722143 e-mail. Mariamatermea@ libero.it PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO Questo progetto

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Ente: COOPERATIVA SOCIALE VILLA MARIA Indirizzo: PIAZZA S. MARTINO - LENZIMA DI ISERA 2 - ISERA Recapito telefonico: 0464 387801 Indirizzo e-.mail: segreteria@coopvillamaria.org

Dettagli

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati.

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Non ti scordar Cafè un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Quando le nostre esistenze sono in frantumi, e non ricordiamo più neanche qual è la prima lettera dell alfabeto, la mossa

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria PREMESSA Quello del passaggio dalla scuola dell Infanzia alla scuola

Dettagli

L ORIENTAMENTO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

L ORIENTAMENTO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA L NELLA SCUOLA DELL INFANZIA L'art. 1 della Direttiva n. 487 del 6 agosto 1997, dice "L'orientamento, quale attività istituzionale delle scuole di ogni ordine e grado, costituisce parte integrante dei

Dettagli

Piano dell offerta formativa

Piano dell offerta formativa Piano dell offerta formativa Linee di indirizzo pedagogico delle scuole comunali dell infanzia Quale scuola La scuola dell infanzia costituisce il primo fondamentale livello del sistema scolastico nazionale,

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE

PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE ALLA PERSONA CON DISABILITÀ INDICE A FINALITÀ 1 B OBIETTIVI

Dettagli

Centri Diurni. G. Cristofori A. Forti Verona

Centri Diurni. G. Cristofori A. Forti Verona Centri Diurni G. Cristofori A. Forti Verona Presentazione Il Centro Diurno eroga servizi rivolti a persone con deficit psicofisico e con compromissioni da demenza di tipo Alzheimer. Il Centro Diurno è

Dettagli

ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE E CULTURA

ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE E CULTURA COMUNE DI POLIA Provincia di Vibo Valentia Piazza Dott. Pasquale Pizzonia Tel/fax 0963.321091 comunepolia@libero.it comune@comune.polia.vv.it www.comune.polia.vv.it ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

Circolo Didattico G. Marconi Locorotondo Scuola dell Infanzia. Progetto lettura: Anno Scolastico2009-2010. Anno Scolastico 2009-2010

Circolo Didattico G. Marconi Locorotondo Scuola dell Infanzia. Progetto lettura: Anno Scolastico2009-2010. Anno Scolastico 2009-2010 Circolo Didattico G. Marconi Locorotondo Scuola dell Infanzia Progetto lettura: Anno Scolastico2009-2010 Anno Scolastico 2009-2010 Referente: Rondinone Anna Carmela PREMESSA Educare i bambini alla lettura

Dettagli

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO Il Centro Diurno Disabili è gestito dal 2003 dal Comune di Luino in qualità di Ente capofila del Distretto di Luino a seguito del

Dettagli

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile?

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Studio condotto presso i 5 Istituti di cura per anziani della Città di Lugano. Giornata RAI 2011 Lugano 27

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica.

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica. CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia:

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA UNA GENERAZIONE NARRA ALL ALTRA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA UNA GENERAZIONE NARRA ALL ALTRA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: VIDES (Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo) Codice di accreditamento: Albo e

Dettagli

Dalla rete tante idee per costruire a Natale

Dalla rete tante idee per costruire a Natale Dalla rete tante idee per costruire a Natale Il Natale è un momento speciale per i bambini e per gli adulti, educare al senso di appartenenza alla propria comunità, con le proprie scelte di fede e di valori,

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it SU

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

ElEmEnti di pedagogia infantile Cosa significa educare

ElEmEnti di pedagogia infantile Cosa significa educare ElEmEnti di pedagogia infantile Cosa significa educare costruzione sociale dell identità incontro e socializzazione sostegno alla genitorialità educazione emotiva superamento di stereotipi e pregiudizi

Dettagli

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 FESTA DI PRIMAVERA Il 29 marzo la Casa di Riposo Gallazzi Vismara ha dato ufficialmente il benvenuto alla primavera, una stagione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Walt Disney anno scolastico 2005/2006

Scuola dell Infanzia Walt Disney anno scolastico 2005/2006 anno scolastico 2005/2006 Progetto recupero. Considerando non sufficienti le ore che il Provveditorato ha destinato ai bambini diversamente abili inseriti nella nostra scuola, le insegnanti di sezione

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014

ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 L Inventafiabe Scuola dell Infanzia Scuola Primaria ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE area 3 Vantaggiato Marilena CONTINUITA PERCHE?

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

Progetto di Solidarietà Intergenerazionale RI-GENERIAMOCI

Progetto di Solidarietà Intergenerazionale RI-GENERIAMOCI Introduzione Progetto di Solidarietà Intergenerazionale RI-GENERIAMOCI Il progressivo invecchiamento della popolazione è uno dei principali fenomeni che caratterizzano la società odierna, italiana, europea

Dettagli

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE L associazione sportiva dilettantistica BIMBI ALLA RISCOSSA promuove la divulgazione dello sport in genere, attività didattiche, ludiche e

Dettagli

CENTRI SOCIO EDUCATIVI MANIFESTO IDENDITARIO

CENTRI SOCIO EDUCATIVI MANIFESTO IDENDITARIO CENTRI SOCIO EDUCATIVI PROVINCIA DI PISTOIA MANIFESTO IDENDITARIO Cosa sono i Centri Socio Educativi Principi e finalità L applicazione dei principi Metodologia La dimensione dell agire educativo Chi utilizza

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

GUIDA PER L INSEGNANTE

GUIDA PER L INSEGNANTE LEGGO IO CONCORSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Progetto didattico: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis - Milano Illustrazioni: Archivio Piemme 2015 - Edizioni Piemme S.p.A., Milano

Dettagli

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici di Daniele Somenzi c.so Leonardo da Vinci, 48-21013 Gallarate (VA) P. IVA 03154750123 - Percorsi personalizzati di apprendimento - Utilizzo di strumenti compensativi per ragazzi affetti da DSA - Lavoro

Dettagli

Piccole Sorprese. La scatola delle emozioni. Il primo cofanetto regalo dedicato solo ai bambini da 0 a 10 anni

Piccole Sorprese. La scatola delle emozioni. Il primo cofanetto regalo dedicato solo ai bambini da 0 a 10 anni Piccole Sorprese La scatola delle emozioni Il primo cofanetto regalo dedicato solo ai bambini da 0 a 10 anni L idea Quando si parla di bambini il più bel dono è ricevere un loro sorriso. E il regalo che

Dettagli

SCHEDA IDEA DI PROGETTO

SCHEDA IDEA DI PROGETTO SCHEDA IDEA DI PROGETTO Requisiti: - respiro temporale di medio-lungo termine - coinvolgimento di più soggetti (possibilmente integrazione pubblico-privato) - intersettorialità / multidisciplinarità (non

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: RIAVVICINIAMOLI AL SAPERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: E - Educazione e promozione culturale Area di intervento: 08 - Lotta all

Dettagli

QUADRIFOGLIO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

QUADRIFOGLIO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA COMUNE DI RIMINI Direzione dei Servizi Educativi e di Protezione Sociale SCUOLA DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2 CHE COS E IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) Il piano dell offerta

Dettagli

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero)

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) Un laboratorio aperto tutto l anno per favorire gli inserimenti lavorativi delle persone svantaggiate, è la

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

LA TANA DEI PICCOLI. Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la

LA TANA DEI PICCOLI. Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la LA TANA DEI PICCOLI Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la struttura con la scuola dell'infazia S. Francesco, il confortevole e il nuovo

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

IO E GLI ALTRI. Vorremmo quindi aiutare i bambini a:

IO E GLI ALTRI. Vorremmo quindi aiutare i bambini a: IO E GLI ALTRI Con questa denominazione intendiamo comprendere tutta quella serie di relazioni che ogni bambino si trova a dover affrontare e gestire quando viene ad inserirsi nell asilo nido, comunità

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Progetto Accoglienza 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! P R E M E S S A I primi giorni di scuola segnano

Dettagli