PROGETTO DI QUALIFICAZIONE 0-6 SEGNI, DI-SEGNI, PAROLE, SUONI anno scolastico 2011/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI QUALIFICAZIONE 0-6 SEGNI, DI-SEGNI, PAROLE, SUONI anno scolastico 2011/2012"

Transcript

1 PROGETTO DI QUALIFICAZIONE 0-6 SEGNI, DI-SEGNI, PAROLE, SUONI anno scolastico 2011/2012 Scuole dell infanzia I Circolo Didattico e II Circolo Didattico Santarcangelo di Romagna 1

2 Progetto a cura di II Circolo Santarcangelo di Romagna Via Santarcangiolese 1733, Santarcangelo di Romagna - I Circolo Santarcangelo di Romagna Piazza Ganganelli 26, Santarcangelo di Romagna - La presente pubblicazione è stata realizzata all interno del progetto Segni, di-segni, parole, suoni finanziato dalla Provincia di Rimini nell ambito del Piano degli interventi per la qualificazione ed il miglioramento delle scuole dell infanzia - A.S. 2011/2012 ex LR 26/01 e LR 12/03 (determinazione dirigenziale n. 303/12). 2

3 INDICE Presentazione Progetto 0-6 p. 4 II Circolo Didattico Santarcangelo Introduzione p. 6 Scuola dell infanzia Biancaneve, Sant Ermete p. 9 Scuola dell infanzia Peter Pan, Poggio Berni p. 10 Scuola dell infanzia Pollicino, San Martino dei Mulini p. 13 Scuola dell infanzia Sant Agata, Canonica p. 16 I Circolo Didattico Introduzione p. 20 Scuola dell infanzia Il Drago, Santarcangelo p. 21 Scuola dell infanzia Margherita, Santarcangelo p. 24 Scuola dell infanzia Flora, Santarcangelo p. 27 Scuola dell infanzia Giardino Incantato, San Vito p. 30 Appendice fotografica p. 33 Bibliografia p. 44 3

4 SEGNI, DI-SEGNI, PAROLE, SUONI : IL PROGETTO La scuola dell infanzia è la scuola dell accoglienza, della relazione, della cura, dell identità, dell autonomia e della differenza; è la scuola dell esperienza, della conoscenza, del gioco, dell esplorazione, della scoperta. È la scuola della fantasia e dei linguaggi: è una scuola colorata, che garantisce il diritto a conquistare un sapere ed un saper creare con i linguaggi della corporeità, della manualità, dell azione diretta i molteplici linguaggi che arricchiscono l esperienza quotidiana delle sezioni, dei laboratori, degli atelier. Il progetto elaborato e realizzato dalle scuole dell infanzia del Comune di Santarcangelo di Romagna e del Comune di Poggio Berni ha previsto la partecipazione in rete delle seguenti istituzioni: I e II Circolo Didattico di Santarcangelo di Romagna; sono state coinvolte 8 scuole statali dell infanzia; per quanto riguarda i laboratori didattici di sezione ed intersezione, le azioni del progetto sono state rivolte a tutti i bambini dai 3 ai 6 anni; la motivazione da cui è scaturito l impianto progettuale è stata la promozione di ambienti educativi facilitanti attraverso l utilizzo dei diversi linguaggi espressivi: iconico, pittorico, musicale, artistico. La costruzione di un clima facilitante entro cui dare significatività alle esperienze educative e didattiche richiede, a nostro avviso, una serie di azioni atte a: - promuovere la formazione di conoscenze e atteggiamenti che inducono a stabilire rapporti dinamici tra le culture; - creare un clima relazionale nella sezione e nella scuola favorevole al dialogo, alla comprensione e alla collaborazione intesi non solo come accettazione e rispetto delle idee e dei valori delle culture altre, ma come rafforzamento della propria identità culturale, nella prospettiva di un reciproco cambiamento ed arricchimento; - promuovere nei bambini un atteggiamento di curiosità e di apertura rispetto al nuovo ; -suscitare il desiderio di avventura; - mettere i bambini nelle condizioni di poter scoprire la propria identità nei confronti con l altro. La metodologia di lavoro non poteva che essere prevalentemente laboratoriale e ha privilegiato l ambito della sperimentazione diretta dei diversi linguaggi previsti nell ipotesi di lavoro; l operatività e il fare caratterizzano i percorsi attivati permettendo di agire sulle categorie espressive e meta cognitive; l utilizzo di linguaggi non verbali consente, nello specifico, di attivare una didattica transculturale che favorisce e promuove l integrazione e l inclusione degli alunni stranieri o disabili. 4

5 II Circolo Didattico Santarcangelo di Romagna 5

6 TESSITURE Il progetto educativo-didattico delle scuole del 2 Circolo di Santarcangelo è nato dal tentativo di coniugare una sempre più consapevole didattica dell arte ad una lettura antropologica della realtà: la didattica ha incontrato l arte e l ha utilizzata come materiale culturale ed educativo, per una rielaborazione creativa ed estetica del mondo, sia individuale che collettiva. I percorsi delle scuole hanno cercato di fare propri i linguaggi dell arte, nella consapevolezza che arte non sia banalmente saper tenere una matita in mano, essere naturalmente dotati, nascere creativi, ma intendendo per arte: sperimentare attraverso i sensi, come tocco profondo, sguardo curioso, gusto raffinato, udito pronto; educare il pensiero progettuale, estetico e creativo; creare contesti in cui la realtà e i suoi molteplici frammenti, sassi, bottoni, fili, perle, carte, nastri possono esprimere il loro straordinario potere evocativo, acquistando significati nuovi nell originare quadri di insolita bellezza. Arte come linguaggio, per l espressione di un sé individuale che dialoga col sé collettivo, ma soprattutto, arte come emozione, stupore, meraviglia. L arte della tessitura è stata oggetto di sperimentazione durante il corrente anno scolastico. Dalle mani dei bambini sono nati piccoli preziosi oggetti d arte. In essi è racchiusa un po di quella bellezza universale, di quel senso e gusto del bello, di cui non sappiamo dire se non attraverso il nostro cuore che batte. 6

7 ESPERIENZE D ARTE IN FILO Scuola dell infanzia Biancaneve, Sant Ermete Insegnanti: Gemma De Michele, Barbara Tosi, Anna Ghinelli, Caterina Talevi, Antonella Sapucci Annalisa Muti, Elide Vulpinari C era una volta la trama e c era una volta l ordito di mondi intessuti, c era un luogo dove tessitori e cantastorie davano vita a sogni intrecciati Il percorso educativo-didattico dell anno scolastico della scuola dell infanzia Biancaneve si è sviluppato sull idea del filo come metafora. I fili raccontano in molti modi: la vita assomiglia a un filo, il filo si svolge come una storia, la storia personale. Il filo dei ricordi, le emozioni corrono su un filo, il filo annoda relazioni, il filo crea tessuti. Partendo dal mito del Minotauro e del filo di Arianna, i bambini scoprono il filo. Immersi in un universo di fili di ogni tipo, bianchi, neri, colorati, larghi, stretti, spessi, sottili, lunghi, corti Corde, spaghi, lane, passamanerie, nastri, essi saggiano con tutti i sensi questo materiale così semplice e destrutturato che proprio per questo si presta ad infinite possibilità creative. Allora, i fili diventano strumento di gioco per attività motorie: con essi si costruiscono trappole, labirinti, recinti, passaggi, ostacoli I fili diventano oggetti danzanti nelle mani dei bambini che li fanno volteggiare e disegnano nell aria forme fantasiose. I fili diventano opere d arte: ogni bambino sceglie i fili e i materiali che gli corrispondono, ai quali è legato da sensazioni, emozioni, ricordi, esperienze personali; inventa e crea, secondo il proprio stile, i propri oggetti d arte. Così, i fili legano i materiali dell autunno (foglie, ghiande, legnetti, bacche, pigne, castagne, ricci ) e si trasformano in un pendente e fluttuante bosco incantato; strisce, corde, fasce, nastri, rigorosamente bianchi, si corredano di candidi oggetti e divengono un originale nevicata; fili di lana incontrano il Natale e s intrecciano su stelle multicolori e s avvolgono in morbidi pompon per un tenero abete. Ancora, i fili suggeriscono immagini e creano quadri. Fili colorati immergono la scuola in un clima carnevalesco trasformandosi in originali maschere, addobbi e grovigli di colore. I fili disegnano pro-fili, seguono contorni e definiscono sagome. Infine, il fil di ferro consente interventi di tipo plastico, permette di variare le forme, imprimere movimento, creare sculture. Piccoli oggetti, una conchiglia, una perla traslucida, un bullone, una macchinina, un bottone, un sasso, un tappo, frammenti di quotidiano di cui i bambini amano riempirsi le tasche e le mani, animano fili di metallo. Questi, agganciati ad una rete sospesa in aria, s intrecciano e s avvolgono, creando un unica grande opera d arte: un mondo bambino in equilibrio fra fantasia e realtà. 7

8 Un piccolo mondo sospeso, marzo 2012 rete metallica, filo di ferro, frammenti di quotidiano Dal filo alla tessitura Toccando, vedendo, facendo, l uomo fa propria la realtà in cui vive e intreccia con essa legami profondi come in una tessitura, in cui ordito e trama sono spazio, tempo e corpo della narrazione di sé. È sul telaio che avviene la magia dell intreccio, sia esso un telaio di legno ben costruito o improvvisato su cartone, piccolo o grande, individuale o collettivo, quadrato o rettangolare. Sul telaio il filo, di lana o di cotone, robusto o sottile, striscia di stoffa o di carta, nastro o corda, crea la magia dell opera tessuta. Dopo aver sperimentato su piccoli telai la tecnica della tessitura, fatta di passaggi obbligati, di tempi pazienti, di antiche movenze, di sguardo attento, si passa a lavorare su un grande telaio collettivo. Ogni bambino lascia la sua traccia, scrivendo il proprio nome e disegnando su una lunga striscia di stoffa. Ogni striscia, espressione del sé, viene intrecciata sull ordito assieme a quella dell altro e così nasce la trama della nostra storia. Il grande telaio della nostra storia, marzo 2012 tessitura di strisce di stoffa dipinte 8

9 ESPRIMERE PINOCCHIO Scuola dell infanzia Peter Pan, Poggio Berni Insegnanti: Rosaria Maio, Maura Marchi, Paola Ugolini, Marinella Farabegoli, Laura Pazzaglini, Michela Berardi, Franca Gammieri, Wilma Paglierani, Patrizia Silvan, Deborah Bernardi La storia di Pinocchio, declinata in un progetto didattico, si inserisce nella realtà della vita scolastica come mezzo e opportunità di riflettere con i bambini sui comportamenti e sulle scelte della vita quotidiana. I vari personaggi che la narrazione ci propone accompagnano ogni giorno le piccole conquiste dei bambini che si trovano a percorrere il viaggio del burattino Pinocchio, metafora e allegoria del più difficile viaggio della crescita verso l età adulta. La scelta di questo testo classico nasce dal desiderio di compiere un viaggio interiore alla ricerca della meta spirituale: l educazione del cuore e della volontà. Nell animo di ogni persona è insita la tendenza a scegliere ciò che è più comodo, più facile, più conveniente e questo si rispecchia anche nei nostri bambini: aiutati poco dalla società, crescono in un contesto di vita facile. Attraverso questa programmazione intendiamo aiutare i bambini a riscoprire quelle parole che rischiano di scomparire dal lessico pedagogico contemporaneo: le virtù, la formazione del carattere, l educazione del cuore, la volontà e l elogio della fatica. Pinocchio trasmette ai suoi lettori tutti i vari stati d animo e i sentimenti che accompagnano la vita di ogni individuo; il suo percorso fatto di buone intenzioni e inevitabili deviazioni, invita a riflettere sulla qualità delle scelte da fare, sull importanza di ascoltare i buoni maestri e di saper scoprire il bene vero delle persone che ci stanno accanto e che ci aiutano a crescere, anche quando questo bene comporta fatica, impegno e costanza. Il processo di trasformazione di Pinocchio avviene grazie alla forza dell amore: per i nostri bambini è stata la scoperta della vita intesa come bene prezioso che va vissuto con impegno e coraggio per crescere e diventare sempre più bambini veri. L incontro con i personaggi del racconto è avvenuto gradualmente, in un processo suddiviso in tappe narrative seguite dall attività in laboratorio. 9

10 Geppetto crea Pinocchio, burattino di legno Pinocchio viene presentato in sezione come un bambino-burattino dal carattere ribelle e insolente. È agito dagli impulsi e dalla fantasticheria, non ha volontà di fronte alle scelte e ai doveri. Le sue fughe e le sue deviazioni sono tentativi della coscienza di arrivare al centro della vita: la felicità. Il viaggio di Pinocchio è il destino di ogni uomo per trasformare il negativo in positivo. Pinocchio rifiuta le regole e diventa schiavo delle sue disavventure. La ridicola crescita del naso, che è al centro del viso, rivela il disagio che il burattino prova con l immagine di sé davanti agli altri. L amore e la tenerezza genitoriale sono ben espresse da Geppetto, che insegna al figlio i valori dell onestà, del lavoro umile, della sincerità e degli inevitabili sacrifici. Geppetto è il nido dei sentimenti di Pinocchio, ma il burattino scappa da lui e in un atto di ribellione scappa anche dal suo destino: crescere. Dopo avere realizzato individualmente il viso di Pinocchio con piatti di carta, bottoni, stoffa e tappi di sughero, insieme, abbiamo costruito il nostro burattino collettivo. Un grande scatolone, una lunga corda, un tubo di cartone rigido e un palloncino gonfiato, stoffa e carta di vario spessore, sono i materiali di recupero con cui abbiamo dato vita al nostro amato Pinocchio. Geppetto Abbiamo riscoperto la figura amorevole di Geppetto che incarna il valore del sacrificio e della rinuncia per amore di un altra persona. È stato realizzato con carta di riciclo arrotolata perché rappresenta la semplicità dell affetto vero che non si nasconde mai dietro alle cose o alle false parole. 10

11 Geppetto realizza il vestito di Pinocchio L esperienza della tessitura ha coinvolto i bambini di tre, quattro e cinque anni in un laboratorio collettivo il cui esito finale è stata la produzione di un vero manufatto: il vestito di Pinocchio. Dall intreccio narrativo l attività ci ha condotto all intreccio di trama e ordito sul telaio, dove l arte del tessere diventa un metafora per sviluppare la storia di Geppetto che, con fatica e sacrificio, realizza un umile vestito per il suo burattino. Durante il lavoro su ogni singola striscia di stoffa, vediamo procedere insieme la tela e il racconto che si completano a vicenda; i fili di ordito si aprono in basso e in alto per creare un varco attraverso cui passa la trama. In questo movimento ritmico il vestito policromatico si realizza uscendo dalle mani e dal libro. La tessitura ci permette di esprimere qualcosa di noi attraverso i colori, le combinazioni, per lasciare alla fine una traccia di noi stessi. Il pezzo su cui abbiamo lavorato, dal telaio entra nella concretezza della nostra vita, al termine di un lavoro di gruppo in cui ognuno ha concatenato parole, eventi e semplice stoffa. Mangiafoco e il teatro delle marionette Mangiafoco è l opposto di Geppetto, è l incarnazione del potere, della forza bruta e della crudeltà Il Teatro dei Burattini viene scelto da Pinocchio al posto della scuola, e vi giunge attraverso una facile discesa. Ma durante il racconto anche Mangiafoco dimostra di possedere qualità umane, quali la commozione e il perdono, restituendo la libertà allo sventurato burattino. Con carta crespa colorata e intrecciata, un supporto in cartone rigido e sacchi neri, abbiamo composto il viso barbuto di Mangiafoco, dando di lui un immagine teatrale più che crudele seduto sopra il suo teatro, minuscolo rispetto alla sua consistente personalità di direttore dello spettacolo. Incontro con il gatto e la volpe. Il Campo dei miracoli Il gatto e la volpe sono guide devianti di Pinocchio, rappresentano l ambiguità e la doppiezza. Sotto un apparenza rassicurante nascondono l insidia delle false amicizie e delle guide non educative ma molto seducenti e invitanti. Realizziamo un giardino zen dove rivive, in un paesaggio in miniatura, il fiabesco Campo dei Miracoli in cui ciascun bambino semina le sue monete d oro con Pinocchio. In una grande scatola il sale diventa la terra in cui piantare la grande quercia, dai cui rami pendono gli zecchini d oro. Il Gatto, realizzato con carta bianca ondulata, e la Volpe, con un rotolo di cartone rivestito, aspettano sotto l albero Pinocchio, decisi nel loro tentativo di ingannarlo. 11

12 La fata turchina La fata Turchina è la guida positiva di Pinocchio, rappresenta la sua forza trasformativa: come ogni mamma, la fata desidera vedere e trasformare Pinocchio in un bambino vero con la forza dell amore. Abbiamo dato forma alla fata con una rete di plastica avvolta su sé stessa, i bottoni e le bottiglie di plastica hanno decorato il suo viso e il suo abito. I capelli turchini sono l esito della tintura di un mocio per la pulizia dei pavimenti. Il pescecane L incontro di Pinocchio con il temibile pescecane avviene in un mare verticale, realizzato su di un mobile, un installazione aerea che fluttua azzurra dal cielo. La sua leggerezza ci ricorda che la narrazione volge a un epilogo positivo: l incontro con Geppetto il cui affetto viene ritrovato dal burattino dopo tante disavventure. Ogni bambino ha annodato e intrecciato oggetti e materiale di recupero di colore azzurro: tappi di plastica, spugne, corde, polistirolo, stoffa, passamanerie, conchiglie raccolte a casa. I fili verticali sono, così, diventati le onde del mare dominate dal pescecane di carta. Mobile collettivo La narrazione di Pinocchio e i laboratori si concretizzano in un mobile, installazione aerea dove i personaggi, i pensieri, i colori, i segni e le emozioni di ogni incontro, si rendono visibili come un libro aperto che, in itinere, si racconta ai suoi lettori con la potenza evocativa dei pannelli appesi che divengono memoria viva di una esperienza di crescita. Una fila-stoffa appesa sintetizza con un semplice acrostico del nome di Pinocchio la narrazione del testo originale. 12

13 DERIVE ESTETICHE NATURALI Scuola dell infanzia Pollicino, San Martino dei Mulini Insegnanti: Daniela Pasolini, Stefania Ricci, Anna Rita Piersimoni, Sabrina Raggini Nulla somiglia tanto a quella che chiamiamo ispirazione, quanto la gioia con cui il bambino assorbe la forma e il colore. (C. Baudelaire) A partire dal nostro progetto di plesso I sentieri della Terra tra arte, scienza e poesia, si selezionano qui alcune delle attività che trasformano le esperienze in sezione in luoghi di sperimentazione degli atti creativi, di educazione allo sguardo e all arte. La naturalezza con cui i bambini entrano in contatto con il linguaggio artistico è fonte di stupore e riflessione per chi ne osserva i risultati. I lavori assumono una tale dignità artistica che vengono mostrati in pubblico in una sorta di distillato collettivo dove ogni mano aggiunge un frammento. Tessiture è il titolo della mostra che si tiene al Musas di Santarcangelo e raccoglie le opere collettive di quattro plessi della scuola dell infanzia fra cui quello della Scuola Pollicino. Nei segni e nei disegni, nel gesto e nel recupero di materiali appartenenti alla natura si ritrovano le tracce di un mondo puro e di assoluta spontaneità, ma allo stesso modo complesso, ricco, polimorfo. Questi laboratori ed esperienze alimentano la possibilità di credere che l arte diventi un esperienza educativa che può svelarci nuove visioni utili a comprendere il significato della nostra esistenza. FILI DI TESSUTO TERRESTRE Opere: Ortovolante (marzo 2012) combinazione di terra, aria, acqua, da mondi artificiali e naturali (200x140 cm) 13

14 Mosaico terrestre (aprile 2012) tessitura di fango con trame di graffi da oggetti ritrovati (100x140 cm) Impronte rupestri (maggio 2012) tessitura di juta con strati materici di gesso, tempera e caffè (100x140 cm) Strumenti e materiali ritrovati in mondi naturali e terre contadine danno forma a un tessuto in cui il potere delle immagini, alla stregua di civiltà primitive, è il graffio, il segno, l impronta, l impasto, il filo che diventa vita. Fango, legno, gesso, polveri, juta tessono i racconti di pitture rupestri attorno al fuoco della magia. 14

15 Altre esperienze e laboratori messi in opera in corso d'anno Costruiamo il nostro giardino zen (settembre 2011) Ogni bambino realizza il proprio giardino zen dentro una scatola che placidamente diventa visione, luogo di creazione e di meditazione, di costruzione di micromondi e di grandi storie, concentrati di esperienze e di mondi interiori dalle molteplici derive espressive. Dentro il tappeto d autunno (ottobre 2011) Un tappeto materico di foglie, legnetti, sassolini, castagne, ghiande, bacche, bastoncini, noci, cortecce, pigne...in cui ciascun bambino entra in rapporto con la propria dimensione estetica e compositiva, in cui rintraccia i colori della natura toccandone le sue forme più insolite legata al ritmo delle stagioni. Filo dopo filo... un bosco volante (novembre-dicembre 2012) Opere volanti, che si muovono con il vento e che portano le scelte di ciascuna mano, l'attimo e l'emozione di mettere in fila scegliendo. Oggetti umili come pigne, castagne, foglie... che diventano un bosco ricco di forme e di significati. Tappeto di facce (gennaio-febbraio 2012) Combinazione di facce carnevalesche sull'osservazione della tecnica del collage di Jack Tessaro e del suo laboratorio Due occhi, un naso e una bocca. Un tappeto di volti che si combinano con i materiali più svariati e in cui ciascun bambino fa confluire il proprio immaginario, la propria mappa emotiva del volto. Un gioco agli sguardi che sembra animarsi e raccontare la storia di due piccole mani che scelgono, con sapienza e libertà compositiva, due occhi, un naso e una bocca. 15

16 DA UN FILO LA TRAMA DELLA VITA Scuola dell infanzia Sant Agata, Canonica Insegnanti: Gaetana Garretto, Tatiana Bruscia, Loretta Balducci, Valentina Vacchetti Consapevoli che finalità della scuola dell infanzia sia la maturazione dell identità, si è voluto sviluppare il concetto nella prospettiva di rafforzamento dell identità personale sotto il profilo corporeo, intellettuale e psicodinamico nel senso del riconoscimento e dell incontro con l altro. Ma solo partendo da considerazioni su come ero si può maturare la consapevolezza del come sono e quindi riconoscersi ed essere riconosciuti. Esprimere la propria identità nelle sue varie sfaccettature è fornire occasione di convivialità relazionale intessuta di linguaggi affettivi ed emotivi in cui i bambini possono condividere valori di appartenenza e differenza. Centrale è il tema della crescita in un ideale percorso in cui le tappe dello sviluppo sono scandite da materiale fornito dalle famiglie. Il percorso si è svolto utilizzando costantemente un oggetto mediatore altamente simbolico: il filo. La vita assomiglia a un filo. Il filo è la storia di tutti noi che si snoda, si annoda, si scioglie si intreccia. Ciascuno ha la propria storia da raccontare e da intrecciare con le storie degli altri, riconoscendo se stesso come l ordito e l incontro tra persone come la trama grazie alla quale cresciamo, scopriamo, conosciamo e ci differenziamo. La famiglia e la scuola sono la trama e l ordito su cui il bambino va intessendo giorno per giorno il proprio Io. Nelle sezioni i fili si incontrano, si intrecciano, corrono paralleli e si allontanano per poi rincontrarsi e annodarsi con forza, creando ragnatele di storie che rappresentano l insieme, la collettività la società di cui si fa parte anche senza esserne ancora consapevoli. Di quanti e quali fili sono realizzate le storie di ciascuno? Davvero tanti! Ecco di seguito due dei percorsi intrapresi. Visioni sospese Con il coinvolgimento delle famiglie è stato individuato e procurato del materiale con cui si è costruito il bosco tattile emozionale delle stagioni : soglia fiabesca che ha consentito di passare il confine tra mondo reale e mondo fantastico. I materiali scelti si sono trasformati in spunti narrativi personali condivisi in gruppo. Fili di tessuti personali e speciali si sono intrecciati in una danza fantastica di trama e ordito per cielo e prato primaverili in cui installazioni aeree hanno dato forma a idee, pensieri e colori in movimento. Tessuti e fantasia hanno ispirato il mare estivo in cui ci si è tuffati per dar voce a storie, vissuti, sogni, avventure, desideri. 16

17 Il percorso fiabesco creato da annusare, attraversare contemplare è stato il frutto di un lavoro collettivo di mani che lavorano e creano insieme. Tessiture di vita Divisi in gruppi omogenei d età si è utilizzato come punto di partenza comune la lettura del libro Quando sono nato, di Isabel Minhos Martins e Madalena Matosa. Tale traccia, seguita non in modo rigido, ha creato occasione per riflessioni, racconti, curiosità così, potendo contare sulla collaborazione delle famiglie e supportati da un progetto teatrale, si sono creati tre percorsi con l obiettivo finale comune di sviluppare identità consapevole aperta. Tappe del percorso condivise dai tre gruppi Quando sono nato, non avevo ancora visto niente. Solo il buio. Un grande buio nella pancia della mamma - Scoperta del buio e del suo colore - Immaginiamo di essere nella pancia della mamma. Posizioni, sensazioni e riflessioni. Dal buio alla luce... la nascita - Il colore della luce. - Il colore della mia famiglia e dei suoi componenti. Io sono fatto così - Presa di coscienza del proprio corpo. - Il colore che più mi rappresenta. 17

18 Consapevoli della propria storia personale condivisa con il gruppo, del proprio corpo e delle sue potenzialità espressive i bambini avranno maggiore consapevolezza di ciò che sono, di ciò desiderano essere e fare. Il percorso intrapreso consentirà ai bambini di esprimersi in maniera produttiva favorendo la vita relazionale ed affinando le proprie capacità. I vari momenti di passaggio, di crescita nella vita di ogni bambino sono caratterizzati da fili di materiali e colori diversi con i quali, alla fine del progetto, si è costruito un telaio speciale con l intento di rappresentare l essere di ciascun bambino, nella sua identità e diversità di esperienze; nonché un telaio collettivo comune che rappresenta ciascun bambino nell incontro con l altro. Si è attuato, così, il passaggio dall IO al NOI in un mondo fatto di relazioni ed emozioni consapevoli che identità è riconoscersi ed essere riconosciuti (G. Jervis) e che, quindi, è importante fare coincidere autoriconoscimento ed eteroriconoscimento. 18

19 I Circolo Didattico Santarcangelo di Romagna 19

20 C ERA UNA VOLTA UN VIAGGIO Questo progetto, dal taglio socio-antropologico, ha voluto avvicinare i bambini alla tematica del viaggio attraverso un canale a loro particolarmente familiare e gradito, quello della narrazione. Le favole, le storie sono tutte avventure e un viaggio, per quanto lo si possa pianificare perfino nei minimi dettagli, è sempre un avventura! Questo perché l imprevisto sta nell essenza del viaggio stesso e nella capacità del viaggiatore di farvi fronte. È proprio questa è stata la finalità principale del progetto: maturare nei bambini la mentalità del viaggiatore, ovvero stimolare in loro un atteggiamento di curiosità nei confronti di tutto ciò che è nuovo e diverso da sé, di apertura, di disponibilità al confronto, al rischio, alla scoperta, al rinnovamento. Far sì che possano affrontare nel modo più giusto le situazioni che la vita, anche nella sua quotidianità, offrirà loro. I bambini e le bambine hanno iniziato il loro percorso con il proprio bagaglio di esperienze per andare alla ricerca della propria identità, durante questo viaggio hanno fatto incontri, instaurato relazioni, raccolto cose, hanno guardato, si sono stupiti, hanno fatto nuove esperienze, ma soprattutto hanno fatto un viaggio nel quale ciò che ha avuto più valore è stato non tanto l arrivare quanto l essere andati. È stato proprio l essere andati che ha permesso loro di capire chi sono e che ha fatto sì che al loro ritorno si siano trovati cambiati, arricchiti, diversi, questo perché il viaggio non può non lasciare un segno nel viaggiatore. Colui che parte si attrezza con un proprio bagaglio di cose che gli appartengono, ma al suo ritorno quella valigia sarà ben più pesante perché conterrà tutto ciò che il viaggiatore avrà fatto suo. Colui che viaggia torna sempre diverso da come è partito. Nel momento in cui i bambini giungono alla scuola dell infanzia sono già dei soggetti in viaggio, lo siamo tutti, per crescere è obbligatorio viaggiare; questo progetto ci ha dato la possibilità di diventare compagni di viaggio, di crescere insieme e di condividere una bella avventura. L idea di parlare del viaggio attraverso la narrazione è nata dalla consapevolezza che chiunque compia un viaggio, sente poi il bisogno di narrarlo ad altri, narrandolo il viaggio diventa più denso e se possibile colui che lo ha compiuto lo fa più suo ne prende maggior consapevolezza. Quando si racconta un viaggio, si racconta di sé. Abbiamo pensato di scegliere questa tematica anche perché quasi tutte le favole sono racconti di viaggio. Ogni scuola ha poi proseguito il proprio percorso approfondendo un aspetto diverso del progetto sempre attraverso la lettura di storie: la scuola Margherita ha proposto un viaggio nelle esperienze vissute, la scuola Il Drago un viaggio introspettivo alla ricerca del proprio sé, la scuola Flora un viaggio nella conoscenza, Il giardino incantato un viaggio nell interculturalità. L insegnante di i.r.c. che lavora in tutti e quattro i plessi è stata parte integrante del progetto facendo del viaggio il tema trasversale della sua programmazione didattica. Tanti amici in viaggio. 20

21 VIAGGIO INTROSPETTIVO ALLA RICERCA DEL PROPRIO SÉ Scuola dell infanzia Il Drago, Santarcangelo Insegnanti: Valeria Portaluri, Fiorella Mancin, Silvia Bargellini, Maria Romano, Mara Zammarchi, Marta Denicolò La tematica del viaggio ha caratterizzato trasversalmente l intero percorso didattico che è stato progettato prevedendo tre principali unità di apprendimento, intervallate periodicamente da una breve sezione denominata In viaggio nel tempo, finalizzata ad affrontare il susseguirsi delle stagioni e delle relative festività. La prima parte del percorso In viaggio nel tempo: dall estate all autunno ha avuto come obiettivo quello di introdurre il tema centrale del progetto partendo dalle esperienze di vita dei bambini, dai loro ricordi di viaggio dell estate: i bimbi hanno raccontato la loro esperienza di viaggio attraverso foto, verbalizzazioni e disegni. Il lavoro concernente la stagione autunnale è stato introdotto dalla lettura di alcune storie (per citarne alcune: La Nuvola Olga e il vento, La foglia Tina ) e proseguito attraverso l osservazione dell ambiente, le uscite e la raccolta di materiale con il quale sono poi state realizzate varie attività grafico-pittoriche legate ai colori, ai sapori, ai profumi autunnali, accompagnate da canzoncine e poesie sempre inerenti l argomento. L unità di apprendimento Cappuccetto Rosso: una bambina in viaggio che è stato il nostro progetto accoglienza, ha avuto inizio con la visione del dvd che le insegnanti dei nidi ci avevano fatto avere durante il raccordo, nel quale era ripresa la drammatizzazione, da loro realizzata, della storia di Cappuccetto Rosso. Ha fatto da ponte tra la prima parte del lavoro e questa, un uscita nel bosco di Montebello durante la quale abbiamo fatto in modo che i bambini trovassero delle tracce che li hanno ricondotti alla storia di Cappuccetto Rosso, e lì seduti sotto gli alberi abbiamo poi cantato la canzone e ri-raccontato la storia. Da qui il percorso didattico si è differenziato: i bambini di tre anni hanno lavorato sulla favola originale: analizzando i personaggi principali, le 21

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI)

NIDO D'INFANZIA CARLO MARIA SPADA PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE EDUCATRICI: SANGIORGI LINDA VENTURA MARIA ANGELA PASINI

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!!

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!! 09/05/2011 e 16/05/2011 Fazzoletto Bandiera con i ragazzi del catechismo!! 12/05/2011 Uscita al mercato Paesano.. 18/04/2011 CINOTERAPIA!! 08/05/2011 FESTA DELLA MAMMA 03/04/2011 Canti e Balli con Rinaldo

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ALLA SCOPERTA DEL CIBO E DELLE ABITUDINI ALIMENTARI, IN PARTICOLARE SULLA COLAZIONE DEI BAMBINI IN ETA' SCOLARE

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO CESENATICO Anno Scolastico 2011/ 2012 APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI Ideato e realizzato da CI.nzia Giorgetti

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli