asma è uìa malattía ostruttiva croruca delle ne respiratorie Essa e caratterizzata da tre sintomi fondamentah:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "asma è uìa malattía ostruttiva croruca delle ne respiratorie Essa e caratterizzata da tre sintomi fondamentah:"

Transcript

1 LUGLIO/SETTEMBRE MIIILENOVECEIVTONOVAIVTACINQUE kol S. Malarese Specia/rsla m En docrnoloea e malattte metaboltche,,$eciajisfa ll Medicnantema T,'fiSMA BRONCHIII,E asma è uìa malattía ostruttiva croruca delle ne respiratorie Essa e caratterizzata da tre sintomi fondamentah: I t..^-^^"-^^*^ - u lluiruuùpdùruv - I rpeneattlrtà brondhiale - l'infiammazione Essa non dere tendere soltanto alla nsoluzione dell'aliacco asmatico deve avere necessar iamente l'obbiettrvo dr modihcae la teattnrtà r.nmuno-neuro-endocr:la del soggetto. Solo così si poìrà avere un recupero del paziente su1 pialo generale psrcc-fisrco. TORIVIE CI,INICHE DI ASMf, BRONCHI[I,E Questa patologa colpisce dal 5 a1 l0 per / t cento della popolazione, E probabilmenteclulcamente i pazienti possono presenia- diverse forme diasma : l'uruca malattia comune che sta aumenlaldorc u: urcidenza e gravítà; in moltipaesisiha un - 71^-^ ^^+-;-^^^^ nòl.lld cùl.tllljuuu aumento delia mofialità. Per detemrnue ie - Asma ntrnseco cause dell'asma è necessario comprenderealtre forme dr asma; i meccarusmi dell iperreattiutà bronchiale, - Asmamisto menffe lefettlo controllo della surtomatolo-- Bronchte asmatica croruca Ea rnplica una riduzione dell'rperreattrvrîà - Asma da sensibùtà all'aspuina e pohposi nasale stessa. Prma dr discutere suìl'etioloea e dei meccanismr fisiopatologici della malattiasmatica, e opportuno fare ula premessa. E' chiamato ancrle asma)lergtco, Asma estrinseco Tn cnrpsta sodc ó neross4lio avefe Una visione di questa paloloea molto ampia; un bambini e igovaru adr:1ti (Fig, l) E caratte- Lasma estrinseco colpisce rn geneie i appioccro olistico che non trattr solamenterizzato da crisi parossistiche dr bioncospa- rumori respratori trpo srbù, dispnea degli aspetti celluladibiolo$a molecola-smore, ma che possaltresìvalutare: unbascia respiratoria. Questa sntomatologa trova il suo momenlo etiologco nelle- - le cattsp lenaîe aì oenntipg CoStilUziOnale - le modalità dr espressivrtà clulca legaîe sposizione ad allergem, ad esso Frequentemente, nella storia clinica dr - la componente psichica che, special-quesfmenle in eprfi snnnpfli COnCOrre alla e- stazioni allergche come febbre da fien o pazienti, siriscontrano altre manife- tiologa delia malattia asmatrca. un eczema atopico o rinite vasomotoria. Quest'approccio compìeto e essenziale La risposta alìa terapia medrca é genemjmente buona, IlproEostico e altrettanto fa- pel una corretta e valida impostazione terapeutrcavorevole, 55

2 LUGIiIO/SETTEMBRE MII,LENOVECETITONOVANT.A,CINQUE Aspetti comuni sia all'asmallergico estrinseco che intrinseco: Ambascia respiratoria, dispnea, sibili respiratori, congestìone, cianosì, tosse, arrossamento delle ali del naso, uso dei muscoli respiratori accessori, apprensione, tachicardia, sudorazione, iperrisonanza, suoni respiratori distanti e rantoli, eosinofilia, Fig. 1: Asma allergico estrinseco: aspetti iei. Asma intrinseco o idiopatico Asma indotto da sforzo fisico Patogenesi dell'asma Sisv/ are/j'elàmedta (Fig 2) Si scatena dopo attrvrtà fisica ur soggetti Reaziont da ipersensrb/fà rmm ediata (ttpo l) Non presenta interrelaziom immunolog-glovani$che, con note preeesse di atopia. L'asma bronchiale allergco (asma estrinseco) né allergche. Si scalena spesso m con- comitanza dr plocessifloestíci a cuico delle ne respiratorie La tenpia dell'asma m- L asma raggiunge I'acme dopo circa I0 mr:ruti dr esercizio fisico e le altre malattie allergiche come la febbre da fleno e I anafrlassi, sono esempr di reazioru da rpersensibilità immediatatipo I trinseco é più impeeraliva, il prognostico MECGANISMO FISIOPATOTOGIGO (Fig, 3/a), Queste reaziom allereche awengono n organi bersaglio ben precisi: pol- meno favorevole, lasma idiopalico tende GHE GENERA urfatli, L'ASMA DA SFOHZO a cronicizzare con tosse continua, di Esercizio fisico moni, appuato gastro-urtestrnaìe pelle, spnea e ambascia respiratoria, Seccheza delle vie aeree Le reazioni di rpersensibilità immediata Asma + misto p0ss0n0 causare: Ilpaziente e colpito da una combinazione Aumento locale del ph - una semplice nsposta infiammatoria a- di fattori urfettir,r ed allergci. Questi rllttrni Rilascio di istamina e altri mediatori cuta come nell'orticaria da parte delìe plasmacellule diffictlmente m genere sono idenllicabrh - complesse reazioni che possono essere Bronchite asmatica cronica Stimolazione dei receltorì vagali ststemiche come nello shock anafrlatlrco La patologia asmatica coesiste alla bronchite croruca;i fatloriallergcim genere non defl'al\4p ciclico muscolatura liscia bronchiale come nella Contrazione della muscolatura Iiscia delle vie - reazioni limitale fonfamentalmente alla aeree, resa più sensibile dalla ridotta risposta sono identificabrli. malattia asmatica. 56

3 LUGLIO/SETTEMBRE MILLENOVECEI$TONOVANTACINQUE sè-fs*qhl ifi* l{ffie # inls'.riúni, s ffir*# *# fllffl # t i Aspetti comuni sia all'asmallergico esùinsedo I che intrinseco: Ambascia respiratoria, dispnea, sibili respiratori, c0ngesti0ne, cianosi, losse, arrossamento delle ali del naso, uso dei muscoli respiratori access0ri, apprensione, tachicardia, sudorazione, iperrisonanza, suoni respiratori distanti e rant0li, e0sin0filia Fig. 2: Asma intrinseco: aspetti clinici. Nella reattività trpo I dobbiamo distinrnrpro citotropico della classe IgE, I1 concetto più Ogg sono anche abbastanza ben cono- drro mnmanii semplice dr asmallergco e che la risposta sciute le reazioniche illegame antigene-an- l) fase dr sensibiljzzazione antigenica al contatto con l'allergene ha come ticorpo genera livello della membrana del- 2) reazione da esposizrone nsultato rl legane delle ige attraversole cellule basofile. Infatti, r:r questa sede avticorpo il frammento Fab, con ur antigene con sili dr vengono due modrlicazioni fondamentali : FASE DI SENSIBII,HZIZIONElegame multrpii, Almeno due molecoie dr I- - i'entrata dr calcio nella cellu.la ge siattaccano alia stessa paticellantígenica - la conversione diatp rn AMP-ciclco, con Un soggetlo geneticamento atopico é e- e qurndr silegano aisitifc presentisrll- aumento dell'attwità adenilciclasica, sposto al contatto con pollini dt una determinata la membrana der basofrlio delle plasmacel-llule, reazione antigene-anticorpo ajla superfrcie pranta, Gli enzimi della mucosa rela spfatoria drgeriscono il rivestunenlo esterno Questo porta alja liberazione dei me- diatori dell' inframmazione delle mast-cellule e deibasofilipoila alspfatoria che a.lla produzione dr medratori che deridr delpollme costitut0 da hpo-pohsaccari- Sisa og$ che questo é solo unapute del vano dallacido arachdoruco. Quest acido é e liberano protene solubiliur acqua. processo; i recettori Fc per le IgE sono presenti immagazzinato nei fosfohpidi delle mem- anche sur L:dociti, suimacrofag, sugli brane cellulari e viene rilasciato in conse- Qualdo Eesle proleure vengono assorbite Ie plasmacellule e ilnfociti T entro il eosnofù e sulle piastltne che possono qulrdr svolgere un ruolo dr rrlievo nella paloge- analogo meccanismo, sipuo avere la ]ibera- Eenza deì1'attlazione delle fosfohpasi Con lessuto linforde della mucosa respratoria rrspondono formando un anticorpo specrfico nesidell'asma, zione,da parte deibasofù e deileucocitr dr 5l

4 I,UGI]O/SETTEMBRE MITIJENOVECENTONOVANT.ACINQUE un fattore dr attivazione delle piastrine. Quindinon solo le plasmacellule e ibasofù partecrpano al meccarusmo fisiopatologco della malatlia asmatica. Anche imacrofae, gli eosttrofù r hlfocrti e le piastrure hamo recetton per rlùa ento Fc delle IgE. E stato, infattr dimostrato che imacrofae in conseguenza delegame antigene-antf corpo, ìiberano denvati ossigeno reattivr enzimilisosomiali e derivati dell'acido arachdonico Gli eosrnofih sono attiratidal legame del complesso lge-antigene alle mast-cellule e, n conseguenza di questa chemiotassi, si[beta una proleura basíca mo]to dannosa per ì epiteho delle rne aeree in conclusione gli eventi unmunologici della malattia asmatrca possono essere cosi riassunti: - soggetto predisposto (cioè iperproduce IgE con ilinfocittb) - rnalazione dell antigene - formazione di complessi IgE-antigene tali complessisilegano alle membrane cellulari deibasofili mast-celluie e macrofag rilascio di mediatod preformati: - istamrna e fattcre chemotattco ner olieo sinofr.li - hrnn.nnnctrrzìnno o innroccn donìi oncinofili nelbronco - edema bronchiale ed urfiltrazione della narotp hrnnr.hielo - iesioru dell'epitelio bronchale da parte deìla protena basíca e del failore di attivazione delle piastnne, in passato, l'asma era visto soltanto come n- lascio di medratori mastcelìului che causavano broncospasmo, ma questa lnpostazio- # ne devessere riveduta, h realtà sono coinvolle drfferenti cellu.le. Queste producono u- na varietà dimediatori Í quali nteragendo in modo complesso tra loro, causano piu effetti paloiogici che contribuiscono all'aumento dell'iperieattmtà bronchale. dpi m,rslnciti nrospnti e livello delle Vie rparnsnp r.n"r lo InE fissrtg 6113 mgrnbmll Gli eventi che conducono ajla comparsa rpsniratnr-ip c dctprmina Ia UbefaZiOne di dell'asma bronchiale chnicamente manifesto. ur un soggetto sensrbrìrzzato e con un'a.l- - lístamna potentimedratod della flogosi quali : terata tegolazione del tono broncomotore, - i nontirìn-lo:rnntrioni possono essere così schematizzatir - l" rq ^. ^+"^l^-^;.^ n, yrvùrogrerwlo u! - l'alleroene nervenrlo via inalatoria- il Paf ("platelelacttvattng factar") d $wì,:s"ìi É. ffi$s{'*ù gù$r sùé,:itr_dìft lsir ***ll s, liiwmr i${il k-è$$$ F#$ES hq$ s{tfisè Fig. 3: Meccanismi postulati dell'iperreattività delle vie aerifere che causa l'asma. 58 $ dffd s E probabile che accanto a qreste sostanze che rappresentano Ì medratori pnncipali deììa flogosi allereca, ne vengano liberate altre come: - Ie chinne - tl fattore chemotaitrco per ineutrofrli (Aicf - nrntonnlìnenì - enztmi (trrptasi chrmasi)

5 LUGLIO/SETTEMBRE MIIJLENOVECE}TTONOVAI\TIJTCINQUE Si 4.rfl*ts t'll!ld{r sss,*se ucr SiIFSìì'Èr *ìfirè Vale ia pena sollohneare che molte delie cellule lrfiammatone (linfociti macrofagr pra- NRS* ru$#sisb l$$s *i.- {*ftìmp{ t34ffi' tr{*rt*,* strrne) convolte nella reazione asmatica possono produrre Hd Questi fatton possono at- rtd*"* ffi.:dts4e {qw Èrq$er {i 4sèsqEeve Fs W tivare mastocilie basofrli, perpelualdo cosi ffifffi MéS # jw+ la flogosi aìlergca Un ruoio diparticolare importanza neila genesi della reazione rrtardata e probabílmente svolta dal Paf, che ha un effetto chemiotattico e di attlazione nei confronti di eosinofili e neutrofrli. Antagontzzaye latlttrtà delpaf potrebbe sietfr- Fig.4: Meccanismi di ipersensibilità di Tipo I (immediata). care drminùe la reazione ritardata, perche sigrhcherebbe bloccare il reclutamento di I mastociti rappresentano le celluleffettrici prunade delle reaziom dr rpersensibilitàbabile quindi che anche la fase Ímmediata fiuoio del SIVI/ ($slema.veryoso Vegetaùne, generano elevate quantità di Paf E pro- cellule mframmatorie, immedrata ma og$ e accefiato che anche delle reazioni allergche sia l'espressione vo) nella patogenesr dejj'asma altre cellule, come imacrofae e le piastrmedell azione drpiùcellule, che grocanoun Il conlrollo nervoso aulonomo delle vre aeree é complesso m agglunta a cìassrcr mec- vengono attivate duettamente in segurto allo iuolo rtlevante, anche se forse secondario ri- a quello deimastocrti, Istamna pepcanismi adrenerecie cohlelgcr sono staìe stimolo allergenico e liberano medratoriur-spettfíammatori Per esempro, imacrofag alveolan dei pazienti asmatici attivati dall'ailerge-no un'azione broncospastica e quurdr provo- adrenergche, non colurereche, e hdoleucotneni prastaglandrna D2 e Paf han- identificate nell albero respiratorio fibrc non numerosi 59 fi cano nel paziente allergco asmalico la compatsa di una broncocostrizione entro pochr minuti dall'na.lazione dell'allergene, La fase rnmediata dei sntomi si esaurisce generalmentenho un'ora dall esposizione all'allergene; in una percenluaie considerevole di pazienti ( ) si ha pero la ncomparsa dei sntomi asmatici entro ser-dodicr ore dal- I'esposizione all'allergene, Questa fase del.ia reazlone.asmatica e definrta rltardata ed è dolut alrichiamo e ajl attiragícne Cr cellule inftammaione, che segue alliniziale liberazione dr mediatorinella fase mmedrata. Glt eosrnofù i neutrofili e, probabilmente anche i[nfoeitifamc un ruolo premnente nella rcazione ritardata. lì rao)o trnportanle dej Pafneiia re azione t lardala T[tte Ie seguenli ce]lule liberano mediatcri che contrrburscono e adduittuia determmano il processo infrar.rmatorio - gh eosnofilil-lberano leucotriene C4 ploteina basica maggore e protema catioruca particolarmente lesive, queste uìlrne per l'epitelio bronchiale. - t neutrofili generaro leucoîriene 84 anioni srrnprnssidn p fartnri che -ibelano r- ^+^*;^^ nl-í ',1"i^+^-;-^ -^l^^^;^^ {^^t^.'\ òl.drurd tr ljl, txùtdj/.l.1l.1v tctcajutu ldtlut )

6 IUGIIO/SETTEMBRE MILLENOVECEI\TTONOVANTA,CINQUE neuropeptidi, I mediatori del processo urfiammatorio possono stimolare sia il riflesso TATTORI GENETICI bronco-ostruttivo colinergico afiraverso I'attivazione delle fibrc termrnali afferenti, sia I' effetîo bronco-ostruttrvo dei iecettori alfaadrenergci, Recenti studr suggeriscono che ibeta-recettoridelle ne aeree possono atlivarsi attraverso la protem-chinasi C, che se- Il rischro di avere l'asma è masslmo se entrambi i genitori sono asmatici, e resta superiore al normale se un solo gemtore ha l'asma. C'é relazione tra atopia ed eredituietà, con una relazione secondaria, nei pazienti piir govan fia atopia e asma. Studi recenti Ee f idrolisifosfourosilidica come rsultato hamo suggedto che latopia è ereditata come tratto autosomico dommante della strmolazione di recettori spasmogenici. Pue che anche il ruolo dei neuropeptidr I Fattoriscatenanti: non debba essere lrascurato ne]l'asma. - poherie parassitidomestrcí, polìil, spore I Vrp, potente miorilassante de]le vre aeree, furgme, arìrmall, cibi, bevalde, fumact se degradato più rapidamente neil'asmatico dagli enzunidelle cellule flogsilche, - tllatte, le uova, il pesce ifrutti dr mare i e i cibipiù comunemenle mcnmnatisono: potrebbe ridune l'effetto 'brealcng' sulle fibre cereah, le noci, rl cioccoiato, cuni e molti colmeigche portando a risposte bron- co-ostruttive, Sostanza I neurochulne e C- grp (Calcitonine gene relatedpepùde) possono altri. Si dtiene che la sensibiltzzazione si determini rn segurto a pmocitosidelle proterne an- periferia ilinjocitit I Ì:nfocit B e le plasmaberati essere cornvoltinell'asma venendo litrgeruche da parte delle cellule delia rnucocellule del sistema G producono IgA, da un arco riflesso iocale, sa rntesturale e alla produzione locale di IgE, Le rimanenti cellule producono IgM e IgG. Le immunoglobuline presenti nelle secrezioni intesturali e sulla supedicie epiteliale ASMA BROT{CHIf,I,E Immunofisiologia dell'appuato digerente dell'apparato drgerente sono cipamate,' Secletorie" Schema di fisiopatologia clinica e rappresentano la prrna barriera l) Fase dircazione: tatto fia organsmo e mondo esterno e nparticolue con gli almenti. Gli ahmentì, a liveldoluminali. rnmumtaria ner confionti degli antigeni en- - lpeneattn'rtà broncluale + Esagerata risposta broncoslruttiva lo mtestinale, subiscono: W FisioloEa della placca delpeyer L'iperreattrvità bronchiale e causata dalla - Processazione E Ia sede delle cellule unocompetenti e funzione bronchiale di rentì srstemicel-lulari: fuqsorbmento della conseqente produzrone dello stunolo Ogm alimento puo provocare un polenzialeatto a generare la risposta immumtaria. Dr- - MacrofaE, Eosinofili Piastrine Tessutodanno, fapparato digerente discrimurafatti tra lume rntestrnale e placche cisono neruoso (fase srmpalicod ermale) Eanto e utile o dannoso attraverso: le cellule 'Prnocitosica", M, macrofae con capacità Essiproducono ula varietà ciimediaton che A) ReazionÍ dr immunizzazione interreagendo fia loro determinano: B) Reaziom ditolleranza lmmuutaria che son0 espresse dall'attività del sistemaftrtigene intestinale una esagerata risposta broncocostruttiva. E imacrofagproducono: "GALT" (Guf.Asooafed Lymphoid Tlt;sue) - Cellula M - lyombossan Prostaglandine PAf - Tinfnniti nl:nne M Gi Eosinofil producono: Ilsistema GAJ,T opera in regrme autonomo: - Network rnmunitario - LeucoÍiem C4, PAf h'oteura maggore dt S E composto da: - l,urfonodr rnesenterici base, koterna cationica eosinofila - Sn'utnre lmfo ghrandolari - Dotlo toracico W Le Piastnne producono: - Strutture follicolad - n;-^^t^ ^^--,;-^ vuuuru òdr19ulgilu - PAI TYombossan I prodotti della lipossrgenasr - Tlasformazione plasmacellulare IgA - Elementr hnloidil B e plasmacellule - Lamna propria rntestnale W Iltessuto neruoso contribuisce al broncospasmo H PlaccadelPEYER ailraverso: Stmttura folhcolare presente lungo tutto I'rn- futigene lume intestinale - Meccarusmo adrenerqico Meccanismo testrno con particolare densità a livello dell'ileo fislale, Al centio della placca vi sono i - Fagocitosi - Contatto con celluia M (macrofago) colurergico Frbre non adrenergche, Fihrp nnn r,nlinprrnr-hp \Toirrnnantìdi ImJocitiB che fonnano icentriqermrnatrvr rn - Laltigene è processato nelfagosoma 60

7 LUGLIO,iSETTEMBRE MILTENOVECEÀITONOVA}IIACINQUE - Lantigene e esposto nuovamente sulla E solo un soggetto che ha certe caratterrstiche bioloeche, ul certo trpo dirrspostaendogena, autonoma non certamente per te- Di questi, ura buona parte per capaclta membrana delmacrofago - L antigene è presentato ai linfociti IHEL- celluìare,oppure si tratia di soggetti accomunail cuatleiizzati da espressioru psicorare la crisid'asma non per curare ìa manpte che, rrpeto, sono lrdjspensr5rh O.t,r- PER della placca Attlazione di questi ultimi, che, a loro volta, loeche più o meno costantr e defimte? lattia e la sua complessa etioloea. rrlascialo fattorr per l'attivazione dei hnfoctti B che potranno unzíare a drfferenziarsí in ca op'oure tl maiato asmatico? stro awrso,l'errore fondamentale é quello dr Per meglío due esiste la malattia asmati- E allora che fare, come comportarsi A no- piasmacelirlie Queste poi, produrramo À--,, antrcorpi. I lurfocíti THELPER modulano questa cisa. Se lo sr facesse si cadrebbe nella solita e la stessasma bronchra.le fin daiprimi se- E molto drffrcrle una rispcsta uloca de- aftontare le malattie allereche respiralorie funzione attraverso il nlascío di fattorr attivanti. I lurfociti suppressor, r quali determrnr dol nrnhlomr dtscussrone: visione aliopatica o omeopatr-ei con f,armaci surtomaticiiquali, in molti soggetti determínano ula tajp moùfrcazione della rrsposta neuroendocrina cellulare nano una soppressione delìa risposta anticorpale, perché inibiscono nei linfociti I tie affuri alleigrche, ùventerebbero "parva che :n seguíto risulta moìto diffrcrle rrpor- Certamente I'asma bronchiale e malat- HELPER il rilascio di fattori attivarti linjociti materia" se venissero aftontaie solo con fumaci antistamurici, cortrsonici e broncodila-tiolog piu sottilied anche piu difficili da larfa allo "status quo ante con terapte ptu e- B I ìrnfociti supnressor sono, a loro volta, moddati da cellule che anno attività soppres-tatorsoria su essi, Ciò per permettere ula rispo- Tali lerapie sono utrli per gestire le crrsi Inoltre, c'é da aggungele, che se questa tmpostare, come vedremo diei a poco sta solo a liveìlo:ntestrnale e non sistemica, d'asma, indispensabiliper curare le Eain situazionidi stato dimale asmatico (conse-to e nell'adu.lto in genere, ciappare sowana tmpcstazione é opportuna nel Eovane adul- Il successlo passaggio dell'antlgene in cucolo determna la risposta generahzzata guenza della prunitiva terapia?) ma certamente non sufiicienti ad affrontare l'asma dal logca biologica, non cortisonica ab inrtio nell'tirfanzia ove, un'opportuna terapia etio- mediata dalle IgE I cibipossono determinare I'asma con un punto di nsta e[olcgrco. conduce prù facrlmente ad un buon recupero del soggetto, In certi casi piu gran o resi- meccanismo diverso dall allergra mediata Quando affermo la puola etiologco" intendo non l'allergene la causa scatenante, stenti, anche noi rícorriamo allalerapilcor- dalìe IgE. In molti almenti sitrovano conservanticome benzoatr il rutrito e ilbisulfíto sodico, o antiossidanti, coloranti come la targetto asmatico, al suo "10", alla sua visione dera-ìi", in assocrazione alla terapia bioloeca bensìmi nferisco alla personalità delsogtisoruca, m dosagg palticolari micropontlazma, o degli u:saporenti e tutti queslt prodotli possono scatenare crisi diasma. go alla sua dlnamrca delpensiero, drlamica gstralt "ad personam' allesbte La terapia e- della realtà oggettr,ra rn unaparola mirivol- o addiritlura in opportune prepuaztoma- Causa occasionale di mamfestazioni allergche o dr asma è la carne di anunaìi lraf mina rl suo comportamento, il suo modo mentalt nella v azione determnazione psiconeuroendocru:a la quale, come deter- tiologica biologca trova isuor canont fonda- tati con antjbiottci o sottoposta a trattamen-d'essereto enztnatico per mtenerirla, cellulue. In altre puole, chr soffre dr allerge schematrcamente le caratteristiche. per analogia ryrda la sua reaftwitàdel' genotipo costituzionale" Vediamone e diasma? Perché non tutte le allergie respiratoriei,àcostituzione drvenlano asma? INQUINf,MENTO ATMOSTERICO Fumo dita.bacco - Fattoripsicologci Parnhó alira rrniio l'rcm: nnn ó nronorìrrw yrvuwvu CARBONIC[ ta o accompagnata da snrtomatoloee rirutrche lspelfo genera Ie morfologtco vasomotorie oppurcutanee (atopia)? Segni somatici: - F:ttnrì nrnfoccinneli r urrvrr vavrvuwrvuqr Potremmo contnuare i perché per Soggetto brevrìrneo,dr bassa statura,spesso Abbiamolinora consrderato ia malattia a- -nl+^ luvlu +^-^^ ^-^^-^ tgur.f/u oluulo, in sorirappeso con tendenza all'obesità. smatica dal punto di vrsta fisiopatologico, ne Anaìogamenle, osserviamo, con modalitàin questo genotrpo coshtuzionaje prevaìeono abbiamo considerato Ie caratteristiche peculiari, abbiamo detto tutle cose molto vere famo uso di "cortisorucinebulzzati dr be- $tudna1i, Qulrdr sviluppo nlarghezza, piut- crcnicizzate, pazienti allereci asmatici che i diametri trasversi, rispetto ai drametri lonnteressanti, utrlissrne peio pei una lerapia ta stunolanti per aerosol, dr terapte "vaccmiche tosto che n lunghezza i generica, rmpersonaìe prctlamente smtomatrca, da praticare per due tre anni, Quanli di quesli pazienti guuiscono? Il carbonico bamburo o adolescenle é fondamentalmente ipotomco a ljvello delle strutture In tutto questo discorso abbiamo volutamente tiascumto un aspetto fondamentale: Secondo la nostra esperienza, pocht mol- 0 meglio, quantinon guaiscono? rnuscolan e legamentose; il carbonico adujto, ben presto, presenta tendenza alla r- chié il soqqetto che soffre d'asma? to pochi, riescono ad uscirne, posterua e scarsa elasticità neimovrmenti. 6l

8 TUGLIO/SETTEMBRE MILLENOVECENTONOVA}TTACINQUE Il cranio presenta note di brachrcefalia; gli FISIOPATOLOGIA DEL CARBONICO arti soncorti con dita delle mani e piedi enrli o mncci I dortì iondnnn rìlr {nrmr m," SISTEI\4A ENDOCBINO _ > IPERSURRENALISMO FUNZIONALE vvr u s 91vùùr, l uclltr telluulru ilo IUl llid quddrala,sono bianchi,con atcata dentalia larqa SISTEMA ENDOCRINO > RIDOTTA ATTIVITA' FUNZIONALE IPOTALAI\4O.IPOFISI SISTEN/A NEUROVEGETATIVO --> IPERTONO VAGALE e occiusione pedetta, Segni psichici RIDOTTA ATTIVITA' METABOLICA DEL FEGATO -=----> SIST RETICOLO-ENDOTELIALE - SISTEIVA VASCOLARE --> METABOLIS \TO CELLULARE _-> AUIVENTO il snnnpttn r-nn opnnfinn CafbOntCO Si a- 0rv0T0ssrNE Dr 0RrGtNE END0GENA (AUTOtNT(]SStCAZt0NE) datla facrlmenie alle crcoslanze esteme;tende ad accentrare sul proprio IO le proble- Reazi0ne cenififuqa c0ntr0 il rallentamento meiabolico FASE STENICA -> AFFEZIONI ALLERGICHE CON VICARIAZIO \JE T]SSUTALE matiche allrui; 1n altritermtni, e un soggetto disponibile, paziente, Tende alla quiete FASE ASTENTCA - > SCLEROSt > pat0l0gte SCLERDTICHE allordine. Quurdr aì posilivo cubonico e La costituzione carboruca presenla le seguentipeculiuità ur fimzione dell età, costttuzione rosf orrca TISIOPATO I,O GTI DEI.,LII metodico, ha buon senso, e econonusta; e un soggetto dotato dibuon equrlibrio generale. Ilbambino carbomco presenta spesso tur- Al negativo, e un soggetto passivo, è un be drspeptiche (trpicamente uttolleranza al 11 soggetto foslorico e caratterizzato dalla rndrlferenle. latte) e lurfatismo scarsità di drfese. Esse sono "non specifr Ladu.lto carbonico è, ilpiù spesso, tendenzialmente che' irtegolarr con relattvo damo a carico obeso dismetabolico, rperte- dei tessuli e delle cellule, TISIOPATOI,OGIA DEI, SOGGETTO Cf, ONICO so. Il soggetto anziano carbonico presenta T,e consernrenzc di orresta condizicne frmanifestazioni ^ì^^^+^l^^ì^- ^^-^, sclerotiche difluse a carico ùrupdrulu9rud ùuru, GJi aspetti fisiopatoloeci del soggetto cuboruco sono caratterizzati fondamentalmenrati orgaruci. - la deminerùzzaztone delslstema circolatorio nonche decli appa- - I'accelerazione metabolica te da turbe ditrpo metabolìco. Nel fosforico per effetto urvasivo di tossine E un snooptto che si difende bene da I,A CO$TITUZIONE ereditarie o acquisrle lorgamsmo nonipresenla una capacità dr drfesappropriata va- quajsiasi noxa patogena, rosl'oricà Questa difesa è realizzata a lutti hvelli irda specifica come nel carbonico. tissutali ma essenzialmente partecioano: Segni somatici T.a risnnsta im nlnni.a del fosforico e a) il fegato So o longilrneo maeo. PrevaJenza del improwisata disordinata guidala, fondamentalmente, dal prevalere della c:tretica or- b) il sistema reticolo-endotelia.le dtametrilongtudnalr su quelhtrasversi, sia a c) il sistema ematopoietico e linfahco livello craruco, che al torace agli aiti monale tireosimpatica che disrdrata demrneralizza e rpermetabolizza dì lo qlrrrttrrrp npllirleri Gestualità rapida, elegante, non sempre Sr ttatia di una difesa "specifica" déillorgs-fualizzatnismo Il cranio ha le note della dolíco- Si associa ridotlattività della corteccia caralterizzata da: cefalia con f,'onte ur genere alta. surrenale che spiega I'ipotensione di questi 1) drmrnuita attwrtà metabolica generale úhe futisupedori urjeriorilungll con dita soggetti, determrna condizioni "autointossicazrone"con affusolate. Aspetti generali del fosforico conse$lenîe sforzo dell orga- Denti rettangolari n senso vertrcale: poco Accelerazione metabolica + congestlone rusmo finalizzato a.ll ellmnazione tossmrca, solidi,tendenti alla carie, di colorito gialla- ticnnqa noritprinr reazione stemca cenirifuga le cur mastro. Arcata dentaria con palato tendenzíal-demurerahzzazione -+ damo cellujue; per- nifestazioru cliniche sono: mente ogvale. dita dr sostanza - l^ ^lt^-;^l^ lc 01trú1u1il "f{^-i^-i ilulrlllritr Occlusione unperfetta. Dai punto divrsla Due stadi - le alternanze patologche (es, orticaria + metabolico il soggetto fosforico e magro, I stadio: asna + eczema + asma elc.) tende alla demrnerahzzazione Stenico accelerazione È. metabolica 2) Ia sclerosi conseguenza dr esaurnnento r lpeisensdile at IIe000, - La fase di accelerazione metabolica si drvrde funzionale da pafie dejl'organismo ad e- Segnì psichici in due fasi successive: ljminare tossnendogene Due c ar atter i essenziaji: a) fasepatrca o umorale Pertanto, il soggetto carbomco e un soggetto - l'rpersensibùtà nei'uosa, con tendenza al- b) fase lmfoghiandolue che presenta una cmetica ormonaie ridotla Z ciclotimia associata ad rpersensibrlttà La fas epatica prevede due tipr dr reazroni la a carico deldrs['ettc rpotalamo-rpofsarioaffettiva ed rmmagnativa. F.^il^ ^$^+ì^^l^ili+à e del distretto tiroide-gonadi, - r oullc duouuduutd 1) Reazioni generaji + rpertermia asrema, lrrrho dinocfivo ot

9 LUGLIO,/SETTEMBRE MII.LENOVECE}TTONOVANTA.CINQUE 2) Reazioni locah + eliminazione tossu:ricasegni psichici smo dei puenchimi, degli scambi metabohciche lmrrnnco cierncol rieudano la fosfoiilazione ossrdalrrra Menta.lità instabiie, paradossale, riflesso Le mucose urteressate sono quelle della drsarmorua struituale. Lndeciso drsor- agrtato: la ldade dello psichismo del sla sclerosi trssutale, Il Eado d inlossica- con conseguente damo celiulare e succes- - respiratode: coriza, smusíle famgite,la-dr-natoringlte tracheite, bronchite broncopol-fluoricomonitetivi, Al positlo, sr tratta dr soggetti inh.:rzione" canrbia rn ione della costituzione inteiligenli, a volte acldirittura geniali, cut appartiene un soggetto nel senso che - dell'appuato dlgerente: enterite, drurea però rncostanti, sarà tanto piu Eave qualto più il genotipo rnrrnn^li+^,-.^.,1; ^-^li 1EIVUUuttrt i09our drotr. Aì non ó irr emhizir,- *. *.*,-.JSO, Senza scrupoli, depravato, vizioso, con tendenza a.lìa loeca tende al processo degenemtivo coshtuzionale, per sua catatterizzazione bro- - deìl'appuato gerutale: leucorrea, disme- NOIrcA perversione mentale e sessuale. Dal punlo dr vrsta fisropatologrco dobbiamo distr.nguere tre cosl Le sierose ::rteressate sono: - quelle articolari(reumatsmo articolare a- f ISIOPITOI.,O GIA DEIJI'A l) Stadio Presicotic isponde aìja cuto COSTITUZIONE TI,UORICT fase m cui l'orgarusmo è ancora ur Eado - quelle viscera.li: pleuriche, peritoneali, di elimrnare tos$ine: questa fase corrrsponde norinerdìnho I fluorico è caratterizzato da una lendenza! alla3ommulstrazione dr Sulfu, sclerotica pohvalente, il cui meccmrsmo è 2) Stadio SicotÍco Idrogenoide che corri- La fase hnfoghiandolare puo essere caratterizzata da, quello dr un processo subacuto o cronco legato a.lla presenza di tossineredrtarie o- lulat e bisoga sommrnistrare Natrium sponde alla fase dr rmbibizione pericel- - lmioademtiacute - imfoademti croniche: pohmicroadenopalra rigme luetica. Sulfuricum, La sclerosipuo colpire tuttir drstretti, ma 3) Stadio Sicotico SclerotÍco, s'rdentifica 2 stadio: astenico precrpuamente mleressaì nella fase sclerolica cellulare associara a Questo stadio e caiatterizzato da due elementi: - il tessuto conne, rl tessuto vascolare disrdratazíone secondaria: il rimedro e Le fibre elastiche sono quelle piu colpite. Causticum,.\ n^*i-^,^ti...ì^-^ aj DErLTwTOLLLOLMLV Pertanto, rn conseguenza dr questa situazione fisiopatologica, awemo, THUYA Farmaco di raccordo btologico dej fe.sladi I b) Rallentamento metabolico per carenza e- nergetrca A livello connettivale : Pertanto la sicosi daì punto dr vísta terapeutico vede convolti i seguenti farmaci m suc- - d o ai iegamenti, lassità articolare, patosi vrscerale cessione fisiopatologrca: I,T COSTITUZIONE flu0rica A livello vascolue: - Sulfui, Natrium Sulfuricum Thuva Caustrcum - uteriti aneurisrn. vadci Note somatiche A livello osseo: [a sicosi e le costituzioni Il soggetto fluorico presenta taglia e pèso - sclercsi delperiostio, esostosi a) la srcosi nel sulfruico colporeo vadabili; tendono comunque alla A livello nervoso: b) la sicosi nel carbonico o sicosi grassa nnrrnn ^ ìnnct:hrri: - lesioni a carico Ceìle strutture cellulari c) la sicosi nel fosforicc o sicosi magra (lnsì _--- ir..- aonerp il flrrr,rir^ r_-._._...*_.._0 non presenta nonchè della newoglìa, dl lr cinnci nol flrrnrinn quasr ma sowappeso, [a sicosi nel sir]furico Il genotipo fluonco presenta due aspetti ra srcosl Ilsoggelto sul-furico ha un'ottrma elimnazione, pertantoi accumulo tossuuco ar,vrene pecujiaií: (MESENCHIM0PATIA - l'asimmetrra del corpo e diparn di esso DTSMETABoTTCA) sporadicamente e a lungo lermine; spesso - aspetto vecchregeante con cute secca rurane n fase 2 cioe in stadio idrogenoide E un irregolare per equilibno dr fonn e gestualità. La sicosi non e ne una costrtuzrone, nè un e taramente evoive in fase sclerotrca. Presenta ipotorua muscolare e iper- temperamento Essa e una :ntossicazione, I rnnedr salanno ur successione; lassità legamentosa (acrobata), Il crano é ossia I'tncap acità dell' orgarlrsmo di hberusi - Sulfur Natrium Sulfi.ticum, Baryla Sulfudca dolicocefalo o brachicefalo, irregolare, a- ditossne del metaboiismo cellulare, con simmetrico; drta delie man e piedì estrema-successwmenle accumulo a livelìo del tessuto col- Causticum Psorurunr [a sicosi nel cubonico flessuose per I'iperiassità legamen-lageno (mesenchllopatia dismetabolica). I1 carbonico com'è noto, e un soggeilo tosa, Denti triangolari piccoli carrati, con Questa condrzione dismetabolica, che, ovviamente, metabolicamente torpido, Elimina poco e non dspumia il tessuto collagenomale in relazione alla sua costellazione neu- smallo dr cattiva Ealità. Palato fortemente o- gvaìe, 0cclusrone molto imperfetta dei vasi, comporta modificazione del trofrro-endocrura. 63

10 LUGIJIO/SETTEMBRE MILLENOVECEI\ITONOVAI\MACINQUE Questo genotrpo costituzionale presenta Rapidamente si passa dajla fase presicotica I Nosodi corrispondentr sono: (SuJîur) alla fase Thuya e Causticum (fase - Psnrinrtm' del uur nrrntn yurtv di u rnqia v ro(q nqirn-pmn- PJtuv una srcosr precoce ossia già ur giovane età urrrv presenta la fase presicotica e idrogenoide, sclerctica), Pertanto, dal punto divrsta ctrnico tivo il soggetio Psorinum e rnsrcuro, in- possiamo drstrtrguere due trpidi asma: stabile, con scusa flducia nei proprr mez- l- f..^ ^^"lr^ h^h ^^v+^ ur rqùtr quurrq, rru,r ucr rolileflte avanzata, matura la fase sclerotica con blocco emuntorraìe patoloea cardiovascolue o epatotrpo cuboruco o psoro-sicolica Caratterisirca fondamentale e I'alternanza - Dl h^d-lh,^lú1r PtròòIrrrù(d. l'asma che colpisce isoggetti con genorenale. - I'asma del genotrpo fosforico o tubercolillllo anonerorato""r fra ettfo'ia p dpnrpssinrp fia mallrconta e Nella fase sclerotica e pressocchè impossiblle risalire all etiologia della sclerosi ffi Asma del genotipo carbonico E la tipica sindrome arsioso-depressla. stessa. (asna esfinseco) Il momento pegglore per questo genoltpo e tl matbno: sente il peso nuova gtor- Pertanto, questí concetti sono molto piu La pruna forma, cioé I'asma psoro-sicotica, colpisce soggeltiche tendono alsowap-nata va che terapeutica propriamente Cetta, nesn b inpi di asnptln florido sensibilr- Tbberco Residuum importanti rn un'ottrca di medrctna preventi Nella fase presicotica i farmaci sararuto: alle aliernanze patologiche e all atopia - hledhonlrum: fannaco fondamentale del- mesenc natra dismelaboltca: come Calcarea C arbontca, Kaltum C arborucum lspess0 notram0 eczema, rurrte,rasomoto-lda orticaria). Colpisce dr preferenza ib sul piano îisico e ndrcato nelle patoloee Nella fase idrogenorde: Graphytes e NatiumCarbonicum, brni o ieovaniadulti, f asma del genottpo tperproduttive cosr sul prano mentale é In fase sclerotica'. Baryta Carbonica,Artmonium Carboncum, Carbo veg, comunque lunitata, spesso nothlna (seconperprcduzione di pensieri e suggestioni carbonico presenta crisi di breve duruta o tndicato nei soggetto che presenla un'i- In fase sclerotica avanzata: Thuva-Caustt- da parte della notte), La crisi e domlrata dalla slegati dalla realtà e nei quaìr Ll pazrenle componente neurovegetadva vagale, sirivolge traendone una melancorua cre- [a sicosi nel fosforico (sicosi maea) Asma del genotipo fosforico ceorto F rrr nroninitncn À mnlfn imnr- In questo genotipo costituzionale la sicosi rntervrene tardr n quanto la sua struttu- In quesla forma isoggetti sono piuttosto cosa (lc psonco é nvece p so) [aruia (asna intrinseco) ó cómhró hra^nnrrhft^ nav mr r] 4rsrrLs, s ùtrrrrprc "ianla prcuulupdru pui vuorrazlone neuro-rmmmo-endocrtna, essendo magri longlinei demineraiizzati, Le alternanze patologche sono piuttcsto rare, men- Nei tubercohnici, la lerapia dell'asma preve- di anticrpazione é molto maicata fondamentalmente rpermetabohca, tendente all ossidazione, anlagonizza componente idrogenoide e scierogena della síco- bronchiall associate ad adenopatie, La crisi - Sulfur lodatum, Natrium Muriaticum Iotre sirendono fieeentile patoloee ORL e de i seqentipolcresti: sr stessa. asmatica delfosforíco e mai deiimitata nei dum Silicea Phosphorus lgatia (nei La trasformazione in sicosi nel fosforismotempo, iunga, con ambascia respratorra co- soggetti con note drstoniche neurovegelatwe) e legata piuttosto a cause acqnsite quah: $4fle. - modalità diuta (sedentanetà - alunentazrone) Nei soggetti femmurli con crisi asmatiche lr RIMEDI DI FONI}O pubertà mestrualio climateriche sono da - abuso difarmacr chimici (r:n particolaredeiji'isma PSORO.SICOTICÀ preferire rispettivamente Pulsatilla Actea antrbiotici, cortrsoùi, estro-progestulct, Racemosa o Lachesis. nqinnfermeni L impostazione terapeutica prevede i rimedr pohcresticlassicr dr questo genotipo: - AnuÍe: (utile specralmenle ner b m) I nosodr corrispondenti sono: - vaccmaztoill - srerolerapla - Sulftr, Calcium Carborucum, Graphyles, soggetto wace, agtato si svegjia spesso - causendocrine:pubertà, climaterio andropausa, Lycopodrum, Psonnum, Phosphorus (spe- ìa nofte a volte anche per nangiare la Eavrdanza, I'aborto, il puto cialmente nelle forme croruche con cuo- E ilbambino cìai mille perche curioso - cause psrco-neuro-endocrne: lo slress re polmonare) immagrnatlo, molto inteììigente. - I'urquuramento ambientale - Ammonium Cubor:rcum: nelle patologe - T\rberculnum: caratteristiche psichiche [a sicosi nel fluorico cardio+enali domrnalti sono debolezza menta.ie de- La sicosirn questo ^'a""i^-^ n r-^ìntà genotrpo costituzionale L eventuale degenerazione verso la mesenchuropatia g iltùttrld, PlEùùlUllC, è dovutalla modrfrcazrone funzionale neuro-endocrna sicotica compofia i seguenti po- Instabilità fisica e mentaìe, da una parte, e dalla componente mframmatona croruca della pell e del- - Natrium Sulfuricum, Kali Carbonicum, Grande astenia Iicresti, lrrítabùtà scontenti dr tutto, le mucose con tendenza alle ulcerazioni e alla prohferazrone cellulare dall'altra. Thuya Carbo Vegetabilis fuserucum Album Grande vuiabilità disintomr che r:rizrann tr cpssenn tpnonhnarqente, o+

11 IJUGIJIO,/SETTEMBRE MII,LENOVECENTONOVAI\MACINQUE NIMEDI SINTOMATICI richramalo drettamente gliorgan colpiú come pulmo, broncwhus ma prlrcrpalnlente at- tener presente tollerogeno orale, Liaspetto fondamentale ASMI è che gli PSoRo.SICOTICf, antigeni sommlnlstrati oralmenle sono in Eado diurdurre la traveno i prodottineuroendocriru come : - Hypothaìamus Injeel produzione di mediatorirtr Eado dr soppnmeie la risposta immune conîro rì self. rurrrur Rimprli pnt uyu 1n Lvrr i uvtt flpll'lnprlnnn )yét Lvttv vagajc, rtartla - ACTH Injeel - Drosera, Ipeca Lobelia, Antimomum Tutaricum, futu:romum fusencosum Lau- - Giardula Thynihjeel LinfocitiT-Helper 0 (cioé non a contatto - Glandula Thyroidea lnjeel Schema fisiologia linfociti T-helper r.ncpr.esr rs Hvd'nnierin Acid - Simpaticus Injeel con I anlígene) la prcsenza di un antrgene Rmredi srritomaljcj dell asmr doi calopíti fnsloricr - Serolonrnaln;eel. I linfociti,thl producono: - Anotillnline Tnìool determina due trpi dithelper: Thl e Th2 In questi 2 soggettipredomna iltono simpatico: fatti, sono poco utrliperché nelle patologchequesti mediatorr catahzzano una risposta dr Diciamo, pure, ch elench farmacoloecisrfinterleucli:na-2 inter"terone,gamma e TNE - Acorutum, Belladonna, Sambucus Spon- croniche o comunque nelle patologie piìi ttpo cellujo-medrata cioé attivano i linfociti $a complesse appare rndrspensabile l'ausrlto dr citotossici che, com'é noro sono imaggron Rtmedi ad azionequilibratnce il tono stmpattco-vagale (quando è meno defnto) zitutto la turba energelica ossia Ia modifica- T ^iti rl-r'lît h"^^,'^^-^iliefleuchlna tecnichelettromche per identrlicare uman- responsabili.dellé patoloee autou:rmu,u r urrl lrrl Plvuuuvllv I 4 e - A'alia racemosa, Cina Cuprum, Drosera, Senega sisterru cellularie qtrndi ifarmaci iisonaati mentalmente una risposia ditipo immunozione deììe fiequenze elettromaeetiche dei intelleuchina 10, Essi Ceterminano fonda- Àrmedj smfomatici nell'asma der soggef/i m che le riequrjibrano Molto più u:nportante e globulinico (stunolano i i::rfociti B a ùvenlare plasmacell-rìe) ct]il predontna ansta, Iet-yoslsmo sieificativa are la terapia con i Nosodr. - Igatia Moschus, Passiflora, Valeriana A questo proposito, è opportuno ricorcia- che esistono due forme di nosodoteranla: lo-mediata deithl, I citi Th2 lrùiscono la risposta cellu- Àl.me dt stnlomalict del] asm,r con inersccre-rzione bronchtale - l'autonosodoterapia Ihnfociti Th2 sopprtrnono la risposta unmule contro il self.! L - Antunomum tr+^- -^^^'l^+^-^^i^ tartarícum Altunonium arsenicosum, fusenicum album, Blatta o- La prma siserue dimateriale organco che Autogeni e vie di somministrazione - r rjrcluilvòuuulur dpld, zinnt"lin r ruilrduùr î^^^,'" ^"^+i T^^^. T1^li Lì^1" u\ll\,uò td'wti, Iptrudr l\dll j_ll.utr detiva da]malato stesso la seconda dimateriaìe oiganico p ruente da soggetti afmento patoloea (questa modalità disommt- Alta dose + Via parenterale + Peggora- romicum, Kali carbonicum, Kah rodatum Mercurius fetti. Quesîa seconda modalità é normalmente appamaggio delle aziende farma- qurndi ia malattía aumenta di espressrvità) nistrazrone stimoia i linfocití citotossici e - per dispiacerr: Igatia Natriumuriaticuhtà sono importantied rnteressanti, speciaì-patologa (determina anergia clonale linfoceutiche omeopatiche, Entrambe le moda- Alta dose + Vra orale + Miglioramento - per angoscia Gelsemium, fusenicummente alla luce dr iecentissu:re acqursiziorucltaria) Caus[cum scienlífiche nell'ambito della Biologa Cellulare e Moiecolue delle Malaltie Immunolo-ramento patologa Bassa dose + Via parenteraie + miglio- - asma isterica: Ambra, Asa foetida, Mocnhttc l.enhocic A..tqe vvrrsvt luwrrvvrut I rvluu gche, Da lungo tempo la tollerizzazione o- Bassa dose + Via omle + miglioramento - nei soggeth'riníove$i": LycopodÍum Natrium munaticum, Staphysagia leranza periferica del sistema l:rmumlario. sposta unmune contro rl self), rale e un metodo uhhzzato per lrdwre la tol- patologia (le basse dosi sopprimono la rr- - nei soggetli "estrove$i": Sulfut Nux vo- Ilmeccanrsmo princ$ale attraverso rl qua- Pertanto, a.lla luce dr queste acqursiztoru, MICA 1e antigeniso ulstratiper os rtrducono la l'impostazione della Nosodoterapra deves- fatta per vra orale, E precisamente, per Accanto a fannaciuutan costrtuzionalie sntomatici unitari e necessarí0, nella terapia sione atlla o dallalerea clonaie. quanto riguarda l'eteronosodoterapia vanno tolleranza e rappr,"sentato o dalla soppres-sete dell asma bronchiale un oppoiluno mquadramento omolossicologico. Fondamental- os favoriscono ia soppressione atiiva, men- - flsma Nosode Heel Basse dosi di antigeni sommrnistratiper utilizzati i seguentr Nosodi: mente nteruamo che imiglioririsrlltatisi ottengano ailraverso ul'impostazione pretta- ceilule regolatricr che medrano la soppres- - Psorrnum tre alte dosífavorrscono l'anerga clonale. Le - Pertussis mente unmunoloeca con iprodottr organoterapici'suls' e con Ia Nosodoterapia, f or- di citochme o mediatorisoppressivi come - Carcurosnum sione afbvagiscono at[averso ]a secrezione- hberculinum ganoterapia suis fronteggia la malattia a- per esempio il TGFbeta e I'urterleuchina Candrda Albicans smatica non solo con iprodotti specifici che dopo che esse cellule sono state attivate dal - Perucillium Roqueforti 65

12 IJUGLIO/SETTEMBRE MIILENOVECEI\T ONOVANTACINQUE - Nlucor Mucedo crando prodotti aìlopatici in microdosi, che (lb) I Bianchi, Repertodo Omotossicologico, - Mucor Racemosus ur certi casi sono rappresentate dal/20 della Guna Edrtore - Aqnprniìlrrq l\'linov dose fumacoloeca in commercio. (19) Crofton e Douglas Malattie apparato respr- - llendìde Pemlnncic Una deìle for e da me piìr usata prevede i seguentr runedi, le cui diluizioni ù vol- (20) Matuese S., AttiConEesso Omolox Ì990, ratorio, Mac Graw Hrll - Penicrllirim Frequentans - Aspergillus ruber ta m voita vengono determmale con metodo Guna Editore - BacrLlr:s Cereus MU 345 A (21) Matuese S., AltiConEesso Omotox 1991, - Mycobacter PhletFU36 - Amerucum album Guna Edrtole Nell'asma infantile:vab (si prepan dal vaccno BCG) - Ipeca Gula Eùtore - Antlnoruum tartuicum (22) Matarese S., Atli ConEesso Omolox 1992, Asma con febbre:aviuie - TUberculinum (23) Matarese S. Alli ConEessp Omotox 1993 Asma con tosse notturna secca:medhorrinum - Airum Cepa (24) Scapagul, PNEI, Livrana Ed. - Natdum suliricum GmaEùtore Asmallergica:Momlia - Bronchus srus (25) Seutemam-Kustner, Omeopalia con ibiocatalìzzaton, Cuna Editore La so unstrazicne e per vla orale, una fiala - Klebsiella Pneumoruae ulo-due volte la settimana a drguno, nei casi piu gravi e resistenti, associamo ai (26) Netter, Apparato respratorio Ed. CIBA UAutonosodoterapia si puo eseguire a suddetti dmedi: metrlprednisolone mg 0,2 partrre da sostanze orgamche del paziente - 0,5. come dalla secreztone bronchiale (specialmente quella prodotta durante una crisid a- òrrdj, c-rl Àrl rlîll^ /^^. l^ ^.^ uc1.l ùd.llguu, u udxc "'i.^ ul.ll19 tptrl ld IJ]trsenza Bibliografia 11 essi della protelra basica), A tale scopo, è opportuno affidarsr all o- pera di Laboratori o Officine Omeopatiche (l) Coveì1i, L Fraîr PaloloEa Generale Ed. Flo- I10 esperte in talr preparazioru. (2) EDammacco, EainMedicina E- Normalmente Í cicli dr Autonosodoterapiadr-Ermes durano quattio settimane : I settunana: autonosode ZCH 2 settunana: autonosode 9CH 3 seltimana: autonosode isch (3) R, Zissu, N{edrcrna omeopatica Costituzionale, Ed Boron (4) Frcderic Vester, Ilfenomeno stress Giunli MarîeIo 4 settrnana: autonosode 30CH (5) C. A Juhan, Materia lvledrca, Ed Peyronneî Taìi pleparazioni possono essere formulate (6) R AssaEoli, Pslcosrntesi, Ed fuftolabio in Eanuli o ur gocce La posologia per ieanuli è di quattro, cinque granuli aj giomo. La posologia per le gocce dì I 0 gocce al mattlxo. (7) Leonhaedt Fondamenti EAV Piccur (B) Felling e coll,, Endocrmology and l,,4etabolism Mac GrawHrll (9) Roitt e coll Immdogy, Gower Nella nostra lunga esperienza dr Medtcrna (10) Robbins, Le basipatoloeche deile malattre BioloEca, abbiamo avlito la possibrjrtà e Piccrn le nonoccilà di conirni rìi -, n yrepalazlonl magistnh struttwate non solo rn furuione della (12) Rakel CunenTerapy 1994, Saunderc Materia Medica e deirepertorí, ma anche (13) Cunent, Medica.l DiaErosis and Terapy rn relazione ajl'esperienza suì majato gorno per grorno, annotando, osservando con certos:na pazienza le vute modrhcaziom cliniche, Lange (11) Hartison's Prncrpies of InternaiMedicinel2th, Ed Mac Graw H:ll sempre supportato dall'entusiasmo ( I 5) Ltppincott's, Pharmacolog,il Harvey Lo finnra cnnn lralío.ja delpl:::ro gorno. (16)\\htson, Biologia molecolare del gene Zanichelli Ed CIBA. NFTTFR - Annare-n rpqnir.rollo Come Eà ho avuto modo dr mare nelle pagine plecedenti, a volte, cisernamo dr (17) H.H. Reckevreg, OmotossicoloEa, Guna E- prepalazioni maestrali omeopatiche asso- drtore 66

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

Gli anticorpi. Elena Adinolfi. Anticorpi ed Antigeni

Gli anticorpi. Elena Adinolfi. Anticorpi ed Antigeni Gli anticorpi Elena Adinolfi Anticorpi ed Antigeni Sono responsabili dell immunità umorale perché sono stati identificati per la prima volta in circolo nel sangue, nella linfa ed in altri fluidi corporei

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli