PROGETTO DI QUALIFICAZIONE 0-6 SEGNI, DI-SEGNI, PAROLE, SUONI anno scolastico 2011/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI QUALIFICAZIONE 0-6 SEGNI, DI-SEGNI, PAROLE, SUONI anno scolastico 2011/2012"

Transcript

1 PROGETTO DI QUALIFICAZIONE 0-6 SEGNI, DI-SEGNI, PAROLE, SUONI anno scolastico 2011/2012 Scuole dell infanzia I Circolo Didattico e II Circolo Didattico Santarcangelo di Romagna 1

2 Progetto a cura di II Circolo Santarcangelo di Romagna Via Santarcangiolese 1733, Santarcangelo di Romagna - I Circolo Santarcangelo di Romagna Piazza Ganganelli 26, Santarcangelo di Romagna - La presente pubblicazione è stata realizzata all interno del progetto Segni, di-segni, parole, suoni finanziato dalla Provincia di Rimini nell ambito del Piano degli interventi per la qualificazione ed il miglioramento delle scuole dell infanzia - A.S. 2011/2012 ex LR 26/01 e LR 12/03 (determinazione dirigenziale n. 303/12). 2

3 INDICE Presentazione Progetto 0-6 p. 4 II Circolo Didattico Santarcangelo Introduzione p. 6 Scuola dell infanzia Biancaneve, Sant Ermete p. 9 Scuola dell infanzia Peter Pan, Poggio Berni p. 10 Scuola dell infanzia Pollicino, San Martino dei Mulini p. 13 Scuola dell infanzia Sant Agata, Canonica p. 16 I Circolo Didattico Introduzione p. 20 Scuola dell infanzia Il Drago, Santarcangelo p. 21 Scuola dell infanzia Margherita, Santarcangelo p. 24 Scuola dell infanzia Flora, Santarcangelo p. 27 Scuola dell infanzia Giardino Incantato, San Vito p. 30 Appendice fotografica p. 33 Bibliografia p. 44 3

4 SEGNI, DI-SEGNI, PAROLE, SUONI : IL PROGETTO La scuola dell infanzia è la scuola dell accoglienza, della relazione, della cura, dell identità, dell autonomia e della differenza; è la scuola dell esperienza, della conoscenza, del gioco, dell esplorazione, della scoperta. È la scuola della fantasia e dei linguaggi: è una scuola colorata, che garantisce il diritto a conquistare un sapere ed un saper creare con i linguaggi della corporeità, della manualità, dell azione diretta i molteplici linguaggi che arricchiscono l esperienza quotidiana delle sezioni, dei laboratori, degli atelier. Il progetto elaborato e realizzato dalle scuole dell infanzia del Comune di Santarcangelo di Romagna e del Comune di Poggio Berni ha previsto la partecipazione in rete delle seguenti istituzioni: I e II Circolo Didattico di Santarcangelo di Romagna; sono state coinvolte 8 scuole statali dell infanzia; per quanto riguarda i laboratori didattici di sezione ed intersezione, le azioni del progetto sono state rivolte a tutti i bambini dai 3 ai 6 anni; la motivazione da cui è scaturito l impianto progettuale è stata la promozione di ambienti educativi facilitanti attraverso l utilizzo dei diversi linguaggi espressivi: iconico, pittorico, musicale, artistico. La costruzione di un clima facilitante entro cui dare significatività alle esperienze educative e didattiche richiede, a nostro avviso, una serie di azioni atte a: - promuovere la formazione di conoscenze e atteggiamenti che inducono a stabilire rapporti dinamici tra le culture; - creare un clima relazionale nella sezione e nella scuola favorevole al dialogo, alla comprensione e alla collaborazione intesi non solo come accettazione e rispetto delle idee e dei valori delle culture altre, ma come rafforzamento della propria identità culturale, nella prospettiva di un reciproco cambiamento ed arricchimento; - promuovere nei bambini un atteggiamento di curiosità e di apertura rispetto al nuovo ; -suscitare il desiderio di avventura; - mettere i bambini nelle condizioni di poter scoprire la propria identità nei confronti con l altro. La metodologia di lavoro non poteva che essere prevalentemente laboratoriale e ha privilegiato l ambito della sperimentazione diretta dei diversi linguaggi previsti nell ipotesi di lavoro; l operatività e il fare caratterizzano i percorsi attivati permettendo di agire sulle categorie espressive e meta cognitive; l utilizzo di linguaggi non verbali consente, nello specifico, di attivare una didattica transculturale che favorisce e promuove l integrazione e l inclusione degli alunni stranieri o disabili. 4

5 II Circolo Didattico Santarcangelo di Romagna 5

6 TESSITURE Il progetto educativo-didattico delle scuole del 2 Circolo di Santarcangelo è nato dal tentativo di coniugare una sempre più consapevole didattica dell arte ad una lettura antropologica della realtà: la didattica ha incontrato l arte e l ha utilizzata come materiale culturale ed educativo, per una rielaborazione creativa ed estetica del mondo, sia individuale che collettiva. I percorsi delle scuole hanno cercato di fare propri i linguaggi dell arte, nella consapevolezza che arte non sia banalmente saper tenere una matita in mano, essere naturalmente dotati, nascere creativi, ma intendendo per arte: sperimentare attraverso i sensi, come tocco profondo, sguardo curioso, gusto raffinato, udito pronto; educare il pensiero progettuale, estetico e creativo; creare contesti in cui la realtà e i suoi molteplici frammenti, sassi, bottoni, fili, perle, carte, nastri possono esprimere il loro straordinario potere evocativo, acquistando significati nuovi nell originare quadri di insolita bellezza. Arte come linguaggio, per l espressione di un sé individuale che dialoga col sé collettivo, ma soprattutto, arte come emozione, stupore, meraviglia. L arte della tessitura è stata oggetto di sperimentazione durante il corrente anno scolastico. Dalle mani dei bambini sono nati piccoli preziosi oggetti d arte. In essi è racchiusa un po di quella bellezza universale, di quel senso e gusto del bello, di cui non sappiamo dire se non attraverso il nostro cuore che batte. 6

7 ESPERIENZE D ARTE IN FILO Scuola dell infanzia Biancaneve, Sant Ermete Insegnanti: Gemma De Michele, Barbara Tosi, Anna Ghinelli, Caterina Talevi, Antonella Sapucci Annalisa Muti, Elide Vulpinari C era una volta la trama e c era una volta l ordito di mondi intessuti, c era un luogo dove tessitori e cantastorie davano vita a sogni intrecciati Il percorso educativo-didattico dell anno scolastico della scuola dell infanzia Biancaneve si è sviluppato sull idea del filo come metafora. I fili raccontano in molti modi: la vita assomiglia a un filo, il filo si svolge come una storia, la storia personale. Il filo dei ricordi, le emozioni corrono su un filo, il filo annoda relazioni, il filo crea tessuti. Partendo dal mito del Minotauro e del filo di Arianna, i bambini scoprono il filo. Immersi in un universo di fili di ogni tipo, bianchi, neri, colorati, larghi, stretti, spessi, sottili, lunghi, corti Corde, spaghi, lane, passamanerie, nastri, essi saggiano con tutti i sensi questo materiale così semplice e destrutturato che proprio per questo si presta ad infinite possibilità creative. Allora, i fili diventano strumento di gioco per attività motorie: con essi si costruiscono trappole, labirinti, recinti, passaggi, ostacoli I fili diventano oggetti danzanti nelle mani dei bambini che li fanno volteggiare e disegnano nell aria forme fantasiose. I fili diventano opere d arte: ogni bambino sceglie i fili e i materiali che gli corrispondono, ai quali è legato da sensazioni, emozioni, ricordi, esperienze personali; inventa e crea, secondo il proprio stile, i propri oggetti d arte. Così, i fili legano i materiali dell autunno (foglie, ghiande, legnetti, bacche, pigne, castagne, ricci ) e si trasformano in un pendente e fluttuante bosco incantato; strisce, corde, fasce, nastri, rigorosamente bianchi, si corredano di candidi oggetti e divengono un originale nevicata; fili di lana incontrano il Natale e s intrecciano su stelle multicolori e s avvolgono in morbidi pompon per un tenero abete. Ancora, i fili suggeriscono immagini e creano quadri. Fili colorati immergono la scuola in un clima carnevalesco trasformandosi in originali maschere, addobbi e grovigli di colore. I fili disegnano pro-fili, seguono contorni e definiscono sagome. Infine, il fil di ferro consente interventi di tipo plastico, permette di variare le forme, imprimere movimento, creare sculture. Piccoli oggetti, una conchiglia, una perla traslucida, un bullone, una macchinina, un bottone, un sasso, un tappo, frammenti di quotidiano di cui i bambini amano riempirsi le tasche e le mani, animano fili di metallo. Questi, agganciati ad una rete sospesa in aria, s intrecciano e s avvolgono, creando un unica grande opera d arte: un mondo bambino in equilibrio fra fantasia e realtà. 7

8 Un piccolo mondo sospeso, marzo 2012 rete metallica, filo di ferro, frammenti di quotidiano Dal filo alla tessitura Toccando, vedendo, facendo, l uomo fa propria la realtà in cui vive e intreccia con essa legami profondi come in una tessitura, in cui ordito e trama sono spazio, tempo e corpo della narrazione di sé. È sul telaio che avviene la magia dell intreccio, sia esso un telaio di legno ben costruito o improvvisato su cartone, piccolo o grande, individuale o collettivo, quadrato o rettangolare. Sul telaio il filo, di lana o di cotone, robusto o sottile, striscia di stoffa o di carta, nastro o corda, crea la magia dell opera tessuta. Dopo aver sperimentato su piccoli telai la tecnica della tessitura, fatta di passaggi obbligati, di tempi pazienti, di antiche movenze, di sguardo attento, si passa a lavorare su un grande telaio collettivo. Ogni bambino lascia la sua traccia, scrivendo il proprio nome e disegnando su una lunga striscia di stoffa. Ogni striscia, espressione del sé, viene intrecciata sull ordito assieme a quella dell altro e così nasce la trama della nostra storia. Il grande telaio della nostra storia, marzo 2012 tessitura di strisce di stoffa dipinte 8

9 ESPRIMERE PINOCCHIO Scuola dell infanzia Peter Pan, Poggio Berni Insegnanti: Rosaria Maio, Maura Marchi, Paola Ugolini, Marinella Farabegoli, Laura Pazzaglini, Michela Berardi, Franca Gammieri, Wilma Paglierani, Patrizia Silvan, Deborah Bernardi La storia di Pinocchio, declinata in un progetto didattico, si inserisce nella realtà della vita scolastica come mezzo e opportunità di riflettere con i bambini sui comportamenti e sulle scelte della vita quotidiana. I vari personaggi che la narrazione ci propone accompagnano ogni giorno le piccole conquiste dei bambini che si trovano a percorrere il viaggio del burattino Pinocchio, metafora e allegoria del più difficile viaggio della crescita verso l età adulta. La scelta di questo testo classico nasce dal desiderio di compiere un viaggio interiore alla ricerca della meta spirituale: l educazione del cuore e della volontà. Nell animo di ogni persona è insita la tendenza a scegliere ciò che è più comodo, più facile, più conveniente e questo si rispecchia anche nei nostri bambini: aiutati poco dalla società, crescono in un contesto di vita facile. Attraverso questa programmazione intendiamo aiutare i bambini a riscoprire quelle parole che rischiano di scomparire dal lessico pedagogico contemporaneo: le virtù, la formazione del carattere, l educazione del cuore, la volontà e l elogio della fatica. Pinocchio trasmette ai suoi lettori tutti i vari stati d animo e i sentimenti che accompagnano la vita di ogni individuo; il suo percorso fatto di buone intenzioni e inevitabili deviazioni, invita a riflettere sulla qualità delle scelte da fare, sull importanza di ascoltare i buoni maestri e di saper scoprire il bene vero delle persone che ci stanno accanto e che ci aiutano a crescere, anche quando questo bene comporta fatica, impegno e costanza. Il processo di trasformazione di Pinocchio avviene grazie alla forza dell amore: per i nostri bambini è stata la scoperta della vita intesa come bene prezioso che va vissuto con impegno e coraggio per crescere e diventare sempre più bambini veri. L incontro con i personaggi del racconto è avvenuto gradualmente, in un processo suddiviso in tappe narrative seguite dall attività in laboratorio. 9

10 Geppetto crea Pinocchio, burattino di legno Pinocchio viene presentato in sezione come un bambino-burattino dal carattere ribelle e insolente. È agito dagli impulsi e dalla fantasticheria, non ha volontà di fronte alle scelte e ai doveri. Le sue fughe e le sue deviazioni sono tentativi della coscienza di arrivare al centro della vita: la felicità. Il viaggio di Pinocchio è il destino di ogni uomo per trasformare il negativo in positivo. Pinocchio rifiuta le regole e diventa schiavo delle sue disavventure. La ridicola crescita del naso, che è al centro del viso, rivela il disagio che il burattino prova con l immagine di sé davanti agli altri. L amore e la tenerezza genitoriale sono ben espresse da Geppetto, che insegna al figlio i valori dell onestà, del lavoro umile, della sincerità e degli inevitabili sacrifici. Geppetto è il nido dei sentimenti di Pinocchio, ma il burattino scappa da lui e in un atto di ribellione scappa anche dal suo destino: crescere. Dopo avere realizzato individualmente il viso di Pinocchio con piatti di carta, bottoni, stoffa e tappi di sughero, insieme, abbiamo costruito il nostro burattino collettivo. Un grande scatolone, una lunga corda, un tubo di cartone rigido e un palloncino gonfiato, stoffa e carta di vario spessore, sono i materiali di recupero con cui abbiamo dato vita al nostro amato Pinocchio. Geppetto Abbiamo riscoperto la figura amorevole di Geppetto che incarna il valore del sacrificio e della rinuncia per amore di un altra persona. È stato realizzato con carta di riciclo arrotolata perché rappresenta la semplicità dell affetto vero che non si nasconde mai dietro alle cose o alle false parole. 10

11 Geppetto realizza il vestito di Pinocchio L esperienza della tessitura ha coinvolto i bambini di tre, quattro e cinque anni in un laboratorio collettivo il cui esito finale è stata la produzione di un vero manufatto: il vestito di Pinocchio. Dall intreccio narrativo l attività ci ha condotto all intreccio di trama e ordito sul telaio, dove l arte del tessere diventa un metafora per sviluppare la storia di Geppetto che, con fatica e sacrificio, realizza un umile vestito per il suo burattino. Durante il lavoro su ogni singola striscia di stoffa, vediamo procedere insieme la tela e il racconto che si completano a vicenda; i fili di ordito si aprono in basso e in alto per creare un varco attraverso cui passa la trama. In questo movimento ritmico il vestito policromatico si realizza uscendo dalle mani e dal libro. La tessitura ci permette di esprimere qualcosa di noi attraverso i colori, le combinazioni, per lasciare alla fine una traccia di noi stessi. Il pezzo su cui abbiamo lavorato, dal telaio entra nella concretezza della nostra vita, al termine di un lavoro di gruppo in cui ognuno ha concatenato parole, eventi e semplice stoffa. Mangiafoco e il teatro delle marionette Mangiafoco è l opposto di Geppetto, è l incarnazione del potere, della forza bruta e della crudeltà Il Teatro dei Burattini viene scelto da Pinocchio al posto della scuola, e vi giunge attraverso una facile discesa. Ma durante il racconto anche Mangiafoco dimostra di possedere qualità umane, quali la commozione e il perdono, restituendo la libertà allo sventurato burattino. Con carta crespa colorata e intrecciata, un supporto in cartone rigido e sacchi neri, abbiamo composto il viso barbuto di Mangiafoco, dando di lui un immagine teatrale più che crudele seduto sopra il suo teatro, minuscolo rispetto alla sua consistente personalità di direttore dello spettacolo. Incontro con il gatto e la volpe. Il Campo dei miracoli Il gatto e la volpe sono guide devianti di Pinocchio, rappresentano l ambiguità e la doppiezza. Sotto un apparenza rassicurante nascondono l insidia delle false amicizie e delle guide non educative ma molto seducenti e invitanti. Realizziamo un giardino zen dove rivive, in un paesaggio in miniatura, il fiabesco Campo dei Miracoli in cui ciascun bambino semina le sue monete d oro con Pinocchio. In una grande scatola il sale diventa la terra in cui piantare la grande quercia, dai cui rami pendono gli zecchini d oro. Il Gatto, realizzato con carta bianca ondulata, e la Volpe, con un rotolo di cartone rivestito, aspettano sotto l albero Pinocchio, decisi nel loro tentativo di ingannarlo. 11

12 La fata turchina La fata Turchina è la guida positiva di Pinocchio, rappresenta la sua forza trasformativa: come ogni mamma, la fata desidera vedere e trasformare Pinocchio in un bambino vero con la forza dell amore. Abbiamo dato forma alla fata con una rete di plastica avvolta su sé stessa, i bottoni e le bottiglie di plastica hanno decorato il suo viso e il suo abito. I capelli turchini sono l esito della tintura di un mocio per la pulizia dei pavimenti. Il pescecane L incontro di Pinocchio con il temibile pescecane avviene in un mare verticale, realizzato su di un mobile, un installazione aerea che fluttua azzurra dal cielo. La sua leggerezza ci ricorda che la narrazione volge a un epilogo positivo: l incontro con Geppetto il cui affetto viene ritrovato dal burattino dopo tante disavventure. Ogni bambino ha annodato e intrecciato oggetti e materiale di recupero di colore azzurro: tappi di plastica, spugne, corde, polistirolo, stoffa, passamanerie, conchiglie raccolte a casa. I fili verticali sono, così, diventati le onde del mare dominate dal pescecane di carta. Mobile collettivo La narrazione di Pinocchio e i laboratori si concretizzano in un mobile, installazione aerea dove i personaggi, i pensieri, i colori, i segni e le emozioni di ogni incontro, si rendono visibili come un libro aperto che, in itinere, si racconta ai suoi lettori con la potenza evocativa dei pannelli appesi che divengono memoria viva di una esperienza di crescita. Una fila-stoffa appesa sintetizza con un semplice acrostico del nome di Pinocchio la narrazione del testo originale. 12

13 DERIVE ESTETICHE NATURALI Scuola dell infanzia Pollicino, San Martino dei Mulini Insegnanti: Daniela Pasolini, Stefania Ricci, Anna Rita Piersimoni, Sabrina Raggini Nulla somiglia tanto a quella che chiamiamo ispirazione, quanto la gioia con cui il bambino assorbe la forma e il colore. (C. Baudelaire) A partire dal nostro progetto di plesso I sentieri della Terra tra arte, scienza e poesia, si selezionano qui alcune delle attività che trasformano le esperienze in sezione in luoghi di sperimentazione degli atti creativi, di educazione allo sguardo e all arte. La naturalezza con cui i bambini entrano in contatto con il linguaggio artistico è fonte di stupore e riflessione per chi ne osserva i risultati. I lavori assumono una tale dignità artistica che vengono mostrati in pubblico in una sorta di distillato collettivo dove ogni mano aggiunge un frammento. Tessiture è il titolo della mostra che si tiene al Musas di Santarcangelo e raccoglie le opere collettive di quattro plessi della scuola dell infanzia fra cui quello della Scuola Pollicino. Nei segni e nei disegni, nel gesto e nel recupero di materiali appartenenti alla natura si ritrovano le tracce di un mondo puro e di assoluta spontaneità, ma allo stesso modo complesso, ricco, polimorfo. Questi laboratori ed esperienze alimentano la possibilità di credere che l arte diventi un esperienza educativa che può svelarci nuove visioni utili a comprendere il significato della nostra esistenza. FILI DI TESSUTO TERRESTRE Opere: Ortovolante (marzo 2012) combinazione di terra, aria, acqua, da mondi artificiali e naturali (200x140 cm) 13

14 Mosaico terrestre (aprile 2012) tessitura di fango con trame di graffi da oggetti ritrovati (100x140 cm) Impronte rupestri (maggio 2012) tessitura di juta con strati materici di gesso, tempera e caffè (100x140 cm) Strumenti e materiali ritrovati in mondi naturali e terre contadine danno forma a un tessuto in cui il potere delle immagini, alla stregua di civiltà primitive, è il graffio, il segno, l impronta, l impasto, il filo che diventa vita. Fango, legno, gesso, polveri, juta tessono i racconti di pitture rupestri attorno al fuoco della magia. 14

15 Altre esperienze e laboratori messi in opera in corso d'anno Costruiamo il nostro giardino zen (settembre 2011) Ogni bambino realizza il proprio giardino zen dentro una scatola che placidamente diventa visione, luogo di creazione e di meditazione, di costruzione di micromondi e di grandi storie, concentrati di esperienze e di mondi interiori dalle molteplici derive espressive. Dentro il tappeto d autunno (ottobre 2011) Un tappeto materico di foglie, legnetti, sassolini, castagne, ghiande, bacche, bastoncini, noci, cortecce, pigne...in cui ciascun bambino entra in rapporto con la propria dimensione estetica e compositiva, in cui rintraccia i colori della natura toccandone le sue forme più insolite legata al ritmo delle stagioni. Filo dopo filo... un bosco volante (novembre-dicembre 2012) Opere volanti, che si muovono con il vento e che portano le scelte di ciascuna mano, l'attimo e l'emozione di mettere in fila scegliendo. Oggetti umili come pigne, castagne, foglie... che diventano un bosco ricco di forme e di significati. Tappeto di facce (gennaio-febbraio 2012) Combinazione di facce carnevalesche sull'osservazione della tecnica del collage di Jack Tessaro e del suo laboratorio Due occhi, un naso e una bocca. Un tappeto di volti che si combinano con i materiali più svariati e in cui ciascun bambino fa confluire il proprio immaginario, la propria mappa emotiva del volto. Un gioco agli sguardi che sembra animarsi e raccontare la storia di due piccole mani che scelgono, con sapienza e libertà compositiva, due occhi, un naso e una bocca. 15

16 DA UN FILO LA TRAMA DELLA VITA Scuola dell infanzia Sant Agata, Canonica Insegnanti: Gaetana Garretto, Tatiana Bruscia, Loretta Balducci, Valentina Vacchetti Consapevoli che finalità della scuola dell infanzia sia la maturazione dell identità, si è voluto sviluppare il concetto nella prospettiva di rafforzamento dell identità personale sotto il profilo corporeo, intellettuale e psicodinamico nel senso del riconoscimento e dell incontro con l altro. Ma solo partendo da considerazioni su come ero si può maturare la consapevolezza del come sono e quindi riconoscersi ed essere riconosciuti. Esprimere la propria identità nelle sue varie sfaccettature è fornire occasione di convivialità relazionale intessuta di linguaggi affettivi ed emotivi in cui i bambini possono condividere valori di appartenenza e differenza. Centrale è il tema della crescita in un ideale percorso in cui le tappe dello sviluppo sono scandite da materiale fornito dalle famiglie. Il percorso si è svolto utilizzando costantemente un oggetto mediatore altamente simbolico: il filo. La vita assomiglia a un filo. Il filo è la storia di tutti noi che si snoda, si annoda, si scioglie si intreccia. Ciascuno ha la propria storia da raccontare e da intrecciare con le storie degli altri, riconoscendo se stesso come l ordito e l incontro tra persone come la trama grazie alla quale cresciamo, scopriamo, conosciamo e ci differenziamo. La famiglia e la scuola sono la trama e l ordito su cui il bambino va intessendo giorno per giorno il proprio Io. Nelle sezioni i fili si incontrano, si intrecciano, corrono paralleli e si allontanano per poi rincontrarsi e annodarsi con forza, creando ragnatele di storie che rappresentano l insieme, la collettività la società di cui si fa parte anche senza esserne ancora consapevoli. Di quanti e quali fili sono realizzate le storie di ciascuno? Davvero tanti! Ecco di seguito due dei percorsi intrapresi. Visioni sospese Con il coinvolgimento delle famiglie è stato individuato e procurato del materiale con cui si è costruito il bosco tattile emozionale delle stagioni : soglia fiabesca che ha consentito di passare il confine tra mondo reale e mondo fantastico. I materiali scelti si sono trasformati in spunti narrativi personali condivisi in gruppo. Fili di tessuti personali e speciali si sono intrecciati in una danza fantastica di trama e ordito per cielo e prato primaverili in cui installazioni aeree hanno dato forma a idee, pensieri e colori in movimento. Tessuti e fantasia hanno ispirato il mare estivo in cui ci si è tuffati per dar voce a storie, vissuti, sogni, avventure, desideri. 16

17 Il percorso fiabesco creato da annusare, attraversare contemplare è stato il frutto di un lavoro collettivo di mani che lavorano e creano insieme. Tessiture di vita Divisi in gruppi omogenei d età si è utilizzato come punto di partenza comune la lettura del libro Quando sono nato, di Isabel Minhos Martins e Madalena Matosa. Tale traccia, seguita non in modo rigido, ha creato occasione per riflessioni, racconti, curiosità così, potendo contare sulla collaborazione delle famiglie e supportati da un progetto teatrale, si sono creati tre percorsi con l obiettivo finale comune di sviluppare identità consapevole aperta. Tappe del percorso condivise dai tre gruppi Quando sono nato, non avevo ancora visto niente. Solo il buio. Un grande buio nella pancia della mamma - Scoperta del buio e del suo colore - Immaginiamo di essere nella pancia della mamma. Posizioni, sensazioni e riflessioni. Dal buio alla luce... la nascita - Il colore della luce. - Il colore della mia famiglia e dei suoi componenti. Io sono fatto così - Presa di coscienza del proprio corpo. - Il colore che più mi rappresenta. 17

18 Consapevoli della propria storia personale condivisa con il gruppo, del proprio corpo e delle sue potenzialità espressive i bambini avranno maggiore consapevolezza di ciò che sono, di ciò desiderano essere e fare. Il percorso intrapreso consentirà ai bambini di esprimersi in maniera produttiva favorendo la vita relazionale ed affinando le proprie capacità. I vari momenti di passaggio, di crescita nella vita di ogni bambino sono caratterizzati da fili di materiali e colori diversi con i quali, alla fine del progetto, si è costruito un telaio speciale con l intento di rappresentare l essere di ciascun bambino, nella sua identità e diversità di esperienze; nonché un telaio collettivo comune che rappresenta ciascun bambino nell incontro con l altro. Si è attuato, così, il passaggio dall IO al NOI in un mondo fatto di relazioni ed emozioni consapevoli che identità è riconoscersi ed essere riconosciuti (G. Jervis) e che, quindi, è importante fare coincidere autoriconoscimento ed eteroriconoscimento. 18

19 I Circolo Didattico Santarcangelo di Romagna 19

20 C ERA UNA VOLTA UN VIAGGIO Questo progetto, dal taglio socio-antropologico, ha voluto avvicinare i bambini alla tematica del viaggio attraverso un canale a loro particolarmente familiare e gradito, quello della narrazione. Le favole, le storie sono tutte avventure e un viaggio, per quanto lo si possa pianificare perfino nei minimi dettagli, è sempre un avventura! Questo perché l imprevisto sta nell essenza del viaggio stesso e nella capacità del viaggiatore di farvi fronte. È proprio questa è stata la finalità principale del progetto: maturare nei bambini la mentalità del viaggiatore, ovvero stimolare in loro un atteggiamento di curiosità nei confronti di tutto ciò che è nuovo e diverso da sé, di apertura, di disponibilità al confronto, al rischio, alla scoperta, al rinnovamento. Far sì che possano affrontare nel modo più giusto le situazioni che la vita, anche nella sua quotidianità, offrirà loro. I bambini e le bambine hanno iniziato il loro percorso con il proprio bagaglio di esperienze per andare alla ricerca della propria identità, durante questo viaggio hanno fatto incontri, instaurato relazioni, raccolto cose, hanno guardato, si sono stupiti, hanno fatto nuove esperienze, ma soprattutto hanno fatto un viaggio nel quale ciò che ha avuto più valore è stato non tanto l arrivare quanto l essere andati. È stato proprio l essere andati che ha permesso loro di capire chi sono e che ha fatto sì che al loro ritorno si siano trovati cambiati, arricchiti, diversi, questo perché il viaggio non può non lasciare un segno nel viaggiatore. Colui che parte si attrezza con un proprio bagaglio di cose che gli appartengono, ma al suo ritorno quella valigia sarà ben più pesante perché conterrà tutto ciò che il viaggiatore avrà fatto suo. Colui che viaggia torna sempre diverso da come è partito. Nel momento in cui i bambini giungono alla scuola dell infanzia sono già dei soggetti in viaggio, lo siamo tutti, per crescere è obbligatorio viaggiare; questo progetto ci ha dato la possibilità di diventare compagni di viaggio, di crescere insieme e di condividere una bella avventura. L idea di parlare del viaggio attraverso la narrazione è nata dalla consapevolezza che chiunque compia un viaggio, sente poi il bisogno di narrarlo ad altri, narrandolo il viaggio diventa più denso e se possibile colui che lo ha compiuto lo fa più suo ne prende maggior consapevolezza. Quando si racconta un viaggio, si racconta di sé. Abbiamo pensato di scegliere questa tematica anche perché quasi tutte le favole sono racconti di viaggio. Ogni scuola ha poi proseguito il proprio percorso approfondendo un aspetto diverso del progetto sempre attraverso la lettura di storie: la scuola Margherita ha proposto un viaggio nelle esperienze vissute, la scuola Il Drago un viaggio introspettivo alla ricerca del proprio sé, la scuola Flora un viaggio nella conoscenza, Il giardino incantato un viaggio nell interculturalità. L insegnante di i.r.c. che lavora in tutti e quattro i plessi è stata parte integrante del progetto facendo del viaggio il tema trasversale della sua programmazione didattica. Tanti amici in viaggio. 20

21 VIAGGIO INTROSPETTIVO ALLA RICERCA DEL PROPRIO SÉ Scuola dell infanzia Il Drago, Santarcangelo Insegnanti: Valeria Portaluri, Fiorella Mancin, Silvia Bargellini, Maria Romano, Mara Zammarchi, Marta Denicolò La tematica del viaggio ha caratterizzato trasversalmente l intero percorso didattico che è stato progettato prevedendo tre principali unità di apprendimento, intervallate periodicamente da una breve sezione denominata In viaggio nel tempo, finalizzata ad affrontare il susseguirsi delle stagioni e delle relative festività. La prima parte del percorso In viaggio nel tempo: dall estate all autunno ha avuto come obiettivo quello di introdurre il tema centrale del progetto partendo dalle esperienze di vita dei bambini, dai loro ricordi di viaggio dell estate: i bimbi hanno raccontato la loro esperienza di viaggio attraverso foto, verbalizzazioni e disegni. Il lavoro concernente la stagione autunnale è stato introdotto dalla lettura di alcune storie (per citarne alcune: La Nuvola Olga e il vento, La foglia Tina ) e proseguito attraverso l osservazione dell ambiente, le uscite e la raccolta di materiale con il quale sono poi state realizzate varie attività grafico-pittoriche legate ai colori, ai sapori, ai profumi autunnali, accompagnate da canzoncine e poesie sempre inerenti l argomento. L unità di apprendimento Cappuccetto Rosso: una bambina in viaggio che è stato il nostro progetto accoglienza, ha avuto inizio con la visione del dvd che le insegnanti dei nidi ci avevano fatto avere durante il raccordo, nel quale era ripresa la drammatizzazione, da loro realizzata, della storia di Cappuccetto Rosso. Ha fatto da ponte tra la prima parte del lavoro e questa, un uscita nel bosco di Montebello durante la quale abbiamo fatto in modo che i bambini trovassero delle tracce che li hanno ricondotti alla storia di Cappuccetto Rosso, e lì seduti sotto gli alberi abbiamo poi cantato la canzone e ri-raccontato la storia. Da qui il percorso didattico si è differenziato: i bambini di tre anni hanno lavorato sulla favola originale: analizzando i personaggi principali, le 21

ISTITUTO COMPRENSIVO NOALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE ITALO CALVINO NOALE (VE) Anno scolastico 2013/2014. Sezione E PROGETTAZIONE DI SEZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO NOALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE ITALO CALVINO NOALE (VE) Anno scolastico 2013/2014. Sezione E PROGETTAZIONE DI SEZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO NOALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE ITALO CALVINO NOALE (VE) Anno scolastico 2013/2014 Sezione E PROGETTAZIONE DI SEZIONE Insegnanti titolari: Trevisanello Lucia Rosso Patrizia SITUAZIONE

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA sviluppare il senso dell'identità personale è consapevole delle differenze e sa averne rispetto conoscere le regole di convivenza e saperle rispettare Il bambino vive positivamente

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE PRIMAVERA VIAGGIO CON ALLEGRIA NEL MONDO PIU BELLO CHE CI SIA!

PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE PRIMAVERA VIAGGIO CON ALLEGRIA NEL MONDO PIU BELLO CHE CI SIA! Scuola dell Infanzia Paritaria Colombani Navarra Via Verdi, 7 44020 Ostellato (Fe) Aiutami a fare da solo Maria Montessori PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE PRIMAVERA VIAGGIO CON ALLEGRIA NEL MONDO PIU BELLO

Dettagli

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono .Leggere fiabe, ascoltare, assaporare il suono delle parole che scorrono Il progetto Andar per fiabe nasce dal desiderio di noi insegnanti di avvicinare i bambini alle realtà che vivono quotidianamente

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il tema scelto vuole trasmettere ai bambini l importanza del patrimonio letterario classico. Inoltre, presentando la figura dell EROE,

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

"PONTI E ALI" Progetto di continuità dal nido alla scuola dell'infanzia NATURILANDIA.

PONTI E ALI Progetto di continuità dal nido alla scuola dell'infanzia NATURILANDIA. "PONTI E ALI" Progetto di continuità dal nido alla scuola dell'infanzia NATURILANDIA. Una valigia, una cartella o una scatola per portare con sé i ricordi più cari, messaggi, storie, visite, laboratori,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! Il tempo dell accoglienza Accogliere i bambini significa, in primo luogo, predisporre un ambiente

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

ISITUTO COMPRENSIVO DEL MARE. SCUOLA DELL INFANZIA STATALE Imparo giocando. Lido Adriano PROGRAMMAZIONE TRIENNALE

ISITUTO COMPRENSIVO DEL MARE. SCUOLA DELL INFANZIA STATALE Imparo giocando. Lido Adriano PROGRAMMAZIONE TRIENNALE ISITUTO COMPRENSIVO DEL MARE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE Imparo giocando Lido Adriano PROGRAMMAZIONE TRIENNALE A.S. 2013/14 - A.S.2014/15 - A.S.2015/16 Anno scolastico 2013/14 La fiaba è il luogo di tutte

Dettagli

Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016. Pag. 1

Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016. Pag. 1 Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016 Pag. 1 I CAMPI D ESPERIENZA APPLICATI ALLE FIABE Al fine di favorire il percorso educativo di ogni

Dettagli

PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE

PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE MOTIVAZIONI In questi ultimi anni stiamo vivendo nei bambini,un accentuata forma di irrequietezza, mancanza di attenzione e difficoltà nell accettazione di regole e dei

Dettagli

COLORANDIA:.. ALLA SCOPERTA DEI COLORI

COLORANDIA:.. ALLA SCOPERTA DEI COLORI Doralice Magnoni Area: approfondimenti disciplinari Obiettivi: stabilire intrecci e connessioni tra le discipline Attività: COLORANDIA ALLA SCOPERTA DEI COLORI Ordini di scuola: scuola dell infanzia Crediti:

Dettagli

L ARTE NELLE STAGIONI E NELLE FAVOLE".

L ARTE NELLE STAGIONI E NELLE FAVOLE. D.D. STATALE Kennedy Scuola dell Infanzia Archimede Via Valgioie 72, Torino L ARTE NELLE STAGIONI E NELLE FAVOLE". PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SETTEMBRE-OTTOBRE ACCOGLIENZA E INSERIMENTO 1 PERCORSO ACCOGLIENZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PREMESSA. Il personaggio guida è Spin, una marionetta che rappresenta un riccetto.

PREMESSA. Il personaggio guida è Spin, una marionetta che rappresenta un riccetto. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA (SEZ MEDI) PREMESSA Non può esserci manipolazione, rielaborazione e creatività se non vi è conoscenza. Non è importante il finito, ma il percorso che il bambino fa per arrivare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura e laboratori per le scuole A.SC. 2015-2016

C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura e laboratori per le scuole A.SC. 2015-2016 C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura e laboratori per le scuole A.SC. 2015-2016 Un bambino che legge, sarà un adulto che pensa! C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI

LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI ETÀ 3 ANNI tot. Bambini 25 M 14 F 11 TEMPO: gennaio-maggio 2013 SPAZIO: aula delfini INSEGNANTI: Chiara-Maria Teresa La consapevolezza che il bambino di tre anni percepisce

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P.TACCHI VENTURI

ISTITUTO COMPRENSIVO P.TACCHI VENTURI ISTITUTO COMPRENSIVO P.TACCHI VENTURI Continuità Sezione Primavera (Cesolo) Scuola Infanzia ( Cesolo ) Anno Educativo 2012-13 periodo Settembre 2012-Febbraio 2013 In linea con gli obiettivi stabiliti nel

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA

PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA Tempo Tema Destinatari Evento e progettazione delle attività Organizzazione Campi di esperienza e Obiettivi formativi e di apprendimento Settembre-Ottobre Io quaggiù, il cielo

Dettagli

Se intrecci le tue mani con le mie Se unisci i colori delle tue emozioni con i colori delle mie emozioni Se accompagni i colori della tua musica ai

Se intrecci le tue mani con le mie Se unisci i colori delle tue emozioni con i colori delle mie emozioni Se accompagni i colori della tua musica ai Se intrecci le tue mani con le mie Se unisci i colori delle tue emozioni con i colori delle mie emozioni Se accompagni i colori della tua musica ai colori della mia musica Se presti un po dei colori della

Dettagli

IL C@FFE DEI LETTORI:LA SC AT O LA DELLE P A R O L E

IL C@FFE DEI LETTORI:LA SC AT O LA DELLE P A R O L E Isti tu to C o m p re n si v o S ta ta le Val l e del Fi no Castiglione M.R. PROGETTO FINANZIATO DALLA FONDAZIONE TERCAS IL C@FFE DEI LETTORI:LA SC AT O LA DELLE P A R O L E A cura della dott.ssa Antonella

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

Unità di apprendimento. Le stagioni

Unità di apprendimento. Le stagioni Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI Unità di apprendimento Le stagioni A.S. 2012/13 AUTUNNO BISOGNO FORMATIVO Esplorare e conoscere la natura. OBBIETIVO

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

CONTENUTI:GNOMI E FOLLETTI AMICI PERFETTI!

CONTENUTI:GNOMI E FOLLETTI AMICI PERFETTI! Sezione: A Disciplina: AREA1 Scuola: Infanzia De Amicis Campo d esperienza n 1 : IL SE E L ALTRO Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme Obiettivi 1. Sviluppare il senso dell'identità personale

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MARIA MATER MEA VIA PUSIANO, 57 MILANO Tel. 02/2722141 Fax 02/2722143 e-mail. Mariamatermea@ libero.it PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO Questo progetto

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Da burattino a bambino responsabile

Da burattino a bambino responsabile Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS Via Cavagnis 4, 24019 Zogno (BG) Tel. 0345/91246 Fax 0345/91246 E-mail- suor.nives@virgilio.it Da burattino a bambino responsabile Anno scolastico 2012-2013 1 TRAGUARDI

Dettagli

W LE STAGIONI. Anno Scolastico 2011/2012. Delibera n.12 - Collegio dei Docenti 06/09/2010 - pagg. 8 PREMESSA

W LE STAGIONI. Anno Scolastico 2011/2012. Delibera n.12 - Collegio dei Docenti 06/09/2010 - pagg. 8 PREMESSA W LE STAGIONI Anno Scolastico 2011/2012 Delibera n.12 - Collegio dei Docenti 06/09/2010 - pagg. 8 PREMESSA Il ciclo delle stagioni è un opportunità da non perdere per sollecitare i bambini ad esplorare

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

SCUOLA INFANZIA CASOLA - BERZANTINA

SCUOLA INFANZIA CASOLA - BERZANTINA CURRICOLO ANNUALE SCUOLA INFANZIA CASOLA - BERZANTINA ANNO SCOLASTICO 2013/14 Le insegnanti Bonaiuti Rebecca Camiscia Loredana d Isanti Giovanna Liani Germana Martelli Eleonora 1 SCUOLA DELL INFANZIA DI

Dettagli

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 Sezione lattanti Curiosando Titolo: Benvenuti al nido Descrizione: Il periodo dell'inserimento servirà a far conoscere ai bambini L'universo nido con tutto

Dettagli

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA Rodari Walt Disney Peter Pan/Quattroponti A.S. 2012-2013

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA Rodari Walt Disney Peter Pan/Quattroponti A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 4 OVEST PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA Rodari Walt Disney Peter Pan/Quattroponti A.S. 2012-2013 Il linguaggio è una sorta di utensile, l utensile più avanzato che noi abbiamo,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso

PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso Scuola dell infanzia di via Roma ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 1. SITUAZIONE INIZIALE Non c è crescita senza l opportunità di fare esperienza (M. Bernardi) Nel corso di questi

Dettagli

Scuola dell'infanzia L'Angioletto

Scuola dell'infanzia L'Angioletto Scuola dell'infanzia L'Angioletto PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE A.S.2014/2015 IL PROGETTO : Il mondo delle fiabe La proposta di attuare questo progetto nell'anno scolastico 2014-2015 nasce dal desiderio

Dettagli

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA AMBIENTE SCOLASTICO La scuola dell infanzia di Montebello è situata nell omonimo quartiere della città di Perugia. Dispone di un piccolo giardino che confina con una grande area verde attrezzata ed un

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI TEATRO LEGGIAMO CON IL RAGNETTO PUC

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI TEATRO LEGGIAMO CON IL RAGNETTO PUC SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI TEATRO Bambini di 4/5 anni LEGGIAMO CON IL RAGNETTO PUC ANNO SCOLASTICO 2011-12 1/10 SCUOLA DELL INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GRAZIA DELEDDA CATANIA PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2015-2016 La Progettazione annuale delle Attività Didattiche elaborata per l anno scolastico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti DESTINATARI: Il laboratorio è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della Scuola dell infanzia di Campitello. PERSONE COINVOLTE:

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it Educare

Dettagli

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO Scuole dell Infanzia I.C. Igea Marina Anno scolastico 2014/2015 Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico una scuola è uno spazio speciale in cui gli esseri

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014. 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore. Io e gli altri

PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014. 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore. Io e gli altri PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore Periodo Settembre - Novembre 2013 AFRODITE le rose dell amore Avviarsi comprendere /Comprendere/Pot

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI Anno scolastico 2012/2013 I collegamenti con le Indicazioni Nazionali e il Piano dell'offerta Formativa La programmazione dell anno scolastico 2012/2013

Dettagli

PROGETTO DI PLESSO: LA NATURA NELL ARTE E NELL IMMAGINARIO

PROGETTO DI PLESSO: LA NATURA NELL ARTE E NELL IMMAGINARIO Scuola dell Infanzia Ponte Abbadesse a.s. 2012/2013 PROGETTO DI PLESSO: LA NATURA NELL ARTE E NELL IMMAGINARIO P. Cezanne, Mont Sainte Victoire 1890. L [rt_ [ tutt_ l tà f[ muov_r_ n_l nuovo, mo^ifi][

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Per educare al Nido ci si avvale del gioco e ciò comporta attenzione e osservazione. Infatti i bambini/e parlano attraverso il corpo, la

Dettagli

il Parco e noi Percorsi all interno del Parco di Città della Domenica esperienze e laboratori nell incontro con l ambiente

il Parco e noi Percorsi all interno del Parco di Città della Domenica esperienze e laboratori nell incontro con l ambiente il Parco e noi Percorsi all interno del Parco di Città della Domenica esperienze e laboratori nell incontro con l ambiente I laboratori il Parco e noi sono percorsi di tipo sensoriale e immaginativo rivolti

Dettagli

ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009

ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009 ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009 Nei primi due anni di vita l intelligenza del bambino si manifesta attraverso l azione, ossia le attività ludiche,

Dettagli

UN MONDO DI COLORI. Ma va là S.n.c. Viale Regina Margherita, 27 20846 Macherio MB 039-5960646 info@mavala.tv www.mavala.tv

UN MONDO DI COLORI. Ma va là S.n.c. Viale Regina Margherita, 27 20846 Macherio MB 039-5960646 info@mavala.tv www.mavala.tv UN MONDO DI COLORI Il progetto che quest anno abbiamo deciso di proporre ai bambini di tutte le sezioni è centrato sulla sperimentazione dei colori che ci circondano quotidianamente e, in seguito, sul

Dettagli

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta IL GUSTO DI CRESCERE INSIEME NELLA GIOIA. Per l anno educativo 2014/15 proponiamo ai bambini un viaggio nel mondo dell alimentazione: partendo dalla

Dettagli

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO PROGETTO DI SEDE Destinatari : Bambini tra i due e i tre anni Tempi : da settembre 2015 a giugno 2016 RESPONSABILE DEL PROGETTO : Cairoli Renata

Dettagli

LE STORIE DELLA CAMERA BLU

LE STORIE DELLA CAMERA BLU LE STORIE DELLA CAMERA BLU Il nome del progetto nasce dalla modalità video utilizzata per le riprese, svolte a conclusione del laboratorio. La Camera Blu è infatti una struttura smontabile, costituita

Dettagli

Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015

Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015 Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015 L anno scolastico si e concluso,ed è giunto il momento di fare una verifica sul lavoro svolto e sui risultati conseguiti. Il percorso

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROGETTO

Dettagli

I 5 SENSI DELLE STAGIONI

I 5 SENSI DELLE STAGIONI PROGETTO DIDATTICO SCUOLA DELL INFANZIA E. RAVASCO Via Lodi, 220 Genova I 5 SENSI DELLE STAGIONI VIAGGIO ATTRAVERSO LE STAGIONI: VISTE, SENTITE, ODORATE, TOCCATE, GUSTATE Il progetto si pone come obiettivo

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA BAMBINI GRANDI GIROTONDO DI AMICIZIA E SOLE CON MOLLI, TIRO E MINA LA LUCERTOLINA

PROGETTO ACCOGLIENZA BAMBINI GRANDI GIROTONDO DI AMICIZIA E SOLE CON MOLLI, TIRO E MINA LA LUCERTOLINA PROGETTO ACCOGLIENZA BAMBINI GRANDI GIROTONDO DI AMICIZIA E SOLE CON MOLLI, TIRO E MINA LA LUCERTOLINA Scuola dell infanzia di Belfiore San Giovanni Bosco Anno scolastico 2015/2016 PROGETTO ACCOGLIENZA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

Campo d esperienza n 2 : IL CORPO IN MOVIMENTO Identità, autonomia, salute Obiettivi

Campo d esperienza n 2 : IL CORPO IN MOVIMENTO Identità, autonomia, salute Obiettivi Sezione:I A Disciplina: AREA1 Scuola: Infanzia De Amicis Campo d esperienza n 1 : IL SE E L ALTRO Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme 1. Sviluppare il senso dell'identità personale 2.

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

Emili Borgato, Suor Giuseppina Kallivalappil, Elisa Mattioli

Emili Borgato, Suor Giuseppina Kallivalappil, Elisa Mattioli INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Emili Borgato, Suor Giuseppina Kallivalappil, Elisa Mattioli PREMESSA Il progetto nasce dal desiderio di esplorare insieme ai bambini il mondo circostante, così come esso si

Dettagli

le gite della giranimando

le gite della giranimando NUOVE GITE dal 2000 attivita' di animazione e ambiente per le scuole GIRANIMANDO C GIRANIMANDO C VIA UMBERTO I, 63 10020 PECETTO TORINESE TEL/FAX 011.860.98.82 WWW.GIRANIMANDO.COM INFO@GIRANIMANDO.COM

Dettagli

ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA

ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA SCHEDA PROGETTO Indicazioni Nome Progetto Area di Riferimento Estensore/i Descrizione I DONI DI MADRE NATURA

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016 Campi di esperienza coinvolti Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Il sé e l altro Il corpo in movimento Linguaggi,creatività espressione-

Dettagli

Progetto anno scolastico 2014/2015

Progetto anno scolastico 2014/2015 Progetto anno scolastico 2014/2015 Premessa L incontro con il racconto è molto stimolante per i bambini perché sollecita in essi esperienze altamente educative sul piano cognitivo, affettivo, linguistico

Dettagli

GLI ELEMENTI DELLA VITA TERRA ACQUA ARIA FUOCO

GLI ELEMENTI DELLA VITA TERRA ACQUA ARIA FUOCO (BAMBINI DI 4 ANNI) GLI ELEMENTI DELLA VITA TERRA ACQUA ARIA FUOCO Premessa Acqua, Terra, Fuoco, Aria sono i quattro elementi costitutivi dell ambiente in cui viviamo. Il contatto con la natura concorre

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013 SCUOLA INFANZIA PARITARIA CALLORI-SOLERIO VIA M. PORRO N 4, 15049 VIGNALE MONFERRATO (AL) TEL e FAX: 0142/933046 Email: scuolacallori@libero.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013 PREMESSA

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli